Sei sulla pagina 1di 19

Università degli studi di Bergamo

DIDATTICA MACCHINE UTENSILI


I CICLI DI LAVORAZIONE

Il Ciclo di Lavorazione è l’insieme delle


procedure che devono essere attuate
nell’esecuzione di un Prodotto, secondo
una successione vincolata di fasi, con
l’individuazione dei mezzi operativi e dei
materiali da usare.
Ogni operazione è vincolata alle operazioni precedenti, che la
condizionano nella sua esecuzione; e a sua volta, determina
dei vincoli alle operazioni che la seguono. L’elaborazione di un
Ciclo, in concreto, si pone i seguenti obiettivi:

„ Ottenere la forma geometrica del pezzo


disegnato
„ Realizzare la precisione le finiture
superficiali descritte
„ Tenere conto dei vincoli che derivano da
eventuali lavorazioni precedenti
„ Individuare e scegliere opportunamente le
macchine che saranno utilizzate e definire i
corretti dati tecnici relativi
„ Prevedere le attrezzature che permettono di assicurare
la qualità di esecuzione
„ Valutare le esigenze di trattamenti termici e di
trattamenti superficiali ai quali sottoporre i pezzi in
lavorazione
„ Definire la corretta successione delle varie operazioni,
tenendo anche conto della movimentazione dei materiali
fra un fase e l’altra
„ Cercare di raggiungere il risultato atteso col minimo
costo di lavorazione
LO SCHEMA LOGICO DELL’ELABORAZIONE DI
UN CICLO DI LAVORO

Il processo di elaborazione di un Ciclo si può suddividere


in tre fasi fondamentali:

„ Raccolta ordinata delle informazioni necessarie


„ Definizione delle attività tecnologiche da eseguire e
della loro razionale sequenza
„ Definizione della natura e dei momenti di controllo
qualitativo sul prodotto e sui mezzi di lavorazione
INFORMAZIONI
Gli elementi che si devono conoscere per poter procedere alla
stesura di un ciclo sono:

„ La funzione svolta da ogni pezzo nel complesso del


prodotto di cui fa parte
„ La serie dei dati, ricavabili dal disegno, relativi alle
tolleranze dimensionali e di forma e ai gradi di finitura
delle superfici richiesti
„ Il tipo di materiale e la quantità da asportare nelle
lavorazioni (sovrametalli), definita in base
all’esperienza personale o utilizzando criteri codificati
„ La tipologia e la quantità dei mezzi di lavoro disponibili
per eseguire le lavorazioni necessarie
„ La quantità dei pezzi da costruire
ELABORAZIONE DEL CICLO DI LAVORAZIONE

LE FASI DI ELABORAZIONE SONO STRETTAMENTE


LEGATE AL PARTICOLARE PRODOTTO DA
FABBRICARE

Non e’ possibile indicare delle regole di


carattere generale, possiamo comunque
individuare alcuni momenti caratteristici.
ELABORAZIONE DEL CICLO DI LAVORO

a. Analisi e scelta dei mezzi di lavoro da impiegare


b. Analisi e scelta delle attrezzature da usare per facilitare le
lavorazioni
c. Suddivisione della fabbricazione in:
- prima lavorazione
- collaudi di prima lavorazione
- lavorazioni intermedie
- collaudi interoperazionali
- lavorazione finale
- collaudo di delibera
d. Analisi del flusso dei materiali e scelta degli opportuni
mezzi di trasporto tra un’operazione e l’altra
ELABORAZIONE DEL CICLO DI LAVORAZIONE

Il processo di elaborazione del Ciclo può essere condotto a


tre fasi fondamentali:
1. Raccolta delle informazioni
2. Elaborazione del Ciclo di Lavorazione
3. Elaborazione dei cicli di collaudo
Materiali
e
sovrametalli Macchinari
disponibili

Dati geometrici

Attrezzature
INFORMAZIONI di lavoro
disponibili
Funzione
del
prodotto

Mezzi
di
LAVORAZIONE
controllo
Analisi del Analisi e scelta
flusso attrezzature
dei materiali di lavoro

Definizione
fasi e mezzi
movimentazione
CICLO Analisi e
DI scelta dei
LAVORAZIONE mezzi di lavoro

Definizione
fasi di lavorazione

Definizione ELABORAZIONI
dati tecnici SCHEDE DI
di lavoro LAVORAZIONE
Scelta del
Analisi
metodo
dei mezzi
di controllo
di controllo

Collegamenti
di lavorazioni
Definizione
e controlli
CICLO delle fasi
DI di collaudo
COLLAUDO
Definizione procedure
per eventuali
interventi correttivi

ELABORAZIONE
SCHEDE DI
LAVORAZIONE
COMPOSIZIONE DEL CICLO DI FABBRICAZIONE 1/2

In forma riassuntiva, il Ciclo di fabbricazione


risponde alle seguente successione di fasi:
„ Deposito materiali grezzi

„ Trasporto materiali sul posto di lavoro

„ Sosta materiali in attesa di lavorazione

„ Operazioni di trasformazione
COMPOSIZIONE DEL CICLO DI FABBRICAZIONE 2/2

„ Sosta materiali in attesa di controllo


„ Controllo di conformità qualitativa
„ Sosta in attesa di trasporto a magazzino finale
„ Trasporto a magazzino finale
„ Sistema e deposito in attesa di consegna al
cliente
ESERCITAZIONI

RACCOLTA DATI INFORMATIVI


Gli elementi necessari sono:
„ Condizioni di fornitura del materiale: Fucinato in acciaio
„ Rilievo dal disegno delle caratteristiche dimensionali e di
finitura: Lunghezza e Diametro parte cilindrica,
Lunghezza spigoli parte prismatica centrata su faccia
anteriore, Tolleranze, Rugosità
„ Rilievo dal disegno delle prescrizioni di trattamenti
termici o superficiali : non trattato
„ Rilievo della quantità da produrre : 400 pezzi
CONDIZIONI DI FORNITURA

FASE INFORMATIVA DIMENSIONI INIZIALI


E FINALI

TOLLERANZE
VERIFICA TECNOLOGICA

„ Verifica dell’assenza di difetti interni (criccature)


del pezzo allo stato di fornitura : Controllo con
liquidi fluorescenti/penetranti in luce di Wood
(luce ultravioletta)
„ Verifica delle necessità di predisposizione del
pezzo per le successive lavorazioni
meccaniche: non prevista
„ Verifica dell’esigenza di tracciatura del pezzo :
non necessaria
LAVORAZIONE 1/2

Per la limitata quantità richiesta, per il processo di lavorazione


vengono utilizzati mezzi di produzione generici e semplici
attrezzature di posizionamento/bloccaggio
La successione delle operazione è la seguente:
1. Sfacciatura, tornitura su tornio a torretta
2. Sfacciatura estremità opposta, sulla stessa macchina
3. Deposito a lato macchina, per successivo trasporto al
banco collaudo
4. Trasporto al banco di collaudo
5. Controllo dimensionale
LAVORAZIONE 2/2

6. Deposito semilavorati in attesa di invio alla fresatura


7. Trasporto a lato della fresatrice universale
8. Esecuzione su fresatrice universale della lavorazione
delle quattro facce laterali del codolo prismatico
9. Deposito pezzi in contenitore
10. Trasporto al banco di collaudo finale
11. Collaudo di delibera
12. Deposito in contenitore e quindi in magazzino, in attesa
di invio al reparto montaggi elementi meccanici