Sei sulla pagina 1di 37

 

Relazione  sulle  evidenze  contabili  emerse  


a  seguito  della  verifica  sui  valori  di  
bilancio.    

Cirsu  S.p.A.  
Relazione  al  Presidente  del  
CdA  
 

Guido  Ortolani  
Dottore  Commercialista  –  Revisore  Legale  

 
 

PREMESSA...................................................................................................................................................... 1
1) ANALISI DI BILANCIO.............................................................................................................................3
Abstract ............................................................................................................................................................... 3
1.1) Brevi considerazioni ............................................................................................................................... 3
1.1) Riclassificazione Stato Patrimoniale ...................................................................................................... 5
1.2) Riclassificazione del Conto Economico ................................................................................................. 7
1.3) Calcolo e rappresentazione di indici e margini patrimoniali- finanziari ................................................ 8
1.4) Calcolo e rappresentazione Indicatori Economici ............................................................................... 13
2) RILIEVI CONGRUITA' POSTE DI BILANCIO.................................................................................. 18
2.1) Aspetti di rilevanza lieve o trascurabile: .............................................................................................. 17
2.2) Aspetti di elevata rilevanza: ................................................................................................................. 17

3) POSIZIONI RECIPROCHE CIRSU S.P.A. / SOGESA S.P.A. ................................................. 20


3.1) Posizioni reciproche Cirsu S.p.A. / Sogesa S.p.A.. Premessa .............................................................. 20
3.2) Conto reciproco Fatture da emettere (Sogesa) – Fatture da ricevere (Cirsu) ........................................ 21
3.3) Riflessioni su posizioni reciproche ...................................................................................................... 35

    1/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Abstract  
 
 

   

Premessa  

Il sottoscritto Guido Ortolani, dottore commercialista iscritto al n.765 sezione A dell’Ordine dei
Dottori Commercialisti di Teramo e Revisore Legale iscritto al n.158253 (con D.M. pubblicato
in gazzetta n.20 del 12/03/2010) ha coadiuvato il Dott. Prof. Andrea Ziruolo, neopresidente del
Consiglio di Amministrazione di Cirsu S.p.A. nelle attività di controllo contabile propedeutiche
all’implementazione di un nuovo indirizzo strategico aziendale.
L’attività di verifica ha inizialmente previsto la ricognizione dei dati di bilancio pubblicati presso
il Registro delle Imprese al fine di poter esprimere una prima valutazione in ordine alla
situazione economica finanziaria (infra cap.1).
Successivamente ha focalizzato l’attenzione su alcuni aspetti di rilevo concernenti la valutazione
di congruità di talune grandezze espresse in bilanci quali, a titolo di esempio, il valore del fondo
post mortem discarica (infra cap.2).
Infine ha approfondito le questioni legate al dissimile riconoscimento delle obbligazioni
reciproche tra Cirsu S.p.A. e la società controllata Sogesa S.p.A. (infra cap.3)

    2/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Abstract  
 
 

Capitolo  Primo  
Analisi  di  Bilancio  

Abstract
Si è proceduto alla riclassificazione dei valori di bilancio al fine di poter evidenziare le grandezze espressive della
situazione economica, patrimoniale e finanziaria della società. Lo Stato Patrimoniale è stato riclassificato secondo il
criterio finanziario attraverso la sistemazione delle diverse voci per gradi decrescenti di liquidità. Sono si è proceduto
al calcolo e alla rappresentazione grafica dei principali indici e margini.
 

1.1) Brevi  considerazioni  

Prima di procedere all’illustrazione dei principali aspetti emergenti dall’attività di ricomposizione


ed analisi dei dati di bilancio, si ritiene opportuno fornire sintetiche informazioni che consentono di
contestualizzare con maggiore puntualità gli scenari di riferimento.
La società opera nel settore igiene urbana di cui al Dlgs 22/1997seguenti garantendo – attraverso
l’operatività della società controllata Sogesa S.p.A. – i servizi di raccolta e trasporto rifiuti solidi
urbani e raccolta differenziata, attività di riciclaggio e compostaggio e gestione della piattaforma di
tipo A per la valorizzazione dei rifiuti secchi raccolti in modo differenziato.
Il periodo analizzato comprende gli esercizi sociali 2006-2007-2008-2009 e 20101. Le principali
vicende che hanno caratterizzato le gestioni esaminati sono di seguito elencate:
• Il 4 maggio del 2006 la società ha subito il sequestro preventivo degli impianti che ha
interrotto gran parte dell’attività gestionale.
• Nell’esercizio 2006 viene interamente svalutato il valore della partecipazione verso la
controllata Sogesa S.p.A.
• Nel bilancio 2007 viene mantenuta la svalutazione del valore della partecipazione verso la
controllata Sogesa S.p.A. e viene previsto un fondo rischi e oneri per l’eventuale copertura
della perdita di esercizio di Sogesa S.p.A.
• Nell’esercizio 2008 la controllata Sogesa S.p.A. procede alla ricapitalizzazione attestando il
nuovo CS a € 500.000. Cirsu S.p.A. ricapitalizza la quota di pertinenza rinunciando ad un
credito v Sogesa.
• In data 06/03/2009 con delibera dell’assemblea straordinaria Cirsu S.p.A. ha proceduto alla
copertura della perdita registrata nell’esercizio 2007 pari a euro 2.419.399 mediante
l’utilizzo della riserva legale pari a €228.114,15 e riduzione del capitale sociale per €
                                                                                                                       
1
 Si precisa che, al momento non è stato ancora predisposto un progetto di bilancio chiuso al 31.12.2010.  
    3/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Abstract  
 
 

2.232.000,00. Nella stessa sede si è provveduto a costituire una riserva da riduzione di


Capitale Sociale pari ad € 40.715,00
• In data 21/10/2009 si è conclusa l’operazione di fusione con la quale Cirsu S.p.A ha
incorporato Cirsu Patrimonio S.p.A.. A seguito della fusione si è verificato un aumento dello
stesso per € 72.000,00 che ha portato il Capitale Sociale ad un valore complessivo pari ad €
240.000,00. La fusione ha inoltre comportato l’iscrizione di una riserva da sovrapprezzo
azioni per € 1.383.394,00
• La perdita di esercizio 2009 fa attestare il Patrimonio Netto ad €240.580 determinando una
situazione di forte squilibrio degli indicatori di “autocopertura”
• Nell’autunno del 2010 viene presentato il “piano finanziario” predisposto dal professionista
Dott. Damiani con il quale viene acclarato uno stato di grave pregiudizio patrimoniale che
indica quale possibile modalità di azione quella di procedere alla messa in liquidazione della
società o di avviare altre procedure concorsuali. Il verbale del CdA viene trasmesso alla
Camera di Commercio di Teramo. La procedura viene attivata e successivamente interrotta
quando nel dicembre 2010, in occasione del rinnovo del dimissionario CdA, i comuni soci
procedono ad una ricapitalizzazione che permette di ricostituire il Capitale Sociale minimo
previsto dalla legge.

    4/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Brevi  considerazioni  
 
 

1.1) Riclassificazione  Stato  Patrimoniale  

Stato Patrimoniale Riclassificato

31/12/2006 31/12/2007 31/12/2008 31/12/2009


ATTIVO:

A. ATTIVO CORRENTE (CCL):

1-a) Liquidità immediate:


- Cassa c/c - Depositi bancari e postali 143.918 9.794 683.973 276.206

1-b) Liquidità differite:


- Clienti 352.375 453.542 2.485.900 6.675.243
- Controllate 6.524.984 4.547.941 1.235.500 104.889
- Controllanti 3.804.903 4.185.784 2.841.863 1.701.466
- Crediti Tributari 550.190 540.126 223.383 429.113
- Imposte anticipate 344.498 204.433 195.205 413.716
- Altri crediti attivo circolante 901 2.513 4.199 66.422

Totale liquidità 11.721.769 9.944.133 7.670.023 9.667.055

2. Disponibilità:
- Rimanenze 0 10.891 10.891 31.000
- Altre attività correnti 6.747 68.860 57.629 58.530
Totale 6.747 79.751 68.520 89.530

Capitale circolante lordo 11.728.516 10.023.884 7.738.543 9.756.585

B. ATTIVO IMMOBILIZZATO (al netto dei f.di amm.):

1. Tecniche 1.372.775 1.093.218 323.433 7.705.545

2. Economiche (immateriali) 3.617 18.546 8.882 154.078

3. Finanziarie 13.859 5.958 261.492 297.492

Totale attivo immobilizzato 1.390.251 1.117.722 593.807 8.157.115

TOTALE ATTIVO (A+B) 13.118.767 11.141.606 8.332.350 17.913.700

    5/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Riclassificazione  Stato  Patrimoniale  
 
 

31/12/2006 31/12/2007 31/12/2008 31/12/2009


PASSIVO:

C. PAS S IVO CORRENTE:

- Debiti verso banche 2.353.826 2.450.797 315.712 1.037.261


- Acconti 0 0 259.795 0
- Debiti comm. v/ fornitori: 610.688 409.782 750.081 4.671.568
- Debiti tributari 233.583 339.009 169.328 669.868
- Debiti verso controllate 5.619.398 2.792.025 2.760.903 456.930
- Debiti verso controllanti 257.764 293.252 318.400 0
- Debiti v/EPA 1.884 2.015 4.319 11.022
- Debiti verso altri Finanziatori 0 0 0 0
- Altri Debiti 20.770 11.987 105.355 43.795
- Altro (rat e risc) 259.795 287.895 17 2.677.380

Totale passivo corrente 9.357.708 6.586.762 4.683.910 9.567.824

D. PAS S IVO CONS OLIDATO:

- Fondo trattamento di fine rapporto 10.102 11.381 12.831 67.764


- Altre passività a m/l termine 0 0 0 0
- Fondi per rischi ed oneri: 1.122.841 4.334.747 2.647.237 4.754.428
- Finanziamenti a lungo termine 0 0 790.966 3.283.105

Totale passivo consolidato 1.132.943 4.346.128 3.451.034 8.105.297

E. PATRIMONIO NETTO:
- Capitale sociale 2.400.000 2.400.000 2.400.000 240.000
- Riserva legale 300.384 228.114 228.114 0
- Altre Riserve 439.821 1 0 -1
- Riserva sovrapprezzo azioni (distinzione) 0 0 0 1.383.394
- Altro 0 0 0 40.715
- Utile (perdita) portati a nuovo 0 0 -2.419.399 -11.309
- Utile (perdita) dell'esercizio -512.089 -2.419.399 -11.309 -1.412.219

Totale patrimonio netto del gruppo 2.628.116 208.716 197.406 240.580

- Patrimonio netto di pertinenza di terzi 0 0 0 0

Totale patrimonio netto 2.628.116 208.716 197.406 240.580

TOTALE PAS S IVO (C+D+E) 13.118.767 11.141.606 8.332.350 17.913.701

    6/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Riclassificazione  Stato  Patrimoniale  
 
 

1.2) Riclassificazione  del  Conto  Economico  


Si è proceduto alla riclassificazione del Conto Economico a “Valore Aggiunto” suddividendo
l’unitaria gestione aziendale in più “gestioni” al fine di evidenziare il contributo delle stesse alla
formazione del risultato dell’esercizio.

Conto Economico riclassificato


(configurazione a valore aggiunto)

31/12/2006 31/12/2007 31/12/2008 31/12/2009

Ricavi delle vendite e delle prestazioni 8.731.090 8.239.022 10.478.555 12.234.960


Variazioni delle rimanenze di prodotti
in corso di lavorazione, semilavorati e finiti 0 10.891 0 -10.891
Altri ricavi e proventi (contributi in conto esercizio) 0 8.923 26.000 0
Altri ricavi e proventi 35.286 336.653 201.816 199.536

VALORE DELLA PRODUZIONE 8.766.376 8.595.489 10.706.371 12.423.605

- Consumi di materie prime -7.484 -3.770 -10.582 -171.529


- Servizi -7.411.221 -6.002.118 -8.219.147 -9.761.249
- Altri costi operativi -54.605 -26.590 -12.716 -95.789

VALORE AGGIUNTO 1.293.066 2.563.011 2.463.926 2.395.038

- Costo del personale -49.381 -29.468 -65.528 -135.675


- Oneri diversi di gestione -852.243 -990.433 -956.774 -75.697

MARGINE OPERATIVO LORDO (MOL) 391.442 1.543.110 1.441.624 2.183.666

- Accantonamento a fondo svalutazione crediti -340.575 0 0 -641.022


- Accantonamento a fondo rischi e oneri 0 -2.544.345 -8.178 -75.348
- Altri accantonamenti -292.695 -655.004 -705.242 -365.564
- Ammortamento delle immobilizzazioni -142.115 -456.846 -628.557 -825.037

RIS ULTATO OPERATIVO -383.943 -2.113.085 99.647 276.695

31/12/2006 31/12/2007 31/12/2008 31/12/2009

Proventi finanziari 350.022 6.719 18.805 535.867


- Oneri finanziari -86.948 -159.459 -107.341 -166.468
- Rettifiche di valore alle attività Finanziarie -413.363 0 0 0

Risultato gestione finanziaria -150.289 -152.740 -88.536 369.399

Proventi straordinari 1 0 0 835


- Oneri straordinari 0 0 -2 -2.059.117

Risultato gestione straordinaria 1 0 -2 -2.058.282

Risultato gestioni Extra Caratteristica -150.288 -152.740 -88.538 -1.688.883

RIS ULTATO PRIMA DELLE IMPOS TE E DELLA QUOTA DI


PERTINENENZA DI TERZI -534.231 -2.265.825 11.109 -1.412.188

Imposte correnti -8.420 -33.944 -14.121


- Imposte anticipate 30.562 -119.630 -8.297 -31

RIS ULTATO PRIMA DELLA QUOTA DI PERTINENENZA DI


TERZI -512.089 -2.419.399 -11.309 -1.412.219

- Risultato d'esercizio di pertinenza di terzi 0 0 0 0

REDDITO NETTO DI ESERCIZIO -512.089 -2.419.399 -11.309 -1.412.219

    7/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Riclassificazione  del  Conto  Economico  
 
 

1.3) Calcolo  e  rappresentazione  di  indici  e  margini  patrimoniali-­‐  finanziari  


 

Anno 2006 2007 2008 2009 Legenda


Margine di Patrimonio netto - Attivo immmobilizzato
€ 1.237.865 -€ 909.006 -€ 396.401 -€ 7.916.535
struttura
Margine di
(Patrimonio netto + Debiti a m/l termine) - Attivo
Struttura € 2.370.808 € 3.437.122 € 3.054.633 € 188.762 immobilizzato
Allargato
Capitale circolante Capitale circolante lordo - Debiti a breve termine
€ 2.370.808 € 3.437.122 € 3.054.633 € 188.761
netto
Margine di Liquidità totali - Debiti a breve termine
€ 2.364.061 € 3.357.371 € 2.986.113 € 99.231
tesoreria

Indice del grado di


8,44 8,97 13,03 1,20 Capitale circolante lordo / Attivo immobilizzato
elasticità

Indipendenza Patrimonio netto / Capitale investito x 100


20,03% 1,87% 2,37% 1,34%
finanziaria

Indice di ricorso al (Debiti a breve + Debiti a m/l termine) / P. netto


3,99 52,38 41,21 73,46
capitale di terzi

Indice di
disponibilità 1,25 1,52 1,65 1,02 Capitale circolante lordo / Debiti a breve termine
(current ratio)

Indice di liquidità Liquidità totali / Debiti a breve termine


1,25 1,51 1,64 1,01
(Acid ratio)
 

Grafici  Patrimoniali  e  Finanziari  


 

IL Capitale Investito si attesta a circa €13.000.000 con preponderanza di impieghi di breve periodo (l’attivo
corrente esprime il valore di € 11.728.516). Il Margine di struttura è positivo. Il grado di
patrimonializzazione non esprime valori tali da assegnare un elevato grado di solidità (il Patrimonio Netto è
    8/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Calcolo  e  rappresentazione  di  indici  e  margini  
patrimoniali-­‐  finanziari  
 
 

pari a € 2.628.116 su di un totale CI di circa €13.000.000) tuttavia consente livelli di leverage accettabili
considerati i riflessi in CE sull’onerosità dei finanziamenti attinti.

La forte perdita di esercizio, di cui l’accantonamento per perdite della partecipata Sogesa S.p.a. è stato
principale affluente, riduce fortemente il valore del Patrimonio Netto con grave pregiudizio del margine di
struttura (come si avrà modo di evidenziare nel prosieguo).

La configurazione del capitale investito si è ridotta di circa €2.000.000 ed adesso si attesta ad € 11.141.066 .
La differenza è ascrivibile alla diminuzione dei crediti verso l’impresa controllata Sogesa, alla riduzione del
valore contabile delle immobilizzazioni (per ammortamenti) e alla parziale dismissione di alcuni cespiti.

Nell’esercizio 2008 si osservano i valori più bassi di tutta la serie (2006-2009) riferibili alle macro
componenti della struttura finanziaria. La circostanza non è determinata da una riduzione dell’attività di

    9/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Calcolo  e  rappresentazione  di  indici  e  margini  
patrimoniali-­‐  finanziari  
 
 

gestione, le cui coordinazioni lucrative si attestano e/o superano valori precedenti. Si segnala una forte
riduzione delle passività verso banche. Si riducono anche le immobilizzazioni materiali2.

Si segnala che nello stesso anno si è provveduto alla ricapitalizzazione della partecipata SOGESA S.p.A. il
cui valore viene iscritto al valore nominale. Il grado di patrimonializzazione è ancora sintomatico di un basso
grado di indipendenza finanziaria.

E’ possibile osservare, per l’esercizio 2009, un forte incremento delle componenti del capitale investito. Si
pensi all’incremento nell’anno della voce “Terreni e Fabbricati” per €4.780.301. L’incremento è dovuto, in
notevole parte (€3.206.291) per via dell’accoglimento delle voci a seguito della fusione con Cirsu patrimoni
S.p.A. La correlazione temporale fonti impieghi appare equilibrata. Il grado di patrimonializzazione tuttavia
esprime valori marcatamente insufficienti determinando un grado limitato di indipendenza finanziaria
potenzialmente foriera di tensioni finanziarie. Si segnala infine che, la permanenza di un esiguo valore
positivo del PN si deve esclusivamente al “fondo sovrapprezzo azioni” determinatosi a seguito della fusione
e sulla cui congruità non è possibile, al momento, esprimere parere di congruità

Margine  di  Struttura  (MdS)  

Il Margine di struttura3 è dato dalla differenza tra il totale Patrimonio Netto e l’Attivo Immobilizzato. Valori
positivi dello stesso indicano il finanziamento delle immobilizzazioni attraverso mezzi di propria pertinenza.

                                                                                                                       
2
 Riconsegna del capannone dei beni durevoli a Cirsu Patrimonio SpA  
3
 Ci si riferisce al Margine di Struttura in senso stretto (non allargato)  
    10/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Calcolo  e  rappresentazione  di  indici  e  margini  
patrimoniali-­‐  finanziari  
 
 

Il grafico mostra valori positivi unicamente per il primo anno tra quelli esaminati. Per gli anni successivi
l’indicatore esprime valori costantemente negativi indicando che gli investimenti necessitano copertura con
altre fonti di finanziamento (debiti). La situazione denota un minimo grado di autocopertura del capitale
fisso. Il dato assume valori fortemente negativi nell’esercizio 2009.

Capitale  Circolante  Netto  (CCN)  


 

Il Capitale Circolante Netto (altrimenti definito Margine di Disponibilità) è dato dalla differenza: Attivo a
breve – Passivo a breve.

La riclassificazione di bilancio permette di osservare valori positivi del Margine di Disponibilità per tutto il
periodo analizzato. Tuttavia lo stesso margine si riduce in misura rilevante nell’esercizio 2009 lasciando
aperta la possibilità ad ulteriore riduzione per i periodi successivi.
I valori espressi dal CCN consentono di identificare una equilibrata composizione di Impieghi e Fonti avuto
riguardo la loro correlazione “temporale”. Tuttavia la congiunta osservazione di CCN e MdS indica che,
seppur nel rispetto di una adeguata correlazione temporale fonti/impieghi, il grado di autocopertura
dell’attivo fisso si attesa su valori decisamente esigui.

    11/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Calcolo  e  rappresentazione  di  indici  e  margini  
patrimoniali-­‐  finanziari  
 
 

Margine  di  Tesoreria  (MdT)  

Il Margine di Tesoreria è dato dalla differenza tra le Liquidità totali (immediate + differite) – Passività a
breve. L’espressione assunta dal Margine di Tesoreria riesce a confermare l’adeguatezza della correlazione
temporale tra Attività e Passività.

Grado  di  Indipendenza  Finanziaria  


 

Il grado di “Indipendenza Finanziaria” è misurato dal rapporto: Capitale proprio / Totale degli impieghi4 x 100 .
L’indicatore esprime valori manifestamente insufficienti. La prevalente dottrina5 è concorde nel suggerire
(fatte salve alcune eccezioni) un valore minimo del 30%. Si noti come il rapporto identifichi – diversamente
– ben più esigui, segnalando un grado di patrimonializzazione del tutto insufficiente rispetto alla misura degli
Impieghi. La forte perdita dell’esercizio 2007 originata per parte maggiore dalla previsione degli

                                                                                                                       
4
 Con il termine “Totale Impieghi” intendiamo il complessivo capitale investito nella somma delle componenti Capitale
Immobilizzato e Capitale Circolante
5
 Cfr. Luppi F., Analisi dei bilanci aziendali, Cosa & Come, 1994 pag.52; Avi S.M., Bilancio Riclassificato e Analisi
per Indici, Il Sole 24 Ore, 2004.  
    12/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Calcolo  e  rappresentazione  di  indici  e  margini  
patrimoniali-­‐  finanziari  
 
 

accantonamenti per rischi6 ha ridotto notevolmente il valore del capitale Proprio (che passa da € 2.628.116 del
2006 a € 208.716 del 2007). Il grado Indipendenza Finanziaria – che già nel 2006 non esprime valori auspicabili –
scende sotto la soglia del 2% nel 2007 senza mai superare la soglia del 2,5% negli anni successivi, fino a
evidenziare una percentuale dell’1,34% nel 2009 (per ogni 100 € investite in Cirsu S.p.A. soltanto 1,34 euro
sono fornite dai proprietari). L’azienda – dunque – vede fortemente compromessa la propria “indipendenza
finanziaria”, circostanza alla quale è possibile, senza dubbio alcuno, ricondurre l’attuale momento di crisi.
La medesima situazione è confermata dal complementare indicatore “leverage” dato dal rapporto tra Capitale
Investito e Patrimonio Netto

1.4 )   Calcolo  e  rappresentazione  Indicatori  Economici  


 

Si premette che, l’analisi economica, seppur utile per la comprensione delle complessive dinamiche
economiche, risulta fortemente dipendente dalle coordinazioni lucrative della partecipata Sogesa S.p.A.,
definita “braccio operativo” di Cirsu S.p.A. Si rammenda infatti che, Sogesa S.p.A. si lega alle sorti
economiche di Cirsu, non soltanto per il rapporto di controllo partecipativo, ma anche, e soprattutto, dal fatto
che, il complesso impiantistico di Cirsu S.p.A. è affidato in concessione alla stessa Società Sogesa SpA.

Pertanto il valore segnaletico dell’analisi di bilancio deve attenuarsi nella consapevolezza che, gran parte dei
valori espressi dalle voci, rappresentano a loro volta il riflesso dell’attività produttiva di Sogesa, sulla cui
operatività si consiglia di estendere l’indagine al fine di poter apprezzare compitamente il grado di efficienza
economica.

Principali  Aggregati  
 

Sulla base del CE riclassificato a valore aggiunto si è proceduto al calcolo dei seguenti indicatori.

                                                                                                                       
6
 Nello specifico i fondi rischi sono stati costituiti anche in previsione della perdita della società controllata Sogesa
S.p.A. Perdita che poi ha avuto manifestazione confermando la congruità dei fondi costituiti.  
    13/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  )Calcolo  e  rappresentazione  Indicatori  Economici  
 
 

Anno 2006 2007 2008 2009


ROE -19,49% -1159,18% -5,73% -587,01% Utile (perdita) d'esercizio / Patrim onio netto x 100

ROI -2,93% -18,97% 1,20% 1,54% Risultato operativo / Capitale investito x 100

ROS -4,40% -25,65% 0,95% 2,26% Risultato operativo / Fatturato x 100

ROD 3,69% 6,51% 9,70% 3,85% Oneri finanziari netti / Fonti esterne x 100

Grafici  indicatori  economici  


Redditività  del  Capitale  Proprio  (ROE)  
 

Il ROE (Return On Equity) esprime la redditività del capitale proprio ed è definito dal rapporto percentuale
tra Risultato Netto e Capitale Proprio.

E’ possibile osservare, come l’indice ROE presenti valori negativi. L’utile di esercizio (numeratore del
rapporto) evidenzia – infatti - valori negativi in tutta la serie (2006/2009) con picchi elevatissimi
nell’esercizio 2007 e 2009.

Redditività  operativa  (ROI)  


 

Il ROI (Return On Investiment) esprime la redditività del capitale investito nella gestione caratteristica ed è
dato dal rapporto percentuale tra il Risultato operativo e il totale Capitale Investito.

    14/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  )Calcolo  e  rappresentazione  Indicatori  Economici  
 
 

La Redditività Operativa si attesta su valori negativi per gli esercizi 2006-2007 e comunque esigui negli anni
successivi. Il giudizio negativo sul Roi deve tuttavia attenuarsi in una rilettura che tiene conto della positività
dei valori espressivi del “Valore Aggiunto” e del “Margine Operativo Lordo”.

VALORE
1.293.066 2.563.011 2.463.926 2.395.038
AGGIUNTO
Costo del
-49.381 -29.468 -65.528 -135.675
personale
Oneri diversi di
-852.243 -990.433 -956.774 -75.697
gestione

MARGINE
391.442 1.543.110 1.441.624 2.183.666
OPERATIVO
LORDO

Correlazione  fra  Redditività  del  Capitale  proprio  e  Redditività  operativa  


 

La congiunta disamina degli indicatori Roe (espressivo della redditività del Capitale Netto) e Roi (espressiva
della redditività operativa, mette in luce una fortissima distanza tra i due valori. La circostanza in parola è
riconducibile – per parte maggiore – all’elevato tasso di incidenza della gestione extra caratteristica
(rappresentata graficamente dal grafico TIGEC)

    15/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  )Calcolo  e  rappresentazione  Indicatori  Economici  
 
 

E’ possibile – in sintesi - affermare che il Roe è influenzato dal divario esistente tra il Margine operativo e
l’Utile/Perdita netti, divario che a sua volta è motivato dal risultato della gestione finanziaria e straordinaria.

31/12/2006 31/12/2007 31/12/2008 31/12/2009


RISULTATO OPERATIVO -383.943 -2.113.085 99.647 276.695
REDDITO NETTO DI ESERCIZIO -512089 -2419399 -11309 -1412219

Per dovere di completezza si segnala che il sottoscritto, in fase di riclassificazione di bilancio 2007, ha deciso
di collocare il fondo rischi e oneri (previsti a fronte della perdita presunta sulla controllata Sogesa S.p.A.) tra
i costi operativi, in quanto la funzione di coordinamento e controllo di Cirsu S.p.A., nonché la qualificazione
di Sogesa S.p.A. quale “braccio operativo” di Cirsu, ne ha giustificato la previsione.

All’opposto, per il bilancio 2009, nel rispetto delle precise indicazioni in Nota Integrativa volte a qualificarne
il carattere di straordinarietà, il sottoscritto ha collocato parte degli accantonamenti per rischi e oneri tra le
componenti di reddito straordinarie.

Onerosità  delle  fonti  attinte  (ROD)  

Il ROD (Return on Debts) esprime la redditività del Capitale di terzi ed è rappresentativa dell’onerosità dei
finanziamenti promananti da terze economie. Nel calcolo ai nostri fini sono stati considerati esclusivamente i
debiti verso gli Istituti Bancari e gli interessi passivi agli stessi corrisposti.

La riduzione del grado di indipendenza finanziaria (infra paragrafo 1.4)alimenta la crescita dell’onerosità
dei finanziamenti attinti. Il Rod passa dal 3.6% (circa) del 2006 al 7% del 2007 fino a toccare il 10% nel
2008. Nel 2009 il Rod torna ad esprimere valori medi analoghi a quelli osservabili nel mercato dei
finanziamenti. Ciò si deve presumibilmente ad una diversa composizione di durata che favorisce fonti di
lungo periodo la cui onerosità risulta controllabile con maggiore efficacia rispetto alle linee di credito a breve
e alle operazioni di anticipazione su crediti.

   

    16/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  )Calcolo  e  rappresentazione  Indicatori  Economici  
 
 

Capitolo  secondo  
Rilievi  Congruità  poste  di  Bilancio  

2.1)   Aspetti  di  rilevanza  lieve  o  trascurabile:  


 

A)Bilancio di ex chiuso al 31/12/07 : La voce 22 del CE corrispondente al “totale Imposte redd. (ex,
correnti, differite e anticipate)” riporta l’errato valore di € 136.881 in luogo dell’esatto valore pari ad €
153.574 (somma delle voci 22a e 22b, rispettivamente € 33.944 e € 119.630)

Giudizio: Si ritiene la circostanza mero errore formale che non pregiudica la corretta valorizzazione del
risultato di esercizio. Per chiarezza si segnala la correzione dell’errore visibile nel successivo bilancio chiuso
al 31/12/2008, cui alla voce 22 CE relativa alla sezione dedicata all’esercizio 2007 viene riportato il valore
corretto. La difformità di tali valori non è rilevata in Nota Integrativa

B)Bilancio di ex chiuso al 31/12/2007: La voce D4 A dello SP corrispondente alla descrizione “Debiti


verso banche entro l’esercizio successivo” è iscritta in bilancio con il valore di € 2.450.797. La nota
integrativa riporta il dettaglio della voce, con il medesimo valore, all’interno della casella “importo fino a
cinque anni”, tuttavia accostando (in modo scarsamente interpretabile) un valore di € 914.756 nella casella
“Importo oltre i 5 anni” . Si rileva l’assenza d’individuazione nel prospetto contabile di tale valore, inoltre,
l’accostamento dicotomico delle due caselle non permette l’estensiva interpretazione. In sintesi, l’importo
oltre i 5 anni, non dovrebbe intendersi come un “di cui” dell’accostato “importo fino a 5 anni”.

Giudizio: La circostanza non permette di interpretare con sufficiente chiarezza l’effettiva durata dei
finanziamenti in essere (nell’esercizio 2007) con gli istituti bancari.

2.2)  Aspetti  di  elevata  rilevanza:  


 

A)Bilancio di ex chiuso al 31.12.09 : adeguamento fondo post-mortem discarica di esercizio;

La relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2009, elencando i fatti straordinari intervenuti
nell’ambito della gestione dell’attività di Cirsu S.p.A. chiarisce gli eventi che hanno portato all’adeguamento
del fondo post-mortem della discarica:

“A causa dei successivi ampliamenti di volumetria della discarica di esercizio, regolarmente


autorizzati dalla Regione Abruzzo, si è reso necessario redigere, a cura di un tecnico, un nuovo
progetto di chiusura e post-chiusura quale variante sostanziale di quello originario che ha
portato al ricalcolo del fondo con un adeguamento pari a €1.363.547,00. Nella bozza di
bilancio approvata dal CdA in data 14 maggio 2010 l’adeguamento del fondo post-mortem fu
fatto per €2.163.574,00, successivamente all’approvazione, la Cirsu S.p.A. ha richiesto con
nota prot.1795 all’Ing. Giammattei, di verificare la possibilità di utilizzare, per la copertura
delle discarica il terreno risultante dalla costruzione della nuova discarica e le conseguenti
economie. In data 22 giugno 2010 l’ing. Giammattei ha rimesso alla società una lettera
prot.1798 con cui conferma che […omissis…] la disponibilità del terreno di copertura previsto
in progetto, ivi compresa la frazione per lo spessore finale di rifinitura pari a cm 30, consentirà
significative economie rispetto al computo metrico inserito nel progetto trasmesso al Cirsu in
data 10/03/2010[…omissis…] economie preventivamente stimabili in circa €800.000,00”
    17/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  2.1)Aspetti  di  rilevanza  lieve  o  trascurabile:  
 
 

Di conseguenza il CdA ha ritenuto di dover predisporre una nuova bozza di bilancio


rettificando il valore del fondo post-mortem che, accogliendo il valore dell’economia
generatasi, ora risulta essere pari a € 3.892.020,12. La cessione a titolo gratuito del terreno è
stata confermata dalla Sogesa S.p.A. con lettera prot.1794 del 22.06.2010 e sarà formalizzata
con contratto di cessione da registrarsi all’Agenzia delle Entrate”

Premesso che:

Il progetto di chiusura di cui alla perizia depositata dall’Ing. Giammattei nel marzo 2010 determina un
importo complessivo per le attività di chiusura, di gestione post-operativa e di piano di sorveglianza e
controllo pari a € 4.692.020,12 (comprensivo di somme per competenze tecniche e imprevisti). La previsione
di tali costi avrebbe dovuto imporre l’accantonamento complessivo del fondo per un totale di € 4.692.20,12 e
quindi, considerando che il saldo del conto 30.15.800 “Fondo Discarica Post-mortem” ammontava al
31/12/2009 ad € 2.528.446,00, si sarebbe dovuto procedere ad un ulteriore adeguamento prudenziale (da
iscriversi in bilancio al 31.12.2009) per il rimanente importo di € 2.163.574,12 . Tuttavia nel bilancio 2009
viene previsto un adeguamento di 1.363.574,12 con un saldo complessivo del conto “Fondo discarica post –
Mortem” pari ad €3.892.020,12 in luogo degli stimati € 4.692.020,12

Scheda Contabile Conto “Fondo discarica post –mortem” al 31.12.2009

Singolare appare la circostanza rappresentata nella Relazione sulla gestione nella quale viene descritta la
rapida decisione del CdA di richiedere un parere all’Ing. Giammattei e sulla base di quel parere rivedere al
ribasso l’adeguamento del fondo post–mortem.

La semplice osservanza del principio della prudenza avrebbe dovuto fare salve le determinazioni di cui al
progetto di chiusura e post-chiusura tenuto altresì conto della dissimile forma degli atti e, segnatamente,

1) il progetto di chiusura e post chiusura (come da perizia giurata dell’Ing. Giammattei) che ha
determinato l’adeguamento del fondo per € 2.163.574,12
2) il parere (sempre a cura dell’Ing. Giammattei) notificato con lettera a Cirsu S.p.A., che segnala la
possibilità di conseguire economie nella coltivazione post-mortem per circa €800.000,00, valore che
è stato pedissequamente decurtato all’adeguamento del fondo, rideterminando lo stesso in €
1.363.574,12
    18/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  2.2)  Aspetti  di  elevata  rilevanza:  
 
 

Giudizio: La rettifica alla bozza di bilancio, alla luce principio di prudenza da rispettare nella valutazione
delle poste di bilancio e nella considerazione delle circostanze sopra richiamate appare inopportuna; la
rideterminazione del valore del fondo ha permesso di iscrivere un minor costo per accantonamenti per €
800.000,00. L’attenta osservazione della configurazione del Patrimonio Netto dell’esercizio 2009 alimenta
fondate perplessità sull’adeguamento in parola: la contabilizzazione dell’adeguamento del fondo (così come
rilevato nella prima bozza) avrebbe una perdita superiore all’intero ammontare del Patrimonio Netto con
necessità di ricapitalizzazione attraverso nuovi apporti.

E. PATRIMONIO NETTO:

- Capitale sociale 240.000


- Riserva legale 0
- Altre Riserve -1
- Riserva sovrapprezzo azioni (distinzione) 1.383.394
- Altro 40.715
- Utile (perdita) portati a nuovo -11.309
- Utile (perdita) dell'esercizio -1.412.219

Totale patrimonio netto 240.580

Si suggerisce pertanto al CdA in carica di verificare con maggiore attenzione la circostanza, al fine di
rilevare la congruità del fondo post-mortem per l’esercizio 2009 alla luce degli importanti aspetti
riconducibili al concetto di integrità del capitale aziendale a seguito delle valutazioni di bilancio.

B) Posizioni crediti Comune di Giulianova e Comune di Roseto degli Abruzzi

Il Bilancio di esercizio 2009 non tiene conto delle contestazioni da parte dei comuni di Giulianova e Roseto
Degli Abruzzi, contestazioni che afferiscono a crediti vantati da Cirsu S.p.A. (regolarmente iscritti in
bilancio) di importo rilevante (circa €2.500.000,00) e che vengono notificate a Cirsu S.p.A. nell’esercizio
2009.

Giudizio: E’ corretto ritenere che il presidente del CdA in carica al momento della redazione del Bilancio
per l’esercizio 2009 avrebbe dovuto segnalare la circostanza nei documenti di bilancio e, ove avesse
ravvisato la possibilità di un contenzioso o di una definizione transattiva, avrebbe dovuto prevedere apposito
fondo per rischi ed oneri.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
    19/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  2.2)  Aspetti  di  elevata  rilevanza:  
 
 

Capitolo  Terzo  
Posizioni  reciproche  Cirsu  S.p.A.  /  Sogesa  S.p.A.  

Posizioni  reciproche  Cirsu  S.p.A.  /  Sogesa  S.p.A..  Premessa  


Nel concludere la verifica sugli aspetti contabili di Bilancio è opportuno porre l’accento su aspetti di
notevole rilievo riguardanti le reciproche posizioni tra Cirsu S.p.A. e la controllata Sogesa S.p.A.

Trattasi di aspetti riconducibili, in taluni casi, al mancato accoglimento in bilancio di Cirsu S.p.A. di crediti
vantati dalla controllata Sogesa S.p.A., in altri casi, al disconoscimento dell’obbligazione (sempre
rappresentata da crediti vantati da Sogesa) ancorché Cirsu S.p.A. ne abbia prudenzialmente previsto il fondo
rischi in bilancio.

L’eterogeneità delle situazioni ne impone l’autonomo approfondimento che di seguito viene illustrato e che
ha comportato l’attenta disamina delle seguenti voci e dei seguenti documenti contabili:

• Conto “Fatture da Emettere” della società Sogesa S.p.A. e intestato alla società Cirsu S.p.A.
riguardante crediti di Sogesa vs. Cirsu, iscritti in bilancio Sogesa per competenza ma per i quali non
si è concretizzato il momento impositivo dell’emissione della fattura
• Conto “Fatture da Ricevere” della società Cirsu S.p.A. acceso alle posizioni debitorie vs. Sogesa
S.p.A. iscritte per il principio della competenza economica e per le quali non si sono ancora ricevuti
le fatture.
• Fatture Pro-Forma: si tratta di documenti emessi da Sogesa S.p.A. nei confronti di Cirsu S.p.A. per
attestare crediti di diversa natura.

Attesa una difforme contabilizzazione delle obbligazioni tra le due società la verifica è stata avviata al
precipuo scopo di

1. Identificare i disallineamenti in parola


2. dimostrare che gli obblighi attestati da diverse fatture pro-forma sono già incluse nel conto “fatture
da emettere”
3. Illustrare in modo sintetico le motivazioni addotte da Cirsu S.p.A. nel confutare le richieste di
pagamento da parte di Sogesa S.p.A. per quelle partite di cui in seguito si fornirà sintetica
descrizione:

   

    20/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Posizioni  reciproche  Cirsu  S.p.A.  /  Sogesa  S.p.A..  
Premessa  
 
 

3.2)   Conto  reciproco  Fatture  da  emettere  (Sogesa)  –  Fatture  da  ricevere  (Cirsu)  
 

Il conto fatture da emettere di Sogesa S.p.A. verso il cliente Cirsu S.p.A. ammonta al 31.12.2009 ad €
2.205.012,42

Il conto fatture da emettere assorbe già gli importi di diverse fatture proforma prodotte dalla stessa Sogesa
S.p.A., molte delle quali non riconosciute da Cirsu S.p.A. (che parimenti non riconosce il maggior credito
derivante dalla iscrizione nei bilanci Sogesa delle fatture da emettere ad esse riferibili).

FATT. DA EMETTERE/FATT. DA
2.205.012,42 -1.488.351,44
RICEVERE

Le  differenze  con  il  conto  Fatture  da  Ricevere  Cirsu    

206.486,10 NOTA: tributo speciale 2009 - da aggiungere al


preconsuntivo Cirsu
31.178,21 N.D. interessi legali su fatt. 291 del 29/12/09 prevista
da Sogesa e non da Cirsu che ha comunque creato il
fondo

31.037,65 (2) Lavori per prescrizioni ARTA (allegato n.5 verbale


del 10/11/09)-iscritto da Cirsu a f.do rischi
(FATTURA PRO-FORMA 6)

45.847,50 (2) Opere di messa in sicurezza versante sud discarica


di servizio - nuov strada di servizio (allegato n.5
verbale del 10/11/09)-iscritto da Cirsu a f.do rischi
(FATTURA PRO-FORMA 12)
91.105,44 per II SAL competenza Conscoop e Sogesa non
CIRSU
(FATTURA PRO-FORMA 4)

337.229,76 Percolato 2008


iscritto da Cirsu a F.do rischi

15.128,25 rimborso sistemazione pacheggio ingresso


(FATTURA PRO-FORMA 13)

14.725,00 rimborso linea drenaggio acque bianche


(FATTURA PRO-FORMA 14)

931.781,38 punto n.3 dell'allegato n.5 verbale del 10/11/09


(FATTURA PRO-FORMA 10)

    21/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  3.2)Conto  reciproco  Fatture  da  emettere  (Sogesa)  –  
Fatture  da  ricevere  (Cirsu)  
 
 

FATTURA  PROFORMA  N4  


 

ADEGUAMENTO DELLA DISCARICA ESISTENTE II SAL


(tra le fatture da emettere di Sogesa – non accolto tra le fatture da ricevere Cirsu)

Tale importo non è riconosciuto dal Cirsu poiché di spettanza Consocoop. Per completezza si segnala che il
primo Sal dei lavori di chiusura venivano fatturati per l’importo complessivo da Sogesa a Cirsu, quest’ultima
provvedeva a rifatturare – secondo le percentuali del contratto – a Sogesa e a Consocoop. La Consocoop a
questo punto disconosceva la fattura (n.385/2006).

    22/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  FATTURA  PROFORMA  N4  
 
 

Per dettagli sulla posizione è possibile esaminare l’allegato B1 “Dettagli Fattura proforma n.4” che si
compone di ulteriori sub-allegati:

• B1a) Verbale CdA Cirsu n.19 del 22.12.2008 (cui si rimanda al punto sub.2 dell’ordine del giorno e
al punto sub.4 della deliberazione:
• B1b) Verbale riunione del 29.04.2000 – determinazione dei rapporti economico finanziari tra Cirsu
P.p.A, Sogesa S.p.A. e Cirsu Patrimonio S.p.A.
• B1c) Certificato relativo al 2° S.A.L.

   

    23/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  (tra  le  fatture  da  emettere  di  Sogesa  –  non  accolto  tra  
le  fatture  da  ricevere  Cirsu)  
 
 

Fattura  Proforma  n.6    

“LAVORI PRESCRIZIONI ARTA”

N.B.:  tra le fatture da emettere di Sogesa – non accolto tra le fatture da ricevere Cirsu (che tuttavia prevede
l’importo nel Fondo Rischi

    24/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  (tra  le  fatture  da  emettere  di  Sogesa  –  non  accolto  tra  
le  fatture  da  ricevere  Cirsu)  
 
 

FATTURE  PROFORMA  DEL  05.11.2010:  

Fattura  Proforma  n.12  


“OPERE DI MESSA IN SICUREZZA VERSANTE SUD DISCARICA DI SERVIZIO – NUOVA
STRADA DI SERVIZIO” N.B.: tra le fatture da emettere di Sogesa – non accolto tra le fatture da ricevere
Cirsu (che tuttavia prevede l’importo nel Fondo Rischi)

   

    25/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  FATTURE  PROFORMA  DEL  05.11.2010:  
 
 

Fattura  Proforma  n.13  


“LAVORI DI SISTEMAZIONE PARCHEGGIO INGRESSO IMPIANTO”
N.B.) tra le fatture da emettere Sogesa, non accolto tra le fatture da ricevere Cirsu

    26/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  FATTURE  PROFORMA  DEL  05.11.2010:  
 
 

Fattura  Proforma  n.14  


LINEA DRENAGGIO ACQUE BIANCHE – DISCARICA

N.B) Tra le fatture da emettere Sogesa, non accolto tra le fatture da ricevere Cirsu.

    27/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  FATTURE  PROFORMA  DEL  05.11.2010:  
 
 

Per le posizioni derivanti dalle fatture proforma del 05.11.2010 Cirsu disconosce gli addebiti avviando
copiosa corrispondenza della quale si fornisce dettaglio all’interno dell’allegato B2 “Evidenze Fatture
Proforma 12 – 13 – 14 del 05.11.2010) che contempla ulteriori sub-allegati:

• B2a) Lettera Sogesa del 19 maggio 2009


• B2b) Lettera parere da Ing. Giammattei a Cirsu S.p.A. del 20.05.2009
• B2c) Lettera di Cirsu a Sogesa del 22.05.2009 (che allega in calce il parere dell’ing. Giammattei di
cui all’allegato B2b)
• B2d) Lettera da Cirsu S.p.A. a Sogesa S.p.A. del 04.06.2009 (che allega –ancora - in calce il parere
dell’ing. Giammattei di cui all’allegato B2b)
• B2e) Lettera da Cirsu S.p.A. a Sogesa S.p.A. del 15.11.2010 (prot.3362) con la quale la direttrice
dr.ssa Spina respinge gli addebiti di cui alle fatture proforma 12 e 13 del 05.11.2010 e in subordine
richiede dettagli del verbale del 29.04.09 per potersi esprimere sull’accoglimento della fattura
proforma n.14)

    28/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  FATTURE  PROFORMA  DEL  05.11.2010:  
 
 

Fatture  Proforma  del  15.10.2010  n.15  e  16.  

Fattura  Proforma  n.15  


LAVORI ESEGUITI PRESSO GLI IMPIANTI E PRESSO IL COMPLESSO DELLE DISCARICHE DI
SERVIZIO AL POLO TECNOLOGICO

    29/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Fatture  Proforma  del  15.10.2010  n.15  e  16.  
 
 

Fattura  Proforma  n.16  


LAVORI EFFETTUATI PER IL RIPRISTINO DEI LUOGHI DI LAVORO A SEGUITO
PRESCRIZIONI ARTA

Il Cirsu disconosce tali spese. Per dettagli si rimanda utilmente all’allegato B3 “Evidenze fatture proforma
del 15.10.2010 n.15 e 16”

   
    30/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  Fatture  Proforma  del  15.10.2010  n.15  e  16.  
 
 

POSIZIONI  CONTESTATE  DI  IMPORTO  RILEVANTE  

Fattura  Proforma  n.10  (€931.781,38).  

Per fare chiarezza sull’importo è necessario effettuare una breve rassegna che riconduce alla prima evidenza
in bilancio di una differente contabilizzazione delle reciproche posizioni tra Cirsu S.p.A. e Sogesa S.p.A. già
dai bilanci in chiusura al 31.12.2007.
Dall’esame congiunto dei documenti contabili approvati alla data del 31/12/2007 emerge:

    31/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  POSIZIONI  CONTESTATE  DI  IMPORTO  RILEVANTE  
 
 

Bilancio CIRSU crediti v/imprese controllate € 4.547.941


debiti V/imprese controllate € 2.792.025

Bilancio Sogesa Crediti V/controllanti € 3.973.109


Debiti V/controllanti € 4.547.941

Differenza tra debiti (CIRSU) e crediti (Sogesa) € 1.180.975

Che rileva un maggior credito vantato da Sogesa S.p.A.

Nella relazione sulla situazione patrimoniale al 31/12/2007 sottoscritta nel maggio 2008 da Sogesa SpA alla
voce “Crediti verso CIRSU SpA”, tale maggior credito viene giustificato come proveniente da
immobilizzazioni in corso riferibili a spese che Sogesa ha sostenuto sui beni di CIRSU e così classificato:

a) Capannone per la preselezione dei RSU € 41.020


b) Capannone per la produzione di concimi € 88.765
c) Capannone per il riciclaggio beni durevoli € 190.776
d) Impianto per la depurazione e trattamento acque € 320.987
e) Impianto per la preselezione dei RSU € 93.617
f) Impianto camere per insufflazione per la presel. RSU € 441.641
g) ( capannone ingombranti non presente in elenco) € 4.168

Nel successivo esercizio (2008) detto credito è stato incrementato di € 372.541,00 di cui € 345.541
proveniente dalla voce immobilizzazioni in corso e acconti come meglio specificato a pag. 14 della nota
integrativa Sogesa 2008 e € 27.000 da fattura (di cui si attende evidenza) relativa a lavori sull’impianto
insufflazione RSU, per cui nell’anno 2008 la voce “Crediti V/Cirsu” assume un importo complessivo
pari a € 1.553.516.

Tale somma successivamente ha avuto la seguente evoluzione contabile:

• € 621.734,46 riguardano il pagamento parziale di una fattura (tramite cessione credito) riferimento
fatt. Sogesa n. 791 del 29/12/2009 recante un importo complessivo di € 1.039.273,56.

• Con riferimento alla stessa fattura (791 del 29/12/2009) si specifica che la stessa attiene a lavori di
revamping di cui al punto 5 dell’accordo di garanzia firmato in data 30 luglio 2008 (Allegato A sub
A3) che è possibile dettgliare nel segue modo:

o € 95.821,68 Voce allocata nel bilancio Sogesa B) I 7 (€ 95.821,68 non rappresenta il costo
netto)
o € 621.734,46 Voce allocata nel bilancio Sogesa “Crediti V/Cirsu SpA”
o € 148.505,16 beni proprietà Sogesa.

In considerazione del pagamento di € 621.734,46 residua la somma di € 931.781,54

Dettagliata da Sogesa nel seguente modo:

1 Capannone per la preselezione dei RSU € 41.020,00


2 Capannone per il riciclaggio beni durevoli € 263.476,38
3 Capannone ingombranti € 4.168,36
4 Capannone per la produzione di concimi € 7.100,00
5 Impianto di preselezione e impianto di insufflazione € 204.251,87
6 Impianto per la depurazione e trattamento acque € 411.764,62

    32/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  POSIZIONI  CONTESTATE  DI  IMPORTO  RILEVANTE  
 
 

Si segnala in tale importo è già ricompresa una parte riiferibile ai crediti vantati da Sogesa in relazione alla
perizia ex Gianforte € 267.413,00 per crediti provenienti da ex Perizia Gianforte e € 6.700 per fattura
integrata nell’anno 2008 .

Fattura  Proforma  n.11  ex  perizia  Gianforte  €899.104,61)  


 

    33/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  POSIZIONI  CONTESTATE  DI  IMPORTO  RILEVANTE  
 
 

Con la fattura proforma n.11 la Sogesa S.p.A. richiede una parte dei costi (€ 899.104,61) dei complessivi
€1.209.565,00 rappresentati dai valori che la perizia asseverata dal consulente tecnico di parte, Ing. Gianforte
determina in capo alle migliorie apportate da Sogesa su beni Cirsu S.p.A.

Nella relazione sulla situazione patrimoniale 2007 di Sogesa alla voce “Crediti verso Cirsu Patrimonio” si
riferisce a costi sostenuti da Sogesa nel periodo 2000/2006 (manutenzione straordinarie su beni Sogesa e
CIRSU). L’iscrizione nell’attivo di Sogesa del credito di € 1.206.565 è stata stralciata e ricondotti a voci
proprie dell’attivo i valori di proprietà Sogesa per un importo complessivo pari al valore netto di € 346.318,
inoltre sono stati ricondotti alla voce “Migliorie su beni di terzi” i valori a costo netto di beni di proprietà di
CIRSU con migliorie apportata da Sogesa per € 370.635, di fatto stralciando € 489.701 come anche riportato
in nota integrativa.
Secondo quanto evidenziatoci dal personale amministrativo Sogesa, il valore storico dei beni oggetto della
perizia al 31.12.2007 ammonta a € 980.918 così ripartito:

€ 417.623 Voce bilancio BI 7 (immobilizz. Immateriali – altre)


€ 82.700 Voce bilancio BI 6 (immobilizz. Immateriali in corso e acconti)
€ 168.352 Voce bilancio B II 2 (immobilizz. Materiali impianti e macchinari)
€ 44.148 Costo (sopravvenienza)
€ 713.123 Totale
€ 267.413 Crediti Verso Cirsu Spa
€ 980.536

Poiché l’importo di € 267.413 è già compreso all’interno di € 931.781,54 l’unica parte eventualmente
rifondibile da CIRSU (ammesso il riconoscimento ex post delle spese di manutenzione straordinaria) è dato
dal costo netto di € _____________ .

RIEPILOGO
1) Le differenze di bilancio 2007 evidenziano un maggior credito di Sogesa pari a € 1.180.975 per
spese su impianti CIRSU. Nel 2008 si aggiungono ulteriori € 345.541 girocondati a credito V/Cirsu
+ € 27.000 per fattura intervento elettrico impianto insufflazione per un totale credito V/CIRSU per
€ 1.553.516 di cui l’importo di € 621.734,46 è stato già fatturato (accordo di garanzia) residuando
così un importo di € 931.781,54.
2) La perizia Gianforte ridetermina i valori da assegnare agli impianti di proprietà CIRSU/SOGESA per
complessivi € 1.206.565. Detto importo viene stralciato e riportato in contabilità Sogesa alla Voce
Immobilizzazioni materiali per € 346.318 e alla voce migliorie su beni di terzi per un importo di €
370.635. Nella parcella proforma n. 11 del 03/11/2010 Sogesa richiede un importo di € 899.104,61
che residua dopo l’assegnazione di € 307.460,39, a valore di perizia, alla voce crediti V/CIRSU.
3) In realtà le evidenze contabili di bilancio denotano la seguente situazione:
- valore netto al 2010 notevolmente inferiore per via dell’ammortamento effettuato in base
agli autilizzi.
- Crediti V/CIRSU € 267.413 (già ricompresi all’interno della fattura proforma n.10 €
931.781,54).

Per dettagli si rimanda all’allegato B4 “evidenze fattura proforma n.11 ex perizia Gianforte”

   

    34/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  POSIZIONI  CONTESTATE  DI  IMPORTO  RILEVANTE  
 
 

3.3)  Riflessioni  su  posizioni  reciproche  


 

Si pone l’evidenza dunque sull’erronea contabilizzazione dei valori della fattura proforma 11 (ex perizia
Gianforte) dovuta all’inclusione di importo già contabilizzato tra i crediti Cirsu vantati Sogesa (fattura
proforma n.10) .

Inoltre si segnala che la richiesta avanzata nel 2007 (e riproposta con successiva fattura proforma 11 del
03/11/2010) per un importo di € 899.104,61 (che residua dopo l’assegnazione di € 307.460,39 alla voce
crediti v/Cirsu) non può che ingenerare perplessità sotto i profili di congruità contabile e quelli di mercato e
non ultimo, sotto il profilo di maturazione cronologica del credito iscritto in Bilancio Sogesa nel 2006 e
stralciato nel 2007, dunque:

1) Il momento genetico dell’obbligazione può sorgere unicamente nel previsto termine contrattuale
(2012 o data anteriore di cessazione dei rapporti tra Cirsu e Sogesa), pertanto non si ravvisa l’opportunità in
ordine all’iscrizione in bilancio del credito e la produzione della fattura proforma. Per lo stesso motivo
l’obbligazione artatamente creata non può originare eventuali frutti giuridici (interessi di mora, etc).

2) La perizia estimativa operata dal professionista indipendente ha qualificato una rivalutazione


volontaria su beni che erano già stati (dagli anni 2000 al 2006) contabilizzati con capitalizzazione degli stessi
(salvo pochi casi di deduzione integrale nell’esercizio) e ammortizzati secondo le previsioni dei principi
contabili. Invero la Sogesa ha utilizzato gli impianti cui ineriscono le spese oggetto di perizia ed ha per tale
motivo proceduto all’ammortamento. E’ lapalissiano che il futuro riacquisto sarebbe avvenuto a valore netto
di bilancio, il quale, già con ampia deroga all’accordo quadro, sarebbe stato incrementato delle spese
capitalizzate negli anni e – ovviamente – decurtato degli ammortamenti oppure (presumibilmente nel solo
caso di controversie sul valore) e comunque sempre al momento in cui l’obbligazione sarebbe sorta (2012
ndr), avvalendosi di una stima peritale da parte di un professionista sulla base di un “valore normale” e non
già basati sulla sommatoria di fatture di spesa riferibili ad anni passati, che certo possono essere di utilità per
comprendere lo stato di uso di impianto ma non possono riversarsi tout court nella determinazione di un
valore.

Per maggiore comprensione si rimanda all’allegato B4 “evidenze fattura proforma n.11 ex perizia
Gianforte”

3) Riflessione estendibile a tutte le posizioni non riconosciute da Cirsu e derivanti da spese sostenute da
Sogesa su beni di Cirsu

L’Accordo Quadro del 30.06.2000 che regolava i rapporti tecnico economici tra Cirsu e Sogesa Spa
disciplinava, all’art.21, la ripartizione delle spese di manutenzione degli impianti stabilendo che le stesse (sia
esse di natura ordinaria che straordinaria) fossero poste a carico di Sogesa S.p.A. riconoscendo ex ante che
l’onere economico relativo alla manutenzione ordinaria e straordinaria doveva intendersi ricompreso nelle
tariffe riconosciute dal Cirsu a Sogesa.

Il successivo “rinnovo” dell’accordo quadro del 24 marzo 2005 che sostituisce l’accordo del 30.06.2000
dispone all’art.21 che “la manutenzione ordinaria dell’impianto, nonché la pulizia dell’intera area impianto
è a totale carico di Sogesa” aggiungendo poi “[…] L’onere economico relativo alla manutenzione
dell’intera struttura impiantistica è ricompreso nelle varie tariffe riconosciute dal Cirsu spa alla Sogesa”.

L’art. 24 obbliga Sogesa a rimettere al Cirsu relazioni periodiche sull’andamento dei servizi e degli impianti.

    35/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  3.3)  Riflessioni  su  posizioni  reciproche  
 
 

Infine, l’art.41 disciplina la clausola compromissoria per dirimere eventuali controversie in ordine
all’accordo.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda all’allegato A “Regolamentazione rapporti Cirsu/Sogesa”


ulteriormente distinto in n.3 (tre) sub-allegati:

• Allegato A1: Accordo Quadro del 30.06.2000


• Allegato A2: Accordo quadro del 24.03.2005
• Allegato A3: Accordo di Garanzia del 30.07.200

    36/37  
Cirsu  SpA  –  Relazione  evidenze  contabili  |  3.3)  Riflessioni  su  posizioni  reciproche