Sei sulla pagina 1di 12

 Tessuti estivi

Tessuti estivi
In questa pagina parlerò di alcuni tessuti estivi cercando di catalogarli in
modo che anche senza vederli tu possa avere l’idea del loro impiego in base
alle loro caratteristiche.
Naturalmente il consiglio migliore che ti posso dare è:
incomincia a frequentare le fiere di tessuti, entra nei negozi e visiona i vari tipi
di tessuto, maneggiali e come ho già scritto in una lezione preparati un
catalogo campionario.

Tessuti leggeri pregiati


Farò un elenco, come prima cosa, dei tessuti leggeri che vengono impiegati
anche in:

 abiti da sera;
 abiti da sposa;
 abiti da cerimonia;
 o semplicemente abiti eleganti.
Possiamo avere diversi tessuti di seta, georgette, cadì, raso, velluto, chiffon,
organza, broccato ecc..
Quindi possiamo fare ed ottenere diversi tipi di tessuto con trama e ordito
diverso, perciò tessuti di diversa pesantezza,
che si comportano in modo diverso pur essendo dello stesso materiale cioè di
seta.
Seta (definizione presa dal dizionario dei tessuti che
trovi sul web)
La SETA è una fibra tessile prodotta dal baco da seta, che impiega solo 3 o 4
giorni per formare un bozzolo di filo continuo tutto avvolto formato dai 20 ai
30 strati dopo si trasforma in crisalide. Questo filo di cui si avvolge il baco
da seta viene prodotto da alcune ghiandole e fuoriesce da un orifizio della
testa . Questi filamenti continui a contatto con l’aria si solidificano formando
il bozzolo. Il baco non si trasformerà mai in crisalide perché il bozzolo
sarebbe inservibile alla lavorazione della seta quindi vengono uccisi
dall’allevatore prima che completino la metamorfosi. L’immersione in acqua
bollente permette la lavorazione dei bozzoli e quindi la dipanatura; ma ci
sono anche lavorazioni in acqua calda. I paesi maggiori produttori di seta
sono la Cina e il Giappone, mentre l’Italia che vorrei poter dire uno dei
maggiori produttori del mondo, ora non è più un grosso produttore di
materia prima, e leader nella fabbricazione di tessuti in seta di qualità e
gusto elevatissimo, ora ahimè non è più così importante.  Purtroppo questo,
un tempo era un primato dell’Italia
E’ tra i tessuti più nobili, più morbidi, tra i più fini, tra le fibre naturali,
freschissime d’estate e calda d’inverno; è un filamento continuo molto sottile
e lucente, costituito da due bave che diventeranno il nostro filo, che il bruco
depone intorno a sé in più strati, per formare un involucro, chiamato carta,
dentro il quale si racchiude durante le sue trasformazioni in crisalide prima,
in farfalla poi. Il nome di seta lo si dà al filamento lungo dai 600 ai 900 metri
al filamento ricavato dal bozzolo del Bombyx mori, il baco che si nutre di
foglie di gelso. Esistono poi alcuni lepidotteri che crescono  in Giappone,
Cina, India, Africa e America che danno origine ad un’altra seta tussah ma
risulta più scuro e grossolano. La lavorazione dei bozzoli comporta diversi
passaggi, una volta essiccati, vengono crivellati a seconda della grossezza,
poi si passa ad una scelta minuziosa svolta a mano considerandone le qualità
e i difetti; ma non finisce qui, poiché le filande penseranno ai trattamenti
finali , come la macerazione che avviene tramite immersione dei bozzoli in
vasche con acqua riscaldata al vapore; poi la scopinatura che avviene con
macchinari a spazzole, e riunisce i capi delle bave; riunite in un certo
numero a seconda della loro grossezza, vengono saldate insieme e formano
così il filo di seta grezzo.  Ritorto poi, lavato e avvolto in matasse.
La resistenza di un tessuto dipende dal tipo di fibra: l’ORGANZINO, che ha
fibra lunga e ritorta , è molto resistente, mentre la BOURETTE ha fibra corta
e quindi poca resistenza.
Una via di mezzo è il filato SHAPPE che è molto usato SHANTUNG.
Raso

Il raso è un tessuto che tutti conoscono, molto utilizzato non troppo  difficile
da lavorare, se non per il fatto che sfila facilmente.
È un tessuto luminoso (tendente al lucido) scivoloso, può essere realizzato con
filati di seta più o meno pregiati oppure può essere realizzato con filati misti
seta e sintetico, oppure tutto filato sintetico, addirittura con filati di lana.
Fondamentale è l’armatura tessile che dà un tessuto appunto rasato perciò
lucente, in origine erano duchesse, mereilleux.
Il tessuto raso dà origine al damasco se sui due lati del tessuto figurano in
contrapposto sia l’effetto ordito sia l’effetto trama.
Scivola sul corpo valorizzandone le forme, ma facilmente viene anche
drappeggiato e si presta a ricami con perle e cristalli.
Raso Duchesse

Duchesse è un tessuto molto lucido, la lavorazione particolare del raso si


presenta al tatto pesante non scivoloso avvolge il corpo, lo incornicia
valorizzandolo, in alcune stoffe la trama viene eseguita in cotone. Esistono
tessuti  eseguiti in seta chimica che servono per decori e per fodere.
Raso Damasco

Il tessuto di raso dà origine al damasco che è un tessuto particolare per la


lavorazione e per come ci appare: sui due lati del tessuto figurano in
contrapposto.
Broccato
Originariamente il tessuto broccato era un tessuto molto prezioso, poiché era
in seta ed utilizzava dei motivi in rilievo sul diritto creati con l’utilizzo di fili
d’oro e d’argento. Compare già dalla metà dell’ottocento. Il tessuto oggi non
utilizza più fili d’oro e d’argento, ma al diritto presenta alcuni motivi
ornamentali in rilievo. I motivi in rilievo sono prodotti da catene e trame
aggiunte al tessuto di fondo proprio come un basso rilievo, e si possono
vedere solo nel dritto del tessuto.
Mikado

Tessuto in raso di seta, la sua particolare lavorazione, lo rende granuloso al


tatto e brillantissimo, unico nel suo genere, pesante e corposo, ciò lo rende
adatto alla creazione di abiti importanti, strutturati, alla definizione della
figura. Amato dalle spose che ne rimangono affascinate, deve il suo nome ad
un imperatore Giapponese che ne introdusse la lavorazione.
 
Tulle
Il tulle è un tessuto realizzato da fili che si intrecciano in modo particolare
lasciando una trama molto aperta, ma resistente, un esempio può essere la
garza, questa lavorazione rende il tessuto trasparente. Realizzato con diversi
filati: cotone, seta o sintetico cupro, poliestere, nylon, lurex e il suo costo
dipende dal filato con cui è stato realizzato; un tessuto di grande effetto che si
può utilizzare per un velo da sposa o per realizzare il vestito stesso per creare
balze, fiocchi, ecc..
Georgette

E’ un tessuto molto leggero, ad


armatura tela, al tatto risulta ruvido, è nato in seta dalla sua creatrice francese
da cui ha preso il nome, ma attualmente si può trovare anche in lana, cotone e
fibre sintetiche. Adatto a realizzare meravigliosi abiti in generale,
particolarmente amato dalle spose e per la sua particolarità si adatta a qualsiasi
figura, ha ottima vestibilità (abiti scivolati).
Crepe

Il Crepe è un tessuto in seta, lana, cotone di vario peso, fabbricato con tessuti
parecchio ritorti dall’aspetto granuloso, ondulato, (dal francese crépe peighe )
crépon tessuto crespo mosso granuloso. DEGRADE’ è un effetto sfumato del
colore o del disegno.DEVORE’  tecnica che svuota e corrode il tessuto per
ottenere effetti di trasparenza.
Cadì

Il CADI’ è un tessuto prezioso, armatura lana, seta attualmente anche


sintetico, crespo al diritto, raso sul rovescio ultimamente si trova anche opaco.
Goffrato
Il GOFFRATO  anche detto bugnato, è un tessuto che presenta effetti a rilievo
alternati a incavi formando così disegni geometrici ottenuti da una particolare
armatura, tessuto maglia o elasticizzato (nido d’ape).
Chiffon

Lo CHIFFON è un tessuto di velo trasparente formato da filati ritorti anche


questo tessuto può essere in seta, ma anche sintetico.
Taffetà

Il TAFFETA’ è un tessuto
tradizionalmente di seta, lucido, di leggera rigidità, data da un’armatura tela
con un ordito di densità superiore alla trama. Ha una struttura serrata e rigida
luminosa e cangiante dovuta  ai diversi colori dei filati usati per la trama e
l’ordito. Frusciante ai movimenti. Attualmente disponibile anche in fibre
sintetiche.
Organza
L’ORGANZA è un tessuto leggero trasparente, adatto per un abito da sposa o
da cerimonia, come tutti i tessuti di cui ho parlato, usati nel modo giusto e nel
colore giusto, secondo le loro caratteristiche. E’ un tessuto che nasce in seta,
ma che come quasi tutti i tessuti attualmente si trova in cotone e fibre
sintetiche; poliestere o nylon. L’organza più pregiata rimane quella in seta
generalmente prodotta o in Italia o in Francia. Ha una trama tipo garza e si
può trovare già ricamata e si presta ad essere ricamata da ricamatrici in gamba
ed esperte nel lavoro, perché il risultato possa essere apprezzabile. Esistono
vari tipi di organza, tra cui ad effetto stropicciato-liscio e cangiante (i colori
dei filati della trama e ordito sono diversi) somiglia un po’ allo chiffon.
Shantung

Particolare tessuto di seta, caratterizzato da nodi, che sono la sua caratteristica


e che sono dati dal fatto che un unico baco da seta fila 2 bozzoli, in realtà
sarebbe un difetto, ma dal momento che è una rarità è divenuto un pregio.Ha
un aspetto ruvido, non si stropiccia ed è resistente.
Mussola
La mussola è un tessuto molto leggero e morbido, può essere di seta, cotone o
lana, si presenta quasi trasparente ed è usato per tutto l’abbigliamento
femminile. Prende il suo nome dalla città dove in origine era fabbricato, la
città di Mossul nell’Iraq.
Lino

Il LINO è un tessuto in fibra naturale cellulosica viene estratta dallo stelo di


una pianta (linum). Il lino si può trovare come tessuto fine, oppure pesante più
grezzo e viene utilizzato per abbigliamento estivo, sia da uomo che da donna,
è un tessuto fresco, è la sua bellezza sta nel fatto di presentarsi sempre un po’
stropicciato, sportivo ed elegante. Spesso viene mischiato a fibre sintetiche o
ad altre fibre naturali. E’ un tessuto conosciuto già in epoca molto antica (gli
egizi vi avvolgevano le mummie, e lo conoscevano i romani nell’epoca
imperiale. Adatto ai climi caldi, ha la proprietà di assorbire molto l’umidità.
Cotone
IL COTONE è un tessuto che si ricava dai peli che rivestono i semi della
pianta omonima.Esistono vari tipi di cotone e si distinguono secondo la loro
provenienza, uno dei più pregiati è il Sea Island, morbido e setoso è adatto a
lavorazioni più raffinate.Il cotone è un altro tessuto che protegge dal caldo,
facile la sua manutenzione, è poco costoso, ma nello stesso tempo è molto
versatile. Facile da colorare perché assorbe ogni tipo di colorazione. Anche il
cotone è una fibra piuttosto antica, (dopo il lino e la lana ).
Fresco-lana

Il FRESCO-LANA è un tessuto, lo dice la parola stessa, estivo, in tinta unita,


usato per uomini e donne, lavorato con filati di lana merinos pettinata
particolarmente ritorti che lo fanno diventare un tessuto ingualcibile e
resistente. Ha un peso medio leggero.

Tecidos de verão

Tecidos de verão

Nesta página falarei sobre alguns tecidos de verão tentando catalogá-los para que mesmo sem
vê-los você tenha uma ideia de seu uso a partir de suas características.

Claro que o melhor conselho que posso dar é:

começa a frequentar feiras de tecidos, entra nas lojas e vê os vários tipos de tecido, manuseia-
os e, como já escrevi numa aula, prepara um catálogo de amostra.

Tecidos finos leves

Farei uma lista, em primeiro lugar, dos tecidos leves que também são usados em:

vestidos de noite;
vestidos de noiva;

vestidos formais;

ou simplesmente vestidos elegantes.

Podemos ter diferentes tecidos de seda, georgette, cady, cetim, veludo, chiffon, organza,
brocado etc.

Assim, podemos fazer e obter diferentes tipos de tecido com diferentes tramas e urdiduras,
portanto, tecidos de diferentes pesos, que se comportam de maneira diferente, apesar de
serem do mesmo material, ou seja, seda.

Seda (definição retirada do dicionário de tecidos que você encontra na web)

A SEDA é uma fibra têxtil produzida pelo bicho-da-seda, que leva apenas 3 ou 4 dias para
formar um casulo de fio contínuo todo enrolado em 20 a 30 camadas depois de se transformar
em crisálida. Esse fio em que o bicho-da-seda se enrola é produzido por algumas glândulas e
sai de um orifício da cabeça. Esses filamentos contínuos em contato com o ar se solidificam,
formando o casulo. O verme nunca se transformará em uma crisálida porque o casulo seria
inútil para o processamento da seda, então eles são mortos pelo criador antes de completar a
metamorfose. A imersão em água fervente permite o processamento dos casulos e, portanto,
o desemaranhamento; mas também existem processos em água quente. Os principais países
produtores de seda são a China e o Japão, enquanto a Itália, que eu gostaria de poder dizer um
dos maiores produtores do mundo, agora não é mais um grande produtor de matéria-prima e
líder na fabricação de tecidos de seda de qualidade e gosto muito alto, agora infelizmente não
é mais tão importante. Infelizmente, este já foi um recorde da Itália

Está entre os tecidos mais nobres, macios e requintados, entre as fibras naturais, muito fresco
no verão e quente no inverno; é um filamento contínuo muito fino e brilhante, constituído por
duas rebarbas que vão se tornar nosso fio, que a lagarta coloca ao redor de si em várias
camadas, para formar um envelope, chamado papel, dentro do qual se encerra durante suas
transformações em crisálida antes, em borboleta então. O nome seda é dado ao longo
filamento de 600 a 900 metros ao filamento obtido do casulo da Bombyx mori, a minhoca que
se alimenta das folhas da amoreira. Existem também algumas mariposas que crescem no
Japão, China, Índia, África e América que dão origem a outra seda tussah, mas é mais escura e
mais grossa. O processamento dos casulos envolve várias etapas, uma vez secos, são crivados
de acordo com a sua espessura, depois passamos para uma escolha meticulosa feita à mão
tendo em conta as suas qualidades e defeitos; mas não acaba aqui, pois as fiações cuidam dos
tratamentos finais, como a maceração que se realiza por imersão dos casulos em tanques com
água aquecida a vapor; a seguir, a vassoura que ocorre com as escovas e reúne as pontas das
rebarbas; unidos em um certo número de acordo com sua espessura, eles são soldados entre
si e assim formam o fio de seda bruto. Em seguida, torcido, lavado e enrolado em meadas.

A resistência de um tecido depende do tipo de fibra: ORGANZINO, que tem fibra longa e
retorcida, é muito resistente, enquanto BOURETTE tem fibra curta e, portanto, pouca
resistência.

Um meio-termo é o fio SHAPPE, amplamente utilizado no SHANTUNG.

Cetim

tecido de cetim
O cetim é um tecido que toda a gente conhece, muito utilizado e não muito difícil de trabalhar,
salvo pelo facto de escorregar facilmente.

É um tecido brilhante (tendendo a brilhar) e escorregadio, pode ser feito com fios de seda mais
ou menos finos ou pode ser feito com seda mista e fios sintéticos, ou todos os fios sintéticos,
mesmo com fios de lã.

Fundamental é a armadura têxtil que dá um tecido raspado com precisão pois brilhante,
originalmente eram duquesas, mereilleux.

O tecido de cetim dá origem ao damasco se os dois lados do tecido forem contrastados com o
efeito urdidura e o efeito trama.

Desliza no corpo, realçando as suas formas, mas também é facilmente drapeado e presta-se a
bordados com pérolas e cristais.

Cetim duquesa

tecido de seda duquesa

Duchesse é um tecido muito brilhante, o acabamento particular do cetim se apresenta ao


toque pesado não escorregadio que envolve o corpo, emoldura-o realçando-o, em alguns
tecidos a trama é feita em algodão. Existem tecidos feitos de seda química que são usados
para decorações e forros.

Cetim damasco

tecido adamascado

O tecido de cetim dá origem ao damasco que é um tecido particular para a obra e como é feito