Sei sulla pagina 1di 2

PRIMA DELLA LETTURA

LEGGERE IN ITALIANO
1. Pensate allo scorso
San Valentino: lo avete
festeggiato? Come?
Avete fatto o ricevuto
regali? Potete scrivere
le risposte in forma di
appunti brevi.

2. Idee regalo. Scrive-


te su un foglietto cosa
vi piacerebbe ricevere
quest'anno per San
Valentino. Potete scri-
vere anche dei regali
non materiali. Una vol-
ta che avete finito
consegnate i foglietti
CONTRO SAN VALENTINO!
all’insegnante.
È San Valentino! Tirate fuori i fiori, gli orsacchiotti di peluche, i cioc-
3. Leggete poi la pri- colatini a forma di cuore e addobbate i negozi di rosa e di rosso. È il
ma parte dell’articolo. momento di lucrare sui menù a prezzo fisso, i bigliettini d’auguri e
le aspettative esagerate di giovani innamorati che non aspettano
altro che una proposta di matrimonio, con tanto di diamante. Op-
DURANTE LA LETTURA pure – come suggerirebbe una sparuta ma agguerrita minoranza –
potremmo semplicemente farne a meno. E fare altro, cancellando
1. Dibattito. Parlate a
del tutto la festa. O perlomeno imporre dei limiti di età: permettia-
coppie dell'articolo, mo di festeggiarlo fino alla quarta elementare e – per gli irriducibili
cosa ne pensate? Sie- – dai sessant’anni in su. Mentre il resto di noi salta San Valentino.
te d'accordo con l'au-
trice e con l’intervista-
«Quando eravamo piccoli, era bello. Ma nel corso degli anni ha ini-
to? Per voi è una fe-
sta importante? Rac-
ziato a non piacermi più», dice Jay Cataldo, un consulente che forni-
contate la vostra sce consigli per migliorare l’approccio sentimentale, che da anni si
esperienza. batte contro San Valentino: «Nelle relazioni fa più danni che bene,
dal mio punto di vista». Per chi ha un partner, la festa può diventare
un’accozzaglia di speranze disattese e una scusa per non essere
romantici gli altri 364 giorni dell’anno. «Se invece sei da solo, sei co-
stretto a vedere le coppiette in giro e i fiori che vengono consegnati
in ufficio a tutte le colleghe. Ti fa stare male con te stesso, e diventa
una specie di gara».
DOPO LA LETTURA
Dean Obeidallah, comico e conduttore radiofonico americano, è
d’accordo: «È la pressione che ci mette addosso a infastidirmi. Le
pubblicità e i giri per negozi: arrivi a pensare che se non ci caschi,
1. Cosa pensiamo. allora non sei romantico, e non tieni alla persona con cui stai».
Lavorate con tutta la
Obeidallah suggerisce di cambiare la tradizione: «Le persone che
classe e commentate
quello che hanno det- hanno una relazione dovrebbero fare regali ai single: un pensiero
to gli intervistati. Siete per farli felici e non far pesare la giornata».
d'accordo? Quale del-
le testimonianze vi è Per Zena Polin, una ristoratrice single, San Valentino è doppiamen-
piaciuta di più? Per-
te terribile perché i clienti del suo ristorante tendono a essere piut-
ché?
tosto esigenti. Per combattere il clima di esagerazione intorno alla
2. Un'altra prospet- festa, tre anni fa Polin ha iniziato a proporre un “menù anti-San Va-
tiva. Lavorate per un lentino”, che quest’anno offre piatti come un tagliere di formaggi
momento da soli e che si chiama “Love stinks” (letteralmente: l’amore puzza) e “Con-
difendete la festa di
sapevolmente single”, un hamburger vegano servito con costolette
San Valentino! Sceglie-
te uno degli aspetti di manzo. «Avremo donne single, un prete e dei divorziati.
negativi presente nel-
l'articolo e scrivete Deborah Carr, sociologa della Rutgers University che si occupa di
una risposta alla per- relazioni, capisce il motivo per cui le persone potrebbero essere
sona intervistata. Una
infastidite da San Valentino: «La festa è un tentativo per far crede-
volta che avete finito
condividete quello che re alle persone di non essere all’altezza di un certo standard di
avete scritto con la romanticismo». Anche chi ha un partner spesso si sente «deluso,
classe. perché crede di non essere stato festeggiato a dovere. È una gara
a perdere per chiunque non abbia un ristorante o produca bigliet-
tini». Secondo Carr, l’avvento dei social media – piattaforme dove
«contano solo le apparenze, e nessuno pubblica foto in cui si è ve-
nuti male, o regali brutti comprati in un centro commerciale» – ha
peggiorato le cose.

Scott Manning, un grafico di Manchester, non riesce a sopportare il


fiume di post su Facebook e qualche anno fa ha creato la pagina
“Petizione per abolire San Valentino“. Quest’anno però Manning se
l’è dovuta vedere con un nuovo dilemma: sabato ha dato appun-
tamento alla donna che frequenta da un po’ di tempo, prima di
realizzare che fosse San Valentino. I due hanno deciso di cancella-
re l’appuntamento, e lui festeggerà la ricorrenza nel modo a lui più
congeniale: «Credo che starò a casa, a guardare film horror», ha
detto.

Adattato da: https://www.ilpost.it/2016/02/10/contro-san-valentino/


Foto di Ben Kerckx da Pixabay