Sei sulla pagina 1di 16

Furbata del governo: nucleare rinviato di un anno e poi

si ricomincia. Motivo in più per sostenere il referendum y(7HC0D7*KSTKKQ( +#!"!@!$!@


www.ilfattoquotidiano.it

Cerchi una nuova


opportunità di lavoro?

WWW.PAGEPERSONNEL.IT

Mercoledì 23 marzo 2011 – Anno 3 – n° 69 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

BOSSI BACIA LA MANO Non avrai altro nano


di Marco Travaglio

I
pacifisti di destra sono uno spettacolo

A GHEDDAFI
impagabile. Meglio della foca ammaestrata che
palleggia col muso. Ce la mettono tutta,
poveretti, per nobilitare la loro battaglia contro
l’intervento in Libia per compiacere B., scavalcato
da Sarkozy, da Cameron, dai danesi e dal primo che
si sveglia la mattina. Ma, essendo nuovi del mestiere,
i guerrafondai travestiti da Gandhi non trovano
proprio le parole. Come tutti i neofiti, mancano dei
Mentre i nostri piloti vanno in guerra, la Lega punta sul raìs fondamentali. Talvolta, sentendosi parlare, scappa
da ridere anche a loro. Ferrara, Feltri, Belpietro,
e detta le condizioni a Berlusconi: blocco navale contro i profughi Sallusti, Allam, Ostellino e le due vedove
inconsolabili di Craxi, Boniver&Maglie. In questi
e rispetto degli accordi su gas e petrolio previsti dal trattato dieci anni si son bevuti di tutto senza un plissè: le
palle sulle armi di distruzione di massa, sull’alleanza
Saddam-Bin Laden, sulla “guerra al terrorismo” e

I due compari Un altro giorno di Udi Massimo Fini Udi Oliviero Beha l’“esportazione della democrazia” e sulla “missione
di pace” a Baghdad e Kabul. Han digerito di tutto,
lite nella Nato sulla
leadership della L’OCCIDENTE SCILIPOTI senza neanche un ruttino: le torture di Abu Ghraib,
di Furio Colombo gli arresti illegali a Guantanamo, le bombe al fosforo
dc missione militare, PROTEGGE E RAZZI su Falluja, le stragi di centinaia di migliaia di civili.

e guerre sono due. Una è nelle strade poi la Francia cede: SE STESSO SULLA LIBIA Ora, all’improvviso, in prodigiosa coincidenza con

L
la bottega di B., fremono di sdegno per qualche raid
di Bengasi e nel cielo di Tripoli. L’altra l’Alleanza atlantica bastato seguire per pochi mi- e la situazione non fosse
è sul molo dell’isola di Lampedusa, do-
ve donne e uomini italiani impazziti di
dovrebbe guidare le È
nuti i talk-show che sono se- S
tragica per i libici, specie
sulla Libia. Ferrara rimpiange “il guerrafondaio
Bush”, altro che il mollaccione di Obama. Gli sfugge
operazioni guiti alla notizia che i Mirage per i civili, sarebbe ridicola che in Iraq gli anglo-americani se la son data a
caos e di solitudine tentano di spingere in- francesi avevano preso il volo da questa parte del Mediter- gambe e in Afghanistan i talebani sono più forti di
dietro esseri umani dispe-
nonostante le prima. Poi definisce l’operazione Libia
rati che non possono an- critiche di Germania verso la Libia, per capire che l’at- raneo: Razzi e Scilipoti po-
tacco dei Paesi occidentali aveva trebbero benissimo fare la “politicamente dubbia e ambigua” dovuta
dare altrove. Anche i col- e Turchia poco o nulla a che fare con la sal- parte dei Tornado inviati all’“attivismo sconsiderato” di Sarkozy: ma lo stesso
pevoli sono due. Uno è il si può dire di dieci anni di inutili massacri in Iraq e
pag. 2 - 3 - 4 - 5 - 6 z vaguardia dei civili. pag. 18 z contro Gheddafi. pag. 18 z
Colonnello Gheddafi. L’al- Afghanistan per soddisfare l’invidia del pene di un
minus habens come George W. La Maglie, esperta di
tro è chi ha fatto finta che si
esteri e note spese, osserva che “Gheddafi con
trattasse di un normale ca-

GUERRA E DISASTRO NUCLEARE?


l’islam civettava ma dei fondamentalismi era
po di Stato, con cui si pos- avversario”: già, esattamente come Saddam. Feltri è
sono, anzi si devono avere rapporti normali. contro i raid perché “Gheddafi ce la farà pagare con
Ma se Gheddafi è ormai considerato dalle azioni terroristiche”. Oh bella, è quel che è accaduto
Nazioni Unite e dall’opinione del mondo
colpevole di sterminare il suo popolo, per-
ché Berlusconi, che ha baciato la mano in
LUI PENSA ALLA PRESCRIZIONE a Londra e Madrid proprio a causa della “guerra al
terrorismo” di Bush-Blair-B.: ma chi diceva che era
meglio starsene a casa era accusato di “subire il
ricatto dei terroristi”, anzi di essere amico loro.
pubblico all’assassino, in modo da dimostra- Incurante di tutto, il Caimano mobilita i suoi alla Camera per far
re che il sodalizio era pieno e incondizio- Magdi Cristiano Allam scrive sul Giornale che “a
nato, fino alla sottomissione (con grandi passare un emendamento ad personam per rendere inutile, intanto, vincere saranno gli integralisti islamici... l’opposto
vantaggi pubblici e privati) dovrebbe farla il processo Mills. Pd: “Comportamento spudorato” Nicoli pag. 9 z dei proclami ufficiali di Sarkozy e Obama”. Ma va?
Non è quel che è accaduto dopo dieci anni di
franca e apparire fra i giustizieri del mondo
esportazione della democrazia tra gli applausi di
libero? Sì, abbiamo notato che se ne sta cau-
Magdi, di Cristiano e di Allam? Belpietro e Sallusti
to dietro la porta, ed è uscito solo una volta han tentato, all’inizio, di parlar d’altro (mercoledì
“mi dispiace”. Gli dispiace del trattato o del- titolavano: “Bocchino inguaiato dalla moglie” e “La
le vittime? Comunque il ministro della Di- moglie sbugiarda Bocchino”). Poi han dovuto
fesa La Russa riempie la scena con gesti e rassegnarsi a parlare della Libia, facendo lo slalom
parole da commedia dell’arte. Ma tutto ciò parallelo con B. Un’escalation impagabile. Il Giornale:
che sta accadendo e a cui il mondo guarda “Via alle bombe su Gheddafi”, “Costretti alla
con ansia (e noi italiani anche con ragio- guerra”, “Fate in fretta”, “L’Italia si blinda”, “L’Italia
nevole paura) è il frutto di un tetro show bombarda la Francia”. Libero: “Ci mancava solo la
Berlusconi-Gheddafi, con cavalli, cammelli, guerra al beduino”, “Bombe e affari loschi”, “A loro il
tende piantate nei migliori giardini di Roma, petrolio, a noi i clandestini”. Ostellino, quello che
donne a centinaia messe a disposizione per minimizzava financo le torture di Abu Ghraib,
domanda “che senso ha intervenire contro il
bizzarre predicazioni, affari enormi. Alla do-
Il 6 aprile Berlusconi dovrebbe essere al Tribunale di Milano per il processo sullo scandalo Ruby, ma quasi sicuramente ‘tiranno’ Gheddafi dopo averlo sostenuto a lungo?”,
manda: adesso tu cosa faresti? Marco Pan- non ci sarà. Come “legittimo impedimento” utilizzerà, pare, il secondo anniversario del sisma. Una visita contestata senza precisare chi l’ha sostenuto a lungo né
nella ha risposto: “Avrei cominciato prima. dai terremotati, che l’altra notte hanno riempito i muri de L’Aquila con un manifesto contro il premier (FOTO ANSA) spiegare che senso avesse intervenire contro
Anzi, abbiamo cominciato prima, con il voto Saddam dopo averlo sostenuto a lungo. E s’indigna
contro il trattato”. Credo che sia la risposta perché “in Libia sì e in altre parti del mondo, dove si
giusta. Tutto comincia prima in questa sto- “OGGI” x “Nessun attestato dalla Bocconi” ngenova sono consumati autentici genocidi, no”, insomma è
ria, compresa la persecuzione ai migranti. “un’iniziativa para-coloniale all’insegna d’interessi
L’ex questore,
Uno che bombarda il suo popolo era il più
adatto a garantire, per conto dell’Italia, viag-
gi senza ritorno. Il baciamano resti il sim-
Santanchè e il master i prestiti e la
polveriera in Guinea
nazionali accuratamente celati all’opinione
pubblica”: le stesse cose si potevano dire per l’Iraq,
ma lui se ne guardava bene. Il più tenero è Sallusti

fantasma
bolo di una squallida alleanza, purtroppo che, anche nell’epocale crisi nordafricana, bada al
Sansa pag. 10z sodo: il padrone. Quel nanerottolo di Sarkozy voleva
controfirmata da quasi tutto il Parlamento,
oscurarlo, “prenderci per i fondelli”, “fare il furbo” e
che era fondata su soldi, petrolio e morte.
papparsi “petrolio, gas e affari”. Ma “non è facile
Ricordiamolo anche nel dopo baciamano: i
protagonisti di questo brutto momento del- Per il settimanale CATTIVERIE mettere Berlusconi alla porta... quella vecchia volpe
ha fiutato una brutta aria”, “fatto terra bruciata” e
la storia sono stati (e sono ancora) due. il sottosegretario Il Vaticano: “La fecondazione “circondato Sarkozy”. “Poche ore e l’Italia ha ripreso
Ognuno deve molto all’altro. Hanno in co- assistita è un peccato”. In in mano la situazione” perché, avverte zio Tibia, “il
mune le vittime, perché il trattato non è mai vanta un titolo effetti ci si perde il meglio futuro della Libia è soprattutto affare nostro”. Che si
stato cancellato. inesistente pag. 13 z www.spinoza.it sappia: non avrai altro nano all’infuori di lui.
pagina 2 Mercoledì 23 marzo 2011

I
LIBIA SENZA RITORNO LIBIA SENZA RITORNO

Il Colle: “Comando Nato


soluzione più
l comando delle operazioni in Libia affidato
alla Nato “rappresenta la soluzione di gran
lunga più appropriata”. Lo ha detto il
presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel
corso dell’incontro avuto al Quirinale con l’ex
Rappresentanti e all’ambasciatore Usa in Italia David
Thorne. Napolitano ha ribadito “l’esigenza
imprescindibile sostenuta dall’Italia, in piena sintonia
con Stati Uniti, Regno Unito e altri alleati, di un
comando unificato”. Il capo dello Stato,
Supremo di Difesa dello scorso 9 marzo, ricordando
che l'intervento in corso, al quale, sottolinea, l’Italia
partecipa a pieno titolo, si fonda sulle prescrizioni
del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite. Una
ulteriore sottolineatura con la quale il Colle osserva
30 agosto 2008:
il discorso di B. alla firma
“ Lasciamo alle spalle tutto il
passato e il suo dolore, saremo
“ Voglio dare un pubblico
riconoscimento al vostro leader:
“ Guardiamo al futuro con quei
sentimenti che soli portano
speaker della Camera dei Rappresentanti degli Stati nell’auspicare il massimo di chiarezza, coerenza ed che quelle prescrizioni sono volte a garantire fianco a fianco per diffondere la con la sua moderazione ha incita- la felicità e il benessere all’uomo:
Uniti, Nancy Pelosi, ricevuta insieme a una efficacia nello sviluppo dell'azione decisa verso la risposte anche militari ad ogni violazione o minaccia
appropriata” delegazione bipartisan della stessa Camera dei Libia, richiama anche le conclusioni del Consiglio per la pace e la sicurezza internazionale. del Patto di amicizia pace nel mondo to alla moderazione tutti i popoli l’amicizia, la fratellanza e l’amore

TAPPETO VERDE
Appalti e respingimenti, diktat della Lega:
SPARO SÌ ANZI NO: LA SINDROME
DEL CAVALIER BALBETTA
il Trattato con Gheddafi non si tocca La bega Tripoli e la “sparizione” del videocrate
di Fabrizio d’Esposito anche “due dilettanti allo sbara- ranza sconfitta), ha aumentato il cio: “Le armi le fabbrichiamo in di Luca Telese leggere i reperti dialettici ossida-
glio”: il rispetto degli accordi tasso di confusione nel centro- Lombardia”. In ogni caso il filo- ti dell’ottimismo berlusconiano:
l parlamentare leghista si n vuoto che è un simbolo.

I
commerciali del trattato firma- destra da una posizione di forza. gheddafismo della Lega è stato

U
“Quando due popoli ritrovano
sfrega le mani e con grande to dal Cavaliere e dal Colonnel- Il risultato finale tra oggi e doma- esplicitato ieri da Stefano Stefa- Che strana impressione l’amicizia, questo avviene a van-
soddisfazione dice: “Che lo; il sì alla risoluzione Onu; la ni con il dibattito a Senato e Ca- ni, presidente della commissio- Calderoli, le magliette anti-islam e i morti di Bengasi può fare sedia vuota, pro- taggio di tutti” (come spiegarlo a
fiuto il Capo! Hai voglia a di- “spartizione dei profughi” con mera. Ieri Cicchitto e La Russa ne Esteri della Camera, sulla Pa- Si era presentato in tv - siamo a febbraio del 2006 - con una vignetta danese su Maometto impressa prio al centro dei banchi Bossi che paventava l’arrivo di al
re che è malato e vecchio, ma è l’Ue; il blocco navale anti-eso- hanno detto a chiare lettere che dania: “I ribelli di oggi potrebbe- sulla maglietta. Il gesto dell’allora ministro per le Riforme Roberto Calderoli provocò 11 morti e 25 del governo, nell’aula di Palazzo Qaeda?). Ora cadono bombe, sal-
sempre lui”. Il Capo, ovviamen- do. Il naso politico di Bossi ha il Pdl si accoderà alla risoluzione ro diventare i nostri futuri nemi- feriti a Bengasi, negli scontri davanti al consolato italiano. Fu costretto a dimettersi (FOTO ANSA) Madama. È una assenza, quella tano accordi, gli alleati si mangia-
te, è Umberto Bossi che ieri ripreso a fiutare, con il solito Calderoli, ma a sera il capogrup- ci”. di Silvio Berlusconi, in Senato, no frammenti di influenza poli-
l’house organ padano ha santi- pragmatismo, il venerdì del vo- po leghista a Palazzo Madama, che - come era prevedibile - su- tica, la maggioranza litiga.
ficato con un titolone in prima to in commissione sull’inter- Federico Bricolo, ha tirato anco- ALTRO ASPETTO che scita il dispetto e le critiche del- Nel corso di una giornata convul-
pagina sul caos libico della mag-
gioranza: “La Lega detta le con-
vento, quando la Lega ha adot-
tato il modello Merkel dell’a-
ra la corda: “Il sì della Lega a una
risoluzione di maggioranza sulla
preoccupa non poco il Capo. E
non solo per la questione musul-
Da oggi il voto l’opposizione, la censura della
capogruppo del Pd Anna Finoc-
sa i dispacci da tutti i fronti dico-
no che il premier arretra. Malgra-
dizioni”. È la verità. La Lega è
Bossi e in questa occasione ha
stensione. Poi Calderoli ha sfer-
rato un fendente al postfascista
Libia a patto che, al di là dell’in-
tervento umanitario, ci siano la
mana. Ma anche per gli interessi
economici e finanziari tra Libia e
in alle Camere: chiaro: “È gravissimo - dice - che
il presidente del Consiglio non
do tutte le rassicurazioni (rego-
larmente smentite) offerte dai
parlato per bocca del più fedele
dei due Roberti colonnelli ver-
La Russa “ministro della Guer-
ra”, infine sono arrivati i quattri
difesa dei nostri confini per bloc-
care i flussi degli immigrati e la
Italia: gas, petrolio, partecipa-
zioni di Tripoli nelle nostre im-
prova di forza di venga nell’aula a parlare e ad as-
sumersi la responsabilità del
membri del governo e da Ange-
lino Alfano (nelle ultime settima-
di, il Calderoli bergamasco. È paletti che hanno blindato il tutela degli accordi energetici prese, infrastrutture. Un pac- comportamento del governo ne si erano tutti affannati a negar-
toccato al ministro che incen- centrodestra. con la Libia per evitare che il loro chetto che la Lega vuole difende- Bossi. “Gli insorti sulla Libia”. ne la possibilità) Berlusconi è co-
diò Bengasi con la sua maglietta mancato rispetto porti conse- re a tutti i costi dagli appetiti stretto a infilare l’ennesima nor- ternazionali, della Lega Araba e gno di leadership che si è usurato
anti-Maometto piantare i quat- A QUEL PUNTO la Lega, do- guenze negative sul costo dell’e- francesi. Di qui il primo paletto oggi potrebbero MA IN REALTÀ, quel banco ma ad personam sulla prescrizio- l'Unione africana. Spiegherà che nella guerra di Libia alla velocità
tro paletti attorno ai ministri po la bufera sull’Unità d’Italia (e nergia e dunque sulle famiglie e della risoluzione prevista per og- vuoto, oggi, è molto più di un og- ne breve. Malgrado le spavalde non si deve cacciare Gheddafi, con cui scompaiono i sogni di
Frattini e La Russa, che a via Bel- che ieri ha avuto un altro strasci- le imprese”. Ed è per questo che, gi. Ovviamente, il filogheddafi- essere nostri getto di contesa fra le parti, di un dichiarazioni di un tempo sul nu- ma puntare tutto sul cessate il grandeur. Il videocrate immagini-
lerio, sede nazionale del Carroc- co a Palazzo Madama sul decreto di fronte al traino leghista, il Pd smo bossiano fa comodo anche argomento polemico, di un ca- cleare (“È - sentenziò solenne- fuoco. Sostituirà il calco di un an- fico è diventato un cavalier bal-
cio a Milano, sono stati definiti per il 17 marzo, con la maggio- deciderà solo stamattina la sua al Caimano che soffre e vorrebbe nemici domani” villo nel galateo parlamentare. mente a Porta a Porta - l’energia dreottismo in tono minore, al so- betta.
posizione. La speranza è quella tanto scappare da questa guerra. più pulita e sicura che si cono-
di un’intesa bipartisan nel solco E confermato da Matteo Salvini, sca”) è costretto al brodino ri-
Lampedusa benedetto da Napolitano (co- deputato e voce di Radio Padania: questa direzione. Del resto fu lui, Maroni, il meno fedele dei due Il triangolo Non mette scaldato della “pausa di riflessio-

Le Colonnelle
mando Nato e risoluzione Onu)
ma D’Alema ha già messo le mani
“Berlusconi addolorato per
Gheddafi è coerente con la sua
nel febbraio scorso, quando ini-
ziarono le rivoluzioni del Ma-
Roberti colonnelli di Bossi. Ma-
roni è il volto istituzionale che
La Lega, Berlusconi e
il raìs. Qual è il vertice la faccia sulle
ne”. E infine arriva il disastro sul-
la Libia, non solo politico, ma an- TUTTI in tenda
avanti e annunciato che i demo- vicenda personale e politica. Si- ghreb a dare fondo a tutto il suo cerca sempre una sponda mop- che adesso conta di che comunicativo. Che infausti -
crat “non voteranno pasticci”. curamente non stiamo parlando cinismo politico: “Il rischio im- derata con l’opposizione. A Va- più? Al momento
operazioni, con il senno di poi - quei vaticinii L’unica scelta di Maroni
del senatùr Segno che sarà difficile mettere
insieme le condizioni della Lega
e le richieste dell’opposizione.
di un benefattore dell'umanità e
questo è sotto gli occhi di tutti.
Ma è altrettanto palese che l'in-
migrazione aiuterà noi e anche
Berlusconi”. Aiuto a doppio sen-
so: sia per non far cadere la mag-
rese, sua città natale, il capo del-
lo Stato in visita lo ha investito di
un complimento che fatto gon-
quello della Lega, che
ha posto i suoi “paletti
irrevocabili” sul
non va
strampalati sul futuro di Ghedda-
fi: “Ho l’impressione che stia per
cedere” (come no, quasi dimis- DlitareuetareSantendopoli saranno allestite in Sicilia e Puglia, per “svuo-
” Lampedusa (arrivata a quota 5000), con la nave mi-
Anche perché la dittatura di Bos- tervento è dettato da motivi evi- gioranza, sia per recuperare con- fiare il petto a tutti i leghisti. Ha rispetto del Trattato. sionario). Insomma accade que- Marco che trasferirà i migranti. Cinquanta mila di-
si sulla questione di Tripoli, e dentemente economici e di po- sensi al turno amministrativo di detto Napolitano: “Sui grandi E Berlusconi, in vista in Parlamento sto. Il presidente del Consiglio sperati in arrivo dal Nord Africa: il ministro dell’Interno continua
che incarna “il dolore” berlusco- tenza internazionale”. Vero, maggio. E adesso coi numeri flussi migratori ho apprezzato degli appuntamenti che aveva baciato la mano al dit- a dare i numeri di un’immigrazione che verrà (a febbraio aveva
niano per l’amico Gheddafi, ha dunque, l’asse Bossi-Berlusconi pronosticati per la crisi libica il l’impegno del ministro Maroni. parlamentari, ancora Chi tiene la linea tatore libico, pronunciato un so- parlato di 300 mila persone), ma l’emergenza Lampedusa ri-
un retropensiero inquietante: la su Gheddafi. Fino a un certo pun- Senatùr cavalcherà sempre di Lavoriamo in piena sintonia. Nel una volta non può lenne discorso di amicizia, van- mane, tanto che ieri il sindaco Bernardino De Rubeis si spingeva
convizione del Senatùr che il Co- to, però. Perché, con le ammini- più l’immigrazione, che con si- darmi i consigli mi è molto uti- permettersi di non del governo? tato il proprio legame con il Co- a parlare di rischio “di guerra civile se non svuoteranno l’isola
lonnello abbia forze e armi suf- strative tra meno due mesi, la Le- curezza e federalismo forma la le”. La Lega bifronte è sempre darle retta (FOTO EMBLEMA) lonnello come uno dei capisaldi nelle prossime 48 ore”, prima di ricevere una telefonata ras-
ficienti per sconfiggere i ribelli. ga potrebbe cannibalizzare gros- constituency del Carroccio. più forte. E detta la linea a tutti. della propria diplomazia, adesso sicurante dal Quirinale: la San Marco “svuoterà” l’isola. Ma in
Ironia della sorte, appena due se porzioni dell’elettorato del In questa cornice, non manca il Oggi la prova della verità. Se pre- Quel vuoto è in realtà l’emblema tentenna ed è incerto. L’uomo serata si è fatto sentire anche il governatore della Puglia Nichi
settimane fa, Gheddafi in un’in- Pdl al nord, facendo leva sulle classico doppio binario seguito vale l’opzione bipartisan senza di una piccola grande eclissi, l’e- che ha consegnato alle telecame- Vendola, che ha smentito De Rubeis: “Con Maroni non si è par-
tervista tv ha rivelato che “Bossi paure per “l’esodo biblico” dei dalla Lega. Il contrappeso alla li- paletti scomodi, che farà il Car- pigrafe paradossale sul grande re ben due (rabbiose) videolette- lato di tendopoli e il sottosegretario Mantovano ha smentito tut-
gli chiese aiuto per la secessio- clandestini sulle coste italiane. Il nea cinica sulla Libia è rappre- roccio? Uscirà dall’aula un’altra interventista costretto a sottrarsi re sul Ruby gate, ora fugge l’ap- to”. L’ennesimo bluff quindi? Ieri mattina, al Viminale, Maroni ha
ne”. Dura la smentita del Carroc- calcolo di Bossi va soprattutto in sentato dal ministro dell’Interno volta? e a centellinarsi. La testimonian- puntamento con il paese, evita il appunto incontrato sindaci e governatori, per tentare di mettere
Padane lampedusane: Sonia Viale (FOTO LAPRESSE) e Angela Maraventano (FOTO ANSA) za di un cortocircuito che squas- confronto in Parlamento, tace a punto un piano per fronteggiare l’arrivo, ipotetico, di 50 mila
sa le fondamenta mediatiche del sul nucleare e sulla campagna di persone. “Un piano d’emergenza – ha spiegato – che prevede la
IL COLORE DEI SOLDI Il progetto per la più grande infrastruttura libica distribuzione fino a un numero massimo di 50 mila profughi, una
Psa. eravanti
salvare Lampedusa:
Padania! In salsa ro-
ni dell’isola”. Il che, operati-
vamente, cosa significa? Che
berlusconismo, le sue radici, ap-
panna la leadership, certifica un
Libia, si affida ai virgolettati la-
sciati trapelare nei retroscena, previsione che purtroppo temiamo essere molto realistica”.
Anzi, verde-rosa. Due don-
ne, due leghiste, che hanno
due settimane di tempo per
mettere a punto un piano, in-
cosa farà questo coordina-
mento sbandierato ieri da Ma-
roni e Alfano come la salvezza
dell’isola? “È un lavoro di rac-
L’autostrada da 4 miliardi e la fame padana malessere profondo, persino
nella giornata in cui (almeno teo-
ricamente) il governo italiano se-
gna un punto, ottenendo dalla
con la speranza di poter aggiusta-
re tutto con le correzioni di rotta
del giorno per giorno.
PROFUGHI, appunto, non immigrati generici. Questo signi-
fica che nel piano potrebbe rientrare una parte dei 5000 migranti
che ieri si trovavano ancora sull’isola siciliana, quella parte che ha
sieme al deputato Vincenzo colta in questo momento. Il di Daniele Martini goduto dei benefici effetti sugli fa con la regia dell’Anas, azienda ghista Roberto Castelli. Otto me- Francia il sospirato sì al comando E COSÌ, inevitabilmente, men- richiesto asilo. E, su questo, Maroni ha trovato l’accordo dei sin-
Fontana (ex presidente della nostro sarà un impegno di affari delle grandi imprese italia- statale italiana delle strade gui- si fa Gemme fu nominato coor- dell’Onu per l’operazione milita- tre il conflitto fa crescere le sug- daci: “All’inizio dell’anno, quando ancora non era scoppiata la crisi
maghrebina, – spiega il sindaco di Padova e vicepresidente del-
Provincia di Agrigento, che
sarà l’occhio del ministro An-
gelino Alfano, plenipotenzia-
compensazione per quello
che i lampedusani stanno su-
bendo. C’è un’immagine del-
Fsulleorse la Lega teme davvero
che il caos libico scaraventi
coste italiane un esodo bi-
ne prodotti dall’ormai famoso
Trattato di amicizia, partenaria-
to e cooperazione firmato con
data da Pietro Ciucci. Anzi, l’af-
fare era stato avviato sotto la su-
pervisione dell’ala leghista della
dinatore di un nuovo gruppo di
lavoro costituito dall’Anas, il
gruppo Attività internazionali, a
re in Libia.
E invece no. Quel banco vuoto è
il segno di un disagio, di una dif-
gestioni “neonapoleoniche” in-
torno alla figura solo pochi gior-
ni fa appannata di Nicolas Sarko-
l’Anci, Flavio Zanonato – il ministero ha finanziato l’accoglienza e
l’inserimento di 3000 persone, all’interno del Sistema protezione
rio dell’agrigentino). Adesso l’isola da recuperare”. Quin- blico di disperati. Ma sulle sue grande solennità il 30 agosto di società stradale, rappresentata cui fu affidato il compito di se- ficoltà. Il premier che aveva se- zy, la legge contrappasso disegna richiedenti asilo, che gestiscono direttamente i Comuni. Ma le
è arrivato l’incarico speciale di, questo coordinamento in fibrillazioni probabilmente in- tre anni fa a Bengasi tra Silvio dal consigliere di amministrazio- guire gli affari attualmente con- polto il ricordo della traballante intorno alla sagoma appesantita domande erano state 4125: per cui basterebbe finanziarne altre
del Consiglio dei ministri per realtà non ha voce in capitolo fluisce anche un altro aspetto Berlusconi e il colonnello ne Claudio Andrea Gemme, un centrati soprattutto in tre paesi: Unione con la forza e la vitale ag- del premier le stimmate dell’in- 1125 per smaltire, almeno in parte, quelle di Lampedusa e degli
Angela Maraventano, la già sul problema dei migranti? Ma determinante: gli affari. Pro- Gheddafi. manager genovese che è anche l’Algeria, l’Iraq e in prospettiva gressività della sua leadership, decisionismo e del disagio. Non altri diecimila che sono sparsi sul territorio nazionale”. Per il piano,
famosa leghista vicesindaco si occuperà solo di prospetti- prio nel momento in cui stava amministratore delegato di An- la Libia. perde colpi, lancia messaggi tiene la sua maggioranza, salta il di cui ancora non c’è traccia, Maroni avrebbe trovato, in Cdm, 500
dell’isola che propose di “por- ve future per quando l’isola ri- accarezzando l’idea di diventa- IN BASE a quell’intesa l’Italia saldo sistemi industriali, ma so- Di questo comitato fa parte lo La strada che da Sirte porta a Ras Lanuf, in Libia (FOTO ANSA) contraddittori, ha paura di rima- rapporto con la Lega, deflagrano milioni di euro. Dalle Regioni sono arrivate le prime disponibilità: la
tare” Lampedusa in provincia tornerà alla normalità. “Certo re il pivot dei giganteschi busi- si impegnava a versare alla Libia prattutto è il referente nell’a- stato maggiore Anas, da Alfredo nere invischiato. Non ci mette i rapporti con i ministri “della “rossa” Toscana, per esempio, ha confermato la possibilità di po-
di Bergamo, e per Sonia Via- – conferma Viale –, lavoriamo ness che insieme al petrolio e al circa 5 miliardi di euro a titolo di zienda delle strade del vice mi- Bajo, responsabile delle nuove bio 125 milioni e mezzo di euro, affidato ad un consorzio guida- più la faccia. “Addolorato”, per guerra” (Franco Frattini e Igna- ter ospitare 5000 persone. Non da tutte, però: Veneto e Piemon-
le, padana di San Remo, dal sul dopo e sul durante l’emer- gas riguardano il paese nordafri- risarcimento per i danni di guer- nistro delle Infrastrutture, il le- costruzioni, manager in passato l’azienda italiana delle strade to da Maltauro, il gruppo che Gheddafi, ma forse persino più zio La Russa), che hanno occu- te, in mano alla Lega, hanno fatto sapere di voler accettare solo i
2008 al 2010 capo della segre- genza stessa, e abbiamo un cano, e cioè le grandi opere, le è ra. Nello stesso tempo si stabili- collaboratore di Carlo Toto, pro- avrebbe dovuto svolgere com- aveva costruito le ville di Ber- dolorante per se stesso. È come pato la scena, e lo hanno costret- profughi libici, niente tunisini che affollano Lampedusa. E finora di
teria tecnica del ministero paio di settimane per portare capitata tra capo e collo la rivol- va che il nostro paese avrebbe prietario di Air One e uno dei piti delicatissimi e nevralgici lusconi ad Antiga e più di re- se ogni volta che sfiora l’argo- to a tirare il freno: “Sono andati libico non ne è arrivato neanche uno.
dell’Interno e attuale sottose-
gretaria all’Economia. Lei a
a termine la missione”. Da le-
ghista il sottosegretario non è
ta contro il raìs con tutto ciò che
ne è seguito. Visti da questa an-
partecipato alla realizzazione
della più grande infrastruttura
Gli uomini “patrioti” dell’Alitalia, a Michele
Adiletta, direttore centrale del-
come pianificare le procedure,
convalidare i progetti, espletare
cente la nuova sede comparti-
mentale Anas all’Aquila. L’affi-
mento rasentasse la gaffe: “Non
lo chiamo perché non voglio di-
troppo avanti!”. L’Italia è oggi il
paese del paradosso e dell’inde- SAN MARCO è la nave della Marina che ha ricevuto ieri
Lampedusa non ha mai messo
piede, ma è stata scelta, oltre
affatto imbarazzato a doversi
occupare di Lampedusa: “No,
golazione forse si capiscono
meglio i clamorosi distinguo di
del nord Africa dei prossimi de-
cenni e cioè l’autostrada costie-
di Roberto l’esercizio stradale, Eleonora
Cesolini, responsabile ricerca e
le gare d’appalto per il succes-
sivo affidamento dei lavori alle
damento dei lavori degli altri
lotti era previsto per il prossi-
sturbarlo”, diceva. E poi lo aveva
bombardato. “I nostri aerei non
terminazione tattica, del crepu-
scolo della leadership. Di sera
l’ordine di salpare da Augusta per “alleggerire” il caos lampe-
dusano. Il Quirinale ha rassicurato il sindaco De Rubeis: la nave
che per l’elevato tasso di pa-
danità nel sangue, per “le
credo sia naturale. È un pro-
blema di cui dovrebbe occu-
Umberto Bossi nei confronti
delle decisioni del governo sul-
ra che avrebbe attraversato la Li-
bia da Ras Adir ad Emsaad, dal
Castelli, l’Anas innovazione, Stefano Granati,
ex condirettore della società
imprese e infine garantire l’alta
sorveglianza sui lavori stessi. In
mo settembre e molti all’Anas
davano per scontato che que-
hanno sparato e non spareran-
no” (il che fa sembrare ridicolo
Berlusconi torna precipitosa-
mente a Palazzo Grazioli, vede
trasferirà dall’isola (probabilmente a Catania e in Puglia dove sa-
ranno allestite due tendopoli) mille migranti alla volta, anche se in
competenze economiche”. la Libia e i mal di pancia dei mi- confine tunisino ad ovest fino a Stretto di Messina. pratica su impulso del gruppo sta volta sarebbe toccato ad Im- l’invio dei Tornado, a svolgere ambienti della stessa Marina la perplessità è grande, perché la
Sia chiaro, il coordinamento
parsi l’Europa in realtà. Ma
Angela Maraventano è il vice- nistri leghisti dopo le missioni quello egiziano ad est. Milleset- e il business internazionale del leghista pregilo, la grande azienda già compiti di pattugliamento ae-
Giulio Tremonti, deve affrontare
anche la rogna della norma an- San Marco è ritenuta in grado di trasportare al massimo 600
non ha ancora preso nessuna sindaco di Lampedusa, non dei Tornado italiani sui cieli del tecentocinquanta chilometri di ALLA FINE del 2010 questo Gemme, l’Anas stava diventan- impegnata sulla Salerno-Reg- reo). Che distanza da quei giorni ti-scalate. Ma il nodo resta il pa- persone, in alloggiamenti definiti “di fortuna”, solitamente de-
decisione: “L’incarico è di soli esiste persona migliore di lei nord Africa. asfalto in totale. Valore stimato per l’Impregilo gruppo aveva già portato a casa do il punto di riferimento per la gio Calabria, scelta per il futuro di estate in cui il Berlusconi che sticcio della Libia, la difficoltà di stinati alle truppe anfibie, quindi a personale di alto profilo e in-
due giorni fa – spiega il sotto- per sbrogliare la matassa della Lontano dai riflettori, ma molto dell’opera, oltre 4 miliardi di eu- i primi risultati: l’ambasciata li- nuova grande opera libica. ponte di Messina e guidata da si sentiva statista affermava dra- trovare una via di fuga. Domani quadramento militare. Preoccupa la gestione della sicurezza sulla
segretario Viale –, sto comin- sua isola”. Che non è, però, in nel concreto, la Lega negli ulti- ro. dell’amico bica aveva affidato all’Anas il I lavori erano stati suddivisi in Massimo Ponzellini, considera- stico: “Chi critica l’alleanza con Berlusconi dovrà parlarne a Bru- nave. g. cal. - si. d’o.
ciando a raccogliere le istanze provincia di Bergamo. mi tempi stava diventando il L’operazione autostrada era servizio di advisor per la futura quattro lotti e il primo del valore to il manager e il banchiere più Gheddafi è prigioniero del pas- xelles: dirà necessario il coinvol-
già fatte negli anni dai cittadi- g. cal. partito che più di altri avrebbe concretamente partita tre mesi Ponzellini autostrada. Ricevendo in cam- di 835 milioni di euro era stato vicino alla Lega. sato!”. Che terribile paradosso ri- gimento di tutti gli organismi in-
pagina 4 Mercoledì 23 marzo 2011

LIBIA SENZA RITORNO LIBIA SENZA RITORNO

Israele, raid a Gaza Almeno quattro civili Egitto, fuoco al ministero Sette persone sono rimaste Proteste anche in Siria Per il quinto giorno Iran, sito pro kamikaze Le autorità iraniane
palestinesi, tra i quali due ragazzi, sono stati ieri a ferite nel grande incendio scoppiato ieri pomeriggio al consecutivo centinaia di persone sono tornate a hanno consentito la creazione di un sito Internet
Gaza le ultime vittime del fuoco israeliano, in risposta ministero dell’Interno egiziano al Cairo. Dieci sottufficiali radunarsi oggi nel centro di Daraa, nel sud della Siria, dedicato alla registrazione dei giovani kamikaze che
a tiri di razzi. È una spirale di violenze che negli della polizia, che si trovavano sul tetto dello stabile al per manifestare contro il regime al potere da quasi intendono immolarsi contro le autorità del Bahrein. È
ultimi giorni ha di nuovo visto scorrere il sangue nelle momento dell’incendio, sono stati fermati. Ieri mattina mezzo secolo. Lo riferisce la tv panaraba al Arabiya. nato infatti da pochi giorni il sito Internet rahil.ir, che
aree a ridosso del confine tra Israele e la Striscia. Da agenti e ufficiali di polizia hanno manifestato davanti al Ieri è morto un bambino di 11 anni, sesta vittima, in breve tempo ha già raccolto l’iscrizione di 1980
sabato miliziani palestinesi e forze armate di Israele ministero per chiedere migliori condizioni economiche. soffocato dai gas lacrimogeni sparati dalle forze di persone disposte a immolarsi per la causa
sono ritornate ad affrontarsi Secondo al Jazeera avrebbero appiccato loro l’incendio sicurezza di Damasco. [Nella foto il presidente Assad] dell’opposizione sciita in Bahrein.

QUARTO GIORNO DI GUERRA


G

PASTICCIACCIO BELLICO Lo slalom di Gheddafi


Dopo un giorno di trattative la Francia cede:
ok al comando Nato. Ma i disaccordi non sono finiti
tra missili e bombe
LE TRUPPE DEL COLONNELLO ATTACCANO
di Giampiero Gramaglia della forza per attuarla: e, allora, spetto “scrupoloso”. Il governo Su due punti, però, la Nato si sono spesso interne a ogni Pae-
come farla rispettare?) e la Ger- insiste sul comando unificato muove tutta insieme: decide di se. Basta scorrere una nota della LE CITTÀ RIBELLI E NASCONDONO TRUPPE E TANK
ella coalizione dei volen-

N
mania si tira completamente Nato, altrimenti, “metteremo entrare in azione per rendere ef- Farnesina per spiegare la posi-
terosi, la voglia di litigare fuori dal teatro delle operazioni. condizioni rigorose per l’uso fettivo l’embargo sulle armi alla zione italiana: “L’Italia partecipa 37° STORMO
non manca di sicuro: si è Mentre il domino della libertà delle nostre basi”, e sull’immi- Libia e stila piani per garantire il a pieno titolo alla coalizione dei AERONAUTICA MILITARE di Stefano Citati L’obiettivo dei Gheddafi è quello dell’Onu. velivolo a farlo schiantare a terra
continuato a discutere tiene sempre sul chi vive tutto il grazione come problema Ue. rispetto della no fly zone. Navi ed volenterosi, con sette basi e con Caccia bombardieri
F-16
di spostare il più possibili i com- Per portare a compimento que- dopo essersi espulsi dall’abitaco-
della leadership delle operazioni Una spinta in senso Nato sareb- aerei controlleranno, seguiran- esplosione serale e il cre- battimenti nei centri abitati, co-

L’
Grande Medio Oriente: nello Ye- otto aerei, e ha notificato il pro- sto piano, ieri almeno 4 missioni lo nei pressi di Bengasi. Nell’ope-
in Libia che l’Italia vuole sia del- men, si profila, come in Libia, un be poi venuta da Washington: il no e, se necessario, intercette- prio ruolo attivo alle Nazioni pitio della contraerea di me ad Ajdabya, 160 chilometri a aeree italiane, con Tornado di co- razione di recupero coordinate
la Nato, mentre la Francia si im- rischio di guerra civile, con presidente Usa Obama, preoc- ranno navi sospettate di traspor- Unite e alla Lega araba”, ma – Tripoli annunciano l’alba sudovest di Bengasi, dove i ribel- struzione europea armati di mis- con le truppe speciali che sono
puntava fino a sera, quando scontri, vittime e defezioni “an- cupato dello sfaldamento della tare armi o mercenari verso le precisa – non ha fin qui sparato CENTRO TELECOMUNICAZIONI US-NAVY
Pista di atterraggio aerei
del 4° giorno di guerra in- li - appoggiati di fatto dalla co- sili anti-radar e l’appoggio dei sul terreno (l’episodio conferma
avrebbe alla fine ceduto a ma- ti-regime” anche nell’ammini- coalizione, avrebbe chiesto alla coste tripolitane. In un comuni- un colpo e non lo farà. L’obiet- ternazionale sulla Libia. Con me- pertura aerea fornita dai caccia caccia made in Usa F-16 hanno la loro presenza: di certo piccole
lincuore a un comando sotto strazione e nella diplomazia. Francia, ostile, e alla Gran Breta- cato, la Nato afferma di volere tivo è “la protezione dei civili”, no clamore ma forse più effica- occidentali - hanno ripreso il volato sulla Libia. Niente più mis- squadre britanniche, forse fran-
Malta
ombrello dell’Alleanza atlanti- gna, possibilista, che l’Alleanza “dare il suo contributo all’ampio ma “è chiaro e inderogabile che cia, le truppe di Gheddafi com- controllo di buona parte della sioni invece per il maggiore Ni- cesi e anche americane), almeno
ca; e anche, e forse soprattutto, QUELLA DELL’ONU in Libia assuma il comando, e non solo il sforzo internazionale per pro- Gheddafi se ne deve andare, che battono nelle città di Misurata, cittadina, senza però riuscire a cola Scolari, navigatore di Torna- 6 libici sono rimasti feriti.
dell’obiettivo delle stesse. In- sembra proprio la prima guerra coordinamento, delle operazio- teggere la gente di Libia della vio- non può essere più un interlocu- Lampedusa Zintan e Yafran, contendendole scacciare completamente le do che aveva spiegato che il pro-
tanto, le missioni belliche sono del dopo-Bush, quando l’illega- ni, così da meglio garantirne l’ef- lenza del regime di Gheddafi”. tore politico, come stabilito dal ai ribelli con tank e artiglieria, truppe del Colonnello. Una stra- prio velivolo non aveva colpito NONOSTANTE l’incidente
affidate soprattutto ai mezzi lità internazionale non era un ficacia. Dalle consultazioni di Parole che mascherano i dissen- Consiglio europeo”. Un colpo al obiettivi difficili da colpire con tegia di guerriglia che riduce obiettivi: “la Forza Armata ha va- tra “alleati”, i miliziani di Bengasi
americani, nonostante la di- ostacolo a scatenare un conflit- Bruxelles, emergono indicazio- si. Del resto, le contraddizioni cerchio e uno alla botte. raid aerei in un contesto abitato. l’effetto dei raid e dei missili - lan- lutato, in considerazione del fat- hanno continuato ad avanzare
chiarata volontà degli Usa di di- to, anzi un’invasione (quella del- La situazione più difficile conti- ciati finora oltre 180 Tomahawk - to che la pressione mediatica ge- per riconquistare le posizioni
simpegnarsi il più presto possi- l’Iraq), perché gli obiettivi erano nua ad essere quella di Misurata, della coalizione internazionale e neratasi potrebbe influire sulla perdute. E anche ieri avrebbero
bile e lasciare gli alleati europei chiaramente dichiarati e poco Idea Usa: la città portuale a circa 200 chi- prolunga i tempi del conflitto, serenità dell’ufficiale, di non im- ucciso uno dei leader delle forze
a sbrogliarsela nel Mare Loro, il
Mediterraneo. Dopo una pausa,
importava che fossero falsi: eli-
minare armi di distruzione di Alleanza TORNADO Se non Zintan
Yafran lometri a ovest di Tripoli dove la
battaglia edificio per edificio du-
portando verso una seconda fa-
se di intervento bellico sul ter-
piegarlo in servizio di prima linea
per il periodo attuale, per cui non
nemiche: dopo l’annuncio della
morte di Khamis, figlio di Ghed-
gli attacchi dei volenterosi, che massa; distruggere al Qaida e fa- ra da giorni e dove le testimo- reno. A questo proposito ieri il svolge più attività di volo”, soste- dafi a capo della 32esima brigata
con le tenebre sfruttano a pieno
la superiorità tecnologica, sono
re fuori Osama bin Laden, che
dieci anni dopo sono ancora vivi
atlantica sparano, che fanno? Città contese
tra ribelli
nianze degli abitanti parlano di
decine di vittime, di scarsità di
comandante della task force im-
pegnata nell’operazione “Odis-
neva una nota dello stato maggio-
re Aeronautica.
(la guardia pretoriana del raìs che
ha preso parte agli scontri più ac-
e gheddafiani
ripresi la scorsa notte, contro e vegeti. Adesso, la guerra si fa acqua, cibo, medicinali e dove la sey Dawn”, l’ammiraglio Usa Sam Ieri mattina un caccia F-15 ame- cesi sul fronte di Misurata e su
radar e basi aeree. Ma, sul ter- con Parigi caccia Tornado Ecr (Electronic Combat Recon-
Basi Nato
mancanza di energia elettricità Locklear ha sostenuto in una
reno, le forze di Gheddafi sono
all’offensiva. Il cessate-il-fuoco
nella legalità internazionale, ma
senza alcun obiettivo netto: pro-
teggere i civili? Aiutare gli insor- e Gran Bretagna “I naissance) italiani possono sparare per distrugge-
re i radar e le postazioni contraeree nemiche o non ha
complica ancor più la sopravvi-
venza.
conferenza stampa telefonica
dal suo centro di comando - la na-
ricano era incappato in una disav-
ventura: un guasto (smentite le
prime voci su un suo abbattimen-
quello orientale di Bengasi) ieri i
ribelli hanno diffuso la voce del-
l’uccisione di Hussein al-Warfali
proclamato dal Colonnello non ti? Cacciare Gheddafi? Le crepe senso che siano ancora impiegati”. È l'opinione del Un giovane yemenita manifesta a Sana’a: ve Uss Mount Whitney - che la to da parte della contraerea libi- uno dei leader delle truppe di Tri-
è rispettato, nonostante gli au- tattiche e strategiche nella coa- in schema generale Leonardo Tricarico, ex capo di Stato maggio- sul petto ha degli slogan, in mano un pezzo prima fase, ovvero la distruzione ca) aveva costretto i due piloti del poli; il cognome rivela l’apparte-
spici delle Nazioni Unite e della lizione sono in primo piano su re dell’Aeronautica, che da Vicenza gestì le operazioni di pane. A destra, il presidente tunisino ad delle difese aeree libiche, po- nenza a una delle maggiori tribù
Lega araba. tutta la stampa internazionale, triumvirato delle forze aeree italiane in Serbia nel '99, quando ven- interim Fouad Mbazaa con il segretario di IL TORNEO DITTATORI trebbe essere completata verso libiche che storicamente hanno

ALL’INTERNO della coali-


che segnala “le reticenze” dell’I-
talia a un impegno militare effet-
nero usati proprio i Tornado. E Gianandrea Gaiani,
esperto militare e direttore della rivista Analisi Difesa
Stato americano Hillary Clinton (FOTO EPA) CONTRO DEMOCRATICI
La rivista di politica internazionale
la fine della settimana, lasciando
poi la decisione della fase suc-
Lanciati finora appoggiato il Colonnello. Non ci
sono conferme dell’eliminazio-
zione, le riunioni sono più con-
citate che le missioni militari: la
tivo anti-Gheddafi. “Il comando
Nato è la soluzione più appro-
ni di un ammorbidimento delle
resistenze della Francia e del-
afferma: “I nostri Tornado hanno un compito ben pre-
ciso sono affiancati ai caccia bombardieri alleati che
Foreign Policy ha ideato un torneo
con leader dei due schieramenti
cessiva al comando politico del-
l’alleanza internazionale.
sulla contraerea ne di questi capi militari, fonda-
mentali per la difesa del regime.
Nato tiene consulto a Bruxelles
(e la Turchia frena l’impegno
priata”, dice pure il presidente
della Repubblica Giorgio Napo-
l’opposizione alla Turchia: si
cerca una formula che consenta
compiono missioni di attacco al suolo contro le forze
libiche, nella zona di Bengasi in particolare. Lì ci sono
suddivisi in un tabellone tipo torneo
di tennis e sfide singole che portano QUELLO IN CUI SONO con-
libica Ma questo fa parte - insieme alle
cifre non verificabili sulle vittime
dell’Alleanza, anche di coordi- litano, ancora prima che arrivi- alla Nato di gestire le operazioni batterie mobili di missili antiaerei libici: se queste bat- centrati i militari (che lavorano in civili a Tripoli o all’entità dei mas-
namento); il presidente france- no da Bruxelles segnali positivi senza, però, coinvolgervi i Paesi terie si attivano, cioè accendono i loro radar, i nostri
al turno successivo: al momento gli
esperti di FP hanno decretato che stretto coordinamento, soprat- 180 missili sacri compiuti dai gheddafiani a
se Sarkozy recita da “mattatore”; in tal senso. E il ministro degli dell’Alleanza che non partecipa- Tornado li vedono, individuano il radar e lanciano il Cameron (GB) ha battuto tutto il trio Usa-Gran Bretagna e Bengasi - della guerra di propa-
il segretario alla difesa america- esteri Franco Frattini riformula no alla coalizione. Ma anche do- missile che raggiunge il radar che emette questi Berlusconi e passa alla sfida con Francia, secondo quel che ha af- e centinaia ganda che sotto i missili e le of-
no Robert Gates conclude una l’equivoco italiano: “Non è mis- po la svolta francese l’intesa non segnali”. Quindi, “se i libici accendono i radar, noi dob- l’australiana Gillard; dall’altra fermato Locklear) è nel creare fensive delle truppe di Gheddafi
visita a Mosca; la Lega araba si av- sione di guerra”, dice, richia- è ancora ultimata e diplomatici e biamo bombardarli”. parte Gheddafi ha sconfitto Saleh l’“ambiente”, le condizioni, per di bombe continua e si amplifica tra i due
viluppa nelle sue contraddizioni mando i paletti dell’Onu all’uso militari temono ne venga fuori (Yemen) e si prepara al confronto un pieno controllo della No fly schieramenti con il passare dei
(sì alla no fly zone, ma no all’uso della forza e invocandone il ri- “un pastrocchio”. con Ahmadinejad. zone stabilita dalla risoluzione dai caccia giorni di guerra.

Voci di golpe contro il presidente Saleh


“Se vince il raìs, attaccherà la Tunisia”
di Stefano Citati Cecchini e tradimenti: IL VICEDIRETTORE DI LE TEMPS: “SIAMO UN PAESE APERTO, VOI ESAGERATE CON LA PAURA DELL’ISLAMISMO”
è RAID
Quarto giorno di bombardamenti sugli obiettivi militari libici: la con-
fusione nella catena di comando politico si potrebbe ripercuotere nelle
capacità militari che hanno bisogno di un meccanismo e un coordina-
baratro Yemen l’intervento delle forze internazio-
nali?
Tardivo ma giusto, perché mette in si-
curezza lo spazio aereo e tenta di neu-
hanno fatto appelli all’amicizia. Insom-
ma, Lockerbie è stata dimenticata in
fretta. I commentatori europei e statu-
nitensi si sono sempre attardati sugli
stere a lungo fino a riprendere in mano
la situazione, e questo potrebbe prelu-
dere a un attacco alla Tunisia.
È una previsione pessimistica.
Dateci tempo, tutte le rivoluzioni pas-
sano attraverso gli stessi processi, an-
che la nostra ha bisogno di tempo per
mettere in circolo tutte le sensibilità
mento senza inceppi. Al tramonto e all’alba sono partite le missioni aeree di Roberta Zunini passare dalla parte di chi protesta e chiede le tralizzare la forza aerea di Gheddafi. aspetti folkloristici del personaggio È uno scenario possibile. Gheddafi non politiche, culturali e religiose. Sono na-
che devono completare la distruzione delle postazioni fisse (SA-2, SA-3 e dimissioni di Saleh e riforme democratiche. Di quanti caccia disporrebbe anco- Gheddafi dimenticando che questo si- ha mai amato la Tunisia, ai tempi di Ha- ti molti partiti, a luglio si voterà per la
opo che venerdì scorso i grattacieli di ra il Colonnello? gnore ha delle fortissime ambizioni ter- bib Buorguiba voleva a tutti i costi che Costituente che organizzerà la elezioni
SA-5), e poi di quelle mobili, dei radar antiaerei di Gheddafi. Alcuni di
questi lanciatori mobili (SA-6, SA-7 e SA-8, come quelli fissi, tutti di co-
struzione sovietica) possono essere nascosi nei pressi degli edifici per
Ddo per
terra rossa di Sana’a - noti in tutto il mon-
la loro bellezza da fiaba araba - sono
Nel tentativo di arginare le defezioni tra le
file delle forze di sicurezza, il presidente ha
annunciato ieri che lascerà il potere solo nel
Almeno 250 aerei, tra cui molti Mirage
francesi. Parigi ha avuto con il governo
ritoriali sull’Africa e ideologiche sul
mondo arabo.
la Libia si unisse al nostro Paese, una
ipotesi che il governo dell’epoca ha
e stiamo ancora discutendo su quale
forma dare al nuovo Stato. Repubblica
complicarne identificazione e distruzione, con il rischio di colpire civili. diventati meta preferita dei cecchini del 2012. In pochi però gli credono. Anche per- lenterosi uno sforzo da bollare come neo- di Enrico Fierro libico sempre un atteggiamento schi- Temete che i bombardamenti pos- sempre respinto. Non dimentichiamo parlamentare o presidenziale? La rivo-
presidente Saleh, lo Yemen ha iniziato a cor- ché mentre cercava il dialogo con l’oppo- colonialista. Il segretario di Stato alla Difesa, inviato a Tunisi zofrenico: negli anni passati ha armato sano provocare un esodo di massa che la Libia ha organizzato diversi com- luzione ha due mesi di vita, sappiate so-
è OBIETTIVI rere a passi sempre più veloci verso la guer- sizione, intimava ai reparti delle forze arma- Robert Gates con la sua dichiarazione di ieri Gheddafi, oggi è il più tenace sosteni- di profughi alla frontiera tunisina? plotti contro Bourguiba, nel 1979 ci fu lo che la nostra forza è il livello di istru-
ra civile. I colpi dei fucili di precisione, pio- n questo momento Gheddafi è co- tore dell’attacco. Direi che il rapporto Dall’inizio dei disordini 90 mila rifugia- un tentativo di colpo di Stato e nel 1987 zione dei nostri giovani, i veri protago-
Gli Usa sostengono che la prima fase - eliminazione delle difese aeree, e
anche di alcune strutture portuali e aeroportuali - è a buon punto e per
questo sono prossimi (questione di giorni) a passare il comando alla Na-
vuti dall’alto sui manifestanti, non solo han-
no lasciato sul terreno 52 giovani che chie-
te rimastigli fedeli di assediare la base mi-
litare di Al-Hodeidah, città portuale sul Mar
Rosso. Una misura che sarebbe stata presa
ha riattizzato queste critiche. Ha infatti so-
stenuto che gli Usa sono preoccupati per la
situazione nello Yemen dato che l'instabilità
“I me un animale ferito, una belva ca-
pace di tutto e può essere molto peri-
tra la Francia e la riva sud del Mediter-
raneo è stato sempre passionale. Negli
ti sono arrivati dalla Libia, erano uomi-
ni e donne di tutte le
Gheddafi inviò un commando nella cit-
tà di Gafsa per abbat-
nisti del cambiamento.
La Tunisia rischia di avere una forte
to, che deve stabilire la seconda fase bellica: sostanzialmente un inter- devano pacificamente riforme e maggiore dopo le dimissioni del potente capo dell’a- potrebbe distogliere l’attenzione da al Qae- coloso”. Raouf Khalsi, 58 anni, è redac- anni del colonialismo i francesi aveva- nazionalità, non vole- tere il regime tunisi- presenza di partiti islamisti?
vento - anche limitato a piccole squadre di forze speciali con obiettivi
specifici - sul terreno. Senza questo la supremazia aerea può divenire
libertà d’espressione, ma hanno ucciso la
speranza di una soluzione pacifica del brac-
viazione Ahmed al-Sanhani che è sceso in
piazza accanto ai manifestanti. Ieri è corsa
da. Il capo del Pentagono inoltre ha evitato
di auspicare dimissioni del presidente ye-
teur en chef di Le Temps, uno dei più letti
quotidiani tunisini. “La crisi libica ha
no in mano la Tunisia e il Marocco, oggi
puntano a diventare protagonisti poli-
vamo e non poteva-
mo mandarli indie-
“Non solo no. Con l’avvento di
Ben Alì tutto è cam-
Siete voi europei ad esagerare con que-
ste paure, noi siamo un Paese aperto,
sterile e non cambiare il rapporto di forze sul campo. cio di ferro ingaggiato da quasi due mesi tra
giovani universitari - a cui si sono aggiunti
in aiuto a Saleh anche l’Arabia Saudita, a cui
il presidente yemenita ha sempre fatto rife-
menita. Insomma di nuovo viene agitato lo
spauracchio del terrorismo islamico. Nono-
determinato una situazione esplosiva
per tutta l’area e per la Tunisia in par-
tici sulla scena del Maghreb.
Come giudica l’atteggiamento del
tro. Con il concorso
della Croce Rossa e
gli italiani, biato, i due si somi-
gliano molto e sono
fin dai tempi di Bourguiba ebrei, cristia-
ni, musulmani e ortodossi vivevano in-
è ALLEANZE
Se non è un azzeramento della “coalizione dei volenterosi” poco ci man-
via via capi tribu e gente comune - e il pre-
sidente-raìs che dal 1978 governa il paese
rimento. Essendo l’Arabia Saudita la più so-
lida alleata degli Usa, ecco che subito le po-
stante la mediazione dell’Arabia Saudita pe-
rò le opposizioni hanno risposto picche a
ticolare. Anche l’Italia è in pericolo,
Gheddafi è stato chiarissimo riferendo-
governo italiano?
Mi sfuggono i motivi dell’esitazione del
delle organizzazioni
non governative ab-
anche l’Eliseo diventati amici.
Qual è la situazione
sieme senza conflitti. Vinceranno le
forze moderate e liberali, questa è la
ca: la decisione di ieri di porre l’operazione sotto l’ombrello Nato supera più povero del Medio Oriente. La svolta ver- tenze emergenti non allineate come l’India, si al governo del vostro Paese: Berlu- vostro governo ad avere subito una po- biamo allestito un politica? mia previsione.
la leadership che aveva assunto sul campo la Francia. A questo punto i so il conflitto civile è stata impressa dal pre- il Brasile, la Cina o paesi geostrategici come
Saleh. Molti ambasciatori nel frattempo si
sono dimessi come accadde durante i primi sconi mi ha tradito”. Raouf Khalsi co- sizione più decisa nei confronti del ver- campo profughi a Ras ha amato Le giro la domanda: Come va la libertà di stampa dopo
tempi per la creazione di una nuova struttura di comando allunga i tempi sidente che, nonostante il carattere non vio- la Turchia, nonché l’Iran e altri paesi arabi, giorni della rivolta in Libia. L’ambasciatore nosce bene la situazione politica italia- tice libico. Berlusconi ha molti proble- El Jidir. Per il momen- qual era la situazione la rivoluzione?
e i calcoli politici dovendo tener conto del ruolo di molti più paesi, come lento della manifestazione di venerdì, ha or- hanno intravisto in questo atteggiamento yemenita in Siria ha abbandonato la sua pol- na, per molti anni è stato corrisponden- mi interni, ma dà anche l’impressione to in quella tendopoli il regime, tanto politica dell’Italia do- Oggi siamo liberi e vigili, raccontiamo
la Turchia (con i quali gli Usa sono in debito recente per la missione di dinato ai cecchini di sparare sulla folla. Un cauto dell’Occidente nei confronti di Saleh trona, dicendo di volersi unire ai giovani te dalla Tunisia del Corriere della Sera. di essere piuttosto compromesso con sono ospitate 25 mila po la caduta del fasci- e analizziamo l’evolversi della situazio-
salvataggio dei 4 reporter del New York Times catturati dai gheddafiani) atto criminale, condannato anche dalla Le- un doppiopesismo, nonché un comporta- che dal 21 febbraio dal campus universita- Lei dice che la guerra in Libia può Gheddafi. Ma c’è da dire che il Colon- persone, ma la paura da armarlo smo, come siete riu- ne politica e sociale. E diamo voce a tut-
e l’autoesclusione della Germania. Per non parlare dei paesi arabi, eu- ga araba, che è stato preso a pretesto da al- mento ipocrita che rende - seppur indiret- rio della capitale Sana’a hanno indetto una creare situazioni di pericolo anche nello è stato accolto bene anche a Pa- dei tunisini è che sciti a ricostruire la ti, questo è l’unico modo per arginare
femisticamente sempre più perplessi e scettici. cuni importanti esponenti dell’esercito per tamente - l’impegno militare in Libia dei vo- protesta permanente. nei Paesi confinanti, come giudica rigi, e anche gli Usa negli ultimi tempi Gheddafi possa resi- con i Mirage” vostra democrazia? gli estremismi.
pagina 6 Mercoledì 23 marzo 2011

È U
LIBIA SENZA RITORNO LIBIA SENZA RITORNO

il presidente del Consiglio, Silvio Villa Madama a Roma. Il premier, sfogliando un libro na grande manifestazione nazionale delle forze navali Usa in Europa, situato a fase di mobilitazione, in un crescendo che ci
Il Caimano testimonial Berlusconi, il testimonial del nuovo sull'Italia, ricorda che “l'Italia è il Paese che ha regalato La Rete Disarmiamoli a Napoli contro la guerra in Libia: Napoli, dove si trovano anche il quartier porti tutti insieme a Napoli, dove è il cervello di
spot “Magica Italia”, promosso dal al mondo il 50% dei beni artistici tutelati dall’Unesco. la chiede la Rete nazionale generale delle forze navali del Comando Africa e questa nuova e vergognosa guerra, con una
governo per rilanciare il turismo, l’arte e la cultura in Più di 100 mila chiese e monumenti, 40 mila dimore "Disarmiamoli!" che riunisce varie espressioni quello della Forza congiunta alleata. Tutti e tre i manifestazione nazionale nelle prossime
dello spot Italia. Lo spot, che sarà trasmesso dalle reti Rai, è storiche, 3.500 musei, 2.500 siti archeologici e più di vuole una grande del movimento no war italiano, e che in un comandi sono nelle mani dello stesso settimane che riunifichi il movimento contro la
stato presentato ieri dal ministro del Turismo, mille teatri. Lo sapevi? Approfitta delle tue vacanze appello spiega il motivo della scelta del ammiraglio Usa, Sam J. Locklear III, ossia del guerra italiano e indichi chiaramente le
Michela Vittoria Brambilla durante una conferenza per scoprire l’Italia che ancora non conosci, questa capoluogo campano. “L'intera operazione Pentagono”. E dunque “occorre allora indicare responsabilità e i luoghi decisivi di questa
“Magica Italia” stampa a Palazzo Chigi. La location è un interno di magnifica Italia da scoprire e da amare”. manifestazione a Napoli aeronavale - dicono - è diretta dal Comando in questo luogo l’obiettivo comune di questa guerra".

DIMMI CON CHI VAI


Raìs, dittatori, leader eletti con dubbie consultazioni: tutti amici
di Berlusconi. Con i quali parla, va in vacanza e fa affari

I pacifisti provano
di Maurizio Chierici non dimentica gli affari. Quando granché, a meno che siano carte Amici dittatori
scapperà, se scapperà, ma dove? talmente avvelenate da tirar fuo- A sinistra, Berlusconi nel
heddafi resiste aggrappa-

G
Potrebbe essere nella Bielorus- ri solo quando l’acqua arriva alla 2003 nella dacia con Putin.
to alla decisione dell'Onu sia di Aleksandr Lukashenko, gola. Per non far sapere che il A destra, con Aleksandr
che impedisce di rove- presidente a vita. Nelle ultime viaggio in Bielorussia è organiz- Lukashenko, durante la
sciarne il governo: prova a settimane gli ha spedito a Tripoli zato da Putin, Berlusconi scio- visita in Bielorussia nel
fermare il conteggio dell'agonia 40 tonnellate di missili e armi fi- glie tra un abbraccio e l’altro 2009. Sopra, da sinistra,

a rialzare la testa
decisa a Parigi con la sconsola- no a quando Sarkozy ha chiuso i un’ammirazione sconfinata: l’abbraccio con Mubarak, a
zione del coro che lo circonda. cieli della Libia. E nella Libia sot- “L’amore del popolo per il suo Roma, nel 2004, poi al
Quei presidenti di lungo corso to tiro continuano ad arrivare le presidente lo si vede dai risultati tavolo col primo Ministro
ormai rassegnati all'esilio, Ben parole di un Putin che non si sco- elettorali: la Bielorussia lo ama”. turco, Tayyip Erdogan,
Alì e Mubarak, adesso la rabbia raggia. Insomma, Lukashenko durante il G8 all’Aquila nel
di Ali Abdali Saleh: Yemen che può essere il salvagente che riu- “RICORDEREMO per sem- 2009 e con Ben Ali,
precipita. Quando ministri e ge- nisce amicizie intrecciate con pre la sua visita e le sue parole”: durante la visita a Tunisi
nerali voltano le spalle i giorni entusiasmo: amico del raìs, ami- felicità di Lukashenko sdogana- del 2009. Sotto il famoso
diventano difficili. Il raìs ne sa co di Putin, amico di Narzabayev, to dalla crudeltà dell'emargina- baciamano a Gheddafi, a STRADA ATTACCA NAPOLITANO.
qualcosa. Appena finirà la follia presidente a vita del petrolio ka- zione dei paesi civili. Putin è il Sirte, nel marzo 2010
di una guerra “che non è guerra” zako, amico di Silvio Berlusconi leader che viene dal comunismo (FOTO ANSA, LAPRESSE) IERI SIT IN DELLA SINISTRA RADICALE
chissà se scapperà, dove non si il quale ammira Putin, Narzaba- padre più oscuro fra gli ex che
sa. Impossibile nel Venezuela di yev, Mubarak, Ben Alì, giro di af- Berlusconi adora. In questi gior-
Chávez, continente più insicu- fetti che si allarga agli emiri di ni mantiene la diffidenza verso i di Wanda Marra sofico alla guerra, e che mette Vauro. Ma anche Ezio Mauro, lenza degli attacchi e lo spet-
ro del mondo perché le ombre Dubai e Abu Dhabi, lavanderie nemici di Gheddafi: il telefono insieme la tragedia giappone- che in totale controcanto, ri- tacolo di confusione e di inde-
dei contractors (mercenari) da ento le più alte cari-

“S
degli affari sporchi dove ha in Palazzo Grazioli-Mosca deve es- se e la guerra libica. È il primo badisce che “si deve andare in- cisione offerto dalla coalizio-
mezzo secolo spuntano dietro mente di aprire un'altra casa; sere rovente. Come fare marcia che dello Stato dire momento di raccordo di un contro al bisogno di libertà del ne aiutano i pacifisti a venire
ogni cespuglio. Intanto la rete scende nell’Eritrea di Isaias Af- indietro senza dare nell'occhio, coglionerie: qualcu- movimento pacifista esitante, popolo libico”. Dichiarava ieri allo scoperto. E ieri a Roma c’è
degli amici dalla mano robusta weki, insomma, bel giro di go- come riallacciare Gheddafi, non no è arrivato al punto assente, addormentato nel Vauro: “Lì c’è una vera e pro- stato il primo presidio, a Piazza
si è sciolta nell’opportunismo. vernanti dalla politica robusta. si sa mai che resista. La prima vol- di dire che mentre mandiamo momento dell’inizio dei raid pria guerra civile. In altri paesi Navona, organizzato dalla Fe-
Nelle campagne elettorali Luka- ta in vacanza a villa Certosa, Pu- i Tornado non siamo in guer- aerei sulla Libia, ma anche di- del Nord Africa la libertà se l’è derazione della Sinistra. “Na-
CHI SPERAVA nella resa lam- shenko prometteva agli avversa- tin scende da un cacciatorpedi- ra. Nessuna guerra può essere viso dalle ragioni dell’inter- presa la popolazione. Inter- politano ha detto delle cose
po s'improvvisa re Travicello: ri che lo accusavano di violare la niere armato fino ai denti. Amici umanitaria, ed è questa la più vento umanitario e della rivo- vento umanitario? Guarda ca- imperdonabili”, fa eco a Strada
sottoscrive le bombe ma rim- Costituzione “se vinco finirete per pacche sulle spalle, amici disgustosa menzogna per giu- luzione libica. All’Ambra Jovi- so si fa sempre dove ci sono Alfio Nicotra, responsabile Pa-
piange gli abbracci perduti, quel sull’Himalaya“. Vince fregando- per il lettone che il signor P. fa stificare la guerra che è sem- nelli ci sono don Luigi Ciotti, delle risorse petrolifere”. E poi ce di Rifondazione. Ma per la
dolore dell'essere frainteso. Un sene di Unione europea e Stati arrivare dal Cremlino a Palazzo pre un crimine contro l’uma- Erri De Luca, Maurizio Landini denuncia il “grottesco” della verità è un raduno per pochi
giorno spiegherà. Imbarazzo se- Uniti: non riconoscono il risulta- Grazioli. Amico talmente caro da nità”. Lunedì sera, terzo gior- della Fiom, Fiorella Mannoia, politica italiana. Di certo la vio- intimi.
polto sotto le ragioni di Stato, to “inquinato da imbrogli e da invitare Ruby per le quattro no di guerra alla Libia, Ambra
economie che non sopportano una propaganda distribuita sen- chiacchiere della notte. Amico Jovinelli, a Roma. A parlare dal “LE GRANDI manifestazio-
la febbre del petrolio, ma per ca- za concorrenza su giornali e te- da difendere dai sospetti di una palco è Gino Strada, in piedi, ni non hanno prodotto nulla: e
rità, Gheddafi resta l'amico di chi levisioni controllate dal suo go- giornalista straniera che durante sotto un faretto, volto ierati- forse è anche per questo che
verno”, ultimo reperto del co- co, pause teatrali, che punta il ora non ce ne sono”. Fiducioso
munismo in Europa. Mantiene le dito direttamente contro il Paolo Ferrero: “Quando sarà
Dopo 12 anni promesse: sospende dal Parla-
mento 89 deputati “sleali e non
Con Putin la visita a Pratica di Mare mette in
dubbio la trasparenza delle ele-
è stato il papa rosso del Kaza-
khstan, ma l’amore per i marxisti
nasconde l’abbraccio al presi-
dente a vita kazako? Forse deve
cerche ordinate a biologi famosi
per allungare la vita “oltre i 100
complicato: Michelle Obama lo
tiene a distanza allungando la
presidente della Repubblica,
Giorgio Napolitano.
di C .Pe. chiaro che questo intervento
non solo non risolve i proble-
di isolamento costruttivi”. Seduzione irresisti-
bile per il premier italiano il qua-
i rapporti sono zioni in Cecenia. E Berlusconi fu-
rioso la rimette in riga. Amici per
è un amore annunciato dal Cava-
liere al Corriere della Sera quando
chiedergli consiglio: con quale
astuzia è riuscito a privatizzare la
anni”? Diciamo la verità: Isayas,
il dittatore eritreo che in un solo
lunga mano mentre il nostro pre-
sidente apre le braccia. La figlia IL QUALE domenica ha usa-
CAMERA Nonostante fosse martedì, l’assemblea di
Montecitorio non si è riunita. Appuntamento per
mi umanitari, ma li crea, la mo-
bilitazione ci sarà”. Poi, rispet-
europeo le rompe l'embargo e dopo 12
anni di isolamento imposto dalle
strettissimi, aver attraversato assieme la rie-
lezione di Bush nella dacia attor-
ancora il Muro di Berlino divide-
va l’Europa, 1989: “I comunisti
sua cassaforte di petrolio, gior-
nali, gas, ferrovie Tv, liberando
giorno fa sparire 11 ministri mai
più ritrovati, rappresenta non
di Erdogan, capo di Stato della
Turchia, reagisce con uno spin-
to tutto il peso della sua carica
per diffondere un messaggio:
oggi alle 10.30. to alla evidente pochezza della
reazione pacifista spiega: “È
plutocrazie della vecchia Euro- non mangiano i bambini. Sono lo Stato centralista per dividere solo il sogno proibito, soprattut- tone al baciamano di un testimo- “Non siamo in guerra, ma al- SENATO A Palazzo Madama la mattina non c’è stata come col Kosovo, con molta
è il primo leader pa, va a trovare Lukashenko a tanto da no a Mosca e poi il brindisi libe-
ratorio affacciati sulla Piazza perbene. Sto lavorando con lo- la torta con figlia, figlio, generi, to i piccoli affari di famiglia dei ne di nozze dall'eccessiva affet- l'interno di un'azione dell'O- aula. I lavori sono cominciati alle 16.33 con il disegno parte della sinistra schierata
Minsk per farsi aprire gli archivi Rossa. Putin maestro nel manda- ro, lavorerò sempre di più”. Cosa cugini? E a che punto sono le ri- quali discutere nei weekend di tuosità. Povero Cavaliere: non lo nu”. Alla serata organizzata da di legge sulle nuove regole adottate dall’Unione per l’intervento”. In effetti, il
ad andare ospite del Kgb. Vuol mettere le mani prestargli la villa re in galera l’editore della Istve- villa Certosa. Buon cuore verso avevano avvisato del sacrilegio Emergency per presentare il europea in materia di coordinamento delle politiche Pd è “in prima linea nel fronte
“sull’opposizione comunista di zia, petroliere che trafficava in Paolo, fratello del mattone: mille che la sharia proibisce. L'icono- nuovo mensile E ci sono alme- economiche degli Stati membri. La seduta è stata interventista”, come ironizza
dal bielorusso Roma”, sicuro di scoprire i soldi in Sardegna nero, stessa accusa che il Cava- ville per turisti sul mare di Mas- grafia dei baciamano a Gheddafi no 1600 persone. Catturate, sospesa tra le 16.37 e le 16.41. I lavori sono terminati qualcuno, nonostante le pri-
segreti mandati in Italia dal Cre- liere deve sopportare in tribuna- sawa. Amicizie sigillate da baci. appartiene alla storia: a Roma e ipnotizzate da Strada che riba- alle 20.12. Senatori di nuovo in aula oggi alle 9.30. me crepe (“dubbi” ci sono tra i
Lukashenko mlino. Non deve aver trovato per le vacanze le di Milano. Anche Narzabayev B non desiste anche quando è alla assemblea della Lega Araba. disce il suo no addirittura filo- cattolici e la sinistra del partito
è su altre posizioni), Vendola si
è espresso con chiarezza con-

Israele, 7 anni di galera all’ex premier Mamiani di Roma I dubbi dei ragazzi tro la guerra solo domenica,
l’Idv èsulla linea del “ni”. Per il

CONDANNATO KATZAV PER STUPRO: È SEMPRE STATO IN AULA. NETANYAHU: UN GRANDE GIORNO
di Roberta Zunini
Liceali che dicono “nì” alla guerra
di Caterina Perniconi legati alla Libia e che improvvi-
no alla guerra senza se e senza
ma restano i pacifisti di sem-
pre: Arci e Fiom, che giovedì
faranno una prima riunione di
za”, a causa dell'odiosità del rea- Tzipi Livni – soddisfazione per ruzione e distrazione di fondi alla spicciolata. Guardano so- chi. Le cose non possono che mi- coordinamento. Ieri, intanto,
to e per il ruolo di alta respon- la sentenza: “Il nostro sentimen- pubblici. Olmert si dimise per spettosi la telecamera ma poi si gliorare”. samente è diventato un proble- a Milano, in piazza San Babila,
acrime e giustizia per Israe- sabilità istituzionale di chi l'ha ende, harem, cavalli, auto blu. lasciano andare. E le idee sono le Poi arrivano Evelina ed Elena. ma, lo era anche prima”. Aggiun-
Ldienza
le. Ieri, al termine di un'u-
carica di tensione, il Tri-
commesso, “è tuttavia il giorno
in cui si è data prova che il no-
to non è certo di gioia nell'ap-
prendere che un presidente del-
la Repubblica andrà in carcere
difendersi nel processo, così co-
me Moshe Katzav. Nemmeno
coloro che non si sono dimessi,
Tmigrati,
Unicredit, Fiat, Juventus. Im-
maltrattamenti, petrolio.
più disparate. Anche per loro, co-
me per il resto dell’opinione pub-
“Quello dell’Italia è comunque un
profondo tradimento – dice la pri-
ge Pietro: “Il problema non sono
le banche, ma che gli mettevamo
circa 150 militanti si sono ri-
trovati sotto le insegne di
Prc-Fds, Sinistra ecologia e li-
bunale di Tel Aviv ha condanna- stro sistema giudiziario non am- per stupro, ma siamo soddisfatti hanno mai pensato di utilizzare Sono queste le dieci parole chiave blica, fare chiarezza su quel che ma – eravamo alleati del nemico a disposizione anche le auto per bertà, Sinistra critica, oltre a
to a 7 anni di carcere per stupro mette corsie preferenziali per i nel constatare che nessuno si lo strumento dell'immunità, di L’ex presidente della Repubblica, il sessantacinquenne Moshe Katzav (FOTO EMBLEMA) che i ragazzi del liceo Mamiani di sta succedendo in Libia non è fa- e ora contro. Non si sa che risvolti riportare gli immigrati a Tripoli quelle dell’Arci e di Emergen-
l'ex presidente della Repubbli- politici”. Ieri mattina Israele si è può sottrarre alle legge”. Nessu- far richiudere cioè per spirito Roma usano per identificare il cile. Ma sono informati: “É una può provocare questo cambio di dove però venivano messi in pri- cy.
ca, il sessantacinquenne Moshe fermata per sapere ciò che i giu- no, nemmeno il primo cittadino corporativo le valve della con- nale per loro. Israele non è una essere innocente. Secondo la di- raìs libico, Gheddafi. grande ipocrisia” dice Giovanni, par te”. “Non stiamo parlando di gione, le donne stuprate e gli uo-
Katzav, per violenza sessuale dici avevano deliberato. Tutti i dello Stato può pensare di sfug- chiglia protettiva, in possesso terra dove i politici sono tutti fesa, la corte non è stata impar- Quarantatre anni dopo la prima studente del quinto anno, “gli ae- liberazione del popolo ma di in- mini picchiati. Abbiamo fatto E POI, ci sono i cattolici di ba-
nei confronti di alcune collabo- canali televisivi hanno interrot- gire al principio di uguaglianza alla casta politica, per difendersi duri e puri, specchiati. O dove i ziale e non è stato permesso di assemblea studentesca, ottenuta rei non vanno là senza bombar- teressi economici – continua Ele- molto peggio di ospitare l’ha- se, Pax Christi, la Tavola per la
ratrici mentre era ministro del to la programmazione per tra- di fronte alla legge. È la prima dai processi: non ci sono politici politici bevono solo latte e mie- portare nuovi testimoni a favore dai liceali del Mamiani con l’oc- dare, siamo in guerra e con Ghed- na – appena abbiamo capito che rem”. Il liceo Mamiani a Roma (FOTO DLM) pace. Il tentativo è quello di
turismo e poi presidente. smettere in diretta la sentenza volta nel corso della sua storia, in Israele che pretendono di ca- le. Spesso devono ingoiare la be- dell'ex presidente. Addirittura i cupazione sessantottina, gli stu- dafi abbiamo avuto un rapporto la coalizione puntava al petrolio Come si poteva risolvere il con- “girare” sulle ragioni della pa-
“È un giorno di orgoglio per il di condanna dell'ex capo dello lunga più di mezzo secolo, che muffare da perle le proprie ne- vanda amara della condanna figli di Katzav hanno accusato denti non hanno ancora organiz- vergognoso”. Vicino a lui c’è Fi- ci siamo messi contro Gheddafi”. flitto, se Gheddafi è un dittatore blema è che il governo ha deciso ce il corteo già previsto per sa-
nostro sistema giudiziario” ha Stato. la giustizia israeliana si trova ad fandezze. perché la legge è uguale per tut- l'establishment israeliano di raz- zato un incontro per discutere del lippo: “Io sono favorevole al con- Ma per Sara non è una novità: ma la guerra è un errore? “Bi- tutto senza che noi possiamo fa- bato a Roma (partenza alle 14 e
commentato il premier Benja- affrontare un caso così spinoso. ti. E non che non provino a pro- zismo, sostenendo che i politici conflitto in corso. “Forse lo fare- flitto, ho origini libiche, i parenti “Facciamo sempre così, una volta sognava pensarci prima – con- re niente, la Costituzione non 30 da piazza Esedra) per l’ac-
min Netanyahu, leader del par- L'AUDIENCE è stata altissi- Il Tribunale di Tel Aviv e di Ge- TUTTI GLI UOMINI politici testare o ad avvalersi della facol- hanno voluto estromettere il pa- mo giovedì” dice Evelina, iscritta da parte di mia madre vivono lì e alleati con uno, poi con l’altro, la clude Pietro – certo, alla violenza prevede nemmeno un referen- qua pubblica e contro il nu-
tito conservatore Likud, da cui ma, segno che l'affaire Katzav ha rusalemme in questi ultimi dieci citati si sono sempre presentati tà di non rispondere. Ma in aula dre perché ebreo sefardita. Tra al terzo anno, “ma in classe non so come stanno”. La famiglia di storia non ha insegnato niente”. è difficile rispondere diversamen- dum per dire no a questa scelta cleare. Peccato, però, che nes-
lo stesso Katzav proveniva. Il interessato trasversalmente tut- anni hanno processato molti in tribunale. Sbandierare il “le- vanno e piangono. Come Moshe poche settimane per Katzav si se ne parla, i professori per ora Filippo abita in una comunità vi- Ricordano tutti “l’invasione” ro- te”. E sul vostro futuro che ri- già presa. E tutti pensano a sé suna richiesta ufficiale sia arri-
capo dello Stato Shimon Peres, te le fasce della popolazione esponenti delle istituzioni: dai gittimo” impedimento non è un Katzav, che ascoltando la sen- apriranno le porte del carcere. Il pensano al programma” aggiun- cino a un pozzo petrolifero nel mana del raìs, le strade chiuse, le percussioni avrà questo conflitto? stessi. Mio padre è uno psichiatra vata agli organizzatori, il comi-
eletto proprio dopo le dimissio- israeliana. Anche il partito di op- primi ministri Bibi Netanyahu, atto contemplato sulla scena tenza di condanna è scoppiato verdetto della Corte Suprema a ge Camilla, “di guerra, niente. Si- deserto. “In questi giorni li ab- tende a Villa Phampili, le 100 “Non lo so, sono molto delusa e mi racconta che i suoi pazienti tato Referendario per l’Acqua
ni di Katzav nel 2007, ha ag- posizione più importante, Kadi- Ariel Sharon fino a Ehud Ol- politica. I ministri corrotti fini- in lacrime, urlando che veniva Gerusalemme, a cui i suoi avvo- lenzio”. Sono le 13.15 e dal can- biamo sentiti, sono lontani dalle gheddafine. “Lui in Italia è socio dalla mia generazione – dice An- adesso sono sono terrorizzati da- bene comune. “Va bene mani-
giunto che “pur essendo un ma, ha espresso – attraverso una mert. Ognuno di loro ha dovuto scono davanti alla magistratura condannato ingiustamente. cati presenteranno appello, lo cello aperto della nota scuola nel zone dei bombardamenti ma te- di Unicredit, di Fiat, della Juve, è nalisa, terzo anno – vedono tutto gli attentati. Molti miei coetanei festare per vari temi, ma nes-
momento di vergogna e tristez- dichiarazione della sua leader affrontare pesanti accuse di cor- ordinaria, non hanno un tribu- Katzav ha sempre dichiarato di ascolterà da dietro le sbarre. quartiere Prati i ragazzi escono mono eventuali ritorsioni e attac- inutile far finta che non siamo lontano, ma non è così. Il pro- neanche da quello”. suno ci metta il cappello”.
pagina 8 Mercoledì 23 marzo 2011

L’ATOMO FUGGENTE

IL GOVERNO FERMA
IL NUCLEARE
(PER UN ANNO)
Tentativo di bloccare il referendum
Ma l’unico modo è cancellare la legge Nella foto grande, tecnici al lavoro in Giappone per rilevare la radioattività. Sotto, il reattore di Fukushima (FOTO LAPRESSE)

di Luca Telese partita sul modello prescelto no sapere sul nucleare, inclu- Giappone residui nucleari, dando luogo a
(con l’introduzione dei cosid- so cosa significhi avere centra- nuove emissioni radioattive

L’
ultima paroletta della
neolingua di governo
è: “Moratoria nuclea-
re”. Oppure, secondo
le frasi del ministro Paolo Ro-
detti “Mini reattori”, di cui ha
parlato Umberto Veronesi e
che sono prodotti dal consor-
zio Iris, che unisce gli america-
ni di Westhinghouse e l’Ansal-
li sul proprio territorio, anche
se – ricorda Romani – non so-
no solo le regioni a decidere in
merito”. Come va interpreta-
ta, dunque la moratoria, se-
Peggiora dalle conseguenze imponde-
rabili. Anche i danni provocati
ai reattori 1 e 2 dall’acqua di
mare dopo lo tsunami dell’11
marzo sono più gravi di quanto
mani: “Serve una pausa di ri-
f lessione”.
Ma occorre aguzzare l’inge-
gno. Come capita con questo
do).
A parte la partita di Risiko in-
terno al fronte nuclearista, il
vero nodo è l’obiettivo, colti-
condo il ministro? “É una re-
sponsabile pausa di riflessio-
ne, come fatta da altri paesi eu-
ropei”. Ma il comitato promo-
la situazione non si fosse pensato in un pri-
mo momento, hanno ammes-
so gli ingegneri della Tokyo
Electric Power. E il ministero
centrodestra, quello che vie-
ne detto (sempre più spesso)
è il contrario di quello che
viene fatto. Ovvero: non vo-
lendo prendere una decisio-
vato dal governo, di disinne-
scare il quesito referendario
grazie alla moratoria. Ed è que-
sta ipotesi che fa letteralmente
insorgere il comitato promo-
tore non si ferma. “Non può es-
serci moratoria che tenga – di-
ce il leader dell’Idv, Antonio Di
Pietro – e che possa fermare il
referendum perché delle due
a Fukushima della Scienza ha fatto sapere di
aver riscontrato radiazioni 430
volte superiori al normale nel
terreno a 40 chilometri dalla
centrale.
ne che in queste ore appare a tore per il sì all’abrogazione l’una: o il governo cancella la di Alessandro Oppes largo delle coste giapponesi
dir poco impopolare (Stefa- del programma nucleare e il norma che consente la costru- nella zona prossima alla cen- L’UNICA NOTIZIA positi-
nia Prestigiacomo dixit: “Non presidente del Verdi Angelo zione di centrali nucleari sul entre in Giappone la terra trale di Fukushima, tanto che va che arriva da Fukushima è
facciamo cazzate! Così per-
diamo le elezioni...”) il gover-
Bonelli: “Quello a cui stiamo
assistendo in queste ore è una
territorio italiano o la mantie-
ne, ma la moratoria di un anno
M riprende a tremare e il li-
vello di contaminazione au-
il ministero della Sanità di To-
kyo ha ordinato di rafforzare i
che, dopo una serie di tentativi
andati a vuoto nei giorni scor-
no sceglie di non scegliere: e vera e propria farsa, un trucco è un chiaro raggiro che serve a menta nella zona intorno alla controlli sul pesce e i frutti di si, i tecnici sono riusciti final-
annuncia per oggi l’approva- di bassa lega”. Infatti il leader scavallare la data del referen- centrale di Fukushima e per- mare. mente a ricollegare alla rete
zione di una moratoria di un del Sole che ride aggiunge: dum”. Insomma, ha insistito, sino in mare, gli effetti della elettrica i sei reattori, cosa che
anno che in linea teorica do- “Esiste una specifica sentenza “l’unico vero scopo del gover- nube radioattiva si fanno sen- SECONDO LA Tepco, la so- dovrebbe facilitare l’opera di
vrebbe comportare la so- della Corte costituzionale, la no è quello di fermare il temu- tire anche in Europa: ieri era cietà che gestisce l’impianto raffreddamento ed evitare una
spensione del nuovo pro- 68/78, che prescrive in modo to verdetto dei cittadini. L’Ita- sull’Islanda, oggi sulla Francia nucleare, la quantità di iodio fusione parziale dei nuclei.
gramma nucleare. Ma che, in chiaro un principio sacrosan- lia dei Valori, promotrice del e nelle prossime ore – al più 131 nell’acqua supera di 126 Tuttavia il ministro dell’Indu-
realtà, sembra una decisione to: non si possono fare decreti quesito referendario, andrà tardi domani – raggiungerà l’I- volte i limiti fissati per legge, e stria, Banri Kaieda, pur ammet-
molto tattica, un modo per legge durante una fase referen- avanti con la sua battaglia con- talia. Nessun pericolo, assicu- quella di cesio è 24,8 volte più tendo che si tratta di una novità
temporeggiare in attesa che daria. Se non altro perchè – at- tro quest’energia obsoleta, rano comunque dal diparti- alta del consentito. La maggior che può in qualche modo apri-
passi la tempesta del dopo tacca Bonelli – la moratoria dannosa per la salute e per il mento nucleare dell’Ispra, parte delle infrastrutture pe- re spazio alla speranza, ha sot-
Fukushima nell’opinione non sospende l’efficacia de- territorio che riempie solo le prevedendo valori “da 10 mila schiere sono state devastate tolineato che la situazione a
pubblica. Anche perché, l’atto”. Quindi, dicono quelli tasche delle solite lobby eco- a 100 mila volte inferiori a dallo tsunami tra la località di Fukushima è ancora “estrema-
questo gesto, ha un obiettivo del comitato referendario, l’u- nomiche”. quelli che potrebbero avere Aomori, a nord di Fukushima, mente difficile”. Del resto, ad
dichiarato: far saltare il refe- nico modo per evitare il refe- Insomma, in questo clima in- impatto sulla salute delle per- fino a Chiba, a sud. Ma appena aumentare l’incertezza contri-
rendum già convocato per rendum, potrebbe essere una candescente, fatto di dichiara- sone”. si renderà possibile la ripresa buisce anche il fatto che, da do-
giugno. legge abrogativa che cancelli zioni a effetto, negoziazioni, e Dove i rischi restano, invece, dell’attività, sui prodotti ittici dici giorni a questa parte, la
non solo il decreto legislativo, strategie comunicative, solo la infatti è proprio nella zona in- peserà l’incubo della contami- terra non abbia mai smesso di
Le intenzioni ma anche la legge delega. riunione del Consiglio dei mi- torno all’impianto seriamen- nazione. A ciò bisogna aggiun- tremare. Anche ieri, tre scosse
dell’esecutivo Ma non è certo questo l’obiet- nistri di questa mattina per- te danneggiato dal terremoto gere l’allarme – ripetuto anco- di magnitudo superiore ai 6
tivo del governo, se è vero che metterà di capire il testo defi- e dallo tsunami. Gli ultimi svi- ra una volta ieri dall’Organizza- gradi della scala Richter, tutte
il decreto legislativo è stato vo- nitivo del nuovo decreto, e luppi sono tutt’altro che con- zione mondiale per la sanità – con epicentro in mare, nelle
LA VERA intenzione della tato solo la settimana scorsa in quindi il futuro del quesito re- fortanti. Alti livelli di radioat- per la radioattività nei prodotti acque del Pacifico al largo del-
maggioranza, però, traspare commissione a Montecitorio, ferendario. tività sono stati riscontrati al alimentari, tra cui latte, carcio- l’isola di Honshu, ma i cui ef-
dal controcanto che ieri l’ex con un altro pa- fetti si sono fatti sen-
ministro Claudio Scajola – radosso. Mentre tire proprio nelle zo-
l’uomo che più si è battuto per
il ritorno dell’atomo in Italia –
gli esponenti
del centrode-
Di Pietro: “L’unico scopo Oggi o domani ne di Miyagi, Fuku-
shima e Ibaraki, tre
ha messo in campo per spiega-
re che a suo parere non c’è, e
stra e il sottose-
gretario Stefano
è quello di fermare la nube in Italia delle province più
colpite dallo tsuna-
non ci può essere. nessun vero Saglia sostevne- mi. Scarsi i danni in
stop: “Di fronte alle notizie vano “non sarà il temuto verdetto I tecnici rassicurano: questo caso, ma il
che giungono dal Giappone e costruito nes- Giappone continua
alle conseguenti pressioni a ri- sun reattore dei cittadini “Nessun problema a veder crescere,
considerare il programma di senza il consen- ogni giorno che pas-
ritorno al nucleare in Italia, la so delle popola- ma noi andiamo avanti” per la popolazione” sa, il numero delle
prudenza è doverosa. Ma pru- zioni dove do- vittime: sono 9.080 i
denza, tuttavia – aggiunge Sca- vrebbe essere morti accertati fino-
jola – non significa tornare in- realizzata la nuova centrale” fi e spinaci: un problema defi- ra, mentre i dispersi sono già
dietro: è necessario analizzare
i problemi che l’emergenza
(sic!), proprio il testo varato in
Commissione prescriveva, (al- ALITALIA Da domani nito “più grave” di quanto si
pensasse in un primo tempo.
più di 13.500. E tutto lascia
pensare che siano cifre desti-
giapponese ha evidenziato, l’articolo 4): “Il parere delle regio- L’Oms ha rivelato che alcuni nate ancora ad aumentare.
sfruttando al meglio gli ele-
menti di sempre maggiore si-
ni, di carattere obbligatorio ma non
vincolante viene espresso entro no-
voli regolari per Tokyo degli alimenti contaminati so-
no usciti dal perimetro della LA MANCANZA di com-
curezza che la ricerca scienti- vanta giorni”. Cosa significa? partire da domani Alitalia torna a volare su Tokyo zona di esclusione e di control- bustibile rende nel frattempo
fica e lo sviluppo tecnologico
ci mettono a disposizione”.
Che per recepire una sentenza
costituzionale le regioni sono
AMilano
con collegamenti operati da Roma Fiumicino e da
Malpensa, mantenendo al contempo immu-
lo a 20 e 30 chilometri dall’im-
pianto di Fukushima.
sempre più difficile la distribu-
zione degli aiuti alle vittime del
Parole che non sono certo ca- obbligate a dare il loro parere tato l’operativo dei voli su Osaka. Lo ha annunciato Preoccupanti anche le notizie sisma. Due delle tre raffinerie
suali: proprio il piano Scajola sull’ubicazione dei siti, ma il ieri la compagnia aerea. Alitalia sta prendendo con- che arrivano dalla centrale. Se- del paese sono state gravemen-
prevedeva che in Italia venis- governo (almeno secondo tatto con i passeggeri dei voli interessati per fornire condo quanto ha fatto sapere il te danneggiate dal terremoto.
sero realizzate in un decennio quel testo) non sarebbe obbli- informazioni e assistenza. I passeggeri che deside- portavoce dell’Agenzia per la Inservibili anche numerose
almeno quattro centrali, con gato a tenerne conto. rano recarsi in aeroporto senza prenotazione pos- sicurezza nucleare nipponica, strade, per cui l’unico modo
un costo di sette miliardi di eu- Un bel pasticciaccio, in cui, sono usufruire delle tariffe speciali agevolate, intro- l’acqua di una delle vasche che per portare viveri e altri soc-
ro l’una. Spiega Adolfo Urso, ancora una volta, sono chiaris- dotte da Alitalia per facilitare i rientri, acquistabili contengono i residui tossici si corsi verso il nord – dove de-
l’uomo che da viceministro ha sime le parole di Scajola: “Il fi- negli aeroporti di Osaka e di Tokyo Narita sia per la sta riscaldando eccessivamen- cine di migliaia di sfollati vivo-
giocato una partita decisiva ne della moratoria è quello di classe economy (al costo di 800 euro solo andata) che te, ed è ai limiti dell’ebollizio- no nella precarietà dei rifugi
nell’elaborazione del proget- rendere ancora più sicure le per la classe business (al costo di 1.750 euro solo ne. Si ritiene che sia proprio temporanei – è attraverso il tra-
to: “Il nostro era una sorta di centrali affinché si arrivi a una andata). Nel caso che non sia disponibile la stessa questo aumento della tempe- sporto marittimo. Per far fron-
piano regolatore. Decide dove maggiore indipendenza ener- tariffa di prenotazione per lo stesso o per un diverso ratura ad aver provocato la fuo- te al crescente deficit energe-
si deve costruire e con quali getica”. Il ministro dello Svi- itinerario, sarà sufficiente pagare la differenza con la riuscita di vapore dal reattore tico, il ministero del Commer-
standard. E poi lascia l’iniziati- luppo economico Paolo Ro- classe tariffaria immediatamente superiore. Chi ha numero 2. Ieri, invece, si è di- cio di Tokyo ha autorizzato l’u-
va finale ai privati”. In questo mani, ha parlato a Bruxelles, e acquistato un biglietto prima dell’11 marzo per volare radata la nube grigia che per tilizzazione delle riserve di
spazio fra ciò che è previsto il suo discorso sembra tutto fino al 25 marzo sul Giappone potrà richiedere il tutta la giornata di lunedì aveva greggio, mantenendo solo
dalla legge delega (quella che centrato su un profilo diplo- rimborso integrale dei biglietti indipendentemente provocato allarme intorno al quelle necessarie per garantire
ha deciso il programma) e il de- matico, e su un tono rassicu- dalla classe tariffaria in cui è stato emesso il bigliet- reattore 3. Il timore più grave, un mese e mezzo di consumi.
creto legislativo (quello che rante: “L’obiettivo del governo to. che incombe ormai da giorni, E’ la seconda volta in pochi
ne definisce le modalità), po- italiano è quindi che i cittadini è che le piscine possano resta- giorni che il governo è costret-
trebbe persino riaprirsi una sappiano tutto quel che devo- re a secco lasciando esposti i to a fare ricorso alle scorte.
Mercoledì 23 marzo 2011 pagina 9

AD PERSONAM

LA RIFORMA EPOCALE?
PRESCRIZIONE BREVE PER BERLUSCONI
Passa in Commissione la norma ammazza-processo Mills
di Sara Nicoli Berlusconi e a uno dei suoi pro- dici milanesi, di accelerare le be prevedere scossoni di sorta, Ferranti del Pd – finché c’è den- te costituzionale. Il parere passe-
cessi, quello che potrebbe arri- udienze per cercare in tutti i mo- tanto che lo stesso Paniz, ieri sera tro questa norma sulla prescrizio- rà poi al vaglio dell’ufficio di pre-
pudorati. Mentre il resto del vare prima degli altri alla con-

S
di di chiudere almeno il primo alla fine della turbolenta sessione ne”. “Hanno approfittato di que- sidenza sempre della Camera (Fi-
mondo guarda con appren- danna di primo grado. grado di giudizio. Per non parla- in commissione, preconizzava sto treno – era invece l’opinione ni non si metterà di traverso) e
sione al conflitto libico e al- re, poi, dei processi Mediaset e tranquillamente un’approvazio- del centrista Lorenzo Ria – per far salvo un breve passaggio in Giun-
le conseguenze del disastro IL RELATORE del provvedi- Mediatrade, già comunque desti- ne definitiva per la fine di aprile. E approvare l’unica cosa che im- ta del Regolamento, planerà nel-
nucleare giapponese, i fedeli mento sul processo breve, l’avvo- nati alla prescrizione prima, figu- il Quirinale firmerà? Difficile che porta davvero a Berlusconi in l’aula di Montecitorio intorno ai
scudieri di Berlusconi non per- cato pidiellino Maurizio Paniz, è rarsi adesso. Diverso il discorso il capo dello Stato, convenivano questo momento”. primi di aprile. A quel punto, con
dono di vista l’obiettivo priorita- riuscito a far approvare – ovvia- riguardante il processo Ruby amaramente ieri anche nell’op- un voto che Berlusconi si aspetta
rio di sempre: salvarlo dai pro- mente a maggioranza – un emen- che, tuttavia, potrà beneficiare in posizione, alzi la penna davanti a LAPIDARIO il Pd: “La maggio- di dimensioni bulgare in positi-
cessi. E consentirgli di continua- damento che taglia di netto la prospettiva della nuova norma. una legge che, per quanto co- ranza sta approfittando di questa vo, il conflitto arriverà davanti al-
re a puntare al Quirinale senza prescrizione per gli incensurati L’approvazione, infatti, è assolu- struita a misura di B, di fatto gra- situazione in cui i riflettori dei la Corte Costituzionale. Secondo
che la macchia di una condanna, mentre allunga i tempi della pre- tamente scontata. tifica gli incensurati nell’ottica di media sono tutti puntati sulla Li- i calcoli sempre dell’onnipresen-
anche solo di primo grado, gli scrizione per chi è recidivo. La una giustizia più garantista. Ed è bia per far approvare l’ennesima te Paniz (un avvocato che sta scal-
ostacoli il cammino. È pronta la norma “salva B.” è costruita dav- IL PROCESSO breve arriverà anche in virtù di questa valutazio- norma ad personam; d’ora in poi zando persino Ghedini nel cuore
nuova legge ad personam, scrit- vero di tutto punto. Per stare tran- alla Camera lunedì 28 ed è più ne che ieri, in commissione Giu- il Parlamento sarà di nuovo occu- del Cavaliere) entro 8 mesi la Cor-
ta apposta per B. su misura del quillo di aver servito il Caimano che probabile che in aula si formi stizia, l’opposizione a un certo pato solo delle beghe di Berlusco- te darà il proprio verdetto. Se sarà
processo Mills. E non ci sarà ver- di barba e capelli, Paniz ha pre- la stessa maggioranza che ha con- punto ha considerato colma la ni”. Perché non c’è mica solo il positivo, Berlusconi sarà a posto
so di fermarla. Di norme solo per visto la modifica dell’articolo 161 sentito il passaggio della prescri- misura della sopportazione deci- processo breve, c’è anche il con- e il processo Ruby cadrà nel di-
lui, il Caimano ne ha colleziona- del codice penale con l’inseri- zione breve in commissione, ov- dendo di abbandonare l’aula non flitto d’attribuzione. Proprio og- menticatoio, ma in caso di “scon-
te tante, ma quella che ieri po- mento di un comma (articolo 4 vero Pdl, Lega più Responsabili. avendo altre armi di contrasto ef- gi la Giunta per le autorizzazioni fitta”, il Cavaliere non si perderà
meriggio ha preso forma nella bis nel ddl) che riduce da un quar- Se saranno tutti presenti, la mag- fettivo. “Non c’è alcuna possibi- darà parere favorevole alla possi- d’animo; userà “l’ennesima sen-
commissione Giustizia della Ca- to a un sesto l’aumento del tempo gioranza arriverà a quota 316. Il lità di fare una riforma condivisa – bilità della Camera di sollevare il tenza contro di lui” come bandie-
mera è stata disegnata addosso a necessario a prescrivere i reati passaggio al Senato non dovreb- commentava furente Donatella famoso conflitto davanti alla Cor- ra nella campagna elettorale.
commessi da imputati incensura-
ti. E, ciliegina sulla torta, le misu-
Il testo sarà re non si applicano a tutti quegli
imputati per i quali non è stata Cacciata Flavia Perina
votato pronunciata la sentenza di primo

a Montecitorio
grado. Se il processo breve, così
come riscritto da Paniz con la pre-
Il Cavaliere ha il “Secolo” tra le mani
scrizione a misura di B, dovesse
essere approvato dal Parlamento di Alessandro Ferrucci ventato nel 1963 organo uf- mi di fondare una nuova testa-
il 28 marzo. in tempi rapidi (si parla della me- ficiale del Movimento socia- ta: normale iter per ogni di-
tà di aprile) il processo Mills an- occa a Flavia Perina. Cac- le, viaggia sulle 3.500-4.000
Poi sarà legge, drà in prescrizione non nel feb-
braio 2012 ma, addirittura, a fine
Tsenza
ciata, fuori dalla porta,
neanche un grazie. La
copie al giorno, con una re-
dazione di quindici giornali-
vorzio sofferto. Il punto, se-
condo Raisi, è quello di un
“cda nominato illegittima-
l’ennesima maggio 2011. Una data talmente forma non serve, in questo sti. Negli ultimi due anni il mente”, per la Perina “anche
vicina da rendere impossibile caso. Conta la sostanza, con- suo deficit è passato da due l’assenza di un piano editoria-
ad personam ogni tentativo, da parte dei giu- ta raggiungere l’obiettivo: ri- milioni e mezzo di euro a cir- le, la nomina di un altro diret- mato. – racconta la Perina –
pulire il Secolo d’Italia dai finia- ca seicentomila grazie a tagli, tore: tutti fattori che porte- Chi? Non posso dirlo, decre-
Il relatore Maurizio Paniz. In alto, David Mills. A destra, Flavia Perina (FOTO LAPRESSE) ni, normalizzarlo, riconse- prepensionamenti e cassa in- ranno alla fine della testata”. terei la loro fine politica!”.
gnarlo al Caimano. “Ci prova- tegrazione. Niente a con- Si vedrà. Intanto è arrivata im- Mentre dagli ex camerati ma-
vano da mesi e da settimane fronto de il Giornale. Il quoti- mediata la solidarietà del- nifestazioni di giubilo, con
aspettavano solo il momento diano di casa Berlusconi ha l’“epurato” più celebre, Gian- Storace in testa: “Ora che non
giusto – racconta la stessa Pe- 131 giornalisti, un rosso di franco Fini, quella della Fede- dirige più il Secolo, a Futuro e
rina –. È arrivato, e con una 17.7 milioni di euro (al razione nazionale della stam- Libertà gli rimane da cantare
lettera consegnatami in mat- 2009), 181 mila copie gior- pa e di parte del Pd. Silenzio bella ciao”. Tutto serve a chi
tinata da una segretaria: non naliere e 2 milioni e seicen- dal Pdl. Almeno ufficialmen- deve accreditarsi con il Cai-
hanno avuto neanche le palle tomila euro accantonati solo te: “In privato mi hanno chia- mano.
di chiamarmi, di comunicar- per le querele.
melo di persona. Si sono na-
scosti dietro un foglio di car- ALTRA STORIA, insom-
ta, siamo alla vigliaccheria ma. “Eppure siamo qui – in-
pura. Ma in fin dei conti è il terviene Raisi, fino a febbraio Qui Radio Londra,
loro stile. Sa qual è il punto?”. amministratore unico del Se- edizione speciale
Prego. “Si sono accaniti su colo – con questi soggetti comunali di Napoli
una ‘pulce’. – continua la fi- pronti a ribaltare tutto. A con-
niana – Silvio Berlusconi pos- quistare. Quanto fatto è una
siede tv, giornali, riviste. Ha
tutto. Eppure ha puntato su
vergogna per la libertà di
stampa e una macchia indele-
Ferrara in stato
di noi, ha voluto in tutti i mo-
di eliminare una piccola voce
bile per una comunità umana
e politica che da oggi si con-
confusionale dimentica
dissenziente. Pensante”. fronterà solo nelle aule di tri-
Andiamo ai numeri. Il quoti- bunali”. Avvocati, accuse, lo Stato di diritto
diano nato negli anni ’50 e di- carte bollate, lettere, procla-
GIULIANO FERRARA apre la campagna elettorale per le
comunali di Napoli e se la prende con il terzo incomodo,
Luigi De Magistris.

Il buco di Loris Mazzetti


è stato determinato prendendo come esempio la
Lo dipinge come un magistrato fallito che, “se avesse
indagato scrupolosamente e con successo, non sarebbe
nessuno”. Invece, siccome tutte le sue inchieste, da Why
di Tremonti Germania che nel 2010 ha incassato dall’asta ben 4
miliardi di euro. Romani, santone del settore tv (per ri-
Not a Poseidone a Toghe lucane, sono finite nel nulla “è
diventato un divo, giovane, piacente, popolare, in
per Romani picca?), non spiega al rude Tremonti che le televisioni te-
desche, contrariamente alle nostre, da sempre utilizzano il
carriera”, grazie al suo sponsor e compare televisivo”:
Michele Santoro.
cavo e non l’etere, questo ha consentito alla Merkel di Abituato a difendere in tv imputati colpevoli (da Craxi ad
entre il cielo è attraversato dai Tornado e il mare di mettere sul mercato frequenze non occupate. In Germa-
M Lampedusa pullula di barconi pieni di nordafricani, il
governo sulla Libia si spacca: da una parte La Russa con
nia, Francia, Inghilterra il sistema radiotelevisivo è ben
disciplinato: chi gestisce la rete non si occupa di contenuti,
Andreotti, da Squillante a Carnevale sino a Berlusconi),
Ferrara non si dà pace per un giornalista che difende i
magistrati. Purtroppo la bile lo acceca, facendogli
l’elmetto in testa, dall’altra Bossi con la colomba in mano. soprattutto chi sgarra paga. Da noi, invece, è in vigore una dimenticare un paio di particolari.
A Parigi, come sempre accade quando si tratta di prendere legge, la Gasparri, che oltre a tutelare uno solo, sul digitale 1) Santoro non ha mai detto che le inchieste di De
decisioni importanti, i grandi lo fanno senza di noi. Il re del ha creato il caos. Tremonti per poter fare l’asta, prima o Magistris fossero perfette, si è limitato a dargli voce
bunga bunga schiuma di rabbia, vorrebbe essere lui a gui- poi, dovrà scendere a patti con chi detiene le frequenze, quando i suoi superiori (ora indagati per corruzione
dare la coalizione contro Gheddafi. Il presidente condot- perché nelle regioni digitalizzate i canali 61-69 sono oc- giudiziaria) gliele hanno tolte, e ha sostenuto il suo
tiero ci manca. Nel frattempo il riservista Tremonti, che cupati da piccole emittenti. La cifra, decisa dal governo diritto-dovere di portarle a termine. Dunque, giovedì,
oltre a pensare ai viveri, deve trovare il carburante per i per acquisire le frequenze, è di 240 milioni, mentre la non deve scusarsi di nulla, tantomeno “in nome di Enzo
Tornado, per le motovedette della Finanza, mantenendo richiesta delle tv locali per iniziare la trattativa è di 400. È Tortora”, che non c’entra niente.
le promesse fatte: 240 milioni alla scuola privata, al mae- in gioco la loro sopravvivenza. Nelle regioni dove la tv è 2) De Magistris non ha potuto sostenere nessuna delle
stro Muti di restituire ben più dei 27 milioni sottratti al vista ancora in analogico i canali sono liberi. Qui le tv tre inchieste davanti al Gip, perché gliele hanno scippate
Fondo unico dello spettacolo, alla Polizia di annullare i stanno facendo ostruzionismo, cercando di rallentare o prima. Le archiviazioni che ne sono seguite non sono
tagli alla sicurezza, (promesso fatta da B.). Tremonti in- addirittura di impedire lo switch off (il passaggio al di- dunque affar suo, ma di chi è stato messo al suo posto.
terviene a gamba tesa sul collega Romani obbligandolo ad gitale), minacciando centinaia di ricorsi al Tar. La stessa Può darsi che De Magistris non fosse un bravo pm: per
anticipare a settembre 2011 l’asta che assegnerà i canali Finanziaria prevede che se i 2,4 miliardi non saranno in- saperlo, avrebbero dovuto lasciargli finire il lavoro. Così
61-69 del digitale terrestre alle compagnie telefoniche per cassati entro il 2011, l’importo sarà recuperato attraverso funziona negli Stati di diritto, sconosciuti a Ferrara.
i servizi Internet in mobilità. Romani protesta, ma i 2,4 tagli della spesa pubblica. L’incapacità ancora una volta è m.trav.
miliardi sono già stati inseriti nella Finanziaria. L’impor to sovrana.
pagina 10 Mercoledì 23 marzo 2011

CRONACHE

Ferrari
IL SUPERPOLIZIOTTO E LA POLVERIERA in prestito
e mazzette
DEL DITTATORE DELLA GUINEA Arrestato il
sindaco di
I prestiti di un faccendiere siriano all’ex questore di Genova Buccinasco
di Ferruccio Sansa FIORIOLLI non ha mai spie- condannato in appello a 3 anni di Davide Milosa
Genova gato le ragioni del suo interes- e 8 mesi per i fatti di Genova. Buccinasco (Milano)
samento per l’operazione mi- Mortola è un altro degli ospiti di
n prestito di cinquanta- lionaria di Fouzi. Così come gli
Galleirimascherati
in Ferrari o pagamenti

U
Fouzi, e un suo familiare, grazie
mila euro. Consulenze inviti nella villa di Fouzi a Pieve al siriano, ha trovato per qual- da donazioni
per realizzare polveriere Ligure (Natale 2004) e a Mon- che tempo lavoro in Guinea. parrocchie. Il tutto in
e auto blindate in Guinea tecarlo. Già, Fouzi invitava mol- C’è poi Marcellino Melis, il ca- cambio di appalti. A Milano
Conakry, all’epoca nelle mani ta gente a Montecarlo, magari po degli artificieri di Genova, le tangenti si pagano anche
di un dittatore. La storia è in un per il Gran Premio. Era un am- quello, per capirci, che passò così. Capita a sud del Duo-
fascicolo della Procura di Ge- biente allegro, pieno di distra- all’onore delle cronache per mo, nel paese di Buccina-
nova che pareva destinato al di- zioni, frequentato da poliziotti aver perso un elemento di pro- sco, noto per la presenza
menticatoio. E che invece po- e, pare, da nomi noti anche del- va decisivo nell’inchiesta del della ‘ndrangheta, e da ieri
trebbe tornare alla ribalta, sol- le istituzioni. Fouzi aveva molti G8: la famosa bomba molotov. al centro di un'inchiesta su
lecitando spiegazioni all’attua- amici nella polizia. Si arriva al Melis si occupa per Fouzi di af- mazzette e corruzione che
le dirigente delle specialità del- paradosso che, durante un col- fari di varia natura, come la blin- ha portato in carcere il sin-
la polizia (Polstrada, Polfer, Po- loquio tra Fioriolli e Fouzi, il datura di un’auto destinata al daco Loris Cereda, maglia
laria, Polposta), Oscar Fioriolli questore si fa passare al telefo- dittatore della Guinea, Lansa- Pdl, come l'assessore ai lavo-
e ad alcuni protagonisti dei no un suo dirigente che si trova na Contè, morto nel 2008. Un ri Pubblici Marco Cattaneo,
processi del G8 (nessuno di lo- in compagnia del siriano. Tra i altro amico di Fouzi. E qui si corrente azzurra con il mar-
ro, va detto, è indagato). poliziotti amici di Fouzi c’è apre il filone più inquietante chio di Cl. Portato a San Vit-
Sono passate poche settimane Peppino Sanna, all’epoca so- dell’inchiesta: la consulenza tore anche Cesare Lanati,
da quando il comandante della vrintendente della Digos e fede- che, sospettano i pm, sarebbe rampollo di un altro notabi-
Polizia di Stato, Antonio Manga- lissimo di Fioriolli. Sanna è for- stata fornita ai governanti della le del partito di Berlusconi
nelli, ha scritto una lettera al Il capo di alcune specialità della polizia, Oscar Fioriolli (FOTO ANSA) se l’unico ad averci rimesso Guinea per la realizzazione di in riva al Naviglio.
quotidiano Il Secolo XIX invitan- qualcosa: non ha subito inchie- un deposito di esplosivi. Un te- Questa volta i boss alla mi-
do i protagonisti del G8 a chiu-
dere una ferita ancora aperta.
Verso la conclusione l’inchiesta ste, ma ha lasciato di sua inizia-
tiva la Digos.
ste segreto ha ricostruito la vi-
cenda fornendo agli inquirenti
lanese se ne stanno in pan-
china. Titolari della partita,
Un messaggio importante, ma
prima c’è almeno un capitolo
della Procura sui legami scomodi Nelle carte dell’inchiesta si tro-
vano altri nomi del G8, come
prove documentali. Sembrava
un capitolo chiuso, con sollie-
invece, quei politici che, an-
nota il gip, “fanno dell'azio-
da chiarire: i rapporti di alcuni Spartaco Mortola, all’epoca vo di molti. Ma ora il fascicolo ne amministrativa l'oggetto
pezzi grossi della polizia con di Fioriolli e degli uomini del G8 capo della Digos di Genova, poi sta per riaprirsi. di accordi che esulano dalle
Fouzi Hadj. Di chi parliamo? finalità istituzionali”. In que-
Di un imprenditore siriano che sto modo le varie delibere di
tratta rottami di ferro, miniere, Cardona, prendendo un’altra Fioriolli non sarebbero tornati giunta “sono state adottate
sicurezza, finanza, calcio tra strada, arrivino a lui, al siriano, e
alle sue frequentazioni.
indietro.
Ma è soltanto l’inizio. Le inter-
Affittopoli nell'esclusivo interesse del
Ucraina, Lettonia, Svizzera e so- privato”. Tra le tante, quella
prattutto Guinea Conakry. Una Dalle intercettazioni emerge cettazioni rivelano che Fioriolli sulla variazione d'uso di
persona che in un dossier della
ong Human Rights Watch fatto
proprio dall’Onu viene indica-
che Fouzi Hadj intrattiene rap-
porti con alcuni poliziotti. Uno
è Oscar Fioriolli, all’epoca que-
in quel periodo avrebbe aiutato
l’amico siriano che doveva ac-
quistare la Lucchese Calcio (e fi-
CONIUGI E PRIVILEGI un'area comunale da adibi-
re a parcheggio “nell'inte-
resse della Sodilbeco srl”,
to come trafficante d’armi (for- store di Genova, poi di Napoli nì in un processo per bancarot- società riferibile a Lanati, il
nite, si dice, ai ribelli della Li- (è indagato dai pm napoletani ta). Fioriolli assicura al siriano quale ha un progetto: affit-
beria), un uomo amico di ditta- che si occupano degli appalti di essere pronto a contattare tare una zona di sua proprie-
tori africani che ha un fascicolo Finmeccanica). Dall’inchiesta l’allora sindaco di Lucca, Pie- tà all'Auchan per aprire un
a suo nome negli uffici Digos di risulta che Fioriolli ha ricevuto tro Fazzi, attraverso il questo- ipermercato. In cambio il
Genova nell’armadio dedicato dal siriano cinquantamila euro re della città. Ed ecco la succes- giovane imprenditore paga
ai mediorientali sospetti. che arrivavano da Multibanka, siva telefonata di Fouzi a Fioriol- 10 mila euro a Cereda.
uno degli istituti di credito a li: “Il sindaco è arrivato tutto
LA STORIA comincia nel quel tempo in una black list del spaventato. Tutto sull’attenti. E IL MANUALE Cencelli
2004: Bruno Nedelec, giudice governo americano. “È un pre- gli abbiamo esposto a lui sicco- della mazzetta prevede an-
istruttore di Montecarlo che in- stito”, fu la spiegazione dell’al- me penso che i tuoi colleghi gli che pagamenti singolari, co-
daga per riciclaggio, avanza to dirigente. Nessuno, però, ha hanno spiegato la situazione”. me un giro a bordo di una
una rogatoria ai colleghi geno- chiesto a Fioriolli il perché di un Fazzi ha ricordato: “Il questore fuoriserie. Capita al sindaco
vesi su Fouzi Hadj, residente a tale prestito da un siriano amico Maurizio Manzo (che fu diri- e la circostanza finisce anche
Pieve Ligure. La Procura apre di dittatori africani. Né Fioriolli gente dell’ufficio stranieri a Ge- su un giornaletto locale. La
un fascicolo a carico di anonimi ha mai provato di aver restituito nova negli anni ’90, ndr) mi dis- tangente è legata alla conces-
che inspiegabilmente fa poca i cinquantamila euro. Dagli ac- se che gli aveva telefonato Fio- sione di un subappalto da 40
strada. Ma il destino vuole che certamenti degli investigatori è riolli per raccomandare Hadj e mila euro alla Meg Europe
proprio i pm del G8, Enrico emerso che, almeno sui conti garantire che si trattava di una per il servizio “di igiene ur-
Zucca e Francesco Albini correnti di Fouzi, i soldi forniti a persona affidabile”. bana”. A pagare è Ettore Co-
lella della Meg, il quale, scri-
ve il gip, “nel periodo moni-
Mafia, il gip non archivia torato preleva fino a 400 mila
euro”. Naturalmente non si
sa ancora a chi va quel dena-
Romano non può fare il ministro Da ieri Roma è tappezzata di manifesti,
ro. È un fatto, invece, che lo
stesso Cereda abbia “dispo-
realizzati dal coordinatore Idv Lazio, nibilità economiche in terri-
di Giuseppe Lo Bianco ne. Ma il gip Giuliano Castiglia Vincenzo Maruccio, sulla casa dell’Ater torio elvetico”. L'inchiesta
Palermo non ci sta e ha deciso di fissare occupata dal marito della presidente Renata incrocia, poi, gli interessi di
la nuova udienza per il 1 apri- Polverini. Cl. Figura di riferimento l'as-

Coggiidisono solo un paio di giorni


tempo, probabilmente
e domani, a disposizione
le. Davanti al gup compariran-
no il pm Nino Di Matteo, che
per Romano ha chiesto l’archi-
sessore Marco Cattaneo. Per
lui la mazzetta è una regola e
a chi non paga fa la guerra.
di Silvio Berlusconi per con- viazione, sottolineando che sia, di certo non mi lascio irre- Agli atti, per ora, non ci sono Capita a un imprenditore di
vincere il presidente della Re- dalle indagini è emerso un tire da provocazioni ad orolo- riscontri sufficienti alle dichia- una società di illuminazione.
pubblica a controfirmare la quadro di “contiguità”, penal- geria”. razioni del pentito Francesco A lui, il politico presenta la
nomina di Saverio Romano a mente non rilevante, con am- Campanella, che aveva defini- lista della spesa: il 10% del-
ministro dell’Agricoltura. Poi, bienti mafiosi villabatesi e l’av- ANCHE perchè, sul tema dei to Romano persona “a disposi- l'appalto sotto forma di con-
infatti, Napolitano volerà ne- vocato Franco Inzerillo, difen- problemi giudiziari di chi fa po- zione” di Cosa nostra e, in par- sulenza, un “millino cash” e
gli Usa e se ne riparlerà dopo il sore del deputato. litica, Romano ha rispolverato ticolare, dei capimafia di Villa- denaro contante da versare
suo ritorno, ai primi di aprile, Saverio Romano (FOTO ANSA) l’evangelico “chi è senza mac- bate, Nicola e Antonino Man- alla parrocchia di Buccina-
quando davanti al gip di Paler- E, SE VORRÀ, all’udienza chia scagli la prima pietra”: “in dala e, quindi, non esistono sco dove lavora “in qualità di
mo Giuliano Castiglia si deci- potrà partecipare anche Save- gne i boatos registrati a Mon- Italia – ha aggiunto – molti si “elementi idonei a sostenere contabile la moglie di Marco
derà la sorte dell’inchiesta per rio Romano, che ieri ha com- tecitorio e negli ambienti po- difendono da condanne, molti l’accusa in giudizio”. Il parla- Cattaneo”. L'abitudine alla
concorso in associazione ma- mentato così il provvedimento litici romani sulle difficoltà altri da processi, c’è chi si di- mentare era già stato indagato tangente da parte dell'asses-
fiosa nei confronti del parla- del giudice: “Il gip non è un emerse nel tragitto tra palazzo fende da una richiesta di rinvio nel 1999, ma l’inchiesta si era sore viene confermata dal-
mentare siciliano: la procura passacarte. È giusto che faccia Chigi e il Quirinale sulla sua no- a giudizio, ma qualche benpen- chiusa con un’archiviazione. l'architetto del comune Gre-
ha chiesto l’archiviazione una valutazione sua. Altrimen- mina a ministro. Boatos che sante addirittura vorrebbe che La seconda indagine è stata av- goria Stano intercettata al te-
quattro mesi fa, ma il gip ha de- ti metterebbe solo timbri. Svol- hanno provocato la reazione di il sottoscritto dopo otto anni viata nel 2005 proprio dopo le lefono con il sindaco. “Catta-
ciso di non chiudere l’indagi- ge una valutazione della richie- Romano: “Leggo dietrologie e debba giustificare una richie- dichiarazioni di Campanella. A neo la City and Led non la
ne, e così il toto-nomina del sta del pm e degli atti che gli veleni, del tutto destituiti di sta di archiviazione”. Che il gip carico di Romano, infine, pen- vuole perché non ha pagato
ministro in pectore per la for- presentano e può chiedere fondamento, a proposito del ha fermato, rinviando al primo de un’altra inchiesta, stavolta la mazzetta”. L'ombra di Cl
mazione dei Responsabili si chiarimenti se c’é una eviden- presunto rallentamento della aprile un’udienza al termine per corruzione aggravata, nata aleggia anche sulla nomina
incrocia con la questione giu- te discrasia. È legittimo”. Una mia eventuale nomina a mini- della quale potrebbe accoglie- dalle dichiarazioni di Massimo dell'architetto Giovanni Car-
diziaria, che, per quest’accu- lettura tecnico-giudiziaria del stro – ha detto –. A tal riguardo re l’archiviazione o disporre Ciancimino, figlio dell’ex sin- minati. “Nomina – scrive il
sa, sembrava risolta, appunto, deputato, che è anche avvoca- debbo ribadire che così come nuove indagini assegnando un daco mafioso di Palermo, inter- gip – operata esclusivamen-
dalla richiesta di archiviazio- to penalista, che però non spe- non mi lascio logorare dall’an- termine al pubblico ministero. cettate da una microspia. te per ragioni politiche”.
Mercoledì 23 marzo 2011 pagina 11

ECONOMIA

Rcs torna
I FRANCESI
nalizzati sono i piccoli
azionisti che, a differen-
za dei fondi internaziona-
li, vedono passare di mano
il controllo dell’azienda senza
all’utile
poter cedere i loro titoli allo
anche se
SI BEVONO IL LATTE
stesso prezzo offerto dai fran-
cesi. Game over, allora? Fer-
rero e Intesa attendono
una mossa del governo. In
il Corriere
caso contrario Lactalis po-
trà aggiungere i 4,3 miliar- perde 57

PARMALAT
di del giro d’affari Parma-
lat ai circa 10 miliardi che
già realizza nel mondo.
mila copie
Di più: nella casse del
gruppo di Collecchio di Giovanna Lantini
c’è la bellezza di 1,4 mi- Milano
liardi di liquidità.
Lactalis arriva al 29,5 per cento e il Sole (24 Ore) non

Ferrero e Intesa studiano un’offer ta


IN ITALIA l’azienda tran-
salpina controlla già mar-
chi di formaggi come Gal-
bani, Invernizzi, Locatelli
per un fatturato che am-
S splende con le sue
54mila copie perse in
16 mesi sotto la ge-
stione di Gianni Riotta, il
Corriere della Sera di Ferruc-
di Vittorio Malagutti alla cosiddetta soglia d’Opa. Illustrazione monta a circa 1,2 miliar- cio De Bortoli non fa mol-
Milano Vuol dire che d’ora in poi chi di Doriano. di. Questa produzione to meglio, dato che nell'ul-
vuole comprarsi Parmalat deve In basso, Giulio andrebbe a integrarsi timo anno ne ha perse
entre a Roma parlano, i fare un’offerta in Borsa sul 100 con latte, yoghurt e 57mila.

M
Tremonti (FOTO ANSA)
francesi comprano. E per cento del capitale dell’a- succhi di frutta della Il dato è emerso ieri con
siccome in Borsa, fino a zienda che fu di Calisto Tanzi. Parmalat per ricavi l'approvazione del bilan-
prova contraria, vince lancio 2010 di Granarolo, nel nostro Paese di cio 2010 del gruppo Rcs,
chi ha i soldi, va a finire, come è A CONTI FATTI, quindi, una con soli 3,6 milioni di utile circa 960 milioni. che ha evidenziato un ri-
successo ieri, che un’azienda fantomatica cordata italiana do- netto su 884 milioni, non Dietro questi nu- torno all'utile per 7,2 mi-
italiana come la Parmalat passa vrebbe essere pronta a investire lascia molti margini di ma- meri ci sono mi- lioni di euro contro il ros-
sotto il controllo di un grande almeno 4 miliardi di euro. A me- novra. Ben altro peso gliaia di alleva- so di 129,7 milioni del
gruppo d’Oltralpe. Staccando no di non voler credere alle pro- avrebbe l’intervento di un tori italiani. So- 2009. Ma la situazione, al-
un assegno di quasi 750 milio- messe della politica che ancora peso massimo come Ferre- no soprattutto l'interno delle numerose
ni, nella notte tra lunedì e mar- ieri è tornata a rilanciare l’idea di ro. “Restiamo interessati se loro a spingere società controllate dalla
tedì il gruppo Lactalis ha acqui- una norma anti-stranieri che matureranno le condizioni per un inter- casa editrice milanese
stato il 15,3 per cento dell’a- blocchi l’assalto francese. Pec- che lo rendono possibile”, vento del go- non è omogenea, tanto
zienda di Collecchio ceduto dai cato che fin qui, a parte un paio è il criptico commento verno, nel ti- che la capogruppo Rcs
tre fondi internazionali Skagen, di vaghe uscite del ministro Giu- giunto ieri dal gruppo della more che i Mediagroup spa ha chiuso
Zenit e MacKenzie. I venditori, lio Tremonti, non si è ancora Nutella. Della fantomatica francesi va- l'anno in perdita per 43,2
giusto pochi giorni fa, si erano ben capito come il governo in- cordata cordata però fino- dano a milioni, 7,1 in più del
spesi in pubbliche dichiarazio- tenda proteggere l’economia ra non c’è traccia, anche se, comprare 2009. Colpa, dicono dalla
ni per garantire che loro face- nazionale dai compratori che almeno a parole, sono in il latte al- società, del “contenuto
vano il tifo per l’Italia e che mai battono bandiera straniera. E so- molti a lavorare sul tema, trove. Lactalis nega. Ve- contributo dei dividendi
avrebbero abbandonato le loro prattutto come intenda farlo comprese banche come Intesa e dremo se Tremonti de- ricevuti dalle partecipate
azioni in balia dello scalatore senza finire sotto una prevedibi- Unicredit. In Borsa nel frattem- per cento. Chiaro segnale che ciderà di fidarsi o scenderà in a seguito del negativo an-
straniero. Balle. Il fatto è che i le procedura d’infrazione pro- po la partita sembra già finita. Ie- gli investitori ritengono impro- campo per difendere allevatori damento di queste ultime
fondi puntano a fare profitti e mossa procedura dall’Unione ri il titolo Parmalat ha perso il 7 babile una controfferta. I più pe- e mucche italiane. nel 2009”.
pare che da parte A proposito di andamento
italiana, che poi delle controllate, tra le ita-
vuol dire Banca In- Adesso se una Oggi il Consiglio dei ministri liane spicca la Periodici,
tesa, non si fosse che anche nel 2010 ha re-
cordata italiana vuole
materializzata nes-
suna offerta con-
creta.
fermare lo straniero
AGRICOLTORI E SINDACATI CHIEDONO gistrato i margini più sot-
tili delle divisioni editoria-
li del gruppo: 4,7 milioni,
Lactalis invece ha
messo sul piatto
2,8 euro per azio- è costretta a lanciare A TREMONTI DI ALZARE LE BARRICATE il 2 per cento dei ricavi.
Torna quindi di attualità
un intervento di cui si era
ne, che rappresen- parlato a lungo lo scorso
ta il 15 per cento in un’Opa sull’azienda di Stefano Feltri Bretagna. E gli sfracelli di un cambio di na- anno, cioè una cessione
più rispetto alla zionalità del controllo di Parmalat è tutto da totale o parziale. Opera-
quotazione borsi-
stica di Parmalat di lunedì. Ed è
anche un’offerta del 40 per cen-
europea.
Per strappare Parmalat ai france-
Lzatoapermossa di Lactalis, che ieri è arrivata al 29
cento della Parmalat ha un po’ spiaz-
il governo che da giorni sta cercando di
dimostrare. Giuseppe Politi, della Confedera-
zione italiana degli agricoltori, spiega che il
rischio è che “nei prodotti Parmalat ci sia sem-
zione che finora non è an-
data in porto, ma che a un
certo punto sembrava de-
to più alta rispetto ai prezzi cor- si servirebbero soldi e candidati capire come alzare barriere contro l’invasore pre meno latte italiano”. Il problema è que- stinata a vedere un coin-
renti solo un paio di mesi fa. Co- all’acquisto e al momento scar- francese. All’ordine del giorno del consiglio sto: sul latte trasformato – il segmento in cui volgimento di Barbara
me dire che i venditori, che seggiano entrambi. Da tempo si dei ministri di oggi non c’è alcuna norma pro- l’azienda di Parma è più attiva – non c’è l’ob- Berlusconi e che ora po-
hanno messo assieme gran par- vagheggia di un possibile inter- tezionistica, ma se ne dovrebbe comunque bligo di indicare la provenienza della materia trebbe tornare di attuali-
te del loro pacchetto nelle ul- vento di Granarolo, l’azienda ca- parlare. Quando il gruppo Ferrero dice di es- prima, a differenza di quello che succede con tà.
time settimane, potrebbero searia controllata dalla Lega del- sere disponibile a partecipare a una cordata il latte fresco. Anche perché il latte francese Tanto più che i 7,2 milioni
aver realizzato un profitto del le cooperative. ma ieri è stato lo per mantenere una proprietà italiana di Par- grezzo è più economico di quello italiano di utile raggiunti dal grup-
30 per cento nell’arco di 100 stesso numero uno della socie- malat soltanto “se matureranno le condizio- (che a sua volta è meno costoso di quello te- po si confrontano con un
giorni. Mica male. I francesi in- tà, Gianpiero Calzolari, a preci- ni”, sembra indicare che nell’azienda torine- desco). Il rischio, insomma, è che le ripercus- debito che, per quanto ri-
vece sommando il 15,3 appena sare che loro non hanno denaro se si aspettano un intervento da parte del go- sioni della calata di Lactalis si ripercuota sul- dotto rispetto al 2009, am-
comprato con il 14 e rotti per da investire nell’operazione. Al verno. Di certo il ministro Giulio Tremonti in l’indotto di mezza italia. Anche se quando l’a- monta sempre alla rag-
cento che già controllavano so- massimo avrebbero potuto con- questi giorni ha fatto proposte molto bellico- zienda francese ha comprato Galbani – attiva guardevole cifra di 970,8
no arrivati al 29,5 per cento cir- ferire attività in un nuovo polo se: da soglie all’ingresso dei capitali stranieri sempre nei latticini, soprattutto formaggi – milioni. Non solo. Non va
ca. Cioè si trovano molto vicini del latte tricolore. Del resto il bi- (sul modello del Canada) a una legge copiata pare non ci sia stata alcuna apocalisse casea- dimenticato che al risulta-
proprio dalla Francia ria. “Parmalat pesa molto come numeri ma to positivo sul 2010 ha
che renda l’alimenta- anche come immagine – dice Politi della Cia – contribuito la vendita del
re un settore strategi- si è fatta una compagnia più grande per Ali- 10 per cento circa nella
VIA LIBERA AL PIANO DI SALVTAGGIO co. Magari introdu- talia, per evitare che finisse ai francesi, non si Poligrafici Editoriale (l'e-
cendo un parere ob- capisce perché non si può fare lo stesso nel- ditrice del Giorno, Il Resto
LIGRESTI LASCIA UNICREDIT bligatorio della presi-
denza del Consiglio o
del ministero del Te-
l’agroalimentare”.
Si vedrà quanto il governo è disposto a rischia-
re, perché bloccare l’operazione Parmalat ri-
del Carlino e Qn) avvenuta
nell'aprile scorso con un
guadagno per Rcs di 4,4
n una lunga riunione il consiglio di
I amministrazione di Unicredit ha approvato il
piano di salvataggio di Fonsai, il gruppo assicurativo
soro su ogni passag-
gio delle quote di con-
trollo allo straniero.
schia di tenere alla larga i capitali stranieri più
di qualsiasi progetto di imposta patrimoniale.
A parole, almeno, l’esecutivo sembra pronto
milioni su un incasso di
9,5 milioni. A comprare
era stata la Adv Media di
che fa capo a Salvatore Ligresti. La banca guidata Per Tremonti, infatti, a tutto: ieri l’Agenzia delle entrate di Attilio Andrea Della Valle. Il fra-
da Federico Ghizzoni sottoscriverà l’aumento di il problema non è solo Befera (che opera in stretto coordinamento tello, cioè, di quello stesso
capitale e arriverà al 6,6 per cento di Fonsai Parmalat, ma anche la con il ministero di Tremonti) ha annunciato Diego che ieri, insieme a
(l’operazione costerà 170 milioni). Ligresti però non Edison con i francesi, sempre loro, di Edf che che indagherà sull’acquisto di Bulgari da par- Giuseppe Rotelli (al quale
aspettano fuori dalla porta. te della francese Lvmh e su Parmalat-Lactalis, è accomunato anche dal-
può recitare troppi ruoli in commedia, sia salvatore Di certo Tremonti ha alimentato molte aspet- per verificare “il rispetto delle disposizioni l'astensione sul piano in-
che salvato. Infatti ieri non ha votato in cda perché tative, cavalcando un fastidio trasversale per normative che prevedono, al ricorrere di de- dustriale varato a dicem-
in conflitto di interesse e poi ha presentato le sue la facilità con cui i francesi conquistano im- terminati presupposti, la tassazione in Italia bre) ha lasciato in antici-
dimissioni dal consiglio di amministrazione di prese italiane mentre proteggono il loro mer- dei redditi derivanti dalle predette operazio- po la riunione del cda di
Unicredit, dove sedeva dai tempi della fusione di cato con azionariato pubblico e barriere ai ca- ni”. Un’ingerenza che assume un forte peso Rcs. E che, soprattutto,
Capitalia. Ligresti, infatti, era consigliere di pitali stranieri. L’ex premier Romano Prodi ha politico visto che, se la vicenda Bulgari è chiu- nelle scorse settimane ha
amministrazione anche della banca romana in virtù ripetuto in questi giorni che “ci sono assim- sa, quella Parmalat è in pieno svolgimento. dato il là alle polveri di
metrie drammatiche tra Italia e Francia“, an- Intanto il tifo intorno alla nuova vocazione uno scontro piuttosto ine-
dei suoi storici rapporti con il presidente di allora, che se il professore bolognese si è ben guar- protezionista del governo cresce di tono. Tra dito all'interno delle Ge-
Cesare Geronzi. Oggi arrivano i conti di dato dal legittimare barriere protezionisti- i più attivi anche insospettabili come Raffaele nerali. Proprio a partire da
Fondiaria-Sai e si capirà quanto è davvero grave la che. Anche perché, ricorda l’economista Fa- Bonanni, il leader Cisl che è pronto ad accet- una netta presa di posizio-
situazione. Ieri sono stati comunicati i risultati della biano Schivardi su lavoce.info, il mercato ita- tare ogni sacrificio imposto dalla globalizza- ne contro Cesare Geronzi
Milano Assicurazioni, le cui perdite vengono liano è già abbastanza chiuso: nel 2008 sol- zione quando si tratta di Fiat ma che sul latte sul tema Rcs, che con il
consolidate in Fonsai: è in rosso di 668 milioni. tanto il 4,1 per cento delle imprese erano a non transige: “Non possiamo assistere impas- Leone ha molti punti di
controllate dall’estero, contro il 10,3 della sibili alle scalate dei gruppi stranieri senza contatto a livello aziona-
Francia, il 4,5 della Spagna e 12,2 della Gran che nessuno dica niente o muova un dito”. rio.
Mercoledì 23 marzo 2011 pagina 13

VERI E FALSI

PATACCA SANTANCHÈ
Il master del sottosegretario? Alla Bocconi non risulta
L’opposizione: “Si dimetta”
di Paola Zanca non c’è. Cosa diversa sono i ne molto meno: c’è gente che anche rapidamente”. È inac-
corsi di durata variabile, li ha fatto corsi di tre giorni e cettabile l'ipotesi di un “cur-
lla Bocconi la distinzio- fanno migliaia e migliaia di riculum taroccato” rincara

A
sul curriculum dice di aver
ne ce l’hanno chiara in persone, di quelli non c’è un fatto un master”. l'Idv Leoluca Orlando che
testa: il master è una co- archivio”. La Santanchè dice che non è il “prende in giro gli italiani”.
sa, i programmi di for- Lei annuncia querela e que- suo caso (lo vedremo oggi on
mazione un’altra. Ma il sot- sta mattina pubblicherà sul line), ma anche lei la parola LA MEMORIA corre velo-
tosegretario Daniela Santan- sito l’attestato che la Sda le “master” l’ha usata fuori luo- ce in Germania dove poche
chè preferisce non andare ha rilasciato. “Ma su quell’at- go: “Io non ho mai scritto ‘in- settimane fa il ministro
per il sottile. “C’è scritto su testato c’è scritto Master?” le ternazionale’, io ho scritto Karl-Theodor zu Guttenberg
qualsiasi dizionario: master è chiediamo. Silenzio. Cosa Sda”. Ma anche lì ci sono i ma- ha lasciato il governo tedesco
qualunque percorso di for- cambia? È una delle differen- ster: “Ci sono altri problemi solo per aver copiato alcune
mazione dopo la laurea”. Per ze tra master e programmi di che le distinzioni terminolo- parti della sua tesi di dotto-
questo lei, che alla Bocconi formazione. giche, io ho l’attestato del rato: “Non mi dimetto solo
dice di aver frequentato un ‘corso’, come lo chiama lei!”. per la questione del dottora-
programma di formazione SPIEGA Maurizio Dalloc- Basterebbe cambiare quella to, anche se capisco che que-
lungo dodici mesi, nel cur- chio, direttore del Master in parola sul curriculum. “Io sta sarebbe una ragione suf-
riculum pubblicato sul sito Corporate Finance alla Sda: non cambio nulla! Si facciano ficiente per molti nella comu-
del governo, si presenta così: “Un master è un programma un master in inglese se non nità accademica – aveva scrit-
“Laureata in Scienze Politi- che, indipendentemente dal- sanno cosa vuol dire la parola to nella sua lettera di addio –
che, consegue un master alla la durata, rilascia un attestato master!”. Ce l'ha con Pd e Ita- Mi dimetto perché non so se
Sda Bocconi”. Il settimanale con scritto Master e che ha un lia dei Valori che hanno chie- sono più in grado di rispon-
Il sottosegretario Daniela Santanchè (FOTO EMBLEMA) Oggi ha scritto che “alla Scuo- curriculum definito da stan- sto le dimissioni del sottose- dere alle alte aspettative che
la di direzione aziendale del dard internazionali. Un pro- gretario: “Se Daniela Santan- ripongo su me stesso”. La San-
La replica: “Ho fatto un corso di 12 prestigioso ateneo milanese
di lei negli archivi non c’è
gramma di formazione, anche
se molto lungo e qualificato,
chè non è in grado di dimo-
strare il contrario – dice il de-
tanchè non ci pensa nemme-
no: “Ma le pare! Dimissioni in
mesi, ho l’attestato. Imparate traccia”. Anche al Fatto con-
fermano di aver “verificato
non ha certamente standard
internazionali. È una tecnica-
mocratico Ettore Rosato –
non ha altre strade se non
questo momento”. Le aspet-
tative su se stessa sono ancora
nel database dei nostri alun- lità che a livello accademico è quella di rinunciare al suo in- altissime. Sono gli altri che
l’inglese: master vuol dire questo” ni: nei master o negli Mba molto chiara, nel senso comu- carico istituzionale e di farlo devono imparare l’inglese.

di Valeria Gandus Giro d’affari da 350 milioni re capi belli e a buon mercato, è fi-
nito per diventare un settore di lus-
ulle prime, i grandi produttori
Ssi sono
dei più celebri oggetti di design
rallegrati: dopo un decen-
nio di ambiguità e di leggi con-
traddittorie, la Corte europea di
Design, la guerra so esattamente come l’alta moda
contro la quale era nato. Con un’ag-
gravante per il design: gli oggetti
più ricercati non sono, come per la
moda, gli ultimi modelli, ma i primi.
Giustizia ha messo fine a ogni
equivoco con una sentenza attesa
da tempo: mobili, lampade e qua-
lunque altro oggetto frutto dell’in-
dei grandi marchi Così quei grandi designer che in vita
non avevano tratto poi grandi gua-
dagni dalle loro opere, sono diven-
tati immortali galline dalle uova d’o-
gegno di grandi architetti o sco-
nosciuti designer sono tutelati dal
diritto d’autore e non possono es-
sere riprodotti e venduti da chi
non detiene tali diritti.
contro i piccoli Achille Castiglioni nel 1962,
assieme al fratello Piergiacomo,
ro per pochi imprenditori del lus-
so.

Nati per avere


una bellezza democratica
Ma a una lettura più attenta, ar- che vende molte delle riedizioni di ha inventato la lampada
rivati al punto 29 della sentenza, classici d’epoca a prezzi imbattibili: “Arco” (FOTO B/N)
emessa il 27 gennaio scorso, il sor- oggetti cult come la Lounge chair È ANCHE contro questa logica
riso dei dirigenti di aziende pro- di Charles e Ray Earnes (1948), che sono nati i cosiddetti “cloni”. Ed
duttrici di storici oggetti d’arre- venduta a 1.790 euro contro gli ol- è in omaggio alle origini del disegno
damento come Cassina, Flos e il tre 5.000 dell’originale in catalogo industriale che il patron di High Te-
colosso svizzero del design Vitra, da Vitra, o la celeberrima Chaise ch Mauro Bacchini, architetto con
deve essersi tramutato in una longue in cavallino di Le Corbu- un passato movimentista a sinistra,
smorfia di delusione. Vi si legge, sier (1928) identica in tutto e per rivendica la correttezza e la limpi-
infatti, che “i disegni e modelli...
che (prima del 2001, data di in-
tutto all’originale ma proposta a
meno di 600 euro contro i 3.000
In bilico c’è il destino dezza della sua scelta di offrire a tut-
ti oggetti belli a un prezzo onesto.
troduzione in Italia della protezio-
ne del diritto d’autore sulle opere
del modello prodotto da Cas-
sina.
di 4.500 persone fra dipendenti “A qualcuno sembrerà strano,
ma il capitalismo può funziona-
di design, ndr) erano di pubblico Ma il primo processo in re solo se nel mercato sono ga-
dominio a causa della mancata re- assoluto, quello che ha diretti e indotto rantite condizioni di concor-
gistrazione, non rientrano nel- inaugurato una sorta renza” dice. “Invece, nel
l’ambito di applicazione di tale ar- di via giudiziaria al de- mondo del design, come in
ticolo”. sign, è stato intentato ta interpretazione e applicazio- denti diretti e indotto. quello della moda, una sana
Come dire che sono liberi da di- nel 2006 da Flos con- ne della direttiva europea in Ita- Ma a monte di tutto c’è, secondo i concorrenza è avversata dai
ritti tutti gli oggetti d’epoca, i più tro Semeraro, il produttore di mo- lia, dove fino al 2001 non esisteva il piccoli produttori e distributori, il grandi gruppi che fanno di
ambiti, quelli disegnati da grandi bili a basso costo, che aveva avuto diritto d’autore per il disegno indu- tradimento della filosofia che ha tutto per operare in condi-
architetti che non ne hanno mai l’ardire di produrre una copia con- striale. La risposta è arrivata, appun- ispirato i precursori del design. An- zioni di monopolio. Preferi-
chiesto la registrazione, in osse- forme della famosissima lampada to, con il pronunciamento del 27 zi del “disegno industriale” come è scono enfatizzare con enor-
quio alle regole auree del disegno Arco di Piergiacomo e Achille gennaio. Ma gli effetti si vedranno stato battezzato alla sua nascita, ne- mi investimenti pubblicitari
industriale, nato con la Repubbli- Castiglioni (1962). L’imprendito- solo fra un mese, quando arriverà a gli anni Venti, e del quale è figlio il un ‘brand’, costruendo un
ca di Weimar e la Bauhaus per por- re veneto, però, ha ceduto quasi su- sentenza il primo dei processi in ca- design italiano, celebrato in tutto il valore artificiale del prodot-
tare alle masse mobili belli e fun- bito, accettando di ritirare la lampa- lendario, uno dei quattro di Vitra mondo, che ha avuto il suo apice fra to, che diventa così un bene
zionali costruiti in serie e dunque da “clone” dal catalogo e sostituen- contro High Tech, che non è un pro- gli anni Sessanta e Settanta. di lusso, desiderabile pro-
a prezzi popolari. dola con un’altra che assomiglia duttore (compra i mobili in Italia e Gli oggetti nati dalla genialità dei prio perché non necessario.
ben poco all’originale. Ma quella all’estero, dove c’è un fiorente mer- fondatori e dei loro epigoni reggo- L’opposto dei presupposti
Diritti d’autore prima causa ha dato il via a una serie cato di “cloni”) ma un venditore. no incredibilmente al passare del all’origine del design: co-
e il mercato dei cloni di altri processi (solo Cargo-Hight Non si ha notizia, invece, di proce- tempo e delle mode: che siano stati struire attraverso la potenza
Tech ne ha in corso quattro) che ol- dimenti contro i molti siti Internet, progettati ottanta o trent’anni fa, so- produttiva dell’industria
tre all’emporio milanese coinvolgo- italiani e internazionali, dove sono no dei classici dell’arredamento, una bellezza democratica,
QUEL PICCOLO comma incom- no le piccole aziende di arredamen- in vendita perfette riedizioni di clas- sempre attuali e ancora bellissimi. accessibile a tutti. Oggetti
be ora sui processi intentati dai Go- ti d’interni del consorzio Origini. sici del design a prezzi stracciati. Quello che è cambiato è invece il umili, semplici, durevoli, il
lia delle grandi aziende che ritengo- In uno di questi processi i giudici di prezzo, che ha cessato di essere alla cui valore non dipenda dai
no, invece, di detenere i diritti su Milano si sono dichiarati incompe- La battaglia si gioca portata delle masse per le quali budget investiti in carta pa-
quegli oggetti, contro i David della tenti a decidere a causa delle incon- in Europa quegli oggetti erano stati idea- tinata ma dalla loro reale
piccola produzione, che hanno gruenze delle leggi italiane in mate- ti. qualità”.
sempre contestato l’applicazione ria (per recepire la direttiva Cee del Al design è successo quello Non per niente, chi vende
del diritto d’autore alle opere di de- 2001 ne sono state promulgate tre È UNA BATTAGLIA in punta di che è accaduto alla moda: il oggi le poltrone di Charles
sign e dunque le producono e le in contraddizione fra loro) e hanno diritto quella che i legali delle azien- prêt-à-porter, nato negli anni Earnes a prezzi da capogiro,
vendono a prezzi molto più bassi, chiesto alla Corte di Giustizia l’esat- de grandi e piccole stanno combat- Sessanta-Settanta per produr- finge di non sapere che de-
anche a un quinto degli originali. tendo. In ballo c’è un giro d’affari rivano dai suoi primi pro-
Fra i processi in corso, il primo che complessivo stimato in 350 milioni getti per un concorso dal ti-
dovrà tenere conto del pronuncia- di euro all’anno. E in bilico c’è il de- tolo “International competition
mento della Corte di Giustizia è stino del centinaio di piccole azien- for low cost”, concorso inter-
quello di Vitra contro Cargo-High de consorziate in Origini che danno nazionale per prodotti a
Tech, il grande emporio milanese lavoro a 4.500 persone fra dipen- basso costo.
pagina 14 Mercoledì 23 marzo 2011

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

DAL FUMETTO AL FILM

DYLAN DOG Pato


“Oggi”
Bertolucci
Dopo 35
Prandelli
Contro la
Baratta
Senza fondi

Un incubo
pubblica il anni torna Slovenia certi Mostra
primo bacio nelle sale pronti del Cinema
con Barbara “Novecento” Pazzini di Venezia
Berlusconi versione HD e Parolo a rischio

di cartapesta Riveduto e corretto in salsa Hollywood,


l’eroe di Tiziano Sclavi diventa
un improbabile palestrato. Per la sacrosanta delusione dei fan
di Stefano Feltri dove ne esce un episodio al me- maldestri tentativi del regista di guaggio dell’horror le angosce quel che sono, cioè condensati
se dal 1986 e dove l’indagatore farsi perdonare: la foto di un so- degli anni Ottanta, dalla droga al- di effetti speciali utili solo per il

C’
dell’incubo è diventato un feno- sia di Groucho Marx sul como- l’apocalisse nucleare alla solitu- “Boo! effect”, l’apparizione im-
meno di costume. Negli Stati dino, la strada che si chiama Cra- dine della “società che non esi- provvisa del mostro, che è l’op-
Uniti sono uscite solo alcune ven Road, l’impacciata suonata ste” all’edonismo reaganiano e posto dell’orrore lento e inevita-
raccolte in volume, nel tentati- di clarinetto di Brandon Routh, pre-berlusconiano che predica- bile, dunque da affrontare solo
vo di far cavalcare la moda dei la comparsata di un vampiro va il mito del presente e il rifiuto con il palliativo dell’ironia, che
graphic novel a un fumetto nato ibernato che si chiama Sclavi, co- del futuro (e quindi della morte). interessava a Sclavi.
per essere popolare, da edicola me Tiziano, lo scrittore che ha in- “Dylan Dog è un grande apologo
e non da libreria. ventato Dylan Dog, e così via. Non morale. Fantasmi, draghi, stre- IL DYLAN DOG sul grande
è questo il guaio. ghe, morti viventi sono rappre- schermo non è, come quello di
MA QUESTO non basta a giu- Quando Sclavi, uomo tormenta- sentazioni di malesseri sociali, carta, uno che sembra sempre lì
stificare le scelte della produzio- to e misantropo che una volta allegorie di un mondo senza pa- per caso, trascinato – controvo-
ne e del regista (che ha all’attivo concedeva interviste solo a Um- ce”, ha scritto il fumettologo Lu- glia come tutti – nell’incubo. Il
giusto un film sulle Tar tarughe berto Eco, ha inventato Dylan ca Raffaelli. Nel film, invece, personaggio interpretato da
Ninja): Dylan Dog non ha le fat- Dog voleva raccontare con il lin- vampiri e lupi mannari sono Brandon Routh è (non viene mai
è una ragione se la Sergio Bonel- tezze britanniche di Rupert Eve- spiegato bene perché) una sorta
li Editore non ha fatto un nume- rett, l’attore su cui è stato model- di arbitro nella lotta tra mostri di
ro speciale, una fascetta promo- lato (alla Bonelli tutti i personag- varia foggia, che aveva deciso di
zionale, un gadget, un cartello- gi sono ispirati a celebrità, per fa- appendere al chiodo pallottole
ne, insomma, qualsiasi cosa per cilitare i disegnatori) ma è il pa- d’argento (per i lupi) e di legno
cavalcare l’uscita nei cinema lestrato Brandon Routh, attore benedetto (per i vampiri) dopo
del film ispirato a Dylan Dog. Non australiano noto per un'interpre- che la sua fidanzata era stata dis-
è soltanto per la prudente pigri- tazione di Superman. La città non sanguata. Inciso: un Dylan Dog
zia che sconfina nel luddismo è Londra ma New Orleans e già monogamo è l’ossimoro forse
del 78enne Sergio Bonelli. questo basterebbe a far inorridi- più intollerabile.
Quello che gli spettatori stanno re i fan. Il problema principale I più fumettisticamente prepara-
vedendo nelle sale cinemato- del film, per i lettori del fumetto, ti in platea hanno l’impressione
grafiche da venerdì, nel film di- non è neppure l’assenza di Grou- che Kevin Monroe più che a
retto da Kevin Monroe, non è cho: gli eredi dei fratelli Marx Dylan si sia ispirato a un altro eroe
Dylan Dog. “Un film brutto e non hanno dato il via libera. E co- dei fumetti nato negli anni Ot-
piccolo”, ha riassunto Roberto sì, al posto del battutista surreale tanta, anche lui inglese e più abi-
Recchioni, uno dei giovani sce- e pasticcione ispirato a Groucho tuato a trattare con i mostri, cioè
neggiatori più lanciati del fu- Marx, Dylan ha come assistente John Costantine - Hellblazer, inven-
metto italiano, autore di alcune un certo Marcus (Sam Huntin- tato da Alan Moore, e che ha avu-
recenti storie di Dylan Dog. Il sito gton). Spalla comica che diventa to un suo film con Keanu Reeves
per fumettari comicus.it ha comunque una delle ragioni per qualche anno fa. Ma anche quel-
commentato: “L'America can- continuare a guardare il film lo era più riuscito del lavoro di
nibalizza con la peggiore arro- quando si trasforma in zombie, Munroe. Che può comunque di-
ganza di cui è capace ciò che costretto a cibarsi di hamburger vertire, a condizione che lo spet-
non riesce a capire fino in fon- verminosi e a farsi montare un tatore non abbia mai avuto per le
do. Forse non si tratta di mala- nuovo braccio (nero). Su queste mani un fumetto di Dylan Dog.
fede, ma proprio, spiace dirlo, deformazioni hollywoodiane,
di un abisso culturale”. dopo i primi venti minuti di Brandon Routh nei panni di Dylan
Premessa: in America Dylan Dog choc, si può anche sorvolare, co- Dog. Sopra, la versione grafica
non è conosciuto come in Italia, sì come si possono tollerare i ispirata a Rupert Everett (FOTO ANSA)

IL TORINO NEL CAOS pubblicitaria della Cairo Communication sem- scito nell’impresa di far fallire la società. Per ri-
bra dare buoni risultati (248 milioni di euro in levarla nell’estate 2005 (grazie anche al sostegno

CAIRO HA FATTO cassa tra 2008 e 2009 secondo Milano Finanza) e


anche i periodici, core business del patron del
Torino, con 74 milioni di fatturato e 40 di introiti
del Comune di Torino) Cairo dovette battagliare
con un tal Luca Giovannone, oscuro imprendi-
tore ciociaro (oggi lo si vede spesso giocare a po-

13 (PANCHINE) pubblicitari, non paiono in grossa crisi.


Il volano della notorietà calcistica, almeno quel-
lo, sembra dunque aver dato buoni frutti. Tut-
ker in tv) che ne rivendicava la proprietà. Da
quando la stella del “berluschino” si è offuscata si
è spesso magnificato di stellari acquirenti, dalla
tavia, dopo sei anni in cui ha messo sotto con- Redbull allo sceicco Mansour (quello del Man-
di Stefano Caselli nel 2005 rilevando la società appena fallita. L’an- tratto oltre 130 giocatori, otto allenatori e sei di- chester City), ma gli unici ad averci provato sono
no prossimo il Torino disputerà quasi certamen- rettori sportivi, Urbano Cairo sì è stufato del gio- stati l’improbabile Raffaele Ciuccariello (il miste-

InonImigliori
tifoso del Torino sta perdendo una delle sue
qualità, l’ironia. Se arrabbiarsi, ormai,
vale più la pena, almeno se ne poteva ridere.
te il decimo campionato di Serie B (dodicesimo
nella storia) degli ultimi sedici anni. Un rospo
difficile da ingoiare per i tifosi di una squadra “let-
cattolino e (per la seconda volta, in verità) ha de-
ciso di vendere. A un osservatore esterno la no-
tizia potrebbe sembrare buona, e forse lo è, an-
rioso “mister X” pompato per settimane), la fa-
miglia Tesoro (quelli della Pro Patria) e – ultima-
mente – un’oscura cordata di imprenditori ca-
Tuttavia, dopo l’ennesimo show di Urbano Cai- teraria” sì, ma che fino alla fine degli anni ‘80 era che se il problema non è vendere, ma vendere a peggiata da una tal Proto Consulting. Eppure il
ro, la situazione si è fatta così avvilente da sco- comunque al quarto posto (dopo Juventus, Inter chi. Fino a prova contraria, infatti, Cairo non è Torino dovrebbe far gola: un bacino potenziale
raggiare perfino i cuori più leggeri. Sembrava e Milan) per numero totale di punti conseguiti in stato peggio di chi lo ha preceduto negli ultimi di un milione di tifosi e la possibilità (ora che la
una burla fantasiosa, la notizia del licenziamento poco meno di un secolo di campionati. Un fal- vent’anni. In origine fu il bancarottiere Borsano Juventus avrà la sua “arena”) di aver non uno, ma
di Giuseppe Papadopulo (tredicesimo cambio di limento sportivo, quello del Cairo presidente, (di nuovo nei guai per la truffa Aiazzone), poi due stadi di proprietà (l’Olimpico e il vecchio
panchina dal 2005) e il conseguente reingaggio che non sembra – almeno secondo i numeri uf- venne il notaio Goveani (sodale di Borsano), Filadelfia) a pochi isolati di distanza. Ma nessuno
di Franco Lerda (come già capitato in passato a ficiali – aver contagiato il Cairo imprenditore. quindi Gianmarco Calleri, detto amichevolmen- si fa avanti. La speranza è che Moggi, Giraudo e
De Biasi, Novellino e Colantuono). Invece no, Quanto a margine operativo netto, la performan- te il “becchino”, poi un’oscura “triade” genove- Agnelli, un tempo fautori della necessità di una
era tutto vero: Urbano Cairo ha definitivamente ce del suo gruppo editoriale è stata nel 2010 se- se, infine Franco Cimminelli (dichiarato tifoso sola squadra a Torino, non abbiano fatto troppa
esaurito l’enorme credito di stima che guadagnò conda soltanto al Gruppo Espresso. La raccolta della Juve, buon amico di Luciano Moggi), riu- scuola.
Mercoledì 23 marzo 2011 pagina 15

SECONDO TEMPO

SILVIO FOREVER

B. MI FA QUASI PENA
Roberto Faenza racconta tre anni di lavoro
per il film sul Cavaliere
di Roberto Faenza dendo, prima di morire scrisse vo, passa i compiti ai più pic- mostra le foto di lui al mare, mas Mann in vacanza in Italia tacolo che l’Italia abbia prodot-
nel suo memoriale che per ca- coli, “ma se il compagno non puntando l’indice su un torace quando Mussolini era al potere, to dai tempi di Fregoli. Ama una
e Sigmund Freud fosse vi- scrisse una mirabile allegoria, cosa sopra tutte: essere al cen-

S
pire la spregiudicatezza della strappava almeno il 6-, restitui- strepitoso.
vo e avesse in analisi Silvio classe politica italiana si dove- vo il compenso”. A dodici anni messa poi in scena da Luchino tro della scena. Lo diceva Enzo
Berlusconi (è stata sua va vedere proprio... Forza Ita- già fa campagna elettorale per GIOVANE imprenditore co- Visconti. Un mago ipnotizza gli Biagi: “Se avesse avuto un filino
moglie Veronica a sugge- lia!. Pur non avendo mai incon- la Dc. Attaccando i manifesti struisce città modello. Non im- spettatori con abili trucchi e di tette avrebbe fatto anche
rire di farlo curare), si concen- trato di persona SB, lo frequen- viene picchiato dalla marma- porta dove abbia preso i soldi. Si sperimentate falsità. Contenti l'annunciatrice”. La sua rivolu-
trerebbe sulle turbe sessuali. to quasi ogni giorno da tre an- glia avversa: “Da allora ho sem- lancia nel mondo della televisio- applaudono in delirio, ridono, zione è tutta qui: aver trasfor-
Diverso sarebbe il metodo l’a- ni. Passando insieme a Sergio pre avuto le idee chiare nei ne e crea dal nulla un nuovo im- piangono, si appassionano. Ma mato il linguaggio dei politici,
vesse in cura Jung. Avendo fat- Rizzo, Gian Antonio Stella, Fi- confronti del comunismo e pero. E qui il dottor Jung scopri- quando si risvegliano, si accor- stantio, opaco, incomprensibi-
to un film (Prendimi l’anima) su lippo Macelloni e tanti altri dei comunisti”. Diciottenne, rebbe il primo archetipo del pa- gono che il mago è un mostro le, in qualcosa di vivo, spetta-
di lui e una sua paziente, credo collaboratori migliaia di filma- fa strage di cuori. Sua madre ziente. Lo dice lui stesso: “Ho della peggiore specie. Silvio Fore- colare, trascinante. È la lingua
che centrerebbe la terapia sul- ti, interviste, esibizioni, ani- cambiato la vita a tante donne ver non è la storia di un novello dei reality. Somiglia alla realtà,
la ricerca degli archetipi. Silvio mazioni, immagini scovate sul che avevano i pomeriggi in cui mago Cipolla. Noi non credia- ma non lo è. Per questo verrà
Forever è questo: un viaggio
nella psiche di SB. Non siamo
web, tutte con al centro il no-
stro uomo, lo considero ormai
Un uomo non facevano assolutamente
nulla”. Possedere le loro menti e
mo che il Cavaliere abbia irreti-
to il paese. È una parte del paese
ricordato nella storia, più di De
Gasperi, più di Togliatti, più di
noi a parlare, ma solo lui. Noi
restiamo in silenzio, ascoltia-
uno di famiglia. Silvio Forever è
firmato da noi, ma il vero re-
circondato da una più avanti anche i loro corpi.
L’offerta è il mondo dei sogni,
che ha creato lui. Lo abbiamo ir-
riso per la genuflessione di fron-
Andreotti. “Fatemi dire questo
piccolo fatto d’orgoglio: chi c’è
mo pazienti, ci chiediamo da
buoni clinici che sarà del no-
gista, sceneggiatore, interpre-
te e mattatore assoluto è lui.
folla di parassiti cascate di gettoni d’oro, succes-
so, troni luccicanti, donnine
te a Gheddafi. Non abbiamo nul-
la da dire alle autorità accademi-
in Italia che può paragonare la
sua storia personale in quanto a
stro uomo. Pensa davvero ciò Un racconto cinematografico strepitose, lacrime e risate a che che hanno invitato il ditta- successi al qui presente signor
che dice? Capirà che tanto de- “in diretta” che alterna l’auto- e ciarlatani, prova di telecomando. Una ir- tore a tenere lezione di demo- Berlusconi, ditemelo!”.
naro non ha mai appagato nes- difesa appassionata a contrap- realtà che fa breccia nel cuore di crazia alla Sapienza di Roma? Nel film non troverete i leader
suno? Perché potrebbe essere punti esilaranti. Eccolo bambi- tutti interessati milioni di persone afflitte dal Quella parte del paese lui si è li- dell’opposizione. Come po-
la ricerca della felicità il vero no: “Andavo a mungere le vac- grigiore della tv di Stato. In una mitato a rappresentarla e ampli- trebbero competere? Li imma-
deficit. Possiamo definire bea- che e in cambio portavo a casa a strappargli scena del film Indro Montanelli ficarla, come un megafono ca- ginate Bersani, Casini, Fini, Di
to un uomo così solo? Circon- una caldarina di latte, pagato lo definisce “il più grande piaz- pace di dare corpo a tante voci. Pietro... salire sul palcoscenico
dato da una folla di parassiti e in natura”. Dietro corrispetti- qualcosa zista che ci sia nel mondo”. Tho- per esibirsi a squarciagola? A far
ciarlatani, tutti interessati a BASTA VEDERE la scena da contraltare troverete invece
strappargli qualcosa: spezzoni Berlusconi con Vespa quando nel 1984 i pretori oscu- i comici e gli uomini di spetta-
di potere, mazzette di soldi, re- in una scena di “Silvio rano le sue tv. Scende in piazza colo: Benigni, Luttazzi, Fo, Cor-
galie varie. Potrà stupire, ma a Forever”, di Roberto un fiume di gente che urla in- nacchione... gli unici capaci di
me SB genera un senso di em- Faenza, da venerdì in sala ferocita: “Vogliamo Canale 5, battersi alla pari. Insomma Ca-
patia. Più che carnefice o dit- Italia1, Rete4 e basta! Ricchioni valiere, dia retta al dottor Jung.
tatore, come pensano in molti, Canale 1!”. In tal senso, lui ha Segua la sua ombra, come di-
lo vedo vittima. svolto alla perfezione il suo rebbe l’illustre analista. Il suo
compito. Invece di formazio- talento di showman è incontro-
DELL’IMMENSA ricchez- ne, educazione, sviluppo, ha vertibile. Lo dimostra il film.
za, della brama di dominio, dispensato illusioni. È l’eterna Perché insistere a praticare una
della maschera che è obbliga- guerra tra formiche e cicale. cosa in cui è negato? Il pericolo
to a indossare. Probabilmente Finché non arriva l’inverno, so- comunista non c’è più. Le sue
quando si vedrà nel film avrà lo una minoranza è dalla parte aziende sono salve. La famiglia
una ripulsa, come quando ci si delle formiche. Molto più gra- è sistemata. I cosiddetti respon-
sveglia da un incubo e ci si tificante cantare spensierati. E sabili sono pronti a firmarle un
guarda turbati allo specchio. nel canto il Cavaliere batte tut- salvacondotto giudiziario. Che
Ma tra qualche anno, andando ti. Portentosa la scena in cui si gusto può provare nel frequen-
in memoria si renderà conto di esibisce in un consesso dell’U- tare quella banda di questuanti
quanta verità è fatto il nostro nione europea, cronometro al- che la circonda? I nani e le bal-
racconto. Aldo Moro provò un la mano per misurare la poten- lerine hanno fatto il loro tem-
sentimento analogo quando za del suo assolo. La mia perso- po. Pensi allo smacco di questi
nel 1978 uscì quel film subito nale opinione, avendolo segui- giorni. I potenti del mondo, da
tolto dal mercato, Forza Italia!. to lungo i suoi 75 anni, è che ci Obama a Sarkozy, non la voglio-
Lo statista lo vide inorridito e troviamo di fronte non a un po- no neppure a far la guerra con-
tentò di censurarlo. Poi quan- litico (sfido i seguaci a tirar fuo- tro Gheddafi, nonostante il pla-
do nel covo delle Brigate Ros- ri una sola legge da ricordare), teale ripudio dell’ex compa-
se pensò a quanto stava acca- ma al più grande uomo di spet- gno di merende.

controcanto
LECCA LECCA

Dov’è finito il grande compratore? W. e le disgrazie


di Marco Lillo costruire una solida struttura narrativa e una Montecatini proprio nel punto in cui parla del
da Vermicino al Pd
profonda analisi psicologica che però offre allo rapporto con Mangano, come la scelta di non
i può fare un docu-film su Silvio Berlusconi spettatore solo il lato A del Grande venditore. Il spiegare la corruzione del testimone David Mil- IL CORRIERE DELLA SERA inaugura un genere giornalistico
Snarrare
senza citare mai Vittorio Mangano? Si può
la parabola del Cavaliere, i suoi suc-
docu-film si disinteressa completamente invece
del lato B di B.: Il grande compratore.
ls o la scelta di non raccontare i pagamenti a
Bettino Craxi e quelli alla mafia. La mancanza
inedito, almeno per i comuni mortali: la recensione
preventiva di un libro che non è ancora uscito e, forse,
cessi e il suo impero, senza usare mai la parola C’è lo studente in bianco e nero e calzoni corti delle compravendite dei parlamentari e delle nemmeno è stato scritto. Un privilegio solitamente riservato
corruzione? Si possono spiegare 50 anni di suc- che spaccia dispense ai compagni, il giovane assunzioni in Fininvest dei finanzieri che con- ai grandi della letteratura che abbiano vinto almeno un
cessi nell’impresa e 17 anni in politica senza laureato che vende i palazzi di un bravo costrut- trollavano i primi cantieri del Cavaliere è sba- premio Nobel. Ma, in attesa della chiamata da Oslo, lo
parlare mai del venerabile Licio Gelli, del giu- tore incapace di commercializzarli. Il commes- gliata non da un punto di vista politico ma sto- scrittore in questione ha comunque meritato pienamente il
dice Vittorio Metta, del testimone David Mills, so che piazza aspirapolveri Folletto, lo chan- rico-documentaristico. Non siamo di fronte a raro privilegio: si tratta infatti di Walter Veltroni, di cui i librai
del garante Giancarlo Innocenzi? È questa la sonnier della Riviera Adriatica con i pettorali in una carenza prescrittiva ma descrittiva. Non ricordano le pile di volumi invenduti, con inevitabili
scommessa di Roberto Faenza e dei due autori mostra. C’è il grande seduttore di donne (tal- mancano le voci contrarie all’io narrante, come ripercussioni sul disboscamento della foresta amazzonica.
Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo. La risposta, volta pagate) ma manca del tutto il grande com- quella di Marco Travaglio, Dario Fo e Beppe L'ultima volta l'ex vicepresidente del Consiglio, ex sindaco di
dopo avere visto ieri al Quattro Fontane di Ro- pratore di uomini cioè, per chiamare le cose con Grillo, ma svolgono una mera funzione di con- Roma ed ex segretario del Pd aveva intrattenuto lo scelto
ma l’anteprima di “Silvio Forever”, è no. Un il proprio nome, il grande corruttore. trocanto rispetto alla vera e unica storia del film: pubblico sulla tragedia dello stadio Heysel. Questa volta –
film bellissimo può essere un documentario La frase chiave del film è quella di Silvio Ber- quella del seduttore narciso e un po’ megalo- anticipa al sempre urticante Aldo Cazzullo – ci delizierà sulla
monco. E alla fine sommando le emozioni (il lusconi che dice di sé: “il mio segreto è lo char- mane, del piazzista bugiardo e un po’ disonesto tragedia di Vermicino e il sequestro di Roberto Peci, avvenuti
film è avvincente, senza dubbio da vedere) e me. I meccanismi per sedurre una donna o per ma simpatico che alla fine porta a casa la preda, lo stesso giorno, il 10 giugno 1981. Capita spesso che in uno
sottraendo le omissioni del documentario, il do- conquistare il consenso in politica sono gli stes- che sia una donna, un acquirente, un telespet- stesso giorno accadano due cose (anche tre, alle volte). Ma la
cu-film dell’anno ci racconta un Cavaliere di- si”. Il viaggio di Faenza nella psiche di Berlusconi tatore o un elettore. Ecco perché alla domanda cosa ha addirittura indotto Veltroni a scriverci un libro, dal
mezzato senza un medico pietoso che riunisca e degli italiani si ferma qui. Ed è per questo che di Roberto Faenza in conferenza stampa (“chis- titolo L'inizio del buio. E – nota l'intervistatore - “il titolo del
le due parti per restituirci finalmente il senso il film è bello ma incompleto. Non certo perché sà se il film piacerebbe a Silvio Berlusconi”) non libro evoca una condizione che, secondo l'ex segretario Pd,
compiuto della vita e delle opere di Berlusco- è poco “antiberlusconiano”, come qualcuno ieri è esclusa una risposta positiva. Il quesito di fon- non è ancora finita”. Infatti, spiega Uòlter, “quel bambino
ni. ha contestato agli autori in conferenza stampa. do che Silvio Forever dovrebbe aiutare a risol- disperato è stata una nostra Caporetto moderna, quel
Faenza, Stella e Rizzo raccontano benissimo la Ma perché è poco “berlusconiano”. Nel senso vere è quello antico sulla ragione del successo di ragazzo torturato la dimostrazione di dove anche il nostro
parabola del “più grande piazzista che ci sia nel che non descrive una componente fondamen- Silvio Berlusconi. Un cinese di passaggio al ci- Paese, figlio di Dante e Leopardi, può arrivare”. In attesa del
mondo”, come lo definisce Indro Montanelli. tale del personaggio, senza la quale è impos- nema Quattro fontane ieri potrebbe arrivare al- best-seller, un fatto è certo: avendo fondato il Pd, Veltroni si
Quasi tutte le immagini di repertorio, le inter- sibile capire Berlusconi e il suo successo. la conclusione che il segreto del Cavaliere è solo sta specializzando in catastrofi.
viste e gli spezzoni dell’autobiografia berlusco- La scelta di tagliare il filmato nel quale il Ca- l’arte di vendere i sogni, mentre c’entra qual-
niana, interpretata da Neri Marcorè, tendono a valiere difende Marcello Dell’Utri nel 2007 a cosa anche l’arte di comprare le persone.
pagina 16 Mercoledì 23 marzo 2011 Mercoledì 23 marzo 2011 pagina 17

SECONDO TEMPO SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TELE COMANDO
TG PAPI
+ “breve” su misura. Anche gli
scoop del settimanale rizzo- di Luigi Galella
Lavagna
militare
guerra, va contemplata la fi- Che fare dunque arrivati a
MONDO
ASPRE CRITICHE AL GIOCO PER IL 150°

Meloni bocciata
WEB
di Federico Mello
è NUOVO RISCHIO CENSURA DELLA RETE
AVAAZ.ORG CONTRO IL REGOLAMENTO AGCOM
Sono già oltre 35 mila le firme raccolte da Avaaz.org che
ha lanciato una campagna contro il nuovo rischio censura
della rete Internet. L’Agcom, infatti, sta per votare una
regolamentazione che, se approvata, permetterebbe la
chiusura d’imperio – senza ordine della magistratura – di
qualsiasi sito web sospettato di aver violato il copyright (a
rischio sono anche Wikileaks e YouTube). “Inondiamo di
messaggi i membri dell’Autorità – invitano dal
sito – per chiedere di astenersi dall’adottare
feedbac$

la rete”
k
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:
“I tentacoli di B.
stanno per soffocare

di Giulia Innocenzi

è DOBBIAMO colpire e
ribadire colpo su colpo!

Inviati liano “Oggi” spariscono. Lele


Mora parla della “fidanzata”
di Berlusconi, avvinta a lui co-
me l’edera giorno e notte (er-
go, i bunga bunga erano im-
U ltimo venne il Corvo.
Non di Calvino, ma di
Collodi. Chiamato dalla fati-
na con altri due illustri col-
gura dell’esperto militare,
moderna maschera dei talk
show, che volteggia come
un corvo sui campi di bat-
taglia. E gracchia come se re-
questo punto? “Dividere la
Cirenaica dalla Tripolitania?
Una mediazione fra insorti e
Gheddafi?” Chissà. L'esper-
to formula interrogativi intri-
in videogames
è VENERDÌ ARRIVA L’IPAD2
ESCE IN ITALIA E IN ALTRI 24 PAESI
L’iPad2 sarà in vendita in Italia e in altri 24 paesi
del mondo a partire da dopodomani, venerdì,
25 marzo: lo conferma Apple in una nota.
la regolamentazione e preservare la libertà
della rete. Agisci ora e inoltra l’appello a
tutti!”. Sul sito tutte le news per aderire alla
campagna che ha quasi raggiunto l’obiettivo
delle 40 mila adesioni.
Vogliono abbattere
internet perchè ci sono
cose che non gli piacciono?
Boicottiamo tutti i loro
beni e servizi!

nel mosaico possibili). Secondo scoop: la


Santanché non ha mai preso il
suo vantato master alla Bocco-
ni. Il sospetto c’era. Ah, da ieri
il Tg2 è orfano di Mario Or-
leghi medici, sul letto del bu-
rattino morente. Allo stesso
modo, al capezzale di un
evento bellico dalla fenome-
nologia confusa e quasi in-
citasse un poema in esame-
tri, distillando La Palice. Alla
maniera del “Porta a porta”
di lunedì, (Raiuno, 23.20),
alla presenza di un gran ce-
ganti. Oppure è assertivo,
senza tentennamenti, come
Margelletti, che esordisce
con l'impegnativa dichiara-
zione “In questo momento, B isogna fare attenzione quando
si esplorano territori poco co-
peggior videogioco di sempre, si
intitola una partecipatissima di-
L’iPad2 sarà disponibile presso gli
store Apple e presso rivenditori
autorizzati e online attraverso
l’Apple Store. La società di
Cupertino ha anche annunciato
è DI SOLITO è il popolo
ad avere “utopie”… in
questo caso sono i
Sanzo

di Paolo Ojetti contraria alla guerra, ma la feo. Aspetta una mamma? decifrabile, ecco accorrere rimoniere, che non sapeva gli unici ad avere le idee chia- nosciuti. I videogame, per esem- scussione dedicata a “Gioventù che ad aprile tutti i modelli di iPad2 governanti che
maggioranza è solida. Non l’esperto militare. In giacca e in tanta bellica confusione e re su che cosa avviene in Li- pio, inutili mangiacervello per al- Ribelle” sul forum internazionale saranno disponibili a Hong Kong, in pensano/sperano di poter
g1 una parola sulla Perina e nem- g3 cravatta. Tetragono. Che politica trasversalità dove far bia sono gli italiani”. Mera- cuni, pura arte per altri, hanno “Neogaf.com”. “Un lavoro fretto- Corea, Singapore e in altre nazioni. fermare internet.
T Per dimostrare quanto è
forte il Tg1, ecco inventato
meno su Ruby (pardon per
l’accostamento). Un bel po’ di
T Dopo le cronache di guer-
ra e le nostre “missioni” (chis-
sfoggia le sue conoscenze
con una punta di saccente-
pendere la bilancia dei suoi
consensi. E perplesso azzar-
vigliosa rivelazione. Adesso
ce lo racconta e così scopri-
sterminate stuole di fan e ormai
numerosi titoli risultano più red-
loso, portato a termine senza la
dovuta attenzione” la stroncatura
“Mentre la concorrenza sta ancora
cercando di raggiungere il nostro
Premesso che non
possono fare come in Cina,
l’inviato a mosaico: un qua- horror su Yara Gambirasio, sà cosa stiamo facendo), il Tg3 ria: nomi di armi, aerei, mis- dava l’impensabile, nella cri- remo tutti quali sono queste ditizi delle pellicole di Hol- di GameNation.it. “Il titolo ha dei primo iPad, abbiamo nuovamente tutte le restanti opzioni di
dretto con Di Bella, Masotti, fine del Tg1. Delirio di Ferrara trova spazio per il resto. Che sili e bombe, ad esempio. tica rivolta al presidente “idee chiare degli italiani”. lywood. Se si entra in questo ter- bug evidenti – aggiunge tom- cambiato le regole del gioco con “pseudo-censura” si
Tura, Romagnoli, il mondo è su De Magistris, Santoro ed ieri non era poca cosa. La que- Per averli studiati, si intende, americano: “Come dice Hil- Ma niente. È in piedi di fron- ritorio, bisogna andarci coi piedi shw.it –, gli ambienti sono realiz- iPad2” ha detto Steve Jobs. rivelerebbero un fallimento
minzolinianamente coperto. Enzo Tortora: 3000 euro but- stione dei rifugiati del Norda- non certo maneggiati. Un lary Clinton, ogni giorno è te a una di quelle lavagne ca- di piombo: gli utenti sono nume- zati con una grafica di diverse ge- alla messa in opera (stile
Un giochetto, ma la notizia è tati. frica: solo i “libici” saranno po’ come quell’ufficiale indeciso se è martedì o mer- re a Vespa e al premier, del rosi, agguerriti e molto, molto, nerazioni fa”. GameNation con- divieto AAMS accesso a siti
un’altra: Stati Uniti, Francia e sparpagliati nelle regioni ita- d’accademia dei film we- coledì”. La supposta dichia- tipo normalmente appronta- esigenti. Mal gliene incolse al mi- clude: “Purtroppo le critiche ar- non autorizzati). Inoltre, la
Gran Bretagna sono d’accor- g2 liane, gli altri a casa o a Lam- stern, irriso dai sottufficiali, razione della Clinton in ve- to per gli annunci delle gran- nistro Giorgia Meloni, che per il rivano anche dall’estero, e viene vedrei molto dura chiudere
do per dare il coordinamento
delle operazioni alla Nato. E
T Il pasticcio libico è sem-
pre lì. Oggi comincia il dibat-
pedusa. E subito, ecco Zaja
cuore d’oro: in Veneto, mai. Si
poco edotti di strategia teo-
rica. Al contrario, l’esperto è
rità è di seconda mano, ma
Bruno Vespa l’ha maneggia-
di opere (sempre le stesse,
ad ogni nuova elezione) con
150esimo dell’unità d’Italia, ave-
va avuto una bella idea: realizzare
fornita una visione distorta del-
l’industria videoludica nostrana”.
con scuse “puerili” tipo
copyright siti che hanno
noi? Ci hanno chiesto un pa- tito parlamentare, ma su cosa? passa alla “moratoria” sul nu- un poeta laureato, che la ta con spregiudicatezza e il disegno dell'Italia e in evi- un videogioco – distribuito gra- Per rispondere, è intervenuto nei decine o centinaia di
rere? Frattini lo sa? Berlusconi La Russa ha dimostrato l’altra cleare: un trucco per far cade- guerra ce la mostra, didasca- qualche imprecisione. denza la zona nord della Li- tuitamente – con le gesta di Maz- forum online Raoul Carbone, pre- migliaia di visitatori senza
ha avuto la notizia? Il Tg1 tira sera a Porta a Porta di non ave- re la mobilitazione referenda- lico, sui grafici e sulle car- Di osservatori bellici nel suo bia. Forse ci distraiamo. Col- zini, Garibaldi, Pisacane e i giova- sidente di Confindustria Asso- provocare una “mini”
dritto, è così ingessato che po- re i fondamentali per fare il mi- ria. Terza tappa per la “pre- tine. E anche se non ne sa talk l’altra sera ce n’erano ad- pa della cartina probabil- nissimi che diedero la vita per la knowledge che ha realizzato (gra- rivolta popolare. Però non
trebbe arrivare la notizia che nistro. La linea di Frattini sem- scrizione Paniz”. Quarto giro nulla, possiede la facoltà di dirittura due: Andrea Margel- mente. Ma perlomeno impa- patria. “Gioventù Ribelle” è il ti- tuitamente) il gioco: “Il progetto nascondo che sarei curioso
Napolitano ha organizzato un bra l’anello di Meobius: gira a su Ruby che telefona alla saper sempre cosa dire. Nel letti e Carlo Jean. Quest’ul- riamo un po’ di geografia dei tolo dello “sparatutto”, che “cele- – spiega –, adottato dal Ministero di vederli all’opera a
bunga bunga e Laura Chi- vuoto in attesa che qualcuno mamma: “Mamma, con la po- segno del celebre medico di timo ha osato dichiarare che territori contesi, ad esempio bra l’eroismo” e “racconta la sto- della Gioventù, è soltanto una di- tentare di fermare con un
menti (o chi per lei) prosegui- gli dica cosa fare davvero. Ber- lizia stai zitta, tanto Lui è il re Pinocchio, che pronunciò è “essenziale definire gli che Tripoli è a ovest e “Bèn- ria ai giovani di oggi con il loro lin- mostrazione non commerciale e dito l’acqua che esce da un
rebbe per la sua strada, dicen- lusconi, incontrollabile, rim- della polizia” e su altre foto dei “solennemente queste paro- obiettivi politici di ciò che gasi” a est del suolo libico. guaggio”. “Il videogioco può tra- realizzata a fini culturali, dagli stu- colapasta. ci sarebbe
do: e ora andiamo a Bengasi. piange Gheddafi. Dovrebbe bunga bunga. Finale per Fla- le: – A mio credere il burat- stiamo facendo”. Ne aveva- Non molto altro. A proposi- sformarsi in un medium efficace denti dell’Istituto Europeo di De- sicuramente da divertirsi!
Le altre notizie del giorno so- ringraziarlo: con la guerra, via Perina, cacciata dal “Seco- tino è bell’e morto, ma se mo avuto qualche sentore. to: non era Bengàsi? Anche per la trasmissione di valori, sape- sign seguiti e aiutati dal loro coor- Paolinobg
no state cancellate, ma c’è tutto il resto passa sotto silen- lo”. Scopre sulla sua pelle che per disgrazia non fosse mor- quest'ultima certezza, nella re, identità” aveva aggiunto il mi- dinatore Raoul Carbone”.
una sedia in studio per il go- zio, i suoi processi, i trucchi i berluscones non fanno pri- to, allora sarebbe indizio si- Il generale ed esperto titolata, autorevole pronun- nistro alla presentazione. Ma agli Cotto, sparato, e fatto in casa, in- è SARÀ meglio che ci
vernatore Cota, lì per confer- del deputato Paniz che vuole gionieri e sono un po’ cafoni: curo che è sempre vivo!” militare cia dell'esperto, viene me- utenti, il gioco non è piaciuto per somma. Carlo Pisacane nel videogame; pensino bene, perchè gli
mare l’impossibile: la Lega è far votare una prescrizione una lettera e arrivederci. Fra gli effetti collaterali della Carlo Jean no. niente: “The Worst Game Ever”, il f.mello@ilfattoquotidiano.it la campagna di Avaaz; utenti di Internet non sono
il video a favore dei giovani libici; dormienti come quelli
il comico John Stewart televisivi e di sicuro non
starebbero fermi e
LA TV DI OGGI I FILM
SC1= Cinema 1 SCF=Cinema Family
LO SPORT
SP1=Sport 1 Il bacio a quelle mani insanguinate
tranquilli in poltrona ad
attendere gli eventi.
Biancoblu
SCH=Cinema Hits SCC=Cinema Comedy SP2=Sport 2
SCP=Cinema Passion SCM=Cinema Max SP3=Sport 3
IRONIA E RABBIA SUL WEB PER B.
Nonostante la guerra in Libia, le è NON preoccuparti
17.40 Delgo SCF 17.00 Rugby, Sei Nazioni 2011
polemiche diplomatiche che l’intervento Giulietta, qui siamo in
17.50 The Martins SCC Italia - Francia (Sintesi) SP2
armato ha scatenato, nonostante il Giappone e maggioranza. Non ci riesce
11.00 NOTIZIARIO TG1 14.00 ATTUALITÀ Pome- 14.00 NOTIZIARIO TG 19.30 NOTIZIARIO TG3 11.00 REAL TV Forum 12.25 NOTIZIARIO Studio 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 11.25 TELEFILM L'Ispettore 19.00 Prince of Persia - 18.00 Basket, Serie A maschile
l’incubo nucleare, le vicende legali (e no) del nostro il potentissimo e
11.05 ATTUALITÀ Occhio riggio sul Due Regione - TG3 - Meteo 3 20.00 RUBRICA Il caffé - 13.00 NOTIZIARIO TG5 - Aperto - Meteo Meteo Tibbs Le sabbie del tempo SC1 2010/2011 21a giornata Lotto-
alla spesa 16.10 TELEFILM La signora 14.50 RUBRICA TGR Leo- Altre voci (REPLICA) Meteo 5 13.00 NOTIZIARIO SPORTI- 12.00 TELEFILM Wolff - Un 12.30 TELEFILM Due South
presidente del consiglio, continuano a riscuotere dispoticissimo governo
19.10 A Serious Man SCP matica Roma - Armani Jeans grande interesse all'estero. Internet, allora, diventa cinese a controllare la rete,
12.00 VARIETÀ La prova in giallo nardo 20.30 RUBRICA Ippocrate 13.40 SOAP Beautiful VO Studio Sport poliziotto a Berlino - Due poliziotti a Chicago 19.10 Four Brothers SCM Milano (Sintesi) SP2
del cuoco 17.00 TELEFILM Top Secret 15.00 EVENTO Question 20.57 NOTIZIARIO Agrime- 14.05 REALITY SHOW 13.40 CARTONI ANIMATI 12.50 TELEFILM Distretto "La cacciatrice di taglie" cassa di risonanza perfetta di battute, sketch, video figurati se ci riesce il
19.20 In questo mondo di 18.30 Calcio, Liga 2010/2011 ironici, commenti scandalizzati. nostro miserabile nano.
13.30 NOTIZIARIO TG1 17.45 NOTIZIARIO TG2 time (DIRETTA) teo Grande Fratello - Pillole I Simpson di Polizia 7 13.30 NOTIZIARIO TG La7
ladri SCC 29a giornata Athletic Bilbao - Il Clarin, più importante quotidiano argentino, non si Darioprov
14.00 NOTIZIARIO TG1 Flash L.I.S. 15.45 NOTIZIARIO TG3 21.00 NOTIZIARIO News 14.10 SOAP CentoVetrine 14.35 TELEFILM E alla fine 13.50 REAL TV Sessione 13.55 FILM Barriera invisi-
Economia - TG1 Focus 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- L.I.S. lunghe da 24 14.45 TALK SHOW Uomini arriva mamma! pomeridiana: il tribunale bile 19.30 Alieni in soffitta SCF Villarreal (Replica) SP3 è fatto scappare le ultime foto delle feste ad Arcore
14.10 ATTUALITÀ Se... a VO Rai TG Sport 15.50 NOTIZIARIO TG3 GT 21.27 PREVISIONI DEL TEM- e Donne 15.00 SIT COM Camera di Forum 15.55 DOCUMENTARIO 19.35 Devil's Tomb SCH 19.00 Wrestling WWE uscite negli scorsi giorni: “Le foto segrete delle feste è LA SOLUZIONE
casa di Paola 18.15 NOTIZIARIO TG2 Ragazzi PO Meteo 16.15 ATTUALITÀ Pome- Cafè 15.10 TELEFILM Flikken Atlantide - Storie di uomi- 21.00 Get Shorty SCC Superstars Episodio 38 SP2 di Berlusconi” s’intitola l'articolo con le istantanee dei sarebbe: un sabato
16.10 ATTUALITÀ La vita 18.45 TALK SHOW Mauri- 16.00 DOCUMENTARIO 21.30 RUBRICA Tempi riggio Cinque 15.30 SIT COM Camera coppia in giallo ni e di mondi 21.00 Questione di cuore SCP 20.45 Calcio, Derby SLAncio baci saffici, delle manette, dei vestiti da poliziotta. pomeriggio, o di domenica:
in diretta zio Costanzo Talk Cose dell'altro Geo dispari 18.50 GIOCO Chi vuol Cafè Ristretto 16.15 TELEFILM Non smet- 17.45 TELEFILM MacGyver 21.00 Gioco a due SCM di Vita 2011 Juventus - Torino Già cult online, inoltre, con più di 7mila condivisioni manifestazioni in tutta
18.50 GIOCO L'eredità 19.40 REALITY SHOW 17.40 DOCUMENTARIO 22.30 NOTIZIARIO News essere milionario 15.40 CARTONI ANIMATI tere di sognare (REPLICA) "I duri" 21.00 Ricatto d'amore SCF (Diretta) SP1 su Facebook, è lo sketch del comico americano John Italia, non per 4 gatti, ma
20.00 NOTIZIARIO TG1 L'isola dei Famosi 8 Geo & Geo lunghe da 24 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 16.40 TELEFILM Merlin 18.55 NOTIZIARIO TG4 - 18.45 TELEFILM J.A.G. - 21.10 Momentum SCH 21.00 Golf, PGA European Tour Stewart: “Capisco perchè Venezia sta affondando: è per milioni di persone. La
20.30 ATTUALITÀ Qui 20.30 NOTIZIARIO TG2 - 19.00 NOTIZIARIO TG3 - 22.57 PREVISIONI DEL TEM- Meteo 5 17.30 TELEFILM Smallville Meteo Avvocati in divisa "Un 21.10 Braveheart SC1 2011 Sicilian Open: 4a giornata colpa delle enormi palle che racconta Polonia e la DDR prima
Radio Londra 20.30 TG Regione - Meteo PO Meteo 20.30 ATTUALITÀ Striscia 18.30 NOTIZIARIO Studio 19.35 SOAP OPERA Tempe- caso di coscienza"
20.35 GIOCO Affari tuoi 21.05 FILM Striscia, una 20.00 VARIETÀ Blob
22.50 Prima TV Louise-Michel SCP (Replica) SP3 Berlusconi” una delle battute sui della caduta del muro
23.00 RUBRICA Il punto la Notizia - La voce del- Aperto - Meteo sta d'amore 19.40 VARIETÀ G' Day
21.10 VARIETÀ Centocin- zebra alla riscossa 20.10 TELEFILM Cotti e 23.27 PREVISIONI DEL TEM- l'improvvidenza 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- 20.30 TELEFILM Walker 20.00 NOTIZIARIO TG La7
22.50 Una pallottola spuntata 21.00 Rugby, Sei Nazioni 2011 “Bunga-Bunga sex party” e le altre scuse che insegnano. Ma, si sa, non
quanta (DIRETTA) 22.50 NOTIZIARIO TG2 mangiati PO Meteo 21.10 TELEFILM Non smet- VO Studio Sport Texas Ranger 20.30 ATTUALITÀ Otto e 2 e 1/2 SCC Scozia - Italia (Sintesi) SP2 B. ha apposto alle varie accuse giudiziarie. “É siamo il popolo giusto per
0.45 NOTIZIARIO TG1 23.05 RUBRICA Base Luna 20.35 SOAP OPERA Un 23.30 NOTIZIARIO News tere di sognare 19.30 TELEFILM C.S.I. Mia- 21.10 FILM Gran Torino mezzo 22.50 Push SCH 22.00 Wrestling WWE Dome- un Charlie Sheen con l’immunità diplomatica” far ciò. Il piccolo
Notte - TG1 Focus 23.45 DOCUMENTARIO posto al sole brevi 23.30 ATTUALITÀ Matrix mi 23.50 RUBRICA I bellissimi 21.10 ATTUALITÀ Exit - 22.55 Mela e Tequila SCF stic Raw Episodio 39 SP2 aggiunge il comico facendo riferimento all’attore cabotaggio (e le grandi
1.15 PREVISIONI DEL TEM- La Storia siamo noi 21.05 ATTUALITÀ Chi l'ha 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta 1.00 NOTIZIARIO TG5 20.30 GIOCO Trasformat di R4 Uscita di sicurezza 23.00 Impudicizia SCM 23.00 Calcio, Derby SLAncio di già al centro di mille scandali sessuali. Più serio, e truffe) ci connotano molto
PO Che tempo fa 0.35 REALITY SHOW visto? 23.57 PREVISIONI DEL TEM- Notte - Meteo 5 Notte 21.10 VARIETÀ Le Iene 23.55 FILM Scommessa con 0.00 NOTIZIARIO TG La7 0.10 Il mio amico Eric SC1 Vita 2011 Juventus - Torino più toccante, un video realizzato a Vienna negli meglio.
1.20 ATTUALITÀ Qui L'isola dei Famosi 8 23.15 VARIETÀ Parla con me PO Meteo 1.30 ATTUALITÀ Striscia Show la morte 0.15 TELEFILM NYPD Blue 0.20 Fatti, strafatti e (Replica) SP3 scorsi giorno. Tra la gente che cammina, si vede un Hotfeet
Radio Londra 1.10 ATTUALITÀ TG Par- 0.00 ATTUALITÀ TG3 0.00 NOTIZIARIO News la Notizia - La voce del- 0.15 VARIETÀ Saturday 1.50 NOTIZIARIO TG4 1.20 ATTUALITÀ Prossima strafighe SCC 0.45 Calcio, Bundesliga ragazzo che appende sul muro un cartello: raffigura
1.25 RUBRICA Appunta- lamento Linea notte lunghe da 24 l'improvvidenza (REPLICA) Night Live Night News Fermata il baciamano di B. a Gheddafi. Poi appende una è L’IDEA di controllare la
0.35 The Ring SCM 2010/2011 27a giornata Friburgo
mento al cinema 1.20 PREVISIONI DEL TEM- 1.00 RUBRICA Appunta- 0.27 PREVISIONI DEL TEM- 1.50 TELEFILM Squadra 1.35 RUBRICA SPORTIVA 2.15 FILM Giulietta degli 1.35 TELEFILM Cold Squad scritta: “Siamo di nuovo pronti a baciare quelle mani rete è semplicemente
0.40 Tre fratelli SCP - Bayern Monaco (Replica) SP3
1.30 RUBRICA Sottovoce PO Meteo 2 mento al cinema PO Meteo med Poker1mania spiriti 2.25 TELEFILM MacGyver insanguinate?”. risibile! L’esperienza eroica
Il video è GLI USA SULLA PRIVACY ONLINE di Yoani Sanchez è un
s’intitola: VERSO UN INTERVENTO DEL CONGRESSO monito a tutti i dittatori in
TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE RADIO “Youth of Libya
pride of world”, la
gioventù libica è
Cittadini del web, l’Amministrazione
Obama pensa alla vostra privacy. Negli Usa
cresce l'interesse per la stesura di una
fieri. P.S. I proxy saranno i
garanti della nostra libertà
su internet.
è “ ACCUSE INACCETTABILI”
/ Louise-Michel  Exit - Uscita di sicurezza  Saturday Night Live A “Radio3 Mondo” i disordini CONTINUA LO SCONTRO GOOGLE-CINA
l’orgoglio del Carta dei Diritti per i netizen, in origine
mondo. Berlusconi, è avanzata da John Kerry e John McCain, per
Karascov
Le operaie di una fabbrica francese so- “Gli interessi dell’Italia, le paure dei Torna il Saturday Night Live, dopo il
no in agitazione perché l’azienda ha cittadini”è il titolo della nuova puntata grande successo d’ascolti ottenuto nella nello Yemen Cina-Google, e ancora scontro
frontale. “Inaccettabile”: la
esattamente garantire la tutela dei dati personali, preda è NON CI credo. capisco
operato di recente dei tagli sul persona- di Exit. Mentre piovono bombe sulla passata edizione. La conduzione è affi- Nello Yemen il regime sembra vicino alla fine. Sono arri- all’apposto. preferita delle grandi imprese, Google e la volontà di bloccare chi è
portavoce del ministero degli Esteri
le. Una mattina, il direttore consegna Libia, Lampedusa raddoppia i suoi abi- data ad Elenoire Casalegno e a Beppe vate le defezioni di generali e ambasciatori che dichia- Facebook incluse. Lawrence Strickling, contro di te, ma queste
tanti a causa degli sbarchi, e qualcuno
di Pechino Jiang Yu ha definito così le
ad ognuna un piccolo dono, generando Braida. Ospite della prima puntata rano il loro sostegno ai manifestanti anti-governativi.Al capo della divisione telecomunicazioni del iniziative vanno oltre la
prevede una nuova ondata di terrori- Giovanni Cacioppo, che affianca la cop- nuove accuse rivolte da Google al
un clima di rinnovata speranza. Quan- Jazeera, la cui sede a Sanàa è stata presa d’assalto pri- Dipartimento del Commercio a logica.
smo islamico. Finita la guerra, poi, qua- pia di conduttori durante lo show e, col governo cinese. Sabato scorso, il motore di ricerca aveva
do, però, l’indomani, le operaie si recano ma dell’alba, scrive che dignitari yemeniti e sauditi Washington, ha lanciato l'allarme sull’uso e Nonostante tante cose di
a lavoro e trovano la fabbrica smantel- le sarà il ruolo dell’Italia al tavolo del- suo stile irriverente, irretisce un diver- accusato la Cina di interferenze sul servizio di posta
/ Gran Torino / Scommessa con la morte  Le Iene Show stanno lavorando all’organizzazione di elezioni presi- l’archiviazione delle informazioni raccolte B. siano illogiche ed
lata, la loro rabbia è feroce. Così decido- l’energia, ora che la catastrofe giappo- tentissimo monologo ricco di satira. Gmail (chi prova ad aprire una casella Gmail dalla Cina
Walt Kowalascki è un meccanico in Questa volta le indagini dell’ispettore Le recentissime operazioni militari in denziali per la successione al contestato presidente Ali dalle aziende e, visto che irrealizzabili, questa punta
no di mettere insieme i soldi per ricrea- nese ha messo in ginocchio il progetto Altra novità di questa edizione è la pre- registra da diverse settimane numerosi problemi). Erano
pensione, rimasto vedovo che ha soltan- Callaghan si imbattono in una serie di Libia sono diventate terreno di scontro Abdullah Saleh, in carica dal 1978. Dopo l’uccisione di l’autoregolamentazione non ha prodotto i ad essere la più idiota! Se
re un un nuovo impiego... del nucleare? senza nel cast dell’attore Fabio Fulco. attacchi hacker, secondo BigG, che la lunga mano della
to tre grandi amori, la sua Ford Gran omicidi, che si rivelano ben presto colle- tra gruppi politici e nazioni interventi- 52 dimostranti uccisi negli scontri con le forze dell’ordi- risultati sperati, sarà il Congresso a davvero il tentativo di
Sky Cinema Passion 22,50 La7 21,10 Italia 1 0,15 censura cinese sarebbe riuscita a camuffare da problemi
Torino, i fucili e il suo cane Daisy.Al gati al gioco a premi televisivo. Lo stes- ste e non. Ma cosa ne pensano i diretti ne, il capo dello Stato ha perso non solo il consenso stabilire le regole. Oltre alla Carta dei censura dovesse essere
interni al server di Google. Lo scontro va avanti dallo
contempo, Walt nutre una sfacciata so responsabile non sembra sapere nul- interessati di ciò che sta succedendo nel popolare ma anche il sostegno di parte dell’establi- diritti, nelle ultime settimane Capitol Hill attuato, la gente dovrà
idiosincrasia nei confronti degli orien- loro paese? Per capire quali siano gli shment. Come sarà la transizione nello Yemen? Stefano
scorso anno da quando Montan View ha fatto sapere di
la riguardo tutta la faccenda e gli omi- ha avanzato altre due proposte per (dovremo) ovviamente
tali, maturata durante la campagna di cidi si susseguono sempre più efferati, umori, le speranze e le paure, Enrico Cingolani ne parla con Bibi David, giornalista e condut- non voler più accettare la censura di Pechino. Da allora la
garantire la riservatezza: il impedirlo a rutti i costi.
Corea. Quando un ragazzo coreano, suo mentre sui luoghi del delitto viene pun- Lucci intervista diversi libici residenti trice radiofonica.E ancora: Gli effetti della guerra in stampa cinese pubblica articoli che accusano
Do-Not-Track-Me-Online Act che PS. cmq negli ultimi anni in
vicino di casa, tenta di rubargli la Gran tualmente rinvenuta una scheda di in Italia. Uno spaccato delle apprensio- Libia sul petrolio e dello tsunami in Giappone sul il motore di ricerca di propagandare “i valori occidentali”.
intende fornire regole di comportamento italia stiamo assistendo ad
Torino, Walt si sentirà in diritto di agire nominativi, ciascuno dei quali contras- ni di persone comuni che hanno lascia- nucleare cambiano la geopolitica dell’energia? Lo chia- alle aziende e il Financial Information azioni politiche, e non,
in preda al suo odio razzista... segnato dall’inquietante sigla R.I.P.. to in patria amici e familiari. diamo con Nicola Pedde, direttore Igs. Privacy Act per tutelare la privacy surreali.. mah!
Rete 4 21,10 Rete 4 23,55 Italia 1 21,10 Radiotre 11,30 bancaria. (eleonora bianchini) Dom_cugliari
pagina 18 Mercoledì 23 marzo 2011

SECONDO TEMPO

il badante
PIAZZA GRANDE É di Oliviero Beha

“RAZZI”
SU GHEDDAFI
L’Occidente protegge se stesso S e la situazione non fosse tragica per i libici, specie per i civili,
sarebbe ridicola da questa parte del Mediterraneo: Razzi e
Scilipoti potrebbero benissimo fare la parte dei Tornado inviati
di Massimo Fini guerra civile. Da una parte non Iraq 1990, Serbia 1999, Afghani- un caso che la Corea del Nord, contro Gheddafi con grande senso di “responsabilità”, a partire
c'è un dittatore isolato e dall'altra stan 2001, Iraq 2003 e, ora, la Li- dove c'è un regime a paragone dal primo che ha un cognome che è una garanzia bellica oltre
bastato seguire per pochi la stragrande maggioranza della bia. Tanto che se oggi si esita ad del quale quello di Gheddafi è

È
che piedigrottesca. Sto dicendo che lo stallo della politica
minuti i talk-show, conditi popolazione. Da una parte c'è affidare il comando della missio- una viola mammola, non venga italiana, la palude del suo governo e della sua maggioranza in cui
di analisti politici, esperti un dittatore che non ha solo ae- ne libica alla base Nato di Capo- toccata. guizza stancamente e pompettescamente il Caimano, la
militari e a vario titolo, rei e tank ma evidentemente go- dichino, come vorrebbe Berlu- Infine in questa crisi la sinistra friabilità addirittura sospetta dell’opposizione da “non può
giornalisti, che si sono succedu- de ancora di un vasto consenso sconi, è perché si teme l'ostilità italiana ha dato la dimostrazione essere vero, lo fanno apposta…”, ha trovato un evidenziatore
ti sabato pomeriggio dopo la no- e, dall'altra, c'è invece una parte non solo della galassia arabo-mu- scientifica di essere cretina. Nel- formidabile nelle ultime vicende planetarie. Si è cominciato
tizia che i Mirage francesi aveva- della popolazione che non ne sulmana, ma del mondo intero. la Commissione Esteri e Difesa la ridendo con la nipote di Mubarak, mentre si infiammava l’Africa
no preso il volo verso la Libia, vuole più sapere di lui dopo 41 Perché la Nato da sistema difen- Lega si è astenuta sul voto che
per capire che l'attacco dei Pae- anni di regime. Nessuno ha l'au- sivo, quale era stata concepita al- doveva dare il là alla partecipa- minore “ a sorpresa”, con i politici e i politologi colti alla
si occidentali aveva poco o nulla torità e il diritto di decidere co- le sue origini, è diventata sinoni- zione dell'Italia alla missione sprovvista più dei sismologi di fronte ai terremoti. Poi c’è stata
a che fare con la salvaguardia dei me debba andare a finire questa mo di aggressione. contro la Libia. Non lo ha fatto l’apocalisse nipponica, magna pars della quale l’ha fatta
civili colpiti dalla furia del ditta- partita. Deve essere il verdetto solo per il gretto timore di un'in- l’anzianità delle centrali nucleari proprio mentre qui da noi la
tore di Tripoli. Vi si parlava del- del campo di battaglia. E c'è an- E QUESTO, oltre a fomentare vasione di "migranti". È una sua decisione governativa pareva lineare quasi come “una
l'obiettivo della Francia di affer- che il sospetto, non infondato, l'integralismo islamico, spingerà posizione storica nei confronti passeggiata di salute” sia pure da intendersi al contrario. Così il
mare una propria primazia nel che su un indubbio malcontento parecchi Paesi, fra cui l'Iran, a delle aggressioni della Nato. Nel nucleare incombente ha contribuito a spappolare ovviamente il
Mediterraneo, degli Stati Uniti popolare, soprattutto in Cirenai- dotarsi davvero dell'Atomica 1999, mentre la Nato bombarda- centro-destra ma anche a sparigliare almeno parzialmente il
che, sorpresi dall'anticipo alle ca, si siano inseriti degli agent pro- per non essere completamente va la Serbia facendo 5500 vittime centro-sinistra, come sempre indeciso a tutto. Infine adesso la
operazioni dato da Sarkozy, han- vocateur occidentali, inglesi e inermi davanti alle pretese e alle civili (di cui 500 fra gli albanesi “guerra libica”, questa missione da “odissea all’alba” che, già
no lanciato poco dopo dalle lo- francesi, per soffiare sul fuoco. prepotenze occidentali. Non è che voleva proteggere), alcuni contraddittoria di suo ai limiti dell’assurdo con uno Ionesco in
ro navi 110 missili Tomahawk parlamentari leghisti si recarono divisa, nel caso della politica italiana ha fatto fare il botto.
per far capire che rimangono a Belgrado a fare gli "scudi uma- Nessuno sa nulla, né di prima della rivolta né di adesso né
comunque loro ad avere il ba- Distruggere ni", per protesta. E la Lega è stata tantomeno del prossimo futuro. Si sa solo che in Libia si crepa, in
stone del comando, dell'interes- sempre molto tiepida, o ostile,
se della Gran Bretagna a recupe- un Paese sulla missione in Afghanistan.
Italia si teme, le ragioni dell’insieme sono immediatamente
riconducibili alla lotta per il controllo delle materie prime fino a
rare le posizioni perdute nel Una rottura così clamorosa in un
1970 quando Gheddafi cacciò, per lucrare dibattito in cui non si decideva il ieri nelle mani sicure (sicure?) del Colonnello, circondato dalle
oltre a 20 mila italiani che face- destino della "sora Lella" ma una Amazzoni in stile arcoriano o viceversa. E si sa anche che
vano, in genere, i ristoratori o i
sugli affari questione di fondamentale im- Berlusconi è - come si diceva una volta della sua immortalità
negozianti, anche le aziende pe- che seguiranno portanza avrebbe potuto provo- (cfr. un classico come Scapagnini che con una mano curava il
trolifere inglesi, della necessità care una grave crisi nella maggio- “quasi” del dominus bunghesco e con l’altra faceva fallire il
che l'Italia assumesse "una parte alla sua ranza e forse la caduta del gover- comune di Catania) - “tecnicamente un traditore”: sì, su questo
attiva" nell'attacco per poi avere In Occidente molti intellettuali no. E che cosa fa invece il Pd, ere- poche balle, Gheddafi dice il vero perché il Berlusca come
pari titolo a partecipare con gli in buona fede sostengono che i ricostruzione: de di un pacifismo a volte stoma- ricordava ieri qui Travaglio ha firmato un trattato bilaterale e lo
altri al business della ricostru- rivoltosi libici vanno sostenuti "a dopo l’Afghanistan chevole (“meglio rossi che mor- sta mandando in frantumi sia pure “con dolore” a colpi di caccia
zione (che è il nuovo sport oc- prescindere" con le armi, anche ti”)? Si improvvisa in un musco- in volo dall’Italia per una missione squisitamente di pace, come
cidentale: distruggere un Paese rischiando di fare più vittime ci- e l’Iraq, adesso lare quanto improbabile guerrie- immagino sia perspicuo ai più, a cominciare dal Presidente
per poi lucrare sugli affari che vili di quante ne abbia fatte e ne ro, e corre in soccorso del Cava- Napolitano che costituzionalmente la guerra non la può fare.
ne seguono, come è avvenuto in farebbe il raìs di Tripoli, perché è arrivato liere. E allora, se siete così defi- Ne può parlare, sì, anche in modo vellutato, ma soltanto
Afghanistan e in Iraq). Gheddafi è un dittatore e le dit- cienti, vi meritate Berlusconi in
tature, prima o poi, vanno spaz- il turno della Libia saecula saeculorum.
chiamandola “pace armata” o similia.
La gravità dei fatti del mondo, dunque, rimarca e diffonde sul
DEI CIVILI LIBICI si erano di- zate via, anche con la forza, per
menticati tutti. Ogni tanto qual- sostituirle con la democrazia. Un L’onorevole Domenico Scilipoti (FOTO DLM) pianeta la povertà della politica italiana: da troppi anni si è
cuno, in un residuo di pudore, liberale che pretende che tutti svuotata di contenuti per riempirsi di affari e malaffari per
ne faceva cenno, ma si passava siano liberali non è un liberale: è poter ricoprire nell’emergenza un ruolo appena decente.
subito oltre. Le questioni inte- un fascista. Un Occidente che si Sarebbe innaturale, e infatti non accade.E statene certi, non
ressanti erano altre. Uno scena- dice democratico che pretende vedono l’ora di potersi pienamente rituffare in quelle
rio disgustoso che peraltro riflet- che tutti i Paesi lo siano non è, splendide miserie nostrane di stallo e palude in cui paiono
teva quanto stava accadendo sul almeno verso l'esterno, demo- trovarsi così bene. Ma che Giappone e crisi tecnologica della
terreno. Una "no fly zone", am- cratico: è un sistema totalizzante supposta e sedicente modernità che è invece una
messo che sia legittima, prevede e totalitario. Che non riesce più contemporaneità mal riuscita, ma che Gheddafi che rompe i
che i caccia pattuglino il cielo nemmeno a concepire un "altro coglioni a un passo da noi dopo tante feste ben illustrate con
per impedire che gli aerei mili- da sé", che possano esistere po- lui e famiglia.Non vediamo l’ora di ritornare alla routine di
tari del Paese colpito da questa poli che hanno storie, tradizioni, Pdl e Lega, di reimpastare i “responsabili” così che sia chiaro
sanzione si alzino in volo (che è culture, valori, istituzioni diver- che i veri “razzi” sono appunto Razzi e Scilipoti, di
quanto hanno fatto, finora, cor- se dalle sue. Spiace constatarlo combattere per le amministrative mentre dall’altra parte,
rettamente, i nostri Tornado e ma le democrazie, dopo aver bat-
all’opposizione, è tutta una carrozzeria e si rottama oppure
che, se dobbiamo dar credito a tuto i totalitarismi nazifascista e
Berlusconi, e questa volta glielo comunista, si stanno compor- no da mane a sera, mentre l’Idv ai margini fa sfilare Di Pietro
vogliamo dare, continueranno a tando più o meno come gli scon- e Tranfaglia,e più in là De Magistris raschiato dalle unghie di
fare), non che vengano colpiti fitti. Dal 1990, cioè dal crollo del- Grillo”: questo e non altro ci stanno dicendo mentre in
con dei missili mezzi di terra e l'Urss, la Nato, sia pur con ma- Giappone, in Libia, nel Medio Oriente più che incerto le cose
tantomeno edifici militari o pa- scherature varie, ha inanellato sono tremendamente gravi. Da noi sono gravi, sì, ma
ramilitari. In Libia è in atto una cinque guerre d'aggressione: notoriamente tutt’altro che serie.

Un libro del
Chi odia professor Rodotà
fa il punto su libertà
ca perché rinviasse al Parla-
mento leggi per le quali esi-
stevano ragionevoli dubbi di
costituzionalità. In alcuni ca-
flitto prima strisciante, poi
sempre più palese. È divenu-
to fatto costante nella vita
istituzionale un agire di go-
aspramente con il presiden-
te della Repubblica e con la
Corte costituzionale, in par-
ticolare con quest’ultima,

la Costituzione e diritti in Italia:


da quindici anni
si il rinvio vi è stato, ad opera
del presidente Ciampi in ma-
teria di informazione e del
presidente Napolitano in ma-
teria di lavoro. Ma ben più
verni e maggioranze di cen-
trodestra “ai margini della
Costituzione”. Questa è una
constatazione, visto che, ol-
tre al ricordato esercizio da
presentata come un organo
politicizzato, orientato “a si-
nistra”, invasivo delle com-
petenze parlamentari, e per
ciò continuamente minac-
assistiamo parte dei presidenti della Re- ciato di riforme che ne ridi-
È in libreria “Diritti e libertà tutela di libertà e diritti vec- pubblica delle loro legittime mensionerebbero la funzio-
nella storia d’Italia. Conquiste chi e nuovi, come testimo- a un conflitto prerogative, la Corte costitu- ne. Un conflitto istituziona-
e conflitti. 1861-2011” di niano molte sentenze della zionale è dovuta intervenire le, senza precedenti nella
Stefano Rodotà (Donzelli, Corte costituzionale proprio
istituzionale per ristabilire la legalità vio- storia della Repubblica, ha
pagg. 166, 15 euro). Ecco nella materia dell’immigra- senza precedenti lata da leggi particolarmente così caratterizzato gli ultimi
una parte del capitolo sugli zione. Il paradosso nasce dal espressive degli orientamen- anni. Si sono riaffacciate pro-
ultimi 15 anni fatto che negli ultimi anni si è nella storia ti di queste maggioranze (i poste di riforma costituzio-
passati da una delegittima- vari “lodi” a tutela di Berlu- nale che, a parte ogni valu-
di Stefano Rodotà zione della Costituzione nel della Repubblica sconi, la legge sulla procrea- tazione di merito, modifiche-
dibattito pubblico a un suo zione assistita). Ma le senten- rebbero radicalmente il siste-
i sono avuti casi in cui le abbandono nel momento in

S
ze della Corte costituzionale ma, con incidenza profonda
norme europee hanno cui si legiferava proprio su ha cominciato a comportarsi numerose sono state le situa- e le decisioni dei presidenti proprio sulle garanzie di li-
consentito di eliminare libertà e diritti. Non ci si è come se la Costituzione non zioni nelle quali i presidenti della Repubblica non sono bertà e diritti. Questioni ge-
violazioni dei diritti pre- limitati, come si era comin- esistesse, come se fosse un della Repubblica hanno eser- state percepite come l’eser- nerali e temi specifici si sono
senti nella legislazione italia- ciato a fare negli anni Ottan- intralcio o un ostacolo di cui citato la loro “persuasione cizio di legittimi poteri di intrecciati, e considerando
na, com’è avvenuto nel 2011 ta, a disprezzare la Costitu- era giusto liberarsi nel mo- morale” o un vero e proprio controllo, volti a garantire più da vicino alcuni di questi
per i diritti degli immigrati. E zione definendola “minestra mento della legislazione e potere di interdizione pre- eguaglianza tra i cittadini e è possibile cogliere meglio
questo è, per molti versi, un riscaldata” o “ferrovecchio”, dell’azione di governo. Mai ventiva per evitare che si diritti delle persone, ma co- quali caratteristiche sia venu-
esito paradossale, perché anche se proprio queste pa- come in questi anni, per rea- giungesse all’approvazione me indebite invasioni di ta assumendo la società ita-
nella Costituzione italiana role sono tornate nella di- gire a quest’orientamento, si di norme palesemente inco- campo. In più occasioni, go- liana, quali siano i soggetti in
già sono presenti i principi scussione più recente. La sono moltiplicati gli appelli stituzionali. Si è così deter- verni e maggioranze di cen- campo, quali gli interessi più
che possono consentire la maggioranza di centrodestra al presidente della Repubbli- minata una situazione di con- trodestra hanno polemizzato o meno visibili. (...)
Mercoledì 23 marzo 2011 pagina 19

SECONDO TEMPO

MAIL BOX A DOMANDA RISPONDO


Furio Colombo

7 DAL LAVORATORE
AL CONSUMATORE
Una guerra al giorno
LA VIGNETTA aro Colombo, leggo che il potere sindacati e dalla fine dei “privilegi” (che erano le
e la crisi si leva di torno
Finalmente una guerra, per por-
C d’acquisto degli italiani è molto
diminuito. Anzi, veniamo a sapere,
normali, civili conquiste del lavoro) molti avevano
perduto. Ma nessuno aveva guadagnato nulla. Il
tare un po’ d’ossigeno all’asfittica proprio dal settore del commercio, che vasto paesaggio americano però mi consentiva di
economia mondiale! Una guerra le famiglie hanno drasticamente vedere meglio, anche attraverso il mare di
al giorno, toglierebbe le crisi di ridotto gli acquisti. Non parliamo più di pubblicità, l’operazione di trasformazione in
torno! Le Borse si rianimano, il ripresa, d’accordo. Ma è chiaro che il corso. Si trattava di separare il lavoratore dal
prezzo del petrolio scende, la fi- disastro si aggrava, e che è legato alla consumatore. Il conflitto non era più fra vecchi e
nanza si riattiva, così come l'in- disoccupazione. giovani o fra operai tutelati e precari allo sbando.
formazione tv che, dopo i toni di- Vittorio Il condotto era (è) nella stessa persona. Infatti se
messi per le mute immagini della si comincia a vivere, come si vede
tragedia giapponese, si trasfor- LA LETTERAè molto più lunga, ma nell'indimenticabile film “Truman Show” nel
ma in un movimentato videoga- ho scelto la parte che ci aiuta a una riflessione mondo del consumo, si accetta qualunque cosa
me. Intanto passano in secondo che si incontra di rado. Ecco la riflessione. Si è pur di poter acquistare il prodotto buono e
piano il disastro politico ed eco- diffusa, anche fra coloro che si occupano di lavoro necessario, si attenua di molto la frontiera fra
nomico, lo scempio ambientale a sinistra, una persuasione che ha qualcosa di onesto e disonesto, e si sposta accento e desiderio
della nostra penisola, la politica superstizioso. Ti dicono che una minoranza di sulla possibilità di comprare. In questo universo
del nulla, mentre il governo a vita lavoratori è superprotetta e che quella del comprare finisce ogni ingombrante solidarietà
(maggioranza e opposizione) superprotezione priva i non protetti di minime e tutto diventa competizione, ognuno contro tutti.
che ci è stato elargito da altri (che garanzie. L’idea piace alla Confindustria perché Ciò che adesso fanno sapere le associazioni di
noi paghiamo) può continuare ad spinge, allo stesso tempo, a una guerra tra poveri commercianti italiani ci racconta la condizione
operare indisturbato. Non si è e a una guerra tra generazioni. I predoni sono gli decaduta e disperata di molti lavoratori che
avuta l'impressione che la diplo- operai protetti da un contratto. E sono gli anziani avevano smesso da tempo di partecipare ai
mazia internazionale volesse ancora al lavoro, che godono, nei loro contratti, di cortei, ma non possono più essere i consumatori
trovare una via d'uscita che benefici che i giovani non hanno e “non avranno solitari a cui la nuova civiltà li aveva avviati. A
escludesse la guerra, non si è or- ne militare. È incredibile notare pensato all'indifferenza presso- mai più”, uno slogan che suggerisce che prima ti mano a mano che i famosi ipergarantiti perdono
ganizzato nessun tavolo per una quanto poco tempo sia trascor- ché unanime che ruota attorno liberi dei cosiddetti super-protetti, e meglio è. Ho le garanzie che avevano, nessuno guadagna di
trattativa tra Gheddafi, i ribelli e so. Negli anni precedenti prima ai “diversi”, al peso e non alla ri- detto “superstizione” perché ricordo di avere più e tutti di meno. Un solo sentimento si rafforza:
le forze internazionali, benché di autorizzare l'uso delle armi si sorsa che queste donne e uomini sentito girare queste affermazioni nei vari quello che rende possibile l’estendersi di
certamente esistano forti argo- passava attraverso un'intensa at- rappresentano. Signora Valenti- meeting tipo Studio Ambrosetti, diciamo di manodopera disponibile per mafia, ‘ndrangheta e
menti di pressione esercitabili tività diplomatica e solo una vol- na il mondo è questo e peggio- venticinque anni fa, e poi in innumerevoli convegni camorra. I tre sistemi sono i soli, ormai, a
sul Raìs (amico degli occidentali e ta che si era compreso che quella rerà con lui, peggiorerà chi lo go- della Confindustria. Ma in quel periodo vivevo garantire che il consumo non diminuisca.
nemico dei palestinesi) dati gli in- via non avrebbe portato ad alcun verna ma non è detto che chi in negli Usa, seguivo l’evolversi dei rapporti di lavoro Qualcuno avanzerà una moderna teoria in
tensi scambi commerciali e le risultato si passava alle vie di fat- questo mondo ci vive ne sia fe- americani e notavo questo: i famosi privilegi dei proposito?
enormi quantità di armi di ogni to. Devo pensare che questa vol- lice, c’è bisogno di più gente co- lavoratori super-protetti erano stati aboliti da
tipo, vendute alla Libia fino a po- ta non c'era bisogno di cercare le me lei che denunci, che abban- oltre un decennio, ma i giovani, i precari, i Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano
chi giorni prima dell'azione mili- armi di distruzione di massa, na- doni l'anonimato e la triste soli- flessibili, solo in una cosa erano cambiati. Non 00193 Roma, via Valadier n. 42
tare: magari sono proprio quelle scoste così bene che neanche gli tudine che purtroppo molte vol- erano più giovani. Per il resto dalla fine dei lettere@ilfattoquotidiano.it
armi (oltre al petrolio e all'ura- iracheni sarebbero riusciti a tro- te ci si autoimpone e porti alla
nio) che ora si cerca di rendere varle. Ci sono stati e ci sono tut- luce del sole questi ragazzi. Tanti
inoffensive o che si tenta di oc- tora casi in cui nonostante le va- auguri
cultare la causa reale di questa rie risoluzioni delle Nazioni Uni- PS: un Tomahawk costa sui
massiccia e frettolosa azione bel- te, nonostante i destinatari le ab- 750.000 dollari. che non ci si accorga di questo nazionali e le posizioni espresse le, mi preme fare presente che
lica! L'interesse e le ragioni del biano sistematicamente ignora- Rudi filo rosso? Com'è possibile che dal Ministro. Aggiungo che sul sulla home-page del portale, nel-
popolo libico non sembrano l'o- te nessuno si è mai sognato nep- non ci s'indigni a vedere che un'o- portale della Farnesina, non ven- l’apposita sezione “in evidenza”,
biettivo primario e i “benefici” pure lontanamente di scatenare I manganelli al corteo pinione cambia con lo schiocco gono “pubblicate” notizie conti- sono riportate le informazioni
della guerra appaiono essere di l'inferno. Quante sono le risolu- di due dita, o meglio, con il ri- nuative sulle operazioni militari dell’Unità di Crisi e del sito
gran lunga superiori e più sentiti zioni contro Israele rimaste di Torino schio di perdere la poltrona? Do- o sugli sviluppi sul terreno, ag- “Viaggiare Sicuri”, e che da giorni
degli inevitabili “effetti collatera- semplici intenzioni? Un plauso e ringraziamenti sin- ve sono i principi, i valori su cui si giornamenti che spettano ai te- riportano il seguente avviso “so-
li” sul territorio e sui civili, che i Aldo Barlanti ceri alle forze dell'ordine che ieri fondano i politici di oggi? Ieri for- legiornali, ma vengono pubblicati no assolutamente sconsigliati
bombardamenti comportano! alla manifestazione contro il pre- se non saremmo stati d'accordo approfondimenti sulle posizioni viaggi a qualsiasi titolo in tutta la
Più bombe si sganciano e più la Due abbracci sidente del Consiglio, sprezzanti con la dichiarazione di un mini- ufficiali del governo in materia di Libia, in considerazione dei vio-
Crisi si allontana! Fortunati i tu- del pericolo e della loro stessa vi- stro, ma ne avremmo apprezzata politica estera (comunicati uffi- lenti scontri in atto nel Paese (in-
nisini che non hanno il petrolio! alla signora Rinaldi ta hanno allontanato i facinorosi. la coerenza di pensiero, ne ciali, comunicati stampa, dichia- clusa la capitale Tripoli), tra forze
E.P. Ho letto la lettera della signora Facinorosi che hanno l'immane avremmo apprezzato la conti- razioni, interventi, interviste). governative e gli oppositori al re-
Rinaldi e non posso che darle colpa di urlare parole tipo “Ver- nuità con il progetto più ampio Sabato 19, per venire a quanto da gime che hanno tuttora il con-
Perché l’Onu ha avuto due forti abbracci, uno come pa- gogna”, “Dimettiti”. Parole da del suo partito. Ora non ci sono voi sottolineato, nella sezione trollo di singole roccaforti so-
dre di un bambino quasi coeta- veri terroristi rossi. Ovviamente obiettivi e progetti generali per il “stampa” si trovavano i più re- prattutto in Cirenaica. I conna-
così fretta? neo al suo e uno come nipote di la mia è ironia non troppo velata paese, o per il popolo; si fanno centi comunicati, le interviste ed zionali residenti o presenti a ti-
Se c'è una cosa che meraviglia in un uomo morto anni fa dopo 18 dove la vera vergogna oltre che il leggi lì per lì, a seconda di cosa un “pezzo” di approfondimento tolo temporaneo che avevano
questa guerra di Libia è la rapidità anni passati da vegetale sopra a suddetto personaggio contesta- serve in quel momento per non al centro della pagina, dal titolo espresso la volontà di lasciare il
con la quale si è passati dalla si- un letto, posso solo avvicinarmi a to sono le stesse Forze dell'Or- perdere il posto, il potere, il gua- “Focus-Libia: ‘no-fly zone Onu, Paese sono stati assistiti”.
tuazione di preoccupazione per i capire l'amarezza e la delusione dine. Dove sanno solo manga- dagno. Possiamo ancora parlare ruolo dell’Italia per assicurare Maurizio Massari, portavoce del
tumulti popolari, alla votazione di questi genitori, ma la lettera mi nellare e sparare fumogeni (ve- di democrazia in questo caso? sostegno umanitario alle popo- ministro Franco Frattini
in sede di Nazioni Unite, all'azio- ha fatto venire i brividi perché ho detevi i filmati su Internet) a dan- quando ci prendono per i fondel- lazioni civili”. Pezzo che – asse-
no di operai, studenti, precari, li in modo così spudorato? E non condando la continua evoluzio-
IL FATTO di ieri 23 marzo 1909 disoccupati, ecc. Però quando
essi manifestano e protestano a
tocca forse a noi dirgli che basta!
noi non ci stiamo più.
ne degli scenari di crisi - è stato
tenuto costantemente aggiorna-
Il “fattaccio” uscì a tutta pagina sul Corriere della Sera Arcore per i tagli subiti e aumenti Morgana to nel weekend. Per quanto ri- IL FATTO QUOTIDIANO
del 23 marzo 1909. Quindici pompieri dello stimato Corpo di stipendio bloccati dal governo, guarda le questioni “urgenti” alle via Valadier n. 42 - 00193 Roma
dei Vigili del Fuoco milanese, vanto della città nessuno di loro si becca la man- Diritto di Replica quali fa riferimento il suo giorna- lettere@ilfattoquotidiano.it
meneghina, finiti sotto inchiesta e esonerati dalla giunta ganellata o un fumogeno? La fa-
comunale per una storia di presunti rapporti omosessuali mosa par condicio dove sta?! Mi riferisco a quanto riportato in
a pagamento, con notabili della Milano bene dal ricco Marco una colonna del Fatto Quotidia- Direttore responsabile
conto in banca. Preceduto da una ridda di mormorii e no di domenica dal titolo “La Far-
pettegolezzi su alcuni disdicevoli incontri notturni in Il ministro Prestigiacomo nesina non sa nulla: sul sito le no- Antonio Padellaro
caserma, lo scandalo dei pompieri gay, coinvolti in ben tizie di venerdì”. E ho ragione di
remunerate prestazioni fuori servizio, piombò come una
e la politica come impresa ritenere che l’autore non abbia
Vicedirettore Marco Travaglio

Oggi la politica è un'impresa eco- potuto navigare sul portale, del Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
bomba sull’opinione pubblica. Nell’Italia giolittiana in cui
l’omosessualità era vista come “turpe malattia” e in cui, nomica, il suo interesse, come Ministero degli esteri. Il nostro Progetto grafico Paolo Residori
“scapigliati” come Paolo Valera tuonavano inorriditi quello di qualsiasi altra azienda è sito non va mai in vacanza. E sono Redazione
contro “l’oscarwildismo, oscena religione degli invertiti”, quello di guadagnare sempre di in buona evidenza, nello spazio 00193 Roma , Via Valadier n°42
la vicenda, passata da gossip a caso politico, finì col più e per farlo deve riuscire a “in primo piano” della home pa- tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
vendersi al maggior numero di ge, da alcuni giorni, due sessioni e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
travolgere professionisti e illustri insospettabili tra cui il
sito: www.ilfattoquotidiano.it
figlio del sindaco, il marchese Ettore Ponti, costretto, consumatori possibili. Ne è una appositamente dedicate alle gra-
insieme all’intera giunta, a dimettersi. Ultimo atto di uno dimostrazione la dichiarazione vi emergenze delle ultime setti- Editoriale il Fatto S.p.A.
della sig.ra Prestigiacomo a pro- mane, Libia e Giappone. Sezioni Sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n°42
scandalo che, tra vignette al veleno dei giornali satirici e
sconcerto popolare, sarà poi repentinamente archiviato. posito della questione sul nu- in continuo e costante aggiorna- Presidente e Amministratore delegato
Troppo imbarazzante per la Milano capitale morale della cleare: per ora ci fermiamo, al- mento che riportano gli scenari Giorgio Poidomani
nuova Italia unita. trimenti perdiamo voti. Quel di riferimento, le note ufficiali, gli Consiglio di Amministrazione
Giovanna Gabrielli che mi chiedo è: com'è possibile aggiornamenti dei vertici inter- Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Valadier n° 42, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano
Se lavori in proprio,
possiamo fare
business insieme.

Oggi chi lavora in proprio ha un aiuto in più. È Business Insieme, un’ampia


offerta di servizi e prodotti personalizzati per sostenere liberi professionisti,
commercianti, artigiani e piccoli imprenditori. Vieni in Filiale a parlare
con uno dei nostri Gestori. Troverai la soluzione adatta alle tue esigenze.

Massimo Corona, artigiano. www.smallbusiness.intesasanpaolo.com

Messaggio Pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali consultare i Fogli Informativi disponibili in Filiale e sul sito internet della Banca.