Sei sulla pagina 1di 28

“Il Pd moribondo in caduta a spirale”.

Secondo WikiLeaks
è il giudizio degli Usa. Gli amici sanno essere sinceri y(7HC0D7*KSTKKQ( +#!z!@!#!#
www.ilfattoquotidiano.it
Sponsor ufficiale Sponsor ufficiale

O¶LWDOLDV¶qGHVWD O¶LWDOLDV¶qGHVWD
 
DUWHLQ,WDOLDQHOVHFRQGRGRSRJXHUUD DUWHLQ,WDOLDQHOVHFRQGRGRSRJXHUUD
dal 13 febbraio al dal 13 febbraio al
26 giugno 2011 26 giugno 2011
Museo d’Arte della città Museo d’Arte della città
via di Roma 13 - Ravenna via di Roma 13 - Ravenna
www.museocitta.ra.it Ravenna www.museocitta.ra.it Ravenna
Comune di Ravenna Comune di Ravenna
tel. 0544 482477 Assessorato alla Cultura
&,77$
&$1','$7$
&$3,7$/( (8523($
'(//$ &8/785$ tel. 0544 482477 Assessorato alla Cultura
&,77$
&$1','$7$
&$3,7$/( (8523($
'(//$ &8/785$

Venerdì 11 marzo 2011 – Anno 3 – n° 59 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

Chi voleva falsificare la data di nascita di Ruby? Tanto oro


quanto pesa

B. CHIEDE UN’INDAGINE
di Marco Travaglio

L’
intervista di Giuliano Ferrara a Goffredo De
Marchis, su Repubblica di ieri, andrebbe
studiata nelle scuole di giornalismo perché ha
il raro pregio di sintetizzare chi è Ferrara,
cos’è la Rai e cos’è diventato il giornalismo italiano.

ANCHE NOI
“L’Italia – esordisce Ferrara – è occupata non da B.,
ma da una mentalità, da una cultura e da un modo di
essere delle élite che mi fa venire l’orticaria”. La palla
del pallone pallista giunge all’indomani degli ultimi
dati sulle presenze dei politici nei tg Rai a gennaio: B.
ha totalizzato 6 ore e 40 minuti, il doppio di tutti gli
altri leader messi insieme. Dev’essere per questo
che, da lunedì, avremo Ferrara ogni santo giorno
Il premier presenta una denuncia dopo le rivelazioni dopo il Tg1: per riequilibrare un po’. De Marchis gli
domanda che credibilità può avere un conduttore
del Fatto. Ma chi aveva interesse a inviare misteriosi emissari che è anche consigliere del premier. Ferrara fa
l’offeso: “Non sono il consigliere di B. Faccio un
in Marocco per trasformare Karima in una maggiorenne? giornale, scrivo commenti... se lavorassi per B. il mio
nome sarebbe nella lista dei bonifici del ragionier
Spinelli”. E qui il giovanotto si sopravvaluta: i bonifici
Udi Bruno Tinti La Procura: vedremo se di Spinelli erano per le mignotte, tutte fra l’altro
aprire un fascicolo. carinissime, mica per ceffi come lui. E poi lui, da B. e
A PENSAR MALE Ghedini spiega: “Nessuna famiglia, riceve già tre stipendi: da direttore del Foglio,
NON CI VUOLE querela, avete fatto il
da rubrichista di Panorama, da editorialista del Giornale
(poi ogni tanto arrotonda: ora con la Cia, ora con
MOLTO vostro mestiere. Questa è Tanzi, ora con la diaria di eurodeputato assenteista,
una storia che rischia di ora con quella di ministro e portavoce). Insomma, è
l Fatto ha scoperto che qualcuno ha
Ifalsificare
tentato di corrompere “Fatima” per
gli atti dello stato civile di Fki
danneggiare il premier”.
un tipo indipendente. De Marchis gli ricorda le
riunioni dei giornalisti della ditta a Palazzo Grazioli. E
Zanda (Pd): “Troppi lui barrisce orripilato: “Di che parliamo? Posso
Ben Salah e invecchiare Ruby di 2 anni. andare a pranzo con chi mi pare? Montanelli non
Così B. si sarebbe accoppiato con una cortigiani”. Orlando andava a pranzo con Spadolini, coi segretari dei
puttana, su questo non ci si può fare (Idv): “Volevano aiutarlo partiti? È assolutamente normale per un giornalista
niente, ma maggiorenne. pag. 18 z a sua insaputa?” pag. 2 - 3 z andare dal premier”. Certo che è normale, ma a patto
che il premier non stipendi il giornalista. Altrimenti,
in un paese serio, il giornalista non deve mai
GOVERNO x Il Caimano senza freni: “Con una riforma così Mani pulite non ci sarebbe mai stata” occuparsi del premier. Montanelli incontrava
Spadolini (suo ex collega e direttore al Corriere), ma
Spadolini non stipendiava Montanelli. Infatti

GIUSTIZIA, UNA PATACCA EPOCALE


Via libera del Consiglio dei
Montanelli criticava spesso Spadolini, mentre
Ferrara, quando proprio ha un attacco di temerarietà,
scrive che B. ha sbagliato cravatta. Ora annuncia: “Il
Cavaliere mi darà mille occasioni per parlare male di
lui” (sì, quando sbaglierà i calzini o la tintura del
toupet). Ma eccolo commentare i bunga bunga con
ministri al testo che vuole Udi Gian Carlo Caselli minorenni: “Sapevamo cosa faceva Gronchi nella sua
vita privata? E quello che combinava Merzagora?”. A
punire i magistrati e sottoporli TOGLIE parte la bruciante attualità di Gronchi e Merzagora,
al controllo politico. IL GIUDICE abbiamo come il sospetto che, se i due avessero
telefonato in questura per far rilasciare una ladra
Vedrà mai la luce? DI TORNO marocchina minorenne senza documenti che
passava le notti con loro, la cosa si sarebbe saputa e
di Sara Nicoli
Lmaehanno
leggi “ad personam”
imbarbarito il siste-
violando i principi fon-
avrebbero dovuto dimettersi. Ma per Ferrara il vero
“scandalo è sapere di Berlusconi quello che
a vendetta è un piatto che si consuma freddo. E
Lriforma
ieri Berlusconi ha confessato cosa c’è dietro la
“epocale” della Giustizia appena licenziata
damentali dell’ordinamento
ma non sono servite a gran-
sappiamo”. Osservazione più che comprensibile, per
uno che in vita sua ha fatto il picchiatore comunista,
la spia della Cia, la trombetta di Craxi e B., ma mai
dal governo. È stata proprio una vendetta, la stoc- ché. L’ossessione del pre- per un solo istante il giornalista. Solo un paese malato
cata finale a quella magistratura che nel ’93 spazzò mier per i suoi processi non può scambiare per giornalista uno che detesta le
via “un’intera classe dirigente”. pag. 4 z si è calmata. pag. 18 z notizie a tal punto da desiderare che non si vengano
Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi (FOTO LAPRESSE) a sapere. De Marchis gli domanda del processo Ruby,
e lui: “È un processo stregonesco, messo in piedi da
pedinatori, giornalisti e magistrati”. Un processo
Udi Luca Telese nmassimo varazzani Udi Paolo Flores d’Arcais messo in piedi da magistrati e pedinatori: ma siamo
matti? Dove andremo a finire, signora mia. Nel '93
CHE BELLO, Costi record per COSÌ MI SONO Ferrara bruciò in tv il bollettino dell’Intendenza di
BOCCHINO È il risanatore del RIBELLATO Finanza per l’abbonamento Rai. Poi spiegò di averlo
fatto per chiedere le dimissioni dell’allora direttore
NEL MIRINO debito di Roma AI SALOTTI TV generale Locatelli, accusato di aver favorito gli affari
Palombi pag. 9z di sua moglie. Locatelli non aveva condanne, ma per
e per due giorni di seguito ercoledì sera a Exit ho im-
S sia Libero che Il Giornale ti
dedicano la prima pagina (e
M pedito all’on. Reguzzoni
di parlare. Dopo due ore e pas-
il garantista Ferrara era colpevole lo stesso. Fortuna
che gli abbonati non gli diedero retta, altrimenti oggi
una intera dentro il quotidia- CATTIVERIE sa che venivo interrotto mi so-
la Rai non saprebbe come pagargli un milione e
mezzo per il nuovo programma. Triste destino,
no) qualcosa vuol dire. Se per Evacuati dalla Libia 30 mila cinesi. no ricordato del grande presi- quello di Ferrara. Fonda Il Foglio e non lo compra
mesi finisci nel titolone come Per chi fosse interessato, si sono dente Sandro Pertini, che ri- nessuno. Si candida al Mugello e non lo vota
un bersaglio fisso, un motivo liberati due appartamenti peteva sempre “a brigante, nessuno. Fa Otto e mezzo e non lo guarda nessuno.
ci deve pur essere. pag. 7 z www.spinoza.it brigante e mezzo”. pag. 7 z Però lui insiste. Tanto lo pagano a peso.
pagina 2

I
L’ESCLUSIVA

l Fatto ha incontrato un’impiegata del rifiutato perché non volevo passare dei guai”. Chi
L’euforia del Caimano, Comune di Fkih Ben Salah, il paese natale di erano i due italiani che volevano “invecchiare” Ruby
Karima-Ruby. Dietro la garanzia di un paio d’anni? Chi li ha mandati? La donna non lo
dell’anonimato, ha ricostruito quanto le è accaduto il sa. Ma un fatto è certo: il 3 marzo sul Giornale
il titolo del Giornale 7 febbraio: “Sono stata avvicinata da un mio compaiono le dichiarazioni di un Berlusconi euforico
connazionale e da due persone che parlavano che dice: “Ho la prova che Ruby è stata registrata
italiano. Mi hanno offerto del denaro per sostituire il all’anagrafe due anni dopo la nascita, la presenteremo
e l’impiegata africana certificato di nascita di Karima El Mahroug. Ho al processo”.

MISTERO MAROCCHINO
Berlusconi denuncia e chiede un’indagine sul tentativo
di modificare la data di nascita di Ruby. E se lo dice lui
di Gianni Barbacetto nianze sull’intervento di miste- moni in Marocco e chiede infor-
riosi personaggi italiani in Ma- mazioni agli uffici comunali del
ravi, bravi”, ripete al rocco. Una fonte racconta che paese di Karima e all’ufficio pro-

“B telefono l’avvocato
Niccolò Ghedini, al
cronista del Fatto Quo-
tidiano che gli chiede le sue rea-
zioni a quanto scritto ieri dal
sono stati offerti molti soldi a
un’impiegata dell’anagrafe che
lui conosce molto bene. E ag-
giunge la sua preoccupazione,
per il fatto che nel paese di Fkih
vinciale in cui è conservato un se-
condo registro anagrafico. Al mu-
nicipio risponde una donna che,
molto imbarazzata, nega che si
siano presentati italiani, ma ag-
giornale. Un’impiegata dell’ana- Ben Salah il registro dove vengo- giunge di sapere che in paese al-
grafe della città marocchina di no annotate a mano le nascite è cuni nostri connazionali erano
Fkih Ben Salah racconta ai nostri scomparso. La fonte spiega an- andati alla ricerca dei famigliari di
inviati che due italiani le hanno che che i dati anagrafici sono an- Ruby. All’ufficio provinciale ven-
offerto del denaro, chiedendole notati in più registri, conservati gono invece espressi molti dubbi
in cambio di cambiare la data di in luoghi diversi. Ma ipotizza che sulla figura del sindaco di Fkih
nascita di Karima El Mahroug ci sia sempre la possibilità che, Ben Salah. A questo punto il Fatto,
detta Ruby. Karima doveve risul- nel tempo, tutti i registri possa- dopo aver visto una fotografia del
tare più vecchia di due anni. no essere via via falsificati. certificato di nascita di Ruby in-
Televideo ieri annunciava che viata dal suo paese, decide di par-
gli avvocati di Silvio Berlusconi DOPO QUALCHE giorno, la tire per il Marocco per incontrare
avevano deciso per questo di stessa fonte racconta che in realtà direttamente l’impiegata dell’a-
querelare il Fatto. “Ma no”, spie- il registro non è scomparso: era nagrafe (che abbiamo chiamato
ga Ghedini. “Voi avete fatto il vo- solo stato spostato, proprio per- “Fatima”), la quale accetta di par-
stro lavoro. Noi abbiamo sempli- ché gli impiegati erano allarmati lare soltanto dietro garanzia del-
cemente comunicato che il pre- dopo la visita degli italiani. Inizia- l’anonimato. “Fatima” racconta il
sidente Berlusconi ci ha dato no i controlli e le verifiche. La fon- tentativo di corruzione.
mandato di depositare una spe- te appare una persona affidabile, Una corruzione impossibile, se-
cifica denuncia all’autorità giu- con legami certi con il paese di condo Ghedini. “Abbiamo fatto
diziaria, per accertare se la vi- Ruby. Ma la ricomparsa del regi- indagini difensive in Marocco:
cenda che voi raccontate è vera stro anagrafico sembra sgonfiare abbiamo chiesto ad avvocati loca-
oppure no. Perché, in ogni caso, la notizia. li quali sono le procedure per la
è una storia che tende surretti- Il 3 marzo, però, avviene un fatto registrazione delle nascite. E ab-
ziamente a danneggiare il presi- nuovo. Il Giornale titola in prima: biamo così scoperto che sono
dente del Consiglio, che è total- “Il Cav ottimista: Ruby era mag- procedure blindate. I dati sono
mente estraneo a ogni eventuale giorenne”. E a pagina 5: “Il pre- scritti in tre registri: quello del-
comportamento illecito”. mier cala l’asso: Ruby era maggio- l’ufficio anagrafe locale, quello
Questa storia inizia a metà feb- renne”. Il quotidiano riporta tra del ministero dell’Interno a Ra- Al centro, un’illustrazione
braio, quando il Fatto comincia a virgolette una frase di Berlusco- bat e quello del ministero dell’I- di Emanuele Fucecchi.
raccogliere e vagliare testimo- ni: “Abbiamo la prova che Ruby è struzione, sempre nella capitale. In alto a destra, Silvio Berlusconi Intanto però Ghedini e il suo col- cedere per reati commessi all'e-
stata registrata all’anagrafe ma- lega Piero Longo chiedono che la stero, quando non è nota l’iden-
rocchina due anni dopo la sua na- magistratura verifichi la storia rac- tità di chi li ha commessi e dunque
Ghedini: “Bravi scita. Una prova che presentere-
mo durante il processo”. Quel
Bruti Liberati: Impossibile falsificare tutto. La
certezza documentale è graniti-
contata dal Fatto. “Se le vostre no-
tizie sono vere, è evidente che c’è
non è chiara la competenza terri-
toriale. Ma abbiamo avvertito an-
avete fatto giorno, anche il Corriere della sera
riporta la stessa dichiarazione del
“La Procura ca”. stato un grave, anche se maldestro,
tentativo di falsificazione che dan-
che la procura di Milano, se rite-
nesse di indagare sulla vicenda”. Il
il vostro lavoro: presidente del Consiglio: “È stata
registrata all’anagrafe due anni
di Milano DUNQUE Karima è nata certa-
mente il 1 novembre 1992, come
neggia il presidente del Consiglio.
Se qualcuno ha davvero fatto quel
procuratore di Milano Edmondo
Bruti Liberati dichiara al Fatto che
dopo essere nata”. Chi ha dato dicono tutti i suoi documenti. tentativo, è bene che le autorità ri- la sua procura studierà il caso e
è una storia questa informazione a Berlusco- studierà il caso Ghedini lascia però aperto ancora costruiscano i fatti e l’identità delle poi deciderà se aprire un fascico-
ni? Perché il presidente del Con- uno spiraglio: “Bisogna vedere se persone coinvolte, per sventare lo. Un caso giuridicamente com-
che rischia siglio è così ottimista quel gior- e poi deciderà la data di nascita è diversa da quella strumentalizzazioni ai danni di plesso (come spiega a pagina 18
no? di registrazione: anche in Italia En- Berlusconi”. Bruno Tinti), perché riguardereb-
di danneggiare A questo punto il Fatto, con la col- se aprire zi Ferrari è stato iscritto all’anagra- I suoi difensori hanno presentato be un reato di tentata corruzione
laborazione di Radio popolare, fe in un giorno diverso da quello questa istanza alla Procura di Ro- commesso all’estero da cittadini
il premier” interpella al telefono diversi testi- un fascicolo” della sua vera nascita”. ma: “Perché di solito è Roma a pro- italiani non identificati.

NEL PAESE Dove è cresciuta la 18enne


MILLS Riprende
Silenzio e vergogna tra i parenti di Karima il processo
di Lorenzo Galeazzi nosciuto la famiglia El Mahroug e rore quando, undici anni fa, ha de- coperto di vergogna tutto il pae-
e Vittorio Malagutti
inviati a Fkih Ben Salah
condiviso con loro un pezzetto di
vita prima che la giovane Karima
ciso di portare con sé Karima.
“Noi, all’epoca, gli abbiamo con-
se”.
La parola d’ordine è dimenticare.
Rin attiiprende oggi il processo in cui Silvio
Berlusconi è imputato per corruzione
giudiziari dell’avvocato inglese Da-
partisse per l’Italia. Sono disposti a sigliato di non farlo”, dice il vec- Lasciarsi tutto alle spalle. “Per noi vid Mills, già condannato in appello a 4
olad Ehdiddo è la zona dove 18 parlare, ma senza rivelare i loro chio. “Era troppo pericoloso farla la ragazza non esiste più”, dicono anni e sei mesi per corruzione. Per Ber-
A anni fa è nata Karima “Ruby”
El Mahroug. “Fino a un po’ di anni
nomi. Il primo è un uomo sulla qua-
rantina. Dice di essere un ex vicino
partire senza la mamma”. L’altro
scuote la testa: “Una scelta sba-
quasi all’unisono. “Ha fatto bene
Yazini, la mamma di Karima, a
lusconi, il processo Mills, è il terzo pro-
cedimento che si riapre dopo che la Consulta ha bocciato la
fa era la Quarto Oggiaro di Fkih”, di casa di Mohamed, il padre. “Ad gliata. L’Italia era un mondo più prendere i fratellini, a tornare dalla legge sul legittimo impedimento. A differenza delle udien-
dice ridendo un signore, riferendo- Aolad amavamo tutti Karima”, ri- grande di lei. Ma Mohamed non sua famiglia in montagna e a la- ze Mediaset e Mediatrade ripartite nei giorni scorsi, il pro-
si al quartiere della periferia mi- corda. “Era la bimba più bella e ha voluto sentire ragioni e ha vo- sciarsi tutto alle spalle”. cesso Mills, calendario alla mano, si annuncia molto più
lanese. Anche lui, come tanti altri scatenata della nostra zona”. Il se- luto portare in Sicilia la piccola a Meglio rimanere in Marocco: “Mi caldo: la prescrizione per B., accusato per aver comprato
suoi concittadini, ha passato buo- condo è un anziano vestito con tutti i costi”. Il cugino del padre auguro che dopo tutta questa sto- con 600 mila dollari il silenzio di Mills (fatto accertato an-
na parte della sua vita in Italia a una lunga tonaca con il cappuccio. continua: “Quando un mio paren- ria, le famiglie decidano di tenere i che secondo la Suprema Corte che ha annullato la sentenza
lavorare. È a conoscenza delle vi- “Sono i nostri abiti tradizionali”, di- te mi ha raccontato la storia che propri figli qui”, ripete il più gio- per avvenuta prescrizione), scatterà nei primi mesi del
cende che coinvolgono la più ce- ce. Si presenta come il cugino del coinvolge il vostro presidente del vane, “meglio la povertà che una 2012. Per far sì che vengano completati i tre gradi di giu-
lebre delle sue compaesane, ma padre: “È un brava persona e un Consiglio, non ci volevo credere. vita poco onorevole”. Lo interrom- dizio, il pm Fabio De Pasquale ha depositato un’istanza in
preferisce non parlarne. “Ci fa ver- grande lavoratore. Fa il ‘vu cum- Ma una volta usciti fuori i nomi ab- pe l’anziano: “Tanti anni fa, quan- cui ipotizza un fitto calendario di udienze nei prossimi mesi
gognare”, dice. A Fkih Ben Salah prà’ in Sicilia”. La parola “vu cum- biamo capito che si trattava pro- do dopo pochi mesi in Italia sono ma l’avvocato Ghedini ha già annunciato che il premier
parlare del “caso Ruby” non è fa- prà” la pronuncia in italiano. “Ci prio di sua figlia. In famiglia siamo tornato a Fkih, ho pensato di es- potrà partecipare solo a quelle del lunedì. Al ritmo di quat-
cile. “È una brutta pubblicità per i sono passato anch’io. Ho fatto rimasti tramortiti”. Il più giovane sere un perdente. Ma ora mi rendo tro udienze al mese non si arriverebbe nemmeno al primo
nostri figli che sono in Italia a la- l’ambulante in Sicilia, ma dopo po- annuisce: “Non volevamo accetta- conto di avere fatto la scelta giu- grado, De Pasquale è pronto a dare battaglia in aula per
vorare”, dicono gli abitanti del pae- chi mesi sono tornato a casa”. re che una bella ragazza piena di sta. La mia è una famiglia felice e accelerare i tempi.
se. Dopo un giorno di ricerche tro- Entrambi sostengono che il padre vita come lei andasse con una per- onorevole. Siamo poveri ma ri-
viamo due persone che hanno co- di Ruby abbia fatto un grosso er- sona così anziana e così ricca. Ha spettati”.
Venerdì 11 marzo 2011

E
L’ESCLUSIVA

lisa Toti è stata sospesa dal lavoro in domanda se fosse stata pagata per le sue giorno dopo. Ma le feste e i soldi sono scollegati.
Elisa Toti sospesa Publitalia, l’agenzia pubblicitaria di partecipazioni alle feste ha risposto: “Assolutamente Quei soldi invece sono un prestito che io ho chiesto
Mediaset, in seguito alle intercettazioni no. Io sono stata invitata solo per le serate, per le al presidente in un momento di forte difficoltà”.
sulla sua partecipazione alle feste organizzate dal cene. Feste e cene sobrie e con vari ospiti. Sono Nelle intercettazioni parlando con sua madre si era
da Publitalia: “Ma non ho premier Silvio Berlusconi nella villa di Arcore. “La rimasta ad Arcore quattro giorni per le feste di fine detta stanca: “La stanchezza di cui parlavo era
società mi ha sospeso in via cautelativa. Un atto Natale, ho dormito in un’ala della villa, sola, per non relativa al fatto che io vado a letto alle 22, è normale
dovuto e quindi è tutto bloccato”, dice la donna in fare avanti e dietro col mio appartamento a Milano. quando lavori e ti alzi la mattina presto, non ho più
niente da nascondere” un’intervista pubblicata dal Corriere di Siena. Alla Rimanevo a dormire e poi me ne andavo a lavoro il 19 anni quando a Ibiza facevamo le 6 di mattina”.

Inquinare, confondere, stordire:


di Paola Zanca vanno ben oltre la legalità e la di-
plomazia”.
l processo deve farsi al Una settimana fa, il Messaggero

“I più presto per evitare


deviazioni di questo ti-
aveva dato conto dei consigli di-
plomatici del Responsabile Ma-

i timori dell’opposizione
po, che non sono solo rio Pepe al premier: bisognereb-
processuali ma istituzionali”. be “andare in Marocco a verifica-
Per Felice Casson, magistrato e re l’età di Ruby – diceva – perché
senatore del Pd, non c'è altro in quei paesi chissà che anagrafe
tempo da perdere. Le rivelazio- hanno”. Ieri, invece è stata l'Unio-
ni della funzionaria dell'anagra- ne europea a frenarlo dalle com-
fe marocchina, che avrebbe ri- IL SILENZIO DEI MINISTRI MARONI E FRATTINI parazioni superficiali: “La propo-
cevuto un’offerta di denaro da sta di riforma costituzionale di
due italiani in cambio di una CASSON: “QUI C’È L’INTERESSE A CREARE NEBBIA” Mohammed VI – commentano
modifica alla data di nascita di da Bruxelles - tocca elementi fon-
Karima El Marough, non sono damentali per l’ammoderna-
solo il tentativo di inquinare le imputata. In queste storie – con- nuncia il deputato Emanuele Fia- vero che sono stati inviati dall’I- berto Rao – che hanno portato ad mento, quali la regionalizzazio-
prove della prostituzione mino- clude il senatore Pd – meno met- no, presenterà un’interrogazio- talia degli emissari anonimi per altre escursioni estere di faccen- ne, l'indipendenza della giustizia,
rile nell’inchiesta che vede im- tono le mani i servizi segreti e ne per chiedere al governo di ve- corrompere un funzionario di dieri tese all'organizzazione di la separazione dei poteri, il raffor-
putato Silvio Berlusconi. Sono meglio è. Perché non è loro rificare “la sussistenza dei fatti uno Stato estero, al fine di falsifi- trame politiche”. Anche lui chie- zamento del ruolo del governo e
lo strumento per far scendere compito”. menzionati, l’identità degli italia- care la data di nascita di Ruby e de chiarezza anche se si dice “cer- l’uguaglianza per le donne”. Non
“la nebbia” su una vicenda che ni coinvolti e quella dei loro man- chi li ha mandati”. Se così fosse, to che i ministri siano all’oscuro risulta che nel suo discorso alla
sta terremotando uno Stato in- Dalla Farnesina: danti”. Fiano si augura che la ri- aggiunge il leader Idv, si “impor- di tutto” perché “non avrebbero nazione, il re del Marocco, l’abbia
tero. “Il rischio – spiega Casson pensiamo alla Libia sposta arrivi in fretta, visto che la rebbe l’immediato impea- mai permesso operazioni che chiamata “epocale”.
– è che le verità storiche e quel- vicenda è “collegabile al procedi- chment del presidente del Con-
le processuali non corrisponda- mento giudiziario in corso nei siglio”.
no più”. LA PROCURA di Milano sta va- confronti del presidente del Con-
Inquinare, confondere, stordi- lutando se aprire un fascicolo, siglio”. Rao (Udc): mi viene
re. Fino a non capire quale sia la sollecitata anche da una denun- Proprio ieri, il Consiglio dei mini- in mente Santa Lucia
verità. “Le situazioni di dubbio, cia presentata dai legali di Silvio stri ha varato la riforma “epocale”
di nebbia sono deleterie per l’o- Berlusconi, Niccolò Ghedini e della Giustizia. E forse è per que-
pinione pubblica – insiste il se- Pietro Longo. Ma nel frattempo, è sto che nessuno dei ministri ha ANCHE IL FINIANO Fabio
natore Pd –. Nel nostro Paese ab- il Parlamento italiano che chiede avuto tempo di occuparsi del- Granata, insieme all'onorevole
biamo già visto cosa succede
quando le vicende diventano
chiarezza al governo. Il Pd, lo an- l’ennesimo guaio giudiziario che
riguarda il premier. Dallo staff del
Angela Napoli, sta preparando
“un'interpellanza parlamentare
Il sostegno di Schulz
complicate, oscure: dalle stragi ministro Maroni fanno sapere per chiedere ai ministri degli a cura di Articolo 21
al terrorismo, fino alle tangen-
ti”. Buchi neri senza mandanti,
Il democratico che “non ci risulta assolutamen-
te” nulla delle vicende marocchi-
Esteri e dell'Interno se sono a co-
noscenza di questa vicenda”. Se il MANCA UN GIORNO alla manifestazione di domani a Roma e in
reati che non hanno colpevoli.
“Confido nella capacità della
Emanuele Fiano: ne, ma spiegano che ieri al Vimi-
nale “non ne abbiamo assoluta-
tentativo di truffa all'anagrafe ma-
rocchina fosse vero, dice Grana-
100 città d’Italia (a Milano si mobilitano le Girandole) e
numerose capitali estere. Cresce la voglia di scendere in piazza
polizia giudiziaria e della magi-
stratura di individuare qualsiasi
“Presenteremo mente parlato”. Anche alla Farne-
sina per il momento la notizia
ta, “testimonierebbe la volontà
precisa di intervenire anche con
per difendere la Costituzione. Tra le nuove adesioni Martin
Schulz presidente del Gruppo Pse in Europa. “Devo molto alla
tipo di intervento esterno, in non ha provocato reazioni: Frat- metodi certamente non legali sul
modo da distinguere ciò che è interrogazione tini, appena rientrato da Bruxel- processo in corso”. All’Udc la sto-
Carta costituzionale italiana, una delle più moderne, nel
contenuto e per il metodo con cui è nata. Sono con voi”.
vero da ciò che è inquinante. Ma les, “si sta nuovamente occupan- ria dell'anagrafe marocchino fa ADESIONI. Tra le nuove adesioni collettive Anac, Arci,
questo non è facile – ammette parlamentare do di Libia”. Entrambi comunque venire in mente la casa di Monte- Emergency, Legambiente, Sapienza in mobilitazione
Casson – Perché innanzitutto bi- assicurano che risponderanno al- carlo, i dossier arrivati da Santa SOTTOSCRIZIONE: Sul sito www.cday.it e
sogna capire chi l'ha fatto: gli in- per capire cosa le richieste dell’opposizione. Lucia e “l'emissario” Walter Lavi- www.articolo21.info le modalità per dare un contributo .
teressi a creare nebbia sono tan- “Vogliamo sapere – anticipa la tola. “Analoghe torbide vicende – www.adifesadellacostituzione.it
ti, non solo quelli della persona è avvenuto” domanda Antonio Di Pietro – se è ricorda il deputato centrista Ro-

Zanda (Pd) “In questi casi si aggirano Orlando (Idv) “Magari l’esercito
profittatori o cortigiani imprudenti” della salvezza l’ha aiutato di nascosto”
di Luca De Carolis “sospesi”, in una zona grigia. vicenda raccontata dal “Fat- ra scopriremo che l’eser- si passa a una protesta, neppu- me prova il fatto che Maroni lo

rendiamo atto che anche


Auspico che la magistratura
possa fare chiarezza prima pos-
to” venisse ulteriormente
confermata…
“O cito della salvezza ha volu-
to aiutare di nascosto a Berlu-
re troppo vibrata.
Secondo i legali bisogna sco-
ha spostato al 12 giugno. Di-
cendo che andrà in tribunale,
“P Ghedini vuole la verità dei
fatti. Pare quasi una collabora-
sibile, per esempio con un’ap-
posita rogatoria. Credo che sia
In quel caso saremmo di fronte
a un episodio estremamente in-
sconi…”. Leoluca Orlando, de-
putato dell’Idv, sceglie l’ironia
prire chi erano questi miste-
riosi emissari e da chi erano
spera di scoraggiare la gente
dall’andare a votare, mostran-
zione inedita con il Fatto…”. An- interesse di tutti, e anche dello quietante, del quale bisogne- per commentare la denuncia stati inviati… do come inutile l’andare alle ur-
che Luigi Zanda, senatore del stesso Berlusconi. C’è un’in- rebbe individuare esecutori e dei legali di Berlusconi sulle of- (Ride) Ora scopriremo che una ne, perché tanto lui farà il suo
Pd, sorride di fronte all’iniziati- chiesta giornalistica, c’è un vi- mandanti, e in fretta. Su questo ferte alla funzionaria marocchi- manina nascosta voleva dare dovere di bravo cittadino.
va dei legali di Berlusconi. “Ri- deo. Bisogna fare luce. non ci sono dubbi. na, raccontate ieri dal Fatto Quo- una mano a Berlusconi: magari Ieri è stato anche il giorno
spetto all’ipotesi di querela pe- Certo, viene da chiedersi chi In questo scenario, il governo tidiano. che l’esercito della salvezza si è del progetto di riforma della
rò c’è un passo avanti, che alleg- avesse interesse a far ritoc- ha presentato la riforma del- Ghedini, parlando con “il mosso, senza dirgli nulla, per Giustizia. Che ne pensa?
gerisce”. care la data di nascita di Ru- la giustizia. Come la giudica? Fatto”, ha spiegato che garantirgli l’impunità. Si tratta dell’ennesima arma di
Senatore, anche i legali del by all’insaputa del presidente È molto difficile che venga ap- quella degli avvocati del pre- Berlusconi ha detto che vuo- distrazione di massa, di un puro
premier vogliono del Consiglio. provata prima della fine della le- mier è una denun- le andare in tribu- spot elettorale. Questa riforma
sapere chi fossero Attorno a vicende di gislatura, perché il tema è molto cia con lo scopo di nale nel processo non diventerà mai realtà: non
quei misteriosi uo- questo tipo è fre- complicato e serve la doppia accertare la verità. sul caso Ruby per ci sono i tempi e le condizioni.
mini giunti in Ma- quente che si aggiri- lettura delle aule parlamentari: Che ne pensa? togliersi “soddi- Serve solo a fare propaganda, e
rocco. Sorpreso? no profittatori, o cor- è solo un manifesto propagan- Mi sembra che sia- sfazioni”. ad alimentare il clima di pistola
Guardi, quel che tigiani imprudenti distico. Nel merito, contiene un mo alle solite: si mi- Il presidente del alla tempia nei confronti dei
conta è che i fatti ri- che agiscono di testa attacco ai giudici e lede la divi- naccia una denuncia Consiglio dice que- giudici, per arrivare al vero e
portati dal vostro propria. Non mi pare sione dei poteri. Lo dimostrano per intimidire la libe- sto solo perché ha costante obiettivo finale: l’im-
giornale sono di un necessario aggiunge- la previsione di un governo che ra informazione, di paura del referen- punità di Berlusconi. La denun-
tale gravità, che non re altro. sceglie i reati da perseguire, e il cui si ha sempre una dum sul legittimo cia dei suoi avvocati, in fondo,
possono rimanere Comunque, se la progetto di un doppio Csm. grande paura, e poi impedimento, co- è la chiusura del cerchio…
pagina 4 Venerdì 11 marzo 2011

U
AD PERSONAM

n Partito democratico in “caduta”, della parabola di Walter Veltroni passato dall’essere un media e dice di non essere mai stato veramente un
WikiLeaks: “moribondo”. Così l’ambasciata Usa di emulo di Robert Kennedy a un “whipping boy”, una comunista”. Due anni dopo: “È ancora il capitano; ma il
Roma nei rapporti ottenuti da sorta di giullare schiaffeggiato per gli errori altrui. Pd va alla deriva”. “Dopo il trionfo di Berlusconi - si
WikiLeaks, che L’Espresso pubblica oggi, descrivono il Entusiasta, invece, il giudizio Usa su Massimo D’Alema: legge nel rapporto - ha tentato diverse tattiche senza
il Partito democratico maggior partito dell’opposizione. Una sinistra in via di “Altamente ambizioso, molto furbo, intelligente, più successo”. E Bersani? Nel 2006, da ministro, sorprende
estinzione, dunque, quella ritratta dalla diplomazia pungente e dogmatico degli altri leader”. Nel 2007 per piacevolmente la diplomazia. “Finalmente abbiamo un
americana che racconta di un Pier Luigi Bersani buon gli Usa Veltroni è “un outsider e un volto nuovo, anche interlocutore”. Ma l’entusiasmo scema per il Bersani
è moribondo ministro ma di un Massimo D’Alema vero leader. E se da anni al centro della politica... Ci sa fare con i segretario. C'è un solo cablogramma in cui si parli di lui.

B. ASSAPORA
LA SUA VENDETTA
CONTRO I GIUDICI
Il Caimano: “È dal ’94 che aspetto
questa riforma della Giustizia” Il ministro Alfano e il premier Berlusconi ieri durante la presentazione della riforma (FOTO ANSA)

di Sara Nicoli mo a realizzare un punto fon- dieci ddl avranno un iter au- contraccolpi. Ecco perché Dopo la giustizia, l’ottica di stata approvata una proposta
damentale del nostro pro- tonomo e, in caso di neces- vuole far presto. Berlusconi, spiegata proprio di legge d’iniziativa del depu-
a vendetta è un piatto gramma”. Cardine, la divisio-

L
sità, il governo potrà forzare la ieri in Consiglio dei ministri, è tato del Pdl, Manlio Contento:
che si consuma freddo. ne tra giudici e pm. Con mano mettendo la fiducia al SONO DUNQUE sembrate comunque quella di puntare di fatto, denuncia l'opposizio-
E ieri mattina, a Palazzo un’immagine che viene sfo- momento dell’approvazione. inutili le parole di Alfano, il all’en plein del programma pri- ne, servirebbe a estinguere il
Chigi, Silvio Berlusconi derata a puro uso mediatico e Per ciascuno di essi, poi, sa- tentativo di far passare sepa- ma delle elezioni amministra- reato di appropriazione inde-
ha confessato cosa c’è dietro che testimonia quello che il ranno necessari altrettanti de- razione delle carriere, doppio tive. All’appello, secondo i bita imputato a Silvio Berlu-
la riforma “epocale” della Cavaliere ha sempre pensato creti attuativi, ma solo dopo Csm, nuova Corte disciplinare suoi conti, manca solo l’ulti- sconi nel processo Mediatra-
Giustizia appena licenziata al- del funzionamento della giu- l’approvazione e l’eventuale – per i magistrati, responsabilità mo dei famosi cinque punti: il de. “Mentre presentano la ri-
l’unanimità dal governo. È stizia: due bilance, una sbilen- anzi, inevitabile – referen- civile dei giudici e nuovo rap- fisco, di cui dovrà discutere forma ‘epocale’ della giustizia
stata proprio una vendetta, la ca, una in asse: “La riforma – dum. I tempi non sono affatto porto pm-polizia giudiziaria con Tremonti “nei prossimi - commenta la deputata Pd Do-
stoccata finale a quella magi- brandisce l’immagine il Cai- brevi, anche perché tra una come una riforma che serve ai giorni”. natella Ferranti - arriva la con-
stratura che nel ’93 spazzò mano – metterà al centro la lettura e l’altra delle Camere cittadini. Alcuni punti, infatti, Ma intanto alla Camera con- ferma di come non abbiano al-
via, “annullò un’intera classe parità tra accusa e difesa; fino del ddl complessivo, devono sono considerati indigeribili e tinuano a lavorare per lui. Ieri, cuna intenzione di rinunciare
dirigente”. “Se avessimo avu- ad oggi non è stato così”. passare almeno tre mesi. Ep- non solo dai magistrati. Come in commissione Giustizia è alle leggi ad personam”.
to questa riforma vent’anni fa pure, non si sa come e perché,
– ha detto il Caimano – si sa- DETTO CON PAROLE Berlusconi è convinto di por-
rebbe evitata l’esondazione,
l’invasione della magistratura
sue: “Il pm per parlare con il
giudice dovrà fissare un ap-
tare in votazione finale il pac-
chetto Giustizia (compreso
Saranno dieci I PUNTI DELLA RIFORMA
nella politica e a quelle situa-
zioni che hanno portato, nel
puntamento, battere con il
cappello in mano e possibil-
processo breve e intercetta-
zioni) entro l’inizio dell’au-
distinti disegni •Separazione delle carriere
Carriere separate di giudici e pm
corso della storia degli ultimi
vent’anni, a cambiamenti di
mente dargli del lei”. La ven-
detta, appunto. Ecco, dun-
tunno, in tempo anche per in-
tervenire sull’eventuale pre-
di legge, ognuno •Doppio Csm
Uno dei giudici e uno dei pm, presieduti dal capo dello
governo o, come quello che è que, che si schiude anche la scrizione del processo Mills Stato.
in corso, di far cadere il go- priorità dell’azione del gover- che ricomincia proprio oggi a dei quali andrà •Azione penale
verno per via giudiziaria”. Lo no per le prossime settimane. Milano. Il Cavaliere non ci sa- Ai pm l’obbligo di esercitare l’azione penale, ma
dice, Berlusconi, e parla della La riforma della giustizia sarà rà, ma il registro delle assenze a incidere “secondo modalità stabilite dalla legge”.
riforma come di una libera- divisa in dieci, distinti disegni è destinato a cambiare: “Mi •Corte di disciplina esterna ai due Csm
zione “che aspettavo dal ’94, di legge per ciascuno dei pun- prenderò la soddisfazione di sulla Viene modificato l’art. 103 della Costituzione: i
dai tempi della nostra discesa ti nevralgici che andranno ad essere presente e spiegherò componenti dovrebbero essere nominati per un
in campo, finalmente riuscia- incidere sulla Costituzione. I agli italiani come stanno ve- Costituzione terzo dal presidente della Repubblica, per un terzo
ramente le cose”. Una cosa è dal Parlamento in seduta comune e per un terzo da
certa; nei mesi a venire la giu- giudici e Pm. Il presidente sarà scelto tra le
Nessun dorma Ieri le strade di Roma, Firenze, Milano, Napoli, Torino e Padova stizia sarà il tema unico su cui l’inappellabilità delle senten- componenti eletta dal Colle e dal Parlamento.
“hanno cambiato nome per mostrare che esiste un’Italia diversa e indignata”. si eserciterà il Parlamento. ze di assoluzione di primo gra- •Polizia giudiziaria
Che, secondo il Cavaliere, rag- do, una chiara norma “ad Sil- Sarà sotto l'egida del ministero dell’Interno.
giungerà presto una maggio- vium”, così come la soggezio- •Corte disciplinare per i magistrati
ranza “solida” di 330 deputati, ne ai dettami parlamentari dei Una sezione per i giudici e una per i pm.
una cifra che gli aveva intima- giudici riguardo “le priorità” •Responsabilità civile delle toghe
to di raggiungere Bossi per nell’esercizio dell’azione pe- “Responsabili degli atti compiuti in violazione di diritti
non avere problemi sul fede- nale. “I giudici non potranno al pari degli altri funzionari e dipendenti dello Stato”.
ralismo. Adesso la vuole lui seguire tutto – ha tentato la • Inamovibilità dei magistrati
per consumare le sue vendet- difesa impossibile Alfano – le “In caso di eccezionali esigenze (...) i Consigli
te, ma senza il rimpasto la fe- priorità le definirà il Parlamen- superiori possono destinare i magistrati ad altre sedi”.
deltà dei responsabili rischia to”.

Donne italiane, negli Usa le studiano


AL SUMMIT “WOMEN IN THE WORLD” SI DISCUTE DEL “CONTRATTACCO” IN ROSA
di Angela Vitaliano sura. Le donne cinesi e le donne italiane, in tuazione italiana che viene, in tal modo equi-
New York un binomio che può apparire addirittura parata, a quella di paesi in cui la condizione
stonato, si alterneranno oggi pomeriggio, delle donne è certamente difficile e proble-
onne italiane e donne cinesi, tanto lon- all’Hudson Theatre di New York, nel corso
Dgiorno,
tane eppure unite, anche se solo per un
da una battaglia comune e sostan-
dei lavori del summit Women in the World
che è stato aperto ieri sera dal saluto di Tina
matica. “L'obiettivo di questa riunione –
spiega, tuttavia, Emma Bonino - non è sem-
plicemente quello di suscitare interesse
ziale: far sentire la propria voce nei rispet- Brown, editore del Daily Beast e di Ne- bensì di determinare un'assunzione d'impe-
tivi paesi e provare ad invertire un trend wsweek, organizzatori dell’evento. gno ben precisa per il prossimo anno da par-
di Caterina Perniconi che le vuole, in un modo o nell’altro, messe te di tutti i partecipanti alla due-giorni di di-
in un angolo. Da un lato, dunque, le donne IL PANEL dedicato al nostro paese, inti- battito”.
CAMERA L’assemblea di Montecitorio si è riunita cinesi, impegnate nella ne- tolato proprio “Le donne italiane al contrat- La serata inaugurale è stata dedicata in par-
alle 9.30 per discutere dei tempi di realizzazione cessità di cambiare gli tacco”, vedrà la presenza di Emma Bonino, ticolare ad interventi relativi alla situazione
Tina Brown (F A )
OTO P
della linea ad alta velocità Milano-Genova. La obiettivi e i comportamen- di Violante Placido e della corrispondente dei paesi del Medio Oriente “pionieri della
seduta è stata sospesa alle 13.20 fino alle 13.25. I ti tipici del paese con l’e- dall’Italia di Newsweek e del Daily Beast, Bar- nuova era di dissenso”, come titolava il pro-
lavori sono terminati alle 13.50 dopo conomia più in crescita al bie Latza Nadeau, moderate da Leslie Stahl, gramma della sessione moderata da Chri-
interpellanze urgenti. Nuovo appuntamento mondo. Dall’altro, le italia- corrispondente per la nota rubrica politica stiane Amanpour e alla quale sono interve-
lunedì prossimo alle ore 12. ne e il loro dire “basta” at- televisiva, “60 minuti”. nute Wajeha H. Al-Huwaider, giornalista e
traverso i media, la politica L’importanza dell’evento, al quale parteci- attivista dei paesi arabi; l’iraniana Sussan
SENATO L’aula di Palazzo Madama è stata riunita e persino la semplice quo- peranno personaggi del calibro di Condo- Tahmasebi, co-fondatrice della rete per i di-
per 46 minuti. I lavori sono cominciati alle 16.02 tidianità, per provare a col- leeza Rice, Madeleine Albright, Hillary e Bill ritti civili delle donne “One Million Signa-
per interrogazioni e terminati alle 16.48. mare finalmente un gap ge- Clinton, e giornalisti come Christiane tures Campaign’; Dalia Ziada, autrice e at-
L’assemblea non sarà riconvocata fino a martedì nerazionale che sembra, Amampour, Charlie Rose e Barbara Walters, tivista egiziana e Zainab Salbim, fondatrice e
prossimo alle ore 16.30. invece, negli ultimi anni, rende particolarmente straordinario il fatto amministratrice di Women for Women In-
essersi ingigantito a dismi- che, un’intera sezione, sia dedicata alla si- ternational.
Venerdì 11 marzo 2011 pagina 5

R
LE DUE ITALIE

affaele Guariniello nasce a aggiunto nel 1992. Il suo nome è legato a alimentari. Il 15 aprile è prevista la sentenza
Una vita per le cause Frugarolo, in provincia di centinaia di inchieste in materia di sicurezza per la strage dell’acciaieria ThyssenKrupp ed
Alessandria, il 15 marzo 1941. Si sul lavoro e tutela della salute, dallo scandalo è in fase avanzata il processo per le centinaia
laurea in Giurisprudenza a soli 23 anni schedature Fiat del 1971 all’inchiesta sul rogo di vittime dell’amianto dell’Eternit. In
di salute (allievo di Giovanni Conso) e alla fine degli del cinema Statuto (64 morti la notte del 13 entrambi i casi il pool coordinato da Raffaele
anni Sessanta entra in magistratura. Da febbraio 1983), passando per il processo per Guariniello contesta ai vertici aziendali di
sempre a Torino, lavora per anni in Pretura, doping a carico della Juventus e le indagini su Thyssen ed Eternit il dolo eventuale, una
fino alla ThyssenKrupp prima di essere nominato procuratore malattie professionali e sofisticazioni novità assoluta.

Guariniello: i miei primi 70 anni


“I magistrati servono ancora”
IL PROCURATORE: “DALL’ETERNIT AL DOPING JUVE, RIFAREI TUTTO”
di Stefano Caselli purtroppo, è quello che capita le diverse zone del nostro Pae-
quando il pubblico ministero se. Dappertutto ci sono proble-
uando s’inaugurò il nuovo non è autonomo dal potere po- mi irrisolti, ma al Sud è peggio.

Q Palazzo di Giustizia di To-


rino, tutti si chiesero co-
me avrebbe fatto l’allora
pretore Raffaele Guariniello,
litico.
Il processo Eternit non na-
sce per caso, sono decenni
che la magistratura si occu-
Ci sono situazioni di elevatissi-
ma disapplicazione delle nor-
me, con gravi responsabilità de-
gli organi di vigilanza e della
che della piccola Pretura di pa di amianto... magistratura.
piazza IV marzo aveva addirit- Il primo processo per tumori In tempi di crisi si è soliti
tura le chiavi, perché era sem- professionali fu nel 1989 per la contrapporre il lavoro ai di-
pre l’ultimo ad uscire a tarda se- morte di un uomo che aveva la- ritti. Vede un pericolo di re-
ra. Semplice, alla fine gli hanno vorato nel palazzo della Rai di gresso?
dato anche le chiavi del Palazzo Torino, allora pieno di amianto. Io pecco sempre di ottimi-
di Giustizia. Oggi, alla vigilia dei Fu il primo tassello e sembrava smo… Più che altro mi preoc-
70 anni (li compirà il 15 marzo), una cosa inaudita. Oggi abbia- cupa un’altra cosa.
il procuratore aggiunto Guari- mo un osservatorio sui tumori Quale?
niello sembra pensare a tutto professionali dove organizzia- La legge Mastella del 2006,
tranne che alla pensione, so- mo e raggruppiamo tutti i casi quella che obbliga alla turnazio-
prattutto quando rievoca oltre di cui si ha conoscenza. Così i ne negli incarichi direttivi, ri-
40 anni di battaglie a tutela del- processi non si perdono in mil- guarda anche i magistrati che
la sicurezza sul lavoro e della sa- le rivoli e possono nascere pro- per almeno dieci anni hanno la-
lute dei consumatori: “Se ne è cedimenti con miglia di parti le- vorato in un gruppo specialisti-
valsa la pena, come dice Ar- se come quello Eternit. co. Questo significa che entro il
mando Spataro? Il passato mi Lei si occupa da sempre del- 31 dicembre 2011 perderò sei
interessa poco – risponde sor- la sicurezza sul lavoro. Qual o sette colleghi, tra cui anche i
ridendo, dietro a una scrivania è, da questo punto di vista, lo pubblici ministeri dei processi
colma di carte ordinate – io so- I familiari degli ammalati a causa dell’Eternit in un’aula di tribunale. Sopra, Raffaele Guariniello (FOTO ANSA) stato di salute del capitali- Thyssen-Krupp (la sentenza è
no proiettato verso il futuro e smo italiano? prevista per il 15 aprile, ndr) ed
credo che fare il magistrato sia
servito. E sono sicuro che ser-
“Ho imparato che dinario, con un sistema di nor-
me che l’assenza di una magi-
cesso, indipendentemente da-
gli esiti, spesso genera la solu-
Rispetto ai primi anni 70 le cose
sono ovviamente migliorate, e
Eternit, magistrati che hanno
maturato una specializzazione
virà ancora, malgrado le cose
che si sentono...”.
la celebrazione stratura autonoma inevitabil-
mente comprometterebbe.
zione di un problema.
È un principio che vale anco-
non di poco. Si è diffusa una
consapevolezza che prima non
formidabile costretti ad abban-
donarla per legge. Ho scritto al
Appunto, “malgrado le cose
che si sentono”. Che fine
di un processo, L’ho capito già all’inizio della
mia carriera, quando scoprim-
ra?
Certamente. Prendiamo il caso
c’era. Ma non basta. Oggi esiste
ancora un evidente divario tra
governo, spero che qualcuno vi
ponga rimedio…
avrebbero fatto, per esem- mo le schedature Fiat, nel 1971. Eternit (processo in corso a To-
pio, le centinaia d’inchieste al di là dell’esito, Perquisimmo una stanza della rino contro la multinazionale
di Guariniello senza l’obbli- palazzina di corso Marconi do- svizzera per le centinaia di mor-
genera
gatorietà dell’azione pena-
le?
la soluzione
ve nessuno era mai entrato e
trovammo una mole stupefa-
ti causate dall’esposizione all’a-
mianto, ndr), un processo che LA ZANICCHI per B.
L’obbligatorietà, come la possi- cente di materiale (migliaia di sta attirando l’attenzione del
bilità di disporre della polizia
giudiziaria, è il corollario natu- di un problema” dossier su dipendenti, militanti
politici, uomini delle istituzio-
mondo. La gente rimane stupi-
ta dell’originalità del nostro
Piazza o piazzata?
rale dell’indipendenza della ni, giornalisti, compilati illeci- Paese, ossia del fatto che in Ita- ome Daniela Santanchè. O più di Daniela Santanchè.
magistratura, intesa nel suo
complesso. Il pm è un osserva- mente usato nella coltivazione
tamente su incarico dell’azien-
da da uomini dei Servizi segreti
lia sia possibile arrivare a un
procedimento penale per fatti
Clancia
Sta di fatto che dalle colonne di Libero, Iva Zanicchi
un’idea che il giornalista giudica “una fiamma-
tore attivo della realtà e spesso del peperoncino. Ne scoprim- e delle forze dell’ordine, ndr). Il di questo genere. Ci stanno pro- ta”: un raduno oceanico e tonante contro i giudici, per
prende notizia del reato di sua mo la nocività grazie a una ri- processo venne subito dirotta- vando anche in Francia, ma con Silvio Berlusconi, al grido “il 3 aprile tutti al Duomo per
iniziativa, senza aspettare una vista e da quasi dieci anni è stato to a Napoli, finì tutto in prescri- grande difficoltà. Lì c’è il pool dire basta alla persecuzione”. Così lo spiega: “L’altro
denuncia. Noi, per esempio, la- ritirato dal mercato. Ma di zione, anche se in primo grado de la Santè, una cosa molto si- giorno ero a casa mia e sono passata da lui che abita
voriamo molto sulla letteratura esempi potrei farne a decine. cui fu una condanna. Lì capii mile alla procura nazionale che vicino, giusto per sentire come stava. Aveva questa
scientifica, conserviamo rivi- Qual è la cosa più importan- che il nostro sistema di norme, penso servirebbe anche in Ita- faccia gonfia, era malconcio: gli ho detto che mi di-
ste mediche, tecniche. Ricordo te che le ha insegnato il suo se applicato correttamente, lia. Ci lavorano persone di gran- spiaceva di non essermi alzata all’Infedele, quella volta,
il caso del “sudan rosso 1”, un mestiere? riesce ad ottenere dei risultati. de valore, ma non ricevono i ca- dopo la sua richiesta, ma non potevo fare altrimenti (...)
colorante cancerogeno ampia- Che il nostro è un Paese straor- La sola celebrazione di un pro- si dalle procure locali. E questo, Così mi sono chiesta: perché la sinistra decide e subito
convoca oceani in piazza e noi stiamo tra noi a me-
narcela? Perché noi di solito lavoriamo. Infatti biso-

Bordighera è un comune mafioso gnerebbe trovarsi il 3 aprile che è domenica (...) A


Silvio qui non lo difende nessuno...”. Lei sì.

MARONI SCIOGLIE LA GIUNTA DI CENTRODESTRA PER INFILTRAZIONI DELLA ‘NDRANGHETA


di Ferruccio Sansa favorevole all’apertura della sala giochi perché bruciate. A maggio il re del cemento Pier Gior- messo dopo l’inchiesta e padre di Sonia Viale,
aveva favori da rendere”. Un quadro conferma- gio Parodi fu aggredito e la sua macchina cri- sottosegretario all’Economia). Le foto della Casa
a Liguria è terra di ‘ndrangheta. Ora è uffi- to da un altro assessore. vellata di colpi di lupara. Parodi non fece de-
LMaroni
ciale, con tanto di firma del ministro Roberto
che ha sciolto il Comune di Bordighera
La famiglia Pellegrino era nota da anni per i suoi
modi. Nel 2009 i poliziotti chiamati ad arrestare
nuncia. Dichiarò: “Era uno scherzo”.
della Legalità non risparmiano il centrosinistra:
Cinzia Damonte, candidata in Regione dell'Idv
ed ex assessore di Arenzano, è ritratta a una cena
(centrodestra) per infiltrazioni mafiose. Non Roberto Pellegrino furono accolti con botte e LA POLITICA che cosa dice? Il coraggioso sito elettorale della comunità calabrese con Onofrio
basta: altri grandi comuni sono sotto la lente di minacce: “Ti scanno, so dove abiti, ti vengo a della Casa della Legalità ha messo online foto sco- Garcea, pregiudicato, per la Finanza “ben inse-
ingrandimento della Commissione d’accesso, prendere”. mode. Ecco le immagini della festa calabrese rito negli ambienti della criminalità organizza-
come Ventimiglia e Arenzano. Ecco il clima a Bordighera. Bisogna leggere la (febbraio 2010, sotto elezioni) sponsorizzata da ta”. Damonte giura: “Non sapevo”.
L’inchiesta della Procura di Sanremo traccia il relazione dei carabinieri che ha portato allo enti locali genovesi. Tra gli ospiti Domenico Gan- Altro scatto: settembre 2005, si inaugura una sca-
ritratto di una terra terrorizzata dalla ‘Ndran- scioglimento: “Nel 2006 il Nucleo Investigativo gemi, poi arrestato, che parla con Aldo Praticò vatrice da milioni. Proprietaria una società ricon-
gheta. I pm partono dallo sfogo di Marco Sfer- di Imperia concludeva un’indagine su un con- (consigliere comunale Pdl a Genova). Eugenio ducibile alla famiglia calabrese dei Mamone, for-
razza, l’assessore al Turismo: “Dopo aver creto interessamento delle famiglie calabresi al- Minasso, deputato e vice-coordinatore regionale tissima in Liguria nelle bonifiche. Il numero uno
espresso in giunta la sua contrarietà all’apertura le elezioni comunali e ai lavori pubblici di Bor- Pdl, festeggia l'elezione con un membro della fa- era Gino Mamone (oggi è la moglie), poi inda-
di una sala giochi, Sferrazza aveva ricevuto a ca- dighera” (nel 2007 il centrodestra ha vinto). I miglia Pellegrino (coinvolta nell'inchiesta di Bor- gato per corruzione e turbativa d’asta (mai per
sa la visita di Giovanni Pellegrino e Francesco night club dove si esercitava la prostituzione, dighera) e Giovanni Ingrasciotta che non rinne- mafia: i legali sostengono che la famiglia Mamo-
Barilaro che, pur senza esplicite minacce, gli gestiti da presunti appartenenti alla criminalità ga le passate frequentazioni con Matteo Messina ne non è la stessa citata dalla Dda). In prima fila,
avevano chiesto conto di quel suo atteggiamen- organizzata, erano affiliati a organizzazioni Denaro. Eppure poche settimane fa l’ex ministro accanto a lui, Romolo Benvenuto (poi respon-
to contrario”. Sferrazza da quel giorno dichiara sportive. Tra i loro dirigenti, scrivono i carabi- Claudio Scajola ha sparato a zero contro “chi di- sabile Ambiente della Margherita e membro del-
“di dormire con la pistola sotto il cuscino”. nieri, c’era anche il vice-sindaco di Bordighera, pinge la Riviera come dominio della ‘Ndranghe- la commissione d’inchiesta sui rifiuti) e uno stuo-
Ai carabinieri l’assessore racconta che Pellegri- Mario Iacobucci (non indagato) e Consolato ta”. Accanto a lui proprio Giovanni Bosio, sin- lo di assessori, sindacalisti Cgil e uomini di fidu-
no e Barilaro gli avrebbero detto: “Quando ave- Scopelliti (non indagato), fratello del Governa- daco di Bordighera, applaudiva. E la Lega? A Bor- cia di Claudio Burlando. La stessa ditta, titolare di
vate bisogno di voti noi vi abbiamo aiutato”. tore della Calabria. Ecco il Ponente ligure dove dighera vanta esponenti di primo piano come appalti pubblici, ha sponsorizzato incontri del-
Sferrazza addirittura aggiunge: “Il sindaco era gli incendi di locali non si contano. Così le auto Giulio Viale (assessore della Giunta che si è di- l’associazione di Burlando, il Maestrale.
pagina 6 Venerdì 11 marzo 2011

G
COSE LORO

iuseppe Arnone, avvocato, ha più Pd-Lombardo. Arnone all’assemblea del Pd del Quotidiano" per riproporre la sua denuncia con
L’avvocato volte denunciato i rapporti mafia e novembre scorso si è presentato indossando tanto di foto del tavolo della presidenza, dove a
politica. E in particolare di recente una maglietta in cui accusava i vertici del Pd di guidare i lavori i piddini hanno chiamato l’ex
si è scagliato contro la “questione morale” del avere truccato il tesseramento. Fuori è stato senatore Vittorio Gambino, condannato ad un
e la questione morale Pd siciliano. Punta il dito contro Angelo aggredito verbalmente, dentro la sala l’ex anno per brogli interni al partito: nella corsa alla
Capodicasa e Mirello Crisafulli, definiti “padri presidente della Regione Capodicasa ha segreteria avrebbe favorito il candidato dello
padroni” del partito ad Agrigento e Enna, minacciato di chiamare i carabinieri. E più schieramento ufficiale Capodicasa-Di Benedetto,
nel Pd siciliano avversari interni all’asse che regge l’alleanza recentemente, a febbraio, ha scritto al "Fatto Emilio Messana, a danno del suo avversario.

Quelle elezioni del ‘93


e le mani della mafia su Agrigento
AIUTÒ SODANO A DIVENTARE SINDACO
di Giuseppe Giustolisi sentante della famiglia di Porto to a nessuno; ho peraltro an- Dalle dichiarazioni dei due
Agrigento Empedocle, il quale però, non ch’io sparso la voce con la fa- pentiti Di Gati e Putrone è sca-
essendo agrigentino, di suo miglia di Porto Empedocle”. turito un procedimento a cari-
grigento. Primi anni No- non potè essere di grande aiu-

A
co di Sodano per concorso L’attentato al giudice Falcone (FOTO LAPRESSE)
vanta. L’onda di Mani pu- to alla causa: ”Messina, ha rac- NEL CORSO degli anni, Ca- esterno in associazione mafio-
lite e delle facce nuove in contato Putrone ai pm paler- logero Sodano avrà modo di es- sa, archiviato dal Gip perché SULL’ESPRESSO
politica arriva anche in mitani, mi disse di spargere la sere condannato in via defini- non c’è prova di favori resi dal-
Sicilia e nella città dei Templi
si vota per il sindaco. È la pri-
ma elezione diretta, maggio
voce con tutti gli agrigentini
che conoscevo per farlo vota-
re; in cambio Sodano promise
tiva per avere favorito l’abusi-
vismo nella splendida Valle dei
Templi e, per non farsi manca-
lo stesso Sodano a Cosa Nostra.
Ma il giudice scrive anche che i
pentiti sono attendibili quan- I RAPPORTI TRA I BOSS E B.
1993. A capo di una lista civica
si presenta un giovane militan-
te di Legambiente, fa l’avvoca-
che in caso di bisogno sarebbe
stato a disposizione. Non co-
noscendo molte persone di
re nulla, di guadagnare una
prescrizione per una sua villa
abusiva (poi demolita) proprio
do riferiscono dell’appoggio
elettorale da parte della mafia
alla candidatura di Sodano. A
SECONDO BRUSCA
to e si chiama Giuseppe Arno- Agrigento di fatto non l’ho det- nella Valle dei Templi. sostegno di Arnone è interve-
ne. Ce ne siamo occupati spes- nuto il senatore Pd Giuseppe econdo l’uomo della strage spingere il pulsante del tele-
so per le sue iniziative, talvolta Lumia: “Le dichiarazioni del Sricolosi
di Capaci, quei rapporti pe- comando per far saltare in aria
fuori le righe, contro le collu-
sioni mafiose del centrosini-
L’esponente pentito Maurizio Di Gati, ha
detto Lumia, confermano co-
sono durati decenni,
con tanto di pagamenti perio-
Giovanni Falcone, la moglie e
la sua scorta. Condannato per
stra siciliano. All’epoca il suo
avversario è un repubblicano,
di Legambiente, me sia forte il livello delle col-
lusioni mafia-politica. Nella
dici e messaggi incrociati. I
rapporti tra Silvio Berlusconi
oltre cento omicidi, tra cui
quello del piccolo Giuseppe
Calogero Sodano, candidato
sindaco di Alleanza democra-
Arnone, a capo provincia più mafiosa d’Italia,
quella di Agrigento, Cosa No-
e Cosa Nostra, stando a quan-
to raccontato da Giovanni
Di Matteo (strangolato e sciol-
to nell’acido), ora è un colla-
tica, con uno sponsor d’ecce- stra non solo ha avuto interes- Brusca ai magistrati della pro- boratore di giustizia. E di fron-
zione come l’allora deputato di una lista se a sostenere un candidato cura di Palermo. Una messe di te ai magistrati ha sostenuto
Pri, Giuseppe Ayala. Arnone ben visto dalle cosche, ma è in- dichiarazioni di cui l’Espresso che tra Berlusconi e Cosa No-
perde per quattrocento voti e civica, tervenuta soprattutto per riporta anticipazioni nel nu- stra c’erano rapporti stretti e
Sodano fa il sindaco per otto scongiurare che venisse eletto mero in edicola da oggi, in un continui. Secondo quanto ri-
anni. Poi diventerà senatore perse per 400 Giuseppe Arnone, una perso- pezzo a firma di Lirio Abbate. portato da Abbate, Brusca ha
per cinque. Oggi, a distanza di na che avrebbe dato loro filo da Fu Brusca, boss del manda- raccontato di ingenti capitali
anni, sappiamo da due pentiti, voti. torcere”. mento di San Giuseppe Jato, a che il boss Stefano Bontate
Maurizio Di Gati e Luigi Putro- avrebbe investito nelle attivi-
ne, che in quella campagna tà imprenditoriali di Berlu-
elettorale mise il becco la ma-
fia.

DI GATI , ex capo provinciale


di Cosa Nostra ad Agrigento
Rifiuti, Cosentino in Tribunale sconi, negli anni settanta. A
detta di Brusca, Berlusconi
versava ogni anno a Bontate
600 milioni di lire. Nel 1981 il
boss morì, per mano dei Cor-
nel 2000, ha rivelato alla Dda di leonesi, il clan emergente. E
Palermo che la vittoria di Arno- di Vincenzo Iurillo chiesta. Solo il 18 aprile scopriremo se il governo Berlusconi allora niente più pagamenti.
ne sarebbe stata letale per gli Santa Maria Capua Vetere si costituirà contro il suo ex sottosegretario all’Economia Ma nel 1986, avrebbe detto il
interessi di Cosa Nostra: “Ri- nonché coordinatore Pdl in Campania. E’ invece presente pentito, Ignazio Pullarà fece
cordo una circostanza relativa ndossa un completo scuro, sfodera sorrisi e pacche sulle l’avvocato della Fibe, altra parte offesa, intenzionata a ren- piazzare dell’esplosivo sulla
all’elezione a sindaco di Soda-
no, ha detto Di Gati al pm Fer-
I“Non
spalle, si intrattiene coi telecineoperatori scherzando:
avete mai fotografato un boss così, in diretta?” Saluta
dersi parte civile. Sarebbe stata danneggiata, secondo la
Procura, dalle manovre di Cosentino. Accusato tra l’altro di
cancellata della residenza mi-
lanese di Berlusconi. Un mes-
nando Asaro, nella metà degli affettuosamente un avvocato e dirigente locale del Pdl: “È lui aver cercato di costituire in combutta con la camorra un saggio intimidatorio di cui pe-
anni ’90. In quel momento c’e- il mio sindaco per le amministrative di Santa Maria Capua ciclo dei rifiuti alternativo e concorrenziale a quello ufficiale rò non sarebbe stato informa-
ra Arnone, l’ambientalista, che Vetere”. È un Nicola Cosentino di ottimo umore quello che gestito fino a pochi anni fa dalla società del gruppo Im- to Totò Riina, infuriatosi ap-
era messo bene. In quella cir- si affaccia nei corridoi del Tribunale di Santa Maria Capua pregilo tramite il contratto con il commissariato di governo. pena saputo del gesto, tanto
costanza Sodano ebbe l’appog- Vetere per presenziare alla prima udienza del processo che Il presidente del collegio ha poi ricevuto una istanza di da decidere di gestire perso-
gio di Cosa Nostra nella perso- lo vede imputato di collusioni coi clan camorristici casalesi Sinistra Ecologia e Libertà a costituirsi parte civile. Nell’atto nalmente i rapporti con l’im-
na di Arturo Messina. Durante nei business degli appalti e dei rifiuti in Campania. Udienza redatto dall’avvocato Italo Palumbo, Sel sostiene che “Co- prenditore milanese. Dopo la
un incontro da Salvatore Fraga- rapida e senza effetti, quasi subito slittata al 18 aprile. Il sentino (…) ha illecitamente condizionato il voto elettorale, bomba, Berlusconi avrebbe
pane, che allora era latitante a presidente del collegio C della prima sezione penale, Giam- lo ha manipolato… finendo per produrre un danno agli altri pagato mezzo miliardo l’anno
Casteltermini, eravamo pre- paolo Guglielmo, rileva infatti che il fax del decreto di rinvio partiti - tra cui Sel - che hanno sempre agito nel rispetto della a Riina. Nel 1993, la nascita di
senti io, Messina Arturo, e Sal- a giudizio inviato all’Avvocatura dello Stato (la presidenza legalità”. Il collegio decide- Forza Italia. “Il collegamento
vatore Castronovo. In quel del consiglio dei Ministri è parte offesa) è privo della ‘relata rà nella prossima udienza con il nuovo movimento po-
contesto sentii Messina lamen-
tarsi di Arnone, candidato a
di notifica’. In pratica non c’è conferma che questo do-
cumento sia giunto a destinazione, ed in effetti di legali in
Manca sull’ammissibilità della ri-
chiesta, che peraltro pare
litico che sta per nascere pas-
sa da Dell’Utri” avrebbe anco-
sindaco di Agrigento, che era
in buona posizione per vincere
nome del Governo non c’è traccia. Di qui la necessità di
perfezionare la notifica. Il rinvio trova d’accordo anche i
la notifica non avere precedenti. E de-
ciderà se consentire o me-
ra raccontato Brusca, secon-
do cui l’attuale esponente del
le elezioni e che non avrebbe
consentito di mettere più “le
pubblici ministeri Giuseppe Narducci e Alessandro Milita, in
aula a sostenere l’accusa dopo aver tessuto i fili dell’in-
dell’avvocato no le riprese tv del dibatti-
mento. Una trentina le te-
Pdl “era visto come erede di
Bontate, perché vicino a que-
mani” di Cosa Nostra su Agri- levisioni che vogliono man- st’ultimo”. L’ex capo manda-
gento. In relazione a tale fatto, Nicola Cosentino in Aula a Santa Maria Capua Vetere (FOTO EMBLEMA) di Stato, darlo in onda. Tra le quali la mento prosegue: nel 1994,
Messina mi disse che Sodano Bbc. “Ci mancano solo le tv Berlusconi e Dell’Utri, trami-
gli si era rivolto per i voti e fu udienza arabe” ha commentato, con te Vittorio Mangano (lo stal-
effettuata una raccolta di voti a garbo, uno degli avvocati di liere di Arcore) “si sarebbero
cura di Castronovo Salvatore rinviata Cosentino, Agostino De Ca- impegnati a soddisfare tutte
ed Arturo Messina, in entram- ro, che insieme al collega le nostre richieste”. E uno de-
be le circostanze in cui Sodano al 18 aprile Stefano Montone auspica gli esempi sarebbe stato il fa-
fu sindaco di Agrigento. Ciò che il processo non venga moso decreto salva ladri, poi
consentì l’elezione di quest’ul- “televisivamente spezzetta- ritirato. Sempre per Brusca,
timo”. Per meglio capire il ca- to” fino a diventare incomprensibile, col rischio di con- l’intesa con Forza Italia sareb-
libro dei personaggi citati da dizionarne lo sviluppo dibattimentale. Nel rinviare al 18 be stata la fase due di una stra-
Di Gati, Messina era il capo del- aprile il Tribunale ha fissato un calendario di udienze fino a tegia iniziata dopo Capaci.
la cosca agrigentina, condan- luglio inoltrato. Si svolgeranno tutte di lunedì. Col consenso Nel luglio 1992 la mafia avreb-
nato all’ergastolo per mafia e dell’imputato. Cosentino come Berlusconi. Ma c’è una lo- be cercato l’intesa con lo Sta-
omicidi e recentemente morto gica. E’ un deputato. La Camera il lunedì quasi sempre è to. Ma le trattative sarebbero
in carcere, Fragapane era il pre- chiusa. tramontate. La procura di Pa-
decessore di Maurizio Di Gati, Prima di entrare in aula, l’ex sottosegretario si è concesso al lermo potrebbe depositare i
come capo provinciale di Cosa plotone di cronisti giunto da tutt’Italia e anche dall’estero: verbali di Brusca negli atti del
Nostra. “Non mi sento un perseguitato e sono fiducioso nella ma- processo al generale dei Cara-
Che Cosa Nostra agrigentina si gistratura, parteciperò con assoluta serenità al processo e binieri Mario Mori, accusato
fosse mobilitata per cercar voti assicurerò una leale collaborazione coi giudici. Per ottenere di favoreggiamento aggrava-
a Sodano, lo conferma l’altro una sentenza veloce ho chiesto di essere giudicato con rito to.
pentito, Luigi Putrone, rappre- immediato”. ldc
Venerdì 11 marzo 2011 pagina 7

KILLERAGGI

Sallusti Il Giornale diretto da Feltri e Belpietro


Le prime pagine Alessandro “Olindo” Sallusti ha Condiretto da Maurizio
messo in prima pagina, Belpietro e dall’ex direttore
mercoledì scorso, Italo Bocchino. del Giornale, Vittorio Feltri,
dei quotidiani Per il quotidiano di proprietà Libero attacca Bocchino con
della famiglia Berlusconi c’è un’intervista a Roberto
proprio il deputato Fli dietro lo D’Agostino, l’inventore del
vicini al presidente scandalo di Noemi Letizia sito Dagospia

L’ASSALTO MEDIATICO A BOCCHINO,


ULTIMO NEMICO PUBBLICO DI B.
Libero e Il Giornale contro “il traditore”. Che li conosce bene
di Luca Telese tratto come un ras violento e ar- liano). Vuole diventare primo in libertà di iniziativa dei direttori in- ditare agli elettori-tifosi, e Bocchi- quadrare le proprie legioni, pro-
rogante, scavando nei dissidi in- classifica e potrebbe persino riu- teressati, ma di sicuro spiega che no ha la massa critica e la presenza duce “il Kulako”, il traditore, il ser-
e per due giorni di seguito terni al partito con metodo. Mau- c’è un mood, un comune sentire su

S
scirci con la sua “Storia di destra”, scenica per interpretare il ruolo. vo dei complottatori, esattamen-
sia Libero che Il Giornale ti de- rizio Belpietro ha sparato in prima prefatta dall’amico (oggi separato cui riposa l’assalto. Era amico di Belpietro, per dire, te come l’immaginario staliniano
dicano la prima pagina (e pagina il titolo più surreale proba- dall’antifinismo) Pietrangelo But- ma questo non gli ha risparmiato aveva bisogno di queste figure fi-
una intera dentro il quotidia- bilmente più scioccante della sua tafuoco. Ma detto questo, la do- LA SECONDA risposta forse è gli strali. In fondo, il meccanismo no ad arrivare all’invenzione. L’ul-
no) qualcosa vuol dire. Se per me- gestione (“Bocchino amaro”), ed manda rimane. Perché proprio più complessa. È come se il pos- di generazione del nemico, nel- tima risposta, invece, è di tipo per
si finisci nel titolone come un ber- entrambi i giornali (a partire dal lui, e perché con tanta violenza? La sente apparato comunicativo del l’immaginario berlusconiano, se- così dire “tecnico”. Bocchino vie-
saglio fisso, un motivo ci deve pur Giornale quando era diretto da Vit- prima risposta è semplice: eviden- Cavaliere avesse un continuo bi- gue degli stilemi molto comunisti ne da dentro il sistema e quindi ne
essere. C’è qualcosa di interes- torio Feltri) hanno trasferito ed temente perché sta sulle palle a Sil- sogno di carne fresca. Serve come e molto “sovietici”. La necessità fi- conosce i talloni d’Achille e i pun-
sante nell’epifania mediatica ro- esteso la battaglia “anti-italica” vio Berlusconi. Il che non toglie la il pane un nemico pubblico da ad- siologica nel nemico esterno per ti deboli. Mentre gli uomini del
vesciata e nell’assurgere di Italo (nel senso di Italo) all’intera fami- centrosinistra cedono come ri-
Bocchino a nemico pubblico del glia. Per non essere da meno Chi cotte ai guastatori del Cavaliere,
centrodestra italiano, in un corol- pubblicò in piena estate una foto Sallusti e Feltri visti da Manolo Bocchino è sempre all’attacco.
lario di polemiche giornalistiche, di Bocchino in t-shirt che parla sul- Fucecchi mentre si divertono col Restò memorabile la sua battuta
denunce per stalking (dell’inte- la piazzetta di Capri con Paolo Mie- bersaglio Bocchino. In alto D’Agostino sulle povere vittimelle dell’Olget-
ressato) e nell’appendice collate- li nemmeno fossero le prove di un tina a Ballarò (“Ma fra queste bene-
rale di una disputa d’onore al col- complotto giudaico massonico ficiate dalla generosità di Berlu-
tello con (l’ex) amico di un tempo (“Ecco i consiglieri segreti di Fi- sconi non ce n’è nemmeno una
Roberto D’Agostino. Lo stereoti- ni!”), il che doveva far presagire che abbia sessant’anni). Non me-
po a cui Bocchino viene crocifis- che o Mieli o Bocchino erano cor- no ficcante è stato il duello a In On-
so dalla stampa di ispirazione ber- tesemente tallonati (o “attenzio- da (finito ovunque su Youtube) in
lusconiana (la contesa con il sito nati”) da paparazzi volenterosi, il cui, ospite del mio programma,
del re del gossip ha implicazioni gossip sulla presunta relazione Bocchino per un’ora esatta ha
diverse e più complesse) è quello con Mara Carfagna diventa una continuato a bersagliare Sallusti
del “Giuda”, del “rinnegato”, del clava contudente (da cui persino con una domanda (rimasta senza
“traditore infame” (se non del la ministra viene sollecitata a risposta): “Perché non dici quan-
corrotto arricchito con pubbli- emanciparsi con intervista “ripa- to ti pagano per fare il killer?”. La
che commesse). Un politico che, ratrice”). E siccome nel sistema di polemistica anti-italica (nel senso
in questa iconografia dilatata, di- comunicazione berlusconiano di Italo), dunque, è destinata a pa-
venta addirittura artefice del pec- tutti i vasi sono comunicanti, per- reggiare quella anti-finiana. Per-
cato originale, se è vero che Il Gior- sino su Canale 5, nel contenitore ché nel duello senza tregua, gli hi-
nale lo imputa persino per essere apparentemente svagato di Kali- ghlander di B. non conoscono la
stato l’uomo che ha “soffiato” a spèra, il vicepresidente di Fli è sta- tregua. Come suona bene, in boc-
Dagospia (nientemeno!) la noti- to irriso – nientemeno! – per una ca a Sallusti, la belligerante battuta
zia delle notizie, quella della festa comparsata cinematografica gio- di Cristopher Lambert: “Alla fine
a Casoria in cui Silvio Berlusconi vanile, quando (poco più che ven- ne resterà uno solo”.
andò a visitare Noemi Letizia. tenne) accettò di recitare un ruolo
da cameriere ne La bruttina stagio-
PER Il Giornale quella soffiata è co-
me la cacciata dall’Eden, lo sfregio
inemendabile al berlusconismo,
che già in sé giustifica il calvario
nata: un cammeo in uno dei film
prodotti dalla moglie, e faceva una
certa impressione assistere alla
spensierata gogna signoriniana
Perché ho impedito agli altri di parlare
successivo. Allo stesso tempo va che quella particina – a vent'anni PAOLO FLORES MERCOLEDÌ A EXIT: “HO FATTO COME LORO, ADDESTRATI PER INTERROMPERE”
detto che la denuncia di Bocchino di distanza – poteva produrre. Ma
per stalking giornalistico non ha siccome Bocchino non ha proprio di Paolo Flores d’Arcais Ma per garantire il ritmo ci sono i condut- standard anglosassone. Non Gad Lerner,
precedenti giuridici, e che se la il physique du rôle della povera vit- tori. Sarebbe logico che solo loro, e un non la giornalista del Foglio presente, e
campagna contro di lui non avesse tima, bisogna anche aggiungere ercoledì sera a Exit ho impedito all’on. ospite alla volta, avessero il “microfono neppure la conduttrice, che immagino
dei contorni di accanimento quasi
grottesco, potrebbe persino sug-
che l’uomo macchina di Fini cono-
sce bene questo meccanismo e in
M Reguzzoni di parlare. Dopo due ore e
passa che il fedelissimo di Bossi padre e
aperto”: la trasformazione della contro-
versia in rissa o in starnazzare disturbato-
quei servizi avesse commissionato e ap-
prezzato, visto che li ha mandati in onda.
gerire domande sulla liceità di una parte lo ha anche sfruttato, se è ve- trota faceva (con Sallusti “spalla”) il bello e rio sarebbe in tal modo impedita in radice. Per cui, alla terza overdose di accuse cam-
risposta giudiziaria a una campa- ro che adesso approfitta della sua il cattivo tempo, parlando sempre lui (an- A me piacerebbe anche (e a molti telespet- pate in aria sono stato costretto a interve-
gna di stampa. Ieri Vittorio Macio- nuova aura mediatica per fare il che se il verbo “parlare” è spericolato: bia- tatori, credo) che dietro ogni ospite ci fos- nire per dire un ovvio “basta!”.
ce scriveva: “Non nominare il suo salto in serie A, e a giorni si prepara scicava all’infinito un’identica giaculato- se un cronometro che segni quanto tem- So bene che nel mondo repubblica-co-
nome invano”, con il corredo di 36 a provare la scalata alla classifica ria di fede bossiana) e interrompendomi po ciascuno ha avuto a disposizione, per- stituzionale molti pensano che non si deb-
foto dei cronisti martiri vittima con la sua autobiografia politica appena aprivo bocca, mi sono ricordato ché anche la trasparenza delle “armi pari” ba rispondere “a brigante, brigante e mez-
della denuncia. Ma Il Giornale ha (“Una storia di destra”) che la Lon- del grande presidente Sandro Pertini, che rende un confronto più affascinante. zo”, che alla becera litania delle interru-
pubblicato anche la nota minuzio- ganesi ha deciso di mandare in Li- ripeteva sempre “a brigante, brigante e Nella tv italiana il conflitto delle idee og- zioni si debba rispondere con l’aplomb di
sa dei rimborsi a cui aveva diritto breria con una tiratura-monstre mezzo”, e ho deciso di non essere più cri- gi è un sogno, tranne rarissime eccezioni, un ragionamento ogni volta ripreso dall’i-
da capogruppo, lo ha accusato di (20 mila copie, quella da cui di so- stiano (“porgere l’altra guancia”) e neppu- benché in molte televisioni europee sia la nizio. Il fatto è che un ragionamento che
voler fare le scarpe a Fini, lo ha ri- lito parte un ottimo best-seller ita- re civile. Ho fatto come loro. L’ho fatto, normalità. Ci sono prezzolati e/o cheer- sia uno non te lo lasciano nemmeno ab-
anzi, meglio di loro (cioè peggio). leader di regime, addestrati all’insulto, alla bozzare, e dunque finisci tuo malgrado a
Sia chiaro, questo è l’opposto del mio menzogna e comunque all’interruzione dover scegliere tra fare la figurina (in tutti i
ideale di dibattito televisivo. Ho scritto sistematica (visto che al ragionamento è sensi) in un poker truccato, dove gli assi
P4, Bisignani più volte negli anni, e di recente su questo
giornale, che un dibattito per essere au-
impossibile addestrarli), cioè al manga-
nello e all’olio di ricino mediatico contro
vengono distribuiti solo alla volgarità, alla
menzogna, alla violenza delle corde voca-
tentico, e dunque appassionante, implica l’oppositore, e conduttori che troppo li, insomma ai professionisti dello squadri-
sentito in procura che ciascuno dei contendenti possa
esporre secondo logica una connessione
spesso lasciano fare, e ospiti più o meno
repubblican-costituzionali che per buona
smo mediatico (non di rado donne: l’uni-
ca parità che il berlusconismo conceda lo-
n incontro tra Luigi Bisignani e i pm della procura di Na- di fatti e opinioni, senza essere interrotto. educazione finiscono per subire l’inde- ro), oppure svelare la truffa comportan-
Ud'affari
poli: l'inchiesta sulla “P4” prosegue e il potente uomo
ha detto d'essere disponibile a collaborare. Bisigna-
Dopodiché, senza interromperlo, ascolte-
rà le argomentazioni del suo interlocuto-
cente asimmetria.
Mercoledì a “Exit” c’è stato qualcosa di
doti come loro, ma con più coerenza, e
mostrando come in tal modo la trasmis-
ni, considerato l'uomo chiave della “rete parallela” indivi- re. Rispettando i tempi televisivi, ovvia- più e di peggio. Sono stati presentati al- sione stessa diventi impossibile.
duata dai pm Henry John Woodcock e Francesco Curcio, in mente, perché sul piccolo schermo l’at- cuni servizi giornalistici di straordinario Io penso che se tutti gli ospiti più o meno
questi ultimi giorni ha mostrato più volte, attraverso propri tenzione precipita dopo due o tre minuti. livello professionale, che mostravano con repubblican-costituzionali, alla prima in-
legali, il segnale di voler collaborare con gli inquirenti. Un imparzialità le diverse sensibilità che al- terruzione dell’addestrato di regime di-
segnale che è stato raccolto – anche se dagli uffici giudiziari bergano nella “pancia” dell’elettorato le- cessero un secco “se mi interrompe una
non giunge alcuna conferma - e che ha portato al primo con-
tatto con i pm. L'inchiesta è vasta: Bisignani dovrà rispon-
Nei talk-show è ghista. Dopo ognuno di questi ineccepi-
bili brani di giornalismo-giornalismo (che
seconda volta non la faccio più parlare per
tutta la trasmissione” e ovviamente man-
dere a molte domande e forse non sarà sufficiente un solo
interrogatorio. Nomine ai vertici dell'Eni, contatti con alti
diventato impossibile ormai si vede solo dalla Gabanelli, ad An-
nozero, con Iacona) il succitato Reguzzo-
tenessero, questa indecenza di prepoten-
ze finirebbe in un fiato.
funzionari dei servizi segreti, rapporti con giornalisti e i pre- ni vomitava anatemi per le falsità che vi Ne va della democrazia. Che non è solo
sunti dossieraggi della cosiddetta “macchina del fango”: an- ragionare, si sceglie sarebbero state contenute, confondendo- regola della maggioranza ma anche, ed es-
che su questo Bisignani dovrà fornire la propria versione. si evidentemente col Tg1 di Minzolini. E senzialmente, consenso ottenuto attra-
Antonio Massari tra fare la figurina nessuno in studio che dicesse una parola verso l’argomentazione razionale recipro-
in difesa dell’onorabilità professionale di ca, altrimenti la mera “conta” è solo l’an-
e farsi aggredire chi aveva invece dato prova di autentico ticamere della “legge” del più forte.
pagina 8 Venerdì 11 marzo 2011

INFORMAZIONE

N
LA GUERRA SANTA BREMBATE
Tracce di Dna
sul corpo di Yara

TRA “STAMPA” D opo la conferma


del ritrovamento
di una traccia genetica
sul corpo di Yara
Gambirasio,
corrispondente a un

E “GIORNALE” profilo maschile, oggi è


emerso il particolare,
non confermato ma
nemmeno smentito
dagli inquirenti,
dell’isolamento di un
A Torino arriva Tornielli, in fuga secondo Dna, questa
volta femminile.

da Sallusti, per un sito tutto Vaticano


di Carlo Tecce versa e meno giornalistica di del Giornale raggiunge Miche-
Tornielli, apprezzato per le le Brambilla, vicedirettore,
rmai c'è una diaspora al sue riflessioni e la sua cultura autore di Gesù spiegato a mio

O Giornale di Alessandro
Sallusti, già svuotato
con l'addio di Vittorio
Feltri e le fughe a Libero. Pros-
sima destinazione Torino, La
religiosa, e poco appassiona-
to dei retroscena sul potere
vaticano. Non è un caso che
l'anonimo del Giornale debut-
tò con una biografia-elegia di
figlio e di Qualche ragione per
credere con Alberto Messori,
l'editorialista del Corriere della
Sera che Calabresi voleva con
sé a Torino. Ma Calabresi è
Stampa di Mario Calabresi. Il Tarcisio Bertone, segretario riuscito a strappare Alberto MILANO
vaticanista Andrea Tornielli di Stato e che Tornielli, vicino Simoni all'Avvenire, corrispon- Illustrazione
lascia il Giornale berlusconia- al cardinal sottile Camillo Rui- dente a New York del quo- di Doriano Indagato
no, più volte in contrasto ni, chiude i suoi 15 anni al tidiano dei vescovi e anche per mafia all’Asl
con la Chiesa, per un quo- Giornale con un'intervista al l'ex portavoce di Comunione pure i suoi ottimi rapporti con responsabilità per una te-
tidiano un tempo laico (azio-
nista, borghese) e oggi in sin-
tonia con la Santa Sede. Così
successore Angelo Bagnasco,
presidente della Conferenza
episcopale italiana.
e liberazione, Marco Bardaz-
zi.
con la Santa Sede: l'anno
scorso è stato ospite al mee-
ting di Cl a Rimini e relatore a
stimonianza missionaria an-
che in rete”. Calabresi disse
che a volte “la realtà è testar-
A l telefono
prometteva appalti
pubblici. Peccato che i
in sintonia che La Stampa E ora La Stampa di Torino, nel IL DIRETTORE del sito sa- un convegno in Vaticano su da”, per rispondere a chi te- suoi interlocutori fossero
prepara un sito d'informazio- 150esimo dell'Italia unita, sa- rà Paolo Mastrolilli, ex colla- media, Internet e Chiesa. Un meva le notizie che possono uomini della
ne cattolica, un portale ita- rà l'epicentro per le notizie boratore di Radio Vaticana e titolo impegnativo (e profe- falsificare i fatti. Anche per ’ndrangheta. Nonostante
liano per un pubblico inter- che provengono da San Pie- per pochi mesi responsabile tico), approfondito per tre non correre rischi, il Vatica- questo, Pietrogino
nazionale: i contenuti saran- tro. Tornielli completa una della redazione romana de La giorni anche con l'intervento no benedirà La Stampa che in- Pezzano, calabrese classe
no venduti ai media stranieri rosa di giornalisti cattolici, Stampa. Il progetto di Cala- finale di papa Benedetto XVI: veste migliaia di euro per un ‘47, il 23 dicembre scorso,
attraverso una società che cari al Vaticano e ai movimen- bresi ha un valore editoriale e “Scoprire il complesso con- sito d’informazione cattoli- viene nominato dg
può distribuire il prodotto e ti dei fedeli . L'ex vaticanista commerciale, ma consolida tinente digitale per gestirlo ca. dell’Asl di Milano, la più
attirare la pubblicità, forse la grande d’Italia. Nomina
News Cop. del magnate Ru- voluta da Formigoni. Ora,
pert Murdoch. però, il carico da novanta

I PROGETTI di Calabresi CDA RAI Ok a Ferrara, Sgarbi lo porta il ministero


dell’Interno. Per oltre un
s'incrociano perfettamente anno, Pezzano è stato
con le richieste di Tornielli
che – come dicono fonti qua-
e Vespa in prima serata indagato per associazione
mafiosa. La risposta del
lificate e come ieri ha scritto il ia libera a maggioranza, da parte del stato collocato al giovedì Il commissario Ma- Viminale arriva dopo
Secolo d'Italia – faticava a sop-
portare la linea di Sallusti con
Vai palinsesti
consiglio di amministrazione della Rai,
della stagione di garanzia di
nara. Andrà poi in onda di giovedì, dal 14
aprile, la nuova edizione di Ciak si canta,
l'interrogazione alla
Camera di un deputato
la Chiesa: morbida quando primavera, con diverse novità relative a con Belén Rodriguez e Francesco Facchi- Pd. Ecco cosa si legge:
ignora Ruby e i festini, duris- Rai1 e Rai2. Sei i voti favorevoli, tra i quali netti. Se infatti è confermata – nei palin- “Pietrogino Pezzano è
sima quando Famiglia Cristiana quello del presidente Paolo Garimberti, sesti di primavera ai quali il cda Rai ha pre- stato iscritto nel registro
o un vescovo criticano i vizi due contrari, quelli del consiglieri Gior- so atto oggi in via definitiva – la partenza il degli indagati per il
del Cavaliere. gio Van Straten e Rodolfo De Laurentiis, 16 marzo di Centocinquanta, il nuovo pro- delitto di cui all'articolo
Sallusti conferma con parole mentre si è astenuto Nino Rizzo Nervo. gramma di Vespa e Pippo Baudo in sei 416-bis”. Pezzano finisce
al miele l'uscita di Tornielli: Tra le novità già annunciate nel palinsesto puntate dedicato ai 150 anni dell’Unità sotto la lente degli
“È il più bravo vaticanista d'I- di primavera di Rai1, il ritorno di Giuliano d’Italia, lo sbarco del conduttore di Porta a investigatori alla fine del
talia. Va via perché ha rice-
vuto un'offerta per lui impor-
Il direttore Ferrara dal 14 marzo con Qui Radio Londra,
dopo il Tg1 delle 20, nella collocazione
Por ta (che l'altra sera è sceso di nuovo sot-
to il 9 per cento di share) in prima serata
2008 e ci rimarrà per un
anno. Il 3 dicembre 2010
tante. Nessun dissidio tra di
noi: è lui che decideva come
Calabresi punta che fu del Fatto di di Enzo Biagi. Sempre al
14 viene anche anticipata la partenza dei
con l’informazione slitterà con ogni pro-
babilità alla prossima stagione, a ottobre o
viene archiviato. Ora la
palla passa alla Regione.
e quando scrivere di Chie-
sa”.
sulla Chiesa, nuovi episodi del Commissario Montalbano
con Luca Zingaretti. Posticipata invece
in autunno comunque. A quanto si ap-
prende, Rizzo Nervo avrebbe votato con-
Tanto più che Pezzano è
stato condannato in
Il direttore del Giornale di- dall’11 marzo al primo aprile (ma potreb- tro i palinsesti, ma ha scelto l’astensione appello per il reato di
mentica i numerosi articoli i contenuti be ulteriormente slittare) la partenza del- per evitare che il suo no suonasse come lesioni gravi.
senza firma e con un linguag- la nuova trasmissione di Vittorio Sgarbi una bocciatura nei confronti del nuovo (Dav. Mil.)
gio criptico che - ricorda sem- del portale (che dovrebbe avere come sottotitolo Il programma di Ferrara. Garimberti ha scel-
pre il Secolo d’Italia - da un paio bene e il male). Intanto sono state antici- to invece il sì perché a giudizio del pre- POLVERI SOTTILI
di mesi, esattamente da gen- saranno venduti pate le due puntate di Tu vuò fà l’americano, sidente, il pluralismo si ottiene aggiun-
naio, completano le notizie lo show musicale con Gigi D’Alessio, ed è gendo e non togliendo voci. Ventidue città
sul Vaticano. Una penna di- all’estero fuorilegge

TROTA INDIGNATA T ira ancora una brutta


aria nelle città
italiane. A soli due mesi
dall’inizio del 2011 sono
RENZO BOSSI E LA QUERELA A UN BLOG DI SATIRA già 22 i capoluoghi che
hanno superato i 35
giorni di sforamento del
di Elisabetta Reguitti la diffamazione via internet peggiore revisionismo stori- re regionale lombardo Ren- Pm10 consentito. A
non può essere equiparata co facendo emergere a tratti zo Bossi (responsabile tra guidare la classifica delle
città più inquinate dalle
CSoloolpirne uno per educar-
ne cento? Può essere.
così si potrebbe spie-
a quella a mezzo stampa”.
Nel caso specifico il Gip ha
accolto le istanze del legale
un vero e proprio nazi-fasci-
smo passando per la minac-
cia secessionista alle soglie
l’altro del polo della comu-
nicazione della Lega) che ha
intrapreso l’azione legale
polveri sottili Milano c’è
56 giorni 'fuorilegge”.
gare la querela depositata di Abbatangelo secondo cui delle celebrazioni per l’Uni- proprio nei confronti dello Renzo Bossi (FOTO LAPRESSE)
nell’ottobre del 2009 da non si poteva applicare, per tà d’Italia”. sconosciuto blogger (resi- PROTESTE
Renzo (soprannominato analogia, una norma nata Da qui l’idea di scrivere, ad dente a Mentone in Francia) ta la satira”. Prosegue poi
Trota) Bossi nei confronti per la stampa. Ma torniamo esempio, un racconto dedi- difeso dall’avvocato Gian- l’avvocato se esista un limite Sciopero generale
del blogger Angelo Abba- alla storia del diario segre- cato ad un fantomatico pro- marco Beraldo. invalicabile dalla satira. del sindacato Usb
tangelo colpevole di aver to. getto di invasione dell’isola Sembra dunque che questa
scritto e pubblicato sul suo
sito “Il diario segreto di
Renzo Bossi junior” Free
DI CHE SI TRATTA? Di
una serie di racconti satirici
di Malta, oppure l’ esplosio-
ne della Breccia di Porta Pia
così come l’istituzione di
“QUESTA VICENDA ha
dell’assurdo. Un testo che
palesemente si dichiara sa-
causa sia destinata a diven-
tare un vero e proprio caso
giudiziario non solo perchè
“P orteremo la nostra
rabbia e la nostra
protesta fin sotto i palazzi
edizioni: facciamoli vergo- a puntate che lo stesso au- una Chiesa riformista, seces- tirico realizzato da un pic- di mezzo c’è il figlio di Um- del potere", così
gnare. tore spiega così: “La narra- sionista padana. Storie in cui colo blogger - ha commen- berto Bossi quanto piutto- Pierpaolo Leonardi
Ieri al tribunale di Varese si zione letteraria delle avven- il protagonista principale è tato il legale - che però viene sto perché il tema del con- dell'Esecutivo Nazionale
è celebrata l’udienza preli- ture-disavventure di Renzo per l’appunto il figlio del Se- considerato da un personag- tendere è rappresentato dal Usb, annuncia lo
minare; bisognerà però at- Bossi mi fu ispirata a suo natùr insieme a figure di gio pubblico e politico gra- concetto di libertà che sciopero generale di 24
tendere per sapere come tempo dalla tragica cronaca spicco della Lega a comin- vemente oltraggioso del esprime la satira politica ore proclamato da Usb,
proseguirà questa vicenda quotidiana - spiega il blog- ciare da quello che Abbatan- proprio onore. Appare evi- che per sua natura prende di Slai Cobas, Cib Unicobas e
anche se un risultato il pro- ger -. Cronaca in cui popu- gelo chiama “zio” Borghe- dente che in caso di condan- mira, trasversalmente, espo- Snater, con una
cesso l’ha già prodotto: lismo, demagogia, razzismo zio. Ma tutto ciò sembra non na di Abbatangelo si tratte- nenti sia di destra che di si- manifestazione finale
quello cioè di stabilire “che e xenofobia si impastano al essere piaciuto al consiglie- rebbe di una condanna a tut- nistra. nazionale a Roma.
Venerdì 11 marzo 2011 pagina 9

ECONOMIA

PIAZZA PRECARIA
Dopo le donne, il 9 aprile tocca ai giovani
“Il nostro tempo è adesso, la vita non aspetta”
di Stefano Feltri gnarsi credibilità agli occhi di pelle, comincia a esserci una ze: niente diritti, niente malattia,
una generazione che li percepi- consapevolezza diffusa dei pro- niente Tfr, niente cassa integra-
er ora c’è un appello e un sce come i garanti di una spac-

P
blemi, persone con lavori molto zione, niente congedo parenta-
sito web in costruzione. catura: i supergarantiti da un la- diversi si confrontano con gli le”. Quando è nata sua figlia, tre
Se tutto va come previsto, to, i superprecari dall’altro. stessi problemi, i tempi sono ma- anni fa, Salvo Barrano non ha po-
il 9 aprile ci sarà una gran- turi perché si crei un movimento tuto prendere alcun congedo
de manifestazione di piazza, a “QUESTO GRIDO è un ap- trasversale”, spiega Salvo Barra- dalla sua partita Iva, idem la mo-
Roma ma non solo, un po’ come pello a scendere in piazza – si leg- no, 35 anni, primo dei firmatari glie, anche lei precaria: “eppure,
quella delle donne il 13 feb- ge nel manifesto pubblicato su il- dell’appello. Professione: “ar- come tutti gli autonomi, ogni
braio. Anche il senso di urgenza nostrotempoeadesso.it – a chi cheologo freelance”. Cioè un ar- mese versiamo un quarto dello
(“Se non ora quando”, era lo slo- ha lavori precari, a chi non riesce cheologo che non dipende da un stipendio all’Inps, anche per pa-
gan) è analogo. Tema: “Il nostro a pagare l’affitto, a chi è stanco di ministero o da una sovrinten- gare congedi parentali a cui però
tempo è adesso. La vita non chiedere soldi ai genitori, a chi denza ma, con la sua partita Iva, noi non abbiamo diritto”.
aspetta”. chiede un mutuo e non glielo tratta direttamente con i com-
L’iniziativa parte dalla Cgil, in danno, a chi passa da uno stage mittenti che possono aver biso- SU UN PUNTO gli organizza-
particolare dalla struttura del all’altro, alle studentesse e agli gno di perizie o scavi. Negli ul- tori della manifestazione insisto-
sindacato che si occupa di gio- studenti che hanno scosso l’Ita- timi anni è stato vicepresidente no molto: mentre gli studenti
vani. Ma seguendo l’esempio lia”. Seguono i nomi dei 14 pro- della Associazione nazionale ar- che contestavano la riforma del-
delle ultime campagne, prima motori. C’è soltanto una sindaca- cheologi: “Nella nostra attività ci l’Università, in autunno, erano
“Giovani non + disposti a tutto” lista, Ilaria Lani, della Cgil giova- siamo accorti che i problemi del- preoccupati del loro futuro, chi
e poi “Non + stage truffa”, la Cgil ni. Gli altri sono imprenditori, la nostra condizione sono comu- scenderà in piazza il 9 aprile è as-
non compare come simbolo, giornalisti, avvocati, precari del- ni a professioni diversissime, so- sai più interessato al presente.
sviluppa iniziative autonome lo spettacolo, operatori di call prattutto a quelle che non sono Non è una manifestazione pre-
consapevole che i sindacati tra- center. “Dopo oltre 10 anni di inquadrate in un ordine profes- ventiva, ma dettata dall’angoscia
dizionali devono ancora guada- precarietà vissuta sulla nostra sionale. Ci accomunano le assen- di avvicinarsi ai 35 o ai 40 anni
perdendo la speranza che le co- Una recente manifestazione della Cgil (FOTO ANSA)
se, prima o poi, possano miglio-
rare: “Lo spettacolo delle nostre L’iniziativa ticare sui libri: ci sono troppe
PROCESSO Saras vite inutilmente faticose, delle
aspettative tradite, delle fughe parte dalla
università che vendono solo fu-
mo, se non scegliete una profes-
all’estero per cercare opportuni- sione sicura diventerete i poveri
I sindacati saranno parti civili tà e garanzie che in Italia non esi-
stono, non è più tollerabile”, si
Cgil, ma la di domani”. Magari fosse così
semplice. In piazza il 9 aprile ci
legge nell’appello diffuso ieri. saranno infatti anche rappresen-
a Fiom e la Cgil sono state ammesse concordato il rito abbreviato, a porte In piazza, però, ci sarà anche chi protesta tanti dei “mestieri di una volta”,
Lomicidio
come parti civili nel processo per
colposo plurimo a carico di
chiuse. Compariranno davanti al Gup
il 18 aprile, quando parlerà l’accusa,
è fuggito all’estero e da lì, con
rabbia, rimpiange di non aver sarà senza come li chiama Pansa, tipo Pier-
paolo Pirisi di professione “por-
alcuni dirigenti della Saras, l’azienda quindi il 9 e 16 maggio per le arringhe potuto avere gli stessi successi in tuale interinale, Rete precari
petrolifera dei fratelli Moratti. Lo ha delle parti civili. patria. “Ogni volta che andava- bandiere e portuali di Genova”.
annunciato iedri il segretario generale Per la tragedia alla Saras, che secondo i mo a chiedere i finanziamenti, la
della Cgil Sardegna, Enzo Costa. pubblici ministeri Maria Chiara Man- risposta era sempre la stessa: senza simboli UNA DELLE RAGIONI del-
Nella raffineria di Sarroch (Ca) il 26 ganiello ed Emanuele Secci, è da at- avete solo 19 anni. Il problema è l’iniziativa, dice l’archeologo
maggio 2009 tre operai (Daniele Melis, tribuire alle carenze delle procedure di che questo immenso vantaggio freelance Barrano “è che ci sia-
Bruno Muntoni e Luigi Solinas) dipen- sicurezza organizzate dal vertice del- loro lo vedevano come un osta- della sua età, li ha trovati in Ca- mo stancati che a parlare dei gio-
denti della ditta d’appalto Comesa so- l’azienda, sono imputati il direttore ge- colo”, ha scritto su un blog pri- lifornia grazie a tre ex dipendenti vani e dei precari siano sempre
no stati asfissiati dall’azoto puro all’in- nerale della Saras, Dario Scaffardi, il ma di andarsene Marco Palladi- di Youtube. Palladino è uno dei persone che non sono né l’una
terno di una cisterna. Il Gup del Tri- direttore delle operazioni industriali, no, che ora fa l’imprenditore (a 14 promotori della manifestazio- né l’altra cosa. Adesso tocca a
bunale di Cagliari, Giorgio Altieri, viste Antioco Mario Gregu, il direttore dello 22 anni) nella Silicon Valley, con ne che, sul web sta già racco- noi rivolgerci direttamente alla
le motivazioni aggiuntive presentate stabilimento di Sarroch, Guido Gros- la sua società Mashape, un aggre- gliendo adesioni. A quelli come generazione che sta condizio-
dai legali dei sindacati, ha modificato la so, il responsabile dell’area dove mo- gatore di applicazioni che serve Palladino, ieri su Libero, Giam- nando le nostre vite, ai sindacati
precedente decisione con cui aveva rirono gli operai, Antonello Atzori, e il a chi vuole creare software per paolo Pansa (75 anni) consiglia- che solo ora cominciano a occu-
escluso dal processo i sindacati. legale rappresentante della Comesa, capire cosa c’è già sul mercato e va di fare le badanti o gli infer- parsi di noi e alla politica che, pe-
Per tutti e cinque gli imputati è stato Francesco Ledda. in che direzione muoversi. I sol- mieri in una “lettera aperta ai ra- rò, sembra avere ben altre prio-
di per partire, con alcuni soci gazzi che non hanno voglia di fa- rità”.

UNIONE TIROCINANTI DELLA GIUSTIZIA

QUEI CASSINTEGRATI USA E GETTA INDISPENSABILI PER I TRIBUNALI


di Salvatore Cannavò stesso di lavoratori in cassa inte- Roma, Paolo De Fiore a inviare una

a giustizia italiana ha così tanti


grazione e mobilità”. Emiliano Vi-
ti, uno dei coordinatori della mo-
lettera alle istituzioni con un giu-
BCE Il bollettino minaccia:
Lprovince
vuoti e carenze che quando
e regioni hanno utilizza-
bilitazione, che ha spiegato tutto
al Fatto Quotidiano: “Ero in cassa in-
dizio positivo dell'esperienza. An-
che il Procuratore generale presso
la Corte di appello di Roma. Luigi i tassi d’interesse saliranno
to i cassaintegrati della Fiat, del- tegrazione quando ho letto il ban- Ciampoli, si unisce al giudizio di
l'Alitalia o di Eutelia, per coprire i
vuoti di organico, questi hanno
scoperto non solo di essere bravi
do con cui la Provincia di Roma an-
nunciava la selezione di personale
da avviare come tirocinante per
De Fiore e ribadisce l'utilità di que-
sta esperienza auspicandone il
prosieguo. I tirocinanti del Lazio
Btassileisogna rassegnarsi: la Banca centra-
europea ha deciso di aumentare i
di interesse. O almeno è che quel-
quindi il “meccanismo permanente”
salva-Stati che, nelle complesse partite
diplomatiche in corso a Bruxelles, si-
ma anche utili. Hanno fatto fun- un anno presso il Tribunale. Si trat- iniziano a mobilitarsi, chiedendo lo che vuol far credere, nella speranza gnifica drastico risanamento per i Paesi
zionare gli Uffici giudiziari con- tava di un modo per non stare in "almeno di trasformare il tirocinio che un po’ di terrorismo psicologico più indebitati come l’Italia.
quistandosi l'appoggio dei magi- cassa e anche per avere un'integra- in un contratto a tempo determi- basti per evitare che i rincari nelle ma- Gli italiani cominciano a temere un au-
strati. zione di 240 euro al mese”. Viti nato fino al 2013" data fino alla terie prime si trasformino in inflazione mento dei tassi, che renderà i mutui a
presenta la domanda al Centro per quale è previsto il blocco delle as- galoppante, mettendo a rischio la sta- tasso variabile più costosi e il credito
LA VICENDA dei tirocinanti l'impiego che a sua volta lo segnala sunzioni nel pubblico impiego. bilità dei prezzi. più difficile, temono le quasi certe ma-
della Giustizia di Roma è una storia agli Uffici giudiziari: “Faccio un Il bollettino mensile della Bce, diffuso novre correttive lacrime e sangue, e co-
del'Italia "al contrario". Frutto di primo colloquio, poi un secondo FORMANO COSÌ l’Unione ti- ieri, contiene una novità importante: la minciano a preoccuparsi sempre più
un disperato bisogno di personale e vengo così assegnato ad un uf- rocinanti della Giustizia che, tra- politica monetaria viene classificata anche per il debito pubblico: i Bot an-
da parte della Corte di appello di ficio, prima presso il Tribunale di mite mail, telefonate e contatti va- come “molto accomodante” ma so- nuali collocati ieri hanno avuto un’alta
Roma, avviati al lavoro da una de- Roma e poi presso quello di Vel- ri scopre che ci sono circa 2000 prattutto i tassi di interesse non vengo- richiesta (buona notizia) ma sono stati
cisione della Provincia presieduta letri, in provincia”. Chiamato a fa- persone in Italia nelle stesse con- no più definiti “adeguati”, l’aggettivo è venduti con un rendimento di interes-
da Nicola Zingaretti, dopo quasi re il tirocinio, Emiliano si accorge dizioni. “Se a Roma dipendiamo scomparso. Gli economisti dell’istituto se tornato sopra la soglia psicologica e
un anno di lavoro, i circa 230 ti- che di fatto sarà un dipendente a dalla Provincia in Piemonte dipen- di Francoforte hanno adeguato le loro non solo del 2 per cento (cattiva no-
rocinanti laziali si sono accorti di tempo pieno arrivando, addirittu- dono dalla Regione” spiega anco- previsioni sull’inflazione nel 2011, alla tizia). Significa che per comprare il de-
avere centinaia di colleghi in giro ra responsabile di una parte del- ra Emiliano Viti, "ma il meccani- luce delle crisi africane che stanno fa- bito italiano gli investitori vogliono un
per l'Italia ma soprattutto di essere l'ufficio. smo è lo stesso". Tanto che se a Ro- cendo impennare i prezzi dell’energia: premio al rischio più alto, perché si fi-
indispensabili alla giustizia italia- ma alcuni dei lavoratori interessati l’aumento non sarà dell’1,7 per cento, dano meno della solidità del Paese. E
na ma comunque inutilizzati a par- OPERATORI GIUDIZIARI hanno un passato in Alitalia o in bensì del 2,3. Cioè sopra l’asticella del questo rende il debito più costoso. Se
tire dal prossimo giugno. Ecco chiamati a gestire atti, a fornire Eutelia, in Piemonte ce l'hanno na- due per cento che è, ufficiosamente, poi, come ha previsto il banchiere cen-
perché hanno avviato una silen- supporto tecnico ai magistrati, a turalmente alla Fiat. Quando il mi- l’obiettivo che la Bce vuole perseguire. trale tedesco Axel Weber, il tasso della
ziosa (per ora) mobilitazione. provvedere alla verbalizzazione nistero della Giustizia li ha ricevu- Oltre che dei prezzi, la Bce si preoc- Bce salirà dall’1 all’1,75 per cento, il pe-
La vicenda romana nasce nel feb- ma soprattutto addetti all'informa- to si è limitato a “evidenziare le for- cupa per “la possibilità di una futura so dell’indebitamento dell’Italia diven-
braio del 2010 quando viene sot- tizzazione della giustizia. La cosa ti difficoltà” delle proprie finanze crisi del debito sovrano [che] non può terà parecchio più difficile da sostene-
toscritto un Protocollo d’intesa tra funziona così bene che in alcuni offrendo disponibilità a reperire escludersi completamente”. Serve re.
il Tribunale di Roma e la Provincia uffici si recupera il pregresso e sa- risorse presso la Ue per eventuali
“per l’utilizzo presso il Tribunale rà il presidente del Tribunale di proroghe del tirocinio.
il Fatto Quotidiano ALL’INTERNO
Centocinquanta / 1 Alberto M. Banti
Bufale risorgimentali pag. IV
Centocinquanta / 2 Emilio Gentile
L’Unità della Madonna pag. V
Lab Gloria Origgi
Sesso ed economia pag. VI
Arti Nicola Gardini
settimanale di libri, arti, scienze diretto da Riccardo Chiaberge Afghanistan a Londra pag. VII
11 marzo 2011 - N° 3

Vento, sole
o aria fritta? LE ENERGIE
RINNOVABILI
FUORI DAL MITO
di
Dario Bressanini

È
immaginabile un futuro prossimo senza combustibili fos-
sili? Può una nazione avanzata utilizzare solo energie rin-
novabili? Molti scienziati predicano la necessità di ridurre
l’uso dei combustibili fossili per ridurre le emissioni di
CO2. E se questo non bastasse c’è chi pensa che il picco del petrolio
sia ormai dietro l’angolo. E se anche non lo fosse condizioni eco-
nomiche e geopolitiche potrebbero rendere questo combustibile
molto costoso. Insomma, è il caso di porsi seriamente queste do-
mande. Prima o poi il petrolio finirà, ma sole e vento ci saranno
ancora, per cui è opportuno investire in questa direzione. Spesso
però ci si focalizza troppo sulla fattibilità economica dei vari metodi
di produzione di energia mancando completamente il quadro ge-
nerale. Si discute se l’eolico sia più o meno costoso del nucleare, ma
si dimentica di chiedersi quanto vento c’è per far girare le pale e
quanto uranio è rimasto sulla terra.
continua a pagina II

SCRITTORI
BOCCIATI
IN SCIENZA
di
Antonio Pascale

D
iciamoci l’amara verità. Su al-
cune questioni, fondamen-
tali per lo sviluppo del no-
stro paese - piano energetico
e innovazione tecnologica - noi intellet-
tuali doniamo alla causa un contributo
pari a zero. Non ci capiamo niente. Un
po’ la formazione letterario-filosofica ci
fa preferire gli aggettivi ai numeri, le sim-
bologie retoriche alle analisi rigorose.
Un po’ l’incresciosa situazione è dovuta
alla mancanza di curiosità e di studio.
Fatto sta che ogni volta che un rappre-
sentante della vasta categoria scrittori e
intellettuali dice la sua, commette im-
perdonabili errori. Dacia Maraini sul
Corsera: «la Germania produce più del
30% del proprio fabbisogno energetico
grazie al solare» (1 marzo 2009). Adesso
non so se qualcuno dei lettori ha mai par-
tecipato a un convegno di tecnici com-
petenti in materia energetica: vi posso
assicurare che quando leggono questi
dati si fanno il sangue amaro. Non ci pos-
sono credere.
continua a pagina II

Mobilità sostenibile
Comitiva di villeggianti su un “Lan d
Ya cht”a Skegness Beach, Lincolnshire,
Inghilterra, luglio 1932 (Corbis)

VESPE
F
ermi tutti, avevamo scherzato. cato da ripescare – rassicura Picchioni. - costruito l’identità nazionale. Ma più che
Con l'agile guizzo di un emissa- Per questo abbiamo inventato il Pozzo per le quote rosa, nell’entourage di Cota
rio libico, il presidente del Salone degli esclusi. Ogni visitatore voterà il libro c’è malumore per le quote verdi. Molti la-
di Torino, Rolando Picchioni preferito». mentano che il grosso della quindicina
dribbla le polemiche per la lista dei 150 Un canone all’italiana, insomma, che si venga dal centro sud, e anche i 150 siano
Carlo Emilio Grandi Libri «che ci hanno resi un po’ più
italiani», compilata da un plotone di
riapre e si spacchetta a colpi di televoto.
Come al Festival di Sanremo e al Grande
fortemente meridionalizzati. Tranquilli, il
Pozzo degli esclusi sistema ogni cosa.
lo ripeschiamo esperti in occasione del centocinquante-
nario. Fuori Il fu Mattia Pascal, dentro
Fratello. Che bisogno c’era, allora, di sco-
modare quaranta pseudoluminari sotto la
Come Al Bano e Patty Pravo a Sanremo,
trombati grandi e piccoli torneranno a
col televoto Piccolo mondo antico? Dentro Faletti,
fuori Gadda? Niente Manzoni (con la scu-
guida di Gian Arturo Ferrari? Beh, ne va-
leva comunque la pena: la riforma è epo-
galla col teleripescaggio. Protesta l’U-
nione Consumatori: «Procedura poco
di sa che i Promessi Sposi sono del 1840) e cale. Anche per gli scrittori viene introdot- trasparente». E già circolano le prime in-
Riccardo Chiaberge in cambio il venerabile Graziadio Isaia ta la separazione delle carriere: o libro o tercettazioni, come questa captata al-
Ascoli? Che ci azzeccano i Canti Or- personaggio. Dato che Sciascia è perso- l'Olgettina: «Sono andata a fare due ca-
fici di Campana, dedicati al Kaiser naggio, Il giorno della civetta non va in li- sting vaffa...e invece è entrato quel Citati
Guglielmo II? E perché nella lista de- sta. Certo, le femministe avranno da ridire col suo Leopardi, sai che palle! L’altra se-
gli editori c’è Sellerio e non Garzan- sulle quote rosa: nemmeno una donna tra ra, Lui mi aveva promesso che ci met-
ti? Eh, non stiamo a guardare il ca- gli autori dei 15 superlibri, e una soltanto tevano il mio romanzo La Leopardata.
pello! «Ci sarà sempre un dimenti- (Oriana Fallaci) tra i personaggi che hanno Quello sì, è un libro che ha fatto l’Italia!»
Venerdì 11 marzo 2011 il Fatto Quotidiano

II
VETRINA

VENTO, SOLE O ARIA FRITTA?


LE ENERGIE RINNOVABILI
FUORI DAL MITO
Cambridge. Irritato dalla vaghezza numerica termico, l’eolico, il geotermico e così via, e per Italia avremmo un gran bisogno di un approc-
che spesso contraddistingue le discussioni ognuno stima la potenza prodotta in watt per cio così. C’è qualche fisico che voglia adattare
pubbliche sull’energia, MacKay si è seduto al metro quadro di superficie utilizzata. il libro di MacKay alla situazione italiana?
tavolino e, armato delle leggi della fisica, ha I parchi eolici in zone ventose per esempio Dario Bressanini
stimato il potenziale teorico di tutte le prin- producono 2 watt per metro quadro. MacKay
cipali fonti rinnovabili. Raramente discor- calcola che se, realisticamente, si coprisse an-
si quantitativi e ricchi di numeri arrivano che il 10% della superficie britannica, l’eolico CONSUMO MEDIO DI ENERGIA
sui media, che spesso danno più risalto a non fornirebbe più di un sesto del consumo
intellettuali e filosofi come Serge Latou- energetico medio attuale. Con il fotovoltaico DI UN CITTADINO IN kWh
che, il teorico della “decrescita” (Come non siamo messi meglio: riempire i tetti
si esce dalla società dei consumi, Bol- delle abitazioni di pannelli può certo for-
lati Boringhieri). Discutendo di ener- nire una percentuale importante del pro-
gia e di consumi è invece necessario prio consumo personale di energia elet-
partire dai numeri e dai dati accertati. trica, ma per incidere sul consumo ener-
MacKay per parlare di produzione o getico totale è necessario un utilizzo su
consumi energetici usa un’unica unità larga scala di campi solari.
di potenza “a misura d’uomo”: il kilo- Implacabili, i numeri mostrano come al
wattora per giorno per persona livello attuale di consumi anche somman-
(kWh/d per persona). Il cittadino eu- do eolico, solare, biocarburanti, idroelet-
ropeo medio consuma 125 kWh/d. È co- trico e altre fonti rinnovabili non è pos-
me se ognuno di noi tenesse accese 125 sibile purtroppo sostituire i combustibili
lampadine per 24 ore al giorno. L’ameri- fossili. E che in ogni tipo di opzione le
cano medio ne consuma il doppio mentre il rinnovabili debbano occupare una frazio-
consumo energetico medio di un essere ne significativa della superficie di un pae-
umano sulla terra è di 56 kWh/d. se come la gran Bretagna. E questo senza
Le fonti rinnovabili hanno solitamente una neppure considerare i costi economici.
bassa densità per area. Hanno cioè bisogno di Le alternative, puramente numeriche, so-
grandi superfici per poter ricavare grandi no quelle di ridurre notevolmente i con-
quantità di energia. MacKay analizza il foto- sumi oppure di utilizzare fonti energe-
voltaico, i biocarburanti, le maree, il solare tiche con una alta densità di energia per
metro quadro, come le centrali nucleari.
MacKay non si limita a sfatare alcuni miti ma CONSUMO DEI MEZZI
offre anche possibili soluzioni. Una soluzione,
DI TRASPORTO
Vela da spiaggia
Skegness Beach, Lincolnshire, David MacKay, ovvia, è quella di ridurre i consumi poiché è
più facile risparmiare un kWh che generarne (stime approssimative: auto con un singolo
Inghilterra, luglio 1932 uno. Prendendo però di mira i settori che più viaggiatore, treno pieno a metà della sua capacità)
fisico di Cambridge, contribuiscono e non perdendosi in mille ri-
voli inconcludenti. Riscaldamento e trasporti
CONTINUA DALLA PRIMA consumano la maggior parte dell’energia. L’e-
ha fatto i conti lettrificazione di tutti i trasporti ridurrebbe le
emissioni di CO2 aumentando l’efficienza. Le
in tasca alle fonti
L
ASCIAMO quindi da parte per un at- auto elettriche moderne consumano 15 kWh
timo le considerazioni economiche: per 100 km, mentre le auto a benzina dai 70 ai
il costo di produzione di un kWh 90 kWh. Un treno ad alta velocità invece è
(kilowattora) varia a seconda del
luogo, della legislazione, del mercato, della
alternative. E invita efficientissimo: consuma 3 kWh per passeg-
gero, “solo” il triplo di una bicicletta con il suo
maturità di una tecnologia e così via. Dob- singolo kilowattora.
biamo invece porci una domanda più fonda-
mentale: le limitazioni intrinseche (per esem-
a puntare su Tav Per il riscaldamento degli edifici, a supplemen-
to del solare termico, MacKay suggerisce un
pio le leggi fisiche, o la superficie disponibile uso massiccio delle pompe di calore, anche
in un paese) quali restrizioni impongono ai e auto elettriche queste funzionanti a elettricità, oltre alle mi-
vari modi di produrre energia? In altre parole, sure per ridurre la dispersione termica.
anche ammettendo che produrre un kWh di MacKay non propende per nessuna tecnolo-
energia eolica o solare sia gratis, quanta ener- gia in particolare, ma sostiene che, con i nu-
gia al massimo possiamo sperare di produr- meri sul tavolo, ogni paese deve disegnare un
re? IL LIBR O E L’AUTORE piano energetico che copra totalmente i bi-
Il progresso tecnologico può rendere compe- sogni. A chi lo accusa di essere pro-nucleare lui
titiva una fonte energetica, ma non può cam- David JC MacKay risponde che è solo pro-aritmetica, e che i
biare le leggi di natura: anche aumentando ha messo nero su bianco le sue stime nel numeri parlano da soli.
l’efficienza odierna dei pannelli solari non si libro Sustainable Energy - Without the Hot Air Le sue stime possono essere rese più precise,
può aumentare la quantità di energia solare (UIT Cambridge 2008), che si può anche ma il vero valore di questo approccio è nel
che cade su un metro quadro. La turbina eolica scaricare liberamente all’indirizzo: mostrare un metodo per le discussioni pub-
più efficiente dipende comunque dalla velo- www.withouthotair.com bliche sulle scelte energetiche. «Numeri, non
cità e dalla disponibilità del vento, e così via. Il suo libro sta cambiando il modo con cui si aggettivi», dice MacKay. «Qualsiasi discussione
David MacKay è un fisico dell’Università di discute di questi temi, almeno in Gran Bre- sensata sull’energia richiede dei numeri». In
tagna.
Infatti MacKay è stato nominato recente-
SCIENZA mente Chief scientific advisor del Dipartimen-
to dell’energia e del cambiamento climatico
del governo britannico, con il compito di detto: nonostante la Puglia pro- tri commerciali e non

SCRITTORI affinare le sue stime per costruire un per-


corso verso il cambiamento energetico del-
la Gran Bretagna entro il 2050.
duca solo il 4%, dobbiamo con-
tinuare a investire sulle rinnova-
bili. In questo caso si propongo-
Nostalgica
La scrittrice
Paola
leggono Tasso (Paola
Mastrocola, Toglia-
mo il disturbo. Sag-
BOCCIATI In rete è disponibile una sua conferenza sul
tema tenuta all’Università di Harvard:
www.youtube .com/watch?v=GFosQtEqzSE
no ipotesi di lavoro concrete e
non ci si limita solo ad abbassare
l’ostacolo, dichiarando che il
Mas t r oc ola gio sulla libertà di
non studiare, Guan-
da ) per acquistare au-
problema è già risolto in parten- troppo ascolto torevolezza. Ma la cul-
CONTINUA DALLA PRIMA za. Mi rendo conto, fare le pulci a predicatori e comici incompe- tura, per fortuna, si muove e as-
è noioso e, poi, può capitare a tenti. E poi abbiamo questa be- sume forme nuove. Un intellet-
tutti di sbagliare. Tuttavia, se ci nedetta propensione all’agget- tuale deve essere aperto, curio-

N
oi letterati, del re- cosa. La Germania, che pure è il lo stesso procedimento valga indigniamo, e a ragione, quan- tivazione: verde, sostenibile, so e libero dai pregiudizi. E nulla
sto, faremmo lo stes- paese che ha installato più pan- per un letterato o un intellettua- do sentiamo il nostro Premier la- naturale. Pronunciarli ci da un vieta che a volte non sia creati-
so se un matematico nelli solari pari a 3800 MW, pro- le. Ancora un esempio. Giovan- mentarsi (col suo consueto stile piacere speciale. Ma alla sinistra vo, ma a servizio dei dati tecnici,
dicesse, che so, duce con il solare solo il 2% del- ni Valentini si spinse ad afferma- melodrammatico) di essere vit- è rimasto questo? Un aggettivo cioè li legga e li riassuma e li di-
Dante ha scritto il Decamerone. l’energia elettrica. Dove ha sba- re che «la Puglia di Nichi Vendo- tima di innumerevoli processi, e per strappare l’applauso? Rite- vulghi con umiltà. La cultura è
Non gli daremo credito. Invece, gliato la Maraini? Molto proba- la, (è) la prima in Italia per la pro- gli chiediamo di essere perlo- nersi dalla parte giusta del mon- tutto quello che eccita la nostra
in Italia, il dato proposto dalla bilmente ha confuso la potenza duzione di energia solare ed eo- meno preciso con i numeri, poi do? Forse siamo solo dalla parte curiosità, un ponte che ci per-
Maraini da incredibile diventa (Kw) con energia erogata lica, in grado di coprire il 180% è necessario applicare lo stesso vecchia del mondo. Pensiamo a mette di non essere isole solita-
credibile, e induce tanti a pren- (kWh). L’amara realtà dei nume- del proprio fabbisogno» (“Re- metodo di misura anche in altri quanti intellettuali sono vittime rie. Senza cultura non c’è buona
derlo come riferimento. Nelle ri e i principi della fisica stabi- pubblica” del 5 febbraio 2010). ambiti. Insomma, la sensazione del sapere nostalgico, ovvero: evoluzione e ci resta solo l’inte-
discussioni, nei blog, nelle tra- liscono incontrovertibilmente A leggere i dati Terna del 2008 si è che noi letterati manchiamo tutto quello che è avvenuto nel gralismo. È facile contestare i fa-
smissioni televisive, ho sentito che noi purtroppo consumia- scopre che la Puglia produce proprio di un metodo per la cor- passato ha valore (perché natu- natici islamici, meno facile è ca-
spesso «la Germania produce il mo energia e non potenza. Pos- meno del 4%. Nel 2009 la situa- retta misurazione. Nonostante rale, autentico) mente il presen- pire che le posizioni integraliste
30% con il solare». Quel dato fa siamo installare pannelli solari e zione è migliorata, forse si arriva molti si professino laici e segua- te è sinonimo di corruzione. sono sfumate e si manifestano
opinione, perché è facile (in ve- centrali eoliche potenti, ma se il al 5%, ma la Puglia produce ci di Socrate (il Protagora pla- Può un intellettuale offendere il ogni volta che viene meno una
rità è da irresponsabili), e per sole non c’è o il vento non sof- energia con il solito (e insoste- tonico è un elogio alla misura), presente? Non dovrebbe, dicia- condivisa metodologia conosci-
questo passa di bocca in bocca. fia, l’energia ricavata è minima. nibile) carbone e il gas. Favore- su alcune questioni preferiamo mo che però conviene. Basta di- tiva, quella che ci permette di ef-
Naturalmente, la Germania non Insomma, se la correttezza dei vole, naturalmente, alle così saltare i numeri ostici e affidarci re “ai miei tempi” per vedersi fettuare sani scambi culturali.
produce il 30% con il solare: sa- dati è per un tecnico il primo dette energie alternative, però alle dichiarazioni religiose. Sia- garantito un posto in classifica. Perlomeno accordandosi sui da-
rebbe meraviglioso, ma la triste passo per la comprensione del come lettore mi sarei ritenuto mo moderni nello stile di vita Dichiarare che i giovani fre- ti.
realtà dei numeri ci dice un’altra fenomeno, non si può dire che soddisfatto se Valentini avesse ma retrò nei pensieri. Diamo quentano insensatamente i cen- Antonio Pascale
il Fatto Quotidiano Venerdì 11 marzo 2011

III
LETTURE

Eclissi culturali ZITTO ZITTO


di Tiziano Scarpa

Come la narrativa
veneta racconta
l’imbarbarimento
Giù al Nordest LEGGERE BOHÈME
DA PRECARIO
Uscendo dalla Fenice, dove abbiamo appena
assistito a La Bohème, consiglio a un mio gio-
vane amico di leggere Scene della vita di Bohè-
me di Henri Murger, da cui Giacosa e Illica tras-
della società: sero il libretto dell’opera di Puccini.

da Piovene e Comisso GIOVENTÙ A PUNTATE. I motivi per riaprire


quel libro affascinante non sono pochi. Intanto,
la prefazione: autentico saggio seminale (siamo
ai grigi omuncoli nel 1851) sul dissenso giovanile. Poi, la struttura:
non è un romanzo, ma una serie di avventure
urbane dello stesso gruppo di personaggi. Che
di Mariapia Veladiano sono tutti ventenni e precari: un pittore, un mu-
sicista, un poeta, un filosofo. Abitano insieme,
con o senza fidanzate. Sembra di leggere una
sceneggiatura di Friends e di innumerevoli
sit-com giovanilistiche. Ambizioni creative, pre-
di cariato, episodicità: per i giovani di questa clas-
Raffaele Liucci
se sociale la vita è a puntate, perdono di vista il
progetto che li ha portati a vivere così. Le con-

E
CCO UN LIBRO atroce. S’inti-
tola La vita accanto. Lo ha seguenze della loro vocazione non sono l’arte né
scritto una professoressa vicen- la professione prediletta, ma le bollette, l’affitto,
tina cinquantenne, Mariapia i lavoretti secondari: «Dal mattino alla sera van-
Veladiano, al suo esordio letterario. Rac- no a caccia di quell’animale feroce che si chiama
conta la storia di una bambina brutta, moneta da cinque franchi». Il libro di Murger
emarginata da tutti in città per il suo aspet- spiega ancora bene le ultime generazioni di gio-
to sgradevole e respingente. Una storia vani occidentali: l’epoca, con i suoi miti, le icone,
senza lieto fine: in una provincia carica di le star, ti illude di poterlo diventare anche tu. Ri-
pregiudizi, la bruttezza è una malattia cro- sultato: sogni grandiosi e micragna quotidiana.
nica e incurabile. Il volume ha avuto re-
censioni abbastanza canoniche, in gran DA RISTAMPARE. «È fuori catalogo – mi te-
parte incentrate sul profilo femminile del- lefona il mio giovane amico –. Ho trovato Scene
la protagonista. Come se il problema della della vita di Bohème solo nei siti di libri vecchi o
bellezza riguardasse soltanto gli abiti fir- usati, tipo maremagnum.com e abebooks.it. Un
mati, o la taglia 40 piuttosto che 42, o anche la chirurgia estetica, Carnevalate tascabile Bur del 1952. Ce n’è un altro di Murger,
sempre più concupita dalle giovanissime. Il punto, invece, è un altro. Signora e cane in maschera durante il Carnevale di Venezia 2011 I bevitori d’acqua, non più edito in italiano dopo il
Questo romanzo è una metafora perfetta del Nordest. Più di tante 1944».
inchieste giornalistiche o ricerche sociologiche, spiega come mai residui freni inibitori, alimentando un leghismo forcaiolo e trucu- «È bellissimo anche quello – gli dico –. Per ri-
una terra economicamente floridissima abbia prodotto una delle lento. Ma intatta è rimasta l’ipocrisia cattolica di fondo, un sen- sparmiare e comprarsi colori e pennelli, un grup-
classi dirigenti più becere d’Europa (il fallimento delle élites). Ancora timento sociale potentissimo. Non per nulla Rebecca, la protagonista po di artisti rinunciano anche al vino, da cui il
una volta, la buona letteratura si rivela uno straordinario sismografo della Vita accanto, nata in una famiglia agiata ma moralmente di- titolo del libro. Vanno a vivere da soli contro il
per sondare gli abissi del corpo sociale. sastrata, entra in contatto quasi soltanto con persone ambigue e parere dei genitori: li segue solo la nonna, che li
La bellezza idolatrata da quasi tutti i comprimari del romanzo è infatti sfuggenti, imprigionate dalla malafede: «arte di non conoscersi, o mantiene facendo la donna delle pulizie…».
una bellezza laccata, eticamente esangue. Soprattutto, è l’altra faccia meglio di regolare la conoscenza di noi stessi sul metro della con-
della bruttezza cementizia che ha devastato il Veneto, verso la quale venienza», come spiegava un altro grande scrittore vicentino, Guido NEO-MONTANARI. Chi è a Milano in questi
regna invece una somma indifferenza. Quarant’anni fa, il grande Piovene, introducendo nel ’41 le sue Lettere di una novizia. Un giorni non si lasci scappare Piccolo mondo al-
filologo Gianfranco Contini spiegava che chi non avesse soggiornato inferno clericale nel quale sparisce qualsiasi nozione di Dio, di pietà, pino, lo spettacolo vincitore del premio Kantor,
nelle Venezie per qualche settimana – fra i dolci colli, la verde cam- di amore. fino al 13 marzo al Crt Salone. Spassoso e tra-
pagna, le acque limpidissime, il cielo sconfinato, la cordialità della Gretto provincialismo, rifiuto della diversità, doppiezza e dissimu- gico, drammaturgia arguta, regia visionaria.
gente, ancorché poverissima – non avrebbe mai potuto dire cosa lazione, una religione ormai esclusivamente lucrativa. Questi gli in- Marta e Diego Dalla Via mettono in scena quat-
fosse la dolcezza della vita, «quella gioia di vivere che altrove non si gredienti del Nordest: uno sviluppo senza crescita civile. E senza tro fratelli albergatori nelle Dolomiti venete. Due
riscontra». Parole oggi quasi incomprensibili, tanto è evidente il cultura. Non a caso, l’unica figura felicemente dissonante del ro- sono gemelli: seduti sulla seggiovia discutono
senso d’infelicità e spaesamento che trasuda da queste lande, no- manzo di Veladiano è un’anziana musicista, arroccata nella sua casa su come meglio suicidarsi. Indimenticabili le lo-
nostante il pingue reddito di chi ci vive. Anche la letteratura ne ha sul Monte Berico, sopra Vicenza. Osserva dall’alto una silenziosa città ro silhouette nere che sciano simmetriche, quasi
risentito: i personaggi solari e goderecci scolpiti dalla penna di Gio- di morti viventi. Ma è serena. Forse perché soltanto l’arte è capace di danzando di profilo, contro fondali di neve lu-
vanni Comisso – uno dei grandi epicurei del Novecento – hanno squarciare il velo di menzogna che avvolge queste terre. minosa. Un fratello (Stefano Tosoni) ha l’osses-
lasciato il posto agli ominidi grotteschi che popolano gli antiromanzi sione per i funghi. La sorella maggiore (Laura
e i drammi di Vitaliano Trevisan, autore dolente e claustrofobico. «Il Mariapia Veladiano, La vita accanto, Einaudi, pagg. 170, € Graziosi) passa la vita in vestaglia inzuppando
grigio oltre le siepi», potremmo dire con Francesco Vallerani, cui 16,00; I nuovi sentimenti, antologia che riunisce i giovani panini dentro le sue coppe di ex campionessa di
dobbiamo alcuni studi fondamentali sulle geografie smarrite del Ve- narratori delle Venezie, a cura di R. Bugaro e M. Franzoso, sci. Quattro giovani non del tutto succubi della
neto. Marsilio, pagg. 160, € 5,90; Roberto Ferrucci, Andate e ritorni. nostra epoca e delle sue false ambizioni, in una
Se la trama paesaggistica del Nordest è stata stravolta, lo stesso non Scorribande a nordest, Amos, pagg. 168, € 10,00; Matteo Mel- provincia italiana compressa come una pentola
può dirsi della sua identità religiosa. Certo, l’«eclissi del sacro» e il chiorre, L’ultimo albero. Resoconto dal Nord Est, Spartaco, a pressione destinata a esplodere.
logorio del tessuto parrocchiale hanno liberato i suoi abitanti dai pagg. 144, € 10,00.

BACKSTAGE di Camilla Tagliabue AD ARMI PARI di


Antonio Tricomi

E TREVISAN IMBALSAMA CRAXI IL KITSCH DI LOUISE e i Doors sono parimenti convocati per ottenere mas-
sime sull’amore. Il richiamo all’11 Settembre dovreb-

«AH IL CUORE/ si vive benissimo senza». È X a dirlo, ovvero il Bettino Craxi protagonista
STRACCIA MARGARET be dare un più ampio valore simbolico a una vicenda
che resta anzitutto privata. La già citata analisi sugli
dell’ultimo lavoro di Vitaliano Trevisan: non un romanzo, ma una tragicommedia, recita il esiti dei conflitti tra bianchi e pellerossa, non divenen-
sottotitolo di Una notte in Tunisia. La storia si dipana durante l’«esilio» africano dello sta- do il perno del racconto, si riduce alla cornice esotica
tista, definito così, precisa l’autore, perché «non è nostro compito dare giudizi storici, o, di quest’ultimo. Il fatto che il marito sia un pittore, e la
peggio ancora, morali». Difficile credergli dal momento che, altrove, si lascia andare a PASSO NELL’OMBRA moglie costituisca l’abituale soggetto delle sue tele,
considerazioni squisitamente politiche (processo = compromesso), ma è bene trattare non è il miglior libro consente il recupero dell’usurata riflessione sul po-
l’opera per quella che è e non vuole essere, un «sottoprodotto dell’industria culturale, che della Erdrich. Il testo tere dei «simulacri» di rubare l’anima ai corpi ritratti.
sforna di continuo narrazioni civili o docu-fiction». ruota attorno a un as- Così, Passo nell’ombra non si smarca da certi vizi del
La trama è lineare: X è fuggito dall’Italia per sottrarsi alla giustizia; in patria rischia il carcere, sioma: «L’unione di kitsch: scambiare un lirismo intriso di facile cultura per
alla meglio i domiciliari in ospedale per una grave malattia. Il fratello, Xx, e la moglie tentano tragico e sentimen- una potente rappresentazione della complessità so-
di convincerlo a tornare, ma lui è irremovibile («La mia libertà equivale alla mia vita»: l’e- tale genera il kitsch». ciale; confondere la morbosità di un patetismo nar-
pitaffio sulla tomba di Craxi è un leitmotiv): trascorre le giornate tiranneggiando i parenti e L’autrice narra infatti cisistico con la crudeltà degli squilibri individuali. Ma
il domestico Cecchin. La famiglia è sconvolta: se prima l’armonia era garantita dall’as- una crisi coniugale an- la Erdrich rimane un’autrice importante.
senza di X, ora tutti sono schiacciati dalla sua ingombrante presenza in casa. Qui «inizia la che per istituire un pa- Prendete un qualsiasi dialogo compreso in Nessuno
malattia»: non solo i familiari sono ammorbati e ammorbanti, la politica lo è; X ha il cancro rallelo tra un rapporto ero- si salva da solo, l’ultimo libro della Mazzantini, che pa-
e lo stato italiano è infetto, come nella visione organicista e paternalista di Craxi. tico che, ridotto a simbiosi rimenti narra la fine di un amore. Accostatelo a un qua-
La drammaturgia si ispira a Beckett e Bernhard (ossessione di Trevisan), cita Shakespeare Margaret con l’altro, conduce gli amanti a lunque dialogo carpito a una soap. Non sono identici,
e i classici francesi: ben confezionata, è fin troppo in bilico tra tragedia e commedia; Mazzantini una morte di «cattivo gusto», fi- con l’unica differenza che il secondo è privo di pa-
tiepida, le imputerebbe Grotowski. Tutto si appiattisce in un dramma borghese, stuz- “Nessuno si salva glia dell’«ipocrisia», e l’ambiguo rolacce? Valutate il tessuto stilistico, emotivo, cultu-
zicante perché tratta di un controverso politico italiano, ma se fosse americano, cinese, da solo”, legame dei retaggi delle culture rale del romanzo, poi quello della serie tv a sfondo
arabo...? L’escamotage di sospendere il giudizio sulla Storia si rivela un’arma a doppio Mondador i, originarie, specie quella degli In- sentimentale che preferite: non sono uguali? I fan non
taglio: X non assurge a carattere, è lontano dal divino Andreotti di Sorrentino (non a caso pagg. 206, € 16,00 diani d’America, con la civiltà vedono CentoVetrine per fare un’esperienza estetica.
premiato a Cannes), ma anche dagli antieroi degli antichi maestri. Lo si capisce da Cec- consumistica. Un legame che è Perché fruire Nessuno si salva da solo come fosse let-
chin, privo dell’ironia tragica di Clov: infatti non se ne vuole andare. Ed è soprattutto la esso pure una letale bugia per- teratura? È un Harmony involgarito, televisione su car-
moglie, Elisabetta ma non elisabettiana, a svelare l’insostenibile leggerezza della pièce: ché «rappresenta qualcosa di ta.
risolve lei (sembra) il problema al marito, ideando un diabolico piano. A differenza di Lady forte, simpatico e unito mentre è
Macbeth, però, non saprebbe mai vergognarsi di «avere un cuore così bianco». Louise rotto, nocivo e malato».
Erdrich Il romanzo rischia però di rica-
Vitaliano Trevisan, Una notte in Tunisia, Einaudi, pagg. 104, € 10,50. “Passo nell’ombra”, dere nel registro che vorrebbe
Prima rappresentazione: 22 marzo, Milano, Teatro Franco Parenti; con Alessandro Feltr inelli, demistificare. Gli elementi del
Haber, regia di Andrée Ruth Shammah. pagg. 191, € 19,00 midcult abbondano. Fitzgerald
Venerdì 11 marzo 2011 il Fatto Quotidiano

IV
PERCORSI

L’orecchio tagliato
di Garibaldi
di Alberto Mario Banti Leggende

B
eh, se ne sentono di stramberie
intorno al Risorgimento e all’U- e verità storica
nità. Eccone una: a Garibaldi
hanno tagliato un orecchio (o un
lobo di un orecchio) perché si è Alberto da Giussano,
macchiato di un terribile reato (furto di cavalli,
stupro: le versioni variano). E su che si ba-
serebbe questa affermazione? Non è chiaro. i Celti, Scipione
Forse qualcuno se l’è ricavata da un qualche
pamphlet ottocentesco scritto da un detrat-
tore del condottiero. Oppure qualcun altro ha
e altre mitologie
sentito il bisogno irrefrenabile di partorire un
paralogismo del tipo: se ha un orecchio ta- senza fondamento
gliato sarà un mascalzone. Non male. Ma ci
fosse mai qualcuno che si preoccupa di esibire
una qualche fonte certa, un qualche documen-
to sensato che possa provare il passato cri- bilità. Meglio se i documenti sono molteplici e
minale di Garibaldi. Niente. E il bello è che la convergenti, naturalmente. Inoltre uno stori-
rete è soffocata da blog che ospitano innu- co - come ci ha insegnato molti anni fa Marc
merevoli interventi di persone che danno cre- Bloch nella sua bellissima Apologia della sto-
dito ad affermazioni di questo tipo senza bat- ria - deve trattenersi dall’emettere giudizi di
ter ciglio. Che, se ci pensate, è ben curioso: in valore. E cioè uno storico non deve spiegarci
fondo in un paese come il nostro, dove le que- se Robespierre o Garibaldi sono stati dei ma-
stioni giudiziarie sono sempre all’ordine del scalzoni, ma deve descrivere cosa hanno fatto
giorno, ormai dovrebbe esser chiaro a tutti che e perché l’hanno fatto. E, diciamo la verità, di
una prova d’accusa deve esser certa al di là di storici e storiche in gamba, in grado di rico-
ogni ragionevole dubbio. Ma evidentemente struire con seria persuasività il passato, ce ne
quando si parla di storia si ritiene che non ci sia sono molti. Non che siano tutti perfetti; nes-
bisogno di esibire prove certe. suno scienziato lo è. Né che non facciano mai
Dopo c’è anche chi si inventa alate mitologie. errori; naturalmente non è così. Ma hanno un altro dietro…». E che cosa dovrebbe esserci? Il
I padani discendono da Alberto da Giussano, metodo scientifico da seguire, e quasi sempre Grande Complotto di generazioni e genera- Alessandro Bergonzoni
dice uno. No, Alberto da Giussano è italiano, cercano di seguirlo con rigore. zioni di storici - non importa se di un paese o di
dice un altro. Macché, i padani discendono dai Ma la società dei media ha altre regole. Tempo un altro, di un orientamento intellettuale o di Facciamo i centocinquanta
celti; e allora gli italiani discendono da Sci- fa, facendo zapping, mi sono trovato, incan- un altro, di un’inclinazione metodologica o di
pione l’Africano. E via con le panzane. Perché, tato, a seguire una puntata di una trasmissione un’altra - tutti hanno tuttavia cooperato, e con- sulla strada maestra! L’unità
con tutto il rispetto delle autorevoli voci che in televisiva in cui un giornalista intervistava un tinueranno a cooperare, nel nascondere la ve-
qualche caso le hanno pronunciate, quelle son romanziere che aveva appena scritto un ro- rità? Conclusione obbligata alla quale arriva un non ha limiti di velocità!
proprio panzane. Che nessuno storico serio al manzo ambientato nel Risorgimento italiano comune spettatore che abbia seguito questa o
mondo potrebbe avvalorare, per il semplice e (un romanzo, si badi bene, non un libro di altre consimili trasmissioni: «meglio lasciar
(Sembrano anni avversari
buon motivo che non c’è la minima evidenza storia: fiction, non ricostruzione scientifica). perdere gli storici, tanto nessuno dice la ve- ma sono anniversari). Un
documentaria che possa dar sostegno a nes- Quella parte di intervista non verteva sulle tec- rità…».
suna di quelle affermazioni. Anche qui, i blog niche della narrazione, come sarebbe stato E lì si capisce com’è che nell’uso pubblico secolo e mezzo: il secolo è il
sono posti istruttivi. Sapendo cercare si tro- corretto, ma sulla storia del Risorgimento (un della storia nessuno si preoccupa minimamen-
vano spazi web in cui una quantità di persone po’ come se qualcuno intervistasse Dan Bro- te del rigore del metodo storico, e com’è che nostro il mezzo è l’unione. Il
proclama senza dubbio alcuno che nelle «no- wn non sulle sue fantasie complottistiche, ma ciascuno sembra avere una sua verità da sban-
stre» vene scorre «sangue italiano»; o che la sui metodi per uno studio proficuo delle opere dierare, un complotto cui alludere, un pre- fine è il tempo debito, l’antico
grandezza di Roma deve renderci orgogliosi di di Leonardo). Nel corso dell’intervista il gior- sunto misfatto da condannare, sempre senza
essere italiani; o che nei «popoli padani» si nalista, dopo un po’ di domande su fatti e dover fare lo sforzo di provare alcunché, né di credito e noi il resto di mille.
intravede l’odierna espressione della millena- aspetti del Risorgimento, concludeva dicendo misurarsi, neanche per un minuto, con la mi-
ria cultura celtica. Su che base si possono fare (grosso modo): «Ma poi lei non crederà mica gliore storiografia.
affermazioni simili? Boh. Solo che quando le che i libri di storia ci dicano tutta la verità?»; al
hai lanciate in qualche circuito mediatico sem- che il romanziere assentiva con aria un po’
brano valanghe che non si fermano più. spaesata; e l’altro rincarava: «perché c’è ben
Insomma, quando si fa un uso pubblico della
storia bisognerebbe avere la decenza di ricor-
darsi che esiste una disciplina storiografica
che insegna come si può sensatamente parlare
del passato. Non è nemmeno da dire che la
pratica storiografica si basi su regole partico-
larmente astruse. Anzi, sono molto semplici.
Uno storico deve fondare la sua ricostruzione
su documenti di cui si è accertata l’attendi-

CATALOGO DELLE BUFALE SULL’UNITÀ VIGLIONE(CNR): me di una strada nuova, antitetica


alla vera civiltà italica, quindi sov-
UN'ÉLITE versiva». Come se una “rivoluzio-

STUPIDARIO RISORGIMENTALE CONTRO


LA CHIESA
ne” potesse non essere sovversiva,
ma rispettare lo status quo, nei fatti e
nella costruzione del suo universo
simbolico. «È un intero mondo cul-
Garibaldi fu ferito... da una prostituta mento (per esempio Garibaldi, Crispi e altri - si può vedere il turale e ideologico che inizia a va-
Il lobo mancante a Garibaldi gli è stato staccato dal morso di libro di Fulvio Conti presso il Mulino). I punti in contrario sono: Il Risorgimento? «Senza alcun con- cillare - rivela lo studioso - sotto la
una prostituta (terza versione circolante, oltre alle due citate le logge massoniche in Italia non sono attestate tra 1815 e senso popolare, attuato solo da spinta della necessità e del deside-
nel testo di Banti). 1859; se il Risorgimento è un complotto, è alla luce del sole: una piccola élite di oligarchi e un rio che la verità sulla storia del no-
per dire, Mazzini (che non aderisce mai alla massoneria) con gruppo di barricaderi, tramite atten- stro popolo sia finalmente cono-
I Mille al soldo dei massoni le sue associazioni, dalla “Giovine Italia” in avanti, fa del tati di stampo terroristico (moti sciuta da tutti». E allora eccola la ve-
Garibaldi è un mercenario al soldo della massoneria bri- principio della propaganda aperta un assioma fondamentale mazziniani), la calunnia (contro i rità: «Nel 1861 nasce lo Stato italia-
tannica: è certo che durante la “spedizione dei mille” ha della sua azione politica; inoltre è uno strano complotto quel- civilissimi Stati preunitari) eretta a no, ma non la nazione italiana; essa
ricevuto finanziamenti da qualche loggia massonica britan- lo che coinvolge apertamente centinaia di migliaia di per- sistema di propaganda politica, ag- esisteva già da secoli, riposava nel-
nica; ma ha ricevuto soldi anche da molti altri sottoscrittori e sone, tra soldati regolari, volontari, intellettuali, simpatizzanti gressioni militari a Stati pacifici e la identità italiana, che era ed è cat-
simpatizzanti. Eppure nessuno di questi contributi fa di Ga- e gente che scende molte volte in piazza tra il 1846 e il alleati (i Mille e l’occupazione degli tolica, romana, universale». Così
ribaldi e dei suoi altrettante marionette dirette politicamente 1860. altri Stati preunitari) e la ridicola re- Viglione, che ignora il processo di
da qualcun altro (nessuna fonte autorizza una simile inter- cita dei plebisciti-farsa». Questa la secolarizzazione e la natura tempo-
pretazione). Patrioti disertori sintesi di Massimo Viglione, ricer- rale dello Stato Pontificio, per con-
I soldati italiani (o del Regno di Sardegna) scappano davanti catore del Cnr, in un articolo pub- cludere: «il Risorgimento in realtà è
Il grande complotto ai nemici - affermazione, questa, ascoltata per bocca di Gil- blicato sul mensile «Radici cristia- stato proprio la negazione di tutto
Il Risorgimento è un grande complotto massonico. Si tratta di berto Oneto durante la trasmissione L’infedele di Gad Lerner, ne». La rivista è diretta da Roberto questo». Negli ultimi anni storici di
una proiezione sul Risorgimento italiano della tesi formulata su La7 lo scorso lunedì. Ci sono sicuramente defezioni: per de Mattei, vicedirettore del Consi- ogni orientamento analizzano le la-
dal gesuita francese Augustin Barruel sulla rivoluzione fran- esempio dal corpo dei volontari toscani del 1848 parecchi glio Nazionale delle Ricerche con cune del processo di costruzione
cese: costui nel 1798-99 pubblicò in più volumi i suoi Mé- giovani si allontano nel corso della marcia di avvicinamento delega per le scienze umane e so- dello stato nazionale, la sua natura
moires pour servir à l’histoire du jacobinisme, nel quale so- prima di arrivare sul teatro di guerra. Dopodiché occorre dire ciali - settore ribattezzato, nella per molti aspetti elitaria, l’asprissi-
stenne che la Rivoluzione francese era nata da un complotto che non sembra proprio che ci siano state defezioni né du- quasi indifferenza generale, come mo scontro culturale che l’hanno
di illuministi e massoni per rovesciare la monarchia e per rante le 5 giornate di Milano, né durante la difesa di Venezia dipartimento “Identità culturale”. segnata, ma soprattutto la mancan-
estirpare la religione cattolica. Per quanto riguarda il Risor- (1848-49), di Brescia (1849), di Roma (1849), né a Solferino e Scrive Viglione: «il principio stesso za di una religione civile a cemen-
gimento, gli elementi d’appoggio consistono nell’adesione a San Martino, né a Calatafimi, né a Bezzecca, e così via... di “dover fare gli italiani” dimostra tarla. Al Cnr, invece, preoccupa la
alla massoneria di alcuni personaggi in vista del Risorgi- che si era volutamente rinnegata la religione tout court.
millenaria identità italiana, in no- Giovanna Faggionato
il Fatto Quotidiano Venerdì 11 marzo 2011

V
PERCORSI «Il problema numero uno oggi in Ita-
lia è (...) il problema dei rapporti tra
1861-2011: L’Unità che divide Stato e Chiesa: la sua soluzione condi-
ziona il problema dell’ordinamento
Nel 1961 la Dc e il clero monopolizzarono dello Stato, quello della costituzione
delle regioni, quello della politica este-
un’atmosfera turbata, e percorsa da in- ra, quello della scuola, quello dei mo-
le celebrazioni. Le proteste di laici e sinistre certezze e confusione grave di valori e
di idee». Forse fu per sopperire alla nopoli, quello della magistratura...».
Ernesto Rossi a Lelio Basso, 1961

Centenario
mancanza d’anima nello Stato italiano che la Chiesa
consacrò, nel 1959, l’Italia «al cuore immacolato di
Maria». La rivista «Civiltà Cattolica» definì la consa-
crazione un «gesto dal significato nazionale», col quale solo con l’avvento al potere delle classe lavoratrici
gli italiani «ufficialmente riconoscono il sovrano do- rappresentate dal partito comunista. A tale accusa si
minio che la Vergine ha su di essi», pregandola «di associarono i socialisti. Ma i più agguerriti nel de-

della guardare e proteggere l’Italia come un suo feudo per-


petuo, di custodirla da ogni sciagura nazionale e par-
ticolarmente dal pericolo di cadere sotto il dominio
del comunismo ateo».
Due anni dopo la preghiera alla Madonna parve esau-
nunciare «le falsificazioni storiche condite di sughi
retorici disgustosi», operate dalla interpretazione del-
l’Unità come attuazione di un disegno provvidenziale,
furono i liberali e i democratici raccolti attorno al
«Mondo» di Mario Pannunzio. La rivista ricordò che al

Madonna dita. La Chiesa dichiarò, per bocca di papa Giovanni


XXIII, che l’unità italiana era avvenuta per volere della
Divina Provvidenza, così come per volere della Divina
Provvidenza erano state siglate le «pagine vittoriose e
pacifiche dei Patti Lateranensi», propedeutiche, ag-
giunse il pontefice, alla «celebrazione finale della vera
«disegno provvidenziale» dell’unificazione italiana,
«gli interpreti autorizzati della Provvidenza» si erano
«sino all’ultimo disperatamente opposti» perché odia-
vano la civiltà laica e liberale che ispirò il Risorgi-
mento e lo Stato unitario. E con eguale vigore, liberali
e democratici contestarono la pretesa dei comunisti
di Emilio Gentile e perfetta unità di stirpe, di lingua e di religione, che di atteggiarsi a unici e autentici eredi del Risorgimen-
era stato il sospiro degli italiani migliori». Le celebra- to, ricordando «la lunga ossessiva polemica che i co-

L
’anniversario dell’unità d’Italia ha sempre zioni del centenario officiate dallo Stato italiano con- munisti sono venuti conducendo contro il Risorgi-
diviso i politici e gli intellettuali italiani. È fermarono l’auspicio del sommo pontefice. Nel 1961, mento» come «una rivoluzione fallita», che aveva ri-
accaduto nel 1911, quando dalle celebra- il presidente della repubblica democristiano (Giovan- servato il potere dell’Italia unita a un’oligarchia bor-
zioni monarchiche del primo cinquanten- ni Gronchi), il presidente del consiglio democristiano ghese, negandolo alla massa del popolo lavoratore.
nio unitario si dissociarono rumorosamente i catto- (Amintore Fanfani), tutti i ministri democristiani e la Nel 1961 l’anniversario dell’Unità d’Italia divise po-
lici, i repubblicani, i socialisti, i nazionalisti e i giovani presidenza del Comitato nazionale per le celebrazio- litici e intellettuali italiani. Così era avvenuto nel 1911
intellettuali contestatori dell'Italia di Giolitti. Anche se ni, affidata a un democristiano, potevano apparire e così sta avvenendo nel 2011. La storia non si ripete,
tutti si proclamavano patrioti, avevano diverse idee e come una chiara conferma che la consacrazione del- ma forse gli italiani non lo sanno. Ed è per questo
ideali della patria Italia. Anche cinquant’anni dopo, l’Italia alla Vergine Maria effettivamente proteggeva motivo che continuano a dividersi nell’anniversario
nel 1961, politici e intellettuali si divisero per il primo gli italiani dal comunismo ateo, mentre, nello stesso dell’Unità d’Italia. Anche se ogni volta i motivi di di-
centenario dello Stato italiano. Dalla pubblicistica del tempo, consolidava la loro «vera e perfetta unità di visione sono diversi. A ogni anniversario appaiono un
tempo udiamo voci tutt’altro che ottimistiche sullo stirpe, di lingua e di religione». L’organo ufficiale della po’ più gravi. Ma anche un po’ meno seri.
stato di salute del patriottismo nazionale. Nel 1959, un Democrazia cristiana ribadì esultante nel 1961 che
giornalista liberale constatava che negli italiani del l’Italia unita era «presente nella mente di Dio».
“miracolo economico” vi era una notevole carenza del Nonostante la totale sintonia fra lo Stato e la Chiesa, il
sentimento patriottico, inteso come «disposizione a centenario dell’Unità fu occasione di nuove e più PER SAPERNE DI PIÙ
sacrificare qualcosa: almeno una parte dei propri co- aspre divisioni fra politici e intellettuali. Infatti tutti i
modi». E proseguiva: «L’italiano di oggi, in tutti i ceti, laici non democristiani, dai comunisti ai liberali, con- LIBRI
ma specialmente nella media borghesia in su, pensa testarono animosamente le celebrazioni officiate dal n
Emilio Gentile, Italiani senza padri. Intervista
soltanto a star meglio, si abbandona mollemente agli governo democristiano con la benedizione del som- sul Risorgimento, a cura di S. Fiori, Laterza,
interessi immediati, al gretto egoismo». Nello stesso mo pontefice. Altro che «vera e perfetta unità», pro- 2011
anno il promotore del movimento federalista europeo testò Togliatti, accusando il governo della Democrazia
Altiero Spinelli affermava che lo Stato italiano, pur cristiana e la classe padronale che esso proteggeva di n Alberto M. Banti, La nazione del
economicamente rinvigorito a quindici anni dalla sua essere un «ostacolo effettivo a che il processo storico Risorgimento. Parentela, santità e onore alle
ricostituzione dopo la fine della Seconda guerra mon- e politico iniziato col Risorgimento venga condotto origini dell’Italia unita, Einaudi, 2011
diale, era uno Stato «senz’anima perché non sa a che alle sue legittime mete», che sarebbero state raggiunte n
Alberto M. Banti, Sublime madre nostra. La
serve» e i suoi governanti non sapevano che dire «per nazione italiana dal Risorgimento al fascismo,
suscitare un’anima politica nuova negli italiani». Il Laterza, 2011
centenario dell’Unità d'Italia, avvertiva lo storico li-
berale Rosario Romeo nel marzo 1960, «avrà luogo in
n
Andrea Aveto (a cura di), Cronache dell’Unità
d’Italia. Articoli e corrispondenze 1859-1861,
Mondadori, 2011
Opposizione
Il segretario del Pci Palmiro Togliatti (1893-1964)
n Gianfranco Contini, Letteratura italiana del
In alto, disegno di Giorgio Scaffazzillo Risorgimento, BUR, 2011
n
Massimo Arcangeli (a cura di), Itabolario.
L’Italia unita in 150 parole, Carocci 2011
n Marco Pizzo, Lo stivale di Garibaldi. Il
Risorgimento in fotografia, Mondadori Electa,
2011
n Riccardo Reim (a cura di), Ti racconto l’Italia. Il
Risorgimento visto dai suoi protagonisti,
Castelvecchi, 2011
n Silvia M. Tatti, Il Risorgimento dei letterati,
Edizioni di Storia e Letteratura, 2011
n Franco Della Peruta, Il giornalismo italiano del
Risorgimento, Franco Angeli, 2011
n
Lucio Villari, Bella e perduta. L’Italia del
Risorgimento, Laterza, 2009

LA POESIA di
Alba Donati
GILMOUR: Dunque, dopo quasi tre millenni sia-
mo alle solite. L’Italia non si vede, la
CLASSICI
Mi è capitato in India, in Tunisia, ERA MEGLIO stiamo tutti cercando. Gilmour, con n
Giuseppe Garibaldi, Memorie
nel messico sognante di Oaxaca. La patria FARSI snobistico, irritante candore, subito autobiografiche, Giunti, 2011
sempre più ama i viaggi, pone la domanda che nessun italiano
ma quasi mai al Nord, lei predilige IN QUATTRO potrebbe porre senza sentirsi addos-
n Silvio Pellico, Le mie prigioni, Bur, 2011
gli ingenui meridioni. Qui è già da un po’ so gli occhi di Dio: non sarebbe stato n Giuseppe Mazzini, Scritti politici, Utet, 2011
che non sta più a suo agio, si sente meglio che l’Italia, anziché unificarsi,
assunta e insieme scorporata. rimanesse divisa in tre, quattro stati?
n Camillo Benso conte di Cavour, Discorsi per
È un miracolo NEL QUARTO LIBRO dell’Eneide l’e- Il Nord ne avrebbe beneficiato mol- Roma capitale, Donzelli 2010
che ancora non si sia auto-esiliata. roe dice alla regina di Cartagine, che lo tissimo. Stare uniti perché? n Camillo Benso conte di Cavour, La questione
Patrizia Cavalli ospita e che per amor suo diventerà uno Il Risorgimento? Una montatura de- romana. Libera Chiesa in libero Stato,
delle suicide più celebri di tutti i tempi: gli storici patriottici. Niente di eroico. Caribou 2010
Patrizia Cavalli è un’erede di Elsa Morante. Come lei vuole capire il «Non inseguo l’Italia di mia volontà». Ho Anzi. E poi, conclude Gilmour, l’Italia, n Michelangelo Buonarroti, Rime, Barbès, 2010
mondo e al tempo stesso metterlo sulla scena, farlo parlare, urlare, tradotto il verbo latino dell’originale, che vogliamo pensarla reale o meno,
stare zitto. Vuole idee e voci, persone, toni alti, alzate di testa e risate. “sequor”, con il suo più ovvio equiva- è finita: il livello delle nascite è il più n Massimo D'Azeglio, Ettore Fieramosca o la
Più della poesia, ama il teatro della realtà che la poesia dovrebbe lente italiano. Enea, infatti, sta dicendo basso del mondo e fra quattro o cin- disfida di Barletta, Bur, 2010
riuscire a realizzare. La Patria è un poemetto stupendo pubblicato nei che l’Italia è qualcosa che fugge o sfug- que generazioni gli italiani saranno
Sassi di Nottetempo. Un librettino esile, che affronta un argomento ge, che impone a chi voglia arrivarci addirittura estinti.
gigantesco di cui molto si parla in questi giorni. Cos’è la Patria? Pa- l’impegno a correrle dietro. Rimarranno solo le loro automobili.
trizia Cavalli è un genio del paradosso, della sintesi, dell’evidenza e La frase di Enea è diventata l’esergo di L’economia è in caduta libera; l’au- suo discorso obbedisce semplice-
del mistero. Il poemetto è un viaggio tra tante possibilità: e se la Patria un saggio appena pubblicato in Inghil- tostima pure; i lavori pubblici languo- mente ai preconcetti. Insomma, ab-
fosse una madre benevola, o una vedova affannata, o una giovane terra dall’editore Allen Lane, che si in- no, impediti dalla corruzione. Pro- biamo davvero buone ragioni per fe-
donna casta che, sotto, è finta di «gesso pitturato»? O se fosse una titola appunto The Pursuit of Italy (“pur- spera solo la speculazione edilizia. E steggiare? Non è, in ogni caso, que-
prostituta che intende liberarsi da quei «non certo autoctoni residui sue” è il verbo con cui l’autore ha tra- così via. stione di unificare o dividere o inse-
principi – lealtà, buone maniere, onore, rettitudine»? Tutte parole stra- dotto il “sequor” virgiliano): una storia Oggi è una vergogna, all’estero, dirsi guire: l’Italia è qualcosa da cambia-
niere qui da noi, mai veramente apprese. La Patria è altrove, è laddove non troppo storiografica del concetto di italiani. Sì, Italia fanalino di coda re.
dalla Patria si fugge, in lontani continenti e popoli. E se casomai fosse Italia e delle ragioni per cui, in buona d’Europa. Peggio ancora: Italia inu- Nicola Gardini
qui, in una somma punta di autoironia, forse sarebbe nel «macel- sostanza, c’è ben poco da festeggiare in tile.
laietto» di quartiere che tutte le mattine le dice «Ciao Patrì». Insomma, questo centocinquantesimo anno dal- Gilmour scrive con brio e con impe-
chiude Cavalli: la Patria è l’aria. Quella dei giorni trasparenti di mag- l’unificazione. L'autore è David Gilmour, gno. Ma scrive per distruggere, non
gio. Quella appartiene a noi come a tutti quelli che vivono su questa noto soprattutto per le sue ricerche bio- per capire.
terra, anche a chi, contro la sua volontà, arriva dagli «ingenui me- grafiche (apprezzabilissima la sua vita di Eppure sarebbe difficile liquidare Gil-
ridioni». Tomasi di Lampedusa). mour con la semplice scusa che il
Venerdì 11 marzo 2011 il Fatto Quotidiano

VI
LAB

Eroseconomia WHAT’S APP di


Antonio Armano

LE FACCINE DI NABOKOV
Sex and the Campus «MOLTE VOLTE PENSO che dovrebbe esistere uno speciale se-
gno tipografico per indicare un sorriso - una specie di lineetta con-
cava, una parentesi tonda supina, che ora mi piacerebbe tracciare
Una ricerca americana analizza i costumi nei modelli economici ameri-
cani, per cui un agente qualsia-
in risposta alla sua domanda»: in un’intervista pubblicata sul "New
York Times" del 19 aprile '69, Vladimir Nabokov auspicava la na-
si, che sia un ragno, un gover- scita delle emoticon. L’intervista è riportata in quel meraviglioso
sessuali dei giovani. Facendogli i conti in no, o una multinazionale, è
considerato razionale se mas-
libro di rispostacce ai giornalisti che è Intransigenze (Adelphi). Col
dilagare di email, sms e chat, le faccine han preso sempre più piede.
simizza i suoi utili, ossia se cer- Su sherv.net se ne trovano persino “per adulti” dotate di fallo o tette,
tasca. Ma che fine ha fatto la passione? ca di ottenere al costo più bas- in varie pose porno. Nonostante la tecnologia prevale l’uso di emo-
so il beneficio più alto, è ap- ticon semplici fatte coi segni tipografici, come auspicato da Na-
di Gloria Origgi bokov, per esempio : ) corrisponde al sorriso. Ufficialmente le ha
prodata anche tra le lenzuola.
La sexual economics è la teo- inventate nell'82 Scott Fahlman, docente d'informatica america-

C
hissà perché il sesso ria che modellizza le relazioni no, per esprimere il tono emotivo di un testo ed evitare frainten-
in mano agli accade- eterosessuali a fine sessuale dimenti nelle email. Ma il vero padre è Na-
mici assume istanta- come un mercato in cui le don- bokov. La faccina gialla (smiley) l’ha inven-
neamente un aspetto ne vendono e gli uomini com- tata il grafico pubblicitario Harvey Ball per
di fredda necessità animale. prano. L’articolo di riferimen- tirar su il morale agli impiegati di una com-
Come se la scienza messa al to sull’argomento fu pubblica- pagnia assicurativa nel ’63, sempre negli
servizio di una delle nostre at- to nel 2004 da due economisti Usa, ma solo di recente s’è inserita nelle co-
tività esistenziali più comples- in una rivista accademica di municazioni digitali. È comunque conside-
se avesse pudore di parlare di psicologia con il titolo: Sexual rata una roba un po’ adolescenziale, da Lo-
quel che si fa a letto, o in au- Economics. Sex as a Female lita, per stare in tema.
tomobile, o sdraiati su un prato Ressource for Social Exchan-
d’estate sotto le stelle, come di ge in Heterosexual Interac-
una forma di vita profonda- tions ed è ripresa pari pari dai dettagliata di profili personali. In-
mente umana, un’espressione nostri sociologi. contriamo così nel secondo capi-
culturale fondamentale che ha L’idea regolatrice del libro, il fi- tra i ventenni americani siano re- tolo Cami, vent’anni, che provie-
influenzato letteratura, pittu- lo teorico che sottende la det- golati dalla dura legge della do- ne da una famiglia di cattolici de-
ra, musica e immaginario di tagliata ricerca empirica quan- manda e dell’offerta, dalla com- voti, ma che sul campus è diven-
tutti i tempi. No, non c’è Can- titativa e qualitativa, è che la petizione tra i venditori (le ven- tata un po’ meno devota. Come il
tico dei Cantici che tenga, né scarsità di uomini presenti nei ditrici in questo caso), e le varia- 27% delle americane della sua età
Venere di Tiziano che com- campus americani fa sì che sia zioni sul prodotto. Così le ragaz- non è in una relazione stabile. Ha
muova. Per parlare di sesso se- per loro più facile avere acces- ze americane, ci dicono i due au- deciso di rimanere comunque
riamente è necessario adotta- so a prestazioni sessuali, e dun- tori, sono estremamente seccate vergine a suo modo, confessando
re il secco linguaggio della co- que abbassi il “prezzo” che dallo sbarcare nel loro campus di di «aver fatto tutto tranne la pene-
Xxxxx xxxx pula, che sembrerebbe ridutti- l’uomo deve pagare per otte- giovani promiscue, perché il fat- trazione e il sesso orale». In realtà
xx xx xxx xx vo pure se applicato a una cop- nerle. to che ci siano prodotti “a basso una delle motivazioni di Cami per
pia di conigli. Dal celeberrimo costo” disponibili sulla piazza, non avere una relazione stabile è
rapporto Kinsey, per chi se lo abbassa ancora più il prezzo delle proprio quella di cercare di rima-
ricorda, del 1948 sul Sexual
QUANTO COSTA loro azioni. Insomma, se arriva nere vergine fino al matrimonio,
Behaviour in the Human Ma- CORTEGGIARE una bella signorina disposta a una come ha promesso alla sua mam-
le e il successivo del 1953 sul notte d’amore in cambio di un ma, perché sa bene che, una volta
Sexual Behaviour in the Hu- semplice caffè, o ancor peggio, fidanzata, sarà difficile far tenere
man Female, la pruderie del- Il prezzo da pagare per l’uomo se- di una buona conversazione di fi- le mani a posto allo spasimante.
l’accademico americano ri- condo la sexual economics è co- losofia, sbanca il mercato di quel- Infatti, dati alla mano, se per le
chiede una retorica zoo-etolo- stituito dall’investimento nel le altre che non si sarebbero az- donne un’attesa di 4 mesi dal pri-
gica sugli intercorsi sessuali “corteggiamento”: numero di te- zardate a togliersi nemmeno un mo incontro alla prima copula
della nostra specie, come se lefonate per ottenere un appun- guanto senza tre o quattro inviti sembra ragionevole, per i ma-
quel velo di scientismo mon- tamento; numero di aperitivi da al bar, una cena nel ristorante schi, influenzati sembrerebbe

ERME NEI TRIVI di Marco Filoni


dasse l’anima e l’assolvesse da
qualsiasi responsabilità per il
comportamento osceno del
offrire prima di poter finalmente
strappare un invito a cena; costo
del ristorante, e dell’eventuale
chic della cittadina e un paio di
scatole di cioccolatini.
Se il filo conduttore teorico del li-
dai video pornografici su Inter-
net, il passatempo preferito tra
un date e l’altro, tutto quel che va
corpo che faticosamente è co- bro fa sorridere, l’indagine però è al di là di un’attesa di quattro mi-
CHI INVENTÒ L’IGIENE stretta a portarsi appresso.
mazzo di fiori; costo psicologico
del mostrarsi carino e interessato seria e informata, e ci fa scoprire nuti è tempo perso se si va in bu-
Non sfugge alla critica il recen- a una relazione a lungo termine, e che meno del 6% delle giovani ca, o investimento costoso se si
LA MATEMATICA è una scienza predittiva. E le altre scienze? te volume dei due sociologi così via… I principi economici americane di oggi non ha avuto ottiene infine qualcosa.
Prendiamo l’economia: questa è completamente “matematiz- americani Mark Regnerus e Je- suggeriscono che gli intercorsi rapporti sessuali prima di sposar- A quando un libro che saprà par-
zata”, eppure non è affatto predittiva. Nessun modello teorico remy Uecker sul sesso prema- si, che più aumenta il livello di lare di sesso con un linguaggio
aveva previsto la recente crisi: chi l’aveva prevista l’aveva fatto trimoniale: un’informatissima istruzione e di guadagno delle umano, magari non trascurando
soltanto grazie all’intuizione, non certo basandosi su equazioni.
Partendo da questo assunto (vi sono discipline che devono es-
inchiesta sociologica sulle pra-
tiche eterosessuali dei giovani
americani di oggi. Il riferimen-
IL LIBRO donne, meno sentono la pressio-
ne di un rapporto stabile e di un
eventuale matrimonio.
quei dettagli, come l’amore, l’in-
contro, l’imprevisto e quel certo
non so che nel suo sguardo quella
ser predittive), uno studioso francese si è posto la domanda: Amore libero
quale rapporto esiste fra filosofia della scienza, i modelli ma- to al mate nel titolo, l’accop- Il libro alterna i risultati di inchie- sera per cui senza nessun calcolo
piarsi, il copulare, ricorda lo Il volume di Mark Regnerus ste a larga scala con la descrizione lui fece le valigie e scappò di casa
tematici dell’economia e le politiche adottate dalla medicina? A e Jeremy Uecker è pubbli-
stile linguistico dell’umano per sempre?
prima vista, nessuno. Non nel caso dell’igiene pubblica: un con-
maschio e l’umano femmina cato con il titolo Premarital Coppia di papi
cetto che richiede tutti i tre aspetti affinché risulti valido. L’e- Sex in America. How Young Pio XII e il futuro Paolo VI
pistemologo Gérald Jorland ne ha ricostruito la storia nel suo del rapporto Kinsey. Ma il mo-
dello soggiacente al saggio dei Americans Meet, Mate and
monumentale volume dedicato all’igiene pubblica francese think about Marriage dall’edi-
(Une société à soigner. Hygiène et salubrité publiques en France due studiosi americani non è A sinistra: In biblioteca.
qui la zoologia, bensì l’econo- tore Oxford University
au XIXe siècle, Gallimard). Qui lo studioso ci dice che i medici Press, 2011, pagg. 312, $ Studentessa a caccia di libri (CORBIS)
igienisti (l’igiene come disciplina è nata appunto in Francia nel- mia. Ebbene sì: la teoria della
scelta razionale, onnipresente 24,95.
l’Ottocento) hanno tentato di costruire, invano, una medicina In alto, Vladimir Nabokov
statistica.
All’epoca avevano a disposizione un’enorme quantità di cifre
sulle epidemie o sui tassi di mortalità infantile, ma si sono rivelati DUE PONTEFICI E IL FINE VITA
incapaci di elaborarli matematicamente e quindi di essere ef-
ficaci attraverso la prevenzione. La loro disciplina è rimasta cli-
nica, si è fermata al livello dell’osservazione. Esattamente al
contrario degli economisti, che avevano i dati ma non sapevano
misurare i fenomeni reali, i medici igienisti sapevano misurare
TESTAMENTO BIOLOGICO?
bene la realtà ma non erano in grado di intervenirvi in maniera
efficiente. Questo perché si sono comportati allo stesso modo
TE LO DICO PAPALE, PAPALE
della società borghese del tempo. Gli operai in fabbrica, i soldati
in caserma, le prostitute nelle case di tolleranza, i bambini a di
scuola oppure a letto: la società borghese assegnava a ognuno Giorgio Cosmacini Kant ha tradotto nella categoria del “ri- po a dedicarsi con tutte le risorse della sua
il proprio posto. Così l’igiene: funzionava là dove riusciva a in- spetto”. arte a lottare contro la morte. Questo non
roponibili a una doverosa riflessione La prima citazione autorevole è ricavata significa tuttavia obbligarlo a utilizzare
casellare. Quindi nei luoghi dove far circolare l’aria, portare l’ac-
qua, eliminare gli escrementi, ecc. Da qui il paradosso: la Fran- P sono due citazioni autorevoli, atti-
nenti entrambe ai problemi di fine vita
da uno dei Discorsi ai medici (editi po-
stumi nel 1959) di papa Pio XII: «Se il ten-
tutte le tecniche di sopravvivenza che gli
offre una scienza instancabilmente crea-
cia ha creato l’igiene moderna e ha stabilito la sanità pubblica
come disciplina scientifica, eppure non ha mai sviluppato (a dif- connessi al testamento biologico. Espres- tativo della rianimazione costituisce per la trice. In molti casi non sarebbe forse un’i-
ferenza degli altri stati europei) un ruolo forte dello Stato nella sione quest’ultima alla quale sarebbe pre- famiglia un onore che, in coscienza, non si nutile tortura imporre la rianimazione ve-
sanità. In definitiva l’igiene non ha saputo prevedere, non è stata feribile testamento biografico, poiché la può ad essa imporre, questa può lecita- getativa nella fase terminale di una malat-
una disciplina con una reale presa ed efficacia. vita di cui si parla non è la vita “biologica” mente insistere perché il medico inter- tia incurabile? In quel caso, il dovere del
Eppure la sua instabilità è medica, non biopolitica. Al pari di dell’organismo, ma la vita “biografica” del- rompa i suoi tentativi. […] In questi casi, medico è piuttosto impegnarsi ad allevia-
demografia, genetica, criminologia, ecc., anche l’igiene può la persona: una vita intrecciata non alla perciò, una richiesta da parte della fami- re le sofferenze, invece di voler prolunga-
essere un dispositivo con cui esercitare un controllo capillare, biomolecole, alle cellule, ai tessuti, agli or- glia di sospendere il tentativo è più che re il più a lungo possibile, con qualsiasi
sulla popolazione e sul territorio. Leggendo questo libro, fra gani che compongono il suo corpo, come legittima, e il medico vi può lecitamente mezzo e in qualsiasi condizione, una vita
miasmi e batteri, epidemie e disinfestazioni, si pensa molto a quello di altri, ma alla “storia di una vita”, acconsentire. In tal caso non c’è alcuna che non è più pienamente umana e che va
Michel Foucault. Sia per un certo rapporto agli “infami” (pro- la sua e non un’altra. Quella appunto diretta disposizione della vita del paziente naturalmente verso il suo epilogo».
stitute, vagabondi, ecc.), sia perché Jorland, nel tracciare la na- espressa dalla parola “biografia”, della cui e neppure eutanasia». Alle due citazioni tratte dai discorsi pon-
scita e l’evoluzione dell’igiene, ci accompagna in un viaggio nel- unicità fanno parte passioni e ideali par- La seconda citazione, altrettanto autore- tifici si potrebbe aggiungere la frase che
le fogne, acquitrini, catapecchie, topaie e tanfi asfissianti che ticolari, intuizioni e motivazioni proprie, vole, è legata alla voce che papa Paolo VI un altro papa, Giovanni Paolo II, di fronte
sono strumenti di un’ontologia sociale di cui Foucault ha avuto nonché affetti ed esempi da trasmettere, volle far giungere ai medici cattolici riuniti alla minaccia di un prolungamento artifi-
l’intuizione, ma della quale ancora non si è studiata la portata. scopi e progetti concepiti sia prima che a congresso nel 1970: «Il carattere sacro cioso della propria agonia, sussurrò ai me-
durante il tempo del morire, tutti quanti della vita è ciò che impedisce al medico di dici prima della terza tracheotomia: «La-
meritevoli di quella pietas che Immanuel uccidere e che lo obbliga nello stesso tem- sciatemi tornare alla Casa del Padre».
il Fatto Quotidiano Venerdì 11 marzo 2011

VII
ARTI

Tesori d’Oriente L’AFGHANISTAN


I tormenti Dopo il Museo dell’incesto
RITROVATO

del giovane e le opere autobiografiche,


Fujiwara conquista l’Asia

Simon
di
Elenza Volpato
erotica della civilizzazione, dal-
la scimmia all’uomo e ritorno»
dove l’incesto figura come un’i-
situa l’incesto all’origine della stituzione originaria delle socie-
ma i familiari oggetti spagnoli in
feticci tra le mani del padre, a
cui affida anche la voce narrante
di un romanzo storico-erotico
storia evolutiva, prendendo le tà ancestrali. L’opera si compo- ambientato nella società fran-

S
IMON FUJIWARA si è mosse direttamente dalla cosid- ne inoltre di alcuni ambienti del chista, testo che Fujiwara, fi-
imposto all’attenzione detta Culla del genere umano, il fantasioso museo con tanto di glio, da tempo cerca realmente
del mondo dell’arte nel sito nell’est dell’Africa, dove si teche, vetrine e antiche pitture di scrivere, senza riuscirci, per
2008 quando, ancora sono trovati i più antichi resti murali, realizzate in Giappone le incomprensioni con il padre
ventiseienne, realizzò un’opera umani. Con fare da antropologo dal padre di Fujiwara. Dettaglio e la famiglia che il suo progetto
intitolata Il Museo dell’Incesto, Fujiwara ha presentato in nu- non trascurabile, se si tiene con- ha generato. È con questa per-
dedicata al più longevo tabù del- merose performance reperti os- to che non è il classico comples- formance che sarà presente alla
la nostra disincantata società. sei, fotografie e cartine degli so edipico a occupare gli inte- terza edizione della Biennale di
Invece di proporlo come un’a- scavi. Ha pubblicato una guida ressi dell’artista, ma l’ancor più Singapore che sta per aprirsi, ul-
berrazione o come una deca- del museo presentandola al inquietante incesto omosessua- timo in ordine di tempo tra gli
dente deriva di costumi, l’opera pubblico come una «trattazione le. È con la storia, vera e fittizia, innumerevoli appuntamenti in-
di suo padre che Fujiwara ha ternazionali che lo hanno visto
deciso di confrontarsi, descri- recentemente protagonista:
vendo il suo lavoro come «un dalla scorsa Biennale di San Pao- Ariete aureo
ritratto, incontrollatamente lo al Cartier Award di ottobre
Tillya Tepe, I secolo d. C.
personale, di una relazione 2010 e alla ottava edizione della
padre-figlio». L’intera sua pra- Biennale Manifesta da poco
tica artistica muove da ragioni conclusasi in Spagna dove Fuji-
di
autobiografiche, da una storia wara decise di presentare un’o- Nicola Gardini
familiare ricca e curiosa che lo pera meno autobiografica, inti-
ha spinto a indagare la sua sto- tolata Falli (Un mistero ara- el mondo antico il territorio che dalla fine del XIX secolo co-
ria personale in relazione alla
più ampia storia del passato.
bo), dedicata a un misterioso av-
venimento.
N nosciamo come Afghanistan era un ribollente crocevia di ci-
viltà, indigene e no. Fin sotto quelle montagne si spinse l’inf luenza
Fujiwara è figlio di madre in- della Grecia alessandrina; lì lasciarono impronte considerevoli le
glese e di padre giapponese, UN EDIPO culture dell’India e della Cina; lì penetrarono segni della stessa Ro-
ma la casa dove è cresciuto in ma; e per di lì si estese la via della seta. Luogo di attraversamenti,
Inghilterra era adorna di nu- OMOEROTICO contaminazioni e convergenze, l’Afghanistan del periodo classico
merosi oggetti provenienti offriva infinite occasioni di sviluppo alle arti e all’incontro pacifico
dalla Spagna, dove i suoi geni- L’installazione ricostruiva un cam- dei popoli. Questo vuole ricordarci, nell’intento di ridare dignità
tori erano vissuti prima della po archeologico in un’imprecisa- alla storia di uno dei paesi più distrutti della nostra contempora-
sua nascita, all’inizio degli an- ta località del deserto arabo dove neità, un’importante mostra apertasi al British Museum: Afghani-
ni ’70, gli ultimi della dittatura si dice vennero ritrovati due gigan- stan Crossroads of the Ancient World. Gli oggetti esposti, oltre due-
Franchista, gestendo un alber- teschi falli in pietra, scomparsi do- cento, provengono per la maggior parte dal Museo Nazionale di
go sulla Costa Brava. Fujiwara po aver generato il panico tra le au- Kabul e rappresentano quattro distinti centri, collocati nel nord
si sentì presto l’immagine torità politiche. Nell’installazio- dell’Afghanistan, Tepe Fullol, Tillya Tepe, Aï Khanum e Begram.
stessa della diversità: gay, an- ne, tra vetrine fitte di testimonian- Tolti i reperti di Tepe Fullol, dell’età del bronzo, tutti gli altri ri-
glogiapponese e in una casa ze ed effetti personali degli scava- salgono a un periodo che va dal III secolo a.C. al I d.C.. Si vedono
spagnoleggiante. Incominciò tori, campeggiava come un arcai- statue marmoree di origine greca, un piatto cerimoniale d’argento
a interrogarsi sulla curiosa co monolite uno dei suddetti re- che effigia Cibele, bronzi, vetri dipinti, figurine intagliate in avorio e
scelta dei genitori di vivere perti. Così, dopo aver affrontato il moltissimi ori, rinvenuti nel cimitero nomade di Tillya Tepe: pu-
sotto una dittatura che proibi- malsano intreccio tra le storiche gnali, gioielli, una cintura di regale imponenza, sulle cui borchie è
va qualsiasi letteratura erotica censure di dittature passate e il la- rappresentato un incrocio tra il dio greco Dioniso e la dea battriana
e in cui lui, gay, avrebbe subito tente desiderio omoerotico delle Nana, e una corona smontabile, che per la sua bellezza è stata giu-
la più rigida censura. Prese a società ch’esse crearono, Fujiwa- stamente scelta a rappresentare la mostra.
immaginarsi nei panni di suo ra ci ha condotto a considerare le Oltre che per il loro intrinseco valore documentario e artistico, gli
padre, nella Spagna di Franco, non meno inquietanti censure di oggetti esposti al British suscitano tanto maggior ammirazione per-
mentre scopriva a poco a po- un islamismo capace di distrugge- ché tornano a essere visibili dopo lunghi anni di avvilente declino
co le sue pulsioni. Così la sua re le millenarie sculture della Valle politico e sociale, in cui li si era dati per persi. Le figurine d’avorio
storia si è sovrapposta e con- di Bamiyan. Cosa sarebbe del pa- sono addirittura una prima assoluta. La guerra civile prima e il go-
fusa con quella del padre, fino trimonio artistico se una simile in- verno talebano poi hanno fatto scempio del museo di Kabul, così
a usarne il nome per firmare tolleranza fosse esercitata sulla come di molto altro nel resto del paese. I danni al patrimonio storico
Falli (Un mistero arabo) novelle erotiche che nel tem- tradizione erotica dell’arte, dalle sono stati numerosi e incalcolabili. In tanta barbarie, per fortuna,
Simon Fujiwara, 2010 po ha pubblicato su diver- scene tantriche del tempio di Kha- non sono mancati alcuni uomini pietosi che hanno salvato il sal-
se riviste gay. Dopo il Mu- juraho in India alle stampe eroti- vabile, non senza difficoltà romanzesche, resistendo alla tentazione

PATRIMONIOSOS di
Emanuele Pellegrini
seo dell’Incesto ha lavora-
to con fare non meno ar-
cheologico a un’altra per-
che giapponesi del XVII secolo, fi-
no alle nostre mediterranee scul-
ture di Ermes itifallici?
di cercarsi una vita migliore altrove con la vendita di quegli splen-
didi artefatti. A loro dobbiamo la possibilità di questa mostra, ma
soprattutto uno sfolgorante, commovente esempio di rispetto per
NESSUNO TOCCHI TUVIXEDDU formance Benvenuti al-
l’Hotel Mumber, vero no-
Simon Fujiwara, Benvenuti al-
l’Hotel Mumber, Biennale di
le tracce di quel che è stato.
Afghanistan Crossroads of the
me dell’albergo gestito Singapore, dal 13 marzo al 15 Ancient World, British Museum,
«REALIZZARE nella città di Cagliari uno spazio di eccellenza abitativa, dai genitori, dove trasfor- maggio. Londra, fino al 3 luglio.
ambientale, archeologica e culturale, con un sistema di interventi integrati
e coordinati. Un’operazione a elevata complessità che, dalla pianificazione
all’esecuzione, mira a creare un’edilizia residenziale di qualità, salvaguar- IMPARALARTE
dando la natura della zona, recuperando le aree degradate e riqualificando
a Parco Urbano Archeologico il 61% dell’intera superficie di intervento.
Tale Parco sarà ceduto all’amministrazione comunale, sarà il più vasto del-
la città e avrà una grande valenza archeologica per la presenza al suo in-
terno di una delle più importanti necropoli puniche del Mediterraneo». Que-
BUIO SU CARAVAGGIO
sto quanto si legge nel sito web di Nuova Iniziative Coimpresa: stiamo par- di
lando di Tuvixeddu, 50 ettari di necropoli di origine punica a ridosso del Alessandro Morandotti mava allora increduli a pagina 100,
centro di Cagliari. dove un breve testo “critico” era asso-
Peccato che il Consiglio di Stato non abbia creduto a questi propositi, forse
per l’oggettiva difficoltà nel capire cosa sia esattamente uno «spazio di A volte ritornano. Si ritrova ora in
edicola la collana dei “Classici del-
l’Arte Rizzoli”, nell’edizione pocket Ski-
ciato all’immagine del Davide e Golia
del Museo del Prado, un dipinto della
maturità del pittore, dagli scuri ga-
eccellenza abitativa archeologica». Con sentenza depositata il 3 marzo, il
Consiglio di Stato ha infatti dichiarato legittimi i vincoli di tutela apposti dal ra: una pallida imitazione di quegli gliardi. Si registrava questa lettura Davide e Golia
piano paesaggistico, approvato nel 2006 dalla Giunta Regionale Sarda, straordinari strumenti di colta divul- confusa e piena di strafalcioni: «È Caravaggio, 1597-98; Madrid, Museo del Prado
sull’area di Tuvixeddu, vincoli che lo stesso Comune di Cagliari aveva in- gazione ideati negli anni Sessanta, di- un’interpretazione del mito quieta- sa in opera con consapevole istinto
vece chiesto di rimuovere, nonostante fossero fondati su qualificati pareri stribuiti con grande successo in edicola mente astratta, forse più ossequiosa combattivo da un adolescente in carne
scientifici (a partire da una pronuncia della Commissione provinciale per la non tanto tempo fa (ben entro il nuovo delle istanze naturalistiche e intellet- e ossa, vero come se l’avessimo davan-
tutela delle bellezze naturali di Cagliari del 1997). Grazie a questa sentenza millennio) con il “Corriere della Sera”. tuali che associavano la naturalezza, ti?
del Consiglio di Stato, che ribalta un pronunciamento del Tar della Sar- La speranza è che in questa nuova non tanto alla rappresentazione della Di fronte a questa parodia del lavoro
degna del 2007 favorevole al Comune, Tuvixeddu è salva. mandata si sia provveduto alle neces- cruda realtà, quanto all’immersione dello storico dell’arte, il quale dovrebbe
Sempre il 3 marzo Legambiente ha presentato “Ambiente Italia 2011” l’an- sarie correzioni dei brevi testi redazio- dei miti in una natura quasi bucolica, tradurre con le parole adeguate ciò che
nuale rapporto sull’uso del suolo nel nostro paese. Alcune cifre: tra il 1993 e nali che accompagnavano la ridotta emendata dall’imperfezione». ha davanti agli occhi, non resta che re-
il 2008, soltanto tra Roma e Fiumicino sono stati cementificati 4384 ettari di antologia di opere. Tremo all’idea che Ma stiamo vedendo lo stesso quadro? citare i classici a memoria: «Come par-
aree agricole, cui fa riscontro un numero impressionante di abitazioni vuo- all’uscita del volumetto su Caravaggio Passi che un episodio biblico fosse de- la? Le parole sono importanti!» (Palom-
te, 245.142 nella sola Roma. Viene da chiedersi: quante Tuvixeddu ci sono si ritrovino alcuni passi esilaranti già finito un mito, ma come si può confon- bella Rossa, regia di Nanni Moretti).
in Italia che rischiano di essere ingoiate da questa progressiva, inutile ma- rilevati nell’edizione del 2003: un epi- dere una camera buia, quasi una stan-
rea di cemento? Pardon, spazio di eccellenza abitativa archeologica. sodio utile a ricordarci che il grande za delle torture, con un ambiente bu-
www.patrimoniosos.it pittore è spesso il bersaglio preferito colico? E definire «un’interpretazione
della cattiva storia dell’arte e della ap- del mito quietamente astratta» una ra-
prossimativa divulgazione. Ci si fer- pida mossa per “finire” il nemico, mes-
Venerdì 11 marzo 2011 il Fatto Quotidiano
LE CLASSIFICHE
VIII 28 febbraio-6 marzo, fonte: Arianna+

CARTELLONE TOP 10-SPETTACOLI


Carlo Conti
TITOLI DI CODA di Gianni Canova (a cura di E. Giovannini e L. Siano)
Noi che... I migliori anni
Mondadori, pagg. 207, € 16,00

Se il cinema I registi italiani raccontano


l’Africa con troppo buonismo:
A. Paronuzzi e L. Paronuzzi (a cura di)
Si... può... fare!!! Le più belle battute di
Frankenstein Junior
Nuovi Equilibri, pagg. 32, € 1,00

fa carità pelosa da Salvatores a Pellegrini,


in sala con “La vita facile”
Paolo Mereghetti
Il Mereghetti. Dizionario dei film 2011
B. C. Dalai Editore, pagg. 5345, € 49,90
M. Kouznetzoff (a cura di)
Monica Bellucci
Rizzoli, pagg. 250, € 50,00

C
ome sono buoni i bianchi. Gli italiani, nunciavano le nefandezze delle nostre imprese nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamen-
soprattutto: caritatevoli, altruisti, gene- coloniali in Libia (Il leone del deserto è stato sot- te scomparso in Africa (1968) di Ettore Scola, Yojiro Takita
rosi. Quando c’è di mezzo l’Africa, poi, to embargo per quasi trent’anni, dal 1981 al chiamato in causa dal regista di La vita facile, Departures. DVD. Con libro
capace che si atteggino a essere più 2009), e ci siamo trastullati con l’imagerie sel- c’entra poco. La memoria va piuttosto a un film Feltrinelli, € 16,90
buoni finanche di un Walter Veltroni. Prendete vaggia e razzista di Africa addio (1966) di Gual- come Finché c’è guerra c’è speranza (1974) di e Rupert Murray
un film come La vita facile di Lucio Pellegrini, in tiero Jacopetti o con le partite di calcio nel de- con Alberto Sordi nei panni di un mercante d’ar- Al capolinea. The end of the line. DVD. Con libro
questi giorni nelle sale. Promosso con tanto di serto maghrebino di Marrakech Express (1989) mi che se ne va in giro nei paesi africani più po- Feltrinelli, pagg. 62, € 14,90
marchio Unicef e legato a una importante Ong di Gabriele Salvatores. La vita facile sembra ora veri a vendere ordigni micidiali con l’irrespon-
come Oxfam Italia, celebra la vita dei medici ita- riprendere una qualche forma di riflessione cri- sabile indifferenza di un rappresentante di for- Roberto Benigni
liani volontari in Kenya con tanto sincero ardore tica sulle motivazioni non sempre nobili che ta- maggini, ossessionato solo dalla necessità di ga- Il mio Dante
da far impallidire la bontà caramellosa del mis- lora muovono certi volontari in missione africa- rantire la “vita facile” alla sua famiglia e di pagare Einaudi, pagg. 145, € 10,00
sionario africano interpretato da Carlo Verdone na, animati da un solidarismo di facciata che tal- i conti-spese che figli e moglie gli fan trovare Laura, Luisa e Morando Morandini
in Io, loro e Lara (2010), dell’ingenuo personag- volta nasconde ragioni molto più meschine e in- puntualmente sul comodino a ogni suo rientro a Il Morandini 2011. Dizionario dei film
gio di Corso Salani in Nel continente nero (1992) confessabili. Come accade al medico interpre- casa. Untuoso, servile e cialtrone, il Sordi di quel Zanichelli, € 29,20
di Marco Risi o del volenteroso giornalista tele- tato da Stefano Accorsi in La vita facile, che alla film è un acrobata pionieristico del marketing Laura, Luisa e Morando Morandini
visivo interpretato da Fabio Fazio (non lo ricorda fine del film si rivela molto diverso da quel che all’italiana: uno che intontisce i clienti, blandisce
Il Morandini 2011. Dizionario dei film. Con CD-
quasi nessuno, ma tempo fa si è fatto anche lui il sembrava all’inizio. E anche l’amico che lo rag- i generali, fa regalini alle signore, “compera” gli
ROM
suo film africano…) in Pole Pole (1996) di Mas- giunge in Kenya, con addosso un elegante ma- intermediari, traffica con tangenti e provvigioni.
Zanichelli, € 36,60
simo Martelli. L’Africa tira fuori l’anima pelosa glioncino di cachemire (Pierfrancesco Favino), Lì, di fronte a un italiano così orrendo, un velo di
degli italiani. La loro/nostra congenita vocazio- non lo fa per spirito di carità ma per sottrarsi a nausea e di acido disgusto impedivano tanto l’i- Tizza Covi; Rainer Frimmel
ne all’elemosina. O alla sfacciata rimozione del un’inchiesta della magistratura sulla malasanità dentificazione quanto l’assoluzione. Qui no. La Pivellina. (Non è ancora domani). DVD. Con
senso di colpa. I francesi hanno costruito intor- e su denari sporchi accumulati lucrando sulla Qui, di fronte a un film come La vita facile, ti libro
no al mito dell’Africa film esotici e pessimisti, pelle dei pazienti. Il problema è che tutto ciò lo si identifichi con i personaggi e ti assolvi con loro. Feltrinelli, € 15,90
pieni di Legione Straniera, oasi nel deserto, uf- scopre solo alla fine, dopo che per tutto il film Con tanto di benedizione dell’Unicef e dell’O-
ficiali in kepi e nostalgia di Pigalle, gli inglesi han-
no celebrato un robusto imperialismo vittoriano
noi spettatori c’eravamo identificati con il me-
dico buono che cura i bambini nella savana e aiu-
xfam. Tanto che viene da rimpiangere l’Africa
raccontata da Marco Ferreri nel suo bellissimo IL FLOP
Nonostante la visibilità mediatica dell’autore e il
alla Kipling, tra grandi esplorazioni e retorica del ta le donne a partorire tra la polvere e le mosche. Come sono buoni i bianchi (1988). Lui la bontà
coraggio, mentre gli americani – eterni bambi- Se non altro per inerzia, anche quando capiamo non la intendeva dal punto di vista etico, ma ga- momento storico “propizio”, La rivoluzione dei
noni – si sono consolati con il mito di Tarzan e le sue vere ragioni non possiamo che assolverlo. stronomico. Intendeva dire agli Africani, e alla gelsomini (Bompiani), instant book di Tahar Ben
con il sogno primigenio della vita sauvage. Noi Assolvendo, con lui, anche quella parte di noi loro fame, che i bianchi – gli italiani in particolare Jelloun sui rivolgimenti nordafricani, stenta a
no. Noi abbiamo censurato i film africani che de- che gli assomiglia. Il modello di Riusciranno i – sono molto buoni. Da mangiare, soprattutto. sbocciare, all’ombra della posizione 218
(classifica generale). Lo scrittore di Fès

FILO SOFILM paragona Gheddafi a una diva del muto che non
si rende conto che il cinema è cambiato. Le
rivoluzioni maghrebine mettono forse in luce il

L’inquieta tramonto di un’altra stella, la stella Tahar?

stella della Weil PRIMIZIE


Marina Jarre, Neve in Val d’Angrogna
Le stelle inquiete, il film di Emanuela Piovano Claudiana, pagg. 148, € 12,90
appena uscito nelle sale italiane, ricostruisce Nel Piemonte sabaudo del Seicento, l’odissea
un breve e felice periodo della vita di Simone di una comunità di montanari valdesi. Per
Weil, e contribuisce a fornire nuovi dettagli sul- capire quanto sanguinano le radici cristiane.
la figura umana, singolare se non affascinante,
della grande filosofa francese. Ma perché biso- Raffaella De Santis, Le parole disabitate
gnerebbe riconsiderare e leggere oggi Simone Aragno, pagg. 302, € 15,00
Weil, questa bizzarra ragazza ebrea, travolta da Cento parole del Novecento, un tempo abusate
un’energia intellettuale che la porta a lavorare e poi cadute nell’oblio. Prezioso ed elegante.
in fabbrica, a discutere e litigare con Trockij e
Bataille, suoi compagni di lotta, a morire troppo Pier Luigi Pizzi, Guido Rossi, Quei maniaci
presto, a soli 34 anni, lasciandoci una quantità chiamati collezionisti
di scritti inediti? Archinto, pagg. 62, € 10,00
In fondo non è difficile rispondere. Ciò che più Due onnivori dell’arte raccontano «un’attività
ci interessa di Simone Weil è la radicalità filo- culturale complessa». E anche costosa. Il
Come sono buoni i bianchi sofica, la necessità di ripensare dall’inizio le lettore vorrebbe saperne di più.
Fabio Fazio interpreta un reporter in “Pole Pole”, film di Massimo Martelli del 1996 forme della vita personale e pubblica: la scien-
za, la cultura, la religione, la politica. Ora noi
oggi avvertiamo collettivamente questa esi- E-PUB
ALTA FEDELTÀ genza, in ogni settore. Molte idee condivise, in
Cristiano Armati, direttore editoriale di
ambito economico, etico-pratico, politico, esi-
Castelvecchi, sul blog “Parole a mano...
stenziale, sembrano essere sempre più spesso
BOLLANI SFIDA ZAPPA in discussione. Ecco dunque la nostra parente-
la con Weil.
Armati”, fa un elenco di cose che l’aspirante
scrittore non deve fare. Tra queste
«paragonarsi alla merda». Quando rifiuta un
di C’è però un punto che credo debba essere
Enzo Gentile Decimo (Pn), il 28 a Livorno, il 29 a Cesena, per chiarito. Bisognerebbe togliere di mezzo i luo- manoscritto si sente dire: «Con tutta la merda
approdare negli Usa in autunno? «Ho pensato al ghi comuni che hanno fatto di Simone Weil una che si pubblica perché non pubblicate anche
na sfida ad alto rischio, sul filo del rasoio recupero di alcune trame dei suoi dischi anni
U per il nostro jazzista più inquieto e crea-
tivo, uno capace di transitare in ogni genere di
Settanta-Ottanta, con citazioni, riletture, ma an-
che parti originali, scritte per l’occasione. Ho
bandiera della moda anti-razionalistica, an-
ti-politica (o impoli-
me?». Altro vizio inelegante l’harpaxofobia
(paura di essere derubati). Sui manoscritti
prendono piede minacce di ritorsioni legali in
tica) che ha domina-
musica: Stefano Bollani, stacanovista onnivoro una trentina di dischi di Zappa e credo sia im- to gli ultimi decenni caso di plagio. E riferimenti alla (inutile)
che ha già dato sfoggio di agilità svariando tra il possibile conoscere tutta la sua opera: mi piac- dello scorso secolo. registrazione presso l’Olaf, la sezione inediti
Brasile, Buscaglione, diverse sfumature jazz, ciono le canzoni, le invenzioni, i testi corrosivi, Bisognerebbe ricor- della Siae. Provate a depositare un titolo tipo
Gershwin e Ravel, ha deciso di calarsi nella mi- l’architettura delle sue musiche: e l’atteggia- dare che la filosofia Divina Commedia, dice Armati. Vedrete che
schia rock, nel confronto con l’artista più genia- mento dissacrante di un artista che cominciai ad di Weil è fondamen- registrano pure quello. (Antonio Armano)
le e imprevedibile degli ultimi 50 anni, il mul- amare divorando, consumando in maniera fre- talmente razionali-
tiforme Frank Zappa. L’impresa, tutta da scopri- netica lp come Grand Wazoo o Tinseltown re- sta. L’elemento co-
re venerdì 18 marzo, in apertura di Bergamo bellion. Zappa nella sua carriera-tritacarne ha stante e centrale
Jazz, storico festival diretto con lungimiranza da fatto passare tutta la musica del secolo in cui è nella sua opera è la
La razionalista
Paolo Fresu, è impegnativa e denota un coraggio vissuto, dalla cosiddetta “classica” al jazz (di cui Lara Guirao interpreta Simone Weil
nozione di pensiero, in “Le stelle inquiete”,
che sconfina nello sprezzo del pericolo. diceva: “Non è morto, ma ha un odore ben stra- pensata al modo
Frank Zappa, scomparso alla fine del 1993, fu no”) fino al rock dei suoi coetanei. Noi, senza film di Emanuela Piovano
greco, come «dialo-
chitarrista, cantante e soprattutto compositore chitarre nella band, cercheremo di riprenderlo go dell’anima con se stessa», ed è questa no-
dalle peculiarità sorprendenti, in grado di ina- con rispetto e divertimento: la sua musica e il zione che diventa principio di un programma
nellare in una discografia sterminata – contiamo suo spirito sono più che vivi, sono necessari». politico. Weil mira in ultimo alla filosofia realiz-
più di cento album a suo nome, con doppi e tri- Da attendersi, dunque, tutt’altro che riverenza e zata, che non significa Hegel in parlamento, ma
pli a profusione – meriti ed eccellenze fuori dal- sudditanza verso le fonti d’Oltreoceano: per ca- piuttosto: permettere che ciascun individuo sia
l’ordinario, per un eclettismo oltre i generi e le pire, invece, quanta e quale influenza esercitò padrone per quanto è possibile del proprio Redazione: viale Montello, 14 - 20154 Milano
categorie. qui in Italia quella musica, si consiglia il volume pensiero. Troviamo la stessa intuizione alla ba- saturno@ilfattoquotidiano.com
Bollani si misura con quel vortice di linguaggi, di Marilisa Merolla appena pubblicato da Coni- se della visione della politica di un’altra ebrea
ingredienti, sollecitazioni, affiancato da un glio, Rock’n’roll italian way che nel sottotitolo amante della grecità e del cristianesimo, Han-
quartetto di illustri jazzisti americani, per un è tutto una promessa e una minaccia, Propagan- nah Arendt. La prospettiva di Arendt è più laica
tour che nel titolo cita uno storico disco dello da americana e modernizzazione nell’Italia e programmatica di quella di Weil, e in lei l’ipo-
zio Frank, lo Sheik Yerbouti del 1979: cosa che cambia al ritmo del rock 1954-1964. tesi si tratteggia più chiaramente. Ma Arendt
ascolteremo nello Sheik YerZappa che dopo il A scanso di equivoci, Bollani non era ancora na- ebbe molto più tempo per elaborare la sua pro-
debutto a Bergamo sarà il 20 a Perugia, il 23 a to: avrebbe provveduto nel ’72, il 5 dicembre: posta.
Poggibonsi, il 25 e 26 a Roma, il 27 ad Azzano Zappa era del 4. Franca D’Agostini
Venerdì 11 marzo 2011 pagina 11

ECONOMIA

IL PREZZO DI MISTER BUCO


Varazzani deve risanare i conti di Roma, ma intanto
i fondi della sua struttura salgono da 200 mila euro a 2,5 milioni
di Marco Palombi che stavolta – sempre grazie

uesta è una storia di de-


al decreto di cui sopra – è una
specie di Superman: può ad- SACE Indagine Ue
Q biti comunali, grossi sti-
pendi, documenti fan-
tasma e leggi ad perso-
nam. Massimo Varazzani, è
dirittura ricontrattare il debi-
to con le banche a suo pia-
cere. Tanto potere ha ovvia-
mente bisogno di fondi ade-
per aiuti di Stato
stato fino al maggio scorso a
capo della Cassa depositi e
prestiti –, il braccio armato
guati: la struttura commissa-
riale – che costa sostanzial-
mente quanto gli stipendi di
Lliana,aciale
Commissione europea ha aperto un’indagine uffi-
su Sace, l’Agenzia di Credito all’Esportazione ita-
per presunti sussidi statali illeciti. Controllata al
finanziario del suo grande chi ci lavora – passa così in- 100 per cento dal ministero dell’Economia e delle Finan-
sponsor, Giulio Tremonti, spiegabilmente dal costare ze, Sace assicura da oltre trent’anni i rischi a cui sono
che infatti lo tiene presente 200 mila euro l’anno a 2,5 mi- esposte le imprese italiane nei loro investimenti all’este-
per ogni posto di peso abbia lioni. ro. Dal 2004, inoltre, fanno capo a Sace Spa una serie di
la necessità di occupare, an- agenzie minori, come la società di factoring Sace Fct o
che nell’attuale risiko di no- ANCHE lo stipendio di Mi- Sace Bt, specializzata nella copertura dei rischi di credito
mine che vede il ministro del ster Buco prende il volo: fino a breve termine.
Tesoro contrapposto a Gian- a Oriani il commissario gua- Al centro dell’indagine della Com-
ni Letta. Ma da settembre Va- dagnava il 20 per cento in missione Europea figurano due
razzani è il commissario meno dei superdirigenti co- iniezioni di capitale effettuate da
straordinario del governo munali, ora “in misura non Sace Spa – che ha preferito non
per la gestione dell’enorme superiore al costo comples- commentare la notizia dell’apertu-
debito del Comune di Ro- sivo annuo del personale del- ra dell’indagine – proprio nel bilan-
ma. l’amministrazione di Roma cio della controllata Sace Bt. La pri-
Massimo Varazzani con il ministro Capitale incaricato della ge- ma è datata 2004, anno in cui Sace
LA VICENDA opaca del Giulio Tremonti (FOTO LAPRESSE) stione di analoghe funzioni fu trasformata in società per azioni
fardello che pesa sulla città
amministrata da Gianni Ale-
Il manager vicino transattive”. Formula bizzar-
ra che vale, secondo conti a
e nelle casse di Sace Bt vennero de-
positati 105,8 milioni di euro. La seconda è invece più
nico Oriani: quest’ultimo pe-
manno (vedi il Fatto del 20
gennaio) è questa: l’ex colon-
a Tremonti può raltro, ad agosto, apprese so- spanne, tra i 600 e gli 800 mi-
la euro. E va sottolineato che
recente e risale al 2009, quando una cifra – ad ora im-
precisata – andò a coprire le perdite accumulate da Sace
lo leggendo i giornali di es-
nello di An, appena insedia-
to, denunciò un enorme bu-
incassare fino sere prossimo alla sostituzio- le risorse necessarie per pa-
gare Varazzani saranno tolte
Bt nel corso dell’anno.
Né Sace né il governo italiano notificarono questi trasfe-
ne, mentre a fine settembre
co nei conti del comune e ad un fondo destinato alle rimenti di denaro alla Commissione europea. Che ora
s’accordò col governo per a 800 mila euro, lo informarono “per le vie
nuove assunzioni del Comu- contrattacca. “Nel mercato dell’assicurazione del credi-
brevi” – scrive in una irritata
farlo gestire da una struttura ne. ù to all’esportazione le compagnie a controllo pubblico
commissariale in barba al Te- ma forse è anche lettera a Tremonti – di sgom-
brare la scrivania. La storia, però, non è finita: competono non solo tra di loro, ma anche con compa-
sto unico sugli enti locali, che Mister Buco rischia pure di gnie private”, spiega il Commissario europeo per la Con-
in casi simili prevedrebbe la incompatibile, ORIANI, non gradendo il essere incompatibile (con re- correnza Joaquìn Almunia. “Per questo dovremo accer-
dichiarazione di dissesto. L’u- lativa nullità degli atti emana- tarci che Sace Bt non abbia usufruito di aiuti statali volti a
nico problema è che dopo tre dicono i Radicali trattamento, ha fatto pure ri-
corso al Tar, il quale il 16 di- ti). Da dicembre, infatti, Va- falsare la normale competizione.”
anni di studio matto e dispe- cembre gli ha dato ragione razzani è presidente della Stt Antonio Tricarico, membro della Campagna per la Rifor-
rato ancora non si sa di quanti si dice che “è approvato” il annullando la nomina di Va- Spa, disastrata azienda parte- ma della Banca Mondiale, dice di non essere sorpreso
miliardi si parla: Alemanno “Documento di accertamen- razzani. Panico al Tesoro, ma cipata della sua nativa Parma, dalla notizia dell’apertura dell’indagine: “Da anni come
nel 2008 disse che erano un to del debito” del luglio per poco: la soluzione è una il che è in contrasto con la società civile segnaliamo alla Commissione europea e al-
po’ più di otto e presentò una 2010. Solo che nessuno l’ha leggina ad personam infilata legge Frattini del 2004: Ric- l'Ocse che le Agenzie di Credito all'Esportazione spesso
relazione della Ragioneria mai visto, men che meno gli nel solito Milleproroghe. cardo Magi, segretario radica- adottano pratiche dubbie che rischiano di andare ben
del comune, poi un assessore onorevoli: Emma Bonino – i Il commissario, dice ora la le di Roma, ha già presentato oltre i limiti loro imposti come aiuti di stato: dalla can-
salì a nove e mezzo e, l’anno Radicali sono gli unici ad oc- legge, “deve essere in posses- un esposto all’Antitrust, che cellazione del debito commerciale conteggiata come aiu-
scorso, il buco prese l’ascen- cuparsi del caso – ne ha chie- so di comprovati requisiti di ha aperto un procedimento. to allo sviluppo all'utilizzo di veicoli off-shore e fuori bi-
sore fino a 12 miliardi. Come sto una copia durante la di- professionalità nella gestione Varazzani deve aver capito lancio, come nel Regno Unito. Speriamo che questa volta
si arrivi a questa cifra non è scussione in Senato e ancora economico-finanziaria acqui- che tira una brutta aria, tanto si vada fino in fondo e si guardi in seguito a tutti gli altri i
chiaro, nessuno infatti s’è aspetta risposta. Il problema sitinel settore privato”. Per- che qualche rumor lo dà in paesi.”
preso la briga di farlo sapere è che il debito sarà pure ac- ché? Perché Oriani è un ma- corsa per la presidenza di Se l’indagine dovesse appurare l’illegalità dei sussidi ri-
ai cittadini: il commissario, certato, ma adesso Varazzani gistrato e ha lavorato solo nel Terna, società per azioni a cevuti da Sace Bt, ci sarebbero allora i margini per una
per dire, avrebbe dovuto pre- – sempre a stare al Millepro- pubblico. Sistemata la fac- controllo pubblico che gesti- procedura di infringement contro l’Italia da parte della
sentare il suo lavoro al Par- roghe – dovrà riaccertarlo. cenda (più o meno: l’iter giu- sce la rete elettrica. Intanto, Commissione, che potrebbe portare il caso davanti alla
lamento, ma s’è guardato be- Il manager tremontiano è ad- diziario non è finito), Berlu- in Comune, il terrore corre Corte di Giustizia dell’Unione europea.
ne dal farlo. Adesso, poi, è dirittura il terzo Mister Buco sconi a gennaio provvede a sul filo della liquidità: che Sergio Colombo
spuntato persino un dossier dopo lo stesso Alemanno e il rinominare Varazzani, solo succede se non si riesce a pa-
fantasma: nel Milleproroghe magistrato contabile Dome- gare i conti?

DOPO LA FIAT

UN FLOP I “CAVALIERI BIANCHI” CHE VOGLIONO SALVARE TERMINI IMERESE


di Giovanna Lantini soprattutto, con un progetto (Sunny no che dovrebbe avere Termini Ime- ditore non dovrebbe superare il 30 per con Umberto Agnelli, pare invece
Milano car in a sunny region) che non ha regi- rese come polo principale, per far suo- cento del totale. Copione simile a Li- aver colto molto bene lo spirito del-
strato neanche l'entusiasmo del suo nare qualche campanello d'allarme. vorno, dove il progetto di rilancio par- l'operazione Chrysler “a costo zero”.
cavalieri bianchi selezionati dal go- principale partner, la Regione Sicilia, tirà se tutto va bene con un anno e D
IImerese
verno per il salvataggio di Termini
barcollano prima ancora di
quasi spicca per affidabilità in con-
fronto agli altri due “campioni”. Co-
DEI 380 MILIONI di investimenti
previsti per la ex Fiat, almeno 200 do-
mezzo di ritardo. I 146 dipendenti ex
Delphi in cassa integrazione inizieran-
el resto di lui a Torino i più benevoli
dicono che le idee le ha, anche buone,
entrare in azione. È salito infatti a tre me i pugliesi della Fratelli Ciccolel- vrebbero arrivare dalle banche. Un fi- no a breve, dopo una lunga attesa, i sono i soldi che gli mancano. E le sue
su sette il numero dei progetti inseriti la, che a Termini vorrebbe realizzare nanziamento che secondo indiscre- corsi di formazione sui quali, a Livor- ultime esperienze da imprenditore
da Invitalia nella short list per suben- delle serre fotovoltaiche, ma che è ri- zioni lanciate senza eco da Radiocor a no come a Torino, dove gli operai so- fanno riflettere: nel 1994 tenta il rilan-
trare alla Fiat in Sicilia che stanno su- masta indirettamente coinvolta nel- fine 2010 e non nettamente smentite no in gran fermento, grava il via libera cio della Seleco che naufraga dopo tre
scitando più di una perplessità. E nel- l'inchiesta Energopoli di Crotone su dalla società, dovrebbe essere sbloc- ai finanziamenti chiesti all'Ue (19 mi- anni, mentre di recente si è parlato
la triade Simone Cimino, con il suo presunte truffe sui fondi Ue. Certo, i cato da un’ipoteca proprio sull'immo- lioni in totale). (senza seguito) di un suo progetto in
curriculum di salvataggi che non de- guai riguardano la Ciccolella spa quo- bile Fiat, anche se non è ancora chiaro tandem con Virgilio De Giovanni,
collano, di bracci di ferro in Borsa e, tata in Borsa il cui ormai ex ad, Cor- se e in che termini Torino intenda ce- IN TOSCANA è intervenuta diret- quello della Freedomland, il primo
rado Ciccolella, da qualche giorno è dere la proprietà dello stesso. Altret- tamente la Regione con 1,5 milioni, clamoroso disastro borsistico della
I dipendenti di Termini sempre più preoccupati (FOTO ANSA) ai domiciliari. E, come ha rimarcato tanto poco chiaro è come altrimenti mentre il Piemonte sconta il cambio di new economy. Da manager ha avuto
Ciccolella a un'allarmata Invitalia, si Rossignolo possa ottenere il fido dalle amministrazione e solo ora sta varan- fortune alterne: se è riuscito salvare la
tratta di società diverse. Tuttavia l'am- banche, visti i trascorsi in Toscana, do un bando ad hoc da 4 milioni. Senza Zanussi portandola in pancia alla Elec-
ministratore arrestato è lo stesso. con Mps che nel caso di Livorno si era contare che lo stabilimento di Livorno trolux per conto della potente fami-
sfilata all'ultimo per “soli” 10 milioni. è in affitto gratuito a Rossignolo e la glia svedese Wallenberg, ben poco è
NON FA STARE sereni neanche Forse si profila una soluzione tipo regione, dopo la fuga di Mps, è inter- durata la sua esperienza come presi-
Gian Mario Rossignolo, il cui pro- quella trovata in Piemonte? Per l'im- venuta con un prestito da 2,5 milioni. dente di Telecom Italia, dopo uno sfor-
getto per l'auto di lusso targata De To- pianto Pininfarina intervenne la Re- Difficile quindi condividere l'opinio- tunato tentativo di salvataggio della
maso era considerato il più affidabile gione ai tempi di Mercedes Bresso ne di chi ha ribattezzato Rossignolo Olivetti Personal Computer. Chi ha
di tutti. Basta fargli due conti in tasca e che, oltre ad aver promesso a De To- come “l'anti-Marchionne”, l'uomo cui avuto dei conflitti con lui lo definisce
vedere come l'imprenditore sabaudo maso un contributo a fondo perduto bastano novemila pezzi per portare in “un incantatore che riesce a farti cre-
si è mosso in Piemonte e Toscana con i di 18 milioni, ha comprato per 15 mi- pareggio un'azienda. Già perché il ma- dere di poter coltivare gli orti nel de-
“salvataggi” dell'ex impianto Pininfa- lioni la struttura per poi affittarla a Ros- nager piemontese, che in Fiat è cre- serto”. E le sue doti seduttive con la
rina di Grugliasco (Torino) e della Del- signolo a 3,9 milioni in sei anni. E l'in- sciuto fino allo strappo con Cesare Ro- politica, a ottant'anni suonati, pare
phi di Livorno, parti integranti del pia- vestimento complessivo dell'impren- miti e che vantava una solida amicizia diano ancora ottimi risultati.
pagina 12

DAL MONDO

Scene di guerra
quotidiana: ribelli e
pozzi di petrolio
bombardati nell’est
della Libia, a Sedra;
un guerriero
cammina sulla sabbia
con le truppe alle sue
spalle (FOTO LAPRESSE)

Mappe
dc

Unione africana,
FRONTE SPARSO
Un solitario Sarkozy propone bombardamenti
fedele alleata La Nato delibera un blocco navale già esistente
di Claudia Gazzini*
as Lanuf e il suo petro-

R
lo libico. cana che incrociano nelle ac- non hanno la capacità di reg- nuf e l’altro terminale petro-
entre la Lega Araba si lio abbandonati dalle
M accinge a riunirsi per
votare il divieto di sorvolo
forze ribelli di Bengasi,
e pronti a cadere di
La “No fly zone” per fermare
i raid del Colonnello bocciata
ancora (a meno di pesanti
que internazionali del Golfo
della Sirte. I regimi del Golfo
Persico che non hanno mai
gere l’impatto dei più armati
e addestrati uomini di Ghed-
dafi (chi si è imbattuto nei re-
lifero costiero di Brega, nuova
linea di difesa del fronte dei
patrioti di Bengasi.
aereo sulla Libia e nuovo in quelle, meglio ar- bombardamenti dei caccia di amato l’arroganza personale parti avanzati delle truppe fe- “Stiamo arrivando”, ha an-
l’Organizzazione della mate, degli uomini di Ghed- Gheddafi) dalla Nato, anche e l’influenza ideologica di deli al raìs sul fronte orientale nunciato ieri Seif Al-Islam in
Conferenza Islamica si dafi. La Francia disposta a ri- se in cambio l’Alleanza atlan- Gheddafi hanno affermato parla di militari che seguono tono di sfida rivolto ai ribelli
dichiara favorevole a una spondere con le bombe - pa- tica annuncia un blocco na- che ormai il regime di Tripoli una precisa linea di comando invocando Allah, come del re-
possibile azione Onu in tal rola di Sarkozy - alle bombe vale che di fatto già esiste con ha perso legittimità; il figlio e rispettano precisi compi- sto fanno i volontari di Ben-
senso, l’Unione africana che il raìs ha infine deciso le unità della V flotta ameri- del raìs Seif Al Islam risponde ti). gasi quando partono all’attac-
continua a evitare di debbano colpire obiettivi ne- indirettamente mandando a co.
prendere una posizione mici e non solo cadere, quasi quel paese la Lega Araba. INOLTRE il Colonnello, no- L’Eni annuncia che fermerà
ufficiale nei confronti della
crisi libica. L’unica
innocue, attorno. I servizi È stato un lungo giorno di
guerra sul terreno, nella di-
nostante il congelamento dei
beni all’estero, potrebbe an-
presto quel che resta della
produzione di gas e greggio
dichiarazione finora fatta
risale al 23 febbraio ma si
GLI AMERICANI che
aprono ufficialmente contatti
americani: plomazia e nella politica in-
ternazionale, con un accele-
cora contare su fondi per il
valore di decine di miliardi di
libico. Lo sfruttamento dei
pozzi contesi è sempre più a
trattava solo un comunicato
di rammarico per l’uso della
con il governo libero della Ci-
renaica, dopoché Parigi ha ri-
“Alla fine razione degli eventi che po-
trebbe portare all’internazio-
dollari da elargire in contanti
ai propri miliziani, alla popo-
rischio (500.000 barili al gior-
no, contro gli 1,2 milioni del
violenza contro i civili. conosciuto il Consiglio nazio- nalizzazione del conflitto tra lazione ancora fedele - seppur normale) e i prezzi dei car-
Gheddafi, si sa, è il nale di Bengasi, ma tendono il raìs vincerà” ribelli e governativi. solo per paura o convenienza buranti in Europa potrebbero
principale ideatore e anche a eslcudere un inter- Perchè a molti esperti appare - e comprare dunque anche la risentirne ancora di più: è il
finanziatore dell’Unione vento diretto, che potrebbe Tripoli ormai chiaro che i ribelli da fedeltà a tempo delle tribù be- più evidente e quotidiano ef-
africana e la caduta del avere “effetti imprevedibili”: soli non possono risolvere la duine, fondamentali per man- fetto della guerra civile dal-
leader libico potrebbe ovvero, i militari statunitensi riconquista situazione sul terreno: sul tenere aperte le linee meri- l’altra parte del Mediterra-
avere dei seri effetti si guarderanno bene dal farsi lungo periodo, giudica il Pen- dionali di rifornimento delle neo.
negativi sul futuro di trovare ufficialmente sul suo- Ras Lanuf tagono, le forze di Bengasi truppe avanzate verso Ras La- (S. C.)
questa organizzazione
internazionale. Ciò spiega
il contrasto tra l’intervento DISORDINI D’EGITTO
immediato dei presidenti
africani sulla crisi in Costa
d’Avorio (riunitisi
d’urgenza ad Addis Abeba)
e il loro prolungato
TRA COPTI E MUSULMANI, LA POLIZIA GIOCA COL FUOCO
silenzio sulle faccende di Marco Alloni te insieme, ogni degenerazione è da imputare alla
domestiche del loro Il Cairo baltaghia. Khaled fa addirittura appello all'Alleanza
principale contribuente. dei Giovani della Rivoluzione – costituita da otto di-
Molti leader africani fondamentale non fraintendere il significato de- versi movimenti scaturiti dalle manifestazioni del 25
devono la loro attuale
carica a Gheddafi, come
È gli scontri fra copti e musulmani in Egitto. Non si
tratta di odio interconfessionale, ma di provocazioni
gennaio – per non cadere nella provocazione portata
dalla polizia politica ed esortandola a mantenere la
Idriss Deby, il presidente fomentate dalla polizia politica (l'Amn El-Dawla), calma.
del Ciad, che secondo un decimata dagli arresti ma ancora decisa a seminare
rapporto dell’International disordine nel Paese per screditare i risultati della ri- L'Egitto sostiene Khaled, assiste per la prima volta
Crisis Group è riuscito voluzione. In queste ore non un solo osservatore o all'elezione di un primo ministro (Esam Sharaf) estra-
rimanere al potere fino a commentatore ha avuto in Egitto l'imprudenza di neo all'Amn El-Dawla, non designato da esso, accolto
oggi grazie ai soldi del rais parlare di odio religioso. Semmai lo ha fatto qualche benevolmente dalla folla e pronto ad assecondare
libico. analista occidentale ancorato al pregiudizio dell'on- l'esercito nella protezione della cittadinanza. Cedere
Forse oggi l’Unione nipresenza del fondamentalismo islamico nei paesi alle provocazioni equivarrebbe a riportare il Paese nel
africana sta ripagando con arabi. I 13 morti e i 150 feriti provocati dagli scontri caos e a compromettere i risultati della rivoluzione.
il proprio silenzio del Muqattam – il monte che sovrasta il Cairo – sono Non dimentichiamo che i copti che stavano mani-
l’appoggio politico e riconducibili a una sola causa: la baltaghia. La stes- festando davanti alla Televisione di Stato chiedevano
finanziario di Gheddafi. sa organizzazione criminale di teppisti assoldati da pacificamente soltanto diritti elementari di protezio-
Deby ha fatto ancora di quel che resta dell'Amn El-Dawla di cui avevamo ne e di garanzia per sé e per le proprie famiglie. Non
più. Ha inviato un fatto conoscenza in piazza Tahrir durante i giorni invocavano nemmeno – come alcuni analisti avevano
centinaio di veicoli carichi della rivoluzione quando, armata di bombe molotov, temuto – il cambiamento dell'Articolo 2 della Costi-
di armi e attrezzatura cavalli e cammelli aveva trasformato una pacifica tuzione, che afferma essere la giurisprudenza egi-
anti-aerea al suo alleato manifestazione in una carneficina. ziana ispirata alla Sharia. Le premesse di una pro- La paura dei Copti
libico. Infatti, a comando secuzione pacifica delle manifestazioni c'erano dun- Immagini del presidio che
di questo convoglio A questo dovremmo prestare attenzione, non al que tutte. Bisogna vigilare non sulle confessioni ma i cristiano copti tengono
armato diretto a Tripoli conflitto interconfessionale. Nessuno in Egitto – dalle sulla baltaghia. Lo stanno facendo i cittadini, ignorati da giorni davanti alla
sarebbe, secondo il sito di gerarchie musulmane a quelle ecclesiastiche, dai dai media occidentali. Questo è l’Egitto che ha cac- Televisione di Stato, al
notizie Libya al-Youm, il giornalisti ai politologi – è disposto a ricondurre lo ciato Mubarak. L'altro serve a chi specula sul conflitto Cairo, dopo l’incendio di
generale Uthman Bahr, scontro a cui si è assistito da venerdì, a seguito del- fra religioni pur sapendolo minoritario ed estraneo una chiesa nella regione
cugino del presidente. In l'incendio della chiesta vicino a Helwan, al regola- alle grandi questioni di cui si dibatte oggi nel paese. di Helwan e dopo gli
questo conflitto sembra mento di conti privato che ha opposto una famiglia Centinaia di musulmani, ieri, hanno infatti assistito ai scontri nella capitale che
che l’Africa sia rimasta cristiana a una musulmana per ragioni di cuore. Dal funerali dei giovani cristiani morti nella notte di mar- martedì notte hanno
l’ultimo alleato del pope Shenouda III al più famoso predicatore musul- tedì. Alle esequie si potevano leggere cartelli con scrit- portato alla morte
colonnello. mano egiziano – Amr Khaled – la questione è chiara: te: “Copti e musulmani siamo mano nella mano: sono almeno 13 persone
*European University Institute le due confessioni stanno manifestando pacificamen- tutti egiziani”. (FOTO F. BUCCIARELLI)
Venerdì 11 marzo 2011

DAL MONDO

Frattini 1 e Frattini 2 DALAI LAMA


N
“Lascio il mio
ruolo politico”

la Farnesina I l Dalai Lama, ieri, in


occasione del 52°
anniversario della rivolta
in Tibet ha annunciato che
lascerà il proprio ruolo
politico di rappresentante

non sa che fare


del governo tibetano in
esilio per restare solo
“guida spirituale” della
sua gente. “Ha parlato
spesso di ritiro. È solo un
trucco”, il commento
ufficiale della Cina.
PUNTARE O NO IL DITO CONTRO
L’EX AMICO GHEDDAFI?
cora taceva, ma quando parla e “Chi critica gli onori dovuti è un’Europa da islamizzare. Sa-
l’Europa si indigna per i massa- gente che non conosce né la pete qual è il problema? L’Italia
di Maurizio Chierici Cronologia cri, Frattini balbetta “Non so se
Gheddafi abbia ancora un ruo-
politica estera, né gli interessi
dell’Italia. Da questa opposizio-
soffre di un colonialismo di ri-
torno, invece Gheddafi è pre-
ostalgia della nostra di- di un “dubbio” lo negli equilibri mediterra- sidente dell’Unione africana,

N
ne non ci aspettiamo niente”.
plomazia negli anni nei”. Lo ripete a Bruxelles dopo politico capace di mettere un
della Prima Repubbli-
ca. Ministro Medici
permanente una riunione che prefigura
l’embargo e la caccia ai tesori.
Orgogliosi di
“una solida amicizia”
proprio collaboratore a presie-
dere l’Assemblea dell’Onu e va
N
con l’eleganza di Pirandello,
che ha Ma appena il raìs se la prende in giro per l’Africa a dire che l’I- CINA
Emilio Colombo travestito da con l’Italia, Frattini non si trat- talia è il solo paese ad aver su-
manager soave, Andreotti tiene: “Accuse piene di retori- MA DA GHEDDAFI sì: “La perato il colonialismo. Quante “Il partito unico
sottile nelle perfidie. Berlu- mandato ca. Mai venduto razzi ai rivolto- nostra amicizia è solida. Rap- porte ci apre nel continente non si tocca”
sconi indossa la doppia livrea si della Cirenaica. Tutto ha un porti che non può vantare nes- nero…”. Come mai non ha af-
in tilt la nostra
che fa “grande l’Italia nel
mondo”: Palazzo Chigi e Far-
nesina. Il D’Alema professo- diplomazia
limite”. Quattro giorni dopo,
27 febbraio, perde la pazienza:
“Adesso basta. Gheddafi se ne
sun altro paese. Leggendo i
giornali inglesi si vede quanto
sia il disappunto perché l’Italia
frontato il tema dei diritti uma-
ni? “Puntando il dito contro la
Libia non si ottiene nulla. La
N o a un sistema
multipartitico, alla
separazione tra potere
rale riprova ad allargare la di- vada”. Aggiunge il “congela- ha soppiantato la City in Libia. politica estera è complessa. La legislativo, esecutivo e
gnità di un paese che non di- mento del trattato italo-libico”, Quanto all’Europa che diven- realtà del mondo arabo è com- giudiziario o all'adozione
mentica i popoli perduti, e ormai over”. Fuori, inutile. Il 17 risarcimento miliardario dei terà islamica è solo folklore. La plessa…”. Così complessa che di un sistema federale. Il
poi... E poi arriva Frattini. gennaio provava ancora a salva- danni dell’ invasione fascista figlia di un amico fraterno per per obbedienza dovuta al Ca- partito Unico non si tocca.
Non lasciamoci ingannare re l’amicizia tra Berlusconi e il non pagato in dollari ma auto- caso era presente all’incontro valiere e un po’ per distrazione Lo ha detto, davanti ai
dallo strabismo di Venere. raìs. Gheddafi riformista, ga- strade, ferrovie e costruzioni con le ragazze: racconta che il povero ministro non si era ac- 3mila delegati il
Ministro dalle idee chiare, ranzia contro il terrorismo isla- che fanno girare tante imprese Gheddafi non ha parlato di corto di niente. presidente dell’Assemblea
coerenza collaudata. Ogni mico. E un riformista con qual- italiane. Cosa vuol dire congela- Nazionale del Popolo Wu
parola è una pietra che glo- che problema non deve essere mento? Perché non dichiarare il Il ministro degli Esteri, Franco Frattini (FOTO ANSA) Bangguo, il “secondo” più
rifica il monumento della no- disturbato, parole di Berlusco- trattato decaduto? Bugia di La potente dopo il segretario
stra politica estera. Per capire ni che il ministro sottoscrive. “È Russa: è la stessa cosa. E Frattini Hu Jintao. “Non
come i paesi normali possa- un modello di dialogo con le fa capire: verrà riattivato con seguiremo i modelli degli
no tenere in considerazione popolazioni”. Rete di consigli chi sarà al potere quando la altri” ha proseguito, con
l’Italia, basta ripassare cos’ha tribali, quindi democrazia par- guerra finisce. Poi i giornali riferimento all’occidente.
detto di Gheddafi. Non una tecipata. Insomma, gatte da pe- gonfiano il numero dei morti
sbavatura. Razionale e coe- lare, ma sono problemi interni. (meno di 400, censimento do- AFGHANISTAN
rente. “Non siamo intervenuti in Tu- loroso di ieri): Frattini li gonfia a
nisia e in Egitto” rispettando i mille. Impossibile sopportare Ucciso dalla Nato
Berlusconi disse: “Non ruoli di Bel Ali e Mubarak, per- un dittatore “che spara contro cugino di Karzai
lo voglio disturbare” ché dovremmo raccogliere le donne e uomini del suo popo-
voci di Bengasi tradizionalmen-
te ostili a Gheddafi? E gli onori
troppo caldi della visita di a Ro-
lo”. Ammette che della “situa-
zione libica l’Italia non era in-
formata” nell’agosto scorso
U n cugino del
presidente afghano
Hamid Karzai sarebbe
E LA FARNESINA si inse- ma, vergini armate e 30 cavalli, quando ha sopportato il carne- rimasto ucciso durante
dia nel Mediterraneo come po- Berlusconi che bacia la mano: vale di Roma del signore del pe- un'operazione delle forze
tenza di riferimento di un’Euro- “Onori di stato ad un ospite che trolio attorno ai tavoli dove il Nato nel sud del Paese. Lo
pa che naviga di bolina tra gli af- è anche un partner importante Cavaliere aveva raccolto Eni, hanno riferito fonti
fari e i diritti umani. Per chiarire per il nostro paese”. Obama an- Finmeccanica, Enel, Unicredit. afgane. Le autorità hanno
le idee a chi guarda Roma per aperto un'inchiesta
decidere interventi che l’Oba- sull'episodio, mentre un
ma furioso trova complicati,
ecco l’autunno del nostro si-
gnore degli esteri. Ultima ester-
nazione: Tripoli e Bengasi sullo
I dodici piccoli golpisti libici portavoce dell'Isaf ha
riferito che “sono in corso
indagini”.

stesso piano. “Smettete di spa- COME IL COLONNELLO HA ELIMINATO DAL POTERE I COMMILITONI CHE FECERO LA RIVOLUZIONE YEMEN
rare”. La penultima decisione
l’ha presa a Palazzo Chigi. Ber- di Stefano Citati Dei 12 apostoli che con lui tina, ma alla guida il 27en- dopo in parte riabilitati); Saleh e la “carta”
lusconi impegnato a registrare iniziarono a complottare ne Muhammar Gheddafi e Abdel Monein Al Huni delle riforme
qualcosa in Tv si teneva in con- alla fine dei 12 piccoli nel 1965 (in quanto mem- fuggì per poi rientrare nei
tatto: decideva Frattini assieme
alla Russa, forse sulla no fly zo-
Eunogolpisti libici ne rimase
solo. È una trama di
bri del Movimento degli uf-
ficiali liberi) contro il re-
altri 11 ufficiali.
Freschi di corso nella più
rinomata scuola di guerra
ranghi, come Moham-
med Najm. I l presidente yemenita
Saleh, ha annunciato il
ne e le basi che l’Italia mette a Agatha Christie l'elimina- gno di Idris e formarono il britannica, Sandhurst e Dal 1975 della cerchia ini- varo entro l’anno di una
disposizione dei bombardieri zione dei compagni di ri- Consiglio del comando ri- con le idee chiare su dove ziale rimanevano Musta- nuova Costituzione che
Nato. Durata del vertice, 15 mi- voluzione di Muhammar voluzionario alla guida del la Libia, dove dieci anni pha Kharrubi, Abu Bakr faccia transitare il paese a
nuti. E la dichiarazione finale ne Gheddafi: partiti insieme putsch del 1° settembre prima erano stati scoperti i Junes e Hamdi Khoulidi, un sistema parlamentare
riflette il decisionismo: “Ognu- per conquistare il potere, il del 1969, solo 6 anni dopo primi giacimenti petrolife- promossi generali dell'inu- che controlli l’esecutivo.
no deve prendersi le proprie re- Colonnello (allora capita- ne restavano 5 e solo 3 di ri, dovesse andare. tile e mal considerato eser- “L’iniziativa è arrivata
sponsabilità”. Bisogna dire che no) si è sbarazzato dei suoi questi sono tuttora vicini a Gheddafi era inizialmente cito del raìs: sono ancora troppo tardi e le richieste
negli ultimi giorni Frattini non commilitoni strada facen- Gheddafi nella sua ultima un primus inter pares tra con lui ma senza grande della piazza vanno oltre e
ha peli sulla lingua: “Gheddafi è do. battaglia. militari che condivideva- peso decisionale. sono più grandi”, ”, ha
no la visione pan-araba e la Resta Abdel Salam Jal- detto il portavoce
CI VUOLE la conoscenza sete di cambiare la storia lud, inizialmente il nume- dell’opposizione.
e la memoria di Angelo Del ma ben presto, sia per l'a- ro 2 della giunta allontana-
Boca per rintracciare e ri- spetto da novello “Che to una quindicina di anni fa MAROCCO
costruire i nomi e la sorte Guevara del Maghreb” in e del quale anche in questi
degli ufficiali che, pren- sahariana e occhiali a spec- giorni si è parlato come Il Re: “Una nuova
dendo esempio dalla presa chio che per la volontà fe- possibile alternativa. In Costituzione”
del potere di Nasser nel vi- roce di prevalere, il Colon- realtà sarebbe fuori dai gio-
cino Egitto e sulla spinta
della rabbia e della frustra-
zione per la sconfitta araba
nello è diventato il volto, e
il corpo, del potere.
A metà degli anni '70 i suoi
chi.
Rimane Gheddafi, alcuni
dei suoi figli, della sua tribù
I l re del Marocco,
Mohamed VI, ha
annunciato la riforma
nella guerra contro Israele compagni di rivoluzione di Sirte. La rivoluzione, e la costituzionale:
del '67, in due ore il primo non ne potevano già più e sua fine, sono nelle sue ma- parlamento eletto, primo
giorno di settembre di 42 hanno provato a metterlo ni. Il settantenne raìs è an- ministro espressione del
anni fa, partendo da Ben- da parte, risultato: Omar cora padrone del suo desti- partito vincitore e non più
gasi, deposero senza colpo Al Meheishei è stato co- no e di quello del suo paese nominato dal re. A Rabat,
ferire il monarca (che si stretto a riparare precipi- al quale è legato da oltre dove la situazione è meno
stava curando in Turchia) e tosamente prima in Egitto quattro decenni di coman- esplosiva che nel resto
s'installarono a Tripoli. Se- e poi in Tunisia, Beshir Al do assoluto come padre dell’area, il discorso del Re
condo la leggenda divenu- Hawadi e Hamed Ham- della patria e re dei re. Trop- è stato accolto
ta storia erano una settan- za furono arrestati (e solo po solo per andarsene. positivamente.
pagina 14 Venerdì 11 marzo 2011

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

Moore Saviano Muti De André


Julianne A 19 anni Da domani Dentro
confermata volevo dirige il Faber: in
nel ruolo arruolarmi Nabucco otto Dvd
di Sarah nella Legione a Roma per tutta la sua
Palin straniera i 150 anni musica

ISTITUTO LUCE

Dal Duce a Coppi


Viaggio tra i tesori
a rischio estinzione Due immagini dall’Archivio Istituto Luce

di Federico Pontiggia gli ufficiali dei Carabinieri e in


visita all’Alfa Romeo (aprile).
Italia, scovato il nonno con la ca-
micia nera, ripescato lo zio in-
Un patrimonio posso solo confidare che chi mi
succederà a breve abbia l’auto-
fiche e progressive, due opzioni
sono di casa in via Tuscolana,
che ripercorre

I
Ma anche l’ufficialità e il con- quadrato di sguincio alla Mila- revolezza e la forza di porre ri- 1055: il video on demand (trat-
trollo lasciano balenare squarci no-Sanremo del 1950, dove su medio e invertire l’attuale situa- tative con Telecom, Fastweb e
di verità: Mussolini che rifiuta
l’abbraccio oceanico di ritorno
una lussuosa macchina “non ar-
riva il presidente Einaudi o l’Aga
per immagini zione“. Ma, tra i prossimi cada-
veri eccellenti, non si scommet-
Google) per ritrovarsi diretta-
mente sul pc un pezzo di storia
dalla conferenza di Monaco del Khan, ma Mr. Coppi, elegante tete sull’Archivio: ormai pagano patria e la costituzione del Por-
’38, tutt’altro che entusiasta di come un damerino di Piccadilly la storia del ‘900 1 a 1 i suoi 12 mila cinegiornali, tale della Memoria, in divenire
vestire, lui guerrafondaio, i pan- Street” (Cinesport Ciac, 1° mar- 10 mila tra documentari e altre con – precisa Ceccuti – “soldi
ni dell’uomo della pace e, anco- zo ’50). Altre cronache, altre tra- italiano messo tipologie, un milione di metri di nostri”.
ra, i volti preoccupati e disillusi smissioni, un “come eravamo” “girato non montato” del reper-
che nelle altre piazze d’Italia ac- identitario, nazionale e, a inter- in grave pericolo torio Incom e Luce, più tre mi- MA DAVVERO vale la pena
colgono l’audio del “Vincere e mittenza, sciovinista: il tempo lioni di fotografie (1910-2000) sostenere e finanziare l’Archi-
vinceremo” di Piazza Venezia. imperfetto dove sono incubate dai tagli del Luce e altri fondi (Incom, Pa- vio? Un ultimo estratto, dal Ca-
e maturate le purulenti imperfe- storel, Dial, Amoroso, Vedo). leidoscopio Ciac - Obiettivo sul-
NON SONO note a margine, zioni del nostro presente. Per Non solo, in partnership è arri- la cronaca del 5 marzo 1981, che
n principio era il cinematogra- ma patrimonio collettivo di im- chi sia in vena di nostalgie for- Conferenza delle Regioni, l’Agis vato l’archivio della Resistenza, riprende un convegno a Milano:
fo, e il cinematografo era presso magini e suoni: l’onda lunga del mato famiglia o esami di co- che promette non si siederà più il Quilici, il Fondo Storico del “Entro la fine di marzo, un dise-
il Duce. Siamo nel ’27, e Mus- secolo breve, anzi, del secolo scienza collettivi, la ricerca del a un tavolo con Bondi (“Si dimet- Partito Socialista Italiano, l’Ar- gno di legge sul servizio pubbli-
solini ne è convinto: le immagi- che si vede. E si sente: “Resta in- tesoro ha un semplice indirizzo: ta”) e il sottosegretario France- chivio Centrale dello Stato, quel- co radiotelevisivo e la regola-
ni in movimento sono “l’arma tera la nostra curiosità, il nostro www.archivioluce.com, dove sco Giro che si appella al Gover- lo della Cineteca del Friuli e del- mentazione delle emittenti pri-
più forte” per esaltare il capo, le desiderio di sapere come mai la in libera consultazione e bassa no come a un marziano, chie- lo Stato Maggiore dell’Esercito e vate per porre fine all’anarchia
arterie del Regime e i capillari di mente umana veda una visione risoluzione è disponibile l’inte- dendo di “reintegrare le risorse molti altri: “Oggi quando si ve- dell’etere: divieto di intercon-
“una più grande Italia”. Nasce così distinta, misuri con misura- ro archivio. dove possibile”. Dal suo buen re- dono delle immagini in bianco e nessione delle reti locali su scala
L’Unione Cinematografica Edu- zioni così esatte quello che l’oc- Che fare, dunque, cancellarlo tiro, il ministro dimezzato pren- nero, si pensa subito a noi, an- nazionale, imposizione di un tet-
cativa (Luce), e non tutto il fa- chio non vede e la mano non rag- con un colpo di spugna, reset- de nota e risponde prontamen- che se magari non ci apparten- to per la pubblicità, obbligo di
scismo vien per nuocere: impa- giunge”, dice Pio XI a Guglielmo tarlo con un colpo di Fus? Do- te, firmando con Giuliano Ama- gono”, dice Ceccuti. Magra con- produrre in proprio una certa
riamo a lavarci i denti, prendere Marconi inaugurando nel feb- manda retorica a qualunque la- to il riconoscimento di interesse solazione, perché il tono che va quantità di programmi”. Fin qui
il tram, fare le vaccinazioni. Ma braio ’33 la stazione a onde ul- titudine, eccetto la nostra: Cine- nazionale per le bande, le corali per la maggiore è il grigio pes- tutto bene? Continuiamo: “Il
sono esternalità positive: la lu- tracorte che collega Città del Va- città Luce è sotto attacco, l’ar- e i gruppi folclorici in occasione simismo: 35 gli impiegati fissi, presidente di Canale 5 Silvio
ce è sul Duce, che chiama alla ticano e il Palazzo pontificio di chivio rischia di ritrovarsi nei del 150° dell’Unità. più le crew dei documentari, un Berlusconi ha attaccato il pro-
battaglia del grano e dà l'esem- Castelgandolfo (Giornale Luce). cellari due ospiti sgraditi, vendi- solo scanner per la digitalizza- getto in nome della libertà d’an-
pio guidando la motoaratrice a Tasselli di storia, frammenti di ta o dismissione, perché la cal- E LA BANDA passò, ma rima- zione in 2k, costi di gestione (al tenna e della libera concorren-
Carpena, nella sua Romagna. Di vissuto, che ritornano nell’emo- colatrice di Tremonti ha solo il ne quella del buco, con altri 27 netto degli stipendi) di circa un za, di tutt’altro avviso, ovvia-
questo e degli altri 49 cinegior- zione del direttore dell’Archi- tasto “meno” e tanti spazi bian- milioni sottratti al Fus e 50 con- milione di euro, un milione e mente, è stato Giampiero Orsel-
nali Luce prodotti nel ‘27 non è vio, Edoardo Ceccuti: “Il Luce chi, tra cui quello che più bianco gelati dai fondi ordinari del Mi- 500mila il fatturato (comprensi- lo, vicepresidente della Rai: di-
rimasta nessuna copia disponi- sta bene, è la memoria che se la non si può di Bondi. A riempirlo, nistero: di questo passo, la ripar- vo dell’attività documentaristi- fendiamo la libertà d’antenna,
bile, solo le schede di cataloga- passa male: le attività di catalo- l’indignazione generale e qual- tizione sarà una riffa di paese. ca) e la pirateria “spesso dei ma va regolamentata perché
zione, ma basta scorrere qual- gazione sono ferme per man- che azione particolare: i 100au- ''Comprendo la preoccupazio- grandi network” che si mangia non diventi perniciosa, non pre-
che mese per ritrovare Musso- canza di risorse”. L’attacco non tori in piazza il 12 marzo per il ne e la delusione del mondo del- almeno 400 mila euro l’anno. mi le oligopoli (sic) dell’infor-
lini in carne e celluloide all’adu- è solo al cuore delle istituzioni e “Costituzione Day”, le Tre Gior- la cultura in seguito alle ultime Poi, lamenta Ceccuti, c’è la no- mazione”. Ovviamente, ecco a
nata Balilla a Roma (febbraio dei potenti, ma anche del popo- nate di mobilitazione a favore notizie riguardanti una ulteriore stra bestia nera, “la pigrizia ita- che serve l’Archivio Luce: a non
1928), alle gare mondiali uni- lo, gente comune, povericristi: della cultura e dello spettacolo previsione di riduzione degli in- liana: tutti sanno dell’archivio, guardare il presente con occhi
versitarie a Cortina, a cavallo e c’è chi nell’Archivio del Luce ha (26-28 marzo) promosse da vestimenti”, ammette il futuro ma quanti ci vanno?”. Per risol- immemori, scambiando la storia
sui nuovi autobus capitolini, tra trovato la madre finalista a Miss Agis, Federculture, Anci, Upi e ex ministro. “A questo punto levare queste sorti poco magni- per fantascienza.
Venerdì 11 marzo 2011 pagina 15

SECONDO TEMPO

KILLERAGGI MEDIATICI

DAGLI AL CAMPIONE
De Rossi, ma non solo: i calciatori
sottoposti al vaglio del Sant’Uffizio di radio e tv
di Giancarlo Padovan bol, buon selvaggio, sventato caso di De Rossi. Che non è
bellone cui appiccicare un’e- Totti, anche se a volte gioca a
killer mediatici – neopu- tichetta qualsiasi. Quando lui emularlo e che mostra più fra-

I ritani, soldati dell’eserci-


to della salvezza, santoni
virtuali, sparlatori e scio-
perati da bar dello sport – so-
no in aumento. Risiedono
esce dallo spogliatoio si apro-
no due prospettive. Parallele
e inconciliabili: quella della
star, buona per le discoteche
o i ristoranti dove farsi notare
gilità di quanta non sia la for-
za.
“Caro infelice Nacka, artista
fulgido e disperato del gol,
che cos’è la vita di un uomo?
più a Roma che altrove, ma e quella del calciatore virtuo- Mistero”. Sono le parole di
non si scherza nemmeno in so. Si va dall’irreprensibile Danilo Sarugia, storico del
altre città. A Roma ci sono (alla Javier Zanetti, il capita- calcio e interologo (nel senso
più radio, un fenomeno po- no dell’Inter, tutto famiglia, di squadra nerazzurra), tratte
pulistico-affabulatorio che ri- vita sana, impegno solidari- da Grande Inter Figlia di Dio (Edi-
chiama la Spagna, a Milano stico, nessuna variazione sul zioni Limina) a proposito del-
più giornali e televisioni. Si tema del politicamente cor- la parabola dello svedese Sko-
parla, si scrive e si ascolta. retto) all’irregolare; dal male- glund, stella degli anni Cin-
C’è molto da riempire, sem- detto al vissuto; dal declinan- quanta: “La sua felicità era il
pre meno attenzione per il te al finito. calcio, la sua condanna era la
calcio giocato, sempre più grappa”. Si distrusse da sé.
per il dietro le quinte e, da un A VOLTE BASTA poco, al-
decennio ormai, ben prima tre non serve proprio nulla. In FINÌ MALE , ma non per
di B. e della corte di arcorine, genere, però, il cattivo rendi- colpa sua, anche l’immenso
per sotto o dentro il letto. mento è una spia che accende Antonio Valentin Angelillo. A
Tranne eccezioni, dunque, il il pettegolezzo: non è più lui, stroncargli la carriera fu l’in-
fenomeno è metropolitano si sta separando, si è già in- transigenza di Helenio Herre-
dove la vita pulsa e gli inte- namorato di un’altra, si gioca ra, noto donnaiolo e, forse
ressi, o le occasioni, zampil- tutto ai cavalli, è mezzo rovi- per questo, ferocissimo con i
lano, in un vorticare di cir- nato, è rovinato intero. Beve suoi. Angelillo aveva segnato
costanze che s’intrecciano e (Adriano, ma non è il solo), va trentatré gol (record per i
si scontrano, si prendono e si nei locali a ballare fino all’alba campionati a diciotto squa-
lasciano. Alla base c’è lo sdo- (la maggioranza), si prende li- Daniele De Rossi ( FOTO) dre) nella stagione 1958-59,
ganamento del calciatore, cenze sessuali di ogni genere ma si era innamorato di Attilia
prima poco più di un puzza- (Ronaldinho) e/o fa botte con vio che si compia con la mas- gratuite anche in campionato gio), l’emozione della partita Tironi, in arte Ilya Lopez, bal-
piedi zotico, oggi sex sym- chicchessia (Mutu), parteci- sima disinvoltura e impunità. e Lippi lo punì, con la tem- (a volte è pressione, ma non lerina del night “La porta d’O-
pa ai festini e perde il control- Prendiamo Daniele De Rossi. poranea esclusione, ai Mon- c’è paragone con il lavorare ro” in piazza Diaz a Milano.
lo (non infrequenti le accuse In Ucraina ha rifilato una go- diali del 2006, ancora per una duro o il pedalare agro). Può Per lei aveva anche dimenti-
Il punto non di stupro, come nel recente
caso di Amantino Mancini
mitata a Srna nell’infausta not-
te di Donetsk. Poi ha insultato
gomitata, all’americano
McBryde), ingiusto che rischi
darsi che De Rossi non stia be-
ne o renda meno di quanto
cato in Argentina la fidanza-
tina ufficiale, Olga Ines, an-
è il vizio (se c’è, quand’era a Milano), si dro-
ga.
l’allenatore avversario, Luce-
scu, e adesso è ufficialmente
il mancato rinnovo del con-
tratto alla Roma (scade nel
potrebbe; può darsi che sia
preoccupato perché non rie-
che se non aveva disimparato
a far gol. Herrera non lo per-
quando c’è ), ma Il punto non è il vizio – se c’è,
quando c’è –, ma l’uso che se
un caso in quella Roma che
sembrava già sua, con Totti o
2012) e che le sue prestazioni
passino al vaglio di un Sant’Uf-
sce a vedere un domani oltre
il centro del campo; può darsi
donò e pretese, da Angelo
Moratti, la cessione alla Ro-
ne fa per denigrare e demo- senza Totti, sicuramente per il fizio radiotelevisivo (i giornali che alcuni traumi familiari ma. Con quei soldi, l’Inter
l’uso che se ne fa lire. O la calunnia, gratuita, sa- dopo Totti. Giusto che la so- sono più anodini) dove anche non siano stati metabolizzati prese Luis Suarez, senza per-
porosa e vacua, quando dal cietà (e anche Prandelli e il i silenzi e le allusioni incro- o non si supereranno proprio. derci di sicuro. Angelillo, in-
per demolire piano sportivo si scivola in presidente Abete per la Na- ciano un’esistenza fatta di sof- Tuttavia nessuno può mi- vece, si perse. A soli venti-
quello personale, quasi esi- zionale) si pongano il proble- ferenza personale nonostante schiare l’uomo al calciatore. quattro anni. Killerato da un
o a volte anche stesse un diritto supremo di ma dei comportamenti (pur- la ricchezza, gli agi, la cele- Meno che mai a causa di un puttaniere apolide, livido di
ingerenza in nome del calcio. troppo De Rossi ha commes- brità, l’affetto dei tifosi (a vol- eccesso di sensibilità dell’in- gelosia e, forse, roso dall’in-
per calunniare Ovvio che non c’è. Meno ov- so falli brutti e scorrettezze te asfissiante, ma c’è di peg- teressato come, appunto, nel vidia.

PICCOLI EDITORI

IPERBOREA, CLASSICI ED ESORDIENTI: (I)SPIRA IL VENTO DEL NORD


rio nordico. Iperborea è infatti la ca- giungono ben 20 titoli ristampati. none dal 12 al 26 marzo. Altra titolo Morte apparente, ed è l’esordio del
sa editrice della letteratura scandi- Prendiamo il caso di Arto Paasilin- davvero interessante, l’islandese giovane norvegese Thomas Enger.
nava e del Nord Europa. La passione na, finlandese dalla penna felice: era Jón Kalman Stefánsson con Paradiso Un miracolo, ha gridato la stampa
della signora Emilia. La quale, se il 1994 quando apparve il suo primo e inferno: la storia di un viaggio e di scandinava. Primo di una serie di sei
proprio uno volesse attenersi a tito- titolo, L’anno della lepre, che vendet- un libro, restituiti con una scrittura romanzi (tutti già comprati, a scato-
li e blasoni, è insignita dell’onorifi- te quell’anno 5000 copie. Ancora poetica e incantevole. Infine per la chiusa, dal suo editore norvege-
cenza di Cavaliere dell’Ordine della oggi quel libro ne vende circa 6000 maggio è previsto “il” giallo Iperbo- se), ha venduto i diritti in mezzo
Stella Polare: il più alto riconosci- l’anno, per oltre 100.000 in totale. rea, ovvero l’ideale della signora mondo e promette davvero di esse-
mento per uno straniero attribuito Cifre affatto banali. Altro grande Emilia – lo dice con cognizione, vi- re una sorpresa – nonché un grande
dal Parlamento svedese e dal Re di successo, La vera storia del pirata Long sto che ha tenuto sul suo comodino, successo, di scrittura e di cassa. Del
Svezia. Tanto basti per far capire John Silver dello svedese Björn Lars- per oltre un anno, i romanzi di Stieg resto, non sarebbe una novità: la si-
quanto sia apprezzato il suo lavoro. son, altro marchio di qualità dell’e- Larsson senza pubblicarli. Si chiama gnora Emilia ormai ci ha abituati.
Ben prima di trilogie best-seller o la ditore. Uscì nel ’98, con notevole
“moda” dei gialli scandinavi degli successo, e ancora oggi continua a
Emilia Lodigiani ultimi anni. L’editrice nasce nel vender bene. All’epoca, involonta-
1987, con l’intento di far respirare rio testimonial fu l’allora primo mi- RACCONTINO di Guariente Guarienti
di Marco Filoni all’Italia una certa aria d’Europa che nistro Massimo D’Alema. C’era un

ntrando negli uffici dell’editrice


Ecentrale
Iperborea, in un bel quartiere
spira dal nord: un’aria sana, pregna
di un radicato senso etico, con alla
spalle una forte società civile.
congresso dei Socialisti Europei. Un
giornalista gli chiese se parlavano
soltanto di politica. Rispose di no:
LA PROFEZIA DI GESÙ
el Vangelo di Giovanni si racconta che alcuni scribi e farisei
di Milano, ad accoglierti
c’è Emilia Lodigiani. E con lei, ca-
sualmente ma in maniera del tutto
Perciò una letteratura capace di par-
lare di cose serie con leggerezza e
senza supponenza, con ironia e mai
con Jospin, Blair, parlavano anche
d’altro, per esempio di libri. Quali?
“Bè, per esempio il libro di Larsson,
N condussero un giorno da Gesù una donna sorpresa in adulterio. La
legge mosaica prevedeva, in questo caso, la lapidazione. Per metterlo alla
naturale, si inizia a parlare di elegan- volgare. È questa la storia di Emilia: che consiglio a tutti”. prova gli chiesero se dovesse o meno essere lapidata. “Gesù, chinatosi, si
za. Eppure, a pensarci bene, l’argo- la volontà di fare i libri che le piac- Ripreso dai giornali, fu così che, per mise a scrivere col dito per terra”. Per duemila anni gli esegeti sì sono chiesti
mento non è affatto peregrino. Ele- ciono, senza compromessi se non qualche mese, nelle librerie si po- cosa avesse scritto e hanno fatto le più diverse supposizioni. Oggi
gante è lei, col suo portamento. Ele- quelli dettati dalla sua passione. tevano ascoltare i clienti chiedere: finalmente lo sappiamo: “Berlusconi, dimettiti!”. Lo scrisse due volte “ma
ganti sono gli arredi nordeuropei, Non a caso, i suoi titoli sono “Mi dà il libro che piace a D’Ale- quelli... se ne andarono uno per uno, cominciando dagli anziani fino agli
belli per sottrazione. Elegantissimi, long-seller. Non come la maggior ma?”. Invece fra le novità che saran-
soprattutto, i veri padroni di casa: i parte dei romanzi che arrivano sugli no presto in libreria, un altro autore ultimi”. Voci non controllate, contenute in un vangelo apocrifo, riferiscono
libri. Col loro formato un po’ retrò, scaffali, li si vedono per qualche me- simbolo di Iperborea, l’olandese che l’adultera si chiamava Ruby. Non era egiziana. Non si sa se fosse o
stretto e lungo. E con le copertine se, e poi spariscono da librerie e me- Cees Nooteboom, antologizzato meno minorenne. C’é chi dubita che duemila anni fa Gesù potesse
pastello, garbatamente zigrinate. moria. I suoi libri rimangono. E lo dal filosofo Rüdiger Safranski in Ave- prevedere l’entrata in campo di un secondo “Unto del Signore”; dimentica
Dove sono impressi i nomi degli au- dimostrano i dati: alla decina di no- vo mille vite e ne ho preso una sola – pro- che Cristo era anche un profeta.
tori, spesso impronunciabili, eppu- vità all’anno (ma per quello in corso prio Nooteboom sarà l’ospite d’o-
re fascinosi nel siderale immagina- ne sono previste quindici), si ag- nore del Festival “Dedica”, a Porde-
pagina 16 Venerdì 11 marzo 2011

SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TG PAPI
TELE COMANDO
Pensaci tu,
+ Tg2 non spiega niente e si li-
mita a riferire che Berlusconi
minaccia querele. Come il so-
lito, le smentite senza le no-
tizie.
di Luigi Galella

el corso degli anni si sono avvicendate


Ntuttora
La Gruber
oltre Pansa
molte, lillipuziane, lilligruber dei poveri. E
ci provano al Tg1 a imitare la celebre
postura dell’archetipo, senza minimamente
esteta del birignao tutto il peso della propria
esperienza. E si pensa allora: bravo, bravo, pe-
rò... E sempre ti lascia in bocca qualcosa di
inespresso, quel “grande attore”: professiona-
g3 sfiorarne l’efficacia performativa: la piccola le, perfetto e inautentico.
T
Angelino Alessandra Carli chie-
de a Berlusconi: “Ma non te-
me uno sciopero della magi-
stratura?”. Berlusconi ha un
moto di stizza e dice ad Al-
Lilli, il più grande mezzobusto di tre quarti del-
la storia, rimane tuttora ineguagliata.
Di tanto in tanto sulle pagine di “Repubblica”
Beniamino Placido ne irrideva le pose. Ma c’è
stato un momento in cui il successo popolare
Per parlare di “forme”. Ma se si vuol passare ai
contenuti, appare quanto mai curioso l’attac-
co sferratole da Giampaolo Pansa, il quale
scrive che “da quando è ritornata al lavoro di
televisionista il suo rosso è divenuto molto ac-
di Paolo Ojetti stoncino), la riformaccia è fano: “Rispondi tu”. Alfano del personaggio era tale che il direttore Giu- ceso” con un “settarismo sinistro bulgaro e
cosa fatta. Per non rischiare, incespica: “Certo, la riforma lio Borrelli, preoccupato degli ascolti in calo, blindato”. Boh! Ma il grande Pansa lo vede sul
g1 l’anagrafe di Ruby e le sco- tocca qualche privilegio, ve- doveva ricorrere alle sue conduzioni per ri- serio il programma della Gruber?
T Titolo: La riforma nell’in-
teresse dei cittadini. Così la
perte del Fatto Quotidiano ven-
gono ignorate di sana pian-
dremo”. Alla faccia del privi-
legio: toglie la polizia giudi-
portare su l’audience del telegiornale.
Molto tempo è passato da allora. Candidatasi
Intanto, se anche fosse rosso acceso che cosa
ci sarebbe di male? Possiamo noi rimprovera-
sudditanza del Tg1 al Grande ta. ziaria ai Pm (come indaghe- alle elezioni europee Lilli Gruber ha ricevuto re l’ex vicedirettore di “Repubblica” e dell’
Riformatore è certificata sin ranno, non si sa), li mette alle un’altissima percentuale di consensi, e poi, “Espresso” d’essere stato una grande firma del
dalle prime righe. E, sebbene g2 dipendenze del potere poli- come per Santoro, l’irresistibile richiamo del giornalismo di sinistra? Se osserviamo qualcu-
il Tg1 non approfondisca,
riassumiamo i toni: la riforma
T L’esordio fa sorridere: la
riforma della Giustizia è stata
tico che deciderà lui solo “l’a-
zione penale” da privilegiare.
piccolo schermo l’ha nuovamente ricondotta
sui suoi passi. Ed è approdata a La7, a “8 ½”,
no, Pansa o la Gruber, cerchiamo di valutare
nel merito ciò che dice. Non la “colpa” di pen-
alfaniana è “epocale”, che è approvata “all’unanimità” dai Contro chi è assolto in primo dove quest’anno, anche grazie al traino di sarla in un certo modo. Il paradosso è che, al
qualcosa che sta sopra la “bi- ministri. Immaginiamo se la grado (se, per caso, si assolve Enrico Mentana, sta conseguendo discrete contrario di ciò che sostiene l'autore del “Be-
blica” e appena sotto la “di- Gelmini, rivolta verso Berlu- per errore un serial killer, sa- percentuali di ascolto. stiario”, Lilli Gruber è ben lontana dall’essere
vina”. Sonia Sarno interpre- sconi, avesse detto: “Vergo- rà da ridere) non c’è possi- Cosa ne è oggi di quelle “pose” guerriere che faziosa, e anzi ricerca la “neutralità”, con com-
ta la solita parte di amplifi- gna!”. O la Brambilla: “Non bilità di appello. I magistrati bucavano lo scher- pagni di banco peraltro assai moderati, come
catore (e fa notare che il Ri- è turistica”. O La Russa: “Di- pagheranno di tasca gli sba- mo? La Gruber è cre- Massimo Franco, Stefano Folli o Antonio Po-
formatore è incerottato) per giamoloooo: è orribile”. Spa- gli. Insomma, la magistratura Lilli Gruber sciuta e appare oggi lito. Una ricerca vana. Un giornalista deve sa-
questo “premier” coraggioso rivano dal governo tutti e tre. autonoma, indipendente e ri- conduce Otto e mezzo più matura, più rifles- per porre domande “scomode”, come sapeva
che “affronterà i processi”. In Hai voglia a dire che è attesa spettata è morta e sepolta. Il su La7 siva che reattiva. For- fare un tempo proprio Pansa, senza evitarle o
studio Susanna Petruni è da “milioni di cittadini” e che Tg3 ospita Palamara: riforma se troppo. Come que- edulcorarle, e quando ne azzarda una “di si-
sul bello stabile. Maria Soa- – se approvata vent’anni fa - punitiva, magistratura subor- gli invitati a una festa nistra”, non deve immediatamente bilanciarla
ve snocciola i misfatti come avrebbe impedito “l’esonda- dinata. Ma Antonella Zuni- di gala, che eccedono con una “di destra”. Perché non c’è una verità
leggesse la lista della spesa. zione della magistratura nel ca ricorda: sono riforme co- nel tono e nell’abito, di sinistra, e poi “anche” una di destra. Ed è
Finalmente il Cavaliere è tor- campo della politica” (come stituzionali, iter lunghissimo, sussiegosi, attenti e invece proprio in questa medietà un po’ asfit-
nato, passa come un cosacco a dire che non ci sarebbe sta- referendum possibile. Insom- compresi del proprio tica, che purtroppo sembra ricercare la Gru-
bianco di Kornilov e distrug- ta Tangentòpoli): la “riforma” ma, c’è tempo per resistere ruolo. Come quell’at- ber, il suo limite. Abbandoni le cautele e faccia
ge i villaggi del nemico, le to- è semplicemente distruttiva. un giorno più del nemico. tore che può vantare pure trasparire le idee, non è un reato, seb-
ghe, tutte rosse. Per il Tg1 Citazione per “il Fatto Quo- Anche il Tg3 cita il Fatto, ma d’aver fatto l'Accade- bene il nuovo Pansa lo pensi. Si lasci andare,
(che liquida Anm, Casini, tidiano” e i tentativi di falsi- spiega con cura cosa si è sco- mia, e sale sul palco piuttosto. Finalmente, imparata l’arte, la met-
Bersani e Di Pietro in un pa- ficare l’anagrafe di Ruby. Il perto in Marocco. portandosi dietro da ta pure da parte.

LA TV DI OGGI
11.05 ATTUALITÀ Occhio 14.00 ATTUALITÀ Pome- 15.05 EVENTO SPORTIVO 19.03 ATTUALITÀ Meridia- 11.00 REAL TV Forum 13.40 CARTONI ANIMATI 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 11.25 TELEFILM L'Ispettore
alla spesa riggio sul Due Ciclismo, Tirreno - Adria- na - Visto da Nord 13.00 NOTIZIARIO TG5 - Futurama Meteo Tibbs
12.00 VARIETÀ La prova 16.10 TELEFILM La signora tico 2011 3a tappa: Terra- 19.13 RUBRICA Meridia- Meteo 5 13.55 CARTONI ANIMATI 12.00 TELEFILM Wolff - Un 12.30 TELEFILM Due South
del cuoco in giallo nuova Bracciolini - Peru- na/Decoder 13.40 SOAP Beautiful I Simpson poliziotto a Berlino - Due poliziotti a Chicago
13.30 NOTIZIARIO TG1 17.00 TELEFILM Top Secret gia (189 km) (DIRETTA) 19.27 NOTIZIARIO Agrime- 14.05 REALITY SHOW 14.35 TELEFILM E alla fine 12.50 TELEFILM Distretto 13.30 NOTIZIARIO TG La7
14.00 NOTIZIARIO TG1 17.45 NOTIZIARIO TG2 16.20 NOTIZIARIO TG3 GT teo Grande Fratello - Pillole arriva mamma! di Polizia 7 13.55 FILM L'uomo che
Economia - TG1 Focus Flash L.I.S. Ragazzi 19.30 NOTIZIARIO TG3 14.10 SOAP CentoVetrine 15.00 SIT COM Camera 13.50 REAL TV Sessione non è mai esistito
14.10 ATTUALITÀ Se... a 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- 16.30 DOCUMENTARIO (REPLICA) 14.45 TALK SHOW Uomini Cafè pomeridiana: il tribunale 15.55 DOCUMENTARIO
casa di Paola VO Rai TG Sport Cose dell'altro Geo - Geo 20.00 RUBRICA Il caffé - e Donne 15.30 SIT COM Camera di Forum Atlantide - Storie di uomi-
16.10 ATTUALITÀ La vita 18.15 NOTIZIARIO TG2 & Geo Altre voci (REPLICA) 16.15 ATTUALITÀ Pome- Cafè Ristretto 15.35 SOAP OPERA Sentieri ni e di mondi
in diretta 18.45 TALK SHOW Mauri- 19.00 NOTIZIARIO TG3 - 20.30 ATTUALITÀ Inchiesta riggio Cinque 15.40 CARTONI ANIMATI 16.10 FILM I cowboys 17.45 TELEFILM MacGyver
18.50 GIOCO L'eredità zio Costanzo Talk TG Regione - Meteo 20.57 NOTIZIARIO Agrime- 18.50 GIOCO Chi vuol 16.40 TELEFILM Merlin 18.55 NOTIZIARIO TG4 - 18.45 TELEFILM J.A.G. -
20.00 NOTIZIARIO TG1 19.35 REALITY SHOW 20.00 VARIETÀ Blob teo essere milionario 17.30 TELEFILM Smallville Meteo Avvocati in divisa "La resa
20.30 GIOCO Affari tuoi L'isola dei Famosi 8 20.10 TELEFILM Cotti e 21.00 NOTIZIARIO News 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 18.30 NOTIZIARIO Studio 19.35 SOAP OPERA Tempe- dei conti"
21.10 VARIETÀ Gigi, tu 20.30 NOTIZIARIO TG2 - mangiati lunghe da 24 Meteo 5 Aperto - Meteo sta d'amore 19.40 VARIETÀ G Day
vuo' fa' l'americano 20.30 20.35 SOAP OPERA Un 21.27 PREVISIONI DEL TEM- 20.30 ATTUALITÀ Striscia 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- 20.30 TELEFILM Walker 20.00 NOTIZIARIO TG La7
23.25 ATTUALITÀ TV7 21.05 TELEFILM N.C.I.S.: posto al sole PO Meteo la Notizia - La voce del- VO Studio Sport Texas Ranger 20.30 ATTUALITÀ Otto e
0.25 RUBRICA L'Appun- Los Angeles 21.05 TELEFILM La nuova 21.30 ATTUALITÀ Tempi l'improvvidenza 19.30 TELEFILM C.S.I. Miami 21.10 ATTUALITÀ Quarto mezzo
tamento 21.50 TELEFILM Blue Blo- squadra Spaccanapoli dispari supplementari 21.10 VARIETÀ Zelig 20.30 GIOCO Trasformat Grado (DIRETTA) 21.10 ATTUALITÀ Le inva-
0.55 NOTIZIARIO TG1 ods 23.15 DOCUMENTARIO 22.30 NOTIZIARIO News 23.30 VARIETÀ Chiambret- 21.10 TELEFILM Dr. House 23.25 RUBRICA I bellissimi sioni barbariche
Notte - TG1 Focus 22.40 TELEFILM Past Life La Storia siamo noi lunghe da 24 ti Night - Medical Division di R4 0.15 NOTIZIARIO TG La7
1.25 PREVISIONI DEL TEM- 23.25 NOTIZIARIO TG2 0.00 ATTUALITÀ TG3 22.57 PREVISIONI DEL TEM- 1.00 NOTIZIARIO TG5 22.00 TELEFILM Grey's 23.30 FILM Mai con uno 0.25 VARIETÀ G Day
PO Che tempo fa 23.40 ATTUALITÀ L'ultima Linea notte PO Meteo Notte - Meteo 5 Notte Anatomy sconosciuto (REPLICA)
1.30 RUBRICA Appunta- parola 1.00 RUBRICA Appunta- 23.00 RUBRICA Il punto 1.30 ATTUALITÀ Striscia 23.50 TELEFILM The Closer 1.15 NOTIZIARIO TG4 0.45 DOCUMENTARIO
mento al cinema 1.10 ATTUALITÀ TG Par- mento al cinema 23.27 PREVISIONI DEL TEM- la Notizia - La voce del- 0.45 RUBRICA SPORTIVA Night News Delitti (REPLICA)
1.35 RUBRICA Sottovoce lamento 1.10 RUBRICA Crash - PO Meteo l'improvvidenza (REPLICA) Poker1mania 1.40 FILM La nottata 1.50 TELEFILM MacGyver
2.05 RUBRICA Rai Educa- 1.20 REALITY SHOW Contatto impatto convi- 23.30 NOTIZIARIO News 1.50 TELEFILM Squadra 1.35 NOTIZIARIO Studio 3.15 TELEVENDITA 3.50 ATTUALITÀ Otto e
tional Cantieri d'Italia L'isola dei Famosi 8 venza brevi med Aperto - La Giornata Mediashopping mezzo (REPLICA)

TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE


/ La felicità porta fortuna  Quarto Grado  Chiambretti Night
Pauline ama vivere ogni giorno con A due settimane dal ritrovamento del Un autentico numero uno nel salotto
buonumore e un po’ di spensieratezza. corpo di Yara Gambirasio e in attesa più cool della televisione italiana: si
E’ una maestra elementare che vive a dei risultati dell’autopsia eseguita sul tratta di Valentino Rossi. Piero Chiam-
Londra, dà lezioni ai bambini e prende corpo della ragazza,“Quarto Grado” bretti intervista a tuttotondo uno degli
lezioni di flamenco. Poco preoccupata torna ad occuparsi del giallo di Brem- sportivi più amati d’Italia, alla vigilia
del futuro ma con i piedi per terra, ha bate. La trasmissione darà conto delle della stagione che lo vedrà esordire in
un’allegria e una spontaneità che affa- novità sulle indagini e approfondirà le sella alla Ducati. Proprio su questo ver-
scinano chiunque incontri e rendono la piste seguite dagli inquirenti dopo il teranno molte domande, ma non man-
/ Amabili resti / Mai con uno sconosciuto  Le invasioni barbariche
sua vita un piccolo universo di ordina- test del DNA su decine di persone, utile cheranno i commenti sui suoi rivali sto-
Siamo in Pennsylvania, nel 1973. Susie Sarah Taylor è una psichiatra criminale Daria Bignardi ospiterà nel suo appun-
ria felicità... Una nomination agli Oscar a scoprire chi possa aver ucciso la gio- rici, a partire da Max Biaggi, finendo ai
Salmon, 14 anni, viene violentata e che sta indagando su un serial killer. La tamento settimanale a “Le invasioni
per la miglior sceneggiatura originale. vane. più recenti Stoner e Lorenzo.
uccisa dal suo vicino di casa, George donna nel frattempo si innamora di un barbariche”tre grandi personaggi. La
Harvey, che, abilmente, riesce a celarne Sky Cinema 1 23,20 giovane portoricano conosciuto al
Rete 4 21,10 politica protagonista con Luigi De
Canale 5 23,30
il corpo alla polizia. Per la giovane si supermercato e instaura con lui una Magistris, ex pm ed europarlamentare
aprono le porte di una sorta di limbo, relazione. Quando però qualcuno inizia dell’IDV, ora candidato sindaco di
anticamera del paradiso. Sospesa tra a perseguitarla con inquietanti minacce Napoli per il Centrosinistra. Poi sarà la
sogno e realtà Susie ha la possibilità di di morte, i sospetti di Sarah ricadono volta del giornalista e scrittore Aldo
vegliare sulla propria famiglia e, al con- proprio sul suo amante e inizia così a Cazzullo. Infine il cantautore Roberto
tempo, seguire le mosse del suo assassi- farlo pedinare. Ben presto scoprirà Vecchioni, ultimo vincitore del Festival
no... un’inquietante verità... di Sanremo.
Sky Cinema Passion 21,00 Rete 4 23,30 La7 21,10
Venerdì 11 marzo 2011 pagina 17

SECONDO TEMPO

feedbac$
k
MONDO
J. LO. E ANNALISA SCARRONE
WEB
di Federico Mello
è SCAJOLA SBARCA ONLINE
CONTRO UNA POLITICA “SVILITA DA POCHI”
Claudio Scajola, l’ex ministro uomo forte del Pdl a Imperia,
già noto per aver dato del “rompicoglioni” a Marco Biagi
dopo che questi era stato ucciso dalle Br, e altrettanto
noto per la casa vista-Colosseo pagata “a sua insaputa”,
torna in campo anche online. È stato presentato in questi
giorni il sito web della sua “Fondazione Cristoforo
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:
“Ruby, tentata
corruzione in
Marocco, soldi per
cambiare la data di
Colombo” che conta già sull’adesione di 56 parlamentari nascita”

La classifica è UNA LEGGE PER LA E-PRIVACY


NEGLI USA PROGETTO BIPARTISAN
“La prima carta dei diritti perla privacy
Pdl. La Fondazione intende rifarsi all’esempio
di “un uomo che seppe credere nelle sue idee
e nei suoi sogni”. Gli scajolani parlano chiaro:
“Noi crediamo ancora che la politica sia
un’arte alta e nobile, troppo spesso svilita non
è CHISSÀ PERCHÉ la
cosa non mi sorprende
neanche un po’.
Peterdem

di YouTube online”. I senatori americani John McCain


e John Kerry lavorano a un progetto
bipartisan per regolare la gestione dei dati
personali on line. L’iniziativa prevede che
le società che raccolgono dati debbano
soltanto dalla disinformazione, ma anche da
comportamenti indegni di pochi che gettano
discredito su tutti”. Chissà a chi si riferiscono.
è VORREI che il mio
governo si occupasse di
creare lavoro, aria pulita,
migliorare le strade, tenere
cco i video più visti su You- cco i video più votati su You- chiedere ai singoli il permesso per
E1) Tube Italia questa settimana. E Tube Italia questa settimana.
Jennifer Lopez – On The 1) Se i telefilm fossero reali...
condividere le loro informazioni con altri.
I navigatori avranno inoltre il diritto di I nuovi media aiutano la democrazia
sotto controllo il costo della
benzina, ricostruire
L'Aquila. Ma se il governo
Floor ft. Pitbull parodia ufficiale accedere e vedere i dati che sono stati UNA RICERCA DEL JOURNAL OF HUMAN RIGHTS vive per proteggere il
Torna J. Lo. con un nuovo sin- I sempre più sofisticati iPantel- raccolti su di loro. La bozza Kerry-McCain Sono i telefonini e Internet i media che più nostro Presidente Del
golo (in alcune ritmiche ripren- las si cimentano con le parodie potrebbe fare da apripista ed essere presa contribuiscono alla difesa della democrazia nel Consiglio dai suoi reati,
de la vecchia “Lambada”). Fea- dei telefilm più noti. Fanno ad esempio nel resto del mondo. mondo, anche nei Paesi governati da regimi allora voglio che i nostri
turing il rapper Pitbull, fa 7’967 “mi piace”. dittatoriali. É la conclusione (forse prevedibile) di quotidiani parlino anche di
20’001’928 visualizzazioni in 2) Make-up Tutorial Masche- uno studio pubblicato sull’International Journal of questo.
una settimana. ra Carnevale Human Rights. Il team di ricercatori ha esaminato il legame fra Andrea
2) Lady Gaga - Born This ClioMakeUp mostra come rea- diversi tipi di strumenti di comunicazione – dalla telefonia alla
Way lizzare una (bella) maschera di televisione, a Internet – e il rispetto dei diritti umani in 137 Paesi è LO CONOSCIAMO
Lady Gaga è al secondo posto: carnevale con soli trucchi. Le di tutto il mondo, evidenziando che la presenza di connessioni a tutti il personaggio, no?
con il suo originale video lungo sue tante fedelissime la premia- Internet e la diffusione dei cellulari costituiscono in questo senso Perchè sorprenderci? Con
oltre sette minuti, fa no con 2’546 “mi piace”. una garanzia in più. “Sembra proprio che i nuovi media rispetto questi tizi dovrebbe essere
15’254’136 views. 3) Come Funziona Youtube ai vecchi giovino di più alla democrazia – spiega il professor De imperativo in NON
3) Exclusive! Justin Bieber & Le ultime avventure del vlogger Soysa, coordinatore della ricerca –. Ad esempio la televisione è dialogare su nessun tema; il
Selena Gomez Kiss Daniele Doesn’t matter. 2,556 particolarmente negativa per i diritti umani perchè è il mezzo Pd meriterebbe di uscire dal
Per la gioia delle teen-ager, il di- “mi piace”. preferito dai governi per fare propaganda alla popolazione. parlamento se tentasse di
ciassettenne cantante canadese 4) Annalisa Scarrone - Que- Internet e i cellulari, invece, hanno l’effetto opposto” e ancor di collaborare anche ad 1 solo
Justin Bieber scambia una casto sto Bellissimo Gioco più i media sociali che “danno alle persone accesso libero ai articolo di una legge con
bacio con una coetanea. La seconda classificata di Amici canali di comunicazione senza che le autorità possano questi individui, se non per
5’406’726 views. 10, dopo aver scalato le classi- monitorare cosa le persone leggono su internet”. Non si può, fargli perdere del tempo e
4) Fail Compilation February fiche di iTunes, con il suo singo- per esempio, salvo oscuramenti di rete, bloccare “l’invio ai poi votargli contro in aula
2011 || TNL lo fa 1’891 mi piace (e oltre media tradizionali, come Bbc o Cnn, di foto e microfilmati girati (cioè vera ostruzione).
Divertente (e a tratti atroce) mezzo milioni dei views). coi telefonini”, magari sfruttando canali come Zaf12
compilation di salti, cadute, sci- 5) Yotobi Dark Resurrection Facebook o Twitter.
volate, acrobazie finite male, in- L’ultima recensione cinemato- è ENNESIMA figura di
cidenti stradali e figuracce va- grafica di Yotobi fa 1’828 “mi EMME fatta dall’Italia per
rie. Il video, da classico genere piace” Jennifer Lopez; colpa del sultano che la
YT, fa 4’006’064 views. f.mello@ilfattoquotidiano.it Annalisa Scarrone; governa.
Lady Gaga; Giovanna
ClioMakeUp
è MERAVIGLIA solo che
I FILM LO SPORT l’inciampo per i berluscones,
o l’esempio di onestà per
SC1= Cinema 1
SCH=Cinema Hits
SCF=Cinema Family
SCC=Cinema Comedy
SP1=Sport 1
SP2=Sport 2
GRILLO DOCET tutti gli altri Italiani, venga da
SCP=Cinema Passion SCM=Cinema Max SP3=Sport 3
BEBE, IL PIPISTRELLO una Impiegata dello Stato,
Mortizia Moratti ci aveva capace di rispettare i propri
18.00 Main Street SC1 17.30 Fan Club Inter Calcio,
avvertiti da tempo. Di lei e suo doveri, la domanda è: quanti
19.10 Beverly Hills Cop II SCC Serie A 2010/2011 Anticipo
figlio, nelle notti di Milano, travestiti, nei impiegati pubblici, e non,
19.20 Piccoli affari sporchi SCP 10a giornata Inter - Brescia
quartieri malfamati della città. In italiani avrebbero saputo
19.20 Elliot il drago invisibile SCH (Sintesi) SP1 esplorazione tra Quarto Oggiaro e via fare altrettanto ? Certe
19.25 Quattro cuccioli da sal- 19.00 Wrestling WWE NXT Padova. Stan Laurel e Charles Bronson. “Ho capacità morali non
vare SCF Episodio 37 SP2 aspetti che uno non immagina. Sa quante volte mi dipendono dal reddito,
19.25 Ice Twisters SCM 20.00 Golf, World Golf sono travestita e con mio figlio Gabriele, travestito pure lui, paese o persona che sia, ma
19.30 Sesso, bugie e... difetti Championships - Cadillac siamo andati di notte in giro per le vie a rischio di Milano, da una dote di
di fabbrica SC1 Championship 2011 Da Miami dove c’è droga, prostituzione, delinquenza, per capire che profondissima coscienza di
21.00 Supercuccioli a Natale SCF 2a giornata (Diretta) SP3 cosa succede veramente e poi prendere provvedimenti?”. voler fare il proprio dovere,
21.00 Amabili resti SCP 20.00 Wrestling WWE (...) Dopo la soffiata non ci è voluto molto per scoprire costi quello che costi!
21.00 Linea mortale SCM Superstars Episodio 37 SP2 l’identità segreta di Mortizia e figlio: sono Batman e Robin. Complimenti ad una donna
21.00 Cado dalle nubi SCC 20.30 Calcio, Bundesliga Lui Batman, lei Robin. Dopo le scorribande notturne il duo che ha saputo dire no!
21.10 L'uomo che fissa le 2010/2011 26a giornata Colonia delle meraviglie si rifugiava nella Bat Caverna di via Ajraghi Ripazia
capre SCH - Hannover (Diretta) SP1 30. Un luogo insospettabile, all’apparenza innocui
21.10 Mission: Impossible 2 SC1 21.00 Wrestling, WWE laboratori industriali. è MAMMA mia che
22.35 Il mio amico vampiro SCF Domestic Smackdown (...) La Bat Caverna è stata costruita nel silenzio generale. vergogna... pure in Marocco
22.45 Assatanata SCC Episodio 37 SP2 Palermo a Milano gli fa una sega. La legge però non guarda abbiamo tentato di
22.55 Angeli e Demoni SCH 22.45 Calcio, Serie A 2010/2011 in faccia a nessuno. Neppure a Batman che è stato iscritto corrompere funzionari
23.00 Hide SCM Anticipo 10a giornata ritorno nel registro degli indagati con l’accusa di presunte pubblici per salvare il capo!!!
23.20 Il segno della libellula SCP Brescia - Inter (Replica) SP1 violazioni edilizie. La mamma è comunque sempre la Secondo me stiamo dando
23.20 Prima tv La felicità por- 22.45 Basket, NBA 2010/2011 mamma, meglio ancora se è sindaco e ha fatto approvare il uno spettacolo indegno in
ta fortuna SC1 Miami Heat - Los Angeles nuovo Piano del Territorio. “Quando il Piano di Gestione del tutta la comunità
0.25 Major League III SCC Lakers (Replica) SP2 Territorio sarà in vigore, in zone come quella di via Ajraghi, internazionale, roba da
0.40 Solar Attack SCM 0.30 Calcio, Bundesliga definite ‘Ambiti di rinnovamento urbano’, cadranno molti caschi blu a verificare la
1.10 Michael Jackson - 2010/2011 26a giornata Colonia vincoli. Basterà una semplice domanda al Comune... ma correttezza delle prossime
This Is It SCP - Hannover (Replica) SP3 sempre pagando gli oneri dovuti e dimostrando che sono state elezioni!
fatte le bonifiche M.A.G.
necessarie”, parole e è BOOM PODCAST PER RADIO2
musica di Carlo BENE ANCHE LILLO E GREG IN ONDA SU RAI5 è PURTROPPO questo

RADIO Masseroli, Assessore


allo Sviluppo del
Territorio di Milano.
Sul podcast vince Radio2 e fa il record
anche a febbraio. Da sola l’emittente vale il
54,5 per cento di tutta Radiorai, con 1
sistema è il risultato di anni
di berlusconismo, lo
vediamo nelle tv, nelle
è OGGI L’IPAD2 NEGLI USA
A“Radio3 Mondo” il regno I FAN GIÀ IN FILA
Mortizia per zittire le
eventuali malignità ha
milione e 700mila download, 300mila in più
rispetto al mese di gennaio. I cinque
pubbliche amministrazioni,
nei servizi etc, etc... è stato
saudita e la rivoluzione Con due settimane di anticipo
rispetto all’Italia e ai principali paesi
detto: “Non mi occupo programmi più scaricati di Radiorai sono un sistema dilagante
di mio figlio”. tutti di Radio2: “610”, “Il ruggito del ovunque, ma per fortuna c’è
Il monarca saudita ha osservato il risveglio del mondo europei, l’iPad 2, la tavoletta di
coniglio”, “Un giorno da pecora”, chi resiste alle lusinghe del
arabo, convinto che i tradizionali pilastri del suo con- seconda generazione della Apple,
“Ottovolante”, “Caterpillar”. Ottimo – “Sultano” di turno... ma mi
trollo politico (i proventi del petrolio, la protezione sbarcherà oggi negli Stati Uniti: da
dice una nota – il risultato di “Alcatraz”, che chiedo quando lo capiranno
degli Stati Uniti e la custodia dei luoghi santi) gli ieri pomeriggio è in corso una distribuzione a tappeto su
si attesta ad oltre 83mila download a soli la maggioranza degli italiani?
avrebbero permesso di superare questo momento. Ma il tutto il territorio (si registrano già le prime file dei fan
due mesi dal suo ritorno on air. “In assenza Michele
sfegatati in attesa davanti ai negozi). Contrariamente a
mare della rivoluzione che dalla Tunisia ha raggiunto i di rilevazioni Audiradio - commenta Flavio
quanto successo per il lancio dell’iPad 1 e dell’iPhone 4, la
paesi del Golfo tocca anche il regno saudita. E re Mucciante, direttore della rete - si guarda al è ULTIMAMENTE B. si
Apple non ha organizzato questa volta una lista di
Abdullah al posto di fare concessioni politiche per cal- web come importante strumento di affida a persone
prenotazioni. La casa di Cupertino (che apre oggi anche le
mare il suo giovane popolo (il 70% ha meno di 30 anni) riscontro. L’interazione con Internet incompetenti!! Sono finite le
ordinazione americane online) sostiene che si potranno
ha utilizzato il denaro offrendo alla scontenta genera- aumenta la qualità della partecipazione e corruzioni tipo Mills & C?
evitare lunghe attese dovuto a rapido sold-out, anche
zione di giovani del suo paese una cifra pari a 36 fotografa target mirati”. Radio2 sta anche Lidia
perchè il nuovo tablet sarà disponibile in grandi catene
miliardi di dollari. Le elergizioni di denaro possono sperimentando forme di comunicazione
come BestBuy e WalMart, oltreché presso gli operatori
“crossmediale”: la messa di onda tv su Rai5 è MI CHIEDO se ci sia
diventare un fattore di stabilizzazione? Quali saranno le telefonici affiliati At&t e Verizon Wireless.
di “610”, il programma di Lillo e Greg su almeno una cosa che silviolo
richieste dei manifestanti nel giorno della rabbia saudi-
Radio2, ha fatto registrare per la prima ha fatto in modo pulito nella
ta?
volta il sorpasso, in termini di spettatori, sua vita.
Radiotre 11,30 sull’altra rete digitale della tv pubblica, Rai4. Vieffina
pagina 18 Venerdì 11 marzo 2011

SECONDO TEMPO

giustamente
PIAZZA GRANDE É di Bruno Tinti

A PENSAR MALE
NON CI VUOLE
Una riforma al giorno si chiude ed i giochi sono fatti.
Così, l’indebolimento dell’ob-
bligatorietà dell’azione penale
mediante liste, stabilite dalla
POI MOLTO
l Fatto ha scoperto che qualcuno ha tentato di
I
toglie il giudice di torno politica, che distinguono quali
reati perseguire e quali no; - il
controllo delle attività investi-
gative della polizia giudiziaria
esercitato dal governo e non
corrompere “Fatima” per falsificare gli atti dello stato
civile di Fki Ben Salah e invecchiare Ruby di 2 anni. Così B.
si sarebbe accoppiato con una puttana, su questo non ci si
può fare niente, ma maggiorenne: niente prostituzione
di Gian Carlo Caselli da un fortissimo tasso di illega- cidentali per ciò che qui inte- più dal pm; - la mortificazione minorile. Siamo bravissimi? Bè si; ma è anche vero che,
lità che comprende una spaven- ressa) non ci consente assoluta- del Csm a ruoli meramente bu- dopo l’annuncio delle ennesime indagini difensive in
e leggi “ad personam” tosa corruzione, collusioni e mente un simile lusso. Posto in- rocratici; - la previsione di un Marocco, non ci voleva molto a pensare male. Adesso però

L hanno imbarbarito il si-


stema violando i principi
fondamentali dell'ordina-
mento ma non sono servite a
granché. L’ossessione del pre-
complicità con la mafia assai
diffuse, gravi fatti di mala ammi-
nistrazione e fenomeni assortiti
di malaffare. Quasi sempre ci
sono pezzi consistenti di politi-
fatti che sempre – ovunque vi
siano forme di separazione – il
governo in un modo o nell’altro
ha poteri direttivi sui pm, in Ita-
lia (nella situazione ancora at-
Csm separato per i pm, così sot-
tratti all’utile “koinè” con la ma-
gistratura giudicante; - il confe-
rimento al Guardasigilli di un
potere di ispezione e relazione
si apre l’ennesimo baratro tra la vita di tutti i giorni e il
processo penale. Nella vita di tutti i giorni il cittadino
pensa: eccolo là, beccato! Nel processo penale si apre un
percorso a ostacoli allucinante. Art. 9 del codice di
procedura: chi commette all’estero un delitto per il quale la
mier per i suoi processi non si è ca coinvolti in tali vicende, per tualmente data) il sistema sa- sulle indagini destinato a fun- pena minima è inferiore a tre anni, è punito a richiesta del
calmata, e poco sollievo gli è cui consentire loro (come av- rebbe suicida, perlomeno fin- zionare come ponte verso la co- ministro della Giustizia. I soldi sono stati offerti a “Fatima”
venuto dall’incessante azione verrà con la pseudo-riforma del- ché certe decisive componenti struzione di un rapporto gerar- in Marocco, dunque all’estero; e fino a qui ci siamo. Lei non
di illustri avvocati che intrec- la Giustizia) di pilotare la magi- della classe politica resteranno chico con l’ufficio del pm; - una li ha accettati e quindi il reato commesso è quello di cui
ciano la difesa privata con re- stratura nel modo che ad essi esclusivamente preoccupate nuova disciplina della respon-
all’art. 322 del codice penale, istigazione alla corruzione,
sponsabilità istituzionali. più conviene sarebbe micidia- della propria impunità. Sareb- sabilità dei magistrati che rischi
Meglio lasciare da parte l’ac- le: per l’uguaglianza dei cittadi- be come affidare alle volpi la cu- di esporli a bufere scatenate punito da 1 anno e 4 mesi a 3 anni e 3 mesi. Stando così le
cetta che trancia di netto i de- ni di fronte alla legge e per la stodia del pollaio! Se poi la se- strumentalmente, incompati- cose, la storia finisce qui: voi ce lo vedete Alfano che
litti più “rischiosi”. Persino stessa credibilità della nostra parazione delle carriere si com- bili con la serenità e l’autono- richiede alla Procura di Milano di procedere contro B.?
un’opinione pubblica assuefat- democrazia. bina (come previsto nella pseu- mia della giurisdizione. Ah, già, perché la chicca è che la competenza appartiene,
ta e ipnotizzata potrebbe a un In altre parole, grazie alla pseu- do-riforma del governo) con al- anche per questo reato, alla Procura di Milano: lo dice
certo punto svegliarsi. Invece do-riforma potrà dare ordini al- tre misure mirate all’impunità SON TUTTI interventi che l’art. 10 del codice di procedura: se il reato è stato
delle brutali leggi “ad perso- la magistratura, stabilendo co- dei potenti, ecco che il cerchio univocamente convergono ver- commesso interamente all'estero, la competenza è
nam” si possono imboccare so l’obiettivo di riservare al po- determinata successivamente dal luogo della residenza,
strade più elusive ma non me- tere politico l’apertura o chiu- della dimora, del domicilio, dell'arresto o della consegna
no efficaci. Giustizia, la posta sura del “rubinetto” delle inda- dell'imputato. E B. risiede a Milano. Ma, anche se il
Per esempio qualche modifica gini, prevedendo per giunta for- processo cominciasse (hai visto mai, nuove elezioni, B&C
della Costituzione che consen- in gioco è la qualità me indirette ma efficaci di dis- vengono cacciati a scopate, la nuova maggioranza è fatta
ta al governo di condizionare la suasione verso i pm che tardino
magistratura o addirittura di della democrazia. a capire che conviene “baciare
di persone serie, il ministro della Giustizia chiede che si
proceda), ci sarebbero problemi mica da poco.
impartirle direttive. Bisognerebbe le mani” a chi può e conta, piut-
Prima di tutto: chi si deve iscrivere nel registro degli
tosto che servire gli interessi ge-
indagati? Tutto quello che “Il Fatto” ha scoperto (fino ad
ESATTAMENTE questa è la rileggere nerali. La posta in gioco è la qua-
ora) è che si trattava di due italiani; altro non si sa. Allora,
situazione che si avrà con la se- lità della democrazia. E forse è
dicente riforma della Giustizia Calamandrei : “La bene cominciare a rileggere si iscrive un procedimento contro ignoti? È vero che sarebbe
(sobriamente denominata epo- me e chi indagare, proprio quel quel passo di Calamadrei in cui la soluzione tecnicamente più corretta; ma: chi diavolo va
cale...) che il Consiglio dei mi- potere politico che di solito – è libertà è come sta scritto che “la libertà è come fino a Fki Ben Salah per corrompere “Fatima” di sua
nistri ha messo in cantiere. storia – respinge i controlli di le- l’aria. Ci si accorge di quanto va- iniziativa, per intenderci senza un preciso mandato di chi vi
Direttore dei lavori è un cavalie- galità relativi ai suoi esponenti,
l’aria. Ci si accorge le quando comincia a mancare, ha interesse? E fino a qui si può essere d’accordo: chi ha
re/presidente che nello stesso preferendo autoassoluzioni di quanto vale quando si sente quel senso di interesse a corrompere “Fatima” deve essere iscritto come
tempo è imputato in vari pro- perpetue. Ad esempio minimiz- asfissia che gli uomini della mia indagato. Ma, chi ha interesse a corrompere “Fatima”? B,
cessi. Un ossimoro? Forse, ma zando il gravissimo cancro della quando comincia generazione hanno sentito per certamente. E i suoi C che dipendono da lui e che, se B.
soprattutto un modo per rego- corruzione sistemica riducen- vent’anni e che io auguro a voi viene condannato, si ritrovano in mezzo a una strada,
lare i conti con questa magistra- dolo (la tradizione al riguardo si a mancare” di non sentire mai”. costretti a lavorare per vivere? E quelli dei
tura golpista ed eversiva che è consolidata negli anni) ad iso- C che addirittura, se vengono buttati fuori
continua a coltivare un’assurda late performance di “mariuoli” dal Parlamento, finiscono in galera? Tutta
pretesa: chiedere conto anche o “sfigati” di poco conto. E non questa gente (qualche centinaia)
al premier di azioni od omissio- è un caso che il presidente del
ni che si presentino in contra- Consiglio, presentando baldan- potrebbe benissimo aver pensato di fare
sto con la legge penale. zosamente la “sua” riforma, ab- un favore a B., magari senza nemmeno
Ma anche a prescindere (e non bia dichiarato con candore che dirglielo. E magari mettendosi in tasca la
si può) dalle vicende giudiziarie così Mani Pulite non ci sarebbe fotocopia dell’atto originale, pronti, a
del premier e dalle sue ansie, è stata. Che se invece avessimo a cose fatte, a monetizzare il frutto della
evidente innanzitutto che non che fare anche noi con politici loro dedizione.
si tratta di una riforma della Giu- capaci di dimettersi sol perché Che fare, dunque? Io comincerei a
stizia (l’inefficienza del sistema scoperti a copiare una tesi di iscrivere un procedimento contro ignoti e
resterà tal quale), ma del tenta- laurea, allora potremmo pure poi manderei l’informativa ad Alfano:
tivo di liberare il potere politico discutere sull’opportunità o caro ministro, vorrebbe richiedere la
dal fastidio di aver a che fare con meno dell’opzione legata alla punizione del colpevole di questo grave
magistrati indipendenti. È poi separazione delle carriere. Per reato? E lascerei un posto libero sul
impossibile ignorare un dato di contro, la concreta realtà del caminetto per appendervi la risposta
fatto: il nostro – purtroppo – è nostro paese (ancora fuori degli incorniciata.
tuttora un paese caratterizzato standard delle democrazie oc-

Nel libro di papa


Gesù non faceva Benedetto XVI
manca la parte
sui rapporti tra Chiesa e società.
“Anche oggi – scrive – la barca
della Chiesa, col vento contra-
rio della storia, naviga attraver-
di una Chiesa assediata da un
mondo anti-cristiano. Non sono
mai state queste, nella storia
della Chiesa, le premesse per
liare lefebvriano. È il segno di un
Papa che ha sempre scisso il suo
tempo in due: il governo e la ri-
cerca teologica personale. Su-

politica sulla nascita di


Cristo. Nel 1971, da
so l’oceano agitato del tempo.
Spesso si ha l’impressione che
debba affondare…”. Affermare
che il vento della storia soffia si-
stematicamente “contro” la
stagioni felici.
Importante nel volume è l’esor-
tazione ad approfondire i rap-
porti ebraico-cristiani. Non sol-
tanto ripudiando radicalmente
scitando dietro le quinte criti-
che persistenti sulla sua guida
non sufficientemente conse-
guente con le grandi sfide che
attendono la Chiesa all’interno
di Marco Politi modo di essere”. Le conse- teologo, Ratzinger la tesi del “popolo deicida”, ma e all’esterno.
guenze terribili di una violenza in base a una riflessione più am-
risto non era un rivoluzio- motivata religiosamente, ag- ammise che DALLE PAGINE emerge, pe-

C
pia. La distruzione del tempio di
nario. “Non viene con la giunge, sono sotto gli occhi di Giuseppe poteva Gerusalemme, spiega Ratzin- rò, un sano realismo teologico
spada del rivoluzionario, tutti. Al di là di questa valuta- ger, ha aperto una fase del tutto nel ribadire che la Chiesa al suo
viene donando la salvez- zione si avverte, in altri passi, il anche essere nuova nella storia religiosa d’I- interno deve sempre fare i conti
za e la guarigione”. Nel suo se- timbro della resa dei conti per- sraele. Da allora si confrontano con altri Giuda che tradiscono
condo libro su Gesù, Benedet- sonale con i teologi della libe- biologicamente due letture dell’Antico Testa- la missione e ha continuamente
to XVI respinge ulteriormente razione. “La violenza non in- mento: la rabbinica e la cristia- bisogno di fare pulizia per pu-
ogni teologia politica (contro staura il Regno di Dio, il regno il padre na. Queste letture, sottolinea il rificarsi, una “lavanda dei piedi”
cui ha combattuto da prefetto dell’umanità. Al contrario, è lo Papa, devono “entrare in dialo- permanente.
della Congregazione per la dot- strumento del’Anticristo”, per- go” per comprendere corretta- Manca, nella vita di Gesù ratzin-
trina della fede negli anni Set- sino quando è invocata seguen- tiva “figlio di Dio” come perso- Chiesa è un giudizio pesante. mente la parola e la volontà di geriana, la parte sulla nascita. Il
tanta e Ottanta). Anzi, spiega, il do motivazioni religiose idea- na della Trinità?) anche questo Una svolta di 360 gradi rispetto Dio. Papa promette di scriverla. Sarà
messaggio di Cristo separa de- lizzate. libro non li risolve. all’atteggiamento di serena fi- Il libro è stato terminato il 25 interessante. Nel 1971, da teo-
finitivamente la sfera politica Racconta molto su Ratzinger ducia del Concilio e di quanti aprile 2010. Nel pieno della cri- logo, ammise che Giuseppe po-
dalla dimensione religiosa a dif- HA IL SAPORE di una resa questo secondo volume sulla ancora oggi si richiamano al suo si sugli abusi sessuali. È stato re- teva anche essere biologica-
ferenza di quanto avveniva nel- dei conti anche l’attacco al me- passione e resurrezione di Ge- slancio. Al fondo la frase è an- datto nel vivo di altre crisi: lo mente il padre di Gesù. Non ave-
l’antico Israele e si riproporrà todo storico-critico di indagine sù. Mentre esalta la fiducia nel che rivelatrice del nucleo duro scontro con il mondo ebraico va importanza, scriveva, per-
nell’islam. Di qui l’affermazio- biblica, che avrebbe esaurito la Cristo, che tiene le sue mani ste- che nel 2005 si mobilitò per far sul caso Williamson, la lacera- ché la filiazione divina di Gesù
ne che la “sovversione violen- sua funzione. Ma in realtà gli in- se sui fedeli e l’umanità, il testo eleggere Ratzinger al trono pa- zione nel mondo cattolico a era “ontologica”. Sarebbe un’af-
ta, l’uccisione di altri in nome terrogativi aperti sulla figura di rivela il profondo e permanente pale: un raggruppamento di proposito della scomunica ri- fermazione rivoluzionaria oggi
di Dio non corrisponde al suo Cristo (fino a che punto si sen- pessimismo di Benedetto XVI porporati animati dalla visione messa al movimento anticonci- in bocca al Papa. La ripeterà?
Venerdì 11 marzo 2011 pagina 19

SECONDO TEMPO

nomici (il dio denaro!) che stema dei Centri per l’Impiego

MAIL BOX
questa impresentabile coali- è quanto meno imperfetto e
zione di centrodestra gli assi- non riesce a fare breccia in un
cura in cambio del sostegno Paese nel quale ancora oggi gli
elettorale con l'esenzione del- inserimenti lavorativi viaggia-
l'Ici sugli immobili, il foraggia- no sul passaparola e le sele-
mento alla scuola privata, la zioni per le grandi aziende ven-
nomina di insegnanti di religio- gono svolte da “cacciatori di
ne pagati dallo Stato Italiano teste” e non affidate al servizio
La riforma senza un concorso, l'8 per mil- pubblico. D’altra parte i Centri
dell’ingiustizia
La riforma "epocale" della giu-
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO le di per sè già un provvedi-


mento vergognoso aggravato
dalla ripartizione di quella
per l’Impiego non possono es-
sere pensati come mere agen-
zie “immediate” di colloca-
stizia è stata proposta a pochi
gironi dall'inizio dei processi BOSSI E MARONI: quota non destinata dai citta-
dini italiani che di fatto non è
mento. Il nostro scopo è quel-
lo di prendere in carico la per-
del premier, ovviamente met-
tendola davanti a riforme ben
più importanti per il Paese. Ci
PROGETTI DI SECESSIONE altro che un "pizzo legalizza-
to". Oggi di fronte al dramma
del Nordafrica l'agenda politi-
sona, sottoscrivendo con essa
un “patto di servizio” perso-
nalizzato che, oltre a rendere
sono due motivi, secondo me, aro Colombo, avrai sentito armi non abbiamo bisogno perché, se del ca del governo e relativi lacchè disponibili le offerte lavorative
per cui il presidente Napoli-
tano potrebbe non firmare
C della patriottica e orgogliosa
risposta di Bossi alle insinuazioni di
caso, sappiamo dove prenderle". O anche
:"Chi c'e le dà) è la risposta complice, ma
è impegnata a neutralizzare gli
effetti del caso Ruby.Il ministro
corrispondenti, proponga
eventualmente anche percorsi
questa proposta di legge: il pri- Gheddafi ("La Lega mi ha chiesto anche grave, per un ministro dell'Interno, che della difesa tedesco per molto di formazione ad hoc, in molti
mo motivo che questa riforma aiuto", dice Gheddafi, intendendo "conferma" la battuta sulle armi, ma mostra meno con dignità si è dimesso casi sostenuti dal “reddito per
che tocca la Costituzione non aiuto militare per la secessione) che di non avere obiezioni. In questo modo il e nessuno del suo partito si è il cittadino in formazione” che
è stata nè discussa né condiv- ha detto: "Perché avremmo dovuto problema viene accantonato, e la Lega sognato di difenderlo e di non abbiamo introdotto dallo
visa con la maggioranza del chiedere aiuto? Le armi le continua il suo percorso senza alcun fargli ritirare le dimissioni e la scorso anno. Lo scenario è
Parlamento, il secondo motivo fabbrichiamo in Lombardia" . Il monitoraggio, attenzione o allarme della società civile ben si è guardata mutato, bisogna prenderne at-
che rappresenta una palese vo- ministro dell'Interno Maroni, alla opinione giornalistica e della opinione dal parteggiare più di tanto. to e costruire modelli di in-
glia di intimidire la magistratu- richiesta di commentare, nel Tg di pubblica. Evidentemente il livello di pro- tervento che ne tengano con-
ra a pochi giorni dai quattro Mentana (8 marzo) ha detto: Un bel privilegio. Bisognerà tenere conto di stituzione intellettuale forte- to. Per questo abbiamo negli
processi che interessano il "Confermo. Le armi si fabbricano in quel privilegio accordato alla Lega quando il mente presente in una buona ultimi 12 mesi aperto tre CPI
premier. È evidente, a mio pa- Lombardia". Saranno anche gruppo secessionista tornerà a svelare non fetta di italiani. all’interno di Sapienza, Roma
rere, che in caso di sentenze spiritosi, ma non ti sembra che i due solo a Gheddafi le sue vere intenzioni: Walter Guagnetti Tre e Tor Vergata. E soprat-
sfavorevoli il premier si rivol- stiano facendo un gioco pericoloso? spaccare l'Italia di cui adesso, con tre tutto lavoriamo su quello che
gerebbe attraverso i suoi me- Francesco importanti ministri al governo, rifiuta di È l’Italia che non investe dal prossimo maggio sarà il
dia all'opinione pubblica affer- celebrare la festa di fondazione. Il fatto è nuovo modello pubblico dei
mando che i giudici si sono LA LEGA fa da tempo un gioco che, a turno, le tre voci della Lega, che più sul lavoro servizi per il lavoro. Parlo di
vendicati. Credo non esista in pericoloso, e riesce a farlo con la complicità evidentemente si sentono libere da Gentile direttore, PortaFuturo, il centro che na-
nessun Paese democratico che molto attenta dei media. Senza dubbio Bossi, responsabilità di governo che invece a fronte di un milione di per- scerà a Testaccio e che, grazie
si cambino le regole del gioco a Calderoli e Maroni sono riusciti nell'intento di rivestono, alzano il tono provocatorio, sone che cercano lavoro a Ro- ad un software appositamente
partita iniziata! incutere paura. Non nel senso dello allegramente irresponsabile, delle loro ma e Provincia, le offerte con- creato e a una filosofia di fun-
Franco Spadavecchia strapotere berlusconiano, ma usando la dichiarazioni senza che vi siano obiezioni crete sono decisamente risibi- zionamento innovativa, offrirà
minaccia di portar via voti a una sinistra istituzionali o di stampa. Per ora un destino li. Mercoledì alle ore 11.30 – ad in un unico luogo tutte le op-
Via gli incentivi sempre più esangue e stabilire così una felice per poche persone, che porteranno i esempio – risultano sulle pa- portunità di formazione, inse-
egemonia (posti, banche, imprese, dunque loro votanti, i cittadini governati nelle loro gine web del nostro sito infor- rimento lavorativo ed in gene-
dalle rinnovabili giornali) per cui è bene mettersi in buona regioni, e l'intero Paese, a un inevitabile caos. maservizi 310 opportunità di rale di costruzione del proprio
Hanno tolto l'incentivi per le luce per tempo. Reazioni anche tardive del Pd? Non lavoro. Poche, non c’è che di- futuro professionale.
energie rinnovabili. Come so- Purtroppo il Pd i voti li perde da solo, per venute . re, soprattutto perché per la Devo però rimarcare con for-
no bravi questi personaggi pie- mostrandosi ambivalente, un giorno con il maggior parte riguardano of- za una questione di fondo: l’I-
ni di contraddizione offensiva ruggito dei dieci milioni di firme contro Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano ferte provvisorie, o riservate a talia ha evidentemente rinun-
per tutti noi. Piangano costan- Berlusconi e un giorno facendo sapere che 00193 Roma, via Valadier n. 42 lavoratori in mobilità. ciato ad investire sul proprio
temente sul costo dell'energia "non ci sono tabù" a partecipare al gioco di lettere@ilfattoquotidiano.it Parliamoci francamente, il si- futuro. I finanziamenti erogati
che dobbiamo importare, distruzione della giustizia secondo Alfano. dal governo per le politiche at-
piangano perché tutti coloro Comunque la Lega comanda al punto da far tive del lavoro, compreso il si-
che ci circondano hanno le relegare fra le notizie minori la rivelazione di stema dei “centri per l’Impie-
centrali nucleari e le vogliono Gheddafi, (Bossi sta sempre preparando la LA VIGNETTA go”, sono inesistenti, e quindi
anche loro. Si lamentano che secessione) la disinvolta risposta di Bossi ("di risultano affidate esclusiva-
siamo schiavi di un solo for- mente a risorse messe a dispo-
nitore di gas mentre con i ri- sizione dall’Unione europea,
che sotto questo punto di vista
ci giudica evidentemente,
IL FATTO di ieri11 marzo 1818 barba alle separazioni e tanti
altri congegni pro vostro. Pro
“terzo mondo” bisognoso di
aiuti.
Chi, tra Percy Bysshe Schelley, Mary Schelley e Lord mio, no di certo! Non solo: il ministro Sacconi
Byron, avrebbe scritto il più terrificante romanzo di Benito Monti. ha scelto di tagliare drastica-
fantasmi? Nacque così, per scommessa, nella villa di mente i fondi per la formazio-
Byron sul lago di Ginevra, dove nella primavera piovosa Ruby, Mubarak ne e qualificazione professio-
del 1816, l’allegra brigata si riuniva la sera ingannando la nale che la Ue ci assegna, uti-
noia con lunghi conversari su eventi soprannaturali, il
e le bugie di B. lizzandoli per coprire le spese
capolavoro Frankenstein, il più agghiacciante romanzo Il caso Ruby credo rappresenti delle casse integrazione e delle
gotico mai scritto. A vincere quella sfida letteraria era in modo spietato l'infimo livel- mobilità.
stata lei, la 19enne Mary Shelley, figlia colta di lo in cui una parte non trascu- Massimiliano Smeriglio, assesso-
intellettuali, liberi pensatori, fatalmente attratta dal rabile della nostra società sia re della provincia di Roma alle
progresso del sapere scientifico, dall’“elettricità animale” sprofondata senza un sussulto politiche del Lavoro e della For-
di Galvani, ma anche atterrita dalle possibili conseguenze di dignità. Nel parlamento ben mazione
nefaste della scienza. Temi elaborati nella sua profetica 315 deputati (Pdl+Lega) nel
favola fantascientifica, carica di fantasie di morte, in cui tentativo di corroborare la
lo scienziato Victor, moderno Prometeo impegnato a strategia processuale dell'On.
riprodurre la vita, rifiuterà la propria tragica creatura, un Paniz certificano in modo IL FATTO QUOTIDIANO
mostro generato senza identità e senza storia, destinato ignobile che Berlusconi fosse via Valadier n. 42 - 00193 Roma
a distruggere tutto e ad autoannientarsi. Intriso di horror convinto che Ruby era la ni- lettere@ilfattoquotidiano.it
di faustiana memoria, Frankenstein, simbolo del sogno o pote di Mubarak con il risvolto
tabù della creazione artificiale, uscirà l’11 marzo 1818. grottesco di patentare il pre-
Sconvolgendo i critici soprattutto per il fatto che a mier come persona non par- (sconcertante e impietose le Direttore responsabile
scriverlo fosse stata una donna. ticolarmente sveglia. Il presi- immagini del Cardinal Bertoni
Giovanna Gabrielli dio mediatico berlusconiano nella ricorrenza dei Patti La- Antonio Padellaro
mette in campo uno stuolo di teranensi nel tentativo di igno- Vicedirettore Marco Travaglio
deputate del Pdl , peraltro ab- rare la vicinanza del premier) si
gassificatori (altri giocattoli bastanza "passatelle" per i gu- dimostra ancora una volta non Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
con i voti) che fanno? Fanno Progetto grafico Paolo Residori
esplosivi per l'ambiente e ri- chiudere le ditte, mandano a sti del cavaliere per le serate all'altezza nel prendere posi-
spettiva vita), possiamo avere spasso chi lavora, favoriranno del bunga bunga, che si immo- zione su un fatto che richie- Redazione
più fornitori e poi... tagliano i lano per relata refero (non po- derebbe una nettezza di giu- 00193 Roma , Via Valadier n°42
la pericolosità inquinatrice di tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
fondi per le energie sostituti- tutto e poi vengano a dire che trebbe essere altrimenti dato dizio morale e si rifugia in un
ve. Stiamo organizzandoci per che a quanto si sa non sono deplorevole stantio cerchio- e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
si va meglio delle altre nazio- sito: www.ilfattoquotidiano.it
installare i pannelli fotovoltai- ni,che la crisi sta finendo, che la state presenti a quegli incon- bottismo in evidente contra-
ci,per produrre e vendere tali tri) nel tentativo di edulcorare sto con le ferme prese di po- Editoriale il Fatto S.p.A.
disoccupazione scenderà. Sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n°42
impianti,come fa la Germania e Certo a parole siete il governo e di sminuire i fatti senza che, sizione delle articolate realtà
altre nazioni, ma i chiacchie- beata ingenuità (eufemismo), religiose periferiche. Più che Presidente e Amministratore delegato
del fare. Contenti chi vi vota. A Giorgio Poidomani
roni, i parlatori, i saputelli e at- proposito: senza i soldi i pro- non venga loro il dubbio di es- altro non dissimula l'evidente
tori di nostra produzione (li sere gli "utili idioti" della causa. proprio posizionamento per Consiglio di Amministrazione
cessi saranno sempre lunghi in Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
mandiamo noi a comandare Del pari la gerarchia vaticana salvaguardare i vantaggi eco-
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Valadier n° 42, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano
Il modo di comunicarle, sì. Erano gli anni Cinquanta. Un’efficiente centralinista era pronta a mettere
in contatto gli italiani che volevano comunicare. Le emozioni passavano, prima di tutto, attraverso la sua voce. Oggi invece viaggiano
attraverso un MMS, una videochiamata, o semplicemente un’emoticon. Perché le tecnologie si evolvono. Ma a ben guardare, le emozioni
sono sempre le stesse. E aiutarvi a comunicarle in modo nuovo è la parte del nostro lavoro che amiamo di più. www.telecomitalia.com