Sei sulla pagina 1di 6

ANALISI MATEMATICA 1

Ingegneria Gestionale, dell’Innovazione del Prodotto e Meccatronica


Docenti: V. Casarino, F. Rossi e S. Zoccante
Vicenza, 10 settembre 2020
Quarto appello
TURNO 1

Esercizio 1. (20 minuti) Sia k ∈ R. Data la serie


+∞ √
X
n n+1
(−1) k
,
n=2
2 n − arctan n
(a) discuterne la convergenza semplice e assoluta per k ≥ 2;
(b) studiarne poi la convergenza semplice e assoluta per k = 1.

1
ANALISI MATEMATICA 1
Ingegneria Gestionale, dell’Innovazione del Prodotto e Meccatronica
Docenti: V. Casarino, F. Rossi e S. Zoccante
Vicenza, 10 settembre 2020
Quarto appello
TURNO 1

Esercizio 2. (15 minuti)


(a) Disegnare il grafico di g(x) = |x2 − 4|.
(b) Determinare il dominio della funzione
1 1
f (x) = + .
log (|x2 − 4| − 1) x + 10

Nella domanda b), si raccomanda di scrivere precisamente tutte le


condizioni che devono essere soddisfatte dai punti del dominio di f .
ANALISI MATEMATICA 1
Ingegneria Gestionale, dell’Innovazione del Prodotto e Meccatronica
Docenti: V. Casarino, F. Rossi e S. Zoccante
Vicenza, 10 settembre 2020
Quarto appello
TURNO 1
Esercizio 3. (15 minuti)
Data la funzione
1
g(x) = 2
 ,
arctan x + 4 arctan x + 3 (1 + x2 )
calcolare l’area della regione del piano
D = {(x, y) ∈ R2 : x ∈ [0, 1], 0 ≤ y ≤ g(x)} .
Cenni di svolgimento del Tema 1
Esercizio 1.
(a) Poniamo
√ √
n n+1 n+1
an = (−1) k
e bn = |an | = k
2n − arctan n 2n − arctan n
k
(qui abbiamo usato il fatto che 2n − arctan n ≥ 0 per n ≥ 2 e k ≥ 1).
Studiamo innanzitutto la convergenza assoluta, cioè la convergenza della
serie √
+∞ +∞
X X n+1
|an | = k
.
n=2 n=2
2 n − arctan n
Il termine generico |an | per n → +∞ si comporta come

n 1
|an | ∼ k = k−1/2 .
2n 2n
Poiché k − 1/2 ≥ 3/2, la serie data converge assolutamente (e quindi anche
semplicemente) per il criterio del confronto asintotico. Essa converge quindi
anche semplicemente.
(b) Se k = 1, la serie data non converge assolutamente perché

n 1
|an | ∼ = 1/2
2n 2n
e la serie
+∞
X 1
n=2
2n1/2
è divergente.
Studiamo a parte la convergenza semplice. Proviamo ad applicare il criterio
di Leibniz, dal momento che la serie data è a segni alterni.
Poiché bn > 0 e bn → 0 per n → +∞, è sufficiente dimostrare che {bn } è
decrescente. Poniamo

x+1
f (x) =
2x − arctan x
0
e calcoliamo f . Si ha
√ √
0 − arctan x/(2 x) + ( x + 1)/(1 + x2 ) − 2
f (x) = .
(2x − arctan x)2
√ √
Per x abbastanza grande, i termini al numeratore arctan x/(2 x) e ( x +
1)/(1 + x2 ) sono trascurabili rispetto a −2. Si ha, più precisamente,

0 −2 + o(1/ x)
f (x) = ,
(2x − arctan x)2
quindi
f 0 (x) < 0
per x > M per un certo M > 0, da cui segue che {bn } è decrescente per n > n0 ,
per un certo n0 ∈ N. Il criterio di Leibniz garantisce allora la convergenza
semplice della serie assegnata.
Esercizio 2.
(a) Il grafico di g è

(b) Le condizioni da imporre per determinare il dominio di f sono


• |x2 − 4| − 1 > 0
• |x2 − 4| − 1 6= 1
• x 6= −10.
Riscriviamo le condizioni come
• g(x) > 1
• g(x) 6= 2
• x 6= −10.
Dal grafico di g deduciamo quindi che g(x) > 1 se e solo se
√ √ √ √
x ∈ (− 3, 3) oppure x < − 5 oppure x > 5,
√ √
e che g(x) 6= 2 se e solo se x 6= ± 6 e x 6= ± 2. Si ha quindi
√ √ √ √ √
domf = (−∞, −10) ∪ (−10, − 6) ∪ (− 6, − 5) ∪ (− 3, − 2)
√ √ √ √ √ √ √
∪(− 2, 2) ∪ ( 2, 3) ∪ ( 5, 6) ∪ ( 6, +∞).

Esercizio 3.
La funzione
1
g(x) = 2
 ,
arctan x + 4 arctan x + 3 (1 + x2 )
è positiva per x ∈ (0, 1), quindi l’area richiesta è data da
Z 1
A(D) = g(x)dx.
0
Per calcolare
Z 1
1
A(D) = 2
 dx,
0 arctan x + 4 arctan x + 3 (1 + x2 )
poniamo arctan x = y, da cui
Z arctan 1 Z π/4
1 1
A(D) = 2
dy = dy,
0 y + 4y + 3 0 y2 + 4y + 3
Usando il metodo dei fratti semplici, si ottiene
Z
1 1
= (log(1 + y) − log(3 + y)) + C
y 2 + 4y + 3 2
da cui
Z π/4
1 1 1
A(D) = dy = (log(1 + π/4) − log(3 + π/4)) − (log(1) − log(3))
0 y2 + 4y + 3 2 2
1 1
= (log(1 + π/4) − log(3 + π/4)) − log 3.
2 2

Potrebbero piacerti anche