Sei sulla pagina 1di 4

STORIA 1 Alle origini della civiltà greca: il

mito

Nome:………………….. data:……………………

Micene fu la patria del mitico re Agamennone e i Micenei, sono i protagonisti


dei poemi epici di Omero (anch’egli leggendario), che canta le loro imprese
chiamandoli col nome di Achei.

L’Iliade e la guerra di Troia


Il più grande avvenimento della storia micenea fu la Guerra di Troia, la cui
conquista infiammò l’orgoglio dei Greci, che a essa dedicarono la loro prima
produzione di poetica orale: le leggende che formano l’Iliade. Esse furono poi
tramandate nei secoli, passando da un cantore all’altro fino a trovare la loro
sistemazione definitiva nell’VIII secolo a.C., in ventiquattro libri (o canti),
grazie a un poeta rimasto avvolto nel mistero, al quale gli antichi davano il
nome di Omero. Intorno al 1250 a.C. i re micenei erano abbastanza forti,
ricchi e potenti da affrontare anche una guerra in terre lontane. Troia era una
ricca città situata sullo Stretto dei Dardanelli, ovvero in una posizione
eccezionale per il commercio con l’Asia.

La leggenda dice che la guerra fu scatenata dal gesto scortese di Paride, figlio
del re troiano Priamo, il quale, dopo essere stato ospitato con tutti gli onori dal
re miceneo Menelao, gli rubò Elena, la bellissima moglie. Oggi gli storici
pensano che la bramosia di un ricco bottino si sia accompagnata al desiderio di
vendetta per uno sgarbo. Sta di fatto che tutti i re micenei, guidati da
Agamennone, fratello di Menelao, si lanciarono contro Troia e, dopo un lungo
assedio, la rasero al suolo.
L’Iliade narra gli eventi accaduti nell’ultimo anno di guerra. Ecco gli
avvenimenti più importanti:
Il greco …achille…………………….,
protagonista del poema, e il
troiano Ettore, i due guerrieri
più valorosi, si sfidano a
duello.
…ettore………………… vinse e
riuscì ad uccidere
achille…………………...
Affresco della fine del XIX secolo nel palazzo dell'Achilleion a Corfù.

Infine, su suggerimento di ……ulisse………………. i Greci


costruirono un enorme …cavallo………………… di …
legno………………. nel cui ventre nascosero alcuni …
soldati………………... Poi lo abbandonarono su una
…………………… e simularono la …sconfitta…………………
Caduti nell’inganno, i ……troiani…………………..
trasportarono il cavallo all’interno della ……
cittadella………………... Nottetempo i guerrieri greci si
calarono a terra, spalancarono le ……porte………………….
della città nemica e vi fecero entrare l’esercito. Troia venne data alle …
rovine………………………...

L'Odissea
L’Odissea, continuazione dell’Iliade, narra in ventiquattro libri le peregrinazioni
e le avventure di …ulisse……………………………… (in greco Odisseo) durante il
viaggio di ritorno verso ……Iliade……………., la sua patria.
Ulisse e i suoi compagni incontrano pericoli di ogni genere, come ad esempio:

le ……ninfe…………………, il cui canto


affascinava a tal punto i marinai
da far finire le loro navi sugli
scogli.

Mosaico romano, attualmente al Museo del Bardo a


Tunisi, proveniente da Douggha, metà del III secolo.

La maga …….………….., che trasformava gli


uomini in …animali………………………. e mutò i
suoi compagni in ……………………. .

Circe e i suoi amati. Dosso Dossi, 1525, National Gallery of


Art, Washington.

Il ………ciclope…….………………..
…………., gigante con un solo ……
occhio………………
che …………...…………………………..
…………………………………………….

Copia del I secolo d.C., di un originale greco


ellenistico.

Intanto a Itaca, la moglie …penelope…………………….. lo aspettava fedele,


nonostante le pressanti offerte di matrimonio dei proci, nobili locali, che
tentavano di prender il suo posto.
La donna acconsentì di sposare uno di loro solo
quando avesse terminato di …tessere la
tela…………………………………. alla quale stava
lavorando. Così ogni notte, in gran segreto, ……
disfaceva……………………… il tessuto prodotto
durante il giorno. Finalmente, quando tutti ormai
lo credevano morto Ulisse tornò travestito da mendicante, uccise i proci e felice
poté riabbracciare la moglie e il figlio ………………… e sedersi sul suo trono.