Sei sulla pagina 1di 29

Comunita'

Chiesa
Paese
Percorso di partecipazione verso
il nuovo complesso parrocchiale di Tribiano

14.05.2021
i Santi e l’arte
I santi che ci incoraggiano e ci accompagnano
4. I santi che già sono giunti alla presenza di Dio mantengono con noi legami d’a-
more e di comunione. […] Possiamo dire che «siamo circondati, condotti e gui-
dati dagli amici di Dio. […] Non devo portare da solo ciò che in realtà non potrei
mai portare da solo. La schiera dei santi di Dio mi protegge, mi sostiene e mi por-
ta».

I santi della porta accanto


6. Non pensiamo solo a quelli già beatificati o canonizzati. Lo Spirito Santo ri-
versa santità dappertutto nel santo popolo fedele di Dio […] Il Signore, nella
storia della salvezza, ha salvato un popolo. Non esiste piena identità senza appar-
tenenza a un popolo. Perciò nessuno si salva da solo, come individuo isolato,
ma Dio ci attrae tenendo conto della complessa trama di relazioni interpersonali
che si stabiliscono nella comunità umana: Dio ha voluto entrare in una dinami-
ca popolare, nella dinamica di un popolo.
7. Mi piace vedere la santità nel popolo di Dio paziente: nei genitori che crescono
con tanto amore i loro figli, negli uomini e nelle donne che lavorano per por-
tare il pane a casa, nei malati, nelle religiose anziane che continuano a sorridere.
In questa costanza per andare avanti giorno dopo giorno vedo la santità della
Chiesa militante. Questa è tante volte la santità “della porta accanto”, di quel-
li che vivono vicino a noi e sono un riflesso della presenza di Dio, o, per usare
un’altra espressione, “la classe media della santità”.

(Gaudete et Exsultate, 4-7)


[…] esiste oggi, proprio nel quadro della nostra vissuta esperienza, un’Arte reli-
giosa, attuale, moderna, figlia del nostro tempo e gemella dell’Arte profana, che
ancora assilla ed incanta l’occhio, ed anche lo spirito dell’uomo del nostro secolo?
[...] non è vero, a noi sembra, che i criteri direttivi dell’arte contemporanea sia-
no segnati soltanto dall’impronta della follia, della passionalità, dell’astrattismo
puramente cerebrale e arbitrario; si, l’Artista moderno è soggettivo, cerca più in
se stesso, che fuori di sé i motivi dell’opera sua, ma proprio per questo è spesso
eminentemente umano, è altamente apprezzabile. […] In ogni caso, codesta
Arte, che nasce più dal di dentro che dal di fuori, è documento che non solo ci
interessa, ma ci obbliga a conoscerla; vogliamo dire, a leggervi dentro l’anima
dell’Artista, anzi l’anima contemporanea, di cui egli, sciente o no, si fa interprete
e specchio sensibile. […] Cioè diciamo apertamente: esiste ancora, esiste anche
in questo nostro arido mondo secolarizzato, e talvolta perfino guasto di profa-
nazioni oscene e blasfeme, una capacità prodigiosa (ecco la meraviglia che an-
diamo cercando!) di esprimere, oltre l’umano autentico, il religioso, il divino,
il cristiano.
(Paolo VI, discorso in occasione dell’inaugurazione della collezione di arte reli-
giosa moderna nei musei vaticani, 1973)
Dal vangelo di Giovanni
(GV 10, 11-18)
11
Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore.
12
Il mercenario - che non è pastore e al quale le pecore non appartengono - vede
venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde;
13
perché è un mercenario e non gli importa delle pecore.
14
Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me,
15
così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pe-
core. 16E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io
devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo
pastore. 17Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprender-
la di nuovo. 18Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e
il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre
mio.
Immaginare
il sacro oggi
Tribiano, 14 maggio

Giuseppe Frangi
Vetrate della Cappella
https://drive.google.com/file/d/1yJKSQsIt5zVL0SIihaYRfP-
dell’Ospedale di VEc0gZvvQ/view?usp=sharing
Bergamo, Mastrovito
Cappella della Clinica https://www.artribune.com/television/2017/06/raccontare-
Villa Serena, Ettore larte-in-video-intervista-con-alessandra-
Spalletti galletta%E2%80%A8%E2%80%A8/