Sei sulla pagina 1di 2

LA LETTERA

Foglio di collegamento pastorale della


Parrocchia di San Francesco d’ Assisi
Parroco Don Gianfranco Furlan

Dio racchiude il grande nel pic- di vita che scorre e non sta fermo.
colo, l'eternità nell'attimo Tutto il mondo è incamminato,
(di Ermes Ronchi) con il suo ritmo misterioso, verso
Gesù, narratore di parabole, sce- la fioritura e la fruttificazione. Il
glie sempre parole di casa, di orto, paradigma della pienezza regge la
di lago, di strada: parole di tutti i nostra fede. Mietiture fiduciose,
giorni, dirette e immediate, laiche. abbondanti. Gioia del raccolto.
Racconta storie di vita e le fa di- Sogni di pane e di pace. Positività.
ventare storie di Dio, e così rag- Il terreno produce da sé, per ener-
giunge tutti e porta tutti alla scuo- gia e armonia proprie: è nella na-
la delle piante, della senape, del tura della natura di essere dono,
filo d'erba, perché le leggi dello di essere crescita. È nella natura di
spirito e le leggi profonde della Dio. E anche dell'uomo. Dio agisce
natura coincidono; quelle che reg- in modo positivo, fiducioso, sola-
gono il Regno di Dio e quelle che re; non per sottrazione, mai, ma
alimentano la vita dei viventi sono sempre per addizione, aggiunta,
le stesse. Reale e spirituale coinci- incremento di vita. Con l'atteggia-
dono. Accade nel Regno ciò che mento determinante della fiducia!
accade nella vita profonda di ogni Il terreno produce spontaneamen-
essere. C'è una sconosciuta e divi- te.
na potenza che è all'opera, instan-
cabile, che non dipende da te, che
non devi forzare ma attendere con
fiducia. Gesù ha questa bellissima
visione del mondo, della terra,
dell'uomo, al tempo stesso imma-
gine di Dio, della Parola e del re-
gno: tutto è in cammino, un fiume
Non fa sforzo alcuno il seme, nessuna con noi, rimane con
fatica per il terreno, la lucerna non de- noi, rimane nella
ve sforzarsi per dare luce se è accesa; il sua Chiesa, rimane
sale non fa sforzo alcuno per dare sa- nell’Eucarestia, ri-
pore ai piatti. Dare è nella loro natura. mane nella sua Pa-
È la legge della vita: per star bene an- rola, rimane nei VOTAZIONI
che l'uomo deve dare. Quando è ma- poveri, rimane con noi camminando. E PER IL NUOVO C.P.P.
turo infine il frutto si dà, si consegna, questa è vicinanza: il pastore vicino al
espressione inusuale e bellissima, che suo gregge, vicino alle sue pecorelle,
riporta il verbo stesso con cui Gesù si che conosce una ad una… Tenerezza! Si terranno sino a
consegna alla sua passione. E ricorda Ma il Signore ci ama con tenerezza. Il Domenica 13 giu-
che l'uomo è maturo quando, come Signore sa quella bella scienza delle
effetto di una vita esatta e armoniosa, carezze, quella tenerezza di Dio. Non
gno.
è pronto a donarsi, a consegnarsi, a ci ama con le parole. Lui si avvicina,
diventare anche lui pezzo di pane vicinanza, e ci dà quell’amore con te- Nei seguenti orari:
buono per la fame di qualcuno. Nelle nerezza. Vicinanza e tenerezza! Queste Sabato dalle 17.00
parabole, il Regno di Dio è presentato due maniere dell’amore del Signore
come un contrasto: non uno scontro che si fa vicino e dà tutto il suo amore alle 19.00;
apocalittico, bensì un contrasto di cre- con le cose anche più piccole: con la Domenica dalle
scita, di vita. Dio viene come un con- tenerezza. E questo è un amore forte, 08.00 alle 12.00;
trasto vitale, come una dinamica che si perché vicinanza e tenerezza ci fanno
insedia al centro, un salire, un evolve- vedere la fortezza dell’amore di Dio”.
re, sempre verso più vita. Quando Dio Concludiamo il mese dedicato al Sacro Il seggio è la chiesa
entra in gioco, tutto entra in una dina- Cuore accogliendo, come dirette a noi stessa. Tutte le info-
mica di crescita, anche se parte da se- personalmente, le parole appassionate
mi microscopici: Dio ama racchiudere che Gesù ha rivolto alla sua serva Mar-
mazioni sono riportate
il grande nel piccolo: l'universo nell'a- gherita Maria: “Ecco il Cuore che ha in fondo la chiesa.
tomo, l'albero nel seme, l'uomo tanto amato gli uomini, che non ha
nell'embrione, la farfalla nel bruco, l'e- risparmiato nulla fino a esaurirsi e a
ternità nell'attimo, l'amore in un cuore, consumarsi per testimoniare loro il
se stesso in noi. suo amore. E invece di riconoscenza
non riceve dai più che ingratitudine
per le irriverenze e i sacrilegi, per la
freddezza e il disprezzo che hanno per
me in questo sacramento di amore”.
Papa Francesco nella Messa a Santa Gesù ci ha immensamente amato, nul-
Marta per la Solennità del Sacro Cuore la ha risparmiato, si è esaurito e si è
di Gesù nel 2013 ha ribadito: “Un Dio consumato d’amore...
che si fa vicino per amore, cammina
con il suo popolo e questo camminare
arriva ad un punto che è inimmagina-
bile. Mai si può pensare che lo stesso
Signore si fa uno di noi e cammina