Sei sulla pagina 1di 52

p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:25 Page 1

5
CAPITOLO
L’alimentazione nei diversi
stadi di vita dell’animale

LIVELLO1
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:25 Page 2

I Indice
VNA 1 • CAPITOLO 5

1 Perché l’alimentazione degli animali deve essere


adatta ai diversi stadi di vita?

2 Anamnesi nutrizionale e raccolta delle informazioni

2.1 Razza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.2 Castrazione/sterilizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.3 Livello di attività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.4 Cani attivi e sportivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.5 Stress e ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.6 Età . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

3 I fattori nutrizionali chiave

3.1 Acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
3.2 Energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
3.3 Grassi e acidi grassi essenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
3.4 Proteine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15
3.5 Calcio e fosforo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
• Sommario dei punti chiave
• Domande di autovalutazione

4 Cani e gatti durante la fase riproduttiva

4.1 Estro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
4.2 Gestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
4.2.1 Acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.2.2 Energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.2.3 Proteine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.2.4 Grassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.2.5 Carboidrati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.2.6 Calcio e fosforo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4.2.7 Digeribilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
4.3 Allattamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
4.3.1 Acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
4.3.2 Energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
4.3.3 Proteine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
4.3.4 Grassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
4.3.5 Carboidrati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
4.3.6 Calcio e fosforo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
4.3.7 Digeribilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
• Sommario dei punti chiave
• Domande di autovalutazione

2
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:26 Page 3

VNA 1 • CAPITOLO 5
5 I cuccioli e i gattini

5.1 Periodo di allattamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30


5.1.1 Colostro e latte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
5.1.2 Energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
5.1.3 Proteine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
5.1.4 Carboidrati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
5.1.5 Calcio e fosforo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
5.1.6 Ferro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33
5.2 Periodo di svezzamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
5.3 Periodo post-svezzamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
5.3.1 Energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
5.3.2 Proteine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
5.3.3 Grassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
5.3.4 Calcio e fosforo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
5.3.5 Digeribilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
• Sommario dei punti chiave
• Domande di autovalutazione

6 Cani e gatti adulti

6.1 Fattori nutrizionali nei cani e nei gatti adulti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43


6.1.1 Acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
6.1.2 Energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
6.1.3 Calcio e fosforo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
6.1.4 Proteine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
6.1.5 Sodio e cloruro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
6.1.6 Grassi e acidi grassi essenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
6.1.7 Consistenza del cibo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45

7 Cani e gatti senior

7.1 Fattori nutrizionali nei cani e nei gatti senior . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47


7.1.1 Acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
7.1.2 Energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
7.1.3 Calcio e fosforo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
7.1.4 Proteine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
7.1.5 Sodio e cloruro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
7.1.6 Grassi e acidi grassi essenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
7.1.7 Fibre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
7.1.8 Consistenza del cibo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
7.1.9 Appetibilità e digeribilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
• Sommario dei punti chiave
• Domande di autovalutazione
• Cartella degli appunti

3
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:26 Page 4

VNA 1 • CAPITOLO 5

4
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:26 Page 5

R Risultati

VNA 1 • CAPITOLO 5
dell’apprendimento
Al termine di questo capitolo, dovreste essere in grado di:
• spiegare perché è essenziale che il cibo somministrato agli animali sia adatto alla loro età
• spiegare ai proprietari perché il loro animale sano trarrà beneficio da un’alimentazione adatta
all’attuale stadio di vita.

5
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:26 Page 6

1
Perché l’alimentazione degli
VNA 1 • CAPITOLO 5

animali deve essere adatta


ai diversi stadi di vita?
Le esigenze nutrizionali degli animali cambiano durante la loro vita. Alcuni
Dite ai vostri clienti che...
cambiamenti sono evidenti, come ad esempio l’esigenza da parte dei gattini e dei
Il concetto di nutrizione a seconda cuccioli di cane di maggiori quantitativi di “struttura portante” che consenta loro
dello stadio di vita riconosce il fatto di crescere bene. Altri possono essere meno ovvi per il proprietario, ad esempio la
che alimentare un animale al di sotto somministrazione a cani e gatti in età avanzata di una dieta che non contenga
o al di sopra di un range nutrizionale quantità eccessive di determinate sostanze nutritizie come il fosforo. È importante
ottimale può avere ripercussioni riconoscere che somministrando agli animali l’alimentazione adatta all’attuale
negative sulle sue performance o stadio di vita, si contribuisce a mantenerli in buona salute per tutta la loro vita.
stato di salute.
Oltre a fornire consigli sui requisiti nutrizionali di base degli animali, il team
PERCHÉ L’ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI DEVE

veterinario deve valutare e minimizzare i rischi per la salute, correlati all’alimentazione,


di ciascuno stadio di vita. Per ottenere il massimo beneficio, la valutazione dei rischi ed
ESSERE ADATTA AI DIVERSI STADI DI VITA?

il programma di prevenzione dovrebbero essere effettuati ed avviati molto prima


dell’insorgere della malattia.

Definizione
Alimentazione secondo lo stadio di nutrizionali ottimali secondo
vita: la somministrazione agli animali la loro età o stato fisiologico
di alimenti appositamente formulati (es. adulti, riproduzione o crescita).
per soddisfare i fabbisogni

Cani in età da riproduzione Cuccioli

Gatti in età da riproduzione Gattini

6
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:26 Page 7

VNA 1 • CAPITOLO 5
Consumo di sostanze nutritizie Dite ai vostri clienti che...
Quando somministrano al loro
Funzione/performance

animale un cibo preparato


Consumo Consumo
ridotto elevato industrialmente, di solito questo
soddisfa il fabbisogno minimo di tutte
le sostanze nutritizie di cani e gatti.
Range ottimale
Carenza Tossicità
Nota clinica
Fattori alimentari specifici quali
digeribilità e consistenza, possono
Fabbisogno minimo influire sullo stato di salute e sui rischi
Curva dose-risposta biologica totale. Questa curva di risposta comprende tutti i tipi di consumo, di malattie. Insieme, le sostanze
da una quantità carente a quella adeguata alla tossicità. I consumi che corrispondono a queste nutritizie da tenere sotto controllo ed i
fasi e la distanza tra carenza e tossicità variano notevolmente da una sostanza nutritizia all’altra. fattori alimentari specifici, vengono
chiamati fattori nutrizionali chiave.

PERCHÉ L’ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI DEVE


Nelle società agiate, la malnutrizione è spesso causata da un eccesso di sostanze

ESSERE ADATTA AI DIVERSI STADI DI VITA?


nutritizie piuttosto che dalla loro carenza. Alcune di esse possono aumentare il rischio
di malattie, per cui vengono chiamate col termine di “sostanze nutritizie da tenere
sotto controllo”.
In questo capitolo, esamineremo:
• come raccogliere la storia e le informazioni sull’alimentazione di cani e gatti
• i fattori nutrizionali chiave nell’alimentazione adatta ad ogni stadio di vita
• gli stadi di vita di cani e gatti.

Cani adulti – da giovani a mezza età Cani senior

Gatti adulti – da giovani a mezza età Gatti senior

7
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:26 Page 8

2
Anamnesi nutrizionale e
VNA 1 • CAPITOLO 5

raccolta delle informazioni


Per poter fornire al proprietario i consigli più appropriati sul cibo da somministrare
al proprio cane o gatto, è importante ottenere le seguenti informazioni sull’animale:
Segnalamento
Punteggio della Condizione corporea da raggiungere: •  ad es. razza, età e peso
ANAMNESI NUTRIZIONALE E RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI

Il Punteggio della Condizione corporea è una misura che aiuta a comprendere


se un animale ha un peso ideale o se è in sovrappeso. Anamnesi generale
•  ambiente e uso, ad es. gatto che vive in
Molto magro casa o fuori casa
COSTOLE: Si avvertono facilmente al tatto, non
sono coperte da grasso
BASE DELLA Le ossa sono prominenti e tra pelle e Anamnesi clinica
1 CODA:
VISTA
ossa non si avverte la presenza di tessuti
Marcata rientranza addominale
•  ad es. segni clinici, quali alito cattivo
LATERALE: o feci molli
VISTA Forma a clessidra accentuata
DALL’ALTO: •  ad es. malattie pregresse

Sottopeso Alimentazione
COSTOLE: Si avvertono facilmente al tatto, non
sono coperte da grasso •  ad es. quali cibi consuma, in quali
BASE DELLA Le ossa sono prominenti e tra pelle e ossa quantità (“premi” inclusi)
2 CODA:
VISTA
si avverte una presenza minima di tessuti
Rientranza addominale
LATERALE: Impressione generale
VISTA Marcata forma a clessidra
DALL’ALTO: •  dovrebbe includere un Punteggio della
Condizione corporea
Peso ideale
COSTOLE: Si avvertono facilmente al tatto,
coperte da un sottile strato di grasso
BASE DELLA Contorno liscio, ma è possibile avvertire

3 CODA:
VISTA
le ossa sotto un sottile strato di grasso
Rientranza addominale
LATERALE:
VISTA Circonferenza lombare
DALL’ALTO: ben proporzionata

Sovrappeso
COSTOLE: Difficili da avvertire, coperte da un
moderato strato di grasso
BASE DELLA Si riscontra un certo ispessimento, ma è possibile

4 CODA:
VISTA
avvertire le ossa coperte da un moderato strato di grasso
Nessuna rientranza addominale
LATERALE: o circonferenza lombare
VISTA La parte posteriore del corpo è
DALL’ALTO: leggermente più larga di quella anteriore

Obeso
COSTOLE: Difficili da avvertire, coperte da uno
spesso strato di grasso
BASE DELLA Inspessita e difficile da avvertire, coperta

5 CODA:
VISTA
da un prominente strato di grasso
Il grasso pende dall’addome e non
LATERALE: esiste alcuna circonferenza lombare
VISTA La parte posteriore del corpo è
DALL’ALTO: leggermente più larga di quella anteriore Definizione
Segnalamento: descrizione
Punteggio della Condizione corporea da raggiungere = 3 dettagliata dell’animale

8
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:26 Page 9

VNA 1 • CAPITOLO 5
Ricordatevi non solo di chiedere, ma anche di annotare le seguenti informazioni
Nota clinica
nella scheda delle informazioni:
Il fabbisogno energetico dei Terranova
• storia alimentare
è di circa il 15% inferiore alla media,
• peso
mentre Alani e Dalmata possono
• igiene orale avere un fabbisogno energetico fino
• aspetto generale della cute e del mantello al 16% superiore rispetto alla media.
• qualsiasi informazione possa emergere sull’ambiente, la storia e lo stato attuale.

Dite ai vostri clienti che...


Di solito, i gatti consumano 10–20 indurre il gatto a richiedere
piccoli pasti durante il giorno e la notte. continuamente cibo. È consigliabile
Questo è un aspetto importante da persuadere i proprietari ad alimentare

ANAMNESI NUTRIZIONALE E RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI


ricordare, in quanto l’abitudine di alcuni i propri gatti con piccoli pasti durante
proprietari di alimentare il proprio gatto il giorno, più indicati alla loro natura
solo una o due volte al giorno può e fisiologia.

2.1 Razza
Il rischio di contrarre alcune malattie o di sviluppare determinate patologie varia a
seconda della razza. Alcune razze sembrano predisposte all’obesità. Il FEG (Fabbisogno
Energetico Giornaliero) può variare considerevolmente da una razza all’altra, per cui
è ulteriormente importante ribadire al proprietario che le raccomandazioni sulla
quantità, riportate sulle confezioni di cibo per animali, non sono altro che una
semplice indicazione di massima.

9
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:26 Page 10

2.2
VNA 1 • CAPITOLO 5

Castrazione/sterilizzazione
Dopo la castrazione/sterilizzazione, i cani e i gatti hanno di solito bisogno di una
quantità di calorie giornaliere inferiore rispetto a prima. I cani castrati/sterilizzati
necessitano in media del 25% in meno di calorie rispetto a quelli non operati, mentre
i gatti castrati/sterilizzati hanno un fabbisogno calorico del 24–33% in meno rispetto
a quelli non operati. Per la maggior parte degli animali castrati/sterilizzati sarà più
facile mantenere il peso ottimale con una dieta povera di calorie, ma ricca di fibre,
come Science Plan™ Adult Light.

2.3 Livello di attività


Per i cani, l’attività fisica influisce in modo significativo sul fabbisogno energetico
ANAMNESI NUTRIZIONALE E RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI

del singolo individuo. Ad esempio, il mantenimento della posizione eretta comporta


un dispendio energetico del 40% superiore rispetto alla posizione accucciata. Nel
confronto tra gatti che vivono all’aperto e quelli d’appartamento, che conducono una
vita sedentaria, il fabbisogno calorico può essere addirittura doppio. Poiché l’obesità
è una condizione seria, i primi consigli alimentari dati al proprietario dovrebbero
essere mirati a prevenire il sovrappeso dell’animale.

Nota clinica 2.4 Cani attivi e sportivi


Il 19% dei proprietari non gioca mai
con il proprio cane. Alcuni cani da caccia o da gara hanno un fabbisogno energetico diverso da quelli
che conducono una vita molto sedentaria. I cani da lavoro non sono in grado di
Il 22% dei proprietari porta il cane a
svolgere al meglio le loro mansioni se alimentati con una dieta di mantenimento
fare esercizio fisico all’aperto per
per cani adulti, perché necessitano di un’alimentazione in grado di sostenere il loro
meno di tre ore alla settimana.
livello di esercizio, particolarmente se comporta anche prove di resistenza. Gli scattisti
possono raggiungere buone performance quando alimentati con una normale dieta
per cani adulti, mentre gli atleti che partecipano a gare di resistenza, come i cani
da slitta, necessitano di una dieta con un livello di grassi notevolmente superiore,
in grado di soddisfare le loro specifiche esigenze.

10
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:27 Page 11

VNA 1 • CAPITOLO 5
Dite ai vostri clienti che...
La presenza nell’appartamento di molti
gatti potrebbe aumentare lo stress
socio-psicologico, particolarmente
se l’ambiente si rivela sovraffollato.
I gatti stressati possono sviluppare un
appetito ridotto e persino l’anoressia,
oppure mangiare in modo eccessivo,
diventando obesi.
Per alleviare lo stress causato dal
sovraffollamento in appartamento,
si potrebbero utilizzare ciotole di
alimentazione multiple, ubicate

ANAMNESI NUTRIZIONALE E RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI


ad altezze diverse, aree di riposo
multilivello, barriere visive e angoli
tranquilli nei quali gli animali
possano rifugiarsi.

2.5 Stress e ambiente


Lo stress stimola la prontezza, ma potrebbe ridurre il consumo di cibo. Lo stress può
verificarsi in molte situazioni diverse, ad es. lasciare l’animale in pensione per le vacanze
o portarlo ad esposizioni. Quando lasciati in pensione, i cani possono sviluppare diarrea
o rifiutare il cibo a causa dello stress. Paradossalmente, i cani e i gatti sotto stress,
hanno un fabbisogno energetico superiore alla norma, ma mangiano meno, causando
talvolta un perdita di peso. Conoscere in modo preciso la loro storia alimentare e
ottenere una situazione dietetica soddisfacente per gatti che vivono numerosi nello
stesso appartamento, può rappresentare una sfida. Cani nervosi o stressati trarranno
beneficio da una dieta concentrata come Science Plan™ Canine Performance™, che
permetta loro di soddisfare il proprio fabbisogno energetico anche se mangiano poco.

Nota clinica
La perdita di peso causata da fattori
fisiologici è molto comune nei cani da
guardia, per i quali una combinazione
di stress, escursioni termiche e attività
fisica può provocare sino al 10% di
perdita di peso corporeo durante un
turno di guardia di sei ore.

11
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:27 Page 12

VNA 1 • CAPITOLO 5

Durante i mesi freddi, i cani che vengono tenuti all’aperto, possono aver bisogno di
un 10–90% in più di energia rispetto ai mesi più temperati. In estate, i cani ansimano,
e possono avere bisogno di quantità d’acqua notevolmente superiori nonostante il
fatto che il consumo energetico addizionale sia alquanto limitato.

Nota clinica
I gatti ansimano e si inumidiscono
il manto con la saliva per massi-
mizzare la perdita d’acqua dovuta
all’evaporazione e rinfrescarsi.
Nei gatti disidratati si verifica una
riduzione del 50% nella loro capacità
di utilizzare questa perdita d’acqua
ANAMNESI NUTRIZIONALE E RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI

da evaporazione per regolare la


propria temperatura corporea.

Dite ai vostri clienti che... 2.6 Età


L’acqua è estremamente importante
nell’evitare lo stress da calore in A seconda dell’età del cane o del gatto, i requisiti di sostanze nutritizie specifiche quali
ambienti caldi. calcio, fosforo e proteine variano. I cuccioli, i gattini ed i cani e gatti in fase riproduttiva
hanno bisogno di quantità superiori di sostanze nutritizie per favorire la crescita, e
possono sviluppare problemi se queste non sono presenti in percentuali adeguate.
Per contro, i cuccioli di taglia grande, possono sviluppare problemi se consumano in
eccesso determinate sostanze nutritizie come il calcio.
Tra i cinque ed i sette anni di età, la fisiologia subisce dei cambiamenti solitamente
descritti come “correlati all’età”. Questo porta ad un aumento della prevalenza di
malattie dentali, obesità, malattie cardiache e renali, il che significa che è importante
assicurarsi che la dieta non acuisca questa tendenza.

12
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:27 Page 13

3 I fattori nutrizionali chiave

VNA 1 • CAPITOLO 5
L’obiettivo di una gestione nutrizionale è di massimizzare la durata e la qualità
della vita e, idealmente, si dovrebbe attuarlo prima dell’insorgere di qualsiasi
problema di salute. Per poter mantenere il buono stato di salute di cani e gatti,
un alimento per animali deve possedere tutte le sostanze nutritizie, nella giusta
misura e quantità. Tuttavia, è particolarmente importante controllare alcuni
fattori nutrizionali. Alla Hill’s, vengono denominati fattori nutrizionali chiave.

I FATTORI NUTRIZIONALI CHIAVE PIÙ IMPORTANTI SONO:

ACQUA

I FATTORI NUTRIZIONALI CHIAVE


CALCIO E
ENERGIA
FOSFORO

PROTEINE GRASSI

Alcuni degli stadi di vita possono presentare ulteriori fattori nutrizionali chiave,
che verranno descritti separatamente nella sezione sullo stadio di vita specifico.

3.1 Acqua
Il consumo totale di acqua (l’acqua che l’animale beve più quella ricavata dal cibo)
dipende da numerosi fattori (ad es. la temperatura ambientale e il livello di attività),
ma aumenta in modo quasi lineare quando i livelli di sale nel cibo aumentano.
Il fabbisogno d’acqua può venire soddisfatto consentendo all’animale di accedere
liberamente ad una fonte di acqua fresca. Particolarmente i gatti tendono a
produrre urine concentrate se bevono poca acqua.

13
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:27 Page 14

3.2
VNA 1 • CAPITOLO 5

Dite ai vostri clienti che... Energia


Nei gatti, il fabbisogno energetico
del singolo individuo può variare fino I requisiti possono variare considerevolmente da un animale all’altro. È probabile che
al 50%, o più, al di sopra o al di sotto una dieta ad elevato valore energetico causi problemi scheletrici durante la crescita,
della media. Di conseguenza, è in cuccioli che da adulti supereranno i 25 kg di peso.
importante ricordare che la quantità Poiché l’obesità è legata a molte patologie diverse, la priorità del proprietario è
di cibo da somministrare, riportata quella di mantenere sempre il peso ottimale del proprio animale. Di conseguenza,
sulle etichette degli alimenti, non la prevenzione dell’obesità dovrebbe rappresentare un obiettivo importante dei
rappresenta che un’indicazione di programmi di alimentazione. Il fabbisogno energetico cambia con l’età e con un
massima. eventuale intervento di castrazione/sterilizzazione, per cui occorre mantenere un
La corretta quantità di calorie per programma appropriato di gestione del peso che preveda di pesare l’animale e
il singolo individuo è quella che registrarne il peso, ad intervalli regolari.
mantiene il suo peso corporeo
ottimale.
I FATTORI NUTRIZIONALI CHIAVE

Nota clinica
Il 50% dei gatti di mezza età è in
sovrappeso, il che indica quanto sia
importante seguire un programma
di gestione del peso per tutta la vita
del gatto, che preveda il continuo 3.3 Grassi e acidi grassi essenziali
monitoraggio del peso corporeo. Nei
Una dieta corretta non può essere priva di queste sostanze. L’adeguato consumo
gatti di mezza età, l’obesità aumenta
di acidi grassi essenziali è fondamentale al mantenimento di una cute e di un manto
il rischio di morte di 2,7 volte rispetto
sani. Per i cani e i gatti inclini al sovrappeso, si consiglia solitamente una dieta a basso
a quello dei gatti magri.
contenuto di grassi, ma contenente livelli adeguati di acidi grassi essenziali (EFA).

14
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:27 Page 15

3.4

VNA 1 • CAPITOLO 5
Proteine
Quantità eccessive di proteine possono contribuire alla progressione dell’insufficienza
renale, in particolare perché i cibi ad elevato contenuto proteico sono solitamente
anche ricchi di fosforo. Una volta soddisfatto il fabbisogno proteico, le quantità di
proteine in eccesso verranno conservate sotto forma di tessuto adiposo.

3.5 Calcio e fosforo Nota clinica


Queste sono le altre sostanze nutritizie da tenere sotto controllo. I cibi casalinghi sono Il 25% dei cani giovani adulti
spesso carenti di calcio e presentano quantità eccessive di fosforo, così come alcuni potrebbe già essere affetta da
alimenti industriali. Questo è preoccupante, poiché un consumo eccessivo di fosforo è insufficienza renale subclinica.
correlato ad una più rapida evoluzione dell’insufficienza renale, mentre una restrizione I risultati di uno studio clinico,
nei livelli di fosforo può rallentare l’evoluzione della patologia e aumentare il tempo condotto presso una clinica
di sopravvivenza. D’altro canto, invece, la somministrazione di quantitativi eccessivi universitaria veterinaria europea,
di calcio può causare la formazione di calcoli di ossalato di calcio e l’insorgere di rivelano che il 22,4% dei cani in età
diversi problemi ortopedici, particolarmente nei cuccioli. superiore ai cinque anni, esaminati
per motivi diversi, produceva risultati
negativi nei test di funzionalità renale.

I FATTORI NUTRIZIONALI CHIAVE


Nota clinica
I gatti affetti da insufficienza renale non i gatti a vivere più a lungo e più in
vengono solitamente diagnosticati sino salute, è essenziale minimizzare
Dite ai vostri clienti che...
a quando non si riscontra una perdita l’eccesso di fosforo, somministrando
della funzione renale pari o superiore cibi di buona qualità adatti ai diversi I cibi per animali acquistabili presso i
ai tre quarti. L’insufficienza renale è la stadi di vita, come ad esempio la supermercati possono contenere livelli
seconda causa più comune di morte linea Science Plan™. eccessivi di calcio e fosforo rispetto
non accidentale nei gatti. Per aiutare alla dose consigliata per i gatti.

Urolita ossalato di calcio biidrato rimosso dalla vescica di un gatto affetto da ematuria e disuria.

15
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:27 Page 16

Sommario
VNA 1 • CAPITOLO 5

Sommario dei punti chiave Domande di autovalutazione


1. La “nutrizione in base allo stadio di vita” consiste 1. Perché è importante che la nutrizione sia adatta
nell’alimentare l’animale con diete appositamente ai diversi stadi di vita degli animali?
formulate per rispondere alle esigenze nutrizionali 2. Nelle società agiate, esiste la malnutrizione?
legate alle diverse età o a stati fisiologici specifici.
3. Quali informazioni dovete ottenere dal proprietario sulla
2. È importante farsi raccontare dal proprietario la storia storia di un cane o gatto in normale stato di salute?
dell’animale.
4. Quali sono i fattori nutrizionali chiave più importanti
3. Per mantenere il buon stato di salute di un animale è nell’alimentazione a seconda dello stadio di vita
importante controllare specifici fattori nutrizionali chiave. dell’animale?
4. Di solito, i gatti consumano 10–20 piccoli pasti durante 5. In che modo l’animale trae beneficio dagli acidi
il giorno e la notte. grassi essenziali?
5. La castrazione/sterilizzazione riduce del 25% nei
cani e del 24–33% nei gatti la quantità di fabbisogno
calorico giornaliero.
6. Il livello di attività rappresenta uno dei fattori chiave
nel determinare il fabbisogno energetico di cani e gatti.
7. Le abitazioni nelle quali vivono molti gatti possono
aumentare lo stress socio-psicologico degli animali,
particolarmente in caso di sovraffollamento.
8. Il 25% dei cani giovani adulti può essere già affetto
da insufficienza renale subclinica.
9. Per aiutare gli animali a vivere più a lungo è importante
evitare una dieta ad elevato contenuto di fosforo.

16
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:27 Page 17

VNA 1 • CAPITOLO 5

17
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:28 Page 18

4 Cani e gatti durante


VNA 1 • CAPITOLO 5

la fase riproduttiva
CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA

Gli obiettivi di un efficace programma di alimentazione degli animali durante


Definizioni
la fase riproduttiva sono quelli di ottimizzare:
Prenatale: precedente la nascita
• il concepimento
Neonatale: relativo alla prima
• il numero di cuccioli o gattini per cucciolata
settimana di vita
• la capacità di partorire della femmina
• la vitalità di cuccioli e gattini, sia a livello prenatale che neonatale
• l’allattamento.
La corretta somministrazione e gestione del cibo aumenterà la possibilità
di riproduzione con esito positivo e la nascita di cuccioli sani, mentre una
nutrizione inappropriata influirà negativamente sulle capacità riproduttive
delle cagne e delle gatte.

Definizioni
Morbidità: l’essere affetto da una
patologia
Mortalità: il numero statistico di morti

18
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:28 Page 19

VNA 1 • CAPITOLO 5
FATTORI CONSEGUENZE SULLA CAPACITÀ RIPRODUTTIVA E SULLA SALUTE

SOTTOALIMENTAZIONE Cucciolate con pochi soggetti


Soggetti sottopeso alla nascita
Maggiore morbidità e mortalità neonatale
Minore produzione di latte
Minore immunità e risposta alla vaccinazione
Minore fertilità successiva
Perdita di pelo e peso nelle cagne

OBESITÀ Minore ovulazione


Minore fertilità
Calore silente
Intervallo interestro prolungato
Anaestro
Cucciolate con pochi soggetti

CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA


MALNUTRIZIONE* Soggetti sottopeso alla nascita
Carenza di proteine Aumento della morbilità e mortalità neonatale
Minore immunità neonatale

CIBO PRIVO DI CARBOIDRATI Soggetti sottopeso alla nascita


Aumento della morbilità e mortalità neonatale
Aumento delle morti dei feti a termine

CARENZA DI ZINCO Riassorbimento fetale


Cucciolate con pochi soggetti

CARENZA DI FERRO Minore immunità e risposta alla vaccinazione

CARENZA DI PIRIDOSSINA E BIOTINA Minore immunità e risposta alla vaccinazione

IPERVITAMINOSI A Anomalie congenite


Cucciolate con pochi soggetti

IPERVITAMINOSI D Calcificazione dei tessuti molli

* Solitamente, la somministrazione di cibi industriali equilibrati non causa malnutrizione,


che potrebbe invece insorgere nel caso di cibi preparati in casa, ma non correttamente formulati.

Per riprodursi in modo ottimale, sia le femmine che i maschi degli animali
devono essere correttamente alimentati. Per le femmine, tre sono le fasi da
tenere in considerazione:
• estro
Definizioni
• gravidanza
Estro: periodo di ricettività
• allattamento. all’accoppiamento
Molti cani e gatti maschi usati nei programmi di riproduzione non avranno problemi Anaestro: assenza di estro
se alimentati con cibi completi per il mantenimento degli adulti, ma alcuni soggetti Interestro: periodo che intercorre
avranno bisogno di consumare una maggiore quantità di cibo o di cibo a più alto tra un estro e l’altro
contenuto energetico, che meglio risponda al loro maggiore fabbisogno.

19
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:28 Page 20

VNA 1 • CAPITOLO 5

Segue un breve sommario del fabbisogno nutrizionale nei tre stadi riproduttivi delle
femmine di cani e gatti.

4.1 Estro
Per assicurare le condizioni migliori durante l’estro e l’accoppiamento, è importante
che nutrizione e peso della femmina siano appropriati. Una femmina non deve essere
mai sotto- o sovrappeso, per evitare ripercussioni negative durante la gravidanza e
l’allattamento.
Durante l’estro, le cagne tendono ad avere meno appetito e, talvolta, sono
soggette a vomito. Per ridurre questi problemi, è indicato somministrare loro
piccoli pasti immediatamente prima e dopo l’accoppiamento.
Durante l’estro, le cagne riducono il consumo di cibo e possono perdere peso.
Di conseguenza, è importante somministrare loro un cibo di mantenimento di
alta qualità.
CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA – Estro

DURANTE L’ESTRO, LE CAGNE POSSONO ESSERE ALIMENTATE CON CIBI DI


Cani MANTENIMENTO DI ALTA QUALITÀ INDICATI PER CANI ADULTI, QUALI:

Science Plan Canine Adult

Science Plan Canine Adult Large Breed

Science Plan Canine Adult Mini

Science Plan Canine Adult Light

Science Plan Canine Sensitive Skin

Science Plan Canine Sensitive Stomach


!

Science Plan Canine Oral Care


no
oli
azz
sp
no
eu
om
ec
isc
Ag

Science Plan Canine Nature’s Best Mini/Medium

Science Plan Canine Nature’s Best Large/Giant

DURANTE L’ESTRO, LE GATTE POSSONO ESSERE ALIMENTATE CON CIBI DI


Gatti MANTENIMENTO DI ALTA QUALITÀ INDICATI PER GATTI ADULTI, QUALI:

Science Plan Feline Adult

Science Plan Feline Sensitive Skin

Science Plan Feline Sensitive Stomach

Science Plan Feline Nature’s Best Adult

20
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:28 Page 21

4.2

VNA 1 • CAPITOLO 5
Gestazione
Cani
La gravidanza della cagna dura circa 55-70 giorni, con una media di 63 giorni.
Il periodo di gestazione si suddivide in trimestri di 21 giorni l’uno. Di solito, prima
di partorire, le cagne acquistano circa il 15–25% di peso in più rispetto a prima della
gravidanza. Dopo il parto, le cagne dovrebbero pesare solo il 5–10% in più rispetto
al peso prima della gravidanza. Le cagne non hanno bisogno di mantenere una
riserva di grasso corporeo da utilizzare come energia per l’allattamento perché,
in questa fase, possono aumentare il consumo di cibo.
Variazione nel peso corporeo (%)

30 Peso corporeo 8

CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA – Gestazione


Consumo di cibo
20 6

FEG***
10 4

0** 2

-10 0
1 3 5 7 9 1 3 5 7
Gestazione Allattamento

Settimane
* Una riduzione temporanea di consumo di cibo verso la quarta settimana dal concepimento
indica una gravidanza.
** 0 = peso prima del concepimento.
*** Fabbisogno energetico giornaliero. Il valore è un multiplo del fabbisogno energetico a riposo.

Variazioni tipiche di peso corporeo e consumo di cibo di una cagna durante la gestazione e l’allattamento.

FATTORI NUTRIZIONALI CHIAVE DEI CANI IN CRESCITA

FATTORI LIVELLI RACCOMANDATI NEI CIBI (Sostanza secca)

Gestazione/allattamento* Allattamento**
Densità energetica (kcal EM/g)*** 3,5–4,5 4,0–5,0
Densità energetica (kJ EM/g)*** 14,6–18,8 16,7–20,9
Proteine (%) 22–32 25–35
Grassi (%) 10–25 ≥18
Carboidrati solubili (%) ≥23 ≥23
Fibra greggia (%) ≤5 ≤5
Calcio (%) 0,75–1,5 1,0–1,7
Fosforo (%) 0,6–1,3 0,7–1,3
Rapporto Ca/P 1:1–1,5:1 1:1–2:1
Sodio (%) 0,35–0,60 0,35–0,60
Cloruro (%) 0,50–0,90 0,50–0,90
Digeribilità Superiore alla media Superiore alla media
* Durante la gestazione di tutte le femmine e cagne che allattano fino a 4 cuccioli.
** Cagne che allattano dai 4 cuccioli in su. Alcune femmine appartenenti a razze giganti, possono aver bisogno di questo tipo di dieta
durante la gestazione, per mantenere il peso corporeo, specialmente verso la fine della gravidanza.
*** Se la densità calorica del cibo è diversa, il contenuto di sostanze nutritizie sulla sostanza secca deve essere adeguato di conseguenza.

21
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:28 Page 22

VNA 1 • CAPITOLO 5

Gatti
La gestazione delle gatte dura solitamente 63–65 giorni (con un range di 58-70 giorni).
Il peso aumenta linearmente dal concepimento alla nascita dei gattini; questo aspetto
differisce da quello della maggior parte delle altre specie animali, nelle quali si
riscontrano piccoli aumenti di peso sino all’ultimo terzo della gestazione, periodo
in cui si ha un aumento considerevole di peso e di assunzione di alimenti energetici.

Peso corporeo delle femmine di gatto (kg)

Assunzione di alimenti energetici (kcal)


4,8 Peso corporeo (N=64) 900
Assunzione di alimenti
4,6 energetici (N=10) 800

4,4 700
CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA – Gestazione

4,2 600

4,0 500

3,8 400

3,6 300

3,4 200

3,2 100
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 1 2 3 4 5 6
Settimane di gestazione Settimane di
allattamento
Accoppiamento Parto

Peso corporeo e assunzione di alimenti energetici nelle gatte durante la gestazione e l’allattamento.

A differenza delle cagne, dopo il parto le gatte perdono solo il 40% del peso
acquistato durante la gestazione. Il restante 60% del peso acquistato verrà
utilizzato durante il periodo di allattamento per sostenere la produzione del latte.

22
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:28 Page 23

VNA 1 • CAPITOLO 5
FATTORI NUTRIZIONALI CHIAVE DURANTE
LA GESTAZIONE

4.2.1 Acqua Dite ai vostri clienti che...


Il consumo di cibo potrebbe diminuire
L’acqua è un elemento importante per garantire capacità riproduttive normali, drasticamente proprio prima del parto
al quale l’animale deve poter accedere sempre, in quantità illimitata. e alcune cagne potrebbero addirittura
smettere di alimentarsi.
4.2.2 Energia
Nei cani, al 35˚ giorno di gravidanza si è sviluppato solo il 2% della massa fetale che, Dite ai vostri clienti che...
dopo 40 giorni, raggiunge il 5,5%. Questo significa che durante i primi due terzi del Solitamente, durante la gestazione,

CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA – Gestazione


periodo di gestazione, la cagna ha un fabbisogno energetico simile a quello richiesto il consumo di cibo varia. Durante la
per il mantenimento di un cane adulto. Dopo il 40˚ giorno, il tessuto fetale cresce in vita di cani e gatti, due sono i periodi
modo esponenziale ed il consumo energetico aumenta considerevolmente durante tipici nei quali il consumo di cibo e
la quinta settimana, per raggiungere il picco tra la sesta e l’ottava settimana di di peso diminuiscono:
gestazione. Il fabbisogno energetico durante la gestazione raggiunge un picco di • due settimane dopo
circa il 30% superiore al fabbisogno di mantenimento di un animale adulto, per le l’accoppiamento (e questo
cagne con pochi cuccioli, mentre la richiesta energetica delle femmine con molti si ritiene essere dovuto
cuccioli può aumentare anche del 50–60%. all’impianto dell’embrione)
Durante l’ultima settimana di gestazione, il fabbisogno energetico raggiunge i • durante l’ultima settimana
massimi livelli. Tuttavia, in questo periodo l’utero gravido potrebbe occupare così di gestazione.
tanto spazio che la cagna potrebbe avere difficoltà nell’ingerire un quantità di
cibo sufficiente. Questo si verifica particolarmente negli animali di taglia gigante,
che possono partorire cucciolate numerose. Per soddisfare il proprio fabbisogno
energetico, alcune femmine di razze giganti avranno bisogno di consumare uno
cibo speciale ad elevato contenuto energetico, adatto ai cani in riproduzione.
Il fabbisogno energetico della femmina di gatto, invece, aumenta costantemente
durante la gestazione. Il cibo deve essere sempre disponibile, in quantità abbondanti,
per permettere alla femmina di consumarne quanto ne richiede il proprio fabbisogno
energetico.

23
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 24

4.2.3 Proteine
VNA 1 • CAPITOLO 5

Nei cani, nell’ultimo periodo di gestazione si verifica un aumento del 40-70% del
fabbisogno proteico, correlato all’aumento del fabbisogno energetico. Anche la qualità
delle proteine somministrate dovrebbe aumentare, per migliorare il vigore dei cuccioli
appena nati e minimizzare la mortalità neonatale. Nelle femmine di gatto, la sintesi
delle proteine aumenta notevolmente durante la gestazione. Inoltre, la quantità e
qualità delle proteine rappresentano due fattori importanti per la produzione degli
aminoacidi essenziali e lo sviluppo dei feti. Si consigliano livelli di proteine pari o
superiori al 35% sulla sostanza secca.
CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA – Gestazione

Dite ai vostri clienti che...


Nelle gatte in gravidanza, la carenza • ritardato orientamento verso
di proteine potrebbe causare: la cuccia (capacità dei gattini di
• gattini sottopeso alla nascita orientarsi e ritornare alla cuccia)
• maggiore mortalità dei gattini • sviluppo locomotorio anomalo
poco dopo la nascita dei gattini (movimento)
• minore immunocompetenza • minore risposta emozionale dei
nei gattini gattini (aggressivi o impauriti).

4.2.4 Grassi
Per migliorare la digeribilità e fornire energia, è importante aumentare i livelli dei
grassi presenti nel cibo. Occorre quindi somministrare una dieta contenente il 10–25%
di grassi in base alla sostanza secca (grassi DM) alle cagne ed almeno il 18% di grassi
DM alle gatte. È altresì importante che la dieta contenga gli acidi grassi omega-3,
il cui ruolo è importante nello sviluppo del cervello dei feti.

4.2.5 Carboidrati
Poiché oltre il 50% dell’energia necessaria allo sviluppo fetale viene fornita dal
glucosio, nelle ultime settimane di gestazione le femmine di cane necessitano di
glucosio. Per questo motivo, la dieta dovrebbe contenere oltre il 20% di carboidrati
sulla sostanza secca (carboidrati DM).

4.2.6 Calcio e fosforo


Nelle femmine di cane, negli ultimi 35 giorni di gestazione il fabbisogno di calcio e
fosforo aumenta all’incirca del 60% a causa della rapida crescita ossea dei feti. Tuttavia,
un consumo di calcio eccessivo durante la gestazione potrebbe predisporre la femmina
a eclampsia durante l’allattamento, per cui occorre raggiungere un equilibrio corretto
nella somministrazione di questa sostanza. È molto importante ricordare che anche
se la cagna appartiene ad una razza di taglia grande (oltre 25 kg di peso), continua
a necessitare nella propria dieta di livelli elevati di energia e calcio. Questo significa
che non si deve mai somministrare un prodotto per cuccioli di razze grandi ad una
femmina gravida – indipendentemente dalla sua taglia – perché questo contiene livelli
di proteine, grassi e calcio inadeguati a sostenere la crescita e lo sviluppo dei feti.

24
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 25

VNA 1 • CAPITOLO 5
Per sostenere lo sviluppo osseo dei feti, le gatte hanno bisogno di livelli di calcio e
fosforo superiori a quelli necessari al consueto mantenimento dei gatti adulti.

4.2.7 Digeribilità Dite ai vostri clienti che...


Le gatte gravide hanno bisogno
Quando si alimentano femmine gravide di cani e gatti, è importante tenere in
di cibo adatto alla riproduzione,
considerazione la digeribilità del cibo. Durante l’ultimo periodo di gestazione, l’utero
prima di venire ingravidate.
occupa talmente tanto spazio nell’addome che, se il cibo non è facilmente digeribile,
Questo favorisce il concepimento
la femmina potrebbe non riuscire ad ingerirne a sufficienza, in modo tale da
e aumenta il tasso di sopravvivenza
soddisfare il proprio fabbisogno.
dei feti.

CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA – Gestazione


TUTTI I FABBISOGNI PRECEDENTI VERRANNO SODDISFATTI
Cani SOMMINISTRANDO ALLA CAGNA GRAVIDA I SEGUENTI ALIMENTI:

PRIMI DUE TERZI DEL PERIODO DI GRAVIDANZA:


CIBO DI MANTENIMENTO, DI QUALITÀ ECCELLENTE, PER CANI ADULTI, COME:

Science Plan Canine Adult

Science Plan Canine Adult Mini

Science Plan Canine Large Breed

Science Plan Canine Sensitive Skin

Science Plan Canine Sensitive Stomach

Science Plan Canine Nature’s Best Adult Mini/Medium

ULTIMO TERZO DEL PERIODO DI GRAVIDANZA:


CIBO DI QUALITÀ ECCELLENTE, AD ELEVATO CONTENUTO ENERGETICO,
PROTEICO E DI CALCIO, ADATTO AI CANI DA RIPRODUZIONE, COME:
Science Plan Puppy

Science Plan Puppy Mini

Science Plan Nature’s Best Puppy Mini/Medium

NON SOMMINISTRARE MAI A UNA CAGNA GRAVIDA


UN ALIMENTO PER CUCCIOLI DI RAZZA GRANDE

TUTTI I FABBISOGNI PRECEDENTI VERRANNO SODDISFATTI


Gatti SOMMINISTRANDO ALLA GATTA GRAVIDA I SEGUENTI ALIMENTI:

PER TUTTA LA GRAVIDANZA:


CIBO DI QUALITÀ ECCELLENTE, AD ELEVATO CONTENUTO ENERGETICO,
PROTEICO E DI CALCIO, ADATTO AI GATTI DA RIPRODUZIONE, COME:
Science Plan Kitten

Science Plan Nature’s Best Kitten

25
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 26

4.3 Allattamento
VNA 1 • CAPITOLO 5

Affinché una femmina di cane o gatto possa allattare bene, occorre che il suo stato di
salute prima della riproduzione sia buono e che l’animale si alimenti in modo adeguato
durante la gestazione e l’allattamento.
Durante l’allattamento, nei cani, il fabbisogno di sostanze nutritizie è direttamente
correlato alla produzione di latte che, a sua volta, dipende principalmente dal numero
di cuccioli.
CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA – Allattamento

Nota clinica
Una femmina di Pastore tedesco con I Beagle con 5-7 cuccioli producono
sei cuccioli può produrre circa 1,7 litri in media 1,05 litri di latte al giorno
di latte al giorno durante la terza e alla quarta settimana. Per contro,
quarta settimana di allattamento. una donna produce circa 750 ml di
latte al giorno durante un periodo
di allattamento di tre mesi.

Dopo il parto, una cagna dovrebbe pesare il 5–10% in più rispetto a quando non era
gravida. Nei primi 2–5 giorni di allattamento, la produzione di latte rappresenta circa
il 2,7% di peso corporeo ma, dopo tale periodo, la quantità di latte prodotta dipende
principalmente dal numero di cuccioli. Il consumo di cibi solidi da parte dei cuccioli
inizia ad aumentare verso la quinta settimana di vita, periodo dopo il quale la
produzione di latte si riduce progressivamente.

26
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 27

VNA 1 • CAPITOLO 5
Per i gatti, l’allattamento è lo stadio di vita nel quale viene consumato il maggiore
Dite ai vostri clienti che...
quantitativo energetico. La produzione massima di latte avviene solitamente alla
terza-quarta settimana di allattamento. Anche se la femmina può accedere a quantità Alcune femmine di gatto non
illimitate di cibo, continuerà a ricavare dal peso acquistato durante la gestazione molta lasciano facilmente la cuccia nei
dell’energia necessaria per la produzione di latte. Una volta partorito, la femmina primi giorni dopo il parto. Assicurarsi
dovrebbe pesare 700–900 g in più rispetto al periodo precedente la gravidanza. che i proprietari siano consapevoli
Il suo appetito diminuirà nelle 24–48 ore prima del parto, ma dovrebbe tornare dell’importanza di collocare le ciotole
alla normalità o aumentare nelle 24 ore successive alla nascita dei gattini. del cibo e dell’acqua vicino alla cuccia,
per renderle facilmente accessibili.

CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA – Allattamento


FATTORI NUTRIZIONALI CHIAVE DURANTE
L’ALLATTAMENTO

4.3.1 Acqua
Sebbene spesso non venga considerata l’importanza dell’acqua quale sostanza Nota clinica
nutritizia, essa rappresenta invece il primo nutriente per l’allattamento. L’acqua Una cagna di 35 kg che deve allattare
è richiesta in grandi quantità sia ai fini della produzione del latte sia come ausilio una cucciolata numerosa, può
alla termoregolazione. Di conseguenza, è importante che la femmina abbia sempre richiedere 5–6 litri d’acqua al giorno,
a disposizione, durante l’allattamento, grandi quantità di acqua fresca e pulita durante il picco dell’allattamento.

4.3.2 Energia
Dopo il parto, il fabbisogno energetico della cagna aumenta costantemente per
raggiungere il picco massimo tra la terza e la quinta settimana, livello che corrisponde
a 2–4 volte quello solitamente richiesto per il mantenimento dei cani adulti. Il
fabbisogno energetico ritorna ai livelli normali a circa otto settimane dal parto.
Nei gatti, il grande fabbisogno energetico richiesto dall’allattamento viene soddisfatto
alimentando l’animale con cibi ad elevato contenuto energetico.

27
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 28

4.3.3 Proteine
VNA 1 • CAPITOLO 5

Nota clinica
Durante l’allattamento, tutti i
fabbisogni verranno soddisfatti Nei cani, durante l’allattamento, il fabbisogno proteico è superiore rispetto al
somministrando alle femmine di fabbisogno energetico. Questo significa che il rapporto proteine-energia deve
cani e gatti cibo di qualità elevata, essere superiore nei cibi somministrati durante l’allattamento rispetto a quelli
ad elevato contenuto energetico, per il mantenimento degli animali adulti. Questo è un altro motivo per cui è così
di calcio e proteine, adatto per gli importante somministrare ad una cagna in allattamento una dieta specifica.
animali in fase di allattamento. Durante l’allattamento, le gatte aumentano la sintesi delle proteine per produrre
Per i cani: latte contenente concentrazioni proteiche adatte alla crescita dei gattini (circa 36%
di proteine del latte sulla sostanza secca – DM).
• Science Plan™ Puppy
• Science Plan™ Puppy Mini La fonte di proteine dovrebbe:
Per i gatti: • essere molto digeribile
CANI E GATTI DURANTE LA FASE RIPRODUTTIVA – Allattamento

• Science Plan™ Kitten. • avere un valore biologico elevato


• essere di origine animale
• fornire almeno il 35% di proteine sulla SS

4.3.4 Grassi
I grassi forniscono gli acidi grassi essenziali e l’energia e migliorano l’assorbimento delle
vitamine liposolubili. Un maggiore consumo di grassi potrebbe migliorare l’efficienza
alimentare durante l’allattamento e risultare alla produzione di latte più ricco di grassi.
Per il normale sviluppo della funzione retinica dei gattini durante lo svezzamento, è
necessaria una fonte alimentare di acido docosaesanoico (DHA), che dovrebbe essere
quindi incluso nel cibo da somministrare alle gatte che allattano.
Farina di pesce
Gli ingredienti comuni che contengono il DHA sono:
• farina di pesce
• farina di pollame

4.3.5 Carboidrati
I carboidrati sono assolutamente essenziali per le cagne che allattano,
in quanto aiutano a mantenere appropriati i livelli di lattosio nel latte.

Farina di pollame
4.3.6 Calcio e fosforo
Per le cagne, durante l’allattamento il fabbisogno di minerali dipende dall’escrezione
di minerali nel latte e dal numero di cuccioli. Durante il culmine dell’allattamento,
le cagne hanno bisogno di un quantitativo di calcio di 2–5 volte superiore a quello
richiesto per il mantenimento dei cani adulti. Per mantenere la capacità di
allattamento, le gatte hanno bisogno di quantitativi di calcio e fosforo superiori
al solito.

4.3.7 Digeribilità
L’allattamento è legato a fabbisogni nutrizionali specifici per cui è importante
raccomandare l’uso di alimenti molto digeribili per le femmine di cani e gatti
che allattano.

28
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 29

VNA 1 • CAPITOLO 5
TUTTI I FABBISOGNI PRECEDENTI VERRANNO SODDISFATTI
Cani SOMMINISTRANDO ALLA CAGNA IN ALLATTAMENTO I SEGUENTI ALIMENTI:

CIBO DI QUALITÀ ECCELLENTE, AD ELEVATO CONTENUTO ENERGETICO,


PROTEICO E DI CALCIO, ADATTO ALLE CAGNE IN ALLATTAMENTO, COME:

Science Plan Puppy

Science Plan Puppy Mini

Science Plan Nature’s Best Puppy Mini/Medium

TUTTI I FABBISOGNI PRECEDENTI VERRANNO SODDISFATTI


Gatti SOMMINISTRANDO ALLA GATTA IN ALLATTAMENTO I SEGUENTI ALIMENTI:

CIBO DI QUALITÀ ECCELLENTE, AD ELEVATO CONTENUTO ENERGETICO,


PROTEICO E DI CALCIO, ADATTO ALLE GATTE IN ALLATTAMENTO, COME:

Science Plan Kitten

Science Plan Nature’s Best Kitten

Sommario
Sommario dei punti chiave Domande di autovalutazione
1. Una corretta alimentazione e gestione 1. Quali sono gli obiettivi di un valido programma
dell’alimentazione aumenteranno la probabilità di di alimentazione finalizzato alla riproduzione?
successo della riproduzione e della nascita di cuccioli sani. 2. Durante l’estro, quanto appetito hanno le femmine
2. Una femmina di cane o gatto, quando si accoppia, di cani e gatti?
non deve mai essere sotto- o sovrappeso. 3. Perché i gatti hanno bisogno di una riserva di grasso
3. Il periodo medio di gestazione della cagna è di 63 giorni, per mantenere l’energia necessaria all’allattamento
quello della gatta di 63–65. mentre i cani non hanno questa esigenza?
4. Dopo il parto, la cagna dovrebbe perdere la maggior 4. In che modo il numero di cuccioli influisce sul fabbisogno
parte del peso acquistato durante la gestazione, energetico della cagna durante la gestazione?
mentre la gatta di gatto ne perde solo il 40%. 5. Solitamente, durante la gestazione il consumo di
5. Nelle cagne, il fabbisogno energetico aumenta durante cibo subisce delle variazioni. Quando l’animale consuma
la quinta settimana di gestazione e raggiunge il livello meno cibo, e perché?
massimo tra la sesta e l’ottava settimana. Nelle gatte, 6. Nelle gatte in gestazione, cosa potrebbe causare una
il fabbisogno energetico aumenta costantemente carenza di proteine?
durante tutta la gestazione.
7. Qual è il ruolo degli acidi grassi omega-3 nel feto?
6. Non somministrare mai ad una cagna gravida o in
8. Perché è importante per le femmine che il cibo
allattamento una dieta per cuccioli di razza grande.
sia digeribile?
7. Durante l’allattamento, il fabbisogno delle cagne
9. Quali diete si potrebbero somministrare ad una
di sostanze nutritizie è direttamente correlato alla
cagna gravida?
produzione del latte. Le gatte, invece, hanno un
fabbisogno energetico molto elevato, 10. Quali diete si potrebbero somministrare ad una
indipendentemente dalla quantità di latte prodotto. gatta gravida?

29
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 30

5 I cuccioli e i gattini
VNA 1 • CAPITOLO 5

Rispetto ai piccoli di altre specie animali, i cuccioli appena nati sono relativamente
immaturi e la loro struttura ossea presenta un basso livello di mineralizzazione.
I cuccioli di razza grande tendono ad essere più prematuri rispetto ai cuccioli di
razza piccola, e più suscettibili a malnutrizione ed a patologie ortopediche legate
allo sviluppo che insorgono durante questa fase di crescita rapida.
Nei primi dodici mesi di vita, i cani e i gatti in crescita passano attraverso tre fasi
critiche, durante le quali la nutrizione è essenziale per la loro sopravvivenza e per
uno sviluppo armonioso.
I CUCCIOLI E I GATTINI

PERIODO DI ALLATTAMENTO

• Molto influenzato dalla nutrizione della femmina durante la gestazione e il primo


periodo dell’allattamento.

PERIODO DI SVEZZAMENTO

• Estremamente stressante, per le variazioni nell’alimentazione e nell’ambiente.

PERIODO POST-SVEZZAMENTO

• Si verifica tra i 2 e i 12 mesi d’età


• È un periodo critico per lo sviluppo osseo e di altri organi
• È stato dimostrato che, nel cane, la nutrizione rappresenta il fattore non genetico
più importante ai fini dello sviluppo di un’ossatura sana.

5.1 Periodo di allattamento


Il peso alla nascita di cuccioli e gattini è l’indicatore più importante della loro possibilità
di sopravvivenza e riflette, tra gli altri fattori, l’adeguatezza della nutrizione della madre
durante la gestazione. La mortalità può raggiungere il 10–30% delle nascite e i due
terzi delle morti si verificano nella prima settimana di vita.

30
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 31

5.1.1 Colostro e latte

VNA 1 • CAPITOLO 5
Il liquido che fuoriesce dalle ghiandole mammarie nei primi giorni dopo il parto
si chiama colostro. Nei cani, la composizione del latte cambia rapidamente da
“normale” a “maturo” tra le 24 ore successive al parto e la fine della prima settimana
di allattamento, mentre nei gatti tra le 24 e le 72 ore successive al parto.

Nota clinica
Colostro:
• trasferisce gli anticorpi
• costituisce una fonte concentrata

I CUCCIOLI E I GATTINI – Periodo di allattamento


di energia
• costituisce una fonte concentrata
di sostanze nutritizie selezionate
• ha un effetto lassativo, per aiutare
i cuccioli a liberarsi dei primi
rifiuti fecali

31
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 32

VNA 1 • CAPITOLO 5

Definizione Nota clinica


Il latte è l’alimento completo dei Il sistema immunitario dei cuccioli di • la placenta:
neonati. La sua composizione è cani e gatti non è ancora maturo, ma – 5–10% degli anticorpi
volta a sostenere il tasso di crescita viene rinforzato dal trasferimento
• il colostro:
normale dei neonati. Il latte delle passivo degli anticorpi, che proteggono
diverse specie animali contiene gli l’organismo da varie malattie infettive. Il – il restante 90–95% degli
stessi componenti, ma in percentuale trasferimento avviene attraverso: anticorpi.
diversa. Il latte della cagna ha un
contenuto energetico, proteico e
di minerali superiore a quello
della mucca.
Il colostro ha una composizione diversa dal latte maturo. Per l’elevato contenuto di
sostanza secca, il colostro è piuttosto appiccicoso e viscoso, il che rende più difficile
l’allattamento, specialmente per i cuccioli e i gattini più deboli.
I CUCCIOLI E I GATTINI – Periodo di allattamento

Nota clinica
I gattini acquisiscono un’immunità A sedici ore dalla nascita, nei gattini,
sistemica e locale passiva consumando il trasferimento passivo degli anticorpi
colostro o latte maturo. si arresta. La femmina del gatto
Dite ai vostri clienti che... L’immunità sistemica si acquisisce sviluppa invece una concentrazione
quando il gattino riceve colostro entro locale di anticorpi nel tratto gastro-
Il latte della femmina di gatto
le prime dodici ore di vita. In tale intestinale che contribuisce ad evitare
differisce notevolmente da quello di
periodo, l’animale assorbe attraverso l’invasione di microrganismi nel flusso
altre specie animali. Di conseguenza,
l’intestino gli anticorpi intatti. sanguigno. Questo evento si chiama
il latte di altre specie animali non è
immunità locale passiva, che dura
adatto per l’allattamento dei gattini. Ciò significa che se un gattino non
per tutto il tempo in cui i gattini si
riceve colostro o il latte della femmina
alimentano con il latte materno. Ai
del gatto da un’altra femmina durante
fini del mantenimento della salute
questo periodo di tempo, rimane
dei gattini, sino alla maturità del loro
compromesso a livello immunologico
sistema immunitario, sia l’immunità
ed è suscettibile alle infezioni.
sistemica sia quella locale svolgono
un ruolo estremamente importante.

IMMUNITÀ IMMUNITÀ
SISTEMICA LOCALE
Nota clinica
L’elevato contenuto di anticorpi nel
latte della gatta rappresenta il motivo
ENTRO DOPO
12 16
per il quale i gattini appena nati
possono essere allevati senza problemi
e con la totale immunocompetenza
da una gatta che non sia la madre.
Il fattore limitante è la finestra
temporale di dodici ore dalla nascita,
ORE ORE
periodo entro il quale i gattini possono
assorbire efficacemente gli anticorpi.

32
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:29 Page 33

5.1.2 Energia

VNA 1 • CAPITOLO 5
Il latte delle femmine di cane e gatto è altamente
digeribile. Il fabbisogno energetico dei cuccioli e dei
gattini consiste in:
• energia necessaria al mantenimento
• energia necessaria alla crescita.
Poiché i cuccioli e i gattini dormono per oltre l’80% del
tempo e giacciono molto vicini tra loro nella cuccia,
possono ridurre il fabbisogno energetico necessario al
mantenimento, destinando una quantità di energia
maggiore alla crescita. A sei settimane d’età, i gattini
maschi sono notevolmente più pesanti delle femmine e
consumano una quantità di cibo proporzionalmente superiore.

5.1.3 Proteine

I CUCCIOLI E I GATTINI – Periodo di allattamento


La digeribilità delle proteine presenti nel latte delle cagne raggiunge il 99%. Rispetto al
latte bovino, quello della cagna contiene circa il doppio di proteine per 100 ml ed un
contenuto superiore di diversi tipi di aminoacidi.

5.1.4 Carboidrati
Il lattosio è il principale carboidrato presente nel latte. I livelli di lattosio presenti nel
latte delle cagne e delle gatte sono il 30% circa inferiori a quelli presenti nel latte di
mucca. L’intestino dei cuccioli e dei gattini produce l’enzima lattasi, che consente loro di
digerire il lattosio. Una volta svezzati,
la produzione di lattasi diminuisce; questo spiega perché il latte può creare problemi
di digestione, particolarmente nei gattini.

5.1.5 Calcio e fosforo


Nei cani, il colostro contiene elevatissimi livelli di calcio. Tuttavia, a 2–3 giorni dalla
nascita, subisce una riduzione. Nei gatti, i livelli di calcio nel colostro sono piuttosto
bassi, ma aumentano significativamente a metà-fine del periodo di allattamento.

5.1.6 Ferro
Il latte è una fonte povera di ferro ed il fabbisogno dei cuccioli è solitamente
superiore alla quantità disponibile. La principale fonte di ferro, ricevuta durante lo
stadio fetale, aumenta nuovamente quando i cuccioli ricevono ulteriore cibo durante
lo svezzamento. Questo è uno dei motivi per i quali i cuccioli dovrebbero ricevere
quanto prima (verso la terza settimana di vita) altro cibo oltre il latte materno.

Dite ai vostri clienti che...


Non devono mai alimentare i
cuccioli con quantità addizionali di
ferro, perché si potrebbe danneggiare
il tratto gastrointestinale o inibire
il consumo di altri minerali. Occorre
invece assicurarsi che la cagna sia
alimentata correttamente durante
la gestazione e l’allattamento.

33
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 34

5.2
VNA 1 • CAPITOLO 5

Nota clinica Periodo dello svezzamento


Science Plan™ Puppy e Science Plan™
Puppy Mini hanno la stessa I cuccioli e i gattini dovrebbero venire incoraggiati ad alimentarsi con cibi solidi il più
composizione ma le crocchette hanno presto possibile.
dimensioni diverse. Le crocchette Questa abitudine:
più piccole di Science Plan Puppy Mini • ridurrà la totale dipendenza dalla madre
sono più adatte ad essere consumate
• ridurrà l’onere nutrizionale per la madre
dai cuccioli di razza piccola.
• contribuirà ad ovviare alla carenza di ferro nei cuccioli
• renderà meno stressante lo svezzamento completo.
La maggior parte dei cuccioli e dei gattini inizierà a mangiare cibi solidi a partire dalla
terza/quarta settimana di vita. Spesso, durante il gioco, i cuccioli vengono a contatto col
cibo che mangia la madre e inizieranno gradualmente a consumarne piccole quantità.
Allo stesso modo, i gattini mettono le zampe nella ciotola del cibo materno e quindi lo
assaggiano, quando si leccano per pulirsi.
I CUCCIOLI E I GATTINI – Periodo dello svezzamento

Dite ai vostri clienti che...


A tre settimane di vita, si può • macinando il cibo secco come
somministrare ai cuccioli e ai Science Plan Puppy Mini e Science
gattini una pappetta, che li invogli Plan Nature’s Best™ Puppy
ad alimentarsi. La pappetta può Mini/Medium o, per i gattini,
essere ottenuta: Science Plan Kitten e Science Plan
• mescolando cibo umido per cuccioli Nature’s Best™ Kitten e miscelando
come Science Plan Puppy o Science una parte di cibo secco con tre parti
Plan™ Kitten con un quantitativo di acqua tiepida.
identico di acqua tiepida

In questo periodo, i cuccioli e i gattini sono molto soggetti a vomito e diarrea.


Se questi episodi si verificano, la pappetta può essere ottenuta da cibo umido
altamente digeribile adatto alla gestione alimentare della diarrea, contenente un
minimo del 25% di proteine, come Prescription Diet™ Canine i/d™ o Feline i/d™.

34
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 35

VNA 1 • CAPITOLO 5
Man mano che i cuccioli si abituano a consumare cibi solidi, è possibile ridurre
Dite ai vostri clienti che...
gradualmente il contenuto d’acqua della pappetta. A cinque settimane di vita,
i cuccioli dovrebbero consumare quantità di cibo solido a sufficienza perché la A 3–5 settimane di vita, i gattini
produzione di latte materno inizia a diminuire. Per ridurre il più possibile lo stress leccano il cibo, ma non lo masticano.
dello svezzamento, si consiglia di dare ai cuccioli sin dall’inizio lo stesso cibo che A circa 6-8 settimane di vita, la
mangeranno in seguito. L’animale non solo imparerà a riconoscere in fretta questo maggior parte dei gattini ha già
mangime come cibo, ma al contempo si eviteranno i problemi intestinali associati imparato a consumare cibi solidi,
a successivi cambiamenti della dieta. non inumiditi, per cui non sarà più
necessario alimentarli con la pappetta.

I CUCCIOLI E I GATTINI – Periodo di svezzamento

Nota clinica
Alcuni proprietari ritengono che i È difficile che queste diete
gattini possano essere svezzati casalinghe siano nutrizionalmente
con una pappetta a base di pesce adeguate allo svezzamento; si
e yogurt o altri cibi simili. consiglia invece una dieta completa
come Science Plan™ Kitten.

35
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 36

5.3
VNA 1 • CAPITOLO 5

Nota clinica Periodo post-svezzamento


Quando i proprietari acquisiscono un
gattino che è stato alimentato con L’obiettivo prioritario di un programma di alimentazione dei cuccioli di cani e gatti
cibo per gatti di qualità scadente, è quello di accompagnarli nella crescita, sino a diventare adulti sani. Gli obiettivi
spesso l’animale sarà molto piccolo. specifici di un programma di alimentazione sono:
Quando grazie ai suggerimenti • ottimizzare la crescita
del personale dell’ambulatorio • minimizzare l’obesità
veterinario viene iniziata una dieta • minimizzare le patologie ortopediche legate all’accrescimento nei cuccioli di cane.
più appropriata, come Science Plan™
Kitten, il gattino mostrerà spesso Questi tre obiettivi vengono raggiunti evitando carenze o eccessi nutrizionali. Durante
una crescita impressionante. la crescita, il fabbisogno di sostanze nutritizie aumenta rispetto al fabbisogno dei cani
adulti. Tuttavia, occorre garantire i corretti livelli di energia e calcio:
• giusto consumo di alimenti energetici per i cuccioli di cane di razza piccola e media,
onde evitare l’obesità
• giusto consumo di alimenti energetici e calcio per i cuccioli di cane di razza grande
e gigante, per garantire la salute dell’apparato scheletrico.
I CUCCIOLI E I GATTINI – Periodo post-svezzamento

Inoltre, è importante scegliere un metodo di alimentazione corretto, particolarmente


per i cani di razza grande. Quantità illimitate di cibo causano un aumento delle
anomalie ossee nei cuccioli di razza grande e gigante e possono portare ad obesità
nei cuccioli di qualsiasi razza.

FATTORI NUTRIZIONALI CHIAVE PER I CANI IN CRESCITA


Informazioni addizionali
I gattini dovrebbero aumentare di FATTORI LIVELLI RACCOMANDATI NEL CIBO (sostanza secca)
circa 100 g alla settimana, sino alla
ventesima settimana di vita quando Peso corporeo da adulto Peso corporeo da adulto
i maschi acquisteranno solitamente inferiore a 25 kg* superiore a 25 kg**
20 g/giorno e le femmine 11 g/giorno.
Il tasso di crescita rallenta quando Densità energetica (kcal EM/g) 3,5–4,5 3,2–3,8
i gattini raggiungono l’80% delle Densità energetica (kJ EM/g) 14,6–18,8 13,6–15,7
dimensioni di un adulto, alla 30ª
Proteine (%) 22–32 20–32
settimana di vita, e raggiungono
il peso corporeo da adulto alla 40ª Grassi (%) 10–25 8–12
settimana (10 mesi). Dopo i 12 mesi Calcio (%) 0,7–1,7 0,7–1,2
di vita, è possibile registrare un Fosforo (%) 0,6–1,3 0,6–1,1
ulteriore aumento di peso che
Rapporto Ca/P 1:1–1,8:1 1:1–1,5:1
rappresenta una fase di maturazione
e sviluppo muscolare. Digeribilità Superiore alla media Superiore alla media
* Per cani il cui peso corporeo da adulto è inferiore a 25 kg. È possibile somministrare a questi cani lo stesso
cibo consigliato per la gestazione/allattamento. I cibi industriali equilibrati possono rispondere ai requisiti
alimentari per la gestazione/allattamento della maggior parte delle femmine di cane e la crescita dei
cuccioli il cui peso da adulti non supera i 25 kg.
** Per i cani di razza grande e gigante (peso corporeo da adulto superiore a 25 kg).
Se un gattino non riceve la nutrizione necessaria, la sua crescita sarà rallentata.

Curva di crescita dei gattini maschi


(N=19) Media ±1 DS
4,2

3,6
Peso corporeo (kg)

3,0

2,4

1,8 Curva di crescita dei gattini femmine


(N=37) Media ±1 DS
1,2

Curva di crescita dei gattini femmina e 0,6


maschio. Notare come, a quattro settimane
di vita, si riscontrino differenze significative 0
0 4 8 12 16 20 24 28 32 36 40 44 48 52
nella percentuale di crescita tra i due sessi:
Età (settimane)
le femmine crescono più lentamente e,
di solito, sono più piccole dei maschi.

36
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 37

5.3.1 Energia

VNA 1 • CAPITOLO 5
Nota clinica
I cuccioli di Alano possono avere un
Sia i cuccioli dei cani che i gattini hanno bisogno di energia per: fabbisogno energetico del 25%
• il mantenimento superiore a quello di altre razze.
• la crescita. Questo dato non deve essere applicato
ad altri cuccioli di razze giganti,
Nella prima settimana successiva allo svezzamento, quando il peso corporeo è
essendo specifico della suddetta razza.
relativamente basso mentre il tasso di crescita è elevato, i cuccioli di cane utilizzano
circa il 50% del loro consumo totale di energia per il mantenimento ed il 50% per la
crescita. Gradualmente, la curva di crescita raggiunge una fase stabile, man mano
che i cuccioli diventano giovani adulti.

Dite ai vostri clienti che...


1 2 Se durante la crescita il cucciolo riceve

I CUCCIOLI E I GATTINI – Periodo post-svezzamento


cibo in eccesso, potrebbe diventare in
Peso corporeo

sovrappeso o persino obeso. L’obesità


ha numerose conseguenze:
• potrebbe contribuire ai disordini
ossei aumentando il carico e le
sollecitazioni sulle ossa non
ancora solidificate
Aumento dell’età • potrebbe risultare in un aumento
delle cellule di grasso, condizione
che, in età avanzata, potrebbe
Tipica curva di crescita sigmoide dei cuccioli di cane. I cuccioli in crescita presentano due fabbisogni
predisporre ad un’ovvia obesità.
energetici: l’energia necessaria al mantenimento e quella richiesta per l’accrescimento dei tessuti
dell’organismo. Nelle prime settimane post-svezzamento, quando il peso corporeo è relativamente Queste considerazioni rendono
basso e il tasso di crescita esponenziale, i cuccioli utilizzano circa il 50% dell’energia per il essenziale convincere il proprietario di
mantenimento ed il 50% per la crescita. Gradualmente, la curva di crescita raggiunge una fase un cucciolo di quanto sia importante
stabile. Con l’aumentare del peso corporeo, aumenta progressivamente la quantità di energia
necessaria per il mantenimento, mentre quella utilizzata per la crescita diventa meno importante.
sottoporre l’animale a regolari
La linea di partenza (linea 1) e la linea di arrivo (linea 2) della crescita esponenziale possono controlli del peso. Suggerite ai clienti
differire, a seconda della razza e delle variazioni individuali. che sarebbe meglio iscrivessero il
cucciolo al programma Hill’s Best Start
for a Healthy Life (Il Migliore Inizio per
Una Vita Sana), per monitorarne il
peso ogni 2–4 settimane.
I proprietari sono spesso convinti che
se alimentano il loro cane con grandi
quantità di cibo, l’animale crescerà più
grande e/o più muscoloso. In realtà,
è una credenza del tutto falsa.
Il cane raggiungerà semplicemente
le dimensioni adulte in minor tempo
e sottoporrà la propria struttura ossea
ad eccessive sollecitazioni.

37
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 38

VNA 1 • CAPITOLO 5

A causa della variazione nell’utilizzo dell’energia, il consumo totale di cibo di un cucciolo


Nota clinica
di Pastore tedesco (peso corporeo da adulto 35 kg) aumenta molto lentamente dopo
La malattia ossea da sviluppo si circa 4 settimane di vita.
manifesta solitamente in due forme:
In base al Fabbisogno energetico a riposo (FER), è possibile consigliare ai clienti la
• osteocondrosi quantità di energia che un cucciolo dovrebbe ricevere:
• displasia (anche, gomiti).
Nei cani, le malattie ossee da
sviluppo sono causate da diversi Sino al 50% circa del peso da adulto: 3 × FER
fattori, e dipendono da caratteristiche
genetiche, dall’ambiente e dalla Successivamente 2–2,5 × FER
nutrizione. Un rapido aumento di
peso (troppa energia) ed un eccesso Al raggiungimento dell’80% del peso da adulto 1,8–2 × FER
di sostanze nutritizie (calcio)
potrebbero interferire nello sviluppo
di cartilagine e ossa, causando
problemi permanenti. 5.3.2 Proteine
I CUCCIOLI E I GATTINI – Periodo post-svezzamento

Il fabbisogno proteico dei cani in crescita è diverso da quello degli adulti, non solo
per la quantità necessaria, ma anche per la qualità. Il fabbisogno proteico dei cani in
crescita segue uno schema simile a quello del fabbisogno energetico. Questo significa
che durante questa fase di crescita (post-svezzamento – raggiungimento dello stadio
di adulto), è opportuno somministrare all’animale lo stesso profilo di sostanze
nutritizie. Per i gattini, il fabbisogno proteico è elevato allo svezzamento e si riduce
gradualmente sino al raggiungimento dello stadio adulto.

5.3.3 Grassi Nota clinica


È stato dimostrato che la L-carnitina
È importante assicurarsi che i cani e è in grado di aumentare la massa
i gatti in crescita dispongano di una ossea, la densità ossea e la massa
fonte di acidi grassi essenziali. I grassi muscolare nei cuccioli di razza grande
contribuiscono notevolmente alla oltre a contribuire ad evitare la lipidosi
densità di un cibo ed un consumo epatica (fegato grasso).
eccessivo di energia potrebbe influire
sulla formazione delle ossa nei cani di
razza grande e gigante. È quindi importante che il cibo per cuccioli di
razze grandi e giganti contenga una quantità addizionale di L-carnitina, che
contribuisce alla formazione di massa muscolare anziché di tessuto adiposo.

Dite ai vostri clienti che... 5.3.4 Calcio e fosforo


Non devono mai integrare la dieta di
Sebbene i cani in crescita abbiano bisogno di più calcio e fosforo rispetto ai cani adulti,
un cucciolo con quantità addizionali
il fabbisogno minimo è relativamente basso. L’assorbimento intestinale del calcio varia
di calcio, bensì cibo per cuccioli di
da quasi lo 0% al 90% mentre quello del fosforo può aumentare sino a quasi l’80%, per
qualità elevata.
adattarsi al consumo. Nei cuccioli di pochi mesi, l’omeostasi del calcio può essere meno
precisa. Nei cuccioli in età compresa tra due e sei mesi, l’assorbimento intestinale del
calcio non scende mai sotto il 40% circa, neppure se vengono alimentati con una dieta
ricca di calcio. Questo significa che non sono in grado di compensare gli alimenti ad
elevato contenuto di calcio.
Quantità eccessive di calcio, particolarmente se combinate a cibo ad elevato contenuto
Definizione energetico, hanno dimostrato di predisporre i cuccioli di razze grandi e giganti allo
Displasia dell’anca: sviluppo o crescita sviluppo di patologie scheletriche come la displasia dell’anca. (Per ulteriori informazioni
anomala dell’articolazione dell’anca sui problemi ortopedici nello sviluppo fare riferimento a VNA [NAP] 4).
che si manifesta con livelli variabili
di lassità dei tessuti molli circostanti,
instabilità dell’articolazione e
malformazione della testa femorale
e acetabolo con osteoartrosi.1

38
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 39

VNA 1 • CAPITOLO 5
Nota clinica Nota clinica
I cibi per cuccioli di razza grande e Le razze più piccole sono meno sensibili Benché nei cani i sintomi di patologie
gigante dovrebbero contenere: agli elevati livelli di calcio, per cui il cibo dello sviluppo siano generalmente
• 0,7–1,2% di calcio DM. adatto a questi animali può contenere molto più gravi, anche i gatti
lo 0,7–1,7% di calcio sulla SS. possono andare incontro alle stesse
• 3,5 kcal di energia metabolizzabile
patologie. È stato dimostrato che
per grammo di sostanza secca.
la somministrazione di quantità
eccessive di cibo durante gli stadi
A differenza dei cuccioli di cane, nei gattini l’eccesso di calcio non è stato sinora iniziali dello sviluppo aumenta
associato a patologie ortopediche dell’accrescimento. Tuttavia, concentrazioni di la possibilità che il gatto
calcio molto elevate riducono in modo significativo la disponibilità di magnesio. sviluppi la displasia dell’anca,
Il calcio deve essere somministrato in quantità sufficienti a rispondere al fabbisogno indipendentemente dal suo
dei gattini in crescita pur evitando, al contempo, di ridurre la disponibilità delle peso nello stadio adulto.
altre sostanze nutritizie.
La carenza di calcio accompagnata da un eccesso di fosforo si riscontra più
frequentemente nei gattini alimentati con cibi non integrati a base esclusiva di carne.

I CUCCIOLI E I GATTINI – Periodo post-svezzamento


5.3.5 Digeribilità
I cuccioli di cani e i gattini ai quali viene somministrata una dieta a bassa densità Nota clinica
energetica e digeribilità, hanno bisogno di consumare grandi quantità di cibo. La carenza di calcio accompagnata
Questo aumenta il rischio di: da un eccesso di fosforo si manifesta
• flatulenza con zoppia, dolore e riluttanza a
• vomito muoversi dell’animale.

• diarrea
• aspetto “a otre”.
Di conseguenza, i cibi raccomandati per cuccioli e gattini dovrebbero essere molto
più digeribili rispetto agli altri tipi di cibo.

Cuccioli TUTTI I FABBISOGNI PRECEDENTI VERRANNO


di cane SODDISFATTI SOMMINISTRANDO:

CUCCIOLI DI RAZZA GRANDE E GIGANTE

Science Plan Large Breed Puppy

Science Plan Nature’s Best Puppy Large/Giant

CUCCIOLI DI RAZZA PICCOLA

Science Plan Puppy

Science Plan Puppy Mini

Science Plan Nature’s Best Puppy Mini/Medium

TUTTI I FABBISOGNI PRECEDENTI VERRANNO


Gattini SODDISFATTI SOMMINISTRANDO:

Science Plan Kitten

Science Plan Nature’s Best Kitten

39
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 40

Sommario
VNA 1 • CAPITOLO 5

Sommario dei punti chiave Domande di autovalutazione


1. Durante la fase di crescita rapida, i cuccioli di cane di 1. Quali sono i tre stadi critici dei primi 12 mesi di vita
razza grande sono più frequentemente prematuri e dei cuccioli e dei gattini?
più suscettibili alla malnutrizione e alle patologie 2. Quando la composizione del latte materno cambia
ortopediche dello sviluppo rispetto a quelli appartenenti da colostro a latte maturo?
a razze piccole.
3. Perché è importante che i cuccioli e i gattini ricevano
2. Il peso alla nascita dei cuccioli e dei gattini è l’indicatore il colostro materno?
più importante della loro possibilità di sopravvivenza.
4. Perché i gattini appena nati possono essere allevati
3. Il liquido che fuoriesce dalle ghiandole mammarie senza problemi e con totale immunocompetenza da
nei primi giorni dal parto si chiama colostro. una gatta che non sia la loro madre, anche se questa
4. I gattini acquisiscono l’immunità sistemica e locale non produce più colostro?
dal colostro o dal latte maturo. 5. Perché è importante incoraggiare i cuccioli e i gattini
5. Verso la sesta settimana di vita, i gattini maschi a iniziare quanto prima a mangiare cibi solidi?
pesano molto di più delle femmine. 6. Come si ottiene la pappetta da somministrare ai
6. Nelle cagne e nelle gatte, i livelli di lattosio nel latte sono cuccioli e ai gattini?
circa il 30% inferiori a quelli presenti nel latte di mucca. 7. Perché non è ottimale alimentare i gattini con
7. I cuccioli di cane devono ricevere altro cibo, oltre il pappetta contenente pesce e yogurt?
latte materno, quanto prima possibile dopo la nascita. 8. Perché è importante somministrare ai cuccioli di
8. Verso la terza settimana di vita, i cuccioli e i gattini cane i corretti livelli di energia e calcio?
possono venire alimentati con una pappetta per 9. Quanta energia dovrebbe ricevere un cucciolo di cane?
stimolare il consumo di cibo.
10. Quali sono alcune delle conseguenze dell’obesità
9. Se durante lo svezzamento i cuccioli e i gattini nei cuccioli di cane?
soffrono di diarrea, possono venire alimentati con
11. Cosa significa per i cuccioli di cane l’incapacità di
Prescription Diet™ Canine i/d™ o Feline i/d™.
ridurre l’assorbimento di calcio al di sotto del 40%?
10. È stato dimostrato come la somministrazione in quantità
12. Quali potrebbero essere le conseguenze, per un gattino,
illimitate di cibo aumenti la prevalenza di anomalie
di una dieta di sola carne?
ossee nei cuccioli di cane di razza grande e gigante e
la prevalenza dell’obesità nei cuccioli di qualsiasi razza. 13. Quali diete si potrebbero somministrare:

11. Nei cuccioli di cane in età compresa tra 2 e 6 mesi di • ai cuccioli di razza grande?
vita, l’assorbimento intestinale del calcio non scende • ai cuccioli di razza piccola?
mai al di sotto del 40% circa, anche se all’animale • ai gattini?
viene somministrata una dieta ricca di calcio.

RIFERIMENTI
1 Brinker WO, Piermattei DL, Flo GL, eds. Diagnosis and treatment
of orthopedic conditions of the hindlimb. In: Handbook of Small
Orthopedics and Fracture Treatment, 2nd ed. Philadelphia,
PA: WB Saunders Co, 1990; 341–470.

40
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 41

VNA 1 • CAPITOLO 5

41
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 42

6 Cani e gatti adulti


VNA 1 • CAPITOLO 5

A seconda della razza, con il termine di cani adulti vengono definiti quei soggetti
che hanno terminato la fase di accrescimento (solitamente hanno oltre i 12 mesi
di vita), ma hanno un età compresa tra meno di cinque (razze grandi) e sette anni
(razze più piccole).
In generale, i gatti raggiungono lo stadio di adulto tra i 10 e i 12 mesi d’età.
I gatti che raggiungono i sette anni possono essere considerati in età avanzata
o senile per la maggiore prevalenza di malattie correlate all’età e l’insorgere di
lievi cambiamenti comportamentali, fisici e metabolici dovuti all’invecchiamento.

Gli aspetti più importanti della salute dei cani e gatti adulti, che potrebbero beneficiare
da una corretta gestione nutrizionale sono:
• patologie dentarie
• obesità
• insufficienza renale
• patologie cardiache.
CANI E GATTI ADULTI
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 43

6.1

VNA 1 • CAPITOLO 5
Fattori nutrizionali nei cani e
nei gatti adulti
6.1.1 Acqua
L’acqua rappresenta circa il 56% del peso corporeo di un cane adulto ed anche se
i gatti sono in grado di produrre urine molto concentrate, è essenziale per entrambi
poter accedere a quantità illimitate di acqua fresca e pulita.

6.1.2 Energia
Il fabbisogno energetico varia
notevolmente da un individuo all’altro.
Poiché l’obesità è correlata a molte
malattie, il mantenimento del peso
ottimale continua ad essere un aspetto
prioritario. Studi recenti hanno
dimostrato che la prevalenza dell’obesità
aumenta progressivamente sino a
raggiungere il picco nei cani e nei gatti
di mezza età. Quindi, la prevenzione
dell’obesità dovrebbe costituire un
obiettivo importante dei programmi

CANI E GATTI ADULTI


di alimentazione rivolti ai giovani adulti.
Il proprietario ha spesso difficoltà nel
giudicare il peso del proprio cane o
gatto, per cui è importante seguire un
programma appropriato di gestione del
peso, mediante il quale l’animale viene
pesato a intervalli regolari ed il suo peso
viene registrato.

Dite ai vostri clienti che...


Il programma Hill’s Amici in Forma
è molto valido sia nella prevenzione
che nel trattamento dell’obesità.

6.1.3 Calcio e fosforo


Sia fosforo che calcio sono considerati sostanze nutritizie da tenere sotto controllo.
È difficile bilanciare il contenuto nutrizionale dei cibi preparati in casa, che potrebbero
contenere quantità eccessive di fosforo. Questo succede in particolare per i gatti Nota clinica
alimentati con carne priva di integratori, contenendo questa una concentrazione
L’eccesso di fosforo, riscontrabile
di calcio molto bassa ed elevati livelli di fosforo. Anche alcuni alimenti industriali
in gatti adulti alimentati con cibi
contengono un eccessivo livello di fosforo. Questo aspetto desta qualche
industriali rappresenta una fonte di
preoccupazione, poiché un elevato consumo di fosforo è stato correlato ad una
preoccupazione per quanto riguarda:
accelerata evoluzione dell’insufficienza renale, mentre la restrizione di tale sostanza
può rallentare l’evoluzione dell’insufficienza renale cronica e migliorare la possibilità • le basse vie urinarie
di sopravvivenza a lungo termine. D’altro canto, la somministrazione di quantità • l’insufficienza renale
eccessive di calcio può causare la formazione di calcoli di ossalato di calcio.

43
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 44

6.1.4 Proteine
VNA 1 • CAPITOLO 5

Dite ai vostri clienti che...


Nel cane, quando viene soddisfatto il
fabbisogno di aminoacidi, l’aggiunta di In quantità eccessive, anche le proteine possono contribuire alla progressione
altre proteine non ha alcun beneficio dell’insufficienza renale, particolarmente perché i cibi ad elevato contenuto proteico
conosciuto. Questo fatto si scontra contengono spesso livelli elevati di fosforo.
con l’opinione alquanto diffusa che
un elevato quantitativo di proteine
contribuisca al buono stato di salute
6.1.5 Sodio e cloruro
degli animali. Grandi quantità di sodio e cloruro non sono considerate dannose per la salute dei cani
giovani e sani. Tuttavia, poiché le malattie che vengono aggravate dall’assunzione di
elevati livelli di sodio e cloruro vengono spesso diagnosticate quando sono già insorte,
è prudente evitare la somministrazione di quantità eccessive di queste sostanze nei cibi
per cani. Per i gatti, invece, la situazione è piuttosto diversa. Uno studio condotto presso
il Centro Scienza e Tecnologia Hill’s, ha dimostrato il pericolo relativo all’aumento del
consumo di sodio a lungo termine, nei gatti affetti da insufficienza renale allo stadio
iniziale e non ancora diagnosticata. Questi soggetti mostrano un deterioramento
progressivo della funzione renale, quando vengono alimentati con una dieta ricca
di sodio. Poiché l’insufficienza renale allo stadio iniziale è estremamente difficile da
diagnosticare, è opportuno consigliare ai proprietari di evitare la somministrazione
di cibi ricchi di sodio.

Riconoscere i sintomi delle patologie delle basse vie urinarie (FLUTD)


CANI E GATTI ADULTI

Esistono alcuni segnali di avvertimento che indicano che un gatto può essere affetto
dalle patologie delle basse vie urinarie (Feline Lower Urinary Tract Disease).

Cambiamenti nell’urinazione Stranguria


• Urinazione scarsa e frequente (difficoltà e sforzo ad emettere urina)
• Il gatto urina fuori dalla lettiera • Postura tesa, l’animale fa la gobba
• Il gatto urina in luoghi diversi dai soliti • Schiena arcuata
• Emissioni di gemiti durante l’urinazione

Urine anomale Variazioni nel comportamento


• Urine macchiate di sangue • L’animale lecca frequentemente
• Urine scure l’apertura uretrale
• L’animale mostra segni di irrequietezza,
fiacchezza, si ritira
• L’animale si rifiuta di mangiare

6.1.6 Grassi e acidi grassi essenziali


Sia i grassi che gli acidi grassi sono necessari nella dieta, ma occorre ridurre il livello
totale di grassi nelle diete di cani o gatti tendenti al sovrappeso. Un consumo adeguato
di acidi grassi essenziali costituisce la chiave di successo nel mantenimento di una cute
sana e di un manto lucido.

44
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 45

6.1.7 Consistenza del cibo

VNA 1 • CAPITOLO 5
Dite ai vostri clienti che...
L’80% dei cani ed il 70% dei gatti di
La consistenza del cibo è il fattore più importante per ridurre la placca e l’accumulo due anni d’età e oltre sono affetti da
di tartaro e per mantenere gengive sane. Sebbene anche il consueto cibo secco abbia malattie periodontali. Science Plan™
qualche effetto sulla salute del cavo orale, un cibo per animali adulti formulato in Oral Care può aiutare a mantenere
modo da possedere una consistenza specifica, può contribuire alla salute del cavo orale. bocca e gengive sane.
L’accumulo di tartaro e le malattie periodontali sono le
patologie che maggiormente colpiscono i gatti a
partire da un anno di età.

Dite ai vostri clienti che...


I profili nutrizionali delle varianti
di gusto nei prodotti Science Plan
sono identici, per cui il proprietario
può somministrare all’animale cibi
di gusti diversi, ma offrire la stessa
nutrizione di qualità elevata.

CANI E GATTI ADULTI


Cani IL FABBISOGNO ALIMENTARE DEI CANI ADULTI VIENE SODDISFATTO SOMMINISTRANDO LORO:

Science Plan Canine Adult

Science Plan Canine Adult Mini

Science Plan Canine Adult Large Breed

Science Plan Canine Light Adult

Science Plan Canine Sensitive Skin

Science Plan Canine Sensitive Stomach


!

Science Plan Canine Oral Care


o
lin
zzo
pa
os
un
e
om
ec
isc
Ag

Science Plan Nature’s Best Canine Adult Large/Giant

Science Plan Nature’s Best Canine Adult Mini/Medium

Gatti IL FABBISOGNO ALIMENTARE DEI GATTI ADULTI VIENE SODDISFATTO SOMMINISTRANDO LORO:

Science Plan Feline Adult

Science Plan Feline Light Adult

Science Plan Hairball Control Formula Adult

Science Plan Indoor Cat

Science Plan Feline Sensitive Skin

Science Plan Feline Sensitive Stomach

Science Plan Nature’s Best Feline Adult

45
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 46

7 Cani e gatti senior


VNA 1 • CAPITOLO 5

L’invecchiamento, di per sé, non è una malattia. Tuttavia, la possibilità di contrarre


patologie aumenta con l’età, a causa delle normali variazioni fisiologiche legate
al passare degli anni. La nutrizione può essere uno degli aspetti più importanti
nel mantenimento del paziente geriatrico, sia nelle persone che negli animali da
compagnia; infatti può ritardare o eliminare le due o tre cause di morte principali
influendo profondamente sull’aspettativa di vita.
Nei cani, le tre principali cause non accidentali di morte sono:
Dite ai vostri clienti che...
• cancro
Gli animali più giovani si adattano
• insufficienza renale
facilmente alla variazione nel
consumo di sostanze nutritizie mentre • malattie cardiache.
quelli più anziani potrebbero non Un aspetto molto importante è che gli animali anziani non soffrono mai solamente di
essere più in grado di rispondere ad una malattia, ma, piuttosto, sono proni ad una moltitudine di problemi che potrebbero
eccessi, carenze o variazioni nella incidere pesantemente l’uno sul decorso dell’altro.
quantità e nella qualità delle sostanze
CANI E GATTI SENIOR

nutritizie. Quindi, il cibo per cani e Gli obiettivi generali dell’alimentazione di cani e gatti adulti in età più avanzata sono
gatti anziani dovrebbe rispondere in simili a quelli dei giovani adulti:
modo più rigoroso e omogeneo alle • massimizzazione della durata della vita
esigenze dettate dall’età. • raggiungimento della migliore qualità di vita
possibile.
È realmente possibile migliorare la durata
e la qualità della vita degli animali anziani
mediante una corretta gestione
nutrizionale.

46
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:30 Page 47

7.1

VNA 1 • CAPITOLO 5
Fattori nutrizionali nei cani e
nei gatti senior
7.1.1 Acqua
Dite ai vostri clienti che...
Gli animali più anziani sono più inclini alla disidratazione causata dai disturbi alla
regolazione dell’equilibrio dell’acqua nell’organismo. La somministrazione di farmaci Alcuni gatti preferiscono bere
e l’insufficienza renale cronica comprometteranno la capacità di concentrare le urine. direttamente da un rubinetto o
Di conseguenza, è importante mettere sempre a disposizione di cani e gatti anziani persino nel bicchiere del proprietario.
acqua fresca e pulita, controllandone attentamente il consumo. In questo caso, lasciare il gatto libero
di dissetarsi a piacere per incoraggiare
l’ulteriore consumo di acqua.

7.1.2 Energia CANI E GATTI SENIOR


Con l’aumentare dell’età, la massa corporea magra si riduce mentre la massa adiposa
aumenta. Gli animali più anziani diventano lenti nei movimenti e meno attivi, per cui
hanno un fabbisogno energetico inferiore rispetto agli adulti. Animali in età molto
avanzata sono spesso sottopeso, ma dovrebbero essere sottoposti a visita veterinaria
prima di decidere di somministrare loro una dieta particolare.

Dite ai vostri clienti che... Dite ai vostri clienti che...


Nei gatti d’età superiore agli otto anni, I cani più anziani hanno maggiori
tanto l’obesità, quanto una notevole probabilità rispetto agli adulti di
perdita di peso aumentano in modo diventare in sovrappeso o obesi. I gatti
significativo il rischio di mortalità. I in età molto avanzata, invece, tendono
gatti obesi hanno la probabilità di ad essere sottopeso.
morire quasi tre volte superiore a
quella dei gatti che dal peso ottimale.

47
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:31 Page 48

7.1.3 Calcio e fosforo


VNA 1 • CAPITOLO 5

Nota clinica
I gatti in età avanzata dovrebbero
essere alimentati con una dieta Nei cani e gatti in età avanzata, è spesso presente l’insufficienza renale clinica
contenente lo 0,5–0,7% di fosforo o subclinica. Occorre quindi evitare il consumo eccessivo di fosforo.
(percentuale di sostanza secca – SS)
a meno che venga diagnosticata
un’insufficienza renale.
7.1.4 Proteine
Per evitare la malnutrizione, cani e gatti sani, in età avanzata, dovrebbero ricevere una
quantità sufficiente di proteine ed energia. Tuttavia, migliorare la qualità piuttosto che
aumentare la quantità di proteine può soddisfare il fabbisogno proteico dell’animale
senza provocare eccessi.

Cuore normale di cane Cuore normale di gatto


Arteria polmonare
Arco aortico Arteria polmonare Arco aortico

Atrio sinistro
Atrio destro Atrio destro

Vasi coronarici Atrio sinistro


Ventricolo destro Ventricolo destro

Ventricolo
sinistro
Valvola atrioventricolare
destra
Ventricolo destro
CANI E GATTI SENIOR

Ventricolo
Ventricolo destro sinistro
Corda tendinea
Muscolo papillare
Muscolo papillare Valvola atrioventricolare
sinistra Ventricolo
Parete libera del sinistro
ventricolo destro
Parete libera del Corda tendinea
ventricolo destro
Setto inter-ventricolare
Parete libera del Parete libera del
ventricolo sinistro ventricolo sinistro
Setto inter- Ventricolo
ventricolare sinistro

Dite ai vostri clienti che... 7.1.5 Sodio e cloruro


I cibi umidi disponibili in commercio
contengono un livello medio di sodio Nei cani e gatti in età avanzata, l’incidenza di malattie cardiache e renali è elevata.
di ben 19 volte superiore al fabbisogno I cani e i gatti sani, eliminano l’eccesso di sodio nelle urine, ma nelle prime fasi delle
minimo indicato per il mantenimento malattie cardiache, potrebbero perdere la capacità di farlo. Di conseguenza, viene
degli animali adulti. Un’apposita aumentato il carico di lavoro sul cuore. Ricerche recenti hanno rivelato che i gatti
dieta per animali anziani fornisce affetti da insufficienza renale subclinica (non diagnosticata), mostrano una
all’animale in età avanzata il corretto progressione dell’insufficienza renale se alimentati con una dieta ricca di sodio.
quantitativo di sodio necessario
al suo benessere.
7.1.6 Grassi e acidi grassi essenziali
Un consumo di grassi relativamente basso combinato con l’aggiunta di L-carnitina
contribuisce ad evitare l’obesità negli animali sani in età avanzata. Tuttavia, alcuni
di essi possono avere un fabbisogno alimentare diverso a sette anni d’età rispetto a
tredici. Gli animali molto anziani tendono a perdere peso e a necessitare maggiori
quantità di acidi grassi essenziali, mentre nei gatti la digestione dei grassi si riduce
del 10%. Si dovrebbero somministrare all’animale acidi grassi essenziali a livelli uguali
o superiori a quelli consigliati per i giovani adulti o per gli animali di mezza età.

48
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:31 Page 49

7.1.7 Fibre

VNA 1 • CAPITOLO 5
Gli animali più anziani sono più soggetti a stitichezza, problema che può essere
ovviato da un maggiore consumo di fibre. Le fibre contribuiscono alla salute del
tratto gastro-intestinale attivando diversi meccanismi. Le fibre alimentari:
• favoriscono la motilità intestinale normale
• forniscono il carburante alle cellule che rivestono il colon.
È possibile ottenere questi effetti somministrando piccoli quantitativi di fibre
solubili e insolubili.

7.1.8 Consistenza del cibo


Le patologie del cavo orale sono il problema di salute più diffuso tra gli animali anziani
e dovrebbero essere sempre risolte sottoponendo il cane o il gatto a procedure di
pulizia o estrazione dentali, condotte in anestesia generale. I cibi formulati per ridurre Dite ai vostri clienti che...
l’accumulo di substrati dentali e per il controllo dell’alitosi, rappresentano una parte
È essenziale che i cani ed i gatti in
importante del programma di cure orali che può essere attuato dal proprietario di un
età avanzata vengano sottoposti
cane o gatto in età avanzata.
a procedure dentali da effettuarsi
sotto anestesia generale. Questi
interventi rappresentano l’unico
modo per garantire una buona
salute del cavo orale.

CANI E GATTI SENIOR

7.1.9 Appetibilità e digeribilità


Nei gatti in età avanzata, occorre verificare l’appetibilità e la digeribilità dei cibi
osservando i seguenti comportamenti:
• riduzione dell’olfatto
• riduzione del gusto
• malattia orale
• disturbi metabolici
• somministrazione di farmaci
• digestione ridotta.
Gli alimenti per gatti in età molto avanzata devono offrire livelli elevati di appetibilità
e digeribilità. Gatto affetto da patologie del cavo orale

49
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:31 Page 50

Sommario
VNA 1 • CAPITOLO 5

Sommario dei punti chiave Domande di autovalutazione


1. I cani di razza grande sono considerati adulti a partire 1. Perché i gatti che hanno circa sette anni d’età sono
dai dodici mesi sino ai cinque anni d’età. considerati anziani o senior?
2. La prevalenza dell’obesità aumenta in modo progressivo, 2. Quali sono le preoccupazioni più importanti per la
raggiungendo il livello massimo nei cani e gatti di salute di cani e gatti adulti che potrebbero beneficiare
mezza età. di un corretto programma di gestione nutrizionale?
3. È importante seguire un programma appropriato di 3. Perché livelli elevati di proteine sono dannosi?
gestione del peso quando l’animale viene pesato a 4. Nei cani, quali sono le tre principali cause di morte
intervalli regolari ed il suo peso viene registrato. che influiscono sull’aspettativa di vita?
4. Le diete casalinghe sono difficili da bilanciare. 5. Perché gli animali più anziani sono maggiormente
5. Quantità ridotte di fosforo possono rallentare soggetti alla disidratazione?
l’evoluzione dell’insufficienza renale cronica e 6. Quale tipo di dieta possiede il maggiore contenuto
migliorare la sopravvivenza a lungo termine. medio di sodio? Perché non va bene?
6. Il calcolo dentale e la malattia paradontale sono le 7. Perché agli animali in età avanzata occorre somministrare
patologie più diffuse nei gatti a partire da un anno di età. quantitativi di acidi grassi essenziali uguali o superiori
7. I cibi per cani e gatti in età avanzata devono soddisfare ai livelli consigliati per i giovani adulti o agli animali
il fabbisogno in modo rigoroso e costante. adulti di mezza età?
8. Nei gatti in età superiore agli otto anni, sia l’obesità
che una grave perdita di peso aumentano in modo
significativo il rischio di mortalità.
9. Nei cani e gatti in età avanzata occorre evitare il consumo
eccessivo di proteine e, spesso, il conseguente consumo
eccessivo di fosforo a causa del rischio di insufficienza
renale subclinica.

50
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:31 Page 51

VNA 1 • CAPITOLO 5
Cartella degli appunti
Fotocopiate e utilizzate il modulo qui sotto per annotare le vostre risposte alle domande
precedenti. Conservate queste informazioni nella vostra cartella degli appunti.

Esercizio
a. Spiegate al signor Rossi, in parole semplici, perché il suo cane Bella dovrà cambiare
programma di alimentazione adesso che ha superato i sette anni d’età.

b. Quale tipo di dieta consigliereste per Bella, in questo stadio di vita, e perché?

51
p22623_gg_hill's_2011_vna_it_chapter_5_Italian 05/12/2011 14:31 Page 52

226122 IT 110302

LIVELLO1 ™Marchi di fabbrica di proprietà della Hill’s Pet Nutrition, Inc. ©2011