Sei sulla pagina 1di 6

34.

La curva di offerta aggregata


• Tutto quello che abbiamo detto finora è basato sull’ipotesi che,
ai dati prezzi, la produzione segua sempre la domanda, nei
limiti della capacità produttiva.
• Ma questo non è realistico, perché
– Il limite della capacità produttiva non è così netto
– Un aumento di produzione normalmente richiede l’incentivo di un
aumento di prezzo dei beni, a parità di prezzi dei fattori
• In particolare, ci aspettiamo che
– Se c’è molta capacità inutilizzata, l’incentivo di prezzo può essere
molto piccolo
– Però mano a mano che ci si avvicina al limite della capacità produttiva
(o temporaneamente lo si supera), questo incentivo deve essere sempre
più grande
• Questo si rappresenta graficamente con la curva di offerta
aggregata di breve periodo (OABP)
1
• E’ importante ricordare che lungo la OABP i salari nominali
(cioè in euro) sono costanti. Quindi un aumento dei prezzi
provoca una riduzione dei salari reali e questo è l’ incentivo
reale per produrre di più
• Una variazione dei salari nominali (che in parte può essere
determinata dalla stessa variazione del livello dei prezzi)
provoca uno spostamento della OABP; anche una variazione
dei prezzi delle materie prime importate provoca uno
spostamento della OABP
• Un’ulteriore causa di spostamento della OABP è il progresso
tecnologico

2
prezzi

P0

Reddito (PIL) reale


Reddito
potenziale

3
OABP
Prezzi

Reddito (Pil) reale

Reddito
potenziale

4
Prezzi OABP1

OABP0

w1 > w0

Reddito (Pil) reale

Reddito
potenziale

5
Prezzi OABP0

OABP1

Reddito (Pil) reale

Reddito
potenziale