Sei sulla pagina 1di 8

Conservazione dell’ambiente e rischio idrogeologico. Convegno Nazionale. Assisi, 11 – 12 dicembre 2002

UNA PROCEDURA PER CONSIDERARE I PRIMI DUE MOMENTI DELLA RELAZIONE PENDENZA-AREA DRENANTE DURANTE L’INTERPOLAZIONE DI MODELLI DIGITALI DEL TERRENO

S. Grimaldi 1 , V. Teles 2 & R.L. Bras 2

(1) CNR-IRPI - Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica - Via Madonna Alta 126, 06128, Perugia, e-mail: salvatore.grimaldi@irpi.cnr.it (2) Department of Civil and Environmental Engineering, Massachusetts Institute of Technology, Cambridge, MA 02139, USA, e-mail: vteles@mit.edu

SOMMARIO

Un’accurata interpolazione della superficie topografica è importante per l’uso crescen- te di mappe digitali del terreno. Egualmente importante è la simulazione del terreno con un’attenta riproduzione delle caratteristiche dei versanti. Negli ultimi anni numero- si ricercatori hanno imposto nei più comuni modelli di evoluzione del terreno, tramite procedure empiriche e teoriche, la relazione pendenza-area per generare superfici più realistiche. Il limite di tali modelli è che, nella maggior parte di essi, si considera solo il primo momento statistico, la media, di tali relazioni di scala. In questo lavoro è descrit- to un semplice approccio per considerare durante le procedure di simulazione o di in- terpolazione anche il comportamento autosimilare della varianza delle pendenze. Il ca- so di studio descritto mostra come con questo approccio si ottengano superfici con una relazione pendenza-area più realistica.

1

INTRODUZIONE

Uno dei principali obiettivi della ricerca in geomorfologia negli ultimi venti anni è stato quello di simulare superfici topografiche. Numerosi sono stati i modelli sviluppati per interpretare i principali processi fisici alla base della evoluzione morfologica del ter- reno (Tucker & Bras, 1998; Howard , 1994; Rodriguez-Iturbe & Rinaldo, 1997). La ri- produzione della superficie di un bacino idrografico e della sua evoluzione avviene sce- gliendo un modello di erosione ed integrando la relativa equazione differenziale su di una griglia numerica rappresentante una superficie iniziale. Utilizzando molteplici pa- rametri fisici, differenti schematizzazioni dei processi agenti, diverse condizioni iniziali, tale approccio consente di creare scenari topografici con specifiche caratteristiche geo- morfologiche. Recentemente è stato sviluppato uno strumento considerabile come una evoluzione di tali metodologie (Niemann et al., 2001 in stampa e Grimaldi et al. 2003 in review). Esso non solo simula superfici topografiche ma permette di creare superfici realistiche perchè create utilizzando l’informazione dei dati di elevazione disponibili. Tale stru- mento, definito accoppiando un metodo tradizionale di interpolazione analitica con un modello di erosione semplificato, è un interpolatore fisicamente basato utile per creare o per incrementare la risoluzione dei Digital Elevation Models.

2

S. Grimaldi, V. Teles & R.L .Bras

Il principale obiettivo di tali approcci è di conferire alle superfici generate alcune proprietà geomorfologiche generali. Solitamente tutte le principali leggi di potenza, ca- ratteristiche del territorio, sono ben rappresentate. La relazione pendenze-aree drenanti, la legge di Hack, la legge della probabilità dell’area drenante (Rodriguez-Iturbe & Ri- naldo, 1997) sono generalmente verificate in tali superfici. In questo lavoro l’attenzione è rivolta alla relazione pendenze-aree drenanti. Sti- mando la pendenza ed il valore dell’area drenata in ogni punto di un DEM è possibile fissare in un grafico pendenze-aree i punti rappresentativi di ogni nodo della griglia. So- litamente per un bacino reale tali punti formano nel grafico una particolare andamento. In Montgomery & Foufoula-Georgiou, (1993) è evidenziato come sia possibile associa- re zone di tale grafico a particolari processi fisici agenti. Nella parte relativa ai processi fluviali i nodi mostrano un caratteristico trend. La media dei valori di pendenza stimati su alcune classi di aree drenanti segue un andamento lineare nel piano logaritmico. Tale comportamento è comune in quasi tutti i bacini reali e il valore dell’esponente del trend lineare osservato è compreso tra 0.3 e 0.6. Statisticamente considerando la pendenza e l’area drenante come una variabile, tale comportamento suggerisce che le superfici topografiche siano autosimilari nella relatio- ne pendenze-aree (Tarboton et al., 1989b). In realtà in letteratura si è dibattuto molto sulla validità di tale autosimilarità. I ricercatori sono concordi nell’accettare tale assun- to solo riguardo il primo momento statistico, la media. Per essere autosimilare anche nel secondo ordine, la varianza delle pendenze dovrebbe decrescere quando l’area drenante cresce, seguendo una relazione lineare con un’esponente pari al doppio di quello ottenu- to nella relazione relativa al primo momento. Alcuni articoli in letteratura hanno provato a verificare empiricamente su bacini reali tale relazione delle varianze, ma senza suc- cesso (Rigon et al., 1994). Recentemente, tale proprietà è stata verificata con un partico- lare approccio e sotto speciali ipotesi (Veneziano & Niemann, 2000). Un’altra particolare caratteristica dei grafici pendenze-aree relative a bacini reali è di essere molto dispersi. La variabilità della morfologia, del tipo di suolo, degli agenti cli- matici e degli errori ottenuti nella definizione della rappresentazione digitale della su- perficie forniscono per ogni valore di area drenante un ampio intervallo di valori di pendenze. Generalmente i modelli di erosione utilizzati nelle applicazioni, come verrà evidenziato nel paragrafo 2, determinano superfici con un grafico pendenze-aree con varianza nulla per i punti con elevati valori di area drenante. Un procedura per imporre l’autosimilarità del secondo ordine nel modello di erosione per una più realistica rap- presentazione della relazione pendenze-aree è descritta sempre nel paragrafo 2. Il para- grafo 3 mostra un caso di studio per mostrare gli effetti della procedura sulle superfici generate.

2 UN SEMPLICE APPROCCIO PER PRESERVARE IL SECONDO MOMENTO DELLA RELATIONE PENDENZA-AREA DRENANTE IN UN COMUNE MODELLO DI EROSIONE

Una comune formulazione del modello di erosione utilizzato in molte applicazioni è quella usata da Willgoose et al.,1991a,b; Moglen & Bras, 1995; Tucker & Bras, 1998:

dove

?

z

? t

?

U

?

?

A

m

S

n

?

D

?

2

z

(1)

Una procedura per considerare i primi due momenti….

3

z: elevazione t: tempo U: intensità del sovralzo tettonico,

?? m S n : termine di erosione fluviale

S : pendenza nella direzione di deflusso

A: area drenante,

m e n: coefficienti di scala della relazione pendenze-aree

?: erodibilità superficiale, che è legata alla litologia, clima e geometria dei canali (Ho- ward et al., 1994; Whipple & Tucker, 1999), D? 2 z: termine di diffusività lineare che rappresenta una semplificazione dei processi di versante, con D coefficiente di diffusività (Fernandes & Dietrich, 1997). Questo modello di erosione sotto la condizione di equilibrio dinamico è anche utilizzato nel metodo di interpolazione fisicamente basato, citato nell’introduzione. Tale condi- zione è verificata quando l’erosione fluviale e diffusiva eguagliano l’intensità di sovral- zo tettonico:

0 ? 1?

?

U

A

?

S ?

D

U

?

2

z

(2)

Si è scelto di considerare nelle analisi di tale articolo il modello in condizione di e- quilibrio sia perchè sarà interessante in futuro verificare gli effetti della procedura pro- posta sul modello di interpolazione sia perchè alcuni aspetti sono facilmente evidenzia- bili con il modello espresso in condizioni di stazionarietà. Integrando la relazione (2) su di una griglia iniziale qualsiasi mantenendo costanti i va- lori dei parametri utilizzati (?, U, D e ?), si ottiene una superficie caratterizzata da un grafico pendenze-aree con varianza nulla nella zona in cui l’erosione fluviale è conside- rata dominante. Ciò si può semplicemente dimostrare se pensiamo che in tale zona la diffusività è trascurabile e quindi la formula (2) diviene:

0 ? 1?

?

U

A

?

S

(3)

Da cui per un assegnato valore di area drenante A è possibile avere solo un valore di pendenza. Tale relazione quindi riesce a fornire una superficie corretta riguardo il com- portamento medio della relazione pendenze-aree ma ovviamente non realistica. Per superare tale limite viene quindi introdotta una semplice procedura. La procedu- ra proposta consiste nell’usare valori variabili del parametro ?. Evidenziando ? dalla formula (3) e assumendo che esso sia una variabile casuale è possibile scrivere la relazione della varianza di tale variabile:

(4)

?

?

?

Var ln S

?

?

ln A

?? 2

?

? ??

Var ?

dalla (4) emerge chiaramente che utilizzando il parametro ? non costante si ottiene la varianza diversa da zero per la variabile pendenza. La procedura proposta consiste nell’usare una griglia con valori variabili di ? come input della procedura di integrazione della (2). Per generare tali valori per ogni nodo della griglia ovviamente sono necessari media e varianza. Come media si usa lo stesso

4

S. Grimaldi, V. Teles & R.L .Bras

valore usato nella procedura tradizionale. Riguardo la varianza viene adottato un parti- colare approccio. Infatti tali procedura non solo è pensata per fornire superfici più reali- stiche ma anche allo stesso per imporre nella stessa superficie l’autosimilarità del se- condo ordine. Riassumendo la teoria descritta in Tarboton et al. (1998a e b) e Veneziano & Nie- mann (2000) la ben nota relazione pendenze-aree è una espressione di una più generale proprietà autosimilare tra pendenze e aree drenanti nella superficie topografica. Tale au- tosimilarità non è limitata al primo momento ma dovrebbe essere valida per tutti i mo- menti. La relazione per i primi due momenti è:

(5)

?

E S

?

?

A

??

(6)

Per considerare tale proprietà nelle superfici per quantificare la varianza da utilizza- re nella generazione dei valori di ?, la formula (6) è stata inserita nella (4). Assumendo che S?N(? ? 2 ) segue la distribuzione Gaussiana è possible scrivere:

?

Var S

?

?

A ?

2?

Var ln S

?

? ??

?

ln

?

?

?

?

1

?

?

Var S

?

?

2

? ??

E S

?

?

?

?

(7)

Ponendo in evidenza i coefficienti di proporzionalità delle relazioni (5) e (6) ed in- serendoli nella (7), è possibile scrivere dalla (4):

?

Var ?

?

?

ln

? ?

?

?

1 ?

k 1 ?

?

?

?

2

k

?

?

ln A

?? 2

(8)

Usando tale formula per generare i valori di ?, è possibile preservare nelle superfici generate il secondo ordine di autosimilarità. Ovviamente per applicare la (8) occorre

conoscere i valori di area drenante. Quindi la procedura finale può essere sintetizzata in tre passi:

a) Integrazione del modello di erosione (2) su una griglia iniziale considerando tutti i parametri costanti.

b) Dalla superficie risultante, leggendo i valori di aree drenanti, definizione, tra- mite la (8), della varianza di ? per ogni nodo della griglia d’integrazione. Ge- nerazione della griglie di input della variabile ?.

c) Nuova integrazione del modello usando tale input variabile.

3 UN CASO DI STUDIO

Per comprendere gli effetti della procedura descritta nel precedente paragrafo è ne- cessario applicarla ad alcuni casi di studio. Uno primo caso di studio di tipo teorico è descritto in Grimaldi et al. (2002 in stampa). Una superficie sintetica viene generata con la formula (3) e su di essa la procedura viene applicata. La finalità di tale caso di studio

Una procedura per considerare i primi due momenti….

5

è stato quello di verificare quantitativamente che effettivamente la procedura sia in gra- do di imporre un comportamento autosimilare. I risultati ottenuti in Grimaldi et al. (2002 in stampa) sono stati incoraggianti. Oltre a verificarsi una significativa dispersio- ne delle pendenze si è constatato che l’esponente dell’andamento della relazione varian- ze-aree è risultato effettivamente il doppio di quello ottenuto per le medie. In questo paragrafo viene invece presentato un caso di studio non teorico mirante a constatare effetti più applicativi di tale procedura. Si vuole effettivamente verificare che le superfici generate con ? variabile mostrino delle relazioni pendenze-aree più realisti- che. Si è considerato il DEM di una porzione del bacino del Chiascio (sottobacino del Tevere) di 16 Km 2 alla risoluzione di 80 m. Si è quindi estratto il DEM relativo alla stessa porzione ma alla risoluzione di 640m. Quest’ultimo DEM è stato considerato co- me DEM di input da interpolare fino alla originaria risoluzione di 80m. Gli strumenti di interpolazione utilizzati sono stati: il metodo spline CRS (Complete Regularized Spline sviluppato da Mitasova e Mitas, 1993), il metodo di interpolazione fisicamente basato citato nell’introduzione sviluppato applicando in un particolar modo la formula (2) e lo stesso metodo applicandolo però considerando? variabile in input. La figura 1 mostra le quattro superfici in questione.

b) a) c) d) Figura 1. a)DEM osservato. b) DEM interpolato con il metodo spline.
b)
a)
c)
d)
Figura 1. a)DEM osservato. b) DEM interpolato con il metodo spline. c) DEM interpolato con il
metodo fisicamente-basato (F-B) con ? costante. d) DEM interpolato con il metodo F-B con ?
variabile. I punti neri rappresentata i dati di input nei metodi di interpolazione.

6

S. Grimaldi, V. Teles & R.L .Bras

La figura 1a rappresenta la superficie ritenuta vera con la quale confrontare le altre. La figura 1b mostra il risultato della semplice interpolazione analitica spline. Come si vede la superficie appare molto ‘lisciata’; tale metodo, nonostante risulti il più preciso, quando l’input è povero d’informazione tende a perdere l’informazione geomorfologica e quindi a fornire la superficie meno realistica. Applicando su tale superficie la formula (2) seguendo una particolare procedura si ottiene la Figura 1c. Si vede come tale super- ficie appaia più realistica mostrando canali e varsanti. Si nota però come ancora sia as-

sente la rugosità caratteristica riscontrabile nella figura 1a. Usando la procedura descrit-

ta nel precedente paragrafo si ottiene tale maggiore variabilità superficiale (cfr. figura

1c).

Come premesso l’effetto di maggiore interesse era relativo alla relazione pendenze-

aree. La figura 2 mostra le relazioni delle quattro superfici riportate in figura 1. La figu-

ra 2a mostra la classica dispersione offerta da un DEM osservato a bassa risoluzione

(80m). La figura 2b mostra invece la relazione risultante dall’interpolazione spline; si nota come la componente diffusiva sia eccessivamente sovrastimata a causa dell’effetto

di lisciamento offerto da tale approccio. Il metodo fisicamente basato con ? costante

propone una ridotta dispersione e una disposizione artificiale dei punti. Considerando la

variabilità di ? (figura 2d) viene effettivamente riprodotto un grafico più realistico.

0.000 10 8 6 4 3 2 -1.000 10 8 6 4 3 2 -2.000
0.000
10
8
6
4
3
2
-1.000
10
8
6
4
3
2
-2.000
10
8
6
4
3
a)
2
-3.000
10
4 5 67
4 2
3
4 5 67
5 2
3
4 5 67
2
3
4 5 6
10
10
10 6
Slope
0.000 10 8 6 4 3 2 -1.000 10 8 6 4 3 2 -2.000
0.000
10
8
6
4
3
2
-1.000
10
8
6
4
3
2
-2.000
10
8
6
4
3
c)
2
-3.000
10
4 5 67
4 2
3
4 5 67
5 2
3
4 5 67
2
3
4 5 6
10
10
10 6
Slope

Area

10 0.000

8 6 4 3 2 8 6 4 3 2 8 6 4 b) 3
8
6
4
3
2
8
6
4
3
2
8
6
4
b)
3
2

10

10

10

-1.000

-2.000

-3.000

4 5 6 7 4 2 3 4 5 6 7 5 2 3 4
4 5 6 7
4 2
3
4 5 6 7
5 2
3
4 5 6 7
2
3
4
10
10
10 6
8
6
4
3
2
8
6
4
3
2
8
6
4
3
d)
2
4 5 67
2
3
4 5 67
5 2
3
4 5 67
2
3
4 5 6
10 4
10
10 6

10 0.000

10

10

10

-1.000

-2.000

-3.000

Area

Figura 2. Grafici pendenze-aree: a) della superficie osservata b) della superficie ottenuta con il metodo spline, c) con il metodo F-B con ? costante, d) con il metodo F-B con ? variabile.

Per una migliore interpretazione degli effetti della procedura proposta, in Tabella 1

Una procedura per considerare i primi due momenti….

7

vengono riassunti i principali parametri statistici caratterizzanti una superficie dal punto

di vista geomorfologico. Sono stati stimati media, varianze e indice di errore (tra super-

ficie interpolata e quella considerata vera) delle griglie rappresentanti l’elevazione, le pendenze e le curvature. Gli effetti principali, emersi anche in altri casi di studio, che si possono ritenere generali sono un incremento della media delle pendenze e un deciso aumento della varianza delle curvature. Effetto negativo è l’aumento dell’indice RMSE che testimonia una minore precisione. Ma tale effetto era atteso visto che si è imposto una caratteristica generale delle superfici e non vincolabile al dato puntuale, specifica del DEM analizzato. Tale comportamento è analogo a quello evidenziatosi nell’interpolatore fisicamente basato. L’introduzione aggiuntiva di un informazione di tipo geomofologico medio produce (vedi sempre Tabella 1) una superficie più realistica a discapito dell’accuratezza puntuale.

 

Superficie

Superficie

Superficie

Superficie MFB con ? variabile

Osservati

Spline

MFB

 

??

729.7

726.6

730.7

730.8

Elevazione

? ?

4528.5

4185.7

3497.2

3110.3

RMSE

-

30.3

32.6

35.8

 

??

0.28

0.17

0.19

0.22

Pendenze

? ?

0.016

0.006

0.004

0.011

RMSE

-

0.160

0.156

0.157

 

??

0

0

0

0

Curvatura

? ?

47.7

1.7

10.7

42.2

RMSE

-

6.75

7.34

9.58

Tabella 1. Valori delle medie, varianze ed indice RMSE calcolati per le griglie di elevazione, pendenze e curvature delle quattro superfici confrontate.

4

CONCLUSIONI

In questo lavoro è stata descritta una procedura per considerare nella simulazione di superfici topografiche il momento del secondo ordine della relazione pendenze-aree. Le superfici risultanti manifestano un comportamento autosimilare anche per le varianze delle pendenze. L’approccio utilizzato consiste nel considerare in input non un esponen-

te

pendenze-aree costante ma variabile. Gli effetti della procedura sono stati verificati su

di

una porzione di bacino del fiume Chiascio. Le superfici ottenute appaiono più reali-

stiche sia perchè mostrano una maggiore variabilità superficiale sia perchè le relazioni pendenze-aree presentano una dispersione simile a quella della superficie osservata. Sta- tisticamente si è osservato che gli effetti della procedura comportano un moderato au- mento della media delle pendenze e un deciso aumento della varianza delle curvature.

BIBLIOGRAFIA

Fernandes, N.F. & Dietrich, W.E. Hillslope evolution by diffusive processes: the tim escale for equilibrium adjustments. Water Resources Research, 1997, 33(6): 1307-1318.

Grimaldi, S.,

Teles, V. & Bras, R.L. A new Physically-based interpolation method: procedure

8

S. Grimaldi, V. Teles & R.L .Bras

analysis and introduction of the “Blue Line” conditioning, in review on Earth Surface Proces- ses and Landform. Grimald i, S., Teles, V. & Bras, R.L. Preserving first and second moments of the slope area rela- tion during the interpolation of digital elevation models , New Frontiers in Hydrol- ogy,Proceedings of the 1 th CNR-Princeton Workshop-Princeton University, U.S.A., October 23-25, 2002 Howard, A.D., Dietrich, W.E. & Seidl, M.A. Modeling fluvial erosion on regional to continental scales, Journal of Geophysical Research, 1994, 99(B7): 13971-13986. Howard, A.D. A detachment-limited model of drainage networks, Water Resources Research, 1994, 30(7) 2261-2285. Mitasova, H. & Mitas, L., Interpolation by regularized spline with tension: I. Theory and imple- mentation. Mathematical Geology, 1993, 25(6): 641-655. Moglen, G.E. & Bras, R.L. The effect of spatial heterogeneities on geomorphic expression in a model of basin evolution. Water Resources Research, 1995, 31(10): 2613-2623. Montgomery, D.R. & Foufoula Georgiou, E., Channel networks source representation using dig i- tal elevation models, Water Resources Research 1993, 29(12), 1925-1934. Niemann, J., Bras, R.L. & Veneziano, D. in press. A Physically-Based interpolation method for fluvially eroded topography. Submitted to Water Resources Research. Rigon, R., Rinaldo, A. & Rodriguez-Iturbe, I., On landscape self-organization, Journal of Geo- physical Research, 1994, 99(B6), 11971-11993. Rodriguez- Iturbe, I & Rinaldo, A. Fractal River Basin s: Chance and Self-Organization , Cambri- dge University Press, New York, 1997. Tarboton, D.G., Bras, R.L. & Rodriguez-Iturbe, I. Scaling and elevation in river networks. Water Resources Research, 1989a, 25(9), 2037-2051. Tarboton, D.G., Bras, R.L. & Rodriguez-Iturbe, I. The analysis of river basin and channel ne- tworks using digital terrain data, 1989b, Tech. Rep. no 326, Ralph M. Parsons Lab., Massa- chusetts Institute of Technology, Cambridge, MA. Tucker, G.E. & Bras, R.L. Hillslope processes, drainage density, and landscape morphology. Wa- ter Resources Research, 1998, 34(9): 2037-2051. Veneziano, D. & Niemann, J.D. Self-similarity and multifractality of fluvial erosion topography 2. Scaling properties Water Resources Research, 2000, 36(7): 1937-1951. Willgose, G., Bras, R.L. & Rodriguez-Iturbe, I A coupled channel network growth and hillslope evolution model 1. Theory. Water Resources Research, 1991a ,27(7): 1671-1684. Willgose, G., Bras, R.L., Rodriguez-Iturbe, I A coupled channel network growth and hillslope evolution model 2. Nondimensionalization and application. Water Resources Research, 1991b, 27(7): 1685-1696. Whipple, K.X., Tucker, G.E. Dynamics of the stream-power river incision model: implications for height limits of mountain ranges, landscape response timescale, and research needs. Journal of Geophysical Research, 1999, 104(B8): 17661-17674.