Sei sulla pagina 1di 26

PREGHIERA ROSARIALE CON S.

PAOLO
Seconda traccia
Premessa
L’esperienza della storia di S. Paolo, riconosciutosi già “un
bestemmiatore, un persecutore e un violento” (1 Tm 1,13) e
diventato, per “chiamata”, “comando”, “misericordia” e
“forza” di Dio “apostolo di Cristo Gesù”, è “ad esempio di
quanti avrebbero creduto” in Gesù “per avere la vita eterna”
(cf 1 Tm 1,1 ss.).
Le cose che questo “conquistato da Gesù Cristo” e innamorato
di Lui (cf Fil 1,21; 2, 12) dice nelle sue lettere per formare i
nuovi cristiani sono in funzione di guadagnarli totalmente a
Gesù e al suo Vangelo con una vita non secondo il mondo ma
secondo Dio (cf Fil 3, 8.9).
La nostra preghiera rosariale ci accompagna e ci aiuta a
continuare nel nostro cammino spirituale in compagnia di Maria
SS. dimentichi del passato e protesi verso il futuro e avanzando
dal punto a cui siamo arrivati (cf Fil 3,13.16),
* I testi della Parola di Dio come ce la riferisce S. Paolo, sono
una specie di commento al mistero per una sua ricaduta e
risonanza nella vita dell’orante.
* I brevi attributi o titoli alle tre formule oranti del rosario
(Padre nostro /Ave Maria / Gloria al Padre…) sono come
gocce teologico-catechistiche che vorrebbero aiutare a renderci
conto di <CHI è la Persona> a cui rivolgiamo il nostro pregare.
* Le orazioni ad ogni mistero servono tanto quanto possono
aiutare ad accogliere e ad aprirci alla grazia di ogni mistero.

Iniziamo e viviamo insieme la nostra preghiera rosariale


con Maria SS. e con S. Paolo
nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
Amen
Saluto di intenzione e di augurio
Al Re dei secoli incorruttibile, invisibile e unico Dio,
onore e gloria nei secoli dei secoli (1 Tm 1,17).
Lo stesso Signore nostro Gesù Cristo e Dio Padre nostro,
che ci ha amati e ci ha dato, per sua grazia,
una consolazione eterna e una buona speranza,
conforti i vostri cuori e li confermi in ogni opera e parola di bene.
perché la parola del Signore si diffonda e sia glorificata.
Il Signore della pace
diriga i vostri cuori nell'amore di Dio e nella pazienza di Cristo.
e vi dia egli stesso la pace sempre e in ogni modo.
Il Signore sia con tutti voi (cf 1 Ts 1,16.17, 2 Ts 3,1.5.16)

MISTERI GAUDIOSI
L’apostolo Paolo ha riconosciuto che gli è stata data una parola
franca per far conoscere il vangelo con franchezza come era suo
dovere per comando di Dio (1 Cor 14,37) (Ef 6, 18.19). Egli, con i
suoi faticosi e travagliati quattro viaggi apostolici, ha cercato di
andare a portare la Parola di Dio fin dove ha potuto. Il successo
del suo apostolato, ha detto il Santo Padre Benedetto XVI
aprendo, nel giugno 2008, l’anno paolino fino al giugno 2009, è
dipeso soprattutto da un coinvolgimento personale
nell’annunciarne il Vangelo con totale dedizione a Cristo;
dedizione che non temette rischi, difficoltà e persecuzioni,
convinto che nessuno e nulla avrebbe mai potuto separarlo
dall’amore di Dio, in Cristo Gesù (cf Rm 8,38-39). Lui, ancora
oggi, con la pienezza della benedizione di Cristo (Rm 15,29) e
nella gioia (Rm 15,32), viene a noi mediante la sua parola scritta,
quale collaboratore della nostra gioia e così aprirci e portarci al
pieno della fede (cf 2 Cor 1,24). Il Santo Padre, con quest’anno
particolare, bimillenario della nascita di S. Paolo, auspica che
venga riscoperta questa grande figura dell’apostolo delle genti.
Maria SS.,
mistica Casa della divina Parola,
noi preghiamo
affinché la parola del Signore si diffonda e sia glorificata
in tutta la Chiesa
a cominciare da noi e da ciascun fedele cristiano(cf 2 Ts 3,1).
Verso questa indispensabile e insostituibile Parola
guida il cuore di ogni tuo figlio e figlia
e aiutaci a tenere sempre alta la parola di vita (cf Fil 2,16)
con una degna e coerente condotta di vita.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

PRIMO MISTERO della GIOIA: Contempliamo la chiamata della


giovane vergine Maria alla maternità divina, preludio di quella
ecclesiale.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: I doni e la chiamata di Dio sono


irrevocabili! (Rm 11,29). Vi esorto ….a comportarvi in maniera
degna della vocazione che avete ricevuto, con ogni umiltà,
mansuetudine e pazienza, sopportandovi a vicenda con amore,
cercando di conservare l'unità dello spirito per mezzo del vincolo
della pace. Un solo corpo, un solo spirito, come una sola è la
speranza alla quale siete stati chiamati, quella della v vostra
vocazione (Ef 4:1-4);
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che ci ha
benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo
(Ef 1,3), come ci ha insegnato Gesù, e diciamo insieme:
Padre nostro….
 Per l’intercessione di Maria SS., scelta in Cristo e in vista
di Cristo per essere santa e immacolata nella carità (cf Ef
1,4), chiediamo la grazia di cogliere al volo ogni chiamata e
proposta di Dio: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, testimone del bene e della verità, (cf 2
Cor 1,18), diciamo/cantiamo con gioia: Gloria al Padre e al
Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.,
persona viva e vivente della divina Parola,
fa’ che la Parola ispirata da Dio e mai venuta meno (cf Rm 9,6),
noi continuiamo ad accoglierla sempre con la gioia dello Spirito
Santo,
anche in mezzo a grandi tribolazioni (cf 1 Ts 1,6),
non quale parola di uomini, ma, come è veramente,
quale parola di Dio, che opera in noi che crediamo (cf 1 Ts.2,13).
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

SECONDO MISTERO della GIOIA: Contempliamo la visita di


carità evangelizzatrice e servizievole alla cugina Elisabetta da
parte di Maria SS.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: La fede che opera per mezzo


della carità(Gal 5,6). Non abbiate alcun debito con nessuno, se
non quello di un amore vicendevole; perché chi ama il suo simile
ha adempiuto la legge (Rm 13,8). Mediante la carità siate a
servizio gli uni degli altri (Gal 5,23); siate… solleciti per le
necessità dei fratelli, premurosi nell'ospitalità (Rm 12,9-18).La
vostra carità è motivo di grande gioia (cf File,7)
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che ha mandato
nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio (2 Cor 4,6), come ci
ha insegnato Gesù, e diciamo insieme: Padre nostro…
 Per l’intercessione di Maria SS., piena dell’amore di Dio
(cf Rm 5,5), chiediamo la grazia di mettere in tutto e al di
sopra di tutto la carità: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, che ci edifica insieme con gli altri per
farci diventare sua dimora per mezzo dello Spirito (cf Ef
2,22), diciamo/cantiamo con gioia: Gloria al Padre e al
Figlio e allo Spirito Santo…

Maria SS.,
piena della divina Parola portata e donata agli altri,
aiutaci a far entrare nel nostro cuore (cf Rm 10,8)
la parola della fede che si è fatta vicino a noi.
Possa essere e operare in noi ciò che essa è:
parola viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio;
possa, essa, penetrare fino al punto di divisione
dell'anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla
e scrutare i sentimenti e i pensieri del cuore
per renderli veri e graditi a Dio.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

TERZO MISTERO della GIOIA: Contempliamo la nascita di


Gesù, Figlio di Dio, anche come vero uomo per farci come Lui.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Quando venne la pienezza del


tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, perché
ricevessimo l’adozione a figli. E che voi siete figli ne è prova il
fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio
che grida: Abbà, Padre! (Gal 4,4) Gesù Cristo è venuto nel mondo
per salvare i peccatori (1 Tm1,15) Fedele è Dio, dal quale siete
stati chiamati alla comunione del Figlio suo Gesù Cristo, Signore
nostro! (1 Cor 1,9).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che ha mandato
il suo Figlio, nato da donna (Gal 4,4), come ci ha insegnato
Gesù, e diciamo insieme: Padre nostro…
 Per l’intercessione di Maria SS., rivestita dell’uomo nuovo
nella giustizia e nella santità vera (cf Ef 4,24),chiediamo la
grazia di vivere la stessa vita filiale e fraterna di Gesù: 10
Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, colui che ha costruito tutto (Eb 3,4),
diciamo/cantiamo con gioia:Gloria al Padre e al Figlio e
allo Spirito Santo…

Maria SS.,
sempre in ascolto orante della divina Parola che avvicina e
unisce,
da te è nato Gesù, il Verbo/Parola viva di Dio,
fatto uomo come noi per stare in mezzo a noi per la nostra
salvezza,
Fa’ che questa parola personale
trovi dimora stabile anche in noi come in te.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

QUARTO MISTERO della GIOIA: Contempliamo la


presentazione legale di Gesù al tempio da parte di Giusepe e di
Maria.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Offrite voi stessi a Dio come vivi
tornati dai morti e le vostre membra come strumenti di giustizia
per Dio (Rm 6,13). Non conformatevi alla mentalità di questo
secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter
discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e
perfetto (Rm 12:1-2) poiché siete sotto la grazia (Rm 6,14).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che riempie di
ogni gioia e pace nella fede (cf Rm 15,13; 3,20), come ci ha
insegnato Gesù, e diciamo insieme:: Padre nostro…
 Per l’intercessione di Maria SS., offerta totalmente al
Signore (cf 2 Cor 8,5), chiediamo la grazia di fare della
nostra persona e vita un’offerta gradita in tutto e per tutto a
Dio e utile ai fratelli: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, per il quale sono tutte le cose (cf Rm
11,36), diciamo/cantiamo con gioia: Gloria al Padre e al
Figlio e allo Spirito Santo…

Maria SS.,
sottomessa e obbediente alla divina Parola che riempie di amore,
fa’ che Dio continui a rivolgere la sua parola a noi (cf Eb 12,19)
che ci giunge attraverso la Chiesa,
i suoi pastori e i suoi ministri, come l’apostolo Paolo
ai quali tutti Egli l’ha affidata a nostro insegnamento e vita (cf (Tt
1-3).
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

QUINTO MISTERO della GIOIA: Contempliamo la presenza


volontaria di Gesù nel tempio fra i dottori della Legge per aprirli
alla pienezza della verità della Nuova Alleanza.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Dio vuole che tutti gli uomini
siano salvati e arrivino alla conoscenza della verità. Uno solo,
infatti, é Dio e uno solo il mediatore fra Dio e gli uomini, l’uomo
Cristo Gesù, che ha dato se stesso in riscatto per tutti (1 Tm 2,4-
6).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio potenza per la
salvezza di chiunque crede (cf Rm 1,16), come ci ha
insegnato Gesù, e diciamo insieme: Padre nostro…
 Per l’intercessione di Maria SS., immedesimata nel
pensiero di Cristo (cf 1 Cor 2,16), chiediamo la grazia di far
conoscere il vero Dio come l’ha rivelato Gesù: 10 Ave
Maria…
 A Dio, Trino e Uno, il solo vero Dio (1 Tm 2,5),
diciamo/cantiamo con gioia: Gloria al Padre e al Figlio e
allo Spirito Santo…

Maria SS.,
tutta presa e occupata dalla divina Parola che illumina,
noi crediamo che questa parola di Dio
è la Persona stessa del tuo Figlio
il Quale, mentre si dice e parla a noi come ad amici,
si dà tutto a noi e opera in noi ciò che ha detto.
Noi siamo consapevoli che non v'è creatura
che possa nascondersi davanti a lui,
ma tutto è nudo e scoperto agli occhi suoi
e a lui noi dobbiamo rendere conto (cf Eb 4, 12-13).
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

MISTERI LUMINOSI
L’apostolo Paolo diceva e scriveva ai cristiani di ricordarsi di
coloro che avevano annunziato ad essi la parola di Dio, di
considerarne attentamente l'esito del loro tenore di vita e, di
conseguenza, prendere a modello della propria esistenza
quotidiana la loro fede. Il Santo Padre Benedetto ha voluto
dedicare un intero anno, dal giugno 2008 al giugno 2009, al
ricordo di colui che indefessamente e volentieri ha dato e
consumato tutto se stesso purchè, in ogni maniera, Cristo venisse
annunziato (cf 2 Cor 12,15;Fil 1,18). Noi, nel contesto dell’anno
paolino, nella nostra preghiera rosariale, ci manteniamo in ascolto
delle sane parole dette e scritte da San Paolo per divina ispirazione
(cf 1 Tm 6,3) mentre mediteremo e pregheremo i misteri luminosi.
Così la parola di Dio, tanto raccomandata dal Sinodo dei Vescovi,
sarà l’alimento del nostro pregare, sarà lampada per i passi della
nostra vita quotidiana, sarà luce sulla nostra strada (cf Sl 119,105).
Maria SS.,
benedetta tra tutte le donne
perché hai creduto al compimento della Parola di Dio,
fa’ che noi oranti per tutto il popolo di Dio
e sua voce di preghiera,
alla luce della Parola di Dio,
vediamo in essa la luce vera e piena
per vivere come piace a Dio.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

PRIMO MISTERO della LUCE: Contempliamo il battesimo di


penitenza al fiume Giordano, condiviso da Gesù con l’umanità
peccatrice in segno di solidarietà salvifica.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: O non sapete che quanti siamo


stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua
morte? Così anche voi consideratevi morti al peccato, ma viventi
per Dio in Cristo (cf Rm 6,3.11);¸ Non c'è dunque più nessuna
condanna per quelli che sono in Cristo Gesù (Rm 8,1);
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che dimostra il
suo amore verso di noi peccatori con il dono del suo Figlio
(cf Rm 5,8),come ce lo ha rivelato Gesù, e diciamo insieme:
Padre nostro…
 Preghiamo Maria SS., chiamata ad essere santa insieme a
quelli che invocano il nome del Signore (cf 1 Cor 1,2),
affinché diventiamo, giorno dopo giorno, sempre più e
meglio, il nostro battesimo in un cammino di vita santa:10
Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, la bontà espansiva e salvatrice (cf Tt
3,4), diciamo/cantiamo come figli della sua luce: Gloria al
Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.,
donna dell’attesa della Parola che salva,
per fede noi sappiamo che i mondi
furono formati dalla parola di Dio (Eb 11,3)
e il tuo divin Figlio sostiene tutto
con la potenza della sua parola (Eb 1,3),
anzi, con pienezza e rapidità,
lo porta a compimento sopra la terra (cf Rm 9,28).
Ottienici il suo pieno compimento in noi.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

SECONDO MISTERO della LUCE: Contempliamo la presenza di


Gesù, insieme a sua Madre Maria e agli apostoli, alle nozze di
Cana dove inizia in anticipo la sua rivelazione come Messia
salvatore.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Cristo è mediatore e garante di


un’alleanza migliore (cf Eb 7,22;8,6). Questo ce lo attesta anche lo
Spirito Santo. Infatti, dopo aver detto: Questa è l'alleanza che io
stipulerò con loro:…io porrò le mie leggi nei loro cuori e le
imprimerò nella loro mente, dice: E non mi ricorderò più dei loro
peccati e delle loro iniquità (Eb 10,15.16.17). La parola di Dio
dimori tra voi abbondantemente; ammaestratevi e ammonitevi con
ogni sapienza…e tutto quello che fate in parole ed opere, tutto si
compia nel nome del Signore Gesù, rendendo per mezzo di lui
grazie a Dio Padre (Col 3,16-17)
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio di ogni
consolazione, (2 Cor 1,3), come ce lo ha rivelato Gesù, e
diciamo insieme: Padre nostro…
 Preghiamo Maria SS., sollecita per le necessità dei fratelli
(cf Rm12,12), affinché Gesù, insieme a sua Madre, sia
l’ospite più ricercato, atteso e custodito di ogni coppia
coniugale e di ogni famiglia: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, vivo, vivente, vero (cf 1 Tm 4,10; 1 Ts
1,9), diciamo/cantiamo come figli della sua luce: Gloria al
Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…

Maria SS.,
donna del dono della Parola che dà vita,
fa’ che la divina Parola,
diffusa abbondantemente dall’apostolo Paolo (2 Ts 3,1)
e giunta sino a noi,
non diventi oggetto di biasimo
a motivo della nostra infedeltà.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

TERZO MISTERO della LUCE: Contempliamo l’annuncio del


Regno come presenza e azione di Dio a favore dell’uomo e
conseguente chiamata alla conversione alla fede e alla sequela di
Gesù.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Il regno di Dio… non è questione


di cibo o di bevanda, ma è giustizia, pace e gioia nello Spirito
Santo: chi serve il Cristo in queste cose, è bene accetto a Dio e
stimato dagli uomini. Diamoci dunque alle opere della pace e alla
edificazione vicendevole (Rm 14,17-19) e a comportarvi in
maniera degna di quel Dio che vi chiama al suo regno e alla sua
gloria (1 Ts 2,12).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che opera tutto
in tutti (1 Cor 12,6), come ce lo ha rivelato Gesù, e diciamo
insieme: Padre nostro…
 Preghiamo Maria SS., chiamata al regno di Dio e alla sua
gloria (cf 1 Ts 2,12), affinché non ostacoliamo l’opera di Dio
in noi ma vi collaboriamo generosamente e con riconoscenza
e gioia: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, che suscita in noi il volere e l'operare
secondo i suoi benevoli disegni (cf Filp 2,13),
diciamo/cantiamo come figli della sua luce: Gloria al Padre
e al Figlio e allo Spirito Santo…

Maria SS.,
donna dell’ascolto della Parola che consola,
fa’ che essa trovi tutti i fedeli cristiani disposti
ad ascoltarla,ad accoglierla, a viverla,
a lasciarsi formare all’amore vero e pieno secondo Gesù,
e ci renda prudenti, casti, buoni, dediti agli altri (cf Tt 2,5).
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

QUARTO MISTERO della LUCE: Contempliamo la


trasfigurazione di Gesù quale anticipo della sua glorificazione
finale dopo l’umiliazione della sua morte in croce.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: La nostra patria è nei cieli e di là


aspettiamo come salvatore il Signore Gesù Cristo, il quale
trasfigurerà il nostro misero corpo e per conformarlo al suo corpo
glorioso, in virtù del potere che ha di sottomettere a sé tutte le cose
(Filp3, 20-21).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio giusto (cf Rm
1,17 ), come ce lo ha rivelato Gesù, e diciamo insieme:
Padre nostro…
 Preghiamo Maria SS., predestinata ad essere conforme
all’immagine del Figlio suo Gesù (cf Rm 8,30), affinché da
tutto l’insieme del nostro vivere e agire appaia che siamo
abitati dalla stessa divina Persona di Gesù: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, che ci ha amati per il suo grande amore
(Ef 2,4), diciamo/cantiamo come figli della sua luce: Gloria
al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.,
donna del compimento della Parola che dà speranza,
fa’ che, con la luce della Parola di Dio, ogni bene terreno,
creato buono da Dio e destinato al bene di tutti,
quando lo prendiamo e usiamo con rendimento di grazie,
sia santificato dalla sua parola e dalla nostra preghiera.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

QUINTO MISTERO della LUCE: Contempliamo l’istituzione


dell’Eucaristia quale convito di offerta di Gesù di tutto se stesso
perla nuova ed eterna alleanza con Dio, tutto in tutti.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Ogni volta infatti che mangiate di


questo pane e bevete di questo calice, voi annunziate la morte del
Signore finché egli venga. Perciò chiunque in modo indegno
mangia il pane o beve il calice del Signore, sarà reo del corpo e
del sangue del Signore. Ciascuno, pertanto, esamini se stesso e poi
mangi e beva (cf 1 Cor 11,26-28)
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio invisibile (1 Tito
1,17), ma dal quale tutto proviene (1 Cor 8,6 6), come ce lo
ha rivelato Gesù, e diciamo insieme: Padre nostro…
 Preghiamo Maria SS., arricchita di tutti i doni di Dio (cf 1
Cor 1,3), affinché, nutrendoci del divino Pane di vita, ci
lasciamo imprimere e assumiamo la stessa forma di essere e
di vivere di Gesù Eucaristia: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, che ci ha scelti come primizia per la
salvezza (2 Ts 2,13), diciamo/cantiamo come figli della sua
luce: Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.,
donna dell’accoglienza della Parola che dà forza,
fa’ che nessuna parola cattiva esca più dalla nostra bocca;
ma piuttosto, parole buone
che possano servire per la necessaria edificazione,
giovando a quelli che ci ascoltano (Ef 4,29)..
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

MISTERI DOLOROSI
L’apostolo Paolo, proposto dal Santo Padre, per un intero anno,
all’attenzione dei fedeli cristiani, si presenta a noi quale
ambasciatore per Cristo, come se Dio esortasse per suo mezzo, e
ci supplica in nome di Cristo a lasciarci riconciliare con Dio (cf 2
Cor 5,19). Meditando i misteri dolorosi, è l’apostolo Paolo che ci
offre la parola ispirata da Dio e utile per insegnare, convincere,
correggere e formare alla giustizia, perché l'uomo di Dio sia
completo e ben preparato per ogni opera buona (cf 2 Tm 3,16). Il
Santo Padre Benedetto XVI, nell’indire l’anno paolino, ha
ricordato che la Chiesa ha bisogno, oggi come allora, di apostoli,
pronti a sacrificare se stessi, di testimoni e di martiri come S.
Paolo, affascinati da Cristo e innamorati di Lui, pieni di carità
pastorale e di ardore missionario, incalzati dal “Guai a me se non
predicassi il Vangelo”(1 Cor 9,16). Alcune parole ispirate da Dio
e scritte da S. Paolo, ci fanno da guida, mentre percorriamo i
misteri dolorosi, nella nostra preghiera rosariale.
Maria SS.,
discepola fedele di Gesù, Parola del Padre,
fino al Calvario e alla morte in croce di tuo Figlio,
accompagna i fedeli genovesi nel loro cammino orante
come segno di solidarietà fraterna e corresponsabile
della loro vita di fede e di Chiesa.
La divina Parola, fatta uomo in te,
sia il loro cibo, sostegno, conforto
nelle loro quotidiane via crucis.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

PRIMO MISTERO del DOLORE: Contempliamo l’orazione di


Gesù nell’orto degli ulivi per disporsi ad iniziare il compimento
della sua missione salvatrice.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Pregate inoltre incessantemente


con ogni sorta di preghiere e di suppliche nello Spirito, vigilando a
questo scopo con ogni perseveranza e pregando per tutti i santi (Ef
6, 18),Non angustiatevi per nulla, ma in ogni necessità esponete a
Dio le vostre richieste, con preghiere, suppliche e ringraziamenti;
e la pace di Dio, che sorpassa ogni intelligenza, custodirà i vostri
cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù (Filp 4,6-7): egli può
salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si accostano a
Dio, essendo sempre vivo per intercedere a loro favore (Eb 7, 25).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che ha rinchiuso
tutti nella disobbedienza, per usare a tutti misericordia! (cf
Rm 11,32), e, come figli bisognosi di misericordia, diciamo
insieme: Padre nostro…
 Affidiamo alla mediazione di Maria SS., perseverante nella
preghiera (cf Rm 12,12), l’intenzione di aprirci allo stato
permanente di preghiera per piacere in ogni cosa al Padre e
avere come regola di vita la sua volontà di amore benevolente
verso di noi: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, incorruttibile (Rm 1,23),
diciamo/cantiamo come partecipi della grazia della croce:
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.
giovane vergine che si è affidata alla parola di Colui
che è la parte migliore,
noi, edotti dall’apostolo Paolo, crediamo fermamente
che è stato Dio a riconciliare a sé il mondo in Cristo Crocifisso,
non imputando agli uomini le loro colpe
e affidando alla Chiesa e ai suoi ministri
la parola della misericordia e della riconciliazione.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

SECONDO MISTERO del DOLORE: Contempliamo la


flagellazione di Gesù a motivo della sua identità di Figlio di Dio.
pur apparendo in tutto vero uomo.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Gesù,proprio per essere stato


messo alla prova ed avere sofferto personalmente, è in grado di
venire in aiuto a quelli che subiscono la prova. Perciò, fratelli
santi, partecipi di una vocazione celeste, fissate bene lo sguardo in
Gesù, l'apostolo e sommo sacerdote della fede che noi
professiamo (Ebr 2, 18; Eb 3:1). Io infatti non mi vergogno del
vangelo, poiché è potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede
(Rm 1,16-17).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio della pace (Rm
16,20), e, come figli bisognosi di misericordia, diciamo
insieme: Padre nostro…
 Affidiamo alla mediazione di Maria SS., rivestita con la
corazza della fede e della carità (cf 1Ts 5,8), l’intenzione di
non rinnegare o tradire mai la nostra fede specie quando
siamo soli e senza controlli esterni: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, ricco di misericordia (Ef 2,4),
diciamo/cantiamo come partecipi della grazia della croce:
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.,
fedele alla divina Persona e Parola del tuo Figlio,
nella sua passione e morte in croce,
anche se agli occhi del mondo e per quelli che vanno in
perdizione,
la parola della croce è stoltezza,
per noi fedeli cristiani, invece, e per quelli che credono nella
salvezza,
è potenza e sapienza di Dio (cf 1 Cor 1,18)
e non può essere mai incatenata! (cf2 Tm 2,9).
Aiutaci a non scendere mai dalla croce.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

TERZO MISTERO del DOLORE: Contempliamo la burlesca


coronazione regale di Gesù con una corona di spine che resta
comunque l’unico vero, intramontabile e insostituibile re
dell’universo.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Nel nome di Gesù ogni ginocchio


si pieghi, nei cieli, sulla terra e sotto terra e ogni lingua proclami
che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre (Filp 2,10-11):
ora è coronato di gloria e di onore a causa della morte che ha
sofferto, perché per la grazia di Dio egli provasse la morte a
vantaggio di tutti (cf Eb 2,9).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che non mentisce
(1 Tito 1,2), e, come figli bisognosi di misericordia, diciamo
insieme: Padre nostro…
 Affidiamo alla mediazione di Maria SS., forte nella
tribolazione (cf Rm 12,12), l’intenzione di non anteporre
nessuno e niente a Dio, al suo primato e alla sua sovranità
sulla nostra vita pubblica e privata: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, fedele (cf 1 Cor 1,9), diciamo/cantiamo
come partecipi della grazia della croce: Gloria al Padre e al
Figlio e allo Spirito Santo…

Maria SS.,
benedetta perché ti sei abbandonata totalmente alla divina
Parola,
aiutaci e sostienici a fare tutto senza mormorazioni e senza
critiche,
per essere irreprensibili e semplici, figli di Dio
dove siamo chiamati a vivere
e splendere come astri nel mondo,
tenendo sempre alta la parola di vita.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

QUARTO MISTERO del DOLORE: Contempliamo il viaggio di


Gesù al Calvario carico della croce e delle croci dell’umanità e di
ogni essere umano.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Portate i pesi gli uni degli altri,
così adempirete la legge di Cristo (Gal 6,2). Quanto a me invece
non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù
Cristo, per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso,
come io per il mondo (Col 6,14).Molti… si comportano da nemici
della croce di Cristo (Filp 3,18).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio della
perseveranza (Rm 15,5), e, come figli bisognosi di
misericordia, diciamo insieme: Padre nostro…:
 Affidiamo alla mediazione di Maria SS., forte e paziente in
tutto (cf Col 1,10), l’intenzione di essere sempre disponibili
e pronti a farci carico degli altri nelle loro necessità e
situazioni: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, il solo sapiente (Rm 16,27),
diciamo/cantiamo come partecipi della grazia della croce:
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…

Maria SS.,
piena e riflesso della luce della divina Parola,
fa’ che nel giorno di Cristo, noi possiamo essere contenti
di non aver corso invano né invano faticato (cf Fil 2,16).
a causa del quale abbiamo potuto soffrire
ed essere condannati o emarginati
come dei malfattori (cf 2 Ts 3:1).
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

QUINTO MISTERO del DOLORE: Contempliamo la


crocifissione e la morte di Gesù per farci passare dalla morte del
peccato alla vita di figli di Dio.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Sappiamo bene che il nostro


uomo vecchio è stato crocifisso con lui, perché fosse distrutto il
corpo del peccato, e noi non fossimo più schiavi del peccato.
Infatti chi è morto, è ormai libero dal peccato…. Consideratevi
morti al peccato, ma viventi per Dio in Cristo Gesù (Rm 6,6-7.11).
Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma
Cristo vive in me. Questa vita nella carne, io la vivo nella fede del
Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me (Gal 6,
20).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio misericordioso (2
Cor 1,3), e, come figli bisognosi di misericordia, diciamo
insieme: Padre nostro…
 Affidiamo alla mediazione di Maria SS., crocifissa con
Cristo (cf Rm 6,6), l’intenzione di far morire decisamente
l’orgoglio e l’amor proprio, l’egoismo e l’individualismo che
minano la vita di relazione sociale e cristiana: 10 Ave
Maria…
 A Dio, Trino e Uno, giusto (Rm 3,26), diciamo/cantiamo
come partecipi della grazia della croce: Gloria al Padre e al
Figlio e allo Spirito Santo…

Maria SS.,
crocifissa moralmente e spiritualmente
con il tuo Figlio, Parola di Dio incarnata,
prega con noi e per noi perché la parola del Signore
si diffonda e sia glorificata dovunque (cf 2 Ts 3,1).
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

MISTERI GLORIOSI
L’apostolo S. Paolo ci è maestro di preghiera e di riflessione per
una vita cristiana, sempre più animata dalla divina Parola e
sottomessa ad essa in un contatto orante con essa molto più
familiare come è emerso con insistenza dal Sinodo dei Vescovi su
La Parola di Dio nella e nella missione della Chiesa. Meditiamo i
misteri della gloria con cui concludiamo la serie della preghiera
rosariale dedicata all’apostolo Paolo la cui grande gioia,
consolazione e corona di gloria (cf File 7) è sapere e vedere che i
fedeli cristiani, in forza della fede e del pregare, crescono e vivono
in carità fraterna e in unità, nella ricerca di quello che unisce e mai
di quello che divide (cf Fil 2,2) .
Maria ss.,
in te la divina parola ha fatto tutta la sua corsa
e ti ha portato alla partecipazione piena e definitiva
della vita del risorto tuo Figlio Gesù.
Ottieni, in abbondanza, a chi e’presente
alla preghiera rosariale
la grazia di ogni parola che esce ancora dalla bocca di Dio
tramite la Sacra Scrittura.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

PRIMO MISTERO della GLORIA: Contempliamo la risurrezione


di Gesù e di tutti coloro che credono in Lui.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Se Cristo non è risuscitato, allora


è vana la nostra predicazione ed è vana anche la vostra fede (1 Cor
15,14). Per mezzo del battesimo siamo dunque stati sepolti
insieme a lui nella morte, perché come Cristo fu risuscitato dai
morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo
camminare in una vita nuova (Rm 6,4.5).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che ha
risuscitato il Signore Gesù (1 Cor 6,14), e, come fratelli
pronti al perdono e alla riconciliazione, diciamo insieme:
Padre nostro…:
 Chiediamo a Maria SS., risuscitata con Cristo (cf Ef 2,6),
di ottenerci la grazia di risorgere subito da ogni peccato con
il pentimento immediato e la confessione quanto prima
appena possibile: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, che ci ha chiamato alla pace (cf 1 Cor
7,15), diciamo/cantiamo come candidati alla sua gloria
eterna: Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.
serva della Parola che istruisce,
noi crediamo, sulla parola del Signore,
trasmessaci dall’apostolo Paolo,
che Gesù, tuo divin Figlio, è morto e risuscitato
e si è assiso alla destra della maestà del Padre nell'alto dei cieli
dopo aver compiuto la purificazione dei peccati (cf Eb 1,3).
Così anche noi quando moriremo,
saremo radunati da Dio per mezzo di Gesù insieme con lui (1 Ts
4,14).
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

SECONDO MISTERO della GLORIA: Contempliamo


l’ascensione di Gesù in cielo come compimento glorioso della sua
vocazione e missione, vissuta quale dono di amore in stato di
dono.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Il Dio del Signore nostro Gesù


Cristo, il Padre della gloria, … possa egli davvero illuminare gli
occhi della vostra mente per farvi comprendere a quale speranza vi
ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i
santi…che egli manifestò in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e
lo fece sedere alla sua destra nei cieli (Ef 1, 17.20)
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio, che risuscita i
morti(2 Cor 1,9), e, come fratelli pronti al perdono e alla
riconciliazione, diciamo insieme: Padre nostro…:
 Chiediamo a Maria SS., zelante nelle opere buone (cf Tt
2,14), di ottenerci la grazia di arrivare ad occupare quel
posto che Lui ci ha già preparato presso il Padre: 10 Ave
Maria…
 A Dio, Trino e Uno, nostro salvatore (1 Tito 1,1),
diciamo/cantiamo come candidati alla sua gloria eterna:
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.
compagna della Parola che sazia e appaga,
noi crediamo che la verità che conduce alla pietà,
manifestata con la parola di Dio (Tt 1-3)),
è fondata sulla speranza della vita eterna.
Allora tutto quello che facciamo in parole ed opere,
tutto lo vogliamo compiere nel nome del Signore Gesù,
rendendo per mezzo di lui grazie a Dio Padre (Col 3,16).
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

TERZO MISTERO della GLORIA: Contempliamo il dono dello


Spirito Santo al primo segno di Chiesa: la comunità degli apostoli
insieme a Maria SS.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Voi siete edificati sopra il


fondamento degli apostoli e dei profeti, avendo come pietra
angolare lo stesso Cristo Gesù. In lui ogni costruzione cresce ben
ordinata per essere tempio santo nel Signore; in lui anche voi
insieme con gli altri venite edificati per diventare dimora di Dio
per mezzo dello Spirito (Ef 2, 20-22).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio, che ci ha dato la
caparra dello Spirito (2Cor 5,5), e, come fratelli pronti al
perdono e alla riconciliazione, diciamo insieme: Padre
nostro…:
 Chiediamo a Maria SS., guidata dalla Spirito di Dio (cf Rm
8,14), di ottenerci la grazia di essere docili all’azione dello
Spirito che ci fa diventare concorporei del Cristo totale ed
essere un cuor solo e un’anima sola, sotto e insieme a chi ci
guida nella Chiesa in nome di Gesù:10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, verace (Rm 3,4), diciamo/cantiamo
come candidati alla sua gloria eterna: Gloria al Padre e al
Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.
discepola della Parola che purifica con l’amore,
avendo gustato il dono celeste, la buona parola di Dio
e le meraviglie del mondo futuro (Eb 6,5),
diventati partecipi dello Spirito Santo,
con la tua guida, o Madre nostra,
non vogliamo rattristare lo Spirito Santo di Dio (cf Ef 4,29).
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

QUARTO MISTERO della GLORIA: Contempliamo l’assunzione


in cielo, subito in anima e corpo, di Maria SS. in conformità al
suo divin Figlio Gesù e quale primizia della grazia della sua
Pasqua.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Il Padre in Cristo. ci ha scelti


prima della creazione del mondo, per essere santi e immacolati al
suo cospetto nella carità, predestinandoci a essere suoi figli
adottivi per opera di Gesù Cristo (Ef 1 3-7). Colui che ha iniziato
in voi quest’opera buona, la porterà a compimento fin al giorno di
Cristo Gesù (Filp 1,6). La speranza non delude, perché l’amore di
Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo
che ci è stato dato (Rm 5,5)
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, unico nostro Dio (1
Tito 1,17), e, come fratelli pronti al perdono e alla
riconciliazione, diciamo insieme: Padre nostro…
 Chiediamo a Maria SS., giustificata in Cristo (Gal 2,17),di
ottenerci la grazia di essere tra noi fedeli cristiani una sola
cosa come corpo di Cristo animato dal suo Spirito di amore,
di comunione, di unità, di condivisione, di santità: 10 Ave
Maria…
 A Dio, Trino e Uno, fuoco divoratore (Eb 12,29),
diciamo/cantiamo come candidati alla sua gloria eterna:
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…
Maria SS.
guida alla Parola che apre orizzonti nuovi,
con l'aiuto dello Spirito Santo, tuo mistico Sposo (cf Ef 4,29).
che abita in noi (2 Tm 1,13-14).
e accompagnati da te, nostra Guardia e Custode,
vogliamo custodire il buon deposito della Parola della fede:
fa’ che non ci lasciamo sviare da dottrine false e peregrine;
invece, ottienici che il nostro cuore venga rinsaldato dalla grazia
(cf Eb 13,7):
Cristo Gesù, lo stesso ieri, oggi e sempre!
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

QUINTO MISTERO della GLORIA: Contempliamo la


glorificazione di Maria SS. quale regina del cielo e della terra e
mediatrice della grazia e delle grazie.

S. Paolo ci dice a nome di Dio: Lo Spirito attesta al nostro spirito


che siamo figli di Dio. E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di
Dio, coeredi di Cristo, se veramente partecipiamo alle sue
sofferenze per partecipare anche alla sua gloria (Rm 8, 16-17).
Dimentico del passato e proteso verso il futuro, corro verso la
meta per arrivare al premio che Dio ci chiama a ricevere lassù, in
Cristo Gesù (Filp 3,13-14).
 Preghiamo il Padre di Gesù e nostro, Dio che ci fa
partecipare al suo trionfo in Cristo (2 Cor 2,14), e, come
fratelli pronti al perdono e alla riconciliazione, diciamo
insieme: Padre nostro…
 Chiediamo a Maria SS., glorificata con Cristo (cf Rm 8,17),
di ottenerci la grazia di corrispondere alla grazia della santità
e a camminare dal punto dove siamo arrivati senza mai
voltarci indietro e coltivare inutilmente e pericolosamente dei
rimpianti o dei rimorsi.: 10 Ave Maria…
 A Dio, Trino e Uno, che dà vita a tutte le cose (Tt 6,13),
diciamo/cantiamo come candidati alla sua gloria eterna:
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…

Maria SS.
missionaria della Parola che crea umanità nuova,
fa’ che la parola di Cristo circoli e dimori abbondantemente in
noi,
nelle famiglie, nelle parrocchie, in ogni comunità;
fa’ che da fratelli e sorelle per la fede,
ci ammaestriamo e ammoniamo con ogni sapienza,
pregando e cantando a Dio di cuore e con gratitudine.
Tu vivi e regni con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo
per tutti i secoli dei secoli. Amen.