Sei sulla pagina 1di 4

7, [Eh 2008 1 1 : 2 7

I .A:OPtRIZ ROMA
DIR. CEN, REG. A E R O P - -
t

ù .
Direzione Centrale Regolarlane Aeropottc

I h€
NAXlWE PER L'AVIAnONE. UVRE m -
P r o t-1 lo &l 07/8212%m8

A tutte le Societh dl Gestione


Loro Sedi
AiI'Assaeroporti
Vla Castello della Magliana, 88
00148 Roma

Alla Direzione Centrale Operazioni


8ede

A tutte le Dlreziont Operazioni


Lom Sedi

e, p. c.:
Al Sig. Direttore Generale
Com.te Sitvano Manera
Sede

At Slg, Vlce Dlrettare benerale


Ing. Salvatore Sciacchft~no
Sede

i
I Oggetto; LINEE GUIDA PER L8ADEGUAMENT0 DELLE STRiP
I
!
AEROPORTUALI

A segulto deglt accertamenti derhratf dall'attlvitd dl mrtificatione aeroportuale e della


richieste pwenute da parte dl molti gestori sulla verifica di confomW deHe strip ai
parametri previsti dal Regolamento dellYENAC,si ritiene opportuno fornire, con la
presente lettera clrcaleire e elle luce del recenti aggiornamenti della narrnatlva
I internazionale, alcune principali linee gulda per la verifica delle condizioni della strip
e delle progettazione degli interventi di ilisternazlone, laddove nacesserl.
Dette attività devono essere condotte sulle base dei dati dl rlllevo planoaltirnetrico
delle fasce di sicurezza e delle relative caratteristiche di portama desunte dala
determinazione del moduli eiastlcl, risultanti dalle prove deflettometriche e da quetle
su piastra (anche aggiornando i datl dell'ottobre del 2003).
I tipi di lntenfenta Ipatizzatl per la regotatizzartone delle superfici devano esse
progettati con le seguenti finalith:
+ necessità dl riportare i valori planoattirnetrlcidelle superfici all'intern
stabiliti dal Regolamento;

I Vla d[ Vllla Ricoai, 42 #l. +39 06 44185602


00161 Roma fax 4-3906 44185601
centr. +39 06 44185-1 ~egolezione.aeroportIQenaccmpa.lt
c.f. 97158180584
7. FEB. 2008 1 1 : 28 D I R , CEN. REG. AEROP NR, 665 P. 2/4

i assicurare un'sdeguata portanza dei terreni intere=&, sla nello rone glB
rftenute idonee per rego!arizzazione, che In quelle oggetto di sistemazione a
mezzo dl asportezlane/srpporto dl nuova materiale;
m mlutdone del requisftl di portanza in relazione al passaggio dell'aerea
crftlwe calcolo dei cedimanti;
aasunliane dl valorl medl dei moduli elasttcl sulla base dei dati tisuitanti dalle
campagne di prova;
a limitazione dei valori dirfferenriali di portanza e dei cedimenti in zone
adiacenti;
stirnlnazione di astecali al rotolamento e rifacimento di manufatti con
I'lnserirnento degli appositi raccordi previsti dal Regolamento;
e laddove necessario dovranno essere definiti i percorsi ptioritari per gli
interventi dei m a a i di soccorso e antincendio.

J3accornandtiizlonf circa le caratteristiche dell'lntervento

le pendenze longitudlnall e trasversali delle stdp devono essere In Ilnea con gli
standard di Regolamento; st raccomanda comunque l'applicazione delle Iimltarioni
e dei criteri di livellemento Imposti per l'area di funzlonamento del radioaltimetro
dal Cap. 3 par 4.8 del Regalamenta.

Oltre alle previste operazioni di eliminazione e raccarda del manufettl esistenti


-
nelle aree, come previSt0 dal Cp. 3 par, 4,4, del Regolamento, dovrà essere
verificata anche la condizione prevlsta dall'lCAO Aerodrome Design Manuat
- -
Part.7 Cap 5 parr.da 5.3.6 a 5.3.0 Ediz. agosto 2006 sulla presenza dei
radlaaiuti alla navigazione.
prevedere rone dl raccordo lungo il perimetro d'intervento che defirnitei ciascuna
area, al fine dl assicurare una capacità portante del terrene sufficientemente
omogenea,
una nitlatura finale dellointera superficie di stdp, una volta regolarinata
mmpletamente, potrii dare ulteriore conferma della bonts dell'uniformità
dell'intervento e poki Indicare meglio eventuali aree singolari ove dovesse essere
necessario lntervtanlm nuovamente a completamento dell'operazlone. A tal flne si
ritiene utile utifizzate rulli gommati che possano scaricare sul terreno pressioni
puntuali di valore massimo dell'odlne di 0,5-0,7 Mpa, paragonabili a quelle che
possono eser&are I m-! di s o m m o aeroportuali.
6 Capacità portante:

l calcoli dei cedimenti massimi (utlllzzanda anche la metodalogia di calcolo del


rnuRisbto elastico) devono essere eondottl ipotluando l'aereo critico per
l'aeroporto In esame.
7. FEB. 2008 1 1 : 28 D I R . CEN. REG, AEROP

I valori di modulo elastico dedotti dalle indagini in slto devono portare al cakolo del
relativi cedlmenti sotto carico e dimostrare un livello di buona portanza dell'lntera
estensione delle M p .
PatrB essere opportuno assumere come riferimento teorico i valori medl del Modulo
Elastico riscontrato sul terreno In sito, escludendo quelll estremi dl max s mln.
Iltrattamento delle arée che rlchledona interventi awerrà con l'apparto di materiale
arido, granulometricarnente stabilizzato 0 cornpattato, e ricaprlrnento vegetale di IO
cm.

Si fa comunque presente che per quanto riguarda la portana dell'area di CGA,


almeno per 1 priml75 mt per ciascun lato e per l'intera estensione di pista, dovranno
essere verificate, oltre alle condizioni di cui al punto Cap 3 -
punto 4.5 del

- -
Regolamenta, le mccarnandaziani contenute neIlylCAOAerodrome Design Manual
-
Part.1 Edk. agosto 2006 Cap 5 par 5.3.22.
L'area esterna a tale striscia e compresa nella CGA, ferma restando la neoessiii di
garantire la transitabilità dei mezzi aeroportuali su tutta la strip, potrà avere velori di
portanza gradualmente inferiori (dai 75 in poi) liaddove risulti, da apposlto studlo dl
nsk assessment, la cornpatibitita delle scelte con i livelli di rlschlo mfnlml da
garantire su tale area.

A tal fine potrebbe essere utile prevedere che k strato di nuovo temno veg&ls,
laddove 6 nece8saffo intervenire, vari da un minimo dei 10 cm in corrispondenza
della fine degli shouldew, ad un massimo dll5-l7 cm in corrispondenza della linea
a 75 m dall'ssse della pista, per facilltare il rallentamento di un aeromobile In
accidentale veer-off, e venga assicurata la gradualità della variazijone di partenza
oltre i 75 m.
E' necessarlo che venga ldsntincato un CBR (Califomia Bearing Ratio) medio di
sottofondo almeno nella fascia dei 75 m, sia per le aree non trattate che per quelle
trattate. Il CBR patrb essere determinato In sito o in laboratorio, all'umiditi media
stagionale piil alta prevista per il terreno di sottofondo e con riferimento allo strato al
di sotto dei t5 cm dalla superflcie. Per avere ulteriori dati sul comportamento del
terreno, anche per quelli non coesivi, pub essere utile effettuare alcune prove con
terreno saturo, per meglio valutarne le varlaztonl stagionali e IYattendibilk8del dati
progettuali.

Con I'aquiskione di tali valori di CBR, che I'ICAO raccomanda siano compresi tra
15 e 20, potranno essere calcolati i cedlmenti teorici a diverse distanze dall'asse
della plsta fino almeno ai 75 m, prendendo in considerazbne In partfcolare il carrello
anteriore dell'eereo critico l cui effetti, in essenza di sovrapposirione dei bulbi dl
pressione dei carichi e del probabile effetto piastra (effetti presenti viceverea per il
carrello posteriore), portano in genere a valati diversi dei cedimenti per i due tipi di
carrello. Il calcolo finale del cedimenti dovrà essere esegulto sulla superflcie finate
dell'area, mrnprenshra del terreno vegetale. Sulla ba$e dei rlsultatl teorlef potranno
meglio essere Indivlduats !e carattetlstiche del terreno vegetaIe di dwprlmenfo (di
speesore Intorno ai 16 cm) che abbia un valore di CBR ridotto (dell'ordlnedi 6-7)al
fine di assicurare quanto pia possibile la caratteristiche di frenatura dal terreno sollo
I

7. FEB, 2008 11: 28 D I R . CEN. REG, AEROP

l'azione di rotolamenta dei camlll verificando, nel contempo, che I'affondamento del
carrello anteriore dell'aereo critico sfa limitato ai 75 cm previsti dalle
raccomandazlonl internazionali.

Per assicurare inoltre su tutta lei 6trip, anche a\ di fuori dalla CGA, la transitabtltà dei
mezzi di somrso, sad utile effettuare prove dirette con mezzi dei W aeropottuali
(eventualmente utilizzando un Dragon a pleno carico) e rnfsumre glt effettivi
cedirnentl rnas~irnia diverse distanze dagli schoulders e In dlverse wndhioni di
umidlttl del terreno.
Tali dati potranno essere utillnati per la identificazione di speclflci percorsi che
assicurino la copertura delle attiviti4 di soceorso sulj'lntera strip.

Alla fine dsll'lntervento e alla luce dei risultati conseguiti sadi effettuata, da parte dei
tecnici dell'ENAC, la ceMcazfone di agibilith finale delle stn'p.

Per gll aspetti p01 della conduzione dei lavorl si chiarisce che:
!a programmazione dei lavorl e la organiaazlone dei cantleri dovr8 essere
riportata in apposito disciplinare che terr8 conto anche delle
-
raccarnandaziant contenute nel DOC ICAQ n. 9137 Airport Service Manual
-Perti6,cap3-
i'fmpiussa dovrà assumere I'obbllga contrattuale, da prevedere nel Capitolato
del lavari, di sottoporre il proprio personale al apposito brfeflng Informativo, al
fini deila slcuwza operativa, sulla conduzlone dl operaxionl In aree dl
manovra ;
gli allegati pmgettuali dovranno essere firmati dai Post-Holder della
progettaalone e dell'area di movimento.

In consideraztone delle madlfiche precedentemente citate della regolamentazione


ICAO e sulla base deile presenti linee guida cadeste Sacteti dovranno attivare una
verifica della wmspondanza delle wndfilonl delle strip alle presenti direttive e, in
assenza dl canfonnM, prowedem alla reallrrazjone di un aggiornato progetto
wmplessiva dl adeguamento, mrnunicanda a questa Direzione Centrale fa
programmata dato di rlentro da eventuali non eonformit8,

t risultati della campagna di verifica e gli eventuali progetti di Intervento dovranno


penrenlre alla scrivente entro la fine del corrente anno.

Potrebbero piacerti anche