Sei sulla pagina 1di 8

Un approccio multi-layer alla rigenerazione urbana: ricerca e

efficienza energetica e ottimizzazione sperimentazione/


research and
delle condizioni di comfort experimentation
Andrea Boeri, Jacopo Gaspari, andrea.boeri@unibo.it
Dipartimento di Architettura, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Italia jacopo.gaspari@unibo.it

Abstract. Il paper si propone di sintetizzare gli elementi chiave di una ricerca aven- L’insieme di differenti progetti ed esperienze in ambito europeo ha
te per oggetto la definizione e lo sviluppo di una piattaforma multi-layer volta a
supportare processi di rigenerazione urbana e in particolare di approfondire gli
spesso prodotto eccellenti risultati che hanno prodotto un signifi-
aspetti legati al miglioramento delle condizioni di comfort. Il paper descrive la me- cativo avanzamento delle conoscenze in questo settore fornendo
todologia adottata e le principali fasi in cui la ricerca è organizzata. La dorsale della soluzioni molto performanti. Tuttavia, la definizione di strategie
piattaforma multi-layer è descritta in funzione dello scopo e degli impatti attesi.
È inoltre approfondito il ruolo di questo strumento e del supporto ICT nell’au-
più ampie, a livello di quartiere, richiede un maggiore sviluppo
mentare il livello di consapevolezza degli utenti nei confronti dei potenziali benefici per ottenere una visione sistematica capace di massimizzare i po-
derivanti dall’adozione di soluzioni ad alta efficienza e di misure per la riduzione tenziali impatti su scala urbana. Inoltre, una buona parte degli abi-
della domanda energetica. Una riflessione riguardo le possibili barriere a ulteriori
sviluppi e le più promettenti opportunità di implementazione completa il testo.
tanti sta spostando la propria attenzione dalla mera valutazione
Parole chiave: Approccio multi-layer, Condizioni di comfort, Efficienza energe-
economica dei vantaggi prodotti dall’adozione di soluzioni ad ele-
tica, Riqualificazione urbana vata efficienza energetica per concentrarsi sugli impatti che esse
producono in termini di comfort e qualità in relazione alla rapi-
Nuovi strumenti Sebbene i processi di rigenera- da evoluzione delle necessità e dello stile di vita focalizzandosi su
e approcci per affrontare zione urbana siano stati oggetto obiettivi tangibili e funzionali3, 4, 5. Non di meno, è opportuno con-
le sfide della rigenerazione di numerose ricerche nel corso siderare con la dovuta cautela gli effetti dei cambiamenti clima-
urbana degli ultimi decenni, la maggior tici – che molte città stanno subendo con eventi di straordinaria
parte degli studi, condotti in rilevanza e ondate di calore di inusuale intensità – sia per quanto
passato in ambito europeo, si è concentrata sull’individuare come concerne la vulnerabilità a scala urbana sia per quanto riguarda
la questione energetica potesse diventare il motore di efficaci ri- l’incremento dei consumi energetici individuali6.
sposte per migliorare la qualità dell’ambiente costruito riducendo, La più stimolante sfida dei progetti di rigenerazione urbana ri-
nel contempo, l’uso intensivo di suolo che contraddistingue il con- siede pertanto nel considerare adeguatamente le interazioni che
venzionale sviluppo delle città1. La maggior parte degli sforzi sono intervengono tra gli edifici a scala di quartiere coinvolgendo nu-
stati indirizzati a soddisfare gli obiettivi di riduzione fissati dall’U- merosi fattori chiave appartenenti ad ambiti diversi: complessità,
nione Europea con un decremento delle emissioni di CO2 del 30% variabilità, frammentazione del ciclo di vita degli edifici, gestione
entro il 2030 e della domanda energetica da fonti fossili (e delle e consapevolezza da parte dell’utenza, aspetti comportamentali e
relative emissioni) dell’80-90% entro il 20502. Minore attenzione è partecipativi, nuovi modelli finanziari e di investimento, interope-
stata riservata alla relazione tra il raggiungimento di elevati stan- rabilità attraverso diverse soluzioni ICT. Per colmare la distanza
dard di efficienza energetica alla scala edilizia e gli impatti che le tra un approccio convenzionale al recupero e una visione volta
soluzioni adottate possono produrre sullo spazio tra gli edifici che a realizzare da più prospettive un ambiente a basso impatto sono
rappresenta non solo il tessuto connettivo delle città, ma anche un necessari nuovi strumenti7, 8. Essi devono essere in grado di inte-
ambito condiviso dai cittadini in molteplici attività sociali. grare le conoscenze e le esperienze acquisite nell’ultimo decennio

A multi-layer approach Abstract. The paper provides an overview New tools and approaches to face the on the space in between the buildings
challenges of urban regeneration that represents both the connecting
to urban re generation: of the key elements of a research project
focused on the development of a multi- Despite urban regeneration processes fabric of the city and the space citizens
energy efficiency and layer platform aimed at supporting regen- have been widely investigated in the share for several social activities.
last decades, most of the studies devel- The amount of different experiences
comfort condition eration process at district scale particular-
ly for what concerns the improvement of oped across Europe in the past years and renovation projects developed in
optimization comfort conditions. The paper describes was focused on understanding how the several cities across the EU often pro-
the adopted methodologies and the main energy issue should become the driver duced excellent results significantly
stages in which the research is organized. of effective answers for improving the improving the knowledge in this sector
The backbone of the multi-layer platform quality of the built environment while and providing very performing solu-
is described according to the purpose reducing the land use that typically fol- tions at building scale. However, com-
and to the expected impacts. The role lows the conventional approach to city prehensive strategies at district or city
of the tool and of ICT in increasing the development1. Most of the efforts were level still require to be adequately de-
end-users’ awareness about the potential spent to fulfil the EU savings targets veloped in order to achieve a systemic
benefit deriving by the adoption of efficient which mean a reduction of CO2 emis- vision able to maximize the potential
solution and energy saving measures is sions by 30% until 2030, and of fossil impacts at urban scale. Furthermore,
discussed. A reflection concerning the fuel based energy consumption (and the attention of a large part of inhabit-
barriers to further developments and the related greenhouse gas emissions) by ants is shifting from the mere economic
most promising implementation opportu- 80-90% until 20502. Minor attention advantages derived by adopting energy
nities completes the text. was given to the relation between the efficient solutions to the impacts they
achievement of high level of energy effi- produce on living and comfort condi-
Keywords: Multi-layer approach, Comfort
ciency at the building scale and the im- tions considering the very fast evolu-
condition, Energy efficiency, District renovation
pacts the adopted solutions should have tion of needs and lifestyles as well as

214 ISSN online: 2239-0243 | © 2015 Firenze University Press | http://www.fupress.com/techne TECHNE 10 2015
DOI: 10.13128/Techne-17518
221
01 | La piattaforma è progettata per gestire serie di dati provenienti da 01 |
differenti edifici e sistemi con l’obiettivo di definire dei kit di recupero
che possano essere consultati da diversi utenti in ambienti virtuali distinti
The platform is designed to manage series of data set from different
buildings and domains in order to create interactive refurbishment kits
that can be operated by different users in separate virtual environments

in un ambiente operativo dove le soluzioni possano essere effica-


cemente testate 9, 10.
L’Unità di Ricerca di Tecnologia del Dipartimento di Architettura
dell’Università di Bologna sta lavorando per mettere a punto una
visione sistematica e una metodologia volta a favorire l’adozione di
efficaci soluzioni per la rigenerazione urbana coinvolgendo i prin- Questo testo offre una sintesi della metodologia adottata, della
cipali attori del processo ai diversi livelli. La ricerca11, 12 mira allo struttura della piattaforma, dei parametri chiave che sono stati
sviluppo di uno strumento interoperabile che tenga in considera- considerati nel processo e degli impatti attesi così come una rifles-
zione una molteplicità di fattori legati alla riduzione della doman- sione riguardo i limiti e le barriere ai futuri sviluppi.
da energetica e al contestuale approvvigionamento da sistemi più
efficienti con generazione in situ e minor impronta ecologica. Lo Struttura metodologica, L’aspetto fondamentale da cui
strumento è teso a favorire il passaggio dal piano teorico a quel- obiettivi e architettura muove la ricerca è il superamen-
lo pratico, supportando l’acquisizione dati da differenti ambiti e della piattaforma to del convenzionale approccio
rafforzando la prospettiva olistica del processo e i relativi impatti. multi-layer al recupero dell’esistente che –
(Fig.1). essendo generalmente finalizza-
La metodologia di ricerca si basa sullo sviluppo e sull’adozione di to al raggiungimento di soglie di prestazione predefinite per cia-
una piattaforma interoperabile con architettura BIM che permetta scun edificio in modo da soddisfare specifici obiettivi di riduzione
di integrare diversi data set per mappare e visualizzare interazioni della domanda energetica – considera i processi di rigenerazione
tra gli edifici coinvolti. Questo strumento consente di combinare urbana come la somma di singoli risultati14, 15 e di progredire verso
diverse soluzioni specifiche per il recupero di ciascun edificio e una visione più coordinata. Il raggiungimento di questo obiettivo
analizzare gli effetti a scala di distretto per indirizzare il proces- impone di considerare e analizzare una quantità di parametri di-
so verso un approccio ottimizzato e bilanciato. La piattaforma è versi la cui dimensione aumenta in modo più che proporzionale al
pensata per essere impiegata da diversi tipi di utenza: è specifica- numero di edifici inclusi nel processo. Di conseguenza la prima at-
tamente progettata per supportare le Pubbliche Amministrazio- tività del progetto è stata quella di strutturare la piattaforma come
ni e i pianificatori nella scelta della soluzione più efficace sotto il uno strumento scalabile.
profilo tecnico e socio-economico, ma è anche concepita per for- L’altro punto chiave della ricerca riguarda l’identificazione dei po-
nire un’interfaccia user-friendly al cittadino o all’utente finale con tenziali fruitori o utilizzatori: il progetto individua sei target group
lo scopo di aumentare il suo livello di comprensione dei vantaggi principali dalla municipalità all’utente individuale. I gruppi posso-
che ciascuna soluzione attuata produce e renderlo parte attiva del no essere elencati come segue: i proprietari degli edifici, gli utenti
processo di rigenerazione13. degli edifici, i progettisti, i soggetti decisori, le amministrazioni e

focusing on very tangible and useful tive transition vision to create a real shift from theory to practice, support- user-friendly tool for end users and citi-
goals3,4, 5. In addition, the effects of cli- low carbon environment7, 8. They are ing the collection and management of zens for understanding the advantages
mate change - that many cities are suf- expected to integrate knowledge and data from different domains, empower- each option should provide and for tak-
fering by experiencing extreme events experiences acquired in the last decade ing the holistic design perspective and ing a more active part in the regenera-
or increased heat waves - have to be into an operational environment where the derived impacts (Fig. 1). tion process13.
carefully considered both for what con- effective (and specific) solutions can be The research methodology is based This paper provides an overview of
cerns the vulnerability at urban level tested9, 10. on the development and adoption of a the adopted methodology, of the main
and the related energy consumption at The Technology Research Unit working BIM based Interoperable Platform that structure of the platform, of the key
individual level6. at the Department of Architecture of integrates different data sets in order to parameters considered in the process
The most challenging issue of urban re- University of Bologna is trying to pro- map and visualize the interactions be- and of the expected impacts as well as a
generation lies therefore in adequately vide a systemic vision and a methodol- tween the involved buildings. This tool reflection concerning the limits and the
considering the interactions between ogy to foster the adoption of effective allows to combine specific solutions barriers to further developments.
buildings at district/neighbourhood strategies and solution to improve the aimed to renovate each building in or-
scale that involve a number of key fac- development of district regeneration der to analyse the effects at district scale Methodological structure, goals and
tors from various domains: complexity, models engaging the key players at dif- and address the process towards an op- architecture of the multi-layer plat-
variability, fragmentation of building ferent level. The research11, 12 aims to de- timized and more balanced approach. form
life cycles, management and end user velop an interoperable tool which takes The platform is intended to have dif- The key concept on which the research
awareness, behaviour and participa- into consideration factors related to ferent level of use: it is specifically de- is based mostly focuses on overcoming
tion, new business and financing mod- both energy demand reduction and si- signed to support Public Administra- the conventional approach to renova-
els, interoperability of various ICT sup- multaneous supply of decentralised and tion and City Planners to choose the tion of the existing stock that – being
ports. New tools are needed to bridge more efficient energy systems, locally most effective solutions both in terms usually aimed at achieving pre-defined
the gap between conventional renova- generated and with the lowest carbon of technical design and socio-economic performance thresholds for each single
tion approaches and a multi-perspec- footprint. The tool is a key enabler to impacts, but it is also thought to be an building according to specific energy

215 A. Boeri, J. Gaspari TECHNE 10 2015


02 | Diagramma dei deficit e dei benefit che investono i target group
dei processi di rigenerazione in relazione ai prodotti e ai servizi
offerti nel settore edilizio
Diagram of the “pains and gains” that involve the target groups
of regeneration process with relation to the product and services
provided in the renovation field

Dal punto di vista metodologico, la piattaforma è sviluppata as-


sumendo delle soglie di miglioramento attese come gli elementi
costanti che le soluzioni tecnologiche, valutate come possibili op-
zioni nel contesto dei progetti di riqualificazione, devono essere in
grado di raggiungere. Ciascuna di esse è considerata nel contesto
di un Renovation Kit che può includere diverse soluzioni specifi-
che (implementazione dell’involucro, isolamento, sostituzione de-
gli infissi, miglioramento della dotazione impiantistica, ecc.) per
02 |
soddisfare gli obiettivi energetici predefiniti assumendo nel con-
tempo come variabili da indagare le condizioni di comfort indoor
gli investitori (compresi fornitori e gestori delle reti). Ciascun e outdoor, le condizioni percepite dall’utente, le impostazioni di
gruppo comprende svariate sottocategorie che rappresentano con- gestione in fase di esercizio17, 18. La tabella 1 offre un esempio di
dizioni più specifiche, tuttavia le categorie elencate condividono – come i principali parametri coinvolti vengano aggregati durante il
spesso da prospettive opposte – l’interesse per un miglioramento processo di valutazione delle diverse soluzioni tecnologiche utiliz-
dell’Indoor Environmental Quality [IEQ], dell’efficienza energetica, zabili per la messa a punto dei Renovation Kit.
della qualità della vita, ecc. nelle città e per una contestuale ridu- Con l’obiettivo di affrontare la riduzione della domanda energetica
zione dell’inquinamento, delle emissioni di CO2 e di gas serra, dei per la climatizzazione (estiva e invernale) in modo più efficiente, la
costi, ecc. che affliggono la maggior parte delle città europee16. metodologia adottata coniuga i tradizionali strumenti di valutazione
Una volta individuati i «Deficit» e i «Benefit», delimitate le temati- delle caratteristiche termo fisiche alla scala edilizia con la valutazione
che principali a un numero limitato di parametri, le interazioni tra di parametri che influenzano le condizioni di comfort a scala urbana.
gli attori principali e l’interesse a disporre di nuovi strumenti per Gli obiettivi della ricerca possono essere sintetizzati come segue:
affrontare le sfide della scala urbana diventano più evidenti (Fig. 2). –– definire parametri progettuali chiave di interrelazione tra la
Ciascun attore è interessato per svariate (e talvolta contrastanti) scala edilizia e quella dell’insula urbana, attraverso fattori mi-
ragioni a prendere parte al processo di rigenerazione che è in ge- surabili (che considerino le specifiche condizioni climatiche)
nere il risultato di una combinazione di prodotti e servizi appar- per sviluppare azioni di mitigazione e migliorare le condizioni
tenenti tradizionalmente al settore edilizio. La piattaforma è volta di comfort;
a gestire queste combinazioni attraverso un approccio coordinato –– definire specifiche progettuali e gestionali da attuare in ambien-
che sposta l’attenzione dalla prestazione pura a un risultato quali- te operativo: strategie progettuali (a scala edilizia e urbana),
tativo che esprime una visione multi-criteriale coerente con una soluzioni tecnologiche (per il riscaldamento/raffrescamento,
rigenerazione sostenibile nel senso più ampio. la ventilazione, la produzione di acqua calda sanitaria, l’uso di

savings targets – considers city regen- number of sub-categories represent- is intended as a tool to manage this provement, etc.) according to the needs
eration processes as the collection of ing more specific conditions, however combination through a coordinated to fulfil the pre-defined energy saving
these single results14, 15 and move to- these main categories share – often and systemic approach shifting the threshold, while indoor and outdoor
wards a more coordinated vision. The from opposite perspectives – the inter- focus from the pure performance to- environmental conditions, perceived
achievement of this goal requires to est of improving Indoor Environmental wards a balanced qualitative result that comfort conditions, management dur-
consider and analyse a number of dif- Quality [IEQ], environmental quality, expresses a multi-criteria vision coher- ing operation are assumed as variable
ferent parameters whose size increases energy efficiency, life quality, etc. in city ent with a sustainable regeneration in a factors to be investigated17, 18. Table 1
more than proportionally according to districts while reducing pollution, CO2 wider sense. offers an example of how the main in-
the number of buildings included in the and greenhouse gas emissions, costs, From a methodological point of view, volved parameters are aggregated while
process. Therefore, the very first task of etc. that affect most of European cities16. the platform is based on the assumption assessing the different technological
the project was to structure the whole Once «Pains» and «Gains» have been that a limited number of increasingly option to deliver the renovation kit.
platform as a scalable tool. detected and summarized in a limited energy saving thresholds can be con- In order to approach the reduction
The other key point of the research con- number of main aspects, the interac- sidered as constant pre-defined expect- of energy demand for cooling (and
cerns the identification of potential cus- tions between the key players and their ed targets as the results of the adoption heating) more effectively, the adopted
tomers or end-users: the project identi- common interest in having new tools of specific technical solutions, which methodology couples the traditional
fies six main target groups from the city to face the district challenges became are just one of potential combination analysis involving the specific features
scale level to the individual user. The more evident (Fig. 2). Each key player of services and products enabling the of the building components performed
target costumer groups can be listed is interested for several (and sometimes renovation process. So each technical at building scale with the parameters
as follows: building owners, building opposite) reasons to have access or take option is considered in the framework influencing comfort conditions at dis-
end users, designers, decision makers, part to the renovation process that is of a Renovation Kit that shall include a trict scale.
public authorities, city developer (in- usually the result of a combination of number of specific solutions (building The key goals of the research can be
cluding energy infrastructures owners services and products typically belong- envelope implementation, insulation, listed as follows:
and operators). Each group includes a ing to the building sector. The platform glazing replacement, equipment im- -- to define key design parameters and

216 A. Boeri, J. Gaspari TECHNE 10 2015


BUILDING CATEGORY Size Specific site conditions TAB. 1

residential m2 isolated no vegetation


tertiary m3 line partial vegetation
other court adequate vegetation
SATRTING EP
INPUT LOCAL CLIMATE
Climatic zone January average outside temperature [°C]
A D August average outside temperature [°C]
B E Average global horizontal radiation [kWh/m2 yr]
C F Annual heating degree days [oCd/yr]
BUILDING FEATURES

Façade/wall U W/m2K
Roof U W/m2K
Ground floor U W/m2K
Glazing Ug W/m2K
Average U-value W/m2K
Glazing Uav total solar energy
g transmittance of glazing [%]
Shading Shading correction factor
Ventilation rate FS air changes/hr

RENOVATION OPTIONS

Strategy [kWh/m2 yr] Starting condition Target reduction % Achieved reduction %


Heating + ventilation
Cooling + ventilation
Ventilation
Lighting
Over-cladding + insulation
Domestic hot water
RES integration
Other ...

INFLUENCED ENVIRONMENT

Average indoor condition after intervention Average outdoor condition after intervention

fonti rinnovabili, l’accumulo termico, la produzione e la distri- –– aumentare la consapevolezza e la partecipazione nei confronti
buzione di energia elettrica, l’involucro edilizio e i relativi com- di un uso sostenibile dell’energia promuovendo comportamenti
ponenti), modalità costruttive e sistemi di gestione dell’edificio adeguati all’impiego di tecnologie e risorse.
e del quartiere; La piattaforma è pertanto uno strumento volto a gestire le azioni
–– combinare elevati standard di efficienza energetica con soluzio- di riqualificazione secondo una metodica definita e a indirizzare il
ni economicamente sostenibili; processo verso una dimensione multicriteriale che pone la qualità
–– definire adeguati geo-cluster per gestire la complessità del patrimo- dell’ambiente costruito e il ruolo dell’utente al centro dell’iniziativa
nio esistente e ottenere set omogenei di dati aggregati che possano di rigenerazione.
essere impiegati come indicatori chiave per interventi ad ampia Gli obiettivi legati agli standard prestazionali sono conseguiti in
scala; funzione di Key Performance Indicators [KPI] già in uso e mutuati

interrelation between buildings at der to manage the complexity of the tive and holistic vision of a sustainable munities in developing the tool appli-
district scale, by the mean of clear existing building stock and to obtain regeneration, a number of data set con- cations according to three main tasks:
and measurable factors (considering a homogeneous set of aggregated cerning the main features of the build- -- definition of participatory design
the specific climate conditions), to data to be used as key indicators in ings (energy performance, thermal protocols to let inhabitants be in-
develop mitigation actions improv- large-scale interventions; transmittance, construction system, formed about the potential deriving
ing comfort conditions; -- to raise awareness and acceptance of insulation system, equipment typol- benefits based on socio-economic
-- to define design and management sustainable energy use and promot- ogy, etc.), the included typologies, the analysis at district scale;
settings to be applied in the opera- ing behavioural change towards en- density, the circulation (connections, -- involvement of district communities
tional environment: design strate- ergy efficient sources and technology. parking areas), the transport system, and end users via mobiles and apps;
gies (at building and district scale), The platform is therefore a tool to man- the green areas can be translated into -- creation of a virtual space for sharing
technical solutions (for heating/ age renovation action according to a different layers that provides filtered knowledge and experiences to boost
cooling, ventilation, domestic hot defined methodology and to address maps of the district. The platform is the interaction between the key play-
water production, renewable energy the process towards a multi-criteria di- expected to be integrated with already ers and the end-users.
sources, thermal storage, electrical mension that puts the quality of the built existing ICT tools and software in order During this second stage of the research
energy production and distribution, environment and the role of end users to ensure the widest compatibility and the involvement of end-users and in-
building envelope systems, building at the centre of the regeneration vision. to easy data collection. The tool is in- habitants assumes a central role21: the
components), construction process- The platform itself follows a BIM based tended to big data gathering and analy- platform interface via smart devices is
es, building management system/ architecture in order to let either an sis, to include GIS-based maps and to expected to significantly increase both
district management system; easier management of data set or the allow smart simulations for providing a the individual and collective awareness
-- to combine energy efficiency with potential web development accord- fast feedback after any changing to the level providing clear and easy to man-
cost-effective standards at district ing to a network system19. As figure 3 parameters settings20. (Figg. 3-4) age information concerning the effects
level; shows, once the platform concept is de- A second stage of the research will be of the adopted solutions on the comfort
-- to create adequate geo-clusters in or- fined according to the multi-perspec- aimed to actively involve users’ com- and living conditions as well as of the

217 A. Boeri, J. Gaspari TECHNE 10 2015


da precedenti progetti, la definizione dei geocluster e la gestione dei 03 |
data set è invece legata ai protocolli di acquisizione dati (laddove già
disponibili), mentre gli aspetti legati all’engagment dell’utenza si ba-
sano su un’adeguata ed efficace comunicazione delle informazioni.
La piattaforma in sé segue un’architettura di tipo BIM al fine di
permettere tanto una più agile gestione dei data set quanto un po-
tenziale sviluppo in termini di network19. Come sintetizza la figu-
ra 3, una volta definita la concezione della piattaforma secondo la
molteplicità di prospettive che investono una rigenerazione soste-
nibile, una grande quantità di informazioni riguardanti le caratte-
ristiche degli edifici (prestazione energetica, trasmittanza termica,
sistema costruttivo, isolamento, dotazione impiantistica, ecc.),
le tipologie coinvolte, la densità, la distribuzione (collegamenti,
viabilità, parcheggi), il sistema di trasporti, le aree verdi, possono
essere tradotte in diversi layer che restituiscono mappature fil-
trate dell’intero quartiere. La piattaforma è progettata per essere
integrata agli strumenti ICT già in uso per assicurare la massima
compatibilità e una più agevole raccolta dei dati. Questo strumen-
to è inoltre finalizzato alla gestione e all’analisi di grandi quantità
di dati, comprese mappe GIS, e per fornire un rapido feedback
sugli effetti che ogni cambiamento delle impostazioni può avere
sul sistema20. (Figg. 3-4)
Una seconda fase della ricerca sarà destinata a coinvolgere le varie
comunità di utenti nello sviluppo di tre attività principali:
–– la definizione di protocolli di progettazione partecipativa per con-
sentire agli abitanti di essere informati sui potenziali benefici alla 03 | Visualizzazione del concept della
scala di quartiere attraverso un’analisi di tipo socio-economica; piattaforma multi-layer
Visualization of the multi-layer concept
–– il coinvolgimento della comunità e del quartiere attraverso l’uso of the platform
di App e dispositivi mobili;
–– la creazione di uno spazio virtuale per la condivisione e la di-
04 |
relation between the end-users’ behav- renovation strategies according to a
iour and the units’ performances22. systemic and coordinated vision23, 24.
The methodology adopted is based on
Results, barriers and expected impacts several steps – that reflect the way the
The innovative character of the re- platform processes data – starting from
search lies in considering the district the definition of the key parameters
as a whole in terms of renovation pro- (building features concerning both the
jection, performance level, achieved construction system and equipment,
results, while analysing and processing site features, relation with neighbour-
data acquired on the single elements ing buildings, circulation, connection
(buildings, green areas, circulation, to grids, etc.) and of the protocols for
etc.) composing it. This approach re- data acquisition. Once these elements
quires a very multi-disciplinary team are fixed a circular check process is
including experts from different do- used to assess the effect each technical
mains particularly for what concerns solution to be implemented can pro-
the ICT development and software in- duce according to the pre-defined tar-
tegration. gets. So as figure 5 shows the methodo-
At the current stage, the methodology logical backbone is feed by a number of 04 | Diagramma dell’architettura virtuale della piattaforma. Strumenti
backbone of the research is defined and input according to precise processing specifici e app permetteranno all’utente di navigare le diverse
the Renovation Kits are going to be test- rules in order to optimize the platform opzioni dei Renovation Kit e di valutare gli effetti delle scelte
ed on demo-cases that the Municipal- functioning. The platform is therefore Diagram of the “pains and gains” that involve the target groups
ity of Bologna has provided as strategic the first application of the methodology of regeneration process with relation to the product and services
sites to promote and test very effective and, at the same time, the tool to check provided in the renovation field

218 A. Boeri, J. Gaspari TECHNE 10 2015


05 | Diagramma della struttura metodologica
della ricerca e stato di avanzamento
Diagram of the research methodological
outline and progress

scussione di esperienze, conoscenze, informazioni tra gli utenti con gli edifici prospicienti, distribuzione, collegamento alle reti,
e i principali attori del processo. ecc.) e dei protocolli di acquisizione dati. Quando questi elemen-
Durante questa seconda fase della ricerca il coinvolgimento degli ti sono fissati, un processo di controllo circolare viene impiegato
utenti e degli abitanti assume un ruolo centrale21: l’interfaccia della per valutare gli effetti che ciascuna delle soluzioni tecnologiche in
piattaforma dovrebbe permettere attraverso i dispositivi Smart di procinto di essere implementate possono produrre in base ai target
aumentare significativamente la consapevolezza degli individui e pre-definiti. Come evidenzia la figura 5 la dorsale metodologica è
della comunità nei confronti degli effetti che le soluzioni adottate alimentata da una serie di input secondo precisi protocolli di ge-
producono sulle condizioni di comfort e di vivibilità così come nei stione al fine di ottimizzare il funzionamento della piattaforma.
confronti della relazione che intercorre tra comportamento dell’u- Essa è pertanto la prima applicazione della metodologia stessa e,
tente e prestazione dell’unità edilizia22. al tempo stesso, lo strumento per controllare la sua coerenza e af-
fidabilità. I primi risultati ottenuti sono l’aderenza del metodo al
Risultati, limiti Il carattere innovativo della ri- modello della piattaforma e l’aggregazione di soluzioni altamen-
e impatti attesi cerca risiede nel considerare te performanti nei Renovation Kit risultati dall’applicazione dello
il quartiere nel suo insieme in strumento. Il passaggio successivo sarà l’implementazione dei casi
termini di possibilità di rigenerazione, di livelli di prestazione e impiegati come dimostratori e la relativa estensione delle funzio-
di obiettivi pur analizzando ed elaborando dati acquisiti a partire nalità della piattaforma secondo la prospettiva multiutente previ-
dai singoli elementi (edifici, aree verdi, viabilità, ecc.) che lo costi- sta. (Fig. 5)
tuiscono. Questo approccio richiede un gruppo di lavoro multi- I Renovation Kit sono soluzioni integrate validate che combinano
disciplinare che comprende esperti da diversi ambiti in particolare gli effetti di varie opzioni per la riqualificazione in base a specifici
per quanto concerne lo sviluppo e l’integrazione dei software e target di risparmio energetico lavorando sull’implementazione di
degli strumenti ICT. impianti, RES, involucro edilizio e altri aspetti al fine di ottimizzare
Allo stato attuale la dorsale metodologica della ricerca è definita, il comportamento dell’edificio in termini di condizioni indoor e
come pure i Renovation Kit che dovranno essere testati su casi di outdoor. La figura 6 offre un esempio di soluzioni integrate adatta-
studio individuati dalla Municipalità di Bologna come aree strate- te a uno degli edifici campione. (Fig. 6)
giche per promuovere efficaci strategie di recupero in modo coor- La principale barriera a un rapido sviluppo del processo è rappre-
dinato a scala urbana23, 24. sentata dalla natura discontinua e puntuale degli investimenti che
La metodologia adottata è basata su diversi step – che riflettono il sono in genere associati a iniziative su siti isolati piuttosto che su
modo in cui i dati sono gestiti dalla piattaforma – a partire dalla più ampie e interconnesse porzioni di città. Anche la diversa forma
definizione dei parametri (caratteristiche dell’edificio riguardanti di proprietà costituisce spesso un ostacolo all’attuazione di azioni
sistema costruttivo e impianti, caratteristiche del sito, relazione coordinate sotto il profilo decisionale. Tuttavia, l’attiva collabora-

its coherence and reliability. The first 05 |


achieved research results are the con-
sistency of the applied method to the
platform model and the aggregation
of very performing solutions in reno-
vation kits deriving by the application
of the tool. The next steps will be the
implementation of the demo-cases and
the related extension of platform func-
tionalities according to the envisaged
multi-user perspective. (Fig. 5)
Renovation kits are validated integrated
solutions that combines different reno-
vation options according to specific
energy savings targets and working on
both equipments, RES, building en-
velope implementation as well as on
other features in order to optimize the
building behaviour in terms of indoor
and outdoor condition. Figure 6 of-
fers an example of integrated solutions
customized for one of the demo-cases.
(Fig. 6)

219 A. Boeri, J. Gaspari TECHNE 10 2015


06 | Esempio di renovation kit che associa l’implementazione
dell’involucro edilizio a nuove opzioni impiantistiche
Example of renovation kit combining building envelope
implementation with new equipment options

zione instauratasi con la Municipalità di Bologna costituisce una re fornite da ciascun layer aggregando i dati raccolti con l’obiet-
promettente premessa al superamento di eventuali ostacoli di na- tivo di lasciare maggiore spazio a una ri-progettazione/re-inge-
tura amministrativa o contestuale. gnerizzazione dell’ambiente costruito secondo una prospettiva
Una volta che la fase di sperimentazione avrà fornito il feedback più resiliente ai cambiamenti climatici.
necessario, l’architettura virtuale della piattaforma potrà essere defi- L’originalità della ricerca è dunque principalmente connessa alla
nitivamente sviluppata e ciò richiederà certamente un notevole con- sua natura multi-criteriale e multi-utente che è strettamente cor-
tributo dal gruppo ICT. Non di meno, ulteriori sviluppi richiederan- relata al concetto di scalabilità, assunto sin dalle prime fasi del
no maggiori sforzi sul piano della comunicazione per raggiungere progetto come elemento chiave per garantire la replicabilità del-
l’obiettivo di ampliare il bacino di utenza di questo strumento. le metodiche tanto in diverse aree della città quanto in città con
La ricerca rappresenta un progetto molto ambizioso concepito differenti contesti e dimensioni. Questo è certamente un fattore
per fasi sin dall’inizio con l’obiettivo di sviluppare ciascuno step cruciale per definire adeguati modelli di replicabilità e per indi-
secondo un processo di verifica circolare e di procedere in base al rizzare la struttura della piattaforma verso futuri sviluppi che non
relativo budget evitando il rischio che l’intero processo possa esse- comprendano semplicemente l’inclusione di nuovi layer o map-
re interrotto senza aver almeno raggiunto dei risultati intermedi. pature, ma di nuove applicazioni strettamente legate alla dimen-
La collaborazione con i principali stakeholders dei processi di ri- sione progettuale dello Smart Building e della Smart City, la quale
generazione costituisce in questo senso un punto di debolezza e di richiederà nel prossimo futuro uno scambio sempre maggiore di
forza al tempo stesso: da una parte questa molteplicità di soggetti informazioni tra il piano fisico e quello virtuale25.
genera una maggiore complessità di gestione con il rischio di di-
latazione dei tempi politici o amministrativi, dall’altra è necessaria references
per avere accesso alla considerevole mole di dati necessaria, la cui European Environment Agency (2006), Urban sprawl in Europe, the ignored
gestione rappresenta un elemento critico del processo. challenge, Office for Official Publications of the European Communities, L.
Sono attesi impatti positivi dal progetto: EU Council (2011), “European Council conclusions of 10 June 2011”, in:
–– a breve termine, esso guiderà i processi verso l’adozione di stru- Energy Efficiency Plan 2011.
menti innovativi per il controllo e la gestione dell’energia nel IBM Institute for Business Value (2010), Smarter city for smarter growth. How ci-
campo del recupero e accrescerà il livello di consapevolezza dei ties can optimise their systems for the talent-based economy, IBM Global Services.
principali attori generando una maggiore domanda di soluzioni United Nation Population Fund (UNFPA) (2011), The state of world popula-
ad alta efficienza (isolamento, ventilazione, gestione dell’acqua, tion 2011. People and possibilities in a world of 7 billion, USA.
ecc.) e di servizi di supporto e gestione; GIZ and ICLEI (2014), Operationalizing the Urban NEXUS: towards resource
–– a medio termine, esso indirizzerà i progetti di riqualificazione efficient and integrated cities and metropolitan regions, GIZ Eschborn, DE.
verso una visione coordinata elaborata sulla base delle mappatu-

06 |

220 A. Boeri, J. Gaspari TECHNE 10 2015


Schiano-Phan, R., Weber, F. and Santamouris, M. (2015), “The mitigative Burdett, R. and Robe, P. (2011), “Cities Investing in Energy and Resource Ef-
potential of urban environments and their microclimates”, in Buildings, No. ficiency”, in Towards a Green Economy: Pathways to Sustainable Development
5, pp. 783-801. and Poverty Eradication, United Nations Environment Programme (UNEP):
Kramers, A., Hojer, M., Lovenhagen, N. and Wangel, J. (2014), “Smart su- Nairobi, Kenya.
stainable cities. Exploring ICT solutions for Reduced Energy Use in Cities”, Erell, E., Perlmutter, D. and Williamson, T. (2011), Urban Microclimate: De-
in Environmental Modelling and Software, No. 56, pp. 52-62. signing the Spaces between buildings, Routledge, London, UK.
ESPON (2014), Territories finding a New Momentum: Evidence for Policy De- Assimakopoulus, D.N., Assimakopoulos, V.D., Chrisomallidou, N., Klit-
velopment Growth and Investment, Third ESPON Synthesis Report, L. sikas, N., Mangold, D., Michel, P., Santamouris, M. and Tsangrassoulis, A.
Economidou, M. (2011), Europe’s Buildings under the Microscope. A Count- (2001), Energy and Climate in the Urban Built Environment, Routledge, Lon-
ry-by-Country Review of the Energy Performance of Buildings, Buildings Per- don, UK.
formance Institute Europe (BPIE), Bruxelles, B. Wolfram, M. (2012), “Deconstructing Smart Cities: an Intertextual Reading
AA.VV. (2010), CONCERTO: a cities guide to a sustainable built envi- of Concepts and Practises for Integrated Urban and ICT Development”, in
ronment, CONCERTO Plus for the Directorate-General for Energy of the Proceedings of REAL CORP 2012, pp. 171-181.
European Commission. Hajer, M. and Dassen, T. (2014), Visualizing the Challenge for 21st Century
Boeri, A., Boulanger, S., Gaspari, J. and Longo, D. (2014), “Smart buildings Urbanism, naio10publisher/PBL publishers, Amsterdam, NL.
and grids in the renovation of the built environment”, in World Sustainable Wilhite, H.L. (2009), “The conditioning of comfort”, in Building Research
Building 2014, GBCe, Madrid, ES. and Information, No. 37, pp. 84–88.
Boeri, A., Antonini, E., Gaspari, J. and Longo, D. (2015), Energy design stra- Emmanuel, M.R. (2005), An Urban Approach to Climate-Sensitive Design:
tegies for retrofitting. Methodology, technologies and applications, Wit Press, Strategies for the Tropics, Spoon Press, London, UK.
Southampton, NY, USA. Giffinger, R. and Fertner, C. (2007), City ranking of European Medium-Sized
Nam, T. and Pardo, T. (2011), “Conceptualizing Smart City with Dimension Cities, Vienna University of Technology, University of Ljubljana, Delft Uni-
of Technology, People and Institutions”, Proceedings of the 12th Annual Int. versity of Technology, Delft, NL.
Digital Government Research Conf. on Digital Gov. Innovation in Challenging State of The World’s Cities 2012/2013 (2013), Prosperity of Cities, Routledge:
Times. New York, NY, USA.
Stafford, A., Gorse, C. and Shao, L. (2011), The Retrofit Challenge: Delivering Smart City Council (2013), Smart Cities Readiness Guide. The planning ma-
Low Carbon Buildings, Centre for Low Carbon Futures, Leeds, UK. nual for building tomorrow’s cities today.
Williams, K., Burton, E. and Jenks, M. (2000), Achieving Sustainable Urban
Form, E & FN Spoon, London, UK.

The main barrier to speed up the pro- The research is a very ambitious project -- in the short term, it will drive inno- scalability that was assumed in the very
cess is represented by the spotted na- that has been planned in several stages vations in energy management and early phase of the project conception as
ture of the investments that are usually in order to allow the development of control technologies in the field re- the key element to satisfy the replicabil-
associated to single isolated areas rather each single phase according to a circu- furbishment actions and will increase ity of the methodology either on several
than to a more concentrated and larger lar checking process and to proceed ac- the key player awareness generating part of the city or on other cities with
portion of the city. The ownership re- cording to the budget availability in each a greater demand for both innova- different contexts and size. This is cer-
gime is also a critical element that ob- single stage avoiding the risk the whole tive retrofit solutions (e.g. insulation, tainly a crucial element for defining ad-
stacles coordinated decision-making process is stopped before obtaining the ventilation, water saving, etc.) and equate replication models and for driv-
processes. However, the very active intermediate results at least. The coop- training and support services for ing the platform structure to further
cooperation with the Municipality of eration with all the key stakeholders of building managers; implementations including not simply
Bologna is a promising premise to suc- regeneration process is, in this sense, -- in the medium term, it will address new layers or maps but new potential
cessfully overcame procedural and con- a weakness and a strength point at the renovation project to a coordinated applications strongly related with the
textual barriers. same time: on the one hand, such a multi- vision drafted according to the feed- smart building and smart city dimen-
Once the testing phase on the demo- plicity of subjects make the management back of the layered maps obtained sion which will require a constant ex-
cases has provided the expected feed- of the process more complex with the risk by processing data sets at district change of information between the real
back, the virtual architecture of the of administrative or political impasse, on level with the aim to leave room for and the virtual realm in the very near
platform could be definitely fixed and the other one, it is absolutely needed to re-designing/re-engineering urban future25.
this certainly requires a strong contribu- have access to the huge amount of data areas according to a more climate re-
tion from the ICT team. Never the less, set whose management represent a criti- silience perspective.
further development are required in the cal element of the process. The originality of the research is indeed
communication and social sector in However the project is expected to mostly connected with its multi-crite-
order to achieve the goal of a deeper in- produce very positive impacts on city ria and multi-user dimension which is
volvement of inhabitants and end-users. regeneration process: strictly related with the core concept of

221 A. Boeri, J. Gaspari TECHNE 10 2015