Sei sulla pagina 1di 3

1.

Per reattanza di un condensatore si intende la misura


dell'impedimento che il componente oppone al passaggio
della corrente, allorché sui suoi terminali è applicata una
tensione alternata. Tale grandezza elettrica si esprime
attraverso la seguente formula:

Xc = 1 / (2 π f C)

in cui f indica la frequenza della tensione alternata mentre C


esprime il valore capacitivo del condensatore.
L’unità di misura della Reattanza Capacitiva è l'ohm
(simbolo Ω).
Inoltre se la f=0, la Xc=∞,viceversa se la Xc=∞,la f=0

2. L’induzione magnetica consiste nella polarizzazione che


subiscono alcune sostanze “ferromagnetiche”, quando
vengono inserite in un campo magnetico, detto campo
inducente; la magnetizzazione può cessare solo con la
scomparsa del campo inducente oppure persistere per un
tempo indeterminato.

L’autoinduzione magnetica viene definita coma la variazione


della corrente in un circuito elettrico che genera una forza
elettromotrice indotta nel circuito stesso.
3.

4. La reattanza induttiva della resistenza assumerà valore nullo,


il condensatore assumerà il comportamento di un circuito
aperto e al cessare dell'eccitazione sul circuito l'energia
elettrica raccolta all’interno del condensatore si è esaurirà e
verrà trasformata in corrente elettrica rilasciata nel circuito,
mentre l’induttore si comporterà come un cortocircuito e
scomparirà qualsiasi tipo di effetto.

5. La funzione di trasferimento è ottenuta dal seguente rapporto:

Se al posto di Xc sostituiamo 1/(ω*C) oppure 1/ (2π f *C)


otteniamo l'espressione di A dipendente dalla f frequenza del
segnale di ingresso
Il valore della frequenza di taglio in un filtro passa basso RC è
dato dal seguente rapporto:

Il valore di A alla frequenza di taglio è il risultato del seguente


rapporto:

A = 1 / √2 < -45° = 0.7 < -45°

6.