Sei sulla pagina 1di 4

L'anarchismo insurrezionale non è una soluzione ideologica a tutti i problemi sociali, una merce sul mercato

capitalista delle ideologie e delle opinioni, ma una prassi in corso volta a porre fine al dominio dello stato e
alla continuazione del capitalismo, che richiede analisi e discussioni per avanzare. Non guardiamo a qualche
società ideale ne offriamo un'immagine di utopia per il consumo pubblico. Nel corso della storia, la maggior
parte degli anarchici, tranne quelli che credevano che la società si sarebbe evoluta al punto da lasciarsi lo
stato alle spalle, sono stati anarchici insurrezionali. Più semplicemente, questo significa che lo stato non si
limiterà ad appassire, quindi gli anarchici devono attaccare, perché aspettare è una sconfitta; ciò che è
necessario è un ammutinamento aperto e la diffusione della sovversione tra gli sfruttati e gli esclusi. Qui si
espongono alcune implicazioni che noi e alcuni altri anarchici insurrezionali traiamo da questo problema
generale: se lo stato non scomparirà da solo, come porre fine alla sua esistenza? Si tratta quindi soprattutto
di una pratica, e si concentra sull'organizzazione dell'attacco. Queste note non sono in alcun modo un
prodotto chiuso o finito; speriamo che siano parte di una discussione in corso, e certamente accogliamo
con favore le risposte. Molto di questo viene direttamente dai numeri passati di 'Insurrection' e dai
pamphlet di Elephant Editions, disponibili agli indirizzi alla fine.

1. LO STATO NON SCOMPARIRÀ E BASTA; ATTACCO

Lo Stato del capitale non "appassirà", come sembra che molti anarchici siano arrivati a credere - non solo
trincerati in astratte posizioni di "attesa", ma alcuni addirittura condannando apertamente gli atti di coloro
per i quali la creazione del nuovo mondo dipende dalla distruzione del vecchio. L'attacco è il rifiuto della
mediazione, della pacificazione, del sacrificio, dell'accomodamento e del compromesso.
È attraverso l'azione e l'apprendimento dell'azione, non attraverso la propaganda, che apriremo la strada
all'insurrezione, anche se la propaganda ha un ruolo nel chiarire come agire. L'attesa insegna solo l'attesa;
agendo si impara ad agire.
La forza di un'insurrezione è sociale, non militare. La misura per valutare l'importanza di una rivolta
generalizzata non è lo scontro armato, ma al contrario l'ampiezza della paralisi dell'economia, della
normalità.

2. SELF-ACTION CONTRO LE RIVOLTE ORGANIZZATE: DALL'INSURREZIONE ALLA RIVOLUZIONE

Come anarchici, la rivoluzione è il nostro costante punto di riferimento, non importa cosa stiamo facendo o
di quale problema ci occupiamo. Ma la rivoluzione non è un mito da usare semplicemente come punto di
riferimento. Proprio perché è un evento concreto, deve essere costruita quotidianamente attraverso
tentativi più modesti che non hanno tutte le caratteristiche liberatorie della rivoluzione sociale in senso
proprio. Questi tentativi più modesti sono le insurrezioni. In esse la sollevazione dei più sfruttati ed esclusi
della società e della minoranza politicamente più sensibilizzata apre la strada al possibile coinvolgimento di
strati sempre più ampi di sfruttati in un flusso di ribellione che potrebbe portare alla rivoluzione. Le lotte
devono essere sviluppate, sia a medio che a lungo termine. Sono necessarie strategie chiare che
permettano di utilizzare diversi metodi in modo coordinato e fruttuoso. Azione autonoma: l'autogestione
dellua lotta significa che coloro che lottano sono autonomi nelle loro decisioni e azioni; questo è il contrario
di un'organizzazione di sintesi che cerca sempre di prendere il controllo della lotta. I conflitti sintetizzati in
un'unica organizzazione di controllo sono facilmente integrati nella struttura di potere della società attuale.
Le lotte auto-organizzate sono per natura incontrollabili quando sono sparse sul terreno sociale.

3. L'INCONTROLLABILITÀ CONTRO LA RIVOLTA ORGANIZZATA: LA DIFFUSIONE DELL'ATTACCO

Non è mai possibile vedere in anticipo l'esito di una lotta specifica. Anche una lotta limitata può avere le
conseguenze più inaspettate. Il passaggio dalle varie insurrezioni - limitate e circoscritte - alla rivoluzione
non può mai essere garantito in anticipo con nessun metodo. Ciò che il sistema teme non sono questi atti di
sabotaggio in sé, quanto la loro diffusione sociale. Ogni individuo proletarizzato che dispone anche dei
mezzi più modesti può elaborare i suoi obiettivi, da solo o insieme ad altri. È materialmente impossibile per
lo Stato e il capitale sorvegliare l'apparato di controllo che opera su tutto il territorio sociale. Chiunque
voglia veramente contestare la rete di controllo può dare il proprio contributo teorico e pratico.
L'apparizione dei primi anelli spezzati coincide con la diffusione degli atti di sabotaggio. La pratica anonima
di autoliberazione sociale potrebbe diffondersi in tutti i campi, rompendo i codici di prevenzione messi in
atto dal potere. Piccole azioni, quindi, facilmente riproducibili, che richiedono mezzi poco sofisticati e alla
portata di tutti, sono per la loro stessa semplicità e spontaneità incontrollabili. Si fanno beffe anche dei più
avanzati sviluppi tecnologici della contro-insurrezione.

4. CONFLITTUALITÀ PERMANENTE CONTRO LA MEDIAZIONE CON LE FORZE ISTITUZIONALI

La conflittualità deve essere vista come un elemento permanente nella lotta contro chi detiene il potere.
Una lotta priva di questo elemento finisce per spingerci verso la mediazione con le istituzioni, ci abitua
all'abitudine a delegare e a credere in un'illusoria emancipazione attuata per decreto parlamentare, fino al
punto di partecipare attivamente al nostro stesso sfruttamento. Ci possono forse essere ragioni individuali
per dubitare del tentativo di raggiungere i propri obiettivi con mezzi violenti. Ma quando la non-violenza
viene elevata al livello di un principio non violabile, e dove la realtà viene divisa in "buoni" e "cattivi", allora
gli argomenti cessano di avere valore, e tutto viene visto in termini di sottomissione e obbedienza. I
funzionari del movimento anti-globalizzazione, prendendo le distanze e denunciando gli altri, hanno
chiarito un punto in particolare: che vedono i loro principi - ai quali si sentono vincolati - come una pretesa
di potere sul movimento nel suo insieme.

5. ILLEGALITÀ; L'INSURREZIONE NON È SOLO RAPINARE BANCHE

L'anarchismo insurrezionale non è una morale sulla sopravvivenza: tutti noi sopravviviamo in vari modi,
spesso in compromesso con il capitale, a seconda della nostra posizione sociale, dei nostri talenti e gusti.
Certamente non siamo moralmente contrari all'uso di mezzi illegali per liberarci dalle pastoie della schiavitù
salariale per vivere e portare avanti i nostri progetti, ma non feticizziamo l'illegalismo né lo trasformiamo in
una specie di religione con martiri; è semplicemente un mezzo, e spesso un buonissimo mezzo.

6. ORGANIZZAZIONE INFORMALE: RIVOLUZIONARI O ATTIVISTI NON PEOFESSIONISTI, NESSUNA


ORGANIZZAZIONE.

Dal partito all'autogestione:


Nel movimento rivoluzionario esistono profonde differenze: la tendenza anarchica verso la qualità della
lotta e la sua auto-organizzazione e la tendenza autoritaria verso la quantità e la centralizzazione.
L'organizzazione è per compiti concreti: quindi siamo contro il partito, il sindacato e l'organizzazione
permanente, che agiscono per sintetizzare la lotta e diventano elementi di integrazione per il capitale e lo
stato. Il loro scopo viene ad essere la loro stessa esistenza, nel peggiore dei casi prima costruiscono
l'organizzazione poi trovano o creano la lotta. Il nostro compito è agire, l'organizzazione è un mezzo. Così
siamo contro la delega dell'azione o della pratica a un'organizzazione: abbiamo bisogno di un'azione
generalizzata che porti all'insurrezione, non di lotte gestite. L'organizzazione non deve essere per la difesa
di certi interessi, ma di attacco a certi interessi. L'organizzazione informale si basa su un certo numero di
compagni legati da un'affinità comune; il suo elemento propulsivo è sempre l'azione. Quanto più ampia è la
gamma di problemi che questi compagni affrontano nel loro insieme, tanto maggiore sarà la loro affinità.
Ne consegue che la vera organizzazione, l'effettiva capacità di agire insieme, cioè il sapere dove trovarsi, lo
studio e l'analisi dei problemi insieme, il passaggio all'azione, tutto avviene in relazione all'affinità raggiunta
e non ha nulla a che vedere con programmi, piattaforme, bandiere o partiti più o meno camuffati.
L'organizzazione anarchica informale è dunque un'organizzazione specifica che si riunisce intorno ad
un'affinità comune. La minoranza anarchica e gli sfruttati ed esclusi: Noi siamo degli sfruttati e degli esclusi,
e quindi il nostro compito è quello di agire. Eppure alcuni criticano ogni azione che non sia parte di un
grande e visibile movimento sociale come "agire al posto del proletariato". Consigliano l'analisi e l'attesa,
invece di agire. Presumibilmente, non siamo sfruttati accanto agli sfruttati; i nostri desideri, la nostra rabbia
e le nostre debolezze non fanno parte della lotta di classe. Questa non è altro che un'altra separazione
ideologica tra sfruttati e sovversivi. La minoranza anarchica attiva non è schiava dei numeri ma continua ad
agire contro il potere anche quando lo scontro di classe è ad un livello basso all'interno degli sfruttati della
società. L'azione anarchica non deve quindi mirare a organizzare e difendere l'intera classe degli sfruttati in
una vasta organizzazione per vedere la lotta dall'inizio alla fine, ma deve identificare singoli aspetti della
lotta e portarli fino alla loro conclusione di attacco. Dobbiamo anche allontanarci dalle immagini
stereotipate delle grandi lotte di massa, e dal concetto della crescita infinita di un movimento che deve
dominare e controllare tutto. Il rapporto con la moltitudine di sfruttati ed esclusi non può essere
strutturato come qualcosa che deve sopportare il passare del tempo, cioè essere basato sulla crescita
all'infinito e sulla resistenza contro l'attacco degli sfruttatori. Deve avere una dimensione specifica più
ridotta, una dimensione decisamente di attacco e non di retroguardia. Possiamo iniziare a costruire la
nostra lotta in modo tale che possano emergere condizioni di rivolta e che il conflitto latente possa
svilupparsi ed essere portato alla ribalta. In questo modo si stabilisce un contatto tra la minoranza
anarchica e la situazione specifica in cui si può sviluppare la lotta.

7. L'INDIVIDUO E IL SOCIALE, INDIVIDUALISMO E COMUNISMO, UN FALSO PROBLEMA, NOI


ABBRACCIAMO IL MEGLIO DELL'INDIVIDUALISMO E IL MEGLIO DEL COMUNISMO

L'insurrezione inizia con il desiderio degli individui di uscire dalle circostanze vincolate e controllate, il
desiderio di riappropriarsi della capacità di creare la propria vita come meglio credono. Questo richiede che
superino la separazione tra loro e le loro condizioni di esistenza. Dove i pochi, i privilegiati, controllano le
condizioni di esistenza, non è possibile per la maggior parte degli individui determinare veramente la loro
esistenza alle loro condizioni. L'individualità può fiorire solo dove l'uguaglianza di accesso alle condizioni di
esistenza è la realtà sociale. Questa uguaglianza di accesso è il comunismo; ciò che gli individui fanno con
quell'accesso dipende da loro e da coloro che li circondano. Così non c'è nessuna uguaglianza o identità di
individui implicita nel vero comunismo. Ciò che ci costringe a un'identità o a un'uguaglianza dell'essere
sono i ruoli sociali che il nostro sistema attuale ci impone. Non c'è contraddizione tra individualità e
comunismo.

8. NOI SIAMO GLI SFRUTTATI, NOI SIAMO LA CONTRADDIZIONE, NON È TEMPO DI ASPETTARE.

Certo, il capitalismo contiene profonde contraddizioni che lo spingono verso procedure di aggiustamento
ed evoluzione volte ad evitare le crisi periodiche che lo affliggono; ma non possiamo cullarci nell'attesa di
queste crisi. Quando accadranno saranno benvenute se risponderanno alle esigenze di accelerazione degli
elementi del processo insurrezionale. Come sfruttati, però, siamo la contraddizione fondamentale del
capitalismo. Così i tempi sono sempre maturi per l'insurrezione, così come possiamo notare che l'umanità
avrebbe potuto porre fine all'esistenza dello stato in qualsiasi momento della sua storia. Una rottura nella
riproduzione continua di questo sistema di sfruttamento e oppressione è sempre stata possibile.