Sei sulla pagina 1di 10

Ninfe, le leggiadre figlie della natura

bestiario amatoriale per

RUNEQUEST II
a cura di

Federico “Angelo” Pilleri (FeAnPi/Rubiel)

Premessa

Le regole che seguono sono figlie di uno dei miei primissimi lavori per un GdR, risalente all'epoca

in cui per la prima volta, da appassionato della mitologia greca, lessi i manuali di un gioco di ruolo

trovandoli parecchio imprecisi riguardo a ninfe e driadi. Da allora sono passati parecchi anni, ma non ho

mai trovato un manuale nel quale ninfe e affini fossero trattate in maniera soddisfacente.

Questo lavoro vuole essere un piccolo tentativo di porre rimedio a tale carenza: da un lato,

ipotizzando l'esistenza di alcune creature soprannaturali legate ai luoghi naturali sarebbe stupido

pensare che, a seconda del luogo di provenienza, esse cambino non solo nome ma anche capacità;

dall'altro, nei Giochi di Ruolo sono invalse diverse tradizioni prive di qualsiasi fondamento mitologico che

hanno ormai snaturato le creature del mito. Il mio scopo è quello di creare delle ninfe più simili a quelle che

potrete trovare in una qualche leggenda piuttosto che, adeguatamente schedate, nel bestiario di un

GdR fantasy a caso. Le uniche due eccezioni riguardano l'introduzione delle ninfe del fuoco e della

tenebra, basate su un'idea di “equilibrio naturale” fantastico piuttosto che su qualche mitologia.

Tutti i testi non regolistici di questo documento sono pubblicati sotto una licenza Creative

Commons che ne vieta la commercializzazione e la modifica permettendone però la diffusione previa

citazione del sottoscritto come autore originale. Le immagini, invece, sono di proprietà dei rispettivi

autori; nello specifico, la bravissima Lillyen del forum Dragons'Lair, l'ormai deceduto scultore del

bassorilievo di Borobudur a Giava, e gli altrettanto deceduti pittori anglosassoni John William

Waterhouse e Thomas Cole.

1
Sulla natura delle ninfe

Introduzione dal vero; secondo altri, sarebbero divinità minori,

Da tempi immemorabili in diverse culture, e neppure il parere di costoro si discosta tanto

fiorite nei luoghi più distanti del pianeta, esistono dalla realtà.

leggende riguardo alle meravigliose creature che

incarnerebbero la pura bellezza incontaminata Alcuni brevi cenni

dei luoghi naturali. Gli umani hanno da sempre sentito il

bisogno di classificare questi esseri semidivini,

suddividendoli in razze diverse a seconda delle

loro dimore, proprio come hanno a lungo tentato

di suddividere se stessi e i propri simili in una

astrusa gerarchia di razze. Come per gli uomini,

simili distinzioni sono prive di senso per le figlie

della natura: esse sono sì dotate di capacità

leggermente differenti a seconda della loro

dimora, ma tali differenze passano in secondo

piano rispetto alla loro incredibile affinità di

fondo: come che si presentino esteticamente,

quale che sia l'elemento a cui sono collegate, e

Simili alle più leggiadre fra le fanciulle quale che sia la loro indole nei confronti dei

mortali, queste entità soprannaturali hanno avuto mortali, esse rimangono sempre e comunque le

in diversi luoghi e in diverse epoche nomi molto incarnazioni viventi della bellezza intrinseca nei

diversi: ninfe, ondine, apsaras... molti sono i nomi più maestosi luoghi naturali e le loro instancabili

coi quali gli umani chiamano quel che non guardiane.

conoscono. Secondo alcuni, si tratterebbe di Il loro aspetto fisico incarna la perfezione

creature fatate, ed essi non sono poi così lontani estetica nella sua forma più alta concepibile dai

2
mortali presso i quali risiedono, e sempre nelle piuttosto che vivere in un mondo che per loro

loro sembianze è presente qualcosa, spesso nulla resterà sempre grigio. In simili casi, la natura

più che una semplice sfumatura nei capelli, o un sembra farsi meno viva e maestosa nel luogo che

particolare luccichio negli occhi, capace di ha dato loro origine, quasi che il mondo pianga la

tradirne la vera natura. misera fine delle sue custodi.

Amanti della bellezza e dell'arte quanto Secondo quanto sostengono alcuni, tale

della natura da cui hanno origine, intrattengono legame sarebbe reciproco: così, uno dei pochi

relazioni pacifiche con gli uomini che condividono modi per uccidere definitivamente una di queste

tali valori; riservano al contrario la loro ira, un'ira entità sarebbe quello di distruggere il particolare

temibile quanto le onde di un maremoto, le elemento naturale al quale è legata; tuttavia,

sferzate di una tormenta o la violenza di una sembra che non tutte queste creature siano

frana, contro quanti si fanno beffe dell'equilibrio soggette a un legame particolare con un singolo

naturale e della sua grazia incorrotta. Sanno luogo quanto, in generale, con la natura tutta

essere gentili e spietate, vendicative e della loro dimora, il che vanificherebbe questa

compassionevoli. crudele strategia d'attacco. Nonostante tutto,

Più vicine alla benedizione di un'esistenza sono noti casi in cui alcune di queste custodi

quasi eterna che non alla condizione passeggera quasi immortali sarebbero scivolate nella pazzia e

di quanti vivono nel mondo, talvolta amano i più nella corruzione a seguito della devastazione del

fortunati fra gli uomini mortali di un amore che luogo da loro protetto.

non conosce limiti nella passione; talvolta,

generano loro dei figli nei quali la benedizione del Su una possibile classificazione

loro sangue semidivino tende a emergere con Dato che più di tutti furono i mortali

forza. presso i quali erano note come “ninfe” a

Pur sensibili nell'amore come in ogni altra celebrare tali creature e ad interagire con loro, è

passione, accettano l'inevitabile distacco dai ciononostante invalsa l'abitudine di chiamarle

propri cari come una immutabile legge naturale; così e di suddividerle nelle famiglie canoniche

talvolta, tuttavia, preferiscono cercare la morte individuate da quegli antichi popoli.

3
Tali categorie sono molto numerose, in tenebra, tetre e malevole guardiane della notte e

quanto gli antichi tendevano a raggruppare le degli abissi che si estendono fra gli astri. Infine,

ninfe in famiglie diverse a seconda delle loro secondo alcuni sapienti il mantenimento

presunte origini e della natura specifica dell'equilibrio richiederebbe l'esistenza di una

dell'elemento naturale al quale le si riteneva classe di ninfe legate al fuoco, ma tali opinioni

maggiormente legate. Così, essi individuavano non sono universalmente accettate e anzi molti

ninfe dei fiumi e dei laghi, degli alberi di frassino e ritengono che, come unico elemento totalmente

degli alberi da miele, del mare interno e del mare distruttivo, il fuoco non possa avere nulla a che

esterno, dei prati e delle caverne, e tante altre fare con le custodi del mondo.

ancora. È bene ricordare che, per una ninfa,

In realtà, tutte queste differenze sono di queste classificazioni significano ben poco:

poco conto: una ninfa tende ad assumere sorelle in quanto figlie del mondo e della natura,

caratteristiche diverse a seconda del luogo che esse sviluppano le proprie facoltà alla stessa

protegge, ma in misura molto limitata; un po' come maniera in cui un uomo intraprende una data

un uomo che varia il proprio vestiario a seconda professione. Raramente, il loro legame è così

delle condizioni climatiche in cui vive, con l'unica forte da vincolarle a un preciso luogo naturale,

differenza che per queste guardiane della natura dal quale non possono allontanarsi se non

tale “abito” arriva molto spesso a essere soffrendo grandi dolori, e dal quale non saranno

qualcosa di più. mai in grado di separarsi. In altri casi, non è raro

Con le dovute generalizzazioni, è che una ninfa cambi la propria natura a seguito di

possibile individuare un numero molto limitato di un mutamento nella sua dimora naturale, o dopo

“famiglie” di ninfe: ninfe dell'acqua, ninfe della essersi recata in un nuovo, diverso santuario

terra (ivi comprese quelle delle piante), e ninfe della natura.

dell'aria. A queste, alcuni aggiungono anche le Va infine notato che, secondo alcuni,

ninfe dell'etere, misteriose abitanti delle stelle e esisterebbero anche delle controparti maschili

compagne di quanti fra gli eroi ascendono ai cieli delle ninfe, ma ancora una volta i pareri dei saggi

empirei; loro controparte sarebbero le ninfe della non sono concordi a riguardo.

4
Le ninfe in RuneQuest II

Capacità delle ninfe molto ridotte rispetto a quelle necessarie a un

Tutte le ninfe condividono alcuni tratti e comune mortale.

capacità comuni: hanno le stesse caratteristiche,

le medesime abilità, e praticamente le stesse Tutte le ninfe possiedono incredibili doti

capacità di movimento. Per economia e magiche, possedendo una dote naturale per la

razionalizzazione di spazio, dunque, si è preferito magia comune e per quella spiritica, di cui

annotare in un unico blocco le caratteristiche conoscono ogni segreto e tecnica. Inoltre,

comuni a tutte le ninfe, ricorrendo alle dovute presentano un legame innato con la magia divina,

specificazioni solo in un numero limitato di casi, anche se più che con gli dei i loro patti sono

anziché ripetere inutilmente valori praticamente forgiati con la natura stessa.

identici.

Tutte le ninfe condividono una sorta di

immortalità: vengono al mondo già nel fiore degli

anni, e per tutta la durata plurisecolare e talvolta

millenaria delle loro vite non invecchiano di un sol

giorno, spegnendosi poi in maniera misteriosa

secondo imperscrutabili leggi divine. Possono

essere uccise in un combattimento fisico, ma

questo risulta particolarmente difficile in quanto

la natura stessa tende a preservarne l'integrità

corporea.

Una ninfa ha bisogno, come tutti gli


Va notato che alcune ninfe conoscono
esseri viventi, di nutrirsi, respirare e riposare, ma è
incantesimi differenti da quelli più comuni fra le
in grado di sopravvivere con quantità di nutrienti

5
loro simili, ma raramente una ninfa studierà le vie tenebra e quelle del fuoco sono fra le loro simili

della stregoneria. Tipicamente, queste rare quelle più inclini alla violenza e all'uso di potenziali

stregone sono viste con sospetto dalle loro simili, spasimanti come guardie del corpo.

quando non direttamente ostracizzate e

considerate delle reiette che hanno perso di Infine, ogni ninfa è in grado di muoversi a

strada il proprio sentiero, per quanto tali ninfe si proprio agio nel suo elemento naturale; pertanto,

considerino comunque delle custodi della natura. le ninfe dell'acqua si muovono nell'acqua con la

Ogni ninfa è inoltre portatrice di una o stessa facilità che sulla terra, e le ninfe dell'aria,

più rune, scelte dal seguente elenco: acqua (solo dell'etere e delle tenebra possono fluttuare

ninfe dell'acqua), animale, aria (solo ninfe volando a una velocità pari al loro valore di

dell'aria), armonia, calore, fato, fortuna, freddo, movimento.

fuoco (solo ninfe del fuoco), luce (solo ninfe

dell'etere), magia, oscurità (solo ninfe della Dadi Media

tenebra), spirito, terra (solo ninfe della terra), FOR 2d6+3 10

vegetale e vita. Una ninfa è in grado, attraverso COS 3d6 11

misteriosi rituali, di rendere qualsiasi essere che TAG 2d6+6 13

ritenga degno un portatore delle rune di cui è lei INT 3d6+6 17

stessa portatrice. VOL 3d6+9 20

DES 3d6+6 17

Le ninfe non portano con sé né armi né CAR 4d6+12 26

armature, preferendo quando possibile negoziare

piuttosto che combattere. Ciononostante, se Azioni di combattimento: 3

costrette dai propri avversari sanno scatenare su Modificatore ai danni: +0

di loro la furia stessa della natura, colpendoli con Punti Magia: 20

incantesimi di ogni tipo e sfruttando la propria Movimento: 10 metri

conoscenza dei luoghi che difendono allo scopo Grado di Attacco: +17

di creare trappole geniali e crudeli. Le ninfe della

6
1d20 Zona del corpo PA/PF 121%, Tempra 86%, Vigore 35%

1-3 Gamba destra 0/5 Magia: Legame Spiritico 80%; Sentiero

4-6 Gamba sinistra 0/5 Spiritico 75%

7-9 Addome 0/6 Magia Comune 75%: Avvampare (solo ninfe del

10-12 Torace 0/7 fuoco), Contromagia 3, Dialogo Mentale 3,

13-15 Braccio destro 0/4 Dono della notte perpetua 3 (solo ninfe della

16-18 Braccio sinistro 0/4 tenebra), Fascino 3, Fato 3, Folgore (solo ninfe

19-20 Testa 0/5 dell'etere), Guarire 3, Intontire, Rasserenare,

Respirare Sott'Acqua (solo ninfe dell'acqua)

Tipica armatura: Nessuna Richiamare Animale, Sentiero Libero (solo

Tratti: Aura Eroica (abilità eroica), Ferita ninfe della terra) Sorriso dell'Intrattenitore 3,

Empatica (abilità eroica), Immunità alle Malattie, Voce tonante 3 (solo ninfe dell'aria)

Immunità ai Veleni, Nuotatore Eccellente (solo Patto: (Forze della Natura) 100%: 6 punti di

ninfe dell'acqua), Percezione Magica, Percezione VOL dedicata; Conoscenza (Forze della

Oscura (solo ninfe della tenebra), Percezione Natura) 100%: Afrodisia, Benedire il Raccolto

Terrigna (solo ninfe della terra Percezione (solo ninfe della terra), Controllare venti (solo

Vitale, Respiro infuocato (2d6 danni, 1 volta ninfe dell'aria), Eclissi (solo ninfe della tenebra),

ogni 6 ore, solo ninfe del fuoco), Rigenerazione Flusso e Riflusso (solo ninfe dell'acqua), Follia,

2, Vista Notturna Forma Animale (qualsiasi animale locale), Furia

Abilità: Acrobazia 50%, Atletica 47 %, Cantare Berserk (solo ninfe del fuoco), Infondere

95%, Conoscenza (Natura) 120%, Danzare Vitalità, Lancia di luce (solo ninfe dell'etere),

151%, Furtività 74%, Guarigione 53%, Linfa Sempreverde (solo ninfe della terra),

Influenzare 125% Intuizione 58%, Linguaggio Mitigare il Tempo (solo ninfe dell'etere), Paura

(Lingua degli Dei) 75%, Nuotare 63%, (solo ninfe della tenebra), Pioggia (solo ninfe

Percezione 74%, Pronto Soccorso 56%, dell'aria), Respiro Acquatico (solo ninfe

Robustezza 49%, Schivare 71%, Seduzione dell'acqua), Risata incontenibile (solo ninfe del

129%, Seguire Tracce 100%, Sopravvivenza fuoco)

7
stessa facilità di una sua controparte normale,

I santuari naturali delle ninfe privando di ogni sacralità il luogo dove sorge.

Le ninfe nascono come custodi dei più Una ninfa, dunque, difenderà con molta

fantastici angoli di natura incontaminata; che si più tenacia, e talvolta a costo della sua stessa

tratti di sorgenti, caverne, boschi, tratti di mare o vita, uno di questi rari altari naturali.

singole piante, tutti questi luoghi hanno in sé

qualcosa che tocca l'animo di chiunque vi posi lo

sguardo.

Ma, al di là della loro bellezza, molto

spesso i luoghi protetti dalle ninfe hanno facoltà

che vanno oltre il semplice godimento estetico: in

molti casi, infatti, tali luoghi agiscono come dei

veri e propri santuari per qualsiasi culto devoto a

una divinità della natura, ivi compreso lo strano

legame che le ninfe stesse hanno con la loro

grande madre.

Sebbene l'intero luogo agisca da

santuario divino, al suo interno vi è sempre un

punto particolare che costituisce il vero e proprio

sancta sanctorum del posto, un altare naturale


Talvolta, inoltre, il legame fra ninfa e
capace da solo di benedire l'intera area. Dal
santuario è talmente potente che essa non può
fiore più colorato all'albero più vigoroso, ognuno
allontanarsi volontariamente a più di 10 metri per
di questi altari può essere individuato con
punto di VOL posseduto da tale luogo. Se
certezza solo facendo ricorso a qualche
costretta a farlo, perderà ogni forma di
incantesimo apposito, capace di individuarne la
rigenerazione e anzi perderà un Punto Magia per
natura magica. E può essere distrutto con la

8
ogni ora trascorsa oltre tale confine. La corruzione di una guardiana

Qualora dovesse ridursi a 0 Punti Se il destino di una ninfa il cui santuario

Magia, la sfortunata ninfa morirà solo per naturale viene distrutto è molto spesso la morte,

rinascere 4d6 ore dopo all'interno del luogo che ancor più terribile è quello a cui vanno incontro

protegge. All'interno di tale area, inoltre, la quelle sciagurate guardiane il cui luogo natio è

rigenerazione e il tasso recupero dei Punti Magia stato corrotto dalle forze del caos.

della ninfa sono raddoppiati, rendendola In simili casi, l'infezione del caos si

un'avversaria ancor più temibile. propagherà ben presto alla ninfa stessa,

L'unico modo per uccidere portandola in breve tempo alla pazzia. Queste

definitivamente una di queste ninfe, dunque, è ninfe corrotte continuano a considerarsi le

quello di distruggere il fulcro del suo santuario: in custodi della natura, ma considerano “naturale”

tal caso, la ninfa comincerà a deperire secondo il solo ciò che è stato infettato dalle forze del caos,

ritmo indicato sopra, fino al sopraggiungere di e fanno il possibile per espandere tale contagio

una morte lenta e dolorosa. oltre i suoi attuali confini.

Folli e inclini a gesti estremi e avventati,

Va sottolineato ancora una volta che il ancor più imprevedibili e passionali delle loro

santuario naturale di una ninfa può essere sorelle incontaminate, queste ninfe corrotte

qualsiasi cosa; nel caso di una ninfa dell'acqua ottengono il tratto Aura Caotica e 1d8

potrebbe essere un intero fiume o addirittura una Frammenti Caotici ; possono inoltre usare la

corrente oceanica, mentre le ninfe dell'etere e stessa tecnica usata per conferire delle rune allo

della tenebra sono spesso le protettrici di luoghi scopo di legare uno o più Frammenti Caotici a

ben al di là del mondo. una creatura consenziente e indifesa.

Pertanto, quante fra loro sono vincolate Spesso, i luoghi abitati da una ninfa

al proprio santuario hanno raramente la corrotta si trasformano in empi santuari della

possibilità di recarsi nel mondo dei mortali e di follia, terre devastate dove animali grotteschi

interagire con loro. predano i pochi superstiti di quell'innaturale

incubo.

9
Indice

Premessa............................................................................................................................................................. 1

Sulla natura delle ninfe................................................................................................................................... 2

Introduzione........................................................................................................................................................ 2

Alcuni brevi cenni............................................................................................................................................. 2

Su una possibile classificazione..................................................................................................................3

Le ninfe in RuneQuest II............................................................................................................................... 5

Capacità delle ninfe........................................................................................................................................ 5

I santuari naturali delle ninfe..........................................................................................................................8

La corruzione di una guardiana....................................................................................................................9

10