Sei sulla pagina 1di 5

DELIBERAZIONE N. 26/7 DEL 8.7.

2014

—————

Oggetto: P.O.R FESR Sardegna 2007 - 2013: Asse IV Ambiente, attrattività naturale culturale
e turismo – Obiettivo operativo 4.2.3. – Linea di attività 4.2.3.a. : “Interventi volti a
dare piena attuazione al sistema regionale dei musei” – Aumento della dotazione
sulle risorse del POR FESR 2007/2013 attribuite alla linea di attività 4.2.3.a.

L’Assessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, d’intesa
con l’Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio, ricorda che le
linee di indirizzo sono state caratterizzate dall’adozione del criterio del ciclo unico di
programmazione in materia di beni culturali, che ha consentito l’avvio di un sistema di azioni volte
alla tutela, valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale quale strategia fondamentale di
sviluppo efficace, competitività e coesione del territorio, anche in funzione dell’aumento dei flussi
turistici e dello sviluppo di una adeguata economia di settore.

Inoltre, nel pieno rispetto del principio di pari opportunità per tutti e di non discriminazione, di cui
all’art 16 del Regolamento (CE) n. 1083/2006, ci si propone di potenziare e adeguare i servizi per
la valorizzazione del patrimonio culturale e turistico alle esigenze di utenti con bisogni speciali.
L’accessibilità e la fruibilità delle strutture e dei servizi rappresentano, infatti, condizioni
imprescindibili affinché i soggetti portatori di bisogni speciali sfruttino l’offerta culturale e turistica
dei territori e le opportunità che ne derivano. Lo sviluppo di un sistema di servizi accessibili anche
per le categorie più deboli, di fatto, si inserisce all’interno di un modello turistico di qualità
improntato all’allungamento della stagione turistica, alla valorizzazione delle aree di maggior pregio
e dei relativi attrattori culturali e ambientali.

L’Assessore prosegue evidenziando che, successivamente all’approvazione della Delib.G.R. n.


42/39 del 16 ottobre 2013, con cui si è proceduto a riprogrammare gli interventi previsti sul P.O.R
FESR Sardegna 2007-2013 Asse IV “Ambiente, attrattività naturale culturale e turismo” – Obiettivo
operativo 4.2.3 – Linea di attività 4.2.3.a, si sono verificati nuovi fattori ed eventi che hanno
determinato la necessità di chiedere un aumento della dotazione delle risorse assegnate alla
medesima linea di attività 4.2.3.a.

In particolare:

a) Istituzione di un centro di ricerca e conservazione dei Beni culturali avente anche funzione di
Scuola di Alta Formazione, in località Li Punti a Sassari.

1/5
DELIBERAZIONE N. 26/7

DEL 8.7.2014

L’intervento, inserito nell’APQ in materia di beni e attività culturali siglato in data 30


settembre 2005, prevede la realizzazione a Sassari, nel quartiere di Li Punti, di un Centro di
ricerca e conservazione dei beni culturali avente anche funzioni di Scuola di alta formazione
e studio per l'insegnamento del restauro, ai sensi dei commi 9 e 11 dell'articolo 29 del
decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni e della successiva
disciplina ministeriale di settore. Per tale intervento, la Delib.G.R. n. 42/39 del 16 ottobre
2013 ha previsto l’importo di euro 2.800.000.

Nei locali, già realizzati, della Scuola di Alta Formazione per il Restauro, sono presenti aule e
laboratori per 10 postazioni di lavoro, per il cui funzionamento si rendono necessari lavori di
completamento degli impianti e sistemazione dei locali e acquisto di attrezzature, per un
importo complessivo di euro 450.000.

Lo stanziamento di tali ulteriori somme consentirebbe, a seguito della definizione del sistema
di gestione, di attivare la Scuola di Alta Formazione almeno con un master, peraltro tra gli
obiettivi già individuati per questo intervento.

Tali somme saranno certificate interamente nel 2015, come da cronoprogramma presentato
dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT).

b) Recupero dei locali Ex Tipografia Chiarella nel Comune di Sassari.

L’edificio, di proprietà del Comune di Sassari, a completamento dei restauri, sarà adibito a
Biblioteca, realizzando un collegamento fisico con l'attuale confinante Biblioteca Comunale
che ha sede a Palazzo d'Usini, con ingresso dalla Piazza Tola.

Tale intervento è inserito nell’elenco dei progetti cosiddetti “ammissibili” alla rendicontazione
sul POR FESR Sardegna 2007-2013, di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 53/24
del 20 dicembre 2013.

Il finanziamento finora previsto è pari ad euro 3.755.755,08 (di cui euro 2.000.000 stanziate
dalla Regione ed euro 1.755.755,08 dal Comune di Sassari).

Durante i lavori di restauro dell’immobile sono emerse problematiche di natura


prevalentemente strutturale dovute alla presenza nel sottosuolo di importanti testimonianze
archeologiche (cisterne e prigioni), che - oltre ad aver notevolmente rallentato le attività di
cantiere - hanno reso necessaria la predisposizione di una variante al progetto.

Il progetto revisionato prevede la realizzazione di opere di sostegno e consolidamento a


garanzia della stabilità della struttura, per un importo complessivo valutato in euro 570.000
dei quali euro 70.000 saranno finanziati dal Comune di Sassari.

2/5
DELIBERAZIONE N. 26/7

DEL 8.7.2014

Il mancato completamento dei lavori potrebbe comportare la non rendicontabilità e la


cancellazione dell’intera somma di euro 3.755.755,08, già certificata in ambito POR a
dicembre 2013, in quanto possono essere certificati i soli progetti completati e resi fruibili
entro i termini della programmazione POR 2007/2013.

Risulta pertanto necessario uno stanziamento di euro 500.000 che saranno certificati per
euro 100.000 nel 2014 e per la rimanente parte nel 2015, come da cronoprogramma
presentato dal Comune di Sassari.

c) Villa Laura – interventi di restauro conservativo e di valorizzazione anche delle aree di


pertinenza, finalizzati ad un uso di carattere sociale e culturale, anche quale unità introduttiva
al Parco Archeologico di Tuvixeddu.

L’intervento è inserito all’interno di un progetto più ampio che, in un’ottica di sistema,


coinvolge l’importante patrimonio archeologico del Comune di Cagliari.

La spesa per l’acquisto dell’immobile, per un importo di euro 1.925.973,18 è stata certificata
sul POR FESR 2007/2013. Tuttavia, secondo le norme in materia, le sole spese di acquisto
non possono essere certificate, in quanto deve essere garantita anche la condizione della
fruibilità del bene.

È opportuno, pertanto, destinare a tale intervento la somma di euro 5.000.000, riportando,


così, lo stanziamento alla dotazione iniziale, per consentire l’avvio della progettazione e,
successivamente, la realizzazione dei lavori di restauro conservativo e di valorizzazione
anche delle aree di pertinenza ed evitare anche, in tal modo, il rischio della decertificazione
sulla domanda di pagamento già effettuata.

Peraltro, la complessità dell’intervento garantirà entro il 31 dicembre 2015 la certificazione


della sola progettazione, per circa euro 100.000, mentre la parte relativa ai lavori sarà
rendicontata nel POR FESR 2014–2020 e inserita nella chiusura del programma in qualità di
progetto “a cavallo”.

d) Cittadella dei Musei - Museo Archeologico Nazionale di Cagliari

Alla luce dei risultati ottenuti dall’apertura al pubblico della mostra “Mont’e Prama
1974/2014”, che ha richiamato un consistente flusso di visitatori con positivi riflessi anche
sull’immagine della città di Cagliari, è emersa l’esigenza di garantire una più adeguata
climatizzazione degli ambienti del Museo Archeologico Nazionale di Cagliari presso la
Cittadella dei Musei che ospita l’esposizione, in particolare nelle aree che ospitano le
importanti sculture ed una riqualificazione dei servizi a supporto degli utenti, anche con
particolare riguardo all’accessibilità.

3/5
DELIBERAZIONE N. 26/7

DEL 8.7.2014

Si ritiene necessario uno stanziamento di euro 300.000.

Il cronoprogramma del progetto presentato dal MiBACT prevede un tempo di progettazione


ed esecuzione dell’opera di 14 mesi, ivi inclusi il collaudo tecnico ed amministrativo e,
pertanto, l’intervento potrà essere eseguito, completato e reso fruibile entro i termini della
programmazione POR 2007/2013 e la spesa di euro 300.000 certificata interamente nel
2015.

L’Assessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport conclude
riepilogando l’intero quadro finanziario degli interventi da realizzare a valere sulla linea di attività
4.2.3.a del POR FESR 2007-2013:

Interventi strutturali di adeguamento dei luoghi ed istituti della cultura € 9.000.000


volti al raggiungimento degli standard previsti per l'accreditamento -
“Sistema museale”
Attività di catalogazione del patrimonio culturale della Sardegna € 3.400.000
anche tramite campagne tematiche
Realizzazione del Museo e laboratori dell’Identità nell’ex Mulino € 10.440.000
Guiso Gallisai in Nuoro – Intervento di recupero funzionale (una parte aggiuntiva, pari a euro
dell’edificio e di realizzazione degli allestimenti 280.000 circa sarà finanziata e
rendicontata sull’Asse I “Società
dell’Informazione” Linea di attività
1.2.3.a. Pertanto, la consistenza
complessiva dell'intervento risulterà
dalla somma degli importi previsti su
entrambi gli Assi)
Recupero funzionale di alcuni edifici del "Sistema omogeneo di € 1.664.810
identità visuale dei luoghi e degli istituti della cultura"
Completamento del Museo della Tonnara - Stintino € 800.000
Istituzione di un centro di ricerca e conservazione dei Beni culturali € 3.250.000
avente anche funzione di Scuola di Alta Formazione in località Li
Punti
Realizzazione del “Museo Regionale per l’artigianato e il design € 2.600.000
dedicato ad Eugenio Tavolara”
Lavori di qualificazione del sito archeologico “Chiesa di San € 1.180.000
Simplicio”
Villa Laura – interventi di restauro conservativo e di valorizzazione € 5.000.000
anche delle aree di pertinenza, finalizzati ad un uso di carattere
sociale e culturale, anche quale unità introduttiva al Parco
Archeologico di Tuvixeddu
Recupero dei locali Ex Tipografia Chiarella € 500.000
Interventi di completamento dell’impianto di climatizzazione nel € 300.000
Museo Archeologico Nazionale di Cagliari e riqualificazione dei
servizi a supporto dell’utenza nella Cittadella dei Musei
Totale interventi € 38.134.810

4/5
DELIBERAZIONE N. 26/7

DEL 8.7.2014

L’Assessore precisa, infine, che, mentre l’importo finale sulla linea di attività risulterà invariato,
l’importo dei singoli interventi potrà subire lievi modifiche in diminuzione, sulla base di eventuali
economie di gara ovvero lievi incrementi, per imprevisti, quali l’eventuale aumento dell’IVA,
interventi di completamento, varianti, etc..

La Giunta regionale, udita la proposta dell’Assessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali,
Informazione, Spettacolo e Sport, d’intesa con l’Assessore della Programmazione, Bilancio,
Credito e Assetto del Territorio, visto il parere di coerenza dell’Autorità di gestione del POR FESR
Sardegna 2007-2013, constatato che il Direttore generale dei Beni Culturali, Informazione,
Spettacolo e Sport ha espresso il parere favorevole di legittimità sulla proposta in esame

DELIBERA

− di dare mandato all’Autorità di Gestione del POR FESR 2007/2013, nelle more della
ridefinizione del Piano finanziario del POR FESR 2007/2013, di procedere ad aumentare la
dotazione assegnata alla linea di attività 4.2.3.a dell’importo di € 6.250.000, passando
dunque da una dotazione di € 31.884.810 ad una dotazione di € 38.134.810;

− di approvare il quadro finanziario degli interventi da realizzare, a valere sulla linea di attività
4.2.3.a del POR FESR 2007/2013, di cui alla tabella indicata in premessa;

− di dare mandato al responsabile della linea di attività 4.2.3.a, Direttore del Servizio Beni
Culturali, per procedere secondo quanto suindicato.

Il Direttore Generale Il Presidente


Alessandro De Martini Francesco Pigliaru

5/5