Sei sulla pagina 1di 4

voce Tabula compositoria, in Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti, diretto da

Alberto Basso, Il Lessico, Torino, UTET, 1984, IV, p. 478

Tabula compositoria. Termine lat. con cui è denominata (da A. Lampadius nel Compendium musices del
1537) una tavola in legno, cuoio, ardesia, pergamena o altri materiali ancora, su cui i polifonisti dei sec.
XV-XVII (ma il sistema era già impiegato nel sec. XIV e rimarrà in uso fino al sec. XVIII in Francia e fino
al XIX in Italia) scrivevano in partitura le proprie compos. per abbozzarle o controllarne l’effetto d’insieme,
prima di stenderle in parti separate; l’impiego di materiali resistenti permetteva di cancellare di volta in
volta le sezioni composte per lasciar posto alle nuove. Le linee musicali, tracciate con una punta a secco,
erano per lo più riunite in sistemi di 10 righe (scala decemlinearis) che, tra righe e spazi, comprendevano
l’intera estensione della scala guidoniana, oppure di diversi pentagrammi, come le particelle o le partiture
moderne. Linee poste verticalmente permettevano una maggior chiarezza nella suddivisione delle frasi, e la
stessa funzione chiarificante nei confronti di strutture polifoniche complesse, con incroci tra le voci e simili,
aveva la notazione delle singole voci con note dalle fogge diverse.

BIBL.:
E. E. LOWINSKY, On the Use of Scores by 16th Century Musicians, in JAMS, 1948;
S. CLERCX-LEJEUNE, D’une ardoise aux partitions du XVIe siècle, in Mélanges P. M. Masson, Parigi, 1955;
E. E. LOWINSKY, Early Scores in Manuscript, in JAMS, 1960;
S. HERMELINK, Dispositiones modorum, Tutzing, 1960;
ID., Die T. C., in Festschrift H. Besseler, Lipsia, 1961;
TH. GÖLLNER, Notationsfragment aus einer Organistenwerkstatt des 15 Jahrhunderts, in AfMw, 1967;
J. CHAILLEY, Tabulae Compositoriae, in AMl, 1979.

Tabula compositoria, cartella, Löschtabell


Costituita da una serie di dieci righi
http://www.chmtl.indiana.edu/tml/16th/LAMCOM_TEXT.html

Lampadius

Compendium musices, tam figurati quam plani cantus ad formam dialogi, in usum ingenuae pubis ex
eruditis Musicorum scriptis accurate congestum, quale ante hac nunquam uisum, et iam recens publicatum.
Adiectis etiam regulis de concordantiarum et componendi cantus artificio, summatim omnia musices
praecepta pulcherrimis exemplis illustrata, succincte et simpliciter complectens (Bern: Samuel Apiarius,
1554).

[f.Fir] DE COMPOSITIOne Cantus Compendium.


Haec est simplex concordantiarum compositio secundum praedictas regulas, posset enim multo subtiliuis et
uelotius construi, hoc modo.

[Lampadius, Compendium Musices, f.Fvijr,2; text: dd, c, [Gamma]] [LAMCOM 36GF]


[f.Fviijr] SI CVI ANIMVS EST SVAuem Harmoniam constituere, quasdam Regulas obseruet, necessum
est.
I. Principio omnium maxime decet ne ex uulgari Musicorum fece sit, Et ut scalam decem linealem (quam
uocant) in promptu habeat, oportet, Et claues signatas, in suum ordinem ueluti in nidum reponat.

ORDO DISTRIBVENdi uoces siue cantilenarum partes, quem prisci tabularum uice usurparunt.
[Lampadius, Compendium Musices, f.Gvir; text: Sancta Maria succur. VERDELOT.] [LAMCOM 44GF]

The ‘tabula compositoria’: opening bars of Verdelot’s motet ‘Sancta Maria succurre miseris’, in score, from the treatise
‘Compendium musices’ (1537) by Lampadius
Author: Bonini, Severo
Title: Discorsi e regole sopra la musica et il contrappunto
Source: Severo Bonini's Discorsi e regole: A Bilingual Edition, trans. and ed. MaryAnn Bonino (Provo:
Brigham Young University Press, 1979), 1-180. Reprinted with permission of Brigham Young University
Press from Discorsi e regole by MaryAnn Bonino. Copyright 1979 by BYU Press.

Ne credo, che per buono esemplare vi siano per dispiacere queste sei ò sette opere, le quali ho composte
ultimamente per mandare alla Stampa, alcune vulgari spirituali à tre voci, altre à due in spartitura, e mottetti
similmente in spartitura non solo per poterle cantare con piu facilità, e meglio, si come ancora sonarle, ma
acciò servino per studio à chi desidera comporre con qualche ingegno.