Sei sulla pagina 1di 3

Prova scritta di Fisica I - Ingegneria Informatica

3 luglio 2020 - in modalità telematica

Alcuni consigli per lo svolgimento della prova

Si controllino sempre le dimensioni che si ottengono per le grandezze fisiche. Si cerchi di descrivere nel modo più
chiaro possibile la soluzione dei problemi, senza limitarsi a indicare i calcoli o i risultati.

PROBLEMA 1
Un anellino di massa m assimilabile a un punto materiale scorre senza attrito lungo una guida verticale
solidale con le pareti di una stanza. L’anellino è fissato a un estremo di una molla ideale di costante elastica
k e lunghezza a riposo trascurabile; l’altro estremo della molla è incernierato senza attrito in un punto fisso C
a distanza L dalla guida verticale. Si consideri un riferimento cartesiano ortogonale con l’asse y coincidente
con la guida, orientato verso l’alto, e con l’origine nel punto O che si trova alla stessa quota del punto C. Si
indichi con ̂ il versore dell’asse y.
y
m

C O
L

(a) Determinare la coordinata yeq del punto in cui l’anellino può stare in equilibrio e il modulo N della forza
vincolare esercitata dalla guida sull’anellino nel punto di equilibrio.
(b) Se l’anellino si trova inizialmente fermo nel punto O, calcolare il modulo v della sua velocità quando
passa per il punto di equilibrio di coordinata yeq .
(c) Si consideri adesso il caso in cui la guida verticale e il punto C, invece di essere solidali con le pareti
di una stanza, sono solidali con un ascensore che si muove con accelerazione verticale A = A ̂ rispetto
al suolo. Trovare la coordinata yeq 0 della posizione di equilibrio (rispetto alla guida) dell’anellino e il
0
modulo N della forza esercitata dalla guida sull’anellino nel punto di equilibrio, al variare di A.

1
PROBLEMA 2
Due punti materiali 1 e 2, di massa rispettivamente m1 e m2 , si muovono in un piano, sotto l’unico effetto
della forza che si esercitano fra loro. In particolare il punto 1 esercita sul punto 2 una forza
r2 − r1
F21 = −k ,
|r2 − r1 |2

dove k è una costante positiva e r1 e r2 sono i vettori posizione dei punti materiali 1 e 2, rispettivamente.

(a) Consideriamo il caso particolare in cui m1 = 2m e m2 = m e i due punti materiali si muovono su


orbite circolari di periodo T attorno al loro centro di massa. Determinare la distanza d fra i due punti
materiali.

(b) Si consideri il caso limite in cui la massa m2 è trascurabile rispetto a m1 , ovvero m1 /m2 → ∞. Sup-
ponendo che il punto 2 si muova su un’orbita circolare attorno al punto 1, determinare la relazione fra
periodo T e raggio r dell’orbita.

(c) Sempre nel caso in cui la massa m2 è trascurabile rispetto a m1 , si consideri una situazione in cui il
punto 2 si trova inizialmente a una distanza finita r0 dal punto 1. Il punto 2 può allontanarsi a distanza
infinita dal punto 1?

2
PROBLEMA 3
Un corpo rigido è costituito da due piccole sferette di massa m poste agli estremi di una sbarretta rigida di
massa trascurabile e lunghezza `. Il corpo rigido si trova in un piano verticale ed è libero di ruotare senza
attrito attorno a un asse fisso perpendicolare al piano e passante per il centro della sbarretta. Attorno a un
cilindro di raggio r e massa trascurabile, coassiale e solidale con il corpo rigido, è avvolto un filo ideale, al
cui estremo è appeso un blocchetto di massa M . Il filo non può slittare rispetto al cilindro. Inizialmente, la
sbarretta è orizzontale e una forza F verticale e diretta verso il basso è applicata all’estremo della sbarretta
che si trova dalla parte opposta al centro rispetto a quella in cui si trova l’estremo del filo attaccato al
blocchetto; quest’ultimo è fermo a una quota h rispetto al suolo.

m r m

F
M

(a) Determinare il modulo F della forza verticale F quando il sistema è in equilibrio.

(b) Con il sistema fermo nella condizione di equilibrio precedente, la forza F viene rimossa istantaneamente.
Calcolare il modulo ω0 della velocità angolare del corpo rigido quando il blocchetto raggiunge il suolo.

(c) Calcolare l’accelerazione angolare del corpo rigido durante il moto considerato nel punto precedente,
dopo la rimozione della forza F e prima che il blocchetto raggiunga il suolo.