Sei sulla pagina 1di 27

Lanquan li jorn son lonc en mai Quando i giorni sono lunghi in maggio

m’es belhs dous chans d’auzelhs de lonh, mi piace il dolce canto degli uccelli di lontano
e quan me sui partitz de lai e quando mi sono separato di li
remembra·m d’un’amor de lonh: mi ricordo di un amore di lontano
vau de talan embroncx e clis, 5 vado con uno stato d animo triste e imbronciato
que chans ni flors d’albespis cosicché il canto e il fiore di biancospino
no·m platz plus que l’iverns gelatz. non mi piace più che l’inverno gelato

Ja mais d’amor no·m jauzirai Giammai d’amore non godró


si no·m jau d’est’amor de lonh: se non godo di questo amore di lontano
que gensor ni melhor non sai 10 poiché più nobile né migliore non conosco
ves nulha part, ni pres ni lonh. da nessuna parte, né vicino né lontano.
Tant es sos pretz verais e fis Tanto è il suo pregio, vero e perfetto
que lai el reng dels sarrazis che nel regno del saraceno
fos ieu per lieis chaitius clamatz! fossi io per lei prigioniero chiamato

Iratz e jauzens m’en partrai, 15 Triste e gioioso me se separerò


s’ieu ja la vei l’amor de lonh; se io già la vedo l’amore di lontano;
mas no sai quoras la veirai, ma non so a che ora lo vedrò
car trop son nostras terras lonh: poiché molte sono le nostre terre lontane
assatz i a pas e camis, assai i passi e cammini,
e per aisso no·n sui devis… 20 e per questo non posso indovinare qnd vedo l’amore di lontano
Mas tot sia cum a Dieu platz! Ma tutto sia como vuole Dio.

Be·m parra jois quan li querrai, Davvero mi sembrerà felicità quando lo chiederò
per amor Dieu, l’alberc de lonh: per l’amore di Dio, l’accoglienza da lontano
e, s’a lieis platz, alberguarai e se a lei piace mi riceverà
pres de lieis, si be·m sui de lonh. 25 presso di lei, poiché io sono di lontano.
Adoncs parra·l parlamens fis Dunque sembrerà il nostro parlare perfetto
quan drutz lonhdas er tan vezis quando l’amante sarà tanto vicino
qu’ab cortes ginh jauzis solatz che con cortese ingegno gode.

Ben tenc lo Senhor per verai Ritengo il Signore vero


per qu’ieu veirai l’amor de lonh; 30 perché io vedrò l’amore di lontano;
mas per un ben que m’en eschai ma per un bene che mi accade ne ho due mali
n’ai dos mals, quar tan m’es de lonh. poiché tanto mi è di lontano.
Ai! car me fos lai pelegris, Ai! Se io fossi la pellegrino
si que mos fustz e mos tapis cosicché il mio bastano e il mio mantello
fos pels sieus belhs huelhs remiratz! 35 fosse per i suoi begli occhi rimirato.

Dieus, que fetz tot quant ve ni vai Dio, che fece tutto quanto viene e va
e formet sest’amor de lonh, e formò questo amore di lontano
mi don poder, que cor ieu n’ai, mi dia la forza, poiché io ne ho cuore (l’intenzione)
qu’ieu veia sest’amor de lonh, che io veda questo amore di lontano
veraiamen, en tals aizis, 40 veramente, in tale agio
si que la cambra e·l jardis cosicché la camera e il giardino
mi resembles totz temps palatz! mi sembrino sempre palazzo!
Ver ditz qui m’apella lechai Dice la verità chi mi chiama ghiotto
ni deziron d’amor de lonh, o bramoso di un amore di lontano
car nulhs autres jois tan no·m plai 45 poiché nessun altra gioi tanto non mi piace
cum jauzimens d’amor de lonh. como il godimento dell’amore di lontano.
Mas so qu’ieu vuelh m’es atahis, Ma ciò che io voglio mi è vietato,
qu’enaissi·m fadet mos pairis e così mi ha predetto il fato il mio padrino,
qu’ieu ames e non fos amatz. che amassi e che non fossi amato.

Mas so qu’ieu vuelh m’es atahis. 50 Ma ciò che io voglio mi è vietato.


Totz sia mauditz lo pairis Del tutto sia maledetto il padrino
que·m fadet qu’ieu non fos amatz che mi ha posto nel fato che non fossi amato.

Bernart de Ventadorn- No es meravelha s’eu chan

Non es meravelha s’eu chan Non è meraviglia se io canto


melhs de nul autre chantador, meglio di ogni altro cantore,
que plus me tra·l cors vas amor poiché di più mi trae il cuore verso amore
e melhs sui faihz a so coman. e meglio sono fatto a suo comando.
Cor e cors e saber e sen 5 Cuore e corpo e sapere e senno
e fors’e poder i ai mes. forza e potere ci ho messo.
Si·m tira vas amor lo fres Così mi tira verso amore il freno
que vas autra part no m’aten. poiché verso altra parte non mi indirizzo.

Ben es mortz qui d’amor no sen Davvero è morto chi non sente d’amore
al cor cal que dousa sabor; 10 al cuore dolce sapore;
e que val viure ses amor e che cosa vale vivere senza amore
mas per enoi far a la gen? se non per far fastidio alla gente?
Ja Domnedeus no m’azir tan Mai Dio non si adiri tanto
qu’eu ja pois viva jorn ni mes, che io giammai viva giorno o mese
pois que d’enoi serai mespres 15 dopo che sarò ripreso per il fastidio
ni d’amor non aurai talan. o che d’amore non avrò desiderio.

Per bona fe e ses enjan Per buona fede e senza inganno io amo
am la plus bel’e la melhor. la più bella e la migliore.
Del cor sospir e dels olhs plor, Dal cuore sospiro e dagli occhi piango,
car tan l’am eu, per que i ai dan. poiché tanto la amo io per cui vi ho danno
Eu qu’en posc mais, s’Amors me pren, Ed io che posso mai se amore mi prende,
e las charcers en que m’a mes, e le carceri in cui mi ha messo
no pot claus obrir mas merces, non può alcuna chiave aprire se non la misericordia
e de merce no·i trop nien? e di misericordia non ne trovo nulla?

Aquest’amors me fer tan gen 25 Questo mi colpisce tanto gentilmente


al cor d’una dousa sabor: al cuore con un piacere
cen vetz mor lo jorn de dolor 100 volte muoio durante il giorno di dolore
e reviu de joi autras cen. e rivivo di gioia altri 100.
Ben es mos mals de bel semblan, Davvero è il mio male di bell’aspetto
que mais val mos mals qu’autre bes; 30 poiché di più vale il mio male che altro bene;
e pois mos mals aitan bos m’es, così tanto buono mi è,
bos er lo bes apres l’afan. buono sarà il bene dopo il dolore.

Ai Deus! car se fosson trian Oh mio Dio! se fossero distinguibili


d’entre·ls faus li fin amador, tra i falsi i perfetti amanti,
e·lh lauzenger e·lh trichador 35 e che i lusingatori e gli ingannatori
portesson corns el fron denan! portassero corni sulla fronte davanti!
Tot l’aur del mon e tot l’argen Tutto l’oro del mondo e tutto l’argento
i volgr’aver dat, s’eu l’agues, vorrei aver dato, se io l’avessi
sol que ma domna conogues se solo la mia signora conoscesse
aissi com eu l’am finamen. 40 come io la amo finemente (perfettamente).

Cant eu la vei, be m’es parven Quando io la vedo, davvero mi sembra


als olhs, al vis, a la color, agli occhi, al viso, e al colorito
car aissi tremble de paor poiché così tremo di paura
com fa la folha contra·l ven. come la foglia contro il vento.
Non ai de sen per un efan, Non ho l'intelligenza come per un bambino
aissi sui d’amor entrepres; così sono d’amore avvinto;(sono prigioniero d’amore)
e d’ome qu’es aissi conques, e di persona che così conquistato
pot domn’aver almorna gran. può la signora avere grande compassione.

Bona domna, re no·us deman Valente donna, alcuna cosa non vi chiedo
mas que·m prendatz per servidor, 50 se non che mi prendiate per servitore
qu’e·us servirai com bo senhor, dal momento che vi servirò come un mio giusto signore
cossi que del gazardo m’an. affinché potrò avere la ricompensa.
Ve·us m’al vostre comandamen, Eccomi al vostro comando,
francs cors umils, gais e cortes! nobile cuore umile, gioioso e cortese!
Ors ni leos non etz vos ges, 55 Orso né leone siete voi affatto,
que m’aucizatz, s’a vos me ren. poiché mi uccidete, se a voi mi rendo.

A Mo Cortes, lai on ilh es, A Mo Cortes, là dove lui è,


tramet lo vers, e ja no·lh pes si trasmette il componimento, e già non gli pesi
car n’ai estat tan lonjamen. poiché io ne sono rimasto tanto di lontano

Testo n5 Chastelain de Coucil Lo douce voiz du louseignol sauvage

La douce voiz du louseignol sauvage La dolce voce dell’usignolo selvatico


Qu'oi nuit et jour cointoier et tentir che ascolto notte e giorno
M'adoucist si le cuer et rassouage mi ha addolcisce così il cuore e rasserena
Qu'or ai talent que chant pour esbaudir; che ora ho desiderio di cantare per rallegrare
Bien doi chanter puis qu'il vient a plaisir 5 Davvero devo cantare poiché le viene a piacere
Cele qui j'ai fait de cuer lige homage; alla quale io ho fatto del cuore un pegno fedele
Si doi avoir grant joie en mon corage Così devo avere devo avere grande gioia nel mio cuore
S'ele me veut a son oez retenir. Se lei mi vuole a suo servizio tenere.

Onques vers li n'eu faus cuer ne volage, Non ho mai avuto verso di lei falso cuore né mutevole
Si m'en devroit pour tant mieuz avenir, 10 e per tanto dovrebbe venire il meglio
Ainz l'aim et serf et aour par usage, anzi la amo, la servo e l’adoro costantemente
Mais ne li os mon pensé descouvrir, e così non oso il mio pensiero rivelare
Quar sa biautez me fait tant esbair poiché la sua bellezza mi fa tanto turbare
Que je ne sai devant li nul language; che io non so davanti a lei nessuna lingua
Nis reguarder n'os son simple visage, 15 e né oso guardare il suo viso ben fatto
Tant en redout mes ieuz a departir. tanto temo che i miei occhi vado a separarsi.

Tant ai en li ferm assis mon corage Tanto in lei riposto fermamente la mia volontà
Qu'ailleurs ne pens, et Diex m'en lait joïr! che altro non penso, e Dio me ne lasci gioire
C'onques Tristanz, qui but le beverage, Che mai Tristano bevve la pozione
Pluz loiaument n'ama sanz repentir; 20 più lealmente non amò senza pentirsene;
Quar g'i met tout, cuer et cors et desir, poiché io metto tutto, cuore, corpo, desiderio
Force et pooir, ne sai se faiz folage; forza, potere, né so se faccio follia;
Encor me dout qu'en trestout mon eage e ancora ho timore che in tutta la mia vita
Ne puisse assez li et s'amour servir. non possa lei e il suo amore servire.

Je ne di pas que je face folage, 25 Io non dico che faccio follia,


Nis se pour li me devoie morir, neanche se per lei dovessi morire
Qu'el mont ne truis tant bele ne si sage, poiché nel mondo io non trovo una tanto bella e saggia
Ne nule rienz n'est tant a mon desir; né nulla cosa non è tanto a mio desiderio
Mout aim mes ieuz qui me firent choisir; molto amo i miei occhi che me l’hanno fatta scegliere
Lors que la vi, li laissai en hostage 30 dal momento in cui la vidi le lascia in ostaggio
Mon cuer, qui puiz i a fait lonc estage, il mio cuore, che poi li ha fatto una lunga permanenza
Ne ja nul jour ne l'en quier departir. e mai nessun giorno chiede si separarsi.

Chançon, va t'en pour faire mon message Canzone, vai e fattene mio messaggero
La u je n'os trestourner ne guenchir, laddove non oso ritornare né tornare indietro
Quar tant redout la fole gent ombrage 35 poiché tanto temo la folle gente cupa
Qui devinent, ainz qu'il puist avenir, che indovina, prima che possa avvenire,
Les bienz d'amours (Diex les puist maleïr!). i beni d’amore (Dio li posso maledire!)
A maint amant ont fait ire et damage; A molti amanti hanno fatto rabbia e oltraggio
Maiz j'ai de ce mout cruel avantage ma io di questo crudele vantaggio
Qu'il les m'estuet seur mon pois obeïr che mi tocca obbedirle mio malgrado.

Giacomo da Lentini: Madonna, dir vo voglio:

Madonna, dir vo voglio Mia signora, vi voglio dire


como l’amor m’ à priso, come l’amore mi ha fatto prigioniero
inver’ lo grande orgoglio contro il grande arroganza
che voi, bella, mostrate, e no m’aita. che voi bella mi mostrate e non mi aiuta.
Oi lasso, lo meo core, 5 Povero me, il mio cuore,
che ’n tante pene è miso che in tante pene è messo
che vive quando more che vive quando muore
per bene amare, e teneselo a vita! per l’amore bene (fin amor), e lo ritiene “normale”
Dunque mor’e viv’eo? Dunque io vivo e muoio?
No, ma lo core meo 10 No, ma il mio cuore
more più spesso e forte muore più spesso e forte
che non faria di morte naturale, di quando non farebbe di morte naturale
per voi, donna, cui ama, per voi donna, che ama,
più che se stesso brama, e che più di se stesso desidera
e voi pur lo sdegnate: 15 e voi sempre lo sdegnate
Amor, vostr’amistate vidi male. Amore, la vostra accondiscendenza, ho mal interpretato.

Lo meo ’namoramento Il mio innamoramento


non pò parire in detto, non può essere espresso a parole
ma sì com’eo lo sento ma come io lo sento
cor no lo penseria né diria lingua; 20 il cuore non lo penserebbe né lo direbbe la lingua
e zo ch’eo dico è nente e ciò che io dico è nulla
inver’ ch’eo son distretto dal momento che sono costretto (prigioniero)
tanto coralemente: tanto coralemente:
foc’aio al cor non credo mai si stingua, fuoco ho al cuore e non credo che mia si possa estingue
anzi si pur alluma: 25 anzi sempre si riaccede
perché non mi consuma? perché non mi consuma?
La salamandra audivi La salamandra ho ascoltato
che ’nfra lo foco vivi stando sana; che tra il fuoco vive restando sana
eo sì fo per long’uso, io così faccio da sempre
vivo ’n foc’amoroso 30 vivo in un fuoco amoroso
e non saccio ch’eo dica: e non so cosa posso dire
lo meo lavoro spica e non ingrana. il mio grano mette la spiga ma non ingrana.

Madonna, sì m’avene Mia signora, così mi avviene


ch’eo non posso avenire che io non possa riuscire
com’eo dicesse bene 35 nonostante io dica bene
la propia cosa ch’eo sento d’amore: la giusta cosa che io sento rispetto all’amore
sì com’omo in prudito e così come l’uomo si trova nel prurito
lo cor mi fa sentire, il cuore mi fa sentire
che giamai no ’nd’è quito che giammai non riesce ad avere pace
mentre non pò toccar lo suo sentore. perché non può toccare la parte che gli da prurito
Lo non-poter mi turba, Questo mi turba,
com’on che pinge e sturba, come colui che dipinge e cancella,
e pure li dispiace e sempre gli dispiace
lo pingere che face, e sé riprende, la pittura che fa, e si da la colpa,
che non fa per natura 45 perché non fa il modo fedele
la propïa pintura; la propria pittura
e non è da blasmare non è da biasimare
omo che cade in mare a che s’aprende. chi cade in mare se si afferra a qualsiasi cosa

Lo vostr’amor che m’ave Il vostro amore che mi ha messo


in mare tempestoso, 50 in un mare tempestoso,
è sì como la nave così come la nave
c’a la fortuna getta ogni pesanti, che (d. alla tempesta) getta ogni zavorra,
e campan per lo getto e vivono per questo gettar fuori
di loco periglioso: rispetto alla situazione pericolosa
similemente eo getto 55 in modo simile io getto
a voi, bella, li mei sospiri e pianti, a voi, bella, i miei sospiri e pianti,
che s’eo no li gittasse poiché se io non li gettassi
parria che soffondasse, mi sembrerebbe di affondare
e bene soffondara, e bene affonderei
lo cor tanto gravara in suo disio; poiché il mio cuore è pesante nel suo desiderio;
che tanto frange a terra poiché tanto si infrange a terra
tempesta che s’aterra, la tempesta
ed eo così rinfrango: anche io così mi scarico
quando sospiro e piango posar crio. quando sospiro e piango credo di riposare.

Assai mi son mostrato 65 Troppo mi sono mostrato


a voi, bella spietata, a voi, bella spietata
com’eo so’ innamorato, come io sono innamorato
ma creio ch’e’ dispiacerï’ a voi pinto ma io credo che disegnereste anche se fossi dipinto
Poi c’a me solo, lasso, E dal momento che da solo, infelice,
cotal ventura è data, 70 questa sorte è data
perché no mi ’nde lasso? perché non me ne libero?
Non posso, di tal guisa Amor m’à vinto. Non posso perché Amore mi ha vincolato
Vorria c’or avenisse vorrei che ora avvenisse
che lo meo core ’scisse che il mio cuore uscisse
come ’ncarnato tutto, 75 come se fosse tutto incarnato
e non facesse motto a voi, sdegnosa; e non dicesse parola a voi, sdegnosa (orgogliosa)
c’Amore a tal l’adusse poiché Amore lo ha portato
ca, se vipera i fusse, che se ci fosse una vipera,
natura perderia: perderebbe la sua natura
a tal lo vederia, fora pietosa lo vedrebbe in tal modo e diventerebbe pietosa

Folquet de Marselha (...) - A vos, midontç, voill retrair’en cantan

A vos, midontç, voill retrair’en cantan A voi signora, voglio raccontare cantando
cosi·m destreign Amor[s] e men’a fre come mi imprigiona Amore e mi conduce con la briglia
vas l’arguogll gran, e no m’aguda re, rispetto al grande orgoglio che non mi aiuta affatto
qe·m mostras on plu merce vos deman; che mi mostrate dove io invece vi domando di più misericordia
mas tan mi son li consir e l’afan 5 ma tanto mi sono i pensieri e gli affanni
qe viu qant muer per amar finamen. che vivo quando muoio per amare finemente ( i precetti della fin amore
Donc mor e viu? non, mas mos cors cocios Dunque muoio e vivo? no ma, il mio cuore desidereso
mor e reviu de cosir amoros muore e rivive di pensiero amoroso
a vos, dompna, c[e] am tan coralmen; verso di voi, signora, che ama tanto dal profondo
sufretç ab gioi sa vid’al mort cuisen, sopportate, con gioia la sua vita al morto che arde
per qe mal vi la gran beutat de vos. poiché male vidi la grande bellezza di voi.

Parer non pot per dic ni per senblan Non può apparire a parole né per immagine
lo bens ce vos voigll ab † len carna fe † il bene che vi voglio
mas nie[n]s es so ce vos dic: si·m te ma ciò che io vi dico è niente è così mi tiene
al cor us fioc[s] que no·s † remuda o dan. al cuore un fuoco che non
Per cals raisons no m’ausi consuman? Per quale ragione non mi uccide consumandomi?
Savi dion e l’autor veramen I saggi dicono e l’autore veramente
qe longincs us, segon dreic et raiso[s], che un lungo uso, secondo diritto e ragione,
si convertis e natura, don vos si converte in nature, per cui voi
deves saber car eu n’ai eissamen 20 dovete sapere che io ne ho ugualmente
per longinc us en fioc d’amor plaisen per lungo uso un fuoco d’ amore piacevole.

Don Dinis (1261-1325) - Quer'eu em maneira de proençal (ed. G. E. Sansone)


[schema metrico: 10a 10b 10b 10a 10c 10c 10a]

Quer'eu em maneira de proençal Voglio in maniera dei provenzale


fazer agora um cantar d'amor fare ora un canto d’amore
e querrei muit'i loar mha senhor e vorrei molto lodare mia signora
a que prez nem fremosura nom fal, alla quale pregio e bellezza non manca
nem bondade; e mais vos direi en: 5 nemmeno la bontà, e di più ve ne dirò
tanto a fez Deus comprida de bem tanto la fece Dio completa di bene
que mais que todas las do mundo val. che di più che tutte quelle del mondo vale.

Ca mha senhor quizo Deus fazer tal, Poiché mia signora pensò Dio di farla tale,
quando a fez, que a fez sabedor quando la fece, poiché la face conoscitrice
de todo bem e de mui gram valor, 10 di ogni bene e di molto gran valore,
e com tod'esto é mui comunal e nonostante tutto ciò è molto ben disposta
ali u deve; er deu-lhi bom sem lì dove deve (conviene); e gli deve buona intelligenza
e desi nom lhi fez pouco de bem e così non le fece poco di bene
quando nom quis que lh'outra foss'igual. quando non volle che altra le fosse uguale.

Ca em mha senhor nunca Deus pos mal, 15 Poiché nella mia signora mai Dio pose del male
mais pos i prez e beldad' e loor ma vi pose pregio e bellezza e lode (d’animo)
e falar mui bem, e riir melhor e il parlare molto bene e il ridere ancora meglio
que outra molher; desi é leal che ogni altra donna; così è leale
muit', e por esto nom sei oj' eu quem molto e per questo non conosco nessuno che
possa compridamente no seu bem 20 possa compiutamente
falar, ca nom a, tra-lo seu bem, al. parlare del suo bene, poiché non c’è oltre al suo bene altro
(fig. 7)

Martim Codax (...1250-1275...) - Ondas do mar de Vigo


[schema metrico: 7a 7a 7b (cantiga d'amigo)

Ondas do mar de Vigo, Onde del mar di Vigo


se vistes meu amigo? avete visto il mio amico?
e ai Deus, se verrá cedo? oh mio Dio, verrà presto?

Ondas do mar levado, Onde del mar burrascoso,


se vistes meu amado? 5 avete visto il mio amato
e ai Deus, se verrá cedo? oh mio Dio, verrà presto?

Se vistes meu amigo, Se avete visto il mio amico,


o por que eu sospiro? perché io sospiro?
e ai Deus, se verrá cedo? oh mio Dio, verrà presto?
Se vistes meu amado, 10 Se avete visto il mio amato,
o por que hei gram coidado? perché io ho gran pensiero?
e ai Deus, se verrá cedo? oh mio Dio, se verrà presto?

Anonimo (XIII sec.) - Entre moi et mon ami (ed. Au. Roncaglia)
[schema metrico: 7a 7b 7a 7b 5c 7c 7d 7d 5e 6d 5e 6d (alba)]

Entre moi et mon ami Tra me e il mio amante


entre un bois k'est les Betune, in un bosco presso Betune,
alanmes juant mardi siamo andati martedì a giocare all'amore
toute la nuit a la lune, tutta la notte sotto la luna,
tant k'il ajorna 5 finché è diventato giorno
et ke laloue chanta, e che l'allodola ha cantato
ke dist: «Amis, alons an». e dice “Amico, dobbiamo andare”.
Et il respont doucement: E lui risponde dolcemente
«Il n'est mie jors, “Non è mica giorno,
saverouze au cors gent, 10 dolce (alla sua donna) dal corpo bello
si m'ait amors, se sono aiutato d’amore
l'alouette nos mant». l'allodoletta ci mente”

Adont se trait pres de mi, Dunque si è avvicinato a me


et je ne fus pas anfrune: e io non ne ero affatto scontenta:
bien trois fois me baisa il, 15 ben tre volte mi ha baciata
ansi fis je lui plus l'une, anzi io feci lo stesso a lui più una,
k'ainz ne m'anoia. che invece non mi dava per niente fastidio.
Adonc vosessiens nous la Dunque avremmo voluto là
ke celle nuis durast sant, che quella notte durasse cento,
mai ke plus n'alast disant: 20 e che mai più andassimo dicendo
«Il n'est mie jors, Non è mica giorno,
saverouze au cors gent, mia dolce dal corpo gentile,
si m'ait amors, così mi aiuti amore, (evocativo in cui Amore è posto sopra tutti)
l'alouette nos mant l'allodoletta ci mente.

Marcabru (...1130-1150...) - L’autrer jost’una sebissa (ed. Au. Roncaglia)


[schema metrico: a7’ a7’ a7’ b7’ a7’ a7’ b7’ (pastorella) - melodia:

L’autr'ier jost’una sebissa Tempo fa presso una siepe


trobei pastora mestissa, trovai una pastorella umile,
de joi e de sen massissa; di gioia e di senno colma;
si cum filha de vilana: così come figlia di villana:
cap’ e gonela pelissa 5 poiché vestiva una cappa e gonna di pelliccia
vest e camiza treslissa, una veste e una camicia “di rozza fattura”
sotlars e caussas de lana. zoccoli e calze di lana.

Ves lieis vinc per la planissa: Verso di lei venni per la pianura:
«Toza», fi·m ieu, «res faitissa, Ragazza, feci io, bella creatura
dol ai car lo freitz vos fissa». 10 dolore ho poiché il freddo vi punge.
«Seigner,» so·m dis la vilana Signore, così mi disse la villana
«Merce Dieu e ma noirissa, “Grazie a Dio e alla mia nutrice,
pauc m'o pretz si·l vens m’erissa, poco mi importa se il vento vi scarniglia,
qu’alegreta sui e sana». perché sono sia allegra che sana.

«Bella,» fi·m ieu «cauza pia, 15 Bella, feci io, cosa misericordiosa,
destorts me sui de la via mi sono distolto dal cammino
per far a vos compaignia; per fare a voi compagnia;
quar aitals toza vilana poiché una tale ragazza villana
non deu ses pareill paria non deve senza una pari compagnia
pastorgar tanta bestia 20 pascolare tanto bestiame
en aital terra soldana». in una tale terra solitaria.

«Don,» fetz ela, «qui que·m sia, Signore, fece ella, chiunque io sia,
ben conosc sen e folia; bene so distinguere senno e follia;
la vostra pareillaria, la vostra compagnia,
seigner,» so·m dis la vilana, 25 signore, così mi disse la villana
«lai on se tang si s’estia, “laddove si conviene così rimanga,
que tals la cuid’ en bailia poiché tale che credo di tenerla in sua balia
tener, non’a mas l’ufana». ma non ne ha se non la presunzione di farlo.

«Bella de gentil afaire, Bella di nobile aspetto,


cavaliers fon vostre paire 30 un cavaliere fu vostro padre
que·us engenret en la maire, che vi generò nella madre,
car fon corteza vilana. poiché ella fu una cortese villana.
Com plus vos gart, m’es belaire, Quanto più vi guardo mi piacete di più,
e per vostre joi m’esclaire, e mi rallegro per la gioia che verrà da voi,
si·m fossetz un pauc humana!». 35 solo se mi foste un po più accondiscendente.

«Don, tot mon ling e mon aire Signore, tutta la mia discendenza
vei revertir e retraire vedo ritornare e rivolgersi
al vezoig et a l'araire, alla vanga e con l’aratro,
seigner,» so·m dis la vilana signore, così mi disse la villana
«mas tals se fai cavalgaire 40 ma tale si fa passare per cavaliere
c'atrestal deuria faire che altrettanto dovrebbe fare
los seis jorns de la setmana». gli altri sei giorni della settimana.

«Bella,» fi·m ieu «gentils fada Bella, feci io, gentile fata
vos adastret, quan fos nada, voi quando siete nata, siete stata dotata dagli astri,
d'una beutat esmerada 45 una bellezza splendida
sobre tot'autra vilana; al di sopra di ogni altra villana;
e seria·us ben doblada, e sarebbe per voi ben raddoppiata
si·m vezi'una vegada se io potessi vedermi almeno una volta
sobreira e vos sotrana». io di sopra e voi sotto.

“Seigner, tan m’avetz lauzada, 50 Signore,tanto mi avete lodata,


que tota·n sui enoiada; che ne sono infastidita;
pois en pretz m’avetz levada, poiché mi avete innalzato nel mio pregio
seigner,» so·m dis la vilana signore, così mi disse la villana
«per so n’auretz per soudada perciò ne avrete per ricompensa
al partir: "bada fols, bada", 55 quando ve ne andate “aspetta e spera
e la muza meliaina». e l’illusione fiabesca.

«Bell', estraing cor e salvatge Bella, un cuore (volontà) ritroso e selvatico


adomesg’om per usatge si addomestica con la consuetudine.
Ben conosc al trespassatge Ben conosco al volo
qu'ab aital toza vilana 60 che con una tale ragazza villana
pot hom far ric compaignatge, si può fare una ricca compagnia,
ab amistat de coratge, di amore e cuore
si l’us l’autre non engana». se l’uno o l’altro non inganna.

«Don, hom coitatz de follatge Singnore, l’uomo che è preso da un pensiero ossessivo
jur’ e pliu e promet gatge: 65 giura e garantisce ricompesa
si·m fariatz homenatge, così mi fareste omaggio,
seigner,» so·m dis la vilana signore, così mi disse la villana
«mas ieu, per un pauc d’intratge, ma io per un poco di guadagno,
non vuoil nom de pieucellatge non voglio il nome della verginità
camjar per nom de putana». 70 cambiare con il nome delle puttana.

«Bella, tota creatura Bella, ogni creatura


revertis a sa natura: ritorna alla sua natura
pareillar pareilladura dobbiamo “pareggiare la coppia”
devem, ieu e vos, vilana io e voi villana
a l'abric lonc la pastura, 75 al riparo lungo il pascolo,
car plus n'estaretz segura poiché di più ne starete sicura
per far la cauza doussana». per fare la cosa dolce.

«Don, oc; mas segon dreitura Certo signore, ma secondo la ragione


cerca fols sa follatura, cerca il folle la sua follia,
cortes cortez'aventura, 80 il cortese un'avventura cortese
e·l vilas ab la vilana; e il villano la villana
en tal loc fai sens fraitura in questo luogo fa il senno frattura
on om non garda mezura, dove non si conserva la giusta misura
so ditz la gens anciana». così dicono gli anziani.

«Toza, de vostra figura 85 Ragazza, della vostra apparenza


no·n vi autra plus tafura non vidi un atteggiamento impertinente
ni de son cor plus trefana». e né del suo stato d’animo ingannatore.

«Don, lo chavecs vos ahura, Signore, la civetta vi possa augurare, (maledizione)


que tals bad'en la peintura c’è chi bada alla pittura
qu'autre n'espera la mana». 90 altro ne aspetta la manna.
12.

12. Cielo d'Alcamo (...1230-1250...) - Rosa fresca aulentissima (ed. M. Spampinato


Beretta)
schema metrico: (7+7)a (7+7)a (7+7)a 11b 11b (contrasto).

«Rosa fresca aulentissima ch’apari inver’ la state,Rosa fresca “profumata” che compari quando arriva l’estate
le donne ti disiano, pulzell’ e maritate: le donne ti desiderano, sia vergini che sposate:
tràgemi d’este fòcora, se t’èste a bolontate; toglimi fuori da qst fuoco, se ne hai la volontà
per te non aio abento notte e dia, per te non riposo nella notte e nel giorno
penzando pur di voi, madonna mia». 5 pensando sempre a voi, donna mia.

«Se di meve trabàgliti, follia lo ti fa fare. Se di me ti tormenti, te lo fa fare follia.


Lo mar potresti arompere, avanti asemenare, Il mare potresti arare, prima di seminare,
l’abere d’esto secolo tutto quanto asembrare: potresti assomare tutto l’avere di qst mondo
avere me non pòteri a esto monno; ma non potresti avere me in qst modo
avanti li cavelli m’aritonno». 10 piuttosto i capelli mi taglio.

«Se li cavelli artóniti, avanti foss’io morto, Se i capelli ti tagli, primi vorrei essere morto
donna, ch'aisì mi pèrdera lo solaccio e ’l diporto. poiché mi perderei il sollazzo e piacere.
Quando ci passo e véioti, rosa fresca de l’orto, Quando passo e ti vedo, rosa fresca dell’orto,
bono conforto dónimi tutore: un grande piacere mi dai sempre:
poniamo che s’aiunga il nostro amore». facciamo in modo che si congiunga il nostro amore.

«Che ’l nostro amore aiùngasi, non boglio m’atalenti: Che il nostro amore si congiunga, non voglio
se ci ti trova pàremo cogli altri miei parenti, se ci trova mio padre con gli altri miei parenti,
guarda non s’arigòlgano questi forti corenti. stai attento che sono corridori molti rapidi.
Como ti seppe bona la venuta, Como ti sembrò una cosa buona venire,
consiglio che ti guardi a la partuta». 20 ti consiglio che ti guardi all’andare via.

«Se i tuoi parenti trovami, e che mi pozon fare? Se i tuoi parenti mi trovano, che cosa mi possono fare
Una difensa mètoci di du mili’ agostari: Una difesa metto di due mila agustari
non mi tocara pàdreto per quanto avere à ’n Bari. non mi toccherà tuo padre per questo avere ci sia a Bari
Viva lo 'mperadore, grazi' a Deo! Viva l’imperatore, grazie a Dio!
Intendi, bella, quel che ti dico eo?» 25 Intendi bella, quello che ti dico?

«Tu me no lasci vivere né sera né maitino. Tu non mi lasci più vivere né di sera né di mattina
Donna mi so’ di pèrperi, d’auro massamotino. Io sono una donna di perperi, d'oro zecchino
Se tanto aver donàssemi quanto à lo Saladino, e se tanto avere mi donassi quanto ne ha il Saladino
e per aiunta quant’à lo Soldano, e ci aggiungi quanto ha il Soldano,
tocare me non poteri a la mano». 30 non mi potresti toccare la mando

«Molte sono le femine ch’ànno dura la testa, Molte sono le “femmine” che hanno la testa dura,
e l’omo con parabole l’adimina e amonesta: e l’uomo con parole le domina e le convince
tanto intorno procazzala fin che·ll’à in sua podesta. tanto intorno le incalza finché è in suo potere
Femina d’omo non si può tenere: La donna non può trattenersi dall’uomo :
guàrdati, bella, pur de ripentere». 35 guardati, bella, di non pentirtene.

«Ch’eo ne pur ripentésseme? Davanti foss’io aucisa Io mi dovrei pentire? Piuttosto fossi uccisa
ca nulla bona femina per me fosse ripresa! che qualche buona donna fosse rimproverata!
Aersera passàstici, corenno a la distesa. Tempo fa sei passato correndo a gambe levate
Aquìstati riposa, canzonieri: ora riposa, canterino
le tue parole a me non piacion gueri». 40 le tue parole a me non piacciono per niente.

«Quante sono le schiàntora che m’à mise a lo core, Quanti sono i dolori che mi hai messo nel cuore
e solo purpenzànnome la dia quanno vo fore! e solo pensandoci il giorno quando vado
fuori
Femina d’esto secolo tanto non amai ancore Una donna di qst mondo non amai ancora
quant’amo teve, rosa invidïata: quanto amo te, donna invidiata:
ben credo che mi fosti distinata». 45 credo che sei destinata a me.

«Se distinata fósseti, caderia de l’altezze, Se io ti fossi stata destinata, cadrei del mio status sociale
che male messe fòrano in teve mie bellezze. poiché sarebbero mal riposte in te le mie bellezze
Se tuto adivenìssemi, tagliàrami le trezze, Se tutto dovesse succedere, mi taglierei le trecce
e consore m’arenno a una magione, e suora mi arrendo, a un convento,
avanti che m’artochi ’n la persone». 50 prima che tu tocchi il mio corpo.

«Se tu consore arènneti, donna col viso cleri, Se tu diventi suora, donna dal viso chiaro,
a lo mostero vènoci e rènnomi confleri: io vengo al monastero e mi faccio monaco:
per tanta prova vencerti fàralo volontieri. lo farei volentieri per convincerti
Conteco stao la sera e lo maitino: staremo insieme dalla sera al mattino:
Besogn’è ch’io ti tenga al meo dimino». bisogna che io ti tenga in mio potere.

«Boimè, tapina, misera! com’ao reo distinato! Povera me, infelice, misera! Com’è crudele il destino!
Geso Cristo l’altissimo del tuto m’è airato: Gesù Cristo l’altissimo è irato con me
concepìstimi a abàttare in omo blestiemato. mi ha concepito per imbattermi in un uomo blasfemo
Cerca la terra ch’este grane assai, Cerca per tutta la terra che è tanto grande
chiú bella donna di me troverai». 60 che una più bella di me troverai.

«Cercat’aio Calabria, Toscana e Lombardia, Ho cercato in Calabria, Toscana ...


Puglia, Costantinopoli, Genoa, Pisa e Soria,
Lamagna e Babilonia e tuta Barberia: Barberia: Nord Africa:
donna non ci trovai tanto cortese, non ho trovato una donna così cortese,
per che sovrana di meve te prese». 65 per cui ti ho preso come mia sovrana.

[...]

1. Chanson de Roland (...997-1130...; ed. C. Segre) - Il contesto

Carles li reis, nostre emper[er]e magnes Carlo il re, nostro imperatore grande
Set anz tuz pleins ad estet en Espaigne: setti anni interi è stato in Spagna,
Tresqu'en la mer cunquist la tere altaigne. fin al mare conquista la terra
N'i ad castel ki devant lui remaigne; non c’è castello che di fronte a lui rimanga
Mur ne citet n'i est remes a fraindre, mura e città non sono rimaste da infrangere
Fors Sarraguce, ki est en une muntaigne. al di fuori di Saragozza che è in una montagna
Li reis Marsilie la tient, ki Deu nen aimet; è del re Marsilio che Dio non ama;
Mahumet sert e Apollin recleimet: serve Maometto e Apollo invoca:
Nes poet guarder que mals ne l'i ateignet. non si può difendere dal male che gli verrà.
AOI.

II
Li reis Marsilie esteit en Sarraguce. Il re Marsilio stava in Saragozza,
Alez en est en un verger suz l'umbre; è andato in un giardino sotto l’ombra
Sur un perrun de marbre bloi se culchet, sopra una pietra di marmo di vari colori si è seduto
Envirun lui plus de vint milie humes. ed intorno a lui più di 20mila uomini.
Il en apelet e ses dux ses cuntes: Lui chiama i suoi duchi e i suoi conti:
«Oëz, seignurs, quel pecchet nus encumbret: “Ascoltate, signori, quale sciagura, encombre su di noi
Li emper[er]es Carles de France dulce L’imperatore Carlo di Francia dolce
En cest païs nos est venuz cunfundre. in questo paese è venuto per distruggerci
Jo nen ai ost qui bataille li dunne, Io non ho una schiera che battaglia gli dia
Ne n'ai tel gent ki la sue derumpet. e non ho tale gente che la sua mandi in rovina.
Cunseilez mei cume mi savie hume, Consigliatemi come miei saggi uomini
Si m(e) guarisez e de mort et de hunte.» affinché io mi possa guardare sia dalla morte e dalla vergogna
N'i ad paien ki un sul mot respundet, non c’è un pagano che una sola parola risponda
Fors Blancandrins de Castel de Valfunde tranne Biancandrino del Castel de Valfunde

III
Blancandrins fut des plus saives paiens: Biancandrino fu tra i più saggi pagani:
De vasselage fut asez chevaler, un cavaliere che seguiva il vassallagio
Prozdom i out pur sun seignur aider; Valoroso che aiutava il suo signore;
E dist al rei: «Ore ne vus esmaiez! e disse al re < Ora non vi preoccupate!
Mandez Carlun a l'orguillus, (e) al fier, mandate a Carlo orgoglioso e fiero,
Fedeilz servises e mult granz amistez. fedeli servizi e molta amicizia. (alleanza)
Vos li durrez urs e leons e chens, Voi gli darete orsi, leoni e cani, (doni di alleanza)
Set cenz camelz e mil hosturs muers, 700 cammelli e 100 astori “mutato”--> adulti
D'or e d'argent .IIII.C. muls cargez, D’oro e d’argento 400 muli caricati,
Cinquante carre, qu'en ferat carier: 50 carri che farete portare:
Ben en purrat luer ses soldeiers. Ben ne porrà pagare i suoi soldati.
En ceste tere ad asez osteiet; In questa terra è assai rimasto a guerregiare
En France, ad Ais, s'en deit ben repairer. In Francia, ad Aquistana, se ne deve ben ritornare
Vos le sivrez a la feste seint Michel: voi lo seguirete alla festa di San Michele
Si recevrez la lei de chrestiens, così riceverete la legge dei cristiani, (vi farete battezzare)
Serez ses hom par honur e par ben. sarete il suo vassallo per onere e per bene(bene inteso beni)
S'en volt ostages, e vos l'en enveiez, Se lui vuole ostaggi e voi glieli invierati
U dis u vint pur lui afiancer. o 10 o 20 per farlo fidare
Enveiu[n]s i les filz de noz muillers: Invieremo i figli delle nostre spose
Par nun d'ocire i enveierai le men. per il rischio che sia ucciso io invierò il mio.
Asez est melz qu'il i perdent le chefs, Assai è meglio che lui perda la testa,
Que nus perduns l'onur ne la deintet, piuttosto che noi l’onore e la dignità,
Ne nus seiuns cunduiz a mendeier.» e che siamo condotti a mendicare.
AOI.
Chanson de Roland - Il dissidio
XIV
Li empereres out sa raisun fenie. L’imperatore finì il suo discorso.
Li quens Rollant, ki ne l'otriet mie, Il conte Orlando, che non lo chiede affatto
En piez se drecet, si li vint cuntredire. in piede si drizza e lo interrompe.
Il dist al rei: «Ja mar crerez Marsilie. e disse al re <Già mai crediate a Marsilio.
Set anz [ad] pleins, que en Espaigne venimes; sette anni che in Spagna siamo venuti
Jo vos cunquis e Noples e Commibles, io ho conquistato per voi…...
Pris ai Valterne e la tere de Pine preso ho la terra...
E Balasgued e Tuele e Sezilie.
Li reis Marsilie i fist mult que traïtre: Il re Marsilio ha fatto tradimento
De ses pai[ens il vus] enveiat quinze, dei suoi pagani egli ne ha inviati 15,
Cha(n)cuns portout une branche d'olive; ciascuno ha portato un ramo d’olivo;
Nuncerent vos cez paroles meïsme. annunciandovi queste stesse parole medesime
A vos Franceis un cunseill en presistes: A voi Francesi un consiglio avete preso
Loerent vos alques de legerie. e avete commesso qualcosa di sconsiderato.
Dous de voz cuntes al paien tramesistes, Due conte al pagano avete inviato,
L'un fut Basan e li altres Basilies; l’uno fu Basan e l’altro Basilies;
Les chef en prist es puis desuz Haltilie. e le teste ne presero sui poggi sotto Altilia.
Faites la guer[re] cum vos l'avez enprise: Fate la guerra come voi l’avete iniziate:
En Sarraguce menez vostre ost banie, In saragozza conducete la vostra schiera unita
Metez le sege a tute vostre vie, mettere l'assedio per quanto possiate
Si vengez cels que li fels fist ocire!» e così vendicherete quelli che hanno ucciso.
AOI.

XV
Li empe[re]re en tint sun chef enbrunc, L'imperatore tenne la sua espressione pensierosa
Si duist sa barbe, afaitad sun gernun, si lisciò la sua barba i suoi baffi
Ne ben ne mal ne respunt sun nevuld. e né bene e né male rispose a suo nipote.
Franceis se taisent ne mais que Guenelun, I francesi si tacciono tranne Gano
En piez se drecet, si vint devant Carlun, in piede si drizza venne davanti a Carlo
Mult fierement cumencet sa raisun, molto fieramente iniziò il suo discorso
E dist al rei: «Ja mar crerez bricun, e disse al re <Già mai crediate a un briccone
Ne mei ne altre, se de vostre prod nun. né a me né ad altri, se non a vostro vantaggio.
Quant ço vos mandet li reis Marsiliun, Quanto vi ha inviato il re Marsilio
Qu'il devendrat jointes ses mains tis hom, ossia che diventerà un vostro fedele vassallo, avendo
congiunto le sue mani
E tute Espaigne tendrat par vostre dun, e tutta la Spagna terrà per vostro dono,
Puis recevrat la lei que nus tenum, e poi riceverà la legge che noi teniamo,
Ki ço vos lodet que cest plait degetuns, chi ciò vi dice che questo patto rigettiate,
Ne li chalt, sire, de quel mort nus muriuns. non gli interessa sire, di quale morte noi moriamo.
Cunseill d orguill n'est dreiz que a plus munt, un consiglio d’orgoglio non è giusto che per la maggior
parte si diffonda
Laissun les fols, as sages nus tenuns.» lasciamo i folli e teniamoci ai saggi.
AOI. [...]

XX
«Francs chevalers,» dist li emperere Carles, Cavalieri Franchi, disse l'imperatore Carlo,
«Car m'eslisez un barun de ma marche, Ora eleggetemi un barone della mia marca,
Qu'a Marsiliun me portast mun message.» che a Marsilio porti il mio messaggio.
Ço dist Rollant: «Ço ert Guenes, mis parastre.»Così interviene Orlando <Lui sarà Gano, il mio patrigno
Dient Franceis: «Car il le poet ben faire; dicono i Francesi < Così lo può ben fare
Se lui lessez, n'i trametrez plus saive.» se lui lasciamo, non manderemo uno più saggio
E li quens Guenes en fut mult anguisables; E il conte Gano ne fu molto angustiato
De sun col getet ses grandes pels de martre, dal suo collo gettò le sue grandi pelli di martora
E est remes en sun blialt de palie. ed è rimasto nella sua tunica di seta
Vairs out [les oilz] e mult fier lu visage, aveva gli occhi di sangue e molto fiero il viso,
Gent out le cors e les costez out larges; aveva bello il corpo e le spalle larghe;
Tant par fut bels tuit si per l'en esguardent. Tanto bello appare che tutti lo guardano.
Dist a Rollant: «Tut fol, pur quei t'esrages? Dice a Orlando<Del tutto folle, perché hai
rabbia?
Ço set hom ben que jo sui tis parastres; Ciò si sa bene che io sono il tuo padrino;
Si as juget qu'a Marsiliun en alge! e lo stesso hai giudicato che io vada da Marsilio!
Se Deus ço dunet que jo de la repaire, Se ciò Dio concede che io torno,
Jo t'en muvra[i] un si grant contr[a]ire io ti muoverò così grande contrarietà
Ki durerat a trestut tun edage.» che durerà per tutta la tua vita.
Respunt Rollant: «Orgoill ói e folage. Risponde Orlando<orgoglio sento e follia.
Ço set hom ben, n'ai cure de manace; ciò si sa bene, io non ho paura delle minacce
Mai[s] saives hom, il deit faire message: ma il saggio uomo è lui che deve farsi messaggero
Si li reis voelt, prez sui por vus le face.» e se il re vuole posso farlo al posto vostro.
AOI.

XXI
Guenes respunt: «Pur mei n'iras tu mie! Gano risponde <al mio posto non andrai mica,
Tu n'ies mes hom ne jo ne sui tis sire. tu non sei il mio vassallo e né io il tuo signore.
Carles comandet que face sun servise: Carlo comando che io faccia il suo servizio
En Sarraguce en irai a Marsilie; e quindi andrò a Saragozza da Marsilio
Einz i f[e]rai un poi de [le]gerie, e anzi li farò qualche leggerezza,
Que jo n'esclair ceste meie grant ire.» poiché non ho lasciato la mia ira.
Quant l'ot Rollant, si cumençat a rire. Quando Orlando lo ascolta, inizia a ridere.
AOI.

XXII
Quant ço veit Guenes que ore s'en rit Rollant, Quando vede Gano che Orlando ride,
Dunc ad tel doel pur poi d'ire ne fent, ha un tale dolore che per poco d’ira sviene,
A ben petit que il ne pert le sens; Per ben poco non perde i sensi;
E dit al cunte: «Jo ne vus aim nient; e dice al conte <io non vi amo per niente
Sur mei avez turnet fals jugement. su di me avete architettato un falso giudizio.
Dreiz emperere, veiz me ci en present, Giusto imperatore, vedete qui mi presente,
Ademplir voeill vostre comandement.» adempiere voglio il vostro comando.>
AOI

XXIII
«En Sarraguce sai ben, [qu']aler m'estoet. In Saragozza so bene che mi tocca andare.
Hom ki la vait, repairer ne s'en poet. Persona che lì và, ritornare non può.
Ensurquetut si ai jo vostre soer, Oltretutto io sono il marito di vostra sorella,(di C.M e mamma di Orlando)
Sin ai un filz, ja plus bels n'en estoet: e così ho un figlio, che più bello non esiste:
Ço est Baldewin,» ço dit, «ki ert prozdoem. lui è Baldovino> ciò disse < un coraggioso.
A lui lais jo mes honurs e mes fieus. a lui lascio le mie cariche e i miei feudi.
Gua[r]dez le ben, ja nel verrai des oilz.» Attenzione poiché io non lo vedrò più.
Carles respunt: «trop avez tendre coer. Carlo risponde < troppo avete il cuore tenero.
Puisquel comant, aler vus en estoet.» dal momento che lo comando, a voi tocca andare>

LXXIX
Paien s'adubent des osbercs sarazineis, I pagani si armano di usberghi saraceni
Tuit li plusur en sunt (saraguzeis) dublez en treis, la maggior parte ne sono di (saragozza) o
molto spesse
Lacent lor elmes mult bons sarraguzeis, Allacciano i loro elmi sono valenti, fatti a
Saragozza
Ceignent espees de l'acer vianeis; Cingono le spade di acciaio di Vien
Escuz unt genz, espiez valentineis, gli scudi hanno belli, hanno dei giavellotti di Valencia
E gunfanuns blancs e blois e vermeilz. e le insegne sono bianche, blu e rosse
Laissent les mulz e tuz les palefreiz, lasciano i muli e tutti i palafreni,
Es destrers muntent, si chevalchent estreiz. e montano i destrieri, e cavalcano compati.
Clers fut li jurz e bels fut li soleilz: Chiaro fu il giorno e bello fu il sole:
N'unt guarnement que tut ne reflambeit. ed hanno attrezzature che tutte ne brillano
Sunent mil grailles por ço que plus bel seit: Suonano mille trombe e perciò che sia meglio:
Granz est la noise, si l'oïrent Franceis. grande è il rumore e così lo ascoltano i Francesi
Dist Oliver: «Sire cumpainz, ce crei, Dice Olivieri “Signor Compagno io credo,
De Sarrazins purum bataille aveir.» che presto avremo battaglia con i saraceni
Respont Rollant: «E! Deus la nus otreit! Risponde Orlando “Dio ce la conceda
Ben devuns ci estre pur nostre rei: dobbiamo rimanere qui per il nostro re
Pur sun seignor deit hom susfrir destreiz per il suo signore deve il buon vassallo soffrire le difficoltà
E endurer e granz chalz e granz freiz, e sopportare sia il grande caldo che il grande caldo,
Sin deit hom perdre e del quir e del peil. perfino deve perdere sia la “pelle” che il pelo.
Or guart chascuns que granz colps (l')[i] empleit, Ora ognuno cerchi di assestare grandi colpi
Que malvaise cançun de nus chantet ne seit! affinché una cattiva canzone di noi canata non sia
Paien unt tort e chrestiens unt dreit; I pagani hanno torto ed i cristiani ragione
Malvaise essample n'en serat, ja de mei.» Un cattivo esempio non sarà mai da parte mia
AOI. [...]

LXXXVII
Rollant est proz e Oliver est sage; Orlando è prode e Oliviero è saggio;
Ambedui unt me[r]veillus vasselage. entrambi sono di grande virtù vassallatica.
Puis que il sunt as chevals e as armes, Poiché a cavallo sono e con le armi,
Ja pur murir n'eschiverunt bataille. anche a morire non schiveranno la battaglia
Bon sunt li cunte e lur paroles haltes. valorosi sono i conti e le loro parole alte. (
Felun paien par grant irur chevalchent. I pagani malvagi con grande ferocia
Dist Oliver: «Rollant, veez en alques! Dice Olivieri “Orlando guardante quanti sono
Cist nus sunt pres, mais trop nus est loinz Carles. qst sono vicini a noi, ma troppo è lontano Carlo
Vostre olifan, suner vos nel deignastes; il vostro corno non vi siete degnato di suonare;
Fust i li reis, n'i oüssum damage. se il Re fosse qui non avremmo avuto il danno.
Guardez amunt devers les porz d'Espaigne: Guardate in alto verso le porte di Spagna,
Veeir poez, dolente est la rereguarde; vedere potete dolente è la retroguardia;
Ki ceste fait, jamais n'en ferat altre.» Chi partecipa giammai ne farà altro
Respunt Rollant: «Ne dites tel ultrage! Risponde Orlando “non dite tale oltraggio!
Mal seit del coer ki el piz se cuardet! male sia dal cuore chi nel petto è codardo
Nus remeindrum en estal en la place; Noi rimarremo al nostro posto in campo
Par nos í ert e li colps e li caples.» e attraverso di noi saranno inferti colpi e assalti.
(quindi risponderemo con assalti)
AOI.

LXXXVIII
Quant Rollant veit que la bataille serat, Quando Orlando vede che la battaglia sarà
Plus se fait fiers que leon ne leupart. più si fà fiero che leone e leopardo.
Franceis escriet, Oliver apelat: Chiama a gran voce verso i francesi e Oliveri chiama:
«Sire cumpainz, amis, nel dire ja! “Sign. compagno, non lo dire più
Li emperere, ki Franceis nos laisat, l’imperatore, che ci ha lasciato i francesi,
Itels .XX. milie en mist a une part tali 20.000 li ha messi da una parte
Sun escientre n'en i out un cuard. per quel che lui né sa non c’è nessun codordo
Pur sun seignur deit hom susfrir granz mals Per il suo signore deve il suo vassallo sopportare grandi mali
E endurer e forz freiz e granz chalz, e sostenere sia il forte freddo che il grande caldo,
Sin deit hom perdre del sanc e de la char. a costo di perdere il sangue e la carne.
Fier de [ta] lance e jo de Durendal, colpisci con la tua lancia e io con Durindana
Ma bone espee, que li reis me dunat. la mia buona spada che il re mi ha donato.
Se jo i moert, dire poet ki l'avrat Se io morirò qui, potrà dire chi la prenderà
(E purrunt dire) que ele fut a noble vassal.» che fu di un nobile vassallo.

CIV
La bataille est merveilluse e cumune. La battaglia era incredibile e diffusa a tutti
Li quens Rollant mie ne s'asoüret, il conte Orlando non se ne sottrae
Fiert de l'espiet tant cume hanste li duret; colpisce cn lo spiedo così tanto come l’asta gli dura
A .XV. cols l'ad fraite e [...] perdue, a 15 colpi l’ha spezzato e perduto,
Trait Durendal, sa bone espee nue, sguaina Durindana, la sua buona spada
Sun cheval brochet, si vait ferir Chernuble: il suo cavallo sprona, e va a colpire Chernuble:
L'elme li freint u li carbuncle luisent, l’elmo gli spacca dove il carbonchio( gemma preziosa) risplende,
Trenchet la cors e la cheveleüre, taglia il corpo e la capigliatura,
Si li trenchat les oilz e la faiture, taglia tra gli occhi e il volto,
Le blanc osberc, dunt la maile est menue, il bianco usbergo dove la maglia è piccola
E tut le cors tresqu'en la furcheüre, e tutto il corpo fino all “inforcatura” sopra le gambe
Enz en la sele, ki est a or batue; fino alla sella, di oro battuto
El cheval est l'espee aresteüe, sul cavallo la spada si arresta,
Trenchet l'eschine, hunc n'i out quis [joi]nture, taglia la schiena finché non trova la spina dorsale
Tut abat mort el pred sur l'erbe drue; e viene abbattuto sopra l’erba spessa;
Apres li dist: «Culvert, mar i moüstes! Apresso gli dice “Ignobile, ti ha detto male!
De Mahumet ja n'i avrez aiude. Di Maometto più non avrai aiuto
Par tel glutun n'ert bataille oi vencue.» Per tale malvagio che sei la battaglia non sarà vinta

CV
Li quens Rollant par mi le champ chevalchet, Il conte Orlando attraverso il campo cavalca,
Tient Durendal, ki ben trenchet e taillet, tiene Durindana che ben taglia,
Des Sarrazins lur fait mult grant damage. ed ha fatto un gran danno ai Saraceni.
Ki lui veïst l'un geter mort su[r] l'altre, Chi loro vede muoiono uno sopra l’altro
Li sanc tuz clers gesir par cele place! il sangue tutto chiaro fluisce per quel posto!
Sanglant en ad e l'osberc e [la] brace, Sanguinante ( sangue degli altri) ne ha la corazza
che il braccio
Sun bon cheval le col e les [es]palles. Il suo buon cavallo il collo e le spalle.
E Oliver de ferir ne se target, E Olivieri di colpire non si ferma,
Li .XII. per n'en deivent aveir blasme, i 12 pari non ne vogliono avere biasimo,
E li Franceis i fierent e si caplent. così i francesi colpiscono
Moerent paien e alquanz en i pasment. muoio i pagani e alcuni di loro perdono i sensi
Dist l'arcevesque: «Ben ait nostre barnage!» Dice l'arcivescovo “ Bene abbia la nostra
baronia (aristocrazia)
- «Munjoie!» escriet, ço est l'enseigne Carle. Per la mia gioia questo è il motto di Carlo.
AOI.

Cantar de mio Cid (metà del s. XII; ed. Menéndez Pidal) - L'umanità dell'eroe

De los sos ojos tan fuerte mientre llorando, Dagli occhi tanto formente piangendo,
tornava la cabeça i estávalos catando. girava la testa e stava a guardare.
Vío puertas abiertas e uços sin cañados, Vide porte aperte e usci senza catene,
alcándaras vázias, sin pielles e sin mantos aste vuote, senza pelli e senza manti
e sin falcones e sin adtores mudados. e senza falconi e senzi astori adulti.
Sospiró mio Çid, ca mucho avié grandes cuidados. Sospirò il mio Cid poiché aveva molti
pensieri
Fabló mio Çid bien e tan mesurado: Parlò il mio Cid bene e tanto misuratamente:
«¡Grado a tí, señor padre, que estás en alto! Sono grato a te Signore, che stai in alto!
Esto me an buelto mios enemigos malos». Questo mi hanno rivolto i mie malvagi nemici.

Allí piensan de aguijar, allí sueltan las riendas Pensano di spronare e allentano le redini dei cavalli
A la exida de Bivar, ovieron la corneja diestra, all’uscita di Vivar, udirono una cornacchia a destra
e entrando a Burgos oviéronla siniestra. ed entrando a Burgos, la udirono a sinistra.
Meçió mio Çid los ombros e engrameó la tiesta, Scosse il mio Cid le spalle e voltò la
testa,
«¡Albriçia, Álbar Fáñez, ca echados somos de tierra! Forza, Al. Farñez, poiché scacciati
siamo della terra
Mas ricos e onrados tornaremos a Castiella». Ma ricchi e onorati torneremo a Castilla.

Mio Çid Roy Díaz por Burgos entróve, Mio Cid Rodri. Diaz entrò a Burgos
en sue conpaña sessaenta pendones, in sua compagnia 60 cavalieri,
exiénlo veer mugieres e varones, uscirono a vederlo donne e uomini,
burgeses e burgesas por las finiestras sone, cittadini e cittadine per la finestra sono,
plorando de los ojos, tanto avién el dolore, piangendo dagli occhi per il dolore
20 de las sus bocas todos dizían una razóne, della loro bocca tutto dicevano una frase
«¡Dios, qué buen vassallo, si oviesse buen señore!». Dio che buon vassallo se avesse un
signore!
Conbidarle ien de grado, mas ninguno non osava, Lo avrebbero ospitato con piacere,
ma nessuno osava
el rey don Alfonsso tanto avie la grand saña. poiché il re don Alfonso tanto aveva la
grande ira
Antes de la noche, en Burgos d'él entró su carta Prima della notte, a Burgo da parte suo
entrò un suo documento
25 con grand recabdo e fuerte mientre seellada: con grande ricapito e fortemente sigillato
que a mio Çid Roy Díaz que nadi nol diessen posada, che a mio Cid R. nessuno desse
riparo,
e aquel que gela diesse sopiesse vera palabra, e chi gliele avesse data avrebbe scoperto
la vera parola
que perderie los averes e más los ojos de la cara, avrebbe perso tutti i suoi bene i gli occhi dalla
faccia,
e aun demás los cuerpos e las almas. e i corpi e le anime.
30 Grande duelo avien las yentes cristianas; Grande dolore aveva la gente cristiana;
ascóndense de mio Çid, ca nol osan dezir nada. si nascondevano da mio Cid, e nessuno
osa dire qualcosa
El Campeador adeliñó a su posada, Il Campeadore andò verso il suo riparo
assí commo llegó a la puerta, fallóla bien çerrada, così come arrivo la porta, la trovò
chiusa,
por miedo del rey Alfons, que assí lo pararan: e per paura del Re Alfoso, così l’avevano
lasciata
35 que si non la quebrantás, que non gela abriessen por nada. se non si fosse rotta, non
sarebbe riuscito ad aprirla.
Los de mio Çid a altas vozes llaman, Quelli del mio Cid lo Cid chiamano a gran voce
los de dentro non les querien tornar palabra. [...] e quelli di dentro non voglio ritornargli la parola.

6. Cantar de mio Cid - La battaglia


Enbraçan los escudos delant los coraçones, Bracciano gli scudi di fronte al patto
715 abaxan las lanças abueltas de los pendones, abbassano le lancie a volte dai pendoni
(stendardi)
enclinaron las caras de suso de los arzones, inclinanarono i volti in cima agli arcioni
(parte della sella fra il cavallo e il cavaliere)
ívanlos ferir de fuertes coraçones. andavano a colpirli con cuori forti
A grandes vozes llama el que en buen ora naçió: a grande voce chiama colui che nacque
a buon ora (felicemente)
«¡Feridlos, cavalleros, por amor del Criador! Feriteli cavalieri, per amore del Criatore
720 ¡Yo só Roy Díaz, el Cid Campeador!». Io sono R. el Cid C.
Todos fieren en el az do está Pero Vermudoz. Tutti colpiscono li nel mezzo dove sta Pero
Trezientas lanças son, todas tienen pendones; 300 lance sono, tutte hanno uno
stendardo
seños moros mataron, todos de seños colpes; ciascun moro uccidono, tutti al 1 colpo
a la tornada que fazen otros tantos muertos son. al 2 passaggio altrettanti morti sono

Veriedes tantas lanças premer e alçar, tanta adágara Tante lance premere e lanciare,
tanti scudi
foradar e passar, tanta loriga falsar e desmanchar, forare e oltrepassare, tante armature
deformarsi e sfaldarsi,
tantos pendones blancos salir vermejos en sangre, tanti stendardi bianchi tornano rossi di
sangue
tantos buenos cavallos sin sos dueños andar. tanti buoni cavalli senza i loro padroni
vanno
730 Los moros llaman Mafómat e los cristianos [Santi Yague. † I mori chiamano
Maometto ed i cristiani chiamano San Giacomo
Cadien por el campo en un poco de logar cavedano per il campo in uno spazio piccolo
moros muertos mill e trezientos ya. i mori morti già 1300.
[...]
A Minaya Álbar Fáñez matáronle el cavallo, A F. gli uccidono il cavallo
bien lo acorren mesnadas de cristianos. lo soccorrono un gruppo di cristiani
745 La lança á quebrada, al espada metió mano; la lancia ha rotta e mette mano alla
spada;
maguer de pie, buenos colpes va dando per quanto a piedi buoni colpi va dando
Víolo mio Cid Roy Díaz el Castellano, lo vide mio Cid il Castigliano
acostós a un aguazil que tenié buen cavallo, accostò a un generale che aveva un buon
cavallo
diol tal espadada con el so diestro braço, e gli diede un colpo di spada con il suo
braccio destro,
750 cortól por la cintura, el medio echó en campo. che lo tagliò per la cintura e lo gettò in
mezzo al campo
A Minaya Álbar Fáñez ival dar el cavallo: A Minaya gli va a dare il cavallo
«¡Cavalgad, Minaya, vos sodes el mio diestro braço! Cavalcate M. voi siete il mio braccio
destro
Oy en este día de vos abré grand bando; In questo giorno si avrà grande soccorso
firmes son los moros, aun nos van del campo, fermi sono i mori, per quanto noi
andiamo nel campo
à menester que los cometamos de cabo». è necessario che li attacchiamo di nuovo.

Cavalgó Minaya, el espada en la mano, Cavalcò M. con la spada nella mano


por estas fuerças fuerte mientre lidiando; tra le forze nemiche fortemente combattendo
a los que alcança, valos delibrando. e tutti coloro che raggiunge li uccide
Mio Cid Roy Díaz, el que en buena ora nasco, Mio Cid R che nacque felicemente
al rey Fáriz tres colpes le avié dado; al Re Fàriz (moro) 3 colpi aveva dato
los dos le fallen y el unol ha tomado, i due falliscono e il 3 lo ha preso,
por la loriga ayuso la sangre destellando, attraverso l’armatura il sangue scorrendo
bolvió la rienda por írsele del campo. volge le redini per andarsene dal campo.
Por aquel colpe rancado es el fonsado. Per quel colpo vinto è l’esercito

Martín Antolínez un colpe dio a Galve, Mart. (cristiano) diede un colpo a Galve
las carbonclas del yelmo echógelas aparte, ha scagliato a parte le gemme dell’elmo
cortól el yelmo, que llegó a la carne; tagliò l’elmo finché arriva alla carne;
sabet, el otro non gel osó esperar. sapete, l’altro non osò aspettare oltre.
Arrancado es el rey Fáriz e Galve. Sconfitto è il Re Fàriz e Galve
¡Tan buen día por la cristiandad, Tanto buon giorno per la cristianità
ca fuyen los moros desta e della part! poiché mori fuggono da questa e da quella parte
7. Cantar de mio Cid - L'oltraggio
Los montes son altos, las ramas pujan con las nuoves I monti sono alti, i rami si spingono
contro le nuvole
e las bestias fieras que andan aderredor. e le bestie sono feroci che vanno attorno
Fallaron un vergel con una linpia fuont: si trovarono in una radura con una limpida
fonte
mandan fincar la tienda infantes de Carrión, e ordinano di piantare la tende gli infanti di
Carriom
con quantos que ellos traen i yazen essa noch, con quanto loro hanno con sé e lì
rimarranno questa notte
con sus mugieres en braços demuéstranles amor: con le loro mogli tra le braccia
dimostrando il loro amore
mal gelo cunplieron quando salie el sol. male glielo dimostrarono quando spuntò il sole
Mandaron cargar las azémilas con grandes averes a nombre:] comandarono di caricare le
bestie da soma con gli avere in gran quantità
cogida han la tienda do albergaron de noch, raccolgono la tenda dove albergarono la notte
adelant eran idos los de criazón: avanti erano quelli della servitù
assí lo mandaron infantes de Carrión, così comandarono gli infanti di Carrion
que non i fincás ninguno, mugier nin varón, che non rimanesse lì nessuno, né donne né
uomini
si non amas sus mugieres doña Eluira e doña Sol: se non le loro mogli
deportar se quieren con ellas a todo su sabor. vogliono divertirsi con loro a loro
piacimento
Todos eran idos, ellos quatro solos son, Tutti erano andati, loro quattro erano soli
tanto mal comidieron infantes de Carrión: tanto male architettarono gli infanti
«Bien lo creades don Eluira e doña Sol, “Davvero lo credete
aquí seredes escarnidas en estos fieros montes. qui oggi sarete oltraggiate in questi
selvaggi monti
Oy nos partiremos e dexadas seredes de nos; Oggi noi partiremo e voi sarete lasciate da
noi
non abredes part en tierras de Carrión. non troverete parte in terra di Carrion
Hirán aquestos mandados al Çid Campeador; andranno queste notizie mandate al Cid
nos vengaremos aquesta por la del león». noi vendicheremo con qst cosa l’episodio del
leone
Allí les tuellen los mantos e los pelliçones. Lì le tolgono i loro vestiti e pelli
Páranlas en cuerpos y en camisas y en çiclatones. e le lasciano nel corpo con camicia e
una sottoveste
Espuelas tienen calçadas los malos traydores, Tengono calzati i mali traditori
en mano prenden las çinchas fuertes e duradores. nelle mani prendono delle cinghie forti
e dure
Quando esto vieron las dueñas, fablava doña Sol: quando questo videro le due donne
parlava donna Sol
«Por Dios vos rogamos, don Diago e don Ferrando Per dio preghiamo don Diego e F.
[nos], dos espadas tenedes fuertes e tajadores, due spade avete forti e taglienti
al una dizen Colada e al otra Tizón: e una è detta … e l’altra ..
cortandos las cabeças, martires seremos nos. tagliandoci la testa noi siamo martiri
Moros e cristianos departirán desta razón, i mori e i cristiani spartiranno questa storia
que por lo que nos mereçemos no lo prendemos nos. ciò che noi meritiamo non lo
prendiamo
Atan malos enssienplos non fagades sobre nos: Un così cattivo sciempio non fate sopra
noi
si nos fuéremos mayadas, abiltaredes a vos; se noi saremmo battute vi renderete vili
retraer vos lo an en vistas o en cortes». ve ne chiederanno conto sia in giudizio oppure
nelle corti
Lo que ruegan las dueñas non les ha ningún pro. quello che implorano le donne non le dà
nessun giovamento
Essora les conpieçan a dar los ifantes de Carrión; immediatamente le inziano a colpire gli
infanti
con las çinchas corredizas májanlas tan sin sabor; con le cinghie le battono senza sosta
con las espuelas agudas, don ellas an mal sabor, e con gli sperono affilati di cui loro
hanno dolore
ronpien las camisas e las carnes a ellas amas a dos; rompone le camicie e le carni a loro
due
linpia salie la sangre sobre los çiclatones. limpido esce il sangue sopra le sottovesti
Ya lo sienten ellas en los sos coraçones. già ne provano tormento nei loro cuori
¡Quál ventura serie esta, si ploguiesse al Criador, Quale sorte sarebbe questa, se
piacesse al Creatore
que assomasse essora el Çid Campeador! che giungesse il Cid
Tanto las majaron que sin cosimente son; Tanto le colpiscono che sono senza
coscienza
sangrientas en las camisas e todos los ciclatones. e le camice e in tutte le loro sottovesti
sono sanguinanti
Canssados son de ferir ellos amos a dos Stanchi sono di colpire loro due
ensayandos amos quál dará mejores colpes. gareggiando a chi darà i colpi migliori
Hya non pueden fablar don Eluira e doña Sol, già non potevano più parlare
por muertas las dexaron en el robredo de Corpes. per morte le lasciarono nel querceto di
Leváronles los mantos e las pieles armiñas, Le privarono dei manti e delle pellicce
mas déxanlas marridas en briales y en camisas, e le lasciarono lì smarrite in sottoveste
e camicie
e a las aves del monte e a las bestias de la fiera guisa. e agli uccelli delle montagne e
alle bestie di tipo feroce
Por muertas las dexaron, sabed, que non por bivas. per morte le lasciarono, sapete e non
per vive
¡Quál ventura serie si assomas essora el Çid Roy Díaz Quale fortuna sarebbe se
giungesse in questo momento il Cid.

0. Chanson de Guillaume (metà del s. XII; ed. Mc Millan) - La codardìa

Reneward leve ainz que l’albe apert, Reneward si alza prima che l’alba spunti
De la quisine est al paleis turné. dalla cunica è ritornata al palazzo.
« Munjoie! escrie, Frans chevalers, muntez! Mia gioia, grida, nobili cavalieri montate a
cavallo
Quant nus vendrun en l’Archanp sur mer, Quando noi verremo sulla Champa sul mare,
Fui serrunt Sarazin e Escler. fuggiti saranno i saraceni e gli slavi.
Ja puis cel hure n’i purrum recovrer! » Già poi a quella ora li potremo raggiungere!
Dient Franceis : « Lais nus, lecchere, ester! Dicono i francesi “Lasciaci stare, briccone
Mal seit l’ore qui li tuen cors fu né. maletta sia l’ora in cui tu fosti nato
Uncor n’ad li cocs, ço quid, que dous feiz chanté». Ancora il gallo non ha cantato due volte
Dist Reneward : « Ja l’ai jo comandé! Dice R. “io ve l’ho comandato!
Fiz sui a rei, si dei aver ferté. sono figlio di un re, e devo avere fierezza
Par la grant fei que jo plevi a Dé, per la grande fede che ho promesso a Dio,
A iceste feiz, se ore sus ne levez, per questa volta, se non vi alzata,
Jol vus frai cher a tuz cunparer. » io ve la farò pagare cara.
Halce le fust, si fert sur un piler Alza la clava ( la sua arma) e colpisce su un pilastro,
Que un estage en ad par mi colpé ; così una trave ha per metà tagliato;
Tote la sale fait sur els trembler, tutta la sala fa tremare
Pur petit ne l’ad tut acraventé ; per poco non la crollare
De la pour qu’il unt sunt Franceis sus levé. Per la paura i francesi si alzano.
Mil en i out qui perdirent lur solders, ci fu chi perse le sue scarpe,
Lur garnement ne poent recovrer. i loro attrezzi da guerra.
Mettent les seles as destrers sejumez, Mettono le selle ai destrieri riposati
Granz quinze liuves sunt de nuit alé ; e per ben 15 leghe sono di notte andati;
Nuit fu oscure, nent del jur apert ; la notte era scura e nulla del giorno appare
Trestuit maldient Reneward al tinel : Tutti maledicono R. della pertica:
« Maldit seit il des saintes miracles Deu, “Maledetto sia per tutti i santi miracoli di Dio,
Cest lecheur, cest paltoner prové, questo “desideroso”, questo perfetto poltrone,
Qui a tel hure nus fait ici errer! che a tale ora ci fa andare in giro!
Ben granz colees li devreit l’um doner! » Davvero un gran colpo gli si dovrebbe dare!
[...]
Villame en ad l’ost de France mené Guglielmo ha dalla Francia la schiera condotto
Tresque il vindrent en l’Archanp sur mer, finché loro giunsero ad Archanp sul mare,
E qu’il virent les barges e les niés. e qui videro le barche e le nave.
« Seignurs baruns, dist Willame al curb niés, “Signori baroni”, disse Guglielmo dal naso
curvo,
Ore avun tant espleité e alés ora siamo andati tanto avanti
Que nus veum Sarazins e Esclers. che vediamo i saraceni e gli slavi.
Car lur alum chalenger e mustrer, Andiamo a sfidarli e a mostrare,
Qui a tort honissent sainte crestienté a loro che a torto hanno disonosaro la santa
cristianità
Qui ore me voldrad felonie mustrer Chi ora mi vorrà mostrare fellonia
En bataille en l’Archamp sur mer, in battaglia sull’Archamp sul mare,
Congié de Deu e de mei li voil doner, congedo da Dio e da Me gli voglio donare,
Qu’en dulce France s’en poent returner. » che in dolce Francia potrà ritornare. (quindi sta
dicendo ai traditori e codardi si andare via)
Quant cil l’oirent, si unt Deu merciez. quando quelli lo udirono ebbero la grazia di Dio
Tuz les cowarz sunt une part turnez ; tutti i codardi da una parte se ne vanno
Mult est creue sa force e sun barné. molta è cresciuta la sua forza e potere militare.
En dulce France se voldrunt returner ; in Francia dolce se ne vogliono ritornare,
Vont a Willame le cungé demander, vanno da Guglielmo a domandare il congelo,
E il lur dune, ne lur deignad veer. lui glielo dà, né a loro considera di vietarlo.
Mais ne qui mie qu’il algent a itiel ; ma non credo che loro riescono ad andarsene;
Car Reneward les encuntre a un gué, poiché R. li incontra in gaudo
A un destreit u il deveient passer una strettoia dove loro dovevano passare
En sun col portat sun grant tinel. e al suo collo portava la sua grande pertica.
« Seignurs, dist il, u devez vus aler ? “Signori, dice lui, dove volete andare?”
— Li quons Willame nus ad cungié doné. “Il conte G. ci ha dato congedo
Car t’en revien, Reneward al tinel ! e vieni anche tu R. della pertica”
Vez tanz en i ad Sarazins e Esclers, Ci sono tanti saraceni e Slavi,
Ja pé de noz n’en verrez eschaper. » già presso di noi ne vedrete scampare.
Dist Reneward : « Lecchurs, vus i mentez ! Dice Ren. “Bricconi, voi mentite!
Mar i entrastes par la fei que dei Deu ! » male siete capitati per la fede che io devo a Dio!
Dunc lur curt sure, si ad le talent mué, Dunque li assale perché ha lo stato d’animo
mutato.
Plus de quatoze en ad al fust tué, Più di 14 ne ha uccisi
Trestuz les fist par force retorner. tutti li fa ritornare
Vint a Willame si l’ad araisuné : Venne da Guglielmo a parlare :
« Sire Willame, un petit m’atendez. “Signore, ascoltatemi un poco
Ices couarz que vus ici veez, questi codardi che voi vedete
Ceste est ma torbe, mun pople, e mun barnez; questa è la mia schiera, il mio popolo, il
mio potere di guerra
E mei e els en la pointe metez me e loro nella punta mettete
Contre les lances aguz des Esclers. contro le lancie acute degli Slavi.
— Si ferai jo ! dist Willame li bers. - Così lo farlo, disse Guglielmo
Si Deu m’aït, i n’ert mes tresturné. » e se Dio mi aiuta io non sarò impedito.
Ices cowarz dunt vus m’oez parler, Quei cordardi di cui mi avete sentito parlare,
Puis furent cels en l’Archamp cum bers, poi furono quelli che nell’Archamp furono valorosi
Grant mester eurent a Willame al curb nes. e grande aiuto furono per Guglilmo del curvo
naso.

11. VOYAGE
Franceis furent as chambres, si unt béuz des vins, i francesi furono nelle loro camere e
bevono del vino
E dist li un a l'altre: "Veez cum grant bealtet! dicono gli uni agli altri” Guardate che gran
bellezza
Veez cum gent palais e cum forz richetet! Guardate che nobile palazzo e che grande
ricchezza!
Ploüst al rei de glorie, de sainte majestet, Piacesse al re di gloria, di santa maestà,
Carlemaines mi sire les oüst recatet che Carlo Magno le avesse prese o conquistate con
U cunquis par ses armes en bataile champel!" le sue arme in una battaglia campale!
E lur dist Carlemaines: "Ben dei avant gabber. e Carlo Magno dice “davvero per primo
gabbare (pavoneggiarsi, sbruffoneria)
Li reis Hugun li Forz n'en ad nul bacheler il re Ugo il forte non ha nessun giovane
calavaliere
De tute sa mainie, qui tant seit fort membré, di tutta la sua schiera che tanto sia forte nelle
membra
Ait vestu dous haubers et dous halmes fermet, che abbia vestito due usberghi e due elmi
allacciati,
Si seit sur un destrer curant et sujurnet; e sia sopra un destriero veloce e riposato;
Li reis me prest s'espee al poin d'or adubet, se il re la sua spada dal pomo addobbato
Si ferrai sur les heaumes u il erent plus chers, così colpirò sopra i due elmi dove sono sono
più cari
Trancherai les haubercs et les heaumes gemmez, Trancerò le armature e gli elmi gemmati
Le feutre avoec la sele del destrer sujurnez; e il feltro insieme alla sella del destriero
riposato; (QUESTA PARTE RICHIAMA LA CHANSON DE ROLAND)
Le branc ferrai en terre: si jo le lés aler, La spada colpirò in terra se io lo lascio andare
Ja n'en ert mes rescuz par nul hume charnel non sarà trattenuto per nessun uomo carnale
Tresqu'il seit pleine haunste de terre desteret" finché non sia pieno di un asta piena di terra
dissotterrata (sfronfonderà com’asta)
"Par Deu," ço dist l'eschut, "fort estes et membret! “Per Dio” disse la spia, “forte siete e
robusto!
Refols fud li reis Hugue quant vus prestat ostel. Folle fu il re Ugo quando vi ha prestato
alloggio.
Si anuit meis vus oi de folie parler, e se questa notte vi ascolterò dire follie,
Al matin par sun l'albe vus ferai cungeer." al mattino verso l’alto vi farò congedare”
E dist li emperere: "Gabbez, bel neis Rolland!" e disse l’imperatore “ Gabbate, bel nipote
Orlando!”
"Volenters," dist il, "sire, tut al vostre comand! “Volentieri” dice lui “subito al vostro comando!”
Dites al rei Hugun quem prest sun olivant; Dite al re Ugo che mi presti il suo corno,
Pus si m'en irrai jo la defors en cel plain: così me ne andrò là fuori in quella pianura:
Tant par ert fort m'aleine, et li venz si bruant, e il mio soffio tanto apparirà forte e il vento
che genero
Qu'en tute la cite, que si est ample et grant, che in tutta la città, così ampia e grande,
N'i remaindrat ja porte ne postits en astant, non rimarrà una porta e neanche una portella
ferma
De quivre ne d'acer, tant seit fort ne pesant, che sia di rame o acciaio, sia che essa sia forte
e pesante,
Ke Lun ne ferge a l'altre par le vent si bruant che l’una non sbatta all’altra per il vento così
imputoso
Mult ert forz li reis Hugue, s'il se met en avant, forte sarà il re Ugo sé mettendosi davanti a me
K'il ne perde la barbe, les gernuns en brulant, non perda la barba e i baffi bruciandoli
E les granz peaus de martre qu'ad al col en turnant, e le grandi pelli di martori che dal collo
volano
Le peliçun d'ermin del dos en reversant". e nemmeno la pelliccia di ermellino che verrà strappata
via.
“Par Deu” ço dist l’echut, “ci ad mal gabement!” “Per Dio” disse la spia “questo è un gabbo
davvero cattivo”
Que fouls li reis Hugue qu’il herbegat tal gent!” Ch folle fu Ugo che ha ospitato tale gente

"Gabbez, sire Oliver!" dist Rolland li curteis. “Gabbete, sire Olivieri” disse Orlando il cortese.
"Volenters," dist li quens, "mais que Carles l'otrait. “Volentieri” disse il conte “ma che Carlo
lo autorizzi”.
Prenget li reis sa fille, qui tant ad bloi le peil, il re prende sua figlia che tanto ha i capelli
biondi
En sa cambre nus metet en un lit en requeit; nella sua camera ci metta in un letto
traquillamente
Si jo ne l'ai anut, tesmoing de lui, cent feiz, se io c’è l’ho questa notte, che lei sia testimone,
se io non la possiedo volte
Demain perde la teste, par covent li otrai." domani perderò la testa e glielo concedo per
patto”
"Par Deu," ço dist l'eschut, "vus recrerez anceis! “Per Dio”, disse la spia “vi ricrederete
prima!
Grant huntage avez dit; mais quel sacet li reis, grande oltraggio avete detto, se il re lo saprà,
En trestute sa vie mes ne vus amereit!" in tutta la sua vita non vi potrà amare”.
[...]
E dist Hugue le Fort—n'el ad mescoisi mie—: Disse Ugo il Forte “non lo ha mica scelto malo
"Ci astat Oliver, qui dist si grant folie “Qui sta Olivieri, che disse una così grande follia
Qu'en une sule nuit avreit cent feiz ma fllle. che in una sola notte avrebbe 100 volte
posseduto mia figlia
Fel seie en tutes curz si jo ne li delivre! e che io sia ritenuto un traditore in tutte le corti se
non glielo consento!
Si ne li abandun, dune ne me pris jo mie; Se non li abbondo, non ne ho di me più pregio;
Mais faille une feiz par sa recreantise, ma se sbaglia una sola volta per la sua debolezza
Trancherai lui la teste a m'aspee furbie: io gli taglierò la testa con la mia spada adorna
II et li duze per sunt livred a martirie!" lui e i dodici pari sono condannati al martirio!
Carlemaines s'en rist, que en Deu s'en afied, Carlo Magno se ne ride, poiché in Dio si
affida,
E dist a l'altre mot "Ja mar l'en larrez quite!" e disse “non sia mai che lo lasciate impunito”
Tute jur se deportent, giuent et esbanient; TUtto il giorno giocano, si svagano,
Nule ren qu'il demandent ne lur atarge mie, nulla di ciò che loro chiedono gli venga fatto
aspettare,
Tresqu'il vint a la nuit, que tut est aserie. finché non arriva la notte che tutto rende sera.
Li reis fait en sa cambre acunduire sa fille; e il re fa condurre nella sua camera condurre
sua figlia
Purtendue est trestute de pailles, de curtines. tutta è drappeggiata di stoffe di seta e di
cortine
Ele out la earn tant blanche cume flur d'albespine. e l’aveva tutta la carnagione bianca come
il fiore di biancospino.
Oliver i entrat, si començat a rire. Oliviero entrò ed iniziò a ridere.
Quant le vit la pucele, mult est aspourie; Quando la fanculla lo vide, molto si spaventò;
Purquant si fud curteise, gente parole ad dite: tuttavia lui fosse cortese, gentile parole disse
"Sire, eissistes de France pur nus, femmes, ocire?" “Sire siete venuto dalla Francia per
uccidere noi donne”
E respund Oliver. "Ne dutez, bele amie: e risponde Olivieri “Non temete, mia cara,
Si crere me volez, tute en serrez garie." se credere mi volte, del tutto ne sareta salva”
Oliver gist el lit lez la fille le rei; Olivieri si mette sul letto accanto a lei
Devers sei l'a turnet, si la beisat .III. feiz. la volta verso di sé e così l’ha baciata tre volte.
Icele fud ben cointe, et il dist que curteis: lei era ben attenta e lui gli disse in modo cortese
"Dame, mult estes bele, s'estes fille de rei; “Signora, molto siete bella, poiché siete la figlia
del re
Pureoc, si dis mun gab, ja mar vus en crendrez; se io ho detto il mio gabbo non dovete
spaventarvi
De vus mes volentez aamplir quier a veir!" di voi non voglio prendere il mio piacere 100
volte”
"Sire," dist la pucele, "aiez merci de mei: “Signore,” disse “di me abbiate pietà”
James ne serrai lee se vus me huniset!" Giammai non sarò più felice se voi mi disonorate!
"Bele," dist Oliver, "al vostre cumant seit, “Mia bella” disse Olivieri “al vostro comando sia,
Mais que de men cuvent m'aquitiez vers lu rei; ma del mio patto dovete liberarsi da parte
del re,
“De vus ferai ma drue, ja ne quer altre aveir." “di voi farò la mia amata e, io non voglio altro”
Cele fud ben curteise, si l’en plevit sa fei. Lei fu molto ben cortese, e gli giurò la sua
fede
Li quens ne li fist mes, la nuit, que .XXX. feiz. il conte non le fece altro, che 30 volte.
Al matin par sum l'albe i est venuz li reis Al mattino all’arrivo dell’alba è giunto il re
E apelat sa fille, si li dist en requeit: chiama sua figlia, e gli chiede spiegazione:
Dites mei, bele fille, ad le vus fait .C. feiz?" “Ditemi bella figlia, vi ha posseduto 100 volte?
Icele li respunt "Oïl, bel sire reis!" e lei risponde “Certo, bel sire”
Ne fait a demander s'irascud fu li reis: Non sia da chiedere se il re fu irato
Vint errant al palais u Carles se seeit Venne al palazzo dove Carlo stava
"Li primers est gariz. Encantere est, ço crei! “il primo cavaliere è salvo. è un incantesimo,
ciò credo
Or voil saveir des altres si mençunge est u veir." ora voglio sapere dagli altri se è menzogna
o verità.