Sei sulla pagina 1di 6

John Cage

1912- 1992
Figura rivoluzionaria la cui impronta ….la musica europea.

Figlio dell’inventore John Milton Cage sr., John Milton Cage jr. nasce a Los
Angeles il 5 settembre 1912.
Intraprende lo studio della composizione nel 1931 e tra il 1933-7 studiò con
figure quali: Richard Buhling, Adolph Weiss, Henry Cowell fino ad arrivare
ad Arnold Schönberg.

Primo periodo (1933-50): Danza, percussioni, piano

Nelle prime composizioni emergono l’influenza dello sperimentalismo


coweliano, ad esempio, in Imaginary Landscape no. 3.

Dal 1937 comincia a lavorare come accompagnatore di danza, nel quale


ambito cominciò fin da subito a manifestare una propensione verso nuove
idee.
Prima fra tutte di considerare suoni quei rumori che sono da sempre stati
considerati come ‘non musicali’, non meno importante fu quella di utilizzare
l’elettronica come espansione sonora. Da tali idee nel 1939 compose Imaginary
Landscape no. 1.
In questo periodo la maggior parte della sua produzione è pianistica e, arriva
all’ideazione dell ‘preparazione’ del pianoforte, ovvero l’inserimento di
oggetti tra le corde del pianoforte. dal quale nacquero pezzi da Bacchanale
(1940) alle
Sonatas and Interludes (1946-1948).

Il silenzio
1946 Cage entra in contatto con la musica e filosofia asiatiche, dalle teorie
Hindu alla cultura del Buddismo Zen, con le quali trova fin da subito
un’immediata affinità.
Idee dell’estetica indiana sono evidenti infatti già nelle Sonatas and Interludes.
Anche con il pianoforte preparato in realtà, poiché il pianoforte in tal modo si
spogliava della sua sonorità tipica per assomigliare più a un gamelan
giavanese.
Da tali filosofie e relative pratiche meditative Cage da sempre più importanza
al silenzio, arrivando ad annullare la differenza tra suono e silenzio.

Secondo periodo
Cage dopo il 50 comincia ad inserire il principio di indeterminazione. Nel 50
Cage ottenne la copia dell’I-Ching, l’antichissimo Libro dei Mutamenti
proveniente dall’antica civiltà cinese.
Da questo libro, nel 1951 nasce Music of Changes, nel quale organizza la
composizione del pezzo secondo uno schema, derivante dal caso, fatto di
tempi, dinamiche, suoni, silenzi, durate con notazione tradizionale.
Altra composizione Imaginary Landscape no.4 per 12 radio e 24 esecutori, qui la
casualità con cui è stata scritta la partitura si somma alla casualità della
programmazione radiofonica al momento dell’esecuzione.

Dopo il 50 diventa importante il rapporto tra suono, silenzio e gestualità.

Da queste idee nasce 4’33” (1952), in cui gli ascoltatori diventavano musicisti
e divenissero consapevoli della musica silenziosa presente nel teatro.
Aveva rinunciato ai concetti di sviluppo tematico, forme architettoniche
abbracciando una concezione della musica come un divenire continuo.

Dello stesso anno e basato sugli stessi principi in cui viene esaltata la
componente gestuale: Water Music (1952)
“Cerco di disporre i miei mezzi compositivi in modo tale da non avere la
minima idea di quello che potrà succedere e questa.”

Fama
I lavori di Cage divennero famosi nei circoli di musica contemporanea a fine
’50, inizi ’60.

Non voleva intervenire con gli accadimenti (da filosofia Zen)


Musica aleatoria
Per musica aleatoria, dal latino alea = dado, si afferma come avanguardia
musicale tra il 1950 e 1970, inizialmente negli Stati Uniti, con successivo
seguito in Europa.
La musica aleatoria prevede l’indicazione da parte del compositore di
soltanto alcuni dati, lasciando più libero l’interprete. Casualità
l’indeterminatezza
Vi è anche la negazione di ogni residuo di forma.
Conseguenza di questo tipo di musica è la grande varietà di nuovi tipi di
notazione che generalmente è personale.

Di fatto, nella musica aleatoria, il compositore si astiene deliberatamente


dall’esercitare qualsiasi controllo sul procedimento .

Water Walk

All’indomani della morte di John Cage nel 12 agosto 1992, Silvano Bussotti
annotava nel suo necrologio: “in Italia non fu celebrato alla scala, tanto più
prosaicamente da Mike Bongiorno”.

In Italia divenne famoso vincendo i milioni negli ultimi istanti del


programma Lascia o Raddoppia snocciolando la miriade di nomi di funghi
da nomi con nomi latini e non.
Fu Mike Bongiorno a rendere famosa nel 1959 la figura di Cage presso il
grande pubblico, e assieme a lui una musica considerata sperimentale.
29 gennaio 1959: Cage va in onda e rimane protagonista raddoppiando per 5
settimane consecutive, fino al 26 febbraio, quando tornerà a casa con il
massimo del montepremi: 5.120.000 lire.
Il siparietto che si consuma nei momenti finali:
Mike: “[…] torna in america adesso o resta qui?”
Cage: “mia musica resta”
M: “ah, lei va via e la sua musica resta qui? Era meglio che la sua musica
andasse via e lei restasse in Italia”. E giù applausi e risate.
Quella sera l’Italia, non certo quella delle accademie, aveva scoperto John
Cage. Bongiorno scherzasse un po' con lui riguardo i suoi pezzi musicali non
convenzionali. Purtroppo non è rimasto alcun reperto video a testimonianza di
questo curioso episodio (sembra che sia andato perduto o persino distrutto.

Eseguì musica in diretta le sere (più precisamente Amores, Water


walk e Sounds of Venice).

Water walk – composta per pubblico italiano. Passeggiata sull’acqua. Ha


utilizzato:
 Bollitore
 Vaschetta colma d’acqua
 Frullatore
 Giocattolo a forma di pesce
 Petardo
 Innaffiatoio
 Bottiglia di seltz
 Mazzo di rose
 Fischietto
 Apparecchi radio
Water walk lo proporrà anche in show americani, infatti è un pezzo molto
televisivo.

Bibliografia

Carrozzo M., Cimagalli C., Storia della musica occidentale 3, Armando


Editore, 1997

Lanza A., Il secondo Novecento, EDT, 2014

Vinay G., Il Novecento nell'Europa orientale e Stati Uniti, EDT, 2019

Surian E., Manuale di storia della musica. Il Novecento (Vol. 4), Rugginenti,
1996.
https://www.raiplayradio.it/playlist/2020/05/Wikimusic-John-Cage-4f4cae84-
3617-4f6f-bf32-c396c2cb84e8.html

https://www.oxfordmusiconline.com/grovemusic/view/10.1093/gmo/9781561
592630.001.0001/omo-9781561592630-e-1002223954?rskey=W51Zwh

https://www.oxfordmusiconline.com/grovemusic/view/10.1093/gmo/9781561
592630.001.0001/omo-9781561592630-e-0000000509?rskey=X8H5ak&result=1

http://www.johncage.it/1959-lascia-o-raddoppia.html

https://bibliolmc.ntv31.com/node/1157

http://www.accademiaarsantiqua.net/2013/03/24/la-musica-aleatoria/

https://www.editionpeters.com/product/water-walk/ep6771

Potrebbero piacerti anche