Sei sulla pagina 1di 509

Israele

e i Territori
Palestinesi

© Lonely Planet Publications. Per agevolarne l’utilizzo, questo libro non ha restrizioni digitali.Tuttavia ti ricordiamo che
l’uso è strettamente personale e non commerciale. Nello specifico, non caricare questo libro su siti di peer-to-peer,
non inviarlo via email e non rivenderlo. Per ulteriori informazioni, leggi le Condizioni di vendita sul nostro sito.
© Lonely Planet Publications

Israele
e i Territori
Palestinesi
Galilea superiore
e Golan
p251
Haifa e costa Galilea inferiore e
settentrionale Lago di Tiberiade
p175 p215

Tel Aviv- Cisgiordania


Giaffa (Yafo) (West Bank)
p129 p285
Gerusalemme
p56
Striscia Mar Morto
di Gaza p322
p317

Negev
p340

Petra
(Giordania)
p379

Daniel Robinson, Orlando Crowcroft, Anita Isalska,


Dan Savery Raz, Jenny Walker
PIANIFICARE ON THE ROAD
IL VIAGGIO

Benvenuti in Israele GERUSALEMME . . . . . 56 Netanya . . . . . . . . . . . . . . . . 172


e nei Territori Palestinesi 4 Ramla. . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
Dintorni
Top 20 . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 di Gerusalemme. . . . . . . 125
In breve . . . . . . . . . . . . . . . 18 Abu Ghosh. . . . . . . . . . . . . . 125 HAIFA E COSTA
Qualcosa di nuovo . . . . . . 20
Latrun. . . . . . . . . . . . . . . . . . 126 SETTENTRIONALE. . 175
Neot Kedumim. . . . . . . . . . 127 Haifa . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Se vi piace... . . . . . . . . . . . 21 Grotta di Soreq. . . . . . . . . . 127 Daliyat Al Karmel. . . . . . . . 194
Mese per mese. . . . . . . . . 23 Parco Nazionale di Beit Monastero
Itinerari . . . . . . . . . . . . . . . 32 Guvrin-Maresha . . . . . . . . . 127 Carmelitano
di Sant’Elia . . . . . . . . . . . . . 196
Attività. . . . . . . . . . . . . . . 40
TEL AVIV-GIAFFA Ein Hod e Ayn Hawd . . . . . 197
Shabbat. . . . . . . . . . . . . . . 43 (YAFO) . . . . . . . . . . . . 129 Atlit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
Viaggiare Dintorni di Tel Aviv. . . . . 169 Zichron Ya’akov. . . . . . . . . . 199
con i bambini . . . . . . . . . . 45
Gush Dan. . . . . . . . . . . . . . . 169 Mey Kedem. . . . . . . . . . . . . 201
Attraversare i confini. . . . 48 Herzliya . . . . . . . . . . . . . . . . 170 Cesarea . . . . . . . . . . . . . . . 202
Primo piano. . . . . . . . . . . . 52 Holon . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171 Akko (Acri) . . . . . . . . . . . . 205
DYZIO/SHUTTERSTOCK ©

EFESENKO/SHUTTERSTOCK ©

CHIESA DI SANTA CATERINA


P294
DANIEL REINER/SHUTTERSTOCK ©

HUMMUS P423 PREPARAZIONE DEL PANE


PITA
Sommario
CONOSCERE

Kibbutz Lohamei CISGIORDANIA Israele e i Territori


HaGeta’ot. . . . . . . . . . . . . . . 212 (WEST BANK). . . . . . . 285 Palestinesi oggi . . . . . . 396
Nahariya . . . . . . . . . . . . . . . 213 Storia. . . . . . . . . . . . . . . 398
Betlemme . . . . . . . . . . . . . . 291
A nord di Nahariya. . . . . . . 214
Ramallah . . . . . . . . . . . . . . 300 Popoli di Israele e dei
Taybeh . . . . . . . . . . . . . . . . 304 Territori Palestinesi. . . . 417
GALILEA INFERIORE Gerico. . . . . . . . . . . . . . . . . 305 Cucina regionale. . . . . . 423
E LAGO Hebron. . . . . . . . . . . . . . . . 308 Vita quotidiana. . . . . . . 428
DI TIBERIADE. . . . . . 215 Nablus . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
Governo e politica . . . . 432
Nazareth . . . . . . . . . . . . . . . 216 Jenin. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
Kafr Kana. . . . . . . . . . . . . . 225 Religione . . . . . . . . . . . . . 437
Tzipori. . . . . . . . . . . . . . . . . 226 STRISCIA DI GAZA. . 317 Arti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
Zona del Monte Tabor. . . 227 Ambiente. . . . . . . . . . . . 448
Valli di Jezreel
e di Beit She’an . . . . . . . . 228 MAR MORTO. . . . . . . 322
Tiberiade. . . . . . . . . . . . . . 233 Ein Gedi . . . . . . . . . . . . . . . 325 GUIDA
Lago di Tiberiade. . . . . . 241 Costa PRATICA
Sponda nord-occidentale . . . . . . . 329
nord-occidentale . . . . . . . . 241 Masada. . . . . . . . . . . . . . . . . 331
Viaggiare
Sponda orientale . . . . . . . . 247 Ein Bokek. . . . . . . . . . . . . . 335 in sicurezza. . . . . . . . . . 454
Sponda Sodoma . . . . . . . . . . . . . . . 337
Informazioni . . . . . . . . . 458
sud-occidentale . . . . . . . . 249 Neot HaKikar . . . . . . . . . . 338
Trasporti . . . . . . . . . . . . . 470

GALILEA SUPERIORE NEGEV . . . . . . . . . . . 340 Salute. . . . . . . . . . . . . . . . 476


E GOLAN . . . . . . . . . . 251 Be’er Sheva. . . . . . . . . . . . 342 Guida
Galilea superiore . . . . . . 253 linguistica . . . . . . . . . . . 486
Altopiano del Negev. . . . . 345
Tsfat (Safed). . . . . . . . . . . 253 Mitzpe Ramon. . . . . . . . . .348 Indice . . . . . . . . . . . . . . . 499
Zona del Monte Meron . . 263 Arava . . . . . . . . . . . . . . . . . 355 Legenda
Rosh Pina. . . . . . . . . . . . . . 266 Eilat. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359 delle cartine . . . . . . . . . . 510
Valle di Hula . . . . . . . . . . . 268
Corridoio della Galilea. . . 270 PETRA
Alture del Golan. . . . . . . 274 (GIORDANIA) . . . . . . 379 IN QUESTA GUIDA
Katzrin. . . . . . . . . . . . . . . . . 274 Città Antica. . . . . . . . . . . . . 381
Golan meridionale . . . . . . . 277 Wadi Musa . . . . . . . . . . . . 387 Siti religiosi. . . . . . . . . . . . 29
Golan centrale . . . . . . . . . 278 Siq Al Barid Itinerari . . . . . . . . . . . . . . . 32
Golan settentrionale . . . . . 281 (Piccola Petra) . . . . . . . . . 392
Monte del Tempio/
Al Haram
Ash Sharif in 3D. . . . . . . 34
Shabbat. . . . . . . . . . . . . . 43
Paesaggi
ed esperienze . . . . . . . . 369
Petra in 3D . . . . . . . . . . 382
Benvenuti in Israele
e nei Territori Palestinesi
Al crocevia di Asia, Europa e Africa,
Israele e i Territori Palestinesi sono stati,
sin dalla più remota antichità, un luogo
di incontro tra culture, imperi e religioni.

Siti religiosi Archeologia


Culla dell’ebraismo e del cristianesimo, Grazie allo scrupoloso lavoro compiuto,
­ma sacra anche ai musulmani e ai baha’i, generazione dopo generazione, dagli archeo­
la Terra Santa invita i turisti a immergersi logi, oggi è possibile ammirare le rovine
nella ricchezza e varietà delle sue tradizioni in mattoni crudi di Gerico, risalenti a oltre
religiose. Tra gli antichi siti ebraici vanno ci- 10.000 anni fa, scoprire il mondo di David
tati il Muro Occidentale di Gerusalemme e le e Salomone nella Città di David a Geru-
sinagoghe di epoca bizantina. Le sinagoghe salemme e abbinare una visita a Masada,
del periodo romano sul Lago di Tiberiade protagonista di un’eroica resistenza contro
furono probabilmente usate da ebrei e cri- le agguerrite legioni di Roma, a un giro tra
stiani prima che le loro strade divergessero. i viali e i teatri di Beit She’an, testimoni dei
Cristiani e turisti sono i benvenuti nei siti le- fasti di Roma. Molti dei reperti archeologici
gati alla nascita di Gesù (Betlemme), alla sua più straordinari del paese sono esposti nel
predicazione (Nazareth e Lago di Tiberiade) Museo di Israele di Gerusalemme.
e alla sua Crocifissione (Gerusalemme). Per
i musulmani solo La Mecca e Medina sono Avventure nella natura
più sacre dell’Al Haram Ash Sharif di Geru-
Pochi paesi presentano una geografia tanto
salemme, il Monte del Tempio per gli ebrei,
variegata all’interno di confini così ridotti.
forse il luogo più conteso della Terra.
Data la superficie limitata del paese, un
giorno potrete rilassarvi su una spiaggia
Tel Aviv mediterranea, l’indomani galleggiare sulle
Tel Aviv è un vortice multietnico di gratta- acque saline del Mar Morto e il giorno suc-
cieli, piste ciclabili, suggestivi caffè, eleganti cessivo fare un’immersione nel Mar Rosso.
bistrò e spiagge. Città giovane per gli stan- Gli escursionisti avranno la possibilità di
dard della regione (la sua fondazione risale percorrere tutto il paese lungo il Sentiero
al 1909), è comunque stata dichiarata Patri- Nazionale di Israele, costeggiare ruscelli
monio dell’Umanità dall’UNESCO per i suoi stagionali che scendono verso il Giordano,
edifici Bauhaus anni ’30. La ‘start-up city’ di scoprire oasi verdi negli aridi promontori a
Israele è famosa come centro d’eccellenza per picco sul Mar Morto ed esplorare le vario-
l’high tech e ospita le aziende più dinamiche pinte formazioni di arenaria di Makhtesh
e ambiziose del paese, nonché una miriade di Ramon. Molti sentieri sono ideali da percor-
bar, pub e club. rere anche in mountain bike.
EFESENKO/SHUTTERSTOCK ©

Perché amo Israele e i Territori Palestinesi


Orlando Crowcroft, autore
Israele e i Territori Palestinesi possono essere una meta difficile, ma quando nelle strade
di Gerusalemme si leva la chiamata alla preghiera, sulla Città Vecchia di Nablus si spande
il profumo delle spezie e oltre le colline della Galilea tramonta il sole, ci si rende conto
di come si tratti di un luogo veramente magico, al tempo stesso affascinante e frustrante,
seducente e tormentato. In ogni caso, osservato da vicino – con gli occhi giusti – rivela
l’elemento in grado di unire tutti coloro che abitano tra il Giordano e il Mediterraneo:
uno strettissimo legame con la terra.
Per ulteriori informazioni sui nostri autori, v. p512

Sopra: Betlemme (p291)


0 50 km
Israele e i Territori Palestinesi 0 25 miles

Tyre
Banias Nature Reserve
Kiryat Shmona
Tsfat (Safed) LEBANON
Antico centro del misticismo Rosh Quneitra
ebraico (p253) HaNikra
Montfort Rosh
Nahariya Pina The Golan Lago di Tiberiade

Jordan River
Peqi'in Ceruleo sfondo alla
Akko (Acri) Akko Tsfat Capernaum predicazione di Gesù (p241)
Rovine crociate e una città Karmiel
ottomana cinta da mura (p205) Sea of SYRIA
The Galilee Galilee
Haifa
Tiberias Nazareth
Giardini Baha’i Nazareth Siti sacri e cucina fusion
Prati e aiuole perfettamente Atlit (p216)
curati (p178) Megiddo Afula
Irbid Deraa
Caesarea Beit She'an
MEDITERRANEAN Beit She’an
Hadera Jenin Spettacolari rovine romane
SEA (p229)

Cesarea Netanya River


Mt Ebal Mafraq
Porto e teatro di epoca romana (940m)
(p202) Nablus

Mt Gerizim
Gerusalemme
Jordan

(881m)
Tel Aviv TEL AVIV Storica, sacra e al centro
Spiagge, caffè ed edifici in Jaffa di aspre contese (p56)
stile Bauhaus (p129) West Bank
Rishon
LeZion Ramla Ramallah
AMMAN
Rehovot Abu Mar Morto
Ghosh Jericho
Ashdod Il punto più basso e salato
Nebi della Terra (p322)
JERUSALEM Musa Qumran
Bethlehem
Ashkelon
Betlemme Herodian
Il luogo dove nacque Gesù Kiryat
Gat
Dead
(p291) Beit Hebron Sea
Gaza City Guvrin
Gaza Strip Ein Gedi
Masada
Khan Younis Masada La roccaforte della resistenza
Rafah Tel Arad degli ebrei ai romani (p331)
Arad
Be'er
Sheva
Karak
Al Arish
Dimona

Mamshit

Shivta
En Avdat
National Park
The Negev

Mitzpe
Ramon JORDAN
Makhtesh Ramon n
o
Spettacolare makhtesh al centro h Ram
del Negev (p349) htes
Mak
Mt Har
Ramon
(1035m)

Petra Wadi Musa

Ma’an

ALTITUDINE
1000m
500m
300m
150m
0

EGYPT Eilat
(Sinai) Aqaba
Taba Red Sea
Top 20
9
Cupola della Roccia Mar Morto

1 La prima immagine della Cupola della


Roccia (p67) a Gerusalemme – una
calotta dorata che risplende su una base
2 Dopo aver oltrepassato il cartello
‘livello del mare’, continuate a scendere
fino a scorgere le acque blu cobalto del
ottagonale dalle suggestive sfumature Mar Morto (p322), contornate da candidi
turchesi – toglie immancabilmente il fiato. depositi di sale, promontori rossastri
Forse è proprio l’effetto che volevano e ciuffi di vegetazione verde scuro. Nell’Oasi
ottenere i suoi ignoti architetti oltre di Ein Gedi è possibile attraversare a piedi
1300 anni fa, quando iniziarono a edificare profonde gole, fino ad arrivare a pozze
questo straordinario capolavoro. Secondo d’acqua cristallina e impetuose cascate,
alcuni, gli scorci migliori si possono per poi salire verso il Deserto di Giuda –
ammirare dal Monte degli Ulivi, ma non o scendere a riva per fare un bagno
perdete l’occasione di osservarla da vicino, tonificante nell’acqua salata. A sud, nella
inerpicandovi al mattino presto sul Monte zona del Monte Sodoma è possibile fare
del Tempio/Al Haram Ash Sharif. escursioni in bicicletta nei letti di fiumi
prosciugati e praticare molte altre attività.
MARK MILLAN / 500PX ©

RUSLANDASHINSKY / GETTY IMAGES ©


10
3 4

CRAIG STENNETT / ALAMY STOCK PHOTO ©


SJ TRAVEL PHOTO AND VIDEO / SHUTTERSTOCK ©
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 2 0

Spiagge Ramallah Muro Occidentale


di Tel Aviv
4 Sede della maggior
5 Da secoli gli ebrei si

3 Andate a Gordon parte delle sistema- recano presso il muro


Beach (p139), a Tel zioni economiche della di contenimento del Monte
Aviv, sedetevi sulla sabbia Cisgiordania, oltre che di del Tempio (p75), eretto
o su una sedia a sdraio e quasi tutti i bar e i locali due millenni fa, per pregare
osservate gli amanti della notturni, Ramallah (p300) e piangere la distruzione
tintarella che si crogiolano è un’ottima base per del Primo e del Secondo
al sole e i più sportivi che i visitatori oltre che una Tempio. Le gigantesche
si dedicano al nuoto, al città vivace e cosmopolita. pietre del Muro Occidentale,
surf, alla vela o a partite Dal 2017 ospita l’interes- levigate dalle innumerevoli
di matkot (racchettoni). sante Museo di Yasser carezze ricevute, esercitano
Scegliete uno dei bar o dei Arafat, allestito all’interno un potere quasi ipnotico,
ristoranti che servono cibo del complesso in cui il lea- con i fedeli che vi poggiano
e bevande in spiaggia e der palestinese trascorse le mani e la fronte per
concedetevi un buon pran- i suoi ultimi anni sotto instaurare un contatto
zo, dopo di che − al calare assedio israeliano. In quella profondo con Dio. Osser-
della sera − seguite l’esem- che di fatto è la capitale vando con attenzione,
pio della gente del posto e palestinese sorge anche vedrete che negli interstizi
sorseggiate una Goldstar un museo dedicato tra le pietre si nascondono
ghiacciata, ammirando il al grande poeta Mahmoud pezzi di carta infilati dai
tramonto sulle acque blu ­Darwish. fedeli che recano le loro
intenso del Mediterraneo. preghiere.
11
5
IRINA BORSUCHENKO / SHUTTERSTOCK ©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 2 0
6
Basilica del
Santo Sepolcro
ROSTISLAV GLINSKY / SHUTTERSTOCK ©

6 Costruita nel punto in


cui sant’Elena – madre
di Costantino il Grande –
credeva che Gesù fosse
stato crocifisso e sepolto, la
Basilica del Santo Sepolcro
(p73) di Gerusalemme è
il luogo più sacro della Terra
per molti cristiani. Nelle sue
cappelle buie e pervase di
spiritualità diverse confes-
sioni cristiane perpetuano
alcune delle loro più antiche
tradizioni. I visitatori posso-
no unirsi alle interminabili
file di sacerdoti in solenni
paramenti e di pellegrini
dagli abiti sobri che
procedono con reverenza
attraverso corridoi illuminati
da candele e profumati
di incenso.
12
7 8

LEONID ANDRONOV / SHUTTERSTOCK ©

COSMO CONDINA / GETTY IMAGES ©


PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 2 0

YACOUB RABAH / SHUTTERSTOCK ©


Giardini Baha’i Masada Antica Gerico

7 Unione di simbolismo
religioso, panorami
indimenticabili e cura me-
8 I romani avevano ap-
pena distrutto Gerusa-
lemme quando un migliaio
9 Vagare tra le rovine
dell’antica Gerico
(p305) costituisce una
ticolosa dell’estetica, le 19 di ebrei zeloti si asserra- parte essenziale di qualun-
terrazze dei Giardini Baha’i gliarono su un remoto al- que viaggio in Cisgiordania,
(p178) di Haifa si pre- topiano sopra il Mar Morto. ma oltre ai resti di quella
sentano come una sublime Guardando in basso dal loro che è considerata da molti
espressione della ricerca imponente rifugio, è ancora studiosi la città più antica
umana della bellezza. Il possibile individuare gli del mondo (che secondo
Mausoleo del Bab sorge otto accampamenti romani alcune stime risalirebbe a
con la sua cupola dorata al collegati da un muro d’asse- 10.000 anni fa) c’è molto
centro dei giardini, circon- dio che circondava l’altura altro da vedere. Ritagliatevi
dato da aiuole geometriche, (p331), testimoni dei un po’ di tempo per ammi-
prati immacolati, sculture tragici eventi del 73 d.C. Alla rare i mosaici del Palazzo di
e fontane che scendono fine, i romani costruirono Hisham e non perdetevi il
gradualmente dalle pendici una rampa e fecero breccia giro in funivia fino all’epico
del Monte Carmelo, procu- nelle mura, ma trovarono monastero di Qurantul.
rando a pellegrini e turisti solo pochi sopravvissuti, Gerico ospita anche uno dei
una profonda sensazione di perché molti avevano prefe- migliori ostelli della Cisgior-
pace. Se siete abbastanza rito il suicidio alla prospetti- dania, il Sami Youth Hostel.
in forma da affrontare la va della schiavitù. Mosaico presso il Palazzo
scalata, il fantastico pano- di Hisham (p306)
rama su Haifa fa dimentica-
re il bruciore ai polpacci.
13
Tsfat (Safed) Cesarea

10 I rabbini del XVI secolo trasformaro-


no Tsfat (p253) – la città situata in
posizione più elevata della Galilea e di tutto
11 Le imponenti rovine di Cesarea
(p203) rappresentano eloquenti
testimonianze della vita che si conduceva
Israele – nel centro di studio della cabala in una città di due millenni fa, quando i gla-
(misticismo ebraico) più importante del diatori combattevano contro belve feroci

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 2 0
mondo. Il loro spirito è vivo nei vicoli e negli nell’anfiteatro tra le urla della folla e il teatro
antichi edifici sacri del Quartiere delle Si- ospitava i migliori artisti dell’epoca – come
nagoghe e nel vicino Quartiere degli Artisti, fa ancora oggi. Il sito del grande porto di
dove piccole gallerie vendono oggetti rituali Erode, costruito per rivaleggiare con quello
ebraici dal design vivace e creativo. L’aura di Alessandria, è oggi uno dei luoghi più belli
della cabala si avverte anche nel cimitero di Israele per concedersi un pasto o una
sulla collina, dove sono sepolti alcuni grandi birra in riva al mare. Per scoprire che cosa
saggi dell’ebraismo, tra cui Ari (Yitzhak celano le acque turchesi del porto, prenota-
Luria) e Yosef Caro. te un’immersione introduttiva.

10
RNDMS / SHUTTERSTOCK ©

11
EFESENKO / SHUTTERSTOCK ©
14
Akko (Acri) Nazareth

12 I vicoli stretti, le moschee con le


cupole e i caravanserragli a colonne
della Città Vecchia di Akko (p207) rievoca-
13 Il villaggio dove Gesù trascorse l’in-
fanzia è oggi un’animata città araba.
Sui vicoli della Città Vecchia si affacciano
no i tempi del dominio ottomano, ma basta chiese che commemorano l’Annunciazione
scendere sottoterra per tornare al periodo e altri eventi narrati nei Vangeli e suggestive
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 2 0

delle Crociate, quando la città era il porto dimore ottomane. Una nuova generazione
più trafficato di questa parte del Mediter- di ristoranti ha inoltre reso Nazareth
raneo e Marco Polo vi fece tappa durante (p216) uno dei centri culinari più rinomati
il viaggio in Cina. Passeggiate nelle sale a del paese. Oltre a squisite specialità tipiche
volta dove i cavalieri cristiani consumavano servite con la calorosa ospitalità araba,
i pasti o ripercorrete le orme dei Templari potrete gustare piatti fusion che mescolano
lungo una straordinaria galleria. Il porto gusti orientali e occidentali, come i cuori
peschereccio, lambito da acque turchesi, è il di carciofo con erbe locali e lo spezzatino
posto ideale per mangiare o bere un drink. di manzo con pinoli della Galilea.

12

EFESENKO / SHUTTERSTOCK ©
15
13 14
EFESENKO / SHUTTERSTOCK ©

SOPOTNICKI / SHUTTERSTOCK ©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 2 0
15
PROTASOV AN / SHUTTERSTOCK ©

Lago di Tiberiade Beit She’an

14 Prima che l’ebraismo e il cristiane-


simo prendessero strade distinte,
Gesù e i suoi discepoli vissero tra gli ebrei
15 Per avere un’idea della potenza e
dello stile di vita dell’impero romano
dei primi secoli dopo Cristo, passeggiate
del Lago di Tiberiade (p241), in villaggi lungo il cardo colonnato e poi fate un giro
come Cafarnao – famoso per la sua impo- tra le vie lastricate, le elaborate terme e i ba-
nente sinagoga – e Bethsaida. Per ammirare gni pubblici dell’antica Beit She’an (p229),
un panorama mozzafiato della zona, salite distrutta – come Pompei – da un deva-
sul Monte delle Beatitudini, dove Gesù stante cataclisma naturale, in questo caso
pronunciò il Discorso della Montagna. il terremoto del 749. Il suo teatro con 7000
Nel Kibbutz Ginosar è esposta una barca posti a sedere e i suoi ingressi ad arco han-
di legno in ottimo stato di conservazione, no conservato gran parte dell’aspetto che
risalente ai tempi di Gesù. Sul lago ci sono avevano nel II secolo, quando facevano da
diverse spiagge balneabili, molte delle cornice a grandiosi spettacoli (oggi il teatro
quali collegate da piste ciclabili. è utilizzato come spazio per concerti).
Cafarnao (p243)
16
Makhtesh Ramon Betlemme

16 Gerusalemme è spesso definita


‘antica’, ma sembra nata ieri se para-
gonata a questo fenomeno geologico situa-
17 Da quasi due millenni i cristiani si
recano in pellegrinaggio nel luogo
in cui ritengono sia nato Gesù. Nelle vie
to al centro del Deserto del Negev. Risultato intorno alla Basilica della Natività (p293)
di 200 milioni di anni di erosione, questo e in Manger Sq vedrete antichi edifici di
PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 2 0

maestoso canyon asimmetrico (p349), pietra e angusti vicoli rimasti pressoché


che appare come uno sfregio nel paesaggio, immutati da secoli. In ogni caso, Betlemme
presenta formazioni rocciose rosa, un fondo non guarda solo al passato, in quanto
di arenaria multicolore ricco di fossili e una questa città è anche uno dei posti migliori
fauna composta da orici, gazzelle, leopardi, della Cisgiordania in cui gustare l’autentica
stambecchi e avvoltoi. Talora sferzato dal cucina palestinese, sia quella tradizionale
vento e sempre enigmatico, è una delle sia quella moderna, e ospita diversi bar
attrattive più sottovalutate e suggestive molto invitanti.
di Israele.

16

ROSTISLAV GLINSKY / SHUTTERSTOCK ©

17
EFESENKO / SHUTTERSTOCK ©
17
18 19
RNDMS / SHUTTERSTOCK ©

ALEXANDRE ROTENBERG / SHUTTERSTOCK ©

PIA NI FI CA RE I L VIAGG I O T o p 2 0
ALDO PAVAN / GETTY IMAGES © 20

Architettura Museo di Israele Nablus


di Tel Aviv
19 Sono molti i musei
20 La seconda città

18 Gli architetti ebrei che si definiscono della Cisgiordania


fuggiti dalla Germa- ‘di prestigio mondiale’, ma (p311) si estende tra
nia negli anni ’30 portarono questo può realmente con- i monti Gerizim ed Ebal
a Tel Aviv (p129) uno siderarsi tale. Inaugurato (noti rispettivamente come
stile radicalmente nuovo: il nel 1965 e ampliato nel monti delle ‘benedizioni’ e
Bauhaus o Stile Internazio- 2010, il Museo di Israele delle ‘maledizioni’). Nel suo
nale. Il loro lascito – circa (p96) è una delle due mercato, i commercianti
4000 edifici dalle linee pulite, straordinarie istituzioni palestinesi strillano i prezzi
con balconi arrotondati e con sede a Gerusalemme di ogni merce in vendita, da
scale ‘a termometro’, illu- che si devono a un vasto frutta e verdura a profumi
minati da finestre in linea programma di filantropia e spezie. Altri piaceri per i
verticale – è il più vasto internazionale (l’altro è il sensi vengono dal kunafeh
insieme di edifici Bauhaus museo dell’Olocausto Yad (dolce caldo di formaggio
del mondo, motivo che nel Vashem). Al suo interno imbevuto di sciroppo) in
2003 ha spinto l’UNESCO a troverete i Rotoli del Mar vendita presso la bancarella
inserire la ‘Città Bianca’ tra i Morto, una splendida rac- di Al Aqsa, dove si trova la
siti Patrimonio dell’Umanità. colta di reperti archeologici, più celebre prelibatezza di
Il recupero di queste gemme sale colme di oggetti rituali Nablus, e dai due hammam
architettoniche è tuttora ed etnografici ebraici, aperti ai turisti. Sul Monte
in corso: alcune sono state collezioni di dipinti (Van Gerizim si trovano i resti
magnificamente restaurate e Gogh! Monet! Renoir!) di quello che i samaritani
altre attendono le cure di cui e un giardino di sculture. considerano il primo luogo
hanno bisogno. Santuario del Libro (p96) creato da Dio sulla Terra.
18
© Lonely Planet Publications

In breve
Per ulteriori informazioni, v. Guida pratica (p453)

Moneta Quando andare


Israele e Territori
Palestinesi: nuovo shekel
israeliano (NIS o ILS); estati da calde a molto calde, inverni miti
clima secco
Giordania e Cisgiordania: deserto, clima secco
dinaro giordano (JD o # Tiberiade
JOD) ottobre-giugno

Lingue Tel Aviv


Israele: ebraico e arabo ottobre-giugno
#

(ufficiali), inglese; Territori # Gerusalemme


Palestinesi e Giordania: settembre-giugno
arabo (ufficiale), inglese
# Mar Morto
ottobre-maggio
Visti
Visto all’arrivo eccetto
che all’Allenby/King Hus-
sein Bridge per i cittadini
italiani, svizzeri e di quasi
tutte le nazionalità.
Occorre il passaporto.

Banche #
Eilat
ottobre-giugno
I bancomat sono molto
diffusi, tranne presso i
punti di confine con la
Giordania e l’Egitto. Le
Alta stagione Media stagione Bassa stagione
carte di credito sono (lug e agosto) (set-nov (dic-feb)
accettate quasi ovunque. ¨¨Clima caldo a Geru- e marzo-lug) ¨¨Clima fresco o fred-
salemme, afoso a Tel ¨¨Clima a tratti piovo- do nella parte setten-
Aviv e torrido a Tiberia- so, ma più spesso mite trionale del paese, so-
Telefoni cellulari de, Gerico, Mar Morto prattutto alle quote più
e soleggiato.
Standard di telefonia ed Eilat. elevate.
mobile compatibili con ¨¨I fiori primaverili
quelli dei paesi europei. È ¨¨Tariffe alle stelle e rendono marzo e aprile ¨¨A Natale molti
possibile acquistare SIM scarsa disponibilità di i mesi ideali per l’escur- pellegrini si riversano
card locali prepagate. camere. sionismo. a Betlemme.
¨¨Le festività della ¨¨Periodo ideale per
Pasqua ebraica, di recarsi a Eilat e sul Mar
Ora Rosh HaShanah e di Morto, dove le tempe-
Due ore avanti rispetto a Sukkot sono conside- rature sono più miti.
GMT/UTC e un’ora avanti rate alta stagione.
rispetto all’Italia.
19
Siti web Budget giornaliero Arrivo
Israel Nature and Parks Meno di 350NIS Aeroporto Ben Gurion (Tel
­Authority (www.parks.org.il) ¨¨Letto in camerata: 100NIS Aviv) Taxi per Gerusalemme/Tel
Ministero Israeliano del Aviv (110/300NIS), sherut per
¨¨Pasti a base di falafel o
Turismo (www.goisrael.com) Gerusalemme (64NIS) o treno
hummus e picnic con prodot-
per Tel Aviv (13,50NIS).
This Week in Palestine ti presi al supermercato: 100NIS

PIANIFICARE IL VIAGGIO I n breve


(www.thisweekinpalestine.com) (al giorno) Posto di confine del fiume
ILH-Israel Hostels Giordano/Sheikh Hussein
¨¨Corsa in autobus o sherut:
(www.hostels-israel.com) (Giordania) Taxi per Beit She’an
50NIS
Lonely Planet Italia (www.lo- (40NIS, ma dovrete contrattare
¨¨Bagni nelle spiagge libere molto energicamente).
nelyplanetitalia.it/israele; www.
lonelyplanetitalia.it/territori-pa- Medio: 350-600NIS Posto di confine di Allenby/
lestinesi). ¨¨Camera doppia in alberghi di King Hussein Bridge (Giorda-
media categoria: ­150-220NIS nia) Sherut per ­Gerusalemme
Numeri utili ¨¨Pasti in ristoranti di media
(35NIS, 30 min).
Prefisso %00 categoria: 100-150NIS Posto di confine di Yitzhak
di accesso Rabin/Wadi Araba (Giordania)
¨¨Corsa in taxi: 100-150NIS Taxi per Eilat (35NIS, 20 min).
internazionale
Prefisso %00 Più di 600NIS Checkpoint 300 (Gerusalem-
di uscita (+39 Italia; ¨¨Camera doppia in alberghi di me-Betlemme) Autobus da vici-
internazionale +41 Svizzera) lusso: a partire da 300NIS no alla Porta di Damasco, poi ta-
xi fino a Betlemme (20NIS).
Prefisso %972 ¨¨Pasti nei migliori ristoran-
di Israele ti: 300NIS Qalandia Checkpoint
Prefisso %972 o 970
­(Gerusalemme-Ramallah)
¨¨Automobili a noleggio di medie
dei Territori Autobus da vicino alla Porta di
dimensioni o con guida: 400NIS
Palestinesi Damasco, a Gerusalemme.
Prefisso %20 Orari di apertura Trasporti interni
dell’Egitto (Israele) Israele ha una vasta rete di tra-
Prefisso della %962 Banche Dalle 8.30 alle 12.30 e sporti; per informazioni, v. www.
Giordania talvolta dalle 16 alle 18.30 da lu- bus.co.il. Gli autobus e i treni
Ambulanza %101 nedì a giovedì. Molte filiali sono non circolano durante lo Shab-
Polizia %100 aperte la domenica, alcune an- bat e le festività ebraiche. La
che il venerdì mattina. Cisgiordania è servita da auto-
Vigili %102
del fuoco Bar e club Dalle 12 alle 24. bus frequenti e taxi collettivi.
Centri commerciali Dalle 10 al- Autobus Il servizio degli auto-
le 21.30 da domenica a giovedì, bus è capillare.
Tassi di cambio fino alle 14 o 15 il venerdì. Automobile Eccellente per visi-
NIS JD Negozi Dalle 9 alle 18 da dome- tare le zone rurali, ma nelle cit-
nica a giovedì, fino alle 14 o 15 il tà più grandi può essere difficile
Area €1 4,21 0,82
venerdì. trovare parcheggio.
euro
Egitto E£1 0,20 0,03 Ristoranti Dalle 8 alle 22, chiu- Sherut Taxi collettivi che parto-
si per lo Shabbat. Durante il Ra- no quando sono al completo; sui
Giordania JD1 5,13 – percorsi più trafficati sono più
madan, quasi tutti i ristoranti nel-
Israele 1NIS – 0,19 le aree musulmane, tranne quelli veloci degli autobus.
Libano LL100 0,24 0,04 negli alberghi, sono chiusi nelle Treno Intercity e treni per pen-
Stati US$1 3,64 0,70 ore diurne. dolari servono le località lungo
Uniti Uffici postali Dalle 8 alle 12.30, la costa, l’Aeroporto Ben Gurion
Svizzera Sfr1 3,69 0,71 talvolta dalle 15.30 alle 18, da e Gerusalemme.
domenica a giovedì, dalle 8 alle
Cambio aggiornato al mese di 12 venerdì. Chiusura anticipata
ottobre 2018, con il dollaro a nelle festività e a luglio e agosto. Per saperne di più
un valore di €0,86. Per i tassi di sui trasporti
cambio correnti, v. www.xe.com. interni, v. p471.
20

Qualcosa di nuovo
Treni ad alta velocità Cucina vegana
Alla fine del 2016 è stata inaugurata una Un tempo una rarità in Israele, i ristoran-
nuova linea ferroviaria che collega Haifa e ti vegani stanno spuntando in tutto il pae-
Beit She’an e per la metà del 2019 è previ- se; spesso possono essere individuati grazie
sta l’attivazione di un collegamento ad al- alla presenza di adesivi ‘Vegan-friendly’ o
ta velocità tra Gerusalemme e Tel Aviv, che ‘Happy­Cow’ (www.happycow.net).
permetterà di spostarsi da una città all’al-
tra in appena mezz’ora. Si parla anche della Forni da 5 shekel
costruzione di una linea tra Eilat e Tel Aviv. Negli ultimi anni a Gerusalemme sono
diventati molto popolari i forni che vendo-
Festival no i loro prodotti ad appena 5 shekel e
Israele non è mai stata parca di diverti- poco per volta si stanno diffondendo
menti, ma tra le nuove proposte nel cir- anche in altre città, rappresentando un’ec-
cuito dei festival meritano di essere cita- cellente soluzione per un pranzo econo-
ti lo Shutka Festival, che ha portato la mu- mico.
sica balcanica nel Negev, e il Rising Spi-
rit Festival, una rassegna di musica dan- App
ce nel Golan. In Israele sono molto diffuse le app per
smartphone utili per ogni esigenza, dal
Cucina arabo-israeliana prenotare un taxi al tenersi informati
La cucina arabo-israeliana è sempre più sul lancio di razzi. Un’app fondamenta-
apprezzata e proposta in città quali Naza- le è Waze, che aiuta gli autisti a orientarsi
reth e Haifa e in Galilea, dove le speciali- nel traffico locale, che risente di circostan-
tà palestinesi e levantine vengono prepara- ze piuttosto singolari, come l’allestimen-
te con mani esperte da celebri chef del po- to di posti di blocco da parte dell’esercito.
sto. (p246) Le app per la prenotazione dei taxi hanno
semplificato non poco la vita a Tel Aviv.
Spiaggia di Ein Bokek
La nuova spiaggia pubblica di Ein Bokek è Birra artigianale
uno dei pochi punti di Israele da cui è pos- Come in molti altri posti del mondo, an-
sibile raggiungere l’acqua del Mar Morto che in Israele impazza la moda delle birre
(quanto meno a titolo gratuito). Su questa artigianali. Fate visita a uno dei numerosi
spiaggia è anche possibile farsi una doc- birrifici che punteggiano il paese o magari
cia, cosa indispensabile dopo una nuotata cercate un brewpub specifico, come il Libi-
nell’acqua salata. (p335) ra di Haifa. (p191)

Tecnologia a Tel Aviv Ciclismo


Il panorama tecnologico di Tel Aviv gode In Israele non passa anno senza che venga
da sempre di buona salute, ma è oggi parti- aperto un nuovo itinerario percorribile in
colarmente vivace. In particolare, negli ul- bicicletta sia in grandi città come Tel Aviv
timi anni nella città costiera hanno aperto sia attraverso deserti e foreste. Per conosce-
i battenti diverse agenzie di coworking, tra re gli itinerari attualmente disponibili, con-
cui quelle di WeWork e Mindspace. sultate la Israel Ride.
21

Se vi piace...
Sentiero Nazionale di Israele Alture del Golan Altitudine ele-
Spiagge L’Israel National Trail è il sentiero vata, clima fresco, suoli vulcanici
più lungo di Israele, dal confine li- ed eccellenti produttori. (p274)
Tintarella nel Mediterraneo, banese al Mar Rosso. (p227)
l’ebbrezza di galleggiare nel Ramat Dalton Nella Galilea supe-
Mar Morto, miriadi di pe- Ein Gedi Due oasi alimentate da riore, la ‘Toscana d’Israele’ produce
sci variopinti nel Mar Rosso sorgenti, che si estendono lungo i vini migliori del paese. (p266)
e un’atmosfera d’altri tempi canyon e ospitano una gran varie-
tà di piante e di animali. (p327) Taybeh Winery Deliziosi vini ros-
sul Lago di Tiberiade.
si e bianchi prodotti in una collina
Metzitzim Spiaggia adatta alle Riserva Naturale di Makhtesh nei pressi di Ramallah. (p304)
famiglie, si trova pochi passi a sud Ramon Escursionismo in un va-
dei ristoranti e dei locali del porto sto cratere desertico, famoso per Altopiani del Negev Clima caldo
di Tel Aviv. (p142) le sue rocce di arenaria dalle mille di giorno e fresco di notte e l’ere-
sfumature. (p349) dità dei nabatei. (p345)
Riserva Naturale di Coral
Beach La spiaggia migliore di Riserva Naturale di Yehudiya
Eilat è un paradiso dello snorkel- Canyon, cascate e piscine
nell’estremità settentrionale
ling. (p359)
del Golan. (p277)
Antiche sinagoghe
Spiaggia di Ein Bokek La spiag- In ogni parte di Israele sono
gia libera più bella del Mar Mor- Sentiero di Gesù Il Jesus Trail
state riportate alla luce sina-
to: ampia, pulita e sabbiosa. collega Nazareth al Lago di Tibe-
goghe antiche, alcune orna-
(p335) riade. (p221)
te da sculture e mosaici.
Lago di Tiberiade Alcune spiag- Sentiero di Abramo Alcuni tratti
Beit Alpha Straordinari mosaici
ge sono libere e altre a pagamen- di questo itinerario tra l’Iraq e
raffiguranti uno zodiaco, una me-
to, ma tutte offrono un gradito la Mecca si trovano in Israele e
norah, uno shofar e un’Arca della
sollievo in estate. (p241) in Cisgiordania. (p289)
Torah. (p231)
Herzliya Splendida spiaggia sab- Parco Nazionale di En Avdat
Parco Nazionale di Hamat
biosa, tra il porto turistico e le ville Oasi nascosta nel Deserto del
Tveriya I mosaici di Tiberiade
più lussuose di Israele. (p170) Negev. (p347)
presentano due menorah a sette
bracci e uno zodiaco. (p237)
Parco Nazionale di Korazim
Escursionismo Degustazione di vini Decorata con superbe sculture di
basalto raffiguranti motivi floreali
Coltivata in Israele sin
Dopo le piogge invernali, le e geometrici. (p244)
dall’epoca biblica, la vite
valli e le colline si riempio-
prospera nei diversi micro- Parco Nazionale di Tzipori Sina­
no di fiori a primavera, sta-
climi del paese, dando vini goga bizantina con un favoloso
gione ideale per l’escursioni-
corposi e raffinati, vincitori pavimento a mosaico. (p226)
smo. I sentieri segnati spa-
di molti riconoscimenti.
ziano da semplici passeggia- Parco Nazionale di Bar’am Soli­
te per famiglie a trekking di Zichron Ya’akov Centro vinicolo da costruzione di arenaria fine-
più giorni, che richiedono dalla fine del XIX secolo, dal clima mente lavorata, risalente al tardo
l’uso di carte topografiche. mediterraneo. (p199) periodo talmudico. (p263)
22

Siti cristiani

ALEFBET / SHUTTERSTOCK ©
Gesù nacque a Betlemme,
crebbe a Nazareth, predi-
cò in Galilea e fu crocifisso a
Gerusalemme. Molti siti lega-
PIANIFICARE IL VIAGGIO S e vi piace...

ti alla sua vita sono diventati


luoghi di pellegrinaggio.
Basilica del Santo Sepolcro Il si-
to più sacro della cristianità, do-
ve Gesù fu crocifisso e risorse.
(p73)
Basilica della Natività Sorge sul
sito identificato almeno dal IV se-
colo quale luogo di nascita di Ge-
sù. (p293)
Basilica dell’Annunciazione Luo-
go in cui i cristiani ritengono sia av-
venuta l’Annunciazione. (p216)
Cafarnao Località dove Gesù risie-
dette durante la sua opera di pre-
dicazione in Galilea. (p243)
Qasr Al Yahud Luogo del battesi-
mo di Gesù da parte di Giovanni il
Battista. (p306)
Monte Tabor Luogo della Trasfigu-
razione di Gesù. (p227)

Vita notturna
Sorseggiate un calice di vino
della Galilea in riva al mare YAKOV OSKANOV / SHUTTERSTOCK ©

o una birra artigianale in un


intimo pub, ascoltate musi-
ca dal vivo in un vecchio ma-
gazzino o ballate fino all’al-
ba su una spiaggia o in di-
scoteca.
Tel Aviv Caffè sul mare, cucina di
classe e musica e balli fino all’al-
ba. (p160)
Ramallah Alcuni dei locali più viva-
ci della Cisgiordania. (p300)
Teatro Cameri Spettacoli contem-
poranei a Tel Aviv, con sottotitoli in
inglese alcune sere. (p163)
Haifa I locali di tendenza richiama-
no soprattutto giovani, tra cui mol-
In alto: En Akev (p347), Parco Nazionale di En Avdat
ti studenti. (p176)
In basso: Basilica dell’Annunciazione (p216), Nazareth
23

Mese per mese


prendere parte alle attivi- a Gerusalemme, ma sulla
IL MEGLIO tà del Keren Kayemet Fund, costa il clima è spesso
v. www.kkl-jnf.org (20-21 perfetto.
Purim, marzo gennaio 2019, 9-10 febbraio
Midburn, maggio 2020, 27-28 gennaio 2021). 1 Purim
Il Purim è una ricorren-
Israel Festival,
za ebraica diversa da tutte
maggio/giugno
le altre. L’accento non è po-
Gay Pride, giugno Febbraio sto sul cibo, ma sui costumi
Lights in Jerusalem, Febbraio segna l’inizio e sugli alcolici. In tutto il pa-
giugno/luglio della primavera in Israele ese, la gente si agghinda e
Red Sea Jazz Festival, e nei Territori Palestinesi. scende in strada. Apprezza-
agosto I mandorli si ricoprono di ta soprattutto dai bambini,
fiori bianchi, e sulle colline la più grande sfilata del Pu-
intorno a Gerusalemme rim si tiene a Holon, a sud
spuntano i papaveri rossi. di Tel Aviv. Per gli adulti, le
Può ancora fare freddo e feste migliori hanno luogo a
Gennaio piovere e talvolta soffia il
vento dal deserto.
Tel Aviv, di solito nei pressi
di Kikar HaMedina o a Flo-
Il mese più freddo e rentin, dove i DJ mettono
piovoso. Clima rigido a 2 Tel Aviv Marathon musica a tutto volume (20-
Gerusalemme e nel nord, 21 marzo 2019, 9-10 marzo
Durante questo importante
talora mite lungo la costa e 2020, 25-26 ­febbraio 2021).
evento annuale che si tiene
in genere soleggiato sul Mar
un venerdì mattina di fine
Morto e a Eilat. Occasionali
febbraio la città viene presa
nevicate a Gerusalemme e a
d’assalto. Decine di miglia-
Tsfat. Tariffe alberghiere di
ia di podisti prendono parte Aprile
bassa stagione.
alla maratona che si snoda Le valli e le colline coperte
sul lungomare, sulle strade di fiori fanno di aprile
2 Tu Bishvat principali e nel Parco di Ha- il mese migliore per le
Noto come Capodanno degli Yarkon. Dal momento che escursioni. Nel periodo della
Alberi degli ebrei, il Tu Bi- molte strade vengono chiu- Pasqua ebraica e in quello
shvat viene celebrato in tut- se al traffico, conviene muo- della Pasqua cristiana i
to il mondo, ma in Israele versi a piedi o in bicicletta. prezzi salgono; sulla costa il
assume uno speciale signi- clima è ancora perfetto.
ficato di rinnovamento. Le
persone arrivano nei parchi 1 Lailat Al Miraj
nazionali di Israele da ogni Marzo Questa festa celebra il ‘viag-
dove per piantare alberi e Dopo le piogge invernali, le gio notturno’ di Maomet-
mangiare noci e frutta sec- valli e le colline sono verdi e to dalla Mecca a Gerusa-
ca. È un ottimo pretesto per coperte di fiori. È un mese lemme, e da lì in cielo. Tra
camminare nelle foreste in- ideale per l’escursionismo. i giorni più sacri del calen-
torno a Gerusalemme. Per Può far freddo e piovere dario islamico, richiama mi-
24
z Zorba Festival
CALENDARI RELIGIOSI Zorba (www.desertashram
.co.il/en) è un festival an-
Le date delle feste ebraiche sono basate sul calenda- nuale della durata di cin-
rio lunisolare ebraico e cadono entro quattro settimane que giorni dedicato alla mu-
dalle corrispondenti date del calendario gregoriano (cri- sica e alla spiritualità, che
stiano occidentale). Alcune ricorrenze sono celebrate si svolge nel campo Desert
PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese

per due giorni dagli ebrei della diaspora e uno in Israele. Ashram, nella parte meri-
Il calendario islamico è invece lunare, per cui ogni dionale del Deserto del Ne-
anno le feste cadono 11 o 12 giorni prima rispetto al ca- gev. Di giorno, vengono pro-
lendario gregoriano. Le date definitive sono fissate se- posti laboratori di yoga, pit-
condo l’avvistamento della luna e dunque potrebbero tura e meditazione, nonché
variare leggermente rispetto a quelle indicate. attività per i bambini; quan-
Le festività ebraiche e musulmane iniziano al tra- do cala il sole, si trasforma
monto e terminano al tramonto del giorno successivo; in un enorme dance party
le date indicate comprendono anche la vigilia. sotto le stelle.
Le chiese ortodosse usano una combinazione tra il
calendario giuliano e, per Pasqua, il ciclo pasquale.

gliaia di fedeli presso la Cu- 1 Venerdì Santo Maggio


pola della Roccia di Geru- Soleggiato ma non afoso e
Commemorazione della cro-
salemme e il punto in cui giornate lunghe. Essendo
cifissione di Gesù. È un pe-
si crede che Maometto ab- le scuole aperte in Israele,
riodo molto vivace a Geru-
bia lasciato la sua impronta Europa e Nord America, non
salemme. Poco dopo mezzo-
all’interno del complesso Al ci sono molte famiglie in
giorno, migliaia di pellegrini
Aqsa. Il Monte del Tempio/ giro. Spesso a inizio mese
si riversano nelle strade per
Al Haram Ash Sharif è chiu- cadono le ultime piogge.
la Via Dolorosa (Via Cru-
so ai visitatori (2-3 aprile cis) e di notte si tiene la pro-
2019, 21-22 marzo 2020, 10- cessione con le candele nel- 1 Ramadan
11 marzo 2021). la Basilica del Santo Sepol- In questo mese i musulma-
cro. Cade il venerdì prima ni digiunano nelle ore di lu-
1 Pasqua ebraica di Pasqua (per protestanti e ce e dopo il tramonto si ten-
La Pesach è una festa di una cattolici il 19 aprile 2019, 10 gono banchetti celebrati-
settimana che celebra la li- aprile 2020, 2 aprile 2021; vi. Molti negozi e ristoran-
berazione degli israeliti dal- per gli ortodossi il 26 aprile ti di Gerusalemme Est (an-
la schiavitù in Egitto. Il pri- 2019, 17 aprile 2020, 30 apri- che della Città Vecchia), del-
mo e il settimo giorno gli uf- le 2021). (p73) la Cisgiordania e dei villag-
fici e i negozi restano chiusi. gi arabi d’Israele di giorno
Il pane e i prodotti lievita- 1 Pasqua chiudono, mentre al calare
ti sono proibiti e coperti con Celebra la resurrezione di del sole l’ambiente si anima.
fogli di plastica nei super- Gesù il terzo giorno dopo la Nelle zone arabe, le case so-
mercati (può capitare di tro- crocifissione e segna la fine no illuminate e ci può esse-
vare qualche caffè a Tel Aviv della Quaresima. Si celebra re un aumento del traffico,
che venda sandwich). Se vi nelle chiese di Gerusalem- visto che molti si spostano
trovate in Israele, cercate me, Betlemme e Nazareth. per raggiungere la famiglia
di farvi invitare a un seder A Gerusalemme, gli even- (5 maggio-4 giugno 2019,
(cena rituale), quando vie- ti di maggior rilievo sono la 23 aprile-23 maggio 2020,
ne letta la storia dell’esodo, sfilata degli armeni con cor- 12 aprile-11 maggio 2021).
si canta e si beve vino. Molti namuse e tamburi il saba-
israeliani vanno in vacanza to e le celebrazioni all’alba z Giorno
e le tariffe alberghiere schiz- presso la Tomba del Giar- dell’Indipendenza
zano alle stelle (19-26 apri- dino. Cade il 21 aprile 2019, La dichiarazione di indi-
le 2019, 8-15 aprile 2020, 27 12 aprile 2020, 4 aprile 2021 pendenza di Israele (1948)
marzo-3 aprile 2021). per i cattolici e i protestanti è un’importante ricorren-
e il 28 aprile 2019, 19 aprile za pubblica. I negozi, i risto-
2020, 2 maggio 2021 per gli ranti e gli autobus sono at-
ortodossi. tivi come sempre. Alla vi-
25
gilia (8-9 maggio 2019, 28- come in luglio e agosto. giovedì di giugno di ogni
29 aprile 2020, 14-15 aprile Piove di rado. Alcune anno, quando le vie princi-
2021) cade il Giorno dei Sol- località applicano le tariffe pali, le piazze e le spiagge di
dati, che commemora i ca- alberghiere di alta stagione. Tel Aviv si trasformano in
duti. L’atmosfera cambia al palchi per band, DJ e piani-
tramonto, quando le feste di 1 Eid Al Fitr sti locali e per qualche gran-
strada e gli spettacoli piro- La fine del Ramadan è ce- de artista. (p151)

PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese


tecnici allietano tutti i prin- lebrata con amici e paren-
cipali centri cittadini, come ti per un periodo che va da z Lights in
Rabin Sq a Tel Aviv. uno a tre giorni (4-5 giugno Jerusalem
2019, 23-24 maggio 2020, 12- Questo straordinario evento
z DocAviv 13 maggio 2021). I negozi e i del tutto gratuito si tiene tra
Un tempo festival marginale servizi restano in gran par- la fine di giugno e l’inizio di
e oggi importante evento di te chiusi nelle zone arabe e luglio, quando l’antica città
Tel Aviv: il DocAviv è il più molti dei residenti musulma- si accende di proiezioni vi-
grande festival documenta- ni vanno in vacanza. deo e installazioni luminose
rio del Medio Oriente. Pres- 3D. I visitatori possono am-
so il Cinematheque di Tel 1 Shavu’ot mirare le mura della Città
Aviv vengono proiettati film Ultima grande festa ebrai- Vecchia come non le hanno
dedicati a una vasta gam- ca prima dell’estate. I viag- mai viste prima. (p104)
ma di argomenti in inglese, giatori noteranno molte per-
ebraico e arabo. (p151) sone del posto in spiaggia

z Midburn
e presso le attrattive princi-
pali del paese. Si mangiano Luglio
Risposta israeliana al Bur- latticini (compresi diversi ti- Afa soffocante sulla costa,
ning Man, il Midburn (www. pi di cheesecake), e a Rabin clima secco (ma caldo) a
midburn.org/en) vede mi- Sq di Tel Aviv viene allestito Gerusalemme. Per l’alta
gliaia di persone riversar- un mercato agricolo. Que- temperatura dell’acqua,
si nel Negev per festeggia- sta ricorrenza religiosa cele- stagione di meduse. Clima
re l’arte, la musica e l’espres- bra la consegna della Torah torrido sul Lago di Tiberiade,
sione di sé. Come nel festival sul Monte Sinai: i negozi so- sul Mar Morto e a Eilat.
americano preso a modello, no chiusi e i mezzi pubbli- Tariffe alte, soprattutto
viene eretta una città tem- ci non circolano. Le sistema- nei B&B della parte
poranea: per sei giorni nel zioni scarseggiano e le tarif- settentrionale del paese.
deserto vicino a Sde Boker fe salgono (8-9 giugno 2019,
tutto è possibile, purché sia 28-29 maggio 2020, 16-17 z Jerusalem
stravagante e meraviglioso. maggio 2021). Film Festival
Inaugurato nel 1984, questo
z Israel Festival z Gay Pride festival cinematografico in
Tre settimane di spettacoli La seconda settimana di programma verso la metà
musicali, teatrali e di danza, giugno Tel Aviv si riempie di di luglio di ogni anno pre-
talvolta gratuiti, a Gerusa- bandiere arcobaleno per la vede la proiezione di film
lemme e dintorni tra la fine più grande e pittoresca ce- e documentari da tutto il
di maggio e l’inizio di giu- lebrazione LGBT del paese. mondo, nonché semina-
gno. È il periodo ideale in Durante il Pride Tel Aviv è ri, incontri e vivaci cerimo-
cui trovarsi nella Città Vec- un posto incredibile anche nie di premiazione. Prenota-
chia, dove a ogni angolo de- per gli etero, in quanto i bar te i biglietti con largo antici-
gli stretti vicoli sembra esi- sono pieni, le spiagge ani- po. (p103)
birsi una band o tenersi una mate e arrivano visitatori da
performance. (p103) tutto il mondo. (p151) 3 Opera in the Park
Nel pieno della calura esti-
3 Notte Bianca va, quasi 100.000 persone si
Questa festa di strada di Tel riversano nel Parco HaYar-
Giugno Aviv prevede musica dal vi- kon di Tel Aviv per assistere
Giornate lunghe, calde e vo per tutta la notte. Si tie- a un’esibizione gratuita del-
soleggiate. Lungo la costa ne durante la Notte Bianca la principale compagnia li-
il caldo non è ancora afoso (Laila Lavan), nell’ultimo rica del paese. Arrivate pre-
26
sto per accaparrarvi un an- Al McKay e la Earth Wind & impennano per la festa di
golino sulla collina erbosa, Fire Experience, Brian Bla- Sukkot. A Gerusalemme e
dove migliaia di persone del de & The Fellowship Band e nella parte settentrionale
posto fanno un picnic e sor- molti altri. (p362) del paese può fare fresco.
seggiano vino allietati dal
magnifico spettacolo. z Jerusalem 1 Yom Kippur
Wine Festival Il Giorno dell’Espiazione è
PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese

Ogni anno il Museo di Isra- la festa più solenne del ca-


ele apre il suo giardino per lendario ebraico. In que-
Agosto quattro giorni in occasione sta occasione di riflessione
Il mese più caldo dell’anno: del Jerusalem Wine Festi- e digiuno di 25 ore, le sina-
afa sulla costa, clima un po’ val. Questo evento coincide goghe restano aperte tutto
più fresco a Gerusalemme, con il Tu B’Av del calendario il giorno; il culmine si rag-
ma infernale sul Lago di ebraico (equivalente di San giunge quando viene suona-
Tiberiade, sul Mar Morto Valentino). Degustazioni illi- to lo shofar (corno di mon-
e a Eilat. Le tariffe delle mitate dei vini delle miglio- tone). A Tel Aviv i bambi-
strutture ricettive sono alte, ri aziende del paese e musi- ni girano in bicicletta nel-
soprattutto nei B&B della ca dal vivo. (p104) le strade deserte e i turisti
parte settentrionale del possono godersi un po’ di si-
paese. lenzio e l’assenza delle mac-
chine. Lo Yom Kippur in-
1 Eid Al Adha Settembre cide molto sui viaggiatori,
Durante la Festa del Sacrifi- Le scuole israeliane sono perché nei quartieri ebrai-
cio, i musulmani celebrano aperte, e dunque poche ci tutti gli esercizi chiudono
la disponibilità da parte di famiglie si mettono in (anche i negozi AM:PM) e i
Ibrahim (Abramo) a sacrifi- viaggio, ma le tariffe mezzi pubblici non prestano
care suo figlio Ishmael. Se- alberghiere salgono alle servizio. Pianificate in modo
gna la fine dell’hajj (pelle- stelle per il Rosh HaShanah da arrivare e ripartire pri-
grinaggio annuale alla Mec- e il Sukkot. Per il Rosh ma o dopo, perché persino
ca). Mettete in conto di in- HaShanah e lo Yom Kippur gli aeroporti e i posti di con-
contrare ingorghi per/dalla i voli sono spesso esauriti. fine sono chiusi (8-9 ottobre
Cisgiordania: molti palesti- 2019, 27-28 settembre 2020,
nesi sono in ferie (11-15 ago- 1 Rosh HaShanah 15-16 settembre 2021).
sto 2019, 30 luglio-3 agosto Il Capodanno ebraico è un
2020, 20-24 luglio 2021). evento imperdibile per le fa-
1 Sukkot
miglie. I negozi e i ristoranti Se vi trovate in Israele per i
z Tsfat chiudono dalla prima sera,
sette giorni della Festa dei
Klezmer Festival Tabernacoli, vedrete agli
per cui i viaggiatori devo-
angoli delle strade capan-
La musica ebraica dell’Eu- no aggiustarsi o farsi invita-
ne e tende con i tetti di fo-
ropa orientale arriva in Ga- re a casa da qualcuno. Mol-
glie, dove è possibile fermar-
lilea: la città di Tsfat (Safed) ti sono in ferie e visitano i si e fare un picnic. Le tende
diventa un palco per musi- parenti (29 settembre-1o ot- rappresentano i 40 anni tra-
cisti provenienti da tutto il tobre 2019, 18-20 settembre scorsi dagli ebrei nel deser-
paese. I concerti iniziano al- 2020, 6-8 settembre 2021). to. È anche un’importante
le 21 e proseguono fino a Non ci sono grandi feste di festa del raccolto autunnale:
dopo mezzanotte; per le tre strada, ma ultimamente i lo- il primo e il settimo giorno
notti del festival è possibile cali notturni come il Block sono festa nazionale e i ne-
campeggiare. (p260) di Tel Aviv organizzano se- gozi sono chiusi (13-20 otto-
rate speciali con DJ. (p161) bre 2019, 2-9 ottobre 2020,
z Red Sea 20-27 settembre 2021). L’ul-
Jazz Festival timo giorno, Simhat Torah,
L’ultima settimana di ago- segna la fine del ciclo an-
sto Eilat si anima per quat- Ottobre nuale di letture della Torah
tro notti di magnifico jazz. Inizia l’autunno, ma il clima e nelle sinagoghe, soprattut-
Arrivato alla 31a edizione, il è ancora secco e soleggiato. to a Gerusalemme, si balla.
festival ospita artisti come Le tariffe alberghiere si Visto che gli israeliani non
27
lavorano, durante il Sukkot costa, sul Mar Morto e a to notti, gli ebrei festeggia-
si tengono molte mostre Eilat. A Gerusalemme no accendendo candele su
speciali e festival musicali. e sugli altipiani può far candelabri a nove braccia.
freddo e le giornate si In quasi tutti i centri citta-
z Tamar Festival accorciano. Tariffe da bassa dini si tengono cerimonie di
Considerato tra le rassegne stagione. accensione delle candele e
musicali più importanti di le panetterie sono piene di

PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese


Israele, il Tamar Festival ri- 1 Commemorazione doughnut di ogni tipo. I ne-
chiama ogni anno gli arti- di Yitzhak Rabin gozi e gli esercizi commer-
sti più famosi della regio- In Rabin Sq, a Tel Aviv, si ciali restano aperti per tut-
ne durante la settimana di tiene una manifestazione ta Hanukkah (2-10 dicembre
Sukkot. I concerti si tengono per la pace in ricordo del 2018, 22-30 dicembre 2019,
fino a tarda notte a Masada, primo ministro Yitzhak Ra- 10-18 dicembre 2020).
con vedute sul deserto rosso bin, assassinato il 4 novem-
e sul Mar Morto. Il pubbli- bre del 1995 da un estremi- z Festival
co può campeggiare o per- sta di destra, per i suoi ten- dei Giorni Sacri
nottare in uno degli alberghi tativi di stabilire un rappor- Negli ultimi tre weekend di
situati lungo la spiaggia di to pacifico con i palestinesi. dicembre il quartiere Wadi
Ein Bokek. (p327) Questo evento prevede di- Nisnas di Haifa celebra l’Ha-
scorsi in ebraico ed esibizio- nukkah, il Natale e le feste
z InDNegev Festival ni musicali. Il tono è critico, musulmane di questo perio-
L’InDNegev (Indie Negev, ma triste, visto che a mol- do con mostre d’arte, spet-
www.indnegev.co.il) è un ti la pace sembra un sogno tacoli per bambini ed esibi-
grande festival musicale che lontano. zioni musicali. Oltre a poter
si tiene verso la metà di ot- assistere ai concerti, in ge-
tobre di ogni anno. Nell’arco 3 Jerusalem nere al Beit Hagefen Cultu-
di tre giorni, a Mitzpe Gvu- International Oud ral Center i viaggiatori po-
lot, 30 km a ovest di Be’er Festival tranno esplorare un insoli-
Sheva nel Negev, si esibi- Questo festival è dedicato to mercato di Natale in stile
scono più di 100 degli arti- all’oud, uno strumento me- arabo. (p183)
sti underground migliori del diorientale simile al liuto.
paese. Come indica il nome, Il Jerusalem International 1 Natale
si suona molto rock indie, Oud Festival (www.confede Per i cristiani uno dei pelle-
ma non manca nemmeno la rationhouse.org) si tiene per grinaggi più importanti è la
musica hip-hop, psichedeli- 10 giorni presso il Confe- visita a Betlemme per Na-
ca, elettronica e così via. deration House Centre for tale. L’attrattiva principale
Ethnic Music and Poetry e è la Basilica della Natività,
2 Sovev TLV altre sedi in città. alla quale si aggiunge l’im-
A Tel Aviv le biciclette re- ponente albero di Manger
gnano sovrane già qualche Sq. In altre località di Israe-
giorno prima dell’evento in le e dei Territori Palestinesi
sé, che culmina con una bi- Dicembre il 25 dicembre è un norma-
ke ride di 42 km (parten- Clima a tratti freddo e le giorno lavorativo (a meno
za all’alba di un venerdì del- piovoso, ma non di rado che non cada di Shabbat), i
la metà di ottobre). Molte soleggiato e persino caldo. negozi sono aperti e i mezzi
strade cittadine e diverse hi- Tariffe alberghiere da bassa pubblici circolano normal-
ghway sono chiuse per l’e- stagione, fatta eccezione mente. I pellegrini posso-
vento principale, durante il per le zone cristiane nel no andare in chiesa anche a
quale si tengono corsi per periodo di Natale, quando Gerusalemme e a Nazareth.
bambini e di pattinaggio. trovare posto diventa molto Negli ultimi tempi, in occa-
difficile. Le giornate sono sione del Natale alcuni ne-
brevi. gozi hanno iniziato a deco-
rare le loro vetrine e a volte
Novembre 1 Hanukkah i caffè servono vin brûlé. Gli
Mese talvolta freddo Il periodo della Festa del- ortodossi festeggiano all’ini-
e piovoso, ma spesso le Luci ebraica è magnifico zio di gennaio. (p147)
soleggiato, soprattutto sulla per visitare il paese. Per ot-
28

DYZIO / SHUTTERSTOCK ©
PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese

1. Muro Occidentale (p75), Gerusalemme 2. Via Dolorosa


(p73), Gerusalemme 3. Cupola della Roccia (p67),
Gerusalemme 4. Qasr Al Yahud (p306), Gerico

BEATA BAR / SHUTTERSTOCK ©


29

Siti religiosi

LINGLING7788 / SHUTTERSTOCK ©
Oggi i viaggiatori possono visitare luoghi
di importanza capitale per le tre religioni
abramitiche, l’ebraismo, il cristianesimo e
l’islam. Non sono solo i credenti a rimanere

PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese


stupiti, ispirati e commossi da questi siti
millenari.

Via Dolorosa
Attraverso la Città Vecchia di Gerusalemme
si snoda la Via Crucis (p70), un suggestivo
percorso spirituale lungo le 14 stazioni del
cammino di Gesù verso il Calvario.

Cupola della Roccia


Sormontato da una scintillante cupola
dorata, questo luogo di culto islamico
risalente al VII secolo (p67) sorge sopra
l’imponente pietra dalla quale Maometto
sarebbe asceso al cielo durante il suo
Viaggio Notturno.

Muro Occidentale
Molti visitano il luogo più sacro dell’ebrai-
smo (p75) per appoggiare le mani con-
tro il muro e infilare una preghiera nelle
fessure tra le pietre.

Monte degli Ulivi


LERNER VADIM / SHUTTERSTOCK ©

Gli ebrei salgono al Monte degli Ulivi


(p89) per visitare il cimitero ebraico
più antico del mondo, mentre i pellegrini
cristiani vengono richiamati dalle chiese
impreziosite da cupole e mosaici e dagli
ulivi millenari dell’Orto del Getsemani.

Gerico
Considerata da molti studiosi la città più
antica del mondo, Gerico (p305) è citata
nella Bibbia come il luogo in cui le trombe
di Giosuè fecero crollare le mura e Gesù
fu tentato dal demonio e battezzato da
Giovanni Battista.
30

Basilica del Santo Sepolcro

EDDIE GERALD / GETTY IMAGES ©


L’incenso, le candele, le icone e le preghiere
a bassa voce dei pellegrini creano un’atmo-
sfera solenne all’interno del luogo più sacro
del cristianesimo (p73), che almeno dal
IV secolo viene identificato come il luogo
PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese

in cui avvennero la crocifissione, la sepol-


tura e la resurrezione di Gesù.

Monte Sion
Sul Monte Sion (p84) sorge un com-
plesso che si ritiene ospiti al suo interno
sia il Cenacolo, uno dei siti più sacri del
cristianesimo, sia la Tomba di re David,
sacra agli ebrei.

Tomba dei Patriarchi


Secondo la Genesi e il Corano, Abramo e i
suoi discendenti sono sepolti nella Tomba
dei Patriarchi (p309), il secondo luogo più
sacro della Terra Santa sia per gli ebrei sia
per i musulmani.

Sinagoga di Ha ’Ari Ashkenazi


Questa antica sinagoga (p255) sorge nel 1. Tomba di re David (p85), Monte Sion, Gerusalemme
luogo in cui il grande cabalista cinquecen- 2. Chiesa della Moltiplicazione dei Pani e dei Pesci (p243),
tesco Yizhak Luria (altrimenti noto come Tabgha 3. Basilica della Natività (p293), Betlemme
Ari) era solito celebrare lo Shabbat.

Basilica della Natività,


Betlemme
Chinate la testa per attraversare la
bassa porta in pietra (p293), un invito
all’umiltà, ed entrate nel luogo dove se-
condo i Vangeli nacque Gesù, indicato
da una stella d’argento a 14 punte.

Tabgha
Situata sulle sponde del Lago di Tiberiade,
Tabgha (p241) è il luogo in cui si narra
che Gesù abbia moltiplicato miracolosa-
mente cinque pani e due pesci per sfamare
5000 discepoli.
31

PIANIFICARE IL VIAGGIO M ese per mese


BORISVETSHEV / SHUTTERSTOCK ©
VBLINOV / SHUTTERSTOCK ©
32

Itinerari
LEBANoN

Rosh HaNikra •
#
SYRIA
Sea of
É
É

Akko •
# Galilee
Haifa •
# # É •
• #Tiberias
R Nazareth
É

Mt Carmel
É

# Beit She’an

Caesarea •
#
É

MEDITERRANEAN
SEA
É

Tel Aviv •
#
Jaffa É


# JoRDAN
JERUSALEM
É

Dead SAUDI
É

Sea ARABIA
Dead Sea •
#

Masada •
#

EGYPT

14NI Il meglio di Israele


GIOR

Un’introduzione entusiasmante ai siti storici, religiosi e naturalistici più importanti di Israele.


Trascorrete i primi quattro giorni a Gerusalemme e nei suoi dintorni, riservandone
un paio per esplorare i vicoli della Città Vecchia, visitare il Muro Occidentale e l’adiacente
Monte del Tempio/Al Haram Ash Sharif e percorrere la Via Dolorosa fino alla Basilica del
Santo Sepolcro. Poi tirate fuori il costume da bagno e gli scarponcini da trekking per fare
un’escursione di un’intera giornata sul Mar Morto e alla leggendaria roccaforte di Ma-
sada. Spostatevi quindi sulla costa del Mediterraneo, per trascorrere tre giorni nella zona
di Tel Aviv, dove potrete fare passeggiate, escursioni in bicicletta, rilassarvi sulle spiag-
ge, gustare piatti prelibati e immergervi nel trambusto cittadino. Risalite poi la costa per
visitare i resti dell’antica città romana di Cesarea, prima di proseguire alla volta di Hai-
fa. Dopo aver ammirato il panorama dalla sommità del Monte Carmelo e dai Giardini Ba-
ha’i, fate un’escursione in giornata alla fortezza di Akko (Acri) e alle grotte di Rosh Ha-
Nikra. Trascorrete quindi una giornata a Nazareth, concludendo la visita con una cena
‘fusion’ sopraffina. Da Nazareth raggiungete Tiberiade, per esplorare le sponde del Lago
di Tiberiade, un tempo chiamato Mare di Galilea. Sulla via del ritorno a Gerusalemme,
concedetevi una sosta presso le rovine romane di Beit She’an.
33
IVOHA / SHUTTERSTOCK ©

KOBBY DAGAN / SHUTTERSTOCK ©

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

In alto a sinistra: Cupola


KYRYLO GLIVIN / SHUTTERSTOCK ©

della Roccia, Gerusalemme


(p67) Questa cupola
scintillante è oggetto di
venerazione da parte dei
musulmani, per il fatto di
custodire la roccia da cui
sarebbe asceso al cielo il
profeta Maometto.
In alto a destra: Muro
Occidentale, Gerusalemme
(p75) Questo muro
vecchio di due millenni è il
sito di preghiera più sacro
dell’ebraismo.
In basso: Basilica del Santo
Sepolcro, Gerusalemme
(p73) Costruita su
quello che è considerato
il sito della crocifissione,
della sepoltura e della
resurrezione di Gesù, è uno
dei luoghi più sacri per la
comunità cristiana.
34

Monte del Tempio/

EFESENKO/SHUTTERSTOCK ©
Al Haram
Ash Sharif
VISITA DEL
MONTE DEL TEMPIO
Il Monte del Tempio (v. p65) compren-
de diversi siti situati su una superficie Bilance delle Anime
pari a uno o due isolati cittadini. È meglio I musulmani credono che sul colonnato ad archi verranno
preparare prima un itinerario e ritagliarsi appese le bilance per pesare le anime dei morti.
un paio di giorni.
Bab Al
Salite lungo la pericolante rampa di legno Atim
della piazza del Muro Occidentale Bab Al
e raggiungete il sito presso la Bab Ghawanima
Al Maghariba (Porta dei Mori). Prose-
guite per ammirare la facciata, spesso
sottovalutata, della Moschea Al Aqsa 1
e la sontuosa Cupola della Roccia 2.
Fate un giro intorno alla cupola e visitate Bab Al Nazir 5
le strutture circostanti, tra cui l’insolita Piccolo Cupola
Cupola della Catena 3 e l’elegante Muro dell’Ascensione
Sabil di Qaitbay 4. Non perdetevi il Bab Al
Hadad
fantastico panorama sul Monte degli Ulivi 6
che si può ammirare dagli archi in pietra Bab Al Qattanin (Porta
chiamati Bilance delle Anime 5. dei Mercanti di Cotone)
È la porta più imponente dell’Haram. Bab Al
Uscite dalla Bab Al Qattanin (Porta dei Attraversatela per visitare il portico Silsila
del mercato dei Mercanti di Cotone
Mercanti di Cotone) 6 e tornate al pun- (Souq Al Qattanin), risalente all’epoca
to di partenza, dove potrete trascorrere un dei Mamelucchi.
po’ di tempo presso il Muro Occidentale
7 e vedere il Parco Archeologico di
Sabil di Qaitbay
Gerusalemme e il Davidson Centre 8. Questa struttura a tre
piani di 13 m è una delle
creazioni architettoni-
che più belle del Monte
del Tempio. Fu costruita
dagli egiziani nel 1482 in
segno di devozione ad
Allah ed è l’unica cupola
in pietra scolpita fuori
CONSIGLI dal Cairo.
»» Arrivate presto Dal momento che gli
orari d’apertura sono limitati e in estate
ALEKSANDAR TODOROVIC/SHUTTERSTOCK ©

capita spesso di trovare lunghe code


di turisti, mettetevi in fila per tempo (le
porte vengono aperte alle 7.30).
EFESENKO/SHUTTERSTOCK ©

»» Sottoterra Un modo molto inte-


ressante per raggiungere il Parco
Archeologico di Gerusalemme consiste
nell’imboccare il tunnel sotterraneo che
parte a 600 m di distanza, nella Città di
David (dove troverete i biglietti).
VANDERWOLF IMAGES/SHUTTERSTOCK ©
Cupola

ASIM BHARWANI/GETTY IMAGES ©


della Catena
Secondo alcuni, fu
costruita come modello
per la Cupola della
Roccia. La leggenda
narra che Salomone vi
appese una catena e chi
diceva il falso mentre
la impugnava veniva
colpito da un fulmine.

Cupola della Roccia


Gioiello del patrimonio architettonico israeliano,
la Cupola ospita la grande Pietra della Fondazione
della tradizione ebraica, mentre per i musulmani
è il punto da cui Maometto ascese al cielo.
Moschea Al Aqsa
La Moschea Al Aqsa (‘moschea più lontana’),
è una delle più antiche del mondo. Lunga 75 m,
può ospitare oltre 5000 fedeli. I crociati la
Bab Trono di
Hitta chiamavano Tempio di Salomone e la usarono
Salomone come palazzo reale e scuderia per i loro cavalli.

2
3

Pulpito
d’estate
4
5
Fontana di Moschea di Musalla
Al Kas Marwani
Cupola della (Scuderie di Salomone)
Portico dei
Mamelucchi Sapienza

Bab Al 1
Maghariba

7
Muro
Occidentale

Parco Archeologico di Gerusalemme


e Davidson Centre
Muro Occidentale Qui potrete vedere l’Arco di Robinson, i resti di un
Oggi è il luogo più sacro dell’ebraismo e un impor- ponte di collegamento con la zona commerciale
tante ritrovo durante lo Shabbat, quando gli ebrei
RITO DI della città vi si recano per cantare, ballare e pregare.
della città e l’antico mikveh (bagno rituale ebraico),
PULIZIA dove i pellegrini si lavavano prima di entrare.
STOCKSTUDIO/SHUTTERSTOCK ©

La Fontana di Al
Kas, tra la Mo-
schea Al Aqsa e
DOIN/SHUTTERSTOCK ©

la Cupola della
Roccia, è usata
per le abluzioni
rituali prima
delle preghiere.
36
LEBANoN
Banias •
÷ # Nimrod Fortress
Nature Reserve #
Rosh HaNikra • Rosh Pina

É
SYRIA

É
#Tsfat

# •# Katzrin
Akko •
#

#

É

# Gamla
Haifa •

É
# •
#
Mt Carmel R • # É Tiberias
Zichron Ya'akov •
#•# Nazareth
# Beit She’an

Caesarea •#
Daliyat
PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

MEDITERRANEAN Al

É
SEA Karmel

É
Tel Aviv •
#
Jaffa •#

É
Beit
Beit Guvrin–Maresha
Guvrin-Maresha •
#
÷
É
National Park #

É
JERUSALEM •
#Dead Sea
SAUDI
Masada •
#
ARABIA
É

JoRDAN
Mitzpe Ramon •
#
Makhtesh Ramon •
#

EGYPT
Suez
É

Canal

GULF OF
SUEZ Eilat •
#

28NI Tour di Israele


GIOR

Esplorate quanto di meglio ha da offrire Israele dal confine libanese al Mar Rosso.
Dopo quattro o cinque giorni trascorsi a Gerusalemme e dintorni, di cui un paio passa-
ti a esplorare la Città Vecchia e mezza giornata dedicata al Museo di Israele, fate un’escur-
sione alle magnifiche grotte del Parco Nazionale di Beit Guvrin-Maresha, magari inse-
rendo nel programma una sosta in un’azienda vinicola. Fermatevi poi qualche giorno a Tel
Aviv, dove potrete fare una passeggiata sul lungomare fino all’antica città di Giaffa, peda-
lare lungo il fiume Yarkon e crogiolarvi al sole. Proseguite verso nord in direzione di Hai-
fa, facendo una tappa alle rovine romane di Cesarea e nella pittoresca città vecchia di Zi-
chron Ya’akov, famosa per la sua tradizione vinicola. Dopo un giro nei sublimi Giardini
Baha’i di Haifa, visitate il Monte Carmelo e il villaggio druso di Daliyat Al Karmel. Il gior-
no successivo proseguite verso nord fino ad Akko (Acri), un incantevole connubio di rovi-
ne crociate e vestigia ottomane. Polizia permettendo, continuate verso nord fino alle grot-
te di Rosh HaNikra e poi deviate nell’entroterra per dedicare un paio di giorni a Naza-
reth, dove potrete visitare i siti cristiani e gustare prelibatezze arabe e piatti della cucina fu-
sion. Facendo base per un paio di giorni a Tiberiade, combinate la visita di antiche sina-
goghe e siti cristiani con il relax su qualche placida spiaggia del Lago di Tiberiade e, maga-
ri, con una discesa di rafting sul fiume Giordano. Fate poi rotta verso est per raggiungere le
Alture del Golan, visitando le rovine collinari di Gamla, il Museo Archeologico del Golan di
Katzrin e l’imponente Fortezza di Nimrod. A questo punto proseguite verso ovest, attra-
verso la lussureggiante vegetazione della Riserva Naturale di Banias, per scoprire le pa-
ludi della Valle di Hula, meta di un gran numero di uccelli migratori, le pittoresche vie ac-
ciottolate di Rosh Pina e la città di Tsfat (Safed), pervasa dalla spiritualità della caba-
la (misticismo ebraico). A questo punto, dirigetevi a sud e attraversate la Valle del Giorda-
no, dove potrete passeggiare tra le rovine romane di Beit She’an. Dopo una notte trascorsa
sotto le stelle sulle rive del Mar Morto, fate una levataccia per vedere l’alba dalla sommità
di Masada. Proseguite verso sud nel Deserto del Negev e trascorrete un paio di giorni nella
zona di Mitzpe Ramon, facendo un’escursione a Makhtesh Ramon. L’ultima tappa è Ei-
lat, dove potrete abbronzarvi, nuotare e dedicarvi allo snorkelling.
37
ALEKSANDAR TODOROVIC / SHUTTERSTOCK ©

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

In alto: Gordon Beach


STANISLAV SAMOYLIK / SHUTTERSTOCK ©

(p139) La gente
del posto si riversa su
questa spiaggia cittadina
per praticare sport e
curare la tintarella sulle
acque scintillanti del
Mediterraneo.
In basso: Tel Aviv Museum
of Art (p134) Questo
museo è notevole sia
dentro sia fuori, grazie alle
sue magnifiche collezioni
e alla sua architettura
moderna.
38

DELTAOFF / SHUTTERSTOCK ©
PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari

In alto: Spezie, Mercato


ANDREW V MARCUS / SHUTTERSTOCK ©

Mahane Yehuda
(p93), Gerusalemme
A sinistra: Tomba di
Yasser Arafat (p300),
Ramallah
39
LEBANoN
Golan
Jish •
# Heights Jenin •
#

#

É
Akko É

# É •
#
Amirim

É
Haifa •
#

É
Sea of

PIANIFICARE IL VIAGGIO I tinerari


É
Galilee Nablus •
#
Nazareth •
#
É

Mt Gerizim R

É
JoRDAN
Jenin •
#

É
É

Taybeh•
#
Ramallah •
#
É

# Nablus
• JoRDAN •
#
Jericho
É
JERUSALEM •
#


# # Bethlehem
É


Tel Aviv Dead
Sea

É
JERUSALEM •
# Dead •
#
Sea Hebron

10NI Itinerario 7 NI Benvenuti


GIOR gastronomico GIOR in Cisgiordania
Dal semplice hummus ai pasti da gourmet Questo itinerario consente di visitare le
d’ispirazione araba e francese, questo iti- principali città e attrattive palestinesi.
nerario gastronomico permette di gustare i Iniziate dal Museo Yasser Arafat di Ra-
piatti più deliziosi della Terra Santa. mallah prima di prendere uno sherut al-
Partite da Gerusalemme, alla ricerca dei la volta di Taybeh, dove potrete dedicare
migliori locali di hummus della Città Vecchia un paio d’ore alla visita del più antico birri-
ed esplorate le bancarelle gastronomiche del ficio della Cisgiordania. Trascorrete la pri-
Mercato Mahane Yehuda. Per il miglior ku- ma serata passando da un bar all’altro a Ra-
nafeh (dolce di formaggio fresco e cremoso) mallah o in compagnia della gente del po-
andate a nord, nella città cisgiordana di Na- sto nei caffè situati nei pressi di Manara Sq.
blus, poi provate l’olio extravergine d’oliva di Il giorno successivo prendete un autobus di-
Jenin. Proseguite poi verso Nazareth, do- retto a Nablus per concedervi una giornata
ve spopola la cucina fusion. Continuate il vo- di shopping nel suggestivo mercato, prova-
stro pellegrinaggio gastronomico sul La- re i trattamenti di un antico hammam e fa-
go di Tiberiade con un pranzo a base di pe- re visita ai samaritani sul Monte Gerizim.
sce san Pietro e dirigetevi alle Alture del Go- La mattina dopo svegliatevi presto e pren-
lan per assaporare una squisita bistecca ac- dete un autobus per Jenin e il suo Freedom
compagnata da un vino rosso di produzione Thea­tre e poi tornate a Ramallah o trascor-
locale. Deviate a ovest e fermatevi a Jish per rete un giorno con i contadini vicino al vil-
gustare la cucina araba tipica della Galilea laggio settentrionale di Burqi’in. Prende-
o nell’insediamento di Amirim, interamen- te un mezzo per Gerico per trascorrere una
te vegetariano, per deliziarvi con piatti senza giornata intera (o due, se volete vedere tut-
carne. Arrivate infine sulla costa, per provare to) ad ammirare le sue attrattive. Terminate
i frutti di mare e l’hummus di Akko (Acri), il viaggio con un paio di notti a Betlemme,
la creativa cucina araba di Haifa e quella con i suoi vicoli tortuosi e le sue chiese anti-
israeliana moderna di Tel Aviv, dove raffinati che, e un’escursione in giornata a Hebron,
ristoranti di famosi chef si contendono la sce- città profondamente sacra sia per gli ebrei
na con locali tradizionali di hummus, falafel sia per i musulmani.
e l’amato sabich.
40

Pianificare il viaggio

Attività
La varietà geografica del territorio in relazione alle sue modeste di-
mensioni rende il paese la meta ideale per le attività più disparate,
dal ciclismo nel deserto all’escursionismo in montagna, passando
per gli sport acquatici. Gli israeliani sono in genere amanti delle atti-
vità all’aperto, per cui le infrastrutture e i servizi sono di prim’ordine.

Le migliori
escursioni brevi Scavi archeologici
Riserva Naturale di Ein Gedi (p327)
Per avere informazioni aggiornate sugli
Grazie alla presenza di sorgenti perenni, i due can-
scavi archeologici a cui possono prende-
yon rivolti verso l’arido Mar Morto sono lussureg-
re parte (a pagamento) i volontari, vi con-
gianti di vegetazione. Si tratta del posto ideale per
sigliamo di visitare i siti web riportati di
l’avvistamento degli stambecchi.
seguito:
Biblical Archaeology Society (http://digs.bib
Riserva Naturale di Banias (p281)
-arch.org/digs)
Sorgenti gorgoglianti, cascate e ruscelli orlati da
alberi, nonché un antico palazzo romano. Hebrew University of Jerusalem (http://archae
ology.huji.ac.il/excavations/excavations.asp)
Riserva Naturale di Majrase (p247)
Fatevi strada in mezzo all’acqua e a fitti canneti Israeli Foreign Ministry (www.mfa.gov.il)
nell’angolo nord-orientale del Lago di Tiberiade. Digitate ‘archaeological excavations’ nel campo
di ricerca.
Wadi Qelt (p307)
Fate un’escursione in un canyon alimentato da una
sorgente fino al Monastero di San Giorgio, costrui-
to nel V secolo su una ripida parete rocciosa.
Birdwatching
Riserva Naturale di Yehudiya (p277) La costa del Mediterraneo, la Valle di Hula
Un ampio ventaglio di escursioni in giornata, con in Galilea e la zona di Eilat godono di una
partenza dai due ingressi del parco, consentono di meritata fama tra gli appassionati di bird­
esplorare gli straordinari wadi del Golan. watching di tutto il mondo. Tra i raduni di
Castello di Montfort (p214) appassionati, meritano di essere citati lo
Imponente castello crociato rivolto sulla Galilea Hula Valley Bird Festival e l’Eilat Bird Fe-
occidentale e il Mediterraneo. stival (www.birds.org.il).

Bicicletta
Nel corso degli ultimi anni le escursioni in
mountain bike sono diventate uno sport
estremamente diffuso in Israele. In parti-
colare, nelle foreste gestite dal Jewish Na-
tional Fund (www.kkl.org.il) si snodano
41
YOKYPICS / SHUTTERSTOCK ©

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività


Givat Mador, Deserto del Negev, Shvil Israel (p340)

molte piste ciclabili; per avere ulteriori in- Il ciclismo urbano è diffuso a Tel Aviv gra-
formazioni in merito, vi consigliamo di vi- zie a 130 km di sentieri e di piste ciclabili.
sitare il sito web di Cycling Routes. Shvil
Net (www.shvilnet.co.il) pubblica guide in
ebraico, che comprendono dettagliate carti-
ne topografiche. Escursionismo
In diverse località come il Mar Morto si Grazie alla straordinaria varietà del terre-
svolgono regolarmente competizioni cicli- no, Israele offre agli appassionati di escur-
stiche, molte delle quali sono sponsoriz- sionismo una serie di splendide opportuni-
zate dalla Israel Cycling Federation (www. tà. Dal momento che per metà dell’anno le
israelcycling.org.il). Vengono effettuate an- precipitazioni sono quasi assenti, gli israe-
che diverse corse annuali a lunga percor- liani possono organizzare le loro uscite sen-
renza, come l’Arava Institute & Hazon Isra- za temere la pioggia. Ricordate di portarvi
el Ride (https://israelride.org) e la ALYN dietro un cappello e una abbondante scor-
Hospital International Charity Bike Ride ta d’acqua potabile e di tornare prima che
(www.alynactive.org). L’associazione cicli- faccia buio.
stica Israel Spokes (www.israelspokes.com) Dopo che avrete pagato il biglietto di in-
organizza uscite di gruppo. Tra le agen- gresso, in molti parchi nazionali e riserve
zie e i gruppi che organizzano corsi e tour naturali (www.parks.org.il) vi forniranno
in Israele meritano di essere citati almeno semplici cartine in inglese. In altre zone, le
i seguenti: cartine migliori – anche perché riportano i
Cyclenix (www.cyclenix.com) confini esatti dei campi minati e delle aree
di fuoco usate per le esercitazioni militari –
EcoBike Cycling Vacations (www.ecobikes.co.il) sono le carte topografiche in scala 1:50.000
Genesis Cycling (www.genesiscycling.com) realizzate dalla Society for the Protection of
Nature in Israel (SPNI), in vendita nelle li-
Israel Cycling Tours (www.israelcycling.com) brerie, nelle field school della SPNI e pres-
Israel Pedals (www.israelpedals.co.il) so alcune riserve naturali.
42
Il sito web www.tiuli.com riporta un con una guida, vi consigliamo di mettervi in con-
gran numero di informazioni dettagliate in tatto con un’agenzia come la Hijazi Travel (http://
inglese sui posti migliori del paese per de- hijazih.wordpress.com), la Walk Palestine (www.
dicarsi all’escursionismo. walkpalestine.com) o la Green Olive Tours (www.
Per ragioni di sicurezza, nei Territori Pa- toursinenglish.com).
lestinesi in genere non è una buona idea Sentiero di Abramo (Abraham Path; Masar Ibra-
avventurarsi nelle zone rurali senza guida.
PIANIFICARE IL VIAGGIO Attività

him Al Khalil; www.abrahampath.org) Potrebbero


Per ingaggiare una guida e per raccogliere volerci ancora anni prima che questo sentiero ven-
informazioni aggiornate sulle aree ritenu- ga ultimato, ma il tratto che va da Nabus a Hebron,
te sicure, vi consigliamo di mettervi in con- via Gerico, è già aperto.
tatto con le organizzazioni locali, come la
Walk Palestine (www.walkpalestine.com). Sentiero di Gerusalemme (Jerusalem Trail) Que-
In genere, Gerico e i suoi dintorni sono di sto circuito di 42 km collega il Sentiero Naziona-
solito praticabili. le di Israele a Gerusalemme, attraversando le col-
Di seguito riportiamo (da nord a sud) al- line di Gerusalemme e girando intorno alla Città
cuni dei sentieri a lunga percorrenza più Vecchia.
frequentati:
Sentiero Nazionale di Israele (Israel National
Trail; Shvil Yisra’el; www.israelnationaltrail.com)
Questo itinerario si inoltra per 940 km nelle zone
Immersioni
meno popolate e più panoramiche del paese, dal Il Mar Rosso vanta alcune delle barriere
Kibbutz Dan, nella parte settentrionale di Israele, a coralline più spettacolari e ricche di specie
Taba, sul Mar Rosso. animali e vegetali del mondo. A Eilat trove-
rete un gran numero di operatori affidabi-
Escursione da mare a mare (Sea to Sea Trail; li che propongono corsi di immersione su-
Masa MiYam l’Yam; www.touristisrael.com/yam bacquea e pacchetti convenienti. Sebbene
-lyam-hike) Itinerario di 70 km che va dal Mediter- la vita sottomarina sia più affascinante ol-
raneo (spiaggia di Achziv) al Lago di Tiberiade (nei tre il confine egiziano, nel Sinai, i ministe-
pressi di Ginnosar). ri degli Esteri di molti paesi consigliano di
Sentiero di Gesù (Jesus Trail; www.jesustrail evitare qualunque viaggio nel Sinai, se non
.com) Percorso di 65 km dalla Basilica dell’Annun- per via aerea fino a Sharm El Sheikh. Le
ciazione di Nazareth a Cafarnao, località citata acque del Mediterraneo non sono altrettan-
nel Nuovo Testamento affacciata sul Lago di to variopinte, ma in località come Cesarea
Tiberiade. è possibile esplorare rovine in grado di evo-
care la mitica Atlantide.
Sentiero del Vangelo (Gospel Trail; www.goisrael
.com) La versione del Sentiero di Gesù gestita dal
Ministero del Turismo si snoda per 63 km dal Mon-
te del Precipizio di Nazareth a Cafarnao, evitando
le zone edificate. Windsurf
Dal momento che l’unica medaglia d’o-
Circuito del Lago di Tiberiade (Kinneret Trail;
ro olimpica di Israele è stata vinta da Gal
Shvil Sovev Kineret) Questo itinerario gira intor-
Fridman nel windsurf ad Atene 2004, nes-
no al Lago di Tiberiade. Dei 60 km previsti, 45 km
suno può stupirsi del fatto che il paese of-
sono già contrassegnati da segnavia bianchi-vio-
fra le condizioni ideali per praticare que-
la-bianchi.
sta disciplina. Tra le località più frequenta-
Sentiero della Natività (Nativity Trail) Questo te meritano di essere citate la costa del Me-
sentiero si snoda per 160 km da Nazareth a Bet- diterraneo, il Mar Rosso e il Lago di Tibe-
lemme. Dal momento che deve essere affrontato riade.
43

Pianificare il viaggio

Shabbat
Per gli ebrei − religiosi e non − il giorno di riposo dello Shabbat
è un’occasione per dedicarsi alla famiglia. In tutto il paese, ogni
venerdì sera gli ebrei israeliani si ritrovano con i loro cari per l’ac-
censione rituale delle candele, la benedizione del vino e la cena.
Per i viaggiatori stranieri, lo Shabbat potrebbe costituire un lieve
inconveniente (per la difficoltà nel reperire un ristorante aperto) o
un potenziale disastro (per l’impossibilità di trovare un mezzo pub-
blico). In ogni caso, è anche una parte memorabile di ogni visita.

Le leggi dello Shabbat


Osservare lo Shabbat Durante lo Shabbat, gli ebrei praticanti si asten-
gono dall’eseguire 39 ‘attività creative’, tra cui ac-
Lo Shabbat inizia il venerdì 18 minuti pri- cendere e spegnere il fuoco, usare l’elettricità, spo-
ma del tramonto (36 minuti a Gerusalem- starsi con un veicolo a motore, scrivere, cucinare,
me) e termina il sabato sera un’ora dopo il impastare, cucire, mietere, fare affari, maneggia-
tramonto (secondo la legge ebraica, finché re denaro e trasportare oggetti da spazi pubblici a
non sono visibili in cielo tre stelle). In que- luoghi privati.
sto lasso di tempo, le strade di molte città
israeliane – comprese quelle della laica Tel Aeroporti e mezzi pubblici
Aviv – sono meno trafficate, ma pochi ebrei Durante lo Shabbat gli aeroporti israeliani funziona-
israeliani, a eccezione degli ortodossi, os- no come sempre. Al contrario, quasi tutti gli auto-
servano le proibizioni dello Shabbat. bus e i treni locali e intercity – compresi quelli per/
Vista l’eterogeneità religiosa di Israe- dall’aeroporto – non prestano servizio dal vener-
le, l’impatto dello Shabbat varia a seconda dì pomeriggio al sabato pomeriggio (gli autobus ri-
del luogo. A Tel Aviv, il venerdì è una serata prendono spesso a circolare diverse ore prima del
di cene fuori, eventi culturali e divertimen- tramonto). Nelle città miste, ebraiche e arabe, alcu-
ti nei bar. Le città e le zone a maggioranza ni autobus locali restano in funzione.
araba come Nazareth, Akko (Acri) e Giaffa
non ne sono toccate (anche se il venerdì è il
Attraversamento del confine
giorno di riposo dei musulmani e regna una
certa quiete), così come Gerusalemme Est.
e posti di controllo in Cisgiordania
I posti migliori per assistere allo Shabbat I posti di controllo tra Israele e la Cisgiordania e i
sono Tsfat (Safed) e Gerusalemme, dove vie- punti di frontiera con la Giordania e l’Egitto resta-
ne introdotto da un lungo suono di corno no aperti per lo Shabbat, ma potrebbero richiedere
che riecheggia ovunque. È affascinante tro- molto tempo a causa del forte traffico (soprattutto
varsi nella Città Vecchia in quel momento, presso Jalameh in Cisgiordania). Il posto di confi-
con gli haredim, uomini e bambini, con i ne di Allenby con la Giordania osserva una chiusura
loro abiti neri e i loro riccioli, che accorrono anticipata il venerdì e il sabato pomeriggio, per cui
al Muro Occidentale per le preghiere. arrivate presto per scongiurare il rischio di rimane-
Visto che l’impatto dello Shabbat non è re bloccati dalla parte sbagliata della frontiera.
uniforme nel paese, abbiamo indicato in
che misura è osservato in ciascuna regione,
da 5 (massima) a 1 (minima).
44
Akko la nutrita popolazione musulmana ga-
CHE COSA RESTA APERTO? rantisce che i servizi non vengano interrotti.
D’altro canto, Zichron Ya’akov è rigidamente
Per ulteriori informazioni sul modo di vi- osservante e i monumenti per la Shoah nel
vere lo Shabbat a Gerusalemme e nel re- Kibbutz Lohamei HaGeta’ot restano chiusi.
sto del paese, v. p109 e p462.
2/5
PIANIFICARE IL VIAGGIO S habbat

Gerusalemme Galilea inferiore


Durante lo Shabbat la divisione tra ristoran- Tutti i negozi di Nazareth restano aper-
ti kasher e non-kasher di Gerusalemme ap- ti, mentre a Tiberiade chiudono quasi tut-
pare particolarmente evidente, con i primi ti, a parte alcuni ristoranti. Tutte le attrat-
che chiudono i battenti a metà pomeriggio tive turistiche situate nei pressi del Lago di
del venerdì, per riaprire in alcuni casi solo Tiberiade (siti cristiani, parchi nazionali, ri-
la domenica. Tra questi ci sono quasi tutti i serve naturali, spiagge a pagamento e libe-
locali della parte occidentale di Gerusalem- re) sono aperte, e anzi le spiagge possono
me, tra cui quelli di Jaffa St, anche se non essere molto affollate. Andare a Nazareth
manca qualche eccezione. In alcuni alberghi per cena il venerdì può essere una buona
chiude anche la reception (per via delle re- opzione, ma spesso gli ingorghi costituisco-
strizioni sul lavoro e sul maneggiamento di no un vero incubo.
denaro), per cui il personale potrebbe chie- 3/5
dervi di saldare il conto prima del tramonto.
Durante lo Shabbat, gli autobus non cir- Galilea superiore e Golan
colano ma gli sherut sì. I taxi sono numero-
A Tsfat (Safed) tutte le attività sono chiu-
si, ma le tariffe crescono del 25% rispetto ai
se in occasione dello Shabbat, così come le
giorni feriali (ed è ancora meno probabile
aziende vinicole dell’Altopiano di Dalton. A
che venga usato il tassametro). Per avere ta-
Rosh Pina i negozi sono quasi tutti aperti, al
riffe ragionevoli, conviene prendere un ta-
pari delle riserve naturali della Valle di Hula
xi a Gerusalemme Est. Il servizio Nesher tra
e lungo il confine con il Libano. Sono aperti
Gerusalemme e l’Aeroporto Ben Gurion pre-
anche quasi tutti i ristoranti. A Katzrin, sul-
sta servizio durante lo Shabbat, così come
le Alture del Golan, tutti i locali sono chiu-
gli sherut per Tel Aviv, che però partono da
si, fuorché due ristoranti, ma le molte riser-
Jaffa St, a ovest del Jerusalem Hostel.
ve naturali e quasi tutti i siti turistici sono
Attraversare in automobile i quartieri or-
aperti, così come i villaggi drusi.
todossi durante lo Shabbat è non solo inop-
portuno, ma anche pericoloso, perché mol- 3/5
te strade sono barricate e può capitare che
qualche giovane lanci sassi contro le vetture. Mar Morto
5/5 Quasi tutto resta aperto: riserve naturali,
ristoranti, negozi e spiagge.
Tel Aviv 1/5
Sebbene la città sia orgogliosamente laica,
chi visita Tel Aviv noterà comunque l’arrivo Negev
dello Shabbat. Le strade sono più tranquil-
A Eilat quasi tutto resta aperto ­(gli israe-
le e su alcune linee gli autobus sono sosti-
liani non si recano certo in questo vivace
tuiti da sherut. Per raggiungere l’aeroporto
centro di feste sulla spiaggia per riposare)
bisogna prendere un taxi (250NIS), cosa da
e ben difficilmente i viaggiatori stranieri si
ricordare se il vostro volo decolla di sabato.
accorgeranno dell’arrivo dello Shabbat sul-
Quasi tutti i bar e i ristoranti restano
le coste del Mar Rosso. A Be’er Sheva, seb-
aperti. Giaffa non è quasi toccata.
bene quasi tutte le attrattive turistiche re-
2/5 stino aperte, i negozi e alcuni ristoranti ri-
mangono chiusi e i mezzi pubblici non cir-
Costa settentrionale colano. Mitzpe Ramon è abbastanza vivace
A Haifa e ad Akko (Acri) è possibile non ac- anche il venerdì sera e il sabato. Le riserve
corgersi dello Shabbat, in quanto a Haifa naturali restano aperte.
la vita notturna continua inesorabile e ad 2/5
45

Pianificare il viaggio

Viaggiare
con i bambini
Viaggiare in Israele e nei Territori Palestinesi con bambini al seguito
è in genere facile, in quanto la cucina è varia e saporita, le distanze
sono brevi, gli svaghi per i più piccoli non mancano da nessuna
parte e la gente del posto adora i bambini. Per ulteriori consigli di
carattere generale, v. la guida Lonely Planet Viaggiare con i bambini.

Le migliori attività
Israele per i bambini Parco Marino e Osservatorio Subacqueo
Israele è un paese molto attento alle fami- (p359) Barriere coralline da ammirare senza im-
glie, il che significa che i bambini sono i mergersi e una vasca tattile.
benvenuti pressoché ovunque. I vostri figli
Rosh HaNikra (p213) I bambini adoreranno la fu-
avranno innumerevoli possibilità di incon-
nivia sulla scogliera e le intense sfumature di blu di
trare coetanei locali con i loro genitori, so-
queste grotte marine.
prattutto durante lo Shabbat e le feste ebrai-
che e nei mesi di luglio e agosto. Passeggiate nell’acqua Immergere i piedi nei tor-
Le spiagge israeliane sono generalmen- renti alimentati da sorgenti costituisce un vero sollie-
te pulite e ben attrezzate, con caffè e persino vo nelle caldissime giornate estive (provate le riserve
con aree giochi. Non lesinate sulla crema so- naturali di Ein Gedi, Banias, Yehudiya e Majrase).
lare, soprattutto in estate, ed evitate l’esposi- In bicicletta nel deserto Attraversare il deserto
zione nelle ore più calde. A causa della bas- percorrendo in mountain bike il letto di un torrente
sa quota, nel Mar Morto è meno probabile prosciugato è un’esperienza fantastica per i bambi-
scottarsi, ma i bambini devono prestare an- ni dai 10 anni in su. Nel Deserto di Giuda si snodano
cora più attenzione del solito a non far en- parecchi itinerari molto interessanti, ma conviene
trare l’acqua negli occhi. prendere parte a un’escursione organizzata.
Le riserve naturali sono quasi tutte un ve-
ro paradiso per i bambini; i più grandicel- Gan-Garoo Australian Park (p231) Canguri da
li non mancheranno di apprezzare le escur- accarezzare e lorichetti a cui dare da mangiare nel-
sioni a piedi – alcune agevoli, altre più im- la Valle di Jezreel.
pegnative – che si possono fare in quasi tut- Mini Israel (p127) A metà strada tra Gerusalem-
te le regioni del paese. Il fatto che negli ulti- me e Tel Aviv, questo parco ospita 350 modellini in
mi anni queste aree protette siano state re- miniatura dei monumenti più famosi di Israele.
se più accessibili alle persone che si sposta-
no sulla sedia a rotelle agevola anche i geni- Aree ludiche Quasi tutti i centri commerciali han-
tori con i passeggini. no una meeschakiya (area ludica) per i più picco-
Tel Aviv, Gerusalemme, Mitzpeh Ramon li: un’occasione per conoscere i bimbi locali (e pren-
ed Eilat hanno moltissime attrazioni per i dere il raffreddore) in una giornata di pioggia.
bambini, ma tenete presente che i vicoli del-
la Città Vecchia di Gerusalemme sono molto
scomodi per i passeggini.
46
ti, anche se in una varietà di gusti inferio-
SCONTI PER I BAMBINI re a quella che si trova nei principali paesi
europei o negli Stati Uniti; in alcuni nego-
Nelle riserve naturali, nei siti archeolo- zi troverete in vendita omogeneizzati bio-
gici e nei musei, i bambini di età inferio- logici. Le medicine per i bambini sono fa-
re ai quattro anni in genere entrano gra- cilmente reperibili; quasi tutti i farmacisti
tis, mentre gli under 17 o 18 beneficiano parlano inglese e sono molto gentili.
PIANIFICARE IL VIAGGIO V iaggiare c o n i bambini

di forti riduzioni. Sugli autobus e sui tre- Un passeggino leggero e pieghevole po-
ni i bambini piccoli pagano tariffe leg- trebbe rivelarsi molto comodo per viaggia-
germente scontate. Al contrario, le at- re, ma vi consigliamo di portarvi dietro an-
trazioni che hanno come principali frui- che uno zaino portabebè da usare negli
tori i bambini come i parchi divertimen- stretti vicoli acciottolati e nelle scalinate di
ti tendono ad applicare i prezzi interi a posti come la Città Vecchia di Gerusalem-
partire dai tre anni. me, Akko (Acri) e Tsfat (Safed).

Pernottamento
Pianificare il viaggio Fatta eccezione per alcuni B&B (tzimme-
Nei supermercati e nelle farmacie trovere- rim) rivolti alle coppie (come a Rosh Pina),
te pannolini usa e getta (chitulim), salviet- i bambini sono ben accetti pressoché in tut-
te umidificate (magavonim), latte in polve- te le strutture ricettive. Nella maggior parte
re (formoola), biberon (bakbukim l’tinok) e degli alberghi, delle guesthouse e dei B&B i
succhiotti (motzetzim), ma tenete presente neonati e i bambini piccoli possono dormire
che in genere i prezzi sono più alti di quel- gratuitamente in camera con i genitori (in-
li che vengono praticati nei paesi occiden- formatevi in anticipo sulla possibilità di ave-
tali. Se il vostro bambino è di gusti difficili, re un lettino), mentre per quelli più grandi a
vi consigliamo di portarvi dietro il latte in volte viene applicato un supplemento. Quasi
polvere da casa. In Israele è possibile repe- tutte le camere degli ostelli affiliati alla Ho-
rire senza difficoltà anche gli omogeneizza- stelling International (HI) e di alcuni cam-

CHAMELEONSEYE / SHUTTERSTOCK ©

Rosh HaNikra (p213)


47
pus della Society for the Protection of Natu- trario a quello di marcia (posizione consigliata fino ai
re (SPNI) hanno almeno quattro letti, cosa due anni). Il seggiolino portatile per bambini è chia-
che le rende ideali per le famiglie. mato salkal in ebraico.
¨¨Il seggiolino per i bambini di due e tre anni (ma
Pasti consigliato fino ai quattro anni) può essere installato
I bambini sono i benvenuti praticamente in anche nel senso di marcia del veicolo.

PIANIFICARE IL VIAGGIO V iaggiare c o n i bambini


tutti i ristoranti, dove i camerieri e i clien- ¨¨I bambini dai tre agli otto anni devono sedere su
ti accettano di buon grado la confusione che un apposito seggiolino a rialzo.
ne deriva. Quasi tutti i locali dispongono di ¨¨Sui taxi i seggiolini per i bambini non sono obbli-
seggioloni e alcuni servono porzioni ridotte gatori.
a prezzi più bassi. A parte i locali più esclu-
sivi, i ristoranti di norma sono aperti per ¨¨Il seggiolino non deve essere installato nei posti
passeggeri dotati di airbag.
tutto l’arco della giornata, per cui gli orari
dei pasti possono essere flessibili. Le prime
colazioni israeliane sono molto abbondan-
ti e in genere comprendono almeno due ti-
pi di cereali. I Territori Palestinesi
Molti bambini sono ghiotti di falafel, per i bambini
hummus, sabich (pane pita con melanzane, In Cisgiordania i bambini ricevono una
patate, insalata e uovo sodo) e shawarma calorosa accoglienza e spesso vengono
ma, dal momento che questi spuntini coinvolti nei giochi dei coetanei locali o
(come le salse e le insalate che li accompa- coccolati con dolci e biscotti. Va però detto
gnano) possono nascondere microbi sco- che viaggiare in queste zone può presenta-
nosciuti nel vostro paese, fateli mangia- re qualche ostacolo. Per esempio, spingere
re ai vostri figli con moderazione, almeno un passeggino nelle caotiche città della Ci-
all’inizio. sgiordania, come Ramallah, Nablus e Bet-
lemme, potrebbe rivelarsi complicato e bi-
Viaggiare in automobile sogna sempre fare i conti con il problema
¨¨I bambini di età inferiore a un anno o che pesa- del passeggino ai posti di controllo.
no meno di 9 kg devono viaggiare su un seggiolino ti- Ricordate di portare sempre il passaporto
po ‘ovetto’ (moshav b’tichut) montato in senso con- dei vostri figli insieme al vostro.
48

Pianificare il viaggio

Attraversare
i confini
I rapporti tra Israele e due paesi arabi confinanti su quattro (Egitto
e Giordania) sono pacifici, ma le frontiere sono fortemente milita-
rizzate e il loro attraversamento può costituire un’esperienza quasi
surreale. Per esempio, per entrare in Giordania da Allenby i visita-
tori devono attraversare in autobus una desolata terra di nessuno,
tra campi minati punteggiati di edifici bombardati e mezzi militari
abbandonati. La maggior parte dei turisti riceve il visto all’arrivo
quando giunge in Israele via terra dalla Giordania e dall’Egitto, ma le
regole per il tragitto inverso (soprattutto per l’ingresso in Giordania)
cambiano spesso, per cui conviene chiedere informazioni al perso-
nale dell’albergo o dell’ostello prima di recarsi al posto di confine. I
confini di Israele con la Siria e il Libano sono completamente chiusi.

Posti di confine
con l’Egitto e la Giordania Informazioni generali
I confini tra Israele e i due paesi arabi con i qua-
li ha firmato trattati di pace, l’Egitto e la Giordania, Visti, sicurezza e timbri
sono aperti sia ai viaggiatori stranieri sia alla gen- di ingresso
te del posto. Tenete però presente che quasi tutti i Per informazioni sui visti di ingresso in
governi occidentali sconsigliano ai turisti di recar- Israele e in Giordania, v. p467. Sulle misu-
si per qualunque motivo nel Sinai settentrionale, re di sicurezza vigenti in Israele, v. p455.
a causa degli attentati organizzati dagli integralisti Israele non appone più timbri di ingres-
islamici contro gli stranieri. so sui passaporti e al loro posto rilascia una
carta d’ingresso. Tenete presente che il suo
Blue Line, Purple Line smarrimento complica molto l’uscita dal
e Green Line paese. Chi sul proprio passaporto ha diversi
Il confine tra Israele e il Libano indicato dall’ONU timbri di paese arabi deve mettere in conto
è noto come Blue Line, la linea del cessate il fuoco di essere interrogato in modo approfondito
tra Israele e la Siria tracciata nel 1974 viene chia- sia all’arrivo sia al momento della partenza.
mata Purple Line e il confine tra Israele e la Cisgior-
dania anteriore al 1967 è noto come Green Line. Posti di confine terrestri
Israele-Giordania: fiume Giordano/Sheikh Hus-
Storia dei confini sein, a sud del Lago di Tiberiade; Yitzhak ­Rabin/
Con l’accordo segreto di Sykes-Picot (1916), la Wadi Araba, poco a nord di Eilat/Aqaba
Gran Bretagna e la Francia stabilirono quelli che
sarebbero stati i confini della Palestina, della Si- Cisgiordania-Giordania: Allenby/King Hussein
ria, del Libano, della Transgiordania (Giordania) Bridge, a est di Gerico (sotto controllo israeliano)
e dell’Iraq. Israele-Egitto: Taba, sul Mar Rosso, a sud di Eilat
49
Le tariffe per gli attraversamenti (escluso il riade, 135 km a nord-est di Tel Aviv e 90 km
costo del visto, se richiesto) sono: a nord-est di Amman. La Giordania rilascia
visti all’arrivo ai cittadini di numerosi paesi.
PAESE ENTRATA USCITA Il confine è aperto dalle 7 alle 20.30 da do-
Israele gratuito 101NIS (175NIS menica a giovedì e dalle 8.30 alle 18.30 ve-
all’Allenby/King nerdì e sabato, ma è chiuso per lo Yom Kip-
Hussein Bridge) pur e l’Al Hijra (Capodanno musulmano).

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attraversare i c o nfini


Sinai, Egitto gratuito gratuito Nel lato israeliano non ci sono sportel-
Resto US$25, visto gratuito li bancomat, ma è possibile cambiare valuta
dell’Egitto gratuito quando il confine è aperto.
In genere, il disbrigo delle formalità in
Giordania JD42 JD8 presso il
Israele non richiede più di 30 minuti, do-
fiume Giordano/
po di che bisogna prendere un autobus per
Sheikh Hussein,
raggiungere il lato giordano del confine (è
JD10 all’Allenby/
vietato coprire questo tratto a piedi).
King Hussein
Per/dal posto di confine del fiume
Giordano/Sheikh Hussein
Chiusura dei confini Con i taxi in attesa al confine si può rag-
Yom Kippur Chiusi tutti i confini terrestri e gli aero- giungere Beit She’an (40NIS, dopo un’ener-
porti di Israele. gica contrattazione) e altre città israeliane,
Eid Al Hijra/Capodanno musulmano Chiusi i posti tra cui Tiberiade, Gerusalemme e Tel Aviv.
di confine con la Giordania. L’autobus n. 16 della compagnia Kavim col-
lega Beit She’an al Kibbutz Ma’oz Haim
Eid Al Adha Chiuso il posto di confine di Taba con (7NIS, 10 min, 5 o 6 corse al giorno da dom
l’Egitto e il lato palestinese del posto di confine di Al- a ven), situato 3 km a ovest della frontiera.
lenby/King Hussein Bridge. Nel lato giordano, frequenti taxi fanno
Ramadan Possibile chiusura anticipata in tutti i servizio per/dall’autostazione ovest di Irbid.
confini. Gli autobus Nazarene Tours (p225) col-
legano Nazareth ad Amman da questo pun-
to di confine domenica, martedì, giovedì e
Confini settentrionali sabato, partendo alle 8.30 dall’ufficio di Na-
Se non siete caschi blu dell’ONU, i confini di zareth, situato vicino alla Bank of Jerusa-
Israele con la Siria e il Libano sono chiusi. lem e al Nazareth Hotel (da non confondere
con l’ufficio di Nazarene Transport & Touri-
sm in centro) e alle 14 dal Royal Hotel (Uni-
versity St) di Amman. Prenotate per telefo-
Per/dalla Giordania no con almeno due giorni di anticipo.
Se nei posti di confine terrestre tra Israele
e la Giordania non si incontrano particola- Posto di confine di Yitzhak
ri problemi, il transito di Allenby/King Hus- Rabin/Wadi Araba
sein Bridge tra la Cisgiordania e la Giorda-
Situato 3 km a nord-est di Eilat, questo posto
nia potrebbe rivelarsi più complicato.
di confine è comodo per raggiungere Aqaba,
La tassa di uscita da Israele può esse-
Petra e Wadi Rum. Tuttavia, i visti giordani
re pagata in diverse valute o con la carta di
non vengono più rilasciati all’arrivo, per cui
credito al confine. Per risparmiare la com-
devono essere richiesti in anticipo. Quasi tut-
missione di 5NIS, pagate la tassa in anticipo
ti gli alberghi e gli ostelli di Eilat propongo-
in un ufficio postale israeliano (solo in con-
no escursioni in giornata a Petra. Il confine è
tanti) oppure online (http://borderpay.co.il).
aperto dalle 6.30 alle 20 da domenica a gio-
vedì e dalle 8 venerdì e sabato.
Posto di confine del fiume
Giordano/Sheikh Hussein Per/dal posto di confine di Yitzhak
In genere meno trafficato dell’Allenby/King Rabin/Wadi Araba
Hussein Bridge, questo posto di confine si Si può prendere un taxi per/da Eilat (35NIS,
trova nella Valle del Giordano, 8 km a est di 20 min). Arrivando in autobus da nord
Beit She’an, 30 km a sud del Lago di Tibe- (da Gerusalemme, Tel Aviv o dal Mar Mor-
50

IL PROBLEMA DEI TIMBRI ISRAELIANI SUL PASSAPORTO


I paesi arabi e musulmani adottano politiche molto diverse sull’ingresso dei viaggiatori in
possesso di passaporti che attestano soggiorni in Israele. La Giordania e l’Egitto, nazio-
ni con le quali Israele ha siglato trattati di pace, non creano alcun problema, così come la
Turchia, la Tunisia, il Marocco, molti paesi del Golfo Persico, la Malaysia e l’Indonesia.
PIANIFICARE IL VIAGGIO Attraversare i c o nfini

Al contrario, il Libano e l’Iran non esitano a rispedire indietro sul primo aereo disponibi-
le qualunque viaggiatore per il quale trovassero prove anche circostanziali che è stato in
Israele, per esempio un passaporto fresco di rilascio ad Amman o una cartina di gomma
da masticare scritta in ebraico. Anche l’Arabia Saudita è spesso molto rigida al riguardo.
Se durante il periodo di validità del vostro passaporto c’è qualche probabilità che vi re-
chiate in uno o più paesi arabi o musulmani, vi consigliamo di fare in modo che il docu-
mento non riveli che siete stati in Israele. A semplificare le cose c’è il fatto che oggi Israe-
le non appone più timbri sui passaporti e rilascia al loro posto un visto su un foglio di car-
ta separato, come in genere fanno anche i funzionari dell’immigrazione giordani. L’Egit-
to non è però altrettanto flessibile e un timbro egiziano apposto a Taba è inequivocabile
quanto un timbro israeliano. Per entrare da Eilat nel Sinai senza farsi apporre il timbro di
Taba, è possibile recarsi in Giordania e imbarcarsi ad Aqaba per l’Egitto.
Alcuni paesi, come gli Stati Uniti, consentono ai loro cittadini di avere più di un passa-
porto, uno per Israele e l’altro per il resto del mondo.

to), probabilmente potrete scendere lungo vrete procurarvene uno in anticipo presso
la Rte 90, presso il bivio per il confine o al un’ambasciata giordana, come quella di Ra-
Kibbutz Eilot, da dove vi aspetta però una mat Gan, nei pressi di Tel Aviv. Se però avre-
camminata di 2 km nel deserto (Rte 109). te visitato i Territori Palestinesi e/o Israe-
Una volta arrivati in Giordania, prendete le entrando dalla Giordania, non avrete bi-
un taxi per Aqaba e poi un minibus per per- sogno di un nuovo visto per tornare indie-
correre i 120 km che vi separano da Petra; tro (a patto che lo facciate entro il periodo
questi mezzi partono quando sono al com- di validità del visto giordano), ma vi basterà
pleto tra le 6 e le 7 e tra le 11 e le 12. In al- mostrare il foglio con il timbro di uscita.
ternativa, cercate di contrattare una corsa La tariffa degli autobus che attraversano
in taxi dalla frontiera fino a Petra. la frontiera è di JD7, più JD1,50 per ogni ba-
gaglio. La Giordania ha raddoppiato il costo
dei suoi visti, da JD30 a JD60.
Allenby/King Hussein Bridge Portate una buona scorta di contanti
Situato 46 km a est di Gerusalemme, 8 km (meglio dinari giordani) e non restate sen-
a est di Gerico e 60 km a ovest di Amman, za spiccioli. Su entrambi i lati del confine ci
questo trafficato posto di confine collega sono uffici di cambio, ma non bancomat.
la Cisgiordania (sotto controllo israeliano) Le attese possono essere di una lentez-
e la Giordania. È l’unico valico che i titola- za esasperante, soprattutto per i viaggia-
ri di documenti emessi dall’Autorità Nazio- tori diretti in Cisgiordania e/o Israele. Fi-
nale Palestinese (compresi i palestinesi del- le cao­tiche, addetti alla sicurezza invaden-
la Cisgiordania) possono usare per entrare ti, controlli dei bagagli ai raggi X (senza che
e uscire dalla Giordania, per cui il traffico possiate tenerli d’occhio) e funzionari im-
è spesso intenso, soprattutto la domenica, i pazienti sono la norma; se il vostro passa-
festivi e i giorni feriali tra le 11 e le 15. porto reca timbri di paesi come il Libano o
Cercate di raggiungerlo presto, in quanto pensate di andare in zone poco turistiche
gli orari in cui i turisti sono autorizzati ad della Cisgiordania, sarete sottoposti a molte
attraversarlo possono essere ridotti ed è fa- domande. Le pratiche sono esperite in zone
cile accumulare ritardi. I cittadini israelia- diverse per palestinesi e turisti.
ni (anche quelli con la doppia nazionalità) Il confine è aperto (ufficialmente) dalle 8
non possono usare questo posto di confine. alle 24 da domenica a giovedì e dalle 8 alle
Dato che all’Allenby/King Hussein Brid- 15 il venerdì e il sabato, ma arrivando dopo
ge non vengono rilasciati visti giordani, do- le 18 si rischia di non poterlo attraversare.
51
Per/dall’Allenby/King Hussein Bridge Per/dal posto di confine di Taba
I taxi collettivi Abdo (%02-628 3281) e Al L’autobus locale n. 15 collega la stazio-
Nijmeh (%02-627 7466) effettuano corse ne centrale degli autobus di Eilat al posto
frequenti prima delle 11 partendo dalla sta- di confine di Taba (30 min, corse ogni ora
zione degli autobus bianchi e azzurri situa- dalle 8.10 alle 21.10 dom-gio, dalle 8.10 al-
ta di fronte alla Porta di Damasco (40NIS, le 16.10 ven e dalle 9.10 alle 19.10 sab). Per il
30 min); viene applicato un supplemento tragitto di ritorno a Eilat l’autobus da pren-

PIANIFICARE IL VIAGGIO Attraversare i c o nfini


per bagaglio pari a 5NIS. I taxi privati pos- dere è il n. 16, che parte 50 minuti dopo.
sono costare fino a 300NIS, con la possibili- Una corsa in taxi costa circa 30NIS.
tà di farsi venire a prendere in albergo.
Gli autobus n. 948, 961 e 966 della com-
pagnia Egged in partenza dalla stazione
centrale di Gerusalemme Ovest per Beit Ingresso in Israele
She’an fermano lungo la Rte 90 al bivio per Le rigide procedure di ingresso in Israele
l’Allenby Bridge (12,50NIS, 40 min, corse sono fonte di fastidi per alcuni e una pas-
ogni ora circa). Non è consentito percorrere seggiata per altri. Non c’è da stupirsi nel
a piedi gli ultimi chilometri fino al confine sentirsi rivolgere domande sui motivi della
e bisogna prendere un taxi (50NIS). visita, sui viaggi più recenti, sul proprio la-
Per gli spostamenti per/da Gerusalemme, voro, sulle persone che si conoscono in Isra-
i servizi navetta, come quello della Amman ele e persino sul proprio ambiente familiare
2 Jerusalem (www.amman2jerusalem e sulla propria religione.
.com), possono facilitare le cose (transfer Se in Israele siete attesi da amici, tenete
in macchine da 4/7 posti US$250/350); a portata di mano il loro nome, il numero
tenete però presente che i tempi e le proce- di telefono e l’indirizzo (una loro lettera di
dure al confine sono gli stessi. conferma dell’invito sarebbe l’ideale). Se in-
Per/da Amman ci sono servìs (taxi collet- vece alloggiate in albergo, una stampa della
tivi) e minibus (JD8, 45 min) sia all’autosta- prenotazione potrebbe esservi d’aiuto.
zione sud sia in quella di Abdail; il taxi co- Se i funzionari di frontiera dovessero so-
sta circa JD22. La JETT (www.jett.com.jo) spettare che siete simpatizzanti filopalesti-
ha in operativo un autobus al giorno in par- nesi o se avete un nome arabo o musulma-
tenza da Abdali (JD11, 1 h, partenza alle 7). no, potrebbero rivolgervi domande mirate e
ripetute e addirittura ispezionare i compu-
ter portatili. A volte si soffermano sui pas-
saporti con timbri di paesi come il Libano e
Per/dall’Egitto l’Iran, ma si tratta di eccezioni. Il modo mi-
gliore per destare sospetti consiste nel dare
Posto di confine di Taba risposte evasive o contraddittorie, in quan-
Situato sul Mar Rosso 10 km a sud di Eilat, to il personale di sicurezza tenta sempre di
questo posto di confine è l’unico tra Israe- cogliere in fallo. In ogni caso, mantenete la
le e l’Egitto aperto ai viaggiatori stranieri. È calma e comportatevi educatamente.
aperto 24 ore su 24. Nel lato egiziano c’è un I funzionari dell’immigrazione negli ae-
ufficio di cambio. Dal momento che le con- roporti israeliani sono molto severi e adde-
dizioni di sicurezza nel Sinai meridionale strati a riconoscere il pericolo anche in si-
sono suscettibili di cambiamenti, prima di tuazioni apparentemente ordinarie. Nel
partire informatevi sui rischi di viaggio. 1986 a Londra una donna irlandese incin-
Alla frontiera è possibile procurarsi un ta, Anne Mary Murphy, fu fermata prima
visto di 14 giorni per il solo Sinai, che con- dell’imbarco su un aereo El Al: la sua vali-
sente di visitare località sul Mar Rosso da gia conteneva un esplosivo messo a sua in-
Taba a Sharm El Sheikh e Santa Caterina. saputa dal compagno giordano, Nezar Hin-
Per ragioni di sicurezza non è più con- dawi, tuttora in prigione nel Regno Uni-
sentito arrivare al Cairo via terra passando to per questo crimine. Da allora i funziona-
dal Sinai. Un’opzione consiste nell’andare a ri israeliani impiegano tecniche di profila-
Sharm El Sheikh per prendere un volo per zione criminale per individuare anche all’e-
il Cairo, ma per fare questo bisogna avere stero eventuali kamikaze inconsapevoli, il
un visto egiziano emesso in anticipo presso cui profilo più tipico è quello della giovane
il consolato o l’ambasciata di Tel Aviv. donna occidentale non sposata.
52

Primo Tel Aviv- Haifa e costa

piano
Giaffa settentrionale

Cucina Storia
Shopping Siti sacri
Vita notturna Paesaggi

Alta cucina Porti antichi


Sì, Tel Aviv ha spiag- Cesarea fu uno dei
ge fantastiche, ma più grandi porti
è la cucina a regna- dell’antichità e, un
re sovrana. Chio- millennio più tar-
schi di falafel, locali di, un’inespugnabile
di hummus, gelate- roccaforte crociata.
rie, caffè in stile eu- Akko (Acri), dove fe-
ropeo, sushi bar e ri- ce tappa Marco Polo
storanti guidati da durante il suo viag-
Gerusalemme chef famosi: a Tel gio verso la Cina, è
Aviv non morirete ricca di storia medie-
Storia certo di fame. vale e ottomana.
Religione
Cultura Boutique Giardini
Tel Aviv è la patria Gli incredibili Giardi-
Città Vecchia dello shopping in ni Baha’i di Haifa so-
Esplorate i quartieri cristiano, armeno, Israele. Datevi al- no una meta imper-
ebraico e musulmano della Città Vecchia, le spese pazze nei dibile, qualunque sia
senza dimenticare la Cittadella (Torre di bazar, nei moder- il vostro credo reli-
David) e la Via Dolorosa. ni centri commercia- gioso. A Haifa vale la
li e nei negozi di mo- pena di visitare an-
Siti sacri da firmata situati in che la Grotta di Elia,
Sheinken St, Dizen- sacra a ebrei, cristia-
Il Muro Occidentale, la Basilica del Santo
goff St e Shabazi St. ni e musulmani.
Sepolcro, la Cupola della Roccia: i nume-
rosi siti sacri di Gerusalemme potrebbero
tenervi occupati per settimane. Vita notturna Grotte marine
Dirigetevi a Le grotte marine di
Eterogeneità culturale Rothschild Boule- Rosh HaNikra han-
vard, via di grande no sfumature di blu
Ebrei ultraortodossi con lo shtreimel (cap-
tendenza, o nei bar di cui nemmeno im-
pello di pelo), ebrei laici in shorts e ca-
e nelle discoteche maginavate l’esisten-
nottiera, palestinesi musulmani diretti al-
che si affacciano sul- za. Dalla sommità
la Moschea Al Aqsa, sacerdoti cristiani con
le due arterie di Tel del Monte Carmelo è
lunghe tuniche, femministe ebree ortodos-
Aviv, Ben Gurion St possibile ammirare
se, attivisti per i diritti degli omosessua-
e Dizengoff St, per splendidi panorami
li, artisti anticonformisti – sono tutti perso-
immergervi in una sul litorale.
naggi in cui non potrete fare a meno di im-
vita notturna famosa
battervi in quel meraviglioso crogiolo cultu-
in tutto il mondo. p175
rale che sono le vie di Gerusalemme.
p129
p56
53

PIANIFICARE IL VIAGGIO P rim o pian o


Galilea Galilea Cisgiordania Striscia
inferiore superiore di Gaza
e Lago di e Golan Shopping
Tiberiade Cucina Inaccessibile
Escursionismo Religione
Siti cristiani Avifauna Oggi Gaza non può
Vini Bazar essere di certo de-
Archeologia
Le città cisgiordane finita una meta tu-
Cucina ristica. Infatti, que-
Piste selvagge ruotano intorno ai
loro vivaci bazar. Ac- sta sottile striscia di
Ministero Questa regione ospi-
quistate frutta fresca, terra continua a es-
di Gesù ta sentieri di ogni sere una zona a ri-
gustate dolci e con-
A Nazareth avven- grado di difficol- schio ed entrarvi è
trattate per l’acqui-
ne l’Annunciazione tà, dalla vetta del quasi impossibile, a
sto di oggetti d’arti-
e Gesù trascorse l’in- Monte Hermon (al- meno di non essere
gianato nei pittore-
fanzia. La Trasfigu- ta più di 2000 m) al- giornalisti, operato-
schi mercati di He-
razione si sarebbe le sponde del fiume ri umanitari o diplo-
bron, Nablus e Bet-
compiuta sul Monte Giordano (a meno di matici. Nonostan-
lemme.
Tabor e Gesù avreb- 200 m), fino ai can- te i miliardi di dol-
yon rocciosi delle ri-
be svolto gran par- Cucina locale lari stanziati per la
te della sua predica- serve naturali di Ba- ricostruzione dopo
nias e di Yehudiya. Un tempo rara nei
zione sul Lago di Ti- ristoranti cisgiorda- la guerra con Israe-
beriade. ni, la cucina tradi- le del 2014, occorre-
Migrazioni ranno probabilmen-
zionale palestinese è
Siti romani La Valle di Hula vie- te ancora molti an-
oggi molto comune
Non perdetevi la cit- ne sorvolata da mez- ni prima che le città
nei menu di Betlem-
tà romano-bizanti- zo miliardo di uccel- pesantemente bom-
me e Ramallah. A
na di Beit She’an, le li; in primavera e in bardate e le infra-
Nablus non perdete-
antiche sinagoghe di autunno nelle palu- strutture inagibili di
vi il celebre dolce lo-
Hamat Tverya, Kora- di della Riserva Na- Gaza riescano a ge-
cale, il kunafeh.
zim, Cafarnao e Tzi- turale di Hula e ad stire adeguatamen-
Agamon HaHula è te una popolazione
pori e il castello cro- Siti sacri
ciato di Belvoir. possibile avvistare di 1,8 milioni di per-
un gran numero di La Grotta di Mach­
sone, per non par-
specie sia locali sia pelah è un impor-
Cucina fusion lare dei viaggiatori
migratorie. tante luogo di pelle-
stranieri. Fino ad al-
Nazareth è nota per grinaggio per ebrei e
lora, le città di rilie-
la sua cucina fusion musulmani. Tra i si-
Enoturismo vo politico, le belle
che intreccia sapori ti cristiani spiccano
A Katzrin, Ein ­Zivan spiagge, i siti storici
orientali e occiden- la Basilica della Na-
e Odem (nel Golan) e e la cultura unica di
tali e la Città Vec- tività e il Monte del-
sull’Altopiano di Dal- questa terra saran-
chia ospita molti ri- le Tentazioni. In un
ton, a nord-ovest di no accessibili solo a
storanti eccellenti. Il viaggio spirituale
Tsfat (Safed), è possi- pochi.
migliore è l’Al-Reda, in Cisgiordania non
ospitato in una di- bile visitare le azien-
può mancare la visi-
de vinicole migliori p317
mora ottomana risa- ta ai samaritani del
lente a due secoli fa. del paese, tra cui al-
Monte Gerizim.
cune di nicchia.
p215 p285
p251
54

#
PIANIFICARE IL VIAGGIO P rim o pian o

Mar Morto Negev Petra


(Giordania)
Spiagge Escursionismo
Archeologia Immersioni Antiche rovine
Escursionismo Archeologia Escursionismo
Paesaggi
Mar Morto Sentieri spettacolari
Galleggiare supini nel deserto
leggendo un giorna- Il Deserto del Ne- Città rosa-rossa
le è un luogo comu- gev è pieno di vi- L’antica città di Pe-
ne associato al Mar ta. Attraversando tra è una meraviglia
Morto, ma è perfet- gli aspri paesaggi di mondiale. Calcolate
tamente possibile Makhtesh Ramon, bene i tempi in mo-
farlo nelle sue acque Sde Boker ed Ein do da raggiungere
sature di sale, capaci Avdat avrete buo- il Tesoro il mattino
di rilassare i nervi e ne probabilità di av- presto, fare un pic-
di curare la pelle. vistare cammelli, nic su un’altura pri-
stambecchi e uccel- ma di mezzogiorno,
Masada li rapaci. ammirare il tramon-
Dopo la distruzio- to presso il Monaste-
ne di Gerusalemme Barriere ro e passeggiare nel
a opera dei roma- coralline Siq di notte a lume
ni, sulla sommità di Siete pronti a esplo- di candela.
Masada un miglia- rare una barriera co-
io di zeloti resistet- rallina e a nuotare Escursioni
te all’assedio della tra banchi di pesci nel deserto
formidabile Legio X, tropicali? In questo A Petra si trovano
preferendo la morte caso, venite sul Mar alcuni degli itinerari
alla schiavitù. Rosso, meta idea- più splendidi e age-
le per dedicarsi al- voli del paese. Per
Oasi nel deserto le immersioni e al- vederla rivivere sotto
Sorgenti perenni ali- lo snorkelling. Tuffa- i vostri occhi, ingag-
mentano le spetta- te la testa sott’acqua giate sul posto una
colari oasi deserti- e godetevi lo spet- guida beduina.
che di Ein Gedi e di tacolo.
Ein Bokek, dove gli Paesaggi
escursionisti trove- Siti nabatei naturali
ranno freschi corsi Il deserto sta len- Le mille sfumature
d’acqua, piante lus- tamente svelando dell’arenaria, le scar-
sureggianti, cascate i segreti di impor- pate erose dal vento
da paradiso terrestre tanti siti biblici co- e i wadi orlati di
e animali rari come me Tel Be’er She- oleandri rendono il
il maestoso stambec- va e Tel Arad e del- paesaggio rosato di
co della Nubia. le antiche città naba- Petra la degna cor-
tee di Avdat, Shivta e nice della sua antica
p322 Mamshit. architettura.
p340 p379
© Lonely Planet Publications

On the
Road
Galilea superiore
e Golan
p251
Haifa e costa Galilea inferiore e
settentrionale Lago di Tiberiade
p175 p215

Tel Aviv- Cisgiordania


Giaffa (Yafo) (West Bank)
p129 p285
Gerusalemme
p56
Striscia Mar Morto
di Gaza p322
p317

Negev
p340

Petra
(Giordania)
p379
Gerusalemme
‫ירושלים القدس‬
% 02 / POP. 865.721

Perché andare
Storia. . . . . . . . . . . . . . . . 57 Luogo sacro per ebrei, musulmani e cristiani, la Città Vec-
chia di Gerusalemme esercita da sempre un forte magneti-
Che cosa vedere. . . . . . 63
smo spirituale. I pellegrini si riversano in questa parte del-
Corsi. . . . . . . . . . . . . . . . 102 la città racchiusa tra le mura per pregare nei luoghi legati
Tour. . . . . . . . . . . . . . . . 103 a vari culti. Nelle vie i rintocchi delle campane delle chiese,
Feste ed eventi . . . . . . . 103 il richiamo dei muezzin e il suono dello shofar creano una
Pernottamento. . . . . . . 105 melodia ammaliante e al tempo stesso armoniosa. Il pro-
fumo dell’incenso, l’aroma del caffè e il fumo delle candele
Pasti. . . . . . . . . . . . . . . . 111 pervadono i suq. I quartieri musulmano, cristiano, ebraico
Locali e vita notturna. .117 e armeno contribuiscono con le loro caratteristiche peculia-
Divertimenti . . . . . . . . . 119 ri all’eterogeneità di Gerusalemme, frutto di millenni di as-
Shopping. . . . . . . . . . . . 120 sedi e cambi di potere, che hanno lasciato ferite profonde.
A ovest della Città Vecchia ci sono molte attrattive degne di
Dintorni essere ammirate, tra cui il Museo di Israele e lo Yad Vashem,
di Gerusalemme. . . . . . 125
mentre il centro è la zona dei bar e dei ristoranti. Gerusalem-
me Est, rivendicata dai palestinesi come capitale del loro fu-
turo stato e oggetto di nuovi progetti edilizi isra­e­liani, conti-
Il meglio ‒ nua invece ad avere un’identità poco definita.
Ristoranti
¨¨Machneyuda (p116)
Quando andare
¨¨Abu Shukri (p111)
Gerusalemme
¨¨Modern (p117) °C/°F Temp Precipitazioni pollici/mm
¨¨Pinati (p113) 40/104 8/200

¨¨Anna Cafe (p114) 30/86 6/150

20/68 4/100

Il meglio ‒ Hotel 10/50 2/50

¨¨American Colony Hotel


0/32 0
(p106) G F M A M G L A S O N D

¨¨Abraham Hostel (p107)


Apr e mag Tem- Lug La Città Set e ott Tempo
¨¨Austrian Hospice (p105) perature piacevoli, Vecchia si illumina eccellente, meno
¨¨Post Hostel (p107)
giornate soleggiate, di notte, si tiene un folla, ma alcune
ma anche folle festival cinemato- feste ebraiche fanno
¨¨YMCA Three Arches Hotel oceaniche e prezzi grafico, ma fa molto lievitare i prezzi e le
(p110) alle stelle. caldo. presenze.
57
Storia vernò quella che sarebbe diventata la provin-
Primo Tempio cia romana di Giudea (Iudaea). Quintessen-
za del tiranno, Erode fece uccidere non so-
I primi insediamenti nel luogo in cui oggi
lo i sacerdoti che osavano opporsi al suo po-
sorge Gerusalemme vennero eretti nei pres-
tere, ma perfino sua moglie e i suoi figli. In
si della sorgente di Gihon, nella Valle del
ogni caso, Erode passò alla storia anche per
Cedron (Kidron Valley), situata pochi passi
i suoi ambiziosi progetti edilizi, tra i qua-
a sud-est dell’odierno Quartiere Ebraico. In

Gerusalemme Sto ria


li spicca l’espansione del Monte del Tempio.
alcuni testi egizi risalenti al 2000 a.C. circa
Alla morte di Erode i romani assunsero il
è citata una piccola città abitata dalla tribù
controllo diretto della città e insediarono a
cananea dei gebusei. Secondo la Bibbia, nel
Gerusalemme un procuratore. Il quinto pro-
1000 a.C. circa la città fu conquistata da Da-
curatore di Gerusalemme fu Ponzio Pilato,
vid, re degli israeliti, che la scelse come pro-
passato alla storia per aver avallato la cro-
pria capitale.
cifissione di Gesù Cristo intorno al 30 d.C.
Sempre secondo la Bibbia, durante il re-
Nel 66 d.C. scoppiò la prima rivolta de-
gno di Salomone (figlio di David) i confi-
gli ebrei contro i romani (nota come Gran-
ni della città si ampliarono verso nord, fi-
de Rivolta o Prima Guerra Giudaica), che si
no a comprendere lo sperone di roccia che
concluse quattro anni più tardi con il trion-
costituiva il cosiddetto Monte del Tempio,
fo del generale romano Tito, che in seguito
per gli arabi Al Haram Ash Sharif. La co-
sarebbe diventato imperatore. Per celebra-
struzione del Primo Tempio ebbe inizio in-
re il trionfo in questa guerra, a Roma venne
torno al 950 a.C.
eretto l’Arco di Tito, con i celebri altorilie-
Ancora secondo la Bibbia, circa 17 anni
vi che raffigurano i soldati romani nell’atto
dopo la morte di Salomone, dieci delle Do-
di trasportare fuori dal Tempio i suoi tesori.
dici Tribù di Israele (quelle stanziate nel-
Dopo la distruzione del Secondo Tempio
la zona più settentrionale) si separarono e
e l’incendio che rase al suolo la città, molti
diedero vita al Regno di Israele, mentre Ge-
ebrei furono ridotti in schiavitù e altri fug-
rusalemme restò capitale del Regno di Giu-
girono in esilio. In ogni caso, la città in ro-
da. Nel 586 a.C. Gerusalemme fu conqui-
vina conservò lo status di capitale ammi-
stata dal re babilonese Nabucodonosor II,
nistrativa e militare della provincia roma-
che fece radere al suolo le mura della città
na di Giudea; nel frattempo Gerusalemme
e il Primo Tempio e deportò gli abitanti di
iniziò anche ad affermarsi come centro del
Gerusalemme a Babilonia. Tre generazio-
cristianesimo.
ni più tardi, il re di Persia Ciro II consentì
Intorno al 130 d.C. l’imperatore Adria-
agli ebrei di fare ritorno in patria e finanziò
no decise di ricostruirla, ma non come cit-
la ricostruzione del tempio, nelle speranza
tà ebraica (poiché temeva le aspirazioni
che i giudei sarebbero diventati suoi alleati.
nazionaliste degli ebrei), bensì come vera
Secondo Tempio e propria città romana, con tanto di tem-
Il Secondo Tempio fu eretto a partire dal 516 pli pagani. Questo fatto provocò la seconda
a.C., mentre le mura della città vennero rico- rivolta degli ebrei (132-35), guidata da Si-
struite intorno al 445 a.C. sotto la guida di mon Bar Kochba e conclusasi con un falli-
Neemia, governatore della Giudea. mento. Dopo che l’insurrezione fu soffoca-
Gerusalemme visse un altro momento ta nel sangue, Gerusalemme fu ribattezza-
cruciale nel 331 a.C., quando fu conquista- ta Aelia Capitolina e la Giudea prese il no-
ta da Alessandro Magno. Dopo la sua mor- me di Syria Palaestina. I romani ricostruiro-
te, avvenuta nel 323 a.C., la città venne go- no Gerusalemme, ma gli ebrei furono ban-
vernata per 30 anni dai Seleucidi, fino alla diti dalla città.
rivolta dei Maccabei, che portò al potere la
dinastia degli Asmonei. Nel 165 a.C. questi Bizantini e musulmani
ultimi consacrarono di nuovo il Tempio, che Nel 313 gli imperatori romani d’Oriente e
era stato profanato dai Seleucidi. d’Occidente, Costantino e Licinio, si incon-
trarono a Milano ed emanarono un editto che
I romani pose fine a tutte le persecuzioni religiose. Un-
Nel 63 a.C. le truppe romane comandate da dici anni dopo Costantino sconfisse Licinio
Pompeo Magno assediarono e conquistaro- in una guerra civile e divenne l’unico impe-
no Gerusalemme. Nel 37 a.C. i romani con- ratore dell’impero romano (in seguito chia-
segnarono la città a Erode il Grande, che go- mato impero bizantino). Costantino dichiarò
6666666
666
Il meglio di e 0 1 km
# 0 0.5 miles
Gerusalemme /
·
1
1 Monte del 2 2 2 2 2 2

6666666
66
2 2 2 2 2 2
Tempio/Al Haram
Ash Sharif (p65)
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
·
/
50

La magnificenza
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
KIRYAT
BELZ
architettonica di 2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
questo luogo sacro 2 2 2 2 2 2 KIRYAT
Be MATTERSDORF
sia per gli ebrei sia 2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
n -G
urio
per i musulmani. n

66
666666
2 2 2 2 2 2
2 2 2 2 2 2
2 Muro Gi v
'at S
occidentale (p75) Jerusalem ha'ul ROMEMA
Forest
L’intensa suggestione W
ei
spirituale del sito più zm
GIV'AT an Central Bus
sacro dell’ebraismo. n Station
SHA'UL ›
# Ha-
3 Basilica del

666
6666666
666
66
66
¤
#
¤
# Turim
Santo Sepolcro Central ¤
#
(p73) Le cappelle Kanfei Nesharim Station
Kiryat Moshe ¤
#
illuminate da
candele di uno dei
luoghi più sacri del
cristianesimo. He-'haluts

666
66 66
666666
66
66
6
¤
# GIVAT
4 Mercato RAM
Mahane Yehuda Supreme
(p93) Bancarelle Court
# Denia
¤

K a p l an
traboccanti di frutta Square Wohl Rose
Jerusalem Bloomfield Park
fresca, halva e Forest YE'FE NOF St
BEIT Science â
#
minuscoli caffè. HAKEREM Museum

666
6666666
66
66666
66
Mt Herzl
Bible
5 Yad Vashem 1 Military
1 1 Cemetery
1
Lands
(p100) Un luogo 1 1
R 1 # Yefeh Nof
¤
Mt Herzl Museum
per riflettere
1
1
1
1
1
1
1
Hebrew â
#
Herzl's
1 Grave University
sulle tragedie 1 1
#
æ
1

umane, il male e la #5 Yad Vashem Museo di Israele


riconciliazione. # Herzl
(350m) â #
6

666
66666
66
66
D Museum
6 Museo di Israele ¤
# Mt Herzl
(p96) Una vasta GIV'AT BEIT
HAKEREM NEVEH
m

collezione di reperti Ein k e r e GRANOT


antichi e di opere BAYIT
d’arte. VEGAN
t
gS

7 Quartiere

666666
6666
666
o

Musulmano (p78)
rz

H He
I pittoreschi suq della v
ra
Ha
ar a

Città Vecchia. KIRYAT


v U

HAYOVEL
8 Cittadella GIV'AT
zfe

(p68) Il Museo HAVRADIM


l

della Storia di RAMAT

66
666
66
Gerusalemme. SHARETT

9 Via Dolorosa
(p73) Sulle orme
di Gesù.
a Città di David
Ya
'ak
a

(p86) Un sito

66
666
aKh

ov

archeologico
Pa

GONEN'TETH'
H

sotterraneo
t
an
hG

attraversato
da tunnel.
rek

Jerusalem
De

Mall Teddy Kollek


Stadium
666666
66666 Sderot
RAMOT
ESHKOL

er
ot L
evi Es
hkol

666666
666666
66666
Go d Ammunition
ld SANHEDRIA S Hill
EZRAT

a
# Giv'at HaTachmoshet
M

'el
TORAH KIRYAT ¤

eir
(Ammunition Hill)

ar
t ARYEH

H
t iva
MAHANAYM Ha
Sh
m
SHIKUN St ue

6666 66
66
66
an lH Shimon
HABAD r Il ¤
# Ha-Tsadik
Ba

z
ego
BUKHARAN
aN
St
Yirmiyahu Hebrew

av
QUARTER

Nahal Ha'
el

University
i
sk

St
he

Malc COLONIA
he i Y
Ye

MEKOR isra AMERICANA


BARUCH 'e l GE'ULA
Mea MONTE SCOPUS

666
66 66
66
She'
arim

SaDe r ekh Shc h


WAD EL JOZ
Mahane St Shivtei ¤ Church of the
Israel #

lah
Jaff Yehuda ZICHRON Ascension
aR ( N a b lu
Shmu'el Ben Ada
d ¤ MOSHE

ad
# ya Ü
#
Ha-Davidka
-D
Mercato GERUSALEMME ES SUWANEH
in
¤
# Ha St
s) Rd

Mahane # 4 N ev
i'i m St EST
Yehuda
em

2 2

# Jaffa Center
¤ 2 2 2

66
6666
666
6666
Be NAHLA'OT Damascus Quartiere Via 2 2
tsa Gate ¤
#Musulmano 2 2 2
l' e l 000 Dolorosa 21 21
St CITTÀ MODERNA 000 #7
0
0 0
0 0
0 #
9 1
2
Monte
1
2
del
2
Tempio/
0 0 0 Basilica del 1
2 1
2
Al Haram
Ben Zvi

City Hall ¤
# Santo Sepolcro
1
2 1
2 2 MONTE
2 2 2
Ash 21Sharif
1
2
DEGLI
#
3 CITTÀ ULIVI

Jeric
2 2 2 1
2 1
2 2 2 2 2 2 2 2

KIRYAT 2 2 2 #
1 VECCHIA 1
2 2
1 2 2 2 2 2 2
Av

St # Muro Occidentale #

66666
6
66
66
666
6666
WOLFSON 2
2 2 2 1
2 1
2 2 2 2 2 2 2 2

ho Rd
n2 .
e

2 2 1
2 2
1 2 2 2 2 2 2
ro2 #8 Cittadella
Ag
2 2 1
2 1
2 2 2 2 2 2 2 2

(Torre di David) 1
2 2
1 2 2 2 2 2 2

v . cartina Gerusalemme Centro (p92) 1


2 2
1 2 2
Jewish
2 2 2 2 2

Ramban St
2 2 2 2 2 2 2
2 2 2
Cemetery
2 2 2 2 2

10 Città
# 2 2 2 2 2 2 2

YEMIN
1 1 1 di
2 David
2 2 2 2 2 2 2
1 1 2 2 2 2 2 2 2
REHAVIA MOSHE VALLE2 DEL
2 CEDRON

6666
66
66 66
666
666
6
6666
1 1 1 2 2 2 2 2 2
1 MONTE
1 1 SION (KIDRON VALLEY)
TALBIYEH 1 1 1
He b

1 1 1 RAS EL AMUD
1 1 1
ron Rd

SILWAN

v . cartina Area urbana di Gerusalemme (p82)

666
6666
666 EMEK
COLONIA
TEDESCA

ve
t
ABU TOR
im

REFA'IM ka
fa'

a ra KHIRBET BEIT
Re

HAMOSHAVA H Peace Forest

66666
SAKHUR
kh
ek

HAYVANIT (Ya'ar HaShalom)


re
Em

Rd

De
ron

BAKA
Heb

Yehu
da NORTH
TALPIOT Haas
Da#
æ Promenade
nie

666
l Ya nov
sky

TALPIOT
60
il cristianesimo religione ufficiale dell’impe- ta grande ammirazione ancora oggi. Verso
ro e dal 326 al 328 sua madre Elena visitò la la metà del XVI secolo su ordine del sulta-
Terra Santa alla ricerca dei luoghi sacri del no Solimano, meglio noto come Solimano il
cristianesimo, scoprendo la Vera Croce, ov- Magnifico, furono infatti erette le imponen-
vero la croce sulla quale fu crocifisso Gesù. ti mura della Città Vecchia, che si possono
Dopo questo viaggio, a Gerusalemme inizia- ammirare ancora oggi. I governanti che gli
rono a essere costruite numerose basiliche e succedettero furono però responsabili di un
Gerusalemme Sto ria

chiese e la città tornò rapidamente alle di- nuovo e costante declino della città, nel cor-
mensioni che aveva avuto all’epoca del re- so del quale gli edifici e le strade vennero
gno di Erode il Grande. completamente trascurati, mentre tutta la
Nel 614 Gerusalemme fu conquistata dai regione rimaneva preda di amministratori
persiani, il cui dominio durò però solo 15 pubblici corrotti.
anni, perché i bizantini riuscirono a ricon- In seguito, grazie all’Editto di Tolleranza
quistare la città. Anche la loro vittoria ebbe nei confronti di tutte le religioni promul-
però vita breve, dal momento che appena 10 gato dal sultano turco nel 1856, agli ebrei ‒
anni più tardi la Palestina fu invasa da un che all’epoca costituivano la maggioranza
esercito arabo guidato dal califfo Omar sot- dei circa 25.000 abitanti della città ‒ ven-
to la bandiera dell’islam. Nel 688, nel luo- ne riconosciuto il diritto di costruire i pri-
go in cui sorgeva il Tempio distrutto venne mi insediamenti al di fuori della mura cit-
eretta la Cupola della Roccia. Nel primo pe- tadine. Negli anni ’60 del XIX secolo Moses
riodo del governo musulmano, Gerusalem- Montefiore, un imprenditore italiano natu-
me rimase un centro di pellegrinaggio del ralizzato britannico di origine ebraica, pia-
tutto sicuro anche per gli ebrei e i cristiani, nificò e finanziò la maggior parte dei primi
una condizione che ebbe però bruscamente progetti abitativi. A seguito di questo fatto,
fine nel X secolo, quando, durante il regno l’immigrazione degli ebrei nella zona conob-
del califfo fatimide Hakim, sia i cristiani sia be un rapido incremento e l’insediamento
gli ebrei furono ferocemente perseguitati e si ampliò, fino a diventare l’odierno centro
le chiese e le sinagoghe vennero distrutte. di Gerusalemme.
La situazione sfociò infine nelle Crociate.
Il Mandato britannico e la divisione
Dai crociati ai Mamelucchi Alla fine del 1917, le forze britanniche guida-
e agli Ottomani te dal generale Edmund Allenby strapparono
Nel 1099 i crociati strapparono Gerusalem- Gerusalemme ai turchi, trasformandola nella
me ai Fatimidi, che a loro volta avevano ap- capitale amministrativa del Mandato britan-
pena riconquistato il potere togliendolo ai nico della Palestina. In quell’epoca di acceso
Selgiuchidi. Dopo aver governato per quasi nazionalismo arabo ed ebraico la città diven-
90 anni, nel 1187 il Regno Latino dei cristia- ne un focolaio di forti tensioni politiche, non-
ni fu sconfitto da Saladino (Salah Ad Din), ché il teatro di terribili azioni terroristiche e
un evento che due anni dopo scatenò la Ter- ‒ in alcune occasioni ‒ di una vera e propria
za Crociata, durante la quale Riccardo I d’In- guerra aperta tra gli arabi e gli ebrei, tra op-
ghilterra (Riccardo Cuor di Leone) combat- poste fazioni arabe (come quella che vide
té per strappare i territori della Terra Santa contrapporsi i clan familiari dei Nashashibi
a Saladino; Riccardo riportò diverse vittorie, e degli Husseini) e tra i sionisti e gli inglesi.
ma non riuscì a conquistare Gerusalemme. Il piano di spartizione proposto nel 1947
Saladino amministrò la città in modo dalle Nazioni Unite, che prevedeva la crea-
molto efficiente e consentì ai musulmani e zione di due stati, uno ebraico e uno arabo,
agli ebrei di stabilirvisi di nuovo. Tra il XIII con Gerusalemme come territorio separato
e il XVI secolo i Mamelucchi costruirono nu- internazionale, fu accettato in linea di prin-
merosi edifici dedicati agli studi religiosi. cipio dai leader sionisti, ma venne comple-
Pur essendo diventata un centro accade- tamente respinto da quelli arabi e palesti-
mico islamico di grande importanza, Geru- nesi e fu infine vanificato dalla guerra ara-
salemme conobbe in questo periodo una fa- bo-israeliana, che nel 1948 travolse la città
se di relativo declino. Nel 1517 gli Ottoma- e tutto il paese.
ni sconfissero i Mamelucchi e inglobarono Durante la guerra del 1948 la Città Vec-
la Palestina nel loro vasto impero. Sebbene chia, Gerusalemme Est e la Cisgiordania,
anche i turchi vengano ricordati per la lo- vennero occupate dal regno di Giordania,
ro inefficienza nell’amministrazione loca- mentre gli ebrei riuscirono a mantenere il
le, il loro impatto iniziale sulla città susci- controllo dell’area che oggi corrisponde al
61

GERUSALEMME IN...

Quattro giorni
Dedicate la prima giornata alla Città Vecchia. Per cominciare a orientarvi, prendete parte
all’itinerario a piedi gratuito organizzato dalla Sandemans (p103), che parte alle 8.45.
Fate poi una passeggiata in Saleh El Din St, procuratevi una bottiglietta d’acqua e fate la

Gerusalemme Sto ria


coda per visitare il Monte del Tempio/Al Haram Ash Sharif (p65; ogni giorno ci
sono solo due momenti di accesso riservati ai visitatori non musulmani). All’ora di pran-
zo assaggiate l’eccezionale hummus di Abu Shukri (p111), dopo di che dedicatevi al-
la visita dell’imponente Basilica del Santo Sepolcro (p73). Lasciate la Città Vecchia
uscendo dalla Porta di Giaffa (p68) e andate alla scoperta dei bar di Jaffa Rd.
Il secondo giorno raggiungete il Muro Occidentale (p75), prenotando in anticipo
la visita guidata delle Gallerie del Muro Occidentale. A pranzo immergetevi nell’atmosfera
caratteristica dell’Armenian Tavern (p112). Trascorrete il pomeriggio nel dedalo dei
vicoli del Quartiere Ebraico, ammirate lo splendido panorama dalla Sinagoga Hurva
(p78) e dedicatevi allo shopping nei suq del Quartiere Musulmano.
Il terzo giorno, prendete la metropolitana leggera e raggiungete il suggestivo e toccan-
te Yad Vashem (p100). Al ritorno, fate tappa al Mercato Mahane Yehuda (p93),
dove potrete acquistare i tipici prodotti mediorientali e osservare il viavai della folla
davanti a un caffè freddo o a una birra. La sera assistete allo spettacolo di suoni e luci
nella Cittadella (p68; è necessaria la prenotazione).
Iniziate l’ultimo giorno con una visita al grande Museo di Israele (p96). Pranzate
nel raffinato ristorante Modern (p117), tornate in centro e raggiungete in autobus la
Città di David (p86), per visitare gli scavi archeologici. Per finire, brindate alla giorna-
ta in uno dei numerosi bar situati nei dintorni di Horkanos St.

centro di Gerusalemme. Queste due zone l’Autorità Nazionale Palestinese (ANP), pur
erano separate da aree considerate terra di avendo sede nella vicina Ramallah, aspira a
nessuno e il nuovo Stato di Israele dichia- trasferirsi a Gerusalemme Est. Israele è fer-
rò capitale la zona ebraica di Gerusalemme. mamente deciso a impedire che ciò avvenga
Per 19 anni Gerusalemme ‒ come Berli- e a questo scopo ha eretto una barriera di si-
no ‒ rimase una città divisa, con la Porta curezza che isola la città dalla Cisgiordania.
di Mandelbaum (situata pochi passi a nord Attualmente circa 300.000 palestinesi vi-
del margine occidentale della Città Vecchia) vono nei quartieri di Gerusalemme Est, tra
che costituiva l’unico posto di confine uffi- cui la Città Vecchia, At Tur sul Monte degli
ciale tra Gerusalemme Est e Gerusalemme Ulivi, Silwan e Ras Al Amud vicino al margi-
Ovest per le poche persone a cui era consen- ne meridionale della Città Vecchia e Sheikh
tito di spostarsi da una zona all’altra. Dopo Jarrah e Shuafat a nord della Città Vecchia.
la Guerra dei Sei Giorni del 1967 le truppe Secondo un rapporto sull’economia palesti-
israeliane strapparono la Città Vecchia al- nese a Gerusalemme Est stilato nel 2013 dal-
la Giordania e sottoposero Gerusalemme a la Conferenza delle Nazioni Unite sul Com-
un imponente programma di restauri, lavo- mercio e lo Sviluppo, le autorità israeliane
ri e ristrutturazioni. perseguono una politica di segregazione fi-
sica, politica ed economica di Gerusalem-
Una capitale controversa me Est dalla Cisgiordania e i suoi residen-
Lo status di Gerusalemme continua a susci- ti devono affrontare numerose difficoltà in
tare reazioni contrastanti, come dimostra il termini di alloggi, istruzione, occupazione,
fatto che quasi tutti i paesi mantengono le tassazione e rappresentanza politica. Que-
loro ambasciate a Tel Aviv. Nel dicembre del sto rapporto sostiene anche che a Gerusa-
2017 il presidente Donald Trump ha però ri- lemme Est i servizi municipali come la for-
conosciuto la città come capitale di Israele e nitura idrica, il sistema fognario, la manu-
nel 2018 ha trasferito l’ambasciata degli Sta- tenzione delle strade, il sistema postale e la
ti Uniti a Gerusalemme. raccolta dei rifiuti sono di gran lunga me-
Sia gli israeliani sia i palestinesi conside- no efficienti rispetto a quelli presenti negli
rano Gerusalemme come propria capitale e altri quartieri della città.
6666
6
62

Città Vecchia
A B C D
Ha St
Ne
vi' an
im
im
St ule

66666
6666
6
nS diya
1 lt a Sa'a
Ha'Ayi Arab Bus Su
Khuld

Station
Gerusalemme Sto ria

Damascus ¤
# ›
# Damascus
nK

Gate
#
a Ha

Gate iya
wlaw
he

El Ma
t
Nev

66666
6666
i'a

QUARTIERE
a MUSULMANO
sh Mish'ol
Eli

Souq Khan Al
Ha
HaPninim

Al
Knesi
2 Garden 45 #
ú

W
ad
Rd

35

St
yo t
i

a
m

n #
ÿ

Jabsh
ha #
ÿ
#9
nk æ

66666
66666
a 37
Ts # 10

Ze
æ
Ha

El
42

it St
# 41
ÿ Ha 44
S hlikhim ú
#
a #æ
ú
# ros þ #
New Gate 13
#
ÿ Dolo 11
# #
æ a
Vi æ 49
46 #ú St # 38
anqah
Bab

3 t Al Kh æ 12
Aqaba # St#
14 15 Taki ya â
El J a

bat At

66666
66666
St Aq a Ribat
rancis
50
#
æ â
#
St FGreek
d

orthodox 1 22 #
æ Bayram
id

þ
# 48 #
ú Palace of
þ
# Jawish
Ca
Rd

Patriarchate Rd Ü
# the Lady
sa

52 ov Basilica del Tunshuq


N

ra ya
î
# Santo Sepolcro HaS a
aR

Christian Quar

Les Freres St Orthodox Society


d S

Ha-Kari
Dabbaga Rd
Medical Centre
t Dim

at Al
Mauristan Rd

Ha Kopt im
Aqab iyya

66666
# 28
Ü d
Khali
itr

4 Pa L Greek Catholic # 29
æ
i's Rd

tri atin Patriarchate Rd


a
M Rd rcha
ter Rd

te ‚QUARTIERE
am

47 #
ú CRISTIANO # 20
Ü
ill a

.
# 39 Christian
Yi Jaffa Gate
ts al #
ÿ Information David St
M

kh l Tourist Office #
ï

66666
Jewish Quarter Rd

#
40ÿ
St

ak #
æ Centre Ma
Ka r k 's Rd St
#
Jaffa 30 #
ï
riv Gate 2 #
ÿ Shone Ha La k hot
Rd â
# # 19
Ü 36
Cittadella
H a bad St

5
Tife
Ü
# â
#
ret

Arts & Crafts


ú 43
# 33 ra
# 51
þ
I
Armenian Ortho

el
i vat Yerushalayim

Lane 26

666
66666
25
#24
‚ #
à
or HaChaim # ä
æ
St
Eli'e

18 Hurva
ra t St

#
æ Sq
l

23
A ra
d ox Patriarchate R d

# 32
Ü QUARTIERE #
à
Batei
6 Bloomfield EBRAICO
Hat

Mahseh

666
66666
666
Gardens
Sq
s

Ha
'et

M
Yo

QUARTIERE al ak
ARMENO h St
h St
Batei Mahse
M

666 666
66666
Dror Eli'el Rd

7
1
Hati1vat 1Zion1R d 1 1 1 1
#
1 1 1
Catholic
1 1 1 1 1
Zion
1
1 1 1 1 1 Armenian
1 1 1
Gate
1Cemetery
1 1 1 1 1
Cemetery
1 1 1
1 1 1 1 1 1 1 1
A 1 1 B 1 1 1 1 1 1 C
1 D
1 1 1 1 1 1 1 1
66
63
Israele ha inoltre ampliato notevolmente
e
#
0
0
200 m
0.1 miles i confini municipali di Gerusalemme, annet-
E F
tendo alcune parti della Cisgiordania e rea-

Sha'ar HaP
lizzando numerosi progetti edilizi per quar-
HaTsa

tieri ebraici a Gerusalemme Est. Questa an-

66
1 nessione è considerata da molti illegittima.
ri'akh

t
Simtaiya
I palestinesi, alcuni israeliani e la quasi to-

ra k
tami Salah

Gerusalemme C he c o sa vedere
El Bus talità della comunità internazionale vedo-
him no gli insediamenti israeliani a Gerusalem-
Ha'A

Hassan me Est come un ostacolo al processo di pa-


Sheikh
'alot
dom

d Ma ce. Attualmente a Gerusalemme Est vivono

Ant
Herod's G
Sha da

666
circa 200.000 israeliani.
Ascent

onia
Diversi piani di pace propongono la di-
Nun's t
Ascen

34
ate

8 # a
æ Lions' Gate 2 visione della città, con i quartieri ebraici in
Bab H

Al
# ia Doloros
æ Ghazali Sq Israele e i quartieri arabi nei Territori Pale-
V #
æ
St
utt

7 stinesi. In ogni caso, sembra ancora molto


a

Monte del lontano l’accordo su che cosa si debba fare

666
Tempio/Al Haram
Ash Sharif della Città Vecchia e soprattutto del Monte
ú
# Bab Al 4æ
# del Tempio/Al Haram Ash Sharif (p65),
Ghawanima
St il luogo più sacro dell’ebraismo e uno dei
MONTE DEL TEMPIO/
AL HARAM ASH SHARIF
più venerati anche dai musulmani dopo la
n Nazir St
Tariq Bab A 3 Mecca e la Medina.
â
# Negli ultimi tempi si sono verificati sem-

666
pre più numerosi scontri violenti (a volte
Al Wa

Tar b Cupola con esiti fatali) tra le fazioni estremiste delle


El iq Ba
Hadid St della due comunità. Dopo l’uccisione di due poli-
d St

31 Roccia
#
æ ziotti israeliani avvenuta nel luglio del 2017,

#
Souq Al Qattanin si è provveduto all’installazione di metal de-
#
Al Quds Centre tector ai punti di ingresso alla Moschea Al

66
666
66
#
for Jerusalem Studies Aqsa (p68). In seguito alle proteste e ai
Sabil 4
Suleyman Tomb of violenti scontri scatenati dall’adozione di
#Turkan Khatun
Al Kas
questa misura, che hanno causato diverse
a St
l Silsil Gallerie 6 5 Muro Fountain vittime sia tra gli israeliani sia tra i palesti-
Bab A à Occidentale
del Muro ä# # nesi, i metal detector sono stati rimossi e so-
Occidentale Non-Muslim entrance stituiti da dispositivi di sicurezza alternati-

66
66
Western to Temple Mount/
St Wall Plaza Al Haram Ash Sharif vi, che sono stati comunque contestati. La
controversa decisione del governo israe­liano
16 ß
#
5 di revocare il permesso di residenza a Geru-
17
â
# BAB
salemme di alcuni aggressori palestinesi (e
delle loro famiglie) ha scatenato la condan-
Misgav Ladach

AL MAGHARIBA
na della comunità internazionale

666
66
27 Nonostante le iniziative di cooperazione
#
æ avviate tra Israele e la Palestina nei cam-
#
pi più svariati, dal turismo all’artigianato e
Dung
Gate dai progetti interconfessionali all’istituzione
6
di associazioni, il divario tra Gerusalemme
Rd Est e Gerusalemme Ovest sembra aumen-

666
lo m
t

tare costantemente.
aS

S ha # 21
ä
Hilw

eh
Al
1 Che cosa vedere
di
'
Ma

Wa

Le attrattive di maggiore interesse turistico


Rd

di Gerusalemme possono essere suddivise in


vid

666
zone, tra le quali spicca la Città Vecchia, che
Da

7 presenta la maggiore concentrazione di luo-


t Ir

ghi storici. Gerusalemme Est, la Città di Da-


Ma'Alo

vid e il Monte Sion possono essere raggiun-


ti a piedi dalla Città Vecchia.
E F
64

Città Vecchia
æ Da non perdere 31 Suq Al Qattanin.......................................E4
1 Basilica del Santo Sepolcro....................C3 32 Cattedrale di San Giacomo................... C6
2 Cittadella..................................................B5 33 Cappella di San Marco............................C5
3 Cupola della Roccia................................. F4 34 Via Dolorosa.............................................E2
4 Monte del Tempio/Al Haram Ash
Gerusalemme C he c o sa vedere

Sharif..................................................... F3 ÿ Pernottamento
5 Muro Occidentale.................................... F4 35 Austrian Hospice.................................... D2
6 Gallerie del Muro Occidentale................E4 Christ Church Guesthouse............... (v. 19)
36 Citadel Youth Hostel................................C5
æ Che cosa vedere 37 Golden Gate Inn.......................................C2
7 Prima stazione, Via Dolorosa..................E2 38 Hashimi Hotel......................................... D3
8 Seconda stazione, Via Dolorosa.............E2 39 Hotel New Imperial..................................B5
9 Terza stazione, Via Dolorosa.................. D2 40 Lutheran Guesthouse.............................C5
10 Quarta stazione, Via Dolorosa............... D2 41 Notre Dame Guest House.......................A3
11 Quinta stazione, Via Dolorosa............... D3
ú Pasti
12 Sesta stazione, Via Dolorosa................. D3
13 Settima stazione, Via Dolorosa..............C3 42 Abu Shukri.............................................. D3
14 Ottava stazione, Via Dolorosa................C3 43 Armenian Tavern.....................................C5
15 Nona stazione, Via Dolorosa...................C3 Christ Church Cafe............................ (v. 19)
16 Moschea Al Aqsa..................................... F5 44 Family Restaurant.................................. D3
17 Casa Bruciata..........................................E5 45 Ja’far Sweets...........................................C2
18 Cardo Maximus...................................... D6 46 Lina Restaurant.......................................C3
19 Chiesa di Cristo.......................................C5 Notre Dame Cheese & Wine
20 Chiesa di San Giovanni Battista............ C4 Restaurant.................................... (v. 41)
21 Città di David...........................................F6 47 Rossini’s Restaurant...............................B4
22 Monastero Etiope....................................C3 48 Zalatimo...................................................C3
23 Sinagoghe dei Quattro Sefarditi............ D6
û Locali e vita notturna
24 Museo del Quartiere Erodiano...............D5
25 Hurva Square.......................................... D6 Versavee.............................................(v. 39)
26 Sinagoga Hurva.......................................D5 Viennese Café.................................... (v. 35)
27 Parco Archeologico di Gerusalemme
þ Shopping
e Davidson Centre................................E6
28 Chiesa Luterana 49 Alan Baidun............................................ D3
del Redentore...................................... C4 50 Bint Al Balad Workshop & Café..............A3
29 Mauristan................................................ C4 51 Heifetz......................................................D5
30 Passeggiata lungo i bastioni...................B5 52 Sandrouni Armenian Art Centre............A3

A Gerusalemme Ovest si trovano alcune to Sepolcro (p73). I turisti vanno alla sco-
attrattive di notevole interesse, tra cui il Mu- perta dei suoi quattro quartieri (il Quartiere
seo di Israele, il Monte Herzl, lo Yad Vashem Cristiano, il Quartiere Musulmano, il Quar-
ed Ein Kerem ma, dal momento che le di- tiere Ebraico e il Quartiere Armeno) e si ci-
stanze sono piuttosto lunghe, conviene rag- mentano nei suq nell’arte della contrattazio-
giungerle con la Jerusalem Light Rail (JLR), ne (o almeno ci provano) fino al tardo pome-
in autobus o in taxi. riggio. È in questo momento della giornata
che la Città Vecchia si svela nel suo massi-
mo splendore, con gli antichi edifici in pie-
1 Città Vecchia tra immersi in una meravigliosa luce dorata.
La Città Vecchia è circondata da strade molto I mercati e i negozi chiudono prima del cre-
trafficate, mentre all’interno delle sue impo- puscolo e restano aperti solo pochi ristoranti.
nenti mura la vita scorre praticamente nello I quattro punti di ingresso più importan-
stesso modo da secoli. Al mattino l’atmosfe- ti della Città Vecchia sono la Porta di Giaf-
ra è carica di energia, con pellegrini che ar- fa (p68), la Porta di Damasco (p79), la Por-
rivano da ogni parte del mondo per pregare ta del Letame e la Porta di Santo Stefano o
presso il Muro Occidentale (p75), la Cupo- Porta dei Leoni (p80). Quasi tutti i visitato-
la della Roccia (p67) o la Basilica del San- ri entrano nella Città Vecchia dalla Porta di
65
Giaffa, che conduce direttamente al Quar- per gli ebrei, in quanto è il luogo in cui sor-
tiere Cristiano e al Quartiere Armeno; inol- gevano il Primo e il Secondo Tempio. Mette-
tre, da questa porta è possibile raggiunge- tevi in coda al mattino presto e vestitevi in
re facilmente il resto della Città Vecchia con modo decoroso.
una breve passeggiata in discesa. La Porta di Tenete presente che gli orari di apertura
Damasco conduce al Quartiere Musulmano, per i visitatori di fede non musulmana so-
quella dei Leoni all’inizio della Via Doloro- no limitati e che bisogna passare dai con-

Gerusalemme C he c o sa vedere
sa e quella del Letame al Quartiere Ebraico trolli di sicurezza.
(Muro Occidentale) e all’ingresso per i tu- Secondo il Talmud, Dio avrebbe raccolto
risti del Monte del Tempio/Al Haram Ash su una grande lastra di roccia che sporgeva
Sharif. Tenete presente che all’interno del- dal Monte Moriah la terra utilizzata per cre-
le mura quasi tutte le strade sono chiuse al are Adamo e su questa stessa altura compi-
traffico (e piuttosto scivolose). rono sacrifici rituali alcuni importanti pro-
tagonisti dell’Antico Testamento come Ada-
mo, Caino, Abele e Noè. Il più famoso è nar-
rato nella Genesi (22, 1-19), quando, per di-
1 Monte del Tempio/ mostrare la propria fede a Dio, Abramo arri-
Al Haram Ash Sharif vò quasi a sacrificare il suo unico figlio Isac-
oMonte del Tempio/ co, venendo fermato all’ultimo istante da un
Al Haram Ash Sharif SITO RELIGIOSO angelo, che gli disse di risparmiarlo e di sa-
(cartina p62; h 8.30-11.30 e 13.30-14.30 dom-gio crificare al suo posto un ariete. Secondo la
apr-set, 7.30-10 e 12.30-13.30 dom-gio ott-marzo; v. Bibbia, in seguito re David fece collocare in
p34) F Nel mondo esistono pochi luo- questo punto un altare (Samuele 24, 18-25).
ghi sacri, e contesi, come questo. Chiamata Con ogni probabilità, Salomone fece eri-
Har HaBayit (Monte del Tempio) dagli ebrei gere il Primo Tempio nel luogo in cui si
e Al Haram Ash Sharif (­Nobile Santuario) dai trovava l’altare di David, ma questa ipotesi
musulmani, questa alta spianata punteggiata non può essere provata per mezzo di scavi
da cipressi e situata nell’estremità sud-orien- archeo­logici a causa di una serie di divieti
tale della Città Vecchia ospita due degli edifi- di carattere religioso. Il Talmud narra che la
ci più sacri dell’islam: la Cupola della Roccia costruzione del Tempio richiese sette anni
(p67) e la Moschea Al Aqsa (p68). Que- e mezzo di lavori, ma per ragioni ignote l’e-
sta spianata è oggetto di venerazione anche dificio rimase inutilizzato per tredici anni.

VISITA AL MONTE DEL TEMPIO/AL HARAM ASH SHARIF


Nove porte collegano il Monte del Tempio/Al Haram Ash Sharif alle strette vie circostan-
ti, ma chi non professa la fede musulmana può entrare solo dalla Bab Al Maghariba/Sha’ar
HaMugrabim (Porta dei Mori), che può essere raggiunta per mezzo di un passaggio coper-
to in legno situato nel lato meridionale della piazza del Muro Occidentale. Cercate di metter-
vi in coda di buon’ora, altrimenti rischierete di non riuscire a entrare; tenete presente che il si-
to resta chiuso in occasione delle festività musulmane e che durante il Ramadan è aperto so-
lo al mattino. Per superare i controlli di sicurezza è necessario esibire il passaporto. Per usci-
re dal sito si può passare attraverso una qualsiasi delle altre porte, non necessariamente dal-
la Bab Al Maghariba.
I custodi dislocati all’ingresso impongono ai visitatori che a loro avviso non hanno un
abbigliamento sufficientemente decoroso di acquistare uno scialle e di indossarlo come un
pareo. Inutile dire che i prezzi sono esagerati e che non vengono fornite ricevute. Per evitare
l’inconveniente, consigliamo sia agli uomini sia alle donne di indossare pantaloni (o gonne)
lunghi (sono banditi gli shorts) e di coprire spalle, gomiti, schiena e décolleté.
I controlli di zaini e borse all’ingresso sono piuttosto accurati e qualsiasi oggetto religioso
(fatta eccezione per quelli legati all’islam) non può essere introdotto nel sito. Non portate
con voi testi sacri e non indossate simboli religiosi, in quanto ci è stato riferito che sono stati
confiscati anche gli opuscoli turistici dedicati al Muro Occidentale.
Chi non professa la fede musulmana non può entrare nella Moschea Al Aqsa né nella
Cupola della Roccia; vi sconsigliamo di tentare di farlo, in quanto è considerato una grave
mancanza di rispetto.
Tenete inoltre presente che nei periodi di agitazione politica la spianata viene chiusa.
66

AMMINISTRAZIONE DEL MONTE


DEL TEMPIO/AL HARAM ASH SHARIF
Il controllo amministrativo e della sicurezza del Monte del Tempio/Al Haram Ash Sharif
costituisce un tema scottante sia per gli ebrei sia per i musulmani. Nel 1967, dopo la fine
della Guerra dei Sei Giorni, Israele cedette la custodia e l’amministrazione del comples-
Gerusalemme C he c o sa vedere

so al Waqf Islamico di Gerusalemme, una fondazione controllata dai giordani e presiedu-


ta dal Gran Mufti di Gerusalemme e dal Consiglio Supremo Musulmano.
Nel 1994 Israele e la Giordania firmarono il trattato di pace del Wadi Araba, in base
al quale la Giordania ottenne il controllo amministrativo di tutti i siti musulmani di
Gerusalemme. Questo accordo è ancora in vigore, sebbene Israele continui a gestire
la sicurezza nel Quartiere Musulmano e sul Monte del Tempio/Al Haram Ash Sharif.
Secondo la normativa israeliana, chi non professa la fede musulmana non può pregare
all’interno del complesso (una disposizione che fa infuriare gli ebrei ultranazionalisti)
e gli uomini musulmani di età inferiore ai 45 anni non possono accedere alla spianata
quando la situazione è considerata instabile in termini di sicurezza. L’accesso ai palesti-
nesi della Cisgiordania è consentito solo in occasione delle festività islamiche e anche
in questi periodi possono entrarvi esclusivamente i maschi di età superiore ai 35 anni,
mentre non esistono restrizioni per le donne. Nel luglio del 2017 la breve introduzione di
metal detector agli ingressi del sito ‒ misura presa su decisione del governo israeliano
‒ ha innescato una serie di proteste e scontri, che hanno causato vittime e riacceso la
spinosa questione del controllo di questo luogo sacro.

Quando infine venne consacrato, Salomone l’unica persona che poteva entrare nel
collocò al suo interno l’Arca dell’Alleanza e sancta sanctorum del Tempio una volta
celebrò l’evento con un sontuoso banchet- l’anno, in occasione della festa dello Yom
to durato sette giorni. Kippur.
Dopo essere stato oggetto di numerose Tutte le aggiunte realizzate durante il
incursioni, il Primo Tempio fu distrutto nel regno di Erode andarono perdute nel 70
587 a.C. dal re di Babilonia Nabucodonosor d.C., quando il Secondo Tempio fu distrut-
II. Ricostruito in un primo tempo su ordine to dai romani.
di Zorobabel, che era stato nominato gover- Per quanto responsabili della distruzio-
natore della Giudea dal re persiano Ciro do- ne del Secondo Tempio, i romani dovettero
po la sconfitta dei babilonesi, questo com- comunque percepire qualcosa di speciale in
plesso fu in seguito sostituito dal più gran- questo luogo, al punto che vi fecero erigere
de Secondo Tempio su commissione di Ero- un tempio dedicato a Giove, che in seguito
de il Grande (sul trono dal 37 al 4 a.C.). Ero- venne trasformato in una chiesa cristiana.
de lo fece anche circondare da un muro e Molto più tardi, intorno alla metà del VII
riempire di detriti lo spazio circostante, re- secolo d.C., alla Mecca il profeta Maometto
alizzando in questo modo la vasta spiana- annunciò ai suoi concittadini di aver com-
ta che si può vedere ancora oggi. I blocchi piuto nell’arco di una sola notte un viaggio
di pietra più grandi che sostengono il Mon- fino alla ‘moschea più lontana’, guidando al-
te del Tempio (vale a dire quelli del Muro tri profeti in preghiera. Anche se Maometto
Occidentale) pesano oltre 500 tonnellate. non fece mai il nome di Gerusalemme, alcu-
Gli ebrei che si recavano al Monte del ne interpretazioni che identificano la mo-
Tempio si avvicinavano da sud. Prima di sa- schea più lontana con Al Haram Ash Sharif
lire la ripida scalinata, i pellegrini dovevano hanno fatto sì che Gerusalemme diventasse
sottoporsi a un bagno di purificazione ritua- un luogo sacro per i musulmani, uno dei più
le detto mikveh; uno dei gradini è custodi- venerati dell’islam dopo la Mecca e la Me-
to nel vicino Parco Archeologico di Gerusa- dina. Il sito venne abbandonato a se stesso
lemme (p77). Le scritte incise sulle pie- durante il dominio dei bizantini, per i quali
tre mettevano in guardia i ‘gentili’ (termine non aveva alcun valore religioso. Ma quan-
che indicava tutte le persone che non pro- do nel 638 i bizantini si arresero al califfo
fessavano la fede ebraica) dall’avventurar- Omar, questi mostrò subito il suo interesse
si sul monte, dichiarando che chi lo faceva per il Monte del Tempio, dove fece erigere
rischiava la vita. Il sommo sacerdote era una semplice moschea, che venne in segui-
67
to sostituita dalla Cupola della Roccia (circa cia Abramo si sarebbe apprestato a sacrifi-
691) e dalla Moschea Al Aqsa (circa 705-15). care il figlio Isacco, mentre per la tradizione
Nel corso del XIX secolo, alcuni archeolo- islamica da questo luogo Maometto sareb-
gi scoprirono sotto la superficie pavimenta- be salito al cielo.
ta più di 30 cisterne, alcune delle quali pro- L’accesso all’interno è consentito solo ai
fonde tra i 15 e i 20 m e lunghe anche 50 m. musulmani, ma i visitatori di ogni credo ‒
A causa di un divieto di carattere religio- purché siano vestiti in modo sufficientemen-

Gerusalemme C he c o sa vedere
so, queste cisterne sono chiuse al pubblico. te decoroso ‒ possono ammirarla dall’ester-
Nel 1967, subito dopo la fine della Guer- no passeggiando nella spianata.
ra dei Sei Giorni, il comandante israeliano Questo edificio fu eretto tra il 688 e il 691
Moshe Dayan cedette la custodia e l’ammi- per volere del califfo Abd Al Malik, della di-
nistrazione del Monte del Tempio/Al Haram nastia degli Omayyadi. Le sue motivazio-
Ash Sharif ai leader islamici di Gerusalem- ni non erano solo di carattere religioso, in
me. Il controllo di questo luogo da parte quanto desiderava instillare un senso d’or-
dei musulmani non è mai stato accettato goglio nella popolazione musulmana per
dagli ebrei nazionalisti più ferventi e da al- mantenerla fedele all’islam e dimostrare
lora si sono registrate numerose proteste e agli ebrei e ai cristiani che l’islam era una
diversi episodi di violenza, tra cui all’inizio fede legittima e potente, in grado di costru-
degli anni ’80 alcuni tentativi falliti di far ire una struttura più splendida di qualsia-
saltare in aria i luoghi sacri musulmani. Da si chiesa nel luogo più sacro per gli ebrei,
parte loro, alcune autorità religiose dell’e- dimostrandosi in questo modo superiore a
braismo ortodosso hanno vietato agli ebrei entrambe le religioni.
l’accesso al Monte del Tempio, perché a lo- Abd Al Malik chiese ai suoi architetti bi-
ro modo di vedere potrebbero rischiare di zantini di prendere come modello la rotonda
calpestare inavvertitamente il sacro suo- del Santo Sepolcro. Tuttavia, dal momento
lo su cui una volta sorgeva il Tempio. Te- che ai musulmani non si addicevano gli in-
nete presente che chi non professa la fe- terni bui e tetri e le austere facciate in pie-
de musulmana non può pregare all’inter- tra dei luoghi di culto cristiani, la moschea
no del complesso. venne decorata sia all’interno sia all’ester-
Per i visitatori estranei a queste contro- no con vivaci mosaici e versetti del Corano,
versie, il Monte del Tempio/Al Haram Ash mentre la cupola che corona l’edificio fu ri-
Sharif è un luogo di pace e silenzio (fatta ec- vestita di oro massiccio per splendere come
cezione per la coda iniziale e i controlli di si- un faro per l’islam.
curezza), che incute un timore reverenziale. All’interno della moschea fu collocata una
Si tratta di una zona pianeggiante lastrica- targa in onore di Abd Al Malik che riporta
ta di 56 ettari, con alcuni interessanti edi- anche la data della costruzione. Due secoli
fici eretti dai Mamelucchi che ne delimita- più tardi il califfo Al Mamun, della dinastia
no il perimetro e la Cupola della Roccia si- degli Abbasidi, alterò l’iscrizione per attribu-
tuata più o meno al centro. Passeggiando irsi il merito della costruzione, trascurando
in questo complesso si avverte in maniera però di modificare la data originaria. Ricon-
evidente il netto contrasto con il rumore e vertita per breve tempo in chiesa all’epoca
la congestione che caratterizzano le strette della Crociate, tornò a essere una moschea
vie circostanti. Si tratta dello spazio pubbli- nel XII secolo sotto Saladino. Nel 1545, So-
co più grande di Gerusalemme Est dove, ol- limano il Magnifico ordinò di rimuovere i
tre a pregare, i bambini vengono a giocare mosaici originali esterni, che nel corso dei
e gli adulti a rilassarsi. secoli si erano notevolmente deteriorati, e
di rimpiazzarli con mattonelle di ceramica.
oCupola della Roccia SITO RELIGIOSO Queste ultime furono a loro volta sostituite
(cartina p62; Qubbet Al Sakhra) Il gioiello più nell’ambito di un vasto intervento di restau-
prezioso del Monte del Tempio/Al Haram ro realizzato nel XX secolo. Anche la cupola
Ash Sharif è la dorata Cupola della Roccia, d’oro originale scomparve molto tempo fa;
simbolo imperituro della città, nonché uno la cupola che si può ammirare oggi è rico-
degli edifici più fotografati del pianeta. Co- perta da 5000 placche d’oro donate dal de-
me si può facilmente intuire dal suo nome, funto re Hussein di Giordania. Questi 80 kg
questa cupola sorge su una lastra di pietra di oro costarono la bellezza di 8,2 milioni di
considerata sacra sia dall’islam sia dell’e- dollari americani, cifra che re Hussein pa-
braismo. Secondo gli ebrei, su questa roc- gò vendendo una delle sue case di Londra.
68
Fondamentalmente, l’edificio che si può stente lungo il muro meridionale del com-
vedere oggi è quello concepito da Abd Al plesso. Gli altri edifici realizzati per ordine
Malik. All’interno, al centro sotto la cupo- dei crociati furono demoliti da Saladino (Sa-
la alta 20 m si trova la roccia da cui si di- lah ad Din; 1137-93), il primo sovrano del-
ce che Maometto abbia iniziato il suo mi- la dinastia degli Ayyubidi, il quale fece ag-
raj (ascesa al cielo). Secondo quanto scrit- giungere un elaborato mihrab.
to nel Corano, Maometto spinse giù la roc- Nel corso del XIX secolo la moschea è
Gerusalemme C he c o sa vedere

cia con un piede, lasciandovi un’impronta stato teatro di diversi tragici eventi. Re Ab-
(che si pensa sia ancora visibile in un an- dullah di Giordania (1882-1951) vi fu assas-
golo). Secondo la tradizione ebraica, que- sinato durante la preghiera del venerdì, nel
sto punto segnalerebbe il centro del mon- 1969 un turista australiano appiccò il fuoco
do. Sotto la roccia scende una scalinata che alla moschea causando gravi danni a ogget-
conduce a una grotta chiamata Pozzo delle ti religiosi di inestimabile valore e nel luglio
Anime, dove si dice si possano udire le vo- del 2017, in seguito all’uccisione di due po-
ci dei defunti mentre cadono nel fiume del liziotti israeliani, il governo israeliano fece
paradiso e raggiungono l’eternità. Sembra installare metal detector agli ingressi della
che il mihrab (nicchia che indica la direzio- moschea, un’iniziativa che scatenò proteste
ne della Mecca) del santuario sia il più an- e duri scontri che causarono diverse vittime.
tico del mondo islamico.
Durante i periodi di instabilità in termi-
ni di sicurezza, il complesso del Monte del 1 Porta di Giaffa
Tempio/Al Haram Ash Sharif rimane chiuso. Porta di Giaffa PORTA
(cartina p62) Una delle sei porte fatte costru-
Moschea Al Aqsa MOSCHEA ire da Solimano il Magnifico, la Porta di Giaf-
(cartina p62) Se la Cupola della Roccia fun- fa è in realtà un tunnel pedonale a zigzag, un
ge più da santuario che da luogo di preghie- tipo di percorso che aveva lo scopo di rallen-
ra, la Moschea Al Aqsa è un vero e proprio tare la carica di eventuali forze nemiche. La
luogo di culto, in grado di accogliere al suo breccia nel muro attraverso la quale passa
interno fino a 5000 fedeli. In arabo il nome oggi la strada fu realizzata nel 1898 per per-
Al Aqsa significa ‘moschea più lontana’ e fa mettere al Kaiser Guglielmo II e al suo segui-
riferimento al viaggio che secondo i musul- to di entrare in città in pompa magna, in oc-
mani sarebbe stato compiuto da Maometto casione della sua visita a Gerusalemme; più
prima di ascendere al cielo e ricevere am- che da cortei imperiali, oggi questa porta è
maestramenti da Allah. L’accesso è consen- attraversata da taxi.
tito solo a chi professa la fede musulmana,
ma i turisti possono ammirarla dall’esterno. oCittadella MUSEO
Costruita per volere del califfo omayya- (Torre di David; cartina p62; % informazioni 02-
de Al Walid (sul trono dal 705 al 715 d.C.), 626-5333, prenotazione visite guidate 02-626-5347;
la Moschea Al Aqsa sorge nel punto in cui www.tod.org.il; Omar Ibn Al Khattab Sq; interi/stu-
i crociati ritenevano si trovasse il Primo denti/bambini 40/30/18NIS; h 9-16 sab-gio, fino al-
Tempio, mentre secondo altri questo sito le 17 lug e agosto, 9-14 ven) Sebbene sia conosciu-
era nell’antichità una zona di mercato. Al- ta come ‘Torre di David’, la panoramica Cit-
cuni cristiani ritengono che questo possa tadella fu fondata come palazzo di Erode il
anche essere il luogo in cui Gesù rovesciò i Grande, per essere in seguito utilizzata, sem-
banchi dei mercanti e cacciò i cambiavalu- pre come palazzo, dai romani e dai crocia-
te (Matteo 21, 13). ti. Ampiamente ristrutturata dai Mameluc-
Ricostruita almeno due volte dopo esse- chi e dagli Ottomani, questa torre oggi ospi-
re stata distrutta da altrettanti rovinosi ter- ta l’interessante Museo della Storia di Ge-
remoti, questa moschea divenne nel 1099 la rusalemme, che ripercorre la storia della cit-
residenza dei re di Gerusalemme dopo la tà per mezzo di un’esposizione allestita in or-
conquista della città da parte dei crociati. dine cronologico, che inizia nel secondo mil-
Alla morte di re Baldovino II, avvenuta nel lennio a.C. e termina nel 1948.
1131, l’edificio fu assegnato a un ordine di Il megalomane Erode dotò il suo palaz-
monaci-soldati i cui membri cominciarono zo di tre poderose torri, la più grande delle
ben presto a farsi chiamare Cavalieri Tem- quali si dice fosse ispirata al Faro di Ales-
plari, dal nome della loro nuova sede. L’or- sandria, una delle sette meraviglie del mon-
dine fece costruire nuovi ampliamenti del- do antico. I resti scolpiti di una delle tor-
la struttura, tra cui il refettorio tuttora esi- ri più piccole fungono ancora oggi da base
69

CAPPELLA DEL CALVARIO


Cappella greco-ortodossa
(XII e XIII stazione)

Convento
francescano Chiesa
dell'Apparizione
Cappella francescana
(X e XI stazione)

Cappella
dei Siri di Santo Sepolcro Cappella
San Nicodemo (XIV stazione) dei Crociati
Cappella di
Cappella Sant’Elena
copta
Pietra v. riquadro
dell’Unzione Cappella
di Adamo
Cappella Cappella
armena del Calvario

ingresso

Strada per il
Quartiere Cristiano Strada per
(25 m) il Mauristan

2Visita della chiesa


Basilica del Santo Sepolcro
in modo che la fila scorra veloce. Sulla sinistra
INIZIO PIETRA DELL’UNZIONE
dell’altare si trova la tredicesima stazione, dove
FINE TOMBA DEL SANTO SEPOLCRO
DURATA 1 H
il corpo di Gesù fu tolto dalla croce e consegna-
to a Maria.
A questo punto scendete le scale situate oltre
Entrando nella chiesa vedrete davanti a voi la la cappella greco-ortodossa e girate a destra. La
1 Pietra dell’Unzione, che commemora il 3 Cappella di Adamo, sulla destra, fu il luogo
luogo in cui il corpo di Gesù fu preparato per la di sepoltura dei primi due re crociati, Goffredo
sepoltura. La pietra attuale risale al 1810 ed è di Buglione e Baldovino I (le loro tombe furono
spesso circondata da pellegrini in preghiera. spostate nel 1809). Più avanti vedrete una scala
Salite la ripida scala che vedrete sulla vostra che scende alla 4 Cappella di Sant’Elena
destra. La 2 Cappella del Calvario situata dove, secondo la leggenda, la madre di Costanti-
sulla sommità è divisa in due navate. All’ingres- no fece scavare e scoprì le tre croci. Quale fosse
so della prima cappella (francescana) si trova la Vera Croce lo rivelò un uomo malato che,
la decima stazione della Via Crucis, dove Gesù toccandola, venne miracolosamente guarito.
venne spogliato delle sue vesti. All’interno di Proseguendo intorno al muro orientale della
questa cappella c’è anche l’undicesima sta- centrale 5 Cappella dei Crociati (all’epoca
zione, dove Gesù fu inchiodato alla croce. La delle ricerche compiute per questa guida in fase
seconda cappella (greco-ortodossa) ospita la di restauro) raggiungerete una rotonda di legno
dodicesima stazione, considerata il luogo della in cui si trova la quattordicesima stazione della
crocifissione di Gesù; al centro si trova la Roccia Via Crucis, la 6 Tomba del Santo Sepolcro. I
del Calvario, sulla quale è stato costruito un fedeli attendono in fila per entrare nel minusco-
altare (un foro consente ai pellegrini di toccare lo spazio interno per qualche istante, prima che
la roccia sottostante). I solerti custodi fanno il sacerdote di guardia li inviti a proseguire.
70
del maschio principale della Cittadella. Do-
po la morte di Erode, il palazzo fu adibito Via Dolorosa
a residenza dei governatori romani e fu qui
che Gesù venne portato al cospetto di Pon- INIZIO VIA DOLOROSA, PRIMA STAZIONE
zio Pilato (Giovanni 18, 28 e 19, 16). L’edifi- FINE BASILICA DEL SANTO SEPOLCRO
cio venne in gran parte distrutto durante la DURATA 600 M; DA 1 H A 1 H 30 MIN
rivolta degli ebrei del 66 d.C. Circa due se-
Gerusalemme C he c o sa vedere

coli e mezzo più tardi, i bizantini ritennero La Via Dolorosa è il cammino che si crede ab-
erroneamente che il cumulo di rovine fos- bia compiuto Gesù portando la croce fino al
se il Monte Sion e lo identificarono con il Calvario. La storia di questo tragitto risale ai
palazzo di David, equivoco da cui deriva il tempi dei primi pellegrini bizantini, che il Gio-
nome di Torre di David, e poi vi costruiro- vedì Santo percorrevano il sentiero dal Get-
no una nuova fortezza. semani al Calvario.
Ogni volta che Gerusalemme passava da A partire dall’VIII secolo i pellegrini inizia-
una potenza all’altra, la stessa sorte tocca- rono a fare fermate rituali per ricordare le
va alla Cittadella, che dopo i bizantini vide stazioni della Via Crucis. Nel Medioevo, con
arrivare i musulmani e quindi i crociati, i il mondo cristiano diviso in due, anche la
quali aggiunsero il fossato. L’edificio che si Via Dolorosa si sdoppiò e ognuna delle due
può vedere oggi risale per la maggior parte confessioni tracciò il suo percorso. Nel XIV
all’intervento del sultano mamelucco Ma- secolo i francescani individuarono un itinera-
lik an-Nasir (1310 circa), ma comprende an- rio che comprendeva alcune stazioni odierne,
che nuove strutture aggiunte da Solimano ma che partiva dal Santo Sepolcro. Questo
il Magnifico tra il 1531 e il 1538, al quale si diventò il tragitto consueto per quasi due
deve la porta da cui si accede alla Cittadel- secoli, ma in seguito fu modificato in base
la. La Cittadella venne erroneamente asso- al desiderio dei pellegrini europei di seguire
ciata a David anche nel XIX secolo, quan- la cronologia degli eventi narrati dai Vangeli,
do gli europei scambiarono il suo minare- concludendosi quindi nel luogo ritenuto della
to ottomano per la Torre di David. Il 9 di- Crocifissione. Oggi le stazioni sono segnalate
cembre del 1917 sui gradini della Cittadella da targhe di metallo circolari.
il generale Allenby accettò la resa della cit- La 1 prima stazione, dove Ponzio
tà, ponendo così fine a quattro secoli di do- Pilato condannò Gesù, si trova all’interno del
minio ottomano. collegio di Al Omariyeh, una scuola islamica
La Cittadella consente di ammirare un tuttora in attività situata nei pressi della Porta
meraviglioso panorama a 360° su tutta Ge- di Santo Stefano (o Porta dei Leoni). L’ingres-
rusalemme. Vi consigliamo di visitare il suo so è costituito dalla porta marrone situata in
interessante museo non appena giunti in cit- cima alla rampa nel lato meridionale della Via
tà, perché le sue esposizioni offrono un’ec- Dolorosa, accanto all’Arco dell’Ecce Homo.
cellente introduzione a Gerusalemme. L’u- Dal momento che l’accesso ai visitatori non è
tile audioguida gratuita è disponibile an- sempre consentito, non stupitevi se vi chie-
che in versione app (sia per iOS sia per An- deranno di andarvene e per questo motivo
droid) nel sito web del museo; scaricatela molti gruppi di pellegrini pregano all’esterno.
prima del vostro arrivo. Nel giardino trove- A volte è possibile entrare dopo la fine delle
rete un caffè (aperto dalle 9 alle 16 da do- lezioni, dalle 15 alle 17.
menica a giovedì e fino alle 14 venerdì) do- La 2 seconda stazione si trova nel lato
tato di connessione wi-fi. opposto della strada rispetto al collegio, nella
Il popolare spettacolo di suoni e luci Not- Cappella Francescana della Condanna, che
te Spettacolare (interi/studenti e bambini vedrete sulla vostra sinistra dopo essere
55/45NIS), che ripercorre in 45 minuti la entrati nel complesso della chiesa. Qui Gesù
storia di Gerusalemme, si tiene nel cortile fu caricato della Croce. Sulla destra si trova
interno della Cittadella cinque sere la set- invece la Cappella della Flagellazione, ovvero
timana con due rappresentazioni per se- il luogo in cui Gesù fu flagellato. Ricostruita
ra; gli orari di inizio dipendono dall’ora in nel 1929, questa cappella incorpora nel soffit-
cui tramonta il sole. Per avere ulteriori in- to a cupola sopra all’altare la corona di spine,
formazioni, consultate il sito web. La Not- mentre le vetrate che circondano l’altare
te Spettacolare è accessibile anche a chi si ritraggono la folla che assistette all’evento.
sposta sulla sedia a rotelle, così come alcu- Un spettacolo multimediale (15NIS) rievoca
ne sezioni del museo. tutta la storia.
66
71

Herod's G
e
# 0
0 0.1 miles
200 m

Ascent
Souq Khan Al
66 66
Al

Nun's t
Asce

ate
W
ad
e
' Gat

n
s
2 Lion

St
INIZIO
#
#
1
rosa
Via Dolo

Ghawanim
Zeit St

Bab Al
#
3
#4

66

a St
Qanater
Khudair St Temple
a #
5 Mount/
ros
olo Al Haram
Via D Ash Sharif
#
7
#
6
ah St
t Al Khanq
Aqaba #
8

66
a St
Takiy
at Al
#
9 Aqab
BAB AL

Al Wa
Ü
#
Church of Ethiopian HADID
the Holy Monastery Alexander

d St
Sepulchre Ü
# Nevski
HaSaraya
FINE
#
10

6
66
Mauristan Rd

Proseguendo per un breve tratto in discesa


fino ad Al Wad St e girando poi a sinistra in Al
Wad, dopo pochi passi raggiungerete la 3 ter-
za stazione, il punto in cui Gesù cadde la prima
volta. La stazione è segnalata da una piccola
cappella situata sulla sinistra dell’ingresso
dell’Ospizio del Patriarcato Cattolico Armeno;
6
pella segnalata da cartelli situati sul muro del
suq. Nel I secolo questo muro segnava il confine
della città e c’era una porta che dava sulla cam-
pagna. Questo fatto fa ritenere corretta la teoria
secondo la quale la Basilica del Santo Sepolcro
sarebbe il vero luogo in cui si svolsero la crocifis-
sione, la morte e la resurrezione di Gesù.
scendete nella cripta. La 4 quarta stazione, A questo punto attraversate Souq Khan Al
che indica il punto in cui Gesù vide sua madre in Zeit St e salite lungo Aqabat Al Khanqah St.
mezzo alla folla, si trova all’ingresso della cap- Pochi passi più avanti, incastonata in un muro
pella ed è riconoscibile dalla pavimentazione di pietra sulla sinistra e segnalata da un simbolo
a pietre. rosso vedrete la pietra con la croce latina che
Mentre Al Wad St prosegue in direzione sud indica l’8 ottava stazione, il punto in cui Gesù
verso il Muro Occidentale, la Via Dolorosa si disse alle donne di Gerusalemme di piangere
interrompe per salire verso ovest; all’angolo per sé e per i loro figli, ma non per lui.
si trova la 5 quinta stazione, dove i romani Tornate indietro verso Souq Khan Al Zeit St e
ordinarono a Simone di Cirene di aiutare Gesù girate a destra in direzione sud. Salite gli scalini
a portare la croce. Questo punto è segnalato da che vedrete sulla vostra destra e seguite il sen-
un’iscrizione latina collocata sopra una porta tiero che gira intorno alla Cappella Copta. I resti
in pietra. di una colonna nella porta della chiesa indicano
Più avanti, in corrispondenza di una porta la 9 nona stazione, dove Gesù cadde per la
marrone situata sulla sinistra si trova la 6 terza volta.
sesta stazione, dove Veronica asciugò il volto di Per finire, tornate sulla strada principale o
Gesù con un panno. dirigetevi verso il Monastero Etiope per rag-
Poco oltre si entra nell’animata Souq Khan giungere la a Basilica del Santo Sepolcro
Al Zeit St. La 7 settima stazione, dove Gesù (p73), al cui interno si trovano le ultime cin-
cadde per la seconda volta, è una piccola cap- que stazioni della Via Dolorosa.
72

LA SINDROME DI GERUSALEMME
Ogni anno milioni di visitatori si recano a Gerusalemme per ripercorrere il cammino dei
patriarchi ebrei, dopo di che alcuni tornano a casa credendosi profeti reincarnati. Que-
sta patologia ufficialmente riconosciuta dalla medicina è un disturbo psichico chiamato
sindrome di Gerusalemme e si verifica quando i visitatori restano sopraffatti dal signifi-
cato spirituale della Città Santa.
Gerusalemme C he c o sa vedere

Questa sindrome fu documentata per la prima volta negli anni ‘30 dal dottor Heinz
Herman, uno psichiatra di Gerusalemme. Dai casi registrati risulta che la sindrome
colpisce persone appartenenti a ogni credo, in particolare nei periodi di Natale e della
Pasqua ebraica. I primi sintomi evidenziati sono ansia e disorientamento e lo stato di
agitazione culmina con la delusione per il fallimento dell’incarico divino da cui il sogget-
to colpito si sentiva investito. Negli ultimi anni si sono registrati casi di turisti convinti di
essere Sansone, la Vergine Maria incinta o uno dei cavalieri dell’Apocalisse.
La maggior parte delle persone affetta da questa sindrome è innocua e si limita a
qualche sermone o comportamento bizzarro. Il caso più grave registrato finora è quello
di un fanatico australiano che nel 1969 appiccò il fuoco alla Moschea Al Aqsa, convinto
di aver ricevuto da Dio la missione di sgomberare l’area del Monte del Tempio/Al Ha-
ram Ash Sharif da tutti gli edifici non cristiani in attesa della seconda venuta del Messia.
I medici stimano che la sindrome di Gerusalemme colpisca ogni anno oltre 50 per-
sone; sebbene molti di questi casi abbiano storie di disturbi mentali alle spalle, alcuni
(categorizzati come ‘terzo sottotipo’) non avevano mai avuto problemi psichiatrici.
Quasi tutte le persone affette da questa sindrome vengono portate alla clinica psi-
chiatrica statale Kfar Shaul, nella periferia di Gerusalemme Ovest, dove i pazienti vengo-
no monitorati e poi ‒ una volta appurato che non rappresentano un rischio per se stessi
o per gli altri ‒ vengono rimandati a casa.
La Città Vecchia di Gerusalemme funge da elemento scatenante. Questa zona dove
il tempo sembra essersi fermato esercita infatti un forte impatto emotivo e spirituale
sui visitatori che si sentono sopraffatti. I neuroscienzati spiegano il fenomeno come
una sovrastimolazione del sistema limbico, l’area del cervello responsabile dell’origine
e della gestione delle emozioni. In genere i sintomi scompaiono alla stessa velocità con
cui si sono manifestati, di solito non appena la persona affetta lascia Gerusalemme.

Passeggiata lungo i bastioni SITO STORICO il tratto meridionale è aperto fino alle 22. I
(cartina p62; interi/bambini 18/8NIS; h entrambi panorami più belli vengono offerti dalla se-
i tratti 9-16 sab-gio ott-marzo, fino alle 17 apr-set, trat- zione che va dalla Porta di Giaffa alla Por-
to meridionale 9-14 ven tutto l’anno) Dal momen- ta di Damasco. Tenete però presente che le
to che lungo la passeggiata sui bastioni della vedute che si possono ammirare dalla Cit-
Città Vecchia non c’è un filo d’ombra, in esta- tadella (p68), dalla Chiesa Luterana del
te il cammino può risultare piuttosto faticoso. Redentore (p74) e dalle terrazze sul tetto
In ogni caso, si tratta di un modo molto inte- di numerosi ostelli e ristoranti sono di gran
ressante per ammirare dall’alto questa città lunga più suggestive.
senza tempo. I tratti di queste antiche mura
aperti al pubblico sono due: quello che dal-
la Porta di Giaffa (p68) si dirige verso sud 1 Quartiere Cristiano
fino alla Porta del Letame (p64) e quello Esteso su una superficie di 18,2 ettari, il Quar-
che dalla Porta di Giaffa procede verso nord e tiere Cristiano è un piacevole mosaico di stra-
ovest fino alla Porta dei Leoni o Porta di San- de strette piene di negozi di souvenir, labo-
to Stefano (p80). I bastioni situati all’altez- ratori artigianali, strutture di accoglienza,
za del Monte del Tempio non sono accessibi- ostelli e istituzioni religiose appartenenti a
li al pubblico. I biglietti possono essere ac- 20 confessioni cristiane. Al centro del quar-
quistati presso l’ufficio turistico (p122), nei tiere si trova la Basilica del Santo Sepolcro,
pressi della Porta di Giaffa. una delle mete di pellegrinaggio più impor-
Il biglietto comprende l’accesso a entram- tanti del mondo. Entrando nella Città Vecchia
bi i tratti dei bastioni nell’arco di una sola dalla Porta di Giaffa, le prime due vie che si
giornata. Il tratto settentrionale è chiuso il diramano sulla sinistra – Latin Patriarchate
venerdì, mentre nei mesi di luglio e agosto Rd e Greek Catholic Patriarchate Rd – con-
73
ducono in una zona tranquilla nei pressi del- suo interno ci sono le ultime cinque stazio-
la Porta Nuova, dove risiedono i più impor- ni della Via Crucis (dalla decima alla quat-
tanti prelati locali. tordicesima), perennemente affollate di tu-
Dalla Porta di Giaffa, dopo aver attraver- risti e di pellegrini.
sato Omar Ibn Al Khattab Sq, si incontra La decisione di costruire una chiesa in
uno stretto passaggio in discesa che conduce questo luogo fu presa tre secoli dopo la
a David St, un bazar per turisti il cui obietti- crocifissione di Cristo da sant’Elena, ma-

Gerusalemme C he c o sa vedere
vo consiste nel riempire le valigie dei visita- dre dell’imperatore Costantino. Arrivata in
tori di paccottiglia dai prezzi esagerati (con- pellegrinaggio nella Città Santa, Elena no-
trattate accanitamente). A metà della via, tò il tempio pagano fatto erigere nel 135 d.C.
sulla sinistra si incontra Christian Quarter dall’imperatore Adriano in onore di Vene-
Rd, uno stretto passaggio fiancheggiato da re e si convinse che questo complesso fos-
negozi di souvenir. Percorrendo questa via se stato costruito per far desistere i primi
si raggiunge la Basilica del Santo Sepolcro. cristiani dal venerare questo luogo. Insie-
David St termina in un caotico incrocio, me al vescovo di Gerusalemme Macario, la
che a sinistra conduce a Souq Khan Al Zeit santa chiese all’imperatore di fare demoli-
St, una delle arterie principali del Quartie- re il tempio, riportare alla luce il sepolcro di
re Musulmano, e a destra al Cardo Maxi- Cristo e costruire una chiesa per custodirlo.
mus (p77), che a sua volta porta al Quar- Dagli scavi emersero tre croci, un fatto
tiere Ebraico. Proseguendo in discesa lun- che indusse sant’Elena a identificare que-
go un percorso a zigzag si arriva a Bab Al sto luogo con il Calvario citato nei Vangeli.
Silsila St, che conduce al Muro Occidentale I lavori per la costruzione della chiesa co-
(p75) e all’ingresso di Al Silsila al Monte stantiniana ebbero inizio nel 326 e la basili-
del Tempio/Al Haram Ash Sharif (p65). ca venne consacrata nove anni più tardi. Se
Ogni venerdì i frati francescani conduco- vi dovesse risultare difficile credere che Ge-
no una processione con la croce lungo la Via sù sia stato crocifisso nel cuore della città,
Dolorosa (cartina p62), che parte alle 15 da tenete presente che due millenni fa questo
ottobre a marzo e alle 16 da aprile a settem- luogo era un appezzamento di terra abban-
bre dal centro di accoglienza dei pellegrini donato situato al di fuori delle mura citta-
situato 300 m all’interno della Porta di San- dine. A partire dal IV secolo furono costru-
to Stefano (o Porta dei Leoni). Purtroppo la iti diversi santuari e chiese, che di volta in
processione è sempre molto affollata, per cui volta vennero distrutti dagli eserciti invaso-
vi consigliamo di seguire il nostro itinera- ri e poi ricostruiti.
rio a piedi (p70) in un altro momento. Quando nel 638 la città fu conquistata
Per avere ulteriori informazioni sulle at- dall’esercito arabo, il califfo Omar si rifiu-
trattive principali del Quartiere Cristiano, tò di pregare nella basilica facendo nota-
visitate il sito web www.cicts.org. re che ‒ se avesse accettato ‒ i suoi seguaci
musulmani l’avrebbero trasformata in una
oBasilica del Santo Sepolcro CHIESA moschea. Nel 1009 la basilica venne invece
(cartina p62; % 02-626-7000; h 5-21 Pasqua-set distrutta dal folle califfo Hakim.
(fino alle 20 dom), 4-19 ott-Pasqua) Quattro ma- I lavori di restauro iniziarono già nel 1010,
gnifici archi, impreziositi da architravi deco- ma procedettero a rilento a causa della man-
rati in maniera molto elaborata, annunciano canza di fondi. Circa 20 anni dopo la tesore-
l’ingresso a uno dei luoghi più sacri della cri- ria dell’impero bizantino fornì un sussidio,
stianità. Questa chiesa fu costruita nel luogo che però non risultò sufficiente per finan-
che molti cristiani identificano con il Calva- ziare la ricostruzione completa della chiesa
rio, o Golgota, dove le Sacre Scritture narra- originaria, per cui un’ampia parte dell’edifi-
no che Gesù venne crocifisso, morì e risorse. cio venne abbandonata. In compenso, fu in-
Da sedici secoli i pellegrini vi giungono da serita una galleria superiore nella rotonda
ogni angolo del mondo per pregare; a meno e aggiunta un’abside nel lato orientale. Il 15
che non arriviate molto presto, aspettatevi di luglio del 1099 in questa chiesa i crociati fe-
trovare orde di turisti piuttosto che un luogo cero il loro ingresso come nuovi governanti
in cui meditare in tranquillità. La via di ac- della città. Nel corso della loro permanen-
cesso più semplice è da Christian Quarter Rd. za a Gerusalemme, i crociati apportarono
Stretta in un cortile al confine tra il Quar- all’edificio modifiche molto significative, al
tiere Cristiano e il Quartiere Musulmano, punto che la basilica che si può vedere og-
questa chiesa sembra apparire dal nulla. Al gi è in effetti un edificio crociato di origi-
74
ne bizantina. All’epoca, l’ingresso principa- Monastero Etiope SITO RELIGIOSO
le aveva due punti di accesso: la porta uti- (cartina p62; Deir Es Sultan; h ore di luce) Rele-
lizzata ancora oggi e un’altra collocata sulla gato sul tetto della Basilica del Santo Sepol-
sommità di una scalinata esterna di epoca cro (p73), questo monastero ospita alcu-
crociata, dalla quale si accedeva a una pic- ni monaci della Chiesa d’Etiopia, che vivo-
cola cappella che fungeva da ingresso ceri- no in mezzo alle rovine di un chiostro me-
moniale al Calvario. Questa cappella fu mu- dievale fatto costruire dai crociati. La cupola
Gerusalemme C he c o sa vedere

rata dopo la sconfitta dei crociati nel 1187; che si apre al centro di questa parte dei tet-
la sua architrave scolpita è oggi esposta nel ti della basilica illumina la sottostante Crip-
Museo Archeologico Rockefeller (p93). ta di Sant’Elena. Una porta nell’angolo sud-
Un incendio nel 1808 e un terremoto nel orientale conduce a una cappella, che consen-
1927 causarono danni molto gravi alla Ba- te di scendere al cortile del Santo Sepolcro.
silica del Santo Sepolcro ma, a causa della Le pareti del chiostro sono ornate da di-
rivalità esistente tra le diverse confessioni pinti che raffigurano santi etiopi, la Sacra
cristiane che già allora ne condividevano la Famiglia e la regina di Saba durante la sua
proprietà (cattolici, greco-ortodossi, armeni visita a Gerusalemme. In occasione di que-
ortodossi, siriani, copti ed etiopi), si dovet- sta visita la regina intrecciò una relazio-
te attendere fino al 1959 perché fosse rag- ne con il re Salomone, dalla quale nacque-
giunto un accordo sul programma dei lavo- ro gli eredi di entrambe le stirpi reali; uno
ri più urgenti. Ci sono voluti decenni anche di essi avrebbe portato l’Arca dell’Allean-
per raggiungere un accordo sui lavori di re- za in Etiopia.
stauro eseguiti nel 2016 che hanno interes- Questo monastero si trova in realtà all’in-
sato l’edicola, intervento che ha permesso di terno del Patriarcato Copto. All’inizio del
dare nuova solidità alla struttura ed è costa- XX secolo, quando la Chiesa d’Etiopia di-
to quattro milioni di dollari. Per evitare dis- venne indipendente, i monaci furono cac-
sidi sul controllo della basilica, fin dai tem- ciati dal monastero copto e si trasferirono
pi di Saladino le chiavi della chiesa sono af- in questo edificio.
fidate a una famiglia musulmana del luogo, Il monastero può essere raggiunto per
i Nusseibeh, che provvede ad aprire le por- mezzo di una scala che sale da Souq Khan
te ogni mattina e a chiuderle la sera. Si ri- Al Zeit St (cercate la bancarella di succhi
tiene che quella dei Nusseibeh sia la fami- di frutta e il fatiscente ingresso della famo-
glia musulmana più antica di Gerusalemme. sa pasticceria Zalatimo; p112). Salendo le
All’interno della Basilica del Santo Sepol- scale vedrete la cappella del patriarcato di
cro sono custodite numerose reliquie, mol- fronte a voi e l’ingresso di una cisterna sul-
te delle quali particolarmente venerate dai la destra. Il monastero si trova sulla sinistra.
pellegrini. In origine venne esposta anche
la croce scoperta da sant’Elena ma, dal mo- Mauristan SITO STORICO
mento che molti pellegrini, mentre si china- (cartina p62) Il Mauristan (termine persia-
vano per baciarla, staccavano ‒ anche con i no che significa ‘ospedale’ oppure ‘ospizio’)
denti ‒ pezzi di legno da portarsi a casa per è fiancheggiato da negozi e presenta al cen-
ricordo, alla fine non ne rimase quasi nul- tro una fontana del XIX secolo. Due suq (uno
la. Oggi i pellegrini si limitano a versare un dei quali pieno di macellerie) lo collegano a
po’ di olio sulla Pietra dell’Unzione e a pas- David St. Durante il dominio romano questa
sarci sopra un fazzoletto da riportare a ca- piazza veniva utilizzata come mercato. I cro-
sa come reliquia. ciati vi costruirono alcune chiese con altret-
Per visitare la Basilica del Santo Sepolcro tanti ospizi; una di queste, la Chiesa di San
bisogna avere un abbigliamento decoroso: Giovanni Battista, è giunta fino a noi, men-
le guardie sono molto severe in proposito e tre il suo ospizio è scomparso da tempo. Og-
non lasciano entrare persone con le gambe, gi la piazza è animata da variopinte banca-
le spalle o la schiena scoperte. L’ingresso relle traboccanti di vestiti e souvenir.
principale si trova in Christian Quarter Rd,
ma ci sono altri punti di accesso raggiun- Chiesa Luterana del Redentore CHIESA
gibili da Dabbaga Rd (a cui si arriva sia da (cartina p62; % 02-626-6800; Mauristan Rd;
Souq Khan Al Zeit St sia da Mauristan Rd) o cripta e torre interi/under 14 15/7,50NIS; h 10-17
da uno dei tetti presso il Monastero Etiope. lun-sab) La torre campanaria a pianta qua-
drata di questa chiesa luterana ‒ il secondo
edificio sacro protestante costruito a Geru-
salemme ‒ caratterizza lo skyline della Città
75
Vecchia dal 1898. Commissionata dal Kaiser
Guglielmo II, la Chiesa del Redentore fu co- QUARTIERE EBRAICO –
struita nel luogo in cui si trovava un santua- BIGLIETTO CUMULATIVO
rio dell’XI secolo. Vale la pena di acquistare
il biglietto per visitarne l’interno. Trattenete Per risparmiare qualche shekel si può
il fiato perché la scala a chiocciola è strettis- acquistare il biglietto cumulativo
sima; una volta arrivati in cima, verrete ri- (interi/bambini 60/45NIS), che com-
prende l’accesso a quattro attratti-

Gerusalemme C he c o sa vedere
pagati da un sublime panorama a 360° sul-
la Città Vecchia. ve del Quartiere Ebraico: il Museo del
Quartiere di Erode, la Sinagoga Hur-
Chiesa di Cristo CHIESA va (p78), la Casa Bruciata e il Par-
(cartina p62; %02-627-7727; www.cmj-israel.org; co Archeologico di Gerusalemme e
Omar ibn al Khattab Sq) Ultimata nel 1849, que- Davidson Centre. Questo biglietto
sta chiesa anglicana in stile gotico sfoggia ve- può essere acquistato presso uno dei
trate policrome decorate con simboli ebrai- quattro siti ed è valido 48 ore.
ci ed è rivolta ‒ come tutte le sinagoghe di
Gerusalemme ‒ verso il Monte del Tempio/
Al Haram Ash Sharif. La commistione di più dettagliate sui siti ebraici conviene con-
elementi ebraici e cristiani è voluta, perché sultare il sito web www.rova-yehudi.org.il.
i fondatori della Chiesa di Cristo erano con-
vinti che gli ebrei sarebbero stati restituiti a oMuro Occidentale SITO EBRAICO
quella che allora era la Palestina turca e che (cartina p62; www.thekotel.org; h 24 h) Si re-
molti di loro avrebbero finito per riconosce- spira sempre un’atmosfera vibrante nel luo-
re Gesù Cristo come il Messia prima del suo go di devozione più sacro del popolo ebrai-
ritorno. Oggi la Chiesa di Cristo prosegue la co, dove fedeli recitano versetti, toccano con
sua missione interconfessionale. le mani queste pietre vecchie di due millen-
Le funzioni in lingua inglese vengono ce- ni e pregano con zelo e fervore. Il Muro Oc-
lebrate ogni domenica alle 9.30 e alle 19. cidentale (o più semplicemente Kotel) sostie-
ne la parte esterna del Monte del Tempio sul
quale un tempo sorgeva il Secondo Tempio. I
1 Quartiere Ebraico suoi costruttori non avrebbero mai pensato
Esteso su una superficie di 0,12 kmq, il Quar- che un giorno la loro modesta opera sareb-
tiere Ebraico venne pesantemente bombar- be diventata un sito religioso di questa im-
dato dalla Legione Araba durante i combat- portanza. Secondo i testi rabbinici, questa
timenti del 1948 e in seguito fu demolito dai struttura di sostegno non sarebbe mai stata
giordani, per cui dopo il 1967 gran parte della abbandonata dalla Shechina (presenza divi-
zona dovette essere completamente ricostru- na). Il muro è accessibile alle persone di ogni
ita. Tra le piacevoli vie lastricate che si dira- fede 365 giorni l’anno; vestitevi con sobrietà.
mano dalla centrale Hurva Sq (cartina p62) Dopo la distruzione del Tempio, avvenu-
vivono più di 2000 persone, circa un decimo ta nel 70 d.C., gli ebrei vennero mandati in
della popolazione del quartiere all’inizio del esilio e persero ogni ricordo della posizione
XX secolo. Sotto il livello stradale sono sta- esatta dell’edificio. Quando fecero ritorno a
ti rinvenuti numerosi reperti archeologici di Gerusalemme, evitarono deliberatamente la
grande interesse, alcuni dei quali risalgono zona del Monte del Tempio, temendo di cal-
addirittura all’epoca del Primo Tempio (dal pestare il sancta sanctorum, nel quale pote-
1000 al 586 a.C. circa); alcuni dei pezzi più va entrare solo il sommo sacerdote. Per que-
interessanti sono esposti all’interno del Mu- sto motivo, gli ebrei iniziarono a raccoglier-
seo del Quartiere di Erode (p78). si in preghiera presso questo muro esterno.
Il Quartiere Ebraico è una delle zone del- La sua importanza come meta di pellegri-
la Città Vecchia meglio attrezzate per acco- naggio ebbe inizio durante il periodo otto-
gliere i visitatori che si spostano sulla sedia mano, quando gli ebrei venivano a piange-
a rotelle. Per loro è stato tracciato un itine- re la distruzione del Tempio, abitudine da
rario che inizia nel parcheggio situato a sud cui deriva il nome di Muro del Pianto, un
di Hurva Sq. Per avere ulteriori informazio- termine che però gli ebrei tendono a evita-
ni in merito, rivolgetevi all’ufficio turisti- re. In quel periodo le case erano costruite
co (p122), mentre per avere informazioni l’una accanto all’altra fino al muro, al pun-
to che per la preghiera rimaneva libero so-
lo uno stretto vicolo.
76
Nel 1948, anno in cui la Città Vecchia pas- Al Aqsa. Da vicino è possibile vedere anche
sò sotto il controllo giordano e gli abitan- i rotolini di carta infilati nelle fessure tra le
ti del Quartiere Ebraico vennero espulsi, pietre. Secondo una diffusa credenza, le pre-
gli ebrei persero l’accesso al Muro. Dician- ghiere e i desideri inseriti nel Muro avrebbe-
nove anni più tardi, durante la Guerra dei ro molte probabilità di essere esauditi. I fo-
Sei Giorni i paracadutisti israeliani prese- glietti recanti le preghiere posti nelle crepe
ro d’assalto la Città Vecchia e si fecero stra- del Muro non vengono buttati via, in quan-
Gerusalemme C he c o sa vedere

da fino al Muro. La prima mossa che com- to i custodi del Muro recuperano tutti i bi-
pirono nell’assumere il controllo della Città glietti fatti cadere nell’area prospiciente e li
Vecchia fu quella di radere al suolo le abita- seppelliscono nel Monte degli Ulivi con l’ul-
zioni arabe confinanti, in modo da creare la tima persona deceduta. Sono accettate an-
piazza in pendenza che si può vedere oggi. che le preghiere in formato digitale: basta
L’area prospiciente il Muro funge oggi da compilare l’apposito modulo online nel si-
grande sinagoga all’aperto ed esercita un fa- to web del Kotel e inviare la preghiera, che
scino magnetico anche su chi non professa verrà stampata dai custodi del Muro e in-
alcuna religione. È divisa in due zone, una serita in una fessura.
più piccola situata a sud e riservata alle don- Nel lato del Muro Occidentale riservato
ne e una più grande a nord per gli uomini. agli uomini c’è uno stretto passaggio che si
In questa zona è possibile vedere ebrei ultra- insinua sotto l’Arco di Wilson e che un tem-
ortodossi vestiti di nero che pregano oscil- po veniva utilizzato dai sacerdoti per entra-
lando avanti e indietro sui talloni e chinan- re nel Tempio. Non mancate di dare un’oc-
do la testa; di tanto in tanto interrompono chiata ai due pozzi illuminati, che vi consen-
la preghiera per avvicinarsi e baciare le pie- tiranno di farvi un’idea dell’altezza origina-
tre. Le donne incontrano maggiori difficol- ria del Muro. Tenete presente che l’accesso
tà nel pregare liberamente secondo le loro a questa zona è vietato alle donne.
consuetudini presso il Muro, perché i gesto- Per visitare il Muro Occidentale è richie-
ri ortodossi si sentono a disagio nel senti- sto un abbigliamento decoroso (in caso di
re voci femminili intonare i canti delle pre- dubbio, copritevi dalle spalle alle ginocchia)
ghiere. Il progetto di istituire una zona di e i visitatori di sesso maschile devono indos-
preghiera mista presso il Muro è oggetto di sare un copricapo (per chi ne fosse sprovvi-
accesi dibattiti. Il movimento delle ‘Donne sto, sono disponibili kippah di carta). Du-
del Muro’ si oppone strenuamente alla di- rante lo Shabbat è vietato scattare fotogra-
visione di genere e non si accontenta della fie, mentre negli altri momenti è possibile
piccola zona di preghiera già esistente ri- farlo con discrezione e rispetto. Se visitate
servata alle donne. La questione della divi- il Muro durante lo Shabbat e volete inseri-
sione di genere riveste una grande impor- re una preghiera tra le fessure, dovrete scri-
tanza per gli ebrei americani, mentre per vere il biglietto prima del vostro arrivo, per-
quelli israeliani è meno sentita. Di recente ché in questo periodo della settimana è vie-
il governo israeliano ha fatto marcia indie- tato scrivere nell’area prospiciente il Muro.
tro rispetto alla attesa realizzazione di uno
spazio di preghiera aperto sia agli uomini oGallerie del Muro
sia alle donne. Occidentale SITO ARCHEOLOGICO
Al tramonto di ogni venerdì una grande (cartina p62; % 02-627-1333; www.thekotel.org;
folla si raduna davanti al Muro Occidenta- interi/studenti e bambini 35/19NIS; h solo con visi-
le per celebrare l’arrivo dello Shabbat. Que- ta guidata 8.30-17) Le visite guidate delle Galle-
sta piazza è anche un luogo molto popola- rie del Muro Occidentale offrono la possibili-
re per le cerimonie del bar mitzvah, che in tà di vedere la monumentale costruzione di
genere si svolgono durante lo Shabbat op- Erode da una prospettiva completamente di-
pure il lunedì o il giovedì mattina. È molto versa. I visitatori vengono condotti lungo un
bello visitare il Muro Occidentale durante corridoio di 488 m, che segue il lato setten-
queste cerimonie, perché i componenti delle trionale del Muro. Scavato dagli archeologi,
famiglie si avvicinano cantando e danzando. questo cunicolo scende aprendosi un varco
Fate caso ai diversi stili in cui furono la- fino al livello della strada originale. Le ‘pie-
vorate le pietre che formano il Muro. I gi- tre erodiane’ delle fondamenta sono gigante-
ganteschi strati inferiori sono costituiti di sche, alcuni blocchi sono lunghi fino a 14 m
‘pietre erodiane’, mentre quelli superiori ri- e pesano circa 600 tonnellate.
salgono all’epoca in cui fu eretta la Moschea
77
Le gallerie possono essere visitate solo Cardo Maximus SITO STORICO
prendendo parte a una visita guidata di 75 (cartina p62) In origine questo viale largo
minuti (in ebraico e in inglese diverse vol- 22 m, dotato di colonne e fiancheggiato da
te al giorno tutto l’anno; in francese, spa- portici era la via principale della Gerusalem-
gnolo e russo solo in estate), che deve esse- me romana e bizantina. Nel corso degli scavi
re prenotata in anticipo. Se possibile, cerca- archeologici effettuati nel 1975 la parte della
te di farlo almeno una settimana prima, in via diretta verso sud, situata 2,5 m sotto l’at-

Gerusalemme C he c o sa vedere
quanto questi tour sono molto popolari e i tuale livello stradale, è stata restaurata, men-
posti si esauriscono sempre molto in fretta. tre il resto è stato ricostruito e trasformato
in una galleria di negozi d’arte.
Parco Archeologico di Gerusalemme Un tempo questa strada attraversava l’in-
e Davidson Centre SITO STORICO tera città, fino a raggiungere il punto in cui
(cartina p62; % 02-627-7550; interi/studenti e oggi si apre la Porta di Damasco, ma nella
bambini 30/16NIS, visite guidate 160NIS, audiogui- sua forma attuale inizia pochi passi a sud
da 5NIS; h 8-17 dom-gio, fino alle 14 ven) Questo si- di David St, il ‘suq per turisti’, e costituisce
to archeologico situato nei pressi della Porta il principale ingresso del Quartiere Ebraico
del Letame (p128) consente di vedere i resti per chi arriva dal Quartiere Musulmano e
di strade, colonne, porte, mura, piazze e va- da quello Cristiano. Alcuni pozzi consento-
sche per il mikve’ot (bagno rituale ebraico). no ai visitatori di dare un’occhiata alle zone
Un’utile audioguida aiuta i visitatori a esplo- scavate sotto il livello stradale, dove è pos-
rare la parte aperta, mentre il centro visita- sibile vedere gli strati di un muro che risale
tori propone documentari in ebraico e in in- all’epoca del Primo e del Secondo Tempio.
glese, tra cui uno incentrato sugli scavi ese-
guiti negli anni ’70 e uno che consente di far- Le quattro sinagoghe sefardite SINAGOGHE
si un’idea dell’aspetto che questa zona dove- (cartina p62; % 02-628-0592; 2 Mishmerot Ha-
va avere due millenni fa. Kehuna; interi/bambini 10/7NIS; h 9.30-15.30 dom-
Entrando, vedrete sulla sinistra i resti di gio, fino alle 13 ven) Questo complesso di sinago-
quella che un tempo era la via principale di ghe permette di visitare quattro edifici sacri
Gerusalemme, che costeggiava il Muro Occi- con un solo biglietto. Le due sinagoghe più
dentale in tutta la sua lunghezza. Dalle mu- antiche risalgono alla fine del XVI secolo e
ra di epoca erodiana sporgono i resti di un tutte e quattro furono ridotte in rovina du-
arco, chiamato Arco di Robinson in onore rante la guerra arabo-israeliana, per essere
di un esploratore americano del XIX seco- poi restaurate tra il 1967 e il 1972. Con i loro
lo, che nell’antichità faceva parte di un pon- centri di studi e le istituzioni benefiche, que-
te di collegamento tra il Monte del Tempio ste sinagoghe rimasero il fulcro della vita spi-
e la principale zona commerciale della città. rituale e culturale della comunità sefardita
Si ritiene che le pietre della pavimentazio- locale fino alla fine del XIX secolo.
ne stradale di epoca erodiana situate sotto Le sinagoghe sono tuttora luogo di culto.
l’arco facessero parte del Muro Occidentale Dal momento che la legislazione dell’e-
e che siano state rimosse dai romani quan- poca stabiliva che le sinagoghe non pote-
do distrussero il Tempio nel 70 d.C. Nelle vi- vano essere più alte degli edifici circostanti
cinanze si trova una scalinata divisa in due, (e sicuramente non più alte delle moschee),
che conduce a un mikveh dello stesso perio- questo complesso fu scavato in profondità
do: un lato era riservato a chi doveva entrare nel terreno, una decisione che ebbe il me-
nella vasca e l’altro a chi ne usciva purificato. rito di salvarlo dalla distruzione durante il
Nella parte posteriore del sito (quella più bombardamento del Quartiere Ebraico del
vicina al Monte degli Ulivi) si trovano le Por- 1948. In compenso, queste sinagoghe ven-
te di Huldah, risalenti al periodo del Secon- nero poi saccheggiate dei soldati giordani e
do Tempio. Attraverso questo porte si entra- utilizzate come riparo per le pecore. In se-
va nelle gallerie che portavano al comples- guito furono restaurate utilizzando i resti
so del Monte del Tempio. A pochi passi di di sinagoghe italiane danneggiate durante
distanza sorge una scalinata in gran parte la seconda guerra mondiale.
ricostruita, che un tempo costituiva il prin- La prima sinagoga che si incontra (la più
cipale punto di ingresso per i pellegrini; vi- vicina alla biglietteria) è la Eliahu Hanavi,
cino alla base dei gradini è possibile vedere la più antica delle quattro, che presenta ar-
altre vasche per il mikve’ot. chi e una cupola in stile bizantino. Costruita
Per partecipare a una visita guidata è ne- all’inizio del XVII secolo, la sinagoga Yokha-
cessario prenotare con largo anticipo. nan Ben Zahai deve il suo nome a un famo-
78
so erudito ebreo e sorgerebbe nel luogo in zione del Primo Tempio. Vi consigliamo di
cui si trovava lo studio di Ben Zahai all’in- prendere l’utile audioguida (5NIS).
terno del Secondo Tempio. La lunga Sina-
goga Emtza’i (mediana), la più piccola del- Sinagoga Hurva SINAGOGA
le quattro, un tempo era un semplice cortile (cartina p62; Sinagoga Rudere; % 02-626-5900;
stretto tra due sinagoghe, che verso la metà www.rova-yehudi.org.il; Hurva Sq; interi/studen-
del XVIII secolo venne coperto con un tetto ti 20/10NIS; h 9-17 dom-gio, fino alle 13 ven in in-
Gerusalemme C he c o sa vedere

in modo da creare una sinagoga ‘mediana’. verno, fino alle 19 dom-gio, fino alle 13 ven in estate)
Attraverso le porte della Sinagoga Emtza’i Per la comunità ebraica locale, questa sina-
è possibile raggiungere una piccola mostra goga completamente ricostruita rappresen-
dedicata alla storia delle sinagoghe e la Si- ta un importante simbolo di resistenza. L’e-
nagoga Istanbuli, la più grande delle quat- dificio originario fu ridotto in rovina all’ini-
tro e l’ultima costruita, essendo stata edifi- zio del XVIII secolo, per essere ricostruito nel
cata negli anni ’60 del XVIII secolo da immi- XIX secolo e nuovamente distrutto durante
grati turchi provenienti da Istanbul. la guerra arabo-israeliana del 1948. L’edificio
sormontato da un’ampia cupola che si può
Casa Bruciata MUSEO ammirare oggi è stato inaugurato nel 2010 e
(cartina p62; Casa di Kathros; % 02-626-5921; Ti- la sua attrattiva principale è l’ampio panora-
feret Israel St; interi/ridotti 29/15NIS; h 9-17 dom- ma sui tetti del Quartiere Ebraico.
gio, fino alle 13 ven) Rimasta sepolta sotto le ma-
cerie per secoli e riportata alla luce solo di Porta di Sion PORTA
recente, questa casa venne distrutta nel 70 (cartina p62) Questo ingresso situato nella
d.C., quando i romani diedero fuoco alla cit- parte meridionale delle mura della Città Vec-
tà. La collezione di reperti archeologici com- chia fu un luogo chiave durante la guerra ara-
prende monete di epoca romana, tavolette di bo-israeliana del 1948 e sulla sua facciata è
pietra, forni, pentole e una lancia, tutti rin- ancora possibile vedere i segni degli scontri.
venuti nel sito, nonché una pietra che reca Non mancate di ammirare la mezuzah (astuc-
inciso il nome ‘Kathros’ (il nome di una fa- cio contenente brani della Torah) affissa allo
miglia sacerdotale residente a Gerusalemme stipite della porta ricavata da un bossolo re-
in quel periodo). cuperato dopo i combattimenti. Gli ebrei la
Nel museo è stata allestita una presenta- chiamano Sha’ar Tziyon (Porta di Sion), men-
zione multimediale in diverse lingue, com- tre il nome arabo è Bab Haret Al Yahud (Por-
preso l’inglese, che illustra la storia della ta del Quartiere Ebraico).
casa. Dal momento che il documentario di
25 minuti inizia ogni 40 minuti, nell’atte-
sa della proiezione potrete fare un giro del- 1 Quartiere Musulmano
le sale. L’ingresso alla Casa Bruciata è com- Il Quartiere Musulmano, che con i suoi 0,3
preso nel biglietto cumulativo del Quartie- kmq di superficie è il più vasto della Cit-
re Ebraico (60NIS), che permette di visita- tà Vecchia, ha la capacità di entusiasmare e
re anche la Sinagoga Hurva e il Museo del al tempo stesso esasperare chiunque lo visi-
Quartiere di Erode. ti, con pellegrini che si fermano davanti alle
stazioni della Via Crucis, commercianti che
Museo del Quartiere costringono i passanti a entrare nei loro ne-
di Erode SITO ARCHEOLOGICO gozi e bambini che giocano a pallone ovun-
(cartina p62; Museo Archeologico Wohl; % 072- que, mentre nell’aria aleggiano i profumi di
393-2833; 1 HaKara’im St; interi/ridotti 20/10NIS; incenso, spezie e dolci appena sfornati.
h 9-17 dom-gio, fino alle 13 ven) Questo picco- Abitato da 22.000 persone, questo quar-
lo museo permette di scendere nelle visce- tiere si estende dalla Porta di Damasco, pe-
re dell’antica Gerusalemme. Tra i siti arche- rennemente congestionata dal traffico, fi-
ologici perfettamente conservati che si pos- no a Bab Al Silsila St, nei pressi del Monte
sono ammirare spiccano i resti di una villa del Tempio/Al Haram Ash Sharif (p65).
di epoca erodiana di 600 mq con vasche ri- A circa 100 m dalla porta, la strada si bifor-
tuali, che con ogni probabilità venne costrui- ca: la via che procede sulla sinistra è Al Wad
ta per un importante sacerdote. Questa affa- St, fiancheggiata da negozi che vendono di
scinante finestra sul passato comprende an- tutto, dai foulard per la danza del ventre ai
che un mosaico danneggiato da un incendio burqa, dai dolciumi ai succhi di melagrana,
verosimilmente scoppiato durante la distru- per non parlare di una vastissima gamma
di souvenir a tema palestinese, dai poster di
79

L’ARCHITETTURA MAMELUCCA
Il Quartiere Musulmano ospita un gran numero di edifici costruiti nell’epoca d’oro
dell’architettura islamica. Purtroppo molti di essi versano oggi in pessime condizioni,
pur conservando molte tracce della loro originaria grandezza.
Questa zona della Città Vecchia venne edificata durante il dominio dei Mamelucchi
(1250-1517), una dinastia militare di ex schiavi, che arrivò a governare anche l’Egitto.

Gerusalemme C he c o sa vedere
I Mamelucchi cacciarono i crociati dalla Palestina e dalla Siria e diedero inizio a una
massiccia opera edilizia, consolidando la presenza dell’islam nel vicino Oriente con
la costruzione di un gran numero di moschee, madrasa (scuole coraniche), ospizi per
pellegrini, monasteri e mausolei. Gli edifici fatti costruire da Mamelucchi sono caratte-
rizzati dall’alternanza di fasce di pietra chiare e scure (una tecnica chiamata ablaq) e
da elaborati intagli e motivi decorativi che ornano le finestre e i portali rientranti.
Questi elementi possono essere apprezzati nel Palazzo della Signora di Tunshuq
(Aqabat Al Takiya St), costruito nel 1388 e situato nel centro di Aqabat Al Takiya. Pur-
troppo nel corso dei secoli la facciata ha subito una notevole erosione da parte degli
agenti atmosferici, ma il più importante dei tre grandi portali di ingresso conserva
ancora splendide decorazioni in marmo intarsiato, mentre la terza porta presenta un
altro elemento tipico dell’architettura mamelucca, ossia le ‘stalattiti’ di pietra chia-
mate muqarna. Questo nobile palazzo si può ammirare solo dall’esterno, perché oggi
ospita un orfanotrofio. Di fronte a questo palazzo si trova la Tomba della Signora di
Tunshuq risalente al 1398: osservate il pannello intarsiato collocato sopra la porta
verde chiusa a chiave.
Scendendo la collina verso l’incrocio con Al Wad St, vedrete sulla vostra destra
l’ultimo edificio di rilievo costruito dai Mamelucchi a Gerusalemme, il Ribat Bayram
­Jawish (Aqabat Al Takiya) del 1540, che presenta una facciata decorata con pregevoli
ablaq e muqarna. Confrontate questo palazzo con gli edifici situati in Tariq Bab an-Na-
zir St, una traversa di Al Wad St, che risalgono ai primi anni del dominio dei Mamelucchi
a Gerusalemme (verso il 1260), prima che si diffondesse la tecnica dell’ablaq. Questa
via prende il nome dalla porta situata alla sua estremità, che conduce al Monte del
Tempio/Al Haram Ash Sharif (accesso consentito solo ai musulmani).
A questo punto, fate ritorno in Al Wad St e proseguite verso sud. La strada oltrepassa il
Souq Al Qattanin e poi ‒ sullo stesso lato ‒ una sabil (fontana pubblica) risalente al perio-
do ottomano chiamata Sabil Suleyman. Costruita su ordine del sovrano ottomano Soli-
mano il Magnifico, questa fontana a forma di porta fu realizzata con le rovine recuperate
da edifici risalenti al periodo dei crociati e a epoche precedenti; la base è costituita da un
sarcofago romano. Al fondo della via c’è un posto di controllo della polizia situato all’im-
boccatura della galleria che scende verso la piazza del Muro Occidentale. Sulla sinistra
sorge invece una scalinata che sale verso la trafficata Bab Al Silsila St e la porta omonima
Bab Al Silsila (dalla quale si può raggiungere il Monte del Tempio/Al Haram Ash Sharif).
Pochi passi prima della porta si trova la piccolissima Tomba di Turkan Khatun (Bab Al
Silsila St) del 1352, che presenta una facciata scolpita a disegni geometrici insolitamente
asimmetrici. Bab Al Silsila St vanta molti pregevoli edifici mamelucchi ornati con muqar-
na e mashrabiyya (finestre sporgenti a bovindo con griglie di legno intagliato).

viaggi d’epoca alle T-shirt con slogan. Que- al fondo di Aqabat Al Takiya St, per osser-
sta strada porta direttamente al Muro Oc- vare i devoti musulmani che attraversano
cidentale (p75), incrociando la Via Dolo- il quartiere per recarsi a pregare all’Al Ha-
rosa (p73). La strada che si dirama sulla ram Ash Sharif.
destra è invece Souq Khan Al Zeit St, una
via ancora più trafficata di Al Wad St, do- Porta di Damasco PORTA
ve troverete negozi di frutta, verdura, dolci, (cartina p62) Le immagini, i rumori e gli
capi d’abbigliamento, spezie e frutta secca. odori caratteristici del Quartiere Musulmano
Se desiderate farvi un’idea molto realisti- si intensificano man mano che ci si avvicina
ca di questo quartiere, vi consigliamo di an- alla Porta di Damasco, nella parte settentrio-
darci il venerdì verso mezzogiorno e di fer- nale delle mura della Città Vecchia. La mer-
marvi nei pressi della Porta di Damasco o latura conferisce a questa porta l’aspetto di
80
una corona; per ammirare lo scorcio miglio- zione ancora visibile sopra l’ingresso. I go-
re, bisogna attraversare la porta e raggiun- vernanti successivi la lasciarono andare in
gere la piccola piazza lastricata e presidiata rovina, al punto che nel XVIII secolo l’edi-
da soldati israeliani che si estende di fronte ficio era completamente pieno di rifiuti. Nel
a Derekh Shchem (Nablus) Rd. 1856 gli Ottomani lo donarono alla Francia
La Porta di Damasco che si può vedere in segno di ringraziamento per il sostegno
oggi risale all’epoca di Solimano il Magnifi- fornito nella guerra di Crimea contro la Rus-
Gerusalemme C he c o sa vedere

co, anche se nello stesso luogo esisteva una sia e l’edificio venne ripulito. Questa chie-
porta già molto tempo prima che arrivas- sa è ancora oggi di proprietà della Francia.
sero i turchi. Questo era infatti il principa-
le ingresso della città già all’epoca di Agrip- Porta dei Leoni PORTA
pa, che governò nel I secolo a.C. Durante il (Porta di Santo Stefano; cartina p82) La porta
regno dell’imperatore Adriano la porta fu più orientale delle mura della Città Vecchia
ampliata notevolmente. Alcuni scavi ese- conduce al Monte degli Ulivi e al Getsema-
guiti negli anni ’60 hanno consentito di ri- ni. Sebbene in origine si chiamasse Bab Al
portare alla luce i resti di una porta roma- Ghor (Porta della Valle del Giordano), questa
na a tripla arcata. porta divenne nota con il nome di Porta di
Nella piazza si ergeva una colonna (scom- Santo Stefano, perché nelle sue vicinanze fu
parsa da tempo) fatta collocare dallo stesso lapidato il primo martire cristiano. Il nome
Adriano; da questa colonna deriva il nome ebraico, Sh’ar Ha’Arayot (Porta dei Leoni), fa
arabo della porta, Bab Al Amud (Porta della invece riferimento a due coppie di leoni aral-
Colonna), mentre il nome ebraico è Sha’ar dici scolpiti ai due lati del passaggio ad arco.
Shchem (Porta di Damasco). Si ritiene che le figure feline (in realtà
Oggi, davanti alla Porta di Damasco è pos- quattro leopardi) siano state fatte intaglia-
sibile assistere a uno spaccato di vita quoti- re da Solimano il Magnifico che ‒ dopo aver
diana quanto mai pittoresco, con commer- sognato bestie feroci ‒ interpretò l’incubo
cianti che decantano ai passanti i loro pro- come un avvertimento di proteggere la Cit-
dotti, abitanti del quartiere e turisti che con- tà Vecchia di Gerusalemme. Secondo alcu-
trattano sul prezzo di tutto, dalla verdura al- ni storici, queste figure feline sarebbero pe-
le schede SIM, e anziane signore palestinesi rò di epoca precedente a quella della porta
che sfrecciano a una velocità sorprendente e sarebbero state recuperate da un più an-
dentro e fuori dalla Città Vecchia. tico edificio mamelucco.
Da questa porta, il 7 giugno del 1967 i
Chiesa di Sant’Anna CHIESA reparti di paracadutisti israeliani si fecero
(cartina p82; Sha-ar HaArayot Rd; interi/studenti strada combattendo per assumere il control-
e bambini 10/8NIS; h 8-12 e 14-18 apr-set, fino alle lo della Città Vecchia.
17 lun-sab ott-marzo) Considerata l’edificio cro- La Domenica delle Palme, dal Monte de-
ciato più bello di Gerusalemme, la Chiesa di gli Ulivi parte una processione cristiana che
Sant’Anna fu costruita nel 1138 nel luogo in percorre le vie della Città Vecchia passando
cui, secondo la tradizione, sorgeva la casa di dalla Porta di Santo Stefano.
Gioacchino e Anna, i genitori della Vergine
Maria. Nella parte posteriore della chiesa ci Souq Al Qattanin MERCATO
sono alcune vasche, una delle quali si ritie- (Mercato del Cotone; cartina p62; h ore diurne)
ne sia la vasca di Betesda citata nelle Sacre Lungo questa galleria commerciale costrui-
Scritture, dove Gesù avrebbe guarito un ma- ta verso la metà del XIV secolo e caratteriz-
lato (Giovanni 5, 1-18). zata da una struttura slanciata si susseguo-
L’interno di questo insolito edificio pre- no negozi di generi alimentari e vestiti. La
senta una forma slanciata e un’eccellente parte più vicina ad Al Wad St risale ai tempi
acustica, che invita i visitatori (in particola- dei crociati e l’edificio fu ampliato dai Mame-
re i gruppi di pellegrini cristiani) a cantare. lucchi intorno alla metà del XIV secolo. Un
In questo luogo sorgeva un tempio paga- tempo questa struttura ospitava un mercato
no di epoca romana, le cui rovine si posso- del cotone, mentre oggi vi troverete lampa-
no ammirare ancora oggi nei giardini della de, souvenir, spuntini e paccottiglia. Un pia-
chiesa. Quando Gerusalemme venne conqui- cevole e suggestivo diversivo mentre si visi-
stata dall’esercito di Saladino, la Chiesa di ta il Quartiere Musulmano.
Sant’Anna venne trasformata in una scuo-
la coranica, come documentato da un’iscri-
81

CERAMICHE ARMENE
Nel 1919, il restauro della magnifica Cupola della Roccia (p67) portò alla fondazio-
ne del primo laboratorio di ceramica armeno della città, una tradizione artigianale tut-
tora fiorente.
Le tecniche armene di produzione della ceramica raggiunsero il loro apice in Turchia
tra il XVII e il XVIII secolo, quando molte famiglie armene gestivano laboratori nelle città

Gerusalemme C he c o sa vedere
di Kütahya e di İznik, importanti centri di produzione della ceramica. In seguito agli
eventi del 1915-18, durante i quali la popolazione armena della Turchia fu oggetto di
terribili massacri, della confisca delle proprietà e di deportazioni di massa, numerosi
ceramisti armeni raggiunsero Gerusalemme con le loro famiglie al seguito di David
Ohannessian (1884-1953), un maestro ceramista di Kütahya, che era fuggito dalla
Turchia nel 1919. Una volta giunto a Gerusalemme, Ohannissian poté aprire un labora-
torio di ceramica lungo la Via Dolorosa grazie al supporto della Pro Jerusalem Society,
un’istituzione fondata nel 1918 da Ronald Storrs, governatore militare della città, e da
Charles Robert Ashbee, celebre architetto e designer di punta del movimento Arts and
Crafts. Ohannissian e i suoi ceramisti armeni iniziarono a produrre le nuove piastrelle
destinate a sostituire gli originali consunti della Cupola della Roccia.
Gli artigiani di Gerusalemme sono concordi nel sostenere che la loro città sia l’unico
posto al mondo in cui si producono ancora autentiche ceramiche armene. Le antiche
tecniche di pittura a mano sono cambiate molto poco nel corso dei secoli e vengono
adottate ancora oggi per produrre ceramiche che riproducono a colori vivaci motivi
floreali, animali e geometrici.
Se desiderate ammirare una collezione di magnifiche ceramiche armene, recatevi
alla Cattedrale di San Giacomo, che vanta una profusione di piastrelle bianche e blu,
e alla Chiesa di Sant’Andrea (p95), che sfoggia piastrelle decorative alle porte di
ingresso e nella guesthouse. Se volete acquistare ceramiche come souvenir, andate al
Sandrouni Armenian Art Centre (p120), nella Città Vecchia, alla Armenian Ceramics
(p121), a Gerusalemme Est, o all’Arman Darian (p121), a Gerusalemme Ovest.

luoghi vedrete poster che descrivono in ma-


1 Quartiere Armeno niera molto dettagliata il genocidio armeno.
Racchiuso dietro alte mura e imponenti porte Sebbene molti studiosi e governi lo abbia-
di legno, il Quartiere Armeno (0,1 kmq) pas- no definito in questo modo, il termine ‘ge-
sa quasi inosservato, come del resto ha fatto nocidio’ non viene accettato da alcuni sta-
per quasi due millenni. ti, come la Turchia. L’attuale comunità ar-
Nel 300 circa l’Armenia fu il primo stato ad mena comprende poco meno di 2000 per-
abbracciare ufficialmente il cristianesimo, a sone e costituisce ancora un mondo a parte,
seguito della conversione del suo re. Nel cor- con le proprie scuole, la biblioteca, il semi-
so del secolo successivo, molti armeni si tra- nario e i quartieri residenziali nascosti die-
sferirono a Gerusalemme e, quando alla fine tro le porte del Complesso Armeno (chiu-
del IV secolo il loro regno venne occupato, so al pubblico).
adottarono la città come loro capitale spiri-
tuale. Da allora la comunità armena è stata Cattedrale di San Giacomo CHIESA
una presenza costante in città, arrivando a un (Convento Armeno di San Giacomo; cartina p62;
certo punto a contare oltre 25.000 persone. % informazioni sulle funzioni religiose 02-628-2331;
In origine gli armeni residenti a Gerusa- https://armenian-patriarchate.com; Armenian Or-
lemme erano esclusivamente religiosi, ma thodox Patriarchate Rd; h lodi 6.30, vespri 15, mes-
all’inizio del XX secolo iniziarono ad ar- sa 8 sab e 8.30 dom) L’interno di questa catte-
rivare laici, alcuni per restaurare la Cupo- drale del XII secolo è avvolto dal fumo dell’in-
la della Roccia (p67) e molti per fuggire censo. Piastrelle bianche e blu e scintillanti
dalle persecuzioni perpetrate dai turchi ot- icone decorano le pareti, mentre i pavimenti
tomani. Molti abitanti del quartiere si im- sono ricoperti da tappeti decorati in maniera
pegnano a informare i turisti delle atroci- molto elaborata. La cattedrale è aperta solo
tà subite dal popolo armeno per mano de- durante le funzioni, ma negli altri momen-
gli ottomani tra il 1915 e il 1918 e in molti ti è possibile entrare nel cortile per ammira-
82
Area urbana di Gerusalemme
A B C D

Malc

l
'e
hei Y
a
sr isra
'el
Yi
ei
r

1
Sa

66
Me a
She'a
Gerusalemme C he c o sa vedere

r
# Ha-Turim
¤ Rashi St MEA
im S
t
SHE'ARIM

Strauss St
Jaff Mahane
aR
d Yehuda
Ag
rip ¤
#
pa

6
66
sS
t

el
Mahane

i Isra
2 #ÿ
¤ # 31 HaN
Yehuda evi'im
Ha-Davidka

Shivte
Market St
# 42
ú
v . ingrandimento
# Jaffa Center
¤
NAHLA'OT

66
6 66 66
Be
tsa à3
l'e # t Ja
lS da S ffa
t Yehu
Ben CITTÀ
R 00
000
000
Sacker 30 # 000
0 0

d
3 Park NUOVA 00
00
00
0 0
City
0
0 0
Hall
MAMILLA
Ben Zvi

2 2 2 2 2 2 ¤
#

66
666666
66
is
2
Muslim
2 2 2 2
o
Nark om t
Meir Shl lekh S
2 2 2 2 2 2
Cemetery
Sherman 2 2 2 2 2
e
Ave

2 aM
Garden Mamilla
2 22 2 2
H
Gan Pool
2 2 2 2 2

Yitskh
Kin

2 2 2 2 2 2
HaAtsma'ut a
Kariv R k
2 2 2 2 2
14
g

(Independence
2 2 2 2 2 2
d
Ge

æ
# Park)2 t2 2
n2S
2 2
or

4
ro
2 2 2 2 2

66
6666
666
ge

Ag
V
Hayim Hazaz Blvd

St

v . cartina Gerusalemme Centro (p92)


37
ÿ
#
t 39 ÿ
#
K in g

Ramban S Ke ÿ
# 35
re
d n
)R Ha 41 # ú Bloomfield
Dav

Clore
za
Balfour St

Ye Gardens
Gardens (A so

66
66
666666
66
666
6
id (D

t dS
a

iS t
az

as YEMIN
Alf
G

5
avi d

MOSHE
17 æ
# REHAVIA
# 18
æ
HaM

Ze'ev Jabotinsky St
Rd
asi
e le

N
Ha
Alkalay St
arc us St

TALBIYEH
kh

66
66
66666
666
66
66
)S

og St
t Davi

Herz Liberty Bell #


Ü
v 58
Ra 56 Gardens 22
David M

Bethlehem Rd

Ha t #
ýû#
ki S
d Re m

15 â
#
vs t
6 ko hS
C hopin St
29
ac
i

ez
Tchern

al m Ø
# t
St

Ha P
Re Emek

#
ú
im

6666666
6
COLONIA TEDESCA
fa'

44
A B C D

re l’esterno, decorato con khatchkar (croci rono i georgiani, i quali ritenevano che fos-
di pietra armene finemente scolpite) e mo- se il luogo in cui il santo era stato decapita-
saici murali raffiguranti il Giudizio Univer- to, diventando così il primo martire tra gli
sale e gli Apostoli. apostoli di Cristo. Nel XII secolo gli arme-
In realtà, i primi a costruire in questo luo- ni presero possesso di questo luogo di cul-
go una chiesa in onore di san Giacomo fu- to con l’appoggio dei crociati che governa-
83

66666
e
#
0
0 0.5 miles
1 km

E F G H
Hayim Barlev
32 Museo delle Tradizioni Palestinesi
w
en
Van Paass ÿ
#â #2 t
ida S
b u obe
A
S t 1
ge
b St

66
666
66
6 666
50 MONTE SCOPUS
# Abu Tale
eor

# ú
Ü GERUSALEMME
Blvd

Gerusalemme C he c o sa vedere
St G

24 EST
Shivtei Israel
¤
# Sal

i St
# 36 ÿ #
ah
â þ 59
# Shmu'e
l Ben A

El Muqadas
Ad

19 US ÿ
# daya
í
#
D

Consulate 60 þ# 38

666
666
6666
66666
in S

ú
#
Chel Handa s a S t

40 Derekh Shchem 20
2
34 ÿ
# (Nablus) Rd â
#

# #
æ 10 Arab Bus 2 2 2 2

Arab Bus Station 2 2 2


# t Herod's
n S # Gate
2 2 2 2
Station

Je
Ha S uleima 2 2
ch2

ri
Ne n v . cartina Città 2 2 2 o 2
v ta R
St i'im Sul

666
66
66666
666
666
66
66
2 2 2
Damascus Vecchia (p62)
¤
#

d
2 2 2 2
Gate 2 2 2
Mish'ol 23
1
2 1
2 1
2 1
2
HaPninim Ü
#21#
Garden æ 16
1
2 1
2
1
2 1
2 1
2 1
2
26 El Mansuriya
1
2 1
2 1
2 3
Ü
# MONTE 21
1
2 1
2 1
2 1
2
1
2 1
2 1
2 Ü
# DEGLI
MONTE DEL TEMPIO/ 6 Ü
#
1
2 1
2 1
2
27
1
2
5 ULIVI #
æ

666
666666
66
666
AL HARAM ASH SHARIF
1
2 1
2 1
2
#
æ Jeric Ü
# 9
1
2 1
2 1
2 2
1 2 2 2 2 2 2 2 2 2
CITTÀ 1
2 1
2 1
2 2 2 2 2 2 2 2 Ü
#
2
82 2
VECCHIA 1
2 1
2 1
2 2
1 2 2 2 2 2 2 2 2 2
ho Rd

1
2 1
2 1
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
1
2 1
2 1
2 2
1 2 2 2 2 2 2 2 2 2
1
2 1
2 1
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
12
Yerusha l ayim

.
# 1
2 1
2 1
2 2
1 2 2
28
2 2 2
#
25 æ
2 2 2 2

Mamilla 1
2 1
2 1
2 2 æ2 #
# æ 2 2 2 2 2 2 2 2

Parking 1
2 1
2 1
2 2
1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 4

666
66
666
666
666
66
6
1
2 1
2 1
2
02 2 2 2 2 2 2
1002 m 2 2
1
2 1
2 1
2 2
1 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Ja2ffa
2 2 2
R
2
d2 2
2 2 2 2 2
2 2 2 2 Jewish
53
2 2 2 2
Mahane Yehuda
Rd

Cemetery
Haetz Ha'em St

2 2 2 2
#
û
2 2
#
û 2 2 2 2
522
avid

2 2 2 2 2 2 2 2 2

CITTÀ DI
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Ir D

DAVID 46 #
ú #
2
ú 51
2 2 2
J2eric2
2 2 2 2 2 2
2 2 2 h oR
2 2 2 2 2
d
t
'Alo

666
66
666
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
1 1 1
ú 45 2
# 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Ma

1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2

4Ü#1#
1 æ 13 1
#
ú HaTapu'ah St #
þ 61 5
43
1 1
Christian
1 1
1 1

MONTE SION Ü
#7
Rehov
Eliyahu

1 Cemetery
1 1 1
hko l
aEs HaAfars ek St Ya'acov
57
im

a1t 1 1 1 11 H
Kh

1 1

iva v Banai
lay

RAS EL-
1 1
ý
#
ho

1 t 1#
æ1 het
Y 47 AMUDRehov Has
1
ha

1 e 1 s
Re

666
6666
1 1
ru #
ú
1 1 1 1
æ1
# HaSheqed St
Ü
# 1 1 1 1
Mercato 49
Heb

SILWAN 55 #
ú
Mahane #
ü
ron Rd

Yehuda ut
ul

HaT St 54
al
kh

48 #
ú 6
Kh Agrip #
û
t pa s
St

St
S

ilo

666
6666
ÿ
#
Sh

33
E F G H

vano la città e ne avviarono il restauro. Le Cappella di San Marco CHIESA


piastrelle bianche e blu dell’interno risalgo- (cartina p62; h 9-12 e 14-17 lun-sab apr-set, 7-16
no al XVIII secolo. lun-sab ott-marzo, 11-16 dom) Costruita nel XII
Per assistere alle funzioni religiose è ri- secolo, questa cappella medievale è il luogo
chiesto un abbigliamento sobrio e le donne di culto della piccola comunità ortodossa si-
devono coprirsi il capo. riana di Gerusalemme. Secondo gli ortodos-
84

Area urbana di Gerusalemme


æ Da non perdere 32 American Colony Hotel........................... E1
1 Mercato Mahane Yehuda....................... G6 33 Dan Boutique Hotel.................................E6
2 Museo delle Tradizioni Palestinesi......... E1 34 Jerusalem Hotel......................................E2
35 King David Hotel..................................... D4
æ Che cosa vedere 36 Legacy Hotel............................................E2
Gerusalemme C he c o sa vedere

3 Sinagoga di Ades.....................................B3 37 Little House in Rehavia...........................B4


4 Basilica e Abbazia 38 National Hotel.......................................... F2
della Dormizione...................................E5 St Andrew’s Scottish
5 Basilica delle Nazioni............................. G3 Guesthouse.................................. (v. 22)
6 Chiesa di Maria Maddalena................... G3 St George’s Guesthouse................... (v. 24)
7 Chiesa di San Pietro in Gallicantu.......... F5 39 YMCA Three Arches Hotel..................... D4
8 Chiesa del Pater Noster......................... H3
ú Pasti
9 Cupola dell’Ascensione/Cappella
dell’Ascensione.................................... H3 Adom..................................................(v. 44)
Orto del Getsemani............................. (v. 5) 40 Al Mihbash...............................................E2
10 Tomba del Giardino.................................E2 41 Angelica...................................................D5
11 Tomba di Oskar Schindler......................E5 42 Anna Cafe................................................C2
12 Grotta di San Giacomo.......................... G4 43 Azura....................................................... G5
13 Tomba di re David....................................E5 44 First Station............................................ D6
14 Knesset....................................................A4 45 Ishtabach................................................ G5
15 Museo di Arti Islamiche L.A. Mayer...... B6 46 Machneyuda........................................... G5
16 Porta dei Leoni........................................ G3 47 Mousseline.............................................. G6
17 Monastero della Santa Croce.................A5 48 Pasta Basta............................................. H6
18 Mulino a vento Montefiore......................D5 49 Sabayos.................................................. H6
19 Museum on the Seam.............................E2 50 Sarwa Street Kitchen.............................. E1
20 Museo Archeologico Rockefeller............ F2 51 Yudale...................................................... G5
Cenacolo.............................................(v. 13)
21 Cappella Russa dell’Ascensione............ H3 û Locali e vita notturna
22 Chiesa di Sant’Andrea............................ D6 52 Beer Bazaar............................................ H4
23 Chiesa di Sant’Anna............................... G3 53 Casino de Paris....................................... H4
24 Cattedrale di San Giorgio....................... E1 54 Etrog Man............................................... H6
25 Tomba dei Profeti................................... H4 55 Roasters.................................................. H6
26 Tomba della Vergine Maria.................... G3 56 Talbiye..................................................... C6
27 Tomba di Zaccaria.................................. G3
28 Valle di Giosafat...................................... G4 ý Divertimenti
57 Cinematheque.........................................E5
Ø Attività, corsi e tour 58 Jerusalem Theatre................................. C6
29 Smart Tour.............................................. D6
30 Ulpan Beit Ha’Am....................................B3 þ Shopping
59 Armenian Ceramics................................E2
ÿ Pernottamento 60 Educational Bookshop & Cafe................E2
31 Abraham Hostel......................................B2 61 Halva Kingdom....................................... H5

si siriani, questa chiesa sorgerebbe nel luo-


go in cui si trovava la casa della madre di san 1 Monte Sion
Marco, Maria, dove san Pietro si recò dopo Questo gruppo di edifici, che comprende la
essere stato liberato dal carcere da un ange- camera venerata dai cristiani come il luogo
lo (Atti degli Apostoli 12, 12-17). in cui si svolse l’Ultima Cena e una piccola
All’interno, non mancate di dare un’oc- sala di preghiera in cui molti ebrei credono
chiata al dipinto su pergamena che raffi- sia sepolto re David, è un’importante meta
gura la Vergine con il bambino attribuito di pellegrinaggio per i fedeli di entrambe le
a san Luca. religioni. In passato, con il nome di Monte
Sion si faceva riferimento a tutto il crinale
della parte alta della Città Vecchia (compre-
85
sa la Cittadella), mentre oggi per Monte Sion Basilica e Abbazia
si intende solo l’altura che si erge a sud della della Dormizione CHIESA
Città Vecchia, oltre la Porta di Sion. (cartina p82; % 02-565-5330; www.dormitio.net;
h 9-17 lun-sab, a partire dalle 10 dom) F Con
Tomba di re David SITO RELIGIOSO la sua tomba in arenaria a pianta circolare e
(cartina p82; h 8-17 dom-gio, fino alle 13 ven) le sue eleganti monofore in stile romanico,
F Eretta dai crociati due millenni dopo la Basilica e Abbazia della Dormizione è uno

Gerusalemme C he c o sa vedere
la morte di re David, questa tomba è di au- dei punti di riferimento più famosi di Geru-
tenticità quanto meno dubbia, ma nonostan- salemme. Si trova nel luogo in cui, secondo
te questo rappresenta un importante luogo la tradizione, morì la Vergine Maria. L’attua-
sacro sia per gli ebrei sia per i cristiani. La le chiesa con abbazia di proprietà dell’ordine
sala di preghiera è suddivisa in zone desti- benedettino tedesco fu consacrata nel 1906.
nate alle donne e agli uomini; da entrambe Una volta entrati, girate a sinistra e scende-
è possibile raggiungere il cenotafio di pietra te le scale che conducono alla cripta, dove si
avvolto in un drappo di velluto. Dietro si tro- trova la scultura raffigurante la Vergine Ma-
va una piccola nicchia che secondo gli stu- ria dormiente circondata da colonne incise
diosi sarebbe una sinagoga del V secolo d.C. in maniera molto elaborata. Per visitarla è
Secondo la Bibbia, David e i suoi padri sa- necessario avere un abbigliamento decoroso.
rebbero stati sepolti nella Città di David (Pri- Il nome latino di questo luogo è Dormi-
mo Libro dei Re 2, 10), anche se molti sto- tio Sanctae Mariae (Sonno della Vergine Ma-
rici e archeologi ritengono che David riposi ria). L’edificio fu danneggiato nel corso dei
sotto la collina del Monte Sion originario, a combattimenti del 1948 e del 1967. Durante
est della Città di David (p86). la Guerra dei Sei Giorni i soldati israeliani
La tomba si trova nei pressi del cortile si- ne occuparono la torre, situata in posizio-
tuato di fronte al monastero francescano e ne dominante sui bastioni della Città Vec-
può essere raggiunta tramite una porta si- chia, dove si trovavano le postazioni dell’e-
tuata nel lato sinistro del sentiero che por- sercito giordano. I soldati soprannominaro-
ta al complesso principale, oltre l’arco e la no la torre ‘bobby’ per via del suo aspetto
scala che conduce al Cenacolo. simile al cappello rigido indossato dai poli-
ziotti di Londra.
Cenacolo SITO CRISTIANO L’interno della chiesa presenta un mo-
(cartina p82; h 8-18) F Dal Medioevo saico dorato di Maria con il Bambino Ge-
questa sala è tradizionalmente ritenuta il sù nella parte superiore dell’abside, sotto il
luogo in cui si tenne l’Ultima Cena. Secondo quale sono rappresentati i profeti di Israe-
la maggior parte degli storici, sarebbe però le. Le cappelle laterali sono dedicate a pa-
piuttosto improbabile che questa sia la sala in recchi santi, tra cui san Willibald (un bene-
cui Gesù consumò la sua Ultima Cena. Nono- dettino inglese che visitò la Terra Santa nel
stante ogni dubbio, questo elegante ambien- 724), i Re Magi, san Giuseppe (la cui cap-
te con la volta a crociera (che un tempo face- pella è piena di medaglioni che raffigura-
va parte della Chiesa di Santa Sion del IV se- no i re di Giuda come antenati di Gesù) e
colo) è sempre gremita di pellegrini. Conser- san Giovanni Battista. Il pavimento è deco-
vato nella chiesa crociata che nel XIV seco- rato con nomi di santi e di profeti e simbo-
lo sostituì quella originale, in epoca ottoma- li dello zodiaco.
na il Cenacolo fu riconvertito in moschea.
L’edificio presenta una vetrata istoriata Tomba di Oskar Schindler TOMBA
e un mihrab (nicchia che indica la direzio- (cartina p82; h 8-12 lun-sab) Israele ha procla-
ne della Mecca) del XVI secolo, che creano mato l’industriale austriaco Oskar Schindler
un interessante contrasto con lo stile goti- (1908-74) Giusto tra le Nazioni, un ricono-
co cristiano della struttura. scimento che viene conferito ai gentili (non
Più probabilmente, questo potrebbe esse- ebrei) che hanno agito a rischio della propria
re il luogo in cui, il giorno di Pentecoste, i di- vita per salvare anche solo un ebreo dalla
scepoli ricevettero lo Spirito Santo e iniziaro- Shoah. Schindler salvò oltre 1200 ebrei dal-
no a parlare in altre lingue (Atti degli Apo- le camere a gas assumendoli presso la sua
stoli 2), un dono prodigioso che permise loro fabbrica. La sua tomba si trova nel cimitero
di diffondere il cristianesimo alle altre genti. cristiano del Monte Sion. Per raggiungerlo,
Questa sala si trova sopra la Tomba di dalla Porta di Sion bisogna procedere in di-
re David e può essere raggiunta tramite scesa sempre diritto. Una volta entrati nel ci-
una scala. mitero, raggiungete il terzo livello, quello più
86
co che si ispira allo stile bizantino, con cupo-
LE CONTROVERSIE SENZA le e ampi archi. L’interno è impreziosito da
FINE DELLA CITTÀ DI DAVID alcune insolite vetrate istoriate; nell’inter-
rato è possibile ammirare le fondamenta e
La maggior parte degli antichi siti di Ge- i mosaici delle due chiese precedenti (com-
rusalemme è oggetto di controversie e preso il luogo in cui sono state rinvenute
la Città di David non fa di certo eccezio- tre croci di epoca bizantina). Questa chie-
ne, anzi. Sorta di enclave ebraica situa-
Gerusalemme C he c o sa vedere

sa è gestita da un ordine cattolico francese.


ta nel cuore di una zona a maggioranza Per raggiungere questa chiesa bisogna
palestinese, la Città di David è gestita percorrere la strada che scende dal Monte
dall’Elad, una fondazione che promuo-
Sion e gira intorno alla Vasca del Sultano e
ve il turismo a Gerusalemme e finanzia
poi svoltare a est. Alcuni gradini di epoca
gli scavi archeologici. Dal momento che
romana consentono di scendere dal giardi-
l’Elad sostiene anche l’espansione degli
no della chiesa fino alla sorgente di Gihon,
insediamenti israeliani a Gerusalemme
Est, la sua gestione della Città di David
nella Valle del Cedron.
non è scevra di critiche. Inoltre, alcu-
ni storici dubitano dell’obiettività degli
scavi archeologici, che sembrerebbe-
1 Valle del Cedron
ro finalizzati a rafforzare l’identificazio- Situata a est della Città Vecchia, la Valle del
ne del sito come appartenente esclusi- Cedron (Kidron Valley), che con le sue pen-
vamente alla tradizione ebraica. Tenete dici occidentali costituisce la parte più anti-
presente che qualcuno potrebbe trova- ca di Gerusalemme, ospita resti archeologici
re la presentazione ufficiale della Città e tombe risalenti a oltre quattro millenni fa.
di David fornita dalle guide troppo sbi- In questo luogo sorgeva la leggendaria Città
lanciata dal punto di vista degli ebrei. di David, che in realtà era una città già mol-
to prima che David lanciasse la pietra con-
tro Golia. In questa zona ci sono numerose
basso. La sua tomba si riconosce facilmen- tombe e sepolture, in particolare nella Val-
te perché è ricoperta da piccole pietre (un’u- le di Giosafat. La conformazione accidenta-
sanza ebraica che indica rispetto). ta del terreno ha isolato la valle dal resto del-
La storia di Schindler è stata narrata la città e il modo migliore per raggiungerla
nel film Premio Oscar di ­Steven Spielberg consiste nel passare dalla Porta del Letame
Schindler’s List (ispirato al romanzo stori- o dalla Porta dei Leoni. Consigliamo agli ap-
co Schindler’s Ark di Thomas ­Keneally); la passionati di archeologia di indossare un pa-
famosa ‘lista’ contiene i nomi degli ebrei io di robusti scarponcini da escursionismo e
che Schindler riuscì a portare al sicuro a di raggiungere il sito a piedi.
Brünnlitz.
Città di David SITO ARCHEOLOGICO
Chiesa di San Pietro in Gallicantu CHIESA (cartina p62; % informazioni 02-626-8700, pre-
(cartina p82; % 02-673-1739; www.stpeter-galli notazione visite guidate 077-996-6726; www.cityofda
cantu.org; interi/bambini 10/5NIS; h 8.30-17 lun- vid.org.il; interi/bambini 29/15NIS, documentario
sab) Abbarbicata in posizione quasi preca- 13NIS, visita guidata della città biblica interi/bam-
ria su un pendio del Monte Sion, la Chiesa bini 60/45NIS; h 8-17 dom-gio, fino alle 14 ven ott-
di San Pietro in Gallicantu sorge nel luogo in marzo, fino alle 19 dom-gio, fino alle 16 ven apr-set;
cui, secondo la tradizione, Gesù venne rinne- g 1, 2, 38) Oggetto di numerose controversie,
gato per tre volte dall’apostolo Pietro (Marco la Città di David è uno dei siti archeologici
14, 66-72), come Gesù stesso aveva profetiz- più interessanti di Gerusalemme. La zona
zato: ‘Prima che il gallo canti due volte, mi più antica di Gerusalemme coincide con l’in-
rinnegherai per tre volte’. In latino gallican- sediamento del popolo cananeo dei gebusei
tu significa ‘canto del gallo’. Da questa chie- conquistato da David, il quale vi portò l’Arca
sa è possibile ammirare un panorama moz- dell’Alleanza circa 3000 anni fa. Gli scavi ini-
zafiato sulla Città di David e sul villaggio pa- ziati verso la metà del XIX secolo sono tutto-
lestinese di Silwan. ra in corso e si continua a dibattere sulla rea-
Costruita sulle fondamenta di due chiese le espansione del sito (a Silwan, Gerusalem-
preesistenti, una bizantina e una crociata, me Est). Dedicate alla visita almeno tre ore.
questa struttura moderna, portata a termine Dalla Porta del Letame (p62), scende-
nel 1930, presenta un impianto architettoni- te in direzione est e imboccate la strada che
87
procede sulla destra, fino a quando vedre- a pericoli. Il tunnel si trovava all’interno del
te sulla vostra sinistra l’ingresso alla Città muro di difesa della loro città e potrebbe es-
di David. Presso il centro visitatori potrete sere lo stesso che venne utilizzato dai solda-
acquistare una bottiglia d’acqua (in estate ti di David per entrare in città e conquistar-
ne avrete davvero bisogno) e guardare un la, come narra la Bibbia (Secondo Libro di
documentario in 3D sulla città. Se avete in- Samuele 5). In ogni caso, gli archeologi mo-
tenzione di attraversare il Tunnel di Eze- derni tendono a mettere in dubbio questa te-

Gerusalemme C he c o sa vedere
chia (cosa che vi consigliamo di fare) po- oria, ritenendo che gli invasori fossero pene-
trete cambiarvi nei bagni e lasciare i vostri trati in città da un’altra galleria. Dal Pozzo di
effetti personali in un armadietto (10NIS); Warren è possibile scendere fino al Tunnel di
altrimenti indossate un paio di pantalonci- Ezechia, che si trova alla base della collina. Il
ni. Oltre al costume da bagno, avrete biso- pozzo chiude un’ora prima dell’orario di chiu-
gno di calzature adeguate (infradito o scar- sura ufficiale della Città di David.
pe impermeabili) e di una torcia. Presso la
¨¨Tunnel di Ezechia
biglietteria si possono acquistare portachia-
vi con luce, ma conviene avere una torcia o Questo passaggio sotterraneo lungo 500 m
una lampada frontale. e pieno d’acqua termina alla Piscina di Silo-
Tenete presente che per visitare le parti am, dove avvennero l’immersione e la guari-
sotterranee del sito (Pozzo di Warren, Tun- gione miracolosa di un cieco da parte di Ge-
nel di Ezechia, Piscina di Siloam, Salita di sù. Anche questo tunnel serviva a incanalare
Temple Road) è necessario acquistare il bi- l’acqua proveniente dalla sorgente di Gihon,
glietto d’ingresso, mentre per chi si limita una fonte incostante che funziona come un
a esplorare le aree in superficie l’ingresso è sifone naturale, facendo sgorgare una grande
libero. Trattandosi di un sito in cui gli sca- quantità d’acqua per 30 minuti e rimanendo
vi sono tuttora in corso, non è sempre faci- poi asciutta per diverse ore.
le orientarsi, per cui vi consigliamo di ag- Il nome Gihon significa ‘zampillante’ e
gregarvi a una visita guidata. la presenza di questa sorgente costituisce
Una volta arrivati al fondo della collina, il motivo principale che spinse i gebusei a
si può risalire percorrendo la Salita di Tem- costruire la loro città nella valle invece che
ple Road o la strada che passa dal villaggio sulle alture circostanti. Il tunnel fu fatto co-
arabo di Silwan. struire verso il 700 a.C. dal re Ezechia per
trasportare l’acqua dalla sorgente di Gihon
¨¨Quartiere Reale (Area G) fino all’interno della città, immagazzinan-
Conosciuto anche come Area G, il Quartie- dola in quella che divenne la Piscina di Si-
re Reale fu costruito nel X secolo a.C., pro- loam. Il suo scopo era impedire agli inva-
babilmente come muro di fortificazione per sori ‒ in particolare agli assiri ‒ di scopri-
un palazzo che sorgeva sul crinale. All’epoca re la fonte dell’approvvigionamento idrico
del Primo Tempio, a ridosso del muro sorge- della città e di interromperla (Secondo Li-
va la dimora di un nobile (Casa di Achiel), bro delle Cronache 32, 30).
che però nel 586 a.C. fu distrutta insieme al Pur essendo a tratti stretto e basso, que-
Tempio. In uno dei suoi ambienti, la Came- sto tunnel può essere percorso camminan-
ra Bruciata, sono state rinvenute punte di do nell’acqua, la cui altezza oscilla in genere
frecce ebree e babilonesi; il nome della ca- tra 50 centimetri e un metro circa. In alcuni
mera deriva dallo strato di cenere che la ri- punti il passaggio è largo solo 60 cm. A circa
veste, testimonianza della sanguinosa batta- 20 m dall’ingresso del tunnel la caverna cur-
glia che vi fu combattuta. Gli archeologi han- va bruscamente sulla sinistra. In questo pun-
no riportato alla luce anche 51 sigilli reali in to una parete alta fino al petto blocca un al-
grafia ebraica antica; uno apparteneva a Ge- tro canale che porta al Pozzo di Warren. Ver-
maryahu Ben Shafan, scriba del profeta Ge- so la fine del tunnel il soffitto è più alto, per-
remia (Geremia 36, 10). ché le due squadre che lo scavarono parten-
do dalle estremità opposte non calcolarono
¨¨Pozzo di Warren esattamente i livelli, un fatto che rese neces-
Questo pozzo lungo e inclinato prende il no- sario abbassare il fondo per garantire il rego-
me da Charles Warren, l’ingegnere inglese lare scorrimento dell’acqua. Nel tunnel fu rin-
che lo riscoprì nel 1867. Questo tunnel, che venuta un’iscrizione ebraica incisa dagli ope-
si snoda sotto la Città di David fino alla sor- rai di Ezechia che si riferisce alla costruzione
gente di Gihon, consentiva ai gebusei di rifor- del tunnel, di cui è stata realizzata una copia
nirsi d’acqua durante gli assedi senza esporsi oggi esposta nel Museo di Israele (p96).
88
Per percorrere tutto il Tunnel di Ezechia orientale, un’antica strada a gradoni di pie-
si impiegano circa 20 minuti (40 minuti se tra. La struttura della scalinata (un paio di
è particolarmente affollato). Per evitare di gradoni corti intervallati da uno spazio più
bagnarsi, è possibile percorrere una secon- ampio) fa pensare che sia stata progettata in
da galleria dove non scorre l’acqua, che ri- modo da agevolare il trasporto di animali al
chiede circa 15 minuti. Per individuare l’in- luogo in cui sarebbero stati sacrificati. In un
gresso della galleria asciutta, bisogna gira- canale di scolo situato sotto la scalinata gli
Gerusalemme C he c o sa vedere

re sulla sinistra poco prima dell’ingresso del archeologi hanno rinvenuto monete e vasel-
Tunnel di Ezechia. I bambini più grandi pos- lame risalenti al dominio romano, un fatto
sono visitare il Tunnel di Ezechia, ma pri- che dimostrerebbe che questo canale venne
ma di entrare occorre informarsi sul livel- utilizzato come rifugio dagli ebrei durante il
lo dell’acqua. L’ultimo attraversamento del saccheggio della città del 70 d.C.
tunnel è consentito un’ora prima della chiu-
¨¨Salita di Temple Road
sura ufficiale della Città di David.
Questo tunnel lungo 650 m, scoperto di re-
¨¨Piscina di Siloam cente, è un altro canale di scolo che racco-
All’uscita del Tunnel di Ezechia c’è una pic- glieva le acque reflue provenienti dalla zona
cola vasca circondata da pietre rotonde, co- del Monte del Tempio. L’uscita si trova nei
struita dai bizantini nel V secolo per ricor- pressi della Piscina di Siloe, da dove è pos-
dare la guarigione del cieco nato da parte di sibile risalire la collina per tornare alla Cit-
Gesù (Giovanni 9). I bizantini costruirono tà Vecchia, uscendo nei pressi della Porta del
questa vasca perché non erano stati in gra- Letame. Prestate molta attenzione al soffit-
do di localizzare la Piscina di Siloe, sepolta to basso e ad alcuni punti in cui il passaggio
sotto uno spesso strato di cocci e di rifiuti. si restringe notevolmente: se non vi sentite
a vostro agio negli spazi stretti, vi consiglia-
¨¨Piscina di Siloe
mo di evitare la visita.
Salendo le scale dalla Piscina di Siloam si
raggiunge uno spazio aperto con gradini un
po’ pericolanti, che scendono fino a una pic- Valle di Giosafat SITO RELIGIOSO

cola vasca. Scoperta durante una campagna (cartina p82; Jericho Rd; ingresso su offerta; h ore
di scavi nel 2004, la Piscina di Siloe fu co- diurne) In lingua ebraica il nome Yehosha-
struita all’epoca del Secondo Tempio, quan- fat (Giosafat) significa ‘Dio giudica’ e questa
do veniva usata per le abluzioni purificatri- stretta striscia di terra situata tra il Monte
ci. Secondo gli archeologi e gli storici, que- del Tempio/Al Haram Ash Sharif e il Mon-
sta potrebbe essere la vasca in cui Gesù gua- te degli Ulivi corrisponderebbe al luogo del
rì il cieco nato. Giudizio Universale (Gioele 3, 12), nel corso
del quale tutte le nazioni verranno giudicate.
¨¨Scalinata orientale Nell’estremità meridionale della valle si tro-
Dalla Piscina di Siloe risalite la rampa di gra- va una serie di tombe risalenti al periodo del
dini in legno fino a raggiungere la Scalinata Secondo Tempio. La tomba più settentriona-

LA VISITA AL MONTE DEGLI ULIVI


La visita a piedi del Monte degli Ulivi potrebbe rivelarsi piuttosto impegnativa, soprat-
tutto in estate. Se volete partecipare a una visita guidata, vi consigliamo quella organiz-
zata dalla Sandemans (p103), un eccellente tour della durata di tre ore (€21 trasfe-
rimenti compresi). Se invece preferite visitarlo da soli, prendete l’autobus arabo n. 275
(5NIS) dalla stazione degli autobus situata di fronte alla Porta di Erode in Sultan Su-
leiman St, a Gerusalemme Est, oppure fermatelo alla Porta di Damasco. Scendete alla
Chiesa dell’Ascensione, facilmente riconoscibile dall’insegna con la scritta ‘Augusta Vic-
toria Hospital’. In alternativa, scendendo un paio di fermate più avanti, è possibile avvi-
cinarsi di più ai siti storici del Monte degli Ulivi. Camminando verso valle si incontrano la
Cappella Russa dell’Ascensione (cartina p82; % 02-628-4373; h orari variabili, di so-
lito 9-12), la Cupola dell’Ascensione, la Chiesa del Pater Noster e le Tombe dei Profeti. Ri-
salendo verso la Porta dei Leoni (p80) e la Città Vecchia, si passa dall’Orto del Getse-
mani (p90) e dalla Tomba della Vergine Maria (p90).
Quasi tutte le chiese e i giardini aprono al mattino, chiudono per almeno un paio di
ore intorno a mezzogiorno e riaprono verso la metà del pomeriggio.
89
le è quella di Giosafat, un sepolcro rupestre Cupola dell’Ascensione/
del I secolo, il cui ingresso è decorato da un Cappella dell’Ascensione SITO RELIGIOSO
imponente fregio. Di fronte a questa tomba (cartina p82; h 7.30-10.30 e 13.30-14.30) Non
si trova la Colonna o Pilastro di Assalonne, è facile accorgersi di questa cappella picco-
la leggendaria tomba del figlio ribelle di Da- la e fatiscente, che secondo la tradizione sor-
vid (Secondo Libro di Samuele 18, 17). Pochi gerebbe nel luogo in cui Gesù ascese al cielo
passi più avanti si incontra la Grotta di San (Luca 24, 50-51). Costruito in epoca bizanti-

Gerusalemme C he c o sa vedere
Giacomo, dove si ritiene che san Giacomo si na, questo edificio fu rielaborato dai crocia-
fosse rifugiato dopo l’arresto di Gesù. Accan- ti e nel 1198 convertito in moschea da Sala-
to alla grotta c’è la Tomba di Zaccaria, scava- dino. Nella sua forma attuale è composta da
ta nella pietra, dove secondo la Bibbia sareb- una rotonda inserita in un complesso ottago-
be sepolto il profeta Zaccaria (Secondo Libro nale, le cui mura inglobano un tozzo minare-
delle Cronache 24, 25). to in pietra. Gli orari di apertura sono mol-
Nonostante i nomi con cui sono passa- to variabili, ma in genere al mattino si trova
te alla storia, è molto probabile che queste sempre qualcuno che apre la porta.
tombe siano le sepolture di ricchi aristocra- All’interno della chiesa, sul pavimento
tici vissuti all’epoca del Secondo Tempio. di pietra si può vedere quella che secondo
la tradizione sarebbe l’impronta di un pie-
de di Gesù. Il suo aspetto poco convincente
1 Monte degli Ulivi potrebbe essere dovuto al fatto che in epoca
Secondo il Libro di Zaccaria (14, 4), dopo bizantina ai pellegrini era consentito prele-
che il Monte degli Ulivi si fenderà in due, in varne un frammento da portare via come ri-
questo luogo Dio resusciterà i morti quando cordo. Oggi si riesce a vedere solo l’impronta
il Messia farà ritorno nel Giorno del Giudi- del piede destro, dal momento che in epoca
zio. Per questo motivo molti ebrei esprimono medievale quella del piede sinistro fu porta-
il desiderio di riposare in questo luogo, co- ta nella Moschea Al Aqsa (p68).
me dimostra il fatto che fino a oggi su que-
sti pendii sono state sepolte circa 150.000
persone. Secondo alcune voci, i migliori lot-
ti per la sepoltura possono arrivare a costa- PERICOLI E CONTRATTEMPI
re anche 100.000 dollari. Oltre a essere il ci-
Anche se la maggior parte dei viaggia-
mitero usato senza interruzioni più antico
tori visita Gerusalemme senza incorrere
del mondo, il Monte degli Ulivi è costellato
in alcun incidente, prestate comunque
di chiese e di luoghi che commemorano gli
molta attenzione, perché le tensioni in
eventi che portarono all’arresto di Gesù e al-
corso possono infiammarsi all’improvvi-
la sua ascesa al cielo. so e trasformarsi in atti di violenza.
¨¨Le manifestazioni e i cortei da parte di
Chiesa dell’Ascensione CHIESA
(www.evangelisch-in-jerusalem.org; all’angolo tra ebrei e di arabi sono piuttosto comuni.
In genere si tratta di eventi pacifici, ma è
Anbar St e Martin Buber St; 5NIS; h 8-13 lun-sab;
sempre meglio starne alla larga (la Porta
g 275) Nel 1898, gli ottomani donarono al-
di Damasco, la Porta dei Leoni e il Monte
la Germania otto ettari di terra sul Monte
Del Tempio/Al Haram Ash Sharif costitu-
degli Ulivi, sui quali vennero costruiti una
iscono regolarmente punti critici).
chiesa e un ospizio, che vennero battezzati
con il nome della moglie del Kaiser Gugliel- ¨¨Il Monte degli Ulivi non è sempre la zo-
mo II, Augusta Victoria. Portata a termine na più sicura per fare una passeggia-
nel 1910, questa chiesa è decorata con mo- ta e si sono riscontrati casi di molestie a
saici e affreschi e possiede un campanile al- donne che viaggiavano da sole. Se pos-
sibile, cercate di visitare questa zona in
to 60 m aperto al pubblico (203 scalini). Du-
coppia.
rante la prima guerra mondiale l’ospizio ven-
ne occupato dall’esercito turco e in seguito ¨¨A volte gruppi di ebrei ultraortodos-
fu convertito dagli inglesi in ospedale mili- si lanciano pietre contro gli autobus e af-
tare, funzione che mantiene (sia pure per i frontano la polizia nel quartiere di Mea
civili) ancora oggi. She’arim, una zona che può rivelar-
si ostile nei confronti dei turisti, soprat-
tutto se vestiti in maniera non consona
all’ambiente.
90
Chiesa del Pater Noster CHIESA La roccia collocata ai piedi dell’altare
(cartina p82; %02-626-4904; 8NIS; h8.30- maggiore sarebbe il luogo in cui Gesù pregò.
12 e 14.30-16.30 lun-sab apr-set, a partire dalle 8
lun-sab ott-marzo) I pannelli di mattonelle Orto del Getsemani GIARDINO
inseriti nelle pareti di questa chiesa e del (cartina p82; h 8.30-12 e 14.30-17 lun-mer, ven e
chiostro riportano la preghiera del Padre sab, fino alle 16 dom e gio) F Dopo una not-
Nostro. Sant’Elena, madre dell’imperato- te di preghiere, Gesù fu arrestato in questo
Gerusalemme C he c o sa vedere

re Costantino, ritenne che questo fosse il orto (Marco 14, 26; 32-50), oggi annesso alla
luogo in cui Gesù insegnò ai suoi discepoli Basilica delle Nazioni. Al suo interno si tro-
la preghiera del Padre Nostro e vi fece co- vano alcuni degli ulivi più antichi del mon-
struire una chiesa. La struttura fu in segui- do (il termine aramaico gat shmanim signi-
to distrutta, ma venne ricostruita nel 1152 fica ‘frantoio’), anche se nessuno studio ha
dai crociati, per poi essere nuovamente ra- confermato con assoluta certezza che si trat-
sa al suolo dai Mamelucchi. L’edificio che ti degli stessi alberi sotto i quali Gesù pregò
si può vedere oggi è una parziale ricostru- e i suoi discepoli dormirono. Una recinzione
zione della chiesa bizantina con un chio- protegge gli ulivi dai visitatori. Per raggiun-
stro del XIX secolo. I pannelli di mattonel- gerlo bisogna percorrere lo stretto vicolo che
le riportano la preghiera del Padre Nostro sale lungo il Monte degli Ulivi.
in 132 lingue e in Braille.
Tomba della Vergine Maria SITO CRISTIANO
Tombe dei Profeti TOMBE (cartina p82; h 5-12 e 14.30-17 apr-set, a partire
(cartina p82; ingresso su offerta, 5NIS per perso- dalle 6 ott-marzo) F Secoli di fumo di can-
na; h 9-15 lun-gio) Nella zona del cimitero si- dele hanno annerito le mura di questo san-
tuata sotto il punto panoramico si trova que- tuario sotterraneo, considerato tra i luoghi
sto gruppo di antiche tombe. Secondo la tra- più sacri del cristianesimo. Secondo la tra-
dizione ebraica, vi sarebbero sepolti i profe- dizione, in questo luogo sarebbe stata sepol-
ti Aggeo, Zaccaria e Malachia, vissuti tra il V ta Maria, la madre di Gesù. Illuminato dalla
e il VI secolo a.C., ma gli archeologi moder- luce ondeggiante di antiche lampade a olio,
ni hanno messo in dubbio questa ipotesi, da- l’ambiente è impreziosito da pregevoli icone
tando le tombe a epoche successive. del valore di milioni di shekel. La tomba è
protetta da una vetrata.
Chiesa di Maria Maddalena CHIESA Il primo monumento fu eretto nel V se-
(cartina p82; h10-12 mar e gio) Scorcio di colo, ma in seguito venne distrutto diver-
San Pietroburgo situato sul Monte degli se volte. La facciata dell’edificio che si può
Ulivi, questa chiesa dalle proporzioni ar- vedere oggi risale al periodo delle Crociate
moniose fu costruita ispirandosi allo stile (XII secolo), mentre la cripta è di epoca bi-
architettonico di una tipica chiesa russo- zantina. Sotto il pavimento si trova un’an-
ortodossa del XVII secolo. Realizzata nel tica cisterna.
1888 su commissione dello zar Alessandro Le uova poste sopra le lampade a olio che
III in memoria di sua madre, questa chiesa pendono dal soffitto non sono decorazioni
ospita oggi un convento e custodisce le reli- pasquali, ma hanno lo scopo di impedire ai
quie di due sante russe. Le sue sette cupole topi di scendere lungo le catene.
a cipolla dorate costituiscono uno dei pun-
ti di riferimento più belli di Gerusalemme.
1 Gerusalemme Est
Basilica delle Nazioni CHIESA Abitata in prevalenza da arabi, Gerusalemme
(Basilica del Getsemani; cartina p82; h 8-17.50 Est è oggetto di roventi polemiche, in quan-
apr-set, fino alle 16.50 ott-marzo) Costruita sui re- to questo quartiere si trova nella zona che,
sti di due chiese preesistenti, questa basili- in base agli accordi del 1949 che posero fine
ca francescana sorge nel luogo in cui secon- alla guerra arabo-israeliana, apparteneva alla
do la tradizione Gesù trascorse pregando la Giordania. La Green Line ‒ ossia quello che
notte prima di essere tradito (Matteo 26, 36). tra il 1948 e il 1967 era il confine tra Israele
All’interno di questa chiesa ‒ nota anche con e la Giordania ‒ correva lungo Chel Handa-
il nome di Santuario dell’Agonia di Gesù ‒ sa St, che oggi fa parte del tragitto della JLR.
la luce fioca che filtra dalle vetrate istoriate Dopo la Guerra dei Sei Giorni (1967), Gerusa-
e il soffitto a volta punteggiato di stelle evo- lemme Est venne conquistata da Israele e og-
cano le accorate preghiere notturne di Gesù gi gran parte della comunità internazionale
nell’Orto del Getsemani. la considera un territorio occupato da Israele.
91
Chi visita per la prima volta la città può salemme Est e Gerusalemme Ovest (il termi-
rimanere un po’ confuso dal fatto che la zo- ne inglese ‘seam’ significa ‘cucitura’), questa
na di Gerusalemme Est corrisponda in re- galleria ospita mostre temporanee dedicate
altà ai quartieri situati a nord, a est e a sud all’arte contemporanea, spesso incentrate su
della Città Vecchia. I siti di Gerusalemme temi come l’identità, la molteplicità e la fede.
Est più vicini alla Città Vecchia sono in ge- Aspettatevi di tutto, dalle installazioni multi-
nere i punti più critici, in quanto teatro di mediali al neon alle inquietanti riproduzio-

Gerusalemme C he c o sa vedere
tensioni (e violenti scontri) tra la popola- ni di scene bibliche; qualsiasi mostra sia in
zione araba e le onnipresenti forze dell’or- programma, costituirà sicuramente un’espe-
dine israeliane. rienza dal forte impatto emotivo. Tra il 1948
Mentre esplorate questa zona, vi consi- e il 1967 questo edificio funse da avamposto
gliamo di valutare la possibilità di andare militare dell’esercito israeliano e mostra an-
a bere o a mangiare qualcosa nello storico cora oggi i segni della guerra.
American Colony Hotel (p106). Secondo All’ultimo piano c’è un grazioso caffè,
quanto si racconta, quando gli Ottomani si mentre al piano terra troverete un gift shop.
arresero agli inglesi e cedettero loro la cit- Tenete presente che alcune delle opere espo-
tà, il governatore turco di Gerusalemme af- ste non sono adatte ai bambini più piccoli.
ferrò un lenzuolo da uno dei suoi letti (all’e-
poca questo edificio ospitava un ospedale) e Tomba del Giardino GIARDINI
lo usò come bandiera per la resa. Oggi que- (cartina p82; % 02-539-8100; www.gardentomb
sta ‘bandiera’ è custodita all’interno dell’Im- .com; Gerusalemme Est; h 8.30-17.15 lun-sab; j Da-
perial War Museum di Londra. mascus Gate) F Lontana dal trambusto di
Derekh Shchem (Nablus) Rd, questa tranquil-
oMuseo delle la oasi verde è considerata da alcuni il giar-
Tradizioni Palestinesi MUSEO dino e il sepolcro di Giuseppe d’Arimatea e
(Organizzazione Dar Al Tifel Al Arabi; cartina p82; ‒ forse ‒ il luogo in cui potrebbe essere avve-
% 02-627-2531; www.dta-museum.org; Colonia nuta la resurrezione di Gesù. Sebbene queste
Americana, Al Jarrah St; interi/bambini 20/10NIS; tesi godano di scarsa considerazione, questo
h 8-16 lun-gio e sab) Allestito all’interno di un spazio recintato e tenuto con grande cura in-
edificio del XIX secolo del complesso della vita alla meditazione più di quello che è ri-
Colonia Americana, questo museo delinea tenuto il vero sito della Crocifissione, ovvero
un’interessante panoramica della cultura pa- la Basilica del Santo Sepolcro (p73). Nella
lestinese antica e moderna. La sua vasta col- Tomba del Giardino si trovano anche alcuni
lezione di ricami, cesti intrecciati e strumen- interessanti scavi archeologici.
ti agricoli illustra le antiche tradizioni dei vil- Il primo ad attribuire un significato bi-
laggi. Questo museo rievoca anche la diaspo- blico a questo luogo fu il generale Charles
ra del popolo palestinese con un elenco di ex Gordon (conosciuto anche come Gordon di
villaggi arabi e ricorda eventi come il massa- Khartoum) nel 1883. Gordon si rifiutava di
cro di Deir Yassin del 1948. credere che il Santo Sepolcro sorgesse sul-
la collina del Golgota e ‒ dopo aver identi-
Cattedrale di San Giorgio CHIESA ficato un’altura a forma di teschio situata
(cartina p82; www.j-diocese.org; Derekh Shchem/­ pochi passi a nord della Porta di Damasco
Nablus Rd; h orario variabile; j Shivtei Israel) Inti- (p79) ‒ cominciò a effettuare scavi. Do-
tolata al santo patrono d’Inghilterra, che per po aver riportato alla luce alcune tombe an-
tradizione si ritiene sia morto martire in Pa- tiche, compresa una camera chiusa da una
lestina all’inizio del IV secolo, la Cattedrale di pietra, si convinse che questo fosse il vero
San Giorgio fu consacrata nel 1898 ed è fre- luogo della sepoltura di Gesù.
quentata da due congregazioni, di lingua in- Gli archeologi hanno confutato la teoria
glese e araba. Il complesso della chiesa sem- di Gordon, facendo risalire queste tombe
bra rimasto congelato all’epoca del Mandato al VII-V secolo a.C., ma i sostenitori della te-
britannico e vanta ancora molti simboli della si di Gordon sottolineano che in Terra Santa
presenza inglese a Gerusalemme. le vecchie tombe venivano spesso riutilizza-
te. Gli studiosi più prosaici sostengono in-
Museum on the Seam GALLERIA D’ARTE vece che il vero motivo per cui si continua a
(cartina p82; %02-628-1278; www.mots.org.il; 4 sostenere la tesi della Tomba del Giardino
Chel Handasa St; interi/studenti 30/25NIS; h10-17 sia il fatto che questo è l’unico luogo sacro
lun, mer e gio, fino alle 14 ven, 14-20 mar; jShivtei di Gerusalemme amministrato dai prote-
Israel) Situata sulla linea di confine tra Geru- stanti.
92
Gerusalemme Centro
A B C D

er
Jaffa

Albokh
4 Ti

l
a'e
Center ÿ
# ch
o
St

isr
¤
# k

Y
1 Ha o

en
Ra Ko

St
vA

Ev
# 12
ÿ av

eV
g
Sherut an aR
Gerusalemme C he c o sa vedere

Ho
H

rg
St (Service Taxi)

rk
eo
tz t

an
for Tel Aviv ˜ tS
ve #
gG le 10 ÿ

os
'A e #
Ya tz
Kin

St
#9
ÿ

nt
a
av

Lu
nim St aH St 15 ú
Be
5 ho #
Zion H ar St
# alka
nH

19 ÿ
# Ja sh 23 û

s
iy

Dorot Ri
ú
# Sq ffa El M
ille

Ha

66
2 ÿ
# Rd i
n
lS

Samuel St
32

Herbert
6 þ
#

le
t

36

He
34 þ
#
# 21
þ
# 35
þ #
ú
t # 14
ÿ #
û Jerusalem
da S 27
Yehu 20 ú Courtyard
#
HaHis

Ben Shamai St #
ý NAHALAT 8 ÿ #

t
Nakhalat Shiv'a

nS
Yo'el Salomon St
29
lo Bianc hini

SHIV'A

Joseph Rivli
66
tadrut St

Beit David
22 û
#
Darom

St
reg
3 Beit HaKneset ï38
#

So
Ange

Hillel St

Ha
þ
# #
ü
#2
â 33 Be Shi 25
St n S m'
lin ha on
16 ú
# Riv tah

66666
6666
St
King George V St

H2il 24 û
#
Shakham 2 2 2 2 2 lel 2 2 2 2 2
2 2 2 2 2 2 St 2 2 2 2 2
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2

4 Shakham 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2

66666
6666
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2

Hevo 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Ha-Matmid 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Meir 2 2 2 2 2 2 2 2Muslim
2 2 2
Eliezor

Sherman 2 2 2 2 2 2 2 Cemetery
2 2 2 2
Garden 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
R

2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Mamilla
ivlin

2 2 2 2 2
Pool
2 2 2 2 2 2

66666
6666
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2

5
Gan HaAtsma'ut 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
(Independence 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Park) 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
t
aS
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
iv
Ak

i 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2

bb
Ha

Ra
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
-M

2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
a'a

2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
rav

66666
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
im

2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2
Za
m
Kin

6
en

St
gG

ho

r on
f
eo

Ag
rg

Ge

MAKHNE
eV

org

YISRAEL

66666
St

ss
e

He
Eli
Elkhari

ot
i z

7 ington
sh
St
Wa

Lincoln
an
mb
George

Ra
A B C D
93
e
# 0 200 m Per raggiungere la Tomba del Giardino da
0 0.1 miles
E F Sultan Suleiman St bisogna percorrere Na-
blus Rd in direzione nord e svoltare a de-
stra all’altezza di Schick St, di fronte alla sta-
zione degli autobus. Il sito è accessibile alle
Mo

1 persone che si spostano sulla sedia a rotelle.


un
ba

Museo Archeologico Rockefeller

Gerusalemme C he c o sa vedere
zS

rg MUSEO
nbe
t

Gr u z e (cartina p82; % 02-670-8074; 27 Sultan Suleiman

Shivtei Israel
St, Gerusalemme Est; h 10-15 dom, lun, mer e gio, fi-
Dr

no alle 14 sab; j Damascus Gate) F Sebbene


Sm

sia ignorato da molti turisti, questo tranquil-


ora

lo museo, poco affollato e situato a due passi


2 dalla Porta di Erode, merita sicuramente una
#3
æ visita. Pervaso da un’atmosfera molto piace-
r vole, ospita un’interessante collezione di re-
'eo t
ne n S
Sh eshi perti. Nel cortile interno sono esposti prege-
Ch 00
00
00
000000 0000
0 voli oggetti di epoca romani disposti intor-
0
000
00
000000 0000
0 no a una vasca ornamentale.
00
00
00
00
000000 0000
0

66
0
000
00
0 000 0000
0
0
00
0000
Safra
0 0 0
Sq
0 00
Ja 00
000
00
00
00 00 0000
0 3 1 Centro
ffa
Rd
0
000
000
00
00 00 0000
0
00
000
00
00
00 00 0000
0 Il centro di Gerusalemme comprende la zo-
# 13
ÿ na situata a nord-ovest della Città Vecchia.
Il suo asse centrale è Jaffa Rd, che procede
t

66
nS

# 17
ú da Tzahal Sq fino al Mercato Mahane Yehu-
# City Hall
so

¤
Rehov # S
û da. Tra la piazza e il mercato si trova Zion Sq,
as

#
û ho
Ben Sira
iH

26 sh un comodo punto di riferimento e frequenta-


28
Uz

û
# Ko an
re St to luogo di ritrovo. Pur essendo il centro di
þ
# sh
31
St 4 Gerusalemme, questa zona è molto piacevo-
le da visitare a piedi.
Sh

Be Yana
nS
lom

i n
ira t
mo ) S oMercato Mahane Yehuda
St olo ekh MERCATO
zio

2 2 2 2 2
i n g S aMel (cartina p82; www.machne.co.il; Jaffa Rd, Gerusa-
n

K oH
Ha

2 2 2 2 2
m lemme Centro; h 8-18 dom-gio, 9-15 ven; j Mahane
hlo
2 2 2 2 2
M al

2 2 2 2 2
(S MAMILLA
2 2 2 2 2
11 Yehuda) Gli abitanti di Gerusalemme si ritro-
ka St

18 # 39
î
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
ÿ
#
ú
# Mamilla Mall vano ogni giorno al Mercato Mahane Yehuda
2 2 2 2 2
5 per fare scorta di frutta e verdura, uno spet-
2 2 2 2 2
2 2 2 2 2
Yitzha
30 tacolo molto affascinante agli occhi di chi lo
2 2 2 2 2 #7
ÿ k Kariv ý
# vede per la prima volta. Le bancarelle traboc-
Rd
Ben

cano di halva (dolci a base di pasta di sesa-


Shim

#1
æ mo simili al torrone), olive, dolci ricoperti di
semi di papavero e altre prelibatezze locali.
'o

St
n

Di sera questo mercato si reinventa come zo-


h)
ek

Sham
na di ristoranti e bar, molto frequentata da
Mel

a 6 buongustai del posto e turisti.


avid Ha

Le due strade principali del mercato so-


no Mahane Yehuda St, la zona del merca-
to aperto, dove si concentrano le bancarel-
avid (D

66
le di carne, frutta e verdura, ed Etz Chayim
St, il mercato coperto, dove troverete dolci,
King D

frittelle, succhi di frutta e altre squisitezze.


37
Questa zona fu adibita a mercato nell’e-
í
# 7 poca ottomana. Durante il Mandato britan-
Paul Émile Botta nico si tentò di ridimensionarla e di confe-
Bloomfield rirle una struttura meno improvvisata, ma
Gardens
questi progetti naufragarono, al punto che
E F
94

Gerusalemme Centro
æ Che cosa vedere û Locali e vita notturna
1 Hebrew Union College����������������������������E5 22 Barood���������������������������������������������������� D3
2 Museo di Arte Ebraica Italiana�������������� C3 23 Cassette Bar������������������������������������������� D2
3 Complesso Russo�����������������������������������E2 24 Jabotinski����������������������������������������������� D4
25 Kadosh���������������������������������������������������� D3
Gerusalemme C he c o sa vedere

ÿ Pernottamento 26 Mazkeka�������������������������������������������������� E4
4 7 Kook Hotel & Suites�����������������������������C1 27 Mike’s Place�������������������������������������������� D2
5 Arthur Hotel�������������������������������������������� B2 28 Sira���������������������������������������������������������� E4
6 City Center Hotel������������������������������������ A2 Videopub������������������������������������������� (v. 23)
7 David Citadel Hotel���������������������������������E5
8 Harmony Hotel��������������������������������������� C3 ý Divertimenti
9 Jerusalem Hostel 29 Bimot������������������������������������������������������� B3
& Guest House������������������������������������� C2 30 Time Elevator������������������������������������������F5
10 Jerusalem Inn����������������������������������������� D2
11 Mamilla Hotel�������������������������������������������E5 þ Shopping
12 Palatin Hotel��������������������������������������������A1 31 Arman Darian Ceramic�������������������������� E4
13 Post Hostel�����������������������������������������������E3 32 Danny Azoulay���������������������������������������� C2
14 Shamai Suites���������������������������������������� B2 33 Greenvurcel�������������������������������������������� C3
34 Kippa Man����������������������������������������������� B2
ú Pasti
35 Lametayel����������������������������������������������� C2
15 Darna������������������������������������������������������� D2 36 Steimatzky���������������������������������������������� D2
16 Focaccia Bar������������������������������������������� B3
17 Hamarakia�����������������������������������������������E3 ï Informazioni
18 Mamilla Rooftop Restaurant������������������E5 37 Consolato francese���������������������������������E7
19 Pinati������������������������������������������������������� A2 38 Jerusalem Open House for
20 T’mol Shilshom�������������������������������������� C2 Pride and Tolerance��������������������������� D3
21 Village Green������������������������������������������� D2 39 Super-Pharm�������������������������������������������F5

il Mercato Mahane Yehuda ha mantenuto la in un’area amministrativa fortificata, che gli


sua conformazione originale senza un preci- ebrei palestinesi soprannominarono ‘Bevin-
so schema. Molti vicoli che si snodano tra le grad’, dal nome del vituperato ministro de-
due strade principali hanno nomi che fanno gli Esteri inglese Ernest Bevin. Oggi questo
riferimento ai prodotti che vi venivano tra- complesso ospita la stazione centrale di po-
dizionalmente venduti, anche se oggi que- lizia e le aule del tribunale.
sta corrispondenza non è più una regola, in
quanto lungo HaAfarsek (‘Via delle Pesche’) Museo di Arte Ebraica Italiana MUSEO
troverete bancarelle di biancheria da letto, (cartina p92; % 02-624-1610; http://ijamuseum.
in HaTut (‘Via delle Bacche’) una macelleria org; 25 Hillel St, Gerusalemme Centro; interi/bambi-
e in Ha’Egoz (‘Via delle Noci’) un’intermi- ni 25/15NIS; h 10-17 dom, mar e mer, 12-21 gio, 10-13
nabile fila di venditori di dolci, caffè e fiori. ven; j Jaffa Center) L’elemento di maggior spic-
Questo mercato è particolarmente ani- co di questo museo poco visitato è costitui-
mato il giovedì e il venerdì, quando la gen- to dalla sinagoga in stile barocco, imprezio-
te si prepara per lo Shabbat. sita da elementi in legno dorato raffiguran-
ti foglie di vite e archi decorativi. Trasporta-
Complesso Russo SITO STORICO ta attraverso il Mediterraneo da Conegliano
(cartina p92; Shivtei Israel St, Gerusalemme Cen- Veneto, il suo luogo di origine, questa sina-
tro; h Chiesa della Santissima Trinità 9-13 lun-sab goga fu ricostruita a Gerusalemme nel 1951.
apr-set, 9-13 lun-ven e fino alle 12 sab ott-marzo; Il museo custodisce una collezione di ogget-
j City Hall) Dominato dalle cupole verdi del- ti della tradizione ebraica italiana dal Rina-
la Chiesa della Santissima Trinità, questo scimento ai giorni nostri.
complesso fu acquistato dalla Chiesa russo-
ortodossa nel 1860 per rafforzare la presenza Sinagoga di Ades SINAGOGA
dell’impero russo in Terra Santa. Negli ultimi (cartina p82; all’angolo tra Be’ersheva St e Shi-
anni del Mandato britannico, il Complesso lo St; horario variabile) Costruita nel 1901 dal-
Russo e le vie circostanti furono trasformati la comunità ebraica siriana di Aleppo (Ha-
95
leb), questa sinagoga prende il nome dai fra- Imponen-
h chiesa 9-16 dom-gio, fino alle 13 ven)
telli Ovadia e Yosef Ades, i due ebrei che ne te come un castello delle Highlands, la Chie-
finanziarono la costruzione. Questa sina- sa di Sant’Andrea è un piccolo angolo di
goga divenne ben presto il centro del can- Scozia costruito nel 1927. Conosciuto anche
to liturgico siriano hazzanut e molti canto- con il nome di ‘Chiesa Scozzese’, questo edi-
ri ebraici di Gerusalemme vi compiono i lo- ficio sacro fu realizzato per commemora-
ro studi. La sinagoga di Ades tramanda anco- re i soldati scozzesi che persero la vita nella

Gerusalemme C he c o sa vedere
ra oggi la rara tradizione delle bakashot, un conquista dalla Terra Santa durante la pri-
ciclo fisso di salmi e preghiere di origine sefar- ma guerra mondiale. Gli scozzesi continua-
dita, che vengono cantati nelle sinagoghe nel- rono a frequentare questa chiesa anche du-
le prime ore dello Shabbat dei mesi invernali. rante la seconda guerra mondiale, ma og-
Questa sinagoga è prima di tutto un luogo gi vi passano persone di ogni nazionalità, in
di culto (anche se alcuni turisti le rendono particolare grazie alla sua eccellente gues-
visita). Sono previste due funzioni al mat- thouse (p109).
tino e una il pomeriggio/sera, aperte anche Questa chiesa presenta un’affascinan-
ai visitatori; gli orari sono affissi all’esterno. te commistione di influssi orientali e occi-
dentali. Non mancate di notare le finestre
istoriate in vetro blu di Hebron, le piastrelle
1 King David Street armene e l’ampia cupola in stile bizantino.
Al di là della Città Vecchia, la zona di Gerusa-
lemme dove tutti vorrebbero acquistare una
casa è quella lungo e nei pressi di King Da- 1 Rehavia e Talbiyeh
vid (­David HaMelekh) St, nel lato della col- Considerati tra i quartieri più eleganti di Ge-
lina situato a ovest della Porta di Giaffa. Do- rusalemme, Rehavia e Talbiyeh vennero fon-
minata dal King David Hotel (p110), questa dati all’inizio del XX secolo rispettivamente
zona ospita parchi, giardini e ristoranti esclu- da intellettuali ebrei e da arabi cristiani be-
sivi. Nell’adiacente Mamilla sorgono intermi- nestanti. Oggi in questa zona si trovano an-
nabili file di nuovi condomini di lusso, mol- che le residenze ufficiali del primo ministro
ti dei quali di proprietà di ebrei che vivono e del presidente di Israele. L’estremità su-
all’estero per la maggior parte dell’anno, che periore (nord-orientale) di Gaza (Aza) Rd –
si affacciano sulle mura della Città Vecchia. I la vecchia strada che conduceva a Gaza – e
principali punti di riferimento di questa zona Ramban St sono vivaci e ricche di bar e caffè.
sono il complesso dello Hebrew Union Colle- Entrambi i quartieri si trovano a sud di
ge (Beit Shmuel; cartina p92; www.beitshmuel. Bezalel St e a ovest di King George V St e
co.il; 6 Eliyahu Shama St), sede israeliana dell’u- Keren HaYesod St.
niversità dell’ebraismo riformato progettata
in parte dall’architetto Moshe Safdie (autore Museo di Arti Islamiche L.A. Mayer MUSEO
anche del Mamilla Mall e dello Yad Vashem), (cartina p82; % 02-566-1291; www.islamicart.
e la YMCA (p110), un edificio concepito nel co.il; 2 HaPalmach St, Rehavia; interi/studenti/bam-
1933 da Arthur Loomis Harmon, architetto bini 40/30/20NIS; h 10-15 lun-mer, fino alle 19 gio,
passato alla storia per aver progettato l’Em- fino alle 14 ven e sab; g 13) Situato nell’estremi-
pire State Building di New York. tà meridionale di Rehavia, questo interessan-
te museo espone una prestigiosa collezione
Mulino a vento di opere d’arte di diverse culture islamiche.
Montefiore LUOGO INTERESSANTE Tra le attrattive principali figurano vetri del-
(Mulino a vento di Yemin Moshe; cartina p82; l’XI secolo, ceramiche risalenti al periodo dei
% 02-625-1258; Yemin Moshe; h museo 9-16 dom- Mamelucchi e piastrelle iraniane. Allestito su
gio, fino alle 13 ven) F Il quartiere di Mi- tre piani, questo museo consente di scoprire
shkenot Sha’ananim (letteralmente ‘abitazio- l’arte del mondo islamico e può essere visita-
ni tranquille’) fu in gran parte concepito dal to nel giro di un’ora.
filantropo ebreo inglese Moses Montefiore e Inaugurata nel 1974, questa struttura
questo mulino a vento del 1857 fu una delle comprende anche una sala multimediale in-
prime strutture a venire costruite al di fuori titolata ‘Introduzione all’islam’, che prende
dei confini sicuri della Città Vecchia. in esame l’arte religiosa islamica e i princi-
pi base di questo credo, affrontando anche
Chiesa di Sant’Andrea CHIESA temi come la vita di Maometto e il sufismo.
(cartina p82; % 02-673-2401; www.standrewsje La collezione dedicata all’orologeria, rino-
rusalem.org; 1 David Remez St, Colonia Tedesca; mata in tutto il mondo, comprende molti de-
96
ma da vari angoli. Vi consigliamo di andarci
NAHLA’OT nel tardo pomeriggio, quando la città si tin-
ge di una meravigliosa luce ramata.
Fondato negli anni ’60 del XIX secolo, Per raggiungere la Haas Promenade si
questo quartiere situato a sud del Mer- può prendere l’autobus n. 78 in partenza
cato Mahane Yehuda è un labirinto di vi- dalla stazione centrale degli autobus, scen-
coli, in cui si celano vecchie sinagoghe dendo all’angolo tra Daniel Yanovski St e
Gerusalemme C he c o sa vedere

e yeshivot (seminari ebraici), molti dei HaAskan St.


quali sono ospitati all’interno di grandi
complessi circondati da mura di pietra.
La via più interessante è HaGilboa, do- 1 Givat Ram e Museum Row
ve si trovano numerose case d’epoca, Givat Ram è un quartiere a sud della stazio-
su ognuna delle quali è affissa una tar- ne centrale degli autobus, che ospita edifici
ga che ricorda la famiglia che vi abitava. governativi e universitari, la sede politica del
Nella strada parallela HaCarmel si trova governo israeliano e due importanti musei.
l’affascinante sinagoga Hased veRaha-
mim, facilmente riconoscibile dalle sue oMuseo di Israele MUSEO
inconfondibili porte d’argento. (% 02-670-8811; www.imj.org.il; 11 Ruppin Blvd, Mu-
seum Row; interi/studenti/5-17 anni 54/39/27NIS;
h 10-17 sab-lun, mer e gio, 16-21 mar, 10-14 ven; g 7,
gli orologi che vennero rubati nel 1983 nel 9, 14, 32) I tesori esposti negli spazi aperti e
corso del furto più spettacolare mai avvenu- chiusi del vasto Museo di Israele tratteggia-
to in Israele e ritrovati in Francia nel 2008. no una panoramica molto interessante dei
Telefonando con un certo anticipo è possi- cinque millenni di storia di questa regione.
bile prenotare una visita guidata in inglese. Tra le attrattive principali meritano di esse-
re citate le grandi sculture della sezione ar-
cheologica, mentre la sezione delle belle
1 Colonia Tedesca arti illustra l’arte israeliana del XX secolo
A dispetto del suo nome, in questo raffina- in tutte le sue forme, dalla tessitura dei tap-
to quartiere situato a sud del complesso del- peti alla scultura. Chi si avvicina per la pri-
la Prima Stazione Ferroviaria di epoca otto- ma volta alla cultura ebraica non mancherà
mana (p115) sentirete parlare non solo te- di apprezzare la Sala del Ritmo della Vita,
desco ma anche inglese, francese ed ebraico. che descrive i rituali e le cerimonie legati al-
Solo i cartelli in stile gotico tradiscono le ra- la nascita, al matrimonio e alla morte. Il fio-
dici della Colonia Tedesca, fondata dalla setta re all’occhiello del museo è la sala in cui sono
protestante tedesca dei templari verso la fine esposti i famosi Rotoli del Mar Morto, alcuni
del XIX secolo. L’attività preferita degli abi- dei manoscritti biblici più antichi del mondo.
tanti di questa zona ben tenuta e dall’atmo- Prima di iniziare la visita (alla quale vi
sfera cosmopolita sembra essere oziare nei consigliamo di dedicare almeno mezza gior-
dehors dei caffè, sorseggiando una bevanda nata), procuratevi una delle audioguide gra-
calda e leggendo il quotidiano Ha’aretz. Di tuite disponibili al centro visitatori. Se deci-
sera vi consigliamo di fare una passeggiata derete di trascorrere nel museo una giorna-
in questa zona, che può contare su una va- ta intera – come fanno molti visitatori – po-
sta scelta di ristoranti e di bar. trete pranzare nell’eccellente ristorante Mo-
Gli autobus n. 7 e 34 raggiungono Emek dern (p117). All’interno del museo trovere-
Refa’im St da King George V St, nel cen- te anche due caffè più economici.
tro cittadino. ¨¨Santuario del Libro
Il caratteristico tetto a forma di coperchio di
questo padiglione si riferisce alle giare in cui
1 Talpiot erano conservati i Rotoli del Mar Morto. I pri-
Haas Promenade PUNTO PANORAMICO mi manoscritti (in tutto sono più di 900) ri-
(Talpiot) La Haas Promenade regala suggesti- salgono all’epoca della rivolta di Bar Kochba
vi scorci di Gerusalemme incorniciati dai ci- (132-35 d.C.) e furono rinvenuti nel 1947. Trat-
pressi, tra cui la Città Vecchia con i grattacieli tano temi sia sacri sia profani e si ritiene sia-
sullo sfondo e le valli punteggiate di villaggi no stati scritti dagli esseni, una comunità di
che si profilano all’orizzonte. Diversi sentie- asceti che visse nella zona del Mar Morto per
ri permettono di ammirare l’ampio panora- circa tre secoli. Il manoscritto più importante
97

MEA SHE’ARIM
Percorrendo Strauss St in direzione nord da Jaffa Rd ci si ritrova ben presto in un quar-
tiere caratterizzato dalla presenza di tozzi edifici con le facciate in pietra, balconi pieni di
biancheria stesa ad asciugare, uomini barbuti vestiti di nero e mamme che indossano gon-
ne lunghe seguite da uno stuolo schiamazzante di bambini ben vestiti. Se avete la sensa-
zione di essere finiti in uno shtetl (villaggio tradizionale ebraico dell’Europa orientale) del-

Gerusalemme C he c o sa vedere
la fine del XIX secolo, con ogni probabilità vi troverete nei pressi di Kikar Shabbat, l’incro-
cio principale di Mea She’arim, il più antico quartiere di Gerusalemme abitato da ebrei ul-
traortodossi (haredim).
Una visita al quartiere di Mea She’arim vi consentirà di fare un viaggio indietro nel tem-
po. Questo quartiere fu infatti fondato da immigrati ultraortodossi provenienti dai paesi
dell’Europa orientale, che diedero alle loro nuove case di Gerusalemme lo stesso aspetto
di quelle che avevano lasciato in Polonia, in Germania e in Ungheria. Sebbene vivano in
Terra Santa da molto tempo, queste persone hanno mantenuto le tradizioni, gli usi e
l’abbigliamento diffusi nell’Europa orientale del XIX secolo, tra cui abiti vecchio stile quali
completi e cappelli neri per gli uomini e gonne che toccano il pavimento per le donne. In
questo quartiere potrete vedere anche durante la calda estate mediorientale molti uomini
chassidim che indossano shtreimel (cappelli di pelo) il giorno dello Shabbat e in occasione
delle festività.
Dal momento che la maggior parte delle famiglie che vivono in questa zona è numero-
sa, Mea She’arim è uno dei quartieri di Gerusalemme con la crescita demografica più ele-
vata e quello che contribuisce in maniera più evidente alla sempre più accentuata natura
religiosa della città. La lingua più diffusa nelle strade è lo yiddish, perché secondo gli ebrei
ultraortodossi l’ebraico dovrebbe essere utilizzato solo come lingua di culto. Le giornate
vengono spesso trascorse in preghiera e le attività commerciali rivestono un’importanza
secondaria, visto anche il fatto che non di rado gli studi religiosi sono finanziati dal governo
e dalle comunità ultraortodosse residenti all’estero.
Nelle famiglie più tradizionaliste le donne sposate, dopo essersi rasate completamente
la testa, si coprono solo con un foulard, in nome della modestia. In ogni caso, per alcuni
membri di questa comunità questo non sarebbe ancora sufficiente, come dimostra il fatto
che nel 2011 alcuni gruppi radicali cercarono di ‘segregare’ gli uomini e le donne di Mea
She’arim, obbligandoli a percorrere marciapiedi diversi. Questa iniziativa ‒ alla quale non
aderirono le correnti principali dell’ebraismo ultraortodosso ‒ fu dichiarata incostituziona-
le dalla Corte Suprema israeliana.
Trattandosi di un quartiere dal carattere fortemente religioso, i visitatori sono tenuti ad
adottare un abbigliamento sobrio e un comportamento rispettoso della tradizioni locali.
Grandi cartelli illustrano le regole relative all’abbigliamento, ovvero gonne lunghe fino al gi-
nocchio per le donne e spalle coperte e maniche lunghe sia per gli uomini sia per le donne.
Astenetevi dalla scattare fotografie agli abitanti (che detestano essere trattati come una
curiosità turistica) ed evitate di rivolgere la parola ai bambini o alle persone del sesso op-
posto. Inoltre è vietato camminare tenendosi a braccetto o per mano e baciarsi è conside-
rato assolutamente tabù. Chi non osserva queste norme viene rimproverato verbalmente,
ma in alcuni casi si può arrivare addirittura al lancio di pietre. Se avete l’impressione che
la situazione sia sul punto di degenerare e che si rischi il coinvolgimento della polizia, non
esitate ad andarvene. All’epoca delle ricerche compiute per questa guida, si erano verifica-
ti alcuni scontri aggressivi ‒ se non violenti ‒ tra la polizia e la gente del posto.
Il venerdì è il giorno migliore per visitare questa zona, che si anima di famiglie che si
recano al mercato per i preparativi dello Shabbat. Il venerdì sera le strade si riempiono di
gente che fa due passi per concedersi una pausa dopo la sostanziosa cena dello Shabbat.
Tenete presente che durante lo Shabbat le strade vengono bloccate per non permettere
la circolazione delle automobili. Inoltre non utilizzate il cellulare per orientarvi durante una
passeggiata a piedi, in quanto questo comportamento potrebbe indispettire i residenti,
che considerano l’utilizzo della tecnologia una violazione delle leggi dello Shabbat.
Il quartiere di Mea She’arim può essere raggiunto con una passeggiata di 15 minuti sia
dalla Porta di Damasco sia dall’incrocio tra Jaffa Rd e King George V St.
98
è il Grande Rotolo di Isaia, che è anche il più sta giapponese Isamu Noguchi, che ospita un
grande (7,3 m) e quello pervenutoci in con- gran numero di opere di artisti del XIX, XX
dizioni migliori; nel museo è custodita una e XXI secolo, tra cui Moore, Kapoor, LeWitt,
sua fedele riproduzione. Questa mostra riper- Oldenburg, Serra, Rodin e Picasso.
corre la storia dei rotoli e degli esseni e com- Mostrando il biglietto per il Museo dei
prende anche alcuni dei manoscritti originali. Luoghi della Bibbia avrete diritto al 10% di
sconto sull’ingresso.
¨¨Sezione archeologica
Gerusalemme C he c o sa vedere

I reperti esposti in quest’ala, che costituisco- Museo dei Luoghi della Bibbia MUSEO
no la collezione archeologica biblica e della (% 02-561-1066; www.blmj.org; 21 Stefan Wise St,
Terra Santa più ricca del mondo, sono orga- Museum Row; interi/studenti e bambini 44/22NIS;
nizzati in ordine cronologico dalla Preistoria h 9.30-17.30 dom-mar e gio, fino alle 21.30 mer, 10-14
all’impero ottomano. Nella prima sala è pos- ven e sab; g 7, 9, 14, 35, 66) Nel tentativo di trac-
sibile vedere alcuni sarcofagi in terracotta del ciare un collegamento tra i reperti riportati
XIII secolo a.C. Tra gli altri pezzi più interes- alla luce dagli scavi archeologici e gli eventi
santi figurano un pavimento a mosaico del citati nella Bibbia, questo grande museo cu-
III secolo proveniente da Nablus, che raffigu- stodisce una vasta collezione di sculture e di
ra episodi della vita di Achille. Degna di nota oggetti di uso quotidiano appartenuti a di-
è anche la Stele della Vittoria della ‘Casa di verse civiltà. Dal momento che questa mo-
David’, un’iscrizione frammentaria risalente stra potrebbe risultare poco chiara, vi consi-
al periodo del Primo Tempio scoperta a Tel gliamo di procurarvi l’audioguida o di pren-
Dan. Questa iscrizione costituisce l’unico ri- dere parte alla visita guidata gratuita che si
ferimento coevo alla dinastia di David attual- tiene dalla domenica al venerdì alle 10.30 (in
mente conosciuto, a parte la Bibbia. inglese) e alle 11 (in ebraico), il mercoledì al-
¨¨Arte e vita ebraica le 17.30 (in inglese) e alle 18 (in ebraico) e il
sabato alle 11.30 (in ebraico).
I reperti di maggiore interesse di questa ala
Tra i principali fiori all’occhiello di que-
sono quattro sinagoghe complete provenien-
sto museo meritano di essere citati la colle-
ti da diverse città. Una di esse è la settecen-
zione egizia, che comprende sarcofagi molto
tesca Sinagoga di Vittorio Veneto, che pre-
elaborati, gioielli in turchese, statuine del-
senta decorazioni a stucco e dorate e fu tra-
la fertilità siriane risalenti al Neolitico e un
sportata dall’Italia nel 1965. Le altre proven-
vaso le cui iscrizioni hanno permesso agli
gono da Cochin, in India, Paramaribo, nel Su-
storici di decifrare la scrittura cuneiforme.
riname, e Horb am Main, in Germania. Me-
Nei pomeriggi del sabato e del mercole-
rita di essere vista anche la sukkah (capan-
dì i ragazzi di età inferiore ai 18 anni entra-
na in legno costruita per la festa del raccol-
no gratuitamente.
to di Sukkot), dipinta dalla famiglia Deller,
che risale al XIX secolo e fu trasportata in
Knesset LUOGO INTERESSANTE
segreto dalla Germania a Gerusalemme nel
(cartina p82; % 02-675-3337; www.knesset.gov.
1935. Le sale situate nel retro di questa ala
il; Ruppin Rd, Givat Ram; p ; g 7, 7A, 14, 35) F
sono dedicate ai costumi e ai gioielli ebraici.
I 120 parlamentari dell’assemblea legislati-
¨¨Sezione delle Belle Arti va di Israele si riuniscono nella K ­ nesset, un
La sezione di maggiore interesse di questa ala edificio del 1966 che si inserisce nell’infelice
è quella che ospita le opere degli impressio- filone architettonico dei palazzi simili a par-
nisti e dei postimpressionisti, tra cui Renoir, cheggi multipiano. I visitatori possono par-
Pissarro, Degas, Sisley, Monet e Cézanne. Nel- tecipare alla visita guidata gratuita di un’o-
la Galleria di Arte Moderna è possibile am- ra, che consente di vedere le sale delle com-
mirare tele di Schiele, Rothko, Motherwell, missioni, la camera dell’assemblea plenaria,
Pollock, Modigliani e Bacon, mentre gli arti- la Sala Chagall (con tre arazzi e un mosaico
sti nazionali sono rappresentati nel padiglio- realizzati dal grande artista ebreo) e una sala
ne dedicato all’arte israeliana, che vanta una in cui è esposta la Dichiarazione d’Indipen-
serie di sensazionali dipinti di Reuven Rubin denza. Questo edificio fa parte del Kiryat Ben
e Yosef Zaritsky. Gurion, il distretto governativo.
Ogni domenica e giovedì vengono effet-
¨¨Giardino delle Sculture tuate visite guidate in ebraico, arabo, ingle-
Un sentiero lastricato conduce dal Santuario se, francese, spagnolo, tedesco e russo (su
del Libro a questo vasto giardino di sculture prenotazione anche in aramaico); per co-
progettato dall’artista e architetto paesaggi- noscere gli orari, visitate il sito web. La do-
99

ABBIGLIAMENTO ULTRAORTODOSSO
Indossare abiti semplici e castigati costituisce un principio fondamentale dello stile di
vita degli ebrei ultraortodossi (haredim). Per questo motivo le donne indossano vestiti o
gonne lunghe (mai i pantaloni) e camicie o bluse con le maniche lunghe, mentre gli uo-
mini portano in genere abiti neri con camicie bianche senza cravatta. Le donne sposate
si coprono il capo, di solito con una parrucca, una fascia per capelli o un foulard. Gli uo-

Gerusalemme C he c o sa vedere
mini haredim indossano tutti uno dei seguenti copricapi:
Kippah (yarmulke in yiddish) Indossata da tutti gli uomini ebrei nelle sinagoghe e nei
luoghi sacri e dagli ebrei osservanti in qualsiasi occasione, la kippah serve a ricordare in
ogni momento che Dio è sempre sopra colui che la porta. Gli ortodossi moderni e i sio-
nisti religiosi indossano kippot fatte a maglia o all’uncinetto, mentre in genere gli hare-
dim portano kippot in velluto o tessuto nero, spesso sotto il cappello; in ogni caso, va
detto che alcuni gruppi ‒ come i chassidim di Breslav ‒ preferiscono la kippah bianca.
Negli ultimi decenni, nel movimento riformato e in quello conservatore anche le donne
hanno iniziato a indossare la kippah.
Shtreimel Questi grandi cappelli rotondi di pelo, che secondo alcuni sarebbero di origi-
ne tartara, vengono indossati in occasione dello Shabbat e delle festività dai chassidim
sposati e dagli ebrei ‘yerushalmi’ (ebrei appartenenti all’originaria comunità ashkenazi-
ta di Gerusalemme). Dal momento che uno shtreimel tradizionale in pelo di volpe o di
martora può costare migliaia di dollari, quando piove i loro proprietari lo coprono spes-
so con grandi cuffie da doccia di plastica.
Spodik Un altro cappello di pelo indossato da alcuni haredim in occasione dello Shab-
bat o di altre festività ebraiche. Questo copricapo affonda le sue origini nell’Europa
orientale ed è più alto e stretto dello shtreimel.
Fedoras Nei giorni feriali gli uomini e i ragazzi haredim indossano cappelli neri, in gene-
re borsalino a tesa larga di pelo di coniglio o cappelli rotondi anch’essi a tesa larga.
Tra gli altri capi di abbigliamento previsti dalle norme religiose figura il tallit katan, un
telo di forma rettangolare con un foro per infilare la testa, che si indossa sotto la ca-
micia; l’unica parte visibile è costituita dalle frange poste ai quattro angoli, chiamate
tzitziot. Le frange vengono annodate secondo una formula riportata nel Talmud e in al-
cuni casi sono colorate con una speciale tintura azzurra chiamata t’chelet (Libro dei
Numeri 15, 38).
I boccoli laterali portati da molti uomini e ragazzi chassidim ed ebrei yemeniti si
chiamano payot (peyes in yiddish) e derivano dalla proibizione biblica di tagliare i ca-
pelli agli ‘angoli’ (payot) della testa (Levitico 19, 27), che la Mishnah ritiene applicabile
solo agli uomini.

menica si tengono anche visite guidate per sta britannico nel 1956 e decorata con in-
bambini incentrate sui simboli e sugli usi e serti che rappresentano figure ed eventi di
costumi ebraici; chiedete per avere informa- rilievo della storia ebraica.
zioni. Inoltre il lunedì e il martedì a parti-
re dalle 16 e il mercoledì a partire dalle 11 Monastero di Santa Croce MONASTERO
è possibile assistere ai dibatti plenari della (cartina p82; % 054-520-2281; 15NIS; h 10-
Knesset dalla galleria per il pubblico. 16 lun-sab ott-marzo, fino alle 18 apr-set; g 15) Le
Per entrare, bisogna esibire il passapor- origini di questo monastero fortificato so-
to e avere un abbigliamento consono (sono no avvolte nel mistero. Secondo la tradizio-
vietati gli shorts, le magliette senza mani- ne, la Croce di Gesù sarebbe stata costruita
che, le T-shirt con slogan politici e le infra- con il legno ricavato da un albero cresciuto
dito). Preparatevi a un veloce terzo grado in questa valle, nel punto in cui nel IV seco-
(anche se passeggiate nei pressi dell’edi- lo fu fondato un monastero; alcuni storici
ficio). attribuiscono la costruzione del monastero
Accanto alla fermata degli autobus situa- a sant’Elena, madre di Costantino il Gran-
ta di fronte alla Knesset c’è una grande me- de. La struttura che si può ammirare oggi fu
norah di bronzo, donata dal partito laburi- costruita nell’XI secolo su ordine del re Ba-
100

RITI RELIGIOSI A GERUSALEMME


Se desiderate entrare in contatto con l’intenso sentimento religioso che pervade Geru-
salemme, vi consigliamo di assistere a una celebrazione dello Shabbat, alle preghiere
musulmane del venerdì o a una messa della domenica mattina. È consigliabile adottare
un abbigliamento sobrio e decoroso.
In genere, i riti dello Shabbat si tengono il venerdì poco dopo l’accensione delle can-
Gerusalemme C he c o sa vedere

dele (36 minuti prima del tramonto) e il sabato mattina a partire dalle 8.30 e dalle 9.30
(tenete però presente che le sinagoghe sefardite e soprattutto quelle yemenite potreb-
bero iniziare prima). Ogni quartiere ebraico possiede diverse sinagoghe, che sono in gran
parte ortodosse o ultraortodosse. Nahla’ot è famosa per la varietà dei suoi piccolissimi
luoghi di preghiera, tra cui uno che segue le tradizioni della città siriana di Aleppo.
Di seguito riportiamo alcune sinagoghe non ortodosse di Gerusalemme:
Har El (www.kharel.org.il) Prima sinagoga riformata di Israele, fondata nel 1958.
Kol HaNeshama (www.kolhaneshama.org.il) Grande congregazione riformata di
Gerusalemme.
Moreshet Yisrael (www.moreshetyisrael.org) Sinagoga del movimento conservato-
re Masorti.
Shira Hadasha (www.shirahadasha.org.il) Sinagoga femminista ortodossa.
Per avere informazioni aggiornate sulle messe cristiane, vi consigliamo di consulta-
re il sito web del Centro Cristiano (www.cicts.org), cliccando sul link ‘Masses and Ser-
vices’.I musulmani possono unirsi ai loro correligionari nelle preghiere del venerdì nel-
la Moschea Al Aqsa (p68), sempre che non siano in vigore restrizioni per motivi di si-
curezza; prima di andarci, verificate la situazione aggiornata all’ufficio turistico, situato
nei pressi della Porta di Giaffa (p122).

grat IV di Georgia; la cappella è stata realiz- prire i nomi delle vittime rimaste fino a og-
zata in puro stile georgiano. gi anonime. Per visitare questo luogo, che si
estende su una tenuta di 18 ettari, mettete
in preventivo di impiegare almeno tre ore.
1 Har Hazikaron Il cuore dello Yad Vashem è costituito da
Nell’estrema periferia occidentale della cit- una gigantesca arca di cemento armato che
tà, tra file di anonimi condomini e la foresta penetra nella terra e ospita il Museo della
di Gerusalemme si estende un’area di pendii Storia dell’Olocausto. Questa struttura dal-
boscosi e dalle vedute spettacolari nota con la forma prismatica è composta da nove gal-
il nome di Har Hazikaron (Monte della Me- lerie sotterranee che narrano la storia della
moria). In questa zona si trovano il Monte Shoah e dell’antisemitismo in Europa. Cor-
Herzl, un cimitero militare e lo Yad Vashem. redate da didascalie in inglese e in ebraico,
le gallerie ripercorrono la storia in ordine
oYad cronologico e tematico, attraverso cimeli, fil-
Vashem MONUMENTO COMMEMORATIVO, MUSEO mati, testimonianze personali in video, foto-
(% informazioni 02-644-3749, prenotazione visite grafie e installazioni artistiche e conducono
guidate 02-644-3802; www.yadvashem.org; Hazi- gradualmente i visitatori dall’oscurità della
karon St, Har Hazikaron; h 9-17 dom-mer, fino al- struttura alla luce di una terrazza affacciata
le 20 gio, fino alle 14 ven; j Mt Herzl) F Que- sulla foresta di Gerusalemme.
sto monumento nazionale dedicato alla me- Le fotografie delle vittime della Shoah co-
moria dei sei milioni di ebrei massacrati dai prono il soffitto della Sala dei Nomi, dove
nazisti non è solo un luogo toccante e molto si trova anche un archivio circolare a pare-
intenso, ma anche un capolavoro di design. te, che contiene le loro biografie. Un buco
Il suo nome, che significa ‘un posto e un no- scavato nel pavimento rende omaggio al-
me’, è tratto dal Libro di Isaia (56, 5). Oltre a le numerose vittime di cui non si conosce-
celebrare la memoria delle vittime di cui si ranno mai i nomi perché non solo loro, ma
conosce il nome, lo Yad Vashem ha un cen- tutta la loro famiglia, i loro amici e coloro
tro di ricerca che continua a lavorare per sco- che li avevano conosciuti furono sterminati
101
e quindi nessuno potrà testimoniare o reci- te dell’Olocausto, il Padiglione espositivo e
tare per loro il Kaddish (la preghiera ebrai- la sinagoga restano invece aperti fino alle
ca di commemorazione). 20). L’ingresso al Museo della Storia dell’O-
Vicino all’uscita si trova un edificio sepa- locausto è vietato ai bambini di età inferio-
rato che ospita il Museo dell’Arte dell’Olo- re ai 10 anni.
causto e la sua collezione di opere realizza-
te nei ghetti e nei campi di concentramen- Centro Herzl MUSEO

Gerusalemme C he c o sa vedere
to. Nei pressi sorgono un padiglione espo- (% 02-632-1515; www.herzl.org.il; Herzl Blvd, Har Ha-
sitivo che ospita mostre temporanee e una zikaron; interi/studenti e bambini 25/20NIS; h 8.30-
sinagoga, dove i visitatori possono prega- 17 dom-mer, fino alle 19 gio, fino alle 12.15 ven; j Mt
re in privato; questa struttura è decorata Herzl) La storia dell’ideale sionista viene illu-
con oggetti recuperati da sinagoghe euro- strata nel Centro Herzl, che consente di fare
pee andate distrutte. un viaggio multimediale nella vita di Theo-
Nella Sala della Memoria situata al pia- dor Herzl, padre del sionismo moderno. La
no terra una fiamma perenne arde accanto storia di Herzl viene narrata in diverse lin-
a una cripta, che contiene le ceneri di vit- gue, compreso l’inglese, nel corso di una vi-
time riportate dai campi di concentramen- sita guidata della durata di un’ora (prenota-
to. Sul pavimento sono incisi i nomi di 22 zione obbligatoria).
dei più famigerati campi di sterminio. Die- Tutto ha inizio nella Parigi fin-de-siècle,
tro questa sala si trovano molti altri monu- dove questo giornalista originario di Buda-
menti, tra cui il Monumento del Carro Be- pest lavorava come corrispondente per un
stiame, uno dei vagoni ferroviari origina- quotidiano viennese. Nel 1894, dopo aver as-
li usati per trasportare gli ebrei dai ghet- sistito ad alcune violente manifestazioni an-
ti ai campi di sterminio. Nei pressi si trova tisemite in seguito al processo per alto tra-
anche il Giardino dei Giusti tra le Nazio- dimento del capitano Alfred Dreyfus, Herzl
ni, creato in onore delle migliaia di gentili decise di dedicare la sua vita alla fondazio-
che rischiarono la vita per salvare gli ebrei ne di uno stato ebraico, dove gli ebrei non
dallo sterminio. dovessero più subire manifestazioni d’odio
Vicino al centro visitatori sorge il toccan- di questo genere. Tre anni dopo, nel 1897,
te Monumento Commemorativo ai Bambi- a Basilea si tenne il primo congresso sioni-
ni, dedicato al milione e mezzo di bambini sta mondiale. Herzl continuò a promuove-
ebrei morti durante la Shoah. Scavato nella re il suo ideale fino alla morte, avvenuta nel
roccia, questo cupo monumento sotterraneo 1904. La sua tomba ‒ una semplice lapide
contiene una fiamma solitaria che si riflette nera sulla quale è inciso il suo nome ‒ si tro-
all’infinito in centinaia di specchi. Voci regi- va su un piccolo poggio a ovest del museo.
strate leggono i nomi dei bambini decedu- Nei pressi si trovano le tombe di numero-
ti. Fate attenzione quando entrate, perché si presidenti e primi ministri israeliani, tra
gli occhi hanno bisogno di qualche istante cui Golda Meir e Yitzhak Rabin.
per abituarsi all’oscurità. Nelle vicinanze, Una breve passeggiata verso nord condu-
la piazza del Ghetto di Varsavia ospita un ce al cimitero militare, mentre percorrendo
imponente monumento commemorativo di il sentiero che procede verso ovest è possi-
mattoni rossi dedicato alla strenua resisten- bile raggiungere lo Yad Vashem.
za opposta dagli ebrei durante la rivolta del
ghetto di Varsavia del 1943.
La fermata della JLR di Mt Herzl può es- 1 Ein Kerem
sere raggiunta con una breve passeggiata; il Nascosto in una valle situata nella periferia
tragitto dalla fermata City Hall dura 15 mi- occidentale della città, questo grazioso vil-
nuti. Una volta scesi dal tram, attraversa- laggio è composto da case in pietra costrui-
te la strada in direzione della foresta e pro- te dagli arabi e circondato da cedri del Liba-
seguite a piedi per 10 minuti lungo il pen- no e pini. In questa piccola comunità si tro-
dio che sale dolcemente lungo Hazikaron vano diverse chiese di grande importanza de-
St. In alternativa, si può attendere alla fer- dicate a san Giovanni Battista; con una breve
mata degli autobus la navetta gratuita, che passeggiata è possibile raggiungere le Vetra-
passa ogni 20 minuti. te di Chagall. La vita di questa località rima-
Tenete presente che il giovedì molti mo- se piuttosto tranquilla fino alla metà del VI
numenti chiudono alle 17 (il Museo del- secolo, quando i pellegrini cristiani la identi-
la Storia dell’Olocausto, il Museo dell’Ar- ficarono come il villaggio natale di Elisabet-
102
ta, madre di san Giovanni Battista. A questo sta Marc Chagall realizzò 12 vetrate policro-
fatto fece inevitabilmente seguito la costru- me per la sinagoga dello Hadassah Medical
zione di diversi santuari e chiese nei luoghi ­Centre di Ein Kerem (da non confondere con
considerati sacri. A causa della guerra arabo- il suo omonimo situato sul Monte Scopus).
israe­liana del 1948, gli abitanti arabi abban- Le immagini surreali di Chagall raffigurano
donarono il villaggio e le loro case vennero le tribù di Israele citate nel capitolo 49 della
in seguito occupate da immigrati marocchi- Genesi e nel capitolo 33 del Deuteronomio.
Gerusalemme C o rsi

ni e romeni. Negli ultimi anni una popolazio- Per raggiungere questo ospedale, pren-
ne studentesca in costante crescita ha porta- dete il tram diretto a ovest dalla stazione
to nuova linfa a questa comunità. centrale degli autobus, scendete all’ultima
Per raggiungere Ein Kerem si può prende- fermata (Mt Herzl) e proseguite con l’au-
re l’autobus n. 28 in partenza dalla stazione tobus n. 27.
centrale degli autobus o dal Monte Herzl.
C Corsi
Santuario di San Giovanni Battista CHIESA Ulpan Or LINGUA
(% 02-632-3000; Ein Kerem; h 9-12 e 14.30-17 dom- ( % 02-561-1132; http://ulpanor.com/hebrew
ven apr-set, fino alle 16.45 ott-marzo) Amministra- -courses/hebrew-learning-jerusalem; 2nd fl, 43a
to dai francescani, il Santuario di San Gio- Emek R­ afa’im St, Colonia Tedesca) Questa ulpan
vanni Battista ricorda con il suo interno ri- (scuola di lingua ebraica) afferma, con un
vestito di maioliche bianche e blu le chiese certo orgoglio, che i suoi studenti impara-
spagnole, un fatto tutt’altro che casuale, vi- no la lingua ebraica alla ‘velocità della luce’
sto che fu finanziato e fatto costruire dal re per merito del suo programma intensivo. I
di Spagna verso la metà del XIX secolo. I di- proprietari sostengono addirittura che, do-
pinti sono opera di artisti spagnoli e sopra po una lezione individuale di 90 minuti chia-
l’ingresso si può vedere uno stemma araldi- mata ‘Cup O’Hebrew’ (US$116), che si svol-
co reale. Nella parte anteriore della chiesa c’è ge bevendo un caffè, lo studente acquisisce
la grotta in cui si crede sia venuto al mon- le nozioni di base dell’ebraico parlato. Sono
do Giovanni Battista (Luca 1, 5-25; 57-80); il disponibili anche corsi personalizzati per fa-
punto preciso è segnalato da un piccolo cer- miglie e gruppi.
chio di marmo situato sotto l’altare.
Questo santuario si trova nella via che Ulpan Beit Ha’Am LINGUA
procede a est della strada principale di Ein (cartina p82; % 02-545-6891, 02-624-0034; ulpan
Kerem e può essere individuato dal cam- beithaam@gmail.com; Gerard Behar Center, 11
panile. Betsal’el St, Gerusalemme Centro; 2/3/5 giorni la
settimana 394/613/920NIS al mese; h 8-12.30
Santuario della Visitazione CHIESA dom-gio) Gestita dal comune di Gerusalem-
(% 02-641-7291; Ein Kerem; h 8-11.45 e 14.30-17 ott- me, questa scuola di lingue con sede in cen-
marzo, fino alle 18 apr-set) Questa moderna chie- tro propone corsi di ebraico che possono ini-
sa francescana è stata costruita nel luogo in ziare in qualsiasi momento.
cui si ritiene sorgesse la casa di Zaccaria ed
Elisabetta e il suo nome ricorda la visita fatta Hebrew University Ulpan LINGUA
da Maria a Elisabetta (Luca 1, 39-49), quan- (% 02-588-2603; https://overseas.huji.ac.il/heb
do entrambe le donne erano incinte. Sulle programs; Rothberg International School, Boyar Bldg,
sue pareti è incisa in più di 40 lingue la lode Hebrew University of Jerusalem, Monte Scopus; cor-
pronunciata da Maria (‘L’anima mia magni- si US$1730-2385) Questa università organizza
fica il Signore’; Luca 1, 46-56). corsi estivi intensivi di ebraico (da fine giu-
Per arrivarci, dall’incrocio principale di gno a fine settembre), che possono durare fi-
Ein Kerem percorrete la stretta strada che no a un massimo di 11 settimane. L’approc-
si dirige verso sud, fino a quando vedrete cio è più accademico rispetto alle ulpanim
la chiesa sulla vostra sinistra, dopo circa 10 che non fanno parte delle università e le ta-
minuti di cammino. riffe non comprendono l’alloggio.

Vetrate di Chagall SINAGOGA Ulpan Etzion LINGUA


(% 02-677-6271; www.hadassah-med.com; Ein (% 02-636-7310, 02-636-7326; www.jewishagency.
­Kerem; h 8-13 e 14-15.30 dom-gio) F Al- org/ulpanetzionjerusalem; General Pierre Koenig St;
lo scopo di fare un dono al popolo ebraico 7200NIS per persona) Fondata nel 1949, la pri-
in segno di amore e pace, l’artista moderni- ma scuola di ebraico di Israele propone corsi
103
per laureati di età compresa tra 22 e 35 anni Green Olive Tours A PIEDI
e momenti conviviali. I corsi durano cinque (% 03-721-9540; www.greenolivetours.com) Que-
mesi e hanno inizio in gennaio e in luglio. Le sta agenzia di proprietà israeliana e araba
tariffe comprendono sia il vitto sia l’alloggio. gode di una buona reputazione. Le sue pro-
poste comprendono un itinerario a piedi tut-
Al Quds Centre ti i giorni della Città Vecchia (3 h, 165NIS),
for Jerusalem Studies LINGUA due visite guidate a piedi e in metropolitana

Gerusalemme To ur
(cartina p62; % 02-628-7517; www.jerusalem leggera la settimana a Gerusalemme Ovest,
-studies.alquds.edu; Quartiere Musulmano, Città Vec- compreso lo Yad Vashem (260NIS), e un iti-
chia) Le lezioni organizzate da questo istitu- nerario a piedi la settimana tra Gerusalemme
to si svolgono nella sede ricca di atmosfera Est e Gerusalemme Ovest (3 h, 140NIS). La
della Al Quds University, nella Città Vecchia. Green Olive Tours organizza anche un gran
Vengono effettuati corsi di 60 e 75 ore (da numero di tour in Cisgiordania, tra cui un’e-
US$495 a US$860) di arabo parlato e arabo scursione a Betlemme sulle orme di Banksy
moderno standard a diversi livelli (per prin- e visite a Hebron.
cipianti, intermedio e avanzato).
Free Saturday Tours A PIEDI
T Tour (% 050-593-1450; www.itraveljerusalem.com/free
-saturday-tours; h 10-13 sab) F L’ammini-
Il sito web del comune di Gerusalemme for-
nisce cartine gratuite e app per 15 itinerari strazione municipale organizza visite guida-
audio da percorrere a piedi in autonomia nel- te gratuite della durata di tre ore condotte da
la Città Vecchia (www.itraveljerusalem.com/ guide autorizzate. Ogni settimana si esplora
trs/old-city-self-guided-audio-tours). Cinque un quartiere diverso. Queste visite partono
tour sono stati pensati su misura per i visita- da Safra Sq (26 Jaffa St), vicino alle palme, e
tori che si spostano sulla sedia a rotelle. I tour in genere si svolgono in inglese.
sono disponibili in inglese, russo ed ebraico,
City Tour Jerusalem A PIEDI
sia per Apple sia per Android.
(% 054-930-1499; www.citytourjerusalem.com; a
Tenete presente che le guide che offrono i
partire da US$100) Questa agenzia organizza
loro servizi davanti all’ufficio turistico della
visite guidate alla Città Vecchia, al Merca-
Porta di Giaffa sono in genere prive di licen-
to Mahane Yehuda (p93), alla Città di Da-
za e spesso attirano i clienti offrendo loro
vid (p86) e al Museo di Israele (p96).
l’ingresso gratuito a diverse attrattive (tut-
ti i luoghi che propongono sono a ingres-
so libero). Se avete intenzione di ingaggia- z Feste ed eventi
re una guida, rivolgetevi all’interno dell’uf- Israel Festival ARTI DELLO SPETTACOLO
ficio turistico o a un operatore di fama con- (http://israel-festival.org; h fine mag-metà giu)
solidata come la Abraham Tours (www.abra Questo rinomato festival inaugurato nel 1961
hamtours.com; affiliata all’Abraham Hostel, della durata di tre settimane propone esibi-
p107) o alla Green Olive Tours. zioni musicali, spettacoli di danza e teatro
con artisti sia israeliani sia stranieri.
oSandemans
New Jerusalem Tours A PIEDI Jerusalem Film Festival CINEMA
(www.newjerusalemtours.com; h 8.45, 11 e 14) (www.jff.org.il; h metà lug) Uno degli eventi cine-
F Questa macchina perfettamente olia- matografici più importanti del Medio Orien-
ta è gestita da personale gentile e ben pre- te. Le proiezioni si svolgono nel mese di lu-
parato. Le sue visite guidate gratuite (tre al glio sia all’aperto sia al chiuso.
giorno) costituiscono un’eccellente introdu-
zione alla Città Vecchia di Gerusalemme. La Festival di Musica Sacra
prenotazione non è necessaria (fatta eccezio- di Gerusalemme MUSICA

ne per l’alta stagione). Le mance sono molto (http://en.mekudeshet.com; h fine set) Questo vi-
gradite (50NIS per persona è una cifra ade- vace festival musicale della durata di quattro
guata). La maggior parte dei tour parte dal- giorni promuove la pace tra le diverse fedi
la Porta di Giaffa (p68); cercate le guide con l’esibizione di musicisti provenienti da
con la maglietta rossa. ogni parte del mondo. Il programma preve-
de anche un concerto nella Cittadella che du-
ra tutta la notte.
104

GERUSALEMME PER I BAMBINI


Giardino Zoologico di Tisch (Zoo Biblico di Gerusalemme; % 02-675-0111; www.jerusa
lemzoo.org.il; 1 Derech Aharon Shulov, Malcha; interi/bambini 55/42NIS; h 9-19 dom-gio, fino
alle 16.30 ven, 10-18 sab; p ; g 26) Gradevole alternativa tra un sito archeologico e l’altro
adatta ai bambini di tutte le età. Ospita in particolare gli animali citati nella Bibbia, che
Gerusalemme F este ed eventi

vagano intorno a un grazioso lago artificiale.


Museo delle Scienze Bloomfield (% 02-654-4888; www.mada.org.il; Hebrew Universi-
ty, Ruppin Rd, Museum Row; interi/under 5 49NIS/gratuito; h 10-18 lun-gio, fino alle 14 ven; c ;
g 9, 14) All’interno di questo museo troverete sale con specchi, attività a tema scientifi-
co suddivise per età, un’area giochi e un bar.
Time Elevator (cartina p92; % 02-624-8381; www.time-elevator-jerusalem.co.il; 6 Yitzhak
Kariv Rd, Gerusalemme Centro; 54NIS, prenotazioni online 46NIS; h 10-17 dom-gio, fino alle 14
ven, 12-18 sab; c ; j City Hall) Cinema interattivo per bambini di età superiore ai cinque
anni, con schermi panoramici ed effetti speciali sincronizzati. Vi consigliamo di preno-
tare con un certo anticipo.
Città di David (p86) I ragazzi più grandicelli si divertiranno un mondo ad attraver-
sare lo spettrale Tunnel di Ezechia immersi nell’acqua (profonda 70 cm circa).
Museo di Israele (p96) I bambini più grandi e gli adolescenti non mancheranno di ap-
prezzare la sezione a loro dedicata piena di giocattoli d’epoca e opere di artisti bambini.
Smart Tour (cartina p82; % 02-561-8056; http://smart-tour.co.il; 4 David Remez St, First
Station; biciclette elettriche 199NIS al giorno; h 9-18 dom-gio, fino alle 12.30 ven) Andare
alla scoperta di Gerusalemme su un Segway o in sella a una bicicletta elettrica è molto
divertente; questo operatore organizza anche tour guidati in bicicletta a misura di
famiglia.

oLights in Jerusalem ARTE pagnate da assaggi di prelibatezze che vanno


(www.lights-in-jerusalem.com; h fine giu-metà lug) dai formaggi, alle olive e al sushi.
Questa rassegna presenta spettacoli di luci,
proiezioni video e installazioni luminose in Jerusalem Opera Festival MUSICA
3D lungo le strade, sugli edifici simbolo e sul- (http://jerusalem-opera.com; h fine giu) Que-
le mura della Città Vecchia, che viene avvol- sta attesissima rassegna operistica prevede
ta da un’atmosfera fiabesca. suggestive rappresentazioni liriche all’aper-
to in tutta Gerusalemme. Prenotate con lar-
Balabasta GASTRONOMIA go anticipo.
(h date variabili lug) Come se il Mercato Maha-
ne Yehuda (p93) non fosse già abbastan- Jerusalem International
za vivace, questo frizzante evento riscalda ul- Oud Festival MUSICA
teriormente l’atmosfera con assaggi gratuiti, (www.confederationhouse.org; h nov) Nel corso
DJ set, giochi a carattere gastronomico e tour di questo festival invernale della durata di 10
per buongustai alla scoperta del mercato più giorni musicisti israeliani e stranieri suona-
famoso di Gerusalemme. I caffè e le banca- no l’oud, uno strumento a corde tradiziona-
relle restano aperti fino a tardi. Per avere in- le del Medio Oriente. Organizzato dal Confe-
formazioni aggiornate sulle date, vi consiglia- deration House Centre for Ethnic Music and
mo di rivolgervi all’ufficio turistico (p122). Poetry, questo evento si tiene in diverse sa-
le di tutta la città.
Jerusalem Wine Festival VINO
(www.imj.org.il; h fine agosto-inizio set) Questa Jerusalem Beer Festival BIRRA
manifestazione enologica si svolge per quat- (www.jerusalembeer.com; biglietti a partire da 40NIS;
tro sere nel giardino del Museo di Israele h agosto) Questa festa della birra in program-
(p96) ed è probabilmente il più importan- ma nel mese di agosto nel Gan HaAtsma’ut
te evento israeliano del settore. Le enoteche (Parco dell’Indipendenza) a Mamilla offre la
più esclusive presentano i loro prodotti nel possibilità di degustare oltre 120 birre sia
corso di raffinate serate degustazione, accom- israeliane sia straniere.
105
4 Pernottamento famiglie con bagni leggermente ammuffiti e
In centro e nella Città Vecchia si concentra ventilatori che non rinfrescano abbastanza
la maggior parte delle sistemazioni, anche l’ambiente. Si tratta comunque di una strut-
se scarseggiano le strutture di media cate- tura economica, con una terrazza panorami-
goria di buon livello. La Città Vecchia è ric- ca sul tetto e il suq a pochi passi.
ca di atmosfera, mentre la carta vincente Tenete però presente che la connessione
del centro di Gerusalemme è costituita dal- wi-fi funziona solo nella lobby e che all’in-

Gerusalemme P ern ottamento


la vicinanza ai ristoranti, ai bar, ai caffè e ai terno della struttura è vietato consumare
mezzi pubblici. bevande alcoliche.
Tenete presente che le tariffe delle came-
re possono variare notevolmente in base al- oAustrian Hospice GUESTHOUSE  $$

la stagione e all’instabilità politica. I periodi (cartina p62; % 02-626-5800; www.austrianho


di alta stagione vanno da aprile a giugno e spice.com; 37 Via Dolorosa, Quartiere Musul-
da settembre a ottobre, oltre a Pasqua, Na- mano; letti in camerata/singole/doppie/triple
tale e Capodanno. €32/97/140/198; i W ) Una volta entrati in
questa struttura simile a un castello si pro-
va quasi la sensazione di aver scoperto un
tesoro. Questa guesthouse fu inaugurata nel
4 Città Vecchia 1863 e i suoi giardini, gli archi e le mura in
Nella Città Vecchia si trovano numerosi al- pietra profumano di storia. Le camere sono
berghi economici e di lusso, mentre scarseg- arredate in modo semplice ma sono ampie e
giano le strutture di media categoria degne di dotate di letti comodi. Le camerate, separa-
nota. Chi arriva a Gerusalemme in taxi o in te per uomini e per donne, si trovano al pia-
sherut (taxi collettivo) e pernotta nella Città no interrato, dove ci sono anche i pulitissimi
Vecchia, deve scendere presso una delle por- bagni in comune. Per i soggiorni di una so-
te cittadine e raggiungere il proprio albergo la notte viene applicato un supplemento di
a piedi. Se invece disponete di un’automobi- €7. Su richiesta, è disponibile il trattamento
le, dovrete soggiornare al di fuori della Cit- di mezza pensione (€16 in più per persona).
tà Vecchia. Tenete presente che per chi ha il L’Austrian Hospice si trova all’angolo tra
sonno leggero il richiamo alla preghiera nel Al Wad St e la Via Dolorosa. Per entrare biso-
Quartiere Musulmano potrebbe costituire un gna suonare il citofono (la reception è aper-
problema; se questo è il vostro caso, portate- ta dalle 7 alle 23).
vi dietro i tappi per le orecchie.
Hashimi Hotel HOTEL  $$
Citadel Youth Hostel OSTELLO  $ (cartina p62; % 02-628-4410; www.hashimihotel.
(cartina p62; % 02-628-5253; www.citadelyouth com; 73 Souq Khan Al Zeit St, Quartiere Musulmano;
hostel.com; 20 St Mark’s Rd, Quartiere Armeno; ma- singole/doppie/triple a partire da US$80/110/280;
terassi sul tetto 50NIS, letti in camerata 63NIS, dop- i W ) Autentica oasi nella Città Vecchia, que-
pie 207NIS, singole/doppie con bagno in comune sto albergo ospitato all’interno di un edificio
123/177NIS; iW ) Situato a pochi passi dai risalente a quattro secoli fa dispone di ca-
mercati del quartiere, con la sua aura stori- mere inondate di luce e decorate a tema flo-
ca e il suo aspetto piuttosto trasandato, il Ci- reale (se possibile fatevi assegnare una del-
tadel rappresenta l’emblema degli ostelli dal le camere panoramiche ad angolo). Bisogna
potenziale non sfruttato. Alcune parti dell’e- rispettare parecchie regole (gli alcolici non
dificio in cui è ospitato risalgono a sette se- sono ammessi e le coppie non sposate non
coli fa e se le camere dalle pareti con pietra possono dormire nella stessa camera), ma
a vista sono ricche di atmosfera, i letti sono dopo aver sorseggiato un tè alla menta sulla
consunti e i bagni poco curati. terrazza ammirando lo straordinario scorcio
della Cupola della Roccia (p67) sarete di-
Golden Gate Inn GUESTHOUSE  $ sposti a perdonargli tutto.
(cartina p62; % 02-628-4317; www.goldengate4.
com; 10 Souq Khan Al Zeit St, Quartiere Musulma- Lutheran Guesthouse GUESTHOUSE  $$
no; camere a partire da 250NIS; W ) Ospitata in (cartina p62; % 02-626-6888; www.luth-guest
una casa d’epoca ricca d’atmosfera risalente house-jerusalem.com; St Mark’s Rd, Quartie-
al 1155, questa guesthouse a gestione fami- re Armeno; singole/doppie/triple/quadruple
liare situata nei pressi della Porta di Dama- €71/109/142/185; W ) Dietro una pesante por-
sco (p79) ha un aspetto alquanto logoro. ta di acciaio si cela questa struttura del XIX
Al suo interno troverete camere doppie e per secolo, dotata di camere di vario genere, un
106
giardino situato nel cortile interno e una sa-
la di lettura-salotto all’ultimo piano. Le ca- 4 Gerusalemme Est
mere sono piuttosto piccole e arredate in mo- La zona che si estende pochi passi a est del-
do semplice ma confortevole e la prima cola- la Porta di Damasco è abitata soprattutto da
zione a buffet è molto abbondante. Per arri- palestinesi. Dal momento che Gerusalemme
varci dalla Porta di Giaffa, percorrete David Est è considerata un territorio occupato, chi
St, svoltate nella prima strada a destra e sa- decide di soggiornarvi dovrà tenere in con-
Gerusalemme P ern ottamento

lite una ripida scala; la guesthouse si trova siderazione alcuni particolari, tra cui il fat-
circa 100 m più avanti sulla vostra sinistra. to che molti taxisti si rifiutano di effettuare
Il pranzo e la cena costano €18 a pasto. corse da Gerusalemme Ovest a Gerusalem-
Prenotate con un certo anticipo, perché me Est, che le strade hanno un aspetto deci-
questa struttura è sempre molto richiesta. samente meno curato rispetto a quelle della
parte occidentale della città e che è sconsi-
Hotel New Imperial HOTEL  $$ gliato passeggiare da soli dopo il tramonto.
(cartina p62; % 02-628-2261; www.newimperial. In questa zona si trovano alberghi di proprie-
com; all’angolo tra Demetrius Hakadosh e Omar El tà di arabi e di multinazionali, che spaziano
Hatab St, Città Vecchia; singole/doppie/quadruple dalle strutture di media categoria (come l’ac-
a partire da US$75/140/240; W ) L’elegante fac- cogliente Legacy Hotel) a quelle più esclusi-
ciata segnata dalle intemperie dell’Hotel New ve (come il famoso American Colony Hotel).
Imperial, situato a pochi passi dalla Porta di
Giaffa, risale alla fine del XIX secolo. Le zone oAmerican Colony
comuni, dalla reception alla sala in cui vie- Hotel HOTEL STORICO  $$$
ne servita la prima colazione, traboccano di (cartina p82; % 02-627-9777; www.americanco
curiose opere d’arte islamica. Purtroppo, le lony.com; 1 Louis Vincent St; singole a partire da
camere sono un terno al lotto, in quanto al- US$320, doppie US$320-550, suite US$675-875;
cune sono anguste e poco confortevoli (con p i W s ) Questa lussuosa struttura ospita-
una zona notte stile soppalco sopra il bagno), ta all’interno di un edificio risalente alla me-
mentre altre sono state rinnovate con buon tà del XIX secolo è uno degli alberghi di Ge-
gusto e sono molto più accoglienti. rusalemme Est preferiti dai VIP. L’American
Colony Hotel è pervaso da un’affascinante at-
Christ Church Guesthouse GUESTHOUSE  $$$ mosfera storica (anche grazie a mobili dagli
(cartina p62; % 02-627-7727; www.cmj-israel.org; inserti in madreperla e a elaborate piastrel-
Omar Ibn Al Khattab Sq, Città Vecchia; singole/a 2 let- le decorative), mentre le camere sono dotate
ti/suite/quadruple 430/645/710/985NIS; p i W ) di tutti i comfort moderni degni di un alber-
Questa guesthouse magnificamente conser- go di questa categoria. Le camere standard
vata riscuote giudizi molto positivi per la sua presentano uno stile classico (letti di legno e
caratteristica atmosfera d’epoca, il personale sontuose tende), mentre le suite hanno sfar-
in grado di esprimersi in diverse lingue, l’ec- zosi lampadari e letti a baldacchino.
cellente posizione e il grazioso giardino. Le
semplici camere sono dotate di pavimenti in National Hotel HOTEL  $$$
pietra, soffitti a cupola e letti confortevoli e (cartina p82; % 02-627-8880; www.nationalhotel
ci sono diverse zone comuni dove gli ospiti -jerusalem.com; As Zahra St; singole/doppie/triple/
possono rilassarsi sorseggiando il tè e il caf- camere per famiglie US$125/185/250/300; pW ;
fè offerti dalla casa. j Shivtei Israel) Questo venerabile albergo ha
In quanto parte del complesso della Christ compiuto molta strada dal 1948, anno in cui
Church (p75), la prima chiesa protestante fu inaugurato come semplice guesthouse con
del Medio Oriente, questa guesthouse è fre- due sole camere. Tra queste mura hanno dor-
quentato soprattutto da pellegrini che desi- mito re Hussein di Giordania e l’ex presiden-
derano partecipare alle attività della chie- te degli Stati Uniti Jimmy Carter e il National
sa o che vogliono trascorrere un soggiorno Hotel incanta ancora gli ospiti con la sua at-
all’insegna della riflessione e della preghie- mosfera vagamente glamour. Si trova a cin-
ra. In ogni caso, il suo caffè (p112) costi- que minuti a piedi dalla Porta di Erode e di-
tuisce un vivace punto di ritrovo per tutti i spone di 121 camere con letti bianchi e blu,
turisti di Gerusalemme. freschi pavimenti piastrellati, cassetta di si-
curezza e frigorifero. Il personale è cordiale
e molto disponibile.
107
St George’s Guesthouse GUESTHOUSE  $$$
(cartina p82; % 02-628-3302; www.stgeorges 4 Gerusalemme Centro
guesthouse.org; 20 Derekh Shchem/Nablus Rd; Cuore commerciale di Gerusalemme Ovest,
singole/doppie standard US$110/150, deluxe abitato soprattutto da ebrei, il centro cittadi-
US$150/180; piW ; j Shivtei Israel) Situata no dispone di un panorama ricettivo in gra-
all’interno della proprietà di una chiesa an- do di soddisfare tutti i gusti e tutte le tasche,
glicana costruita oltre un secolo fa, questa che comprende anche diversi ostelli.

Gerusalemme P ern ottamento


tranquilla guesthouse accoglie i pellegrini dal
1923 (in precedenza la struttura ospitava la oAbraham Hostel OSTELLO  $
sede di un coro e gli appartamenti dei sacer- (cartina p82; %02-650-2200; https://abrahamho
doti). Disposte intorno al giardino, le camere stels.com; 67 HaNevi’im St, Davidka Sq; letti in camera-
a due letti sono dotate di lenzuola impecca- ta 85-115NIS, singole 270-330NIS, doppie 300-420NIS,
bili, TV satellitare e bollitore, mentre le de- camere per famiglie 490-620NIS; iW; jHa-David-
luxe, con pareti con pietra a vista e ampi ba- ka) La fama del vivace Abraham Hostel è am-
gni moderni, valgono decisamente la spesa. piamente meritata. Questa accogliente strut-
tura è infatti in grado di soddisfare tutte le
Jerusalem Hotel HOTEL  $$$ necessità dei backpacker, con una reception
(cartina p82; % 02-628-3282; www.jrshotel.com; aperta 24 ore su 24, un servizio di lavanderia
Derekh Shchem/Nablus Rd; singole/doppie/camere (12NIS) e una cucina comune. Il quadro è de-
per famiglie US$130/160/240; iW ; j Shivtei Isra- gnamente completato da un piacevole lounge
el) Un ingresso coperto di piante rampicanti bar e da un ampio ventaglio di intrattenimen-
dà il benvenuto agli ospiti di questo piccolo ti serali e di escursioni culturali. Al suo inter-
albergo a gestione familiare, ospitato all’in- no troverete camerate per soli uomini, per so-
terno di una dimora del XIX secolo. Questa le donne o miste e camere private con bagno
struttura dispone di 14 camere dai soffitti al- spartane ma pulite. La terrazza panorami-
ti, ognuna arredata in maniera diversa dalle ca sul tetto costituisce il posto ideale per fare
altre e impreziosita da copriletto ricamati e amicizia con gli altri clienti.
attraenti oggetti di antiquariato come gran- Cercate di pernottare all’Abraham Hostel
di specchi e tavolini andalusi. Alcune came- la sera dello Shabbat, quando i proprietari
re sono dotate di aria condizionata e altre di organizzano una cena per un massimo di 40
ventilatore. Questo albergo può essere rag- persone (40NIS). Chi lo desidera potrà ap-
giunto dalla Porta di Damasco con una pas- profittare delle lezioni di lingua (ogni mar-
seggiata di cinque minuti. tedì sera), dell’happy hour al bar (dalle 18
alle 20) e iscriversi ad almeno un evento,
Legacy Hotel HOTEL  $$$ come l’eccellente tour alla scoperta dei pub
(cartina p82; %02-627-0800; www.jerusalemle della città o il corso di hummus.
gacy.com; 29 Derekh Shchem/Nablus Rd; singole/ I bagni comuni dispongono di acqua cal-
doppie a partire da US$150/185; piW; jShivtei da 24 ore su 24, mentre le camere private
Israel) Questo raffinato albergo ospitato in un hanno una caldaia che impiega 20 minuti
ex ostello YMCA dispone di eleganti camere a riscaldare l’acqua.
con uno schema cromatico nelle sfumature L’ingresso si trova in HaNevi’im St, nei
del crema. I bagni avrebbero bisogno di ma- pressi della fermata degli autobus.
nutenzione e il buffet della prima colazione
non è particolarmente abbondante, ma questi oPost Hostel OSTELLO  $
nei sono largamente compensati dalla dispo- (cartina p92; % 02-581-3222; http://thepost
nibilità del personale in grado di esprimersi hostel.com; 23 Jaffa Rd; letti in camerata US$24-
in diverse lingue e dagli ampi spazi delle ca- 32, doppie US$105-125, triple US$145; W ; j City
mere. La terrazza sul tetto costituisce il posto Hall) Questo ostello ampio e tenuto con cura
ideale per ammirare il tramonto sulla città. si trova al terzo piano di un vecchio ufficio
In questa struttura troverete anche un postale. Questa struttura è caratterizzata da
ristorante al quinto piano, che consente di dettagli rossi e blu e da murales a tema po-
ammirare un magnifico panorama sulla Cit- stale, che ricordano la precedente funzione
tà Vecchia, un bar nella lobby e un caffè nel dell’edificio. Le camere private e le camera-
giardino. Gli ospiti possono utilizzare gra- te (separate per uomini e donne e miste) so-
tuitamente la palestra e la piscina coperta no semplici ma pulitissime. Il bar, la terraz-
della YMCA, situate nell’edificio adiacente. za sul tetto e l’area relax con un tavolo da bi-
liardo contribuiscono a creare un’atmosfera
piacevole e molto accogliente.
108
Jerusalem Hostel Palatin Hotel HOTEL  $$
& Guest House OSTELLO  $ (cartina p92; % 02-623-1141; www.palatinhotel.
(cartina p92; % 02-623-6102; www.jerusalem com; 4 Agrippas St; singole/doppie/suite a partire
-hostel.com; 44 Jaffa Rd, Zion Sq; letti in camerata da US$105/130/180; W ; j Jaffa Center) Situato
80-90NIS, doppie 240-330NIS; iW ; j Jaffa Cen- nei pressi della zona di Gerusalemme in cui
ter) Questo ostello tenuto con grande cura è si concentrano i negozi e i caffè, questo acco-
la tipica struttura per backpacker. Le came- gliente albergo a gestione familiare dispone
Gerusalemme P ern ottamento

re sono un po’ anonime, ma le zone comuni di 33 camere piccole ma abbastanza confor-


sono ravvivate da oggetti d’antiquariato, fo- tevoli e dotate di scrivania e di antichi pavi-
tografie d’epoca e imponenti colonne all’in- menti piastrellati (anche se i bagni sembra-
gresso. Al suo interno troverete camere pri- no risentire del passare del tempo). Il servi-
vate con bagno, camerate sia miste sia sepa- zio cordiale e la splendida posizione riesco-
rate per uomini e donne, una cucina comu- no quasi a compensare lo scarso isolamento
ne e una terrazza sul tetto dotata di comodi acustico e le lenzuola in poliestere.
divani, sui quali potrete rilassarvi.
oHarmony Hotel HOTEL  $$$
City Center Hotel APPARTAMENTI  $$ (cartina p92; % 02-621-9999; www.atlas.co.il/
(cartina p92; % 02-650-9494; www.citycenter harmony-hotel-jerusalem; 6 Yo’el Salomon St; sin-
vacation.com; all’angolo tra 17 King George St e Ha- gole/doppie a partire da US$180/200; pi W ;
Histadrut St; monolocali 512-640NIS, suite 695- j Jaffa Center) Noi adoriamo l’Harmony Ho-
824NIS; p iW ; j Jaffa Center) Molte struttu- tel sia per la sua etica professionale sia per
re ricettive di questa antica città sono per- la qualità delle sue camere. Il soffitto della
vase da un’atmosfera molto suggestiva, ma lobby è ricoperto di fotografie che raffigura-
spesso hanno l’aspetto fin troppo vissuto. Per no le diverse religioni professate a Gerusa-
questo motivo segnaliamo con entusiasmo la lemme, mentre il gentile personale e l’happy
presenza di questo moderno e pulitissimo al- hour gratuita (dalle 17 alle 21 da domenica a
bergo, distribuito tra due edifici e dotato di venerdì) contribuiscono a creare un’atmosfe-
38 confortevoli camere con angolo cottura. ra molto accogliente. Le camere presentano
un raffinato schema cromatico nelle tonali-
Shamai Suites APPARTAMENTI  $$ tà del viola e dello smeraldo e i bagni sono
(cartina p92; % 02-579-7705; www.shamaisuites. dotati di tutti i comfort moderni e rivestiti
com; 15 Ben Hillel St; monolocali US$120-150, suite di piastrelle posate a scacchiera.
US$135-220; W ; j Jaffa Center) Caratterizzate
dalla presenza di un gran numero di comfort oArthur Hotel BOUTIQUE HOTEL  $$$
moderni, queste suite dal design minimali- (cartina p92; % 02-623-9999; www.atlas.co.il/ar
sta costituiscono un’eccellente soluzione di thur-jerusalem; 13 Dorot Rishonim St; doppie a parti-
pernottamento per chi è alla ricerca di una re da US$184; p i W ; j Jaffa Center) Le camere
sistemazione indipendente. Tutti i monolo- del nostalgico Arthur Hotel sfoggiano mobili
cali e le suite con una o due camere da letto ed elementi decorativi che evocano la tipica
dispongono di TV a schermo piatto, un an- atmosfera degli anni ’20. Le camere, di varie
golo cottura attrezzato e un balcone. È previ- dimensioni e stili, presentano uno schema
sto un servizio di pulizia giornaliero. Il qua- cromatico neutro e bagni scintillanti e tenuti
dretto è degnamente completato dal perso- con grande cura; se possibile, fatevi assegna-
nale disponibile e in grado di esprimersi in re una camera con il balcone sul retro dell’e-
diverse lingue. dificio. L’abbondante prima colazione è dav-
vero eccellente e l’aperitivo offerto dalla casa
Jerusalem Inn HOTEL  $$ nel pomeriggio molto apprezzato.
(cartina p92; % 072-256-6964; http://smartho
tels.co.il; 7 Horkanos St; doppie a partire da US$110; 7 Kook Hotel & Suites BOUTIQUE HOTEL  $$$
W ) Arredate nel tipico stile IKEA, le minu- (cartina p92; % 02-580-8068; http://7-kook-bou
scole camere di questo albergo di catena di- tique-hotel.jerusalem-hotels-il.com/en; Ticho St;
spongono di comodi letti, frigorifero e bagni doppie senza prima colazione US$160-570, monolo-
a vista (non esattamente l’ideale per i più ti- cali a partire da US$600; W ; j Jaffa Center) Par-
midi). L’insieme è piacevole e l’albergo ‒ si- te di un complesso di appartamenti di lus-
tuato a soli 150 m da Jaffa Rd ‒ si trova in so, il 7 Kook dispone di camere doppie e di
posizione strategica vicino a bar e ristoranti. monolocali con pavimenti in parquet, pareti
bianche, un eccellente impianto di insonoriz-
zazione, bagni impeccabili, una macchinetta
109

GERUSALEMME, LO SHABBAT E VOI


Ogni venerdì, 36 minuti prima del tramonto, sui colli di Gerusalemme si sente riecheg-
giare il suono di una sirena che annuncia l’inizio dello Shabbat, il sabato ebraico, e con
esso nelle vie della città si diffonde un’atmosfera di intensa spiritualità. Ovunque si pos-
sono vedere persone vestite con gli abiti dello Shabbat che si dirigono a pregare davan-
ti al Muro Occidentale oppure si avviano, cariche di borse di generi alimentari, verso le

Gerusalemme P ern ottamento


case di parenti e amici per consumare la tradizionale cena del venerdì sera.
Dopo aver indossato i vostri abiti migliori, seguite la folla fino al Muro Occidentale
per ammirare i canti, le danze e le preghiere che lo trasformano in un luogo magico. In
alternativa, si può entrare in una sinagoga per assistere ai riti religiosi del venerdì sera.
Se ne avete l’opportunità, cercate di prendere accordi per partecipare a una cena
dello Shabbat nella casa di una famiglia locale. Chi pernotta all’Abraham Hostel
(p107), nel centro cittadino, potrà unirsi alla loro cena dello Shabbat. In caso contra-
rio, dovrete sbrigarvi a cercare un ristorante, perché il venerdì sera quasi tutti quelli di
Gerusalemme Ovest chiudono i battenti. Tra quelli che rimangono aperti meritano di
essere citati l’Adom (p116), nella Colonia Tedesca, il Focaccia Bar (p114) e il Notre
Dame Cheese & Wine Restaurant (p114), nel centro cittadino. Dopo cena, alcuni bar
del centro riaprono di nuovo, con grande disapprovazione degli ebrei ultraortodossi.
Mentre in centro e nel Quartiere Ebraico della Città Vecchia tutto rimane chiuso per
lo Shabbat, per la popolazione araba di Gerusalemme il sabato è un giorno qualsiasi e
quasi tutte le attrattive turistiche della Città Vecchia, del Monte Sion, del Monte degli
Ulivi e di Gerusalemme Est sono regolarmente aperte.
Il sabato è possibile prendere parte a due visite guidate gratuite: l’itinerario a piedi
della durata di tre ore (p103) proposto dall’amministrazione municipale e il tour della
Città Vecchia organizzato dall’agenzia Sandemans (p103).
Il sabato gli autobus della compagnia Egged e la metropolitana leggera non prestano
servizio, mentre circolano alcuni taxi. Al contrario, gli autobus arabi e i taxi collettivi cir-
colano, partendo dalla zona della Porta di Damasco. Lo Shabbat può essere il momento
ideale per visitare le città della Cisgiordania, come Gerico o Betlemme. Ein Gedi, Masa-
da e il Mar Morto sono altre mete molto apprezzate per le escursioni in giornata: i tour
operator e gli ostelli della città organizzano escursioni all-inclusive in ognuna di queste
località. In alternativa, si può prendere un minibus collettivo per Tel Aviv da Neveim St.

per l’espresso e un bollitore. Le tariffe varia- dino e di un ristorante che serve formaggi e
no a seconda della stagione e della tipologia vini (p114) sulla terrazza sul tetto.
delle sistemazioni, tutte eleganti: le camere
più semplici sono prive di finestre, mentre le
migliori presentano ampi spazi e dispongo- 4 Mamilla e Yemin Moshe
no di comodi divani letto. St Andrew’s Scottish
Guesthouse GUESTHOUSE  $$
Notre Dame Guest House GUESTHOUSE  $$$ (cartina p82; %02-673-2401; www.scotsguest
(cartina p62; % 02-627-9111; www.notredame house.com; 1 David Remez St, Yemin Moshe; singo-
center.org; 3 Paratroopers Rd, nei pressi della Città le/doppie/suite US$135/170/380; piW) La po-
Vecchia; doppie a partire da US$300, suite a parti- sizione elevata e la facciata in pietra contri-
re da US$430; W ; j City Hall) La maggior par- buiscono a conferire a questa guesthouse un
te delle camere di questa guesthouse di pro- aspetto molto imponente. Le camere sono ar-
prietà del Vaticano, situata in splendida po- redate in maniera assai semplice, stile dormi-
sizione, offre la possibilità di ammirare sug- torio scolastico, ma sono ampie e dotate di al-
gestivi scorci della Città Vecchia e del Mon- ti soffitti, bagni immacolati e un’atmosfera au-
te degli Ulivi. L’edificio venne costruito nel tenticamente scozzese (complice il largo uso
1904 e le sue camere ristrutturate di recente del tartan). Le camere più costose hanno il
sono caratterizzate da un raffinato stile clas- balcone; se possibile, cercate di farvi assegna-
sico. La struttura dispone anche di un risto- re la camera n. 1, che consente di ammirare
rante mediterraneo con un dehors nel giar- un fantastico panorama sulla Città Vecchia.
110
YMCA Three Arches Hotel HOTEL  $$ Alcuni grandi complessi alberghieri sono ve-
(cartina p82; % 02-569-2692; 26 King David/ re e proprie città in miniatura, con una ta-
David HaMelekh St, Yemin Moshe; singole/a 2 let- le scelta di strutture di intrattenimento, ri-
ti/triple/suite a partire da US$137/166/174/200; storanti e locali che molti ospiti non sento-
piWs ) Il YMCA Three Arches Hotel è no nemmeno la necessità di uscire. Con le
uno degli edifici più riconoscibili della zona sue 400 camere, il David Citadel Hotel si in-
moderna di Gerusalemme. Dominato da una serisce alla perfezione in questa categoria e
Gerusalemme P ern ottamento

svettante torre campanaria alta 46 m, l’edi- offre ai suoi ospiti una città nella città dota-
ficio principale è impreziosito da alti soffit- ta di tutti i comfort possibili e immaginabili.
ti e grandi lampadari di ottone; le camere Le camere sono ampie e arredate con grande
sono arredate in modo un po’ antiquato ma cura. Al suo interno ci sono tre ristoranti e
comunque elegante, con lenzuola raffinate e un gran numero di servizi, tra cui un’execu-
dettagli color cremisi e oro. tive lounge, una piscina scoperta, uno spazio
giochi per i bambini, una spa e una palestra.
King David Hotel HOTEL  $$$
(cartina p82; % 02-620-8888; www.danhotels.
com; 23 King David/David HaMelekh St; camere 4 Rechavia
US$550-800, suite US$1020-2700; p i W s ) Co- Little House in Rehavia HOTEL  $$
struito negli anni ’30 del XX secolo, il King (cartina p82; % 02-563-3344; www.jerusalem
David Hotel è uno degli alberghi più esclusivi -hotel.co.il; 20 Ibn Ezra St; singole/doppie/quadru-
di Gerusalemme e vi conquisterà non appena ple/camere per famiglie US$139/153/190/243;
ne avrete varcato la soglia, con i suoi squisi- W ) Autentico gioiello situato in un grazio-
ti dettagli art déco, come i divani in velluto, so quartiere residenziale, questo albergo di
i tendaggi dorati e i tavolini con il piano in media categoria è ospitato all’interno di un
marmo. E questa non è che la zona della re- edificio in pietra del 1929 ricco di atmosfera.
ception. Le camere sono dotate di letti molto Il personale è molto attento e disponibile e
confortevoli, grandi bagni in marmo e tutti le 28 camere sono semplici ma pulite, tenu-
i comfort moderni. Le camere standard non te con estrema cura e dotate di bagni dai ri-
sono particolarmente ampie, mentre le de- vestimenti beige. Anche se l’insieme può ap-
luxe dispongono di raffinati divani in vellu- parire fin troppo spoglio, il rapporto qualità-
to di cotone e scrivania. prezzo è davvero eccellente, soprattutto gra-
zie alla terrazza sul tetto, al caffè offerto dal-
Mamilla Hotel DESIGN HOTEL  $$$ la casa e alla gustosa prima colazione kasher
(cartina p92; % 02-548-2222; www.mamillahotel. a buffet, che potrete assaporare nel giardino
com; 11 King Solomon/Shlomo HaMelekh St; camere presidiato da un gatto.
US$400-475, suite US$585-860; p i W s ; j Ci-
ty Hall) Questo lussuoso albergo non potreb-
be trovarsi in posizione migliore, soprattut- 4 Colonia Tedesca,
to per le persone più modaiole, con il pedo- Abu Tor e Baka
nale Mamilla Mall situato a est e i ristoran-
Jerusalem Garden Home B&B  $$
ti e i bar di Hillel St pochi passi più a ovest.
( % 050-524-0442; www.jerusalemgardenho
Le pietre color pesca dell’edificio si fondo-
me.com; 74 Derech Beit Lehem, Colonia Tedesca;
no armoniosamente con l’architettura del-
singole a partire da US$95, doppie US$120-150, tri-
la Città Vecchia; all’interno le camere ampie
ple a partire da US$150; pW ; g 7, 71, 72, 74, 75)
sembrano ancora più grandi grazie ai bagni
Entrambi originari di Gerusalemme, Roni
a vista, mentre l’arredamento nelle tonalità
e Adi sono i cordiali proprietari di questo
del marrone, del blu e del bianco conferisce
B&B e accolgono i loro ospiti a braccia aper-
all’ambiente un’atmosfera raffinata. Le suite
te, facendoli sentire come a casa propria. Le
si affacciano sulla Città Vecchia.
camere sono semplici, ma ampie e dotate di
Il quadro è completato da una spa con
qualche elemento molto raffinato come i pa-
hammam, una palestra, una piscina coper-
vimenti con piastrelle decorative e i copriletto
ta, due bar, un caffè e un ristorante medi-
ricamati a mano. Ci sono anche un grazioso
terraneo (kasher) all’ultimo piano.
giardino e un patio piastrellato ideali per ri-
lassarsi. Si trova cinque minuti a piedi dalla
David Citadel Hotel HOTEL  $$$
via principale della Colonia Tedesca.
(cartina p92; % 02-621-1111; www.thedavidcita
del.com; 7 King David/David HaMelekh St; camere
US$510-634, suite US$1000; pWs ; j City Hall)
111
Ariela’s Place APPARTAMENTI  $$ US$130; i W ; j Central Station) Tra i B&B più
(% 052-380-7077; 49 Hebron Rd, Abu Tor; suite a rinomati di Gerusalemme, l’Allenby 2 abbi-
partire da 355NIS; W ) Queste graziose suite do- na un’atmosfera calorosa e accogliente a un
tate di angolo cottura e di una discreta con- servizio davvero eccellente. Con le sue 11 ca-
nessione wi-fi sono molto più economiche ri- mere distribuite in diversi edifici, è anche
spetto alle strutture della stessa categoria si- uno dei B&B più grandi della città. La cuci-
tuate in posizione più centrale. Questa strut- na in comune e la posizione nei pressi della

Gerusalemme Pasti
tura può essere raggiunta dalla Città Vecchia stazione centrale degli autobus e della JLR
con una passeggiata di 20 minuti, ma non è lo rendono una soluzione di pernottamento
lontana dalla Colonia Tedesca e dalla vita not- molto allettante. Dal momento che non c’è
turna della First Station (p115). L’accoglien- la reception, telefonate prima di presentarvi.
za calorosa e alcuni dettagli come i balcon-
cini, i ricami e i pavimenti decorati con pia- 5 Pasti
strelle contribuiscono a creare un ambiente Gerusalemme è una città eccezionale per gli
molto confortevole. amanti della buona tavola, grazie a un pa-
norama gastronomico in grado di soddisfa-
Arcadia Ba’Moshava BOUTIQUE HOTEL  $$$
re tutti i gusti e tutte le tasche. Negli auten-
(% 02-542-3000; www.arcadiahotels.co.il; 13 Yeho-
tici locali specializzati in falafel, hummus e
shua bin-Nun St, Colonia Tedesca; doppie/camere
altri tipici piatti mediorientali potrete pran-
per famiglie giorni feriali a partire da US$205/240,
zare spendendo solo 15NIS; due dei nostri
weekend a partire da US$255/290; p i W ; g 14,
locali preferiti sono l’Abu Shukri e il Lina. Il
18) Questo albergo con 23 camere è ospitato
Mercato Mahane Yehuda (p93) è il posto
all’interno di un romantico edificio in arena-
ideale per acquistare prodotti locali. Volen-
ria situato in una via residenziale della Colo-
do esagerare, potrete fare una scorpacciata
nia Tedesca. Le camere standard sono piutto-
di formaggi sulla terrazza sul tetto del Notre
sto piccole, ma siamo sicuri che non ci bade-
Dame (p114), assaggiare le specialità fusion
rete troppo dopo aver visto gli alti soffitti, la
del Yudale (p116) o gustare i piatti creativi
doccia a pioggia, il frigorifero e le sontuose
del Modern (p117).
tende dorate. Non perdetevi l’eccellente pri-
ma colazione a buffet. Questo albergo mette a
disposizione dei suoi ospiti alcune biciclette. 5 Città Vecchia
Dan Boutique Hotel HOTEL  $$$ Quasi tutti i ristoranti della Città Vecchia
(cartina p82; % 02-568-9999; www.danhotels. si limitano a servire hummus, kebab, sha-
co.il; 31 Hebron Rd, Abu Tor; doppie a partire da warma e altri tipici piatti mediorientali. Le
US$210; pW ) Ospitato all’interno di un edi- uniche eccezioni si trovano nella zona della
ficio in cemento facilmente riconoscibile, che Porta di Giaffa, dove ci sono alcuni ristoran-
assomiglia vagamente a un gigantesco pollice ti mediterranei, e in Hurva Sq nel Quartiere
rivolto verso l’alto, questo albergo dispone di Ebraico, dove troverete alcuni fast food all’a-
128 camere moderne e caratterizzate da un mericana. Tenete presente che trovare un ri-
audace schema cromatico. Sebbene i mobili storante dopo il tramonto potrebbe rivelar-
color mostarda e rosso scuro incupiscano un si una vera e propria impresa, dal momento
po’ l’ambiente, le camere sono dotate di tutto che la Città Vecchia chiude quasi tutti i bat-
il necessario, tra cui una macchinetta per il tenti non appena la folla inizia a scemare.
caffè e comodi letti. Questa struttura dispo- Per finire, non dimenticate che durante
ne anche di una piccola palestra e di un bar, il Ramadan molti ristoranti del Quartiere
dal quale è possibile ammirare un fantasti- Musulmano rimangono chiusi.
co panorama su tutta la città.
oAbu Shukri MEDIORIENTALE  $
(cartina p62; % 02-627-1538; 63 Al Wad St, Quar-
tiere Musulmano; hummus 20NIS; h 9-16; v ) L’A-
4 Zona della stazione bu Shukri è talmente famoso e amato che
centrale degli autobus molti hanno provato a imitarlo, aprendo lo-
Allenby 2 B&B B&B  $ cali simili in tutta la città. Il vassoio tipico
(% 052-396-3160; http://allenby2.com; Allenby Sq comprende una ciotola di hummus fresco con
2, Romema; singole con bagno in comune US$55, guarnizioni a scelta come ceci, tahina (sal-
doppie a partire da US$95, con bagno in comune a sa di semi di sesamo), fuul (fave stufate ser-
partire da US$80, camere per famiglie a partire da vite sotto forma di purè), verdure croccanti
112
e un cestino di pane pita. Vi consigliamo di Armenian Tavern ARMENO  $$
aggiungere una porzione di falafel (10NIS). (cartina p62; % 02-627-3854; 79 Armenian Or-
Tenete presente che vengono accettati solo thodox Patriarchate Rd, Quartiere Armeno; portate
pagamenti in contanti. principali 65-80NIS; h 11-22.30 mar-dom) La car-
ta vincente dell’Armenian Tavern è costitui-
Lina Restaurant MEDIORIENTALE  $ ta dalla sua atmosfera caratteristica. Ospita-
(cartina p62; % 02-627-7230; Aqabat Al Khanqah to all’interno di un edificio di epoca crocia-
Gerusalemme Pasti

St, Quartiere Musulmano; hummus 20NIS; h 9-17) ta, questo locale vanta un interno impreziosi-
Questo eccellente ristorante mediorientale è il to da scintillanti specchi decorati in maniera
rivale principale del leggendario Abu Shukri. molto elaborata, sontuosi lampadari e pezzi
Il suo hummus, ricco di olio di oliva, è con- di antiquariato. Il servizio non è dei migliori,
siderato tra i migliori di Gerusalemme. Que- ma il vino della casa è buono e la cucina più
sto ristorante è composto da due locali situa- che discreta; provate i khagoli derev (invol-
to sui lati opposti della strada, ma è talmen- tini di foglie di vite ripieni di carne macina-
te semplice che è facile non notarlo. Nel com- ta di agnello e serviti nello yogurt).
plesso, si tratta del posto ideale in cui recupe-
rare le forze dopo aver affrontato la folla nel- Family Restaurant MEDIORIENTALE  $$
la vicina Basilica del Santo Sepolcro (p73). (cartina p62; % 02-628-3435; Souq Khan Al Zeit
St, Quartiere Musulmano; portate principali a parti-
Ja’far Sweets DOLCI  $ re da 30NIS) Questo ristorante è specializza-
(cartina p62; 40-42 Souq Khan Al Zeit St, Quartie- to in hummus e in piatti tipici mediorienta-
re Musulmano; dolci a partire da 15NIS; h 8-19 sab- li alla griglia. Come si può capire facilmente
gio) L’acceso arancione del kunafeh (dolce di dal suo nome, questo locale stile self servi-
formaggio fresco ricoperto di croccanti fili di ce è sempre gremito di famiglie. Inaugurato
pasta fillo fritta) intriso di sciroppo adagiato nel 1942, serve in una pulitissima sala piat-
su un grande vassoio è quasi ipnotico. Il ku- ti gustosi come spiedini e pollo (mezzo) al-
nafeh è la specialità principale di questa fa- la griglia con hummus, pane pita e insalata,
mosa pasticceria palestinese. Il Ja’far Sweets che potrete accompagnare con una limona-
è famoso anche per le sue belle confezioni di ta aromatizzata alla menta. Tenete presen-
baklava e dolci turchi (vendute a prezzo fis- te che non vengono servite bevande alcoli-
so), perfette da portare via. Per attenuare il che e non vengono accettati pagamenti con
forte sapore dolce di queste delizie, vi consi- carta di credito.
gliamo di accompagnarle con una tazza di tè.
Christ Church Cafe CAFFÈ  $$
Zalatimo DOLCI  $ (cartina p62; % 02-627-7727; Omar Ibn Al Khattab
(cartina p62; Souq Khan Al Zeit St, Quartiere Mu- Sq, Città Vecchia; portate principali 20-60NIS; h cu-
sulmano; mutabbaq 20NIS; h orari variabili) Na- cina 10.30-15.30, caffè fino alle 20; W ) Decorato
scosto in una cripta ad arco situata sotto il con versetti tratti dalla Bibbia, questo caffè
Monastero Etiope, lo Zalatimo è famoso per situato nei pressi della Porta di Giaffa e per-
la sua mutabbaq, preparata seguendo una vaso da un’accogliente e vivace atmosfera sti-
ricetta di famiglia perfezionata nel corso di le università inglese è frequentato dai clienti
un secolo e mezzo. Dopo essere stata lavo- della omonima guesthouse (p106). Fino alle
rata energicamente (questa preparazione fa 15.30 vengono servite pizze, insalate e sand­
parte del divertimento), la pasta viene farcita wich, ma a noi piace soprattutto per il gela-
con burro chiarificato, cannella e noci o for- to e la vasta scelta di dolci, tra i quali spicca-
maggio caprino, cotta al forno fino a diven- no la cheesecake, la torta di carote e la tor-
tare croccante e quindi cosparsa di sciroppo ta al limone. Un vivace rifugio nel cuore del-
di zucchero. Al momento dell’ordinazione, la Città Vecchia.
controllate il prezzo, perché gli errori di cal-
colo sono tutt’altro che insoliti. Rossini’s Restaurant INTERNAZIONALE  $$
Questo locale è privo di insegna e per in- (cartina p62; % 02-587-7423; www.rossini-rest.
dividuarlo bisogna cercare la porta di metal- com; 42 Latin Patriarchate Rd, Quartiere Cristiano;
lo grigio situata a metà della rampa di sca- portate principali 45-130NIS; h 12-23; W ; j City
le che passa dietro la bancarella di succhi Hall) Questo ordinario ristorante specializ-
di frutta. Dal momento che gli orari sono zato in bistecche e piatti di pasta è finito nel
variabili, potrebbe capitarvi di doverci an- mirino dei turisti per il fatto di essere aperto
dare diverse volte prima di trovarlo aperto. anche durante lo Shabbat, di servire bevan-
113
de alcoliche e di trovarsi a pochi passi dalla e ottime pizze. Se possibile, evitate l’anoni-
Porta di Giaffa. Questo accogliente ristoran- ma sala da pranzo e gustate queste preliba-
te moderno costituisce il posto ideale per chi tezze nella graziosa veranda.
desidera concedersi una cena a base di pasta
e di carne dopo un’estenuante giornata tra-
scorsa alla scoperta delle attrattive della Cit- 5 Gerusalemme Centro
tà Vecchia. Tra le principali specialità della Il centro di Gerusalemme ‒ in particolare

Gerusalemme Pasti
casa meritano di essere citate la musakhan, la zona della pedonale Ben Yehuda St ‒ tra-
il pollo alla palestinese con cipolle e sumac bocca letteralmente di ristoranti e di caffè.
(tipo di spezia) adagiato su pane pita. Dal momento che sono quasi tutti ristoran-
ti kasher, per lo Shabbat e le festività ebrai-
che restano chiusi.
5 Gerusalemme Est
Al Mihbash MEDIORIENTALE  $$ Hamarakia ZUPPE  $
(cartina p82; % 02-628-9185; www.facebook.com (cartina p92; % 02-625-7797; 4 Koresh St; portate
/AlMihbashRestaurantAndCafe; 21 Derekh Shchem/ principali 30NIS; h 12.30-24 dom-gio, a partire dal-
Nablus Rd; portate principali 50-75NIS; h 10-fino a le 20 sab; v ; j City Hall) In questa vera e pro-
tardi; j Shivtei Israel) Dopo esservi accomoda- pria istituzione di Gerusalemme, specializza-
ti sul balcone di questo locale, preparatevi ta in sostanziose zuppe che cambiano tutti i
ad assaporare un banchetto a base di piatti giorni, il confine tra l’atmosfera casalinga e
tipici palestinesi, dal kebab di pesce con fa- il fatiscente appare particolarmente sottile.
lafel al pollo ripieno e dai filetti di salmone Sul menu compaiono spesso le zuppe di por-
alla mediterranea alle bistecche che faranno ri, lenticchie e pomodoro, ma c’è quasi sem-
la felicità dei nostalgici dei sapori di casa. Il pre qualche specialità vegana. L’Hamarakia
menu comprende anche piatti a base di avo- è in grado di accontentare anche chi preferi-
cado e smoothie alla mandorla. Il servizio è sce mettere qualcosa di più sostanzioso sot-
sbrigativo, ma sia la cucina sia il panorama to i denti, come insalate di melanzane, hum-
sono veramente eccezionali. mus e altri piatti vegetariani. Il grande tavo-
lo comune e la cucina a vista contribuisco-
Sarwa Street Kitchen CAFFÈ  $$ no a creare un’atmosfera molto accogliente;
(cartina p82; www.facebook.com/sarwarstreet sul retro c’è anche un dehors.
kitchen; 42 Salah Ad Din St; portate principali 15-
60NIS; h 11-23; Wv ; j Shivtei Israel) Questo lo- oPinati MEDIORIENTALE  $$
cale tranquillo e piacevolmente rilassato co- (cartina p92; % 02-625-4540; http://pinati.co.il;
stituisce il posto ideale sia per chi desidera 13 King George V St; portate principali 25-60NIS;
cenare sia per quanti preferiscono limitarsi h 8-19 dom-gio, fino alle 15 ven; v ; j Jaffa Cen-
a bere un caffè o una birra. La cucina propo- ter) La gente del posto perde letteralmente
ne una vasta scelta di piatti, che spazia dal- la testa per l’hummus servito con pita e una
le pizze, ai burritos fatti in casa e ai classici deliziosa salsa piccante a base di aglio e pe-
della cucina palestinese, come il makloubeh peroncino del Pinati, ma meritano di essere
(pollo, riso, verdure e spezie cotti insieme e assaggiate anche le saporite portate princi-
capovolti sul piatto di portata), oltre ad al- pali, come la moussaka cotta a fuoco lento,
cune specialità vegane e vegetariane. Grazie le shnitsel, le zuppe di legumi e la shakshuka
alla sua intensa luce naturale e alla connes- (un piatto a base di uova e pomodori servito
sione wi-fi, non vorrete più alzarvi da tavola. in padella). L’atmosfera informale e la cuci-
na kasher costituiscono una formula vincen-
Al Diwan Restaurant MEDIORIENTALE  $$$ te e all’ora di pranzo dovrete lottare strenua-
(% 02-541-2222; www.jerusalemambassador.com; mente per riuscire ad accaparrarvi un tavolo
Ambassador Hotel, 5 Derekh Shchem/Nablus Rd; (le fotografie dei clienti abituali che tappezza-
portate principali 70-120NIS; h 12-23; j Shimon no le pareti dimostrano la longevità di que-
Ha-Tsadik) Sebbene sia di gran lunga più caro sto ristorante, inaugurato oltre 30 anni fa).
rispetto ai locali specializzati in street food,
il ristorante dell’Ambassador Hotel è unani- T’mol Shilshom CAFFÈ  $$
memente considerato tra i locali migliori di (cartina p92; % 02-623-2758; www.tmol-shil
Gerusalemme Est. Soffici e gonfi pita appe- shom.co.il; 5 Yo’el Salomon St; portate principali 40-
na sfornati vi verranno portati a tavola con 55NIS; h 8.30-23 dom-gio, fino alle 14 ven; W v ;
fumanti grigliate di carne, zuppe di verdure j Jaffa Center) Il T’mol Shilshom è uno dei
114
Il servizio è da tavola calda, per cui do-
LA GERUSALEMME vrete andare al bancone, sia per pranzare
DI OTTOLENGHI sul posto sia per ordinare i piatti da asporto.

Beniamino del mondo culinario inter- Focaccia Bar ITALIAN0  $$


nazionale, lo chef, scrittore e presen- (cartina p92; % 02-625-6428; http://bar.focaccia.
tatore televisivo Yotam Ottolenghi è co; 4 Rabbi Akiva St; focacce e pizze 30-60NIS, pa-
Gerusalemme Pasti

l’ambasciatore non ufficiale ma molto sta 45-65NIS, portate principali 57-109NIS; h 9-24;
influente del panorama gastronomico v ; j Jaffa Center) Dal taboun (forno di argilla)
cittadino. Scritto a quattro mani con di questo frequentatissimo ristorante escono
Sami Tamimi, il suo libro di cucina Je- croccanti e deliziose focacce guarnite con for-
rusalem propone raffinati abbinamen- maggio caprino, melanzane, oca affumicata
ti culinari descritti come ‘appartenen- e molte altre prelibatezze. Il menu compren-
ti a gruppi specifici, ma anche a tut- de anche pizze, piatti di pasta, insalate e bi-
ti gli altri’. La dimostrazione è data dal stecche. Il dehors è molto bello, la sala inter-
fatto che Ottolenghi, ebreo di Geru- na gradevolmente vivace (se non chiassosa)
salemme Ovest, e Tamimi, palestine- e il bancone perfetto per chi mangia da solo.
se di Gerusalemme Est, sono cresciu-
ti mangiando versioni leggermente di- oAnna Cafe ITALIANO  $$$
verse degli stessi piatti. In questo libro (cartina p82; % 02-543-4144; www.annarest.
sono descritti molti dei nostri ristoran- co.il; Ticho House, 10 HaRav Hagan; pizze e pasta 50-
ti e pasticcerie preferiti della città, tra 70NIS, portate principali 80-90NIS; h 9-23 dom-gio,
cui lo Zalatimo (p112), l’Abu Shukri fino alle 14 ven; v ; j Jaffa Center) S Situato al
(p111) e l’Azura. primo piano dell’elegante Ticho House, l’An-
na Cafe è il posto ideale per concedersi un
caffè o un pasto a base di specialità italiane.
locali più rilassanti di Gerusalemme in cui Gustatevi un piatto di pasta, una pizza bian-
concedersi un brunch e accomodarsi nella ca o una omelette ai carciofi con la consape-
sala piena di libri o nel cortile ombreggiato. volezza che state collaborando a una buona
Questo accogliente caffè kasher gode di una causa, in quanto questo caffè assume e for-
meritata fama per il suo shakshuka (un so- ma giovani del posto che si trovano in situa-
stanzioso piatto mediorientale a base di uo- zioni di difficoltà.
va e pomodori servito in padella), che vie-
ne proposto nella versione classica, piccan- Darna MAROCCHINO  $$$
te o con formaggio e servito con una monta- (cartina p92; % 02-624-5406; www.darna.co.il;
gna di pane appena sfornato, insalata e pâté 3 Horkanos St; portate principali 75-155NIS, menu
di olive. Questo locale non è molto facile da fissi 175-240NIS; h 12-15 e 18.30-24 dom-gio, do-
trovare: per raggiungerlo, bisogna attraver- po lo Shabbat-22 sab; j Jaffa Center) Questo po-
sare l’arco di pietra di Yo’el Salomon St, per- polare ristorante kasher in attività da parec-
correre il vicolo, svoltare a sinistra e prose- chi anni serve nel suo ambiente ricco di at-
guire fino alla fine del cortile; il locale si tro- mosfera deliziosi e profumati piatti maroc-
va al primo piano. chini, tra cui tagine e couscous. Non manca-
te di assaggiare la pastilla fassia (pasta fil-
Village Green VEGETARIANO  $$ lo ripiena di pollo alle mandorle) e di pren-
(cartina p92; % 053-944-3273; www.villayegreen. dere in considerazione il mechoui (spalla di
rest-e.co.il; 33 Jaffa Rd; salad bar a partire da 45NIS, agnello cotta a fuoco lento).
portate principali 30-70NIS; h 9-22 dom-gio, fino alle
15 ven; v ; j Jaffa Center) Questo locale kasher Notre Dame Cheese
propone sane specialità vegetariane e vega- & Wine Restaurant FRANCESE  $$$
ne come le zuppe e le quiche. Nel suo sa- (cartina p62; % 02-627-9177; www.notredamecen
lad bar troverete ingredienti di ogni genere, ter.org; 4th fl, Notre Dame Centre, 3 Paratroopers
dai vari tipi di insalata alla barbabietola e Rd, nei pressi della Città Vecchia; taglieri a partire da
dalle verdure più sostanziose ai ceci piccan- 80NIS; h 12-23; j City Hall) Il profumo pungen-
ti. L’impronta salutista non manca neanche te del brie stagionato e del gruyère riempie le
nella selezione di torte, con brownie a bas- narici non appena si esce dall’ascensore che
so contenuto di zuccheri, muffin preparati conduce in questo ristorante situato in una
con farina di quinoa e altre leggerissime terrazza su un tetto. Il panorama è mozza-
delizie. fiato, il suono delle campane costituisce un
115

LA NUOVA VITA DI UNA STAZIONE OTTOMANA


Complesso di ristoranti e di intrattenimenti di vario genere ospitato all’interno di una bel-
la stazione ferroviaria del XIX secolo, la First Station (cartina p82; %02-653-5239; www.
firststation.co.il; 4 David Remez St, Colonia Tedesca; spuntini a partire da 20NIS, portate principali a
partire da 55NIS; h7-fino a tardi; vc) è un luogo molto caratteristico, perfetto per mangia-

Gerusalemme Pasti
re qualcosa o bere una birra. Al suo interno si trovano boutique, caffè, un chiosco di gela-
ti e diversi ristoranti, tra cui un locale kasher specializzato in bistecche (Bread & Meat), un
ristorante italiano (Fiori) e uno asiatico (Station 9). Durante il giorno è frequentato soprat-
tutto dalle famiglie, mentre di sera l’atmosfera si surriscalda.
Costruita nel 1892 al capolinea della linea ferroviaria Giaffa-Gerusalemme, questa
stazione venne usata ininterrottamente fino al 1998, quando la linea da Tel Aviv a Geru-
salemme fu chiusa. Restaurata di recente, la First Station è stata inaugurata nella sua
attuale versione nel 2013.
Il nutrito programma di intrattenimenti e di attività della First Station comprende tra le
altre cose corsi di pilates, concerti jazz, spettacoli di cabaret ed esibizioni di danze tradi-
zionali; molti eventi e attività sono gratuiti. In estate, ogni giovedì a partire dalle 16 viene
allestito un imperdibile mercato di prodotti artigianali. Per i bambini di età compresa tra
i due e i 12 anni, ci sono diverse attrazioni, tra cui un trenino e una giostra. Nel sito web
troverete ulteriori informazioni sugli eventi, tra cui i numerosi concerti estivi.

gradevole sottofondo musicale e i taglieri di cato Mahane Yehuda (ma purtroppo non
formaggi eclissano le portate principali, che adeguatamente segnalato) potrete scegliere
comprendono soprattutto specialità europee, il tipo di pasta (penne, fettuccine e fusilli) e
dalle capesante al carré di agnello. Nel com- poi il sugo (il menu ne propone nove). Loca-
plesso, si tratta del posto ideale per chi de- le ideale per un pasto veloce e sostanzioso.
sidera concedersi un aperitivo al tramonto.
Mousseline GELATO  $
(cartina p82; % 02-500-3601; www.mousseline
5 Mahane Yehuda -jerusalem.com; HaArmonim 2; gelato a partire da
Lungo i vicoli che si snodano nei pressi del 15NIS; h 10-24 dom-mer, 9-24 gio, 7.30-15 ven, 1 h
Mercato Mahane Yehuda (p93) si trova- dopo lo Sabbat-24 sab; j Mahane Yehuda) Questa
no alcuni dei ristoranti più creativi e inte- gelateria situata in posizione strategica nell’e-
ressanti della città. stremità del Mercato Mahane Yehuda costitu-
isce il posto ideale per riprendersi dopo una
Sabayos CRÊPE  $ mattina trascorsa facendosi largo tra i carrel-
(cartina p82; % 050-301-9708; Haetz Ha’em li della spesa e venditori che lanciano casset-
St; crêpe 25NIS; h 8-tramonto dom-gio, 9-14 ven; te di plastica. Il gelato alla melagrana è l’ide-
v ; j Mahane Yehuda) Questa crêperie kasher ale per le giornate più calde, mentre il gela-
prepara enormi crêpe ripiene di prelibatez- to al sesamo nero o il sorbetto all’uva e basi-
ze come olive, pomodori e diversi tipi di for- lico sono gusti deliziosamente interessanti.
maggi. Queste crêpe aono altrettanto gusto-
se anche nella versione dolce e quelle farci- Azura MEDIORIENTALE  $$
te con granella di halva (un dolce a base di (cartina p82; % 02-623-5204; Mercato irache-
pasta di sesamo simile al torrone) e frutta di no; hummus 22-40NIS, portate principali 22-100NIS;
stagione sono una tentazione a cui è davvero h 9.30-16, chiuso Shabbat; v ; j Mahane Yehuda)
difficile resistere. Potrete scegliere tra la pa- Questo ristorante kasher ‒ uno dei più ama-
stella a base di grano tenero o quella di gra- ti della città ‒ propone comfort food di ispi-
no saraceno. Il rapporto qualità-prezzo è ve- razione turca e un servizio professionale. Si
ramente ottimo. trova in una traversa di Rehov HaEshkol St,
a pochi passi dal Mercato Mahane Yehuda.
Pasta Basta ITALIANO  $ Il profumo del suo goulasch e delle polpet-
(cartina p82; http://pastabasta.co.il; 8 HaTut Al- te di carne è sufficiente a stuzzicare l’appe-
ley; pasta 25-38NIS; h 11-22 dom-gio, fino alle 13.30 tito, mentre la specialità principale della ca-
ven; j Mahane Yehuda) In questo paradiso dei sa, le melanzane ripiene di carne macinata
carboidrati immerso nella cornice del Mer- di manzo aromatizzata alla cannella e ai pi-
116
noli, è deliziosa e sostanziosa e viene servita
alla velocità della luce. 5 Mamilla e Yemin Moshe
Angelica INTERNAZIONALE  $$$
Ishtabach CURDO  $$ (cartina p82; % 02-623-0056; www.angelicarest.
(cartina p82; % 02-623-2997; all’angolo tra com; 4 George Washington St, Yemin Moshe; por-
Shikma St e Beit Ya’akov St; portate principali 40- tate principali 92-158NIS; h 12.30-22.30 dom-gio,
65NIS; h 12-1; j Mahane Yehuda) L’Ishtabach è 8.30-23 sab) Gli archi in arenaria e le finestre
Gerusalemme Pasti

situato ai margini del Mercato Mahane Yehu- in pietra conferiscono un tono elegante e so-
da, in una strada dove si trovano molti altri fisticato a questo ristorante, che propone un
ristoranti, nessuno dei quali serve però uno menu particolarmente creativo. Gli antipasti
shamburak altrettanto delizioso. Questo piat- sono una sinfonia di sapori, che traggono ispi-
to tipico curdo è una sorta di fagottino di pa- razione da diverse cucine: risvegliate le vostre
sta ripieno di carne o verdura accompagnato papille gustative con ­uno shawarma di pesce
da insolite salse (come per esempio la confet- con salsa aïoli e tacos e con l’insalata di man-
tura di aglio). Arrivate affamati e ordinate lo dorle affumicate e pesca noce con vinaigrette
shamburak ripieno di siske, carne di maiale allo champagne. Le portate principali ricor-
cotta a fuoco lento per più di 15 ore. dano i classici dei bistrò europei, come il petto
d’oca con fagioli, il filetto e i ravioli ai funghi.
oMachneyuda INTERNAZIONALE  $$$
(cartina p82; % 02-533-3442; www.machneyu Mamilla Rooftop
da.co.il; 10 Beit Ya’akov St; portate principali 86- Restaurant INTERNAZIONALE  $$$
175NIS, menu degustazione 295NIS; h 12.30-16 e (cartina p92; % 02-548-2230; www.mamillahotel.
16.30-23 dom-gio, fino alle 15 ven; j Mahane Yehu- com; 11 King Solomon/Shlomo HaMelekh St, Mamil-
da) Comfort food newyorkese? Raffinata cu- la; portate principali 90-186NIS; h 18-23 dom-gio, 12-
cina italiana? Oppure haute cuisine? Questo 14.30 ven, 19.30-23 sab; j City Hall) Se non siete
eccellente ristorante situato nei pressi del il tipo di persone che amano cenare gomito
Mercato Mahane Yehuda è molto apprezzato a gomito con gli altri clienti nei locali specia-
dagli abitanti della città per il suo menu di- lizzati in hummus della Città Vecchia, allo-
vertente ed eclettico, che propone specialità ra questa elegante brasserie situata sul tetto
molto invitanti come i calamari, le linguine del Mamilla Hotel è il posto che fa per voi. La
nere al granchio e la bistecca con patate alla cucina (rigorosamente kasher) punta a sod-
vecchia maniera. Prenotate con largo antici- disfare i palati più raffinati, con piatti come
po e auguratevi che ci sia la torta di semolino. il sashimi di salmone agli agrumi, i gnocchi
con olive nere e l’oca arrosto con salsa al cioc-
Yudale ISRAELIANO  $$$ colato e caramello.
(cartina p82; % 02-533-3442; 11 Beit Ya’akov
St; antipasti 46-71NIS, portate principali 77-175NIS;
h 18.30-fino a tardi dom-gio; j Mahane Yehuda) Il 5 Colonia Tedesca
fratello minore del Machneyuda assomiglia Lungo Emek Refa’im St vi imbatterete in un
al chiosco di una spiaggia hawaiana, ma ser- gran numero di caffè e di locali che servono
ve la stessa entusiasmante cucina fusion mo- hamburger affiliati a grandi catene, ma il pa-
derna del più rinomato locale originale (tra norama gastronomico di questa zona si sta
cui tartare di manzo alla thailandese, dolci rinnovando grazie alla comparsa di diversi
curdi e polenta al tartufo) ed è ancora più locali stile bistrò francese e di ristoranti spe-
vibrante e divertente. Dopo esservi accomo- cializzati nella cucina italiana.
dati al bancone, osservare gli chef all’opera
è un’esperienza entusiasmante (ammesso e Adom MEDITERRANEO  $$$
non concesso che riusciate a trovare posto). (cartina p82; % 02-624-6242; www.adom.rest/
Il venerdì lo Yudale è aperto fino a due en; First Station, 4 David Remez St; portate princi-
ore prima dell’inizio dello Shabbat, mentre pali 70-135NIS; h 12.30-24; v ; g 71) Strutturato
il sabato riapre due ore dopo la fine del- come un’elegante sala d’attesa di una stazio-
lo Shabbat. ne ferroviaria, questo bistrò alla moda si tro-
va all’interno del cortile della First Station. Il
suo sofisticato menu mediterraneo compren-
de l’irresistibile entrecôte alla griglia e la tar-
tare di salmone con miele di datteri, mentre
tra i piatti vegetariani spiccano portate da-
117
gli abbinamenti insoliti come i gnocchi alle do del corridoio. Sono disponibili tavoli sia
castagne e l’insalata di carciofi, formaggio di all’aperto sia nella graziosa sala interna.
capra e fichi. Si tratta del posto ideale per ini-
ziare una divertente serata alla scoperta del- Versavee BAR, CAFFÈ
la vita notturna di Gerusalemme. (cartina p62; % 02-627-6160; www.versavee.com;
Greek Patriarchate Rd; h 10-fino a tardi; W ) Situa-
to nei pressi della Porta di Giaffa, il cortile del
5 Givat Ram

Gerusalemme Lo cali e vita n otturna


Versavee costituisce il posto ideale per chi de-
oModern ISRAELIANO  $$$
sidera concedersi una pausa refrigerante da-
(% 02-648-0862; www.modern.co.il; Museo di Isra- vanti a un bicchiere di limonata aromatizzata
ele, Ruppin Rd; portate principali 70-120NIS, vas- alla menta o a un calice di vino. Si trova ac-
soi di tapas 110NIS; h 11.30-17 dom-gio, fino a tardi canto all’Hotel New Imperial (p106) e pre-
mar; v ; g 7, 9, 14, 35, 66) Il ristorante princi- senta la stessa grandeur ottocentesca piace-
pale del Museo di Israele (p96) è elegan- volmente fatiscente.
te come richiede la cornice in cui è inserito
e propone un raffinato menu comprenden-
te specialità come il kadaif di pollo presen- 6 Gerusalemme Centro
tate in modo talmente elaborato da ricorda- Cassette Bar BAR
re un’opera di Jackson Pollock. Ai sapori lo- (HaCasetta; cartina p92; 1 Horkanos St; h 20-5
cali viene conferito un insolito tocco moder- sab-gio, 14-6 ven; j Jaffa Center) In questo mi-
no, come si può notare dalle tapas all’israe- nuscolo bar, frequentato da molti hipster, si
liana e dal kebab di manzo con albicocche, e può entrare dalla strada (cercate la porta di
ogni piatto vi verrà servito con pane appena metallo ricoperta da vecchie musicassette) o
uscito dal forno. dal retro dell’adiacente Record Bar. I clienti si
intrattengono fino a notte inoltrata, sorseg-
giando drink su un sottofondo di musica al-
6 Locali e vita notturna ternativa. Al primo piano si trova il ­Videopub,
Il centro di Gerusalemme ospita un gran nu- un popolare gay bar.
mero di bar. I migliori sono quelli situati nella
zona del Mercato Mahane Yehuda e nei pressi Kadosh CAFFÈ
di Zion Sq, in Rivlin St, Ben Shatah St, Hillel (cartina p92; % 02-625-4210; 6 Shlomzion Ha-
St, Heleni HaMalka St e Dorot Rishonim St. Malka St; h 7-0.30, chiuso Shabbat; W ; j City Hall)
I bar di Gerusalemme Est si trovano spesso Questo caffè inaugurato nel 1967 presenta
all’interno degli alberghi, mentre il panora- un impeccabile stile parigino, come si può
ma dei locali della Città Vecchia è arido qua- notare dallo schema cromatico nelle tona-
si quanto il Negev. lità del marrone, dal dehors e dalle conver-
sazioni intellettuali dei clienti sul sottofon-
do di chansons francesi. Il caffè freddo aro-
6 Città Vecchia matizzato alla vaniglia è perfetto per conce-
Viennese Café CAFFÈ dersi una pausa refrigerante, mentre al ca-
(cartina p62; Austrian Hospice, 37 Via Dolorosa; lare del sole i bicchieri dei cocktail prendo-
torte 23NIS, portate principali 50-70NIS; h 10-22) no il posto delle tazze di caffè.
Con il suo sottofondo di musica barocca e
la sua impeccabile torta Sacher, questo caf- Videopub GAY
fè ambisce a essere un angolo di Vienna tra- (cartina p92; https://sites.google.com/site/video
piantato a Gerusalemme. In realtà, si tratta pubjerusalem; 1st fl, 1 Horkanus St; h 20-4 lun-gio,
di un locale stile self service, ma gli strudel sab e dom, a partire dalle 22 ven; j Jaffa Center) La
di mele, il tè di buona qualità e le schnitzel comunità locale LGBTIQ si ritrova in que-
non mancano mai all’appello. Nella tranquil- sto minuscolo locale situato sopra il Casset-
la cornice dell’Austrian Hospice si può cade- te Bar per bere, ballare e assistere agli occa-
re facilmente in tentazione. sionali spettacoli di drag queen (le giornate
Per trovarlo, bisogna suonare il campa- più animate sono il giovedì e il sabato). Il Vi-
nello alla porta situata all’angolo tra Al Wad deopub propone nostalgica musica elettroni-
St e la Via Dolorosa. Una volta entrati, rag- ca e successi pop degli anni ’80 ed è frequen-
giungete l’incantevole foyer della guesthou- tato da avventori LGBTIQ accompagnati dai
se e girate a sinistra; il caffè si trova al fon- loro amici eterosessuali.
118

GERUSALEMME LGBTIQ
Data la natura di città religiosa che contraddistingue Gerusalemme, il panorama LGBTIQ
locale è molto più discreto rispetto a quello di Tel Aviv. In particolare, nei quartieri abitati
dagli ebrei ortodossi e a Gerusalemme Est non sono viste di buon occhio le manifestazioni
pubbliche di affetto, soprattutto tra persone dello stesso sesso.
Gerusalemme Lo cali e vita n otturna

Il Videopub (p117) è un popolare gay bar con una minuscola pista da ballo. Se de-
siderate avere informazioni sulla comunità LGBTIQ di Gerusalemme, vi consigliamo di
mettervi in contatto con la Jerusalem Open House (cartina p92; %02-625-3191; www.
joh.org.il; 1st fl, 2 HaSoreg St; jCity Hall), scrivendo una email per conoscere il calendario dei
numerosi eventi organizzati da questo centro, molti dei quali sono rivolti anche alle perso-
ne di lingua inglese.
Tra la fine di luglio e l’inizio di agosto la comunità LGBTIQ scende nelle strade della città
per la Jerusalem March for Pride and Tolerance. Più simile a una marcia di carattere
politico volta a rivendicare i diritti della comunità LGBTIQ che a una celebrazione festosa, il
Gay Pride di Gerusalemme viene organizzato anche in ricordo di coloro che rimasero feriti
o persero la vita durante la sparatoria del Bar-Noar nel 2009 e di Shira Banki, la ragazza
pugnalata e uccisa da un ebreo ultraortodosso durante la marcia del 2015.

Barood BAR Jabotinski PUB


(cartina p92; % 02-625-9081; 31 Jaffa Rd; h 12- (cartina p92; 2 Shim’on Ben Shatah St; h 19-2
fino a tardi; j Jaffa Center) Con la sua valida se- dom-ven, 13-fino a tardi sab; W ; j City Hall) Que-
lezione di vini locali, la Guinness alla spina e sto pub, che deve il suo nome al sionista rus-
i deliziosi spuntini italo-balcanici, questo in- so Ze’ev Jabotinsky (1880-1940), è uno dei fre-
timo bar-ristorante situato in un cortile al- quentatissimi bar di Shim’on Ben Shatah St
le spalle di Jaffa Rd è il posto ideale per tra- e un punto di ritrovo per viaggiatori. La cu-
scorrere qualche momento di piacevole relax. cina è tutt’altro che memorabile (costolette,
Le tovaglie a quadretti rossi e le pareti tap- hamburger e simili), ma la birra è fredda e
pezzate di poster, stampe e quadri vi faran- lungo la strada ci sono molti tavolini.
no credere ‒ almeno per un microsecondo ‒
di essere in un bistrot parigino. Mike’s Place BAR SPORT
(cartina p92; % 054-799-1220; www.mikesplace
Sira BAR, CLUB bars.com; 33 Jaffa Rd; h 12-fino a tardi dom-gio, fi-
(cartina p92; % 02-623-4366; 1 Ben Shatakh St; no alle 17 ven, a partire dalle 21 sab; j Jaffa Center)
h 16-3; j City Hall) Questo minuscolo bar si- In questo locale troverete una buona Guin-
tuato nella zona di Ben Sira St buio, pieno ness alla spina, eventi sportivi trasmessi sul
di fumo, affollato e chiassoso propone mu- maxischermo e personale molto disponibile
sica di ogni genere, dal jazz all’elettronica. con i viaggiatori. Lo sappiamo, avete già vi-
La piccolissima sala da ballo è il regno di DJ sto questa formula collaudata con successo
dai gusti quanto mai eclettici e la birra scor- in diversi altri bar della città, ma questo pub
re a fiumi per tutta la notte, per la gioia del- affiliato a una catena israeliana costituisce
la clientela composta per lo più da studenti. il posto ideale per iniziare o concludere una
serata a Gerusalemme, grazie alla sua am-
Mazkeka BAR pia sala interna dall’aspetto piacevolmen-
(cartina p92; www.mazkeka.com; 3 Shoshan St; te consunto e ad alcuni tavolini all’aperto.
h 21-2; j City Hall) Nelle serate del weekend Vi consigliamo di arrivare verso le 22,
il Mazkeka resta aperto fino a tardi e l’atmo- quando l’atmosfera inizia a riscaldarsi. Il
sfera è resa vibrante da una clientela deside- programma prevede serate aperte all’esibi-
rosa di bere e ascoltare cosa propongono gli zione del pubblico (lunedì), musica dal vi-
artisti indipendenti ed emergenti della cit- vo (martedì e giovedì) e jazz (mercoledì).
tà. Nella pagina www.facebook.com/Mazke
ka troverete informazioni sugli eventi in pro-
gramma, dalla proiezione di film ai concerti,
altrimenti fate un salto per farvi un’idea del-
le ultime tendenze di Gerusalemme.
119

6 Mahane Yehuda 6 Talbiyeh e Colonia Tedesca


Beer Bazaar BIRRA ARTIGIANALE Talbiye WINE BAR
(cartina p82; % 02-671-2559; www.facebook.com (cartina p82; % 02-581-1927; www.talbiye.com; 5
/Beer.Bazaar.Jerusalem; 3 Haetz Ha’em St; h 11-fi- Chopin St, Talbiyeh; h 9.30-16.30 e 17-24) In que-
no a tardi dom-gio, fino alle 17 ven, a partire dalle 20 sto bar dall’atmosfera alternativa, i vini israe-
sab; j Mahane Yehuda) Questo locale vivace e liani e stranieri scorrono sempre a fiumi. Al-

Gerusalemme D ivertimenti
molto accogliente è ospitato all’interno del cuni raffinati oggetti d’antiquariato e la co-
Mercato Mahane Yehuda (p93) e propone moda posizione nei pressi del Jerusalem The-
oltre 100 birre artigianali (comprese diverse atre attirano una benestante clientela mon-
etichette di produzione israeliana). Affiliato dana composta da amanti del divertimen-
a una catena di microbirrifici di Tel Aviv, il to e intellettuali. Parte della famiglia del ri-
Beer Bazaar punta tutto sulla birra alla spi- storante da gourmet Machneyuda (p116),
na e sul divertimento, con un programma di il Talbiye propone anche un menu di piat-
eventi che vanno dallo ‘yoga con birra’ alle ti leggeri e portate più sostanziose di ispira-
esibizioni di musica dal vivo. zione europea.

Roasters CAFFÈ Coffee Mill CAFFÈ


(cartina p82; % 054-671-0296; Haetz Ha’em St; (% 02-566-1665; 23 Emek Refa’im St, Colonia Tede-
h 8-tramonto dom-gio, 9-14 ven; d Mahane Yehu- sca; h 7-23 dom-gio, fino alle 15 ven, 19-23 sab; g 4,
da) Dopo esservi accomodati su uno dei tra- 18, 21) Caratterizzato da un’atmosfera frizzan-
ballanti sgabelli (o su un ancora più insta- te e alternativa, il Coffee Mill attira una clien-
bile fusto di metallo) di questo amatissimo tela internazionale, desiderosa di bere un caf-
caffè immerso nel cuore frenetico del Mer- fè tra cassetti di legno pieni di varietà di caffè
cato Mahane Yehuda, ordinate uno schiumo- e copertine del New Yorker appese alle pareti.
so cappuccino o un cremoso caffè freddo con
un goccio di sciroppo di zucchero, che confe- 3 Divertimenti
risce un sapore ancora più intenso. Gli appassionati di teatro, i cinefili e gli
amanti della musica non avranno di che la-
Casino de Paris BAR
mentarsi a Gerusalemme. La città può infat-
(cartina p82; h 12-2 dom-gio, a partire dalle 21 ti contare su un nutrito calendario di eventi,
sab; j Mahane Yehuda) All’epoca del Mandato particolarmente ricco da giugno ad agosto.
britannico, questo edificio era un circolo di uf- Sebbene la maggior parte degli artisti stranie-
ficiali di Sua Maestà. Quando nel 1948 gli in- ri preferisca Tel Aviv, il panorama musicale
glesi se ne andarono, la struttura cadde in ro- del centro di Gerusalemme è eclettico e spu-
vina, fino a quando alcuni imprenditori locali meggiante. Per conoscere gli eventi in pro-
decisero di riportarla al suo originario splen- gramma durante il vostro soggiorno in città,
dore. Oggi è un bar con tavoli sia all’aperto sia vi consigliamo di consultare il sito web www.
all’interno, che serve tapas, pizze, un vasto as- itraveljerusalem.com o l’edizione del venerdì
sortimento di birre artigianali israe­liane e no- del Jerusalem Post; i biglietti possono esse-
stalgici cocktail che rievocano gli anni ’20, il re prenotati tramite la Bimot (cartina p92;
momento di massimo fulgore di questo loca- % 02-623-7000; https://tickets.bimot.co.il; 8 Sha-
le, quando il gin scorreva a fiumi. mai St, Gerusalemme Centro; h 9-19 dom-gio, fino
alle 13 ven; j Jaffa Center).
Etrog Man JUICE BAR
(cartina p82; www.etrogman.com; Ha’Egoz St; Cinematheque CINEMA
h 8-tramonto dom-gio, 9-14 ven; j Mahane Yehu- (cartina p82; % 02-565-4333; www.jer-cin.org.il;
da) Via di mezzo tra un locale specializzato 11 Hebron Rd, nei pressi della Città Vecchia; biglietti
in succhi di frutta e lo studio di un guarito- 39NIS) Con il suo cartellone di film interna-
re, l’Etrog Man ambisce a curare tutti i vostri zionali di alto livello e i suoi festival dedica-
malanni con un fresco bicchiere di latte di ca- ti a temi come il cinema gay e l’industria ci-
pra e frutto della passione o con il suo ‘etro- nematografica cinese, la Jerusalem Cinema-
gat’, tra le cui straordinarie proprietà figura theque costituisce un importante punto di ri-
anche quella di portare la pace nel giorno ferimento per i cinefili più esigenti. È anche
dello Shabbat. Dal momento che il prezzo di un punto di ritrovo della Gerusalemme lai-
queste bevande è di 5NIS, è difficile dire di no ca e di sinistra, nonché la sede dello stimato
al simpatico proprietario di questo chiosco. Jerusalem Film Festival (p103).
120
Yellow Submarine MUSICA LIVE
(% 02-679-4040; www.yellowsubmarine.org.il; 13 7 Città Vecchia
HaRechavim St, Talpiot) Pensate che la musi- Sandrouni Armenian
ca dance mediorientale o il pop balcanico Art Centre CERAMICA
potrebbero piacervi? Siete appassionati di (cartina p62; % 02-626-3744; www.sandrouni.com;
smooth jazz, canzoni ebraiche o cabaret in 4 HaAhkim St; h 9.30-19 lun-sab) Dopo avere su-
inglese? Questo spazio propone un nutrito perato la Porta Nuova ed essere entrati nella
Gerusalemme S h o pping

programma di concerti e di esibizioni live di Città Vecchia di Gerusalemme, è difficile non


artisti di talento; per avere informazioni sul cedere alla tentazione di dare un’occhiata al
calendario degli eventi, visitate il sito web. variopinto laboratorio di ceramica dei fratel-
li armeni George e Dorin Sandrouni. Fonda-
Zappa in the Lab MUSICA LIVE to nel 1983, questo laboratorio produce ce-
(% biglietteria 03-762-6666; www.zappa-club.co.il; ramiche armene tradizionali con decorazio-
28 Hebron Rd, Abu Tor; h biglietteria 9-21) Ospi- ni a forma di melagrana­, piatti ornamentali
tato all’interno di un magazzino ferroviario e piastrelle con motivi raffiguranti pesci, fio-
in disuso, questo spazio è pervaso da un’at- ri e simboli della pace.
mosfera industrial e ospita un attraente bar
retroilluminato dalle pareti con pietra a vi- Heifetz ARTICOLI DA REGALO E SOUVENIR
sta. Lo Zappa in the Lab ospita quasi tutte le (cartina p62; % 02-628-0061; www.bennyheifetz.
sere concerti jazz, folk, rock e pop; per cono- com; 24 Tiferet Israel Rd; h 10-17 dom-gio, fino alle
scere gli eventi in programma, visitate il sito 14 ven) Nel suo atelier, Benny Heifetz realizza
web (vi consigliamo di prenotare). oggetti della tradizione ebraica dal raffinato
design contemporaneo, tra cui puntatori in
Jerusalem Theatre ARTI DELLO SPETTACOLO argento per la lettura della Torah, elaborati
(Jerusalem Centre for the Performing Arts; cartina candelabri dalla forma geometrica e gioielli
p82; % 02-560-5755; www.jerusalem-theatre. dai temi ebraici (tra cui scintillanti Stelle di
co.il; 20 David Marcus St, Talbiyeh; h biglietteria David e il simbolo chai).
9.30-19.30 dom-gio, fino alle 13 ven) Questo com-
plesso comprende una sala da concerti, un Bint Al Balad
cinema, alcuni teatri e un caffè e consente di Workshop & Café ARTIGIANATO
assistere alle esibizioni dell’Orchestra Sinfo- (cartina p62; % 02-627-7333, 02-628-1377; www.
nica di Gerusalemme, oltre a commedie, con- araborthodoxsociety.com; HaAhkim St; h 9-15 lun-
certi, rappresentazioni teatrali per bambini sab; j City Hall) S Gestito dalla Arab Ortho-
e spettacoli di danza. dox Society, questo negozio vende tessuti,
Lo Sherover Theatre, il teatro più grande borse, portafogli e cuscini ricamati realizza-
del complesso, mette in scena alcuni spetta- ti da donne originarie della Cisgiordania im-
coli con la traduzione simultanea in inglese pegnate nella tutela delle tradizioni artigia-
tramite sopratitoli. nali palestinesi. Troverete anche dolci tipici
palestinesi e un eccellente caffè.
7 Shopping
Gerusalemme è il posto migliore del paese in Alan Baidun ANTIQUARIATO

cui acquistare oggetti della tradizione ebraica (cartina p62; % 02-626-1469; www.baidun.com;
(judaica): se siete interessati a questo genere 28 Via Dolorosa; h 10-19 sab-gio) Gli appassiona-
di articoli, vi consigliamo di dare un’occhia- ti di antiquariato delusi dagli articoli venduti
ta ai negozi situati nel Cardo (p77), nel- nella Città Vecchia tirano sempre un sospiro
la Città Vecchia e lungo Yo’el Salomon St, in di sollievo quando raggiungono il negozio di
centro. Evitate David St, nella Città Vecchia, Alan Baidun. Tutti gli oggetti in vendita, da-
perché in questa zona vengono venduti pro- gli amuleti egizi alle opere d’arte islamica di
dotti di qualità spesso mediocre. Il Quartie- pregevole fattura, sono dotati del certificato
re Musulmano e il Mercato Mahane Yehuda di esportazione e di documenti che ne atte-
(p93) sono i luoghi migliori per acquista- stano la provenienza.
re raffinate ceramiche armene e golosi sou-
venir gastronomici come caffè, spezie e con-
fezioni di dolci.
121
ter) Le creazioni in metallo dell’eclettico ar-
7 Gerusalemme Est tista Yaakov Greenvurcel si distinguono per
Educational Bookshop & Cafe LIBRI il loro elegante design minimalista. Tra gli
(cartina p82; % 02-628-3704; www.educationalbo oggetti della tradizione ebraica meritano di
okshop.com; 19 Salah Ad Din St; h 8-20; W ; essere citati i vassoi per la challah e la drei-
j Shivtei Israel) Giornalisti, operatori umani- del, mentre i gioielli, con perle tahitiane, pie-
tari, attivisti e amanti dell’arte frequentano tre semipreziose e design astratti, hanno un

Gerusalemme S h o pping
regolarmente questa libreria di Gerusalem- aspetto più contemporaneo.
me Est, che dispone di un vastissimo assor-
timento di libri e DVD incentrati sul conflit- Arman Darian Ceramic CERAMICA
to arabo-israeliano e di una buona scelta di (cartina p92; % 02-623-4802; www.facebook.com
riviste e di CD di musica palestinese. Al pri- /arman.darian.ceramic; 12 Shlomzion HaMalka St;
mo piano c’è un minuscolo caffè, dove potre- h orari variabili; j City Hall) Originario di Ye-
te ordinare una tazza di tè e un sandwich e revan, Arman Darian è con ogni probabilità
intavolare una accesa conversazione con uno il ceramista più famoso di Israele, come di-
dei clienti abituali, sempre molto informati mostra il fatto che molti edifici pubblici del-
sull’attualità del paese. la città sono decorati con le sue opere. Elabo-
rati vasi, piatti e piastrelle in ceramica riem-
Armenian Ceramics CERAMICA piono il suo laboratorio-negozio fondato nel
(cartina p82; % 02-628-2826; www.armeniancera 1986, dove si trovano anche opere più gran-
mics.com; 14 Derekh Shchem/Nablus Rd; h 8-17; di come i tavoli con il piano di piastrelle ar-
j Shivtei Israel) Il decano dei laboratori di ce- mene blu e bianche.
ramiche armene di Gerusalemme è gestito da
Neshan Balian, nipote di un ceramista origi- Danny Azoulay ARTICOLI DA REGALO E SOUVENIR
nario della Turchia. Fondato nel 1922, que- (cartina p92; % 02-623-3918; www.ketubahazou
sto laboratorio fu distrutto durante la Guer- layart.com; 5 Yo’el Salomon St; h 10-19 dom-gio, fi-
ra dei Sei Giorni, per poi essere ricostruito e no alle 14.30 ven; j Jaffa Center) Danny Azou-
produrre nuovamente le sue splendide pia- lay è un artista di origine marocchina, che
strelle dipinte a mano. trae ispirazione dai motivi ornamentali eu-
Si trova di fronte al consolato americano ropei e mediorientali e gode di una meritata
di Gerusalemme Est. Per individuarlo, cerca- fama per i suoi magnifici ketubah (contratti
te l’insegna ‘Palestinian Ceramics’; per entra- matrimoniali ebraici) in carta intagliata. Nel
re bisogna suonare il citofono o telefonare. suo negozio troverete in vendita anche deli-
ziosi barattoli per il miele in ceramica, foto-
Sunbula ARTIGIANATO grafie incorniciate e altri oggetti della tradi-
(% 02-672-1707; www.sunbula.org; all’angolo tra zione ebraica (judaica).
Derekh Shchem/Nablus Rd e Sheikh Jarah; h 12-
18 lun-gio e sab; j Shimon Ha-Tsadik) S Questa Kippa Man MODA E ACCESSORI
organizzazione noprofit sostiene gli artigia- (cartina p92; % 02-622-1255; 5 Ben Yehuda St;
ni palestinesi tramite la promozione e la ven- h orari variabili dom-gio; j Jaffa Center) In que-
dita di oggetti dell’artigianato tradizionale, sto negozio situato lungo la pedonale Ben
come ricami, cesti, tessuti, sculture e saponi Yehuda St troverete un vastissimo assorti-
all’olio d’oliva. I suoi proprietari gestisco- mento di kippot (a partire da 15NIS), con ri-
no due negozi a Gerusalemme, uno situato lievi raffiguranti motivi sia classici (come la
all’interno della St Andrew’s Guesthouse Stella di David) sia moderni (come Smiley o
(p109) e l’altro a Gerusalemme Est. Tut- il logo dei Chicago Bulls).
ti gli articoli in vendita sono di produzio-
ne artigianale. Steimatzky LIBRI
(cartina p92; www.steimatzky.co.il; 33 Jaffa Rd;
h 8.30-20 lun-gio, fino alle 15 ven; j Jaffa Center)
Questa catena di librerie dispone di diversi
7 Gerusalemme Centro punti vendita in città, tra cui questo situato
Greenvurcel ARTICOLI DA REGALO E SOUVENIR in Jaffa Rd e un altro nella Colonia Tedesca
(cartina p92; % 02-622-1620; www.greenvurcel. (43 Emek Refa’im St; h 8.30-22 dom-gio, fino al-
co.il; 27 Yo’el Salomon St; h 10-22 dom-gio, fino al- le 15 ven, 9-22.30 sab). Al loro interno trovere-
le 14 ven, 1 h dopo lo Shabbat-23 sab; j Jaffa Cen- te una buona scelta di libri in lingua inglese.
122
Lametayel SPORT E ATTIVITÀ ALL’APERTO genza. Può essere raggiunta a piedi dalla stazione
(cartina p92; % 077-333-4504; www.lametayel. centrale degli autobus in appena 5 min.
co.il; 5 Yo’el Salomon St; h 10-20 dom-gio, fino alle
14 ven; j Jaffa Center) Il Lametayel vende car- CAMBIO
tine, guide di viaggio (compresi i titoli Lonely I posti migliori per cambiare denaro sono i cam-
Planet) e attrezzatura di buona qualità per il biavalute privati che non applicano commissio-
campeggio e le attività all’aperto. ni situati un po’ ovunque in centro (nei dintorni di
Zion Sq), a Gerusalemme Est (Salah Ad Din St) e
Gerusalemme I nfo rmazi o ni

nella Città Vecchia (Porta di Giaffa). Tenete pre-


7 Mahane Yehuda sente che molti chiudono presto il venerdì e ri-
mangono chiusi tutto il giorno il sabato.
oHalva Kingdom ALIMENTARI
In tutta la città, soprattutto in Zion Sq, si trovano
(cartina p82; 12 Haetz Ha’em St; h 8-tramonto parecchie banche dotate di sportelli bancomat.
dom-gio, fino alle 14 ven; j Mahane Yehuda) Que-
sto irresistibile negozio macina semi di se-
INFORMAZIONI TURISTICHE
samo dal 1947. È praticamente impossibile
Chiamando la Tourist Line al numero *3888 (non
non notarlo grazie alla corona dell’insegna,
dimenticate l’asterisco) potrete avere risposte im-
alle gigantesche forme di halva esposte e al mediate sui servizi turistici, nonché assistenza
commesso che richiama i clienti con assaggi. dalla polizia israeliana, dai servizi del Ministero de-
Se lo proverete, ne rimarrete conquistati per gli Interni e dalle autorità aeroportuali. Questa li-
sempre. Potrete scegliere tra una vasta scelta nea è attiva 24 h sette giorni su sette.
di gusti come la rosa, il pistacchio e il ciocco- Christian Information Centre (% 02-627-2692;
lato. State molto attenti al carico glicemico. www.cicts.org; Omar Ibn Al Khattab Sq, Città
Vecchia; h 9-17.30 lun-ven, 8.30-12.30 sab) Si-
88 Informazioni tuato di fronte all’ingresso della Cittadella, questo
ASSISTENZA SANITARIA ufficio è gestito dai francescani e fornisce un gran
numero di informazioni utili sui siti cristiani della
Hadassah Medical Centre Ein Kerem città.
(% pronto soccorso 02-677-7222, informazioni Jaffa Gate Tourist Office (% 02-627-1422; www.
02-677-6333; www.hadassah.org.il; Kiryat Ha- itraveljerusalem.com; Porta di Giaffa; h 8.30-17
dassah) La sede di Ein Kerem di questo rinomato sab-gio, fino alle 13.30 ven) Il principale ufficio
ospedale dispone di un reparto di pronto soccorso turistico di Gerusalemme distribuisce cartine
attivo 24 h e di personale in grado di esprimersi gratuite, organizza guide e fornisce informazioni e
in inglese e in russo. Per raggiungerlo dalla consigli. È il secondo ufficio che si incontra dopo
stazione centrale degli autobus si può prendere la la Porta di Giaffa.
JLR diretta a ovest e scendere all’ultima fermata
(Mt Herzl), da dove bisogna proseguire con
SITI WEB
l’autobus n. 27.
Hadassah Medical Centre Mount Scopus Go Jerusalem (www.gojerusalem.com) Questo
(% pronto soccorso 02-584-4333, informazioni utile sito turistico fornisce un gran numero di in-
02-584-4222; www.hadassah.org.il; g 19) Il cam- formazioni utili su eventi, festival, tour e attrattive.
pus di questo ospedale noprofit del Monte Scopus i Travel Jerusalem (www.itraveljerusalem.com)
ha un pronto soccorso e un reparto pediatrico Utilissimo sito con itinerari gestito dalla municipa-
d’emergenza entrambi attivi 24 h. lità di Gerusalemme.
Orthodox Society Medical Centre (% 02-627- Jerusalem.com (www.jerusalem.com) Questo
1958; Greek Orthodox Patriarchate Rd; h 9-14 sito delinea una interessante panoramica della
lun-ven, fino alle 13 sab) Situata nel Quartiere città, con tutte le sue attrattive e i suoi eventi;
Cristiano della Città Vecchia, la Orthodox Society comprende anche tour virtuali delle principali
gestisce una clinica sanitaria e dentistica low cost attrattive di interesse turistico.
aperta anche ai viaggiatori stranieri.
Super-Pharm (cartina p92; % 077-888-1450; 88 Per/da Gerusalemme
9 Mamilla Mall, Gerusalemme Centro; h 9.30-22,
chiuso Shabbat) Questa farmacia si trova tra la AUTOBUS
Porta di Giaffa e il centro cittadino. I mezzi diretti alle città grandi e piccole di
Terem (% 1-599-520-520; www.terem.com; §Israele partono dalla stazione centrale degli
80 Yirmiyahu St, Romema; h 24 h; j Central autobus (www.bus.co.il; Jaffa Rd). Per raggiunge-
Station) Questa efficiente clinica con personale re Eilat bisogna prenotare il biglietto con largo
in grado di esprimersi in diverse lingue si occupa anticipo, perché questi autobus sono spesso
di ogni tipo di patologia e anche di cure di emer- al completo.
123
DESTI- AUTO- COSTO DURATA FREQUEN-
NAZIONE BUS N. (NIS) (H) ZA LA TESSERA RAV-KAV
Be’er 446, 27 1¾ 2 ogni ora Per spostarvi più facilmente in città, vi
Sheva 470 consigliamo di acquistare una Rav-Kav
Eilat 444 70 5 4 al giorno Card ricaricabile. Questa tessera è valida
sulla metropolitana leggera e su tutti gli
Haifa 940, 37,50 2½-3 ogni 15
autobus dell’area urbana di Gerusalem-

Gerusalemme T rasp o rti urbani


947 min me (fatta eccezione per Gerusalemme
Masada 444, 37,50 2½ quasi ogni Est). Si può acquistare una tessera ‘anoni-
486 ora ma’ (5NIS) da qualsiasi conducente di au-
Tel Aviv 480 16 1 ogni 15 tobus oppure è possibile ottenerne una
(stazione min gratuitamente presentando il passaporto
di Arlo- presso lo sportello Egged (7-19 dom-gio,
zorov) fino alle 14 ven), vicino alla banchina 22
della stazione centrale degli autobus.
Tel Aviv 405 16 1 ogni 15
Caricate la tessera con un certo
(auto- min numero di corse (1 corsa 5,90NIS, non
stazione si paga se si cambia linea) o con un
centrale) abbonamento (giornaliero/settimanale
Tiberiale 961, 37,50 2½ quasi ogni a partire da 13,50/64NIS) e strisciatela
962 ora sull’apposito lettore ogni volta che salite
a bordo della metropolitana leggera o di
Chi è diretto in località della Cisgiordania setten- un autobus. Questa tessera può essere
trionale come Ramallah (autobus n. 18, 7NIS) ricaricata presso le biglietterie automa-
deve raggiungere la stazione degli autobus tiche situate alle fermate dei tram, su
arabi (stazione centrale degli autobus di Geru- qualsiasi autobus o allo sportello Egged
salemme Est; cartina p82) situata in Derekh della stazione centrale degli autobus. Per
Shchem (Nablus) Rd, la strada che si trova di ogni adulto pagante, può viaggiare gra-
fronte alla Porta di Damasco. Gli autobus che par- tuitamente un bambino di età inferiore ai
tono da questa stazione sono verdi e bianchi. cinque anni.
Per raggiungere Betlemme bisogna prendere
l’autobus n. 21 (8NIS) in partenza dalla stazione
degli autobus arabi (Sultan Suleiman St, Geru- TRENO
salemme Est), situata a ovest della Porta di Dama- La stazione ferroviaria di Gerusalemme (Jeru-
sco, nei pressi della fermata dei tram. I mezzi che salem Malcha; % 02-577-4000; www.rail.co.il;
partono da questa stazione sono bianchi e azzur- Yitzhak Moda’i St, Malcha; h biglietteria 6-10 e
ri. Per andare a Hebron si deve prendere l’autobus 15.15-19.45 dom-gio, 8.45-14 ven) si trova nella zo-
n. 21, scendere a Bab Al Zqaq e proseguire con un na sud-occidentale della città, nei pressi del Je-
autobus diretto a Hebron (5NIS). rusalem Mall. Da questa stazione partono ogni
Per avere informazioni aggiornate, vi consigliamo ora treni per le stazioni ferroviarie di Tel Aviv Sa-
di rivolgervi alla East Jerusalem Transport Associa- vidor HaHagana e HaShalom (20NIS, 1 h 30 min).
tion (%02-627-2881). In linea di massima, gli auto- All’epoca delle ricerche compiute per questa gui-
bus bianchi e azzurri raggiungono le località della da, i treni partivano ogni ora dalle 6.17 alle 21.17 da
Cisgiordania meridionale, mentre quelli bianchi e ver- dom a giov; il ven l’ultimo treno partiva alle 14.46
di servono quelle della Cisgiordania settentrionale. e il sab prestava servizio un solo treno alle 21.45.
Per raggiungere Haifa e la costa bisogna cambia-
re treno a Tel Aviv.
SHERUT La stazione ferroviaria può essere raggiunta con
Gli sherut (taxi collettivi) effettuano partenze più l’autobus n. 18 in partenza da King George St o
frequenti rispetto agli autobus e spesso costano con l’autobus n. 6 proveniente dalla stazione cen-
solo pochi shekel in più; durante lo Shabbat sono trale degli autobus (45 min). Per avere ulteriori in-
gli unici mezzi pubblici in servizio in tutto il paese. formazioni in merito, vi consigliamo di telefonare
Gli sherut per Tel Aviv (cartina p92; a partire al numero *5770 (non dimenticate l’asterisco).
da 24NIS per persona nei giorni feriali, 30NIS du-
rante il weekend e dopo le 24) partono dall’angolo 88 Trasporti urbani
tra HaRav Kook St e Jaffa Rd, nei pressi di Zion Sq;
a Tel Aviv, fermano pochi passi al di fuori della sta- La Città Vecchia può essere visitata facilmente a
zione centrale degli autobus. piedi, mentre gli altri quartieri di Gerusalemme so-
no collegati da una rete capillare e affidabile di au-
tobus e di metropolitana leggera. Le zone non ser-
vite dai mezzi pubblici possono essere raggiunte
124
in taxi. Se la vostra permanenza a Gerusalemme si AUTOMOBILE
limita all’area metropolitana, non conviene noleg- Prima di noleggiare un’automobile, vi consiglia-
giare un’automobile, una soluzione che può inve- mo di valutare bene l’uso che dovete farne e di te-
ce risultare utile per fare un’escursione in giornata nere presente che a Gerusalemme il traffico in-
nella zona dei Monti di Giudea. tenso è la norma, i conducenti sono sempre im-
pazienti e nervosi e trovare un parcheggio può ri-
PER/DALL’AEROPORTO velarsi un vero incubo. Gli unici parcheggi a pa-
gamento utilizzabili dai non residenti sono quel-
Gerusalemme T rasp o rti urbani

L’Aeroporto Ben Gurion si trova 52 km a nord-ovest li contraddistinti dal cordolo bianco e azzurro. Su-
di Gerusalemme, a breve distanza dalla Rte 1 diret- bito dopo avere posteggiato la vostra vettura, do-
ta a Tel Aviv. La compagnia Nesher Service Taxis vrete acquistare un permesso di parcheggio da un
(%02-625-7227, 072-264-6059; www.neshertours. vicino parchimetro (5,70NIS l’ora) ed esporre il bi-
co.il) gestisce un servizio di sherut attivo 24 h tra glietto sul cruscotto. Di solito, di sera e durante lo
l’aeroporto Ben Gurion e Gerusalemme (64NIS per Shabbat il parcheggio lungo le strade è gratuito. In
persona); questi mezzi partono dal parcheggio si- alternativa, registratevi al sistema Pango (http://
tuato di fronte alla sala degli arrivi. Dal momen- en.pango.co.il), che permette di individuare i pun-
to che gli sherut partono quando sono al comple- ti in cui ci sono posti liberi e di pagare la sosta at-
to, preparatevi ad aspettare. Comunicate al condu- traverso una app sul vostro smartphone (in alcu-
cente la zona di Gerusalemme verso cui siete diret- ni posti è possibile pagare solo tramite questo si-
ti, in modo che possa valutare meglio chi fare scen- stema). Tenete presente che le multe per divieto di
dere prima tra i passeggeri (a seconda del numero sosta vengono effettuate con una certa disinvoltu-
dei passeggeri, questa operazione potrebbe richie- ra e che è prevista l’immediata rimozione forzata
dere un po’ di tempo). Per raggiungere l’aeroporto per le macchine parcheggiate nei luoghi dove vi-
Ben Gurion da Gerusalemme, chiamate la Nesher ge questo divieto.
il giorno precedente la partenza per organizzare il Se cercate un parcheggio comodo e sicuro nei
trasporto. Questo servizio non è dei più cordiali, ma pressi della Porta di Giaffa, vi consigliamo di diri-
è affidabile e molto conveniente. gervi verso il Mamilla Parking (17 Kariv St, Geru-
L’autobus n. 485 fa la spola ogni ora tra l’aero- salemme Centro; prima ora gratuita, ogni ora se-
porto Ben Gurion e la stazione centrale degli auto- guente 12NIS, giornata intera 50NIS; h 6-2).
bus (p122); il biglietto costa 16NIS. Dal momen-
to che non è possibile prenotare in anticipo questi BICICLETTA
mezzi, dovrete aspettare l’autobus per l’aeropor-
to all’esterno della stazione centrale degli auto- Le ripide strade in salita e il traffico intenso (so-
bus, presso la fermata n. 485. Una corsa su un taxi prattutto in centro) rendono alquanto difficili gli
privato dall’aeroporto alla città costa 268NIS nei spostamenti in bicicletta, a meno che non si sia ci-
giorni feriali e 320NIS nei weekend. clisti esperti. Presso l’ufficio di informazioni turi-
stiche della Porta di Giaffa è disponibile un elen-
co di affidabili centri che noleggiano biciclette e di
AUTOBUS agenzie che organizzano tour in bicicletta. La Bike
Gerusalemme è servita da una efficiente re- Jerusalem (% 02-579-6353; www.bikejerusalem.
te di autobus urbani (biglietto di corsa singola com; noleggio biciclette 90NIS al giorno) noleggia
5,90NIS), che copre tutti i quartieri di Gerusalem- biciclette (con casco e kit di riparazione) e offre il
me Ovest e alcune zone di Gerusalemme Est. servizio di trasporto per/dal vostro domicilio a Ge-
Per avere ulteriori informazioni sugli itinerari, rusalemme, mentre la Smart Tour (p104) no-
sugli orari e cartine dei percorsi dei mezzi pubbli- leggia biciclette elettriche, perfette per affrontare
ci, consultate il sito web www.jet.gov.il. le alture della città. L’albergo Arcadia Ba’Mosha-
Tenete presente che gli autobus che servono va (p111), situato nella Colonia Tedesca, mette a
Gerusalemme Est sono gestiti da privati e che su disposizione dei suoi ospiti alcune biciclette.
questi mezzi non possono essere utilizzate le tes-
sere Rav-Kav, valide su quasi tutti gli autobus che METROPOLITANA LEGGERA
servono l’area urbana di Gerusalemme. All’epo- La Jerusalem Light Rail (www.citypass.co.il) è for-
ca delle ricerche compiute per questa guida, era mata da una linea tramviaria che collega il Mon-
in programma l’introduzione di una tessera simi- te Herzl, nella zona occidentale della città, a Heyl
le alla Rav-Kav per i mezzi pubblici di Gerusalem- HaAvir in Pisgat Ze’ev, nell’estremità nord-orienta-
me Est. le di Gerusalemme. Lungo questo tragitto di 13,9
Per raggiungere alcune zone di Gerusalem- km si trovano 23 fermate, tra cui la stazione cen-
me Est, come il Monte degli Ulivi (autobus n. 75, trale degli autobus, il Mercato Mahane Yehuda e
5NIS), bisogna fare riferimento alla stazione de- la Porta di Damasco. La JLR presta servizio tut-
gli autobus arabi (cartina p82; Sultan Sulei- ti i giorni tranne lo Shabbat dalle 5.30 alle 24, con
man St, Gerusalemme Est), situata nei pressi della partenze ogni 10 min; il ven il servizio termina 90
Porta di Erode. Gli autobus che partono da questa min prima dell’inizio dello Shabbat, mentre il sab
stazione sono bianchi e azzurri. il servizio riprende 1 h dopo la fine dello Shabbat. I
125
biglietti (5,90NIS) possono essere acquistati pres- pali, una chiesa costruita dai crociati e una
so le biglietterie automatiche situate alle ferma- magnifica basilica. Nelle vicinanze sorgeva
te dei tram, ma devono essere convalidati a bor- un insediamento di epoca precedente. Nel-
do. Su questi mezzi si può utilizzare anche la tes- la Bibbia Abu Ghosh è citata con il nome di
sera Rav-Kav. Kiryat Ya’arim (Città delle Foreste) e si rac-
conta che ospitò per 20 anni l’Arca dell’Alle-
TAXI
anza, prima che David la trasferisse a Gerusa-
Una corsa in taxi verso qualunque punto del cen-

Gerusalemme A bu G h o sh
lemme (Primo Libro delle Cronache 13, 5-8).
tro di Gerusalemme vi costerà da 25NIS a 50NIS.
Ricordatevi di chiedere al conducente di avviare il
tassametro; dalle 5.30 alle 21 (Shabbat escluso) 1 Che cosa vedere
si parte da una tariffa base di 12,30NIS. Per preno- Nostra Signora dell’Arca
tare un taxi chiamate la Hapalmach Taxi (% 02- dell’Alleanza CHIESA
679-3333); per avere informazioni sulla posizione (Notre-Dame de l’Arche d’Alliance; all’angolo tra Kvish
dei parcheggi di taxi della città e sulle tariffe appli- Ha-Shalom e Notre Dame St; h 8.30-11.30 e 14.30-
cate, consultate il sito web della JerusalemTaxis 17 lun-sab; p ) Sormontata da una statua della
(http://jerusalemtaxies.com). Madonna con il Bambino Gesù e abbarbica-
Tenete presente che i taxisti che stazionano nei ta sulla sommità di una collina, questa chie-
pressi della Porta di Giaffa godono di una catti- sa fu costruita dove sorgeva Kiryat Ya’arim,
va fama, perché si rifiutano spesso di usare il tas- che molti cristiani ritengono essere il luogo
sametro, per poi chiedere tariffe esagerate; per-
in cui l’Arca dell’Alleanza venne custodita du-
tanto, se dovete prendere un taxi in questo pun-
to, chiedete al vicino ufficio di informazioni turi- rante i regni di Saul e David. Nel pavimen-
stiche che ne chiami uno per voi. Anche i taxisti in to della chiesa è possibile ammirare un mo-
attesa di passeggeri presso la Tomba della Vergi- saico del V secolo, eredità dall’originale ba-
ne Maria, sul Monte degli Ulivi, tendono a non usa- silica bizantina che fu distrutta e ricostrui-
re il tassametro. ta diverse volte. La splendida struttura che
si può ammirare oggi è stata costruita nel
1924 in stile art déco.
DINTORNI DI
Abbazia benedettina
GERUSALEMME
ABBAZIA
(Rashid St; h 8.30-11.30 e 14.30-17.30 lun-sab) L’at-
I pellegrini attraversano da millenni le altu- trattiva principale di questa abbazia benedet-
re dei Monti di Giudea durante il loro viag- tina è l’imponente Chiesa della Resurrezione,
gio verso la Città Santa e nel corso del tem- costruita verso la metà del XII secolo. Questa
po hanno costruito monasteri, chiese e san- chiesa crociata è una delle meglio conservate
tuari. Grotte e tombe si celano in questo pa- del paese e all’inizio del XX secolo fu acqui-
esaggio fatto di pianure punteggiate di roc- stata dal governo francese. Oggi il comples-
ce, colline e valli, dove bellezze naturali e te- so è abitato da una piccola comunità bene-
sori archeologici si intrecciano in un affasci- dettina francese, che vende ai visitatori olio
nante connubio che non manca mai di incan- di oliva e icone sacre.
tare i visitatori. Tutte le attrattive principali
di questa zona possono essere raggiunte da 4 Pernottamento<