Sei sulla pagina 1di 23

TIPBOOK VOCE

Indice

X Introduzione

XII Guarda e ascolta ciò che leggi


con i Tipcode
I Tipcode di questo libro ti danno l’accesso a
video, file musicali e altre informazioni disponibili
sul sito www.edizionicurci.it/tipbook. Ecco come
funziona.

1 Capitolo 1. Cantante?
I cantanti hanno a disposizione lo strumento mu-
sicale più immediato, personale e versatile di tutti,
utilizzabile praticamente in ogni genere o situazione
musicale: la voce.

5 Capitolo 2. Breve panoramica


Una visione d’insieme sullo strumento vocale: scopri
le componenti principali della voce umana e il loro
funzionamento senza dover ripetere un intero corso
di biologia.

21 Capitolo 3. Imparare a cantare


Il canto classico richiede lezioni, ma si può egual-
mente beneficiare dell’aiuto di un insegnante profes-
sionista per qualsiasi altro genere. Ecco cosa può fare
per te un maestro di canto, con tutti i suggerimenti
sullo studio. VII

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
TIPBOOK VOCE

35 Capitolo 4. Cantare bene


Per un cantante rock, “cantare bene” non ha lo stesso
significato che ha per un cantante classico. Eppure,
i due hanno molto in comune, fra di loro e con la
maggior parte dei cantanti. Questo capitolo tratta
tutti gli aspetti principali del canto qualunque sia lo
stile, dalla respirazione alla postura, dalla sonorità
all’intonazione, e molto altro ancora.

87 Capitolo 5. Registri
Le note più alte suonano diversamente rispetto a
quelle più basse perché si trovano su registri diversi.
Alcuni esperti sostengono che esista un solo registro,
altri ne indicano tre, o anche di più. Questo capitolo
tenta di far luce su un argomento piuttosto confuso.

103 Capitolo 6. Categorie vocali ed estensioni


Le principali categorie vocali, dal basso al soprano,
i loro timbri e le loro estensioni (o range).

113 Capitolo 7. Metodi di canto


Un’introduzione a diversi metodi di canto, fra cui
Complete Vocal Technique, EVT e Speech Level
Singing.

119 Capitolo 8. Cura della voce


La prima sezione di questo capitolo offre una sele-
zione di ciò che si può, si dovrebbe o non si dovrebbe
fare per mantenere il vulnerabile strumento vocale in
condizioni ottimali. La seconda tratta i disturbi della
voce e come risolverli.

139 Capitolo 9. Testi


Suggerimenti su come ricordare e interpretare i testi,
VIII pronuncia compresa.

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
INDICE

145 Capitolo 10. Microfoni ed effetti


Informazioni base sui microfoni, per agevolare la
scelta di quello giusto al tuo scopo. Una spiegazione
semplice di questioni tecniche, accessori, effetti per
cantanti e molto altro ancora.

171 Capitolo 11. Storia


La voce è lo strumento musicale più antico al mondo.
Com’è accaduto per ogni altro strumento, si è molto
evoluto col passare del tempo. Ecco qualche spunto
interessante su questa sua lunghissima storia.

177 Capitolo 12. Trovarsi pronti


Consigli utili a ridurre l’ansia dell’audizione e la pau-
ra del palco.

185 Capitolo 13. Leggere la musica


Questo capitolo insegna le basi della lettura musicale,
utili anche per rinfrescarti la memoria.

211 Glossario
Cosa significa “copertura”, quanto è alto il Do alto,
e cos’è il “vocal fry”? In questo glossario vengono
spiegati i principali termini riguardanti la voce.

218 Elenco dei Tipcode


Un elenco di tutti i Tipcode sulla voce.

219 Per saperne di più


Informazioni su risorse utili ai cantanti: riviste, libri,
siti internet, e altro ancora.

2 26 Indice analitico

229 Tipbook – Il libro dei consigli

IX

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
TIPBOOK VOCE

Introduzione

Questo libro è per i cantanti principianti o anche più


esperti che vogliano imparare qualcosa in più sul loro
strumento: la voce. Non ti insegna a cantare, ma ti
aiuta a ottenere il massimo dal tuo strumento vocale,
sia che canti musica classica, spiritual, grunge, heavy
metal, jazz, country, salsa o qualunque altro genere,
da solo o insieme ad altri, in un coro, a casa, in sale
da concerto, in jazz club, in chiesa o in qualsiasi altro
posto.

Questo Tipbook sulla voce e la tecnica vocale è stato scritto in


collaborazione con cantanti, insegnanti (classici e non), terapeuti
e altri esperti. Presenta le loro conoscenze approfondite in una for-
ma molto semplice da leggere. Spiega inoltre tutta la terminologia
più comune, permettendoti così di affrontare con facilità qualsiasi
altra lettura sull’argomento, dalle riviste ai libri e tutte le risorse
disponibili su internet.

Cominciare dall’inizio
I primi tre capitoli sono rivolti soprattutto ai cantanti principianti
o che non hanno mai preso lezioni. Trattano il canto in generale,
i fondamenti dello strumento vocale e i suggerimenti per imparare
a cantare. Hai bisogno di lezioni, vuoi sapere dove trovare un
insegnante, come leggere la musica e fare esercizio? Questi capitoli
forniscono tutte le conoscenze base necessarie anche per leggere il
X resto del libro.

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
INTRODUZIONE

Cantanti più esperti


I cantanti più esperti possono invece passare direttamente agli
aspetti principali del “ben cantare” (cap. 4), ai registri (cap. 5),
o alle categorie vocali vocali e all’estensione (o range, cap. 6).

Metodi diversi
La terminologia utilizzata in questo libro si basa in gran parte su
ciò che viene generalmente indicato come scuola di canto classico
o belcanto. Il capitolo 7 presenta le altre scuole, come l’Estill Voice
Training (EVT) e la Complete Vocal Technique (CVT).

Cura della voce e testi


Gli strumenti musicali richiedono manutenzione; così anche la
voce richiede qualche attenzione. Il capitolo sulla cura della voce
ti dice cosa puoi, dovresti o non dovresti fare per mantenerla in
condizioni ottimali. Un altro capitolo è dedicato ai testi e a come
memorizzarli e interpretarli.

Microfoni ed effetti
C’è anche un capitolo sui microfoni e le apparecchiature correlate,
per offrirti tutto ciò che occorre sapere per un acquisto consapevole.

Preparazione
Il capitolo 12 ti fornisce consigli utili a ridurre l’ansia dell’audizio-
ne e la paura del palco. Dopotutto, i cantanti sono spesso al centro
dell’attenzione, e non hanno uno strumento vero e proprio dietro
il quale nascondersi…

Leggere la musica
Trovi anche un capitolo sulle nozioni base della lettura musicale,
che è davvero facile imparare.

Glossario
Il glossario alla fine del libro spiega brevemente la maggior parte
dei termini che si incontrano svolgendo l’attività di cantante.
È presente anche un indice analitico. La sezione Per saperne di più
ti offre ulteriori fonti di informazioni. Buon divertimento!

—Hugo Pinksterboer XI

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
TIPBOOK VOCE

Guarda e ascolta ciò che


leggi con i Tipcode
www.edizionicurci.it/tipbook

In aggiunta alle numerose illustrazioni delle pagine


seguenti, i Tipbook ti offrono un nuovo modo per vedere,
e anche ascoltare, ciò di cui stai leggendo. I Tipcode
che incontrerai nel libro ti permetteranno di accedere
a ulteriori immagini, brevi video, file musicali e altre
informazioni attraverso il sito internet
www.edizionicurci.it/tipbook

Ecco un esempio di come funzionano i Tipcode. A pagina 7


di questo libro si trova un paragrafo che descrive il modo in cui
vibrano le corde vocali. Subito prima trovi scritto Tipcode
VOCALS-002. Digitando questo codice nella pagina dei Tipcode
del sito www.edizionicurci.it/tipbook potrai vedrai un breve fil-
mato che ti mostra l’aspetto e il funzionamento delle corde vocali.
Filmati di questo tipo e tracce audio sono disponibili su numerosi
argomenti.

TIPCODE TIPCODE VOCALS-002


Questo Tipcode mostra anzitutto
l’apertura di un palloncino, che
agisce da valvola proprio come
le corde vocali, delle quali viene
mostrato in seguito il movimento
effettivo.

XII

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
GUARDA E ASCOLTA CIÒ CHE LEGGI CON I TIPCODE

Inserisci il Tipcode sopra la finestra del filmato nella pagina dei


Tipcode. Nella maggior parte dei casi, vedrai le immagini entro
cinque o dieci secondi. I Tipcode attivano un breve filmato, un
suono, o entrambi; oppure una serie di foto.

Elenco dei Tipcode


Per tua comodità, i Tipcode presenti in questo libro sono anche
elencati a pagina 228.

Avvio veloce
I filmati Tipcode, le sequenze di foto e le tracce audio sono creati
in modo da avviarsi subito. Se ti sfugge qualcosa la prima volta,
Scegli prima Inserisci qui un Tipcode e clicca
la sezione: sul pulsante. Lo vuoi rivedere?
Tipcode o glossario Clicca di nuovo

La finestra dei
Tipcode mostra
video, esempi audio
e la spiegazione delle Qui trovi informazioni sul
parole usate nel libro Tipbook che stai leggendo
XIII

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
TIPBOOK VOCE

puoi ovviamente riavviarli. E se il tutto ti sembra troppo veloce,


puoi usare il tasto pausa sotto la finestra del filmato.

Plugin
Se i software necessari per visualizzare i contenuti dei Tipcode non
sono installati sul tuo computer, ti verrà segnalato in automatico
quali ti occorrono e dove scaricarli. Si tratta di software gratuiti.

Altro ancora su www.edizionicurci.it/tipbook


Puoi trovare maggiori informazioni sul sito www.edizionicurci.it/
tipbook. Per esempio, puoi fare ricerche nei glossari di tutti i
Tipbook finora pubblicati. Per ogni strumento trovi materiale
interessante da consultare.

XIV

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
2
Breve panoramica
La voce è molto più simile agli altri strumenti di quanto
si possa pensare. Questo capitolo ne tratta i principi di
funzionamento essenziali, descrivendo le “parti” principali
che la costituiscono.

3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
CAPITOLO 2

Quando suoni il violino, fai vibrare le corde con un archetto.


Se sei un batterista, metti in vibrazione le pelli e i metalli con
delle bacchette. I trombettisti fanno vibrare le labbra con il fiato
proveniente dai polmoni. Queste vibrazioni si estendono all’aria
circostante, e aria in vibrazione significa suono.

Corde vocali
Quando canti fai vibrare le tue corde vocali. Si tratta di due
muscoli sottili presenti nella gola e rivestiti da una membrana
mucosa, l’apertura al centro dei quali si chiama glottide.
Sono proprio le corde vocali a generare il suono della tua voce.

Come funziona
Per comprenderne a grandi linee il funzionamento, chiudi
la bocca. Ora riempila lentamente con l’aria proveniente dai
polmoni. Se accosti le labbra senza stringerle, a un certo punto la
pressione le dividerà e uscirà un piccolo sbuffo d’aria.

TIPCODE Tipcode VOCALS-001


Questo Tipcode illustra quanto
descritto nel paragrafo
precedente: riempi la bocca con
l’aria proveniente dai polmoni
e lasciane fuoriuscire dei piccoli
sbuffi.

Tosse
La bocca si chiude unendo le labbra. Allo stesso modo, è possibile
chiudere la glottide unendo le due corde vocali. Per farlo, inspira
e fai come se stessi per tossire, ma senza tossire. La glottide chiusa
blocca il flusso d’aria. Se ti concentri, puoi emettere con cautela un
piccolo sbuffo d’aria attraverso le corde vocali.

Puff, puff, puff


6 Questo movimento si verifica sempre quando parli o canti;

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
BREVE PANORAMICA

entrambe le attività comportano infatti il rilascio di rapide serie di


sbuffi d’aria dai polmoni attraverso le corde vocali.

Tipcode VOCALS-002 TIPCODE


Questo Tipcode mostra anzitutto
l’apertura di un palloncino, che
agisce da valvola proprio come
le corde vocali, delle quali viene
mostrato in seguito il movimento
effettivo.

La voce umana
Ecco come funziona: la pressione dell’aria proveniente dai
polmoni si accumula e le corde vocali lasciano uscire un piccolo
sbuffo d’aria; poi le corde si riavvicinano e la pressione torna a
salire, e così via di nuovo. Questo accade così rapidamente che non
si sentono sbuffi separati. Ciò che si sente è la voce umana.

Tenendola in
questo modo,
l’apertura di
un palloncino
agisce come
una valvola,
analogamente
alle corde
vocali

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
CAPITOLO 2

Palloncino
Di fatto, se si lascia fuoriuscire l’aria da un palloncino
allargandone l’apertura fra le dita, succede qualcosa di simile.
L’apertura agisce come una valvola, proprio come le corde vocali:
lascia uscire l’aria attraverso una rapida serie di “sbuffi”, come
fanno le corde vocali con l’aria proveniente dai polmoni.

La nota più bassa


Quando un uomo canta una delle note più basse della sua
estensione, la sua glottide si apre e si chiude sessantasei volte al
secondo. In altre parole, le sue corde vocali vibrano sessantasei
volte al secondo e fuoriescono sessantasei sbuffi d’aria. In termini
tecnici, questo equivale a una nota di 66 Hertz. Si tratta di un
do2, come mostrato sulla tastiera di pianoforte della figura qui
sotto. Quando una cantante emette le sue note più alte, le sue
corde vocali vibrano una ventina di volte più veloci: più di 1.500 al
secondo e oltre!

Il do2 è una do2 do4 fa 6


delle note più (66 Hertz) (Do centrale) (1.492 Hertz)
basse della
voce maschile.
Le donne
possono
arrivare fino al
fa 6, e alcune
sono in grado
di cantare
la4 (440 Hertz)
note ancora
più alte

TIPCODE Tipcode VOCALS-003


Nel Tipcode Vocals-003 viene
riprodotta al pianoforte l’intera
estensione della voce umana.

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
BREVE PANORAMICA

QUATTRO PARTI
Le corde vocali sono una delle quattro parti principali dello
strumento vocale. Ecco le altre.

Risuonatore (gola, bocca e


cavità nasali)

Articolatori
Generatore (laringe e
(lingua, labbra,
corde vocali)
mascella
inferiore, Motore (polmoni)
palato molle)

Motore
Le tue corde vocali usano lo stesso “motore” di trombettisti,
sassofonisti e altri strumentisti a fiato: l’aria. Questi strumenti si
suonano soffiando aria al loro interno e mettendola in vibrazione 9

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
CAPITOLO 2

attraverso le labbra dello strumentista (tromba), un’ancia (sax) o le


corde vocali (voce). In sostanza, la voce è uno strumento a fiato!

Risuonatore
La tua faringe, la bocca e la cavità nasale sono come il corpo di un
clarinetto, un sassofono o di qualsiasi altro strumento.
È qui che la tua voce assume il suo suono o timbro specifico.
Insieme, costituiscono il risuonatore, definito anche tratto vocale.

Mascella, labbra, lingua


Se intoni una “a”, poi passi a una “u”, quindi a una “o” e una “i”
noterai che per articolare queste vocali cambi la posizione della
tua mascella inferiore, delle labbra e della lingua. In termini
tecnici: modifichi la forma del tuo risuonatore. Questo è ciò che si
chiama articolazione.

Consonanti
Per creare le consonanti (“b”, “c”, “d”, “f”, “g” e così via) e la
maggior parte degli altri suoni che la tua voce può produrre,
usi la tua mascella inferiore, la lingua, le labbra, il palato e altri
articolatori.

Quattro parti
Queste sono dunque le quattro “parti” che compongono la tua
voce: l’aria proveniente dai polmoni (1) fa vibrare le corde vocali
(2); il suono prodotto da queste acquista consistenza grazie al
risuonatore (3) per mezzo degli articolatori (4).

PIÙ FORTE, PIÙ ALTO,


PIÙ BRILLANTE
Puoi cantare piano o forte, note gravi o acute, e puoi rendere il
suono della tua voce più brillante o più scuro a tuo piacimento.

Volume
Cantando più forte, i movimenti delle tue corde vocali diventano
10 più “tesi”, come pure gli sbuffi d’aria che producono.

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
BREVE PANORAMICA

Non ti serve più aria per cantare più forte. Se ne usassi di più, non
saresti in grado di cantare note forti e prolungate.

Altezza
Passando a note più alte o più basse, la forma e la tensione delle tue
corde vocali cambiano. Quando canti note gravi, le corde vocali
sono spesse e rilassate. Più la nota è acuta, più queste diventano
strette e tese. All’estremità acuta della tua estensione le corde
vocali sono tese al massimo, e ne vibrano solo le estremità.

Palloncino
In effetti, quando canti le note più acute il comportamento delle
corde vocali è molto simile a ciò che accade stirando l’apertura del
palloncino di cui dicevamo prima. Più la stiri, più il suono sale.

Niente risuonatore
Il palloncino non ha un risuonatore. Di conseguenza, il suono
che produce, lasciando uscire l’aria in una serie di rapidi sbuffi, è
molto tenue. Manca di profondità, carattere e musicalità.
Se potessi portare le corde vocali fuori dal tuo corpo, produrreb-
bero un suono debole molto simile.

Niente corpo
Un trombettista o un sassofonista possono facilmente dimostrare
l’effetto di un risuonatore. Chiedi loro di suonare solamente il
bocchino: otterrai un suono sottile e stridulo.
Se attaccano invece lo strumento (il risuonatore!) al bocchino,
il suono diventerà pieno e corposo.

Timbro
Gli articolatori servono non solo per produrre vocali, consonanti
e altri suoni, ma anche per cambiare il timbro della tua voce.
Puoi renderlo brillante, sommesso, nasale o aperto, per esempio,
semplicemente spostando le labbra o la lingua.

Più complesso
Lo strumento vocale è in realtà molto più complesso di come
è stato rappresentato finora. Le informazioni fornite di seguito
non sono necessarie per cantare, ma possono risultare utili per la
lettura dei capitoli successivi. 11

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
CAPITOLO 2

TIP
P
Niente latino
Questo libro non presenta i dettagli completi delle decine
di muscoli, nervi e altre parti del corpo interessate alla
produzione vocale, né tutti i loro nomi in latino. Se vuoi
saperne di più, consulta un libro più tecnico sul canto (vedi
alle pagine 220-223).

CORDE VOCALI E LARINGE


Sebbene siano indicate con l’espressione “corde vocali”, in realtà
non assomigliano molto a delle corde, né vibrano come quelle di
una chitarra, per esempio.

corde vocali aritenoidi

respirazione normale sbadiglio = inspirazione profonda

12 sussurro chiusura completa

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
BREVE PANORAMICA

Muscolo e mucosa
In sintesi, le corde vocali sono muscoli ricoperti da mucose, lo
stesso tipo di membrana che riveste l’interno delle guance.

Corte e chiare
Le corde vocali sono molto corte: da circa un centimetro e
mezzo a due e mezzo. Se sono in buono stato, hanno un colore
bianco chiaro. Non ti è possibile verificarlo a meno di disporre di
strumenti ottici adeguati.
Tiroide

La cricoide
è a forma di
anello ed è
situata sopra
la trachea,
un organo
Aritenoidi flessibile. La
tiroide e le
aritenoidi vi
sono attaccate
così da potersi
Cricoide muovere in
vari modi,
Corde regolando la
vocali posizione delle
corde vocali
Trachea
Vista laterale:
la tiroide può
muoversi in
avanti, tirando
la trachea

Aperta e chiusa
Per respirare, la tua glottide deve essere completamente aperta.
Per sussurrare, deve essere quasi chiusa. Per parlare o cantare, 13

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
CAPITOLO 2

avvicini le tue corde vocali (adduzione). E per cantare note più


basse e più alte, le corde vocali devono diventare da spesse,
rilassate e corte a sottili, tese e lunghe.

Rotazione, scivolamento, spostamento


Le corde vocali possono compiere questi e tanti altri movimenti
perché sono attaccate a due piccole cartilagini in grado entrambe
di ruotare e scivolare in su e in giù: le aritenoidi.

Laringe
Le aritenoidi fanno parte della laringe, che ospita le corde vocali.
Si tratta della struttura che vedi muoversi in su e in giù sulla gola
di un uomo quando deglutisce. La laringe di un bambino o di
una donna non è altrettanto visibile, ma puoi sentirla muoversi se
appoggi la mano sulla gola.

Da dietro a davanti
Dentro la laringe le corde vocali vanno dalle aritenoidi (dietro),
all’interno della tiroide (sul davanti). Gli uomini hanno una
tiroide abbastanza sporgente: è il pomo d’Adamo, ben visibile.

Oscillare
La tiroide è collegata alla cricoide, a forma di anello, in un modo
che le permette di ondulare e scivolare leggermente. Quando la
tiroide si muove in avanti, aumenta la tensione delle corde vocali
che le sono attaccate. Questo permette di produrre note più alte.
La sezione successiva spiega brevemente come funziona questo
meccanismo.

Registro e rottura
Quando, senza alcuna preparazione vocale, si canta procedendo
dal grave verso l’acuto o viceversa, la voce generalmente si “rompe”
a un certo punto. In quel punto il timbro cambia: è pieno e scuro
nella gamma più bassa, decisamente più sottile in quella alta.

Dal basso verso l’alto


Producendo un glissato dal basso verso l’alto, la tiroide si spinge in
avanti fino al punto di “rottura”. In questo modo tende le corde
14 vocali che riescono così a produrre note più acute.

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
BREVE PANORAMICA

Tipcode VOCALS-004 TIPCODE


Riproduci questo Tipcode e
sentirai delle interruzioni evidenti
nelle voci femminile e maschile.

Dall’alto verso il basso


Producendo un glissato dall’alto verso il basso, la tiroide si muove
all’indietro fino a un certo punto. Così facendo alleggerisce la
tensione sulle corde vocali, permettendo loro di produrre note più
basse e scure.

Vibrazioni diverse
Sotto al punto di rottura, le corde vocali vibrano interamente,
coinvolgendo sia il tessuto muscolare sia la mucosa. Al di sopra,
invece, vibrano soltanto lungo le estremità. Questo produce due
timbri ben distinti.

Tipcode VOCALS-005 TIPCODE


Questo Tipcode mostra
chiaramente i timbri diversi,
prima e dopo il punto di rottura
della voce.

Registri
Queste due modalità di vibrazione sono definite registri. Gli esperti
– dai cantanti agli scienziati – sono spesso in disaccordo su quanti
siano, e ancora di più sulla loro nomenclatura. 15

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
CAPITOLO 2

Addirittura, alcuni metodi di canto non trattano affatto il tema


dei registri (vedi il capitolo 7).

Modale o di petto
La modalità di vibrazione propria delle note basse è nota anche
come registro modale, di petto, o grave. La definizione “registro di
petto” deriva dalle vibrazioni che si sentono nel petto quando si
cantano queste note.

Leggero o di testa
Cantando le note nel registro più acuto, o leggero, vibrano solo le
estremità esterne delle corde vocali. Si parla dunque di registro di
testa, detto anche falsetto.

Registro di testa
L’espressione registro di testa o voce di testa deriva dalle vibrazioni
che queste note più alte possono produrre nella testa. Altri usano
l’espressione “registro di testa” per il registro alto femminile e il
termine “falsetto” per i soli cantanti uomini.
Il capitolo 5 contiene ulteriori informazioni riguardo ai registri
e ai loro (tanti!) nomi.

TIP
P Uso della rottura
In alcuni generi musicali, i cantanti fanno deliberatamente
uso della rottura fra i registri. Un esempio ben noto è lo
yodeling, che prevede dei rapidi sbalzi da un registro all’altro.
Nella maggior parte degli altri stili di canto, comunque, far
sentire questa rottura non è cosa desiderabile. Per altre
informazioni, fai riferimento nuovamente al capitolo 5.

Passaggio
Un termine comune per indicare la rottura di voce è passaggio:
indica il punto in cui si “passa” da un registro a quello successivo.

Uomini e donne
Sia gli uomini sia le donne incontrano questo passaggio nella stessa
16 zona della loro estensione, vale a dire fra il do4 (Do centrale) e il fa4.

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
BREVE PANORAMICA

Entrambi parlano comunque ad altezze inferiori: per parlare si usa


infatti il registro di petto.

Cantare
La maggior parte dei cantanti maschi, in qualunque stile, canta
anche di petto, e lo stesso vale in genere per le cantanti non
classiche. Nella lirica, invece, le donne cantano principalmente nel
loro registro più acuto.

Pianoforte o chitarra
L’illustrazione a pagina 89 mostra dove si trova il passaggio di
registro sulla tastiera di un pianoforte. Se hai una chitarra a
portata di mano, questo punto si aggira solitamente attorno
all’altezza del Mi cantino suonato a vuoto (mi4).

RESPIRAZIONE
Il canto è spesso descritto come un parlato sostenuto: quando canti
pronunci vocali, parole o suoni più lunghi di quanto avvenga in
una conversazione. Molti aspiranti cantanti devono imparare ad
adattare la loro respirazione in modo da sostenere la propria voce,
piuttosto che appiattirla come un palloncino quando incontrano
la prima nota lunga. Per cantare bene, occorre respirare bene.

Inspirare
I buoni cantanti respirano espandendo la pancia e i fianchi.
In questo modo, viene appiattito il diaframma: si tratta del
muscolo lungo e a forma di cupola che separa i polmoni
dall’addome. Non appena si appiattisce, l’aria entra nei polmoni.

Espirare
Se lasci tornare subito il diaframma alla posizione originaria,
resti immediatamente senz’aria. Per sostenere il parlato occorre
mantenere basso il diaframma ed espandere i fianchi mentre si
espira, usando il flusso d’aria per mettere in moto le corde vocali. 17

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
CAPITOLO 2

Se espandi
la pancia, il
diaframma
si appiattisce
verso il basso e
l’aria entra nei
polmoni

Sostegno del fiato


Espandendo la pancia e i fianchi (in altre parole, tenendo basso il
diaframma), si sostiene letteralmente la respirazione, motivo per
cui questa tecnica è nota come sostegno del fiato. I cantanti spesso
devono imparare come applicare il sostegno del fiato in maniera
cosciente, benché tutti lo pratichino istintivamente, per esempio
quando si tossisce.

CATEGORIE VOCALI
La voce degli uomini suona in genere più bassa di quella delle
donne, anche nel parlato. La differenza fra l’altezza (pitch) delle
loro voci quando parlano è di circa un’ottava: otto note bianche
sulla tastiera di un pianoforte.

Più bassa, più scura


Alcuni uomini hanno la voce più bassa e più scura di altri,
ma anche le donne hanno voci diverse: queste differenze sono
18 classificate come categorie vocali.

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL
BREVE PANORAMICA

Categorie vocali maschili


I cantanti maschi con voci molto basse e scure sono definiti bassi.
Uomini con voci relativamente più leggere, alte e slanciate sono
definiti tenori. Nel mezzo ci sono i baritoni.

Categorie vocali femminili


Le parti di contralto nell’opera o nei cori sono cantate da
donne con voci più basse e calde. Le voci di soprano cantano
invece le parti più alte e brillanti. Nel mezzo ci sono le voci di
mezzosoprano.

E i cantanti non classici?


Queste classificazioni sono usate principalmente nel mondo del
canto classico, lirico e nei cori. Ma anche i cantanti non classici
possono trarre vantaggio dal conoscere la propria categoria vocale:
può infatti aiutarli a identificare l’estensione e il timbro con cui
possono cantare in modo più confortevole.

Due o tre
La maggior parte dei cantanti ha un’estensione o range –
l’intervallo musicale tra la nota più grave e quella più acuta che
riescono a cantare – di circa due o tre ottave. L’immagine che
segue mostra le estensioni delle categorie vocali sopra menzionate.

Estensione Estensione
Estensione
del del
delle sei
parlato parlato Do alto, Do alto,
maschile femminile tenore soprano principali
categorie
do1 do2 do3 Do centrale (do4) do5 do6 do7 do8 vocali

Basso
Baritono
Tenore
Contralto
Mezzosoprano
Soprano 19

TIPBOOK VOCE
3URSULHWjHVFOXVLYDSHUWXWWLL3DHVL(',=,21,&85&,6UO±*DOOHULDGHO&RUVR±0LODQR
‹E\(',=,21,&85&,6UO±7XWWLLGLULWWLVRQRULVHUYDWL