Sei sulla pagina 1di 2

CLITENNESTRA

Clitennestra (in greco antico: Κλυταιμνήστρα, Klytaimnēstra),
o Clitemnestra, o Clitemestra, è un personaggio della mitologia greca. Fu
regina di Micene.
A Clitennestra è dedicato il nome dell'asteroide della fascia principale 179
Klytaemnestra.
Era figlia di Tindaro e di Leda e (secondo alcune versioni del mito) sorella di Elena.
Sposò in prime nozze Tantalo ed in seguito Agamennonee fu madre di un figlio (di
Tantalo ed innominato e di Oreste, Ifigenia, Elettra e Crisotemi. Da Egisto ebbe le
figlie Erigone, Alete ed Elena.

Come per le sue sorelle, anche per Clitennestra (per un errore del padre e per
volontà di Afrodite) era stato preparato un destino infelice e che prevedeva di
divenire adultere, di doversi sposare più volte e di dover soffrire per le gesta dei
mariti. Clitennestra sposò prima Tantalo (figlio di Tieste o di Brotea) cui diede un
figlio. In seguito marito e figlio furono uccisi da Agamennone (il secondo marito) che
la prese in moglie.

ETTORE

Ettore (in greco antico: Ἕκτωρ, Héktōr; in latino: Hector) è


un eroe della mitologia greca, figlio di Priamo, re di Troia, e di Ecuba. Era
sposo di Andromaca e padre di Astianatte. Ettore, per non lasciare che i
nemici prendano il sopravvento, li affronta per salvare la sua gente e la
sua patria. Sa essere in battaglia un guerriero terribile, il più forte e valoroso
fra i Troiani, ma a volte lo si vede anche indietreggiare. Durante la lotta contro
Achille inizialmente fu l'unico a fermarsi per affrontarlo, per poi darsi alla fuga,
e infine prendere coraggio e affrontare il suo grande nemico in un duello per
lui mortale.
Partecipò alla guerra di Troia e fu il più importante difensore della città prima
di essere ucciso in combattimento da Achille, rabbioso con lui per l'uccisione
di Patroclo.
Prima del duello contro Achille, Ettore, disse:
«Ma non fia per questo
che da codardo io cada: periremo,
ma gloriosi, e alle future genti
qualche bel fatto porterà il mio nome.»ITALIANO
μὴμὰνἀσπουδί γε καὶ ἀκλειῶς ἀπολοίμην,
ἀλλὰμέγα ῥέξας τι καὶ ἐσσομένοισι πυθέσθαι. GRECO
ANDROMACA

Andromaca (in greco antico: Ἀνδρομάχη, Andromáchē, "colei che combatte


gli uomini") è un personaggio della mitologia greca. Fu principessa di Tebe
Ipoplacia.
I miti e la tradizione hanno delineato un ritratto sconsolato, rammaricato ed
eternamente perseguitato di Andromaca, una figura toccante per essere
destinata a perdere tutti i suoi cari.
In contrasto con la relazione tra Elena e Paride, quella tra Andromaca ed
Ettore coincide con l'ideale greco di un matrimonio d'amore felice e di
reciproca fedeltà, che intensifica la tragedia che condivideranno.
Figlia di Eezione, sposò Ettoree fu madre
di Astianatte, Laodamante ed Ossinio; in seguito come concubina
di Neottolemo divenne madre di Molosso Pielo e Pergamo.
Da Eleno infine, ebbe un figlio, chiamato Cestrino.