Sei sulla pagina 1di 985

PREFAZIONE

2
FANUC Serie 16i/160i/160is MODELLO B
FANUC Serie 18i/180i/180is MODELLO B
FANUC Serie 21i/210i/210is MODELLO B 3

MANUALE TASCABILE
(OPERATIVITA’ E MANUTENZIONE) 4

9
B--63527IT/01

10
• Nessuna parte di questo manuale può essere riprodotta in qualsiasi forma.
• Tutte le specifiche e le prestazioni sono soggette a variazione senza preavviso.

I prodotti descritti in questo manuale sono regolamentati dalla "Foreign Exchange and
Foreign Trade Law" giapponese. L’esportazione dal Giappone potrebbe essere soggetta
ad un’apposita licenza rilasciata dal governo giapponese.
La riesportazione in un paese terzo potrebbe essere soggetta ad una licenza rilasciata dal
governo del paese dal quale il prodotto viene riesportato. La riesportazione del prodotto
potrebbe essere ulteriormente regolamentata da specifiche norme del governo degli Stati
Uniti.
Nel caso si debbano esportare o riesportare questi prodotti, si suggerisce di contattare
FANUC per una consulenza.

In questo manuale abbiamo cercato, nel limite del possibile, di toccare tutti gli argomenti.
Tuttavia, a causa del grande numero di possibilità, non è possibile descrivere tutto ciò che
non deve o non può essere fatto.
Pertanto, tutto ciò che questo manuale non dà specificamente come possibile deve essere
considerato come ”impossibile”.

Questo manuale contiene I nomi di programmi o dispositivi di altre società. Alcuni di questi
nomi sono marchi registrati dei rispettivi proprietari. Tuttavia, nel corpo principale del
manuale, questi nomi non sono seguiti da ® o ™.
PREFAZIONE

PREFAZIONE
Questo manuale è indirizzato a persone che abbiano familiarità con la pro-
1
grammazione ed il funzionamento dei CNC ed ha lo scopo di fornire rapida-
mente le informazioni necessarie per l’utilizzo e la manutenzione in sito delle
macchine utensili a CNC.
Contiene esclusivamente informazioni di riferimento. Non contiene altri tipi
di informazioni, essenziali o supplementari che siano. Leggere prima i ma- 2
nuali elencati qui sotto.
Questo manuale presuppone che il lettore abbia familiarità con le informa-
zioni contenute nei manuali elencati di seguito.
Per le norme di sicurezza, leggere con attenzione la sezione ”NORME DI 3
SICUREZZA,” che segue l’indice.
Manuali relativi ai CNC
Serie 16i/18i/21i/160i/180i/210i/160is/180is/210is--MODELLO B

Titolo del manuale N. specifica 4


DESCRIZIONE B--63522

MANUALE CONNESSIONI (HARDWARE) B--63523

MANUALE CONNESSIONI (FUNZIONALITA’) B--63523--1


5
MANUALE DELL’OPERATORE B--63524
Serie 16i/18i/160i/180i/160is/180is--TB

MANUALE DELL’OPERATORE B--63534


Serie 16i/160i/160is--MB, Serie 18i/180i/180is--MB5,
Serie 18i/180i/180is--MB
6
MANUALE DELL’OPERATORE Serie 21i/210i/210is--TB B--63604

MANUALE DELL’OPERATORE Serie 21i/210i/210is--MB B--63614

MANUALE DI MANUTENZIONE B--63525

MANUALE DEI PARAMETRI B--63530 7


Serie 16i/18i/160i/180i/160is/180is--MODELLO B

MANUALE DEI PARAMETRI B--63610


Serie 21i/210i/210is--MODELLO

MANUALE TASCABILE (Operatività e Manutenzione) B--63527


8
MANUALI DI PROGRAMMAZIONE

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE B--61803--1


Macro Compiler/Macro Executor

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE C Language Executor B--62443--3

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE B--66102


9
FAPT MACRO COMPILER (Per Personal Computer)

CAP (Serie T)

FANUC Super CAPi T -- MANUALE DELL’OPERATORE B--63284

FANUC Symbol CAPi T -- MANUALE DELL’OPERATORE B--63304


10
MANUAL GUIDE per torni -- MANUALE DI PROGRAMMAZIONE B--63343

MANUAL GUIDE per torni -- MANUALE DELL’OPERATORE B--63344

CAP (Serie M)

FANUC Super CAPi M -- MANUALE DELL’OPERATORE B--63294

MANUAL GUIDE per fresatrici -- B--63423


MANUALE DI PROGRAMMAZIONE

MANUAL GUIDE per fresatrici -- MANUALE DELL’OPERATORE B--63424

p--1
PREFAZIONE

Manuali relativi ai CNC


Serie 16i/18i/21i/160i/180i/210i/160is/180is/210is--MODELLO B
1
Titolo del manuale N. specifica
PMC

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE PMC in linguaggio ladder B--61863

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE PMC in linguaggio C B--61863--1 2


FANUC LADDER--III -- MANUALE DELL’OPERATORE B--66234

Rete

I/O Link--II -- MANUALE DELL’OPERATORE B--62714


3
Scheda Profibus--DP -- MANUALE DELL’OPERATORE B--62924

Scheda FAST Ethernet/Scheda FAST DATA SERVER -- B--63644


MANUALE DELL’OPERATORE

Scheda Ethernet/Scheda DATA SERVER -- B--63354


MANUALE DELL’OPERATORE 4
Scheda DeviceNet -- MANUALE DELL’OPERATORE B--63404

Funzione di PC

Screen Display Function -- MANUALE DELL’OPERATORE B--63164


5
Manuali relativi ai MOTORI ASSE serie αi

Titolo del manuale N. specifica


MOTORI ASSE FANUC IN CA serie αi DESCRIZIONE B--65262 6
MOTORI ASSE FANUC IN CA serie αi B--65270
MANUALE DEI PARAMETRI

MOTORI MANDRINO FANUC IN CA serie αi DESCRIZIONE B--65272

MOTORI MANDRINO FANUC IN CA serie αi B--65280 7


MANUALE DEI PARAMETRI

AZIONAMENTI ASSE FANUC serie αi DESCRIZIONE B--65282

SISTEMI DI AZIONAMENTO FANUC serie αi B--65285


MANUALE DI MANUTENZIONE
8
Manuali relativi ai MOTORI ASSE serie α

Titolo del manuale N. specifica


MOTORI ASSE FANUC IN CA serie α DESCRIZIONE B--65142
9
MOTORI ASSE FANUC IN CA serie α B--65150
MANUALE DEI PARAMETRI

MOTORI MANDRINO FANUC IN CA serie α DESCRIZIONE B--65152

MOTORI MANDRINO FANUC IN CA serie α B--65160


10
MANUALE DEI PARAMETRI

AZIONAMENTI ASSE FANUC serie α DESCRIZIONE B--65162

SISTEMI DI AZIONAMENTO FANUC serie α B--65165


MANUALE DI MANUTENZIONE

p--2
PREFAZIONE

Il Manuale tascabile (Operatività e Manutenzione) può essere utilizzato per


i seguenti modelli. Nel manuale possono essere usati i nomi abbreviati.
Modello Abbreviazione
1
FANUC Serie 16i--TB 16i--TB

FANUC Serie 160i--TB 160i--TB Serie T o


Serie T (2 canali) *1
FANUC Serie 160is--TB 160is--TB 2
FANUC Serie 16i--MB 16i--MB
Serie M o
FANUC Serie 160i--MB 160i--MB
Serie M (2 canali) *1
FANUC Serie 160is--MB 160is--MB

FANUC Serie 18i--TB 18i--TB 3


Serie T o
FANUC Serie 180i--TB 180i--TB
Serie T (2 canali) *1
FANUC Serie 180is--TB 180is--TB

FANUC Serie 18i--MB5 18i--MB5


4
FANUC Serie 180i--MB5 180i--MB5

FANUC Serie 180is--MB5 180is--MB5


Serie M
FANUC Serie 18i--MB 18i--MB

FANUC Serie 180i--MB 180i--MB 5


FANUC Serie 180is--MB 180is--MB

FANUC Serie 21i--TB 21i--TB

FANUC Serie 210i--TB 210i--TB Serie T

FANUC Serie 210is--TB 210is--TB 6


FANUC Serie 21i--MB 21i--MB

FANUC Serie 210i--MB 210i--MB Serie M


FANUC Serie 210is--MB 210is--MB
7
*1) Per sistemi a due canali

10

p--3
NORME DI SICUREZZA

NORME DI SICUREZZA
2

Questa sezione descrive le norme di sicurezza per l’uso delle unità


CNC. E’ essenziale che queste norme siano osservate dall’utilizzatore 3
per assicurare la sicurezza del funzionamento delle macchine
equipaggiate con unità CNC (tutte le descrizioni fornite in questa
sezione assumono questa configurazione). Alcune norme si riferiscono
a specifiche funzioni e pertanto possono non essere applicabili a certe
unità CNC.
Gli utilizzatori devono anche osservare le norme di sicurezza relative 4
alla macchina, così come sono descritte nel corrispondente manuale
predisposto dal costruttore della macchina utensile. Prima di far
funzionare la macchina o di creare un programma che ne controlli il
funzionamento, l’operatore deve avere piena familiarità con il contenuto
di questo manuale e del corrispondente manuale fornito dal costruttore 5
della macchina utensile.

6
INDICE

1. DEFINIZIONE DI DIFFIDA, AVVERTIMENTO E NOTA . . . . . . 2


7
2. DIFFIDE DI CARATTERE GENERALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

3. DIFFIDE RELATIVE ALLA PROGRAMMAZIONE . . . . . . . . . . 5


8
4. DIFFIDE E AVVERTENZE RELATIVE ALLE OPERAZIONI . . 8

5. DIFFIDE RELATIVE ALLA MANUTENZIONE ORDINARIA . . 11

10

s--1
NORME DI SICUREZZA

1. DEFINIZIONE DI DIFFIDA, AVVERTIMENTO E


NOTA
1
Questo manuale include le norme di sicurezza che devono essere
osservate per proteggere il personale addetto alla manutenzione (d’ora
in poi detto genericamente operatore) e per evitare di danneggiare la
macchina. Le norme sono suddivise in diffide e avvertenze in base al
loro peso in termini di sicurezza. Le informazioni supplementari sono
2
classificate come note. Leggere attentamente le diffide, le avvertenze
e le note, prima di tentare di usare la macchina.

DIFFIDA
3

Questa indicazione viene data quando esiste il pericolo di


lesioni dell’operatore o di danneggiamenti della macchina se
non viene seguita la procedura indicata. 4

AVVERTENZA
5
Questa indicazione viene data quando il mancato rispetto
della procedura indicata può danneggiare la macchina.

6
NOTA

Le note sono usate per fornire informazioni supplementari,


diverse dalle diffide e dalle avvertenze.
7

` Leggere attentamente questo manuale e riporlo in un posto


sicuro.
8

10

s--2
NORME DI SICUREZZA

2. DIFFIDE DI CARATTERE GENERALE

1
DIFFIDA

1. Non tentare mai di lavorare un pezzo senza aver prima


verificato il funzionamento della macchina. Prima di 2
iniziare una produzione, assicurarsi che la macchina
operi correttamente attraverso una lavorazione di prova
usando, per esempio, le funzioni blocco a blocco,
regolazione della velocità di avanzamento o blocco
macchina, o facendo lavorare la macchina senza aver 3
montato né il pezzo né l’utensile. La mancata verifica del
corretto funzionamento della macchina può dare luogo a
comportamenti inattesi della macchina stessa, con la
possibilità di danneggiare il pezzo o la macchina e di ferire
l’operatore.
4
2. Prima di avviare la macchina controllare attentamente i
dati specificati.
Il funzionamento della macchina sulla base di dati non
corretti può dare luogo a comportamenti inattesi della
macchina stessa, con la possibilità di danneggiare il 5
pezzo o la macchina e di ferire l’operatore.

3. Assicurarsi che gli avanzamenti specificati siano


appropriati all’operazione da eseguire. Generalmente per
ogni macchina esiste una specifica velocità massima di 6
avanzamento. La velocità di avanzamento appropriata
dipende dall’operazione che si intende eseguire.
Consultare il manuale fornito insieme alla macchina per
determinare la velocità massima di avanzamento
ammessa. Se la macchina opera con una velocità di
avanzamento non appropriata, essa può comportarsi in 7
modo inatteso, con la possibilità di danneggiare il pezzo
o la macchina e di ferire l’operatore.

4. Se si usa una funzione di compensazione utensile,


controllare attentamente l’entità e la direzione della 8
compensazione.
Il funzionamento della macchina sulla base di dati non
corretti può dare luogo a comportamenti inattesi della
macchina stessa, con la possibilità di danneggiare il
pezzo o la macchina e di ferire l’operatore.
9
5. I parametri del CNC e del PMC sono impostati in fabbrica.
Normalmente non è necessario cambiarli. Quando,
tuttavia, non esistono alternative alla modifica di un
parametro, assicurarsi di averne compreso
perfettamente la funzione prima di procedere a qualsiasi 10
variazione.
L’errata impostazione di un parametro può dare luogo a
comportamenti inattesi della macchina, con la possibilità
di danneggiare il pezzo o la macchina e di ferire
l’operatore.

s--3
NORME DI SICUREZZA

DIFFIDA
1
6. Immediatamente dopo l’accensione, non taccare
nessuno dei tasti del pannello MDI finché non compaiono
lo schermo posizione o lo schermo allarmi.
Alcuni tasti del pannello MDI sono dedicati alla
manutenzione o ad altre operazioni speciali. Premere 2
uno di questi tasti può mettere il CNC in uno stato diverso
da quello normale. Avviare la macchina in questo stato
può dar luogo ad un comportamento inatteso della
medesima.
3
7. Questo manuale tascabile e gli altri manuali forniti
insieme al CNC forniscono una descrizione generale
delle funzioni della macchina, incluse le funzioni
opzionali. Notare che le funzioni opzionali variano da una
macchina all’altra. Di conseguenza, alcune delle funzioni
descritte nei manuali del CNC possono non essere 4
disponibili su uno specifico modello. In caso di dubbio,
controllare le specifiche della macchina.

8. Alcune funzioni possono essere state implementate su


richiesta del costruttore della macchina utensile. Prima di 5
usare una di queste funzioni, consultare il manuale
predisposto dal costruttore della macchina utensile per i
dettagli e le eventuali avvertenze relativi a tale funzione.

6
NOTA

I programmi, i parametri, e le variabili macro sono registrati


nella memoria non volatile del CNC. Normalmente questi dati
non vengono persi allo spegnimento del CNC stesso. 7
Tuttavia, essi possono essere cancellati inavvertitamente o
può rendersi necessario cancellarli dalla memoria non volatile
nell’ambito di una procedura di ripristino dopo un errore.
Per proteggersi da tale situazione e garantire un rapido
ripristino dei dati così cancellati, eseguire una copia di
sicurezza di tutti i dati vitali e conservarla in un luogo sicuro. 8

10

s--4
NORME DI SICUREZZA

3. DIFFIDE RELATIVE ALLA PROGRAMMAZIONE

Questa sezione fornisce le principali norme di sicurezza relative alla


1
programmazione. Prima di iniziare a scrivere un programma leggere
attentamente il manuale dell’operatore e il manuale di programmazione
forniti insieme al CNC. E’ necessario avere piena familiarità con il
contenuto di questi manuali.
2

DIFFIDA

1. Impostazione del sistema di coordinate 3


Se il sistema di coordinate non è impostato correttamente
la può comportarsi in modo inaspettato nell’esecuzione di
un programma peraltro corretto.
Questo inatteso comportamento può danneggiare 4
l’utensile, la macchina o il pezzo e può causare lesioni
all’operatore.

2. Posizionamento con interpolazione non lineare

Quando si usa il posizionamento con interpolazione non


5
lineare (posizionamento con movimento non lineare fra il
punto iniziale e il punto finale), è necessario controllare
attentamente il percorso utensile.
Il posizionamento comporta movimenti rapidi. Se
l’utensile entra in collisione con il pezzo, possono 6
derivarne danni all’utensile, alla macchina o al pezzo e
lesioni all’operatore.

3. Funzioni che coinvolgono un asse rotativo


7
Quando si usano l’interpolazione in coordinate polari o il
controllo della direzione normale (perpendicolare), fare
molta attenzione alla velocità dell’asse rotativo. Una
programmazione non corretta può dar luogo ad una
velocità di rotazione dell’asse troppo alta, in grado di
provocare il distacco dal mandrino del pezzo o 8
dell’utensile, se questi non sono sufficientemente
bloccati. Un incidente di questo genere può facilmente
danneggiare il pezzo, l’utensile o la macchina e ferire
l’operatore.
9
4. Conversione pollici/millimetri

La commutazione pollici/millimetri non cambia le unità di


misura dei dati come lo spostamento dell’origine del
pezzo, i parametri e la posizione corrente. Prima di
avviare la macchina, quindi, è necessario determinare il
10
tipo delle unità di misura utilizzate. Il tentativo di eseguire
un’operazione qualsiasi quando i dati specificati non sono
validi può danneggiare il pezzo, l’utensile o la macchina
e ferire l’operatore.

s--5
NORME DI SICUREZZA

DIFFIDA
1
5. Controllo della velocità di taglio costante

Quando un asse soggetto al controllo della velocità di


taglio costante si avvicina all’origine del sistema di
coordinate del pezzo, la velocità del mandrino può 2
aumentare eccessivamente. Quindi, è necessario
specificare la velocità massima ammessa. Una specifica
non corretta di questa velocità massima può danneggiare
il pezzo, l’utensile o la macchina e ferire l’operatore.
3
6. Controllo della corsa

Dopo l’accensione, eseguire un ritorno manuale al punto


di riferimento come richiesto. Il controllo della corsa non
è possibile prima dell’esecuzione del ritorno manuale al
punto di riferimento. Notare che quando il controllo della
4
corsa è disabilitato, non vengono segnalati allarmi nel
caso in cui venga superato un fine corsa. Questo può
danneggiare il pezzo, l’utensile o la macchina e ferire
l’operatore.
5
7. Controllo di interferenza della torretta

Il controllo di interferenza della torretta viene eseguito


durante il funzionamento automatico, sulla base dei dati
utensile specificati. Se questi dati non corrispondono 6
all’utensile effettivamente utilizzato, il controllo di
interferenza non può essere eseguito correttamente.
Questo può danneggiare il pezzo, l’utensile o la macchina
e ferire l’operatore.
Dopo l’accensione, o dopo aver selezionato
manualmente una torretta, avviare sempre il 7
funzionamento automatico e specificare il numero
dell’utensile da utilizzare.

8. Modo assoluto/incrementale
8
Se un programma creato usando valori assoluti viene
eseguito nel modo incrementale o viceversa, La
macchina può comportarsi in modo inatteso.

9. Selezione del piano


9
Se per l’interpolazione circolare, l’interpolazione
elicoidale o un ciclo fisso la specifica del piano non è
corretta, la macchina può comportarsi in modo inatteso.
Per i dettagli, fare riferimento alla descrizione delle varie
funzioni. 10
10. Salto al limite di coppia

Prima di specificare un salto al limite di coppia, applicare


il limite di coppia. Se viene specificato un salto al limite di
coppia senza che sia stato effettivamente applicato il
limite di coppia, una comando di movimento verrà
eseguito senza eseguire il salto.

s--6
NORME DI SICUREZZA

DIFFIDA
1
11. Immagine speculare programmabile

Notare che quando viene abilitata l’immagine speculare


programmabile le operazioni programmate cambiano
considerevolmente. 2
12. Funzione di compensazione

Se nel modo compensazione vengono specificati un


comando basato sul sistema di coordinate della 3
macchina o un comando di ritorno al punto di riferimento,
la compensazione viene temporaneamente cancellata,
Questo può provocare un comportamento inatteso della
macchina.
Prima di specificare uno di questi comandi, quindi,
cancellare sempre il modo compensazione.
4

10

s--7
NORME DI SICUREZZA

4. DIFFIDE RELATIVE ALLE OPERAZIONI

Questa sezione presenta le norme di sicurezza relativa alle operazioni


1
della macchina. Prima di operare sulla macchina leggere attentamente
il manuale dell’operatore e il manuale di programmazione forniti insieme
al CNC. E’ necessario avere piena familiarità con il contenuto di questi
manuali.
2

DIFFIDA

1. Funzionamento manuale 3
Quando si eseguono operazioni manuali, determinare la
posizione corrente dell’utensile e del pezzo e assicurarsi
che l’entità, la direzione e la velocità di avanzamento dei
movimenti siano state specificate correttamente.
Un’operazione non corretta può danneggiare il pezzo, 4
l’utensile o la macchina e ferire l’operatore.

2. Ritorno manuale al punto di riferimento


Dopo l’accensione, eseguire il ritorno manuale al punto di
riferimento come richiesto. Se la macchina viene fatta 5
funzionare senza aver prima eseguito il ritorno manuale
al punto di riferimento, essa può comportarsi in modo
inatteso. Prima del ritorno manuale al punto di riferimento,
il controllo della corsa è disabilitato. Un’operazione
inattesa può danneggiare il pezzo, l’utensile o la
macchina e ferire l’operatore. 6
3. Comando numerico manuale
Quando si specifica un comando numerico manuale
determinare la posizione corrente del pezzo e
dell’utensile, assicurarsi che l’asse, la direzione e l’intero 7
comando siano specificati correttamente e che tutti i
valori introdotti siano validi.
Il tentativo di eseguire un comando non valido può
danneggiare il pezzo, l’utensile o la macchina e ferire
l’operatore.
8
4. Avanzamento manuale con volantino
Nell’avanzamento manuale con volantino, la rotazione
del volantino quando il fattore di scala applicato è grande,
ad esempio 100, provoca un movimento rapido
dell’utensile o della tavola. La mancanza di attenzione
nell’eseguire questa operazione può causare danni al
9
pezzo, all’utensile o alla macchina e può causare ferite
all’operatore.

5. Disabilitazione della regolazione


Se durante la filettatura, la maschiatura o la maschiatura 10
rigida la regolazione della velocità è disabilitata (in base
al contenuto di una variabile macro), la velocità non può
essere prevista, con possibili danneggiamenti del pezzo,
dell’utensile o della macchina e con possibili lesioni
dell’operatore.

s--8
NORME DI SICUREZZA

DIFFIDA
1
6. Operazioni di preset/origine
In linea di principio, non tentare mai un’operazione di
preset/origine quando la macchina sta funzionando sotto
il controllo di un programma. Altrimenti la macchina può
comportarsi in modo inatteso, con possibili 2
danneggiamenti del pezzo, dell’utensile o della macchina
e con possibili lesioni dell’operatore.

7. Spostamento del sistema di coordinate del pezzo


Gli interventi manuali, il funzionamento nello stato di
blocco macchina o l’applicazione dell’immagine speculare
3
possono spostare il sistema di coordinate del pezzo. Prima
di far funzionare la macchina sotto il controllo di un
programma, controllare attentamente il sistema di
coordinate. Se la macchina viene fatta operare sotto il
controllo di un programma senza tener conto di un 4
eventuale spostamento del sistema di coordinate del
pezzo, la macchina può comportarsi in modo inatteso, con
possibili danneggiamenti del pezzo, dell’utensile o della
macchina e con possibili lesioni dell’operatore.

8. Pannello software dell’operatore e commutatori a 5


menu
Se si usano il pannello software dell’operatore e i
commutatori a menu, il pannello MDI permette di
specificare operazioni non supportate dal pannello
dell’operatore di macchina, quali la commutazione del
modo, la variazione dei valori di regolazione e i comandi
6
di avanzamento in jog. Però, operando inavvertitamente
sui tasti del pannello MDI è possibile causare un
comportamento inatteso della macchina, con possibili
danneggiamenti del pezzo, dell’utensile o della macchina
e con possibili lesioni dell’operatore. 7
9. Intervento manuale
Se durante il funzionamento della macchina sotto il
controllo del programma viene eseguito un intervento
manuale, alla ripartenza della macchina il percorso
utensile può variare. Prima di far ripartire la macchina dopo 8
un intervento manuale, quindi, controllare la posizione del
commutatore assoluto in manuale, l’impostazione dei
parametri e lo stato del modo di comando
assoluto/incrementale.

10. Feed hold, regolazione della velocità di avanzamento


9
e blocco singolo
Le funzioni feed hold, regolazione della velocità di
avanzamento e blocco singolo possono essere
disabilitate tramite la variabile macro di sistema #3004.
Quando la macchina opera in queste condizioni fare molta 10
attenzione.

11. Prova a vuoto


Normalmente, la prova a vuoto si usa per verificare il
funzionamento della macchina sotto il controllo di un
programma. Durante una prova a vuoto, la macchina
lavora alla velocità di avanzamento per la prova a vuoto,
che è diversa dalla velocità di avanzamento programmata.
Notare che la velocità di avanzamento per la prova a vuoto
può essere maggiore della velocità di avanzamento
programmata.

s--9
NORME DI SICUREZZA

DIFFIDA
1
12. Compensazione raggio utensile nel modo MDI

Mettere una particolare attenzione nella specifica del


percorso utensile di un movimento comandato nel modo
MDI, perché in questo caso la compensazione raggio 2
utensile non è applicata. Quando viene introdotto un
comando in MDI interrompendo il funzionamento
automatico nel modo compensazione raggio utensile,
fare molta al percorso dell’utensile alla ripresa del
funzionamento automatico. Per i dettagli fare riferimento 3
alle corrispondenti sezioni del manuale.

13. Editazione del programma pezzo

Se la macchina viene fermata e viene editato (modifica,


inserimento o cancellazione di parole o blocchi) il
4
programma pezzo in esecuzione, quando viene ripresa
la lavorazione sotto il controllo del programma la
macchina può comportarsi in modo inaspettato. In linea
di principio, non modificare, inserire o cancellare i
comandi contenuti nel programma in esecuzione. 5

10

s--10
NORME DI SICUREZZA

5. DIFFIDE RELATIVE ALLA MANUTENZIONE


ORDINARIA
1

DIFFIDA

2
1. Sostituzione della batteria della memoria

Questa operazione può essere eseguita esclusivamente


da personale che abbia ricevuto un addestramento
ufficialmente accettato sui temi della sicurezza e della
manutenzione.. 3
Durante la sostituzione della batteria fare attenzione a
non toccare i circuiti ad alta tensione (contrassegnati con
il simbolo e protetti da un coperchio isolante).
Toccare un circuito ad alta tensione scoperto comporta 4
un rischio di scossa elettrica estremamente grave.

NOTA
5
Il CNC usa la batteria per preservare il contenuto della sua
memoria, programmi, correzioni, parametri, ecc., anche
quando l’alimentazione esterna non è applicata.
In caso di caduta della tensione della batteria, sul pannello
dell’operatore o sul video del CNC compare un allarme di
bassa tensione della batteria. 6
Se compare questo allarme, sostituire la batteria entro una
settimana, o il contenuto della memoria del CNC verrà perso.
Per la descrizione dettagliata della procedura per la
sostituzione della batteria fare riferimento alla corrispondente
sezione del manuale dell’operatore. 7

10

s--11
NORME DI SICUREZZA

DIFFIDA
1
2. Sostituzione della batteria dell’encoder assoluto

Questa operazione può essere eseguita esclusivamente


da personale che abbia ricevuto un addestramento
ufficialmente accettato sui temi della sicurezza e della 2
manutenzione.
Durante la sostituzione della batteria fare attenzione a
non toccare i circuiti ad alta tensione (contrassegnati con
il simbolo e protetti da un coperchio isolante).
Toccare un circuito ad alta tensione scoperto comporta
3
un rischio di scossa elettrica estremamente grave.
Riferirsi al manuale di manutenzione dei SISTEMI DI
AZIONAMENTO FANUC serie αi (B--65285) o al
manuale di manutenzione dei SISTEMI DI
AZIONAMENTO FANUC serie α (B--65165). 4
3. Sostituzione dei fusibili

Per alcune unità, il capitolo riguardante la manutenzione


ordinaria del manuale dell’operatore o del manuale di 5
programmazione descrive la procedura per la
sostituzione dei fusibili.
Prima di procedere alla sostituzione di un fusibile è
necessario individuare e rimuovere la causa che ne ha
provocato la bruciatura.
Per questo motivo, questa operazione può essere 6
eseguita esclusivamente da personale che abbia
ricevuto un addestramento ufficialmente accettato sui
temi della sicurezza e della manutenzione.
Quando si sostituisce un fusibile con l’armadio elettrico
aperto fare attenzione a non toccare i circuiti ad alta 7
tensione (contrassegnati con il simbolo e protetti da
un coperchio isolante).
Toccare un circuito ad alta tensione scoperto comporta
un rischio di scossa elettrica estremamente grave.
8

10

s--12
INDICE

1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 2

3. CODICI G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65 3

4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE . . . . . . . . . . . . . . 73 4

5. MACROISTRUZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123 5

6. HARDWARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135 6

7. PARAMETRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253 7

8. ELENCO DEI CODICI DI ALLARME . . . . . . . . . . . . . 465 8

9. ELENCO DEI SEGNALI (X/Y, G/F) . . . . . . . . . . . . . . . 565 9

10. PMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 629 10

11. ETHERNET . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 700 11


12. POWER MATE CNC MANAGER
(AZIONAMENTO ASSE SERIE β 12
(OPZIONE I/O LINK)) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 753
13. DATI DIAGNOSTICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 757 13

14. FUNZIONI STORICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 789 14

15. FUNZIONE DIAGNOSTICA IN FORMA D’ONDA . . . 804 15

16. SERVO DIGITALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 815 16

17. MANDRINO IN CA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 850 17

18. DATI DI MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 869 18

19. FUNZIONI DI MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . 890 19


INDICE

1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.1 Unità di visualizzazione e lay--out della tastiera . . . . . . . . . . 1
1.2 Visualizzazione delle schermate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.2.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

1.2.2 Schermate visualizzate dal tasto ............. 8

1.2.3 Schermate visualizzate dal tasto (modo MEM) . 9

1.2.4 Schermate visualizzate dal tasto (modo EDIT) . 10

1.2.5 Schermate visualizzate dal tasto ............. 11

1.2.6 Schermate visualizzate dal tasto ............. 12

1.2.7 Schermate visualizzate dal tasto ............. 13

1.2.8 Schermate visualizzate dal tasto ............. 14

1.3 Operazioni associate al tasto .................... 15

1.3.1 Visualizzazione della posizione in coordinate assolute 15


1.3.2 Visualizzazione della posizione in coordinate relative . 16
1.3.3 Visualizzazione in tutti i sistemi di coordinate . . . . . . . . 16
1.3.4 Interrupt del volantino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.3.5 monitor operativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

1.4 Operazioni associate al tasto


(nel modo memoria) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.4.1 Visualizzazione del contenuto del programma . . . . . . . 20
1.4.2 Controllo del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.4.3 Visualizzazione del blocco in esecuzione . . . . . . . . . . . 21
1.4.4 Visualizzazione del blocco successivo . . . . . . . . . . . . . 21
1.4.5 Ripartenza del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

1.5 Operazioni associate al tasto


(nel modo edit) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
1.5.1 Editazione del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
1.5.2 Visualizzazione dell’elenco dei programmi . . . . . . . . . . 27
1.5.3 Menu della programmazione conversazionale . . . . . . . 28
1.5.4 Trasferimento dei dati su e da dischetto . . . . . . . . . . . . 29

1.6 Operazioni associate al tasto .................... 32

1.6.1 Visualizzazione e impostazione delle correzioni utensili 32


1.6.2 Visualizzazione e impostazione dei dati . . . . . . . . . . . . 33
1.6.3 Visualizzazione e impostazione degli offset
dello zero pezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
INDICE

1.6.4 Visualizzazione e impostazione delle varibili macro . . . 36


1.6.5 Visualizzazione e impostazione dei dati per
il pannello operatore software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
1.6.6 Codici dei caratteri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41

1.7 Operazioni associate al tasto .................... 42

1.7.1 Visualizzazione e impostazione dei parametri . . . . . . . 42


1.7.2 Visualizzazione dello stato interno del CNC
(diagnostica) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
1.7.3 Visualizzazione della configurazione del sistema . . . . . 44
1.7.4 Visualizzazione e impostazione della
compensazione passo vite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

1.8 Operazioni associate al tasto .................... 47

1.8.1 Visualizzazione dei messaggi di allarme . . . . . . . . . . . . 47


1.8.2 Visualizzazione dei messaggi per l’operatore . . . . . . . . 47
1.8.3 Visualizzazione della storia degli allarmi . . . . . . . . . . . . 48
1.9 Funzione di aiuto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
1.9.1 Dettaglio allarmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
1.9.2 Metodi operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
1.9.3 Tabella dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
3. CODICI G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
3.1 Codici G (Serie T) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
3.2 Codici G (Serie M) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE . . . . . . . . . . . . . . 73
5. MACROISTRUZIONI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
5.1 Tipi di variabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
5.2 Variabili di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
5.3 Assegnazione degli argomenti I/II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
5.4 Comandi aritmetici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
5.5 Comandi di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
5.6 Richiamo delle macro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
5.7 Macroistruzioni di tipo interrupt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
5.8 Comandi esterni di emissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
5.9 Campi dei comandi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
6. HARDWARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted . . . . . . . . . . . . . . 134
6.1.1 Sommario dei componenti hardware . . . . . . . . . . . . . . . 134
6.1.2 Schemi generali di connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
6.1.3 Configurazione delle schede a circuiti stampati
e dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
6.1.3.1 Scheda madre FS16i/18i/21i . . . . . . . . . . . . . . . 141
6.1.3.2 Scheda madre FS160is/180is/210is . . . . . . . . . 147
INDICE

6.1.3.3 Scheda CE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154


6.1.3.4 Scheda invertitore e unità di connesione . . . . . 155
6.1.3.5 Scheda linguaggio C,
scheda per comunicazioni seriali,
scheda Symbol CAPi T e scheda PMC--SE . . . 157
6.1.3.6 Scheda CPU ausiliaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
6.1.3.7 Scheda RISC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
6.1.3.8 Scheda data server, scheda fast data server . . 165
6.1.3.9 Scheda controllo caricatore . . . . . . . . . . . . . . . . 168
6.1.3.10 Scheda interfaccia HSSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
6.1.3.11 Scheda I/O Link--II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
6.1.3.12 Scheda PROFIBUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
6.1.3.13 Scheda Ethernet, scheda fast Ethernet . . . . . . 175
6.1.3.14 Scheda interfaccia DeviceNet . . . . . . . . . . . . . . 178
6.1.3.15 Unità di backup . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
6.1.4 Lista delle unità e delle schede a circuiti stampati . . . . 181
6.1.4.1 Unità base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
6.1.4.2 Unità di visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
6.1.4.3 Unità MDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
6.1.4.4 Schede a circuiti stampati . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
6.1.4.5 I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
6.1.4.6 Altre unità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
6.1.4.7 Materiali di consumo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone . . . . . . . . . . . . . . . . 191
6.2.1 Sommario dei componenti hardware . . . . . . . . . . . . . . . 191
6.2.2 Schemi generali di connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
6.2.3 Configurazione delle schede a circuiti stampati,
dei connettori e dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
6.2.3.1 Scheda CPU principale Serie
16i/18i/21i/160i/180i/210i/160is/180is/ 210is . . . 198
6.2.3.2 Scheda CPU ausiliaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
6.2.3.3 Scheda RISC, scheda Data server,
scheda RISC + Data server,
scheda fast Data server,
scheda RISC + fast Data server . . . . . . . . . . . . 206
6.2.3.4 Scheda controllo caricatore . . . . . . . . . . . . . . . . 211
6.2.3.5 Scheda linguaggio C,
scheda per le comunicazioni seriali . . . . . . . . . . 214
6.2.3.6 Scheda interfaccia HSSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
6.2.3.7 Scheda Symbol CAPi T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
6.2.3.8 Scheda I/O Link--II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
6.2.3.9 Scheda Ethernet, scheda fast Ethernet . . . . . . 222
6.2.3.10 Scheda DeviceNet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
6.2.3.11 Scheda master PROFIBUS . . . . . . . . . . . . . . . . 226
6.2.3.12 Scheda slave PROFIBUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
6.2.3.13 Scheda FL--net . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
INDICE

6.2.3.14 Scheda CPU principale dell’unità di


visualizzazione CNC con funzioni
di PC e PANEL i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
6.2.3.15 Scheda madre dell’unità di visualizzazione
CNC per la Serie is . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
6.2.4 Unità e schede a circuiti stampati . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
6.2.4.1 Unità base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
6.2.4.2 Schede a circuiti stampati dell’unità di controllo 234
6.2.4.3 I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
6.2.4.4 Unità LCD/MDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
6.2.4.5 Altre unità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
6.2.4.6 Unità di visualizzazione CNC con
funzioni di PC e PANEL i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
6.2.4.7 Unità di visualizzazione CNC per la serie is . . . 246
6.3 Aspetti dell’hardware comuni al tipo LCD--Mounted e
al tipo Stand--Alone della Serie i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
6.3.1 Display a cristalli liquidi (LCD) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
6.3.2 Impostazione dell’I/O distribuito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
7. PARAMETRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
7.1 Impostazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
7.2 Elenco dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255
8. ELENCO DEI CODICI DI ALLARME . . . . . . . . . . . . . . 464
8.1 Allarmi visualizzati dal CNC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 464
8.1.1 Errori di programma (Allarmi P/S) . . . . . . . . . . . . . . . . . 464
8.1.2 Allarmi dell’edit in background (allarmi BP/S) . . . . . . . . 495
8.1.3 Allarmi dell’encoder assoluto (APC) . . . . . . . . . . . . . . . . 495
8.1.4 Allarmi dell’Inductosyn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 496
8.1.5 Allarmi dell’encoder seriale (SPC) . . . . . . . . . . . . . . . . . 496
8.1.6 Allarmi degli assi (1/2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 498
8.1.7 Allarmi di sovra corsa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 503
8.1.8 Allarmi degli assi (2/2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
8.1.9 Allarmi di surriscaldamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
8.1.10 Allarmi della maschiatura rigida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505
8.1.11 Allarmi del mandrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505
8.1.12 Allarmi di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 507
8.2 Allarmi visualizzati sullo schermo del PMC . . . . . . . . . . . . . . 509
8.2.1 Messaggi di allarme PMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 509
8.2.2 Messaggi d’allarme di sistema del PMC . . . . . . . . . . . . 517
8.2.3 Messaggi d’allarme di sistema del PMC (per la scheda
linguaggio C) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 520
8.2.4 Messaggi di allarme (per l’EDIT: PMC--SB7) . . . . . . . . . 521
8.2.5 Messaggi di errore(Per l’EDIT: PMC--SA1) . . . . . . . . . . 528
8.2.6 Messaggi di errore
(nell’editazione dei dati di assegnazione) . . . . . . . . . . . 531
8.2.7 Messaggi di errore (Per l’I/O) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 532
INDICE

8.3 Allarmi del Power Mate CNC Manager


(Azionamento assi FANUC Serie b (Opzione I/O Link)) . 534
8.3.1 Allarmi visualizzati nella ”riga messaggi” della
schermata del power mate CNC manager . . . . . . . . . . 534
8.3.2 Allarmi visualizzati sull’azionamento asse FANUC
Serie b (Opzione I/O link) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535
8.4 Allarmi visualizzati sull’azionamento mandrino e sul CNC . 545
8.4.1 Numeri di allarme e allarmi visualizzati
sull’azionamento mandrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 545
8.4.2 Errori visualizzati sull’azionamento mandrino . . . . . . . . 562
9. ELENCO DEI SEGNALI (X/Y, G/F) . . . . . . . . . . . . . . . . 565
9.1 Segnali I/O fra il CNC e il PMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 565
9.2 Elenco dei segnali I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 566
9.3 Elenco degli indirizzi (1 canale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 589
9.4 Elenco degli indirizzi (2 canali) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 603
10. PMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 629
10.1 PMC--SB7 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 629
10.1.1 Visualizzazione dinamica dei programmi
della sequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 629
10.1.1.1 Visualizzazione del diagramma ladder . . . . . . . 630
10.1.1.2 Schermata di selezione per il monitoraggio . . . 631
10.1.1.3 Schermata di editazione del diagramma ladder 633
10.1.1.4 Schermata di editazione dei blocchi logici . . . . 635
10.1.2 Visualizzazione della schermata diagnostica del PMC 637
10.1.2.1 Pagina TITLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 637
10.1.2.2 Visualizzazione dello stato . . . . . . . . . . . . . . . . . 638
10.1.2.3 Visualizzazione degli allarmi . . . . . . . . . . . . . . . . 638
10.1.2.4 Funzione Trace (tracciatura dei segnali) . . . . . . 639
10.1.2.5 Schermata di controllo della connessione
I/O Link . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 643
10.1.3 Parametri del PMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 643
10.1.3.1 Metodo di immissione/emissione dei parametri 643
10.1.3.2 Schermata TIMER (temporizzatori) . . . . . . . . . . 644
10.1.3.3 Schermata COUNTER(contatori) . . . . . . . . . . . 644
10.1.3.4 Schermata KEEP RELAY(variabili ritentive) . . . 645
10.1.3.5 Schermata Data table (Tabella dati) . . . . . . . . . 648
10.1.3.6 Schermate di impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . 649
10.1.4 Immissione/emissione dei dati del PMC . . . . . . . . . . . . 651
10.1.4.1 Avvio della funzione di programmazione
incorporata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 651
10.1.4.2 Metodo di immissione/emissione . . . . . . . . . . . . 652
10.1.5 Parametri di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 653
10.1.6 Impostazione del monitor in linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . 656
10.2 PMC--SA1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 658
10.2.1 Visualizzazione dinamica dei programmi
della sequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 658
INDICE

10.2.2 Visualizzazione della schermata diagnostica del PMC 663


10.2.2.1 Schermata del titolo (TITLE) . . . . . . . . . . . . . . . 663
10.2.2.2 Visualizzazione dello stato (STATUS) . . . . . . . . 664
10.2.2.3 Visualizzazione degli allarmi (ALARM) . . . . . . . 664
10.2.2.4 Tracciatura dei segnali (TRACE) . . . . . . . . . . . . 665
10.2.3 Parametri del PMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 667
10.2.3.1 Introduzione dei parametri da MDI . . . . . . . . . . 667
10.2.3.2 Schermata dei temporizzatori (TIMER) . . . . . . . 667
10.2.3.3 Schermata dei contatori (COUNTER) . . . . . . . . 668
10.2.3.4 Schermata delle variabili ritentive (KEEPRL) . . 668
10.2.3.5 Schermata della tabella dati (DATA) . . . . . . . . . 671
10.2.3.6 Schermata di impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . 673
10.2.4 Immissione/emissione dei dati del PMC . . . . . . . . . . . . 673
10.2.4.1 Avvio della funzione di programmazione
incorporata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 673
10.2.4.2 Metodo di immissione/emissione . . . . . . . . . . . . 674
10.2.4.3 Funzione di copia (COPY) . . . . . . . . . . . . . . . . . 675
10.2.5 Parametri di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 675
10.2.6 Impostazione del monitor in linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . 677
10.3 Istruzioni funzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 679
10.3.1 Elenco delle istruzioni funzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 679
10.3.2 Dettagli delle istruzioni funzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 682
10.4 Nomi di assegnazione dei moduli I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 697
11. ETHERNET . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 700
11.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 700
11.2 Posizione di montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 701
11.3 Elenco delle schermate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 702
11.3.1 Controllo del tipo di Ethernet abilitato . . . . . . . . . . . . . . . 702
11.3.2 Impostazione e manutenzione (tasto ) . . . . . . . . . . . . . 703
11.3.3 Operazioni su file (tasto ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 704
11.3.4 Messaggi di errore (tasto ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 705
11.4 Ethernet incorporato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 706
11.4.1 Schermata per l’impostazione dei parametri . . . . . . . . . 706
11.4.2 Schermata per la commutazione dell’unità . . . . . . . . . . 713
11.4.3 Schermata per il trasferimento di file con FTP . . . . . . . 714
11.4.4 Schermata Connection host change . . . . . . . . . . . . . . . 715
11.4.5 Schermata Maintenance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 716
11.4.6 Visualizzazione dei messaggi di errore . . . . . . . . . . . . . 721
11.5 Scheda Ethernet opzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 724
11.5.1 Schermata per l’impostazione dei parametri . . . . . . . . . 724
11.5.2 Schermata operativa del fast data server . . . . . . . . . . . 733
11.5.3 Schermata Connection host change . . . . . . . . . . . . . . . 737
11.5.4 Schermata Data server maintenance . . . . . . . . . . . . . . 738
INDICE

11.5.5 Schermata Maintenance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 739


11.5.6 Visualizzazione dei messaggi di errore . . . . . . . . . . . . . 743
11.6 Localizzazione dei guasti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 746
11.6.1 Controllo della connessione all’hub . . . . . . . . . . . . . . . . 746
11.6.2 Controllo dell’impostazione dei parametri . . . . . . . . . . . 746
11.6.3 Controllo delle comunicazioni mediante
il comando ping . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 747
11.6.4 Controllo degli errori di comunicazione . . . . . . . . . . . . . 748
11.6.5 Controllo dei messaggi di errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 748
11.7 Esempio di impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 749
12. POWER MATE CNC MANAGER
(AZIONAMENTO ASSE SERIE β
(OPZIONE I/O LINK)) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 753
12.1 Schermate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 753
12.2 Parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 755
12.3 Allarmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 756
13. DATI DIAGNOSTICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 757
13.1 Procedura per la visualizzazione della
schermata diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 757
13.2 Elenco dei dati diagnostici (DGN) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 758
13.2.1 Stati nei quali sembra che un comando non venga
eseguito (DGN000 -- 016) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 758
13.2.2 Informazioni indicanti gli stati nei quali il funzionamento
automatico è fermo o in pausa (DGN020 -- 025) . . . . . 759
13.2.3 Stato dell’allarme TH (DGN030, 031) . . . . . . . . . . . . . . 759
13.2.4 Stato della copia dello schermo (DGN035) . . . . . . . . . . 760
13.2.5 Stato del C language executor (DGN045) . . . . . . . . . . . 760
13.2.6 Dettaglio degli allarmi del servo digitale o dell’encoder
seriale (DGN200 -- 280) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 761
13.2.7 Entità dell’errore di posizione (DGN300) . . . . . . . . . . . . 763
13.2.8 Machine position (DGN301) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 763
13.2.9 Spostamento della posizione di riferimento (DGN302) 763
13.2.10 Errore di posizione quando è abilitata l’accelerazione/
decelerazione fine (DGN303) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 763
13.2.11 Contatore di riferimento (DGN304) . . . . . . . . . . . . . . . 763
13.2.12 Rilevazione spostamento (DGN305) . . . . . . . . . . . . . 764
13.2.13 Coordinate di macchina dell’asse inclinato e dell’asse
ortogonale (DGN306, 307) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 764
13.2.14 Informazioni sulla temperatura del motore asse
(DGN308, 309) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 764
13.2.15 Causa della messa a 0 del PRM1815#4 (APZ)
(DGN310) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 765
13.2.16 Stato dell’FSSB (DGN320 -- 349) . . . . . . . . . . . . . . . . 766
13.2.17 Informazioni di dettaglio per l’allarme asse N. 417
(DGN352, 355 -- 358) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 768
13.2.18 Rilevazione errori (DGN360 -- 363) . . . . . . . . . . . . . . . 774
13.2.19 Dato diagnostico relativo al trasduttore
assoluto di posizione Inductosyn (DGN380, 381) . . . 774
INDICE

13.2.20 Errore della sincronizzazione flessibile


(DGN390 -- 393) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 774
13.2.21 Dati diagnostici del mandrino seriale (DGN400 -- 448) 775
13.2.22 Dati diagnostici relativi alla maschiatura rigida
(DGN450 -- 457) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 779
13.2.23 Stato della sincronizzazione poligonale dei mandrini
(DGN470 -- 478) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 779
13.2.24 Stato del buffer remoto (protocollo A)
(DGN500 -- 502) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 781
13.2.25 Dati diagnostici relativi all’HSS B (Open CNC)
(DGN510 -- 518) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 781
13.2.26 Dati diagnostici relativi alla foratura a tratti di piccoli
diametri (solo per la serie M) (DGN520 -- 523) . . . . . 783
13.2.27 Dati diagnostici relativi al cambio utensile automatico
per il ROBODRILL α (DGN530, 531) . . . . . . . . . . . . 783
13.2.28 Dati diagnostici relativi al controllo sincrono semplice
(DGN540, 541) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 784
13.2.29 Dati diagnostici relativi alla retroazione di posizione
duale (DGN550 -- 553) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 784
13.2.30 Stato dopo l’esecuzione della compensazione manuale
dell’utensile (DGN560) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 785
13.2.31 Stato FSSB2 (DGN620 -- 649) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 785
13.2.32 Stato del controllo di corrente HRV ad alta velocità . 787
13.2.33 Stati di errore/ avvertimento del mandrino ai . . . . . . . 788
14. FUNZIONI STORICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 789
14.1 Storia degli allarmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 789
14.2 Storia degli allarmi di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 790
14.2.1 Schermata della storia degli allarmi di sistema (lista) . . 790
14.2.2 Schermata della storia degli allarmi di sistema
(dettaglio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 791
14.3 Storia dei messaggi esterni per l’operatore . . . . . . . . . . . . . . 795
14.4 Storia operativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 797
14.4.1 Visualizzazione della storia operativa . . . . . . . . . . . . . . 797
14.4.2 Selezione dei segnali per la storia operativa . . . . . . . . . 800
14.4.3 Immissione/emissione dei dati della storia operativa . . 802
14.4.4 Note relative alla storia operativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . 802
14.4.5 Impostazione dei parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 802
15. FUNZIONE DIAGNOSTICA IN FORMA D’ONDA . . . . 804
15.1 Schermata dei parametri della diagnostica in forma d’onda 805
15.1.1 Parametri della diagnostica in forma d’onda
(tipo immediato) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 805
15.1.2 Parametri della diagnostica in forma d’onda
(tipo con memorizzazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 807
15.2 Grafico dei dati della diagnostica in forma d’onda . . . . . . . . 808
15.2.1 Visualizzazione del grafico per la diagnostica in forma
d’onda di tipo immediato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 808
15.2.2 Visualizzazione grafica per la diagnostica in forma
d’onda con memorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 809
15.3 Campionamento dei dati per la diagnostica in forma d’onda
con memorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 810
15.4 Emissione dei dati della diagnostica in forma d’onda
con memorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 813
INDICE

16. SERVO DIGITALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 815


16.1 Impostazione iniziale dei parametri asse (αi/α) . . . . . . . . . . 815
16.2 Schermata di impostazione FSSB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 827
16.2.1 Visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 827
16.2.2 Impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 831
16.3 Schermata per la messa a punto degli assi . . . . . . . . . . . . . 834
16.4 Dati di identificazione del servosistema ai . . . . . . . . . . . . . . . 835
16.4.1 Visualizzazione della schermata di identificazione assi 835
16.4.2 Editazione dei dati di identificazione degli assi . . . . . . . 836
16.4.3 Operazioni eseguibili sullo schermo . . . . . . . . . . . . . . . . 837
16.5 Interfaccia di preavviso del servosistema ai . . . . . . . . . . . . . 838
16.6 Ritorno al punto di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 839
16.6.1 ritorno manuale al punto di riferimento . . . . . . . . . . . . . . 839
16.6.1.1 Procedura base per il ritorno manuale al
punto di riferimento (con camma) . . . . . . . . . . . 839
16.6.1.2 Regolazione della posizione di riferimento . . . . 840
16.6.1.3 Spostamento del punto di riferimento . . . . . . . . 841
16.6.2 Impostazione della posizione di riferimento senza
camma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 842
16.6.3 Impostazione del punto di riferimento con battuta
meccanica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 843
16.6.4 Parametri associati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 845
17. MANDRINO IN CA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 850
17.1 Schema del controllo mandrino (interfaccia seriale) . . . . . . 850
17.2 Cambio gamma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 851
17.3 Impostazione automatica dei parametri standard . . . . . . . . 853
17.4 Schermate di impostazione e regolazione mandrino . . . . . . 855
17.4.1 Metodo di visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 855
17.4.2 Schermata di impostazione mandrino . . . . . . . . . . . . . . 855
17.4.3 Schermata di regolazione mandrino . . . . . . . . . . . . . . . 856
17.4.4 Schermata di monitoraggio mandrino . . . . . . . . . . . . . . 858
17.4.5 Parametri corrispondenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 861
17.5 Schermata dei dati di identificazione del mandrino αi . . . . . 864
17.5.1 Visualizzazione della schermata dei dati di
identificazione del mandrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 864
17.5.2 Editazione dei dati di identificazione del mandrino . . . . 865
17.5.3 Operazioni eseguibili sulla schermata di editazione . . . 866
17.6 Interfaccia di preavviso per il mandrino αi . . . . . . . . . . . . . . . 867
18. DATI DI MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 869
18.1 Visualizzazioni eseguite all’accensione . . . . . . . . . . . . . . . . . 869
18.1.1 Prima dell’avvio del CNC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 869
18.1.2 Visualizzazione della configurazione degli slot . . . . . . . 869
18.1.3 Visualizzazione dello stato di settaggio dei moduli . . . . 871
18.1.4 Schermata di avviso dopo la sostituzione del
software di sistema (system label check error) . . . . . . 872
INDICE

18.2 Schermata della configurazione del sistema . . . . . . . . . . . . . 873


18.3 Visualizzazione dello stato del CNC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 876
18.4 Schermata di avvertimento quando viene
cambiata un’opzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 878
18.5 Schermate della manutenzione periodica . . . . . . . . . . . . . . . 879
18.5.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 879
18.5.2 Visualizzazione e operazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 879
18.5.3 Schermata di stato della manutenzione periodica . . . . 880
18.5.4 Schermata di impostazione della manutenzione
periodica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 884
18.5.5 Parametro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 885
18.5.6 Immissione/emissione dei dati registrati . . . . . . . . . . . . 885
18.6 Schermata dei dati di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 886
18.6.1 Visualizzazione dello schermo e operazioni . . . . . . . . . 886
18.6.2 Immissione/emissione dei dati di manutenzione . . . . . . 889
19. FUNZIONI DI MANUTENZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . 890
19.1 Immissione/emissione dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 890
19.1.1 Parametri relativi all’immissione/emissione dei dati . . . 890
19.1.2 Emissione dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 891
19.1.2.1 Emissione dei parametri del CNC . . . . . . . . . . . 891
19.1.2.2 Emissione dei parametri del PMC . . . . . . . . . . . 891
19.1.2.3 Emissione dati della compensazione
passo vite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 892
19.1.2.4 Emissione delle variabili macro . . . . . . . . . . . . . 892
19.1.2.5 Emissione delle correzioni utensili . . . . . . . . . . . 892
19.1.2.6 Emissione dei programmi pezzo . . . . . . . . . . . . 893
19.1.3 Immissione dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 893
19.1.3.1 Immissione dei parametri del CNC . . . . . . . . . . 893
19.1.3.2 Immissione dei parametri del PMC . . . . . . . . . . 894
19.1.3.3 Immissione dati della compensazione
errore di passo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 894
19.1.3.4 Immissione delle variabili macro . . . . . . . . . . . . 895
19.1.3.5 Immissione delle correzioni utensili . . . . . . . . . . 895
19.1.3.6 Immissione dei programmi pezzo . . . . . . . . . . . 896
19.1.4 Immissione/emissione dati sulla schermata
I/E GLOBALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 897
19.1.4.1 Impostazione parametri relativi
all’immissione/emissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 897
19.1.4.2 Immissione/emissione di programmi . . . . . . . . . 898
19.1.4.3 Immissione/emissione dei parametri . . . . . . . . . 901
19.1.4.4 Immissione/emissione dei valori delle correzioni 902
19.1.4.5 Emissione delle variabili comuni delle
macroistruzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 902
19.1.4.6 Immissione/emissione di file su dischetto . . . . . 903
19.1.5 Immissione/emissione dei dati tramite memory card . . 906
INDICE

19.1.5.1 Visualizzazione della directory dei file registrati 907


19.1.5.2 Ricerca di un file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 907
19.1.5.3 Lettura di un file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 908
19.1.5.4 Scrittura di un file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 909
19.1.5.5 Cancellazione di un file . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 910
19.1.5.6 Immissione/emissione a blocchi con una
memory card (schermata I/E GLOBALE) . . . . . 911
19.1.5.7 Parametri correlati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 913
19.1.5.8 Codici di errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 914
19.2 Slot della memory card . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 915
19.2.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 915
19.2.2 Configurazioni Hardware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 915
19.3 Boot System (Monitor di sistema) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 918
19.3.1 Funzionamento del boot system monitor . . . . . . . . . . . . 918
19.3.2 Input . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 920
19.3.3 Visualizzazione delle informazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 921
19.3.4 Cancellazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 924
19.3.5 Output . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 925
19.3.6 Backup della SRAM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 927
19.3.7 Cancellazione di file dalla scheda di memoria . . . . . . . 928
19.3.8 Formattazione della memory card . . . . . . . . . . . . . . . . . 929
19.3.9 Uscita dal BOOT System . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 930
19.3.10 Messaggi di errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 931
19.4 Indicazioni dei LED e manutenzione dell’unità tipo
Stand--Alone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 934
19.4.1 Indicazioni del LED a 7 segmenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 935
19.4.1.1 Visualizzazione dello stato NC . . . . . . . . . . . . . . 935
19.4.1.2 Indicazione LED durante il funzionamento
automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 935
19.4.1.3 Indicazione LED quando viene premuto
il pulsante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 935
19.4.1.4 Indicazione LED in presenza di un
allarme di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 936
19.4.1.5 Indicazioni del LED a 7 segmenti all’accensione 937
19.4.2 Operazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 938
19.4.2.1 Operazioni antecedenti l’accensione . . . . . . . . . 938
19.4.2.2 Numero di funzione 2 (impostazione di
un numero di unità per la funzione display link) 939
19.4.2.3 Numero di funzione 4 (controllo del numero
di unità per la funzione display link) . . . . . . . . . . 939
19.4.2.4 Numero di funzione 5
(cancellazione dell’intera memoria) . . . . . . . . . . 939
19.4.2.5 Numero di funzione 8
(salvataggio in blocco su una memory card) . . 940
19.4.2.6 Numero di funzione A
(ripristino in blocco da una memory card) . . . . . 940
19.5 Manutenzione dell’ Open CNC (Boot--up e IPL) . . . . . . . . . . 941
19.5.1 modifica della sequenza di avvio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 942
INDICE

19.5.2 Spiegazione delle schermate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 944


19.5.2.1 Schermata Boot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 944
19.5.2.2 Manipolazione dei dati di sistema
(finestra dei dati di sistema) . . . . . . . . . . . . . . . . 945
19.5.2.3 Operazioni relative alla SRAM
(finestra della SRAM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 945
19.5.2.4 Operazioni sui file (finestra dei file) . . . . . . . . . . 946
19.5.3 Schermata IPL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 946
19.5.3.1 Funzioni della schermata IPL . . . . . . . . . . . . . . . 947
19.5.4 Altre schermate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 948
19.5.4.1 Schermata degli allarmi del CNC . . . . . . . . . . . . 948
19.5.4.2 Schermata dello stato (160i/180i/210i) . . . . . . . 949
19.5.4.3 Schermata dello stato (160is/180is/210is) . . . . 950
19.5.4.4 Schermata di impostazione delle opzioni
(Solo per 160i/180i/210i) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 951
19.6 Schermata di impostazione dei colori . . . . . . . . . . . . . . . . . . 952
19.6.1 Visualizzazione della schermata . . . . . . . . . . . . . . . . . . 952
19.6.2 Impostazione dei colori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 952
19.7 Regolazione del contrasto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 954
19.7.1 Procedura per la regolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 954
19.7.2 Regolazione dell’LCD monocromatico da 7.2 pollici
(CRT Link) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 954
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.1 Unità di visualizzazione e lay--out della tastiera


(1) Unità di visualizzazione LCD

Tasti software

Fig.1.1 (a) Unità LCD da 7.2″/8.4″

Tasti software

Fig.1.1 (b) Unità LCD da 9.5″/10.4″

1
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

Tasti software

Fig. 1.1 (c) Unità LCD da 10.4″ con touch panel

2
1.1 Unità di visualizzazione e lay--out della tastiera

(2) Tastiera MDI su pannello per la Serie T

Tasti numerici/indirizzo
1
Tasti funzione

Tasto shift

Tasto cancella (CAN)

Tasto input

Tasti di edit

Tasto aiuto

Tasto reset

Tasti cursore

Tasti pagina

Fig.1.1 (d) Unità MDI stand--alone compatta (Serie T)

Tasti numerici/indirizzo
Tasto reset

Tasto aiuto

Tasti di edit

Tasto cancella (CAN)

Tasto input

Tasto shift
Tasti funzione
Tasti pagina
Tasti cursore

Fig.1.1 (e) Unità MDI stand--alone standard (Serie T)

3
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

(3) Tastiera MDI su pannello per la Serie M

Tasti numerici/indirizzo

Tasti funzione

Tasto shift

Tasto cancella (CAN)

Tasto input

Tasti di edit

Tasto aiuto

Tasto reset

Tasti cursore

Tasti pagina

Fig.1.1 (f) Unità MDI stand--alone compatta (Serie M)

Tasti numerici/indirizzo
Tasto reset

Tasto aiuto

Tasti di edit

Tasto cancella (CAN)

Tasto input

Tasto shift
Tasti funzione
Tasti pagina
Tasti cursore

Fig.1.1 (g) Unità MDI stand--alone standard (Serie M)

4
1.1 Unità di visualizzazione e lay--out della tastiera

(4) Tastiera MDI a 61 tasti


Tasto reset Address keys 1

Tasto shift

Tasto
aiuto
Tasti
funzione

Tasti numerici Tasto edit Tasti cursore


Tasto cancella Tasti pagina
(CAN)
Tasto input

Fig. 1.1 (h) Unità MDI a 61 tasti

5
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

(5) Descrizione della tastiera

N. Nome Funzione
(1) Tasto reset Premere questo tasto per resettare il CNC, per
cancellare un allarme, ecc.

(2) Tasto aiuto Premere questo tasto per usare la funzione di


aiuto quando si è incerti sul funzionamento di
uno dei tasti del pannello MDI, o sul significato
di un allarme del CNC.
(3) Soft key I tasti software hanno varie funzioni, che dipen-
dono dalle applicazioni. Le loro funzioni sono
visualizzate nella parte bassa dello schermo.
(4) Tasti num./indirizzo Premere questi tasti per introdurre caratteri alfa-
betici, numerici o speciali.
...

(5) Tasto shift Alcuni tasti corrispondono a due caratteri. Il


tasto <SHIFT> commuta fra questi due carat-
teri. Quando è abilitato il carattere in basso a
destra, sullo schermo compare il simbolo ^.
(6) Tasto input I dati introdotti da tastiera sono registrati in un
buffer e visualizzati. Per trasferire il contenuto
del buffer della tastiera nel dato, offset, ecc.,
voluto, premere il tasto <INPUT>, che equivale
al tasto software [ENTRAT]. Premendo uno di
questi due tasti, si ottiene lo stesso risultato.
(7) Tasto cancella (CAN) Premere questo tasto per cancellare l’ultimo
carattere o simbolo caricato nel buffer della
tastiera.
Esempio: Se il buffer della tastiera contiene
N001X100Z e viene premuto il tasto
CAN, Z viene cancellato è il conte-
nuto del buffer diventa N001X100
(8) Tasti di edit Questi si usano per editare i programmi.
: Modifica

: Inserisci

: Cancella

(9) Tasti funzione Questi tasti servono per visualizzare le scher-


mate delle varie funzioni.

6
1.1 Unità di visualizzazione e lay--out della tastiera

1
N. Nome Funzione
(10) Tasti cursore Il movimento del cursore è controllato da quat-
tro tasti.
: Questo tasto si usa per brevi sposta-
menti verso destra o in avanti del cur-
sore.

: Questo tasto si usa per brevi sposta-


menti verso sinistra o all’indietro del
cursore.

: Questo tasto si usa per lunghi sposta-


menti verso il basso o in avanti del cur-
sore.

: Questo tasto si usa per lunghi sposta-


menti verso l’alto o all’indietro del cur-
sore.
(11) Tasti pagina Per cambiare pagina sono a disposizione due
tasti:

: Questo tasto sostituisce la


pagina corrente con la pagina
precedente.
: Questo tasto sostituisce la
pagina corrente con la pagina
successiva.

7
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.2 Visualizzazione delle schermate


1.2.1 Introduzione
D Ad ogni tasto funzione corrispondono più schermate.
D Ciascuna di esse può essere visualizzata premendo un tasto software.
D Il tasto di continuazione del menu cambia i tasti software
visualizzati.
D Per visualizzare una particolare schermata può essere necessario
premere più volte il tasto .
D La visualizzazione di alcune schermate dipende dalle impostazioni e
dalla presenza/assenza di funzioni opzionali.

Ciascuna schermata ha proprie funzioni ed operazioni.


I metodi operativi delle schermate relative alle funzioni base sono descritte
in questo capitolo a partire dalla sezione 1.3.

1.2.2 Schermate visualizzate dal tasto

POSIZ ATTUALE (ASSOLUTO)

[ ASSOLT ] [ REL ] [ TUTTO ] [ INTR.M ] [ (OPRT) ]

POSIZIONE POSIZIONE POSIZIONE


ATTUALE ATTUALE INTERRUZ.
ATTUALE
(ASSOLUTO) (RELATIVA) (TUTTO) VOLANTINO

Per commu- Per commu- Per commu-


tare tra gli assi tare tra gli assi tare tra gli assi
1--5 e 6--8, pre- 1--5 e 6--8, pre- 1--5 e 6--8, pre-
mere di nuovo mere di nuovo mere di nuovo
il tasto. il tasto. il tasto.

POSIZ ATTUALE (ASSOLUTO)

[ MONI ] [ ][ ] [ ] [ (OPRT) ]

MONITOR
OPERATIVO

(PRM3111#5)

8
1.2 Visualizzazione delle schermate

1.2.3 Schermate visualizzate dal tasto (modo MEM)


1

PROGRAMMA
Visualizzati solo su LCD da 7.2”/8.4”

[ PRGRM ] [ VERIF. ] [ ATTUAL ] [ SUCCS ] [ (OPRT) ]


V

CONTENUTO BLOCCO BLOCCO


DEL ATTUALE / ATTUALE /
PROGRAMMA DATI BLOCCO SUC-
[ ASSOLT ] [ REL ] MODALI CESSIVO

VERIF. VERIF.
PROGRAMMA PROGRAMMA
(ASSOLUTE) (RELATIVE)

PROGRAMMA

[ RIPART ] [ DIR ] [ ][ ] [ (OPRT) ]

RIPARTENZA ELENCO
PROGRAMMI
PROGRAMMA

PROGRAMMA

[ ] [ ][ FL.SDL ] [ ] [ (OPRT) ]

[ PRGRM ] [ DIR ] [PIANO ]

PROGRAMMI IMPOSTAZ.
SCHEDULATI SCHEDULAZ.

PROGRAMMA

[ ] [ HOST ][ CONECT ][ ] [ (OPRT) ]

DIRECTORY CAMBIO
HOST SU HOST SU
ETHERNET ETHERNET

9
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.2.4 Schermate visualizzate dal tasto (modo EDIT)

PROGRAMMA

[ PRGRM ] [ LIB ] [ ][ C.A.P. ] [ (OPRT) ]

EDITAZIONE ELENCO
C.A.P.
PROGRAMMA PROGRAMMI

PROGRAMMA
PRM20 = 4
[ ] [ ] [ CARD ] [ ] [ (OPRT) ]

Questo tasto dipende dall’unità di


I/O selezionata, e può non com-
parire.
[ PRGRM ] [ LIB + ] (PRM20, 102, 112, 122, etc.)

[ FLOPPY ]
DIRECTORY
(MEMORY
CARD) [ DIR ]

DIRECTORY
FLOPPY

PROGRAMMA

[ ] [ HOST ][ CONECT ][ ] [ (OPRT) ]

DIRECTORY CAMBIO
HOST SU HOST SU
ETHERNET ETHERNET

10
1.2 Visualizzazione delle schermate

1.2.5 Schermate visualizzate dal tasto


1

COMPENSAZIONI
[ COMPEN ] [ PREPRA ] [ LAVORO ] [ ] [ (OPRT) ]

COMPEN- IMPOSTA- COORDI--


SAZ. ZIONE NATE
UTENS. PEZZO

COMPENSAZIONI

[ MACRO ] [ MENU ] [ OPR PN ] [ ] [ (OPRT) ]

VARIABILI PRO- PANNELLO


MACRO GRAMM. OPERAT.
SU MENU SOFT

COMPENSAZIONI
[ MODEM ] [ PR--LEV ] [ ] [ ] [ (OPRT) ]

SCHEDA SELEZ.
MODEM LIVELLO
ESECUZ.

11
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.2.6 Schermate visualizzate dal tasto

PARAMETRI
[ PARAM ] [ DIAGNS ] [ PMC ][ SISTEM ] [ (OPRT) ]

IMPOSTAZ. DIAGNO-- PMC [ SISTEM ] [ SV--INF ][ SP--INF ]


PARAMETRI STICA

CONFIGU-- DATI DATI


RAZIONE DEGLI DEI MAN-
SISTEMA ASSI DRINI

[ ][ PASSO ] [ SV.PRM ][ SP.PRM ] [ (OPRT) ]

COMPENS. PARAMETRI PARAMETRI


PASSO ASSI MANDRINO
VITE
(PRM (PRM
3111#0) 3106#4)
[ D.ONDA ] [ TUT I/O ][ ] [ STOROP ][ (OPRT) ]

DIAGNOSI I/O GLO- STORIA


IN FORMA BALE OPERATIVA
D’ONDA

(PRM 3112#0) (PRM 20 ≠ 4): Valido nel modo edit) (PRM 3106#4)

[ ][ ][ PMM ][ TUT I/O ] [ (OPRT) ]

POWER MATE I/O GLO-


CNC BALE
MANAGER
(PRM 20 ( 4): Valido nel modo edit)

[ COLOR ][ MAINTE ] [ M--INFO ][ ][ (OPRT) ]

IMPOSTAZ. MANUTEN- DATI


COLORI ZIONE PER- MANUTEN-
LCD IODICA ZIONE

[ ][ FSSB ][ PRM ][ ][ (OPRT) ]

IMPOSTA- REGOLA-
ZIONE FSSB ZIONE PARA-
METRI

[ ][ ][ ETHPRM ] [ ETHMNT ] [ (OPRT) ]

IMPOSTAZ. MANUT.
PARAMETRI ETHERNET
ETHERNET INCORPORATO

[ RMTDGN ] [ M--TUN ][ ][ ][ (OPRT) ]

DIAGNOSI REGOLAZIONE
REMOTA PARAMETRI
LAVORAZ.

12
1.2 Visualizzazione delle schermate

1.2.7 Schermate visualizzate dal tasto


1

ALLARMI / MESSAGGI

[ ALLARM ] [ MESSAG ] [ STORIA ][ ][ (OPRT) ]

MESSAGGI MESSAGGI STORIA


DI ALLARME OPERATORE ALLARMI

[ ] [ MSGHIS ][ ][ ][ (OPRT) ]

STORIA DEI MES-


SAGGI

(PRM 3112#2)

[ ] [ ][ NMIHIS ][ ][ (OPRT) ]

STORIA DEGLI ALM


DI SISTEMA

(PRM3103#2)

[ ][ ] [ ETHLOG ] [ ] [ (OPRT) ]

LOG DI
ETHERNET

[ GUIDA ][ MONIT ][ W.GRPH ][ ] [ (OPRT) ]

GUIDA ALLA
LOCALIZZA- MONITOR GRAFICI/PARAMETRI
LOCALIZZA- LOCALIZZAZIONE
ZIONE DEI
GUASTI ZIONE GUASTI GUASTI

13
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.2.8 Schermate visualizzate dal tasto

AIUTO (MENU INIZIALE)


[ ALARM ] [ OPERAT] [ PARAM ] [ ] [ ]

DETTAGLIO METODI TABELLA


ALLARMI OPERATIVI DEI PARA-
METRI

14
1.3 Operazioni associate al tasto <POS>>

1.3 Operazioni associate al tasto


1
1.3.1 Visualizzazione della posizione in coordinate assolute
(a) Premere il tasto software [ASSOLT].
Numero programma
Numero di
sequenza
POSIZ ATTUALE (ASSOLUTO) O1000 N00010

X 123.456
Y 363.233
Z CONT PEZZI
0.000 5 PRM6711
TMP LAV 0H15M TMP CICLO 0H 0M38S
F.ATT 3000 MM/M S 0 T0000 Tempo tra-
scorso dall’off
del segnale
OP (Un ciclo di
lavorazione)
MEM STRT MTN*** 09:06:35
[ ASSOLT] [ REL ] [ TUTTO ] [ INTR.M] [ (OPRT) ]

PRM3105#0 (DPF)=1 Se i dati sono introdotti in PRM3105#2 (DPS)=1


pollici, sono visualizzati i
pollici/min.
Opzione
(Visualizzazione numero pezzi e tempo di lavoro)

(b) Operazioni
Soft key [(OPRT)] [PART 0] [ESEC]
[ESEC 0] [ESEC]

(c) Parametri correlati


PRM3115#0 (NDP) : 0: La posizione corrente dell’asse è
visualizzata.
1: La posizione corrente dell’asse non è
visualizzata.
PRM6700#0 (PCM) : Il numero totale di pezzi lavorati ed il numero di
pezzi lavorati sono incrementati da.
0: M02, M03, codice M specificato con il
PRM6710
1: Codice M specificato con il PRM6710.
PRM6710: Codice M che conta il numero totale di pezzi lavorati e il
numero di pezzi lavorati.
PRM6711: Numero di pezzi lavorati
PRM6751: Tempo progressivo di funzionamento automatico
[ms]
PRM6752: Tempo progressivo di funzionamento automatico
[min]
NOTA: Il tempo è visualizzato in ore e minuti.
PRM6757: Tempo di esecuzione di un ciclo automatico [ms]
PRM6758: Tempo di esecuzione di un ciclo automatico [min]
NOTA: Il tempo è visualizzato in ore e minuti.

15
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.3.2 Visualizzazione della posizione in coordinate relative


(a) Premere il tasto software [REL].

POSIZ ATTUALE (RELATIVA) O1000 N00010

X 123.456
Y 363.233
Z 0.000
CONT PEZZI 5
TMP LAV 0H15M TMP CICLO 0H 0M38S
F.ATT 3000 MM/M S 0 T0000
MEM STRT MTN*** 09:06:35
[ ASSOLT ] [ REL ] [ TUTTO ] [ INTR.M ] [ OPRT ]

(b) Operazioni
Soft key [(OPRT)] Asse Coordinata [PRESET]

[ORIGIN] [TUT AS]


Asse [ESEC]
[PART 0] [ESEC]
[ESEC 0] [ESEC]

1.3.3 Visualizzazione in tutti i sistemi di coordinate


(a) Premere il tasto software [TUTTO].
Distanza da una posizione arbitraria

POSIZ ATTUALE O1000 N00010


(RELATIVA) (ASSOLUTO)
X 246.912 X 123.456 Coordinate
assolute
Y 913.780 Y 456.890
Z 1578.246 Z 789.123

(MACCHIN) (DISTANZA MANCANTE)


X 0.000 X 0.000 Distanza resi-
dua da percor-
Y 0.000 Y 0.000 rere nel fun-
Z 0.000 Z 0.000 zionamento
automatico
CONT PEZZI 5
TMP LAV 0H15M TMP CICLO 0H 0M38S
F.ATT 3000 MM/M S 0 T0000
MEM **** *** *** 09:06:35
[ ASSOLT ] [ REL ] [ ALL ] [ INTR.M ] [ OPRT ]

Distanza dal punto di riferimento

(b) Operazioni
Soft key [(OPRT)] Asse Coordinata [PRESET]

[ORIGIN] [TUT AS]


Asse [ESEC]
[PART 0] [ESEC]
[ESEC 0] [ESEC]

16
1.3 Operazioni associate al tasto <POS>>

1.3.4 Interrupt del volantino


(a) Premere il tasto software [INTR.M]. 1
Viene visualizzata l’entità del movimento generato dall’interrupt del
volantino.
Le unità dipendono dalla selezione pollici/millime-
tri eseguita con G20/G21.

INTERR.VOLANTINO O0000 N02000


(INPUT UNIT) (OUTPUT UNIT)
X 69.594 X 69.594 Visualizzata
nelle unità
Y 137.783 Y 137.783 specificate
Z --61.439 Z --61.439 con il
PRM100#0
(RELATIVA) (DIST MANCANTE) (INM)
X 0.000 X 0.000 (mm/pollici)
Y 0.000 Y 0.000
Z 0.000 Z 0.000

CONT PEZZI 5
TMP LAV 0H15M TMP CICLO 0H 0M38S
F.ATT 3000 MM/M S 0 T0000
MEM **** *** *** 10:29:51
[ ASSOLT ] [ REL ] [ TUTTO ] [ INTR.M ] [ OPRT ]

(b) Operazioni
Soft key [(OPRT)] [PART 0] [ESEC]
[ESEC 0] [ESEC]

(c) Segnali correlati

DGN
#7 #6 #5 #4 #3 #2 #1 #0
G041 HS2ID HS2IC HS2IB HS2IA HS1ID HS1IC HS1IB HS1IA

DGN
#7 #6 #5 #4 #3 #2 #1 #0
G042 HS3ID HS3IC HS3IB HS3IA

NOTE HS3In <G042#3-#0> è valido solo per la Serie M.

17
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.3.5 Monitor operativo

E’ possibile visualizzare gli indicatori di carico degli assi e del mandrino


seriale, oltre all’indicatore di velocità del mandrino.
(a) La visualizzazione del monitor operativo è subordinata all’ìmpostazione
di un parametro. (PRM3115#5=1)
Premere il tasto di continuazione del menu ; comparirà il tasto
software [MONI].
Premere il tasto software [MONI]; comparirà il monitor operativo.

MONITOR OPERANTE O0001 N00001


(CNT CARICO)

X: * * * 80% S1: 201%

Y: * * * * * 0% (VELOCITA RPM)

Z: * * * * * 0% S1: * * * 1500

CONT PEZZI 5
TMP LAV 0H15M TMP CICLO 0H 0M38S
F.ATT 3000 MM/M S 0 T 0000

MEM STRT MTN *** 09:06:35


[ ASSOLT ] [ REL ] [ TUTTO ] [ INTR.M ] [ OPRT ]

(b) Spiegazioni
1 Il grafico a barra dell’indicatore di carico arriva fino al 200%.
2 Se il PRM3111#6 (OPS) è 0, l’indicatore di velocità si riferisce al motore
mandrino, altrimenti riguarda il mandrino. Il suo grafico a barra indica il
rapporto tra la velocità attuale e la velocità massima di rotazione
(100%).
3 Gli assi corrispondenti a ciascun indicatore di carico si specificano con
i PRM3151--3153. Se questi parametri sono tutti a zero, vengono
visualizzati gli indicatori di carico degli assi base.
4 Se l’unità di visualizzazione è a colori, quando supera il 100% il grafico
a barra dell’indicatore di carico diventa color porpora.

18
1.3 Operazioni associate al tasto <POS>>

(c) Parametri correlati


#7 #6 #5 #4 #3 #2 #1 #0 1
3111 OPS OPM

[Tipo di dato] Bit


OPM La visualizzazione del monitor operativo è:
0 : disabilitata
1 : abilitata
OPS L’indicatore di velocità riguarda:
0 : il motore mandrino
1 : il mandrino

3151 Numero asse per il primo indicatore di carico del servomotore

3152 Numero asse per il secondo indicatore di carico del servomotore

3153 Numero asse per il terzo indicatore di carico del servomotore

3154 Numero asse per il quarto indicatore di carico del servomotore

3155 Numero asse per il quinto indicatore di carico del servomotore

3156 Numero asse per il sesto indicatore di carico del servomotore

3157 Numero asse per il settimo indicatore di carico del servomotore

3158 Numero asse per l’ottavo indicatore di carico del servomotore

[Tipo di dato] Byte


[Campo di validità] 0, 1, ... Numero di assi controllati
Questi parametri associano un asse a ciascun
indicatore di carico visualizzato. Possono
essere visualizzati fino ad otto indicatori di
carico dei motori asse. Se un indicatore non
deve essere visualizzato, specificare 0.

19
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.4 Operazioni associate al tasto

(nel modo memoria)


1.4.1 Visualizzazione del contenuto del programma
(a) Premere il tasto software [PROGRM].

PROGRAMMA O2000 N00130


O2000 ;
N100 G92 X0 Y0 Z70. ;
N110 G91 G00 Y--70. ;
N120 Z--70. ;
N130 G42 G39 I--17.5 ;
N140 G41 G03 X--17.5 Y17.5 R17.5 ;
N150 G01 X--25. ;
N160 G02 X27.5 Y27.5 R27.5 ;
N170 G01 X20. ;
N180 G02 X45. Y45. R45. ;

>_ S 0 T0000
MEM STRT *** 16:05:59
[ PROGRM ] [ VERIF. ] [ ATTUAL ] [SUCCSV] [ (OPRT) ]

1.4.2 Controllo del programma


(a) Premere il tasto software [VERIF.].
Questo non è necessario per le unità di visualizzazione da 9.5”/10.4”.

PROGRAM (VERIF.) O2000 N00130


O0010 ;
G92 G90 X100. Y200. Z50. ; Contenuto del programma
G00 X0 Y0 Z0 ;
G01 Z250. F1000 ;
(ABSOLUTE) (DIST TO GO) G00 G94 G80
X 0.000 X 0.000 G17 G21 G98
Y 0.000 Y 0.000 G90 G40 G50 Dati modali
Z 0.000 Z 0.000 G22 G49 G67
B
H M
T D
F S
>_
MDI *** *** 16:05:59
[ ASSOLT ] [ REL ] [ ] [ ] [ (OPRT) ]

I tasti software permettono di commutare tra coordinate assolute e coordinate


relative

20
1.4 Operazioni associate al tasto <PROG>
(Nel modo memoria)

1.4.3 Visualizzazione del blocco in esecuzione


(a) Premere il tasto software [ATTUAL]. 1
Questo non è necessario per le unità di visualizzazione da 9.5”/10.4”.

PROGRAMMA O2000 N00130


(CORRENTE) (MODALE)
G01 X 17.500 G67 G01 F 2000
G17 F 2000 G54 G17
G41 H 2 G64 G91
G80 G69 G22
G15 G94 Dati modali
Blocco in esecuzione G40.1 G21 H 2 D
I dati con il punto decimale G25 G41
corrispondono ai comandi
assoluti.
G49 T
I dati senza punto decimale G80
corrispondono a comandi G98 S
incrementali. G50
>_ S 0 T0000
MEM STRT *** 16:05:59
[ PROGRM ] [ VERIF. ] [ ATTUAL ] [SUCCSV] [ (OPRT) ]

1.4.4 Visualizzazione del blocco successivo


(a) Premere il tasto software [SUCCSV].

PROGRAMMA O2000 N00130


(CORRENTE) (SUCCSV)
G01 X 17.500 G39 I --17.500
G17 F 2000 G42
G41 H 2
G80

Nota) Contenuto del blocco cari-


I dati con il punto decimale corrispon- cato nel buffer.
dono ai comandi assoluti. I dati senza Durante il funzionamento in
punto decimale corrispondono a blocco singolo non è visua-
comandi incrementali. lizzato nulla.

>_ S 0 T0000
MEM STRT *** 16:05:59
[PROGRM] [ VERIF. ] [ ATTUAL ] [SUCCSV] [ (OPRT) ]

21
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.4.5 Ripartenza del programma


(1) Premere il tasto software [RIPART].

RIPARTENZA PROGRAMMA O0002 N01000


DESTINAZIONE M *** *** *** *** ***
X 57.096 *** *** *** *** ***
Y 56.877 *** *** *** *** ***
Z 56.943 *** *** *** *** ***
*** *** *** *** *** Funzioni
*** *** *** *** *** miscellanee
DIST MANCANTE specificate
prima della
1 X 1.459 ripartenza
2 Y 10.309 T ** **
3 Z 7.320 S ****

S 0 T0000
Lampeggia
MEM **** *** *** 10:10:40 RIPART durante la
[ RIPART ] [ ] [ FL.SDL ] [ L ] [ (OPRT) ] ripartenza.

Sequenza specificata con il PRM7310 (Fino al completamento della prepa-


razione compare un *. La sequenza degli assi compare alla fine della
ricerca del blocco da cui ripartire. Completata la preparazione lampeggia.)

(2) Funzionamento
Dopo un’interruzione della lavorazione dovuta alla rottura dell’utensile
o allo spegnimento del sistema, questa funzione permette di riavviare
l’esecuzione del programma dal blocco specificato.
(a) Tipo P (dopo la rottura dell’utensile)
1 Premere il pulsante feed hold. Allontanare l’utensile dal pezzo in
manuale e sostituirlo.
Se è necessario cambiare i valori di compensazione dell’utensile.
2 Mettere a 1 il segnale SRN.
3 Visualizzare il contenuto del programma.
4 Premere il tasto software [RIAVLG] per portare il cursore all’inizio
del programma.

5 Introdurre N seguito dal numero di sequenza del blocco da cui


riprendere la lavorazione. Premere il tasto software [TIPO P] per
avviare la ricerca del numero di sequenza.
6 Compare la schermata per la ripartenza del programma, nella
quale sono visualizzati la posizione di ripartenza della lavorazione
ed i codici M, S, T e B specificati.
7 Mettere a 0 il segnale SRN.
8 Se è necessario, specificare mediante MDI i codici M, S, T o B
eventualmente mancanti.
9 Ritornare al modo automatico e premere il pulsante cycle start.
(b) Tipo Q (dopo una causa qualsiasi di arresto della lavorazione)
Questo metodo si utilizza per riavviare la lavorazio9ne dopo lo
spegnimento del sistema, dopo un arresto in emergenza, o dopo aver
fermato la lavorazione per cambiare il sistema di coordinate.
1 Se necessario, dopo l’accensione, riportare la macchina sul punto
di riferimento.
2 Portare in manuale la macchina sul punto di ripartenza e impostare
i dati di ripartenza ed il sistema di coordinate.
3 Assicurarsi che le correzioni siano corrette.
4 Mettere a 1 il segnale SRN.

22
1.4 Operazioni associate al tasto <PROG>
(Nel modo memoria)

5 Visualizzare il contenuto del programma.


Premere il tasto software [RIAVLG] per portare il cursore all’inizio
del programma.
1

6 Introdurre N followed by the sequence number of the program


to be restarted. Premere il tasto software [TIPO Q] per avviare la
ricerca del numero di sequenza.
7 Compare la schermata per la ripartenza del programma, nella
quale sono visualizzati la posizione di ripartenza della lavorazione
ed i codici M, S, T e B specificati.
8 Mettere a 0 il segnale SRN.
9 Se è necessario, specificare mediante MDI i codici M, S, T o B
eventualmente mancanti.
10 Ritornare al modo automatico e premere il pulsante cycle start.

(3) Operazioni
Soft key [(OPRT)] [COR--BG] → Sottosezione 1.5.1

O Numero programma [RICE O]

N Numero sequenza [RICE N]

[RIAVLG]

N Numero sequenza [TIPO P]

N Numero sequenza [TIPO Q]

(4) Parametri correlati


PRM7310: Sequenza di movimento di ciascun asse alla posi--
zione di ripartenza
(5) Segnali correlati
SRN<G006#0>: Ripartenza programma

23
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.5 Operazioni associate al tasto

(nel modo edit)

1.5.1 Editazione del programma

(1) Schermata per l’editazione del programma (Premere il tasto software


[PROGRM].)

PROGRAMMA O2000 N00130


O2000 ;
N100 G92 X0 Y0 Z70. ;
N110 G91 G00 Y--70. ;
N120 Z--70. ;
N130 G42 G39 I--17.5 ;
N140 G41 G03 X--17.5 Y17.5 R17.5 ;
N150 G01 X--25. ;
N160 G02 X27.5 Y27.5 R27.5 ;
N170 G01 X20. ;
N180 G02 X45. Y45. R45. ;

>_ S 0 T0000
MEM STRT *** 16:05:59
[PROGRM] [ VERIF. ] [ ATTUAL ] [SUCCSV] [ (OPRT) ]

(2) Operazioni

D Editazione nel foreground

Soft key [(OPRT)] [COR--BG]


(Editazione nel background)

O Numero programma [RICE O]

Indirizzo o parola [RICE↓]

Indirizzo o parola [RICE↑]

[RIAVLG]

[RICE F] [ANNUL]

N Numero file [ESEC]

[LEGGI] [CATENA]
(Il cursore va alla fine del programma.)
[ESEC]

[STOP]
[ANNUL]

O Numero programma [ESEC]

24
1.5 Operazioni associate al tasto <PROG>
(nel modo edit)

[SCRIVI] [STOP]
1
[ANNUL]

O Numero programma [ESEC]

Nota) Per specificare tutti i programmi,


introdurre 0--9999.

[CANCEL] [ANNUL]

N Numero file [ESEC]

[EDI--EX] [COPI]
[CURS~]
[~CURS]
[~FONDO]
[TUTTI]

Numero [ESEC]
programma

[MUOVI]
[CURS~]
[~CURS]
[~FONDO]
[TUTTI]
Numero
programma [ESEC]

[UNISCI]
[~’CURS]
[~FONDO’]

Numero
programma [ESEC]

[CAMBIA]

Indirizzo/parola [PRIMA]

Indirizzo/parola [DOPO]

[SALTO]
[ES--SGL]
[ESEC]

25
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

D Editazione nel background


Soft key [(OPRT)] [FIN--BG]
(Chiude l’editazione nel background e ritorna al
foreground.)

Il resto è come nell’editazione nel foreground.


(Supplemento) All’editazione nel background è possibile accedere
anche premendo il tasto software [COR--BG] nel modo
memoria.

(3) Editazione estesa dei programmi pezzo


(a) Copia/spostamento di un programma
[EDI--EX]

[COPI] NOTA
[MUOVI] per spostare

Portare il cursore all’inizio della parte da copiare

[CURS~]

Portare il cursore alla fine della parte da copiare [~FONDO] [TUTTI]


[~CURS]

Introdurre il numero programma e premere

[ESEC]

(b) Inserimento di un altro programma in quello da editare


[EDI--EX]

[UNISCI]
Per l’inserimento alla fine del programma

Portare il cursore nella posizione in cui deve essere


eseguito l’inserimento

[~’CURS] [~FONDO’]

Introdurre il numero programma e premere

[ESEC]

(c) Sostituzione di un indirizzo o di una parola


[EDI--EX]

[CAMBIA

Indirizzo o parola da sostituire

[PRIMA]

Nuovo indirizzo o nuova parola

[DOPO]

[SALTO] [ES--SGL] [ESEC]

26
1.5 Operazioni associate al tasto <PROG>
(nel modo edit)

1.5.2 Visualizzazione dell’elenco dei programmi


(1) Premere il tasto software [LIB]. 1
LISTA PROGRAMMI O0001 N00010

PROGRAMMA (NUM.) MEMORIA (CHAR.)


USATO: 60 3321
FREE: 2 429 Condizioni di
utilizzo della
O0240 (SHAFT XSF301 ) : ( ) memoria. Un
O0001 (MACRO--GCODE.MAIN) metro di
O0002 (MACRO--GCODE.SUB1) nastro di carta
O0010 (TEST--PROGRAM.ARTHMETIC NO.1) contiene circa
O0020 (TEST--PROGRAM.F10--MACRO) 400 caratteri.
O0040 (TEST--PROGRAM.OFFSET)
O0050
O0100 (INCH/MM CONVERT VERIF. NO.1)
O0200 (MACRO--MCODE.MAIN)
>_
EDIT **** *** *** 16:05:59
[PROGRM] [ LIB ] [ ] [ C.A.P. ] [ (OPRT) ]

(2) Operazioni
Soft key [(OPRT)] [COR--BG] → Sottosezione 1.5.1.

O Numero programma [RICE O]

[LEGGI] [CATENA]
[STOP]
[ANNUL]

O Numero programma [ESEC]

[SCRIVI] [STOP]
[ANNUL]

O Numero programma [ESEC]

(3) Parametri correlati


PRM3107#4 (SOR): Specifica se i programmi sono elencati
nell’ordine di registrazione o in ordine di numero
programma.

27
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.5.3 Menu della programmazione conversazionale


(1) Premere il tasto software [C.A.P.].

PROGRAMMA O0010 N00000


FORMATO STANDRD
G G G G
X Y
Z
H F
R M
S T
B I
J K
P Q
L
:

EDIT **** *** *** 14:41:10


[PROGRM] [ ] [MENU G ] [BLOCCO] [ (OPRT) ]

(2) Operazioni
[MENU G]
PROGRAMMA O1234 N00004
G00 : POSIZIONAM
G01 : INT LINEARE
G02 : INT CIRCOLARE CW
G03 : INT CIRCOLARE CCW
G04 : PAUSA
G09 : CTRL ARRESTO ESATT
G10 : INTRODUZIONE CORRETTORI (0)
G17 : PIANO XY
G18 : PIANO ZX!
G19 : PIANO YZ
G20 : POLLICI!
G21 : METRICO
>_
EDIT **** *** *** 14:26:15
[PROGRM] [ ] [MENU G ] [BLOCCO] [ ]

G Numero PROGRAMMA
G00 : POSITIONAM
O1234 N00000

[BLOCCO]
G00 G G G
X 100. Y 50.0
Z (X, Y, Z, )
H N. CORRETS
M
S
T
B
:

EDIT **** *** *** 14:32:57


[PROGRM] [ ] [ MENU G ] [BLOCCO] [ (OPRT) ]

Valore numerico … (dopo aver introdotto tutti i dati) o

Ritorno al menu dei codici G

NOTE1 I tasti o visualizzano il blocco precedente/successivo.

NOTE2 Il tasto software [PROGRM] riporta alla visualizzazione del programma.

NOTE3 Il tasto permette di cancellare un blocco.

28
1.5 Operazioni associate al tasto <PROG>
(nel modo edit)

1.5.4 Trasferimento dei dati su e da dischetto


(1) Premere il tasto software [FLOPPY]. 1

DIRECTORY (FLOPPY) O0001 N00000


NO. NOME FILE (METRO) VOL
0001 PARAMETER 58.5
0002 O0001 1.9
0003 O0002 1.9
0004 O0010 1.3
0005 O0040 1.3
0006 O0050 1.9
0007 O0100 1.9
0008 O1000 1.9
0009 O9500 1.6

EDIT **** *** *** 11:53:04


[ RICE F ] [ LEGGI ] [ SCRIVI ] [ CANCEL] [ ]

(2) Operazioni
(a) Configurazione dei tasti software
Soft key [(OPRT)] [RICE F] Numero file [SETT F]

[ANNUL]
[ESEC]
[LEGGI] Numero file [SETT F]

Numero programma [SETT O]


[STOP]
[ANNUL]
[ESEC]
[SCRIVI] Numero file [SETT F]

Numero programma [SETT O]


[STOP]
[ANNUL]
[ESEC]
[CANCEL] Numero file [SETT F]

Nome file [NOME F]


[ANNUL]
[ESEC]

[RINOMI] Numero file [SETT F]

Nome file [NOME F]

[ANNUL]
[ESEC]

(b) Per listare i file


[RICE F] Numero file [SETT F] [ANNUL]
[ESEC]
PAGE

(c) Per leggere un programma


[LEGGI] Numero file [SETT F] Numero programma [SETT O]

[ANNUL]
[ESEC]

29
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

(d) Per scrivere un programma


[SCRIVI] Numero file [SETT F] Numero programma [SETT O]

Se il programma deve Per specificare [ANNUL]


essere aggiunto allo tutti i programmi, [ESEC]
stesso file, può essere introdurre “--9999”
omesso.

(e) Per cancellare un programma


[CANCEL] Numero file [SETT F] [ANNUL]
[ESEC]
Nome file [NOME F] [ANNUL]
[ESEC]

(f) Per cambiare nome ad un programma


[RINOMI] Numero file [SETT F] Nuovo nome [NOME F]
[ANNUL]
[ESEC]

(3) Parametri correlati

Canale I/O=0 I/O=1 I/O=2 I/O=3 (buffer remoto)


Comune PRM0100
Formato PRM101 PRM111 PRM121 PRM131
uscita
Tipo di PRM102 PRM112 PRM122 PRM132
unità
Velocità di PRM103 PRM113 PRM123 PRM133
trasmis-
sione
Metodo di Non definito PRM135#3 PRM135#2
trasmis- (R42)=0 (R42)=1
sione
Connettore JD36A JD36B JD28A JD6A

0020 Selezione del canale di I/O

0: Canale 1 (JD36A sulla scheda madre)


1: Canale 1 (JD36A sulla scheda madre)
2: Canale 2 (JD36B sulla scheda madre)
3: Canale 3 (JD28A sulla scheda per le comunicazioni)

#7 #6 #5 #4 #3 #2 #1 #0
0101 NFD ASI SB2

#0(SB2) 0: Un bit di stop.


1: Due bit di stop.
#3(ASI) 0: I dati in ingresso sono in codice EIA o ISO .
1: I dati in ingresso sono in codice ASCII.
#7(NFD) 0: Le code di nastro vengono emesse.
1: Le code di nastro non vengono emesse.

30
1.5 Operazioni associate al tasto <PROG>
(nel modo edit)

0102 Specifica dell’unità di I/O


1
0 RS-232-C (Utilizza i codici DC1 -- DC4.)
1 Cassetta a bolle FANUC B1/B2
2 Cassetta floppy FANUC F1
3 PROGRAM FILE Mate
Adattatore scheda FA FANUC
Adattatore cassetta floppy FANUC, FSP-H
Handy File FANUC
4 RS--232C (Non utilizza i codici DC1 -- DC4.)
5 Lettore di nastro portatile
6 FANUC PR, FS, FSP-G, FSP-H

0103 Velocità di trasmissione in Baud

7: 600 9: 2400 11: 9600


8: 1200 10: 4800 12: 19200 [BPS]

(4) Nota
Questa schermata viene visualizzata quando come unità di I/O è
specificata un’unità floppy per la quale è presente la funzione opzionale
di controllo del’interfaccia lettore/perforatore e di visualizzazione della
directory della cassetta floppy.

31
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.6 Operazioni associate al tasto

1.6.1 Visualizzazione e impostazione delle correzioni utensili


(1) Premere il tasto software [COMPEN].
Per la memoria C delle correzioni utensili

COMPEN O0001 N00000


NO . GEOM(H) USUR(H) GEOM(D) USUR(D)
001 0.000 0.000 0.000
002 --1.000 0.000 0.000 0.000
003 0.000 0.000 0.000 0.000
004 20.000 0.000 0.000 0.000
005 0.000 0.000 0.000 0.000
006 0.000 0.000 0.000 0.000
007 0.000 0.000 0.000 0.000
008 0.000 0.000 0.000 0.000
POSIZ ATTUALE (RELATIVA)
X 0.000 Y 0.000
Z 0.000
>_
MDI **** *** *** 16:05:59
[COMPEN] [PREPRA ] [LAVORO ] [ ] [ (OPRT) ]

(2) Operazioni
(a) Per la compensazione lunghezza utensile (codice H)
[(OPRT)] N. correttore [RIC NO]

Asse [ENTR C]

Correzione [+ENTR]

Correzione [ENTRAT]

(b) Per la compensazione raggio utensile (codice D)


[(OPRT)] N. correttore [RIC NO]

Correzione [+ENTR]

Correzione [ENTRAT]

(3) Parametri correlati


PRM3290#0 (WOE): L’introduzione da MDI delle correzioni usura
utensile è abilitata/disabilitata.
PRM3290#1 (GOF): L’introduzione da MDI delle correzioni
geometria utensile è abilitata/disabilitata.
(4) Segnali correlati
KEY1<G046#3>: Possono essere introdotti i valori delle correzioni
utensili e degli offset dello zero pezzo.

32
1.6 Operazioni associate al tasto <OFFSET SETTING>

1.6.2 Visualizzazione e impostazione dei dati


(1) Premere il tasto software [PREPRA]. 1
I tasti pagina e ed i tasti cursore permettono di visualizzare

alternativamente le schermate da A a D .
A

PREPARA (MANUALE) O0000 N00000


SCRITTURA PARAM = 1 (0:DISABIL 1:ABILIT) ALM 100
CONTROLLO TV = 0 (0:OFF 1:ON) ALM 002
CODICE PERFORAZ = 1 (0:EIA 1:ISO)
UNITA D’INPUT = 0 (0:MM 1:INCH) G20/G21
CANALE D’I/O = 0 (0--3:NO.CANALE)
NO.SEQUENZA = 0 (0:OFF 1:ON) PRM3216
FORMATO NASTRO = 0 (0:NO CNV 1:F15)
ARRESTO CONFRNT = 0 (NO.PROGRAM) Formato
ARRESTO CONFRNT = 0 (NO.SEQUENZA) FS15

>_ S 0 T0000
MDI **** *** *** 15:06:56
[COMPEN] [PREPRA] [LAVORO ] [ ] [ (OPRT) ]

PREPARA (MANUALE) O1234 N00000

IMMAG SPECUL X = 1 (0 : OFF 1 : ON) Segnali di


controllo
IMMAG SPECUL Y = 0 (0 : OFF 1 : ON) dell’immagine
IMMAG SPECUL Z = 0 (0 : OFF 1 : OM) speculare
MMIx <F108>

>_
MDI **** *** *** 14:47:57
[COMPEN] [PREPRA] [LAVORO ] [ ] [ (OPRT) ]

33
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

PREPARA (TEMPO) O0000 N00000

PEZZI TOTALI= 0 PRM6712(*1)


PEZZI RICHIESTI = 25 PRM6713
PEZZI LAVORATI = 10 PRM6711

ACCESO = 0H 0M PRM6750(*1)
TEMPO OPERAT. = 0H 0M 0S PRM6751,6752
TEMPO TAGLIO = 0H 0M 0S PRM6753,6754
TEMPO DISPOSIZ. = 0H 0M 0S PRM6755,6756
TEMPO CICLO = 0H 0M 0S PRM6758,6759
DATA = 01/10/04
ORA = 16:18:01
>_
MEM **** *** *** 14:47:57
[COMPEN] [PREPRA] [LAVORO ] [ ] [ (OPRT) ]

Necessitano dell’opzione per la visualizzazione del tempo di


lavoro e del numero di pezzi.

NOTA *1 Non può essere modificato qu questa schermata (ma può


esserlo sulla schermata dei parametri).

D (Esistono varie pagine dedicate all’impostazione dei parametri.)

PARAMETRI (PREPARA) O0000 N00000

0000 SEQ INI ISO TVC


0 0 0 0 0 0 0
0001 FCV
0 0 0 0 0 0 0 0
0012 MIR
X 0 0 0 0 0 0 0 0
Y 0 0 0 0 0 0 0 0
Z 0 0 0 0 0 0 0 0
0020 CANALE I/O 0
0022 0

>_
MDI **** *** *** 15:43:11
[ W.DGNS] [ ] [ ] [ ] [ (OPRT) ]

(2) Operazioni
Le impostazioni possono essere modificate nel modo MDI o nello stato
di arresto in emergenza.
Soft key [(OPRT)] Numero dato [RIC NO]

[ON:1]

[OFF:0]

Valore numerico [+ENTR]

Valore numerico [ENTRAT]

34
1.6 Operazioni associate al tasto <OFFSET SETTING>

1.6.3 Visualizzazione e impostazione degli offset dello zero


pezzo 1
(1) Premere il tasto software [LAVORO].

COORDINATE DI LAVORO O0100 N00001

NO. DATI NO. DATI


00 X 0.000 02 X 152.580
(EST) Z 0.000 (G55) Z 58.284

01 X 100.000 03 X 300.000
(G54) Z 50.000 (G56) Z 200.000

>_
MEM **** *** *** 16:24:18
[COMPEN] [PREPRA] [LAVORO ] [ ] [ (OPRT) ]

(2) Operazioni
Soft key [(OPRT)] N. del sistema di coordinate [RIC NO]

Asse Valore numerico [MISURA]

Compensation value [+ENTR]

Compensation value [ENTRAT]

(3) Parametri correlati


PRM3290#3 (WZO): L’introduzione da MDI dell’offset dello zero
pezzo è abilitata/disabilitata.
PRM1220: Offset esterno dello zero pezzo
PRM1221: Offset dello zero pezzo per G54
PRM1222: Offset dello zero pezzo per G55
PRM1223: Offset dello zero pezzo per G56
PRM1224: Offset dello zero pezzo per G57
PRM1225: Offset dello zero pezzo per G58
PRM1226: Offset dello zero pezzo per G59

35
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.6.4 Visualizzazione e impostazione delle varibili macro


(1) Premere il tasto software [MACRO].

VARIABILE O0000 N00000

NO. DATI NO. DATI


100 01000.000 108
101 10000.000 109
102 23000.000 110 --22000.00
103 111
104 00120.000 112
105 113
106 500000.00 114
107 115
POSIZ ATTUALE (RELATIVA)
U 0.000 W 0.000
>_ S 0 T0000
MDI **** *** *** 16:05:59
[ MACRO ] [ MENU ] [ OPR PN] [ ] [ (OPRT) ]

VAR. : O1234 N00000 (*1)

NO. NOME DATI COMMENTO


500 123.456
501 0.000
502 3.210
503
504
505
506
507
POSIZ ATTUALE (RELATIVA)
X 0.000 Y 0.000
Z 0.000
>_
MDI **** *** *** 15:50:13
[ MACRO ] [ MENU ] [ OPR PN ] [ ] [ (OPRT) ]

NOTE (*1) Quando è presente la funzione di introduzione dei dati degli


schemi di lavorazione.

(2) Operazioni
Soft key [(OPRT)] Numero variabile [RIC NO]

Asse [ENTR C]

Valore [ENTRAT]

[ENTRAT] : cancella il valore precedente

(3) Parametro correlato


PRM3290#2 (MCV): L’introduzione da MDI delle variabili macro è
abilitata/disabilitata.

(4) Segnali correlati


KEY2<G046#4>: E’ possibile introdurre dati e variabili macro.

36
1.6 Operazioni associate al tasto <OFFSET SETTING>

1.6.5 Visualizzazione e impostazione dei dati per il pannello


operatore software 1
(1) Premere il tasto software [OPR].

I tasti pagina e ed i tasti cursore permettono di visualizzare

alternativamente le schermate da A a C .
A

PANNELLO OPERATORE O0000 N00000

MODO : MDI AUTO EDIT STEP JOG ZRN

SEL. PAS MAN. : *1 *10 *100


OVRD RAPIDO. : 100% 50% 25% F0
AVANZ IN MAN : 1.0%
**************
OVRD AVANZ. : 140%
***
POSIZ ATTUALE (ASSOLUTO)
X 0.000 Z 0.000

>_ S 0 T0000
MDI **** *** *** 16:05:59
[ MACRO ] [ MENU ] [ OPR PN ] [ ] [ (OPRT) ]

PANNELLO OPERATORE O0000 N00000

SALTO BLOCCO : J AREST AVIAM


BLOCCO SINGL : AREST J AVIAM
MACCHN BLOCC : J AREST AVIAM
CHIAVE SICUR : J SBLOCCO PROTEZ
FEED HOLD : J AREST AVIAM

POSIZ ATTUALE (ASSOLUTO)


X 0.000 Z 0.000

S 0 T0000
MDI **** *** *** 16:05:59
[ MACRO ] [ MENU ] [ OPR PN ] [ ] [ (OPRT) ]

37
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

C (Commutatori general--purpose del pannelo operatore software)

PANNELLO OPERATORE 01234 N12345

: J AREST AVIAM
: J AREST AVIAM
: J AREST AVIAM
: J AREST AVIAM
: J AREST AVIAM
: J AREST AVIAM
: J AREST AVIAM
: J AREST AVIAM

POSIZ ATTUALE (ASSOLUTO)


X 0.000 Y 0.000
Z 0.000 B 0.000
>_
MDI **** *** *** 16:05:59
[ MACRO ] [ MENU ] [ OPR PN ] [ ] [ ]

(2) Segnali correlati


#7 #6 #5 #4 #3 #2 #1 #0
F072 OUT7 OUT6 OUT5 OUT4 OUT3 OUT2 OUT1 OUT0

F073 ZRNO MD4O MD2O MD1O

F075 SPO KEYO DRNO MLKO SBKO BDTO

F076 ROV2O ROV1O MP2O MP1O

F077 RTO HS1DO HS1CO HS1BO HS1AO

F078 *FV7O *FV6O *FV5O *FV4O *FV3O *FV2O *FV1O *FV0O

F079 *JV7O *JV6O *JV5O *JV4O *JV3O *JV2O *JV1O *JV0O

F080 *JV15O *JV14O *JV13O *JV12O *JV11O *JV10O *JV9O *JV8O

F081 --J4O +J4O --J3O +J3O --J2O +J2O --J1O +J1O

(3) Avvertenze
D Questa funzione emette i segnali F in base alle operazioni eseguite sulla
schermata. Per controllare la macchina deve essere creato il ladder
corrispondente.
D L’avanzamento lungo un asse (PRM7200#1, 7210--7217) mediante i
tasti MDI, quali , è possibile solo se è visualizzato
il pannello operatore software. (Uscita su <F081>)

38
1.6 Operazioni associate al tasto <OFFSET SETTING>

(4) Parametri correlati


#7 #6 #5 #4 #3 #2 #1 #0 1
7200 OP7 OP6 OP5 OP4 OP3 OP2 OP1

Seleziona le operazioni eseguibili con il pannello operatore


software.
#0(OP1) Selezione del modo
#1(OP2) Selezione dell’asse in JOG, Jog in rapido
#2(OP3) Selezione dell’asse e del moltiplicatore per il generatore
manuale di impulsi
#3(OP4) Regolazione avanzamento in JOG e regolazione rapido
#4(OP5) Salto blocco, blocco singolo, blocco macchina e prova a
vuoto
#5(OP6) Chiave di protezione
#6(OP7) Feed hold

7201 Commutatori di uso generale

#0 JPC : Per il nome di un commutatore general--


purpose sul pannello software dell’operatore,
l’uso dei caratteri full--size è: non ammesso
(0)/ammesso (1)

7210 Asse in JOG e direzione sul pannello software


dell’operatore per ↑

7211 Asse in JOG e direzione sul pannello software


dell’operatore per ↓

7212 Asse in JOG e direzione sul pannello software


dell’operatore perl →

7213 Asse in JOG e direzione sul pannello software


dell’operatore per ←

7214 Asse in JOG e direzione sul pannello software


dell’operatore per ↙

7215 Asse in JOG e direzione sul pannello software


dell’operatore per ↗

7216 Asse in JOG e direzione sul pannello software Serie M


dell’operatore per

7217 Asse in JOG e direzione sul pannello software Serie M


dell’operatore per

39
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

7220 Nomi dei commutatori general purpose del


pannello software dell’operatore

PRM7220 -- 7227: Codici dei caratteri del


nome di SIGNAL 1
PRM7228 -- 7235: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 2
PRM7236 -- 7243: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 3
PRM7244 -- 7251: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 4
PRM7252 -- 7259: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 5
PRM7260 -- 7267: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 6
PRM7268 -- 7275: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 7
PRM7276 -- 7283: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 8

7283 Nomi dei commutatori general purpose del


pannello software dell’operatore
7284 Nomi dei commutatori general purpose del
pannello software dell’operatorel (esteso)

PRM7284 -- 7291: Codici dei caratteri del


nome di SIGNAL 9
PRM7292 -- 7299: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 10
PRM7352 -- 7359: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 11
PRM7360 -- 7367: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 12
PRM7368 -- 7375: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 13
PRM7376 -- 7383: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 14
PRM7384 -- 7391: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 15
PRM7392 -- 7399: Codici dei caratteri del
nome di SIGNAL 16

7399 Nomi dei commutatori general purpose del


pannello software dell’operatorel (esteso)

Per assegnare il nome “FANUC” al commutatore general purpose N. 1,


impostare i parametri come segue: PRM7220 = 70, PRM7221 = 65,
PRM7212 = 78, PRM7213 = 85, and PRM7214 = 67.

40
1.6 Operazioni associate al tasto <OFFSET SETTING>

1.6.6 Codici dei caratteri


1
Carattere Cod. Comment Carattere Cod. Commento
A 065 6 054
B 066 7 055
C 067 8 056
D 068 9 057
E 069 032 Spazio
Punto esclama-
F 070 ! 033 tivo

G 071 ” 034 Virgolette

H 072 # 035 Cancelletto


I 073 $ 036 Dollaro

J 074 % 037 Percento


K 075 & 038 e commerciale
L 076 ’ 039 Apostrofo

M 077 ( 040 Parentesi sx


N 078 ) 041 Parentesi dx

O 079 * 042 Asterisco


P 080 + 043 Segno più

Q 081 , 044 Virgola


R 082 -- 045 Segno meno

S 083 . 046 Punto


T 084 / 047 Barra

U 085 : 058 Due punti


V 086 ; 059 Punto e virgola
W 087 < 060 Minore

X 088 = 061 Uguale


Y 089 > 062 Maggiore

Punto interroga-
Z 090 ? 063 tivo

0 048 @ 064 Chiocciolina

Parentesi
1 049 [ 091 quadra sx

2 050 ¥ 092 Yen


Parentesi
3 051 ] 093 quadra dx

4 052 ^ 094
5 053 _ 095 Sottolinea

41
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.7 Operazioni associate al tasto

1.7.1 Visualizzazione e impostazione dei parametri

Per la descrizione dei parametri, riferirsi al capitolo 7.


(1) Premere il tasto software [PARAM].

PARAMETRI (PREPARA) O0010 N00002

0000 SEQ INI ISO TVC


0 0 0 0 0 0 0
0001 FCV
0 0 0 0 0 0 0 0
0012 MIR
X 0 0 0 0 0 0 0 0
Y 0 0 0 0 0 0 0 0
Z 0 0 0 0 0 0 0 0
0020 CANALE I/O 0
0022 0

>_
MDI **** *** *** 15:43:11
[ PARAM ] [ DIAGNS ] [ PMC ] [ SISTEM ] [ (OPRT) ]

(2) Introduzione dei valori dal pannello MDI


1 Selezionare il modo MDI o stabilire lo stato di arresto in emergenza.
2 Mettere a 1 il dato di impostazione SCRITTURA PARAM.
3 Si verifica l’allarme100. Premere contemporaneamente i tasti
e per cancellare temporaneamente l’allarme.

4 Premere il tasto software [(OPRT)] per visualizzare il menu


operativo che comprende:
a) [RIC NO]: Premere questo tasto dopo aver introdotto il
numero del parametro da impostare per cercarlo.
b) [ON:1]: Mette a 1 il bit selezionato dal cursore (solo per i
parametri di tipo bit).
c) [OFF:0]: Mette a 0 il bit selezionato dal cursore (solo per i
parametri di tipo bit).
d) [+ENTR]: Somma il valore introdotto a quello selezionato dal
cursore.
e) [ENTRAT]: Sostituisce il valore introdotto a quello selezionato
dal cursore.
f) [LEGGI]: Acquisisce i parametri attraverso l’interfaccia
lettore/perforatore o da una memory card.
Questa operazione si esegue nel modo EDIT o
nello stato di arresto in emergenza.
g) [SCRIVI]: Salva i parametri attraverso l’interfaccia
lettore/perforatore o su una memory card.
Questa operazione si esegue nel modo EDIT.
In luogo del tasto software [ENTRAT], può essere utilizzato il tasto
MDI .

5 Terminata l’impostazione dei parametri, rimettere a 0 il dato di


impostazione SCRITTURA PARAM.
42
1.7 Operazioni associate al tasto <SYSTEM>

(3) Metodi convenienti di introduzione dei dati


(a) Variazione dei dati di tipo bit 1
I tasti e permettono di selezionare mediante il cursore un
bit per volta, e, quindi, di impostare i dati bit per bit (solo per i parametri
di tipo bit).

(b) Utilizzare il tasto EOB per separare dati introdotti consecutivamente a


partire dalla posizione del cursore.
(Esempio1)

1 2 3 4 EOB
4 5 6 7 EOB

9 9 9 9 EN-
TRAT
corrisponde a:

0 1234
0 → 4567
0 9999
0 0
(Esempio2)

1 2 3 4 EOB EOB
9 9 9 9 EN-
TRAT

corrisponde a:
0 1234
0 → 0
0 9999
0 0

(c) Utilizzare il tasto = per ripetere il dato precedente.

(Esempio)

1 2 3 4 EOB = EOB = EN-


TRAT
corrisponde a:

0 1234
0 → 1234
0 1234
0 0

(d) Per i parametri di tipo bit


(Esempio)

1 1 EOB = EOB = EN-


TRAT
corrisponde a:

0000000 00011000
0000000 00011000
0000000 00011000
0000000 00000000

43
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.7.2 Visualizzazione dello stato interno del CNC (diagnostica)


Per i dettagli sulla funzione autodiagnostica, riferirsi al capitolo 13.
(1) Premere il tasto software[DIAGNS].

DIAGNOSTIC (GENERAL) O1234 N00000

000 WAITING FOR FIN SIGNAL :0


001 MOTION :0
002 DWELL :0
003 IN--POSITION CHECK :0
004 FEEDRATE OVERRIDE 0% :0
005 INTERLOCK/START--LOCK :0
006 SPINDLE SPEED ARRIVAL CHECK :0

>_
MDI **** *** *** 15:50:47
[ PARAM ] [ DIAGNS ] [ PMC ] [ SISTEM ] [ (OPRT) ]

(2) Operazioni
Soft key [(OPRT)] N. del dato diagnostico [RIC NO]

1.7.3 Visualizzazione della configurazione del sistema

Per i dettagli slla configurazione del sistema, riferirsi al capitolo 18.


(1) Premere il tasto software [SISTEM].

I tasti pagina ( ) permettono di visualizzare alternativamente

le schermate da A a C .
A Configurazione degli slot

CONFIG SISTEM (SLOT) O1234 N00000


Serie del soft-
ware per i mo-
duli con CPU

SLOT MODULO ID SERIE VERSION Verszione del


00 10D5 : 40 B0F1 0002 software per i
moduli con
01 00CF : 66 B435 0001 CPU

ID del software

ID del modulo

Numero dello
>_ slot
(80 -- 8F sono
MDI **** *** *** 15:51:25 sul lato secon-
dario.)
[ PARAM ] [ DIAGNS ] [ PMC ] [ SISTEM ] [ (OPRT) ]

44
1.7 Operazioni associate al tasto <SYSTEM>

B Configurazione del software


Tipo di software 1
Serie del software

CONFIG SISTEM (SOFTWARE) 01234 N12345


PAGE:02
SISTEM B0F1 0001 Versione del software
BASIC+OPTION--A1 Configurazione
del software
SERVO 9090 0001
PMC(SYS) 406A 0001
406B 0001
4099 0001
PMC(LAD) FS16 0001 Carattere scritto sulla
schermata del titolo
MACRO LIB BZG1 0001 del PMC
MACRO APL AAAA BBBB
Carattere scritto sul ma-
BOOT 60M3 0004 cro compiler o sul CAP
GRAPHIC--1 600W 001Z

MEM **** *** *** 12:14:59


[ PARMA ] [ DIAGNS ] [ PMC ] [ SISTEM ] [ (OPRT) ]

C Configurazione dei moduli


Visualizza la configurazione dei moduli montati su una scheda a circuiti
stampati.
(a)

CONFIG SISTEM (MODULE) 01234 N12345


PAGE:03

SLOT 00 MOTHER BOARD (b)

AXIS CTRL CARD : 0D


DISPLAY CTRL CARD : 0E
CPU CARD : 01
FROM DIMM : 47
SRAM DIMM : 23 (c)
DRAM DIMM : 86
PMC CPU : 01

(d)

MEM **** *** *** 12:14:59


[ PARMA ] [ DIAGNS ] [ PMC ] [ SISTEM ] [ (OPRT) ]

Dati visualizzati
(a) Numero dello slot (Questo numero corrisponde a quello dello schermo
della configurazione della scheda)
(b) Tipo di scheda
(c) Nome della scheda o del modulo DIMM
(d) ID hardware scheda o modulo DIMM

I tasti pagina e permettono di visualizzare la configurazione


delle altre schede.
NOTA Fare riferimento alla sezione relativa alla configurazione delle
schede a circuiti stampati dell’unità di controllo per la corrispon-
denza fra ciascun modulo ed i dati visualizzati.

45
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.7.4 Visualizzazione e impostazione della compensazione passo


vite
(1) Premere il tasto software [PASSO].

REGOL ERROR--PASSO O1234 N00000

NO. DATI NO. DATI NO. DATI


0000 1 0010 0 0020 0
0001 0 0011 1 0021 1
0002 0 0012 0 0022 0
0003 1 0013 --1 0023 1
0004 --1 0014 2 0024 3
0005 0 0015 0 0025 0
0006 1 0016 0 0026 --1
0007 0 0017 1 0027 0
0008 0 0018 0 0028 0
0009 1 0019 0 0029 0
>_
MDI **** *** *** 15:55:24
[ ] [ PASSO ] [ ] [ SISTEM ] [ (OPRT) ]

(2) Operazioni
Soft key [(OPRT)] N. punto di compensazione [RIC NO]

[ON:1]
[OFF:0]

Compensazione [+ENTR]

Compensazione [ENTRAT]

[LEGGI] N Numero file

[ESEC] Nota) Modo EDIT


[ANNUL]
[LEGGI] [ESEC] Nota) Modo EDIT
[ANNUL]

46
1.8 Operazioni associate al tasto <MESSAGE>

1.8 Operazioni associate al tasto


1
1.8.1 Visualizzazione dei messaggi di allarme
(1) Premere il tasto software [ALARM]

MESSAGGIO D’ALLARME O0000 N0000

100 PUO SCRIVERSI PARAMETRO


510 OLTRECORSA :+1
521 OLTRECORSAL :--2

S 0 T0000
MDI **** *** *** ALM 13:28:26
[ ALLARM] [MESSAG ] [ STORIA ] [SYSTEM ] [ ]

(2) Parametri correlati


PRM3117#7 (NPA): In occasione di un allarme, compare (0)/non
compare (1) automaticamente la pagina degli
allarmi .
1.8.2 Visualizzazione dei messaggi per l’operatore
(1) Premere il tasto software [MESSAG].

MESSAGGIO OPERATORE O1234 N12345


97/04/01 17:25:00 PAGE : 1
No. ****

MEM STRT MTN FIN ALM 17:25:00


[ ALLARM] [MESSAG] [ STORIA ] [ ] [ ]

47
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.8.3 Visualizzazione della storia degli allarmi


(1) Premere il tasto software [STORIA].

STORIA ALLARM O1234 N12345

01/04/18 20:56:26
506 SOVRACORSA : +X
01/04/18 19:58:11
000 SPEGNERE IL CNC
01/04/18 19:52:45
000 SPEGNERE IL CNC
01/04/18 19:48:43
300 ALLARME APC : AZZERARE ASSE X
01/04/18 18:10:10
507 SOVRACORSA : +B

[ ALLARM] [MESSAG] [ STORIA ] [ ] [ (OPRT) ]

(2) Cancellazione della storia degli allarmi


Premere in sequenza i tasti software [(OPRT)] e [RIPOS.].

(3) Nota
D Se PRM3112#3=0
1 Allarmi generati dalle macroistruzioni
Il numero di un allarme macro può essere nell’intervallo da 3000 a
3999 e viene indicato come tale.
(Esempio) #3000=1(ERROR1)
→Nella storia degli allarmi è riportato come:
“Allarme macro 3001”.
2 Allarmi generati dalle istruzioni DISP o DISPB del PMC
I numeri di questi allarmi vanno da 1000 a 1999 e gli allarmi sono
indicati come esterni.
(Example) Istruzione DISP: A000.0 1000 ERROR1
→Nella storia degli allarmi è riportato come:
“Allarme esterno 1000”

48
1.9 Funzione di aiuto

1.9 Funzione di aiuto


1
1 Se si preme il tasto su qualsiasi schermata, tranne quella del
PMC, compare il menu iniziale della guida.

AIUTO (MENU INIZIALE) O1234 N00001

*****AIUTO*****
1. DETTAGLIO D’ALLARME
2. METODO DI OPERAZIONE
3. INDICE DI PARAMETRI

S 0 T0000
MEM **** *** *** 00:00:00
[ ALARM ] [ OPERAT ] [ PARAM ] [ ] [ ]

1.9.1 Dettaglio allarmi


1 Se in occasione di un allarme viene premuto il tasto software [ALARM],
compare la descrizione dell’allarme.

AIUTO (DETTAGLIO D’ALLARM) O1234 N00001

NUMERO: 027
MESSAG: MANCA COMANDO ASSI CON G43/G44
FUNZIONE: COMPENSAZ LUNGHEZZA UTENSIL C
DET ALM :
IN COMPENSAZ LUNGHEZZA UTENSILE DI
TIPO C,ASSE NON E DESIGNATO IN BLOC--
CO DI G43,G44. IN COMPENSAZ LUNGHEZ--
ZA UTENSILE DI TIPO C,PROVASI ESEGU--
IRE SU ALTRO ASSE SENZA CANCEL DI
OFFSET.

S 0 T0000
MEM **** *** *** 00:00:00
[ ALARM ] [ OPERAT ] [ PARAM ] [ ] [ (OPRT) ]

2 Per visualizzare la descrizione di uno specifico allarme, premere il tasto


software [(OPRT)], introdurre il numero dell’allarme e premere il tasto
software [SELEZ].

49
1. VISUALIZZAZIONI E OPERAZIONI

1.9.2 Metodi operativi


1 Per accedere alla guida operativa premere il tasto software [OPERAT].

AIUTO (METODO DI OPERAZIONE) O1234 N00001

1. REDAZIONE DI PROGRAMMA
2. RICERCA
3. RIPRISTINO
4. INPUT CON MDI
5. INPUT CON NASTRO
6. OUTPUT
7. INPUT CON CASSETTA FANUC
8. OUTPUT IN CASSETTA FANUC
9. ANNULLAMENTO DI MEMORIA

S 0 T0000
MEM **** *** *** 00:00:00
[ ALARM ] [OPERAT ] [ PARAM ] [ ] [ (OPRT) ]

2 Per visualizzare un metodo operativo, premere [(OPRT)], introdurre il


numero del metodo e premere SELECT].
Per selezionare un’altra pagina premere i tasti o .

AIUTO (METODO DI OPERAZIONE) O1234 N00001


<<1.REDAZIONE DI PROGRAMMA 1/4 Pagina n di m
*CANCELLAZIONE DI TUTTI PROGRAMMI
MODO : REDAZIONE
SCHERM : PROGRAMMA
OPR :(O--9999) <DELETE>

*CANCELLAZIONE DI PROGRAMMA
MODO : REDAZIONE
SCHERM: PROGRAMMA
OPR : (O+NO.PROGRAM) <DELETE>

>_ S 0 T0000
MEM **** *** *** 00:00:00
[ ] [ ] [ ] [ ] [ SELECT ]

1.9.3 Tabella dei parametri


Il tasto software [PARAM] visualizza la tabella dei parametri.

AIUTO (INDICE DI PARAMETRI) O1234 N00001


1/4 Pagina n di m

* PREPARAZIONE (No. 0000--)


* INTERF LETT PERFE (No. 0100--)
* CONTROLLO DI ASSE
/UNITA REGISTRATA (No. 1000--)
* SISTEMA DI COORDINATE (No. 1200--)
* LIMITE DI CORSA (No. 1300--)
* VELCITA DI ALIMENTAZIONE (No. 1400--)
* CTRL ACCEL E DECEL (No. 1600--)
* RELATIVO A SERVO (No. 1800--)
* DI/DO (No. 3000--)*
S 0 T0000
MEM **** *** *** 00:00:00
[ ALARM ] [ OPERAT ] [ PARAM ] [ ] [ (OPRT) ]

Per selezionare un’altra pagina premere i tasti o .

50
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

Nota sulle indicazioni che compaiono in queste tabelle


* KEYSW: Segnale di protezione della memoria KEY <G046...>
f= Scrittura abilitata (segnale KEY = 1).
× = Scrittura non abilitata (segnale KEY = 0).
(Alcune macchine sono dotate di una chiave o di un interruttore che
agiscono su questo segnale.)
* PWE = 1: Stato di PWE (Abilitazione scrittura parametri).
(Dato di impostazione)
f= Scrittura parametri abilitata (PWE = 1).
× = Scrittura parametri non abilitata (PWE = 0).
* [ ] rappresenta il tasto di continuazione del menu, all’estrema destra
dei tasti software. Sullo schermo compare il segno +.
* Il numero di volte per cui deve essere premuto [ ] dipende dalla
configurazione e dalle impostazioni. Così, quando è indicato [ ] → [?],
continuare a premere [ ] finché non compare il tasto software [?].
Tuttavia è possibile che per certe configurazioni o impostazioni il tasto
[?] non esista.
* L’indicazione “Accensione” nella colonna “modo”, significa che
l’accensione deve essere eseguita tenendo premuto il tasto
corrispondente all’operazione
* Prima di eseguire un’operazione di I/O utilizzando un’unità RS--232C o
una memory card, impostare appropriatamente i parametri (PRM20 e
parametri correlati).

Reset

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Tempo di -- [(OPRT)] [ESEC: 0] →


lavoro [ESEC]

Numero -- [(OPRT)] [PART: 0] →


pezzi [ESEC]
lavorati
Allarme Accen- --
fine corsa sione e

Allarme -- --
e
100

Registrazione da MDI

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Parametri f MDI o [PARAM] → N. parametro →


arresto
in [RIC NO] → Valore
emer- → o [ENTRAT] →
genza
PWE = 0 → RESET

Correzioni f -- [COMPEN] → N. correttore

→ [RIC NO] → Correzione→

o [ENTRAT]

Dati di f MDI [PREPRA] → N. dato →


imposta-
zione [RIC NO]→Valore→

o [ENTRAT]

51
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Parametri f MDI o [PMC] → [PMCPRM] →


PMC (con- arresto
[COUNTR] o [DATA] →
tatori e in
tabella emer- (PMC) Dato →
dati) genza

Parametri f MDI o [PMC] → [PMCPRM] →


PMC (tem- arresto
porizzatori, in [TIMER] o [KEEPRL] →
variabili emer- (PMC) Dato →
ritentive) genza

Misura JOG → [REL] (Visualizza-


lunghezza
utensile → zione coordinate relative) →

Asse → [ORIGIN] → →

[COMPEN] → Movimento in

jog sulla posizione di misura

→ N. correttore → [RIC NO]

→ Asse → [ENTR C]

Compen- f MDI o
→ [PASSO] → N.
sazione arresto
passo vite in punto di compensazione →
emer-
genza [RIC NO] → Dato → o
[ENTRAT]

NOTA Il simbolo f indica che l’elemento corrispondente deve essere “1”.

Immissione dati da un’unità di I/O

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Parametri f EDIT o [PARAM] → [(OPRT)] →


arresto
in → [LEGGI] → [ESEC]
emer-
genza

Parametri f Arresto [PMC] → → [I/O] →


del PMC in
emer- portare il cursore su “UNITA”
(Supple-
genza
mento) → Selezionare l’unità utiliz-
Quando
non è zando i tasti software
visualiz- [M--CARD], [FDCAS], e così
zato il
tasto [I/O]: via. Se si seleziona una

[PMC] → cassetta FD, impostare


[PARAM]
anche il numero del canale.
→ [PRE-
PRA] → → Portare il cursore su
Portare il
cursore su “FUNZIONE” → [LEGGI] →
“ABILITA Portare il cursore su “N.
FUN-
ZIONE FILE” → Numero file o
PRO-
@+fnome file → →
GRAMMA-
TORE” → [ESEC]
[SI]

52
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Compen- f MDI o → [PASSO] →


sazione emer-
passo vite genza [(OPRT)] → → 2
[LEGGI] → [ESEC]

Correzioni f EDIT [COMPEN] → [(OPRT)] →

→ [LEGGI] → [ESEC]

Variabili f EDIT Caricare un programma


macro temporaneo → Eseguire il
programma nel modo MEM
→ Cancellare il programma

Pro- f EDIT [(OPRT)] → →


gramma
( O N. programma) →

[LEGGI] → [ESEC]

NOTA Il simbolo f indica che l’elemento corrispondente deve essere “1”.

Collazione (Confronto con i dati letti da un’unità di I/O)


KEY PWE Tasto
Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Collazione × EDIT [(OPRT)] → →


memoria
[LEGGI] → [ESEC]

Emissione dati su un’unità di I/O


KEY PWE Tasto
Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Parametri EDIT [PARAM] → [(OPRT)] →


o emer-
genza → [SCRIVI] →

[TUTTO] → [NON--0]→
[ESEC]

Parametri EDIT [PMC] → → [I/O] →


del PMC
(Supple- portare il cursore su “UNITA”
mento)
→ Premere un tasto soft-
Se [I/O]
non è ware ([M--CARD], [FDCAS],
visualiz-
zato : ecc.). Per una cassetta FD,
[PMC] → impostare il n. di canale. →
[PARAM]
→ [PRE- Portare il cursore su “FUN-
PRA] →
ZIONE” → [SCRIVI] → Por-
Portare il
cursore su tare il cursore su “TIPO
“ABILITA
FUN- DATI” → [PARAM] → Por-
ZIONE tare il cursore su “N. FILE”
PRO-
GRAMMA- → Numero file o @+nome
TORE” →
file → → [ESEC]
[SI]

Compen- MDI o → [PASSO] →


sazione emer-
passo vite genza [(OPRT)] → →

[SCRIVI] → [ESEC]

53
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Correzioni EDIT [COMPEN] → [(OPRT)] →

→ [SCRIVI]→

[ESEC]

Variabili EDIT → [MACRO] →


macro
[(OPRT)] → →

[SCRIVI] → [ESEC]

Tutti i pro- EDIT [(OPRT)] → →


grammi
[SCRIVI] → --9999 →
O
[ESEC]

Un pro- EDIT [(OPRT)] → →


gramma
[SCRIVI] → O
N. programma → [ESEC]

Ricerca

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Numero MEM o
pro- EDIT O → N. programma →
gramma [RICE O]

Numero di MEM
sequenza N → N. sequenza →

[RICE N]

Indirizzo/ EDIT Parola da cercare→


parola [RICE↑], [RICE ↓], ,o

Solo indi- EDIT Indirizzo da cercare →


rizzo [RICE↑], [RICE ↓],
,o

Numero -- [COMPEN] → N. correttore


correttore → [RIC NO]

Numero -- [DIAGNS] → N. diagno-


diagno- stico→ [RIC NO]
stico

Numero -- [PARAM] → N. parametro→


parametro [RIC NO]

54
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

Editazione programmi

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Cancell.di f EDIT
2
tutti i pro- O → --9999 →
grammi
Cancell. di f EDIT
un pro- O → N. programma →
gramma

Cancell. di f EDIT
più blocchi N → N. sequenza →

(Vengono cancellati tutti i


blocchi fino a quello specifi-
cato.)
Cancell. di f EDIT
un blocco EOB →

Cancell. di f EDIT Cercare la parola da


una parola
cancellare →

Modifica di f EDIT Cercare la parola da


una parola cambiare→ Nuova parola →

Inseri- f EDIT Cercare la posizione imme-


mento di diatamente precedente →
una parola
Nuova parola →

NOTA Il simbolo f indica che l’elemento corrispondente deve essere “1”.

I/O con cassetta FANUC

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Ricerca EDIT
inizio file N → N. file →

→ [RICE F] → [ESEC]
Cancella- f EDIT
zione file N → N. file →

→ [CANCEL] → [ESEC]
Registra- f EDIT
zione pro- N → N. file →
grammi → [LEGGI] → [ESEC]
Emissione EDIT
di tutti i O → --9999 →
programmi → [SCRIVI] → [ESEC]

55
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Emissione EDIT
di un pro- O → N. programma →
gramma
→ [SCRIVI] → [ESEC]

Collazione × EDIT
di un pro- Ricerca inizio file → O
gramma
N. programma → →

[LEGGI] → [ESEC]

NOTA Il simbolo f indica che l’elemento corrispondente deve essere “1”.

Play-back

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Introdu- f TJOG Muovere la macchina →


zione dati THND
NC
X Y o Z
→ → dati NC →

→ EOB

NOTA Il simbolo f indica che l’elemento corrispondente deve essere “1”.

Cancellazione

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Intera Accen- --
memoria sione e

Solo per il lato 2 di un


sistema a 2 canali

e 2
Solo per il lato caricatore

e 5
Parametri/ f Accen- --
correzioni sione

Solo per il lato 1 di un


sistema a 2 canali

e 1
Solo per il lato 2 di un
sistema a 2 canali-path con-
trol

e 2
Solo per il lato caricatore

e 5
56
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Programmi f Accen- --
sione
2
Solo per il lato 1 di un
sistema a 2 canali-path con-
trol

e 1
Solo per il lato 2 di un
sistema a 2 canali-path con-
trol

e 2
Solo per il lato caricatore

e 5
Pro- -- --
e
gramma in
editazione
allo spe- (Viene cancellato il pro-
gnimento gramma in editazione.)
(PS101)

RAM per il Accen-


ladder del sione X e O
PMC
(Il ladder è
cancellato
dalla
memoria Solo per il lato caricatore
di esecu-
zione Alla
zione.
riaccen-
sione X e 5
viene ripri-
stinato lo
stato pre-
cedente.)

Memoria Accen-
non vola- sione Z e O
tile del
PLC
Solo per il lato caricatore
(Sono can-
cellati i
parametri Z e 5
del PLC.)

NOTA Il simbolo f indica che l’elemento corrispondente deve essere “1”.

57
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

Operazioni manuali

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Ritorno JOG Mettere su on l’apposito


manuale al interruttore → [+X], [--X],
punto di [+Z], [--Z], ... → Si accende
riferimento la spia corrispondente.
Jog JOG [+X], [--X], [+Z], o [--Z] →
Impostare la velocità di
avanzamento in jog →
(Rapido in manuale, se
necessario)
Avanz. INC (Selettore entità movimento)
incremen- → [+X], [--X], [+Z], [--Z], ... →
tale (Rapido in manuale, se
necessario)
Avanza- HND (Selettore asse) → (Genera-
mento con tore manuale di impulsi) →
volantino (Selettore moltiplicatore)

Visualizzazione

KEY PWE Mod Tasto


Funzione Operazione
SW =1 o funzione

Memoria EDIT [LIB]


programmi
utilizzata

Comandi MEM Comando in esecuzione,


o valori modali
MDI
[ATTUAL]

Comando in esecuzione,
comando successivo

[SUCCSV]

Comando MDI, valori modali

[MDI ]

Programma in memoria in
esecuzione

[PROGRM]

Blocchi in memoria e posi-


zione corrente

[VERIF]

Posizione Coordinate assolute


corrente
[ASSOLT]

Coordinate relative

[REL]

In tutti i sistemi di coordi-


nate

[TUTTO]

Allarmi -- [ALLARM] se è indicato un


allarme

58
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

KEY PWE Mod Tasto


Funzione Operazione
SW =1 o funzione

Storia allarmi [STORIA]

2
Configura- [SISTEM]
zione del
sistema

Dati degli [SISTEM] → [SV--INF]


assi

Dati dei [SISTEM] → [SP--INF]


mandrini

Manuten-
[SISTEM] → →
zione perio-
dica [MAINTE]

Dati di
[SISTEM] → →
manuten-
zione [M--INFO]

Power
[SISTEM] → →
mate CNC
manager [PMM]

Cancella- -- -- Premere simultaneamente il


zione dello
tasto e un tasto fun-
schermo
zione.
Per ripristinare lo schermo
premere un tasto funzione.

Commuta- e
zione CNC/
caricatore

NOTA Il simbolo f indica che l’elemento corrispondente deve essere “1”.

Funzione grafica (Serie T)

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Imposta- [G.PRM]
zione
parametri
Percorso Selezione della visualizza-
utensile zione grafica:

[GRAF]

Inizio e fine disegno:

Funzionamento automatico
o manuale

Cancellazione della grafica:

[OPRT]→ [ERASE]

Ingrandimento

[ZOOM]

NOTA1 Il simbolo f indica che l’elemento corrispondente deve essere “1”.

NOTA2 Per l’MDI compatto, il tasto funzione è .

59
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

Funzione grafica (Serie M)

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Imposta- [PARAM]
zione
parametri

Percorso Selezione della grafica:


utensile
[GRAPH]

Inizio/fine disegno:

Funzionamento automatico
o manuale

Imposta-
zione dei Premere più volte →
dati per schermata PATH GRAPHIC
disegno → [PARAM]→ tasti numerici
del per-

corso
utensile
Disegno MEM
del per- Premere più volte →
corso schermata PATH GRAPHIC
utensile → [ESEC] → [(OPRT)]→
[AUTO] o [START]

Sospensione del disegno

[STOP]

Avvio Dalla posizione


dopo la corrente
sospen
sospen-
sione [AVVIAR]

Dall’inizio del
programma:

[RIAVVLG] →
[AVVIAR]

Ingrandi- Premere più volte →


mento par-
ziale del schermata PATH GRAPHIC
percorso
→ [SCALA] → [(OPRT)] →
utensile
[←] [→] [↑] [↓] →

o M → [ESEC]
Indica-
zione della Premere più volte →
posizione schermata PATH GRAPHIC
utensile → [POS]

Dati della Premere più volte →


grafica
solida schermata PATH GRAPHIC

→ tasti numerici →

60
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Forma del
Premere più volte →
grzzo
schermata PATH GRAPHIC 2
→ [BIANCO] → [(OPRT)] →
[DI NUO] → [+ROT][--ROT]
[+INCL][--INCL]

Grafica MEM
solida Premere più volte →
schermata PATH GRAPHIC
→ [ESEC] → [(OPRT)] →
[A.ST] o [F.ST]

Sospensione del disegno

[STOP]

Avvio Dalla posizione


dopo la corrente
sospen
sospen-
sione [A.ST] o [F.ST]

Dall’inizio del
programma

[RIAVVLG] →
[A.ST] o [F.ST]

Riesecu- Premere più volte →


zione del
disegno schermata PATH GRAPHIC
con un
→ [RIVIST] → [(OPRT)] →
altro orien-
tamento [DI NUO] → [+ROT][--ROT]

[+INCL][--INCL]

Disegno
su tre piani Premere più volte →
schermata PATH GRAPHIC

→ → [3-PIAN] →

[(OPRT)] → [ ] [←] [→]


[↑] [↓]

NOTA1 Il simbolo f indica che l’elemento corrispondente deve essere “1”.

NOTA2 Per l’MDI compatto, il tasto funzione è .

61
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

Funzione di aiuto

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione
Menu ini-
ziale

Dettaglio [ALARM] → N. allarme →


allarmi
[SELEZ]
Metodi [OPERAT] → N. metodo
operativi
operativo → [SELEZ]
Tabella dei [PARAM]
parametri

Funzione di autodiagnosi

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione
Visualizza- [DIAGNS]
zione ↓
schermata
1. Cambio pagina
autodia-
gnostica

2. Numero del dato diag-


nostico→ [RIC NO]

Copia dello schermo

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Copia PRM 20=4, PRM 3301#7=1


dello
schermo → Inserire una memory card

→ Visualizzare la pagina da
copiare→ Tasto (per

5 secondi o più)

S Il clock si ferma. →
Viene eseguita la copia
dello schermo.
S Il clock riparte. →
La copia è terminata.
Supplemento: La copia può
essere avviata anche con il
segnale <G67#7>.

62
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

P-CODE LOADER

KEY PWE Tasto


Funzione
SW =1
Modo
funzione
Operazione 2
Avvio del Accen- -- e
P-CODE sione
LOADER

Boot

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Visualizza- Accen- -- e il tasto software


zione sione
monitor alla sua sinistra
sistema

Lettura di Portare il cursore su


file da 1. SISTEM DATA LOADING
memory del monitor del sistema →
card [SELEZ] → Portare il cur-
sore sul file da leggere→
[SELEZ] → [SI]

Dettaglio Portare il cursore su


lista file su 2. SISTEM DATA CHECK
F--ROM del monitor del sistema→
[SELEZ] → Portare il cur-
sore sul file di cui si deside-
rano i dettagli → [SELEZ]

Cancella- Portare il cursore su


zione file 3. SISTEM DATA CANCEL
utente da del monitor del sistema→
F--ROM [SELEZ] → Portare il cur-
sore sul file da cancellare →
[SELEZ] → [SI]

Scrittura Portare il cursore su


file da 4. SISTEM DATA SAVE del
F--ROM a monitor del sistema→
memory [SELEZ] → Portare il cur-
card sore sul file da scrivere →
[SELEZ] → [SI]

Trasferi- Portare il cursore su


mento in 5. SISTEM DATA BACKUP
blocco di del monitor del sistema→
file da [SELEZ] → Portare il cur-
SRAM a sore su 1. SRAM BACKUP
memory o
card e 2. RESTORE SRAM →
viceversa, [SELEZ] → [SI]

Cancella- Portare il cursore su


zione file 6. MEMORY CARD FILE del
da monitor del sistema→
memory [SELEZ] → Portare il cur-
card sore sul file da cancellare →

[SELEZ] → [SI]

63
2. ELENCO DELLE OPERAZIONI

KEY PWE Tasto


Funzione Modo Operazione
SW =1 funzione

Formatta- Portare il cursore su


zione 7. MEMORY CARD FOR-
memory MAT del monitor del
card sistema→ [SELEZ] → [SI]

Uscita dal Portare il cursore su 9. END


monitor del monitor del sistema→
del [SELEZ] → [SI]
sistema

Riferimento
Se i tasti software non sono disponibili, come nel caso del touch panel, per
operare sul monitor utilizzare i tasti numerici dell’unità MDI.

: 12 soft key

: 7 soft key
↓ ↓ ↓ ↓ ↓ ↓ ↓

1 2 3 4 5 6 7

64
3. CODICI G

3.1 Codici G (Serie T)


Esistono tre sistemi di codici G: A, B e C. Il sistema di codici G si seleziona
con il PRM3401#6 (GSB) and #7 (GSC).

Elenco dei codici G (Serie T) (1/4)


Codice G
Gruppo Funzione
A B C
G00 G00 G00 Posizionamento (rapido)

G01 G01 G01 Interpolazione lineare

01 Interpolazione circolare o elicoidale in


G02 G02 G02
senso orario

Interpolazione circolare o elicoidale in


G03 G03 G03
senso antiorario

G04 G04 G04 Sosta

G05 G05 G05 Ciclo di lavorazione ad alta velocità

G07 G07 G07 Interpolazione con asse ipotetico

G07.1 G07.1 G07.1


Interpolazione cilindrica
(G107) (G107) (G107) 00
G10 G10 G10 Immissione dati da programma

G10.6 G10.6 G10.6 Ritiro e riposizionamento dell’utensile

Cancella il modo immissione dati da


G11 G11 G11
programma

G12.1 G12.1 G12.1


Interpolazione in coordinate polari
(G112) (G112) (G112)
21
G13.1 G13.1 G13.1 Cancella l’interpolazione in coordinate
(G113) (G113) (G113) polari

Selezione Xp: asse X o suo


G17 G17 G17
piano XpYp asse parallelo
Selezione Yp: asse Y o suo
G18 G18 G18 16 piano ZpXp asse parallelo

Selezione Zp: asse Z o suo


G19 G19 G19
piano YpZp asse parallelo

G20 G20 G70 Programmazione in pollici


06
G21 G21 G71 Programmazione in millimetri

G22 G22 G22 Attiva controllo zone di sicurezza


09
G23 G23 G23 Disattiva controllo zone di sicurezza

G25 G25 G25 Rilevazione errore velocità mandrino off


08
G26 G26 G26 Rilevazione errore velocità mandrino on

G27 G27 G27 Controllo ritorno al punto di riferimento

G28 G28 G28 Ritorno al punto di riferimento

Ritorno al secondo, terzo, quarto punto


G30 G30 G30
00 di riferimento

G30.1 G30.1 G30.1 Ritorno al punto di riferimento flottante

Funzione di salto, salto multipasso,


G31 G31 G31
salto al limite di coppia

65
3. CODICI G

Elenco dei codici G (Serie T) (2/4)


Codice G
Gruppo Funzione
A B C
G32 G33 G33 Filettatura

G34 G34 G34 Filettatura a passo variabile

G35 G35 G35 01 Filettatura circolare in senso orario

Filettatura circolare in senso antiorario


G36 G36 G36
(Quando il PRM3405#3 è 1.)

Compensazione automatica utensile X


G36 G36 G36
(Quando il PRM3405#3 è 0.)

G37 G37 G37 Compensazione automatica utensile Z

G37.1 G37.1 G37.1 00 Compensazione automatica utensile X

G37.2 G37.2 G37.2 Compensazione automatica utensile Z

G39 G39 G39 Interpolazione circolare sugli spigoli

G40 G40 G40 Cancella la compensaz. raggio utensile

G41 G41 G41 07 Compensaz. raggio utensile a sinistra

G42 G42 G42 Compensaz. raggio utensile a destra

Impostazione sistema di coordinate o


G50 G92 G92
velocità massima del mandrino
00
G50.3 G92.1 G92.1 Preset sistema di coordinate del pezzo

G50.2 G50.2 G50.2


Cancella la tornitura poligonale
(G250) (G250) (G250)
20
G51.2 G51.2 G51.2
Tornitura poligonale
(G251) (G251) (G251)

G52 G52 G52 Impostaz. sistema di coordinate locali


00
G53 G53 G53 Selez. sistema di coordinate macchina

Selezione del sistema di coordinate


G54 G54 G54
del pezzo 1

Selezione del sistema di coordinate


G55 G55 G55
del pezzo 2

Selezione del sistema di coordinate


G56 G56 G56
14 del pezzo 3

Selezione del sistema di coordinate


G57 G57 G57
del pezzo 4

Selezione del sistema di coordinate


G58 G58 G58
del pezzo 5

Selezione del sistema di coordinate


G59 G59 G59
del pezzo 6

G60 G60 G60 Posizionamento unidirezionale


00
G65 G65 G65 Richiamo macroistruzione

G66 G66 G66 Richiamo macro modale


12
G67 G67 G67 Cancella il richiamo macro modale

Immagine speculare per doppia tor-


G68 G68 G68 04
retta o modo lavorazione bilanciata

Rotazione del sistema di coordinate o


G68.1 G68.1 G68.1 17 conversione tridimensionale del
sistema di coordinate

66
3.1 Codici G (Serie T)

Elenco dei codici G (Serie T) (3/4)


Codice G
Gruppo Funzione
A B C
Cancella immagine speculare per dop-
G69 G69 G69 04
pia torretta o il modo lavoraz. bilanciata

Cancella la rotazione del sistema di


3
G69.1 G69.1 G69.1 17 coordinate o la conversione tridimen-
sionale del sistema di coordinate
G70 G70 G72 Ciclo di finitura

G71 G71 G73 Asportazione materiale in tornitura

G72 G72 G74 Asportazione materiale in sfacciatura

G73 G73 G75 00 Ripetizione del profilo

G74 G74 G76 Foratura frontale a tratti

G75 G75 G77 Foratura sul diametro esterno/interno

G76 G76 G78 Ciclo di filettatura in più passate

Ciclo di pendolazione senza misura


G71 G71 G72
(per rettificatrici)

Ciclo di pendolazione con misura


G72 G72 G73
(per rettificatrici)
01
Ciclo multituffo senza misura
G73 G73 G74
(per rettificatrici)

Ciclo multituffo con misura


G74 G74 G75
(per rettificatrici)
G80 G80 G80 10 Cancella il ciclo fisso di foratura

G80.4 G80.4 G80.4 Cancella sincronizzazione dentatura


00
G81.4 G81.4 G81.4 Avvia sincronizzazione dentatura

G83 G83 G83 Ciclo fisso di foratura frontale

G84 G84 G84 Ciclo fisso di maschiatura frontale

G86 G86 G86 Ciclo fisso di barenatura frontale


10
G87 G87 G87 Ciclo fisso di foratura laterale

G88 G88 G88 Ciclo fisso di maschiatura laterale

G89 G89 G89 Ciclo fisso di barenatura laterale

Ciclo di tornitura sul diametro esterno/


G90 G77 G20
interno

G92 G78 G21 01 Ciclo di filettatura

G94 G79 G24 Ciclo di sfacciatura

G96 G96 G96 Attiva la velocità di taglio costante


02
G97 G97 G97 Disattiva la velocità di taglio costante

G98 G94 G94 Avanzamento al minuto


05
G99 G95 G95 Avanzamento al giro

-- G90 G90 Programmazione assoluta


03
-- G91 G90 Programmazione incrementale

-- G98 G98 Ritorno al livello iniziale


11
-- G99 G99 Ritorno al livello del punto R

67
3. CODICI G

Elenco dei codici G (Serie T) (4/4)


Codice G
Gruppo Funzione
A B C
Fine registrazione programma di con-
G100 G100 G100
trollo asse B

Inizio registrazione primo programma


G101 G101 G101
di controllo asse B

Inizio registrazione secondo pro-


G102 G102 G102 00
gramma di controllo asse B

Inizio registrazione terzo programma


G103 G103 G103
di controllo asse B

Programmazione di un movimento sin-


G110 G110 G110
golo dell’asse B

Spiegazioni
1. Se all’accensione o in caso di reset il CNC entra nello stato di clear
(vedere il PRM3402#6 (CLR)) i codici G modali cambiano come segue.
(1) Sono attivi i codici G contrassegnati da nella tabella.
(2) Per G20 e G21, è attivo il codice che lo era prima dello spegnimento
o del reset.
(3) Il PRM3402#7 permette di specificare se all’accensione è attivo
G22 o G23. Il reset del CNC nello stato di clear, non influenza la
selezione di G22 o G23.
(4) Per G00 e G01, il codice attivo è determinato dallo stato del
PRM3402#0 (G01).
(5) Quando si usano i sistemi B o C di codici G, per G90 e G91, il codice
attivo è determinato dallo stato del PRM3402#3 (G91).
2. I codici G del gruppo 00, eccetto G10 e G11, sono autocancellanti.
3. Se viene specificato un codice G non incluso nell’elenco dei codici G o
se viene specificato un codice G opzionale in assenza dell’opzione
relativa si ha l’allarme P/S N. 010.
4. Un blocco può contenere più codici G.
Se nel blocco sono specificati più codici G dello stesso gruppo, è valido
quello specificato per ultimo.
5. Se nel modo ciclo fisso viene specificato un codice G del gruppo 01, il
ciclo fisso viene cancellato (come per G80). I codici G del gruppo 01 non
sono influenzati dalla programmazione di un ciclo fisso.
6. Con il sistema A di codici G la programmazione assoluta/incrementale
non si specifica con i codici G (G90/G91), ma con gli indirizzi asse (X/U,
Z/W, C/H, Y/V). Inoltre, per i cicli fissi è disponibile solo il ritorno al livello
iniziale.
7. I codici G sono visualizzati per ciascun gruppo.

68
3.2 Codici G (Serie M)

3.2 Codici G (Serie M)


Elenco dei codici G (Serie M) (1/4)
Codice G Gruppo Funzione
G00 Posizionamento

G01 Interpolazione lineare


3
G02 Interpolazione circolare/elicoidale in senso orario
G03 01 Interpolazione circolare/elicoidale in senso antiorario
G02.2, G03.2 Interpolazione involuta
G02.3, G03.3 Interpolazione esponenziale
G02.4, G03.4 Interpolazione circolare tridimensionale
G04 Sosta, arresto esatto
Lavorazione ad alta velocità, buffer remoto A.V. A/B,
contornatura ad alta precisione, contornatura AI ad
G05
alta precisione, contornatura nanometrica AI ad alta
00 precisione, Interpolazione lineare ad alta velocità
Contornatura AI ad alta precisione, contornatura
G05.1 nanometrica AI ad alta precisione, interpolazione
raccordata
G05.4 Modo HRV ad alta velocità on/off
G06.2 01 Interpolazione NURBS
G07 Interpolazione con asse ipotetico
G07.1 (G107) Interpolazione cilindrica
G08 Modo controllo avanzato con prelettura on/off
G09 00 Arresto esatto
G10 Immissione dati da programma
G10.6 Ritiro e riposizionamento dell’utensile
G11 Cancella il modo immissione dati da programma
G12.1 Modo interpolazione in coordinate polari
21
G13.1 Cancella il modo interpolazione in coordinate polari

G15 Cancella i comandi in coordinate polari


17
G16 Comandi in coordinate polari
Xp: Asse X o suo asse
G17 Selezione piano XpYp
parallelo

G18 02 Yp: Asse Y o suo asse


Selezione piano ZpXp
parallelo

Zp: Asse Z o suo asse


G19 Selezione piano YpZp
parallelo

G20 Programmazione in pollici


06
G21 Programmazione in millimetri
G22 Attiva il controllo delle zone di sicurezza
04
G23 Disattiva il controllo delle zone di sicurezza
G25 Disattiva rilevazione errore velocità mandrino
19
G26 Attiva rilevazione errore velocità mandrino

69
3. CODICI G

Elenco dei codici G (Serie M) (2/4)


Codice G Gruppo Funzione
G27 Controllo del ritorno al punto di riferimento
G28 Ritorno al punto di riferimento
G29 Ritorno dal punto di riferimento
Ritorno al secondo, terzo o quarto punto di riferi-
G30
00 mento
G30.1 Ritorno al punto di riferimento flottante
G31 Funzione di salto, funzione di salto multipasso
G31.8 Funzione di salto EGB
G31.9 Funzione di salto continuo ad alta velocità
G33 01 Filettatura
G37 Misura automatica lunghezza utensile
00
G39 Interpolazione circolare sugli spigoli

Cancella la compensazione raggio utensile/


G40 Cancella la compensazione tridimensionale

Compensazione raggio utensile a sinistra/


G41
Compensazione tridimensionale
Compensazione tridimensionale dell’utensile (com-
G41.2
07 pensazione laterale) a sinistra
Compensazione tridimensionale dell’utensile (Com-
G41.3
pensazione del bordo di taglio)
G42 Compensazione raggio utensile a destra
Compensazione tridimensionale dell’utensile (com-
G42.2
pensazione laterale) a destra
G40.1 (G150) Cancella il modo controllo della direzione normale

G41.1 (G151) 18 Attiva il modo controllo direzione normale a sinistra


G42.1 (G152) Attiva il modo controllo direzione normale a destra
G43 Compensazione lunghezza utensile, direzione +
08
G44 Compensazione lunghezza utensile, direzione --
G45 Incremento correzione utensile
G46 Decremento correzione utensile
00
G47 Doppio incremento correzione utensile
G48 Doppio decremento correzione utensile
G49 08 Cancella la compensazione lunghezza utensile

G50 Cancella la scala


11
G51 Attiva la scala
G50.1 Cancella l’immagine speculare programmabile
22
G51.1 Attiva l’immagine speculare programmabile
G52 Impostazione del sistema di coordinate locali
00
G53 Selezione del sistema di coordinate della macchina
G54 Selezione del sistema di coordinate pezzo 1
14
G54.1 Selezione sistema addizionale di coordinate pezzo
G54.2 23 Compensazione dinamica rotazione tavola

70
3.2 Codici G (Serie M)

Elenco dei codici G (Serie M) (3/4)


Codice G Gruppo Funzione
G55 Selezione del sistema di coordinate del pezzo 2
G56 Selezione del sistema di coordinate del pezzo 3
G57 14 Selezione del sistema di coordinate del pezzo 4
G58 Selezione del sistema di coordinate del pezzo 5 3
G59 Selezione del sistema di coordinate del pezzo 6
G60 00/01 Posizionamento unidirezionale
G61 Modo arresto esatto
G62 Regolazione automatica velocità sugli spigoli
15
G63 Modo maschiatura
G64 Modo lavorazione normale

G65 00 Richiamo macro


G66 Richiamo macro modale
12
G67 Cancella richiamo macro modale
Rotazione coordinate / Conversione coordinate tridi-
G68
mensionali
16
Cancella rotazione coordinate/ Conversione coordi-
G69 nate tridimensionali

G72.1 Copia con rotazione


00
G72.2 Copia parallela
G73 Ciclo di foratura a tratti
09
G74 Ciclo di contromaschiatura
G75 01 Ciclo di rettifica a tuffo (per rettificatrici)
G76 09 Barenatura fine
Ciclo di rettifica a tuffo con misuratore
G77
(per rettificatrici)
Ciclo di rettifica piana con avanzamento costante
G78 01
(per rettificatrici)
Ciclo di rettifica piana con avanzamento intermit-
G79
tente (per rettificatrici)

G80 09 Cancella il ciclo fisso / cancella l’operazione esterna

Fine sincronizzazione per accoppiamento elettro-


G80.5 24
nico (EGB) (programmazione di due coppie)
Ciclo di foratura/centratura, operazione esterna,
G81 dentatura a creatore, accoppiamento elettronico
09 semplice
G81.1 Funzione di oscillazione
Inizio sincronizzazione per accoppiamento elettro-
G81.5 24
nico (EGB) (programmazione di due coppie)

71
3. CODICI G

Elenco dei codici G (Serie M) (4/4)


Codice G Gruppo Funzione
G82 Ciclo di foratura / svasatura
G83 Ciclo di foratura a tratti
G84 Ciclo di maschiatura
G85 Ciclo di barenatura
09
G86 Ciclo di barenatura
G87 Ciclo di barenatura posteriore
G88 Ciclo di barenatura
G89 Ciclo di barenatura

G90 Programmazione assoluta


03
G91 Programmazione incrementale
Impostazione del sistema di coordinate del pezzo o
G92
00 limitazione della velocità del mandrino
G92.1 Preset del sistema di coordinate del pezzo

G94 Avanzamento al minuto


05
G95 Avanzamento al giro
G96 Velocità di taglio costante
13
G97 Cancella la velocità di taglio costante

G98 Ritorno al livello iniziale nel ciclo fisso


10
G99 Ritorno al livello del punto R nel ciclo fisso

G160 Cancella controllo avanzamento (rettificatrici)


20
G161 Attiva controllo avanzamento (rettificatrici)

Spiegazioni
1. Quando all’accensione o dopo un reset viene stabilito lo stato di clear
(PRM3402#6 (CLR)), i codici G vengono messi negli stati descritti qui
sotto.
(1) I codici G modali sono messi nello stato indicato da nella tabella.
(2) Quando all’accensione o dopo un reset viene stabilito lo stato di
clear, G20 e G21 non cambiano.
(3) Il modo G22 o G23 attivo all’accensione si seleziona con il
PRM3402#7 (G23). Tuttavia G22 e G23 non cambiano quando lo
stato di clear viene stabilito da un reset.
(4) Il PRM3402#0 (G01) permette di selezionare G00 o G01.
(5) Il PRM3402#3 (G91) permette di selezionare G90 o G91.
(6) I PRM3402#1 (G18) e #2 (G19) permettono di selezionare G17,
G18 o G19.
2. I codici G del gruppo 00, salvo G10 e G11, sono codici G
autocancellanti..
3. Se viene specificato un codice G non compreso nella tabella o un codice
G opzionale non previsto dal sistema, si ha un allarme (ALM10).
4. Un blocco può contenere più codici G, se sono dello stesso gruppo il
codice G attivo è l’ultimo.
5. Se quando è attivo il modo ciclo fisso viene specificato un codice G del
gruppo 01, il ciclo fisso viene automaticamente cancellato, entrando nel
modo G80. Per contro, i codici G del gruppo 01 non sono influenzati dai
codici G dei cicli fissi.
6. I codici G sono elencati per gruppo.
7. Il gruppo di G60 dipende dall’impostazione del PRM5431#0 (MDL).
(Quando il bit MDL è 0, è selezionato il gruppo 00. Quando il bit MDL è
1, è selezionato il gruppo 01.)
72
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Posizionamento (G00) IP
Punto finale

Punto iniziale

Interpolazione lineare IP
(G01) Punto finale

Punto iniziale

Interpolazione circolare
(G02, G03)
Punto iniziale

R G02
J

Centro
I Punto finale
(X, Y)

(X, Y) G03

Punto iniziale

R J

Centro I

Interpolazione
elicoidale X
(G02, G03)
Punto finale

Percorso
utensile

Punto
iniziale

Z Y

73
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G00P
IP _ ; f f

G01P
IP _ F_ ; f f

G02 R_ f f
G17 Xp_Yp_ F_ ;
G03 I_J_
G02 R_
G18 Xp_Zp_ F_ ;
G03 I_K_
G02 R_
G19 Yp_Zp_ F_ ;
G03 J_K_

Movimento sincrono con l’arco nel piano XpYp f f


G02 I_J_
G17 Xp_Yp_ α_(β_)F_ ;
G03 R_
Movimento sincrono con l’arco nel piano ZpXp
G02 I_K_
G18 Xp_Zp_ α_(β_)F_ ;
G03 R_
Movimento sincrono con l’arco nel piano YpZp
G02 J_K_
G19 Yp_Zp_ α_(β_)F_ ;
G03 R_
α, β : Qualsiasi asse non appartenente al piano
dell’interpolazione circolare.

74
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Interpolazione involuta Yp Yp
(G02.2, G03.2)
Po
Punto finale Punto iniziale
Punto RI Ps
iniziale Pe J
0
Ps I Po
J
0 R

Cerchio base Punto finale


Pe
Xp Xp
4
In senso orario (G02.2)

Yp Yp
Ro
Punto finale
Punto Punto iniziale R Pe
finale 0
Ps
Pe
I
J
Po
J
0 R

I Punto iniziale
Ps
Xp Xp

In senso antiorario (G03.2)

Interpolazione X (Asse lineare)


esponenziale
(G02.3, G03.3)

nX

A (Asse rotativo)
nA

75
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


Interpolazione involuta nel piano X -- Y f
G17 G02.2 X_Y_I_J_R_F_;
G17 G03.2 X_Y_I_J_R_F_;
Interpolazione involuta nel piano Z -- X
G18 G02.2 Z_X_K_I_R_F_;
G18 G03.2 Z_X_K_I_R_F_;
Interpolazione involuta nel piano Y -- Z
G19 G02.2 Y_Z_J_K_R_F_;
G19 G03.2 Y_Z_J_K_R_F_;
X, Y, Z : Coordinate del punto finale della curva
involuta
I, J, K : Centro del cerchio base della curva
involuta visto dal punto iniziale
R : Raggio del cerchio base
F : Velocità di avanzamento

Rotazione positiva f
G02.3 X_Y_Z_I_J_K_R_F_Q_;
Rotazione negativa
G03.3 X_Y_Z_I_J_K_R_F_Q_;
X_; Punto finale programmato in assoluto o incre-
mentale.
Y_; Punto finale programmato in assoluto o incre-
mentale.
Z_; Punto finale programmato in assoluto o incre-
mentale.
I_; Angolo I (da ±1 to ±89 gradi in unità di 0.001
gradi).
J_; Angolo J (da ±1 to ±89 gradi in unità di 0.001
gradi).
K_; Divisione dell’asse lineare nell’interpolazione
esponenziale (ampiezza dell’intervallo).
Specificare un valore positivo.
Se non è specificato, viene assunto il valore del
PRM 5643.
R_; Valore della costante R nell’interpolazione espo-
nenziale.
F_; Velocità di avanzamento iniziale.
Il comando è lo stesso di un codice F normale.
Specificare una velocità di avanzamento sinte-
tizzata includendo l’asse rotativo.
Q_; Velocità di avanzamento al punto finale.
Usare le stesse unità del comando F. Nell’NC,
l’avanzamento dell’utensile viene interpolato tra
la velocità di avanzamento iniziale (F) e la velo-
cità di avanzamento finale (Q) in funzione
dell’entità del movimento lungo l’asse lineare.

76
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Interpolazione circolare La specifica di un punto intermedio e del punto finale
nello spazio di un arco permette di eseguire l’interpolazione cir-
(G02.4, G03.4) colare in uno spazio tridimensionale.

Punto intermedio
X
(X1,Y1,Z1)

Y
Z
4
Punto Punto finale
iniziale (X2,Y2,Z2)

Sosta (G04) (Esempio)


G94 G04 P10; Sosta di 10 secondi
G95 G04 X30; sosta di 30 giri

Ciclo di lavorazione ad (Esempio)


alta velocità (G05)
Ciclo 1: dato di collegamento 2, ripetizioni 1
Ciclo 2: dato di collegamento 3, ripetizioni 3
Ciclo 3: dato di collegamento 0, ripetizioni 1
G05P10001L2;
Vengono eseguiti i cicli 1, 2, 2, 2, 3, 1, 2, 2, 2, 3

Buffer remoto ad alta Specificare G05 da solo in un blocco usando il for-


velocità A (G05) mato normale dei comandi NC. Poi specificare i dati
di movimento nel formato speciale descritto sotto.
Quando per il movimento di tutti gli assi viene specifi-
cata una distanza uguale a zero, diventa di nuovo
possibile usare il formato normale dei comandi NC.

Buffer remoto ad alta Mentre il buffer remoto A usa dati in formato binario,
velocità B (G05) il buffer remoto B può usare direttamente dati in for-
mato NC preparati con sistemi di programmazione
automatica.

77
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G02.4 XX1 YY1 ZZ1 αα1 ββ1 ;Primo blocco (punto f
intermedio dell’arco)
XX1 YY1 ZZ1 αα1 ββ1 ;Secondo blocco (punto
finale dell’arco)
α,β : Assi qualsiasi diversi da quelli dell’inter-
polazione (fino a due assi)
Invece di G02.4 è possibile programmare G03.4.
Tra i due comandi non ci sono differenze.

f f
X_
G94 G04 ; Tempo di sosta in secondi
P_
X_
G95 G04 ; Tempo di sosta in giri
P_

f f
G05 P10 xxx Lnnn ;

XXX : Numero del primo ciclo di lavorazione da


richiamare

nnn : Numero di ripetizioni del ciclo di lavorazione

D Immiss. in formato binario abilitata: G05 ; f f

D Immiss. in form. binario disabilitata: L’entità del


movimento
lungo tutti gli
assi viene
azzerata
D Formato dei dati

Byte
Byte alto
Primo
Byte basso asse
Sequenza
dei dati Byte alto
Secondo
Byte basso asse

.
.
Byte alto
Ennesimo
Byte basso asse

Byte di controllo

Tutti i dati devono essere specificati in formato binario.

G05P01; Inizio della lavorazione ad alta velocità f


X_Y_Z_;
:
G05P00; Fine della lavorazione ad alta velocità

78
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Contornatura ad alta Alcuni errori di lavorazione sono dovuti al CNC. Que-
precisione sti errori includono gli errori di lavorazione causati
Contornatura AI ad alta dall’accelerazione/decelerazione dopo l’interpola-
precisione zione. Per eliminare questi errori vengono eseguite le
Contornatura nanome- seguenti funzioni ad alta velocità, tramite un proces-
trica AI ad alta preci- sore RISC.
sione (1) Accelerazione/decelerazione prima dell’interpo-
(G05) lazione con funzione look--ahead multiblocco.
Questa funzione elimina gli errori di lavorazione
dovuti all’accelerazione/decelerazione.
(2) Funzione di controllo automatico della velocità
che abilita accelerazioni e decelerazioni regolari
considerando i cambiamenti di profilo e velocità
e tenendo conto della accelerazione ammessa
dalla macchina. Questo è ottenuto leggendo in
anticipo più blocchi.
Interpolazione Un comando del programma può scegliere fra i
raccordata seguenti due tipi di lavorazione.
(G05.1) D Quando la precisione della figura è critica, come
sugli spigoli, la lavorazione viene eseguita esat-
tamente come è specificato dal programma
pezzo.
D Per le porzioni con un raggio di curvatura
grande, dove deve essere creata una figura
regolare, i punti lungo il profilo da lavorare sono
interpolati con una curva regolare, calcolata in
base alle linee del poligono specificato con i
comandi del programma pezzo (interpolazione
raccordata).
L’interpolazione raccordata può essere specificata
nei modi contornatura ad alta velocità, contornatura
AI ad alta precisione o contornatura nanometrica AI
ad alta precisione.
Contornatura AI Gli errori di lavorazione causati dall’accelerazione/
Contornatura decelerazione dopo l’interpolazione derivano dal
nanometrica AI CNC. Le seguenti funzioni eliminano questi errori:
Controllo avanzato
(1) La funzione di accelerazione/decelerazione
AI con prelettura dei
prima dell’interpolazione con prelettura di più
blocchi
blocchi elimna gli errori causati dall’accelerazio-
(G05.1)
ne/decelerazione.
(2) La funzione di controllo automatico della velo-
cità, leggendo anticipatamente più blocchi, può
realizzare accelerazioni e decelerazioni graduali,
tenendo in considerazione i profili, i cambi di
velocità ed i limiti di accelerazione/decelerazione
della macchina.

Modo HRV ad alta velo- L’impiego di un servosistema che supporta l’HRV ad


cità alta velocità, permette di esercitare un controllo HRV
(G05.4) veloce e preciso.

79
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G05P10000; Attivazione modo f
G05P0; Disattivazione modo
(Supplemento)
Lo stesso formato è utilizzato per specificare l’attiva-
zione e la disattivazione della contornatura AI, della
contornatura nanometrica AI e del controllo avanzato
AI con prelettura.

G05.1 Q2X0Y0Z0; Attivazione del modo interpola- f


zione raccordata

G05.1 Q0; Cancellazione del modo interpola-


zione raccordata

G05.1 Q1 ; Attivazione modo f


G05.1 Q0 ; Disattivazione modo
(Supplemento)
Lo stesso formato è utilizzato per specificare l’attiva-
zione e la disattivazione della contornatura AI, della
contornatura nanometrica AI e del controllo avanzato
AI con prelettura.

G05.4 Q1 ; Attivazione modo f


G05.4 Q0 ; Disattivazione modo
(Supplemento)
D Il DGN700#1 (HOK) permette di controllare se il
servosistema supporta l’HRV ad alta velocità.
D Per i dettagli relativi al modo HRV ad alta velo-
cità, consultare il manuale del servosistema uti-
lizzato.

80
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Interpolazione NURBS E’ possibile dare un comando al CNC sotto forma di
(G06.2) curva NURBS.

Z
Y

4
1000.
X
2000.

Interpolazione con asse


Y
ipotetico (G07)

0
Z

Interpolazione cilindrica C
(G07.1)
R
Z

Controllo avanzato con Con questa funzione, il ritardo dovuto all’accelerazio-


prelettura (G08) ne/decelerazione e il ritardo del servo sistema, che
aumentano con l’aumentare della velocità di avanza-
mento, possono essere soppressi.
Di conseguenza, l’utensile può seguire accurata-
mente il percorso programmato e gli errori del profilo
lavorato possono essere ridotti.
Arresto esatto
Velocità
(G09, G61)

Tempo
Controllo in--posizione

81
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G05 P10000 ; f
...
G06.2 [P_] K_ X_ Y_ Z_ [R_] [F_] ;
K_ X_ Y_ Z_ [R_] ;
K_ X_ Y_ Z_ [R_] ;
K_ X_ Y_ Z_ [R_] ;
...
K_ X_ Y_ Z_ [R_] ;
K_ ;
...
K_ ;
G01 ...
...
G05 P0 ;

G06.2 : Attiva il modo interpolazione NURBS


P_ : Rango della curva NURBS
X_ Y_ Z_: Punto di controllo
R_ : Peso
K_ : Nodo
F_ : Velocità di avanzamento
L’interpolazione NURBS può essere specificata nel
modo controllo contornatura ad alta precisione/con-
tornatura AI/contornatura nanometrica AI

G07 α 0; Definizione dell’asse ipotetico f f


G07 α 1; Cancellazione dell’asse ipotetico
Dove α è l’indirizzo di uno qualsiasi degli assi
controllati.

G07.1 Cr ; f f
Stabilisce il modo interpolazione cilindrica
C: Nome dell’asse rotativo
r: Raggio del cilindro
G07.1 C0 ;
Cancella il modo interpolazione cilindrica

G08 P1; Attivazione del modo controllo avanzato con f f


prelettura.
G08 P0; Disattivazione del modo controllo avanzato
con prelettura.

G09 IP ; f
G61 ;

82
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Variazioni delle corre- Il valore delle compensazioni utensile può essere
zioni da programma variato con il comando G10.
(G10)
Quando G10 è usato in progammazione assoluta
(G90), il valore specificato nel comando diventa la
nuova compensazione utensile. Quando G10 è
usato in programmazione incrementale (G91), il
valore specificato nel comando viene sommato
all’entità della compensazione attuale.
attuale
4

Immissione parametri Specificando G10 è possibile impostare e modificare


da programma i parametri ed i dati della compensazione errore di
(G10, G11) passo.
(Avvertenza)
Alcuni parametri non sono atti ad essere impostati o
modificati e, dopo un’impostazione o una modifica,
può essere necessario eseguire un ritorno al punto di
riferimento.

83
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G10P_X (U)_Y (V)_Z (W)_R (C)_Q_; f
Per il valore di correzione geometria
P=10000+numero correttore geometria
Per il valore di correzione usura
P= numero correttore usura
R : Valore compensazione raggio utensile
Q : Numero punta immaginaria dell’utensile

G10L_PpRr ; f
p : Numero del correttore
r : Entità della compensazione utensile
Formato
(1) Per la memoria A delle correzioni utensile
G10L11P_R_;
(2) Per la memoria B delle correzioni utensile
G10L10P_R_; (Impostazione/variazione valore
di correzione geometria)
G10L11P_R_; (Impostazione/variazione valore
di correzione usura)
(3) Per la memoria C delle correzioni utensile
G10 L10 P_ R_ ; (Impostazione/variazione
valore di correzione geometria
per il codice H)
G10 L11 P_ R_ ; (Impostazione/variazione
valore di correzione geometria
per il codice D)
G10 L12 P_ R_ ; (Impostazione/variazione
valore di correzione usura
per il codice H)
G10 L13 P_ R_ ; (Impostazione/variazione
valore di correzione usura
per il codice D)

G10 L50 ; Modo immissione parametri f f


N_ R_ ; Parametri non di tipo asse

N_ P_ R_ ; Parametri di tipo asse

|
G11 ; Cancellazione modo immiss. parametri
N_ : N. parametro (5 cifre) o n. punto di compen--
sazione passo vite + 10000 (5 cifre)
R_ : Valore (il punto decimale non deve essere
specificato.)
P_ : Numero asse (da 1 a 8)

84
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Ritiro e riposiziona- ⊗: Posizione in cui viene premuto il pulsante
mento dell’utensile RITIRO UTENSILE
(G10.6) F: Posizione programmata
f: Posizione alla quale viene ritirato manualmente
l’utensile

: Percorso di ritiro

: Operazione manuale (percorso di


allontanamento) 4
: Percorso di ritorno

: Riposizionamento

Interpolazione in C’ (Asse ipotetico)


coordinate polari asse C
(G12.1, G13.1)

asse X

Comando in
Y
coordinate polari
(G15, G16)
x: raggio

y : angolo
X

Selezione piano XpYp


Y X Z
(G17)
Selezione piano ZpXp
(G18) X Z Y
Selezione piano YpZp G17 G18 G19
(G19)

Conversione
pollici/millimetri
(G20, G21)

Attiva controllo (X, Y, Z)


zone di sicurezza (G22)
Disattiva controllo
zone di sicurezza (G23) (I, J, K) X>I, Y>J, Z>K

85
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G10.6IP _; f f

IP _: Nel modo incrementale, l’entità del ritiro dalla


posizione in cui si alza il segnale di ritiro.
Nel modo assoluto, la posizione assoluta del
punto di ritiro.

G12.1 ; f f
Modo interpolazione in coordinate polari
G13.1 ;
Cancella il modo interpolazione in coordinate
polari

G16 ; f
Comando in coordinate polari Xx Yy ;
X: raggio, Y: angolo (°)
G15 ;
Comando in coordinate polari cancellato

G17 ; f f
G18 ;
G19 ;

G20 ; Immissione in pollici f f


G21 ; Immissione in millimetri

G22X_Y_Z_I_J_K_ ; Attiva controllo zone f f


di sicurezza

G23 ; Disattiva controllo zone di sicurezza

86
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Attiva rilevazione (Esempio)
errore velocità mandrino (1) Quando l’allarme si verifica dopo che è stata
(G26) raggiunta la velocità del mandrino comandata
Disattiva rilevazione Velocità mandrino
errore velocità mandrino
(G25) r
q d Velocità
q d comandata
r
4
Controllo Velocità
non ese- effettiva
Con- guito
trollo Controllo
Tempo
Specifica di Inizio del Allarme
un’altra velocità controllo

(2) Quando l’allarme si verifica prima che venga


raggiunta la velocità del mandrino comandata
Velocità mandrino

r
q d Velocità
q d comandata
r

p Velocità
Con- Controllo effettiva
trollo non ese- Controllo
guito
Tempo
Specifica di Inizio del Allarme
un’altra velocità controllo

Controllo del ritorno IP


al punto di riferimento Punto di riferimento
(G27)
Punto iniziale

Ritorno al punto di Punto di riferimento (G28)


riferimento (G28) IP
Ritorno al secondo,
Punto intermedio
terzo e quarto punto di IP
riferimento (G30) Secondo punto di
Ritorno al punto di riferi- riferimento (G30) Punto iniziale
mento flottante (G30.1)

Ritorno dal punto di Punto di riferimento


riferimento
(G29) IP

Punto intermedio

87
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G26PpQqRr ; Rilevazione dell’errore di velocità del f f
mandrino abilitata
G25 ; Rilevazione dell’errore di velocità del mandrino
disabilitata
p: Tempo (in msec) fra l’emissione del comando di
velocità del mandrino e l’inizio del controllo.
(Se il mandrino raggiunge la velocità comandata
prima che sia trascorso il tempo specificato, il
controllo inizia in quel momento.)

q : Tolleranza (%) entro la quale si considera rag-


giunta la velocità comandata (Il controllo inizia
dopo che la velocità effettiva raggiunge l’inter-
vallo definito da questa tolleranza.)
q= (1-- velocità effettiva del mandrino/velocità
comandata)×100

r: Errore della velocità del mandrino (%) alla quale


il sistema rileva la possibilità di un surriscalda-
mento
r= (1--velocità che può causare un surriscalda-
mento/velocità comandata)×100

G27 IP _ ; f f

G28 IP_ ; f f
P2 P2: ritorno al secondo p.to di rif.
G30 P3 IP _ ; P3: ritorno al terzo p.to di rif.
P4 P4: ritorno al quarto p.to di rif.
G30.1 IP_ ;

G29 IP _ ; f

88
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Funzione di salto (G31)

Funzione di salto multi-


passo (G31)

IP

Segnale di salto
4
Punto iniziale

Funzione di salto al
limite di coppia (G31)

Funzione di salto per Questa funzione dà la possibilità di usare la funzione


l’asse EGB (G31.8) di salto per l’asse di lavoro nel modo sincronizza-
zione EGB (Electronic Gear Box = Accoppiamento
elettronico).
D Il blocco del programma che attiva la funzione
non è interrotto finché il numero totale degli
impulsi di salto ricevuti non raggiunge un valore
specificato nello stesso blocco.
D Ad ogni segnale di salto, le coordinate macchina
vengono memorizzate in una variabile macro.
Questa operazione dura fino alla fine del blocco.
D La sincronizzazione EGB non si ferma.

Segnale di salto ad alta Il blocco del programma che attiva la funzione non è
velocità continuo interrotto finché il numero totale degli impulsi di salto
(G31.9) ricevuti non raggiunge un valore specificato nello
stesso blocco.
Ad ogni segnale di salto, le coordinate macchina
vengono memorizzate in una variabile macro. Questa
operazione dura fino alla fine del blocco.

89
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G31 IP _F_ ; f f

Comando di movimento f f
G31 IP_F_P_;
F_: Velocità di avanzamento
P_: P1-P4
Comando di sosta
G04X (U, P)_(Q_);
X(U, P)_: Tempo di sosta
Q_: Q1-Q4

G31 P99 IP _F_; (Salta al limite di coppia o quando f f


arriva il segnale di salto)
G31 P98 IP _F_; (Salta al limite di coppia)
Nota) Specificare un limite di coppia prima del comando

G81 T_ L_ ; (Attivazione modo EGB) f


G31.8 G91 α0 P_ Q_ R_ ; (Comando di salto EGB)
α : Asse EGB (asse di lavoro)
P : Numero della prima variabile della serie
nella quale vengono memorizzate le
coordinate di macchina dell’asse EGB
(asse di lavoro) corrispondenti ai segnali
di salto.
Q : Numero massimo accettabile di segnali
di salto.
(Campo di validità del comando: 1 -- 200)
R : Numero della variabile in cui viene regi-
strato il numero dei segnali di salto.
Questo dato è generalmente uguale al
valore specificato con l’indirizzo Q.
Quindi non è necessario specificarlo.
Specificarlo solo se deve essere control-
lato il numero totale.

G31.9 α_ P_ Q_ R_ F_ ; f
α : Comando dell’asse soggetto al salto

P_ :Numero della prima variabile macro usata per la


memorizzazione della coordinata di macchina
quando perviene il segnale di salto

Q_ :Numero dei segnali di salto attesi durante l’ese-


cuzione di G31.9
(Campo di validità: da 1 a 200)

R_ :Numero dell’asse per il quale viene memorizzato


il conteggio dei segnali di salto (da 1 a 8)

90
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Filettatura a passo F
costante (G32)
F: Passo

Filettatura (G33)

4
Filettatura a passo
variabile (G34)

Filettatura circolare
(G35, G36) L

Filettatura circolare
X F
Punto
iniziale
Punto finale
(Z, X)
I R
Z

K Centro dell’arco

Compensazione Segnale di posizione di


misura raggiunta
automatica utensile Punto di partenza
Posizione
(G36, G37) misurata
(G37.1, G37.2)
Posizione specificata
(Xa o Za) Correzione impostata da
questo comando

Misura automatica della Z


lunghezza dell’utensile
(G37) A (Punto di partenza)
La posizione di misura
Rapido è comandata con G37

B (Punto di decelerazione)
Velocità di
misura

C (Posizione di misura)
L’utensile si ferma quando
si alza il segnale di fine
avvicinamento.
0 X

Entità della compensazione = (Entità attuale


della compensazione) + [(coordinata della
posizione di arresto dell’utensile) -- (coordinata
della posizione di misura)]

91
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G32 IP _F_ ; f

G33 IP _F_ ; f

G34 IP _FfKk ; f
f: Passo in direzione longitudinale al punto iniziale
k: Incremento e decremento del passo al giro
del mandrino

G35 I_K_ f
G36 X (U) _ Z (W) R___ F_ Q_;

G35 : Filettatura circolare in senso orario


G36 : Filettatura circolare in senso antiorario

X (U) : Punto finale dell’arco


(come per G02, G03).
Z (W)

I, K : Posizione del centro dell’arco rispetto al


punto iniziale, in coordinate relative (come
per G02, G03).
R : Raggio dell’arco.
F : Passo nella direzione dell’asse principale.
Q : Spostamento angolare del punto di par-
tenza della filettatura (da 0 a 360° in unità
di 0.001°)

G36(G37.1)X xa ; f
G37(G37.2)Z za ;
Posizione specificata

G92 IP _; Stabilisce il sistema di coordinate pezzo f


(può essere stabilito con G54--G59)
Hff; Specifica il numero del correttore per la
compensazione lunghezza utensile.
Soltanto dopo specificare:
G90 G37 IP _; Comando assoluto. G37 è valido solo
per il blocco nel quale è specificato.
IP_ indica gli assi X, Y, Z o il quarto
asse.

92
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Compensazione G41
raggio utensile
(G40, G41, G42)
G40

G42

G40 ; Percorso programmato


G41 ; A sinistra del percorso programmato
G42 ; A destra del percorso programmato 4
Compensazione raggio G41
utensile B
(da G39 a G42) G40

Compensazione raggio G42


utensile C
(da G40 a G42) G40 ; Percorso programmato
G41 ; A sinistra del percorso programmato
G42 ; A destra del percorso programmato

Compensazione Percorso programmato


tridimensionale Percorso dopo la compensazione
dell’utensile tridimensionale
(G40, G41) Vettore della compensazione tridimen-
sionale

G40
G41

Il vettore della compensazione tridimensionale è otte-


nuto dalle seguenti espressioni:
i⋅r
Vx = (Componente lungo l’asse Xp)
p

j⋅r (Componente lungo l’asse Yp)


Vy =
p

k ⋅ r (Componente lungo l’asse Zp)


Vz =
p
Nelle precedenti espressioni, i, j e k sono i valori spe-
cificati per I, J e K nel blocco di attivazione. r è l’en-
tità della compensazione corrispondente al numero di
correttore specificato. p è determinato dalla
seguente espressione:
p= i2 + j2 + k2

Controllo della direzione


Percorso
normale programmato
(G40.1, G41.1 G42.1)
Asse C
Asse C

Utensile Utensile

Direzione normale
(nella quale si muove l’utensile)

93
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M

G40 f
G41 IP _ ;
G42

G39 IP ; f
Interpolazione circolare compensata sugli spigoli
G17 G40
G18 G41 D(H)_ ;
G19 G42

D(H): Numero del correttore utensile

G41 Xp_Yp_Zp_I_J_K_D_; (Attivazione) f


Xp: asse X o suo asse parallelo
Yp: asse Y o suo asse parallelo
Zp: asse Z o suo asse parallelo

G40 Xp_Yp_Zp_; (Cancellazione della compensa-


o zione insieme ad un movimento)
Xp_Yp_Zp_D00;

G40; (Cancellazione senza movimento)


o
D00;

G41.1 ; Attiva il controllo direzione normale a sinistra f


G42.1 ; Attiva il controllo direzione normale a destra
G40.1 ; Cancella il controllo direzione normale

94
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Compensazione tridi- La compensazione viene eseguita in un piano per-
mensionale dell’utensile pendicolare al vettore della direzione dell’utensile.
Compensazione laterale
(G41.2, G42.2) Vettore utensile
Percorso programmato
(prima della compensazione
Vettore di
compensazione

Percorso cen-
tro utensile
(compensato)
4
Z
Y
X
Piano di com- Entità della
pensazione compensazione

Compensazione tridi- Compensazione applicabile quando la lavo-


mensionale dell’utensile razione viene eseguita con il bordo dell’uten-
Compensazione del sile
bordo di taglio Vettore uten-
sile
(G41.3) Utensile utiliz-
zato
Utensile
di
riferi-
mento Percorso centro
utensile (com-
pensato)

Vettore di Percorso
compensazione programmato
Entità della
compensazione

Compensazione lun-
ghezza utensile A, B, C
(G43, G44, G49)

Correzione

G43: Compensazione positiva


G44: Compensazione negativa

Correzione utensile
(G45 to G48)

Percorso Percorso
programmato centro utensile

95
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G41.2 X_Y_Z_D_ ; Compensazione laterale (sinistra) f
G42.2 X_Y_Z_D_ ; Compensazione laterale (destra)

G40 X_Y_Z_ ; Cancella la compensazione laterale


Nota) Se è specificata l’attivazione/cancelazione di
tipo C, non programmare comandi di movi-
mento nel blocco G41.2/G42.2.

G41.3 D_ ; Compensazione bordo di taglio f

G40 ; Cancellazione della compensazione bordo


di taglio

f
G43 (Z_)H_ ; Compens. lungh. utensile A
G44

G17 X_
G18 G43 Y_ H_;
G19 G44 Z_
Compensazione lunghezza utensile B

G43
α_H_ ; Compens. lungh. utensile C
G44

H: Numero correttore (H00 -- H999)


α : Un asse qualsiasi
G49 ; Cancella compensazione lunghezza utensile

f
G45 (incremento)
G46 (decremento)
G47 (doppio incremento) IP
IP_D_;
G48 (doppio decremento)

IP_ ; Comando di movimento dell’utensile


D_ ; Specifica del numero di correttore

96
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Impostazione del
sistema di coordinate X
Impostazione della
velocità massima del Impostazione del
mandrino sistema di coordinate
(G50)
Z

Scala (G50, G51)


P4 P3 4
P4’ P3’

P0

P2’
P1’
P1 P2

P1 to P4: Forma programmata


P1’ to P4’: Forma in scala
P0: Centro di scala

Immagine speculare Asse di simmetria


programmabile
(G50.1, G51.1)

Tornitura poligonale
(G51.2, G50.2)
Pezzo Utensile
Pezzo

Impostazione sistema di
coordinate locali (G52)

(Sistema di coordinate locali)


_

(G54 : Sistema di coordinate del pezzo 1)


(Sistema di coordinate locali)
G55 _
G56 G57
G58 (G59 : Sistema di coordinate del pezzo 6)

(Sistema di coordinate della macchina)

Origine del sistema di coordinate della macchina

Punto di riferimento

97
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G50X_Z_ ; Impostazione del sistema di coordinate f
G50S_ ; Impostazione della velocità massima del
mandrino

G51X_Y_Z_P_ (o I_J_K_) ; f
G50 ; Cancellazione scala
X, Y, Z: Centro di scala
P: Fattore di scala
(I, J, e K sono i fattori di scala per gli assi X, Y, e Z
rispettivamente.)

G51.1 I P_ ; Attivazione dell’immagine speculare f


Per i comandi specificati in questi bloc-
chi, viene prodotta un’immagine specu-
lare rispetto all’asse di simmetria specifi-
cato da G51.1 I P_;.
G50.1 I P_ ; Cancellazione dell’immagine speculare
I P_ : Punto (posizione) e asse di simmetria per la
produzione di un’immagine speculare
quando è specificato con G51.1..
Asse di simmetria per produrre un’immagine
speculare quando è specificato con G50.1. Il
punto di simmetria non è specificato.

G51.2P_Q_ ; Tornitura poligonale f


G50.2 ; Cancellazione Tornitura poligonale
P, Q: Rapporto di rotazione del mandrino e del pezzo

G52 IP _; Impostazione del sistema di coordinate f f


locali
G52 IP 0 ; Cancellazione del sistema di coordinate
locali

98
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Selezione del sistema di
X
coordinate della mac-
china
(G53) Sistema di coordinate
della macchina

Zero macchina

Punto di riferimento

Selezione del sistema di Sistema di Sistema di Sistema di Sistema di


coordinate del pezzo coordinate del coordinate del coordinate del coordinate del
pezzo N. 1 pezzo N. 2 pezzo N. 3 pezzo N. 4
(da G54 a G59) (G54) (G55) (G56) (G57)

ZOFS2 ZOFS3 ZOFS4

ZOFS1 Sistema di
ZOFS5 coordinate del
pezzo N. 5 (G58)
EXOFS
Sistema di
coordinate del
Zero macchina ZOFS6 pezzo N. 6 (G59)

EXOFS: Offset esterno dello zero pezzo


ZOFS1 -- ZOFS6: Offset dello zero pezzo

Selezione di un sistema (Esempio)


di coordinate del pezzo G54.1P12 ;
addizionale (G54.1) Selezione del sistema di coordinate addizionale N.12

Compensazione Quando la tavola ruota, il sistema di coordinate del


dinamica rotazione pezzo può essere mantenuta dinamicamente.
tavola Y
(G54.2) Y
Y

X
X
F0
F
θ
θ0
X
Centro di
rotazione
C

Z
W
W : Offset dello
zero pezzo
Origine del sistema θ0 : Angolo di riferimento
di coordinate della F0 : Offset della posi--
macchina zione di riferimento
θ : Angolo di rotazione
F : Entità compensazione
Posizionamento IP
unidirezionale
(G60)

99
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G53 IP _ ; f f

G54 IP_ ; Selezione sistema di coordinate pezzo N. 1 f f


G55 IP_ ; Selezione sistema di coordinate pezzo N. 2
G56 IP_ ; Selezione sistema di coordinate pezzo N. 3
G57 IP_ ; Selezione sistema di coordinate pezzo N. 4
G58 IP_ ; Selezione sistema di coordinate pezzo N. 5
G59 IP_ ; Selezione sistema di coordinate pezzo N. 6

G54.1 Pn; (n = 1 -- 300) f

G54.2 Pn; Comando di compensazione f


G54.2 P0; Cancellazione comando di compensazione

n : Numero della compensazione (da 1 a 8)

G60 IP_ ; f f

100
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Modo arresto esatto
Velocità
(G61)

Tempo

Regolazione automatica 4
velocità sugli spigoli
(G62) Percorso utensile
programmato
Le
Ls
a
Percorso centro
utensile b

La velocità di avanzamento viene ridotta


nel tratto dal punto a al punto b.
Modo maschiatura Velocità
Feed hold disabilitato
(G63) Regolazione velocità di
avanzamento disabilitata

G63

Tempo

Modo lavorazione (G64) Velocità

G64

Tempo

Richiamo macro
semplice (G65) Programma principale Programma macro

O_: O0001;
G65P0001L_;
_
G67; M99;

Richiamo macro Programma principale Programma macro


modale (G66, G67)
O_: O0001;

G66P0001L_;
X_
Y_
G67; M99;

101
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G61 ; f

G62 ; f

G63 ; f

G64 ; f

G65 P_L_ ; f f

P: Numero del programma da richiamare


L: Numero di ripetizioni (da 1 a 9999)

G66 P_L_ ; f f
G67; Cancellazione
P: Numero del programma da richiamare
L: Numero di ripetizioni (da 1 a 9999)

102
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Immagine speculare per
doppia torretta
(G68, G69)

Lavorazione bilanciata La lavorazione può essere avviata simultanea-


(G68, G69) mente per le due torrette. 4
(Solo per sistemi a due
canali)

Progr. torretta 1 Progr. torretta 2


: :
G68 ; G68 ; Modo lavoraz. bilanciata
G01Z100.0 ; G01Z100.0 ; Lavorazione bilanciata
Z0 ; Z0 ; Lavorazione bilanciata
G69 ; G69 ; Cancella il modo
: : lavorazione bilanciata

Rotazione del sistema Y


di coordinate (G68, G69)
(G68.1, G69.1 Serie T) Y’ X’

R
X

Conversione delle E’ possibile eseguire la conversione delle coordinate


coordinate nello spazio intorno ad un asse specificando il centro di rotazione, la
(G68, G69) direzione dell’asse di rotazione e lo spostamento ango-
(G68.1, G69.1 Serie T) lare.
Z

Conversione delle
Y
coordinate nello spazio
X

Z Y

103
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G68 ; f
Attivazione immagine speculare per doppia torretta
G69 ;
Disattivazione immagine speculare

G68 ; Modo lavorazione bilanciata F


G69 ; Cancellazione modo lavorazione bilanciata
Quando ambedue le torrette di un tornio a due canali
sono nel modo G68, l’inizio dei movimenti in avanza-
mento di lavoro viene sincronizzato e le torrette si
muovono contemporaneamente.
D Se G68 viene specificato per una sola torretta, il
programma si arresta finché non viene specifi-
cato anche per l’altra.
D Se le due torrette sono in G68, quando per una
viene comandato un movimento in avanzamento
di lavoro, il programma si ferma finché lo stesso
comando non viene dato anche per l’altra.
Note)
D Questa funzione è valida solo per sistemi a due
canali.
D Questa funzione non può essere utilizzata
quando è selezionata l’opzione immagine specu-
lare per torrette contrapposte.

G17 f f
G18 G68 (G68.1) α_β_R_ ;
G19
G69 ; (G69.1)
α, β: due assi costituenti il piano selezionato con
G17, G18 o G19
R: Angolo di rotazione
G68 Xp __
x1 Yp __
y1 Zp __
z1 I__
i1 J__
j1 K __
k1 R__α; f f
Inizio della conversione
delle coordinate nello spazio
Modo conversione delle
coordinate nello spazio
G69.1 ; Cancellazione della conversione
delle coordinate nello spazio
Xp, Yp, Zp: Coordinate assolute (X, Y, Z, o assi
paralleli) del centro di rotazione
I, J, K : Direzione dell’asse di rotazione
R : Spostamento angolare

104
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Copia della figura Le lavorazioni ripetitive possono essere eseguite
(G72.1, G72.2) attraverso la rotazione o la traslazione di una figura
programmata, utilizzando un sottoprogramma.

105
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


Copia con rotazione f
Piano Xp-Yp (selezionato con G17):
G72.1 P_L_Xp_Yp_R_;
Piano Zp-Xp (selezionato con G18):
G72.1 P_L_Zp_Xp_R_;
Piano Yp-Zp (selezionato con G19):
G72.1 P_L_Yp_Zp_R_;
P : Numero del sottoprogramma
L : Numero di ripetizioni
Xp : Coordinata del centro di rotazione
sull’asse Xp (Xp: asse X o asse parallelo
all’asse X)
Yp : Coordinata del centro di rotazione
sull’asse Yp (Yp: asse Y o asse parallelo
all’asse Y)
Zp : Coordinata del centro di rotazione
sull’asse Zp (Zp: asse Z o asse parallelo
all’asse Z)
R : Angolo di rotazione
(Un valore positivo indica la rotazione
in senso antiorario. Specificare
l’angolo di rotazione con valore
incrementale.)
Copia con traslazione
Piano Xp--Yp (selezionato con G17):
G72.2 P_L_I_J_;
Piano Zp--Xp (selezionato con G18):
G72.2 P_L_K_I_;
Piano Yp--Zp (selezionato con G19):
G72.2 P_L_J_K_;
P : Numero del sottoprogramma
L : Numero di ripetizioni
I : Entità della traslazione lungo l’asse Xp
J : Entità della traslazione lungo l’asse Yp
K : Entità della traslazione lungo l’asse Zp

106
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Cicli fissi per torni Cicli fissi
(da G70 a G76) G90: Ciclo di tornitura sul diametro esterno/interno
(G90, G92, G94)
G92: Ciclo di filettatura
G94: Ciclo di sfacciatura
Cicli multipli ripetitivi
G70: Finitura
G71: Asportazione di materiale in tornitura
G72: Asportazione di materiale in sfacciatura 4
G73: Ripetizione del profilo
G74: Ciclo di foratura frontale a tratti
G75: Ciclo di foratura sul diametro esterno/interno
G76: Ciclo di filettatura in più passate

(Esempio) G92

Asse X
Z W

4(R)
3(R)
1(R) U/2
3(R)

X/2
Asse Z

Punto zero
R Rapido
F Lavoro

Appross. 45_,

Dettaglio dello smusso

(L’angolo dello smusso è di 45 gradi o meno a causa


del ritardo del servo sistema.)

Cicli fissi per G71: Ciclo di pendolazione senza misuratore


rettificatrici G72: Ciclo di pendolazione con misuratore
(G71 -- G74) G73: Ciclo multituffo senza misuratore
G74: Ciclo multituffo con misuratore

(Esempio) G71
G71 A__B__W__U__I__K__H__ ;

W
¡(I)
A © ¢(K)
U
B £(I)
¤
¥(K) (Sosta)

107
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G70 P_Q_ ; f
G71 U_R_ ;
G71 P_Q_U_W_F_S_T_ ;
G72 W_ R_ ;
G72 P_Q_U_W_F_S_T_ ;
G73 W_ R_ ;
G73 P_Q_U_W_F_S_T_ ;
G74 R_ ;
G74 X(u)_Z(w)_P_Q_R_F_ ;
G75 R_ ;
G75 X(u)_Z(w)_P_Q_R_F_ ;
G76 R_ ;
G76 X(u)_Z(w)_P_Q_R_F_ ;

G90 X_Z_I_F_ ;
G92

G94 X_Z_I_F_;

G71 A__B__W__U__I__K__H__ ; f
G72 P__A__B__W__U__I__K__H__ ;
G73 A__(B__)W__U__K__H__ ;
G74 P__A__(B__)W__U__K__H__ ;

P: Numero del dispositivo di misura


A: Prima profondità di taglio
B: Seconda profondità di taglio
W: Lunghezza del tratto da rettificare
U: Tempo di sosta
Specifica massima: 99999.999 secondi
I: Velocità di avanzamento per A e B
K: Velocità di avanzamento per W (G71/G72) /
Velocità di avanzamento (G73/G74)
H: Numero di ripetizioni
Specifica: da 1 a 9999

108
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Cicli fissi G73: Ciclo di foratura a tratti ad alta velocità
(G73, G74, G80 to G89) G74: Ciclo di maschiatura sinistrorsa
G76: Ciclo di barenatura fine
G81: Ciclo di foratura, ciclo di centratura
G82: Ciclo di foratura, ciclo di allargamento foro
G83: Ciclo di foratura a tratti
G84: Ciclo di maschiatura
G85: Ciclo di barenatura
G86: Ciclo di barenatura
G87: Ciclo di barenatura, ciclo di barenatura 4
posteriore
G88: Ciclo di barenatura
G89: Ciclo di barenatura
G80: Cancellazione del ciclo fisso

Esempio

G73 (G98) G73 (G99)

(Nel modo G98)


Livello iniziale

(Nel modo G99)


Punto R Punto R

q d q d

q d q d

q q

Punto Z Punto Z

Cicli fissi di rettifica G75: Ciclo di rettifica a tuffo


(G75, G77, G78, G79)
G77: Ciclo di rettifica a tuffo con misuratore
G78: Ciclo di rettifica piana con avanzamento continuo
G79: Ciclo di rettifica piana con avanzamento
intermittente

(Esempio) Per G75


G75 I_J_K_X (Z)_R_F_P_L_ ;
X

X(Z)

I ¡ (R)
¢
©P (F)
J ¥ (F) £(R)
¤P

X(Z)

109
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


f
G73 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G74 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G76 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G81 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G82 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G83 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G84 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G85 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G86 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G87 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G88 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G89 X__Y__Z__P__Q__R__F__K__ ;
G80 ; Cancel
Gjj X__Y__Z__R__Q__P__F__K__ ;

Numero ripetizioni
Dati posizione foro
Dati foratura
Modo foratura

Voce Indirizzo Spiegazione

Modo foratura GVV G73, G74, G76, G80 to G89

Dati posizione foro X, Y Specifica la posizione del foro in


valore assoluto o incrementale.

Dati foratura Z Specifica la distanza dal punto R al


fondo del foro.

R Specifica la distanza dal livello ini-


ziale al punto R.

Q Specifica l’entità di ciascun tratto di


avanzamento in lavoro con G73 e
G83 o l’entità dell’allontanamento al
fondo del foro con G76 e G87. (Sem-
pre con un valore incrementale.)

P Specifica il tempo di sosta al fondo.

F Specifica la velocità di avanzamento.

Numero ripetizioni K Specifica il numero di ripetizioni del


ciclo (1 -- 6).

G75 I_J_K_X (Z)_R_F_P_L_ ; f


G77 I_J_K_X (Z)_R_F_P_L_ ;
G78 I_J_K_X_R_F_P_L_ ;
G79 I_J_K_X (Z)_R_F_P_L_ ;

I: Profondità di taglio 1 (il segno specifica la dire-


zione di taglio)
J: Profondità di taglio 2 (il segno specifica la dire-
zione di taglio)
K: Profondità di taglio totale
X (Z): Campo di rettifica (il segno specifica la dire-
zione di rettifica)
R: Velocità di avanzamento per I e J
F: Velocità di avanzamento per X (Z)
(G75/G77/G79)/Velocità di avanzamento (G78)
P: Tempo di sosta
L: Compensazione usura mola (Solo per ravviva-
tura continua)

110
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Cicli fissi di foratura G83: Ciclo di foratura frontale
(da G80 a G89)
G84: Ciclo di maschiatura frontale
G85: Ciclo di barenatura frontale
G87: Ciclo di foratura laterale
G88: Ciclo di maschiatura laterale
G89: Ciclo di barenatura laterale
G80: Cancellazione ciclo di foratura 4

Esempio

G83 (G87) (Modo G98) G83 (G87) (Modo G99)


* Con il sistema A di codici G o * Con i sistemi B/C di codici G
con i sistemi B/C nel modo G98 nel modo G99

Livello iniziale (G98)


Mα Mα
Mβ, P2
Livello del Livello del Livello del punto R
punto R Mβ punto R (G99)
P2

q q
d d

q q
d d

q q

Punto Z Punto Z
P1 P1

111
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G83 X(Z)_C_Z(X)_R_Q_P_F_K_(M_) ; f
G84 X(Z)_C_Z(X)_R_Q_P_F_K_(M_) ;
G86 X(Z)_C_Z(X)_R_Q_P_F_K_(M_) ;
G87 X(Z)_C_Z(X)_R_Q_P_F_K_(M_) ;
G88 X(Z)_C_Z(X)_R_Q_P_F_K_(M_) ;
G89 X(Z)_C_Z(X)_R_Q_P_F_K_(M_) ;
G80 ; Cancel
GVV X(Z)_C_Z(X)_R_Q_P_F_K_(MVV) ;

Codice M per il
blocco dell’asse
C (PRM5110)
Dati posizione Numero ripetizioni
foro (PRM5102#5)
Modo foratura Dati foratura

Voce Indirizzo Descrizione

Modo foratura GVV G80, G83, G84, G86, G87, G88, G89

Posizione foro X/U(Z/W)C/H Specifica la posizione del foro in


valore assoluto o incrementale..

Dati foratura Z(X) Specifica la distanza dal punto R al


fondo del foro.

R Specifica la distanza dal livello ini-


ziale al punto R.

Q Specifica la profondità di ciascun


passo di foratura con G83 (G87).
Sempre specificata con un valore
radiale incrementale.

P Specifica il tempo di sosta al fondo


del foro.

F Specifica la velocità di avanzamento.

Numero ripetizioni K Specifica il numero di ripetizioni del


ciclo. (PRM5102#5)

Codice M per il MVV Codice M (specificato con parametro)


blocco dell’asse C per il blocco dell’asse C. (PRM5110)

112
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Funzione per dentatrice La rotazione del pezzo (asse C) viene sin-
a creatore (G81, G80) cronizzata con la rotazione del mandrino
(asse creatore).

Mandrino
4
Creatore
Asse C

Materiale dell’ingranaggio

Accoppiamento elettro- Utilizzando l’accoppiamento elettronico del servosi-


nico (EGB) semplice stema, viene controllata la sincronizzazione tra la
(G81, G80) rotazione del mandrino (asse creatore) e la rotazione
del pezzo (asse C)..

Accoppiamento elettro- Utilizzando l’accoppiamento elettronico del mandrino


nico del mandrino seriale, viene sincronizzata la rotazione di due man-
(G81, G80) drini (assi di contornatura Cs).

113
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G81 R_ L_ Q_ P_ ; f
G80 ; Cancella la sincronizzazione fra l’asse
utensile e l’asse C.
R : Numero di denti (Campo di specifica: 1 .. 5000)
L : Numero di filetti del creatore (Campo di speci-
fica: 1 .. 30 con segno)
D Il segno di L specifica il senso di
rotazione dell’asse C.
D Se L è positivo, la rotazione dell’asse C
è positiva (+).
D Se L è negativo, la rotazione dell’asse C
è negativa (--).
Q : Modulo o passo diametrale
Per la programmazione in millimetri, specificare
il modulo.(Unità: 0.00001 mm; campo di speci-
fica: 0.01 .. 25.0 mm)
Per la programmazione in pollici, specificare il
passo diametrale.(Unità: 0.00001 pollici--1;
campo di specifica: 0.01 .. 250.0 pollici--1)
P : Angolo d’elica dell’ingranaggio
(Unità: 0.0001 gradi, Campo di specifica:
--90.0 .. +90.0 gradi)
P e Q sono obbligatori per la lavorazione di un ingra-
naggio elicoidale.
(Supplemento) La funzione di dentatura a creatore
sulla Serie T viene comandata con
G81.4.

G81 T_ L_ Q_ P_ ; Inizio della sincronizzazione. f


S_ M03 (or M04) ; Inizio rotazione asse utensile.
M05 ; Fine rotazione asse utensile
G80 ; Fine della sincronizzazione.
T: Numero di denti (campo di specifica: 1 .. 1000)
L: Numero di filetti del creatore
(Campo di specifica: --21 .. +21, 0 escluso)
Q: Modulo o passo diametrale
Per la programmazione in millimetri, specificare il
modulo. (Unità: 0.00001 mm; campo di speci-
fica: 0.01 .. 25.0 mm)
Per la programmazione in pollici, specificare il
passo diametrale. (Unità: 0.00001 pollici--1;
campo di specifica: 0.01 .. 250.0 pollici--1)
P: Angolo d’elica dell’ingranaggio
(Unità: 0.0001 gradi, Campo di specifica: --90.0
.. +90.0 gradi)

* Q e P ammettono l’uso del punto decimale.

G81 T_ L_ Q_ P_ ; Inizio della sincronizzazione. f


G80 ; Fine della sincronizzazione.

T: Numero di denti (campo di specifica: 1 .. 1000)


L: NNumero di filetti del creatore
(Campo di specifica: --200 .. +200, 0 escluso)
Q: Modulo o passo diametrale
Per la programmazione in millimetri, specificare il
modulo. (Unità: 0.00001 mm; campo di specifica:
0.01 .. 25.0 mm)
Per la programmazione in pollici, specificare il
passo diametrale. (Unità: 0.00001 pollici--1;
campo di specifica: 0.01 .. 250.0 pollici--1)
P: Angolo d’elica dell’ingranaggio
(Unità: 0.0001 gradi, Campo di specifica: --90.0 ..
+90.0 gradi)

114
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Fasatura automatica per All’inizio della sincronizzazione EGB, vengono con-
l’accoppiamento elettro- trollate l’accelerazione/decelerazione e la fasatura.
nico (G81, G80) Con questa funzione è possibile cambiare il rap-
porto di sincronizzazione e attivare/disattivare la
sincronizzazione EGB senza fermare il mandrino.
D Accelerazione/ decelerazione
Velocità del
mandrino

Comando di inizio sincronizzazione


Comando di fine
sincronizzazione
4
Velocità
dell’asse
del pezzo

Stato di
Accelerazione sincronizzazione Decelerazione
D Accelerazione/ decelerazione più
fasatura automatica
Velocità del
mandrino

Comando di fine
Comando di inizio sincronizzazione sincronizzazione

Velocità
dell’asse
del pezzo

Fasatura Stato di
Accelerazione automatica sincroniz- Decelerazione
zazione

Funzione di oscillazione Questa funzione permette di muovere alternativa-


(G81.1) mente verso l’alto e verso il basso un asse durante
l’esecuzione di una contornatura.

Funzione di dentatura a La rotazione del pezzo (asse C) viene sincronizzata


creatore (G81.4, G80.4) con la rotazione del mandrino (asse creatore).

Mandrino
Creatore
Asse C

Materiale dell’ingranaggio

115
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


D Accelerazione/ decelerazione f
G81 T_ L_ R1 ; Inizio sincronizzazione
G80 R1 ; Fine sincronizzazione

T: Numero di denti (campo di validità: 1--1000)


L: Numero di filetti del creatore (campo di vali-
dità: da --21 a +21, escluso 0)
Se L è positivo, il senso di rotazione
dell’asse del pezzo è positivo (direzione +).
Se L è negativo, il senso di rotazione
dell’asse del pezzo è negativo (direzione --).

D Accelerazione/ decelerazione
più fasatura automatica
G81 T_ L_ R2 ; Inizio sincronizzazione
G80 R2; Fine sincronizzazione
T: Numero di denti (campo di validità: 1--1000)
L: Numero di filetti del creatore (campo di vali-
dità: da --21 a +21, escluso 0)
Se L è positivo, il senso di rotazione
dell’asse del pezzo è positivo (direzione +).
Se L è negativo, il senso di rotazione
dell’asse del pezzo è negativo (direzione --).

G81.1 Z__ Q__ R__ F__ ; f


G80; Cancella la funzione di oscillazione
Z: Punto morto superiore
(Per un asse diverso dall’asse Z specificare il
corrispondente indirizzo asse.)
Q: Distanza fra il punto morto superiore e il punto
morto inferiore (Specificare questa distanza con
un valore incrementale, rispetto al punto morto
superiore.)
R: Distanza fra il punto morto superiore e il punto R
(Specificare questa distanza con un valore incre-
mentale, rispetto al punto morto superiore.)
F: Velocità di avanzamento durante l’oscillazione

G81.4 R_ L_ Q_ P_ ; f
G80.4 ; Cancella la sincronizzazione fra l’asse
utensile e l’asse C.
R: Numero di denti (Campo di specifica: 1 .. 500)
L: Numero di filetti del creatore (Campo di speci-
fica: 1 .. 30 con segno)
D Il segno di L specifica il senso di
rotazione dell’asse C.
D Se L è positivo, la rotazione dell’asse C
è positiva (+).
D Se L è negativo, la rotazione dell’asse C
è negativa (--).
Q: Modulo o passo diametrale
Per la programmazione in millimetri, specificare
il modulo.(Unità: 0.00001 mm; campo di speci-
fica: 0.01 .. 25.0 mm)
Per la programmazione in pollici, specificare il
passo diametrale.(Unità: 0.00001 pollici--1;
campo di specifica: 0.01 .. 250.0 pollici--1)
P: Angolo d’elica dell’ingranaggio
(Unità: 0.0001 gradi, Campo di specifica: --90.0
.. +90.0 gradi)

P e Q sono obbligatori per la lavorazione di un ingra-


naggio elicoidale.
(Supplemento) La funzione di dentatura a creatore
sulla Serie M viene comandata con
G81.

116
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Doppio accoppiamento Un comando di attivazione dell’accoppiamento elet-
elettronico (G81.5, tronico (EGB) può specificare un asse slave. La sin-
G80.5) cronizzazione EGB può essere applicata a due cop-
pie di assi.

(Esempio)

Asse master Trasduttore 4

CNC

Servocontrollo
Asse C dell’asse slave
(servo) 1 della sincro-
nizzazione EGB

Servocontrollo
AsseV dell’asse slave
(servo) 2 della sincro-
nizzazione EGB

Comando
assoluto/incrementale (Esempio)
(G90/G91)
60

30

50 100

Comando assoluto G90X100Y60;


Comando incrementale G91X50Y30;

Cambiamento del
sistema di coordinate IP
del pezzo
Specifica della velocita
massima del mandrino
(G92)

117
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


f
Tt βj
G81.5 ;
Pp β0 Ll
Movimento asse master Movimento asse slave
Specificare il movimento dell’asse master in uno dei
seguenti modi.
1. Velocità dell’asse master
T t : Velocità dell’ asse master (1 ≤ t ≤ 1000)
2. Numero di impulsi dell’asse master
P p : Numero di impulsi dell’asse master
(1 ≤ p ≤ 999999999)
Specificare il numero di impulsi sotto
la condizione che quattro impulsi
corrispondano ad un periodo delle fasi A e B.
Specificare il movimento dell’asse slave in uno dei
seguenti modi.
1. Movimento dell’asse slave
βj β : Indirizzo dell’asse slave
j : Movimento dell’asse slave indicato in
unità corrispondenti all’incremento
minimo di movimento
(Si applica il campo di validità del
normale movimento asse)
Se j = 0, il comando è visto come
un comando di velocità dell’asse
slave, descritto sotto.
In questo caso, se L non è
specificato, viene indicato un allarme.
2. Velocità dell’asse slave
β 0 Ll β : Indirizzo dell’asse slave
l : Velocità dell’asse slave
(1 ≤ l ≤ 21)

G80.5 β0 ; Fine della sincronizzazione


β : Indirizzo dell’asse slave
Nota) L’inizio e la fine della sincronizzazione non
possono essere specificati per due assi
slave con un comando unico.

G90_; Comando assoluto f f


G91_; Comando incrementale
G90_G91_; Cambio del sistema di coordinate pezzo
Note) Con la Serie T questi comandi sono applica-
bili con i sistemi B/C di codici G.
Con il sistema A di codici G, la distinzione fra
comando assoluto e incrementale si effettua
mediante gli indirizzi, come segue:
X_ Z_ C_ : Comando assoluto
U_ W_ H_ : Comando incrementale

G92 IP _ ; Cambiamento del sistema di coordinate f


del pezzo

G92 S_ ; Controllo della velocità di taglio costante


Specifica della velocita massima del
mandrino

118
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Preset del sistema di Questa funzione presetta un sistema di coordinate
coordinate del pezzo del pezzo traslato con un intervento manuale rispetto
(G92.1) al precedente sistema di coordinate. Il nuovo sistema
(G50.3 (Serie T)) di coordinate del pezzo è spostato rispetto allo zero
macchina da un offset dello zero pezzo.

Avanzamento al minuto
Distanza Distanza 4
Avanzamento al giro percorsa percorsa
(G94, G95 (Series M)) F F
al minuto al giro
(G98, G99 (Series T))

Avanzamento al minuto Avanzamento al giro


(G94 (Series M)) (G95 (Series M))
(G98 (Series T)) (G99 (Series T))
Controllo della velocità Velocità di taglio (m/min o
di taglio costante piedi/min)
(G96, G97)

Velocità
mandrino
N (min--1)

Controllo della velocità


di taglio costante X
(G96, G97)

Z(X=0)

Ritorno al punto iniziale/ G98


ritorno al punto R Punto iniziale
(G98, G99)
G99
Punto R

Punto Z

119
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G92.1 IP 0; f f

IP ; Specifica gli indirizzi degli assi soggetti


all’operazione di preset del sistema di
coordinate del pezzo. Il comando non ha
effetto per gli assi non specificati.
(Supplemento) Per la Serie T, con il sistema A di
codici G specificare G50.3

G94 F_ ; (Serie M) Avanzamento al minuto f f


G95 F_ ; (Serie M) Avanzamento al giro
G98 F_ ; (Serie T) Avanzamento al minuto
G99 F_ ; (Serie T) Avanzamento al giro
Nota) Per la Serie T, con i sistemi B/C di codici G
specificare G94/G95

G96 Ss ; f
G97 ; Cancellazione della velocità di taglio costante
s: Velocità di taglio (m/min o piedi/min)

G96 Ss Pα ; f
G97 ; Cancellazione della velocità di taglio costante
P : Specifica dell’asse al quale si applica il controllo
della velocità di taglio costante.
α: 1 -- 8
(Asse X, Asse Y, Asse Z, quarto -- ottavo asse;
asse specificato nel PRM3770 con P0)
s: Velocità di taglio (m/min o piedi/min)

G98_ ; f f
G99_ ;
Nota) Con la Serie T questi comandi sono applicabili
quando è usato il sistema B/C dei codici G

120
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Funzione Spiegazione
Controllo dell’asse B Definendo un asse B indipendente dagli assi base
(G100, G101, G102, controllati (X, Z), l’asse B può essere controllato in
G103, G110) parallelo con i movimenti lungo gli assi X e Z.

Torretta Z
4

Pezzo

B
Controllo dell’avanza-
(Esempio)
mento
(G160, G161) r r r r Punto
finale
Punto ini-
ziale

121
4. FORMATO DI PROGRAMMAZIONE

Formato di programmazione Serie T Serie M


G101; Inizio registrazione primo programma. f
[Comando operazioni asse B]
G100; Fine registrazione programmi.
Similmente,
G102; Inizio registrazione secondo programma.
G103; Inizio registrazione terzo programma.
Programmando i movimenti dell’asse B tra i comandi
G101/G102/G103 ed il comando G100, è possibile
registrare tre programmi di controllo dell’asse B. Cia-
scun programma può essere eseguito specificando il
corrispondente codice M (PRM8251/8252/8253).
G110 [Comando di movimento];
Movimento singolo
Specifica ed esegue un movimento dell’asse B.

G161 Rr ; f
G160 ; Cancellazione
r: Avanzamento

122
5. MACROISTRUZIONI

5.1 Tipi di variabili


Tipo di variabile Numero variabile
Variabili locali #1 -- #33

Variabili comuni #100 -- #149


#500 -- #531

Con Variabili comuni addizionali (Nota 1) #100 -- #199


#500 -- #999

Variabili di sistema (Nota 2) #1000 -- #19988

NOTA1 Le variabili comuni possono diventare #100 -- #199 e #500 -- #999


.
NOTA2 I dettagli sono mostrati nella sez. 5.2.

5.2 Variabili di sistema


Numero
Contenuto Funzione Serie
variabile
#1000--#1015 Corrispondenti a UI000 -- UI015 Interfaccia T/M
<G054, G055> segnali
seg a in
ingresso
#1032 Ingressi da UI000 a UI015 unifi-
cati <G054, G055>
#1100--#1115 Corrispondenti a UO000 -- Interfaccia T/M
UO015 <F054, F055> segnali
seg a in
uscita
#1132 Ingressi da UO000 a UO015
unificati <F054, F055>
#1133 Ingressi da UO100 a UO131
unificati <F056 -- F059>
#2001--#2064 Correzione usura Correzione T
(Correttori N. 1--64) asse X
#2701--#2749 Correzione geometria
(Correttori N. 1--49)
#10001--#10099 Correzione usura
(Correttori N. 1--99)
#15001--#15099 Correzione geometria
(Correttori N. 1--99)
#2101--#2164 Correzione usura Correzione T
(Correttori N. 1--64) asse Z
#2801--#2849 Correzione geometria
(Correttori N. 1--49)
#11001--#11099 Correzione usura
(Correttori N. 1--99)
#16001--#16099 Correzione geometria
(Correttori N. 1--99)
#2201--#2264 Correzione usura Compensa- T
(Correttori N. 1--64) zione
o e raggio
agg o
utensile
#2901--#2964 Correzione geometria
(Correttori N. 1--64)
#12001--#12099 Correzione usura
(Correttori N. 1--99)
#17001--#17099 Correzione geometria
(Correttori N. 1--99)

123
5. MACROISTRUZIONI

Numero
Contenuto Funzione Serie
variabile
#2301--#2364 Correzione usura Posizione della T
(Correttori N. 1--64) punta immagi
immagi-
naria dell’uten-
#2301--#2364 Correzione geometria
sile
(Correttori N. 1--64)
#13001--#13099 Correzione usura
(Correttori N. 1--99)
#13001--#13099 Correzione geometria
(Correttori N. 1--99)
#2401--#2449 Correzione usura Correzione T
(Correttori N. 1--49) asse Y
#2451--#2499 Correzione geometria
(Correttori N. 1--49)
#14001--#14099 Correzione usura
(Correttori N. 1--99)
#19001--#19099 Correzione geometria
(Correttori N. 1--99)
#2001--#2200 Compensazione utensile Compensa- M
(Correttori N. 1--200) zione utensile
(memoria A
#10001--#10999 Compensazione utensile delle corre-
(Correttori N. 1--999) zioni)
#2001--#2200 Correzione usura Compensa- M
(Correttori N. 1--200) zione
o e utensile
ute s e
(
(memoria B
#2201--#2400 Correzione geometria
delle corre-
(Correttori N. 1--200)
zioni)
#10001--#10999 Correzione usura
(Correttori N. 1--999)
#11001--#11999 Correzione geometria
(Correttori N. 1--999)
#2001--#2200 Correzione usura per codice H Compensa- M
(Correttori N. 1--200) zione utensile
(
(memoria C
#2201--#2400 Correz. geometria per codice H
delle corre-
(Correttori N. 1--200)
zioni)
#10001--#10999 Correzione usura per codice H
(Correttori N. 1--999)
#11001--#11999 Correz. geometria per codice H
(Correttori N. 1--999)
#12001--#12999 Correzione usura per codice D
(Correttori N. 1--999)
#13001--#13999 Correz. geometria per codice D
(Correttori N. 1--999)
#3000 Allarme macro Allarme T/M
#3000=1(NOT FOUND) ;
→ Viene visualizzato
”3001 NOT FOUND”.
#3001 Clock 1 (unità: 1ms) Clock T/M
#3002 Clock 2 (unità: 1 ora)
#3003 Controllo del funzionamento Blocco singolo, T/M
automatico (1) attesa segnale
FIN
#3004 Controllo del funzionamento Feed hold, rego- T/M
automatico (2) lazione avanza-
mento, arresto
esatto
#3005 Dati di impostazione Impostazione T/M

124
5.2 Variabili di sistema

Numero
Contenuto Funzione Serie
variabile
#3006 Arresto con un messaggio T/M
(Esempio)
#3006 = 1 (messaggio);
La macchina si arresta dopo
l’esecuzione del blocco imme-
diatamente precedente. Il mes-
saggio è visualizzato sulla
pagina dei messaggi per l’ope-
ratore dall’esterno.
#3007 Controllo segnale dell’immagine Stato dell’im- T/M
speculare magine specu-
lare
5
#3011 Anno, mese, giorno Orodatario T/M
#3012 Ora, minuto, secondo
#3901 Numero dei pezzi lavorati Numero di T/M
#3902 Numero dei pezzi richiesti pezzi

#4001--#4022 Codici G (gruppi 01--22) Dati modali T/M


#4102 Codice B (solo M)
#4107 Codice D (solo M)
#4109 Codice F
#4111 Codice H (solo M)
#4113 Codice M
#4114 Numero sequenza
#4115 Numero programma
#4119 Codice S
#4120 Codice T
#4130 Codice P (Numero del sistema
di coordinate pezzo addizio-
nale)
(solo M)
#5001--#5008 Posizione finale del blocco Posizione T/M
(dal primo all’ottavo asse) finale del
blocco (Coordi-
nate pezzo)
#5021--#5028 Posizione corrente Coordinate T/M
(dal primo all’ottavo asse) macchina

#5041--#5048 Posizione corrente Coordinate T/M


(dal primo all’ottavo asse) pezzo

#5061--#5068 Posizione del segnale di salto Skip signal T/M


(dal primo all’ottavo asse) position
(Workpiece
coordinate)
#5081--#5088 Correzione utensile Correzione T/M
(dal primo all’ottavo asse) utensile

#5101--#5108 Errore di posizione del servosi- Errore di T/M


stema posizione del
(dal primo all’ottavo asse) servosistema
#2500 Offset esterno dello zero pezzo Primo asse M
#2600 Secondo asse
#2700 Terzo asse
#2800 Quarto asse

125
5. MACROISTRUZIONI

Numero
Contenuto Funzione Serie
variabile
#2501 Offset dello zero pezzo (G54) Primo asse M
#2601 Secondo asse
#2701 Terzo asse
#2801 Quarto asse
#2502 Offset dello zero pezzo (G55) Primo asse M
#2602 Secondo asse
#2702 Terzo asse
#2802 Quarto asse
#2503 Offset dello zero pezzo (G56) Primo asse M
#2603 Secondo asse
#2703 Terzo asse
#2803 Quarto asse
#2504 Offset dello zero pezzo (G57) Primo asse M
#2604 Secondo asse
#2704 Terzo asse
#2804 Quarto asse
#2505 Offset dello zero pezzo (G58) Primo asse M
#2605 Secondo asse
#2705 Terzo asse
#2805 Quarto asse
#2506 Offset dello zero pezzo (G59) Primo asse M
#2606 Secondo asse
#2706 Terzo asse
#2806 Quarto asse
#5201--#5208 Offset esterno dello zero pezzo dal primo T/M
all’ottavo asse

#5221--#5228 Offset dello zero pezzo (G54) dal primo T/M


all’ottavo asse

#5241--#5248 Offset dello zero pezzo (G55) dal primo T/M


all’ottavo asse

#5261--#5268 Offset dello zero pezzo (G56) dal primo T/M


all’ottavo asse

#5281--#5288 Offset dello zero pezzo (G57) dal primo T/M


all’ottavo asse

#5301--#5308 Offset dello zero pezzo (G58) dal primo T/M


all’ottavo asse

#5321--#5328 Offset dello zero pezzo (G59) dal primo T/M


all’ottavo asse

#7001--#7008 Offset dello zero pezzo dal primo M


(G54.1 P1) all’ottavo asse

#7021--#7028 Offset dello zero pezzo dal primo M


(G54.1 P2) all’ottavo asse

: :
#7941--#7948 Offset dello zero pezzo dal primo M
(G54.1 P48) all’ottavo asse

#14001--#14008 Offset dello zero pezzo dal primo M


(G54.1 P1) all’ottavo asse

#14021--#14028 Offset dello zero pezzo dal primo M


(G54.1 P2) all’ottavo asse

: :
#19981--#19988 Offset dello zero pezzo dal primo M
(G54.1 P48) all’ottavo asse

126
5.3 Assegnazione degli argomenti

5.3 Assegnazione degli argomenti I/II

Tabella di corrispondenza fra gli indi- Tabella di corrispondenza fra gli indi-
rizzi e le variabili macro per l’assegna- rizzi e le variabili macro per l’assegna-
zione degli argomenti di tipo I zione degli argomenti di tipo II

Indirizzi asse- Indirizzi asse-


Variabili Variabili
gnazione gnazione
macro macro
argomenti I argomenti II
A #1 A #1

B #2 B #2

C #3 C #3 5
D #7 I1 #4

E #8 J1 #5

F #9 K1 #6

H #11 I2 #7

I #4 J2 #8

J #5 K2 #9

K #6 I3 #10

M #13 J3 #11

Q #17 K3 #12

R #18 I4 #13

S #19 J4 #14

T #20 K4 #15

U #21 I5 #16

V #22 J5 #17

W #23 K5 #18

X #24 I6 #19

Y #25 J6 #20

Z #26 K6 #21

I7 #22

J7 #23

K7 #24

I8 #25

J8 #26

K8 #27

I9 #28

J9 #29

K9 #30

I10 #31

J10 #32

K10 #33

127
5. MACROISTRUZIONI

D Formato
G65 deve essere specificato prima di ogni argomento.
D Uso contemporaneo delle specifiche argomenti I e II
Il CNC identifica internamente la specifica argomenti I e la specifica
argomenti II. Se vengono usate entrambe contemporaneamente, il tipo
di specifica usato per ultimo ha la precedenza.

Esempio
G65 A1.0 B2.0 I--3.0 I4.0 D5.0 P1000;

<Variabili>
#1:1.0
#2:2.0
#3:
#4:--3.0
#5:
#6:
#7:4.0 5.0
Se, come in questo esempio, sono specificati ambedue gli
argomenti I4.0 e D5.0, corrispondenti alla variabile #7, è valido
il secondo, D5.0.

128
5.4 Comandi aritmetici

5.4 Comandi aritmetici

Funzione Formato Contenuto


Definizione e #i=#j Definizione, sostituzione
sostituzione di
variabili

Operazioni additive #i=#j+#k Somma

#i=#j -- #k Sottrazione

#i=#jOR#k Somma logica


(bit a bit per 32 bit)

#i=#jXOR#k OR esclusivo 5
(bit a bit per 32 bit)

Operazioni #i=#j*#k Prodotto


moltiplicative
#i=#j/#k Quoziente

#i=#jAND#k Prodotto logico


(bit a bit per 32 bit)

Funzioni #i=SIN [#j] Seno (unità in gradi)

#i=ASIN [#j] Arcoseno (unità in gradi)

#i=COS [#j] Coseno (unità in gradi)

#i=ACOS [#j] Arcocoseno (unità in gradi)

#i=TAN [#j] Tangente (unità in gradi)

#i=ATAN [#j]/[#k] Arcotangente (unità in gradi)

#i=SQRT [#j] Radice quadrata

#i=ABS [#j] Valore assoluto

#i=BIN [#j] Conversione da BCD a BIN

#i=BCD [#j] Conversione da BIN a BCD

#i=ROUND [#j] Arrotondamento

#i=FIX [#j] Arrotondamento per difetto

#i=FUP [#j] Arrotondamento per eccesso

#i=LN [#j] Logaritmo naturale

#i=EXP [#j] Funzione esponenziale

Combinazione delle -- Le operazioni e le funzioni di cui


operazioni aritmetiche sopra possono essere combinate.
L’ordine di priorità delle opera-
zioni è funzione, operazione mol-
tiplicativa, operazione additiva.

129
5. CUSTOM MACRO

5.5 Comandi di controllo

Funzione Formato Condizione


Salto condizionato IF [<espressione condizionale>] #j EQ #k (=)
GOTO n
Se l’espressione condizionale è #j NE #k (≠)
soddisfatta viene eseguito un
soddisfatta,
salto al numero di sequenza indi- #j GT #k (>)
cato.
#j LT #k (<)
Esecuzione condizionata IF [<espressione condizionale>]
THEN st
#j GE #k (≧)
Se l’espressione
l espressione condizionale è
soddisfatta, viene eseguita la frase #j LE #k (≦)
macro “st”.
Ripetizioni WHILE [<espressione condizio- #j EQ #k (=)
nale>] DO m
(m = 1, 2, 3) #j NE #k (≠)

Note)) Se l’espressione
p condizio- #j GT #k (>)
nale
l viene
i omessa, i bloc-
bl
#j LT #k (<)
chi da DO m a END m sono
eseguiti all’infinito. #j GE #k (≧)

#j LE #k (≦)

130
5.6 Macro Call

5.6 Richiamo delle macro

N. pro- N. para-
Nome Formato Note
gramma metro

Richiamo G65P (numero pro- Vedere la sez.


semplice gramma) 5.3, per l’asse-
L (numero ripetizioni) gnazione degli
<asseganzione argomenti>; argomenti.

Richiamo G66P (numero pro-


modale gramma)
L (numero ripetizioni)
<asseganzione argomenti>;
5
Richiamo Gxx da da Vedere la sez.
di macro <asseganzione argomenti>; 9010 6050 5.3, per l’asse-
tramite a a gnazione degli
codici G Max. 10 codici G 9019 6059 argomenti.
da G01 a G64 e
da G68 a G9999 La relazione tra i
codici G/M e le
Richiamo Mxx da da macro richia-
di macro <asseganzione argomenti>; 9020 6080 mate si specifica
p
tramite a a mediante
di t para-
codici M Max. 10 codici M 9029 6089 metri.
da M006 a M99999999

Richiamo Mxx ; da da E’ visualizzato


di sotto- Max. 9 codici M 9001 6071 per il controllo
programmi da M006 a M99999999 a a del programma,
tramite 9009 6079 ma i codici MF
codici M ed M non sono
emessi.
La relazione tra i
codici M ed i sot-
toprogrammi
richiamati si spe-
cifica mediante
parametri.

Richiamo Tt ; P9000 6001#5 Richiama il sot-


di sotto- (Sotto- (TCS) toprogramma
programmi pro- P9000. Il codice
tramite gramma) T (t) viene
codici T memorizzato
come argomento
nella variabile
#149.

Richiamo Programma principale Possono coesi-


multiplo stere fino a cin-
O. O. O. que livelli (da 0 a
G65P. G65P. G65P.
4, dove il livello
DDD M99
0 corrisponde al
M99 M99
programma prin-
cipale ed i livelli
Macro Macro 1--4 possono
(livello 0) (livello 1) (livello 4) derivare da
richiami semplici
o da richiami
modali). Ciascun
livello dispone di
proprie variabili
locali.

131
5. CUSTOM MACRO

5.7 Macroistruzioni di tipo interrupt

Nome Formato/Funzione Altro


Macro- M96 Pxxxx ; Macroistruzione di tipo interrupt Segnale di
istru- abilitata interrupt UINT
zioni di <G053#3>
M97 ; Macroistruzione di tipo interrupt
tipo
disabilitata. Parametro
interrupt
correlato
M96 Pxxxx ; PRM6003#3 (TSE)

Segnale di interrupt
(UINT) abilitato O xxxx ;

M99 (Pffff) ;
Nffff ;

M97 ;
Segnale di interrupt (UINT) disabilitato

Ignorato

Quando in un programma viene specificato


M96Pxxxx, l’esecuzione del programma può
essere interrotta dall’immissione del segnale
UINT, allo scopo di eseguire il programma spe-
cificato da Pxxxx.

132
5.9 Campi dei comandi

5.8 Comandi esterni di emissione

Nome Formato Descrizione


Comando POPEN Questo comando istituisce un colle-
di apertura gamento con l’unità esterna di I/O.
Specificare il comando prima dell’ese-
cuzione dei comandi di emissione.

Comando BPRNT [ a #b [c] a1 #b1 Con questo comando vengono


di emis- [c1] ... ] emessi caratteri e valori di variabili
sione dei a: Stringa di caratteri all’unità esterna di I/O (in formato
dati (bina- b: Variabile binario).
rio) c: Numero di cifre deci-
mali significative di 5
una variabile.

Comando DPRNT [ a #b [cd] a1 Con questo comando vengono


di emis- #b1 [c1 d1] ... ] emessi caratteri e valori di variabili
sione dei a: Stringa di caratteri all’unità esterna di I/O, (in accordo
dati b: Variabile con il codice settato in impostazione
(ISO/EIA) c: Numero di cifre intere (ISO/EIA)).
significative di una Parametro correlato : PRM6001#1(PRT)
variabile.
d: Numero di cifre deci-
mali significative di
una variabile.

Comando PCLOS Questo comando rilascia il collega-


di chiusura mento con l’unità esterna di I/O.
Va specificato dopo che tutti i
comandi di emissione sono stati ese-
guiti.

5.9 Campi dei comandi

Voce Contenuto
Variabili Variabili locali: #1--#33
Variabili comuni: #100--#149, #500--#531
Variabili comuni addizionali: #100--#199, #500--#999
Variabili di sistema: #1000--#19988

Valore delle variabili Valore massimo 1047


Valore minimo 10--29

Costanti nelle Valore massimo 99999999


espressioni
Valore minimo 0.0000001
Punto decimale ammesso

Precisione aritmetica 8 cifre decimali

Richiami macro Max. 4


annidati

Numero di ripetizioni da 1 a 3

Annidamento Max. 5 livelli

Annidamento di Max. 4 livelli (8 livelli incluse le macro)


sottoprogrammi

133
6. HARDWARE

6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted


6.1.1 Sommario dei componenti hardware
(1) Serie 16i/160is

Scheda per le comunicazioni seriali Scheda madre


Buffer remoto/DNC1/DNC2
CPU del CNC
Scheda CPU ausiliaria ⋅ Alimentatore
⋅ Controllo di 2 -- 8 assi
CPU ausiliaria per 2 canali ⋅ Controllo mandrino
⋅ Controllo di 2 -- 8 assi ⋅ Interfaccia LCD/MDI
⋅ Interfaccia mandrino ⋅ I/O Link
⋅ Uscita analogica ⋅ PMC--SB7
⋅ Uscita analogica (opzione)
Scheda C ⋅ DI ad alta velocità
⋅ RS--232C × 2
Funzioni C per il PMC ⋅ Interfaccia per memory card
⋅ Ethernet 6
Scheda Symbol CAPi T (solo serie T)

Funzione conversazionale grafica

Scheda RISC (solo serie M)


Contornatura ad alta precisione Sistema base

Scheda Data server


Funzione Data server

Scheda controllo caricatore


Funzione controllo caricatore
controllo di 2 assi/4 assi

Scheda I/O Link--II Opzioni


Interfaccia I/O Link--II

Scheda interfaccia HSSB


Interfaccia seriale ad alta velocità
Senza slot, o
con 2 slot, o
Scheda Ethernet con 3 slot, o
Interfaccia Ethernet con 4 slot

Scheda interfaccia DeviceNet


Interfaccia DeviceNet

Scheda PROFIBUS
Funzione PROFIBUS

Su un’unità con slot opzionali, possono essere montate tante schede opzionali quanti sono gli
slot opzionali. Tuttavia, alcuni slot opzionali accettano solo specifiche schede opzionali.

134
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

(2) Serie 18i/180is

Scheda per le comunicazioni seriali Scheda madre


Buffer remoto/DNC1/DNC2
CPU del CNC
⋅ Alimentatore
Scheda CPU ausiliaria ⋅ Controllo di 2 -- 6 assi
⋅ Controllo mandrino
CPU ausiliaria per 2 canali
⋅ Interfaccia LCD/MDI
⋅ Controllo di 2 -- 6 assi
⋅ I/O Link
⋅ Interfaccia mandrino
⋅ Uscita analogica ⋅ PMC--SB7
⋅ Uscita analogica (opzione)
⋅ DI ad alta velocità
Scheda C ⋅ RS--232C x 2
⋅ Interfaccia per memory card
Funzioni C per il PMC ⋅ Ethernet

Scheda Symbol CAPi T (solo serie T)

Funzione conversazionale grafica

Scheda RISC (solo serie M) 6


Contornatura ad alta precisione
Sistema base

Scheda Data server


Funzione Data server

Scheda controllo caricatore


Funzione controllo caricatore
controllo di 2 assi/4 assi

Scheda I/O Link--II


Interfaccia I/O Link--II Opzioni

Scheda interfaccia HSSB


Interfaccia seriale ad alta velocità

Scheda Ethernet
Senza slot, o
Interfaccia Ethernet con 2 slot, o
con 3 slot, o
Scheda interfaccia DeviceNet con 4 slot

Interfaccia DeviceNet

Scheda PROFIBUS
Funzione PROFIBUS

Su un’unità con slot opzionali, possono essere montate tante schede opzionali quanti sono gli
slot opzionali. Tuttavia, alcuni slot opzionali accettano solo specifiche schede opzionali.

135
6. HARDWARE

(3) Serie 21i/210is

Scheda madre

CPU del CNC


⋅ Alimentatore
⋅ Controllo di 2 -- 4 assi
⋅ Interfaccia mandrino
⋅ Interfaccia LCD/MDI
⋅ I/O Link
⋅ PMC--SA1/SB7
⋅ Uscita analogica (opzione)
⋅ DI ad alta velocità
⋅ RS--232C × 2
Scheda per le comunicazioni seriali
⋅ Interfaccia per memory card
Buffer remoto/DNC1/DNC2 ⋅ Ethernet (opzione)

PMC Scheda C
Funzioni C per il PMC

Scheda Symbol CAPi T


Funzione conversazionale grafica
(solo 21i--T) Sistema base

Scheda controllo caricatore


Funzione controllo caricatore
controllo di 2 assi/4 assi

Scheda I/O Link--II


Interfaccia I/O Link--II

Scheda interfaccia HSSB


Opzioni
Interfaccia seriale ad alta velocità

Scheda Ethernet
Interfaccia Ethernet
Unità senza slot op-
zionali o unità con
Scheda interfaccia DeviceNet due slot opzionali
Interfaccia DeviceNet

Scheda PROFIBUS
Funzione PROFIBUS

Su un’unità con slot opzionali, possono essere montate tante schede opzionali quanti sono gli
slot opzionali. Tuttavia, alcuni slot opzionali accettano solo specifiche schede opzionali.

136
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

6.1.2 Schemi generali di connessione

Comuni a 16i/18i/21i/160is/180is/210is

Scheda madre
Unità LCD

24V--IN(CP1A)
Alimentazione 24 VCC

Cavo tasti software Unità MDI


CK2

MDI(CA55) CK1

R232(JD36A) Unità I/O RS--232C

R232(JD36B) Unità I/O RS--232C


{
Touch panel
Uscita analogica per azionamento mandrino
A--OUT&HDI(JA40)
Ingresso salto ad alta velocità

6
Generatore manuale di im-
I/O distribuito
pulsi
24VCC CPD1 JA3

I/O Link(JD44A) JD1B Pannello


operatore
JD1A

24VCC CPD1 I/O distribuito


JD1B Armadio
UNITA’ I/O elettrico
JD1A Unità I/O, ecc.

Encoder per
SPDL&POS(JA41) mandrino analogico
Interruttore
200VCA
Reattore CA 200VCA
MCC Interruttore
CX1A TB2 CX3
PSM CX4
CX1B TB1 JX1B
Encoder

CX1A TB1 CX2A JX1A


JA7B JY2
SPM TB2
JA7A TB1 CX2B JX1B

Al secondo mandrino Motore mandrino seriale

TB1 CX2A JX1A


FSSB(COP10A--1) COP10B TB2 Servomotore
SVM asse 1
COP10A JF1
TB1 CX2B JX1B

COP10B Servomotore
FSSB(COP10A--2) SVM asse 2
COP10A

COP10B Servomotore
SVM
asse 3
COP10A

COP10B Servomotore
SVM asse 4
COP10A

Fino a 4 -- 8 assi, a seconda del modello


(qui sono usati azionamenti per 1 asse.)
Prima unità di interfaccia per trasduttori separati
24VCC CP11A JF101 Scala lineare, asse 1
JF102 Scala lineare, asse 2
COP10B JF103 Scala lineare, asse 3
COP10A JF104 Scala lineare, asse 4

CNF1 JA4A Batteria per la scala assoluta


(Richiesta solo se si usa una scala assoluta)
Seconda unità di interfaccia per trasduttori separati (non usabile su 21i/210is)
CP11A JF101 Scala lineare, asse 1
JF102 Scala lineare, asse 2
JF103 Scala lineare, asse 3
JF104 Scala lineare, asse 4

ETHERNET(CD38A) Ethernet
SV--CHK(CA69) Scheda verifica assi

137
6. HARDWARE

Quando sono fornite schede opzionali


Scheda comunicazioni se-

Slot opzionale
riali
Scheda buffer remoto
Scheda DNC1
Scheda DNC2

R232-3(JD28A) Unità I/O RS--232C


(quando si usano la scheda buffer remoto o la scheda DNC2)

R422-1(JD6A) RS--422 I/O unit


(quando si usano la scheda buffer remoto o la scheda DNC1)

Scheda CPU ausiliaria


(non usabile su
21i/210i)

A-OUT(JA40) Uscita analogica per azionamento mandrino

Encoder
SPDL&POS(JA41) {

PSM Encoder

Motore mandrino
SPM

Scheda assi Al secondo mandrino

FSSB Servomotore
(COP10A--1) COP10B
SVM subasse 1
FSSB COP10A
(COP10A--2)
Servomotore
COP10B
SVM subasse 2
COP10A

COP10B Servomotore
SVM subasse 3
COP10A

COP10B Servomotore
SVM subasse 4
COP10A

Fino a 6 o 8 assi a seconda del modello

SV-CHK(CA69) Scheda verifica assi

138
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

Quando sono fornite schede opzionali


Interruttore

Slot opzionale
Scheda controllo
200VCA
caricatore Reattore CA
200VCA
MCC Interruttore
CX1A TB2 CX3
PSM CX4
CX1B TB1 CX2B JX1B

TB2 CX2A JX1A


FSSB(COP10A) COP10B Servomotore
TB2
SVM asse 1 del ca-
COP10A JF1
ricatore
TB1 CX2B JX1B
Servomotore
COP10B
SVM asse 2 del ca-
COP10A ricatore

COP10B Servomotore
SVM asse 3 del ca-
COP10A ricatore

COP10B
SVM
Servomotore
asse 4 del
6
COP10A caricatore

(Qui sono usati azionamenti per 1 asse)

SV-CHK(CA69) Scheda verifica assi caricatore

Scheda I/O di-


stribuito
24VCC CPD1 JA3 Pannello
I/O Link(JD1A) JD1B operatore
per carica-
JD1A tore

24VCC CPD1 Scheda I/O di- Armadio


stribuito
JD1B elettrico
JD1A Unità I/O, ecc.

Scheda Data server

Scheda ATA L’utilizzatore deve avere a disposizione la scheda ATA.

10BASET(CD38) Ethernet

Scheda HSSB

(Quando mediante l’interfaccia HSSB


HSSB(COP7) PC o PANEL i sono connessi un PANEL i o un PC, il
nome del modello è 16i/18i/21i.)

Scheda I/O link II

(TB1) Ad altre unità

Scheda DeviceNet

(TB1) Ad altre unità

Scheda PROFIBUS
Adattatore
PROFIBUS

Master(JN1) JN2
CN1 Ad altre
unità

Adattatore
PROFIBUS

Slave(JN2) JN2
CN1 Ad altre
unità
Scheda Ethernet

10BASET(CD38) Ethernet

139
6. HARDWARE

Schema di connessione specifico per 160is/180is/210is.

Unità MDI
dedicata ai PC

MDI(CA55) CK1

Unità di
Backup(CA75) Backup

Ethernet(CD38S) lato PC Hub, ecc.

RS--232--C(JD48) lato PC Unità I/O


USB RS--232--C
USB
tastiera
stampante

140
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

6.1.3 Configurazione delle schede a circuiti stampati


e dei moduli
6.1.3.1 Scheda madre FS16i/18i/21i
D Specifiche

Nome Specifica
Serie 16i A20B--8100--0660

Serie 18i A20B--8100--0661

Serie 21i
A20B--8100--0662
(senza funzione Ethernet, PMC--SA1)

Serie 21i
A20B--8100--0663
(senza funzione Ethernet, PMC--SB7)
6
Serie 21i
A20B--8100--0664
(con funzione Ethernet, PMC--SA1)

Serie 21i
A20B--8100--0665
(con funzione Ethernet, PMC--SB7)

D Posizione di montaggio dei connettori


Unità di connessione

Ventilatore Ventilatore

Batteria

Retro dell’unità

COP10A--1 COP10A--2
(COP10A è un connettore installato sulla scheda assi)

CA69 JD36A JA40 JA41


CP1
CA55
CD38
CN2

JD36B JD44A

Scheda madre

CN3 CN8
JNA

CNM1A

Scheda madre

CA69 JD36A JA40 JA41


CP1
CA55
CD38
CN2

JD36B JD44A

141
6. HARDWARE

Numero connettore Applicazione


COP10A--1, COP10A--2 Azionamento asse (FSSB)

CA55 MDI

CA69 Verifica asse

JD36A Porta seriale RS--232C

JD36B Porta seriale RS--232C

JA40 Uscita analogica/DI ad alta velocità

JD44A I/O link

JA41 Mandrino seriale/encoder

CP1 24VCC--IN

JNA Interfaccia F--BUS

CN8 Interfaccia segnali video

CNM1A Interfaccia PCMCIA

CN2 Tasti software

CN3 Invertitore

CD38A Ethernet

D Posizione di montaggio delle schede e dell’alimentatore

Connettore Connettore
Connettore

(1) Scheda (2) Scheda controllo (3) Scheda CPU


controllo assi visualizzazione

Connettore

(4) Alimentatore

142
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

N. Nome Specifica Funzione Note


(1) Scheda A20B--3300--0033 Controllo di 2 assi Software assi
controllo applicabile: Serie
assi A20B--3300--0032 Controllo di 4 assi 9090 (21i)

A20B--3300--0243 Controllo di 2 assi Software assi


applicabile: Serie
A20B--3300--0242 Controllo di 4 assi 90B0
A20B--3300--0241 Controllo di 6 assi

A20B--3300--0240 Controllo di 8 assi

A20B--3300--0248 Controllo di 4 assi Software assi


applicabile: Serie
A20B--3300--0245 Controllo di 6 assi 90B0 (HRV ad
A20B--3300--0244 Controllo di 8 assi alta velocità)

A20B--3300--0246 Controllo assi con Software assi 6


apprendimento applicabile: Serie
90B3/90B7

A20B--3300--0247 Controllo assi con Software assi


apprendimento applicabile: Serie
90B3/90B7 (HRV
ad alta velocità)

A17B--3300--0500 Applicabile al Software assi


doppio controllo applicabile: 90B0
di sicurezza Software di
Controllo di 8 assi monitoraggio
applicabile: 90B9

(2) Scheda A20B--3300--0280 LCD a colori da Software grafico


controllo 10.4″ con fun- serie 60V6,
visualizza- zione grafica ed software di con-
zione Ethernet incorpo- trollo Ethernet
rato incorporato serie
656A
A20B--3300--0281 LCD a colori da
8.4″ con funzione
grafica ed Ether-
net incorporato

A20B--3300--0282 LCD monocroma-


tico da 9.5″ con
funzione grafica
ed Ethernet incor-
porato

A20B--3300--0283 LCD monocroma-


tico da 7.2″ con
funzione grafica
ed Ethernet incor-
porato

A20B--3300--0300 LCD monocroma- Software di con-


tico da 9.5″ con trollo Ethernet
Ethernet incorpo- incorporato serie
rato 656A

A20B--3300--0301 LCD monocroma-


tico da 7.2″ con
Ethernet incorpo-
rato

A20B--3300--0302 LCD monocroma-


tico da 9.5″

A20B--3300--0303 LCD monocroma-


tico da 7.2″

143
6. HARDWARE

N. Nome Specifica Funzione Note


(3) Scheda A20B--3300--0310 DRAM da 16MB
CPU per Serie 16i/18i

A20B--3300--0311 DRAM da 32MB


per Serie 16i/18i

A20B--3300--0291 DRAM da 16MB


per Serie 21i

A20B--3300--0290 DRAM da 32MB


per Serie 21i

A20B--3300--0312 DRAM da 16MB Per la Serie 21i


per Serie 21i con Eternet incor-
porato
A20B--3300--0313 DRAM da 32MB
per Serie 21i

(4) Alimenta- A20B--8100--0720


tore

D Posizione di montaggio dei moduli DIMM

Zoccolo modulo
DIMM

(1) Modulo (2) Modulo mandrino


FROM/SRAM analogico

Zoccolo modulo
DIMM

144
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

N. Nome Specifica Funzione Note


(1) Modulo A20B--3900--0160 FROM 16MB Nel modulo FROM
FROM/ SRAM 1MB sono registrati vari
SRAM tipi di software.
software
A20B--3900--0161 FROM 16MB La SRAM è un
SRAM 2MB memo
modulo di memo-
A20B--3900--0162 FROM 16MB ria alimentato con
SRAM 3MB una batteria

A20B--3900--0163 FROM 32MB


SRAM 1MB

A20B--3900--0164 FROM 32MB


SRAM 2MB

A20B--3900--0165 FROM 32MB


SRAM 3MB
6
A20B--3900--0180 FROM 16MB
SRAM 256kB

A20B--3900--0181 FROM 16MB


SRAM 512kB

A20B--3900--0182 FROM 32MB


SRAM 256kB

A20B--3900--0183 FROM 32MB


SRAM 512kB

(2) Modulo A20B--3900--0170 Encoder per man-


mandrino drino analogico
analogico

D Indicazioni dei LED

Retro dell’unità

(verde)
SRAMP

SVALM
SEMG

SFAIL
LINK

Allarme (rossi)

Connessione Ethernet
LEDG0

LEDG1

LEDG2

LEDG3

incorporato. Stato (verdi)


Si accende quando viene
stabilita la connessione.

145
6. HARDWARE

(1) Transizione di stato dei LED (verdi) all’accensione

N. LED di stato Stato


1 jjjj Spento.

2 JJJJ Stato iniziale immediatamente successivo all’accen-


sione; sta girando il boot system.

3 jJJJ E’ iniziata l’attivazione del sistema.

4 JjJJ In attesa della predisposizione dei processori presenti


nel sistema.

5 jjJJ Tutti i processori presenti nel sistema sono stati predi-


sposti.

6 JJjJ Bus FANUC inizializzato.

7 jJjJ PMC inizializzato.

8 JjjJ Le informazioni relative alla configurazione hardware di


tutte le schede del sistema sono state predisposte.

9 jjjJ Ladder del PMC inizializzato.

10 jJJj In attesa dell’inizializzazione dei servo digitali.

11 JJJj Servo digitali inizializzati.

12 Jjjj Inizializzazione completata, funzionamento normale.

J: On j: Off
(2) Indicazioni dei LED di allarme (rossi) quando si verifica un allarme.
Se si accende uno di questi LED è probabile che l’hardware sia guasto.

LED di Significato
allarme
SVALM Allarme degli assi.

SEMG Si accende quando si verifica un allarme di sistema.


L’hardware ha rilevato un allarme di sistema.

SFAIL Si accende quando si verifica un allarme di sistema.


Usato dal software per fermare il sistema. Si accende durante il
boot.
SRAMP Allarme parità RAM o ECC.

146
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

6.1.3.2 Scheda madre FS160is/180is/210is


D Specifiche

Voce Codice
Scheda madre Serie 160is A20B--8100--0790

Scheda madre Serie 180is A20B--8100--0791

Scheda madre Serie 210is (PMC--SA1) A20B--8100--0794

Scheda madre Serie 210is (PMC--SB7) A20B--8100--0795

D Posizioni di montaggio dei connettori

Unità di connessione

6
Ventilatore Ventilatore

Batteria

Retro dell’unità

COP10A--1 COP10A--2

(COP10A è un connettore installato sulla scheda assi.)

JD36A JA40 JA41


JD36B JD44A
JD48
CP1

CA69
CN2

CD38S CA55 CD38A CA75

Scheda madre

CN8
CN3
JNA

PCMCIA2

Scheda madre

TP1

JD36A JA40 JA41


JD48 JD36B JD44A
CP1

CA69
CN2 CA75

CD38S CA55 CD38A

147
6. HARDWARE

Numero connettore Uso


JD48 RS232C, USB lato PC

COP10A--1, COP10A--2 Motore asse (FSSB)

CA55 MDI

CA69 Verifica assi

JD36A Porta seriale RS232C

JD36B Porta seriale RS232C

JA40 Uscita analogica/DI ad alta velocità

JD44A I/O Link

JA41 Mandrino seriale/encoder

CP1 24VCC--IN

CD38A Ethernet(10BASE--T/100BASE--TX)

CD38S Ethernet(10BASE--T/100BASE--TX) lato PC

TP1 Touch panel

CA75 Unità di backup

JNA Interfaccia F--BUS

CN8 Interfaccia segnali video

PCMCIA2 Interfaccia PCMCIA

148
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

D Posizioni di montaggio delle schede


(1) (2) (3)
Scheda controllo assi Scheda CE Scheda CPU

Connettore Connettore Connettore

Modulo DIMM Modulo DIMM

Connettore
6

(4)
Alimentatore

N. Nome Codice Funzione Note


(1) Scheda controllo A20B--3300 Controllo di 2 assi Software assi
assi --0033 9090
(210is)
A20B--3300 Controllo di 4 assi
--0032

A20B--3300 Controllo di 2 assi Software assi


--0243 90B0

A20B--3300 Controllo di 4 assi


--0242

A20B--3300 Controllo di 6 assi


--0241

A20B--3300 Controllo di 8 assi


--0240

A20B--3300 Controllo di 4 assi Software assi


--0248 90B0
(HRV ad alta
A20B--3300 Controllo di 6 assi velocità)
--0245

A20B--3300 Controllo di 8 assi


--0244

A20B--3300 Controllo assi con Software assi


--0246 apprendimento 90B3/90B7

A20B--3300 Controllo assi con Software assi


--0247 apprendimento 90B3/90B7
(HRV ad alta
velocità)

A17B--3300 Applicabile al Software assi


--0500 doppio controllo 90B0
di sicurezza Software di
Controllo di 8 assi monitoraggio
serie 90B9

(2) Scheda Scheda A20B--3300 Per LCD a colori


CE CE 1 --0330 da 10.4″

Scheda A20B--3300 CPU Win CE


CE 2 --0320

149
6. HARDWARE

N. Nome Codice Funzione Note


(3) Scheda CPU A20B--3300 Per Serie 160is/
--0310 180is
DRAM da 16MB

A20B--3300 Per Serie 160is/


--0311 180is
DRAM da 32MB

A20B--3300 Per Serie 210is


--0291 DRAM da 16MB

A20B--3300 Per Serie 210is


--0290 DRAM da 32MB

A20B--3300 Per Serie 210is Quando la Serie


--0312 DRAM da 16MB 210is usa la fun-
zione Ethernet
A20B--3300 Per Serie 210is incorporata nel
--0313 DRAM da 32MB PC

(4) Alimentatore A20B--8100


--0720

NOTA Riferirsi alla sezione 6.1.3.3, “SCHEDA CE” per la configurazione


della scheda CE.

150
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

D Posizioni di montaggio dei moduli DIMM

(1) Modulo
FROM/SRAM Modulo DIMM (2) Modulo mandrino analogico

Connettore Connettore Connettore


Modulo DIMM

Connettore

6
Scheda madre

N. Nome Codice Funzione Note


(1) Modulo A20B--3900-- FROM 16MB La FROM con-
FROM/SRAM 0160 SRAM 1MB tiene vari tipi di
software di con
con-
A20B--3900-- FROM 16MB trollo.
0161 SRAM 2MB La SRAM è ali ali-
A20B--3900-- FROM 16MB mentata dalla
0162 SRAM 3MB batteria.

A20B--3900-- FROM 32MB


0163 SRAM 1MB

A20B--3900-- FROM 32MB


0164 SRAM 2MB

A20B--3900-- FROM 32MB


0165 SRAM 3MB

A20B--3900-- FROM 16MB


0180 SRAM 256kB

A20B--3900-- FROM 16MB


0181 SRAM 512kB

A20B--3900-- FROM 32MB


0182 SRAM 256kB

A20B--3900-- FROM 32MB


0183 SRAM 512kB

(2) Modulo mandrino A20B--3900-- Encoder per man-


analogico 0170 drino analogico

151
6. HARDWARE

D Indicazioni dei LED

Retro dell’unità

LED

LINK

Indica lo stato di con-


nessione dell’Ethernet
sul lato NC.
Questo LED è acceso
quando è stabilita una
connessione.
PC
POWER Stato (Verdi)
D2 Lampeggia durante la
trasmissione o la rice-
zione dei dati sull’Ether-
net del lato PC. SYSFAIL PARITY1

PARITY2 SVALM Allarmi (Rossi)


D3 Si accende quando
viene stabilita una
connessione nel
modo 100 Mb/s SYSEMG
sull’Ethernet del lato
PC.

LED8 LED4

LED7 LED3

Stato (Verdi)
* LED1 -- LED4 : stato lato NC
LED6 LED2 LED5 -- LED8 : stato lato PC

LED5 LED1

Vedere pagina successiva.

(1) Transizione dei LED di stato (verdi) all’accensione (stato lato NC:
LED verdi)
N. LED di stato Stato
1.2.3.4
1 jjjj Spento.
2 JJJJ Stato iniziale immediatamente successivo all’accen-
sione; sta girando il boot system.
3 jJJJ E’ iniziata l’attivazione del sistema.
4 JjJJ In attesa della predisposizione dei processori presenti
nel sistema.
5 jjJJ Tutti i processori presenti nel sistema sono stati predi-
sposti.
6 JJjJ Bus FANUC inizializzato.
7 jJjJ PMC inizializzato.
8 JjjJ Le informazioni relative alla configurazione hardware di
tutte le schede del sistema sono state predisposte.
9 jjjJ Ladder del PMC inizializzato.
10 jJJj In attesa dell’inizializzazione dei servo digitali.
11 JJJj Servo digitali inizializzati.
12 Jjjj Inizializzazione completata, funzionamento normale.

J: On j: Off

152
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

(2) Transizione dei LED di stato (verdi) all’accensione (stato lato PC:
LED verdi)
N. LED di stato Stato
(LED 5 -- 8)
5.6.7.8
1 jjjj Spento.

2 JJJJ Stato iniziale immediatamente dopo l’accensione.

3 JJJj Inizializzazione dell’interfaccia NC -- PC in corso.

4 JJjJ Attesa del boot del PC.

5 JJjj Lo schermo NC è visualizzato sul PC.

6 Jjjj Funzionamento normale.

J: On j: Off 6
(3) Indicazioni dei LED di allarme (rossi) quando si verifica un allarme.
Se si accende uno di questi LED è probabile che l’hardware sia guasto.

LED di allarme Significato


SVALM Allarme degli assi

SYSEMG Si accende quando si verifica un allarme di sistema.


L’hardware ha rilevato un allarme di sistema.

SYSFAIL Si accende quando si verifica un allarme di sistema. Usato


dal software per fermare il sistema. Si accende durante il
boot.

PARITY1 Allarme di parità SRAM

PARITY2 Errore di parità nella RAM comune NC/PC

(4) Indicazione dei LED di stato (rossi) nel caso di un errore (stato lato PC:
LED verdi)
LED di stato Stato
(LED 5 -- 8)
5.6.7.8
jJjj Errore di parità nella RAM comune NC/PC

J: On j: Off
(5) Il led verde PC POWER si accende quando la scheda CE riceve
corrente (anche durante le operazioni di backup).
D Impostazione del selettore rotativo
Per il tipo LCD--mounted, la sequenza di avvio all’accensione può essere
modificata mediante il selettore rotativo montato sulla scheda madre.

Impostazione Significato
del selettore
rotativo
0 Impostazione per la manutenzione. Compare il menu di
avvio. Boot e IPL possono essere avviati dal PC.

1 Setting for usual operation.


Il menu di avvio non compare.
Boot e IPL non possono essere avviati dal PC.

2 Impostazione per la manutenzione.


Normalmente questa posizione non è utilizzata.

7 Impostazione per la manutenzione.


Il menu di avvio è visualizzato quando sono premuti i
tasti MDI <6> e <7>.
Boot e IPL possono essere avviati dal PC.

153
6. HARDWARE

Posizione di montaggio del selettore rotativo (CNC tipo LCD--mounted)

Retro dell’unità

Selettore rotativo

D Tappi di corto

Scheda madre

TMIL1 (corto)
Inserire sempre questi tappi di corto.
RISERVATO (aperto)
Questi tappi di corto devono essere rimossi.
(Su alcune schede i pin per questi tappi di corto
non sono montati.)

6.1.3.3 Scheda CE
La scheda CE ha una configurazione diversa da quella delle altre schede a
circuiti stampati.
Le schede CE 1 e 2 sono unite tra loro e includono la compact flash card.
D Configurazione della scheda CE

Scheda CE 1 Scheda CE 2 Distanziatore


Compact flash card

Connettore

Scheda CE Compact flash card Scheda CE Scheda CE


Lato scheda CE 1 Vista laterale Lato scheda CE 2

154
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

Voce Codice Note


Scheda CE 1 A20B--3300--0330 LCD da 10.4″

Scheda CE 2 A20B--3300--0320

Compact flash card A87L--0001--0173#032MBA 32MB

A87L--0001--0173#048MBA 48MB

A87L--0001--0173#064MB 64MB

A87L--0001--0173#096MB 96MB

Distanziatore A98L--0005--0208

6.1.3.4 Scheda invertitore e unità di connesione


Nome Specifica
6
Scheda Per LCD monocromatico A20B--8100--0710
invertitore
Per LCD a colori da 10.4″ A20B--8001--0920

Per LCD a colori da 8.4″ A20B--8001--0922

Unità di Per unità senza slot opzionali A15L--0001--0060#B


connes
connes-
sione Per unità con due slot opzionali A15L--0001--0060#A

Per unità con tre o quattro slot opzionali A15L--0001--0060#C

NOTE L’unità di connessione è fissata alla scatola mediante viti autofilettanti.

D Posizione di montaggio dei connettori


(1) Con 2 o 3 slot
Unità di connessione

Ventilatore Ventilatore

Retro dell’unità

(2) Con 2 slot

Unità di connessione

Ventilatore Ventilatore

Retro dell’unità

(3) Senza slot

Unità di connessione

Ventilatore Ventilatore

Batteria

Retro dell’unità

155
6. HARDWARE

D Posizione dei connettori (scheda a circuiti stampati)


(1) Scheda invertitore

(2) Unità di connessione per il tipo senza slot

(3) Unità di connessione per il tipo con 2 slot

(4) Unità di connessione per i tipi con 3 o 4 slot

Numero connettore Applicazione


CN39A Alimentazione dei ventilatori

CN39B

CN39C

CN39D

CP8 Batteria

CP1 Alimentazione della luce posteriore


dell’LCD

CN3 Alimentazione della scheda invertitore

156
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

6.1.3.5 Scheda linguaggio C, scheda per comunicazioni seriali,


scheda Symbol CAPi T e scheda PMC--SE
D Specifiche

Nome Specifiche
Scheda linguaggio C A20B--8100--0261

Scheda per comunicazioni seriali A Buffer remoto/DNC2 A20B--8100--0262

Scheda per comunicazioni seriali B DNC1 A20B--8100--0263

Scheda Symbol CAPi T A20B--8100--0264

Scheda PMC--SE A20B--8100--0150

NOTE La scheda PMC--SE non può essere alloggiata nei seguenti slot.
6
· Slot centrale di un’unità con tre slot opzionali
· Slot opzionale più lontano dall’LCD in un’unità con quattro slot
opzionali
D Posizione dei connettori
(1) Scheda PMC--SE

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

CP8B

JD1A2 JD38B JD38A JD6A

(2) Scheda linguaggio C

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

157
6. HARDWARE

(3) Scheda per comunicazioni seriali A buffer remoto/DNC2

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

JD28A JD6A

(4) Scheda per comunicazioni seriali B/DNC1

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

JD28A JD6A

(5) Scheda CAP--II /Scheda Symbol CAPi T

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

CP8B

Numero connettore Applicazione


JD1A2 I/O link

JD38B Porta seriale RS--232C

JD38A Porta seriale RS--232C

JD28A Porta seriale RS--232C

JD6A Porta seriale RS--422

CP8B Batteria della SRAM


(Normalmente il connettore non è utilizzato. Per con-
servare il contenuto della SRAM quando la scheda è
rimossa, collegare la batteria a questo connettore.)

158
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

D Posizione delle schede e dei moduli DIMM

Scheda PMC--SE

(1) (2)
Scheda CPU Modulo DRAM

Connettore
Zoccolo modulo DIMM

Nota) Il modulo DRAM è montato sulla scheda CPU.

Scheda linguaggio C, scheda per comunicazioni seriali, scheda Symbol


CAPi T 6
(2)
Modulo DRAM

Zoccolo modulo DIMM

N. Nome Specifiche Funzione Note


(1) Scheda A20B--3300--0070 PMC/
CPU comunicazioni/
funzione conver-
sazionale
(2) Modulo A20B--3900--0042 DRAM for PMC/ 4M/2M
DRAM comunicazioni/
funzione conver-
sazionale

D Indicazioni dei LED

Stato
(verdi)
DRMRTY BUSERR

Allarme
(rossi)

(Rossi)

Installati sulla scheda CPU se è presente


la scheda PMC--SE.

159
6. HARDWARE

Indicazione dei LED di allarme (rossi) quando si verifica un allarme

Allarme: 1 2 3 Causa
jjj Funzionamento normale in corso

Jjj Errore del bus (allarme L--bus)

jJj Errore del bus o parità DRAM (EMG L--bus)

JJj Reset in corso

jjJ Errore I/O link

JjJ (Riservato)

jJJ Parità SRAM

JJJ Parità SRAM I/O

LED di allarme Causa

DRMPTY DRAM PARITY

BUSERR Errore L--bus (quando il G/A di controllo delle periferiche


della CPU è il master)

J: On j: Off
NOTE Immediatamente dopo l’accensione i LED di allarme indicano che
è in corso un reset.

6.1.3.6 Scheda CPU ausiliaria

D Specifiche

Nome7 Specifiche
Scheda CPU ausiliaria A20B--8002--0190

NOTA La scheda CPU ausiliaria non può essere alloggiata nei seguenti slot:
· Slot centrale di un’unità con tre slot opzionali
· Slot opzionale più lontano dall’LCD in un’unità con quattro slot opzionali
D Posizione di montaggio dei connettori

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

CA69 JA41 JA40

Numero connettore Applicazione


CA69 Verifica asse

JA41 Mandrino seriale/encoder

JA40 Uscita analogica

160
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

D Posizione delle schede e dei moduli DIMM

Connettore

(2) Scheda CPU

(1) Scheda Connettore


controllo assi

Il modulo DRAM è montato sulla scheda CPU.

N. Nome Specifiche Funzione Note


(1) Scheda A20B--3300--0243 Controllo di 2 Software assi appli-
controllo assi cabile:
assi Serie 90B0
A20B--3300--0242 Controllo di 4
assi

A20B--3300--0241 Controllo di 6
assi

A20B--3300--0240 Controllo di 8
assi

A20B--3300--0248 Controllo di 4 Software assi appli-


assi cabile:
Serie 90B0 (HRV ad
A20B--3300--0245 Controllo di 6 alta velocità)
assi

A20B--3300--0244 Controllo di 8
assi

A20B--3300--0246 Controllo assi Software assi appli-


con apprendi- cabile:
mento Serie 90B3/90B7
A20B--3300--0247 Controllo assi Software assi appli-
con apprendi- cabile:
mento Serie 90B3/90B7
(HRV ad alta velo-
cità)

(2) Scheda A20B--3300--0310 DRAM 16MB


CPU
A20B--3300--0311 DRAM 32MB

161
6. HARDWARE

D Indicazioni dei LED

Stato (verdi) Allarme (rossi)

(1) Transizione di stato dei LED (verdi) all’accensione

N. LED di stato Stato


(LED1, 2)
1 jj Spento.

2 JJ Stato iniziale immediatamente successivo all’accen-


sione; la CPU ausiliaria non è partita.

3 jJ Inizializzazione della RAM.

4 Jj Attesa dell’impostazione dell’ID del sistema.

5 jj Attesa del completamento dell’inizializzazione del


software N. 1

6 JJ Attesa del completamento dell’inizializzazione del


software N. 2

7 jJ Inizializzazione di encoder, circuito servo digitale, ecc.

8 Jj Inizializzazione completata, funzionamento normale

J: On j: Off
(2) Indicazione dei LED di allarme (rossi) quando si verifica un allarme

LED di allarme Significato


ALM1 Errore del bus della scheda CPU ausiliaria.

ALM2 Allarme degli assi.

ALM3 Acceso: allarme parità DRAM o ECC


Lampeggiante: errore L--bus (quando il G/A di controllo
delle periferiche della CPU è il master)

162
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

6.1.3.7 Scheda RISC


D Specifiche

Nome Specifiche
Scheda RISC A20B--8100--0170

NOTA La scheda RISC non può essere alloggiata nei seguenti slot.
· Slot centrale di un’unità con tre slot opzionali
· Slot opzionale più lontano dall’LCD in un’unità con quattro slot opzionali
D Posizione di montaggio dei connettori

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS
6

D Posizione di montaggio delle schede

Connettore

(1) Scheda CPU

N. Nome Specifiche Funzione Note


(1) Scheda A20B--3300--0102 Tipo standard
CPU
A17B--3300--0401 Tipo ad alta velocità

163
6. HARDWARE

D Indicazioni dei LED

Allarme (rossi) Stato (verdi)


ALM7

ALM6

ALM5

LED4

LED3

LED2

LED1

(1) Indicazione dei LED di stato (verdi) (LED accesi)

LED di stato Stato


(LED4 -- LED1)
jjjj Spento.

Jjjj Attesa CNC (1) (Per la causa, controllare il CNC.)

jJjj ID del modulo errato (Sostituire la scheda o il modulo


FROM.)

JJjj Attesa CNC (5) (Per la causa, controllare il CNC.)

jjJj Test della ROM fallito (Sostituire la scheda o il modulo


FROM.)

JjJj Attesa CNC (3) (Per la causa, controllare il CNC.)

JJJj Errore di sistema (Sostituire la scheda o il modulo FROM.)

jjjJ Test della RAM fallito (Sostituire la scheda.)

JjjJ Attesa CNC (2) (Per la causa, controllare il CNC.)

jJjJ Parametro errato (Sostituire la scheda o il modulo FROM.)


(Solo serie B437)

jjJJ Test della DRAM fallito, attesa interruzione ciclo di interpo-


lazione (Sostituire la scheda.)

JjJJ Attesa CNC (4) (Per la causa, controllare il CNC.) (Solo


serie B451)

JJJJ E’ stata data corrente, ma il processore non si è attivato.

J: On j: Off

164
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

(2) Indicazioni dei LED di stato (verdi) (LED lampeggianti)

LED di stato Stato


(LED4 -- LED1)
Ljjj Esecuzione comando in corso (reset)

jLLj Esecuzione comando in corso (pre--processing, distribu-


zione)

jjjL Attesa comando

jLjL Attesa immissione frase NC

LLjL Esecuzione comando in corso (variazione parametri) (Solo


serie B437)

jjLL Funzionamento automatico non attivato. (Sostituire la


scheda.) (Solo serie B451)
6
L: Lampeggiante j: Spento
(3) Indicazioni dei LED di allarme (rossi)

LED di allarme Stato


(LED7 -- LED6)
Jjj Errore di parità DRAM.

jJj Si è verificato qualcosa di inusuale nell’alimentazione del


nucleo del processore

jjJ Riservato

J: On j: Off

6.1.3.8 Scheda data server, scheda fast data server


D Specifiche

Nome Specifiche
Scheda Data server (versione scheda ATA) A20B--8100--0271

Scheda fast Data server (versione scheda ATA) A20B--8100--0770

Scheda add--on A20B--2002--0960

NOTA La scheda Data server (versione scheda ATA) non può essere alloggiata nei
seguenti slot.
· Slot opzionale più vicino all’LCD
· Slot centrale di un’unità con tre slot opzionali
· Slot opzionale più lontano dall’LCD in un’unità con quattro slot opzionali
D Posizione di montaggio dei connettori
connettore pannello posteriore F--BUS
JNA

Scheda add--on

CD38 or CD38R

CNH6 è montato sulla scheda add--on.

165
6. HARDWARE

Numero connettore Applicazione


CNH6 Interfaccia scheda ATA

CD38 (per data server) Interfaccia Ethernet 10BASE--T

CD38R (per fast data server) Interfaccia Ethernet 10/100 BASE--TX

D Indicazioni dei LED

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

Dettaglio dei LED


TPPIL(GREEN)
BTX(GREEN)

NOTE : BTX è installato solo per la scheda fast data server.

Transizione di stato dei LED all’accensione


N. Indicazioni Stato della scheda Ethernet
dei LED 1234
1 STATUS jjjj Spenta.

2 STATUS JJJJ Stato iniziale immediatamente successivo all’accensione.

3 STATUS jJJJ Inizializzazione MPU completata.

4 STATUS jjJJ Download firmware completato.

5 STATUS jjjJ Migrazione controllo a OS.

6 STATUS JJJj OS FASE 1

7 STATUS jJJj OS FASE 2

8 STATUS JjJj OS FASE 3

9 STATUS jjJj OS FASE 4

10 STATUS ljjj Sequenza di avvio completata.

Dopo l’avviamento normale della scheda Ethernet, il sistema entra nello


stato 10. Questo stato permane finché non si verifica una condizione
anormale.
166
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

Indicazioni dei LED relativi allo stato delle comunicazioni

N. Stato dei LED Stato delle comunicazioni Ethernet


1 RXLED J E’ acceso durante la ricezione dei dati.

2 TXLED J E’ acceso durante la trasmissione dei dati.

3 TPPIL J E’ acceso quando la connessione con l’hub è normale.

4 COLLED J Si accende quando si verifica una collisione di dati.

5 BTX J E’ acceso quando viene stabilita una connessione


100BASE--TX. (per fast data server)

NOTE
TPPIL: Se questo LED non è acceso, le comunicazioni non hanno
luogo. E’ probabile che la scheda Ethernet non sia connessa
all’hub normalmente. Il LED è spento anche quando l’hub non 6
è alimentato. Quando la scheda Ethernet è connessa
normalmente all’hub questo LED è sempre acceso.

COLLED: Questo LED si accende frequentemente quando il traffico sulla


linea di comunicazione è eccessivo, o se esistono troppi
disturbi elettrici periferici.

Indicazioni dei LED di stato nel caso di un errore.


I LED di stato lampeggiano ripetendo lo schema LUNGO poi CORTO.
LUNGO e CORTO si riferiscono al periodo di accensione dei LED.
D Per scheda Data server

N. LED di stato Stato della scheda Ethernet/Data server


LUNGO CORTO
1234 1234
1 jjjJ Jjjj Errori causati da Reset del sistema
questa scheda.
scheda
2 jjjJ jJjj Controllo macchina

3 jjJJ Jjjj Allarme parità DRAM

4 jjJJ jJjj Errore causato NMI di un altro modulo


da altra scheda.

D Per scheda fast data server

N. LED di stato Stato della scheda


LUNGO CORTO
1234 1234
1 jjJJ JJjj Errori causati da Allarme parità SDRAM
questa scheda.
scheda
2 jJjJ jjjj Istruzione generale non valida

3 jJjJ Jjjj Istruzione slot non valida

4 jjJJ Jjjj Errore causato NMI di un altro modulo


da altra scheda.

NOTA Se si verifica un errore, indicato da una ripetizione dello schema


LUNGO--CORTO diversa dalle precedenti, contattare la FANUC CNC.
Indicazioni dei LED (ALLARME) nel caso di un errore

N. Stato dei LED Ethernet communication status


1 Parity Alarm J Si è verificato un errore di parità nella memoria prin-
cipale.
E’ probabile che l’hardware sia guasto.

167
6. HARDWARE

6.1.3.9 Scheda controllo caricatore


D Specifiche

Nome Specifiche
Scheda controllo caricatore A20B--8100--0830

NOTA La scheda controllo caricatore non può essere alloggiata nei seguenti slot.
· Slot centrale di un’unità con tre slot opzionali
· Slot opzionale più lontano dall’LCD in un’unità con quattro slot opzionali

D Posizione di montaggio dei connettori

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

CA69 JD1A

Numero connettore Applicazione


CA69 Verifica asse

JD1A I/O link

D Posizione di montaggio delle schede

(1) (2)

Scheda controllo assi Scheda CPU

JNA Connettore
Connettore

JD1A

N. Nome Specifiche Funzione Note


(1) Scheda A20B--3300--0033 Controllo di 2 assi Software assi
controllo applicabile:
assi A20B--3300--0032 Controllo di 4 assi Serie 9090

(2) Scheda A20B--3300--0291 Con 16MB DRAM


CPU

168
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

D Indicazioni dei LED

Allarme (rossi) Stato (verdi)

(1) Transizione di stato dei LED (verdi) all’accensione

N. LED di stato Stato


(LED1 -- 4)
1 jjjj Spento.

2 JJJJ Stato iniziale immediatamente successivo all’accen-


sione; la CPU del caricatore non è partita.

3 JJJj Inizializzazione della RAM

4 JJjJ Attesa dell’impostazione dell’ID del sistema.

5 JJjj Attesa del completamento dell’inizializzazione del


software N. 1

6 JjJJ Attesa del completamento dell’inizializzazione del


software N. 2

7 jJJj In attesa dell’inizializzazione dei servo digitali.

9 jjjJ Inizializzazione completata, funzionamento normale.

J: On j: Off
(2) Indicazione dei LED di allarme (rossi) quando si verifica un allarme
Se si accende uno di questi LED, è probabile che l’hardware sia guasto.

LED di Significato
allarme
ALM1 Allarme di parità SRAM.

ALM2 Allarme degli assi.

ALM3 Si accende quando si verifica un allarme di sistema.


Usato dal software per fermare il sistema.

ALM4 Si accende quando si verifica un allarme di sistema.


L’hardware ha rilevato un guasto del sistema.

169
6. HARDWARE

6.1.3.10 Scheda interfaccia HSSB


D Specifiche

Nome Specifiche
Scheda interfaccia HSSB A20B--8001--0641

D Posizione di montaggio dei connettori

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

COP7

Numero connettore Applicazione


COP7 Interfaccia bus seriale ad alta velocità

D Posizione di montaggio delle schede

Sulla scheda interfaccia HSSB non sono montate altre schede.


D Indicazioni dei LED

Stato (verdi) Allarme (rossi)

170
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

(1) Transizione di stato dei LED (verdi) all’accensione

N. LED di stato Stato


(ST4 -- 1)
1 jjjj Spento.

2 JJJJ Stato iniziale immediatamente dopo l’accensione.

3 JJJj Inizializzazione della scheda HSSB in corso.

4 JJjJ Attesa dell’esecuzione del boot del PC.

5 JJjj Visualizzazione dello schermo CNC sul PC.

6 Jjjj Inizializzazione completata, funzionamento normale.

J: On j: Off 6
(2) Indicazioni del LED di stato (stato del PC, verdi) nel caso di un errore

LED di stato Stato


(ST4 -- 1)
jJJj La temperatura del PANEL i è eccessiva.

jJjJ Le comunicazioni HSSB si sono interrotte.

jJjj Errore di parità nella RAM comune NC/PC.

jjJJ Errore nelle comunicazioni HSSB.

jjJj Allarme batteria nel PANEL i.

J: On j: Off

(3) Indicazione dei LED di allarme (rossi) quando si verifica un allarme

LED di Significato
allarme
AL1 Le comunicazioni HSSB si sono interrotte.

AL2 Errore di parità nella RAM comune NC/PC.

D Impostazione del selettore rotativo (SW1)

SW1

Impostazione del selettore rotativo quando sono connessi un PC o un


PANEL i
E’ possibile cambiare la sequenza di avvio all’accensione.

171
6. HARDWARE

Impostazione Significato
del selettore
rotativo
0 Impostazione per la manutenzione.
Compare il menu di avvio. Boot e IPL possono essere avviati
dal PC o dal PANEL i.

1 Impostazione per il funzionamento normale.


Il menu di avvio non compare.
Boot e IPL non possono essere avviati dal PC o dal PANEL i.
2 Il CNC e il PC, o il PANEL i non eseguono l’handshake ma
partono indipendentemente l’uno dall’altro.
D CNC
Anche se il PC non è connesso o acceso, il CNC può
essere avviato e può funzionare. (Sono necessari un’u-
nità di visualizzazione speciale, un’unità MDI, il pannello
dell’operatore, ecc.) Anche se il PC o il PANEL i sono
connessi e accesi, il menu di avvio non compare.
D PC o PANEL i
Anche se il CNC è connesso e acceso, il menu di avvio
non compare. Non è possibile eseguire le operazioni di
boot o di IPL dal PC o dal PANEL i.
Se sul PC o sul PANEL i è installato un driver di unità HSSB
per Windows 95/98, WindowsNT4.0, o Windows2000, è pos-
sibile accendere e spegnere solo il PC o il PANEL i o il CNC.
Normalmente, per una connessione multipla, nella quale più
unità CNC sono connesse ad un solo PC o PANEL i, viene
selezionata questa impostazione.

NOTA Il termine PANEL i usato in questo contesto rappresenta un hard-


ware che può funzionare in stand--alone (o fornire un’opzione
stand--alone).

6.1.3.11 Scheda I/O Link--II

Nome Specifiche
Scheda I/O Link--II FANUC A20B--8100--0250

D Posizione dei connettori

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

Numero connettore Applicazione


TB1 Morsettiera per interfaccia I/O Link II FANUC

D Posizione delle schede


Sulla scheda I/O Link II FANUC non sono montate altre schede.
172
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

D Indicazioni dei LED

SW1

LED6 (rosso) LED1 (verde)

LED5 (verde) LED2 (verde) 6


LED4 (verde) LED3 (verde)

(1) LED di controllo dell’hardware

LED N. Significato
LED5 E’ acceso quando è in funzione la CPU della scheda I/O
Link II FANUC. Se è spento, la CPU è stata resettata.

LED6 Si accende quando viene rilevato un errore di parità della


DRAM.
E’ probabile che l’hardware sia guasto.

(2) LED di controllo del software

LED di stato Significato


(ST4 -- 1)
JJJJ Immediatamente dopo l’accensione.

JJjj Inizializzazione della scheda per le comunicazioni in corso.

ljjj E’ in corso il normale trasferimento dei dati DI/DO.

jjjJ Si è verificato un errore di parità della RAM.


E’ probabile che l’hardware sia guasto.

jjJJ Si è verificato un errore dell’F--BUS.

jjJj Si è verificata una condizione di emergenza nel sistema


F--BUS. Oppure, si è verificato un errore nelle comunica-
zioni (errore FCS, errore di comando, errore di lunghezza
del frame, time--out della risposta, ecc.).

ljJj Si è verificato un errore di comunicazione che ha dato


luogo alla memorizzazione di una registrazione di errore.
Le comunicazioni con l’unità slave sono ripartite. Il LED2
si spegne quando viene usato un comando di registrazione
ljjj (funzione di monitoraggio). Il LED si spegne anche quando
la registrazione dell’errore viene cancellata con un com-
ando di clear.

J: Acceso j: Spento l: Lampeggiante

173
6. HARDWARE

6.1.3.12 Scheda PROFIBUS

Nome Specifiche
Scheda PROFIBUS (funzione master) A20B--8100--0430

Scheda add--on (funzione slave) A20B--2100--0430

NOTA La scheda PROFIBUS non può essere alloggiata nei seguenti slot.
· Slot centrale di un’unità con tre slot opzionali
· Slot opzionale più lontano dall’LCD in un’unità con quattro slot opzionali

D Posizione dei connettori

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

Scheda add--on

Numero connettore Applicazione


JN1 Interfaccia adattatore stazione master

JN2 Interfaccia adattatore stazione slave

D Posizione delle schede


Sulla scheda PROFIBUS non sono montate altre schede.
D Indicazioni dei LED

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

Scheda add--on

LED per funzione


slave LED per funzione
master

LED1 (verde) LEDB (rosso) LEDB (rosso)

LED2 (verde)
LED2 (verde) LED3 (verde)

LED1 (verde)

174
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

(1) LED per la funzione master


N. LED Significato
(abbreviazione)
LED1 (CPU) Si accende per indicare che la CPU per la funzione
master è attiva.

LED2 (TOKEN) Si accende quando l’LSI delle comunicazioni (ASPC2)


contiene un token
(pronto a trasmettere)

LEDB (PALM) Si accende quando nel circuito della funzione master si


verifica un errore di parità.
E’ probabile che l’hardware sia guasto.

(2) LED per la funzione slave (montati sulla scheda add--on)


N. LED
(abbreviazione)
Significato
6
LED1 (CPU) Si accende per indicare che la CPU per la funzione slave è
in funzione.

LED2 (COMM) Si accende quando iniziano le comunicazioni PROFIBUS.


Però, rimane acceso dopo la sospensione delle comunica-
zioni PROFIBUS.

LED3 (RUN) Si accende per indicare che le comunicazioni PROFIBUS


sono eseguite normalmente.

LEDB (PALM) Si accende quando nel circuito della funzione slave si verif-
ica un errore di parità. E’ probabile che l’hardware sia
guasto.

6.1.3.13 Scheda Ethernet, scheda fast Ethernet

Nome Specifiche

Scheda Ethernet A20B--8100--0271

Scheda fast Ethernet A20B--8100--0770

NOTA La scheda Ethernet non può essere montata nello slot opzionale
più vicino all’LCD.
D Posizione dei connettori
JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

Numero connettore Applicazione


CD38 (per scheda Ethernet) Interfaccia Ethernet 10BASE--T

CD38R (per scheda fast Ethernet) Interfaccia Ethernet 10/100BASE--TX

D Posizione delle schede


Sulla scheda Ethernet non sono montate altre schede.
175
6. HARDWARE

D Indicazioni dei LED

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

Dettaglio dei LED

TPPIL(GREEN)
BTX(GREEN)

NOTE : BTX è installato solo per la scheda fast Ethernet.

Transizione di stato dei LED all’accensione

N. Indicazioni Stato della scheda Ethernet


dei LED 1234
1 STATUS jjjj Spenta

2 STATUS JJJJ Stato iniziale immediatamente successivo all’accensione.

3 STATUS jJJJ Inizializzazione MPU completata.

4 STATUS jjJJ Download firmware completato.

5 STATUS jjjJ Migrazione controllo a OS.

6 STATUS JJJj OS FASE 1

7 STATUS jJJj OS FASE 2

8 STATUS JjJj OS FASE 3

9 STATUS jjJj OS FASE 4

10 STATUS ljjj Sequenza di avvio completata.

Dopo l’avviamento normale della scheda Ethernet, il sistema entra nello


stato 10. Questo stato permane finché non si verifica una condizione
anormale.

176
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

Indicazioni dei LED relativi allo stato delle comunicazioni

N. stato dei LED Ethernet communication status


1 RXLED J E’ acceso durante la ricezione dei dati.

2 TXLED J E’ acceso durante la trasmissione dei dati.

3 TPPIL J E’ acceso quando la connessione con l’hub è normale.

4 COLLED J Si accende quando si verifica una collisione di dati.

5 BTX J E’ acceso quando viene stabilita una connessione


100BASE--TX. (per fast Ethernet)

NOTE
TPPIL: Se questo LED non è acceso, le comunicazioni non hanno
luogo. E’ probabile che la scheda Ethernet non sia connessa
all’hub normalmente. Il LED è spento anche quando l’hub non 6
è alimentato. Quando la scheda Ethernet è connessa
normalmente all’hub questo LED è sempre acceso.
COLLED: Questo LED si accende frequentemente quando il traffico sulla
linea di comunicazione è eccessivo. Si accende
frequentemente anche quando esistono troppi disturbi elettrici
periferici.
Indicazioni dei LED di stato nel caso di un errore
I LED di stato lampeggiano ripetendo lo schema LUNGO poi CORTO.
LUNGO e CORTO si riferiscono al periodo di accensione dei LED.
D Per scheda Ethernet

N. LED di stato Stato della scheda Ethernet/Data server


LUNGO CORTO
1234 1234
1 jjjJ Jjjj Errori causati da Reset del sistema
questa scheda.
scheda
2 jjjJ jJjj Controllo macchina

3 jjJJ Jjjj Allarme parità DRAM

4 jjJJ jJjj Errore causato NMI di un altro modulo


da altra scheda.

D Per scheda fast Ethernet

N. LED di stato Stato della scheda


LUNGO CORTO
1234 1234
1 jjJJ JJjj Errori causati da Allarme parità SDRAM
questa scheda.
scheda
2 jJjJ jjjj Istruzione generale non valida

3 jJjJ Jjjj Istruzione slot non valida

4 jjJJ Jjjj Errore causato NMI di un altro modulo


da altra scheda.

NOTA Se si verifica un errore, indicato da una ripetizione dello schema


LUNGO--CORTO diversa dalle precedenti, contattare la FANUC CNC.

D Indicazioni dei LED di allarme nel caso di un errore

N. Indicazioni Stato della scheda Ethernet


dei LED
1 Parity Alarm J Si è verificato un errore di parità nella memoria principale.
E’ probabile che l’hardware sia guasto.

177
6. HARDWARE

6.1.3.14 Scheda interfaccia DeviceNet

Nome Specifiche
Scheda interfaccia DeviceNet A20B--8001--0880

NOTA La scheda DeviceNet non può essere montata nello slot opzionale
centrale di un’unità con tre slot opzionali.
D Posizione di montaggio dei connettori

JNA
connettore pannello posteriore F--BUS

Numero connettore Applicazione


TB1 Interfaccia DeviceNet

La basetta terminale può essere staccata dal connettore della scheda


DeviceNet con il cavo ancora connesso. Per staccare la basetta terminale
tirarla verso sé stessi.

NOTA La scheda DeviceNet non può essere rimossa se non è stata prima
staccata la basetta terminale.

178
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD--Mounted

D Indicazioni dei LED

Scheda figlia

NS
6
HEALTH LEDA

LED3

LED2

LED1

LED0
NS e HEALTH sono montati sul retro della scheda figlia.
D Indicazioni dei LED

Nome Colore Descrizione


LED0 -- 3 Verde Nessun significato speciale

LEDA Rosso Questo LED si accende se nella scheda figlia interna c’è
qualcosa di insolito. All’accensione il LED è spento. Se
si accende questo LED, sostituire la scheda DeviceNet.

NS Rosso/ LED di stato del modulo/rete DeviceNet. Questo LED


verde indica se la scheda DeviceNet è accesa e se le comuni-
cazioni DeviceNet sono normali. Per il significato delle
indicazioni di questo LED riferirsi alle specifiche fornite
dalla ODVA.

HEALTH Rosso/ Questo LED indica lo stato della scheda figlia. All’accen-
verde sione questo LED si accende in rosso. Alla fine del cari-
camento nella scheda figlia interna del firmware, il LED
diventa verde. Poi, se nella scheda figlia si verifica qual-
cosa di insolito, il LED ritorna rosso. Se il LED non
diventa verde, sostituire la scheda DeviceNet.

179
6. HARDWARE

6.1.3.15 Unità di backup


D Specifiche

Voce Codice per l’ordine


Scheda dell’unità di backup A20B--2100--0820

Cavo per l’unità di backup A02B--0281--K801

D Posizioni di montaggio dei connettori


CN9

Scheda dell’unità di backup

Vista frontale

Nome del connettore Funzione


CN9 Fornisce l’alimentazione di backup (interfaccia con
la scheda principale)

Quando è acceso il LED (PC POWER) sulla scheda principale, non toccare
nessuna parte dell’unità base o dell’unità di backup. I CNC
FS160is/FS180is/FS210is funzionano ancora per circa 12 secondi dopo
che è stata tolta l’alimentazione.

180
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD -- Mounted

6.1.4 Lista delle unità e delle schede a circuiti stampati

6.1.4.1 Unità base

Modello Nome Numero di disegno Note


16i Unità base (senza slot) A02B--0281--B500

Unità base (con 2 slot) A02B--0281--B502

Unità base (con 3 slot) A02B--0281--B503

Unità base (con 4 slot) A02B--0281--B504

18i Unità base (senza slot) A02B--0283--B500

A02B--0297--B500 Per 18i--MB5

Unità base (con 2 slot) A02B--0283--B502


6
A02B--0297--B502 Per 18i--MB5

Unità base (3 slot) A02B--0283--B503

A02B--0297--B503 Per 18i--MB5

Unità base (4 slot) A02B--0283--B504

A02B--0297--B504 Per 18i--MB5

21i Unità base (senza slot) A02B--0285--B500

Unità base (con 2 slot) A02B--0285--B502

160is Unità base (senza slot) A02B--0281--B600

Unità base (con 2 slot) A02B--0281--B602

Unità base (con 3 slot) A02B--0281--B603

Unità base (con 4 slot) A02B--0281--B604

180is Unità base (senza slot) A02B--0283--B600

A02B--0297--B600 18i--MB5

Unità base (con 2 slot) A02B--0283--B602

A02B--0297--B602 18i--MB5

Unità base (con 3 slot) A02B--0283--B603

A02B--0297--B603 18i--MB5

Unità base (con 4 slot) A02B--0283--B604

A02B--0297--B604 18i--MB5

210is Unità base (senza slot) A02B--0285--B600

Unità base (con 2 slot) A02B--0285--B602

Modello Nome Numero di disegno Note


16i Scatola (senza slot) A02B--0236--D100#0C
18i
21i Scatola (con 2 slot) A02B--0236--D100#2C

Scatola (con 3 slot) A02B--0236--D100#3C

Scatola (con 4 slot) A02B--0236--D100#4C

160is Scatola (senza slot) A02B--0236--D100#0D


180is
210is Scatola (con 2 slot) A02B--0236--D100#2D

Scatola (con 3 slot) A02B--0236--D100#3D

Scatola (con 4 slot) A02B--0236--D100#4D

181
6. HARDWARE

6.1.4.2 Unità di visualizzazione

Modello Nome Numero di disegno Tasti Touch


soft- panel
ware
16i LCD a colori da 10.4″ A02B--0281--D500 f ×
18i
21i LCD a colori da 10.4″ A02B--0281--D501 × f

LCD mono da 9.5″ A02B--0281--D502 f ×

LCD a colori da 8.4″ A02B--0281--D503 f ×

LCD mono da 7.2″ A02B--0281--D504 f ×

160is LCD a colori da 10.4″ A02B--0281--D505 f ×


180is
210is LCD a colori da 10.4″ A02B--0281--D506 × f

LCD a colori da 10.4″ A02B--0281--D507 f f

6.1.4.3 Unità MDI

Modello Nome Numero di disegno Note


16i Serie T/Inglese/ A02B--0281--C120#TBR
18i Tastiera compatta
21i Tipo orizzontale,
160is 200×140mm
180is
210is Serie T/Inglese/ A02B--0281--C121#TBR
Tastiera standard
Tipo verticale/orizzontale,
200×260mm

Serie T/Inglese/ A02B--0281--C125#TBR


Tastiera standard
Tipo orizzontale,
220×230mm

Serie T/Inglese/ A02B--0281--C126#TBR


Tastiera standard
Tipo verticale, 220×290mm
Serie M/Inglese/ A02B--0281--C120#MBR
Tastiera compatta
Tipo orizzontale,
200×140mm

Serie M/Inglese/ A02B--0281--C121#MBR


Tastiera standard
Tipo verticale/orizzontale,
200×260mm

Serie M/Inglese/ A02B--0281--C125#MBR


Tastiera standard
Tipo orizzontale,
220×230mm

Serie M/Inglese/ A02B--0281--C126#MBR


Tastiera standard
Tipo verticale, 220×290mm

Tastiera inglese a 61 tasti A02B--0261--C162#MCR


Tipo orizzontale,
220×230mm

Tastiera inglese a 61 tasti A02B--0261--C161#MCR


Tipo verticale, 220×290mm

Tastiera inglese per CAPi T A02B--0281--C125#TFBR


Tipo orizzontale,
220×230mm

182
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD -- Mounted

Modello Nome Numero di disegno Note


16i Tastiera inglese per CAPi T A02B--0281--C126#TFBR
18i Tipo verticale, 220×290mm
21i
160is Serie T/Simboli/ A02B--0281--C120#TBS
180is Tastiera compatta
210is Tipo orizzontale,
200×140mm

Serie T/Simboli/ A02B--0281--C121#TBS


Tastiera standard
Tipo verticale/orizzontale,
200×260mm

Serie T/Simboli/ A02B--0281--C125#TBS


Tastiera standard
Tipo orizzontale,
220×230mm 6
Serie T/Simboli/ A02B--0281--C126#TBS
Tastiera standard
Tipo verticale, 220×290mm

Serie M/Simboli/ A02B--0281--C120#MBS


Tastiera compatta
Tipo orizzontale,
200×140mm

Serie M/Simboli/ A02B--0281--C121#MBS


Tastiera standard
Tipo verticale/orizzontale,
200×260mm

Serie M/Simboli/ A02B--0281--C125#MBS


Tastiera standard
Tipo orizzontale,
220×230mm

Serie M/Simboli/ A02B--0281--C126#MBS


Tastiera standard
Tipo verticale, 220×290mm

Tastiera con simboli a 61 tasti A02B--0261--C162#MCS


Tipo orizzontale,
220×230mm

Tastiera con simboli a 61 tasti A02B--0261--C161#MCS


Tipo verticale,
220×290mm

Tastiera con simboli per CAPi T A02B--0281--C125#TFBS


Tipo orizzontale, 220×230mm

Tastiera con simboli per CAPi T A02B--0281--C126#TFBS


Tipo verticale, 220×290mm

160is Tastiera completa FA A02B--0281--C130#E


180is
210is

6.1.4.4 Schede a circuiti stampati


Nome Numero di ID Note
disegno
Scheda madre per 16i A20B--8100--0660 3x08

Scheda madre per 18i A20B--8100--0661 3x09

Scheda madre per 21i A20B--8100--0662 0x0A


(senza funzione Ether-
net, PMC--SA1)

183
6. HARDWARE

Nome Numero di ID Note


disegno
Scheda madre per 21i A20B--8100--0663 1x0A
(senza funzione Ether-
net, PMC--SB7)

Scheda madre per 21i A20B--8100--0664 2x0A


(con funzione Ethernet,
PMC--SA1)

Scheda madre per 21i A20B--8100--0665 3x0A


(con funzione Ethernet,
PMC--SB7)

Scheda madre per 160is A20B--8100--0790 3x10

Scheda madre per 180is A20B--8100--0791 3x11

Scheda madre per 210is A20B--8100--0794 2x12


(con funzione Ethernet,
PMC--SA1)

Scheda madre per 210is A20B--8100--0795 3x12


(con funzione Ethernet,
PMC--SB7)

Scheda CPU A20B--3300--0310 CPU : 11


(16i/18i, DRAM 16MB) DRAM : A9

Scheda CPU A20B--3300--0311 CPU : 11


(16i/18i, DRAM 32MB) DRAM : AA

Scheda CPU A20B--3300--0312 CPU : 11 Quando è utiliz-


(21i, DRAM 16MB) DRAM : A9 zata la funzione
Ethernet con
21i/210is.

Scheda CPU A20B--3300--0313 CPU : 11 Quando è utiliz-


(21i, DRAM 32MB) DRAM : AA zata la funzione
Ethernet con
21i/210is.

Scheda CPU A20B--3300--0290 CPU : 09


(21i, DRAM 32MB) DRAM : 8A

Scheda CPU A20B--3300--0291 CPU : 09


(21i, controllo caricatore, DRAM : 89
DRAM 16MB)
Scheda CPU A20B--3300--0102 0A
(tipo standard per
scheda RISC)

Scheda CPU A17B--3300--0401 0A


(tipo ad alta velocità per
scheda RISC)

Scheda controllo visua- A20B--3300--0280 0C


lizzazione
(LCD a colori da 10.4″,
funzione grafica, fun-
zione Ethernet incorpo-
rata)

Scheda controllo visua- A20B--3300--0281 08


lizzazione
(LCD a colori da 8.4″,
funzione grafica, fun-
zione Ethernet incorpo-
rata)

184
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD -- Mounted

Nome Numero di ID Note


disegno
Scheda controllo visua- A20B--3300--0282 04
lizzazione
(LCD mono da 9.5″, fun-
zione grafica, funzione
Ethernet incorporata)

Scheda controllo visua- A20B--3300--0283 00


lizzazione
(LCD mono da 7.2″, fun-
zione grafica, funzione
Ethernet incorporata)

Scheda controllo visua- A20B--3300--0300 07


lizzazione
(LCD mono da 9.5″, fun- 6
zione Ethernet incorpo-
rata)

Scheda controllo visua- A20B--3300--0301 03


lizzazione
(LCD mono da 7.2″, fun-
zione Ethernet incorpo-
rata)

Scheda controllo visua- A20B--3300--0302 07


lizzazione
(LCD mono da 9.5″)

Scheda controllo visua- A20B--3300--0303 03


lizzazione
(LCD mono da 7.2″)

Scheda controllo assi A20B--3300--0033 00 Software assi:


(2 assi) Serie 9090
21i, controllo carica-
tore

Scheda controllo assi A20B--3300--0032 01 Software assi:


(4 assi) Serie 9090
21i, controllo carica-
tore

Scheda controllo assi A20B--3300--0243 08 Software assi:


(2 assi) Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0242 08 Software assi:


(4 assi) Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0241 08 Software assi:


(6 assi) Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0240 08 Software assi:


(8 assi) Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0248 08 Software assi:


(4 assi, HRV ad alta Serie 90B0
velocità)

Scheda controllo assi A20B--3300--0245 08 Software assi:


(6 assi, HRV ad alta Serie 90B0
velocità)

Scheda controllo assi A20B--3300--0244 08 Software assi:


(8 assi, HRV ad alta Serie 90B0
velocità)

Scheda controllo assi A20B--3300--0246 08 Software assi


(Controllo assi con applicabile:
apprendimento) Serie 90B3/90B7

185
6. HARDWARE

Nome Numero di ID Note


disegno
Scheda controllo assi A20B--3300--0247 08 Software assi:
(Controllo assi con Serie 90B3/90B7
apprendimento, HRV ad
alta velocità)

Scheda controllo assi A17B--3300--0500 08 Software assi:


(8 assi, applicabile al Serie 90B0
doppio controllo di sicu- Software di moni-
rezza) toraggio: S. 90B9

Scheda CE (scheda A20B--3300--0330 -- Per LCD a colori


CE 1) da 10.4I

Scheda CE (scheda A20B--3300--0320 -- CPU Windows


CE 2) CE

Alimentatore A20B--8100--0720 --

Modulo A20B--3900--0160 FROM : C1


FROM/SRAM SRAM : 03
(FROM 16MB,
SRAM 1MB)

Modulo A20B--3900--0161 FROM : C1


FROM/SRAM SRAM : 04
(FROM 16MB,
SRAM 2MB)

Modulo A20B--3900--0162 FROM : C1


FROM/SRAM SRAM : 05
(FROM 16MB,
SRAM 3MB)

Modulo A20B--3900--0163 FROM : C2


FROM/SRAM SRAM : 03
(FROM 32MB,
SRAM 1MB)

Modulo A20B--3900--0164 FROM : C2


FROM/SRAM SRAM : 04
(FROM 32MB,
SRAM 2MB)

Modulo A20B--3900--0165 FROM : C2


FROM/SRAM SRAM : 05
(FROM 32MB,
SRAM 3MB)

Modulo A20B--3900--0180 FROM : C1


FROM/SRAM SRAM : 01
(FROM 16MB,
SRAM 256kB)

Modulo A20B--3900--0181 FROM : C1


FROM/SRAM SRAM : 02
(FROM 16MB,
SRAM 512kB)

Modulo A20B--3900--0182 FROM : C2


FROM/SRAM SRAM : 01
(FROM 32MB,
SRAM 256kB)

Modulo A20B--3900--0183 FROM : C2


FROM/SRAM SRAM : 02
(FROM 32MB,
SRAM 512kB)

Modulo mandrino A20B--3900--0170 --


analogico

186
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD -- Mounted

Nome Numero di ID Note


disegno
Modulo DRAM (4MB) A20B--3900--0042 85 Per scheda opzio-
nale

Scheda PMC--SE A20B--8100--0150 1xCD

Scheda linguaggio C A20B--8100--0261 0xCD

Scheda per le comunica- A20B--8100--0262 2xCD Buffer remoto/


zioni seriali A DNC2

Scheda per le comunica- A20B--8100--0263 3xCD DNC1


zioni seriali B

Scheda Symbol CAPi T A20B--8100--0264 4xCD

Scheda CPU ausiliaria A20B--8002--0190 1xCE


6
Scheda RISC A20B--8002--0040 xxCA

Scheda Data server A20B--8100--0271 3xDB

Scheda fast Data server A20B--8100--0770 0x8E

Scheda Data server A20B--2002--0960 --


ADD--ON

Scheda controllo A20B--8100--0830 1xD3


caricatore

Scheda interfaccia A20B--8001--0641 ExAA


HSSB

Scheda I/O Link--II A20B--8100--0250 0x95

Scheda PROFIBUS A20B--8100--0430 0xBB Funzione Master

Scheda ADD--ON A20B--2100--0430 -- Funzione Slave

Scheda Ethernet A20B--8100--0271 3xDB

Scheda Fast Ethernet A20B--8100--0770 0x8E

Scheda DeviceNet A20B--8001--0880 1xF3

Pannello posteriore (a 2 A20B--2003--0150 --


slot)

Pannello posteriore (a 3 A20B--2003--0230 --


slot)

Pannello posteriore (a 4 A20B--2003--0140 --


slot)

Invertitore A20B--8100--0710 --
(per LCD mono 9.5″
/7.2″)

Invertitore A20B--8001--0920 --
(per LCD a colori da
10.4″)

Invertitore A20B--8001--0922 --
(per LCD a colori da
8.4″)

Scheda I/F HSSB per PC A20B--8001--0582 --


(2CH, applicabile a bus
ISA)

Scheda I/F HSSB per PC A20B--8001--0583 --


(1CH, applicabile a bus
ISA)

187
6. HARDWARE

Nome Numero di ID Note


disegno
Scheda I/F HSSB per PC A20B--8001--0960 --
(2CH, applicabile a bus
PCI)

Scheda I/F HSSB per PC A20B--8001--0961 --


(1CH, applicabile a bus
PCI)

Scheda controllo touch A20B--8001--0620 --


panel

Scheda unità di A20B--2100--0820 --


backup

6.1.4.5 I/O

Nome Numero di disegno Note


I/O distribuito -- Modulo I/O A20B--2002--0470 DI/DO= 72/56
pannello di connesione (A1) DI=generali 16,
matrice 56, con I/F
MPG

I/O distribuito -- Modulo I/O A20B--2002--0520 DI/DO : 48/32


panello di connessione (B1) con I/F MPG

I/O distribuito -- Modulo I/O A20B--2002--0521 DI/DO : 48/32


panello di connessione (B2)

I/O distribuito -- Modulo I/O A03B--0815--C001 DI/DO : 24/16


panello di connessione (base)

I/O distribuito -- Modulo espans. A03B--0815--C002 DI/DO : 24/16


I/O panello di connessione (A) con I/F MPG

I/O distribuito -- Modulo espans. A03B--0815--C003 DI/DO : 24/16


I/O panello di connessione (B)

I/O distribuito -- Modulo espans. A03B--0815--C004 DO : 16 (uscita 2A)


I/O panello di connessione (C)

I/O distribuito -- Modulo espans. A03B--0815--C005 Ingressi analogici


I/O panello di connessione (D)

I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C141#TBS DI : 24


dell’operatore con I/F MPG
(Compatto, Tasti simbolici)

I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C141#TBR DI : 24


dell’operatore con I/F MPG
(Compatto, Tasti inglesi)

I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C140#TBS DI : 24


dell’operatore con I/F MPG
(Standard, Tasti simbolici)
I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C140#TBR DI : 24
dell’operatore con I/F MPG
(Standard, Tasti inglesi)

I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C150#TBS DI : 24


dell’operatore con I/F MPG
(290mm, Tasti simbolici)

I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C150#TBR DI : 24


dell’operatore con I/F MPG
(290mm, Tasti inglesi)

188
6.1 Hardware della Serie i tipo LCD -- Mounted

Nome Numero di disegno Note


Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C230 con MDI
pannello principale A
(Tastiera simbolica)

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C240 con MDI


pannello principale A1
(Tastiera inglese)

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C231 senza MDI


pannello principale B
(Tastiera simbolica)
Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C241 senza MDI
pannello principale B1
(Tastiera inglese)

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C232


pannello ausiliario A 6
Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C233
pannello ausiliario B

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C235


pannello ausiliario B1

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C234


pannello ausiliario C

Unità connessione pannello A16B--2200--0661 DI/DO : 64/32


operatore (Uscita tipo sink A)

Unità connessione pannello A16B--2200--0660 DI/DO : 96/64


operatore (Uscita tipo sink B)

Unità connessione pannello A16B--2200--0731 DI/DO : 64/32


operatore (Uscita tipo source A)

Unità connessione pannello A16B--2200--0730 DI/DO : 96/64


operatore (Uscita tipo source B)

Unità di interfaccia pannello A16B--2201--0110


dell’operatore

Scheda I/O caricatore A02B--0236--C160

Scheda I/O caricatore A02B--0236--C161 Matrice supportata

Convertitore I/O Link A03B--0817--C001


FANUC -- AS--i

6.1.4.6 Altre unità

Nome Numero di disegno Note


Unità di interfaccia per A02B--0236--C205
trasduttore separato
(4 assi base)

Unità di interfaccia per A02B--0236--C204


trasduttore separato
(4 assi addizionali)

Adattatore distribuito mandrino A13B--0180--B001

Adattatore distribuito I/O Link A20B--1007--0680

Adattatore I/O Link ottico A13B--0154--B001

Compact flash card 32MB A87L--0001--0173#32MBA


per 160is/180is/210is
48MB A87L--0001--0173#48MBA

64MB A87L--0001--0173#64MB

96MB A87L--0001--0173#96MB

189
6. HARDWARE

Nome Numero di disegno Note


Cavo per unità di backup A02B--0281--K801

Cavo per tastiera completa FA A02B--0281--K802

6.1.4.7 Materiali di consumo

Nome Numero di disegno Note


Fusi- Alimentazione unità di A60L--0001--0290#LM50C Tarato a 5A
bile controllo FS16i/18i/21i

Alimentazione unità di A60L--0001--0046#7.5 Tarato a


controllo 7.5A
FS160is/180is/210is
Alimentazione modulo I/O A60L--0001--0290#LM10 Tarato a 1A
pannello di connessione
I/O distribuito
Alimentazione pannello
operatore I/O distribuito
Alimentazione pannello
operatore principale
Alimentazione convertitore
FANUC I/O Link--AS--i

Alimentazione modulo I/O A60L--0001--0172#DM10 Tarato a 1A


pannello di connessione
I/O distribuito (base)
Alimentazione scheda I/O A60L--0001--0290#LM20 Tarato a 2A
caricatore
Alimentazione modulo
interfaccia per trasduttori
separati (base)

Batte- Mantenimento memoria A98L--0031--0012


ria unità di controllo

Venti- Per unità di controllo A90L--0001--0441 Tipo


latore (senza slot) 30--mm

Per unità di controllo A90L--0001--0441#100 Tipo


(3 slot) 30--mm

Per unità di controllo A90L--0001--0506#135 Tipo


(2, 3, 4 slot) 60--mm

Luce Per LCD da 7.2I A61L--0001--0142#BL


poste- (prodotto da HITACHI)
riore
Per LCD da 7.2I A61L--0001--0142#BLS
(prodotto da SHARP)

Per LCD da 8.4I A61L--0001--0176#BL

Per LCD da 9.5I A61L--0001--0154#BLC

Per LCD da 10.4I A61L--0001--0168#BL

Foglio di protezione per touch panel A990--0165--0011

Penna per touch panel A99L--0164--0001

190
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone


6.2.1 Sommario dei componenti hardware
(1) Serie 16i/160i/160is

Scheda CPU ausiliaria(*2)


Scheda CPU principale
CPU ausiliaria per due canali di controllo
⋅ Controllo di 2 -- 8 assi CPU del CNC
⋅ Interfaccia mandrino ⋅ Alimentatore
⋅ Uscite analogiche ⋅ Controllo di 2 -- 8 assi
⋅ Interfaccia mandrino
⋅ I/O Link
Scheda RISC (solo serie M)(*1) ⋅ PMC--SB7
⋅ Uscita analogica (opzione)
Contornatura ad alta precisione ⋅ DI ad alta velocità
⋅ RS--232C x 2
Scheda Data server (*1) ⋅ Interfaccia per scheda di memoria
⋅ Interfaccia video
Funzione Data server (scheda ATA) ⋅ Ethernet

RISC + scheda Data server (solo serie M)(*1) Montata nello slot 1
Contornatura ad alta precisione Sistema base 6
Funzione Data server (scheda ATA)
Opzioni
Scheda controllo caricatore (*1)
Funzione controllo caricatore
controllo di 2 -- 4 assi
I/O Caricatore (connessione I/O Link)

Scheda per le comunicazioni seriali(*3)


Buffer remoto/DNC1/DNC2

Scheda linguaggio C PMC(*3)


Funzioni linguaggio C per il PMC
Opzioni
mini--slot
Scheda Super CAPi T (solo serie T)(*3)
Funzione conversazionale grafica

Scheda interfaccia HSSB(*3)

Interfaccia bus seriale ad alta velocità

Scheda I/O Link--II(*3)


Interfaccia I/O Link--II
Armadio a 1 slot o
Scheda Ethernet(*3) armadio a 3 slot
Interfaccia Ethernet

Scheda interfaccia DeviceNet(*3)

Interfaccia DeviceNet

Scheda PROFIBUS(*3)
Funzione PROFIBUS

Scheda FL--net(*3)

Funzione FL--net

La posizione di montaggio di una scheda opzionale dipende dal tipo della scheda:
Le schede opzionali marcate con *1 si montano nello slot opzionale 2.
Le schede opzionali marcate con *2 si montano nello slot opzionale 3.
Le schede opzionali marcate con *3 si montano in un minislot (di qualsiasi slot).

191
6. HARDWARE

(2) Serie 18i/180i/180is

Scheda CPU ausiliaria(*2) Scheda CPU principale


CPU ausiliaria per due canali di controllo
⋅ Controllo di 2 -- 6 assi CPU del CNC
⋅ Alimentatore
⋅ Interfaccia mandrino
⋅ Uscite analogiche ⋅ Controllo di 2 -- 6 assi
⋅ Interfaccia mandrino
⋅ I/O Link
Scheda RISC (solo serie M)(*1) ⋅ PMC--SB7
⋅ Uscita analogica (opzione)
Contornatura ad alta precisione ⋅ DI ad alta velocità
⋅ RS--232C x 2
Scheda Data server (*1) ⋅ Interfaccia per scheda di memoria
⋅ Interfaccia video
Funzione Data server (scheda ATA) ⋅ Ethernet

RISC + scheda Data server (solo serie M)(*1 Montata nello slot 1

Contornatura ad alta precisionen Sistema base

Funzione Data server (scheda ATA)


Opzioni
Scheda controllo caricatore (*1)
Funzione controllo caricatore
controllo di 2 -- 4 assi
Caricatore I/O (connessione I/O Link)

Scheda per le comunicazioni seriali(*3)


Buffer remoto/DNC1/DNC2

Scheda linguaggio C PMC(*3)


Funzioni linguaggio C per il PMC
Opzioni
Mini--slot
Scheda Super CAPi T (solo serie T)(*3)
Funzione conversazionale grafica

Scheda interfaccia HSSB(*3)

Interfaccia bus seriale ad alta velocità

Scheda I/O Link--II(*3)


Interfaccia I/O Link--II
Armadio a 1 slot o
Scheda Ethernet(*3) armadio a 3 slot

Interfaccia Ethernet

Scheda interfaccia DeviceNet(*3)


Interfaccia DeviceNet

Scheda PROFIBUS(*3)

Funzione PROFIBUS

Scheda FL--net(*3)
Funzione FL--net

La posizione di montaggio di una scheda opzionale dipende dal tipo della scheda:
Le schede opzionali marcate con *1 si montano nello slot opzionale 2.
Le schede opzionali marcate con *2 si montano nello slot opzionale 3.
Le schede opzionali marcate con *3 si montano in un minislot (di qualsiasi slot).

192
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

(3) Serie 21i/210i/210is

Scheda CPU principale

CPU del CNC


⋅ Alimentatore
⋅ Controllo di 2 -- 4 assi
⋅ Interfaccia mandrino
⋅ I/O Link
⋅ PMC--SA1/SB7
⋅ Uscita analogica (opzione)
⋅ DI ad alta velocità
⋅ RS--232C x 2
⋅ Interfaccia per scheda di memoria
⋅ Interfaccia video
⋅ Ethernet (opzione)
Montata nello slot 1

Scheda Data server (*1) Sistema base


Funzione Data server (scheda ATA)

Scheda controllo caricatore (*1) Opzioni

Funzione controllo caricatore


controllo di 2 -- 4 assi
Caricatore I/O (connessione I/O Link)
6

Scheda per le comunicazioni seriali(*3)


Buffer remoto/DNC1/DNC2

Scheda linguaggio C PMC(*3)


Funzioni linguaggio C per il PMC
Opzioni
Scheda Super CAPi T (solo serie T)(*3) Mini--slot

Funzione conversazionale grafica

Scheda interfaccia HSSB(*3)

Interfaccia bus seriale ad alta velocità

Scheda I/O Link--II(*3)


Interfaccia I/O Link--II
Armadio a 1 slot o
Scheda Ethernet(*3) armadio a 3 slot

Interfaccia Ethernet

Scheda interfaccia DeviceNet(*3)


Interfaccia DeviceNet

Scheda PROFIBUS(*3)
Funzione PROFIBUS

Scheda FL--net(*3)
Funzione FL--net

La posizione di montaggio di una scheda opzionale dipende dal tipo della scheda:
Le schede opzionali marcate con *1 si montano nello slot opzionale 2.
Le schede opzionali marcate con *3 si montano in un minislot (di qualsiasi slot).

193
6. HARDWARE

6.2.2 Schemi generali di connessione

Unità di controllo tipo stand--alone

Scheda principale
Slot 1

24V--IN(CP1) Alimentazione 24 VCC


24V--OUT(CP2) All’unità I/O, ecc.

Unità LCD MDUNIT


Cavo in fibra ottica
LCD(COP20A) COP20B CK2
24VCC CP1A CA55 CK1
CP1B
Memory card
(Touch panel)
R232--1(JD5A) Unità I/O RS--232--C
R232--2(JD5B)
Unità I/O RS--232--C
Uscita analogica per azionamento mandrino
A--OUT&HDI(JA40)
Ingresso salto ad alta velocità
Scheda I/O Generatore manuale di impulsi
distribuito
24VCC CPD1 JA3
I/O Link(JD44A) JD1B Pannello
operatore
JD1A

24VCC CPD1
Scheda I/O Armadio
JD1B distribuito, elettrico
JD1A unità I/O, ecc.

JD1B Servomotore
Azionamento
JD1A LCD/MDI
β con I/O Link
distaccabile
LINK(JD45)
Unità MDI
Encoder
SPDL&POS(JA41)
Interruttore
200VCA
Reattore CA 200VCA
MCC Interruttore
CX1A TB2 CX3
PSM CX4
CX1B TB1 JX1B
Encoder

CX1A TB1 CX2A JX1A


SPM JY2
JA7B TB2
JA7A TB1 CX2BJX1B
Scheda assi Motore mandrino seriale
Al secondo mandrino
Cavo in fibra ottica TB1 CX2A JX1A
FSSB(COP10A--1) COP10B SVM TB2 Servomotore asse --1
COP10A JF1
TB1 CX2B JX1B
FSSB(COP10A--2)
COP10B Servomotore asse --2
SVM
COP10A

COP10B Servomotore asse --3


SVM
COP10A

COP10B Servomotore asse --4


SVM
COP10A

Fino a 4 -- 8 assi, a seconda del modello


(qui sono usati azionamenti per un asse.)
Prima unità di interfaccia per trasduttori separati
24VCC CP11A JF101 Scala lineare asse 1
JF102 Scala lineare asse 2
COP10B JF103 Scala lineare asse 3
COP10A JF104 Scala lineare asse 4
CNF1 JA4A Batteria per scala assoluta
ETHERNET(CD38A) (Richiesta solo se si usa una scala assoluta)
Seconda unità di interfaccia
per trasduttori separati (Non utilizzabile per 21i/210i)
SV--CHK(CA69A) Scheda verifica assi
Ethernet

194
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

Quando è utilizzata una scheda opzionale

Scheda Data server

Slot 2 Scheda ATA

(CD38M/CD38T)
Ethernet
Scheda controllo caricatore
I/O Link (JD1A) Unità slave I/O Link

ESP (CNPW) EMG(24V)


Raddrizzatore freno
100VCA
BRAKE (CNBK) GND

PSM Unità principale caricatore


Scheda assi
Cavo in fibra ottica Motore
FSSB (COP10A) COP10B primo asse
COP10A
SVM caricatore 6
Motore
COP10B secondo asse
SVM caricatore
COP10A
Motore
COP10B terzo asse
SVM caricatore
COP10A
Motore
COP10B quarto asse
SVM caricatore
COP10A
Fino a 4 assi
Fine corsa
24V

IO--2 (CRM1) Attuatore

Alimentatore pezzi

TP (CNTP) Attuatore

Pannello operatore per con-


trollo caricatore
IO--1 (CNWF) SW, LED

SV--CHK (CA69D) Scheda per verifica assi

195
6. HARDWARE

Quando è utilizzata una scheda opzionale

Scheda CPU ausiliaria

Slot 3
(non utilizzabile per
21i/210i/210is)
A--OUT (JA40) Uscita analogica per azionamento mandrino

SPDL&POS (JA41) Encoder

PSM
Encoder

Motore mandrino
SPM

Scheda assi Al secondo mandrino

FSSB (COP10A--1) COP10B


Cavo in fibra ottica SVM Servomotore
COP10A secondo asse 1
FSSB (COP10A--2)
COP10B
SVM Servomotore
COP10A
secondo asse 2

COP10B
SVM Servomotore
COP10A secondo asse 3

COP10B
SVM Servomotore
COP10A secondo asse 4

Fino a 6 o 8 assi a seconda del modello

SV--CHK(CA69B) Scheda verifica assi

Scheda comunicazioni seriali


Mini slot

Scheda buffer remoto


Scheda DNC1
Scheda DNC2 Unità I/O RS--232C
RS232--3 (quando si usano la scheda buffer remoto o la scheda DNC2)
Unità I/O RS--422
RS422--1 (quando si usano la scheda buffer remoto o la scheda DNC1)
Scheda Ethernet

(CD38L/CD38R) Ethernet

Scheda HSSB

HSSB(COP7) Personal Computer


Cavo in fibra ottica
Scheda I/O Link II

(TBA) Ad un’altra unità

Scheda DeviceNet

(TBL) Ad un’altra unità

Scheda PROFIBUS (mas-


ter)
(CN1) Ad un’altra unità

Scheda PROFIBUS
(slave)
(CN2) Ad un’altra unità

Scheda FL--net

(CD38N) Ad un’altra unità

196
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

Per l’unità di visualizzazione dei CNC Serie is, sono richieste sull’unità le seguenti connessioni aggiuntive.

24VCC--IN(CP1) Alimentazione a 24VCC

Unità MDI
Cavo tasti dedicata ai PC
software
Tasti software(CK2) CK2

Unità di
Backup(CA75) backup

Ethernet lato PC
Hub, ecc.
(CD38S))

USB RS--232--C
6
lato PC(JD48)) Unità I/O RS--232C

USB tastiera stampante

197
6. HARDWARE

6.2.3 Configurazione delle schede a circuiti stampati, dei


connettori e dei moduli
6.2.3.1 Scheda CPU principale Serie 16i/18i/21i/160i/180i/
210i/160is/180is/ 210is
D Specifiche

Voce Codice
Scheda CPU principale della serie 16i/160i/160is A16B--3200--0420

Scheda CPU principale della serie 18i/180i/180is A16B--3200--0421

Scheda CPU principale della serie 21i/210i/210is A16B--3200--0425

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

MAIN

Scatola batteria BAT1: Batteria


LEDs
JD5A: Porta seriale RS232C
JD5B: Porta seriale RS232C
CNM1B: Memory card
JD1A: I/O Link
JA40: Uscita analogica/DI ad alta velocità
JA41: Mandrino seriale/encoder
JD45: CRT LINK/MDI

STATUS: LED a 7 segmenti


COP20A : Connessione all’unità LCD
CA69A: Verifica assi

CP1(destra): 24VCC IN
CP2(sinistra): 24VCC OUT
FUSE: LED di indicazione fusibile bruciato

COP10A--2:FSSB MTSW: Selettore rotativo


PSW: Pulsante
COP10A--1:FSSB Terminale connessione SG
CD38A:Ethernet

LED a 7 segmenti STATUS: Usato nelle operazioni di impostazione e di


manutenzione, insieme al selettore rotativo
MTSW e al pulsante PSW.
Selettore rotativo MTSW: Usato nelle operazioni di impostazione e di
manutenzione, insieme al LED a 7 segmenti
STATUS e al pulsante PSW.
Pulsante PSW: Usato nelle operazioni di impostazione e di
manutenzione, insieme al LED a 7 segmenti
STATUS e al selettore rotativo MTSW.

198
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Posizione di montaggio delle schede e dei moduli DIMM

(4) Alimentatore

(1) Scheda CPU

(5) Modulo
mandrino analogico

(2) Scheda
controllo
visualizzazione

(3) Scheda controllo


assi
6
(6) Modulo FROM/SRAM

N. Voce Codice Funzione Note


(1) Scheda A20B--3300-- DRAM 16MB
CPU 0310 per Serie
16i/18i/160i/180i/
160is/180is
A20B--3300-- DRAM 32MB
0311 per Serie
16i/18i/160i/180i/
160is/180is
A20B--3300-- DRAM 16MB
0291 per Serie
21i/210i/210is
A20B--3300-- DRAM 32MB
0290 per Serie
21i/210i/210is
A20B--3300-- DRAM 16MB Quando con la Se-
0312 per Serie rie 21i/210i/ 210is
21i/210i/210is si usa la funzione
Eh
Ethernet incorpo-
i
A20B--3300-- DRAM 32MB
rata
0313 per Serie
21i/210i/210is
(2) Scheda A20B--3300-- LCD/MDI
controllo 0340 Ethernet incorporato
visualizza-
i li
A20B--3300-- Display link
zione
0360 Ethernet incorporato
A20B--3300-- MDI
0362 Ethernet incorporato
A20B--3300-- Senza unità di
0364 visualizzazione
Ethernet incorporato
A20B--3300-- LCD/MDI Quando con la se-
0341 rie 21i/210i/ 210is
non sii usa la
l fun-
f
A20B--3300-- Display link
zione Ethernet in-
0361
corporata
A20B--3300-- MDI
0363

199
6. HARDWARE

N. Voce Codice Funzione Note


(3) Scheda A20B--3300-- Controllo di 2 assi Software assi
controllo 0033 Serie 9090
assii (21i)
A20B--3300-- Controllo di 4 assi
0032
A20B--3300-- Controllo di 2 assi Software assi
0243 Serie 90B0
A20B--3300-- Controllo di 4 assi
0242
A20B--3300-- Controllo di 6 assi
0241
A20B--3300-- Controllo di 8 assi
0240
A20B--3300-- Controllo di 4 assi Software assi
0248 Serie 90B0
(HRV add alta
lt velo-
l
A20B--3300-- Controllo di 6 assi
cità)
0245
A20B--3300-- Controllo di 8 assi
0244
A20B--3300-- Controllo assi con Software assi
0246 apprendimento Serie 90B3/90B7
A20B--3300-- Controllo assi con Software assi
0247 apprendimento Serie 90B3/90B7
(HRV ad alta velo-
cità)
A17B--3300-- Applicabile al doppio Software assi
0500 controllo di sicurezza Serie 90B0
Controllo di 8 assi Software di moni-
toraggio
Serie 90B9
(4) Alimenta- A20B--8100--
tore 0851
(5) Modulo A20B--3900-- Encoder per
mandrino 0170 mandrino analogico
analogico
(6) Modulo A20B--3900-- FROM 16MB La FROM contiene
FROM/ 0160 SRAM 1MB p
vari prodotti soft-
SRAM ware di controllo.
t ll
A20B--3900-- FROM 16MB
La SRAM è ali-
0161 SRAM 2MB
mentata da una
A20B--3900-- FROM 16MB batteria.
0162 SRAM 3MB
A20B--3900-- FROM 32MB
0163 SRAM 1MB
A20B--3900-- FROM 32MB
0164 SRAM 2MB
A20B--3900-- FROM 32MB
0165 SRAM 3MB
A20B--3900-- FROM 16MB
0180 SRAM 256kB
A20B--3900-- FROM 16MB
0181 SRAM 512kB
A20B--3900-- FROM 32MB
0182 SRAM 256kB
A20B--3900-- FROM 32MB
0183 SRAM 512kB

200
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Indicazioni dei LED


• LED del fusibile

FUSE (Rosso) Si accende se brucia il fusibile.

• Transizione dei LED di stato all’accensione j: Off J: On

LED a 7
STATO Stato
segmenti
Spento jjjj Spenta

8 JJJJ CPU non attivata dopo l’accensione

F Caricamento del sistema NC iniziato dal boot--system

9 jJJJ Sistema NC avviato e inizializzazione RAM


completata 6
8 JjJJ Attesa impostazione ID processore sistema

7 jjJJ Impostazione ID processore sistema completata Ini-


zializzazione circuiti visualizzazione completata

6 JJjJ Inizializzazione bus FANUC completata

5 jJjJ Caricamento dalla memoria flash completato


Inizializzazione PMC completata
Schermo ”Serie e versione” visualizzato
4 JjjJ Impostazione dati configurazione hardware comple-
tata per tutte le schede a circuiti stampati del sistema

3 jjjJ Inizializzazione ladder PMC completata

2 jJJj Attesa inizializzazione assi e mandrino

1 JJJj Inizializzazione assi e mandrino completata

0 Jjjj Inizializzazione completata, funzionamento normale

• Indicazioni dei LED durante l’avvio del funzionamento automatico.


Quando il segnale di avvio del funzionamento automatico in corso -- STL
(F0.5) -- è 1, il LED a 7 segmenti ripete ciclicamente il seguente schema:

• Indicazione dei LED quando si verifica un allarme della batteria

ALARM Jjj La batteria della SRAM è esaurita.

201
6. HARDWARE

• Indicazioni dei LED quando si verifica un allarme di sistema


j: Spento J: Acceso l: Lampeggiante
(se è utilizzata la scheda CPU A20B--3300--031X)

ALARM jJj Errore del sistema. Il software ha rilevato un er-


rore ed ha fermato il sistema.

ALARM JJj Si è verificato un errore nel bus locale della


scheda CPU principale.

ALARM jjJ Sistema in emergenza. L’hardware ha rilevato un


errore.

ALARM JlJ Il cavo in fibra ottica tra il CNC e l’LCD è


interrotto.
Oppure una scheda a circuiti stampati
dell’LCD è guasta.
Se il cavo ottico è interrotto, è acceso an-
che il punto del LED a 7 segmenti.
In questo caso, il video dell’unità LCD
lampeggia.

ALARM jJJ E’ stato rilevato un errore di parità o ECC della


SRAM.

ALARM JJJ E’ stato rilevato un errore di parità della DRAM.

ALARM lll Si è verificato un errore di bus nella CPU princi-


pale.

(Se è utilizzata la scheda CPU A20B--3300--029X)

ALARM jJj Errore del sistema. Il software ha rilevato un er-


rore ed ha fermato il sistema.

ALARM JJj Si è verificato un errore nel bus locale della


scheda CPU principale.
Oppure si è verificato un errore di bus nella CPU
principale.
Oppure è stato rilevato un errore di parità della
DRAM.

ALARM jjJ Sistema in emergenza. L’hardware ha rilevato un


errore.
Oppure si è verificato un errore di bus nella CPU
principale.
Oppure è stato rilevato un errore di parità della
DRAM.

ALARM JjJ Il cavo in fibra ottica tra il CNC e l’LCD è


interrotto.
Oppure una scheda a circuiti stampati
dell’LCD è guasta.
Se il cavo ottico è interrotto, è acceso an-
che il punto del LED a 7 segmenti.
In questo caso, il video dell’unità LCD
lampeggia.

ALARM jJJ E’ stato rilevato un errore di parità o ECC della


SRAM.

NOTA1 Se si verifica un allarme di sistema, l’hardware può essere guasto.


NOTA2 Se all’accensione del sistema viene rilevata un’interruzione del
cavo in fibra ottica tra il CNC e l’LCD, i LED di allarme indicano alter-
nativamente: JjJ → jJj

202
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

• Indicazioni del LED a 7 segmenti quando si verifica un allarme di


sistema
Se si verifica un allarme di sistema, lampeggia un numero che dipende
dal numero di allarme.

Numero al-
LED a 7
larme di Tipo di allarme
segmenti
sistema
0 900 -- 909 Allarme di parità ROM
Parità della ROM di sistema residente nella
FROM

1 910 -- 919 Allarme parità SRAM o DRAM

2 920 -- 929 Allarme degli assi

3 930 -- 949 Interrupt della CPU o errore ECC della SRAM 6


5 950 -- 959 Allarme del sistema PMC

7 970 -- 979 Errore del bus o interrupt non mascherabile

8 Altri Altri allarmi di sistema

NOTA Se si verifica un allarme di sistema, l’hardware può essere guasto.

203
6. HARDWARE

6.2.3.2 Scheda CPU ausiliaria


D Specifiche

Voce Codice
Scheda CPU ausiliaria A16B--2203--0751

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

Indicazioni dei LED

JA40--2: Uscita analogica

JA41--2: Mandrino seriale/encoder

COP10A--2: FSSB2 CA69B: Verifica assi

COP10A--1: FSSB2

204
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Posizione di montaggio delle schede e dei moduli DIMM

(1) Scheda CPU

(2) Scheda
controllo assi
6

N. Voce Codice Funzione Note


(1) Scheda A20B--3300--0310 DRAM 16MB
CPU
A20B--3300--0311 DRAM 32MB

(2) Scheda A20B--3300--0243 Controllo di 2 assi Software assi


controllo Serie 90B0
assi A20B--3300--0242 Controllo di 4 assi

A20B--3300--0241 Controllo di 6 assi

A20B--3300--0240 Controllo di 8 assi

A20B--3300--0248 Controllo di 4 assi Software assi


Serie 90B0
A20B--3300--0245 Controllo di 6 assi (HRV ad alta
A20B--3300--0244 Controllo di 8 assi velocità)

A20B--3300--0246 Controllo assi con Software assi


apprendimento Serie
90B3/90B7

A20B--3300--0247 Controllo assi con Software assi


apprendimento Serie
90B3/90B7
(HRV ad alta
velocità)

D Indicazioni dei LED


• Indicazioni dei LED all’accensione j: Off J: On

STATUS jjjj Spenta

STATUS JJJj CPU non attivata dopo l’accensione

STATUS Jjjj Inizializzazione completata, funzionamento


normale in corso

• Indicazioni dei LED quando si verifica un allarme di sistema


j: Spento J: Acceso l: Lampeggiante

ALARM jJj Allarme degli assi

ALARM Jjj E’ stato rilevato un errore di parità della DRAM.

ALARM ljj Si è verificato un errore di bus nella CPU ausiliaria.

NOTA Se si verifica un allarme di sistema, l’hardware può essere guasto


205
6. HARDWARE

6.2.3.3 Scheda RISC, scheda Data server, scheda RISC + Data


server, scheda fast Data server, scheda RISC + fast
Data server

Una sola scheda opzionale può fornire ambedue le funzioni RISC e Data
server. Se serve la sola funzione RISC, si usa una scheda RISC. Se serve
la sola funzione Data server, si usa la scheda Data server. Se servono
ambedue le funzioni si usa una scheda RISC + Data server.
Se è utilizzata la funzione Data server, sulla scheda è montato un adattatore
per scheda ATA. Questa scheda e l’adattatore per scheda ATA sono
connessi con un cavo piatto.
D Specifiche

Voce Codice
Scheda RISC + Data server A16B--3200--0390

Scheda RISC A16B--3200--0391

Scheda Data server A16B--3200--0352

Scheda CPU (tipo standard) A20B--3300--0102

Adattatore scheda ATA A20B--2100--0500

Scheda RISC + fast Data server A16B--3200--0460

Scheda fast Data server A16B--3200--0462

Scheda CPU (tipo ad alta velocità) A16B--3300--0401

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

Una scheda RISC


ha solo questi LED.

CD38M/CD38T
Adattatore scheda ATA

206
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Posizione di montaggio delle schede (per scheda RISC, scheda RISC +


Data server)

(1) Scheda CPU

N. Voce Codice Funzione Note


(1) Scheda A20B--3300--0102 Tipo standard
CPU
A17B--3300--0401 Tipo ad alta velocità

D LED della funzione RISC


La funzione RISC usa i LED verdi di stato e i LED rossi di allarme, che si
trovano nella parte alta del frontalino. I LED rossi di allarme sono utilizzati
anche dalla funzione data server.
<1> Indicazioni di stato dei LED (LED verde acceso)
LED di allarme Stato
jjjj L’alimentazione non è accesa.

Jjjj Attesa del CNC (1) (Controllare la causa sul CNC.)

jJjj ID del modulo errato (Sostituire la scheda o il modulo FROM.

JJjj Attesa del CNC (5) (Controllare la causa sul CNC.)

jjJj Test della ROM fallito (Sostituire la scheda o il modulo FROM.)

JjJj Attesa del CNC (3) (Controllare la causa sul CNC.)

JJJj Errore di sistema (Sostituire la scheda o il modulo FROM.)

jjjJ Test della RAM fallito (Sostituire la scheda.)

JjjJ Attesa del CNC (2) (Controllare la causa sul CNC.)

Parametro errato (Sostituire la scheda o il modulo FROM.)


jJjJ
(Solo serie B437)

Test DRAM fallito/attesa dell’interrupt nei cicli di interpolazione


jjJJ
(sostituire la scheda.)

Attesa del CNC (4) (Controllare la causa sul CNC.) (Solo serie
JjJJ
B451)

JJJJ L’alimentazione è accesa, ma il processore non è ancora partito.

J : ON j : OFF
207
6. HARDWARE

<2> Indicazioni di stato dei LED (LED verde lampeggiante)

LED di allarme Stato


Ljjj Comando in esecuzione (reset)

jLLj Comando in esecuzione (preprocessing, processo di distri-


buzione)

jjjL Attesa di un comando

jLjL Attesa immissione frase NC

LLjL Comando in esecuzione (modifica parametri)


(solo serie B437)

jjLL Funzionamento automatico non iniziato. (Sostituire la


scheda.) (Solo serie B451)

L : Lampeggiante j : Spento

<3> Indicazioni dei LED di allarme (LED rossi)

LED di allarme Stato


JjJ L’alimentazione del processore della scheda RISC è
anormale.

jjJ Si è verificato un errore di parità DRAM sulla scheda CPU.

JJj Sistema in emergenza.

jJj (Riservato)

J : ON j : OFF
NOTA Una diversa configurazione dei LED indica un errore dell’opzione
Data server.

208
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D LED della funzione Data server


La funzione data server usa quattro LED verdi di stato e gli stessi LED rossi
di allarme usati dalla funzione RISC. La funzione data server usa anche altri
LED verdi e un singolo LED rosso per visualizzare lo stato delle
comunicazioni.

Stato della funzione RISC

Usati dalle funzioni RISC e data server

Stato della funzione data server

Stato delle comunicazioni


6

Transizione dei LED di stato all’accensione


Stato dei LED f: Spento F: Acceso l: Lampeggiante Z: Non importa

Indicazioni dei LED


N. Stato della scheda
(L1 -- L4)
1 ff Spenta
ff

2 FF Stato iniziale immediatamente dopo l’ac-


FF censione

3 fF MPU initializzato
FF

4 fF Firmware caricato
fF

5 fF Migrazione controllo a OS
ff

6 Ff OS FASE 1
FF

7 ff OS FASE 2
FF

8 Ff OS FASE 3
fF

9 ff OS FASE 4
fF

10 lf Attivazione completata
ff

Se la scheda si attiva normalmente, il sistema entra nello stato 10 e ci resta


finché non viene rilevato un errore.
Indicazioni dei LED di stato (L1 -- L4) nel caso di un errore
Se si verifica un errore, i LED di stato lampeggiano ripetutamente secondo
lo schema ”LUNGO” poi ”CORTO”. LUNGO e CORTO si riferiscono al
periodo di accensione dei LED.
209
6. HARDWARE

D Per scheda data server


Stato dei LED f: Off F: On

Indicazioni dei
N. LED di stato Stato della scheda
LUNGO CORTO
fF Ff
1 Reset del sistema
ff ff

2
fF ff Errore causato da Controllo macchina
ff Ff questa scheda.
q
fF Ff
3 Allarme parità DRAM
fF ff

fF ff Errore causato da
4 NMI di un altro modulo
fF Ff un’altra scheda.

D Per scheda fast Data server


Indicazioni dei
N. LED di stato Stato della scheda
LUNGO CORTO
fF Ff
1 Allarme parità SDRAM
fF Ff

fF ff Errore causato da Istruzione generale non


2
Ff ff questa scheda.
q valida

fF Ff Istruzione slot non va-


3
Ff ff lida

fF Ff Errore causato da
4 NMI di un altro modulo
fF ff un’altra scheda.

NOTA Se si verifica un errore indicato da una ripetizione dello schema


LUNGO--CORTO diversa dalle precedenti contattare la GE Fanuc.
Indicazione dei LED quando si verifica un errore (ALARM)
Stato dei LED j: Off J: On
Indicazioni dei LED
N. Stato della scheda
123
1 jJJ Errore di trasferimento MPU

2 JJJ Si è verificato un errore di parità nella memoria


principale.

NOTE Le altre configurazioni dei LED di allarme indicano un errore della


funzione RISC.
Indicazioni dei LED relativi allo stato delle comunicazioni (L5 -- L8)
Stato dei LED f: Spento F: Acceso l: Lampeggiante Z: Non importa

N. Indicazioni dei LED Stato delle comunicazioni


1 ZZ Trasmissione dati in corso
FZ

2 ZZ Ricezione dati in corso


ZF

3 ZF Hub connesso normalmente


ZZ

4 FZ Si accende quando è stabilita una connessione


ZZ 100BASE--TX (per scheda fast Data server)

210
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

Stato delle comunicazioni (COL)

N. Indicazioni dei LED Stato delle comunicazioni


1 F Si accende quando si verifica una collisione di dati.

COL: Questo LED si accende frequentemente quando il traffico sulla


linea di comunicazione è eccessivo, o se esistono troppi disturbi
elettrici periferici.
6.2.3.4 Scheda controllo caricatore
D Specifiche

Nome Specifiche
Scheda controllo caricatore A16B--2203--0740
6
D Posizione dei connettori

Indicazioni dei LED

JD1A : I/O LINK FANUC

CNBK : Uscita azionamento freno

CNPW : Controllo arresto in emergenza

LED per allarme I/O

CRM1 : DI/DO per il corpo principale


del caricatore

COP10A : FSSB CA69D : Verifica assi

CNTP : DI/DO per il pannello operatore


del caricatore

CNWF : DI/DO per l’alimentatore dei pezzi

211
6. HARDWARE

D Posizione delle schede

(1) Scheda CPU

(2) Scheda controllo assi

N. Voce Codice Funzione Note


Controllo
(1) Scheda CPU A20B--3300--0291
CNC

A20B--3300--0032 4 assi
(2) Scheda controllo Controllo assi
assi A20B--3300--0033 2 assi

212
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Transizione dei LED all’accensione

N. Indicazioni dei Stato NC


LED
1 STATUS:jjjj Spenta

2 STATUS:JJJJ Stato iniziale immediatamente dopo l’accensione.

3 STATUS:jJJJ RAM inizializzata

4 STATUS:JjJJ ID del software impostato; chiavi inizializzate

5 STATUS:jjJJ Attesa completamento inizializzazione software 1

6 STATUS:JJjJ Attesa completamento inizializzazione software 2

7 STATUS:jJjJ Encoder inizializzato, ecc.

8 STATUS:jJJj Attesa inizializzazione servosistema digitale


6
9 STATUS:Jjjj Inizializzazione completata (stato stabile)

J : ON j : OFF
I LED di stato sono verdi.

D Indicazione dei LED quando si verifica un errore

Indicazioni dei Descrizione


LED
ALM:jJj Si è verificato un errore del sistema.
Il software ha rilevato l’errore ed ha fermato il sistema.

ALM:JJj Si è verificato un errore nel bus locale della scheda


controllo caricatore.

ALM:jjJ Si è verificata una condizione di emergenza. L’hardware


ha rilevato un errore.

ALM:jJJ Si è verificato un errore di parità SRAM nella scheda


controllo caricatore.

J : ON j : OFF
I LED di allarme sono rossi.
NOTA Quando si verificano simultaneamente due o più errori, i LED assu-
mono la configurazione indicata nella parte bassa della tabella.

213
6. HARDWARE

6.2.3.5 Scheda linguaggio C, scheda per le comunicazioni seriali


D Specifiche

Voce Codice
Scheda linguaggio C A20B--8100--0330

Scheda per le R.B./DNC2: I/F RS232C A20B--8100--0334


comunicazioni
seriali R.B./DNC2: I/F RS422 A20B--8100--0335

DNC1: I/F RS485 A20B--8100--0336

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

JNA
connettore
pannello
posteriore
F--BUS

Questo connettore è montato sulla


scheda delle comunicazioni seriali.
JD5L: Interfaccia RS232C
JD6L: Interfaccia RS422/485

D Indicazioni dei LED


• Indicazioni dei LED nel caso di un errore j: Off J: On

CBA Stato
jjJ La CPU non è ancora in funzione (stato di reset).(*1)

JJj Si è verificato un errore di parità nella DRAM.

jJj Si è verificato un errore di bus nella CPU di questa scheda.

Jjj Si è verificato un errore nel bus locale di questa scheda.

NOTA1 I LED hanno questa configurazione quando la CPU è nello stato di


reset immediatamente dopo l’accensione.
NOTA2 Queste configurazioni dei LED, salvo l’indicazione dello stato di re-
set all’accensione, indicano che probabilmente l’hardware è gua-
sto.

214
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Posizione di montaggio delle schede e dei moduli DIMM

(1) Modulo DRAM

N. Voce Codice Funzione Note


(1) Modulo DRAM A20B--3900--0042 RAM del sistema 4MB

215
6. HARDWARE

6.2.3.6 Scheda interfaccia HSSB


D Specifiche

Voce Codice
Scheda interfaccia HSSB A20B--8001--0730

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

JNA
connettore
SW1 pannello
(Fino alla versione posteriore F--
PWB03) BUS

SW1 COP7: Interfaccia del bus seriale


(dalla versione PWB04 in poi) ad alta velocità (HSSB)

D Indicazioni dei LED


LEDB Rosso Le comunicazioni HSSB si sono interrotte.

LEDA Rosso Si è verificato un errore di parità nella RAM comune


della scheda.
La RAM comune è montata su questa scheda. La
RAM è usata per lo scambio di informazioni tra il
CNC e il personal computer ed è priva di batteria.

Indicazioni di stato dei LED verdi j: Off J: On

4321 Stato
JJJJ Immediatamente dopo l’accensione

JJJj Inizializzazione della scheda HSSB in corso

JJjJ In attesa del boot del PC

JJjj Visualizzazione dello schermo CNC sul PC

Jjjj Attivazione terminata normalmente, funzionamento


normale in corso

jJJj Errore termico rilevato dall’unità di visualizzazione con


funzioni di PC o PANEL i

jJjJ Comunicazioni HSSB interrotte

jJjj Errore di parità nella RAM comune

jjJJ Errore di comunicazione

jjJj Allarme batteria nell’unità di visualizzazione CNC con


funzioni di PC o PANEL i

NOTA In questa tabella il termine PC include PANEL i, unità di visualizza-


zione CNC con funzioni di PC, e unità di visualizzazione CNC per
la Serie is

216
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Selettore rotativo
1) Impostazione del selettore rotativo in caso di connessione a PC o
PANEL i
La sequenza di avvio all’accensione può essere modificata agendo sul
selettore rotativo montato sulla scheda.

Impostazione del Descrizione


selettore rotativo
0 Impostazione per la manutenzione
Compare il menu di avvio. Boot e IPL possono essere
avviati dal PC o dal PANEL i.
1 Impostazione per il funzionamento normale.
Il menu di avvio non compare.
Boot e IPL non possono essere avviati dal PC o dal
PANEL i.
6
2 Il CNC e il PC (o il PANEL i) sono avviati indipendente-
mente l’uno dall’altro, senza handshake.
* CNC
Il CNC è disponibile se il PC non è acceso o non è
connesso.
(Per operare sono necessari il video del CNC, l’MDI,
il pannello dell’operatore, ecc.)
Se il PC o il PANEL i sono connessi e accesi il menu
di avvio non è visualizzato.
* PC o PANEL i
Se il CNC è acceso, il menu di avvio non è visualiz-
zato e non è possibile avviare il boot o l’IPL dal PC o
dal PANEL i.
Questa impostazione dà modo di accendere e spe-
gnere individualmente il PC (o il PANEL i) e il CNC, se
è installato il driver HSSB per Windows 95/98, NT4.0 o
2000.
Nel caso di una connessione multipla (connessione di
più di un CNC ad un PC o PANEL i), usare normal-
mente questa impostazione.

NOTA Il termine PANEL i usato in questo contesto rappresenta un


hardware che può funzionare in stand--alone (o fornire un’op-
zione stand--alone).

217
6. HARDWARE

2) Impostazione del selettore rotativo in caso di connessione a un’unità di


visualizzazione CNC con funzioni di PC
La sequenza di avvio all’accensione può essere modificata agendo sul
selettore rotativo della scheda e usando il terminale di corto (SW5)
sull’unità di visualizzazione CNC con funzioni di PC.

Imposta- Terminale Descrizione


zione del se- di corto (SW5)
lettore rota-
tivo
0 APERTO Impostazione per la manutenzione
Compare il menu di avvio. E’ possibile
avviare il boot e l’IPL dall’unità di visua-
lizzazione CNC con funzioni di PC o dal
PANEL i.

1 APERTO Impostazione per il funzionamento nor-


male.
Il menu di avvio non compare.
Non è possibile avviare il boot o l’IPL
dall’unità di visualizzazione CNC con fun-
zioni di PC o dal PANEL i.

2 CORTO Il CNC e l’unità di visualizzazione CNC


con funzioni di PC o il PANEL i sono av-
viati indipendentemente l’uno dall’altro
senza handshake.
* CNC
-- Il CNC è disponibile se l’unità di vi-
sualizzazione CNC con funzioni di
PC o il PANEL i non sono accesi o
non sono connessi. (Per operare
sono necessari il video del CNC,
l’MDI, il pannello dell’operatore, ecc.)
-- Se l’unità di visualizzazione CNC
con funzioni di PC o il PANEL i sono
connessi e accesi, il menu di avvio
non è visualizzato.
* Unità di visualizzazione CNC con fun-
zioni di PC o PANEL i
-- L’unità di visualizzazione CNC con
funzioni di PC o il PANEL i sono di-
sponibili se il CNC non è acceso o
non è connesso.
-- La funzione di gestione della tempe-
ratura dell’unità di visualizzazione
CNC con funzioni di PC o del PANEL
i non funziona. Accertarsi che la tem-
peratura sia appropriata per l’unità di
visualizzazione CNC con funzioni di
PC o il PANEL i.
-- Se il CNC è connesso e acceso, il
menu di avvio non è visualizzato e
non è possibile avviare il boot o l’IPL
dall’unità di visualizzazione CNC con
funzioni di PC o dal PANEL i.
Questa posizione deve essere usata solo
per la manutenzione.

218
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

3) Impostazione del selettore rotativo in caso di connessione all’unità di


visualizzazione CNC per la serie is
La sequenza di avvio all’accensione può essere modificata agendo sul
selettore rotativo della scheda. Normalmente mettere il selettore
rotativo nella posizione 1.

Impostazione del Descrizione


selettore rotativo
0 Impostazione per la manutenzione
Compare il menu di avvio. Boot e IPL possono essere
avviati dal PC.
1 Impostazione per il funzionamento normale.
Il menu di avvio non compare.
Boot e IPL non possono essere avviati dal PC.

2 Impostazione per la manutenzione 6


Normalmente questa posizione non è utilizzata.

7 Impostazione per la manutenzione


Il menu di avvio è visualizzato quando sono premuti i
tasti MDI <6> e <7>.
Boot e IPL possono essere avviati dal PC.

219
6. HARDWARE

6.2.3.7 Scheda Symbol CAPi T


D Specifiche

Voce Codice
Scheda Symbol CAPi T A20B--8100--0560

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

JNA
connettore pannello
posteriore F--BUS

Pin di impostazione TM1

Connettore CP8B

D Indicazioni dei LED

Indicazioni dei LED rossi j: Off J: On

CAB Stato
jjJ Si è verificato un errore nel bus locale di questa scheda.

jJj Si è verificato un errore nel bus locale di questa scheda.


Oppure si è verificato un errore nella scheda CPU prin-
cipale o in un’altra scheda opzionale.

jJJ La CPU non è ancora in funzione (stato di reset).(*1)

Jjj Si è verificato un allarme di parità della SRAM.

JjJ Si è verificato un errore di bus nella CPU di questa


scheda.

JJj Si è verificato un allarme di parità della DRAM.

NOTA1 I LED hanno questa configurazione quando la CPU è nello stato di


reset immediatamente dopo l’accensione.
NOTA2 Queste configurazioni dei LED, salvo l’indicazione dello stato di reset
all’accensione, indicano che probabilmente l’hardware è guasto.

D Pin di impostazione TM1 e connettore CP8B


Il pin di impostazione TM1 e il connettore CP8B sono utilizzati in fabbrica per
l’esecuzione dei test. L’impostazione del pin non deve essere cambiata.

220
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Posizione di montaggio delle schede e dei moduli DIMM

(1) Modulo DRAM

N. Voce Codice Funzione Note


(1) Modulo DRAM A20B--3900--0042 RAM del sistema 4MB

6.2.3.8 Scheda I/O Link--II

D Specifiche

Voce Codice
Scheda I/O Link--II A20B--8100--0381

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

Pin di impostazione SH1 JNA


connettore pannello
posteriore F--BUS

TBA: Interfaccia I/O Link--II

D Indicazioni dei LED


• Indicazioni dei LED di stato (verdi)

Stato
LED1 Si accende quando la scheda esce dallo stato di reset ed inizia a
funzionare.

LED2 Si accende quando iniziano le comunicazioni. Rimane acceso fino al


successivo reset.

LED3 Si accende ogni volta che viene eseguita una trasmissione. (Di fatto
questo LED sembra acceso continuamente.)

LED4 Riservato

221
6. HARDWARE

• Indicazioni dei LED di allarme (rossi)

Stato
LED1 Si accende quando la scheda esce dallo stato di reset ed inizia a
funzionare.

LEDA Si accende se alla ricezione dei dati viene rilevato uno dei seguenti
errori. Questo LED si spegne quando successivamente vengono rice-
vuti dati normali.
· Overflow del buffer di ricezione
· Dati incompleti (numero frazionario di bit)
· Overrun
· Errore CRC
· Interruzione

LEDB Si accende quando nella DRAM di questa scheda si verifica un errore


di parità.

D Pin di impostazione SH1


Questo pin si usa per definire come master o come slave la scheda I/O
Link--II.

6.2.3.9 Scheda Ethernet, scheda fast Ethernet


D Specifiche

Voce Codice
Scheda Ethernet A20B--8100--0450

Scheda fast Ethernet A20B--8100--0670

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.


Per scheda Ethernet

LEDB
LEDA
LED4 JNA
LED3 connettore pannello
LED2 posteriore F--BUS
LED1
LED6
LED5

CD38L : Interfaccia Ethernet

Per scheda fast Ethernet

ALM
COM JNA
LED4
LED3 connettore pannello
LED2 posteriore F--BUS
LED1
LIL
COL

BTX

CD38R : Interfaccia Ethernet

222
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Indicazioni dei LED


• Transizione di stato dei LED verdi all’accensione

N. 4321 Stato della scheda


1 jjjj Spenta.

2 JJJJ Stato iniziale immediatamente dopo l’accensione

3 JJJj MPU initializzato

4 JJjj Firmware caricato

5 Jjjj Migrazione controllo a OS

6 jJJJ OS FASE 1

7 jJJj OS FASE 2

8 jJjJ OS FASE 3 6
9 jJjj OS FASE 4

10 jjjl Sequenza di avvio completata

Se la scheda si attiva normalmente, il sistema entra nello stato 10 e ci resta


finché non viene rilevato un errore.
• Indicazioni dei LED di stato (verdi) nel caso di un errore
I LED di stato lampeggiano ripetutamente secondo lo schema LUNGO
poi CORTO. LUNGO e CORTO si riferiscono al periodo di accensione
dei LED.
(1) Per scheda Ethernet

Indicazioni dei
LED di stato
N
N. Stato della scheda
LUNGO CORTO
4321 4321
1 Jjjj jjjJ Errori causati da Reset del sistema
questa scheda
scheda.
2 Jjjj jjJj Controllo macchina

3 JJjj jjjJ Allarme parità DRAM

4 JJjj jjJj Errore causato da NMI di un altro modulo


un’altra scheda.

(2) Per scheda fast Ethernet

Indicazioni dei
LED di stato
N
N. Stato della scheda
LUNGO CORTO
4321 4321
1 JJjj jjJJ Errori causati da Allarme parità SDRAM
questa scheda
scheda.
2 JjJj jjjj Istruzione generale non
valida

3 JjJj jjjJ Istruzione slot non valida

4 JJjj jjjJ Errore causato da NMI di un altro modulo


un’altra scheda.

NOTA Se si verifica un errore indicato da una ripetizione dello schema


LUNGO--CORTO diversa dalle precedenti contattare la GE Fanuc.

223
6. HARDWARE

• Indicazione del LED di allarme (rosso) nel caso di un errore

Stato della scheda


LEDB Si accende quando nella memoria principale di questa
ALM scheda si verifica un errore di parità.

• Indicazioni dei LED relativi allo stato delle comunicazioni (solo LEDA
(COL) è rosso.)
(1) Per scheda Ethernet

Stato delle comunicazioni


LED5 (TX) Si accende durante la ricezione dei dati.

LED6 (RX) Si accende durante la trasmissione dei dati.

LEDA (COL) Si accende quando si verifica una collisione di dati.

(2) Per scheda fast Ethernet

Stato delle comunicazioni


COM Si accende durante la ricezione dei dati.

LIL Lights when the Fast Ethernet is successfully connected to


the hub.

COL Si accende quando si verifica una collisione di dati.

BTX Si accende quando è stabilita una connessione con


100BASE--TX

NOTE
LIL : Se questo LED non è acceso, le comunicazioni non hanno luogo.
E’ probabile che la scheda fast Ethernet non sia connessa all’hub
normalmente. Il LED è spento anche quando l’hub non è alimen-
tato. Quando la scheda fast Ethernet è connessa normalmente
all’hub questo LED è sempre acceso.
LEDA, COL :
Il LED A (COL) si accende frequentemente quando il traffico sulla
linea di comunicazione è eccessivo, o se esistono troppi disturbi
elettrici periferici.

224
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

6.2.3.10 Scheda DeviceNet


D Specifiche

Voce Codice
Scheda DeviceNet A20B--8100--0491

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

JNA
connettore
pannello
Scheda figlia posteriore F--BUS
(altro produttore)
6

TM1
TBL: Interfaccia DeviceNet Pin di impostazione
master/slave

D Indicazioni dei LED


• Significato del LED rosso

LEDA Si accende quando si verifica un errore nella scheda figlia.


Se si accende questo LED, sostituire la scheda DeviceNet.

• Significato dei LED verdi

321 Stato
jjJ Questa scheda è impostata come master.

jJJ Questa scheda è impostata come slave.

• Significato dei LED verdi

MNS LED di stato del modulo DeviceNet/rete.


Questo LED indica se la scheda DeviceNet è accesa e se le
comunicazioni DeviceNet sono eseguite normalmente.
Per il significato degli stati indicati da questo LED, riferirsi
alla documentazione fornita da ODVA.

HEALTH LED di stato della scheda figlia.


All’accensione della scheda questo LED è rosso. Alla fine
del caricamento nella scheda figlia interna del firmware, il
LED diventa verde. Lo stato verde permane.
Se il LED non diventa verde, sostituire la scheda DeviceNet.

D Pin di impostazione master/slave


Questo pin permette di commutare tra la funzione master e la funzione slave
di DeviceNet.
D Precauzioni
Questa scheda DeviceNet può essere rimossa dopo aver rimosso la scheda
CPU principale.
Sulla scheda DeviceNet è montata una scheda figlia di un altro produttore.
Non è possibile sostituire la sola scheda figlia.

225
6. HARDWARE

6.2.3.11 Scheda master PROFIBUS


D Specifiche

Voce Codice
Scheda master PROFIBUS A20B--8100--0470

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

JNA
connettore
pannello
posteriore F--BUS

CN1: Interfaccia PROFIBUS

D Indicazioni dei LED


• Indicazioni dei LED di stato (verdi)

Stato
LED1 Si accende quando la scheda esce dallo stato di reset ed inizia a fun-
zionare.
Questo LED rimane spento all’accensione.

LED2 E’ acceso quando le comunicazioni sono eseguite normalmente.


Questo LED rimane spento all’accensione.

6.2.3.12 Scheda slave PROFIBUS


D Specifiche

Voce Codice
Scheda slave PROFIBUS A20B--8100--0440

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

JNA
connettore
pannello
posteriore F--BUS

CN2: Interfaccia PROFIBUS

226
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Indicazioni dei LED


• Indicazioni dei LED di stato (verdi)

Stato
LED1 Si accende quando la scheda esce dallo stato di reset ed inizia a funzio-
nare.
Questo LED rimane spento all’accensione.

LED2 Si accende quando iniziano le comunicazioni.


Questo LED rimane spento all’accensione. Il LED è spento anche nei
seguenti casi:
· Quando non sono stati ricevuti i parametri di configurazione
· Quando è stato ricevuto un parametro di configurazione errato

LED3 E’ acceso quando le comunicazioni sono eseguite normalmente.


Questo LED rimane spento all’accensione.

LEDB Si accende quando su questa scheda si verifica un errore di parità RAM. 6

6.2.3.13 Scheda FL--net


D Specifiche

Voce Codice
Scheda FL--net A20B--8100--0530

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

JNA
connettore
pannello
posteriore F--BUS
Pin di impostazione
TM1 (fisso a B)

CD38N: Interfaccia FL--net

D Indicazioni dei LED


• Significato dei LED rossi

HER Si accende quando nella DRAM di questa scheda si verifica


un errore di parità.
E’ possibile che la scheda sia guasta.

COL Si accende quando si verifica una collisione di dati sulla linea.

• Significato dei LED verdi

COM E’ acceso durante la trasmissione o la ricezione di dati.

POK E’ acceso quando i parametri sono impostati normalmente.

LNK Questo LED indica lo stato della connessione ed è acceso se


la scheda partecipa all’FA link.

RES Riservato Questo LED è normalmente acceso.

ROS E’ acceso quando l’OS sta girando sulla scheda FL--net.

LIL E’ acceso quando l’hub è connesso normalmente.

D Pin di impostazione TM1


Questo pin è sempre nella posizione B. Questa impostazione non deve
essere cambiata.
227
6. HARDWARE

6.2.3.14 Scheda CPU principale dell’unità di visualizzazione CNC


con funzioni di PC e PANEL i
D Specifiche

Voce Codice
Scheda CPU princi- Per Windows95 Per LCD da A20B--2100--0690
pale 10.4”/12.1”
(Per unità base
A08B--0082--B001
A08B 0082 B001 ~ Per LCD da 15.0” A20B--2100--0691
--B004, --B011 ~ Per sistemi ope- Per LCD da A20B--2100--0692
--B014, --B021 ~ rativi diversi da 10.4”/12.1”
--B024) Windows95
Per LCD da 15.0” A20B--2100--0693

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.


(Alimentazione

CN6
ventilatore)

*4

CN1B (LCD)

CN1 (LCD)
TM10

CN5 (PCMCIA)
CNP2 (PCI)
CNP1 (PCI)
(Invertitore) CN4
*4 (Scheda PC)
CN3
(7.5A)

ventilatore HDD)

*4 (Alimen-
(Alimentazione
CN2B

tazione
CN2
FUSE--1

(10A)

CD32B CD32A FDD )


BAT1 MOUSE Tastiera
(Alimentazione
(RS232--2, USB)

Batteria LED HDD)


FUSE--2

(RS232--1)

(CENTRO)

TERMICO

TERMICO
JD33

JD46

CNH3 (Segnali HDD)


JD9

COP7 SW5
CP5

CN7

(HSSB)
CD34 (Segnali FDD)
SW7

Posizione di montaggio delle parti nei punti indicati con *4

Tipo di unità LCD LCD da LCD da


(Codice scheda PC) 10.4”/12.1” 15.0”
(A20B--2100 (A20B--2100 Fusibile
--0690, --0691,
Parti --0692) --0693)
FUSE--1 Fornito Nessuno A02B--0236--K101

FUSE--2 Nessuno Fornito A08B--0082--K001

CN1B Nessuno Fornito —

D Specifiche

Voce Codice
Scheda CPU principale Per Per LCD da 10.4” A20B--2100--0780
(Per unità base Windows95
A08B--0082--B031 ~ Per LCD da 12.1” A20B--2100--0781
--B038
--B038, --B041 ~
--B048, --B051 ~ Per LCD da 15.0” A20B--2100--0782
--B057)
B057)
(Per unità base Per sistemi Per LCD da 10.4” A20B--2100--0783
A13B 0193 B031 ~
A13B--0193-- operativi
--B038, --B041 ~ diversi da Per LCD da 12.1” A20B--2100--0784
--B048,
B048 --B051
B051 ~ Windows95
--B057) Per LCD da 15.0” A20B--2100--0785

228
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Posizione di montaggio di connettori, LED, ecc.

(Alimentazione

CN6
ventilatore)
*5

CN1B (LCD)

CN1 (LCD)
TM10

CN5 (PCMCIA)
CNP2 (PCI)
CNP1 (PCI)
(Alimentazione ventilatore HDD)
(Invertitore) *5 CN4
*5 (Scheda PC)
CN3 CN3B
(7.5A)

*5
(Alimen-

CN2B
tazione

CN2
FUSE--1

(10A)

CD32B CD32A FDD)


MOUSE Tastiera
BAT1
(RS232--2, USB)

Batteria LED (Alimentazione


HDD)
(RS232--1)
FUSE--2

(CENTRO)

TERMICO

TERMICO
SW5
JD33

JD46

CNH3 (Segnali HDD)


JD9

COP7
CP5

(HSSB)

CN7
CD34 (Segnali FDD)
SW7

Posizione di montaggio delle parti nei punti indicati con *5

LCD da LCD da LCD da


Tipo di unità LCD
10.4” 12.1” 15.0”
(Codice scheda PC)
(A20B-- (A20B-- (A20B--
Fusibile
2100-- 2100-- 2100--
0780, 0781, 0782,
Parti
--0783) --0784) --0785)
FUSE--1 Fornito Nessuno Nessuno A02B--
0236--
K101

FUSE--2 Nessuno Fornito Fornito A08B--


0082--
K001

CN3 Fornito Fornito Fornito —

CN3B Nessuno Nessuno Fornito —

CN1B Nessuno Nessuno Fornito —

D Indicazioni dei LED

GR1(Verde) +5V(Verde)
GR2(Verde) HDD(Verde)
GR3(Verde) CNC(Verde) CNH3 (Segnali HDD)
GR4(Verde) CRD(Verde)
COP7 RE1(Rosso)
o BUS(Rosso)
RE2(Rosso) *6 BAT (Rosso)
RE3(Rosso) FAN(Rosso) CD34 (Segnali FDD)
RE4(Rosso) TRM(Rosso)

229
6. HARDWARE

Nome 1(*6) Nome 2(*6) Colore Stato


GR1 +5V Verde E’ acceso quando è fornita l’alimenta-
zione +5.

GR2 HDD Verde E’ acceso durante l’accesso al disco


fisso (HDD).

GR3 CNC Verde E’ acceso durante il funzionamento


normale del CNC.

GR4 CRD Verde E’ acceso durante l’accesso alla


PCMCIA.

RE1 BUS Rosso Si accende quando si interrompe il tra-


sferimento dei dati sull’HSSB. Le pos-
sibili cause sono:
S Il CNC non è alimentato.
S Il cavo in fibra ottica non è
connesso.
S L’interfaccia sul lato CNC è guasta.
S L’unità di visualizzazione CNC con
funzioni di PC o il PANEL i sono
guasti.

RE2 BAT Rosso Indica un allarme della batteria. Sosti-


tuire la batteria installata nell’unità di
visualizzazione CNC con funzioni di
PC o nel PANEL i.

RE3 FAN Rosso Si accende quando si fermano il venti-


latore dell’unità base o quello del
disco fisso. Sostituire il ventilatore
guasto.

RE4 TRM Rosso Indica un allarme di surriscaldamento.


Questo LED si accende quando la
CPU rileva una temperatura elevata e
fuori dal limite consentito durante il
funzionamento. (Questo riduce la velo-
cità operativa della CPU.)

*6: Queste etichette possono essere diverse a seconda del numero di


disegno e del numero di versione della scheda principale.

D Impostazione dei tappi di corto

Tappo Imposta-
Posizione
di corto zione
SW5 Riservato Non cam- SW5
SW7 biare l’im-
(A20B-- postazione
2100-- standard : Aperto
0690 ~-- eseguita in
: Corto
0693) fabbrica. SW7

: Corto (PANEL i)
SW5 Riservato Non cam- Aperto (unità di
SW5
TM7 biare l’im- visualizzazione
CNC con funzioni
(A20B-- postazione di PC)
2100-- standard TM7
0780 ~-- eseguita in
0785) fabbrica.

TM10 Riservato Questo


tappo di
corto serve
TM10

: Corto
per i test.
Deve sem-
pre essere
inserito.

230
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

6.2.3.15 Scheda madre dell’unità di visualizzazione CNC per la


Serie is

Voce Codice
Scheda madre dell’unità di visualizzazione CNC per la serie is A20B--8100--0800

D Posizioni di montaggio dei connettori

Unità di connessione

Ventilatore Ventilatore

Retro dell’unità
6

JD48 COP7
CP1
CK2
CD38S

CN2

CA75

Scheda madre

CN3
CN8

PCMCIA2

Scheda madre
TP1

CP1 JD48 COP7

CK2
CD38S

CA75 CN2

Numero connettore Uso


JD48 RS232C, USB lato PC

COP7 Comunicazioni ottiche ad alta velocità (HSSB)

CN2,CK2 Tasti software

CP1 24VCC--IN

CD38S Ethernet (10BASE--T/100BASE--TX) lato PC

TP1 Touch panel

CA75 Unità di backup

CN8 Interfaccia segnali video

PCMCIA2 Interfaccia PCMCIA

231
6. HARDWARE

D Posizione di montaggio delle schede

(1) Alimentatore (2)Scheda CE

Connettore

Connettore

Scheda madre

N. Voce Codice Note


(1) Scheda Scheda CE 1 A20B--3300--0330 LCD a colori da 10.4”
CE
Scheda CE 2 A20B--3300--0320

(2) Alimentatore A20B--8100--0720

NOTA Riferirsi alla sezione 6.1.3.3, ”SCHEDA CE” per la configurazione


della scheda CE.

232
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

D Indicazioni dei LED

Retro dell’unità

Si accende quando l’unità non riesce


LEDP Allarme (rosso) LED1 a comunicare con il CNC sull’HSSB.

Si accende quando viene alimentata


la scheda CE (anche durante le LED2 Si accende quando l’unità comunica
operazioni di backup). con il CNC sull’HSSB.

Stato (Verdi)

LED3 RISERVATO*

Lampeggia durante la trasmissione


LED4 o la ricezione dei dati sull’Ethernet
del lato PC.

Si accende quando viene stabilita


LED5 una connessione nel modo 100 Mb/s
sull’Ethernet del lato PC.

LED6 RISERVATO*

LED7 RISERVATO*
LED3, LED6 e LED7 non sono montati su alcune schede.

D Impostazione dei tappi di corto

Scheda madre

Questi tappi di corto sono riservati.


Accertarsi di averli rimossi.

233
6. HARDWARE

6.2.4 Unità e schede a circuiti stampati


6.2.4.1 Unità base

Modello Voce Numero Note


disegno
16i/160i/160is Unità base con 1 slot A02B--0281--B801

Unità base con 3 slot A02B--0281--B803

18i/180i/180is Unità base con 1 slot A02B--0283--B801

A02B--0297--B801 Per 18i--MB5


180i--MB5
180is--MB5
Unità base con 3 slot A02B--0283--B803

A02B--0297--B803 Per 18i--MB5


180i--MB5
180is--MB5

21i/210i/210is Unità base con 1 slot A02B--0285--B801

Unità base con 3 slot A02B--0285--B803

6.2.4.2 Schede a circuiti stampati dell’unità di controllo

Voce Numero ID Note


disegno
Scheda CPU principale A16B--3200--0420 3x0C
16i/160i/160is

Scheda CPU principale A16B--3200--0421 3x0D


18i/180i/180is

Scheda CPU principale A16B--3200--0425 3x0E


21i/210i/210is

Scheda CPU A20B--3300--0310 CPU : 11


(16i/160i/160is/18i/180i DRAM : A9
/180is, DRAM 16MB)

Scheda CPU A20B--3300--0311 CPU : 11


(16i/160i/160is/18i/180i DRAM : AA
/180is, DRAM 32MB)

Scheda CPU A20B--3300--0312 CPU : 11 Quando è


(21i/210i/210is, DRAM DRAM : A9 utilizzata la
16MB) funzione
Ethernet
Scheda CPU A20B--3300--0313 CPU : 11 incorporata con
(21i/210i/210is, DRAM DRAM : AA
21i/210i/210is.
32MB)

Scheda CPU A20B--3300--0290 CPU : 09


(21i/210i/210is, DRAM DRAM : 8A
32MB)
Scheda CPU A20B--3300--0291 CPU : 09
(21i/210i/210is, controllo DRAM : 89
caricatore, DRAM 16MB)

Scheda CPU A20B--3300--0102 0A


(Tipo standard per
Scheda RISC)

Scheda CPU A17B--3300--0401 0A


(Tipo ad alta velocità per
Scheda RISC)

Scheda controllo visualiz- A20B--3300--0340 --


zazione (LCD/MDI)

234
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

Voce Numero ID Note


disegno
Scheda controllo visualiz- A20B--3300--0360 --
zazione (per CRT LINK)

Scheda controllo visualiz- A20B--3300--0362 --


zazione (solo MDI)

Scheda controllo visualiz- A20B--3300--0364 --


zazione (senza video)

Scheda controllo visualiz- A20B--3300--0341 -- Quando è


zazione (LCD/MDI) utilizzata la
funzione
Scheda controllo visualiz- A20B--3300--0361 -- Ethernet
zazione (per CRT LINK) incorporata con
Scheda controllo visualiz- A20B--3300--0363 -- 21i/210i/210is.
zazione (solo MDI)
6
Scheda controllo assi A20B--3300--0033 00 Software assi
(2 assi) applicabile :
Serie 9090
21i/210i/210is,
controllo carica-
tore

Scheda controllo assi A20B--3300--0032 01 Software assi


(4 assi) applicabile :
Serie 9090
21i/210i/210is,
controllo carica-
tore

Scheda controllo assi A20B--3300--0243 08 Software assi


(2 assi) applicabile :
Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0242 08 Software assi


(4 assi) applicabile :
Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0241 08 Software assi


(6 assi) applicabile :
Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0240 08 Software assi


(8 assi) applicabile :
Serie 90B0
Scheda controllo assi A20B--3300--0248 08 Software assi
(4 assi, HRV ad alta velo- applicabile :
cità) Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0245 08 Software assi


(6 assi, HRV ad alta velo- applicabile :
cità) Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0244 08 Software assi


(8 assi, HRV ad alta velo- applicabile :
cità) Serie 90B0

Scheda controllo assi A20B--3300--0246 08 Software assi


(Controllo assi con applicabile :
apprendimento) Serie 90B3/90B7

Scheda controllo assi A20B--3300--0247 08 Software assi


(Controllo assi con applicabile :
apprendimento, HRV ad Serie 90B3/90B7
alta velocità)

235
6. HARDWARE

Voce Numero ID Note


disegno
Scheda controllo assi A17B--3300--0500 08 Software assi
(8 assi, applicabile al applicabile :
doppio controllo di Serie 90B0
sicurezza) Software di
monitoraggio
applicabile :
Serie 90B9

Scheda controllo assi A20B--3300--0280 -- Grafico


(lato unità LCD, 10.4I a
colori)

Scheda controllo assi A20B--3300--0282 -- Grafico


(lato unità LCD,
9.5Imonocromatico)

Scheda controllo assi A20B--3300--0302 -- Solo caratteri


(lato unità LCD, 9.5I
monocromatico)

Alimentatore A20B--8100--0720 --

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0160 FROM : C1


(FROM 16MB, SRAM SRAM : 03
1MB)

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0161 FROM : C1


(FROM 16MB, SRAM SRAM : 04
2MB)

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0162 FROM : C1


(FROM 16MB, SRAM SRAM : 05
3MB)

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0163 FROM : C2


(FROM 32MB, SRAM SRAM : 03
1MB)

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0164 FROM : C2


(FROM 32MB, SRAM SRAM : 04
2MB)

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0165 FROM : C2


(FROM 32MB, SRAM SRAM : 05
3MB)

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0180 FROM : C1


(FROM 16MB, SRAM SRAM : 01
256kB)

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0181 FROM : C1


(FROM 16MB, SRAM SRAM : 02
512kB)

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0182 FROM : C2


(FROM 32MB, SRAM SRAM : 01
256kB)

Modulo FROM/SRAM A20B--3900--0183 FROM : C2


(FROM 32MB, SRAM SRAM : 02
512kB)

Modulo mandrino analogico A20B--3900--0170 --

Modulo DRAM (4MB) A20B--3900--0042 85 Per scheda opzionale

Scheda CPU ausiliaria A16B--2203--0751 1xC0

Scheda controllo caricatore A16B--2203--0740 1x97

Scheda RISC + Data A16B--3200--0390 0x81


server
3xF5

236
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

Voce Numero ID Note


disegno
Scheda RISC + Fast Data A16B--3200--0460 0x81
server
0x4E

Scheda RISC A16B--3200--0391 0x81

Scheda Data server A16B--3200--0352 3xF5

Scheda Fast Data server A16B--3200--0462 0x4E

Adattatore scheda ATA A20B--2100--0500 -- Per Data server

Scheda per le comunica- A20B--8100--0334 1xE1


zioni seriali (RB/DNC2,
I/F RS232C)

Scheda per le comunica- A20B--8100--0335 2xE1


zioni seriali (RB/DNC2,
6
I/F RS422)

Scheda per le comunica- A20B--8100--0336 3xE2


zioni seriali (DNC1)

Scheda linguaggio C A20B--8100--0330 0xE0

Scheda interfaccia HSSB A20B--8001--0730 xxAA

Scheda Symbol CAPi T A20B--8100--0560 0x1F

Scheda I/O Link--II A20B--8100--0381 xxF9

Scheda Ethernet A20B--8100--0450 xxE6

Scheda Fast Ethernet A20B--8100--0670 xx96

Scheda DeviceNet A20B--8100--0491 xxEF

Scheda DeviceNet C A20B--8100--0650 xxBF

Scheda master PROFIBUS A20B--8100--0470 xxFC

Scheda slave PROFIBUS A20B--8100--0440 xxE3

Scheda FL--net A20B--8100--0530 xx59

Pannello posteriore (1 slot) A20B--2003--0270 --

Pannello posteriore (3 slot) A20B--2003--0280 --

Scheda controllo LCD A20B--8100--0820 --

Scheda invertitore (LCD A20B--8100--0710 --


9.5I monocromatico)

Scheda invertitore (LCD A20B--8001--0920 --


10.4I a colori)

Scheda controllo touch A20B--8001--0620 --


panel

Scheda interfaccia HSSB A20B--8001--0582 --


lato PC
(per 2 canali, corrispon-
dente al bus ISA)

Scheda interfaccia HSSB A20B--8001--0583 --


lato PC
(per 1 canale, corrispon-
dente al bus ISA)

237
6. HARDWARE

Voce Numero ID Note


disegno
Scheda interfaccia HSSB A20B--8001--0960 --
lato PC (per 2 canali, cor-
rispondente al bus PCI)

Scheda interfaccia HSSB A20B--8001--0961 --


lato PC (Per 1 canale, cor-
rispondente al bus PCI)

6.2.4.3 I/O

Voce Numero Note


disegno
I/O distribuito -- Modulo I/O A20B--2002--0470 DI/DO= 72/56
pannello di connesione (A1) DI=generali 16,
matrice 56,
con interfaccia MPG

I/O distribuito -- Modulo I/O A20B--2002--0520 DI/DO : 48/32


panello di connessione (B1) con interfaccia MPG

I/O distribuito -- Modulo I/O A20B--2002--0521 DI/DO : 48/32


panello di connessione (B1)

I/O distribuito -- Modulo I/O A03B--0815--C001 DI/DO : 24/16


panello di connessione
(modulo base)

I/O distribuito -- Modulo I/O A03B--0815--C002 DI/DO : 24/16


panello di connessione con interfaccia MPG
(modulo espansione A)

I/O distribuito -- Modulo I/O A03B--0815--C003 DI/DO : 24/16


panello di connessione
(modulo espansione B)

I/O distribuito -- Modulo I/O A03B--0815--C004 DO : 16 (uscita 2A)


panello di connessione
(modulo espansione C)

I/O distribuito -- Modulo I/O A03B--0815--C005 Ingressi analogici


panello di connessione
(modulo espansione D)
I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C141# DI : 24
dell’operatore macchina TBS con interfaccia MPG
(Compatto, Tasti simbolici)

I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C141# DI : 24


dell’operatore macchina TBR con interfaccia MPG
(Compatto, Tasti inglesi)
I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C140# DI : 24
dell’operatore macchina TBS con interfaccia MPG
(Standard, Tasti simbolici)

I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C140# DI : 24


dell’operatore macchina TBR con interfaccia MPG
(Standard, Tasti inglesi)
I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C150# DI : 24
dell’operatore macchina TBS con interfaccia MPG
(290mm, Tasti simbolici)

I/O distribuito -- Pannello A02B--0236--C150# DI : 24


dell’operatore macchina TBR con interfaccia MPG
(290mm, Tasti inglesi)

238
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

Voce Numero Note


disegno
Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C230 Con MDI
pannello principale A
(Tastiera simbolica)

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C240 Con MDI


pannello principale A1
(Tastiera inglese)
Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C231 Senza MDI
pannello principale B
(Tastiera simbolica)

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C241 Senza MDI


pannello principale B1
(Tastiera inglese)
Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C232 6
pannello ausiliario A

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C233


pannello ausiliario B

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C235


pannello ausiliario B1

Pannello dell’operatore -- A02B--0236--C234


pannello ausiliario C

Unità connessione pannello A16B--2200--0661 DI/DO : 64/32


operatore (Uscita tipo sink A)

Unità connessione pannello A16B--2200--0660 DI/DO : 96/64


operatore (Uscita tipo sink B)

Unità connessione pannello A16B--2200--0731 DI/DO : 64/32


operatore (Uscita tipo
source A)
Unità connessione pannello A16B--2200--0730 DI/DO : 96/64
operatore (Uscita tipo
source B)

Unità di interfaccia pannello A16B--2201--0110


dell’operatore

Convertitore I/O Link A03B--0817--C001


FANUC--AS--i

6.2.4.4 Unità LCD/MDI

Voce Numero Note


disegno

Unità LCD monocromatica da 9.5″ A02B--0281--C061

Unità LCD monocromatica da 9.5″ A02B--0281--C066 Solo caratteri

Unità LCD a colori da 10.4″ A02B--0281--C071

Unità LCD a colori da 10.4″ A02B--0281--C081 Con touch panel

239
6. HARDWARE

Voce Numero Note


disegno

Per display Unità LCD monocro- A02B--0166--C251


link matica da 7.2″

Unità LCD/ Serie T A02B--0166--C261 Tastiera inglese


MDI mono- #TR
cromatica
da 7.2″ A02B--0166--C261 Tastiera simbolica
#TS

Serie M A02B--0166--C261 Tastiera inglese


#R

A02B--0166--C261 Tastiera simbolica


#S

Unità LCD/ Serie T A02B--0166--C271 Tastiera inglese


MDI mono- #TR
cromatica
da 7.2″ A02B--0166--C271 Tastiera simbolica
distacca-
distacca #TS
bile Serie M A02B--0166--C271 Tastiera inglese
#R

A02B--0166--C271 Tastiera simbolica


#S

MDI tipo Serie T A02B--0166--C210 Tastiera inglese


stand--alo- #TR
ne
A02B--0166--C210 Tastiera simbolica
#TS

Serie M A02B--0166--C210 Tastiera inglese


#R

A02B--0166--C210 Tastiera simbolica


#S

Tastiera standard per MDI Serie T A02B--0281--C125 Tastiera inglese


tipo stand--alone #TBR
(tipo orizzontale)
220x230mm A02B--0281--C125 Tastiera simbolica
#TBS

Serie M A02B--0281--C125 Tastiera inglese


#MBR

A02B--0281--C125 Tastiera simbolica


#MBS

Tastiera standard per MDI Serie T A02B--0281--C126 Tastiera inglese


tipo stand--alone #TBR
(tipo verticale)
220x290mm A02B--0281--C126 Tastiera simbolica
#TBS

Serie M A02B--0281--C126 Tastiera inglese


#MBR

A02B--0281--C126 Tastiera simbolica


#MBS

Tastiera per CAPi T tipo stand--alone A02B--0281--C125 Tastiera inglese


(tipo orizzontale) #TFBR
220x230mm
A02B--0281--C125 Tastiera simbolica
#TFBS

240
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

Voce Numero Note


disegno

Tastiera per CAPi T tipo stand--alone A02B--0281--C126 Tastiera inglese


(tipo verticale) #TFBR
220x290mm
A02B--0281--C126 Tastiera simbolica
#TFBS

Tastiera completa a 61 tasti A02B--0261--C162 Tastiera inglese


(tipo orizzontale) #MCR
220x230mm
A02B--0261--C162 Tastiera simbolica
#MCS

Tastiera completa a 61 tasti A02B--0261--C161 Tastiera inglese


(tipo verticale) #MCS
220x290mm
A02B--0261--C161 Tastiera simbolica 6
#MCR

6.2.4.5 Altre unità

Voce Numero Note


disegno
Unità di interfaccia per trasduttori A02B--0236--C205
separati
(4 assi base)

Unità di interfaccia per trasduttori A02B--0236--C204


separati
(4 assi addizionali)

Adattatore connessione mandrino A13B--0180--B001

Adattatore I/O Link A20B--1007--0680

Adattatore I/O Link ottico A13B--0154--B001

Ventilatore (per 1 slot) A02B--0265--C001

Ventilatore (per 2 slot) A02B--0260--C021

241
6. HARDWARE

6.2.4.6 Unità di visualizzazione CNC con funzioni di PC e


PANEL i

Numero
Tipo Voce
disegno
Schede a Scheda principale Per Win- Per LCD A20B--2100--
circuiti (Per unità base dows 95 da 0690
stampati
p A08B--0082--B001 ~ 10.4”/12.1”
per unità --B004,
B004 --B011
B011 ~
di visualiz- --B014, --B021 ~ Per LCD A20B--2100--
da 15.0” 0691
zazione --B024)
B024)
CNC con Per sistemi Per LCD A20B--2100--
funzioni di operativi da 0692
PC e diversi da 10.4”/12.1”
PANEL i Windows 95
Per LCD A20B--2100--
da 15.0” 0693

Scheda principale Per sistemi Per LCD A20B--2100--


(Per unità base operativi da 10.4” 0780
A08B 0082 B031 ~
A08B--0082--B031 diversi da
--B038, --B041 ~ Windows 95 Per LCD A20B--2100--
--B048,
B048, --B051
B051 ~ da 12.1” 0781
--B057) Per LCD A20B--2100--
(Per unità base da 15.0” 0782
A13B--0193-- B031 ~
--B038, --B041 ~ Per Win- Per LCD A20B--2100--
--B048, --B051 ~ dows 95 da 10.4” 0783
--B057)
Per LCD A20B--2100--
da 12.1” 0784

Per LCD A20B--2100--


da 15.0” 0785

Scheda invertitore Per LCD da 10.4” A14L--0132--


(Per unità base 0001
A08B 0082 B001 ~
A08B--0082--B001
--B004, --B011 ~ Per LCD da 12.1” A20B--2002--
--B014,
B014, --B021
B021 ~ 0890
--B024) Per LCD da 15.0” A14L--0143--
0002

Scheda invertitore Per LCD da 10.4” A14L--0132--


(Per unità base 0001 #B
A08B--0082--B031 ~
--B038,
--B038 --B041 ~
--B048, --B051 ~ Per LCD da 12.1” A14L--0143--
--B057) 0001 #B
(Per unità base
A13B 0193 B031 ~
A13B--0193--
--B038, --B041 ~ Per LCD da 15.0” A14L--0143--
--B048, --B051 ~ 0002 #B
--B057)
Scheda tasti software Per LCD da 10.4” A86L--0001--
0261

Per LCD da 12.1” A20B--1007--


0760

Scheda controllo A20B--8001--


touch panel 0620

242
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

N. disegno N. disegno
Tipo Voce unità per principale
manutenzione (unità base)
Schede a Unità LCD Tasti Touch
circuiti base soft- panel
stampati
p ware
per unità
ità
di visualiz- LCD × × A08B--0082-- A08B--0082--
da D001 B001
zazione
10 4”
10.4”
CNC con ○ × A08B--0082-- A08B--0082--
funzioni di D002 B002
PC e
PANEL i × ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D003 B003

○ ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D004 B004 6
LCD × × A08B--0082-- A08B--0082--
da D011 B011
12 1”
12.1”
○ × A08B--0082-- A08B--0082--
D012 B012

× ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D013 B013

○ ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D014 B014

LCD × × A08B--0082-- A08B--0082--


da D021 B021
15 0”
15.0”
× ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D023 B023

LCD × × A08B--0082-- A08B--0082--


da D031 B031
10.4” A08B--0082--
B035
A13B--0193--
B031
A13B--0193--
B035

○ × A08B--0082-- A08B--0082--
D032 B032
A08B--0082--
B036
A13B--0193--
B032
A13B--0193--
B036
× ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D033 B033
A08B--0082--
B037
A13B--0193--
B033
A13B--0193--
B037

○ ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D034 B034
A08B--0082--
B038
A13B--0193--
B034
A13B--0193--
B038

243
6. HARDWARE

N. disegno N. disegno
Tipo Voce unità per principale
manutenzione (unità base)
Schede a Unità LCD Tasti Touch
circuiti base soft- panel
stampati
p ware
per unità
di visualiz- LCD × × A08B--0082-- A08B--0082--
da D041 B041
zazione
12.1” A08B--0082--
CNC con
B045
funzioni di
A13B--0193--
PC e
PANEL i B041
A13B--0193--
B045

○ × A08B--0082-- A08B--0082--
D042 B042
A08B--0082--
B046
A13B--0193--
B042
A13B--0193--
B046

× ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D043 B043
A08B--0082--
B047
A13B--0193--
B043
A13B--0193--
B047
○ ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D044 B044
A08B--0082--
B048
A13B--0193--
B044
A13B--0193--
B048

LCD × × A08B--0082-- A08B--0082--


da D051 B051
15.0” A08B--0082--
B055
A13B--0193--
B051
A13B--0193--
B055

× ○ A08B--0082-- A08B--0082--
D053 B053
A08B--0082--
B057
A13B--0193--
B053
A13B--0193--
B057

Unità HDD da 3.5” (incluso A08B--0082-- A08B--0082--


ventilatore per HDD) C100 H100

○: Fornito ×: Non fornito


NOTA L’unità base per la manutenzione è costituita dai componenti dell’u-
nità originale, escludendo la scheda a circuiti stampati e le sue viti
di fissaggio.

244
6.2 Hardware della Serie i tipo Stand--Alone

N. disegno
N. disegno
Tipo Voce per manu-
principale
tenzione
Schede a Scheda Pentium Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--
circuiti PC MMX da 10.4” H500#6141 H010
stampati a 233MHz
per la fun- Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--
zione PC da 12.1” H500#6142 H011
dell’unità Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--
di visualiz- da 15.0” H500#6143 H012
zazione
CNC con PentiumII Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--
funzioni di a 333MHz da 10.4” H511#6138 H020
PC e del
PANEL i Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--
da 12.1” H511#6139 H021

Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--


6
da 15.0” H511#6140 H022

Celeron Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--


a 400MHz da 10.4” H512#613D H040

Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--


da 12.1” H512#613E H041

Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--


da 15.0” H512#613F H042

PentiumIII Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--


a 500MHz da 10.4” H520#613G H050

Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--


da 12.1” H520#613H H051

Per LCD A08B--0082-- A08B--0082--


da 15.0” H520#613J H052

Memoria Memoria principale DRAM A76L--0500-- A08B--0082--


(Per Pentium MMX a 32MB (*) 0013 H001
233MHz e (Specifica:
PentiumII a 333MHz) TOSHIBA
THL64V4075B
TG--5S)

DRAM A76L--0500-- A08B--0082--


64MB 0014 H002
(Specifica:
TOSHIBA
THL64V8015B
TG--5S)

DRAM A76L--0500-- A08B--0082--


128MB 0017 H003
(Specifica:
PFU
PD--2261ADS)

Memoria principale SDRAM A76L--0500-- A08B--0082--


(Per Celeron a 64M 0018 H004
400MHz e (Specifica:
PentiumIII a PFU
500MHz) PD--2261ACS)

SDRAM A76L--0500-- A08B--0082--


128M 0019 H005
(Specifica:
PFU
PD--2261ADSA)

*: La DRAM da 32 MB può essere utilizzata solo per il Pentium MMX a 233MHz.

245
6. HARDWARE

6.2.4.7 Unità di visualizzazione CNC per la serie is

Schede a circuiti stampati

Nome Numero disegno


Scheda madre A20B--8100--0800

Scheda CE Scheda CE 1 A20B--3300--0330

Scheda CE 2 A20B--3300--0320

Alimentatore A20B--8100--0720

Scheda a circuiti stampati dell’invertitore A20B--8001--0920

Scheda a circuiti stampati dell’unità di backup A20B--2100--0820

Unità

Nome Numero disegno


Unità LCD da 10.4” Tasti Touch
software panel

○ × A02B--0281--D500

× ○ A02B--0281--D501

○ ○ A02B--0281--D508

Tastiera completa FA A02B--0281--C130#E

Altre

Nome Numero disegno


Scatola A02B--0236--D100#0C

Compact flash card 32MB A87L--0001--0173#32MBA

48MB A87L--0001--0173#48MBA

64MB A87L--0001--0173#64MB

96MB A87L--0001--0173#96MB

Cavo per l’unità di backup A02B--0281--K801

Cavo per la tastiera completa FA A02B--0281--K802

246
6.3 Aspetti dell’hardware comuni al tipo LCD--Mounted e al
tipo Stand--Alone della Serie i

6.3 Aspetti dell’hardware comuni al tipo LCD--


Mounted e al tipo Stand--Alone della Serie i
6.3.1 Display a cristalli liquidi (LCD)
Luminosità dell’LCD monocromatico
Se la temperatura ambiente è bassa, la luminosità dell’LCD diminuisce. (In
particolare, lo schermo dell’LCD è scuro immediatamente dopo l’accensione
del CNC.) Questo fenomeno non dipende da un guasto, ma è una proprietà
specifica dell’LCD. Quando la temperatura ambiente aumenta, lo schermo
dell’LCD diventa più chiaro. L’LCD monocromatico ha una funzione di
controllo della luminosità.

LCD con touch panel


Il touch panel permette di lavorare toccando direttamente lo schermo
dell’LCD. Per questa operazione usare esclusivamente la penna fornita 6
dalla FANUC CNC (A02B--0236--K111) dedicata a questo scopo. Se si usa
una penna appuntita, ad esempio, la superficie dell’LCD può esserne
danneggiata. Inoltre non toccare lo schermo dell’LCD direttamente con un
dito. Altrimenti la funzionalità dell’LCD può deteriorarsi e il suo schermo può
sporcarsi.

Foglio di protezione del touch panel


Per proteggere la sottile pellicola del touch panel e l’LCD, su un LCD con
touch panel è applicato un foglio di protezione. Se questo foglio è
danneggiato, è possibile sostituirlo. (Il foglo di protezione è una parte
soggetta ad usura.)
Sostituzione del foglio di protezione
D Materiali necessari

1) Foglio di protezione A02B--0236--K110 : per LCD da 10.4I con touch


panel e tasti software

A02B--0236--K130 : per LCD da 10.4I con touch


panel

2) Detergente neutro (detergente per sporco oleoso = è possibile


usare uno sgrassatore da cucina)

3) Panno soffice (come una salvietta)

D Procedura di sostituzione

1) Prima della sostituzione


<1> Spegnere la macchina.
<2> Staccare il vecchio foglio di protezione dalla superficie del touch
panel.
<3> Se sulla superficie dello schermo rimane un residuo di adesivo,
toglierlo strofinando con alcol.
<4> Usare il detergente rimuovere l’olio o la sporcizia rimasti sulla
superficie del touch panel.
<5> Usare un panno soffice e umido per rimuovere completamente il
detergente.
• Se la superficie del touch panel diventa opaca significa che vi
è rimasto dell’olio. Rimuovere l’olio completamente.
• Se sulla superficie del touch panel rimangono olio o
detergente, il foglio di protezione non può aderire
perfettamente al pannello e potrà staccarsi facilmente.
<6> Strofinare con un panno soffice e asciutto per togliere
completamente l’umidità.
247
6. HARDWARE

2) Applicazione del foglio di protezione


2--1)Per A02B--0236--K110
<1> Piegare la linguetta sul lato frontale (il lato opposto al foglio di
supporto).

Piegare

<2> Staccare il foglio di supporto.


<3> Posizionare il foglio di protezione e attaccare per primi i lati
superiore e inferiore. Controllare che i lati del foglio di
protezione non tocchino la mascherina.

OK NG

<4> Attacare i lati destro e sinistro del foglio di protezione


espellendo l’aria rimasta tra il touch panel e il foglio di
protezione.
• Quando una parte del foglio di protezione è già attaccata
al touch panel, non tentare di correggerne la posizione
tirandolo.
<5> Premere sulle parti adesive ai quattro lati e attaccare
completamente l’intero foglio.
• Controllare che i quattro angoli e i quattro lati del foglio
siano ben fissati.
2--2)Per A02B--0236--K130
<1> Stacccare la pellicola bianca sul retro (verso l’LCD) del nuovo
foglio di protezione.
<2> Attaccare il foglio di protezione posizioandolo in
corrispondenza dell’angolo in basso a sinistra della striscia di
sostituzione. Allineare il bordo sporgente della mascherina
con la parte corrispondent del foglio di protezione. Evitare che
tra l’LCD e il foglio di protezione rimanda della polvere.

Posizione
della guida

<3> Attacare i quattro lati espellendo l’aria rimasta tra il touch panel
e il foglio di protezione.
• Quando una parte del foglio di protezione è già attaccata
al touch panel, non tentare di correggerne la posizione
tirandolo.
248
6.3 Aspetti dell’hardware comuni al tipo LCD--Mounted e al
tipo Stand--Alone della Serie i

<4> Premere sulle parti adesive ai quattro lati e attaccare


completamente l’intero foglio.
• Controllare che i quattro angoli e i quattro lati del foglio
siano ben fissati.

3) Controlli da eseguire dopo la sostituzione


<1> Controllare che non ci siano grinze sulla superficie del foglio
di protezione.
<2> Dopo l’accensione, controllare che non ci siano parti del touch
panel che rimangano premute.
<3> Premere il touch panel per controllare che funzioni
normalmente.

Compensazione del Touch panel

D Condizioni che richiedono la compensazione 6


La compensazione del touch panel è richiesta:
1 Quando viene sostituita l’unità LCD
2 Quando viene sostituito il touch panel
3 Quando viene sostituita la scheda del touch panel
4 Quando viene cancellata l’intera memoria.

D Parametro
#7 #6 #5 #4 #3 #2 #1 #0
3113 DTPCL

[Tipo di dato] Bit

#5 (DTPCL) La funzione di compensazione del touch panel è:


0 : Disabilitata
1 : Abilitata
D Metodo di compensazione
1 Mettere a 1 il bit 5 (DTPCL) del parametro N. 3113.

2 Premere il tasto funzione


3 Premere più volte il tasto di continuazione del menu, finché non
compare il tasto software [TP CAL].
4 Quando viene premuto il tasto software [TP CAL] compare la
schermata per la compensazione del touch panel.

CALIBRATION OF TOUCH PANEL


PLEASE PUSH CALIBRATED POINTS.
IF CALIBRATION IS ENDED, PLEASE PUSH <INPUT> KEY.
IF CALIBRATION IS CANCELED, PLEASE PUSH <CAN> KEY.
IF OPERATION IS ENDED, PLEASE PUSH FUNCTION KEY.

249
6. HARDWARE

5 Toccare con la penna del touch panel i nove punti di compensazione


(indicati dal segno +). I punti possono essere toccati in qualsiasi ordine.
Quando un punto viene toccato correttamente il segno +
corrispondente lampeggia. Se un punto non viene toccato
correttamente compare il messaggio “CALIBRATED POINT DOES
NOT MATCH, PLEASE PUSH AGAIN.”.
6 Dopo aver toccato tutti i nove punti di compensazione, premere il tasto
per terminare la compensazione. Per cancellare la

compensazione o ripartire dall’inizio, premere il tasto .


7 Quando la compensazione termina normalmente compare il
messaggio “CALIBRATION WAS ENDED.”.
8 Per uscire dalla compensazione del touch panel premere un tasto
funzione.
9 Terminata la compensazione, rimettere a 0 il bit 5 (DTPCL) del
parametro N. 3113.
NOTA Il touch panel dell’unità di visualizzazione CNC con funzioni di PC
è compensato mediante uno specifico programma.
Per compensare il touch panel della serie is, selezionare [Avvio] →
[Impostazioni] → [Pannello di controllo] → [Regolazione stilo],
invece di usare il suddetto metodo.

250
6.3 Aspetti dell’hardware comuni al tipo LCD--Mounted e al
tipo Stand--Alone della Serie i

6.3.2 Impostazione dell’I/O distribuito

Cambiando l’impostazione (selettore rotativo) di un modulo di espansione,


è possibile attuare una connessione che permette di saltare uno o più moduli
di espansione, come si vede qui sotto.

Modulo espans. 1

Modulo espans. 2

Modulo espans. 3

Modulo espans. 2

Modulo espans. 3
Modulo espans. 1
Modulo espans. 1

Modulo espans. 2

Modulo espans. 3
Modulo base

Modulo base

Modulo base
Quando è saltato il modulo di Quando è saltato il modulo di Quando sono saltati i moduli di
espansione 1 espansione 2 espansione 1 e 2

6
Metodo di impostazione (metodo di controllo e impostazione)
Sui moduli di espansione, nella posizione indicata nella sottostante figura,
è montato un selettore rotativo. Per cambiare l’impostazione, ruotare il
selettore usando un cacciavite piatto largo circa 2.5.

Le posizioni del selettore rotativo hanno il seguente significato.

Posizione Indicazione Significato

0 0 Impostazione standard. Il selettore è in questa posi-


zione al momento della spedizione dalla FANUC CNC.
Con questa impostazione il modulo non è saltato.

1 -- Mettere il selettore di un modulo di espansione in que-


sta posizione quando è saltato il modulo che lo pre-
cede.

2 2 Mettere il selettore di un modulo di espansione in que-


sta posizione quando sono saltati i due moduli che lo
precedono.

3 -- Impostazione proibita

4~F 4, --, 6, --, 4, 8, o C hanno l’effetto di 0.


8, --, A, --, 5, 9, o D hanno l’effetto di 1.
C, --, E, --, 6, A, o E hanno l’effetto di 2.
7, B, o F hanno l’effetto di 3. (← Impostazione proibita)

251
6. HARDWARE

Esempi di impostazione

(Per saltare il modulo di espansione 1)


Mettere il selettore rotativo del modulo di
espansione 2 nella posizione 1. Non cambiare
l’impostazione del modulo di espansione 3

Modulo espans. 2

Modulo espans. 3
Modulo espans. 1
(posizione del selettore = 0)
Modulo base

(Per saltare il modulo di espansione 2)


Mettere il selettore rotativo del modulo di
espansione 3 nella posizione 1. Non cambiare
Modulo espans. 1

Modulo espans. 2

Modulo espans. 3

l’impostazione del modulo di espansione 1


(posizione del selettore = 0)
Modulo base

(Per saltare i moduli di espansione 1 e 2)


Mettere il selettore rotativo del modulo di espan-
sione 3 nella posizione 2
Modulo espans. 1

Modulo espans. 2

Modulo espans. 3
Modulo base

Questa funzione, inizialmente non disponibile, è stata aggiunta


recentemente. A seconda del tipo di modulo, questa funzione si è resa
disponibile come segue:
Modulo di espansione B A03B--0815--C003 Disponibile dalle spedizioni
(DI/DO = 24/16, senza inter- di giugno 1998 e successive
faccia per generatore
manuale di impulsi)

Modulo di espansione C A03B--0815--C004 Disponibile dalle spedizioni


(DO = 16, uscita 24A) di agosto 1998 e successive

Modulo di espansione D A03B--0815--C005 Disponibile dalle spedizioni


(ingresso analogico) di agosto 1998 e successive

NOTA Al modulo di espansione A (DI/DO = 24/16, con interfaccia per


generatore manuale di impulsi) (A03B--0815--C002) il selettore
rotativo è stato aggiunto in seguito alla modifica degli altri moduli.
Tuttavia, dato che questo modulo è sempre installato come modulo
di espansione 1, la sua impostazione non necessita di essere cam-
biata.

252
7. PARAMETRI

7.1 Impostazione dei parametri


(1) Abilitazione della scrittura dei parametri
1 Mettere il CNC nel modo MDI o nello stato di arresto in emergenza.

2 Premere ripetutamente il tasto funzione per visualizzare i


dati di impostazione.
3 Posizionare il cursore su ”SCRITTURA PARAM =” usando i tasti
cursore e introdurre 1 seguito da .

4 Si verifica l’allarme 100. Premere contemporaneamente i tasti


e per cancellare temporaneamente l’allarme.

(2) Introduzione dei parametri

1 Premere ripetutamente il tasto funzione per selezionare la


schermata dei parametri.

PARAMETRI (PREPARA) O1234 N12345

0000 SEQ INI ISO TVC


0 0 0 0 0 0 0 0
0001 FCV
0 0 0 0 0 0 0 0
0012 RMV MIR
X 0 0 0 0 0 0 0 0
Y 0 0 0 0 0 0 0 0
Z 0 0 0 0 0 0 0 0
B 0 0 0 0 0 0 0 0
0020 I/O CHANNEL 0
S 0 T0000
REF **** *** *** 10:15:30
[PARAM] [DIAGNS] [PMC] [SISTEM] [(OPRT)]

2 Quando viene premuto il tasto software [(OPRT)] compare una


guida operativa contenente le seguenti voci.
Introdurre un n. parametro e premere [RIC NO] : Verrà cercato il nu--
mero specificato.
Tasto soft [ON:1] : Mette a 1 il bit indicato dal cursore.
(Solo per i parametri di tipo bit)
Tasto soft [OFF:0] : Mette a 0 il bit indicato dal cursore.
(Solo per i parametri di tipo bit)
Tasto soft [+ENTR] : Somma algebricamente il valore introdotto al
valore indicato dal cursore.
Tasto soft [ENTRAT] : Sostituisce il valore introdotto al valore indicato
dal cursore.
Tasto soft [LEGGI] : Carica i parametri attraverso l’interfaccia
lettore/perforatore.
Tasto soft [SCRIVI] : Salva i parametri attraverso l’interfaccia
lettore/perforatore.
253
7. PARAMETRI

3 Metodi convenienti di introduzione dei dati

3--1 Variazione dei dati di tipo bit I tasti e permettono


di selezionare mediante il cursore un bit per volta, e, quindi,
di impostare i dati bit per bit (solo per i parametri di tipo bit).

3--2 Utilizzare EOB per separare dati introdotti consecutiva--


mente a partire dalla posizione del cursore.
(Esempio 1)

1 2 3 4 EOB
4 5 6 7
EOB
9 9 9 9 INPUT
corrisponde a

0 1234
0 4567

0 9999
0 0

(Esempio 2)

1 2 3 4 EOB EOB
9 9 9
9 INPUT
corrisponde a

0 1234
0 0

0 9999
0 0

3--3 Utilizzare = per ripetere il dato precedente.

(Esempio)

1 2 3 4 EOB = EOB = INPUT

corrisponde a

0 1234
0 1234

0 1234
0 0

3--4 Per i parametri di tipo bit


(Esempio)

1 1 EOB = EOB = INPUT


corisponde a

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 1 0 0 0
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 1 0 0 0

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 1 0 0 0
0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

4 Terminata l’impostazione dei parametri, rimettere a 0


”SCRITTURA PARAM =” sullo schermo dei dati di impostazione.

254
7.2 Elenco dei parametri

7.2 Elenco dei parametri


1) Per l’impostazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00000 --)
2) Per l’interfaccia lettore/perforatore . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00100 --)
3) Per l’interfaccia DNC1/DNC2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00140 --)
4) Per l’interfaccia M--NET . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00161 --)
5) Per la diagnostica remota . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00200 --)
6) Per l’interfaccia DNC1 #2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00231 --)
7) Per la funzione CNC screen display . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00300 --)
8) Per FACTOLINK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00801 --)
9) Per data server . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00900 --)
10) Per Ethernet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00931 --)
11) Per il power mate CNC manager . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 00960 --)
12) Per gli assi controllati e il sistema di incrementi . . . . . . . (No. 01000 --)
13) Per il sistema di coordinate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 01200 --) 7
14) Per le zone di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 01300 --)
15) Per la protezione dell’autocentrante e della contropunta(No. 01330 --)
16) Per la velocità di avanzamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 01400 --)
17) Per il controllo di accelerazione/decelerazione . . . . . . . (No. 01600 --)
18) Per gli assi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 01800 --)
19) Per gli ingressi e le uscite digitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 03000 --)
20) Per la visualizzazione e l’editazione (1/2) . . . . . . . . . . . (No. 03100 --)
21) Per i programmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 03400 --)
22) Per la compensazione dell’errore passo vite . . . . . . . . . (No. 03600 --)
23) Per il controllo mandrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 03700 --)
24) Per la compensazione utensili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 05000 --)
25) Per la compensazione usura mola . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 05071 --)
26) Per i cicli fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 05100 --)
27) Per la maschiatura rigida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 05200 --)
28) Per la scala e la rotazione delle coordinate . . . . . . . . . . (No. 05400 --)
29) Per il posizionamento unidirezionale . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 05431 --)
30) Per l’interpolazione in coordinate polari . . . . . . . . . . . . . (No. 05450 --)
31) Per il controllo della direzione normale . . . . . . . . . . . . . . (No. 05480 --)
32) Per l’indexaggio della tavola rotante . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 05500 --)
33) Per l’interpolazione involuta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 05610 --)
34) Per l’interpolazione esponenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 05630 --)
35) Per la sincronizzazione flessibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 05660 --)
36) Per la compensazione della rettilineità . . . . . . . . . . . . . . (No. 05700 --)
37) Per la compensazione dell’inclinazione . . . . . . . . . . . . . (No. 05861 --)
38) Per le macroistruzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 06000 --)
39) Per le macro attivate con un pulsante . . . . . . . . . . . . . . (No. 06095 --)
40) Per l’introduzione dei dati degli schemi di lavorazione . (No. 06101 --)
41) Per il posizionamento con accelerazione ottimale . . . . . (No. 06131 --)
42) Per la funzione di salto della lavorazione . . . . . . . . . . . . (No. 06200 --)
43) Per la compensazione automatica utensile (Serie T) e
la misura automatica lunghezza utensile (Serie M) . . . . (No. 06240 --)
44) Per l’immissione/emissione dati dall’esterno . . . . . . . . . (No. 06300 --)
45) Per la rilevazione fine della coppia . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 06350 --)
255
7. PARAMETRI

46) Per la ritracciatura con il volantino . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 06400 --)


47) Per la visualizzazione grafica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 06500 --)
48) Per la visualizzazione del tempo di funzionamento
e del numero di pezzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 06700 --)
49) Per la gestione vita utensili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 06800 --)
50) Per gli indicatori di posizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 06901 --)
51) Per il funzionamento manuale e automatico . . . . . . . . . (No. 07001 --)
52) Per l’avanzamento con volantino, l’interrupt del volantino,
ed il movimento con volantino nella direzione asse
utensile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 07100 --)
53) Per le funzioni lineari e circolari in manuale . . . . . . . . . . (No. 07160 --)
54) Per l’impostazione del punto di riferimento con
battuta meccanica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 07181 --)
55) Per il pannello software dell’operatore . . . . . . . . . . . . . . (No. 07200 --)
56) Per la ripartenza del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 07300 --)
57) Per la lavorazione ad alta velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 07501 --)
58) Per la compensazione dinamica rotazione tavola . . . . . (No. 07570 --)
59) Per la tornitura poligonale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 07600 --)
60) Per gli impulsi introdotti dall’esterno . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 07681 --)
61) Per le dentatrici a creatore e l’accoppiamento
elettronico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 07700 --)
62) Per il controllo di assetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 07941 --)
63) Per il controllo assi da PMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 08001 --)
64) Per il controllo di due canali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 08100 --)
65) Per il controllo di interferenza fra le torrette
(sistemi a due canali) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 08140 --)
66) Per il controllo sincrono, composito o sovrimposto . . . . (No. 08160 --)
67) Per il controllo dell’asse inclinato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 08200 --)
68) Per il controllo dell’asse B (Serie T) . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 08240 --)
69) Per il controllo sincrono semplice . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 08300 --)
70) Per l’arresto al numero di sequenza specificato . . . . . . (No. 08341 --)
71) Per la funzione di oscillazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 08360 --)
72) Per la contornatura ad alta precisione e alta velocità
con processore RISC (HPCC) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 08400 --)
73) Per gli indicatori di posizione ad alta velocità (1/2) . . . . (No. 08500 --)
74) Altri (No. 08650 --)
75) Per la manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 08901 --)
76) Per le macro incorporate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 12000 --)
77) Per gli indicatori di posizione ad alta velocità (2/2) . . . . (No. 12200 --)
78) Per la storia operativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 12800 --)
79) Per la visualizzazione e l’editazione (2/2) . . . . . . . . . . . (No. 13112 --)
80) Per la compensazione della rettilineità
con interpolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (No. 13381 --)
81) Per il controllo di interferenza delle parti in rotazione . . (No. 14900 --)
82) Per la contornatura AI/nanometrica AI ad alta precisione e
le funzioni relative al processore RISC . . . . . . . . . . . . . . (No. 19500 --)

256
7.2 Elenco dei parametri

Tipi di dati e intervallo dei valori dei parametri


Tipo di Campo dei va- Tipo di Campo dei va-
dato lori dato lori
Bit Parola
Bit per asse 0o1 Parola per da --32768 a 32767
asse
Byte da --128n
128n a 127 2 parole
da --99999999
99999999 a
Byte per o 2 parole per 99999999
asse da 0 a 255 asse

NOTA1 Per certi parametri il campo dei valori può essere più stretto.
NOTA2 Alcuni parametri possono essere introdotti attraverso la schermata
dei dati di impostazione.
NOTA3 Nella descrizione dei parametri di tipo bit, la spiegazione a sinistra
della barra (/) corrisponde al bit a 0, mentre quella a destra corris-
7
ponde al bit a 1.
NOTA4 L’indicazione <Asse> nella colonna di destra della tabella dei para-
metri significa che quel parametro si specifica per ciascun asse.
NOTA5 Se un parametro è relativo alla sola Serie T, nella colonna di destra
della tabella dei parametri viene data l’indicazione ”Serie T”.
Questo vale anche per la Serie M.

257
7. PARAMETRI

1) Per l’impostazione
(Questi parametri sono settabili sulla “Schermata di impostazione”.)

00000 Impostazione

#0 TVC : Controllo TV non eseguito(0)/eseguito (1)


#1 ISO : Emissione dati in codice EIA (0)/ ISO (1)
#2 INI : Unità di immissione in mm (0)/in pollici (1)
#5 SEQ : Inserimento automatico dei numeri di PRM3216
sequenza non eseguito (0)/eseguito (1)

00001 Formato nastro

#1 FCV : FS16 standard (0)/FS15 (1)

00002 Ritorno al punto di riferimento, diagnostica remota

#0 RDG : La diagnostica remota è: non eseguita (0)/ Se si usa


eseguita (1) una scheda
modem.
l’imposta-
zione di
questo para-
metro non è
necessaria

#7 SJZ : Se la posizione di riferimento non è ancora Serie M


stata stabilita, il ritorno al punto di riferimento PRM
viene eseguito usando le camme di 1005#3=1
decelerazione, altrimenti viene eseguito in
rapido (0)/vengono semtre utilizzate le camme
di decelerazione(1)

00012 Distacco asse, comando di movimento, immagine <Asse>


speculare

#0 MIR : L’immagine speculare per ciascun asse è OFF PRM


(0)/ON (1) 1005#7
#4 AIC : L’entità di un movimento asse è determinata Serie T
dall’indirizzo specificato (0)/è sempre
incrementale (1)
#7 RMV : Il distacco di ciascun asse non è eseguito (0)/
è eseguito (1)

258
7.2 Elenco dei parametri

00020 Selezione dell’unità I/O o selezione dell’unità di im- PRM110#0


missione nel foreground

Valore Descrizione (Unità I/O selezionata)


0 Canale 0 (Porta seriale 1, RS--232--C)
1 Canale 1 (Porta seriale 1, RS--232--C)
2 Canale 2 (Porta seriale 2, RS--232--C)
3 Buffer remoto
4 Memory card
5 Data server
6 L’esecuzione del funzionamento in DNC o la
specifica di M198 avvengono mediante FOCAS1/
Ethernet o DNC1/Ethernet.
10 Interfaccia DNC1/DNC2, OSI--Ethernet
12 DNC1 interfaccia #2
15 La specifica di M198 avviene mediante
FOCAS1/HSSB. (PRM8706#1=1)
16 Il funzionamento in DNC o la specifica di M198 7
avvengono mediante FOCAS1/ HSSB (porta 2).
20 -- 35 Lo scambio di dati fra il CNC e il Power Mate ha
luogo nel gruppo n (n: da 0 a 15) tramite il
FANUC I/O Link.
[Valore impostato 20 → Gruppo 1]
Lista dei parametri correlati
Imposta- Formato Specifica Velocità Metodo
Valore zione Connettore
uscita unità trasmiss. trasmiss.
comune

0 PRM101 PRM102 PRM103


JD36A
1 PRM111 PRM112 PRM113 Non im-
postato

2 PRM100 PRM121 PRM122 PRM123 JD36B

PRM135
3 #3=0 JD28A
Buffer PRM131 PRM132 PRM133 (RS--232--C)
remoto #3=1 JD6A
(RS--422)

00021 Impostazione dell’unità di emissione nel foreground PRM110#0

00022 Impostazione dell’unità di immissione nel background PRM110#0

00023 Impostazione dell’unità di emissione nel background PRM110#0

00024 Porta per le comunicazioni con lo strumento di svi-


luppo del ladder del PMC (FAPT LADDER--III)

0 : Dipende dall’impostazione sullo schermo on line del PMC


1 : Porta seriale RS--232--C 1 (JD36A)
2 : Porta seriale RS--232--C 2 (JD36B)
10 : Interfaccia ad alta velocità (HSSB (COP7) o Ethernet)
11 : Interfaccia ad alta velocità o Porta seriale RS--232--C 1
12 : Interfaccia ad alta velocità o Porta seriale RS--232--C 2

259
7. PARAMETRI

2) Per l’interfaccia lettore/perforatore

00100 Comuni a tutti i canali

#1 CTV : Nella sezione commenti di un programma, il


controllo TV è eseguito (0)/non è eseguito (1)
#2 CRF : In codice ISO l’EOB (fine del blocco) emesso:
dipende dal PRM100#3 (NCR) (0)/è CR LF (1)
#3 NCR : Il codice di fine blocco in codice ISO è LF, CR,
CR (0)/è CR (1)
#5 ND3 : In DNC, un programma è letto blocco per
blocco (0)/è letto fino al riempimento del buffer
(1).
#6 IOP : L’immissione/emissione dei programmi pezzo
si ferma resettando il CNC (0)/premendo il
tasto software [STOP] (1).
#7 ENS : Nella lettura di dati in codice EIA, un codice ALM001
NULL viene ignorato (0)/genera un allarme (1)

00101 Parametri del canale 1 (CANALE I/O = 0)

#0 SB2 : Un bit di stop (0)/due bit di stop (1)


#1 HAD : Un allarme alzato per l’handy file interno, è Serie M
indicato dall’ALM86 (0)/visualizzato in dettaglio
(1)
#3 ASI : Immissione dati in EIA o ISO (0))/in ASCII (1)
#7 NFD : Le code di nastro sono emesse (0)/non sono
emesse (1)

00102 Codice dell’unità di I/O del canale 1


(CANALE I/O=0)

0 : RS-232-C (Usa i codici di controllo DC1 --


DC4)
1 : CASSETTE B1/B2 (Cassetta a bolle)
2 : FLOPPY CASSETTE ADAPTER F1
3 : PROGRAM FILE Mate, FA Card, FSP-H,
FLOPPY CASSETTE, Handy File
4 : RS-232-C (Non usa i codici di controllo DC1 --
DC4)
5 : LETTORE PORTATILE DI NASTRO
6 : PPR, FSP-G, FSP-H

00103 Baud rate del canale 1


(CANALE I/O=0)

1 : 50 bps 7 : 600 bps


2 : 100 bps 8 : 1200 bps
3 : 110 bps 9 : 2400 bps
4 : 150 bps l 10 : 4800 bps
5 : 200 bps 11 : 9600 bps
6 : 300 bps 12 : 19200 bps

00110 Controllo separato del numero di canale I/O

#0 IO4 : Controllo separato del n. di canale I/O non PRM20


eseguito (0)/eseguito (1) -- 23

260
7.2 Elenco dei parametri

00111 Parametri del canale 1 (CANALE I/O = 1) PRM101

00112 Codice dell’unità di I/O del canale 1 PRM102


(CANALE I/O=1)

00113 Baud rate del canale 1 PRM103


(CANALE I/O=1)

00121 Parametri del canale 2 (CANALE I/O = 2) PRM101

00122 Codice dell’unità di I/O del canale 2 PRM102


(CANALE I/O=2)

00123 Baud rate del canale 2 PRM103


(CANALE I/O=2)

00131 Parametri del canale 3 (CANALE I/O = 3) PRM101

00132 Codice dell’unità di I/O del canale 3 PRM102 7


(CANALE I/O=3)

00133 Baud rate del canale 3 PRM103


(CANALE I/O=3)

00134 Buffer remoto

#1 PRY : Senza bit di parità (0)/con bit di parità (1)


#2 SYN : Codici “SYN” e “NAK” del protocollo B non
controllati (0)/controllati (1)
#4 NCD : Segnale CD (qualità del segnale)
dell’interfaccia RS--232--C controllato (0)/non
controllato (1)
#5 CLK : Clock per il baud rate dell’interfaccia RS-422
interno (0)/esterno (1)

00135 Buffer remoto

#0 ASC : Codice usato nelle comunicazioni per i dati non


NC: ISO (0)/ASCII (1)
#1 ETX : Codice di fine per il protocollo A: CR (0)/ EXT
(1) in ASCII/ISO
#2 PRA : Protocollo: B (0)/A (1)
#3 R42 : Interfaccia: RS-232-C (0)/RS-422 (1)
#7 RMS : Con il protocollo A esteso, la posizione del
byte della parte di dati SAT non è normalmente
designata 0 (0)/viene restituita
incondizionatamente (1)

261
7. PARAMETRI

00138 I/O con memory card, I/O caricatore

#0 MDP : Al nome del file scritto su una memory card PRM20=4


non viene aggiunta l’indicazione del canale
(0)/l’indicazione viene aggiunta (1)
Esempio: Scrittura del file dei parametri
Canale 1 = CNCPARAM.DAT
(come quando questo
parametro è 0)
Canale 2 = CNCPARAM.P--2
Caricatore = CNCPARAM.P--L
#1 FNL : Nell’emissione dati con RS--232C della
funzione controllo caricatore, il dato relativo
alla serie non è aggiunto al nome del file (0)/è
aggiunto al nome del file(1)
#7 MDN : Il funzionamento in DNC con memory card è PRM20=4
disabilitato (0)/abilitato (1)

3) Per l’interfaccia DNC1/DNC2

00140 Interfaccia DNC2 Dedicato


all’interfac-
cia DNC2

#0 BCC : Il valore di BCC è (0)/non è (1) controllato


#2 NCE : I segnali ER (RS--232C) e TR (RS422) sono
controllati (0)/non sono controllati (1)
#3 ECD : A un riconoscimento negativo viene aggiunto
un codice di errore di quattro cifre esadecimali
(0)/il codice di errore non viene aggiunto (1)

00141 Metodo di collegamento fra il CNC e l’host


(interfaccia DNC1) (1: PTP, 2: Multipunto)

00142 Indirizzo di stazione del CNC (interfaccia


DNC1) (2 -- 52)

00143 Limite di tempo per il timer di monitoraggio di


una risposta (1 -- 60) [sec]

00144 Limite di tempo per il timer di monitoraggio del


segnale EOT (1 -- 60) [sec]

00145 Tempo necessario per la commutazione di


RECV e SEND (1 -- 60) [sec]

00146 Numero di tentativi prima di interrompere le


comunicazioni (1 -- 10) [Numero di volte]

00147 Numero di ripetizioni del messaggio in risposta


al segnale NAK (1 -- 10) [Numero di volte]

00148 Numero di caratteri in eccesso (10 -- 255)


[Caratteri]

00149 Numero di caratteri nella sezione dati del


pacchetto (80 -- 256) [Caratteri]

262
7.2 Elenco dei parametri

4) Per l’interfaccia M--NET

00161 Metodo di comunicazione

#2 SRL : Caratteri di 7 bit (0)/caratteri di 8 bit (1).


#4 SRP : Parità verticale non controllata (0)/ controllata
(1).
#5 PEO : Controllo verticale di parità: dispari (0)/pari (1).
#7 SRS : Un bit di stop (0)/due bit di stop (1) Quando
PRM161#4
=1

00171 Numero di byte trasferiti dal PLC al CNC


(1 -- 32).

00172 Numero di byte trasferiti dal CNC al PLC


(1 -- 32).

00173 Indirizzo stazione (1 -- 15) 7


00174 Baud rate

1 : 2400 3 : 9600 5 : 38400 7 : 76800 [bps]


2 : 4800 4 : 19200 6 : 57600

00175 Tempo limite fra il completamento della 1--32767


sequenza di collegamento della stazione locale [msec]
e l’inizio della sequenza normale.

00176 Tempo limite per l’esecuzione del polling.

00177 Tempo limite fra l’inizio della trasmissione di


SAI e la fine della trasmissione di BCC.

00178 Ritardo fra il completamento di una ricezione di


dati e l’inizio della trasmissione dei dati
successivi.

5) Per la diagnostica remota

00200 Diagnostica remota PRM2#0

#0 SB2 : Un bit di stop (0)/due bit di stop (1) =0


#1 ASC : Il codice utilizzato per l’emissione dei dati è: =1
ISO (0)/ASCII (1)
#2 NCR : EOB (fine blocco emesso come: ”LF” ”CR” =1
”CR”(0)/”LF”(1)
#6 MCB : La velocità di trasmissione (baud) per lo
scambio di dati tra la scheda modem ed il CNC
è: 9600 bps (fisso) (0)/determinato dal
PRM203 (1)

263
7. PARAMETRI

00203 Velocità di trasmissione per la diagnostica PRM200#6


remota

Se si usa una porta seriale RS--232C (PRM200#6=0)


1 : 50bps 2 : 100bps 3 : 110bps 4 : 150bps
5 : 200bps 6 : 300bps 7 : 600bps 8 : 1200 bps
9 : 2400bps 10 : 4800bps 11 : 9600bps 12 : 19200 bps
Se si usa una scheda modem (PRM200#6=1)
1 : 28800bps 2 : 38400bps 3 : 57600bps 4 : --
5 : -- 6 : 300bps 7 : 600bps 8 : 1200bps
9 : 2400bps 10 : 4800bps 11 : 9600bps 12 : 19200bps

00204 Canale usato per la diagnostica remota

0 : Porta seriale RS--232C 1 (canale 1)


1 : Porta seriale RS--232C 1 (canale 1)
2 : Porta seriale RS--232C 2 (canale 2)

00211 Password 1 per la diagnostica remota PRM221

00212 Password 2 per la diagnostica remota PRM222

00213 Password 3 per la diagnostica remota PRM223

00221 Keyword 1 per la diagnostica remota PRM211

00222 Keyword 2 per la diagnostica remota PRM212

00223 Keyword 3 per la diagnostica remota PRM213

6) Per l’interfaccia DNC1 #2

00231 Formato emissione interfaccia DNC1 #2 PRM101

00233 Baud rate interfaccia DNC1 #2 PRM103

00241 Metodo di collegamento fra il CNC e l’host


(interfaccia DNC1 #2) (1: PTP, 2: Multipunto)

00242 Indirizzo di stazione del CNC (interfaccia DNC1


#2) (2 -- 52)

7) Per la funzione CNC screen display

00300 Funzione CNC screen display, interfaccia per


memory card

#0 PCM : Se è abilitata la funzione CNC screen display e (Se questo


sul lato CNC è presente un’interfaccia per parametro è
0, viene
memory card (connessione HSSB), viene
usata l’impo-
utilizzata la memory card del lato NC (0)/ stazione del
l’interfaccia per memory card del PC (1) PRM20.)

264
7.2 Elenco dei parametri

8) Per FACTOLINK

00801 Formato delle comunicazioni FACTOLINK

#0 SB2 : Il numero di bit di stop è: uno (0)/due (1)

00802 Canale per le comunicazioni FACTOLINK

00803 Velocità di trasmissione per le comunicazioni


FACTOLINK

00810 Visualizzazione del FACTOLINK

#0 BGS : Quando non è visualizzata la schermata


FACTOLINK, il relativo allarme di
comunicazione è: non attivato (0)/attivato (1)
#1 FAS : Se il FACTOLINK usa i comandi Answer
(rispondi) o AnswerEx, il numero di risposta
A01. è: visualizzato nel campo risposta (0)/non 7
visualizzato nel campo risposta (1)
#2 FCL : Il clock FACTOLINK è: visualizzato
normalmente (0)/a video invertito (1)
#3 FYR : Quando il clock FACTOLINK è visualizzato nel PRM810#4
formato 01/01/23 00:00 l’anno è rappresentato:
con 2 cifre (0)/con 4 cifre (1)
#4 FTM : Il clock FACTOLINK è visualizzato come: ”Wed
Nov 12 00:00:00”(0)/”02/11/12 00:00:00”(1)
#5 FAS : Le visualizzazioni FACTOLINK sono: a colori
(0)/con due gradazioni di grigio (1)

00811 Tipo di log per il FACTOLINK

00812 Indirizzo PMC dei dati di log per il FACTOLINK

00813 Lunghezza dei dati di log per i FACTOLINK

00814 Indirizzo di attesa del log per il FACTOLINK

00815 Intervallo di trasmissione dei dati di log per il


FACTOLINK

00820 Indirizzo unità FACTOLINK (1)

00821 Indirizzo unità FACTOLINK (2)

00822 Indirizzo unità FACTOLINK (3)

00823 Indirizzo unità FACTOLINK (4)

00824 Indirizzo unità FACTOLINK (5)

00825 Indirizzo unità FACTOLINK (6)

00826 Indirizzo unità FACTOLINK (7)

00827 Indirizzo unità FACTOLINK (8)

00828 Indirizzo unità FACTOLINK (9)

265
7. PARAMETRI

9) Per il data server

00900 Funzione data server

#0 DSV : La funzione data server è abilitata (0)/


disabilitata (1)
#1 ONS : Quando il numero O del nome file del data
server e il numero O del programma pezzo
sono diversi ha la precedenza il nome file (0)/il
numero programma (1)

00911 Carattere MDI alternativo

00912 Carattere mancante dalla tastiera MDI

00921 Sistema operativo dell’host computer 1 del data


server

00922 Sistema operativo dell’host computer 2 del data


server

00923 Sistema operativo dell’host computer 3 del data


server

0 : Windows95/98/NT
1 : UNIX,VMS

00924 Latenza per DNC1/Ethernet o


FOCAS1/Ethernet [msec]

Windows è un marchio registrato della Microsoft Corporation.

10) Per Ethernet

00931 Codice del carattere speciale corrispondente al


tasto software [CHAR--1]

00932 Codice del carattere speciale corrispondente al


tasto software [CHAR--2]

00933 Codice del carattere speciale corrispondente al


tasto software [CHAR--3]

00934 Codice del carattere speciale corrispondente al


tasto software [CHAR--4]

266
7.2 Elenco dei parametri

00935 Codice del carattere speciale corrispondente al


tasto software [CHAR--5]

Questi parametri permettono di introdurre un carattere speciale


non fornito sul pannello MDI, ma necessario in un nome utente, in
una password o nella directory di login, premendo un tasto soft-
ware sullo schermo dei parametri Ethernet.I codici dei caratteri
speciali corrispondono ai codici ASCII.
Esempio di codici dei caratteri speciali

Carattere Codice Carattere Codice Carattere Codice


speciale speciale speciale
Blank 32 ) 41 < 60
! 33 * 42 > 62
” 34 + 43 ? 63
# 35 , 44 @ 64
$ 36 -- 45 [ 91
% 37 . 46 ^ 92
& 38 / 47 ¥ 93 7
’ 39 : 58 ] 94
( 40 ; 59 -- 95

11) Per il power mate CNC manager

00960 Power mate CNC manager

#0 SLV : Quando viene selezionato il power mate CNC


manager, lo schermo visualizza:uno slave
(0)/fino a 4 slave (1)
#1 MD1 :
#2 MD2 : MD2 MD1 Destinazione
0 0 Memoria programmi pezzo
0 1 Memory card

In ambedue i casi, i parametri sono emessi in


formato programma.
#3 PMN : La funzione power mate CNC manager
function è: abilitata (0)/disabilitata (1)

12) Per assi controllati, sistema di incrementi

01001 Incremento minimo di immissione

#0 INM : Incremento minimo di comando degli assi


lineari: in mm (macchina metrica)(0)/in pollici
(macchina in pollici) (1)

267
7. PARAMETRI

01002 Ritorno al punto di riferimento, numero di assi


controllati in manuale

#0 JAX : Numero di assi controllati simultaneamente in


manuale è: uno (0)/tre (1)
#1 DLZ : Il ritorno al punto di riferimento senza camma PRM
è: disabilitato (0)/abilitato (tutti gli assi) (1) 1005#1
#2 SFD : La funzione di spostamento del punto di
riferimento è: non usata (0)/usata (1).
#3 AZR : Quando la posizione di riferimento non è Serie M
stabilita, il comando G28 usa le camme di
decelerazione (0)/causa l’ALM90 (1).
#4 XIK : Se alla macchina viene applicato un
interblocco per un asse in posizionamento (di
tipo non lineare), si ferma solo l’asse
interbloccato (0)/si fermano tutti gli assi (1).
#7 IDG : Con la posizione di riferimento stabilita senza
camme, l’impostazione automatica del
PRM1012#0 è: non eseguita (0)/ eseguita (1)

01004 Incremento minimo di immissione

#0 ISA : Serie M
#1 ISC : ISC ISA COD. Increm. min. di immissione

0 1 IS--A 0.01 mm o 0.01 gradi

0 0 IS--B 0.001 mm o 0.001 gradi

1 0 IS--C 0.0001 mm o 0.0001 gradi

#7 IPR : L’incremento minimo di immissione di ciascun


asse è uguale a 1 volta (0)/10 volte (1)
l’incremento minimo di comando

01005 Distacco asse controllato, accelerazione <Asse>


dall’esterno, ritorno al punto di riferimento

#0 ZRN : Se viene specificato un comando di ritorno al


punto di riferimento e dopo l’accensione non è
ancora stato eseguito il ritorno manuale al
punto di riferimento, si verifica un allarme
(0)/non si verifica un allarme (1)
#1 DLZ : Funzione di settaggio del punto di riferimento PRM
senza camma: disabilitata (0)/abilitata (1) 1002#1
#3 HJZ : Dopo che è stata stabilita la posizione di Serie M
riferimento, per il ritorno al punto di riferimento
in manuale vengono usate le camme di (0)/è
valido il PRM2#7 (1)
#4 EDP : Segnale esterno di decelerazione nella PRM1426,
direzione positiva: valido solo in rapido 1427
(0)/valido in rapido ed in lavoro (1).
#5 EDM : Segnale esterno di decelerazione nella PRM1426,
direzione negativa: valido solo in rapido 1427
(0)/valido in rapido ed in lavoro (1).
#6 MCC : Alla rimozione di un asse, va off l’MCC (0)/va PRM
off solo l’eccitazione del motore (1). 0012#7
#7 RMB : L’impostazione per il distacco per ciascun asse
controllato non è valida (0)/è valida (1)

268
7.2 Elenco dei parametri

01006 Assi controllati <Asse>

#0 ROT : ROSx ROTx Significato


#1 ROS :
0 0 Asse lineare
(1) La conversione pollici/milli-
metri è eseguita.
(2) Le coordinate sono del tipo
asse lineare. (Non riman-
gono entro 0 -- 360_)
(3) La compensazione dell’errore
di passo è del tipo asse li-
neare (Vedere il PRM3624).

0 1 Asse rotativo (tipo A)


(1) Le coordinate di macchina
sono arrotondate entro l’inter-
vallo 0 -- 360_. Le coordi-
nate assolute sono o non
sono arrotondate in base ai 7
PRM1008#0, #2.
1 0 Non valida (non usata)

1 1 Asse rotativo (tipo B)


(1) Le coordinate di macchina, le
coordinate assolute e le
coordinate relative sono del
tipo asse lineare. (Non ven-
gono mantenute nell’inter-
vallo 0 -- 360_)

#3 DIA : Programmazione radiale/diametrale per Serie T


ciascun asse: raggio (0)/diametro (1)
#5 ZMI : Impostazione iniziale della direzione del ritorno
al punto di riferimento e della compensazione