Sei sulla pagina 1di 2

1

Conservatorio Di Musica “G. Tartini” di Trieste


CULTURA MUSICALE GENERALE
(ARMONIA)
Esami ministeriali:

I
Programma degli Esami di Compimento del Corso

(Durata: 2 anni)

(per gli allievi di arpa, chitarra, flauto dolce, percussione, pianoforte, sassofono, viola, violino, violoncello)

1. Armonizzazione di un basso a 4 parti senza numeri con progressioni, ritardi e modulazioni ai toni vicini.
2. Dar prova di conoscere le modulazioni ai toni vicini e lontani.
3. Analisi dal punto di vista ritmico, armonico e della forma di un brano di pianoforte scelto dalla Commissione.

CHIARIMENTI IN ORDINE AGLI ESAMI DI CULTURA MUSICALE GENERALE PER GLI ALLIEVI DI
PIANOFORTE, VIOLA, VIOLINO, VIOLONCELLO, ARPA E CHITARRA (C.M. 28.03.85) :
Prova n. 1 "Armonizzazione di un basso a 4 parti senza numeri con progressioni, ritardi e modulazioni a toni vicini" : i
candidati hanno quattro ore di tempo a disposizione. Dato il carattere collettivo del corso la prova scritta si svolgerà in
aula collettiva e il candidato non potrà disporre di pianoforte.

I
Programma degli Esami di Compimento del Corso

(Durata: 1 anno)

(per gli allievi di canto, clarinetto, corno, contrabbasso, fagotto, flauto, oboe, tromba, trombone)

1. Analisi dal punto di vista ritmico e armonico di un breve e facile brano per pianoforte scelto dalla Commissione.
2. Dar prova di conoscere i seguenti argomenti: Scale antiche e moderne. Intervalli, consonanze e dissonanze, moto
delle parti. Triadi consonanti e dissonanti, loro rivolti. Accordi di settima, loro risoluzioni e rivolti. Cadenze e
progressioni. Accordo di nona di dominante, sua risoluzione. Modulazione di toni vicini. Ritardi, note di passaggio,
alterazioni. Pedale. Elementi di ritmica, formazione del periodo. Nozione sulle diverse forme musicali in genere.

Altri esami:
I
Programma degli esami interni di promozione

Esame di promozione al secondo anno:


1. Realizzazione scritta di un breve elaborato (basso dato, canto dato, ecc.) inerente gli argomenti svolti durante
l’anno.

Totale 2 pagine
2

CORSO SPERIMENTALE

DURATA: 2 ANNI

Programma di Teoria ed Analisi musicale


(Sostitutivo del corso istituzionale di Armonia)

1. L’ammissione al corso è subordinata al solo possesso della licenza di Teoria e Solfeggio o eventuale licenza di corso
sperimentale equipollente.
2. La durata del corso prevede complessivamente 2 annualità obbligatorie per tutti gli allievi
3. Al termine del regolare svolgimento della seconda annualità è previsto un esame il cui superamento porta al
conseguimento della licenza relativa al corso.
4. La frequenza del corso, una volta esercitata dall’allievo la propria facoltà di scelta a favore del corso stesso, è
obbligatoria fino al conseguimento della licenza.

Esame di licenza

1. Analisi scritta – su una serie di quesiti proposti dalla Commissione esaminatrice - di un brano non esteso e di media
difficoltà per complessità di scrittura, appartenente alla letteratura musicale compresa tra il sec. XVII e l’inizio del
sec. XX.
Durata complessiva della prova: 6(sei) ore previo dotazione della partitura ed eventuale ascolto del brano in esame.
2. Realizzazione scritta di un breve e facile concatenamento armonico volto a dimostrare il padroneggiamento delle
nozioni teoriche essenziali dell’armonia tonale classica (in particolare le principali formule cadenzali ed i principi che
regolano le modulazioni).
3. Colloquio che , prendendo spunto dalla realizzazione della prima prova d’esame, si rivolgerà anche a tutta la materia
trattata durante l’intero corso (secondo un programma concordato dai docenti impegnati nella sperimentazione e
presentato dal candidato al momento dell’esame) con particolare riguardo alle eventuali considerazioni inerenti la
prassi esecutiva e/o interpretativa.
4. Ogni prova sarà valutata con un voto in decimi (a loro volta frazionabili in centesimi) secondo le norme vigenti per
gli esami dei Conservatori.

Programma degli esami interni di promozione

Promozione al secondo anno:


1. Analisi di un breve brano di difficoltà adeguata al programma svolto. La prova rispetterà l’impostazione data agli
studi dal singolo docente e anche in relazione a ciò potrà essere svolta sia per iscritto che oralmente.
2. Realizzazione scritta di un breve e facile elaborato (basso dato, canto dato, modulazione ecc.) inerente gli
argomenti di carattere prettamente tecnico-armonico svolti durante l’anno. L’elaborato rispetterà l’impostazione
data agli studi dal singolo docente.
3. Colloquio su argomenti teorico-analitici svolti durante l’anno.