Sei sulla pagina 1di 127

PRESENTA

GUIDA AL
FANTACALCIOSTAGIONE 2020/2021

14 ANNI
INSIEME

AGGIORNAMENTO 15/09/2019 - ore 17:00


GRAZIE
È sempre con questa semplice parola che
vogliamo iniziare la nostra guida.

Un grazie immenso va a tutto lo staff ma


soprattutto a voi utenti, fidi compagni di una
passione che non finisce mai.

Siete tantissimi e ci riempite di orgoglio


spingendoci a fare sempre di più, con voi al
centro del nostro mondo.

Grazie per essere, tutti insieme, da 14 anni, la


famiglia fantacalcistica migliore che si possa
desiderare.

14 ANNI
INSIEME
ORA ANDIAMO A
VINCERE!
È la guida che vi accompagna da 14
anni, realizzata come la desideravate:
GRATIS, AFFIDABILE, COSTANTEMENTE
AGGIORNATA, PRATICA DA CONSULTARE.

LA MIGLIORE
CHE POSSIATE TROVARE!

Un sentito grazie ad un meraviglioso staff di


oltre 100 persone.
Esperti Squadra, redazione magazine,
moderatori forum, staff social e chiunque ha
deciso di far parte di questa grande famiglia!
INDICE
FOCUS SUI RUOLI da pag. 6
I calciatori divisi per ruolo ed organizzati in fasce di
appetibilità fantacalcistica. Uno strumento veloce per
provare ad organizzare le proprie strategie d’asta.

GRIGLIA PORTIERI pag. 10


La tabella incroci che determina l’alternanza casa-trasferta
delle squadre di Serie A. Questo strumento permette di
scegliere al meglio quali portieri acquistare in modo tale da
averne (quasi) sempre uno in casa in ogni turno di
campionato.

SCHEDE SQUADRA da pag. 12


Le nostre 20 Schede Squadra realizzate dagli esperti con
formazione tipo e alternativa, ballottaggi, tiratori e rigoristi,
statistiche, consigliati, sconsigliati e possibili sorprese.

Da quest’anno abbiamo incorporato anche le tabelle di


appetibilità, uno strumento che vi permetterà velocemente
di vedere quali sono i migliori calciatori per ogni squadra
sulla base di diversi indicatori fantacalcistici.
FOCUS BREVE
PORTIERI STAGIONE 2020/2021

I TOP

HANDANOVIC, DONNARUMMA G., SZCZESNY

SEMITOP

STRAKOSHA, MERET/OSPINA, MUSSO

BUONI PORTIERI DA BUONA MV

GOLLINI, SILVESTRI, SIRIGU, CRAGNO

PORTIERI TERZO SLOT

PAU LOPEZ, DRAGOWSKI, SEPE, CONSIGLI, PERIN

PORTIERI LOW-COST

CORDAZ, AUDERO, SKORUPSKI, MONTIPO’, ZOET

SECONDI PORTIERI DA AVERE IN COPPIA


MERET/OSPINA, REINA, BUFFON, MIRANTE
KRAPIKAS
FOCUS BREVE
DIFENSORISTAGIONE 2020/2021

I TOP

THEO HERNANDEZ, GOSENS, HAKIMI, DE VRIJ

SEMITOP

ACERBI, BONUCCI, CUADRADO, DE LIGT, CRISCITO

DIFENSORI DA MV E BONUS

MILENKOVIC, FARAONI, YOUNG, GER. PEZZELLA,


ALEX SANDRO, HATEBOER (possibile sorpresa),
SPINAZZOLA (possibile sorpresa), RODRIGUEZ
(possibile sorpresa)

OTTIMI DIFENSORI DA MV

ROMAGNOLI, MANOLAS, TOLOI, DI LORENZO, GODIN,


KUMBULLA, LAZZARI (lista Gazzetta)

DIFENSORI TITOLARI AFFIDABILI

KJAER, N’KOULOU, MANCINI, DJIMSITI, PALOMINO,


GAGLIOLO, GLIK, BRUNO ALVES, G.FERRARI,

JOLLY DA PRENDERE A POCO


ANSALDI, CHIELLINI, D’AMBROSIO, SKRINIAR

SCOMMESSE LOW-COST
ERLIC, CETIN, MULDUR, IBANEZ, VOJVODA
FOCUS BREVE
CENTROCAMPISTI
STAGIONE 2020/2021

I TOP

GOMEZ, LUIS ALBERTO

SEMITOP

CALHANOGLU, CHIESA, DE PAUL, KULUSEVSKI,


M.SAVIC, MKHITARYAN
CENTROCAMPISTI DA MV E BONUS

ERIKSEN, PASALIC, MALINOVSKYI, VERETOUT,


PELLEGRINI, RAMIREZ, SORIANO, VERDI, MIRANCHUK
(possibile sorpresa), CASTILLEJO (possibile sorpresa)

OTTIMI CENTROCAMPISTI DA MV

ARTHUR, BROZOVIC, CASTROVILLI, DJURICIC, F.RUIZ,


BARELLA, LOCATELLI, ZIELINSKI, AMRABAT,
POLITANO (possibile sorpresa)

CENTROCAMPISTI TITOLARI AFFIDABILI

BENNACER, BENTANCUR, DE ROON, FREULER,


KESSIE, KUCKA, KURTIC, LAZOVIC, LAZZARI (lista
Fantacalcio), LINETTY,
NANDEZ, PULGAR, RABIOT, ROG, ZACCAGNI, VELOSO

SCOMMESSE LOW-COST
BARTOLOMEI, BENALI, DAMSGAARD, DOMINGUEZ,
ELMAS, PEREIRO (lista Gazzetta), SOTTIL, RICCI,
VIOLA
FOCUS BREVE
ATTACCANTI
STAGIONE 2020/2021

I TOP

C.RONALDO, LUKAKU, IMMOBILE

SEMITOP

IBRAHIMOVIC, ZAPATA, LAUTARO, DYBALA, DZEKO,


CAPUTO, BELOTTI, MERTENS, OSIMHEN (possibile
sorpresa)
ATTACCANTI DA TERZO SLOT

BARROW, BERARDI, BOGA, CORREA, JOAO PEDRO,


INSIGNE, QUAGLIARELLA, MURIEL, PEDRO, REBIC,
SIMEONE
ATTACCANTI AFFIDABILI

CORNELIUS, CUTRONE, KOUAME’, LASAGNA,


LAPADULA, ORSOLINI, PANDEV, PALACIO, RIBERY
SCOMMESSE, LOW-COST E JOLLY

BONAZZOLI, CAPRARI, DI CARMINE, LEAO, LOZANO,


GALABINOV, GYASI, I.FALQUE, MESSIAS, PAVOLETTI,
RASPADORI, SIMY, VLAHOVIC, ZAZA

INCOGNITA DI STAGIONE
ILICIC (la sua situazione non è ancora chiarissima.
Si tratta di una scommessa ad alto potenziale,
se ritorna in campo è assimilabile ad un semitop)
TABELLA INCROCI
GRIGLIA PORTIERI
STAGIONE 2020/2021
SCHEDE
SQUADRA
SCHEDA
ATALANTA 3-4-2-1

ZAPATA D.
PASALIC GOMEZ

GOSENS HATEBOER

DE ROON FREULER

ROMERO CALDARA TOLOI

GOLLINI

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
CALDARA 55% - PALOMINO 45%

ROMERO 51% - DJIMSITI 49%

PASALIC 35% - MALINOVSKYI 30%


MIRANCHUK 25% - PESSINA 10%
FORMAZIONE ALTERNATIVA
3-4-3
GOLLINI
TOLOI - CALDARA - PALOMINO
HATEBOER - FREULER - DE ROON - GOSENS
MURIEL - ZAPATA - GOMEZ

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
MURIEL GOMEZ GOMEZ
MALINOVSKYI MALINOVSKYI MALINOVSKIY
ILICIC MURIEL
ZAPATA
I NOSTRI CONSIGLIATI

GOMEZ
Il miglior centrocampista del campionato, insieme a Luis
Alberto. Goal, assist e belle prestazioni lo portano senza
dubbio qui. C'è da aggiungere un particolare importante, un
piccolo campanello d'allarme. Con gli acquisti che ci saranno,
inevitabilmente (o quasi) rifiaterà qualche gara e quindi
potreste non avere più quella sicurezza delle presenze
durante la stagione. Ma aldilà di ciò, siamo sicuri che si
ripeterà e proverà a rifare una stagione che si preannuncia
spettacolare per l'Atalanta, e fidatevi, lui sarà il protagonista
indiscusso.

GOSENS
Il miglior difensore del campionato. Ha sorpreso tutti,
addetti alla critica, pagellisti, ecc... tanto da meritarsi la
convocazione in Nazionale. Robin è senza ombra di dubbio il
difensore che non può mancare nelle vostre rose. L'unico
piccolo dilemma, è quello che fa un campione da un giocatore
qualsiasi. Se riuscisse a confermarsi anche quest'anno
quello che ha fatto lo scorso anno, parleremo senza ombra di
dubbi uno dei migliori terzini che la Serie A abbia mai avuto. E'
il vostro centrocampista aggiunto, in difesa, il che è un bene
per i vostri moduli di gioco e per le vostre vittorie al
fantacalcio. Da prendere assolutamente!
ZAPATA
Bomberone, giocatore manovriero e dinamico su tutto il
fronte d’attacco, Duvàn si configura come uno dei migliori
attaccanti del nostro campionato. 18 i gol messi a segno,
nonostante l’infortunio, arricchiti da 6 assist e una media
voto che rasenta il 6.5. Profilo fantacalcistico da primo slot,
una spesa del 25% del budget è più che giustificata per lui.
Una cifra tra 15 e 20 gol, fatte salve dinamiche particolari di
infortuni e/o turnover sfrenato (improbabile) è garantita,
oltre ad un buon gruzzoletto di assist e un minimo di 30
presenze.

MURIEL
Ovviamente non é consigliato come un top di reparto, ma la
sua forza é proprio nel rapporto qualità prezzo. Non lo si
pagherà tantissimo per la questione titolarità e subentri, ma
potrebbe portarvi davvero tantissime gioie, anche partendo
dalla panchina (11 gol lo scorso anno subentrando a gara in
corso). La sua forza sta proprio lì, oltre che nelle indubbie
qualità tecniche e nella nuova e ritrovata condizione fisica e
mentale. Un vero e proprio crack se riusciste a prenderlo per
il 6% del budget, un gioiellino all'8%, un secondo slot
estremamente funzionale al 10%, una buona scelta al 12%,
un acquisto eccessivo dal 12% in poi. Con questo ben
stampato in mente, tenetelo assai in considerazione per i
vostri tridenti, magari con un titolare di una piccola in sua
copertura.
LE POSSIBILI SORPRESE

MIRANCHUK
Può essere il Pasalic, Malinovskyi, Cristante, dell’anno,
ovvero la sorpresa che vi accaparrate per il 4-5% e che vi
svolta il centrocampo. Primo avvertimento: occhio a follie. Il
5% è una cifra più che adeguata per un calciatore che avrà
bisogno di assimilare gli schemi gasperiniani e, soprattutto,
elevare la sua condizione fisica ad un livello che non ha mai
toccato in precedenza. Detto ciò, e con la parola cautela ben
impressa in mente, Miranchuk arriva come un giocatore
definito, pronto al grande calcio e forte sia tecnicamente che
tatticamente. Acquisto anche in prospettiva, perchè no, per
costruire le solidi basi del dopo Gomez, insieme a
Malinovskyi. Giocherà non solo sulla trequarti, ma sarà
candidato anche al ruolo di seconda punta davanti. Tutto
dipenderà da lui, da quanto dimostrerà e con che voglia
scenderà di volta in volta in campo. 20/25 presenze
pressocchè garantite, e un bottino di reti attorno alle 4/5 (
che potrà aumentare a seconda di come si metterà la
stagione).

CALDARA
Sarà il suo anno: ritrovata la fiducia dopo un anno e mezzo
nelle fucine dove tante promesse si sono infrante, ha
gradualmente riacquistato la condizione ottimale.
Presumibilmente andrà a molto poco, passando sottecchi a
molti fantallenatori distratti: voi prendetelo per una cifra
che non superi l’1% del budget (più o meno qualche
milioncino) e vedrete che si rivelerà un ottimo profilo.
Probabili 30 presenze, media superiore al 6 e - soprattutto -
qualche realizzazione in più della media dei difensori in
circolazione. Occhio alla condizione fisica, che potrebbe non
essere ottimale, per il resto scommessa che vale la pena fare.
PASALIC
Mario è ormai più di una semplice possibile sorpresa,
soprattutto per il costo che, ormai, sarà abbastanza elevato.
L’unica incognita riguarda la collocazione tattica, perchè
l’appetibilità cala leggermente quando si piazza in luogo di
De Roon, dove deve spendere di più in fase di recupero e
perde lucidità sotto porta. In ogni caso, la situazione incerta
di Ilicic lo proietta su un impiego che sarà prevalentemente
sulla trequarti. Pronostico da 6-7 reti e 30 presenze garantite
e, se i pagellisti si decideranno a premiare anche il tanto
lavoro sporco che fa, la prossima stagione potrebbe anche
essere all’insegna di una media voto maggiore. Non andate
oltre il 7% del budget, e avrete fatto un ottimo colpo in ottica
qualità-prezzo.

CALCIATORI SCONSIGLIATI

DE ROON
E' il meno indiziato per una serie di motivi, in primis per la
gestione che si avrà dei protagonisti in quella parte del
campo. Se da una parte De Roon è fondamentale per
l'Atalanta trovare qualcuno che spezza le manovre
avversarie, dall'altra la Dea sta facendo investimenti li in
modo tale da poter far rifiatare anche Martin. In più c'è anche
l'aggravante che per il ruolo che gli impone, è sempre sotto
pressione per i cartellini gialli e si sa che i fantallenatori non
amino tanto i malus. Quindi è un profilo che comunque
potrebbe far comodo per non rimanere in 10 durante la
giornata, ma è necessario che è uno che fa rimanere in 10 la
squadra durante le gare.
SCHEDA
BENEVENTO 4-3-3

LAPADULA
CAPRARI R. INSIGNE

HETEMAJ IONITA
VIOLA

LETIZIA MAGGIO
GLIK CALDIROLA

MONTIPO

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Letizia 40% - Maggio 30%
Foulon 20% - Barba 10% per due posti

Viola 65% - Schiattarella 35%


FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
VIOLA VIOLA VIOLA
LAPADULA LETIZIA INSIGNE
SAU LETIZIA
I NOSTRI CONSIGLIATI

GLIK
Giocatore che si candida a vero perno della difesa e della
squadra, dall'alto della sua grande esperienza. Abbiamo tutti
in mente le sue inzuccate negli anni d'oro e speriamo che non
abbia perso il vizio. Titolare inamovibile di una squadra che
pensa soprattutto a non prenderle. Insomma, si candida a
pezzo pregiato in sede d'asta. Attenzione a non pagarlo più
del dovuto, perché parliamo pur sempre di una neopromossa
e di un giocatore che ai nastri di partenza dovrebbe essere
elemento a complemento del vostro reparto e non giocatore
di riferimento.

LAPADULA
Forse un nome un po' scontato ma sarebbe impossibile non
consigliare lapagol. Sì perché la salvezza del Benevento
passerà sopratutto dai suoi goal. Lapadula è infatti uno di
quei giocatori su cui la squadra farà affidamento anche nei
momenti di difficoltà. Fantacalcisticamente parlando è un
profilo interessante, su cui vale la pena puntare qualche
credito. I bonus infatti non dovrebbero mancare, ed in
generale Lapadula è uno di quei giocatori che in campo da
sempre tutto. Un atteggiamento questo che spesso e
volentieri viene premiato dai pagellisti.
LE POSSIBILI SORPRESE

CALDIROLA
Nome meno altisonante del compagno di reparto, potrebbe
però essere una piacevole sorpresa a prezzo di saldo.
Giocatore che sembra aver raggiunto una certa maturità,
titolare al fianco di Glik e non troppo avvezzo al cartellino.
Resta da valutare l'impatto con la massima serie, ma se
dovesse ingranare ci aspettiamo un rendimento che
potrebbe regalargli una buona media voto. In questo senso il
gioco di Inzaghi, votato più ad una attenta fase difensiva
potrebbe aiutarlo molto. Ecco perché lo consideriamo una
scommessa da fare a poco e non di più.

VIOLA
L'infortunio lo terrà fuori per i primi mesi di campionato, ma al
ritorno siamo sicuri che si riprenderà il posto senza troppi
problemi. Se dal mercato non arriverà nessun tiratore di
piazzati, dovrebbe anche essere il maggior incaricato nel
tirarli. Nella sua carriera infatti ha calciato 16 rigori andando
a segno per ben 15 volte. Insomma, preso a poco, è
sicuramente un nome stuzzicante.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

SCHIATTARELLA
Sappiamo tutti cosa può dare il buon Pasquale al fantacalcio,
essendo stato impegnato in Serie A con la maglia della SPAL.
In questo caso non parliamo né di un titolare fisso né di un
giocatore particolarmente avvezzo al bonus. Al contrario è
uno di quei giocatori dal cartellino facile. Per completare il
centrocampo vi consigliamo quindi di virare verso altri lidi.

SAU
Dispiace inserire un giocatore come Marco Sau in questa
categoria. Purtroppo però a volte il fantacalcio è un gioco
crudele e noi ci troviamo costretti ad inserirlo qui. Al
Benevento ha giocato principalmente a supporto della punta
in un 4-3-3 abbastanza atipico. Di goal ne sono arrivati pochi,
e già nella sua ultima esperienza con la maglia del Cagliari,
aveva fatto vedere di non essere più un bomber. Come se non
bastasse dal mercato sono arrivati altri due attaccanti, e
questo spinge dietro nelle gerarchie il nostro Sau.
SCHEDA
BOLOGNA 4-2-3-1

PALACIO

BARROW SORIANO ORSOLINI

DOMINGUEZ SCHOUTEN

DIJKS TOMIYASU
BANI DANILO

SKORUPSKI

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Bani 70% - Denswil 30%
Dominguez 40% - Poli 40% - Svanberg 20%
Schouten 60% - Medel 40%
Barrow 70% - Sansone 20% - Vignato 10%
Palacio 70% - Barrow 30%
FORMAZIONE ALTERNATIVA
4-3-3
SKORUPSKI
TOMIYASU - DANILO - BANI - DIJKS
SCHOUTEN - DOMINGUEZ - SORIANO
ORSOLINI - PALACIO - BARROW

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
SANSONE ORSOLINI ORSOLINI
BARROW SANSONE SANSONE
PALACIO SVANBERG SVANBERG
I NOSTRI CONSIGLIATI

BARROW
Autentica rivelazione della seconda parte di campionato, ha
mostrato qualità tecniche che non si vedevano da molto
(troppo) tempo sotto le Due Torri. Ha degli strappi da
campione e qualità tecniche sopra la media, oltre ad un piede
veramente caldo. Stando alle indicazioni del mister
dovrebbe essere riproposto sull'esterno dove ha mostrato di
saper fare la differenza. Sappiamo che sarà difficile
confermarsi, ma ci aspettiamo tanto da lui e confidiamo nella
definitiva esplosione del "Gabbiano".

SORIANO
Giocatore imprescindibile per le geometrie della squadra,
garantisce equilibrio e qualità di manovra. Quando si
accende lui, gira tutta la squadra. Non è ancora riuscito ad
eguagliare il suo massimo bottino di gol (8, alla Samp con
Mihajlovic nella stagione 15/16) e questa potrebbe essere la
stagione giusta per migliorare definitivamente il suo score e
trovare quella continuità di rendimento che a tratti è
mancata.
LE POSSIBILI SORPRESE

DOMINGUEZ
Avevamo detto che non sarebbe stato facile per lui
ambientarsi da subito nel nostro campionato, ma è riuscito a
ritagliarsi spazio in pochi mesi e nel finale di stagione ha
fatto vedere ottime cose. La posizione in campo non è delle
più appetibili, ma dei due centrocampisti arretrati è quello
che si inserisce e arriva più al tiro. Elegante con la palla tra i
piedi, potrebbe risultare una piacevole sorpresa a pochi
crediti, buon regolarista con qualche assist (e speriamo
qualche gol) in canna.

SVANBERG
Il talentino svedese si appresta a cominciare la terza
stagione con i colori del Bologna, e sembra finalmente
essersi abituato ai ritmi del nostro campionato. E' riuscito a
trovare anche il primo gol, e ha mostrato anche capacità di
adattamento in campo (nasce trequartista, ma ha giocato
anche mediamo nel 4231). E' un azzardo perchè non ha la
titolarità assicurata, ma come scommessa da ultimi slot si
può tentare, sperando abbia la stessa fortuna degli suoi
connazionali qualche decennio fa (Ingesson& Andersson,
ndr).
CALCIATORI SCONSIGLIATI

DENSWIL
Arrivato la scorsa estate per fare il titolare, è stato anche
spostato dalla sua posizione naturale (centrale di difesa)
cercando di dare più sicurezza alla squadra ed evitare
svarioni di cui spesso si rendeva protagonista. Parte indietro
nelle gerarchie, e dei quattro difensori è il meno affidabile,
sia in termini di prestazioni che soprattutto di voto. Statene
alla larga, aspettando momenti migliori.

MEDEL
Il suo inserimento qui riguarda l'aspetto puramente
fantacalcistico, visto che in campo risulta essere una pedina
importante in fase di contenimento e recupero palla. Come
sappiamo però in questo gioco contano i bonus (e i malus, 10
ammonizioni in 20 presenze per lui) che per lui sono
praticamente impossibili, sia per caratteristiche tecniche sia
per ruolo ricoperto nello scacchiere tattico. Potrebbe
addirittura essere spostato difensore centrale
occasionalmente, facendolo diventare ancora meno
appetibile di quanto già non sia.
SCHEDA
CAGLIARI 4-3-3

SIMEONE
JOAO PEDRO PEREIRO

ROG NANDEZ
MARIN

LYKOGIANNIS ZAPPA
PISACANE CEPPITELLI

CRAGNO

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Pisacane 51% - Walukiewicz 49%

Zappa 80% - Faragò 20%

Pereiro 55% - Sottil 45%

Simeone 55% - Pavoletti 45%


FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
JOAO PEDRO PEREIRO PEREIRO
PEREIRO LYKOGIANNIS LYKOGIANNIS
SIMEONE JOAO PEDRO JOAO PEDRO
MARIN MARIN
I NOSTRI CONSIGLIATI

JOAO PEDRO
Giusto per essere chiari: diciotto gol, Joao Pedro NON li rifà.
Quindi che ci fa in questa sezione? Iniziamo con l'inquadrare il
giocatore: Joao Pedro è al Cagliari da tanti anni, e lo scorso
anno è stato quello della consacrazione: il suo bottino parla
per lui, e in generale ha avuto un'ottima stagione. Prima di
questa, però, ha avuto sette gol come massimo in Serie A,
giocando nei ruoli di trequartista e seconda punta: la quota di
gol che ci si dovrebbe aspettare da lui è circa quella, magari al
rialzo visto il ruolo di rigorista; comunque alla doppia cifra
dovrebbe arrivarci, o quantomeno andarci vicino. L'eventuale
posizione di attaccante esterno potrebbe non giocare a suo
favore, ma dipenderà da come saprà adattarsi lui, e come
potrà interpretarla. Quindi, quanto è consigliato?
Abbastanza da pensare a lui come terzo attaccante in leghe
da otto in su, da pagare come tale o poco meno: viene da
pensare che visti i tanti gol dell'anno scorso il suo prezzo
andrà alle stelle, ma non è detto, dato che in molti ci
andranno cauti, consci del fatto che è stato un exploit forse
irripetibile. E se questa incertezza dovesse prevalere, è
probabile che il suo prezzo diventi adeguato a ciò che può
darvi: nel caso dovesse accadere, potreste ritrovarvi
un'ottima occasione.

Per finire, perché consigliare lui e non Simeone, che in teoria


dovrebbe essere il finalizzatore principale? Il motivo è
principalmente la coesistenza del secondo con Pavoletti, che
rende l'argentino un profilo potenzialmente migliore, ma con
qualche incertezza in più. Quale dei due puntare come
obiettivo principale, dipende dalle vostre sensazioni sul
Cholito; tuttavia, se puntaste lui e dovesse andare via, potete
ripiegare su Joao: non vi deluderà.
CRAGNO
Alessio si appresta per la quarta stagione di fila a difendere i
pali rossoblu. Durante la scorsa stagione è mancato nel
girone d'andata a causa di un infortunio patito in estate; nelle
gare di ritorno, nonostante il Cagliari abbia avuto un
rendimento tutt'altro che positivo, ha mostrato di meritare la
considerazione che ha guadagnato nel corso degli anni. A suo
sfavore gioca il fatto che la difesa è il reparto più debole della
compagine sarda, il che significa che i gol subiti non saranno
pochi come quelli di una squadra d'alta classifica, anzi.
Tuttavia i suoi interventi sono spesso decisivi, e questo viene
premiato con una MV altissima, il che lo rende una scelta
ottima nel caso giocaste con il modificatore e aveste in
mente di puntare a una porta low cost. Averlo come primo
portiere in leghe da 10 in giù è comunque un azzardo per via
dei malus; tuttavia, riuscendolo a evitare nelle gare giuste,
potreste ritrovarvi una resa maggiore della spesa.

NANDEZ
Lui è un profilo in generale non molto appetibile per il
fantacalcio. Quindi perché metterlo qui? Anche nel suo caso,
è una questione di affidabilità. Nandez ha conquistato il
cuore dei tifosi e dei pagellisti con la sua combattività, e i suoi
voti sono alti sia in caso di vittoria per il risultato, sia in caso
di sconfitta per il bonus "ultimo ad arrendersi". In più a inizio
stagione ha dimostrato di saper portare anche qualche
assist, e ogni tanto (in particolare contro il Torino) di vedere
la porta. Ok, i bonus sono stati pochi e probabilmente non
aumenteranno più di tanto, ma proprio per questo è un
giocatore che potrebbe costare poco e rendere abbastanza,
oltre a essere perfetto come riserva (presenza fissa dai voti
alti, per cui copre i titolari che non giocano con un voto
decente, e pochi bonus, così non vi fate problemi a tenerlo
fuori). Come titolare gli si può dare una chance in qualsiasi
partita, pur non aspettandovi più di un 6,5. In ogni caso, vale
la pena farci un pensiero.
LE POSSIBILI SORPRESE

PEREIRO
Dopo un impatto promettente nel periodo pre-quarantena,
culminato con un gol alla Roma con una bella azione
personale, ha giocato poco e male alla ripresa del
campionato, anche se qui hanno influito anche motivi non
strettamente calcistici. Inoltre, a complicare le cose c'è
l'infortunio al metatarso, che dovrebbe tenerlo fuori un paio
di mesetti. Quindi, visto anche il ruolo di attaccante, meglio
lasciar stare? Non per forza. Pur in un altro campionato, s'è
rivelato un giocatore in grado di segnare, e parecchio se nelle
condizioni giuste. Dopo un po' di ambientamento e in un
modulo diverso rispetto ai precedenti, potrebbe darsi che
venga fuori il suo valore: al momento è ancora da
considerarsi un'incognita, e preso a una cifra modesta
(eventualità realistica, data la scorsa stagione e il cambio di
ruolo) potrebbe rivelarsi un colpo utile.

PAVOLETTI
Viene tristezza a vederlo qui: punto fermo del Cagliari fino a
inizio stagione scorsa, l'infortunio al crociato l'ha messo
fuori gioco per tutto l'anno. In seguito a questo la società ha
portato a Cagliari Simeone, che a oggi è il titolare in quel
ruolo, dopo una stagione tutto sommato buona. Tuttavia
conosciamo benissimo il valore di Leonardo, e sappiamo che
nonostante l'incognita del rientro dal brutto infortunio, se
dovesse rientrare ai livelli a cui ci aveva abituato, si
candiderebbe prepotentemente a una maglia da titolare.
Inoltre, è anche possibile che possa venire ceduto, proprio
per via di questa situazione. Al momento è un giocatore su cui
investire poco per via delle enormi incognite che gravano su
di lui; però, sia nell'ottica di ritagliarsi spazio sia in quella di
cambiare squadra, potrebbe rivelarsi una bella scommessa.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

I CENTRALI DIFENSIVI
Storicamente, il punto debole del Cagliari è la difesa.
Quest'anno le cose non sembrano essere cambiate più di
tanto: mentre sulle fasce si lavora all'acquisto di terzini
nuovi (altro ruolo su cui storicamente non abbiamo dei
fenomeni, ma almeno sui nuovi vale il beneficio del dubbio), i
centrali per il momento sono sempre gli stessi. E in
particolare, Ceppitelli e Klavan sono i nomi di spicco: il primo
in grado di portare qualche gol, e la scorsa stagione autore di
una media voto sufficiente, grazie però alle poche partite
giocate per via di un infortunio cronico, ora probabilmente
smaltito del tutto; il secondo, con una MV non esaltante e
zero bonus. In generale, i titolari possono essere utili giusto
per completare il reparto, anche se in leghe poco numerose
(soprattutto a 8 o meno) è facile trovare di meglio, le riserve
nemmeno a quello.
SCHEDA
CROTONE 3-5-2

MESSIAS SIMY

MOLINA RISPOLI

ZANELLATO CIGARINI BENALI

MAGALLAN MARRONE GOLEMIC

CORDAZ

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
CIGARINI 70% - HENRIQUE 30%
ZANELLATO 34% - VULIC 33% - CROCIATA 33%
FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
SIMY MESSIAS MESSIAS
CIGARINI CIGARINI
VULIC VULIC
BENALI BENALI
I NOSTRI CONSIGLIATI

SIMY
E da chi partire se non da lui: il nostro capocannoniere.
Arrivato ormai 4 anni fa in sordina, il gigante buono ha
mostrato ad ogni annata una crescita notevole dal punto di
vista tecnico e tattico. Volete una prova? Eccola in numeri:
3+7+14+20. Cosa sono? I goal in ordine cronologico nelle sue
stagioni in rossoblù. Nel primo anno, causa anche la
grandissima stagione di Falcinelli ha visto molta panchina
ma è risultato anche lui decisivo per la salvezza, con i goal nel
finale di stagione. Al secondo anno con Zenga, è forse
diventato famoso per la rocambolesca rovesciata alla
Juventus. Nei due anni di serie B è rimasto diventando uno dei
leader della squadra rossoblù. 34 goal totali, che hanno
contribuito alla salvezza prima e alla promozione poi. Con i
suoi 198 cm ha una forza fisica impressionante. Attenzione
però, non è ancora eccellente nel difendere la palla spalle
alla porta, da questo punto di vista può crescere ancora. Non
ha sempre la costanza di rimanere 90 minuti concentrato
nella partita, ma a lui bastano pochissimi secondi per
accendersi.

Se c'è una cosa che abbiamo imparato vedendolo giocare è


che anche se sbaglia qualche passaggio, qualche appoggio,
oppure qualche goal di troppo, non si fa condizionare. Ne
sbaglia uno? Può benissimo metterla dentro l'azione dopo.
Molto lucido da questo punto di vista. Grazie alla sua altezza
è un vero e proprio spauracchio sulle palle da fermo, mentre
quest'anno lo abbiamo visto segnare indifferentemente sia
col destro che col sinistro. Titolare fisso e rigorista:
quest'anno per lui un ottimo 4 su 4. Vedrete che belle
rincorse che prende prima di accingersi a batterli.
BENALI
Altro consigliato della formazione pitagorica. E’ uno degli
elementi di spicco e uno dei pochi ad aver già assaggiato il
massimo campionato. Benali è uno di quei giocatori talmente
intelligenti dal punto di vista tattico, che ovunque lo metti sai
che renderà bene. Nel corso degli anni ha praticamente
ricoperto tutte le posizioni a centrocampo. Con Stroppa ha
reso al meglio, anche dal punto di vista realizzativo, come
interno di centrocampo, dialogando e scambiandosi spesso
di posizione con un play basso come Barberis, difatti uno dei
suoi migliori pregi è il non dare punti di riferimento agli
avversari. Ha dei tempi di inserimento perfetti, si trova a suo
agio nell'attaccare lo spazio e a farsi trovare fra le linee,
grazie a queste abilità ha portato in dote 7 goal in 28 partite
nell'ultima stagione. Da valutare solo la condizione fisica,
dato che purtroppo in 3 anni ha saltato circa una trentina di
partite a causa di infortuni (fratture al metatarso). E' rimasto
quando era libero di scegliersi una nuova squadra, è stato
messo al centro del progetto, conosce bene il mondo Crotone
e le basi per fare bene ci sono tutte. Una bella scommessa su
cui puntare. Ahmad, scelgo te!
LE POSSIBILI SORPRESE

MESSIAS
E chi se non lui come possibile sorpresa, anche se non lo
conoscete e non lo avete mai visto, ormai avrete capito come
la pensiamo. Ha disegnato calcio per tutta la stagione,
brasiliano dalla storia davvero emozionante, arriva in serie A
alla soglia dei 30, e farà di tutto per dimostrarci di poterne
fare parte. Ha caratteristiche uniche all'interno della rosa
pitagorica. E' dotato di uno spunto incredibile, ha un cambio
passo e al contempo una progressione davvero
impressionante. Anche partendo da fermo, grazie allo
spunto riesce a prendere quei metri che gli permettono di
distanziare il diretto avversario, mentre in campo aperto si
esalta e da il meglio di sé. Probabilmente, in un attacco a 3,
sull'esterno e con la possibilità di rientrare liberando il suo
mancino a giro, farebbe ancora meglio, ma i risultati si sono
visti già quest'anno, in appoggio a Simy e svariando su tutto il
fronte offensivo. Una pecca potrebbe essere quella di non
essere freddo davanti alla porta, ma è in parte giustificato
dalla poca lucidità causa enorme mole di lavoro. Noi siamo
convinti che con la Serie A, e la conseguente possibilità di
avere grandi spazi in contropiede, Messias si possa esaltare.
Se giocate in leghe numerose, fateci un pensierino come
ultimo slot scommessa. Se andrà male avrete comunque
tentato la sorte.. se andrà bene invece, dormirete sonni
tranquilli, con la partenza di Barberis potrebbe essere
incaricato di tutti i piazzati, le punizioni le sa battere (vedi
Salernitana), e sui calci d'angolo gli spilungoni non ci
mancano.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

LA LINEA DIFENSIVA
Qualsiasi sia il reparto a fine mercato, a prescindere dagli
uomini, la linea difensiva del Crotone avrà vita dura in serie A.
Come avrete ormai capito, la discriminante è il modo di
giocare di Stroppa, che per quanto visto quest'anno si basa
su un prolungato possesso palla, con i difensori molto
coinvolti nello svolgimento dell'azione. Ovviamente,
sappiamo bene che non sarà possibile ripetere una stagione
con una percentuale di possesso palla del 60%e giocoforza
assisteremo a un cambiamento dell'impostazione di gioco.
Ecco allora che a risentirne potrebbero essere più di altri i
meccanismi difensivi. Tra Serie A e serie B c'è un abisso sia a
livello di qualità che di fisicità. Noi pensiamo che
logicamente, essendo una neopromossa, in molte partite
subiremo l'azione avversaria, e i nostri difensori saranno
costretti a giocare più bassi, venendo messi sotto pressione
durante l'arco della partita. Situazione nuova, a cui non
siamo abituati. Al momento l'unico che ha assaggiato la Serie
A con alterne fortune è Marrone, mentre Golemic è
all'esordio e Cuomo ha solamente una presenza all'attivo. E'
il reparto che ci convince meno, sperando di sbagliarci al
momento sconsigliamo gli acquisti di tutti i difensori
rossoblù compreso anche Cordaz), in attesa di capire come si
svilupperà il gioco pitagorico.
SCHEDA
FIORENTINA 3-5-2

RIBERY KOUAME’

BIRAGHI CHIESA

BONAVENTURA CASTROVILLI
AMRABAT

CACERES PEZZELLA MILENKOVIC

DRAGOWSKI

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Biraghi 90% – Lirola 10%
Bonaventura 55% – Pulgar 45%
Kouamé 35% – Cutrone 33% – Vlahović 32%
FORMAZIONE ALTERNATIVA
3-4-2 -1
DRĄGOWSKI
MILENKOVIĆ – PEZZELLA – CÁCERES
LIROLA – AMRABAT – CASTROVILLI – BIRAGHI
CHIESA – RIBÉRY
KOUAMÉ

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
PULGAR PULGAR PULGAR
CHIESA/VLAHOVIC RIBERY RIBERY
AMRABAT BIRAGHI BIRAGHI
CUTRONE
I NOSTRI CONSIGLIATI

MILENKOVIC, PEZZELLA E I PORTIERI


Se non verrà smantellata, la difesa è al momento il punto
forte della squadra. Cáceres è il meno continuo e pericoloso
su palla inattiva dei tre, mentre loro due, se messi nelle
condizioni di rendere al massimo come sinora ha fatto
Iachini, sono tra i migliori del campionato da questi punti di
vista. Sempre in base a questo ragionamento, buttate un
occhio anche alla situazione degli estremi difensori, durante
l’asta: potreste ritrovarvi un portiere con rendimento “simil
top” spendendo cifre un po’ più contenute rispetto a quelle
necessarie a prendere un “top” vero e proprio.

CHIESA
Consigliarlo in questo momento è un po’ un rischio, perché se
passasse a un’altra squadra, con una rosa al momento
(molto) più competitiva di quella viola, non per forza avrebbe
lo stesso spazio e lo stesso impatto che ha in riva all’Arno. Ma
siccome questa scheda, come detto, ragiona sul presente e si
aggiorna passo passo con le evoluzioni del mercato, per
adesso lo consideriamo un giocatore della Fiorentina e come
tale, reduci dalla sua prima stagione in doppia cifra con otto
reti segnate in metà stagione dall’arrivo di Iachini, non
possiamo non consigliarlo. Soprattutto come trequartista
centrocampista.
LE POSSIBILI SORPRESE

CASTROVILLI e BONAVENTURA
situazioni simili ma diverse per i due centrocampisti della
nazionale. Il primo sarà sicuramente titolare ma deve
raddrizzare la mira sotto porta, essere più lucido e magari
ritornare pure su quel livello prestazionale della prima metà
dello scorso campionato. È giovane, può senza dubbio
farcela, ma deve muoversi, onde evitare impantanamenti in
stile Chiesa. Il secondo, più esperto, sarà probabilmente un
jolly di lusso con leggermente minore spazio da titolare, ma
in quanto a bonus e affidabilità è senz’altro più interessante
di Castrovilli, al momento.

KOUAME’
Parafrasando Kurgan di Highlander, noto coetaneo di Ribéry,
probabilmente «ne resteranno soltanto due», con
riferimento al fatto che uno tra Cutrone e Vlahović potrebbe
essere ceduto. Lui invece è dei tre l’unico sicuro di rimanere e,
verrebbe da dire, anche quello probabilmente più pronto e
più adatto al contropiede iachiniano.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

RIBERY
Hanno preso uno che in carriera è sempre stato molto più
uomo assist che uomo gol, che in questa Fiorentina fa la
seconda punta solo nelle formazioni dei giornali mentre in
quella di Iachini gravita tra il ruolo di trequartista e quello di
mezz’ala, che – complice anche l’infortunio – ha segnato solo
tre reti per quanto bellissime, e lo hanno spostato
trequartista attaccante. Il tutto mentre ad esempio Chiesa,
per rimanere a questa Fiorentina nella quale è molto “più
attaccante” di lui tanto da aver fatto spesso e volentieri il
falso nueve, rimane tra i trequartisti centrocampisti. In
sintesi, hanno fantacalcisticamente dilapidato uno dei pochi
patrimoni di classe pura del campionato di Serie A, con una
decisione che, come spiegato appena sopra, anche dal punto
di vista strettamente calcistico si fa una gran fatica a
motivare. Non è sconsigliato in senso assoluto perché
comunque i voti sono ottimi e lo si può prendere come
rincalzo, ma tant’è, la situazione è questa e a malincuore vi
dobbiamo mettere in guardia dal gettarsi su questo
giocatore seguendo il “nome”.

PULGAR
un mediano che batte praticamente tutti i piazzati e nelle
ultime due stagioni ha messo a segno tredici gol e otto assist
non può non attirare l’occhio del fantacalcista alla ricerca di
un centrocampista da bonus a basso costo. Ma, oltre al
problema malus, va tenuto conto che quest’anno potrebbe
avere minore spazio da titolare.
SCHEDA
GENOA 3-5-2

PINAMONTI PANDEV

CRISCITO GHIGLIONE
STURARO LERAGER
SCHONE

MASIELLO BIRASCHI
ZAPATA

PERIN

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
352 60% - 4312 40% (vedi Formazione Alternativa)
Masiello 55% - Czyborra 45% (con Criscito che scala in difesa)
Ghiglione 60% - Ankersen 40%
Sturaro 60% - Cassata 40%
Lerager 60% - Behrami 40%
Pinamonti 55% - Favilli 45%
FORMAZIONE ALTERNATIVA
4-3-1-2
PERIN
GHIGLIONE - BIRASCHI - MASIELLO - CRISCITO
STURARO - RADOVANOVIC - LERAGER
SCHONE
PANDEV - PINAMONTI

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
CRISCITO SCHONE SCHONE
SCHONE CRISCITO CRISCITO
PINAMONTI CALO’ CALO’
I NOSTRI CONSIGLIATI

PANDEV
E chi sennò? Lo scorso torneo è stato il condottiero che ha
tirato fuori dal pantano la squadra. Il suo carisma e la sua
intelligenza tattica saranno ancora utili nonostante l'età. Lo
consigliamo quindi soprattutto per questo, come premio per
la sua professionalità. Può essere preso come ultimo slot per
completare il vostro reparto di attaccanti, consapevoli che
giocherà alcune gare (ma non tutte ovviamente) ma in quelle
sapremo che darà il massimo e di sicuro qualche gioia.
LE POSSIBILI SORPRESE

SCHONE
Diciamolo chiaramente: lo scorso anno ha totalmente deluso
le aspettative. Sembrava il lontano cugino scarso del bravo
giocatore ammirato in Champions con l'Ajax. Oggi quindi
siamo qui ad attenderne la riscossa: di sicuro non sarà sotto
la lente d'ingrandimento come l'anno passato, e questo
potrebbe favorirne la ripresa soprattutto a livello mentale.
Inoltre potrebbe passare sottotraccia durante la vostra asta
e magari una posizione come 7/8 slot per lui potreste
trovarla.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

BIRASCHI
Nonostante la giovane età (26 anni) sembra in una fase
involutiva. La speranza ovviamente è che possa riprendersi,
ma voi avrete così tanta pazienza? Non credo. Maran ha
bisogno di centrali adatti alla difesa a 4, e ahinoi il nostro
Biraschi non sembra il più adatto come interprete.
SCHEDA
H. VERONA 3-4-2-1

DI CARMINE
BENASSI ZACCAGNI

LAZOVIC FARAONI

VELOSO TAMEZE

MAGNANI KUMBULLA GUNTER

SILVESTRI

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Gunter 40% - Magnani 30% - Cetin 30%
FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
DI CARMINE VELOSO VELOSO
DIMARCO DIMARCO
LAZOVIC
HENDERSON
I NOSTRI CONSIGLIATI

FARAONI
Stagione superlativa per il nostro Davide, che è corteggiato
da alcuni club italiani. Però la società non vuole cederlo,
perchè lo reputa insostituibile per il gioco di Juric. Le sue
caratteristiche lo rendono un difensore molto offensivo,
anche se ha giocato pure da terzo centrale di difesa. Corre,
crossa, fraseggia, tira, recupera... Fin quando è così pieno di
energie è insostituibile. Puntateci.

LAZOVIC
Sbolognato dal Genoa, Lazovic ha trovato nell'Hellas una
nuova casa. Innazitutto l'unico giocatore ad aver fatto 38
partite su 38 in squadra. Mai un infortunio, pochi cartellini,
tanti cross e tanti tiri. I bonus sono stati 3 goal e 7 assist,
potevano essere anche di più. Era partito lento ad inizio anno,
ma ha ritrovato subito la sua natura ed è entusiasta di
giocare per l'Hellas. Direi tra i più motivati in campo, un altro
da avere sicuramente in rosa.

KUMBULLA
Da appena una manciata di minuti in serie B, si è ritrovato
titolare nella stagione più difficile della squadra. Juric ci ha
visto benissimo, che senza esitazione l'ha iniziato a
schierare sin dalle primissime amichevoli con i giocatori
titolari. Ad oggi è ambitissimo come giocatore, con appena 20
anni si presenta come uno dei futuri difensori migliori in
Europa. Forte fisicamente, agile, bravo di testa, deciso negli
interventi... sono alcune delle diverse caratteristiche di
questo giovane ragazzo. Merita tanto, ma occhio alla
possibilità di trasferimento (Anche se questo potrebbe far
abbassare il suo costo). Per noi ovunque andrà riuscirà a
conquistarsi una maglia da titolare.
LE POSSIBILI SORPRESE

BENASSI
Totalmente chiuso a Firenze, l'Hellas l'ha preso in prestito
per rinforzare il centrocampo. Il colpo è importante, e tutti
sappiamo Benassi cosa è stato in grado di fare anche nelle
passate stagioni. Le doti tecniche ci sono e noi pensiamo che
ripartire da Verona potrebbe fargli bene. Per ora possiamo
definirlo il colpo più importante che ci potessimo
permettere.

ZACCAGNI
Grinta, coraggio e voglia di migliorare, hanno permesso a
Mattia quest'anno di imporsi nello schema di Juric ed essere
uno delle principali pedine. Con 2 goal, 5 assist e 34 presenze,
è un ottimo titolare low cost che può lasciarvi soddisfatti. E
se schierato nelle giornate giuste, può portarvi quel bonus
sporadico.

ZACCAGNI
Ad oggi ci sembra molto inserito bene negli schemi di Juric,
però il suo limite è dato da Lazovic. Quindi cosa dipende se lui
giocherà o meno? Se dovesse arrivare un altro rinforzo a
sinistra, potremmo pensare che Lazovic venga spostato
come trequartista e Dimarco si troverebbe titolare sulla
sinistra. Ma se arriverà un trequartista, allora sarà Dimarco a
pagarne le spese. Comunque può essere una ottima
scommessa low cost se credete che possa sfondare e
prendersi il posto di prepotenza (considerando che Lazovic
deve recuperare da una distorsione sarà titolare per almeno
le prime due partite).
CALCIATORI SCONSIGLIATI

STEPINSKI
Non ci ha mai convinti, tante parole ma pochi fatti. Per noi è
un rischio che non consigliamo di fare, vedremo se prima
dell'inizio del campionato spuntano paroli confortanti dal
mister.
SCHEDA
INTER 3-5-2

LUKAKU LAUTARO

YOUNG* HAKIMI

ERIKSEN BROZOVIC BARELLA

BASTONI DE VRIJ GODIN

HANDANOVIC

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Godin 60% - Skriniar 40%
Bastoni 60% - Kolarov 40%
Eriksen 45% - Gagliardini 30% - Sensi 25%

«Kolarov si è ufficializzato come terzo di difesa. Restiamo in


attesa di capire l’eventuale ballottaggio con Young
o Bastoni»
FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
LUKAKU ERIKSEN/KOLAROV ERIKSEN
LAUTARO SANCHEZ SENSI
KOLAROV SENSI BROZOVIC
SANCHEZ BROZOVIC
I NOSTRI CONSIGLIATI

LUKAKU
Fa una galoppata incredibile, e poi sul più bello sbaglia a tu
per tu con il portiere. Sbaglia un gol facile facile, e poi lo vedo
che salta (o sposta, vista la taglia) il diretto marcatore e col
sinistro tira una cannonata stile Mark Lenders, e fa gol. Una
contraddizione continua, un mix di "ma come fai a sbagliare
così!" intervallati da "ma che gol ha fatto!": questo è Big Rom,
prendere o lasciare. I suoi numeri lo ergono senza ombra di
dubbio a top di reparto, ma state attenti perchè se puntate su
Lukaku il vostro cuore potrebbe risentirne: nulla sarà mai
scontato, non esisteranno +3 facili, e non riuscirete mai ad
essere del tutto contenti di aver puntato su di lui.

DE VRIJ
Si dice che davanti all'impossibilità di costruire un muro al
confine tra USA e Messico, i collaboratori di Trump abbiano
suggerito al Presidente di acquistare De Vrij, certi che con lui
al confine non sarebbe passato più nessuno. Tuttavia, Suning
si è rifiutato categoricamente di cedere l'olandese, poichè
aveva altri progetti per lui: Zio Zhang voleva infatti
utilizzarlo come naturale prosecuzione della muraglia
cinese,ormai da troppi secoli incompleta. Se dopo questa
storia non siete ancora convinti di prenderlo, sappiate
questo: la difesa a 3 sembra fatta apposta per De Vrij, il quale
non solo difende (molto bene), ma è anche molto utile in fase
di impostazione. Inoltre, è molto abile sui piazzati, portando
di fatto un buon numero di +3. Unico neo la fragilità fisica, ma
ragazzi parliamoci chiaro: questo ragazzo è un top di reparto!
LE POSSIBILI SORPRESE

HAKIMI
36,5 km/h, questo il picco di velocità toccato da Hakimi l'anno
scorso, che lo ha incoronato come recordman della Bundes.
Altro dato interessante: 5 gol e 10 assist nell'ultimo
campionato giocato. Adesso rileggete questi numeri,
chiudete gli occhi e poi immaginatelo nel 3-5-2 di Conte,
mentre va su e giù per la fascia e pennella cross per le punte:
devastante, vero? Adesso però riaprite gli occhi, e fate un
breve ragionamento con noi: si tratta di un classe'98, che
arriva da un campionato diverso, e che deve calarsi in una
realtà molto più difensiva. Pertanto, non esagerate i
fantamilioni: sulla carta non gli manca niente per diventare
un top di reparto, però le certezze su cui puntare sono
sicuramente altre. Poniamola così: ipotecate proprietà di
massimo 30-40 metri quadri, oltre meglio andare sui top già
affermati.

ERIKSEN
"Non tutte le ciambelle riescono col buco": questa la sintesi
perfetta dei primi sei mesi di Eriksen in nerazzurro. Arrivato
tra l'entusiasmo di tutti i tifosi, ha sicuramente pagato un
primo periodo di adattamento, e più in generale una
situazione che non consentiva cambiamenti strutturali
importanti. Nonostante il poco spazio avuto, abbiamo visto
tutti di cosa sia capace il danese, e per questo noi Esperti
pensiamo che non possa non essere al centro del progetto
Inter 2020/2021: le potenzialità per diventare top di
centrocampo ci sono, però anche qui vi invitiamo a ponderare
molto l'investimento, perchè ad oggi ci sono ancora troppe
incognite.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

SKRINIAR
Chiariamoci subito: non è che sia sconsigliato a prescindere,
eh. Vi sconsigliamo di pagarlo come fosse un punto fermo
delle vostre difese, anche se viste le qualità del giocatore
difficilmente in un'asta va a poco. Però c'è da dire che la
difesa a 3 sembra averla patita parecchio: i suoi numeri
dell'anno scorso sono stati talmente indegni che non li
riporto per non soffrire. Nel rush finale poi,ha anche perso la
titolarità, e come se non bastasse, sembra essere anche in
odore di cessione. La caduta del Dei?
SCHEDA
JUVENTUS 4-3-3

DYBALA
C. RONALDO KULUSEVSKI

RABIOT ARTHUR
BENTANCUR

ALEX SANDRO CUADRADO


BONUCCI DE LIGT

SZCZESNY

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Cuadrado [75%] - Danilo [25%]
De Ligt [50%] - Demiral [25%] - Chiellini [25%]
Alex Sandro [75%] - Pellegrini [25%]
Rabiot [60%] - McKennie [40%]
Kulusevski [80%] - Bernardeschi[20%]
FORMAZIONE ALTERNATIVA
3-5-2
Szczesny
De Ligt Bonucci Chiellini
Cuadrado Kulusevski Arthur Bentancur A.Sandro
Dybala Ronaldo

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
C.RONALDO C.RONALDO DYBALA
DYBALA DYBALA BENTANCUR
I NOSTRI CONSIGLIATI

CRISTIANO RONALDO
Facile consigliare un giocatore del suo calibro, ma si tratta
del top dell'attacco bianconero e le possibilità di ripetere i
numeri della scorsa stagione sono alla sua portata.

BONUCCI
L'arrivo di Andrea Pirlo sulla panchina bianconera, amante
del possesso palla, potrebbe portare il difensore bianconero
ad essere il regista difensivo della squadra, ruolo già fatto
con ottimi risultati in passato.
LE POSSIBILI SORPRESE

KULUSEVSKI
Giocatore multiruolo arrivato dopo il prestito al Parma.
Grandi numeri per lui nella scorsa stagione, dovrebbe
giocare titolare e può solo migliorare.

BENTANCUR
Crescita esponenziale per lui nell'ultima stagione, con
numeri che cominciano ad essere importanti. Pirlo potrebbe
affidargli il ruolo di regista centrale della squadra e questo
può portarlo ad un ulteriore miglioramento.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

RUGANI
Il difensore centrale non ha mai brillato nelle stagioni in
bianconero e la sua crescita a livello di "maturazione" si è
praticamente bloccata. Potrebbe partire e solo in quel caso
troverebbe spazio.

RAMSEY
L'esperienza c'è, ma nella prima stagione in bianconero non
ha inciso molto. Ora l'arrivo di Kulusevski dovrebbe togliere
al gallese ulteriore spazio rendendolo meno appetibile al
fantacalcio.

DOUGLAS COSTA
Con Sarri si è giocato spesso il posto da titolare nel tridente
offensivi con scarsi risultati e troppi infortuni. Questo ha
portato la società a metterlo in lista partenti e molto
probabilmente prima della fine del mercato lascerà Torino e
la maglia bianconera.
SCHEDA
LAZIO 3-5-2

IMMOBILE CORREA

FARES LAZZARI

L. ALBERTO LEIVA M.SAVIC

RADU ACERBI L. FELIPE

STRAKOSHA

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
LUIZ FELIPE 40% - RADU 35% - PATRIC 25%
LEIVA 50% - CATALDI 25% - ESCALANTE 25%
FARES 50% - MARUSIC 50%
CORREA 55% - MURIQI 25% - CAICEDO 20%
FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
IMMOBILE L.ALBERTO CATALDI
L.ALBERTO M.SAVIC L.ALBERTO
CORREA CATALDI
CAICEDO
I NOSTRI CONSIGLIATI

IMMOBILE
E chi se non lui? Se non vi siete convinti ad acquistarlo
leggendo la scheda non sappiamo più come fare. Non ci sono
più appellativi per Ciro che raggiunta la piena maturità
calcistica e ha dimostrato di saper segnare in ogni modo. Ha
una incredibile fame di gol, anche in allenamento si lamenta
con Inzaghi se non ha segnato e l'allenatore concede troppo
poco recupero. Nell'anno degli Europei vorrà presentarsi a
Coverciano come il principale candidato a guidare l'attacco
azzurro. La scarpa d'oro uscente va assolutamente
acquistata, Re Ciro non vi deluderà!

ACERBI
Baluardo difensivo biancoceleste, ha raggiunto una maturità
tale da consacrarlo come uno dei difensori più affidabili della
Serie A. Anche nelle partite più negative almeno la
sufficienza ve la porta. Titolarissimo nella difesa di Inzaghi,
difficilmente partirà dalla panchina,per presenze e media
voto resta un elemento imprescindibile delle vostre squadre.
Giocatore dal 6/6.5 assicurato con qualche bonus in canna.
Acquistatelo il leone non delude mai!
LUIS ALBERTO
Il Mago è imprescindibile nell'undici di Inzaghi come lo deve
essere nelle vostre rose. Giocatore che ha la possibilità di
portarvi numerosissimi bonus, tra leggeri e pesanti, conditi
da voti pressochè sempre superiori al 6. Come accennato in
scheda, ci aspettiamo possa realizzare almeno 5 gol e
raggiungere la doppia cifra di assist. A differenza di molti top
di ruolo ha la capacità di avere una media voto eccelsa in virtù
della sua centralità nel progetto di Inzaghi che difficilmente
rinuncerà alle qualità dello spagnolo: ogni azione della Lazio
passa dai suoi piedi. Non c'è motivo di preoccuparsi per le 3
competizioni, il mister non rinuncerà a lui e, quelle rarissime
volte che risulterà in panchina, saranno utili per "ricaricare le
pile". Probabilmente è il miglior centrocampista della Serie A
e può esserlo anche del Fantacalcio, il suo prezzo potrebbe
essere anche più basso di altri top di reparto, non perdete
l'occasione.
Acquistatelo come top, non ve ne pentirete
LE POSSIBILI SORPRESE

LAZZARI
Listato difensore ma esterno a tutto campo, eppure solo
possibile sopresa e non consigliato. Se questo cambio in lista
fosse stato effettuato l'anno scorso, al suo arrivo in
biancoceleste, sarebbe entrato di diritto tra i difensori top di
reparto, purtroppo però Lazzari ha pagato il salto da una
provinciale ad una big ed un gioco di squadra che non lo
considera un cardine come ai tempi della Spal. Di
conseguenza le presenze ed i buoni voti sono rimasti ma i
tanto famosi assist che portava in dote da Ferrara sono stati
sganciati solo due volte, l'ultimo ad inizio febbraio, e nel
mezzo tanta corsa ma anche tanti errori in fase di rifinitura.
Come difensore l'appetibilità aumenta senza alcun dubbio
ma non si è intravisto ancora il salto di qualità che ci
aspettavamo in termini di bonus. Se arriveranno, ed i
presupposti ci sono, potrà affermarsi come difensore in
grado di spostare gli equilibri, per ora l'esame di maturità non
è stato ancora superato. NB: Come scritto in scheda, se
listato centrocampista perde notevolmente appetibilità,
diviene un 4 slot da cui aspettarsi il buon voto, ma non il
bonus.
MILINKOVIC-SAVIC
Supremazia fisica a centrocampo, tecnica sopraffina, 7 gol e
4 assist nell'ultimo campionato. Se ci fermassimo qui, il
Sergente sarebbe di diritto uno dei centrocampisti top da
acquistare all'asta. Il rovescio della medaglia però sono ben
11 insufficienze ed i 9 cartellini gialli che fanno scendere la
mediavoto a 6.20 e la fantamedia a 6.76, numeri, questi
ultimi, da buon centrocampista ma che non rendono giustizia
alle potenzialità del Sergente. I possessori di Milinkovic-
Savic devono avere la consapevolezza che la prestazione da
5 è sempre dietro l'angolo, a volte quando meno ce lo si
aspetta, ma anche che quando Sergio decide di salire in
cattedra c'è solo da godersi voti e bonus. Inzaghi poi ci ha
messo del suo a ridurne la pericolosità in area avversaria ed
a u m e n t a re i c a r t e l l i n i , d e c i d e n d o d i s f r u t t a re l e
caratteristiche del serbo per dare tecnica e muscoli al centro
del campo. Quest'anno pare che il mal di pancia da
calciomercato non ci sia, c'è però la Champions League, e
quindi tutta l'opportunità per affermarsi come uno dei
migliori centrocampisti del panorama europeo.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

LEIVA
Non è uno sconsigliato in senso assoluto, ma l'utilità
fantacalcistica è davvero bassa. Leiva gioca da playmaker
davanti alla difesa, dove alterna il ruolo di mediano (che gli
porta un buon numero di ammonizioni e qualche espulsione)
a quello di pivot basso, ma i compiti di costruzione del gioco
sono demandati alle mezzale che lo affiancano. Ha un piede
da brasiliano, ma la posizione e la lontananza dalla porta
avversaria non lo rendono utile per il fantacalcio. Quest'anno
la sua appetibilità fantacalcistica cala ulteriormente, poiché
potrebbe avere maggiori occasioni per sedersi in panchina
vista l'ottima annata di Cataldi e l'acquisto di Escalante.

LULIC
Non fatevi ingolosire dal ruolo, l'apporto di Lulic negli anni è
m o lt o c a l a t o . N o n o s t a n t e s i a l i s t a t o d i fe n s o re è
consigliabile acquistarlo esclusivamente inse dovesse
recuperare e in coppia con l'altro esterno sinistro laziale. Le
sue prestazioni non sono mai state ottime con l'aggravante
delle scarse condizioni fisiche del bosniaco, al fantacalcio
l'appetibilità di Senad è lentamente scesa nel corso degli
anni, un giocatore che porta a casa la sufficienza risicata, con
pochissimi bonus e qualche malus di troppo può essere utile
esclusivamente come tappabuchi. Quest'anno, però, le sue
condizioni fisiche sono precarie, l'infortunio patito a febbraio
non gli ha permesso di partecipare al ritiro di Auronzo e un
suo ritorno appare tutt'altro che vicino. Con la concorrenza di
quest'anno non può essere considerato un titolare e anche il
suo ruolo di tappabuchi viene meno.
Difficile, infine, immaginarselo come scommessa in quanto
le sue probabilità di bonus sono basse, mentre i suoi
cartellini risultano molto numerosi.
SCHEDA
MILAN 4-2-3-1

IBRAHIMOVIC
REBIC CASTILLEJO
CALHANOGLU

BENNACER KESSIE’

HERNANDEZ CONTI
ROMAGNOLI KJAER

DONNARUMMA G.

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Bennacer 65% - Tonali 35%
FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
IBRAHIMOVIC IBRAHIMOVIC CHALANOGLU
KESSIE (da vicino) BENNACER
CALHANOGLU CALHANOGLU
(dalla distanza)
I NOSTRI CONSIGLIATI

DONNARUMMA G.
Sta per iniziare la sesta stagione in maglia rossonera e
parliamo di un ragazzo di 21 anni, uno dei migliori portieri al
mondo e uno dei più forti portieri italiani di sempre in
prospettiva con ancora ampissimi margini di crescita.
Nonostante l'avvio negativo del Milan nella scorsa stagione,
alla fine i rossoneri hanno chiuso con la 4a migliore difesa e il
merito è stato anche di Gigio, che in più occasioni ha salvato il
risultato con parate da vero campione. Titolarissimo, medie
voto generose, ottimo pararigori (4 lo scorso anno, 5 se
includiamo la Coppa Italia), scarsa tendenza agli infortuni,
"papere" occasionali che vista l'età possiamo ancora
concedere , visto anche che si fa ampiamente perdonare. Il
gioco di Pioli non concede troppi spazi in difesa e dunque
questo aspetto potrebbe ulteriormente agevolarlo.
Insomma riassumendo: uno dei portieri migliori che potete
aggiudicarvi in sede d'asta. Unico neo: pesa su di lui la
questione del rinnovo essendo in scadenza di contratto. Se
Raiola non fa scherzi i presupposti per una grandissima
stagione ci sono tutti. 1°slot in tutte le leghe.
THEO HERNANDEZ
Uno dei migliori difensori del fantacalcio 19/20 (tolto
l'atalantino Gosens che probabilmente vince per distacco,
solo Criscito e Kolarov hanno segnato di più, avendo però
dalla loro rigori e punizioni). Con 6 gol e 5 assist alla sua
prima stagione in rossonero e in Serie A ha stupito tutti,
dominando la fascia sinistra e conquistandosi una maglia da
titolare appena arrivato. Qualcuno sarà riuscito a prenderlo
sottotraccia lo scorso anno, ritrovandosi un vero e proprio
colpo di mercato in rosa. Quest'anno preparatevi a spendere
p e rc h é n o n ve l o l a s ce ra n n o co s ì fa c i l m e n t e , m a
l'investimento verrà sicuramente ripagato. Praticamente in
assenza di concorrenza sulla fascia (Laxalt o chi arriverà
eventualmente dal mercato non sembrano un problema),
Theo garantisce titolarità assoluta, un bottino di gol e assist
intorno ai 5 per entrambe le voci è alla portata, mentre per i
voti ci aspettiamo una media positiva anche in virtù della sua
tendenza a portare bonus, ma attenzione anche ai cartellini:
ben 10 ammonizioni nella scorsa stagione. Mettete in conto
qualche "marachella" perché il francese è una testa calda e
non tira mai indietro la gamba. Ma se riuscirete a prenderlo vi
assicurerete comunque un 1°slot dal rendimento assicurato!
LE POSSIBILI SORPRESE

IBRAHIMOVIC
È vero, col suo arrivo a gennaio la squadra è cambiata: il Milan
ha iniziato a tirare di più in porta, diversi giocatori si sono
rivalutati e hanno iniziato a giocare meglio. Lo stesso Ibra ha
avuto numeri importanti: 10 gol e 5 assist in 18 presenze in
Serie A, che in proiezione sarebbero numeri da 1°slot.
Però...predichiamo calma. Per varie ragioni, alcune delle
quali pensiamo le avrete fatte tutti: la prima è che
quest'anno saranno 39 primavere per Zlatan, e con 3
competizioni da giocare è facile capire come la sua dovrà
essere una gestione particolare, in cui prevediamo
sostituzioni frequenti e minutaggio ridotto ad ogni
occasione disponibile, per conservarlo al meglio per tutta la
stagione. La seconda, sempre relativa all'età, è il rischio di
infortunio e il prolungato tempo di recupero che ne
deriverebbe. Terzo: non è poi così scontato che si ripeta in
simili PERCENTUALI realizzative, sebbene avrà dalla sua
rigori e punizioni dal limite che aiuteranno ad arrotondare lo
score finale di gol. Dunque in conclusione prevediamo un
bottino di 15-18 gol finali per lo svedese, ottima titolarità
(viziata però da minutaggio ridotto in più occasioni nonché
dall'inevitabile turnover in sfide ravvicinate) e gestione dei
piazzati più succulenti. Per noi è un 2°slot da affiancare ad un
attaccante in grado di garantire ulteriori certezze sotto
quegli aspetti che abbiamo analizzato sopra. Probabilmente
qualcuno lo pagherà tantissimo in sede d'asta, il nostro
consiglio è si di puntarci, ma di preferirgli comunque un
bomber in grado di garantire 20 gol e oltre, obiettivo che
auguriamo di raggiungere anche al gigante di Malmö. Dunque
non fate l'errore di rinunciare ad attaccanti potenzialmente
un gradino sopra per averlo a tutti i costi, ma se farete bene i
conti e riuscirete a prenderlo vi ritroverete forse il miglior
2°slot del campionato in rosa, da schierare sempre in ogni
gara.
CALHANOGLU
Letteralmente una macchina da bonus dopo la ripresa del
campionato post-lockdown: 6 gol e 8 assist (totale 9 e 9 a fine
stagione) in 12 partite, numeri quasi da centravanti in termini
realizzativi. Il confronto con la restante parte della stagione
però ci deve far tenere i piedi per terra. Con Pioli (e l'arrivo di
Ibrahimovic che ha valorizzato i giocatori immediatamente
dietro di lui) il turco ha trovato finalmente la posizione più
adatta in campo e non ha mai giocato così bene dal suo arrivo
in Italia, tuttavia non vogliamo illuderci: impossibile che
Hakan tenga queste medie anche nella prossima stagione.
Rimane un ottimo centrocampista da schierare
praticamente sempre, ma come numeri pensiamo che 5-7 gol
e qualcosa in più come assist, a sfiorare ma anche
raggiungere la doppia cifra, possano essere alla portata. Un
buon 2° slot, appena un gradino sotto a centrocampisti che lo
scorso anno sono stati più costanti per rendimento e
ripartizione dei bonus. Speriamo che possa essere l'anno per
il definitivo salto di qualità, i presupposti ci sono tutti!
CALCIATORI SCONSIGLIATI

BENNACER
Sia chiaro: calcisticamente non è una bocciatura per questo
ragazzo, che alla prima stagione in un club come il Milan ha
dimostrato di poterci giocare senza grossi problemi in un
ruolo così delicato come quello del regista. Tuttavia, sul
piano fantacalcistico dobbiamo fare delle considerazioni
ahimè negative. Se già i giocatori in mediana sono poco
appetibili per caratteristiche, lo è ancora di più un giocatore
che porta così pochi bonus (1 gol e 0 assist) e davvero TROPPI
MALUS (14 cartellini gialli sono un numero esagerato per
qualsiasi fantallenatore). Se aggiungiamo anche il fatto che
dal mercato sembra stia arrivando un'alternativa di tutto
rispetto nello stesso ruolo...anche l'aspetto della titolarità
assoluta inizia a vacillare. Vale dunque la pena puntare su
Bennacer? Secondo noi no, anche se ci dispiace perché
parliamo di un bravo ragazzo e un buon regista. Ma al
fantacalcio avrete bisogno di ben altro per vincere.

PAQUETA
Probabilmente non avevate bisogno di questo nostro
consiglio (o "sconsiglio"), ma lo ribadiamo ulteriormente.
Non cercate di prenderlo a 1 nella speranza che possa essere
un colpo sottotraccia: se non è stato ancora venduto è perché
non è arrivata nessuna offerta (e questo la dice lunga...) e il
Milan non vuole svendere il giocatore sul quale ha investito
non poco. Il brasiliano è un corpo estraneo alla rosa, vuole
palesemente andarsene e così sarà alla prima occasione,
dunque non fate l'errore di puntarci per riempire quell'ultimo
slot che vi è rimasto a centrocampo quando starete
raschiando il fondo del barile per completare il reparto:
fareste l'errore di occupare uno slot che rimarrebbe
inutilizzato fino alla vostra prossima sessione di mercato.
SCHEDA
NAPOLI 4-3-3

MERTENS
INSIGNE POLITANO

ZIELINSKI FABIAN RUIZ


DEMME

MARIO RUI DI LORENZO


KOULIBALY MANOLAS

OSPINA

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Ospina 51% - Meret 49%
Manolas 45% - Maksimovic 30% - Rrahmani 25%
Demme 60% - Lobotka 40%
Politano 60% - Lozano 40%
Mertens 55% - Osimhen 45%
FORMAZIONE ALTERNATIVA
4-2-3-1
OSPINA
DI LORENZO - MANOLAS - KOULIBALY - MARIO RUI
DEMME - FABIAN RUIZ
POLITANO - MERTENS - INSIGNE
OSIMHEN

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
INSIGNE INSIGNE POLITANO
MERTENS MERTENS MARIO RUI
OSIMHEN MILIK INSIGNE
MILIK/PETAGNA MARIO RUI MERTENS
I NOSTRI CONSIGLIATI

DI LORENZO
Dopo aver disputato su buonissimi livelli almeno i tre quarti della
sua prima stagione in azzurro, il terzino ex Empoli merita di avere
una considerazione maggiore nelle aste di settembre. Certo
qualcuno potrebbe dissentire e replicare che le sue prestazioni
nel post-lockdown non siano state chissà quanto positive, ma chi
lo ha seguito con costanza nelle sue ultime due stagioni (le prime
nella massima serie per lui) non può che riconoscergli il merito di
aver disputato una grandissima stagione ad Empoli, con un
inaspettato exploit che ha avuto poi un seguito forse anche al di
là delle più rosee aspettative qui a Napoli, dove ha conquistato
più volte la palma di migliore in campo.
Di Lorenzo rappresenta il classico terzino tutto corsa e polmoni
d’acciaio, ma non solo. Ha infatti dimostrato di saper interpretare
bene sia la fase difensiva che quella offensiva offrendo all’ala
destra azzurra un valido supporto con le sue continue sgroppate
sulla fascia. Nonostante abbia concluso la stagione con soli due
assist a referto, le sue statistiche raccontano di come in quasi
ogni partita fornisca in media almeno un passaggio chiave per gli
attaccanti, che sappiamo quanto in questa squadra pecchino
purtroppo ancora troppe volte in cinismo. Se a questo
aggiungiamo la possibilità di realizzare anche qualche goal da
piazzato, essendo molto bravo nei tempi di inserimento
nonostante un’altezza non così importante, si capisce che con un
anno in più di affiatamento alle spalle ha tutte le potenzialità per
confermare, o addirittura migliorare, il suo rendimento in maglia
azzurra.
Considerando inoltre che rispetto all’anno scorso potrà essere
gestito meglio, senza i doppi impegni con la Champions e con la
possibilità di impiego di Hysaj ed eventualmente Malcuit (che
tuttavia non dovrebbero rubargli troppe presenze in
campionato), tra i vari difensori azzurri ci sembra che possa
essere proprio lui una pedina stuzzicante da puntare all’asta
quest’anno per il vostro reparto arretrato.
MERTENS
Con l’arrivo di Milik si pensava che Mertens potesse essere
messo da parte e così non è stato. Ora che il Napoli ha appena
concluso il trasferimento più oneroso della sua storia in
molti sostengono che il neoarrivato Osimhen possa fin da
subito scalzare il belga dalle gerarchie. Del resto, i numeri di
Dries non sono stati così esaltanti in questo campionato
appena concluso, l’età che avanza segna un +1 e se 2+2 fa 4 la
tentazione di depennare il suo nome dal vostro taccuino con
gli obiettivi per l’asta potrebbe essere forte. Ed invece noi
crediamo che il folletto belga possa ancora dire la sua. Non a
caso è arrivato dopo tanto tiro e molla il famigerato rinnovo
contrattuale, con la benedizione di Gattuso, che legherà a
doppio filo il suo nome con questa squadra, dopo esserne
diventato il miglior realizzatore di tutti i tempi. Ma a parte
queste questioni prettamente “romantiche” ciò che ci
interessa segnalare è che innanzitutto i numeri dell’anno
scorso, per quanto più poveri rispetto ai bottini delle stagioni
precedenti, vanno letti anche nell’ottica di una squadra che
ha palesato grosse difficoltà con Ancelotti e che ha vissuto
con poche motivazioni il periodo tra la finale di coppa Italia e
l’appuntamento con il Barcellona in Champions. Altro dato da
sottolineare è che questa riduzione dei goal di Dries è stata
figlia anche di una riduzione del suo minutaggio rispetto alle
precedenti stagioni, più che di prestazioni deludenti. Quindi,
come bisogna inquadrare questo Mertens in questo Napoli?
A nostro avviso, ad oggi, è proprio lui l’usato garantito di
questa squadra, nonché l’unico attaccante che offre
certezze sia in termini di buoni voti che di bonus. Certo, ci sarà
un investimento importante come Osimhen con cui dividersi
una maglia da titolare, ma Gattuso non rinuncerà a cuor
leggero ad uno come lui e anzi, in ritiro, sta provando
situazioni tattiche proprio per cercare di far convivere i due.
Alla fine della fiera, quindi, è giusto valutare il nostro Ciro
come un nome di seconda fascia, che potrà portare
realisticamente una doppia cifra di reti con una manciata di
assist e una discreta fanta-media. Certo, non bisogna
pensare a lui come il primo slot che fu nei tempi d’oro di Sarri.
ma a nostro parere con molti fari puntati su Osimhen, il belga
può rappresentare un’ottima occasione da non farsi sfuggire
qualora dovesse andar via a prezzi adeguati.
LE POSSIBILI SORPRESE

OSIMHEN
Best scenario: Cavani 2010/2011.
Worst scenario: Lozano 2019/2020.
Dal tipo di giocatore e da quanto ci si aspetta questi sono i
due scenari estremi dell'aspettativa caduta sul nigeriano,
due punti di una linea che mettono in correlazione il flop e il
top. Cosa riuscirà a portare il nigeriano? Ecco, dare una
risposta a questo interrogativo è di una difficoltà al limite
dell'impossibile, in quanto parliamo di un giocatore ancora
giovanissimo ma che ha già anni sulle spalle di calcio giocato
in cui ha provato tante esperienze in giro per l'Europa:
dall'annata persa per un infortunio a quella in cui invece ha
segnato molto spesso, dalla stagione di affermazione al
torneo under-17 da record. Insomma, è inutile nascondere
che sul giocatore ci siano grandi aspettative (anche per via
del prezzo pagato dal Napoli), fortunatamente il rinnovo di
Mertens gli permetterà di avere un "paracadute" in caso di
ambientamento difficoltoso almeno nelle prime settimane,
anche perché se si andasse per le lunghe chiunque
comincerà a mugugnare come con Lozano l'anno scorso.
E quindi fantacalcisticamente? Nel breve periodo molto
probabilmente partirà dietro Mertens (anche se Gattuso sta
provando pure a farli coesistere) in modo da migliorare quei
difetti che ha (soprattutto dal punto di vista tecnico) ed
esaltarne le qualità (lato fisico). Per questo motivo in queste
prime aste l'importante sarà non strapagarlo in quanto il
rischio c'è, d'altra parte il suo potenziale è altissimo e per
questo dovrete essere bravi durante l'asta a giocare
d'astuzia nel non far impennare il prezzo e magari
accoppiarlo a Mertens (ma, memori degli anni scorsi con
Mertens/Milik, sapete già le grandi difficoltà della coppia).
Nel medio-lungo periodo starà a lui, più renderà e mostrerà i
risultati di questo adattamento, più giocherà.
E si spera, segnerà.
ZIELINSKI
Veramente misero il bottino della passata stagione per un
giocatore che ci ha sempre abituato abbastanza bene e da
cui, da sempre, ci si aspetta quell'esplosione come erede di
un certo Marek Hamsik.
E si riparte proprio da questo punto, il polacco ha appena
firmato un rinnovo che lo lega a doppio filo col club azzurro
con uno stipendio da big e con una clausola da 100 mln che
scoraggerà - a meno di esplosioni già citate - eventuali club
interessati. Adesso starà a lui, i mezzi il giocatore li ha, la
titolarità anche e se si continuasse con il 4-3-3 visto con
Gattuso il suo ruolo sarà fondamentale e appetitoso anche
dal lato fantacalcistico. La benedetta doppia cifra di gol per
Piotr la si aspetta fin dal suo arrivo nel club azzurro e
potenzialmente ha solo una minaccia che potrebbe
definitivamente fargli saltare questa possibilità: il ritorno
del 4-2-3-1, il suo impiego nei 2 di centrocampo lo
azzopperebbe fantacalcisticamente in modo quasi
irreversibile. Quindi dita incrociate per i suoi possessori.

MARIO RUI
E qui il nome rischioso.
Sapete già tutti cosa aspettarvi da Marione, giocatore solido
ma non spettacolare, piuttosto avaro di bonus e spesso
amante del cartellino; eppure quest'anno parte finalmente
con i galloni di terzino sinistro titolare, forte di un robusto
rinnovo di contratto, con concorrenti sulla carta inferiori (di
Ghoulam è rimasto solo il nome) e non nomi probabili di
mercato che verrebbero solo a fargli panchina. Che giunga
finalmente l'annata della consacrazione e del ritorno ai fasti
di Empoli? Di certo tutto gioca a suo favore e la speranza che
possa finalmente sbloccarsi lato bonus c'è.
Se pagato relativamente poco, questa può essere davvero
una sorpresa.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

HYSAJ
Come da tradizione rieccoci a parlare del povero Elseid in
questa sezione. Media voto al di sotto della sufficienza
anche se di poco ad onor del vero ma bonus peggio che con il
contagocce. Nell'ultima stagione causa il lungo infortunio di
Malcuit ha giocato un discreto numero di partite
approfittando della possibilità di poter giocare anche sulla
sinistra ma proprio su quella fascia la società è alla ricerca di
un profilo che possa giocarsi il posto con Mario Rui. Quindi va
da sé che lo spazio a disposizione dell'albanese potrebbe
diminuire ancora e ancora, risultando poco utile al
fantacalcio se non preso in coppia con Di Lorenzo in leghe
numerose.

MANOLAS
Se vi siete ripresi dalla sincope appena letto il nome in rosso,
lasciate che vi spieghiamo il perché. Manolas NON è uno
sconsigliato come gli altri e vi confessiamo che la decisione
di inserirlo in questa sezione non è stata facile ma il perché è
più chiaro e semplice di quanto possa sembrare. Ora come
ora la difesa del Napoli è un'incognita e questo è meglio lo
sappiate bene in sede d'asta. Il mercato è imprevedibile e non
è un segreto che uno dei difensori più forti della storia del
Napoli faccia gola a diversi club: dalla sua partenza dipende
la rifondazione del reparto. E di riflesso questo influisce
anche sul greco che ha palesato nella scorsa stagione la
necessità di avere al suo fianco un compagno che sappia
dettare i tempi alla linea difensiva. Quindi, alla fine della
fiera, Manolas diventa sconsigliato se e solo se doveste
pagarlo troppo, come un top, perché il rischio che non renda
come tale purtroppo c'è.
DEMME/LOBOTKA
Che si continui con il 433 o si passi al 4231, i due sono sempre
quelli da evitare. Giocando da vertice basso avanti la difesa i
bonus sono più unici che rari, basti vedere non solo i dati della
scorsa stagione ma anche i numeri in carriera dei due
centrocampisti arrivati a gennaio, profili non proprio avvezzi
al gol e all'assist ma piuttosto alla rottura e alla costruzione
dal basso del gioco. Tradotto in linguaggio fantacalcistico:
utili esclusivamente per il voto, intorno alla sufficienza, per
completare il reparto tenendo presente però che entrambi
sono a rischio giallo per la posizione in campo e che per
essere sicuri del voto sarebbe più saggio acquistare
entrambi. C'è sicuramente di meglio nel listone.
SCHEDA
PARMA 4-3-3

GERVINHO INGLESE

KUCKA

KURTIC GRASSI
BRUGMAN

GAGLIOLO DARMIAN
B. ALVES IACOPONI

SEPE

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Grassi 55% - Hernani 45%
Brugman 40% - Scozzarella 40% - Hernani 20%
Inglese 70% - Cornelius 30%
Gervinho 60% - Cornelius 40%
FORMAZIONE ALTERNATIVA
4-3-1-2
SEPE
DARMIAN - IACOPONI - B.ALVES - GAGLIOLO
HERNANI - BRUGMAN - KURTIC
KUCKA
INGLESE - GERVINHO

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
INGLESE/KUCKA B.ALVES KURTIC
(ordine da KURTIC BRUGMAN
verificare) HERNANI HERNANI
BRUGMAN SCOZZARELLA
I NOSTRI CONSIGLIATI

KUCKA
Giocatore esperto ed affidabile che garantisce un certo tipo di
rendimento. La sua capacità sia di farsi sentire in mezzo al campo
che di inserirsi senza palla lo porta ad essere un centrocampista
dal bonus facile il tutto con una MV sufficiente. Se venisse
confermato rigorista (se la gioca con Inglese ed Hernani
attualmente) il suo appeal sarebbe sicuramente ottimo anche se
non bisogna considerarlo un TOP assoluto.
LE POSSIBILI SORPRESE

INGLESE
Potrebbe essere la stagione del riscatto dopo 1 anno e mezzo
di infortuni gravi che lo hanno costretto a lunghi periodi ai
box facendogli perdere sempre più fiducia e condizione fino
all'esplosione di Cornelius. Alle varie aste andrà via
presumibilmente per pochi crediti ma se restasse sano
potrebbe essere un bel colpo nonostante la concorrenza
spietato dal danese..sicuramente i dubbi sulla sua tenuta
fisica sono più che legittimi ed è una scommessa da fare solo
se si è disposti a rischiare.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

GERVINHO
Attorno a lui ci sono tante voci di mercato e il Parma sta
valutando seriamente di cederlo per fare cassa e finanziare il
mercato. Inoltre la sua collocazione tattica potrebbe non
essere quella ideale nel caso Liverani decidesse di vagliare il
4-3-1-2 anche se sarebbe adattabile nel ruolo di seconda
punta. Sicuramente nella scorsa stagione ha dimostrato un
certo calo fisico e delle lunghe pause all'interno delle partite,
segnali di un declino che pare ormai prossimo.
SCHEDA
ROMA 3-4-2-1

DZEKO
MKHITARYAN PELLEGRINI

SPINAZZOLA B.PERES
VERETOUT DIAWARA

FAZIO IBANEZ MANCINI

PAU LOPEZ

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
[3-4-2-1] 50% - [4-2-3-1] 50%

Pellegrini 45% - Pedro 30% - Perez 25%


FORMAZIONE ALTERNATIVA
4-2-3-1
PAU LOPEZ
B.PERES - MANCINI - IBANEZ - SPINAZZOLA
DIAWARA - VERETOUT
PEDRO - PELLEGRINI - MKHITARYAN
DZEKO

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
PEROTTI PELLEGRINI VERETOUT
VERETOUT VERETOUT PELLEGRINI
PELLEGRINI
DIAWARA / PEDRO
I NOSTRI CONSIGLIATI

MKHITARYAN
Dopo essere stato scommessa vincente lo scorso anno, ora
l'armeno è pronto per cominciare la stagione da valore aggiunto
della rosa giallorossa. La sua collocazione come centrocampista
ne alza tanto l'appetibilità, considerando che l'anno scorso nelle
22 presenze che ha collezionato ha sfiorato la doppia cifra
condita anche da 5 assist. Anche lui è un giocatore integro
(nonostante qualche malalingua lo dava per finito) e quindi non
essendo ad oggi in discussione la sua titolarità si può sperare che
quest'anno riesca a superare le 22 presenze e perché no, magari a
trovare la sua doppia cifra. Ogni anno è diverso, per carità, e non è
mai facile riconfermarsi, specie superati i 30 anni, ma le
potenzialità per farvi alzare dal divano diverse volte ci sono
tutte. E poi il brivido di condividere sui gruppi whatsapp la
canzoncina de "l'armeno che va come un treno" è una sensazione
che va provata.
LE POSSIBILI SORPRESE

PEDRO
La possibile sorpresa ci sembra la collocazione ideale per un
giocatore che arriva con una bacheca personale più fornita di
quella del club, e lo fa a 33 anni, quindi ancora
potenzialmente come giocatore importante. Lo scorso anno
le presenze sono state solo 11, ma per la concorrenza nel
Chelsea non per problemi fisici. Il giocatore appare integro
insomma, ecco perché la scommessa ci sta tutta. Con una
doverosa precisazione però: Pedro in carriera ha segnato
oltre 150 gol, ma divisi in tutti i suoi anni di Liga e Premier ed in
tutte le competizioni. Non è un bomber, il record stagionale è
15 registrato ai tempi del Barcellona, e solo 3 volte in carriera
è andato in doppia cifra (sempre in Liga). Insomma
scommessa sì, ma a patto non lo paghiate come un bomber.
Abbiamo la sensazione che per una serie di motivi (arrivo in
agosto, parametro zero, età avanzata, titolarità non
garantita) possa essere quasi dimenticato in sede d'asta.
Ecco voi non fatelo, perché può essere una pedina
interessante preso a pochi crediti.

VERETOUT
Arrivato la scorsa stagione a Roma, ha portato a termine un
processo di crescita importante che l'ha portato ad essere un
vero riferimento per il fantacalcio: un vero stacanovista del
6,5. Ricordiamo che lui batte sia i piazzati (senza Kolarov..) e
soprattutto, senza Perotti in campo e se non dovesse
arrivare una punta rigorista...lui sarebbe il rigorista principe
di questa squadra. Ai tempi del var, l'anno scorso alcuni
giocatori sono arrivati in doppia cifra solo di rigori... Per
questo vi invitiamo a prendere in considerazione l'idea di
prenderlo se dovesse essere snobbato alle aste. Può essere
tranquillamente quel giocatore di rendimento sotto ai top...O
forse qualcosa di più.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

PAU LOPEZ
All'inizio sembrava un buon portiere, senza infamia e senza
lode. Classico portiere da 6,5 a partita, senza acuti, senza
parate fenomenali. Poi però qualcosa nella sua testa è
successo, forse dal derby del girone di ritorno. Da quel
momento in poi è apparso insicuro e spesso ha anche
commesso qualche papera di troppo. Inoltre la fase difensiva
della Roma non lo aiuta per niente. In questo momento la
Roma è senza Smalling e, nonostante il mercato sia ancora
lungo e dovrà venire dal mercato un difensore titolare, la
fase difensiva con i suoi attuali interpreti non convince per
niente. Perciò a malincuore, vi consigliamo di non puntare su
di lui, se volete una porta top che non vi faccia prendere gol
ogni domenica. Perché ad oggi la Roma è la più debole
difensivamente parlando tra i top club di serie A. Inoltre lo
stesso Pau non sembra essere una bestia da modificatore.

GLI ESUBERI
Siamo quasi in imbarazzo ma signore e signori, ad oggi, la
situazione è questa: Olsen, Florenzi, Santon, Karsdorp, Juan
Jesus, Coric, Pastore, Schick, Dzeko, Under e Kluivert (ci
sarebbero pure Fazio e Perotti). Un intero 11 sul mercato,
fuori dal progetto. Al momento ci sono interi buchi in alcuni
reparti. Lo scenario è veramente incredibile, ma è questo.
Probabilmente arriveranno nuovi giocatori, sicuramente un
difensore centrale, almeno due terzini e una vice punta. Noi
speriamo che la situazione si definisca il prima possibile.
Perciò evitate di prendere uno o più dei giocatori citati sopra
(molti di questi anche se rimanessero non avrebbero molto
spazio). L'unico su cui si può fare una eccezione è
chiaramente Dzeko, che, se rimanesse, sarebbe ovviamente
il titolare. Insomma, l'unica cosa che possiamo dirvi è di
monitorare la situazione in casa Roma e stare molto attenti.
SCHEDA
SAMPDORIA 4-4-2

QUAGLIARELLA GABBIADINI

JANKTO RAMIREZ

EKDAL THORSBY

AUGELLO BERESZYNSKI
COLLEY YOSHIDA

AUDERO

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
YOSHIDA [40%] - FERRARI [30%] - TONELLI [30%]
AUGELLO [55%] - MURRU [45%]
BERESZYNSKI [60%] - DEPAOLI [40%]
THORSBY [60%] - VIEIRA [40%]
RAMIREZ [70%] - DEPAOLI [30%]
GABBIADINI [40%] - QUAGLIARELLA [40%] - BONAZZOLI [20%]
FORMAZIONE ALTERNATIVA
4-3-1-2
AUDERO
BERESZYNSKI - YOSHIDA - COLLEY - AUGELLO
THORSBY - EKDAL - VIEIRA
RAMIREZ
GABBIADINI - QUAGLIARELLA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
QUAGLIARELLA RAMIREZ RAMIREZ
RAMIREZ GABBIADINI GABBIADINI
GABBIADINI DAMSGAARD
QUAGLIARELLA/JANKTO
I NOSTRI CONSIGLIATI

RAMIREZ
Appena 12 mesi fa lo avevamo inserito (nostro malgrado) tra gli
sconsigliati a causa di un mercato che lo dava come partente, un
modulo (433) che non lo valorizzava e un tecnico che lo
considerava la 2-3 scelta nel ruolo di esterno offensivo. La
situazione e' drasticamente cambiata con l'arrivo di Mister
Ranieri e se oggi siamo ancora in A gran parte del merito e' anche
del talento Uruguaiano che si e' caricato la squadra sulle spalle
quando piu' ce n'era bisogno.
Il giocatore ormai lo conoscete; discontinuo ed umorale ma
anche geniale ed esaltante. Puo' giocare sia largo in un
centrocampo a 4 che trequartista se si passasse al 4312 o ad un
piu' coperto 4411. La MV non sara' altissima ma 7 gol sono un bel
bottino per un centrocampista; considerate inoltre che potrebbe
trovarsi a battere i rigori in caso Quagliarella non fosse in campo
(come successo a Lecce). La sua gestione non sara' sempre facile
ma noi pensiamo che il rischio possa valere la candela.
LE POSSIBILI SORPRESE

AUGELLO
Da oggetto (rincalzo) misterioso a titolare quasi inamovibile,
la parabola dell'ex-Spezia Augello in blucerchiato e' stata
davvero impressionante. Complice le scadenti (tanto per
cambiare) prestazioni di Murru, il terzino Milanese si e' pian
piano preso il posto da titolare a sinistra finendo per mettere
a referto ben 15 presenze di cui il 90% post-COVID. Non
parliamo di un titolarissimo in quanto non possiamo dare
Murru per definitivamente accantonato Ma Augello ha
dimostrato di essere un davvero un bel giocatore in grado di
abbinare corsa a lucidita' e piedi discreti. Non parliamo di un
elemento che fara' svoltare le vostre rose ma se vi avanza
uno degli ultimi slot in difesa e volete puntare su un profilo
interessante a poco, lui e' il nome che fa per voi!

DAMSGAARD
Scommessa per eccellenza. Profilo giovane e semi-
sconosciuto, controllo elegante e dotato di buon dribling,
viene da una grande stagione (nel campionato Danese) nel
quale ha segnato 10 gol e 6 assist. Siete carichi e pronti ad
investire su di lui? Ok, ci sono un altro paio di cose da
considerare.
Come detto sopra, e' molto giovane (appena 20enne), si e'
imposto solo nella Danish Superliga giocando da esterno di
sinistra in un attacco a 3 (ruolo che Ranieri non prevede) e
sembra avere un fisico ancora piuttosto gracile. Tutto questo
per dire che probabilmente ci vorra' un po' per vederlo
titolare soprattutto perche' nell'adattarsi al campionato
Italiano dovra' anche interpretare un ruolo non suo
(presumibilmente quello di esterno largo a sinistra nel 442).
Insomma, la scommessa ci sta tutta ma dovete avere la
pazienza di aspettarlo.
BONAZZOLI
Altro giocatore completamente rinato post-COVID. Per lui
l'interrogativo e' semplice; quale versione di Bonazzoli
vedremo nella prossima stagione? Noi pensiamo che le
prestazioni della scorsa stagione non siano casuali e che il
ragazzo abbia davvero dei colpi. In piu' e' un giocatore molto
generoso che di fa sempre in quattro per aiutare i compagni e
questo viene spesso premiato in termini di voto. La
concorrenza nel ruolo esiste e la gestione non sara' delle piu'
agevoli visto che spesso potrebbe subentrare a gara in corso,
ma parliamo comunque di un profilo interessante che se
dosato il giusto potrebbe portarvi qualche gioia. E poi
chissa'... magari esplode definitivamente e diventa lui il
titolare la davanti.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

BERESZYNSKI
Se ci leggete da un poprobabilmente non vi servira' nemmeno
andare avanti a leggere queste poche righe visto che vi siete
gia' sentiti ripetere questa tiritera in lungo e in largo.
Cercheremo quindi di essere piu' concisi e chiari possibili:
Berecoso e' scarso. Non porta bonus manco a morire, e'
andato in doppia cifra di ammonizioni, commette errori su
errori e ogni (raro) 6.5 che prende serve solo ad invogliarvi a
schierarlo la domenica dopo salvo poi prendervi il suo 5 +
giallo, farvi perdere il modificatore di difesa e bloccarvi a
65.5. Piu' chiaro di cosi.

VIEIRA
Il giovane centrocampista inglese sembra ancora incastrato
in quella zona di limbo che differenzia un buon giocatore da
un mediocre. Mentre Ranieri cerchera' di trovargli un posto
tra i centrali di centrocampo e farlo progredire tatticamente
e in termini di scelte (che spesso risultano sbagliate) noi vi
consigliamo di assistere a questo processo da spettatori
disinteressati evitando di inserirlo nelle vostre rose salvo
poi dovervi lamentare per panchine, ammonizioni ed
espulsioni varie.
SCHEDA
SASSUOLO 4-2-3-1

CAPUTO
BOGA BERARDI
DJURICIC

LOCATELLI OBIANG

ROGERIO TOLJAN
FERRARI AYHAN

CONSIGLI

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Toljan 60% - Muldur 40%

Ferrari 30% - Ayhan 25%


Marlon 25% - Chiriches 20% (per 2 posti)

Rogerio 60% - Kyriakopoulos 40%

Djuricic 40% - Traorè 30% - Defrel 30%


FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
BERARDI/CAPUTO BERARDI BERARDI
(se li divideranno LOCATELLI BOGA
equamente) BOGA DJURICIC
AYHAN
I NOSTRI CONSIGLIATI

BERARDI
Berardi è il "giocatore totale" di questa squadra, abile in
entrambe le fasi di gioco; colui che fa la differenza nella qualità
della manovra. Quando manca, il Sassuolo fa più fatica a creare
gioco. A livello fantacalcistico ci aspettiamo titolarità fissa,
buona media voto, e circa una dozzina di goal, ma senza eccedere.
È bene guardare a lui non come un giocatore da 15/16 reti, ma da
11/12 con rendimento continuo e buone prestazioni; quello che
verrà in più, sarà tanto di guadagnato. Unica pecca negativa è che
è rimane un giocatore che, tra acciacchi e squalifiche, 7/8 partite
durante l'anno le salta, e parliamo circa del 20% delle partite
totali (si è già fermato in preparazione, sperando che la cosa non
influisca troppo). Infine, rispetto allo scorso anno, preparatevi a
spendere cifre decisamente più alte. Difficilmente potrà essere
l'affare che è stato per molti lo scorso campionato.

BOGA
Boga è il funambolo della squadra emiliana. Giocatore dal talento
offensivo notevole, nello stretto è spesso incontenibile per la
maggior parte dei difensori della Serie A. Sta migliorando anche
nel gioco senza palla e ci aspettiamo la stagione della
consacrazione, che sarà probabilmente l'ultima con la maglia del
Sassuolo. Tuttavia, anche per lui, il bottino finale in termini di reti
dovrebbe aggirarsi attorno a quello dello scorso anno (circa una
decina di goal) e quindi i miglioramenti li dovremmo vedere
soprattutTo nella media voto, non eccessivamente alta, dato che
spesso gli capita di estraniarsi dal gioco per lunghi periodi e di
essere troppo legato alla singola giocata. La speranza è che
possa migliorare sotto quel punto di vista per consacrarsi come
uno dei migliori esterni del campionato. A livello di prezzo, anche
per lui prevediamo una crescita esponenziale, dato che lo scorso
anno in alcune leghe rimase addirittura tra gli svincolati.
Potrebbe andare via a cifre leggermente inferiori rispetto a
Berardi, in quanto meno completo e continuo, ma non ci
stupiremmo di vederlo attorno al 10% del budget, o comunque
vicino a cifre simili a quelle del talento calabrese.
CAPUTO
Infine c'è lui, che con De Zerbi è riuscito a consacrarsi ad altissimi
livelli anche in Serie A, conquistando la sua prima convocazione
in nazionale. In grado di spaziare su tutto il versante offensivo
per non dare punti di riferimento ai difensori avversari, è un
giocatore esperto ed intelligente, nonché bomber di razza, con
191 reti in 465 partite tra i professionisti; purtroppo è arrivato
tardi in Serie A. Inevitabile dire che sarà il titolarissimo anche
quest'anno e che almeno 15/16 goal ce li aspettiamo, conditi da
qualche assist (6 lo scorso anno). Tuttavia, anche in questo caso,
bisogna smorzare alcuni entusiasmi, sempre se pensiamo al
prezzo a cui potrebbe andare via. Non si discute sulla qualità del
giocatore, che non a caso consigliamo, ma nelle liste attuali lo
dobbiamo considerare un primo slot; di conseguenza,
preparatevi a pagarlo cifre importanti. Il difficile sarà mantenere
la ventina di reti segnate lo scorso campionato, sia perché ci
aspettiamo che i difensori avversari possano prenderci un po' le
misure, sia perché Defrel, se rimarrà sano, dovrebbe farlo
rifiatare più dell'anno scorso (anche perché Caputo va per i 34
anni).
In conclusione, è bene ricordare che il Sassuolo è stata una di
quelle squadre che ha saputo capitalizzare al meglio la seconda
parte di stagione, con le partite molto ravvicinate. I ragazzi di De
Zerbi hanno spinto molto, contando anche su un buon turnover,
mentre molte squadre sono andate in difficoltà, mollando
virtualmente in anticipo la competizione. Dobbiamo aspettarci
quindi un modo di giocare sì offensivo, ma più dosato, che
potrebbe non andare incontro alle aspettative esagerate di
alcuni fanta-allenatori che vedono più di 20 goal per Caputo e 15 a
testa per Berardi e Boga. Tuttavia, possiamo dire che il trio delle
meraviglie potrà garantire (in totale) circa 40/45 reti (lo scorso
anno sono state 47).
Infine, piccolo consiglio di una gestione non sempre semplice:
qual è il modo migliore per non perdersi i loro bonus? Metterli
sempre, contro chiunque (basta vedere quanti goal hanno
segnato contro le big).
LE POSSIBILI SORPRESE

DJURICIC
in questa nuova posizione, in questo nuovo modulo, e sotto la
guida del suo maestro De Zerbi, il trequartista serbo ha
svoltato non solo la stagione, ma forse anche la sua carriera.
Adesso è chiamato a confermare le buone cose fatte vedere il
campionato scorso, e se è riuscito a portare 5 gol e 4 assist
giocando solo 18 partite da titolare, figuriamoci cosa può fare
qualora trovasse un posto più stabile negli 11 titolari.
Considerarlo un semi top può essere avventato, data la sua
proverbiale discontinuità, e la concorrenza agguerrita alle
sue spalle; ma bisogna dire che sulla continuità di
rendimento è migliorato tanto, quindi sulla carta ha tutto per
diventare un elemento importante al fantacalcio, quindi
cercate di prenderlo all’asta.
TOLJAN E MULDUR
i terzini delle squadre di De Zerbi sappiamo che spingono
molto e possono essere interessanti per il fantacalcio. Se lo
scorso anno, escluso Rogerio, che però era infortunato,
erano tutti nuovi e sconosciuti, portandoci ad avere diversi
dubbi sul rendimento che avrebbero potuto avere, adesso
che abbiamo imparato a conoscerli, la nostra attenzione si
sposta sull’out di destra, dove Toljan e Muldur ci ispirano un
bel pò. Il primo più maturo e ordinato, diventa interessante in
ottica “assist”, visto che gli piace molto andare sul fondo e
crossare; tra l’altro, con Berardi che attira molta attenzione
su di sé, le sovrapposizioni del tedesco diventano pericolose,
potendo godere a volte di una certa libertà. Il secondo invece
è più un cavallo pazzo; dietro è ancora acerbo, e commette
errori di gioventù che possono penalizzarlo in ottica voto, ma
in avanti è molto pericoloso, in quanto cerca e trova spesso
l’iniziativa personale. Il problema è chiaramente che, non
essendoci una definizione assoluta nell’ordine delle
gerarchie, andreste a prendere, se ne prendete solo uno, un
giocatore che non vi può garantire la titolarità; tuttavia
restano entrambi delle scommesse interessanti, dal buon
potenziale. Una buona idea potrebbe essere quella di
prenderli in coppia, però forse meglio per delle leghe a 10;
sotto questo numero può diventare un po’ forzata come
scelta.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

CHIRICHES
giocatore di grande esperienza e difensore di livello
sicuramente alto; se non avesse continui problemi fisici,
probabilmente giocherebbe in qualche squadra che milita in
Champions League. Però, purtroppo, di problemi fisici ne ha
in continuazione già da diversi anni; nelle ultime 8 stagioni si
contano 14 infortuni, per un totale di 582 giorni di
indisponibilità e quasi 100 partite saltate. Nemmeno la sua
prima stagione in nero-verde è stata un'eccezione e, con ogni
probabilità, verrà dosato con la massima attenzione dal
mister. Di partite ne giocherà, ma sarà difficile capire quante
ne farà (e quando); sempre ammesso e non concesso che
riesca a rimanere sano.

MARLON
Discorso non molto diverso da quello fatto per Chiriches. Il
brasiliano, infatti, quando viene chiamato in causa nelle
prime apparizioni parte sempre abbastanza male, ma dopo
2/3 partite, evidentemente necessarie per prendere il ritmo,
diventa quasi fondamentale per gli equilibri difensivi del
Sassuolo, migliorando notevolmente il proprio rendimento.
Il problema è che anche lui sembra avere continui problemi
muscolari che rischiano di tenerlo lontano dai campi in
maniera abbastanza frequente e, alle volte, anche per lungo
tempo. Basti pensare che, da ipotetico titolare, ha giocato
appena 40 partite in due stagioni. Aggiungiamoci poi la
bassissima propensione al bonus e la concorrenza
inevitabile del nuovo acquisto Ayhan, che ha caratteristiche
simili alle sue, e capite bene che forse non ha molto senso
puntare su di lui, se non in leghe numerose e comunque senza
problemi di copertura.
SCHEDA
SPEZIA 4-3-3

GALABINOV
GYASI MASTINU

MAGGIORE BARTOLOMEI
RICCI

MARCHIZZA FERRER
TERZI ERLIC

ZOET

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Ferrer [50%] - Sala [50%]
I NOSTRI CONSIGLIATI

BARTOLOMEI
Avremmo potuto tranquillamente consigliarvi un attaccante o
due magari. Ma noi abbiamo l' «Hernanes dei poveri» e nessuno
ce lo toglierà, almeno per quest'anno o finchè non lo vedranno
all'opera nella massima serie, vorranno accaparrarselo tutte le
più grandi società! Si appresta inoltre a vincere l'ambito
Aquilotto Reale quest'anno. Poco da dire su questo calciatore è
già tutto scritto nella sua descrizione in scheda. Possiamo solo
aggiungere una cosa noi: prendetelo!
FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
RICCI BARTOLOMEI BARTOLOMEI
GALABINOV
LE POSSIBILI SORPRESE

RICCI / MAGGIORE
Per un motivo o per un altro le possibili sorprese a nostro
avviso potrebbero essere questi due giovani calciatori.
Talenti cristallini che alla loro prima esperienza in serie A
potrebbero far vedere tante cose interessanti. Ricci
dovrebbe avere dalla sua i rigori e scusate se è poco per un
centrocampista di una neopromossa! Ottimi inserimenti e
visione da regista vero già affermato, sconvolgente per la
sua giovane età. Maggiore può solo crescere, questo ragazzo
ha il pallone nel sangue, lo si vede quando gioca, quando
tiene palla e quando respira lo stadio, insomma gli occhi ed i
piedi di chi il pallone lo sogna mattina e sera. Può diventare
tranquillamente uno dei vostri regolaristi preferiti. Presi a
poco e sottotraccia, crediamo possano regalarvi belle
soddisfazioni durante l'anno.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

I TERZINI
Il reparto arretrato tutto è da sconsigliare al momento
nonostante i due centrali pare reggano gli urti, però il punto
debole della squadra sono e restano i terzini, proprio per il
gioco che fà Italiano è così, quindi evitateli se potete.
SCHEDA
TORINO 4-3-1-2

BELOTTI ZAZA

VERDI

MEITE’ LINETTY
RINCON

RODRIGUEZ VOJVODA
BREMER N’KOULOU

SIRIGU

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Bremer 65% - Izzo 35%
Vojvoda 50% - Izzo 25% - Aina 25 %
Rodriguez 55% - Ansaldi 45%
Meitè 55% - Lukic 45%
Verdi 70% - Iago Falque 20% - Berenguer 10%
FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
BELOTTI RODRIGUEZ (da dx) VERDI
RODRIGUEZ VERDI (dx sx) ANSALDI
VERDI ANSALDI BERENGUER
BELOTTI
I NOSTRI CONSIGLIATI

BELOTTI
In maniera non troppo dissimile dall'anno scorso, "chi se non lui?"
Belotti è il capitano e l'anima della squadra, e su questo non ci
piove. Le offerte e i rumors su di lui sembrano lontani, pertanto
anche quest'anno sarà il Gallo a guidare il toro alla carica delle
difese avversarie. Contestualizzando l'ultima stagione, il bottino
di 16 gol finale ha rispettato abbastanza le attese, pur pesando
nel complesso i ben 7 gol su rigore, ma per l'appunto parliamo di
un'annata travagliata con un cambio di panchina nel clou della
stagione. Da questo punto di vista Belotti rappresenta ormai una
certezza fantacalcistica, in quanto difficilmente ci aspettiamo
un crollo verticale dei suoi numeri, a meno di grossi infortuni. A
ciò va sommato una grande dedizione in fase di pressing, aspetto
spesso ben valutato dai pagellisti. Va precisato comunque che su
di lui non riteniamo vada esercitata una spesa da supertop di
reparto, fomentata dal ricordo della stagione dei 26 gol di 3 anni
fa o magari dal presentimento di una stagione "alla Quagliarella"
con Giampaolo, con cui peraltro le prime punte spesso faticano
inizialmente. Concludendo e provando a pronosticare,
potremmo ipotizzare un complessivo di gol e assist vicino alla
ventina; quindi se cercate un puntero affidabile, dalle poche
insufficienze e dalla cresta alta, il Gallo può fare ancora una volta
al caso vostro.
LE POSSIBILI SORPRESE

BREMER
Fosse stato confermato un sistema di gioco con difesa a 3, il
giovane brasiliano sarebbe stato consigliato senza troppi
dubbi come colpo low cost. Dopo un avvio di stagione con
tanti errori, tra rigori concessi ed espulsioni, è
definitivamente maturato rendendosi una delle poche note
liete della passata stagione e mettendo a referto anche ben 5
marcature tra campionato e Coppa Italia.
Tuttavia le perplessità legate all'adattamento alla difesa a 4
ed ad una possibile concorrenza di giocatori acquistati più
avanti nel mercato, unitamente al fatto di esser rimasti
scottati lo scorso anno da prospetti come Lyanco o Bonifazi,
fanno sì che vada considerato come una possibile sorpresa.
Il costo non sarà molto elevato e le possibilità di ritrovarsi in
squadra una pedina per il modificatore con qualche bonus in
canna sono buone.

VOJVODA
Colpo di mercato di metà agosto abbastanza inaspettato,
dato che su di lui era forte l'interesse dell'Atalanta. Il
kosovaro ha delle doti importanti come la progressione e il
dribbling, su di lui non mancano quei tipici video su youtube
ricchi di tocchi di suola e finte/controfinte da far luccicare gli
occhi. Non sarà certo immediata la sua imposizione in un
calcio molto più ordinato come quello italiano, ma allo stesso
tempo il gioco palla a terra di Giampaolo potrebbe giovare
alle sue capacità tecniche. Una scommessa da talent-scout
su cui scommettere qualche credito, senza esagerare però.
VERDI
"Ma come Verdi?!" In molti se lo chiederanno, scottati da
un'ultima annata fatta inizialmente da insufficienze a
ripetizione e diversi acciacchi qua e là. La sorpresa potrebbe
essere anche un semplice ridimensionamento;
ripercorrendo lo storico dei trequartisti di Giampaolo,
troviamo una serie di nomi, anche dimenticati e tutt'altro che
esaltanti, che si sono sempre avvicinati alla doppia cifra tra
gol e assist. Inoltre il Torino ha comunque fatto un
investimento molto oneroso per la dimensione della società
l'anno scorso, per questo motivo immaginiamo che Simone
sia, allo stato attuale ed a meno di nuovi acquisti, al centro
del progetto. Fantacalcisticamente non vanno investite cifre
importanti, una spesa da scommessa media sull'ex Napoli e
Bologna potrebbe valere la candela per trovarsi una buona
risorsa nelle vostre rose.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

AINA
Il nigeriano partiva lo scorso anno come possibile sorpresa,
ma non ci è voluto molto per capire che la sorpresa sarebbe
stata negativa. Nonostante non abbia mai avuto infortuni di
rilievo, non ha mai convinto al punto da conquistarsi un posto
d a t i t o l a re , r a cco g l i e n d o u n a m e d i a a m p i a m e n t e
insufficiente, corredata da diversi cartellini e 1 misero assist.
Il fatto di essere un giocatore molto svogliato
difensivamente non lo fa sembrare adatto a giocare nella
difesa a 4, ove Giampaolo chiede ai terzini grande dedizione e
attenzione, cosa che spesso li ha resi non troppo appetibili al
fantacalcio. Come se non bastasse, la concorrenza del nuovo
acquisto Vojvoda (e potenzialmente di Izzo, aspettando
notizie dal mercato in uscita) non giocano a suo favore. Si può
trovare sicuramente di meglio come slot scommessa o slot
tappabuchi.
ANSALDI
Attenzione; l'argentino non è sconsigliato a prescindere, lo
sottolineiamo prima di tutto. Ciò che ci preme spiegare per
mettervi in guardia è che potreste non vedere rispettate le
attese, soprattutto se ingolositi dal suo passaggio a
difensore e memori dell'ottima mv della scorsa stagione, con
4 gol e altrettanti assist ad impreziosire il tutto. Ci sono molti
elementi che spingono a mettervi in guardia: 1) il ritorno alla
difesa a 4, con il quale l'ex Inter tornerà sulla linea di difesa e
non più sull'esterno di centrocampo, 2) la non più giovine età
e la tradizionale propensione agli infortuni, 3) la concorrenza
di Rodriguez, che è stato pur sempre un acquisto fortemente
voluto dal mister, 4) il particolare nodo contrattuale del
rinnovo, che prevede un ulteriore anno qualora scattassero
le 20 presenze. Tutti questi elementi sommati assieme fanno
sì che per Ansaldi non riserveremmo spese da slot alto, come
magari potremmo essere tentati di fare dopo la scorsa
stagione ed il nuovo ruolo.
SCHEDA
UDINESE 3-5-2

LASAGNA OKAKA

ZEEGELAAR LARSEN

BARAK WALACE DE PAUL

SAMIR NUYTINCK BECAO

MUSSO

PRINCIPALI BALLOTTAGGI
Becao [35%] - Troost-Ekong [35%] - De Maio [30%]

Zeegelaar [70%] - Ouwejan [30%]

Barak [70%] - Jajalo [30%]


FORMAZIONE ALTERNATIVA

NON PREVISTA

TIRATORI E RIGORISTI
RIGORI PUNIZIONI ANGOLI
DE PAUL DE PAUL DE PAUL
LASAGNA BARAK JAJALO
JAJALO
I NOSTRI CONSIGLIATI

MUSSO
Miglior portiere per imbattibilità del precedente campionato,
Musso ha chiuso la stagione con una media voto maggiore di tanti
colleghi di reparto. Pesano i 51 gol subiti, ma il portierone
argentino, nel corso della stagione, si è spesso guadagnato la
palma di migliore in campo. Con un incrocio appropriato, anche
quest'anno potreste ritrovarvi un portiere fondamentale per il
vostro modificatore, e che può portare in dote un buon numero di
clean sheet.

NUYTINCK
Giocatore completamente rigenerato dalla gestione Gotti. Il
mister ha fatto dell'olandese il perno centrale della sua difesa a
tre, titolare indiscusso e autore di prestazioni di altissimo livello.
Ha tutte le carte in regola per ripetersi anche quest'anno.
Giocatore che passerà sicuramente sotto traccia, ma che può
dare grandissime soddisfazioni ai fantallenatori.

DE PAUL
Nel girone di ritorno della scorsa stagione l'argentino si è
scatenato, offrendo prestazioni di altissimo livello e numerosi
bonus ai suoi fantallenatori. Rigorista, tiratore di punizioni,
assist-man, è la stella indiscussa della squadra. Su di lui, però,
incombono le voci di mercato. Se restasse ad Udine, sarebbe un
top di reparto e il principale consigliato della squadra
bianconera.
LE POSSIBILI SORPRESE

BARAK
Attenzione: nome da seguire in base ai movimenti di mercato,
in entrata e in uscita. Dopo una buona stagione a Lecce, il ceco
sembra aver ritrovato la forma migliore, e se restasse a
Udine ha tutte le carte in regola per affermarsi come mezzala
titolare. In quel caso, sarebbe un nome molto, molto
intrigante per il vostro centrocampo, con la speranza che
possa ripetere la sua prima stagione in bianconero, in cui
mise a segno ben 7 reti.

LARSEN
Non sarebbe questa la sua reale collocazione, visto che per
molti è un regolarista conclamato e conosciuto. Quest’anno
però potrebbe addirittura sorprendere, visto il girone di
ritorno in crescendo, che l’ha visto vincitore sia morale che
tecnico in molti duelli personali contro i fluidificanti
avversari (ben più blasonati). Il giocatore vorrà ben figurare
per andare agli Europei; confidiamo quindi che, rispetto ai
soliti standard di rendimento, si possa annotare nel tabellino
anche qualche bonus in più.

LASAGNA
Classico giocatore che ogni volta può essere una delle
s o r p re s e d i g i o r n a t a . G i o c a t o re c l a m o ro s a m e n t e
discontinuo, alterna periodi di buona forma ad altri in cui
sparisce completamente. Il consiglio è di acquistarlo
consapevoli che sarà molto, molto difficile prendere i suoi
bonus, ma Kevin sarà ogni volta una carta su cui
s co m m e t t e re s e g l i a lt r i vo s t r i a t t a cc a n t i n o n v i
soddisferanno, da sfruttare nei suoi magic moment.
CALCIATORI SCONSIGLIATI

BECAO/DE MAIO/TROOST-EKONG
Sul centro-destra della difesa bianconera sono in tre a
giocarsi una maglia: Troost-Ekong, Becao e De Maio. Gotti li
ha alternati molto nella scorsa stagione, in base agli
avversari e al momento di forma dei giocatori. Nessuno dei
tre, però, è riuscito ad imporsi come titolare, e anche
quest'anno potremmo avere una situazione simile. La
gestione dei tre, quindi, potrebbe essere molto complessa:
meglio puntare su nomi più affidabili.

JAJALO
Inizialmente con Gotti, Jajalo aveva garantito un buon
rendimento, dando alla squadra equilibrio e sostanza a
centrocampo. È però diventato una riserva dopo gli exploit
dei centrali di centrocampo. Porterà spesso voto, ma anche
tantissimi cartellini. Non è un profilo da fantacalcio.

Potrebbero piacerti anche