Sei sulla pagina 1di 4

Massimo Comune Divisore

(M.C.D.)

Il Massimo Comune Divisore (M.C.D.) è il più grande tra tutti i divisori


comuni dei numeri che si prendono in considerazione.
Come si calcola il M.C.D.:

 Si scompongono i numeri considerati in fattori primi;

 Si moltiplicano tra loro solo i fattori comuni, presi una sola volta e con
l’esponente più piccolo.

Se non esistono fattori comuni, il M.C.D. vale 1.

Vediamo un esempio

Calcolare il Massimo Comune Divisore tra 6 e 15

M.C.D. (6; 15)

scomponiamo in fattori primi 6 e 15

Riportiamo i risultati delle scomposizioni in fattori primi (si chiama


fattorizzazione)

1
Osservando i risultati delle scomposizioni in fattori primi dei numeri 6 e 15,
notiamo che 3 è l’unico fattore comune, quindi:

Calcolare il Massimo Comune Divisore tra 200 e 350


M.C.D. (200; 350)

scomponiamo in fattori primi 200 e 350

Riportiamo i risultati delle scomposizioni in fattori primi (la fattorizzazione)

Osservando i risultati delle scomposizioni in fattori primi dei numeri 200 e 350,
notiamo che i fattori comuni sono il 2 e il 5; per il calcolo del risultato dobbiamo
prendere quelli con l’esponente più basso, quindi:

2
Minimo comune multiplo
(m.c.m.)

Il minimo comune multiplo (m.c.m.) è il più piccolo tra tutti i multipli comuni
dei numeri che si prendono in considerazione.

Per calcolare il m.c.m.

 Si scompongono i numeri considerati in fattori primi;

 Si moltiplicano tra loro i fattori comuni e non comuni, presi una sola
volta e con l’esponente più grande.

Vediamo un esempio

Calcolare il minimo comune multiplo tra 8 e 12

m.c.m. (8; 12)

Scomposizione in fattori primi 8 e 12

Riportiamo i risultati delle scomposizioni in fattori primi (la fattorizzazione)

3
Osservando i risultati delle scomposizioni in fattori primi dei numeri 8 e 12,
notiamo che 2 è fattore comune (prendiamo quello con esponente più
alto) e 3 è fattore non comune, quindi:

Calcolare il minimo comune multiplo tra 300 e 315

m.c.m. (300; 315)

Scomponiamo in fattori primi 300 e 315

Riportiamo i risultati delle scomposizioni in fattori primi (la fattorizzazione)

Osservando i risultati delle scomposizioni in fattori primi dei numeri 300 e


315, notiamo che 3 e 5 sono fattori comuni (prendiamo quelli con
esponente più alto) e 2 e 7 sono fattori non comuni, quindi: