Sei sulla pagina 1di 6

OmniAuto.it - FORUM [Powered by Invision Power Board] http://www.omniauto.it/forum/index.php?act=Print&client=print...

Versione Stampabile della Discussione


Clicca qui per visualizzare questa discussione nel suo formato originale

OmniAuto.it - FORUM _ Tipologie di impianti _ Tipologie di impianti GPL

Inviato da: dbev Jan 22 2006, 10:27 PM

L'impianto classico è quello con riduttore o "polmone", in cui il gas viene inserito nel collettore di
aspirazione e, poi, fatto esplodere nei cilindri. Si può montare sulle auto a carburatori o ad
iniezione catalizzate o non catalizzate, basta che il collettore di aspirazione non sia in plastica.
Ce ne sono di due tipi, con commutatore elettrico (vi ricordate della manopola da girare?) e con
commutatore elettronico.

Questo il GPL con commutatore elettrico e riduttore per auto con CARBURATORE:

Il Gpl, allo stato liquido, esce dal serbatoio tramite la multivalvola (che attraverso la presa di
carica esterna serve anche per il rifornimento di Gpl) e si dirige al vano motore attraverso una
tubazione sulla quale è posta un'elettrovalvola Gpl che consente il passaggio del gas solo con
motore acceso e commutatore in posizione gas.
Nel vano motore è situato il riduttore dove il Gpl entra e subisce una riduzione di pressione che lo
porta allo stato gassoso; dal riduttore il Gpl raggiunge il miscelatore aria/carburante che, posto
sul condotto di aspirazione, svolge la funzione di dosare in maniera ottimale in termini di
guidabilità, consumi ed emissioni il flusso di gas proporzionalmente alla richiesta del motore
rappresentata dalla depressione che si genera nei dispositivi di miscelazione.
Durante il funzionamento a gas, l'elettrovalvola benzina interrompe il flusso di benzina al motore,
mentre durante il funzionamento a benzina, il flusso di Gpl al motore è interrotto dalle
elettrovalvole Gpl.

Questo il GPL con commutatore elettronico e riduttore per auto a INIEZIONE:

1 di 6 02/05/2006 11.36
OmniAuto.it - FORUM [Powered by Invision Power Board] http://www.omniauto.it/forum/index.php?act=Print&client=print...

Il Gpl, allo stato liquido, esce dal serbatoio tramite la multivalvola (che attraverso la presa di
carica esterna serve anche per il rifornimento di Gpl) e si dirige al vano motore attraverso una
tubazione sulla quale è posta un'elettrovalvola Gpl che consente il passaggio del gas solo con
motore acceso e commutatore in posizione gas.
Nel vano motore è situato il riduttore dove il Gpl entra e subisce una riduzione di pressione che lo
porta allo stato gassoso; dal riduttore il Gpl raggiunge il miscelatore aria/carburante che, posto
sul condotto di aspirazione, svolge la funzione di dosare in maniera ottimale in termini di
guidabilità, consumi ed emissioni il flusso di gas proporzionalmente alla richiesta del motore
rappresentata dalla depressione che si genera nei dispositivi di miscelazione.
Il commutatore/indicatore, tra le altre funzioni, consente l'avviamento sempre a benzina con
passaggio automatico a gas tramite l'attivazione dell'elettrovalvola Start-Petrol e permette
all'utente di selezionare in qualsiasi momento il carburante desiderato visualizzando il livello di
Gpl presente nel serbatoio. Durante il funzionamento a gas, l'emulatore elettronico (oppure il
cablaggio esclusione iniettori) interrompe il flusso di benzina al motore, mentre durante il
funzionamento a benzina, il flusso di Gpl al motore è interrotto dalle elettrovalvole Gpl.

Poi è arrivato il catalizzatore, con la sua sonda lambda, e gli impianti tradizionali non andavano più
bene, perché, adesso, c'è una centralina che controlla tutto. Qui, si parte dall'impianto più semplice,
ma che dialoga con le centraline dell'auto, si passa agli impianti iniettati "single-point" agli iniettati
"multi-point".

Questo il GPL con commutatore elettronico e riduttore per auto a INIEZIONE


CATALIZZATE:

2 di 6 02/05/2006 11.36
OmniAuto.it - FORUM [Powered by Invision Power Board] http://www.omniauto.it/forum/index.php?act=Print&client=print...

Il Gpl, allo stato liquido, esce dal serbatoio tramite la multivalvola (che attraverso la presa di
carica esterna serve anche per il rifornimento di Gpl) e si dirige al vano motore attraverso una
tubazione sulla quale è posta un'elettrovalvola Gpl che consente il passaggio del gas solo con
motore acceso e commutatore in posizione gas.
Nel vano motore è situato il riduttore dove il Gpl entra e subisce una riduzione di pressione che lo
porta allo stato gassoso; dal riduttore il Gpl raggiunge il miscelatore aria/carburante che, posto
sul condotto di aspirazione, svolge la funzione di dosare il flusso di gas proporzionalmente alla
richiesta del motore rappresentata dalla depressione che si genera nei dispositivi di miscelazione.
La miscela aria/carburante viene mantenuta costantemente in rapporto stechiometrico dal
computer che si attiva al segnale della sonda lambda variando opportunamente e continuamente
la portata di gas al motore tramite l'attuatore elettromeccanico lineare in modo da assicurare una
carburazione ottimale per guidabilità, consumi ed emissioni.
Il computer, tra le altre funzioni, consente l'avviamento sempre a benzina con passaggio
automatico a gas e, tramite il commutatore/indicatore, permette all'utente di selezionare in
qualsiasi momento il carburante desiderato visualizzando il livello di Gpl presente nel serbatoio.
Durante il funzionamento a gas, l'emulatore elettronico (oppure il cablaggio esclusione iniettori)
interrompe il flusso di benzina al motore, mentre durante il funzionamento a benzina, il flusso di
Gpl al motore è interrotto dalle elettrovalvole Gpl.

Questo è il GPL con commutatore elettronico ed iniezione single-point per auto a


INIEZIONE CATALIZZATE:

3 di 6 02/05/2006 11.36
OmniAuto.it - FORUM [Powered by Invision Power Board] http://www.omniauto.it/forum/index.php?act=Print&client=print...

Il sistema di iniezione a flusso continuo consente l’applicazione dell’iniezione continua GPL in fase
gassosa in motori con iniezione a benzina dotati di sonda lambda e catalizzatore a tre vie.
Il gas, proveniente dal serbatoio, attraversa il riduttore-vaporizzatore ed alimenta, in condizioni
regolate di pressione e temperatura, il dosatore che ne determina la portata verso il distributore,
in base ai segnali provenienti dalla centralina. Il distributore provvede non solo a suddividere il
flusso di gas nei singoli rami del collettore d’aspirazione, ma anche a mantenere costante la
pressione a valle del dosatore.
Di conseguenza, essendo il sistema compensato, la pressione di alimentazione del dosatore
aumenta con il carico motore, a parità di pressione a valle, con notevoli vantaggi ai fini della
rapidità di risposta durante i transitori.
Il sistema è stato progettato e realizzato per integrarsi al meglio con i più moderni sistemi di
alimentazione a benzina.
La calibrazione della mappa è di tipo bidimensionale, la pressione assoluta nei collettori di
aspirazione (MAP) e il numero giri sono utilizzati per definire la quantità di gas che deve essere
iniettata per avere le migliori prestazioni e le migliori emissioni. La quantità di gas è variata dal
microprocessore in relazione alle reali condizioni di esercizio in modo da mantenere inalterate le
prestazioni e le emissioni, anche in condizioni ambientali e variazioni della composizione.
Il microprocessore tiene anche conto della variazione delle caratteristiche del motore e corregge
automatica-mente i parametri di riferimento per il carburante.
La gestione della carburazione è completata da ulteriori funzioni quale ad es. strategie di gestione
della sonda lambda, arricchimento nei transitori di accelerazione e cut-off in decelerazione.
La centralina di gestisce altre funzioni a completamento del sistema, quali indicatore quantità
carburante, cambio da benzina a gas e viceversa, controllo numero massimo giri motore e
chiusura di sicurezza, delle elettrovalvole gas, collegata al sistema di accensione.
Durante la fase di installazione e di diagnosi è possibile scambiare informazioni con un computer
portatile o un tester palmare attraverso un’interfaccia seriale; in particolare all’atto
dell’installazione viene inserito in memoria il file dei dati relativi all’autoveicolo da trasformare,
mentre per la diagnosi viene effettuato il controllo della carburazione e del corretto
funzionamento dei sensori e del riduttore-vaporizzatore.

Questo è il GPL con commutatore elettronico ed iniezione multi-point per auto a


INIEZIONE CATALIZZATE:

4 di 6 02/05/2006 11.36
OmniAuto.it - FORUM [Powered by Invision Power Board] http://www.omniauto.it/forum/index.php?act=Print&client=print...

Il sistema ad iniezione sequenziale fasato fa parte della nuova generazione dei sistemi di
conversione da benzina a GPL in fase gassosa. Il principio con cui l'ECU gas determina i tempi di
iniezione attuati sugli iniettori gas si basa sull'acquisizione, durante il funzionamento a gas, dei
tempi di iniezione benzina su impedenze di emulazione interne alla ECU gas stessa. Il controllo
motore è lasciato quindi alla centralina benzina mentre alla centralina gas è affidato il compito di
convertire i comandi generati dalla prima per gli iniettori benzina, in opportuni comandi per gli
iniettori gas. Nell'ottica di mantenere una perfetta coerenza con il sistema benzina, l'ECU gas
attua l'iniezione del gas sullo stesso cilindro sul quale è stato acquisito il tempo di iniezione
relativo alla benzina.In modo informale si può dire che la centralina gas converte una certa
quantità di energia che dovrebbe essere rilasciata tramite la benzina in una corrispondente
quantità di energia che sarà effettivamente rilasciata dal gas. Il sistema può utilizzare diversi tipi
di iniettori a seconda delle necessità di applicazione e delle caratteristiche del motore sul quale
viene installato. Il sistema è minimamente invasivo nei confronti del sistema di alimentazione
originario a benzina e riesce ad integrarsi efficacemente con le funzioni principali (controllo titolo,
cut off, EGR, purge canister, fuori giri, ecc) e secondarie (controllo innesto climatizzatore, sovra
pressione servosterzo, carichi elettrici, ecc.) di quest'ultimo. La conversione dei tempi di iniezione
benzina in tempi di iniezione gas avviene sulla base di una serie di parametri, acquisiti dalla ECU
gas, in aggiunta ai tempi di iniezione benzina: pressione gas nel rail iniettori, temperatura del
gas, temperatura acqua motore, giri motore e tensione di batteria.

Inviato da: dbev Jan 22 2006, 11:24 PM

Questo è il GPL con commutatore elettronico ed iniezione multi-point LIQUIDA per auto
a INIEZIONE CATALIZZATE

5 di 6 02/05/2006 11.36
OmniAuto.it - FORUM [Powered by Invision Power Board] http://www.omniauto.it/forum/index.php?act=Print&client=print...

Il sistema Bi-Fuel JTG prevede l'utilizzo di GPL in fase liquida con conseguenti guidabilità e
prestazioni pressoché analoghe a quelle offerte dalla vettura durante l'utilizzo della benzina.

L'evoluzione tecnologica del sistema Bi-Fuel JTG non consiste solo nell'utilizzo del GPL liquido al
posto del gassoso ma principalmente nell'utilizzo della strategia della centralina elettronica
originale della vettura che tramite un'unità di scambio consente il passaggio dall'alimentazione
benzina al GPL e viceversa.
In sostanza è la stessa centralina benzina a comandare gli elettro-iniettori a GPL.

Il passaggio tra la modalità benzina e la modalità GPL è effettuato da una unità di controllo e si
basa sulla selezione che effettua il guidatore utilizzando il pulsante di commutazione luminoso
presente sulla consolle centrale del veicolo in prossimità della leva del cambio (sia esso di tipo
manuale o automatico).

Il serbatoio, con capacità netta di circa 50 Litri, contiene una pompa derivata direttamente
dall'applicazione benzina e protetta da filtri sia in aspirazione che in mandata aventi lo stesso
grado di filtrazione della applicazione benzina. La pompa permette la circolazione in fase liquida
nel circuito e quindi l'alimentazione degli iniettori. Il controllo della pressione è delegato al
regolatore di pressione alloggiato all'interno del vano motore.

http://www.subaru.it/modelli_new/bi-fuel/

Grazie a STEU851 per aver realizzato questo messaggio, da me poi aggiustato

Powered by Invision Power Board (http://www.invisionboard.com)


© Invision Power Services (http://www.invisionpower.com)

6 di 6 02/05/2006 11.36