Sei sulla pagina 1di 18

Corso di Impianti Meccanici e Logistica – LM

Presentazione del corso

Dott. Ing. Marco Pellegrini

Department of Industrial Engineering (DIN) - University of Bologna


Programma del corso
Lo studente, a completamento dei contenuti erogati nel corso di impianti
Meccanici e Logistica LM, conosce:

- alcune importanti tipologie di impianto tipici dell'Industria, con particolare


riferimento agli impianti a fluido, i criteri di dimensionamento e
ottimizzazione, e gli strumenti fondamentali per orientare lo sviluppo e
incrementare le prestazioni degli impianti.

- l'automazione dei flussi fisici ed informativi nell'industria manifatturiera,


attraverso lo studio del processo del prodotto: fabbricazione, assemblaggio,
movimentazione e stoccaggio; conosce poi l'automazione dei flussi
informativi (CIM), la pianificazione e il controllo della produzione, ed è in
grado di occuparsi di manutenzione di un impianto industriale.

2
Programma del corso
Il «cuore» del modulo di Impianti Meccanici LM è il P&ID (Piping and
Instrumentation Diagram).

Cos’è il P&ID?

3
Programma del corso
L’impiantistica meccanica: dal processo (Process Flow Diagram – PFD – al
Piping and Instrumentation Diagram – P&ID)

4
Programma del corso
Come definiamo la «Logistica industriale»?

5
Programma del corso
La moderna logistica industriale è caratterizzata dall’integrazione delle attività
fisiche, gestionali ed organizzative che governano il flusso fisico dei beni e le
necessarie informazioni dall’acquisizione delle materie prime fino alla consegna
dei prodotti finiti ai clienti.

Il concetto di «logistica integrata» indica che la logistica non è più la semplice


somma di attività tradizionali, ma un diverso concetto di management, basato
sulla gestione integrata delle attività, per l’ottimizzazione globale del sistema
logistico e non dei singoli sottosistemi che lo compongono. Questo concetto
contrappone alla tradizionale gestione per funzioni la gestione trasversale e
univoca del flusso fisico dei materiali, dei prodotti e delle informazioni.

6
Programma del corso
Domande d’esame – Modulo 1 – Impianti Meccanici (scorso anno)

1. Caratterizzazione delle biomasse ai fini dell’utilizzo energetico.


2. P&ID caldaia per la combustione delle biomasse.
3. P&ID impianto con caldaia a biomassa per la produzione di acqua calda per riscaldamento e
produzione acqua calda sanitaria, comprensivo di dispositivi di sicurezza secondo la Raccolta-
R ex ISPESL.
4. P&ID impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria, comprensivo di
dispositivi di sicurezza secondo la Raccolta-R ex ISPESL.
5. P&ID dell’integrazione di un gruppo frigorifero ad assorbimento con dispositivi solari termici
per utenza residenziale: produzione di acqua calda per riscaldamento e acqua calda sanitaria,
produzione di acqua refrigerata per raffrescamento.
6. P&ID dell’integrazione gruppo frigorifero ad assorbimento con caldaia a biomassa per utenza
residenziale: produzione di acqua calda per riscaldamento e acqua calda sanitaria, produzione
di acqua refrigerata per raffrescamento.
7. Impianto frigorifero a tre livelli di temperatura: P&ID, schemi termodinamici.
8. Descrivere il processo metodologico per la classificazione delle aree a rischio esplosione
(normativa ATEX).
9. Impianto di compressione del gas naturale: P&ID, dimensionamento del sistema di
raffreddamento del gas naturale (con bilanci di massa/energia e diagramma termodinamici).
10. Impianto di trasporto pneumatico di solidi in forma granulare: P&ID, principi di
dimensionamento.

7
Programma del corso
Programma – Modulo 2 – Logistica (scorso anno, docente Prof. Ferrari)

1. Definizione della funzione logistica. Caratteristica del mercato odierno e ruolo della logistica. La
logistica inversa.
2. La gestione combinata del flusso delle informazioni e del flusso dei materiali. Struttura e caratteristica
del codice a barre (lineare, bidimensionale) e la tecnologia RFID. I tre livelli di etichetta logistica
abbinati ai tre livelli di confezionamento.
3. La pianificazione aggregata: obiettivi, orizzonte temporale, attori e grado di dettaglio. Esempio di
formulazione del piano principale.
4. La pianificazione disaggregata e la formazione del Master Production Schedule – MPS: obiettivi ed
orizzonte temporale. Le griglie temporali e il concetto di lead time cumulato. L’orizzonte di
pianificazione (congelato, confermato, non confermato). Il punto di disaccoppiamento tra ordine
cliente e produzione: posizionamento all’interno del processo di produzione in funzione del contesto
operativo.
5. Esempio di applicazione di RCCP (Rough Cut Capacity Planning) per la verifica grezza di capacità
produttiva. La gestione a fabbisogno dei materiali: il metodo MRP – Materials Requirement Planning.
Esempio di applicazione e sviluppo di MRP: esplosione del fabbisogno primario, nettificazione del
fabbisogno, emissione pianificata degli ordini.
6. Definizione di lotto. Modello di Wilson o «lotto economico». Quantificazione del lotto e economico di
produzione. Lotto economico di acquisto con costo unitario funzione della quantità. La funzione della
scorta di sicurezza. Definizione di livello di servizio. Il dimensionamento della scorta di sicurezza
(Safety Stock – SS) su base statistica: teoria ed esemplificazioni.
7. Lotto a quantità calcolata: metodo del costo minimo unitario e della parte per periodo economica.

8
Opinioni degli studenti
Insegnamento

Il corso include un modulo iniziale «Richiami di componentistica» che ha lo


scopo di aiutare lo studente a «ricordare» conoscenze che dovrebbero essere
state acquisite nei corsi precedenti.

9
Opinioni degli studenti
Insegnamento

10
Opinioni degli studenti
Insegnamento

Durante la lezione il docente tratta gli argomenti con presentazioni powerpoint.

Le slides in formato PDF sono messe a disposizione tramite la piattaforma


Virtuale di Unibo.
Attenzione: le slides sono passibili di aggiornamento durante il corso, quindi a
fine corso conviene ricontrollare il materiale on-line.
11
Opinioni degli studenti
Insegnamento

Esame scritto – 3 domande – 2 ore circa a disposizione – tutte e 3 le risposte


devono essere sufficienti – durante la correzione dello scritto (che usualmente
segue immediatamente dopo la conclusione dell’esame) vengono rivolte
domande a chiarimento delle risposte fornite.

12
Opinioni degli studenti
Docenza

13
Opinioni degli studenti
Docenza

14
Opinioni degli studenti
Docenza

Sono previste – Covid-19 permettendo - visite ad alcuni degli impianti oggetto


del corso e visite in laboratorio. Inoltre, è raccomandata la partecipazione ad un
seminario sulla strumentazione tenuto usualmente a fine corso (sede di
Bologna).
15
Opinioni degli studenti
Docenza

16
Opinioni degli studenti
Docenza

Disponibile per ricevimento dopo lezione; in alternativa su appuntamento via


TEAMS (scrivere all’indirizzo email marco.pellegrini3@unibo.it).

17
Opinioni degli studenti
Altro

18