Sei sulla pagina 1di 4

Plotino

Storia Della Filosofia


Università del Salento
3 pag.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: letizia-ratsa (letitiaratsa@gmail.com)
8.  Plotino.  

UN   FILOSOFO   “IMPERIALE”.   Plotino   è   l’iniziatore   del  


neoplatonismo,   una   importante   stagione   di   ripresa   e  
rielaborazione   delle   dottrine   platoniche   alla   luce   delle  
critiche   mosse   da   Aristotele   e   dalle   scuole   ellenistiche.   In  
Plotino   ritroviamo   l’idea   della   filosofia   come   cura   e  
trasformazione  di  sé  e  un  confronto  sempre  più  fitto  con  la  
tradizione,   tratti   caratteristici   della   filosofia   di   età  
imperiale.   Porfirio   ha   curato   l’edizione   degli   scritti   di  
Plotino,   le   Enneadi,   raggruppandoli   secondo   un   criterio  
tematico.  
 
LA   VITA   E   LE   ENNEADI.   Porfirio   è   anche   autore   di   una   Vita  di  
Plotino,   fonte   privilegiata   di   dati   biografici   sul   filosofo.   Nato  
in  Egitto  intorno  al  204   d.C.,  Plotino  visse  per  alcuni  anni  ad  
Alessandria   per   coltivare   il   proprio   interesse   per   la  
filosofia.   Dopo   aver   partecipato   a   una   spedizione   militare  
dell’imperatore   romano   Gordiano   III,   conclusasi  
tragicamente  con  la  morte  dell’imperatore  stesso,  si  stabilì  
a  Roma  dove  cominciò  a  tenere  le  sue  lezioni,  rivolte  a  un  
pubblico   ampio   ed   eterogeneo.   Plotino   amava   far   filosofia  
discutendo,   per   questo   non   si   curò   personalmente   dalla  
sistemazione  dei  suoi  scritti.  Morì  in  Campania  nel  270  d.C.,  
dopo   aver   concepito   un   progetto,   che   però   non   venne  
realizzato,  di  una  città  ideale  ispirata  al  modello  platonico.  
 
IL   RAPPORTO   TRA   MONDO   INTELLIGIBILE   E   MONDO   SENSIBILE.  
Plotino   si   propone   di   ripensare   lo   statuto   delle   forme   e   il  
rapporto   tra   queste   e   il   mondo   sensibile.   Il   problema  della  
bellezza   fornisce   per   esempio   una   via   a   tal   riguardo.  
Secondo   Plotino   l’esperienza   della   bellezza   è   per   l’anima  
un’occasione   per   ricordarsi   della   propria   natura  
intelligibile.   La   grande   novità   di   Plotino   risiede  
nell’articolazione  del  mondo  intelligibile  in  tre  distinti  livelli  
o  ipostasi:  l’Uno,  il  nùs  e  l’anima.  
 
IL   RAPPORTO   ANIMA-­‐CORPO.   Plotino   ripensa   il   dualismo  
platonico  tra  mondo  sensibile  e  mondo  intelligibile  alla  luce  
del   rapporto   anima-­‐corpo.   L’anima   costituisce   l’anello   di  
congiunzione   tra   il   mondo   delle   forme,   il   nùs,   e   la   realtà  
sensibile.   Rivisitando   il   concetto   platonico   di  
partecipazione,   egli   afferma   che   non   è   l’anima   ad   essere  
presente   nel   corpo,   ma   è   il   corpo   che   dipende   dall’anima  
per  il  suo  stesso  essere:  il  corpo,  quindi,  è  nell’anima.  
 
AL   DI   LÀ   DELL’ANIMA:   IL   NÙS.   L’intelletto   è   trascendente  
rispetto   al   mondo   sensibile   e   coincide   con   le   forme  
intelligibili:   esso   è   insieme   intelletto   e   intelligibili.   Il  
rapporto   tra   l’anima   e   il  nùs   si   configura   in   questi   termini:  
l’anima   ha   il   compito   di   organizzare/produrre   il   mondo;  

  1  

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: letizia-ratsa (letitiaratsa@gmail.com)
8.  Plotino.  

questa   attività   implica   la   sapienza   (conoscenza   degli  


intelligibili)  che  essa  riceve  dal   nùs.  Il  nùs  è  un’uni-­‐totalità,  
ovvero  l’unità  dinamica  degli  intelligibili,  esso  è  uno-­‐molti,  
cioè  non  è  semplicemente  uno,  ma  neppure  uno  e  molti.  
 
AL   DI   LÀ   DEL   NÙS:   L’UNO.   Ad   un   livello   superiore   rispetto  
all’intelletto,  Plotino  pone  l’Uno,  l’unità  assoluta,  il  principio  
unico   del   mondo   intelligibile   e,   attraverso   di   esso,  
dell’anima  e  del  mondo  sensibile.  
 
PARLARE  DELL’INEFFABILE.  L’Uno  non  può  essere  né  pensato,  
né   espresso   con   parole.   È   assolutamente   trascendente   e   del  
tutto  ineffabile.  Allora  è  anche  impossibile  dire  che  esso  è  la  
causa   o   il   principio   dell’essere.   Come   uscire   dunque   da  
questa   aporia?   Per   Plotino   l’unico   modo   corretto   per  
parlare   dell’Uno   è   dire   ciò   che   esso   non   è,   e   non   ciò   che  
esso  è.  
 
LA  DERIVAZIONE  DEL  NÙS  DALL’UNO.  La  processione  delle  cose  
dall’Uno  non  va  vista  in  termini  di  allontanamento  o  caduta,  
ma   come   un   processo   di   trasmissione,   diffusione,   ed  
espansione  del  bene.  Contro  gli  gnostici,  ai  quali  il  mondo  
appariva  il  risultato  dell’azione  di  un  demiurgo  malvagio,  e  
dunque   negativo,   Plotino   ritiene   che   tutto   rechi   il   segno  
della   positività   originaria   dell’Uno.   Per   esprimere   come  
abbia   luogo   il   processo   di   emanazione,   Plotino   ricorre   a  
delle  metafore:  l’Uno  produce  le  cose  come  il  fuoco  produce  
il  calore,  o  come  il  Sole  produce  la  luce.  
 
LA   DERIVAZIONE   DELL’ANIMA   DAL   NÙS.   Il   processo   di  
emanazione   procede   dall’Uno   all’intelletto,   da   questo  
all’anima   e   da   essa   al   mondo   fisico   e   coincide   con   un   atto   di  
contemplazione.  L’anima  è  tutto  ciò  che  si  prende  cura  di  
un   corpo,   che   può   essere   quello   dell’Universo   (anima  
cosmica)   o   quello   più   particolare   dei   singoli   individui  
viventi   (anima   individuale).   Essa   vuole   fuoriuscire  
dall’intelletto   in   cui   è   precontenuta,   perché   desidera  
produrre   qualcosa   da   organizzare,   curare   e   accudire:   il  
corpo.  Questa  inquietudine  dà  origine  al  tempo.  
 
I   CORPI,   LA   MATERIA,   IL   MALE.   Per   Plotino   la   “discesa”  
dell’anima   nel   corpo   del   mondo   non   è   un   male,   perché  
permette   di   portare   qualcosa   del   mondo   intelligibile   fino  
alla  materia  più  instabile.  La  stessa  materia  dei  corpi  non  è  
un   principio   eterno   e   increato,   ma   il   risultato   della  
produzione   dell’anima   e   dunque,   remotamente,   dell’Uno.  
Per   tanto   il   male   non   ha   alcuna   consistenza   ontologica:   è  
solo  il  residuo  dell’inevitabile  depotenziamento  del  bene,  
il  limite  estremo  della  sua  attività  di  espansione.  

  2  

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: letizia-ratsa (letitiaratsa@gmail.com)
8.  Plotino.  

 
IL   RITORNO   E   L’ANIMA   “INDISCESA”.   La   scansione   del   reale  
avviene   in   tre   momenti:   la   manenza   (l’autopresenza   delle  
ipostasi);   la   processione   (il   procedere   delle   ipostasi  
inferiori   da   quelle   superiori)   e   la   conversione   o   ritorno   (il  
movimento   in   cui   ciò   che   è   proceduto   dall’Uno   tende   a  
riguadagnare   l’unità).   Il   ritorno   riguarda   le   anime  
individuali  che  si  sono  spinte  troppo  in  là  nella  processione.  
Esse   devono   riguadagnare   il   loro   contatto   naturale   con  
l’intelletto  attraverso  la  parte  “indiscesa”.  Ma  il  fine  ultimo  
dell’uomo   è   il   farsi   uno   con   l’Uno,   attraverso   la  
purificazione   dell’anima   da   tutti   i   contenuti   della  
conoscenza  e  il  silenzio.  

  3  

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: letizia-ratsa (letitiaratsa@gmail.com)