Sei sulla pagina 1di 8

d) - nei terreni rimboschiti prima che siamo trascorsi 15 anni dalla messa a dimora delle piante.

2. È vietata la raccolta di carpofori del Genere Bo/etus e Xerocomus con diametro del cappello
inferiore a cm. 4, fatta eccezione per esemplari concrescenti non separabilì.
3. La raccolta di ovuli chiusi di Amanita cesarea è vietata.
4. I raccoglitori sono tenuti ad esibire ad ogni richiesta del personale di vigilanza l'autorizzazione alla
raccolta ed i funghi raccolti.

Art. 5 Limite giornaliero di raccolta

1. Per ogni raccoglitore non può essere superato giornalmente il quantitativo di raccolta in natura e
relativo trasporto di Kg 2,00 di funghi epigei, fatta eccezione per la specie Armillaria mel/ea
(chiodino) il cui limite è di Kg 4,00. Il limite non si applica ad esemplari unici o concrescenti di peso
superiore.

Art. 6 Raccolta scientifica

1. La raccolta per fini scientifici di funghi epigei in deroga al presente regolamento può essere
autorizzata dal Direttore del Parco a titolo gratuito, con le eventuali particolari prescrizioni o
limitazioni che il titolare è tenuto a rispettare. L'autorizzazione potrà altresì essere sospesa o
revocata qualora si accerti il mancato rispetto delle prescrizioni imposte.
2. Il ricercatore che intende svolgere attività di raccolta scientifica deve presentare apposita domanda
in cui siano precisati: scopo della ricerca, descrizione delle attività sul campo, indicazione presuntiva
dei quantitativi e delle specie da prelevarsi, tempi e zone di raccolta, elenco nominativo e qualifica
dei raccoglitori se non coincidenti con il richiedente.
3. In ogni caso gli addetti alla raccolta devono essere muniti di copia dell'autorizzazione e sono tenuti
alla stretta osservanza delle prescrizioni contenutevi.
4. Entro 6 mesi dal termine della ricerca, i risultati dovranno essere trasmessi all'Ente Parco.

Art. 7 Vigilanza e sanzioni

1. La vigilanza sull'osservanza dei divieti e delle prescrizioni del presente regolamento è esercitata
dall'Ente Parco Regionale Campo dei Fiori tramite il proprio personale a ciò preposto, nonché dai
soggetti abilitati ai sensi delle leggi vigenti
2. La violazione delle disposizioni contenute nel presente regolamento è soggetta alla sanzione
amministrativa stabilita dall'art. 30.2 della L.R. 86/1983, tranne che per la raccolta in natura dei
funghi epigei e il loro trasporto in quantità superiore a tre volte il limite stabilito dal precedente art. 5,
a cui si applica la sanzione amministrativa prevista dall'art. 30.1 della L.R. 86/1983.
3. I funghi epigei raccolti in violazione del presente regolamento, nonché gli attrezzi ed i contenitori
utilizzati in modo non conforme alle sue disposizioni sono soggetti alla confisca amministrativa
secondo quanto previsto dalle leggi vigenti, gli agenti di vigilanza obbligatoriamente prowedono,
contestualmente all'accertamento delle infrazioni al loro sequestro cautelare.

Art. 8 Destinazione dei proventi ed entrata in vigore

1. I proventi derivanti dal rilascio delle autorizzazioni alla raccolta sono destinati ad opere di
riqualificazione e tutela ambientale ed alla manutenzione periodica delle medesime, compresi gli
interventi sulla rete della viabilità di servizio agro-silvo-pastorale ed escursionistica.
2. Il presente regolamento entra in vigore il --------------------­
REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEI FUNGHI EPIGEI

NEL PARCO REGIONALE CAMPO DEI FIORI

Art. 1 Oggetto della normativa e campo di applicazione

1. Il presente regolamento costituisce strumento attuativo ai sensi dell'art. 20 della L.R. 86/1983 e degli
artt. 7 e 28 delle N.T.A del Piano Territoriale di Coordinamento del Parco e disciplina la raccolta dei
funghi epigei nel territorio del Parco Regionale Campo dei Fiori ai sensi della L. 352/1993 e della
L.R. 31/2008 Titolo VIII al fine di tutelare nel tempo la risorsa fungina e le nicchie ecologiche di
sviluppo.

Art. 2 Autorizzazione alla raccolta

1. Nel territorio del Parco Regionale Campo dei Fiori la raccolta in natura dei funghi epigei ed il relativo
trasporto sono consentiti unicamente alle persone in possesso di apposita autorizzazione come
disciplinato dal presente articolo, fatte salve le ulteriori limitazioni stabilite dagli articoli successivi.
2. L'autorizzazione alla raccolta è costituita:
A) - da un documento d'identità in corso di validità per i raccoglitori che abbiano compiuto il 65° anno
di età.
B) - da un documento d'identità in corso di validità per i raccoglitori residenti nei comuni del Parco;
C) - dalla ricevuta del pagamento della quota annuale di Euro 11,00.= accompagnata da un
documento d'identità per le altre categorie di raccoglitori.
Il pagamento della quota deve essere effettuato mediante versamento su C.C.P. n° 14701213
intestato a Servizio Tesoreria Parco Regionale Campo dei Fiori - Brinzio, indicando i dati anagrafici
del versante e la seguente causale: autorizzazione annuale raccolta funghi. Il versamento ha
validità per l'anno solare nel corso del quale viene effettuato e pertanto scade sempre al 31
dicembre dello stesso anno.
3. L'autorizzazione alla raccolta è personale, non cedibile, ha validità limitata nel tempo secondo
quanto previsto nel precedente comma.
4. Ai fini del presente regolamento, in relazione al regime autorizzatorio in esso previsto, sono
considerati "residenti" i cittadini regolarmente iscritti nei registri dell'anagrafe della popolazione
residente dei comuni facenti parte del Parco Regionale Campo dei Fiori.
5. Ai minori di quattordici anni è consentita la raccolta unicamente se accompagnati da persona in
possesso dell'autorizzazione alla raccolta, i funghi raccolti dal minore concorrono a formare il
quantitativo di raccolta personale consentito all'accompagnatore.

Art. 3 Modalità di raccolta e misure di tutela della risorsa fungina

1. La raccolta dei funghi epigei ed il relativo trasporto in natura nel territorio del Parco sono consentiti
solo dall'alba al tramonto.
2. La raccolta è limitata ai soli corpi fruttiferi epigei.
3. I carpofori vanno raccolti manualmente, con torsione, senza l'impiego di alcun attrezzo ausiliario
compresi rastrelli, uncini, rampini, picozze e simili, in modo da conservare intatte tutte le
caratteristiche morfologiche che consentono la sicura determinazione della specie, fatta eccezione
per Armillaria mel/ea (chiodino) per la quale è consentito il taglio del gambo.
4. La pulitura sommaria è obbligatoria sul luogo di raccolta per i funghi riconosciuti eduli, non sussiste
invece tale obbligo per gli esemplari da sottoporre all'esame da parte degli ispettorati micologici.
5. Sono vietate modalità di raccolta o azioni che causino l'asportazione e la movimentazione dello
strato umifero e del terriccio o che possano danneggiare il micelio.
6. Sono vietate la raccolta dei funghi decomposti anche parzialmente e la distruzione o il
danneggiamento volontari dei carpofori fungini di qualunque specie.
7. I funghi raccolti devono essere riposti e trasportati in contenitori rigidi e aerati, idonei all'ottima
conservazione degli stessi e a consentire la diffusione delle spore.

Art. 4 Divieti di raccolta e obblighi


1. La raccolta dei funghi epigei è vietata:

a) - nei primi sette giorni (dal giorno 1 al giorno 7 compresi) di ogni mese;

b) - all'interno dell'area classificata Parco Naturale;

c) - nelle aree percorse da incendi prima che siano trascorsi 10 anni dal passaggio del fuoco;

Letto, approvato e sottoscritto.

Il Presidente Il
BAR~se~e CARDI

----_.--/

UFFICIO AMMINISTRATIVO: Si attesta la conformità del presente provvedimento al (tigpqsto


comma del D.Lgs.vo 18.08.2000 n. 267.

CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE

La presente deliberazione, su conforme attestazione della segreteria è stata pubblicata all'Albo Pretorio del
Consorzio dal giorno 24/00:,) al giorno o8/oç,A3 ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs.vo 18.08.2000 n.
267.

Brinzio, il DS/oG /2oA~


Il Segretario
F.to CARDILLO Giuseppe

CERTIFICATO DI ESECUTIVITÀ

La presente deliberazione è divenuta esecutiva il ./18 /00 ho,{~

) ( Per decorrenza del termine di cui all'art. 134 - comma 3, del D.Lgs.vo 18.08.2000 n. 267;

Per decorrenza del termine di cui all'art. 134 - comma 1, del D.Lgs.vo 18.08.2000 n. 267, senza che

siano stati sollevati rilievi;

D Perchè dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dellìart. 134 ­ comma 4,


18.08.2000 n. 267;

Brinzio, iIA2/0(Q/2DA~
\

ENTE PARCO REGIONALE


(1AHPO DEr frORf
via Trieste 40 - 21030 BRINZIO (VA)

Allegato alla deliberazione del


Consiglio di Gestione n. 19 del 15.05.2013

PROWEDIMENTO: L.R. N. 31/2008 - REGOLAMENTO D'USO RACCOLTA FUNGHI SUL


TERRITORIO DEL PARCO - NOMINA COMr!US$IONE.

Redazione Atto: Costantino Piccinellì , - ............... ~ -"r~

. ./

ATTESTAZIONE DI COPERTURA FIN'AJaì~iA>/

Art. 151 - comma 4, D. Lgs. va 18.08.2000, n. 267

Si attesta che la somma complessiva di € trova imputazione all'intervento :--:---:-:-_


cap. _ _ a oggetto" " del bilancio 201_,
che presenta la volta disponibilità di fondi.
\

Brinzio, _ _ _ _ _ __

Il Responsabile del Servizio

PARERI DI REGOLARITÀ - Art. 49 - comma 1, D. Lgs. va 18.08.2000, n. 267

Parere FAVOREVOLE sulla regolarità tecnica del presente atto.

Brinzio, 15.05.2013
Il Respons del Servi;z:ro; / -". '.. ' \
>"" ~ ,
dotto Gian BernascorM \
,', l r' l,.
j

,/' )/
_ ... '" ./,i'

Parere FAVOREVOLE sulla regolarità contabile del presente atto.

Brinzio, _ _ _ _ __
Il Responsabile del Servizio

Parere FAVOREVOLE sulla regolarità giuridico - amministrativa - art. 9r-l comma 2, D.Lgs.vo
18.08.2000, n. 267.

Brinzio, 15.05.2013
,

• un rappresentante dell'Associazione Micologica Varesina;

3. Di dare atto che la partecipazione ai lavori della Commissione è a titolo gratuito.

4. Di dare atto dell'acquisizione del parere favorevole espresso dal Segretario dell'Ente
ai sensi dell'art. 97, 2 0 comma, del D.Lgs.vo 18.08.2000, n. 267.

Consiglio di Gestione n. 19 del 15-05-2013 - pag.4 - PARCO REGIONALE CAMPO DEI FIORI
..

VISTO il Titolo VIII della L.r. 31/2008;

VISTO l'art. 10 delle NTA del PTC del Parco Campo dei Fiori;

VISTO l'art. 20 della L.r. 86/1983;

VISTO il D.Lgs. 267/2000;

VISTO lo Statuto dell'Ente;

PRESO A TIO che:

• con propria nota pervenuta in data 19/04/2013, il comune di Gavirate comunicava il


proprio rappresentante nella persona del sig. Cassani Luigi;

• con successiva nota pervenuta il 20/04/2013, il comune di Comerio comunicava il


nominativo del dotto Bellorini Lorenzo, quale proprio rappresentante;

, • in data 09/05/2013 perveniva anche la designazione del rappresentate delle Guardie


Ecologiche Volontarie del Parco, nella persona del sig. Ambrosetti Paolo;

RITENUTO di individuare a tal fine le seguenti persone:

dott. Giancarlo Bernasconi - direttore del Parco

sig. Edoardo Franzetti - guardiaparco Parco Campo dei Fiori;

sig. Ambrosetti Paolo - rappresentante gruppo GEV del Parco;

sig. Luigi Cassani - rappresentante comune di Gavirate;

dotto Lorenzo Bellorini - rappresentante comune di Comerio;

un rappresentante dell'Associazione Micologica Varesina;

ACQUISITA la disponibilità degli stessi a far parte della Commissione per la revisione del
Regolamento d'uso per la raccolta dei funghi sul territorio del Parco;

UDITI gli interventi in merito;

VISTO il parere reso dal Segretario dell'Ente in merito alla conformità dell'atto alle vigenti
norme ai sensi dell'art. 97, comma 2, del D.Lgs. 18.08.2000 n. 267;

AD UNANIMITA' di voti espressi in forma palese dai presenti,

.
DELIBERA

1. Di dare atto che le promesse costituiscono parte integrante e sostanziale del


presente prowedimento.

2. Di individuare nelle seguenti persone la Commissione per la revisione del


Regolamento d'uso per la raccolta dei funghi sul territorio del Parco:

• dott. Giancarlo Bernasconi - direttore del Parco


• sig. Edoardo Franzetti - guardiaparco Parco Campo dei Fiori;
• sig. Ambrosetti Paolo - rappresentante gruppo GEV del Parco;
• sig. Luigi Cassani - rappresentante comune di Gavirate;
• dotto Lorenzo Bellorini - rappresentante comune di Comerio;

Consiglio di Gestione n. 19 del 15-05-2013 - pag.3 - PARCO REGIONALE CAMPO DEI FIORI

"

OGGETTO: L.R. N. 31/2008 - REGOLAMENTO D'USO RACCOLTA FUNGHI SUL TERRITORIO


DEL PARCO - NOMINA COMMISSIONE.

IL CONSIGLIO DI GESTIONE

PREMESSO che la Legge regionale n. 31/2008 Titolo VIII prevede la facoltà di adottare
specifici regolamenti per la tutela e la raccolta dei funghi epigei, attribuendo ai territori
ricadenti in parco regionale alla competenza dell'Ente Parco e non già ai comuni come per i
territori non ricompresi nelle aree protette regionali;

RAWISATA quindi la necessità di approvare un proprio regolamento per la raccolta dei


funghi epigei nel territorio del Parco;

DATO ATTO che:

• le Comunità Montane (Valli del Verbano e Piambello) facenti parte dell'Ente, hanno già
approvato un loro regolamento e che quindi si rende necessario disporre di un quadro
normativo analogo anche per il territorio del Parco che consenta di avere un regime di
tutela anche per i comuni che fanno parte del Parco stesso come accade già per quelli
"
delle Comunità Montane;

• il regolamento non verrà fatto a scopo di lucro bensì per disciplinare la raccolta e
valorizzare il territorio e la risorsa fungina;

• sull'argomento sono state sollevate perplessità da alcuni sindaci e dal presidente della
Comunità Montana Valli del Verbano;

DATO ATTO che la bozza di regolamento è stata trasmessa con propria nota prot. n.
1669/2012 del 25/07/2012 alle Amministrazioni Locali costituenti l'Ente, per consentire la
preventiva valutazione in vista della seduta di Comunità del Parco;

DATO ATTO altresì che la proposta di Regolamento è stata già esaminata favorevolmente
dal Consiglio di Gestione;

TENUTO CONTO che all'esame della Comunità del Parco, il testo proposto ha sollevato
numerose obiezioni ed osservazioni;

DATO ATTO che per giungere ad un proposta di regolamento maggiormente condiviso, la


..
Comunità concorda sulla proposta del presidente di istituire un gruppo che lavori su un
\,. nuovo testo dì regolamento;

PRESO ATTO che con deliberazione n. 15 assunta in data 26/09/2012 la Comunità del
Parco:

• rinviava l'adozione del Regolamento d'uso per la raccolta dei funghi sul territorio del
Parco a successivo atto assunto dalla Comunità del Parco;

• proponeva la creazione di un gruppo di lavoro per la predisposizione di un regolamento


condiviso ed armonizzato con quelli adottati dalle Comunità Montane (Valli del Verbano
e Piarnbello);

PRESO ATTO che nella seduta di Comunità del Parco del 17/04/2013, il Presidente
sollecitava i presenti a comunicare i nominativi degli interessati a far parte della
Commissione per la modifica del Regolamento in oggetto;
Consiglio di Gestione n. 19 del 15-05-2013 - pag.2 - PARCO REGIONALE CAMPO DEI FIORI

.'

..

ENTE PARCO REGIONALE


CAMPO DE.f ffO~f
Sede: via Trieste n. 40 Brinzio (VA) - L.r. 86/1983 e 17/1984

VERBALE DI DELIBERAZIONE
DEL CONSIGLIO DI GESTIONE

N. 19 Reg. Deliberazioni

OGGETTO: L.R. N. 31/2008 - REGOLAMENTO D'USO RACCOLTA FUNGHI SUL TERRITORIO


DEL PARCO - NOMINA COMMISSIONE •

...

L'anno duemilatredici il giorno quindici del mese di maggio alle ore 18:00 presso /a Sede
de/l'Ente a Brinzio - Via Trieste, 40 si è riunito il Consiglio di Gestione.

Assume la presidenza il PRESIDENTE BARRA GIUSEPPE

Assiste il Segretario CARDILLO dotto Giuseppe

BARRA GIUSEPPE PRESIDENTE Presente


BONOMI ELIGIO CONSIGLIERE Assente
PICCINELLI ROBERTO CONSIGLIERE Presente
TOPPETA DAVIDE CONSIGLIERE Presente
MALNATI EUGENIO çONSIGLIERE , Present~_

l" Risultano presenti n. 4 e assenti n. 1.


..

Il Presidente verificata la presenza del numero legale utile per la legalità dell'adunanza, dichiara aperta la
seduta ed invita gli intervenuti a deliberare sull'oggetto.

Consiglio di Gestione n. 19 del 15-05-2013 - pag.1 - PARCO REGIONALE CAMPO DEI FIORI

.