Sei sulla pagina 1di 19

Rassegna stampa_Press

SERBERTO

Igt Rosso Toscana


Merlot in purezza

www.villapetriolo.com – www.divinando.blogspot.com
MERLOT
Analisi sulla diffusione del vitigno in Italia

Uno studio su 100 vini


per capire il fenomeno
Abbiamo chiesto a 400 importanti aziende vinicole se propongono Merlot e in tal caso di fornirci
una marea di informazioni sulle loro etichette앫Ne è sorto un inedito ritratto nazionale di questo
prodotto che si trova dappertutto, con stili molto diversi e prezzi che oscillano da 3,50 a 80 euro
quasi impossibile radiografare il Merlot. Ce ne siamo questi anni hanno dato per morto il Merlot, accusato di esse-

È resi conto quest’estate tentando di mappare i vini italia-


ni ottenuti in prevalenza da questo vitigno. Sono mi-
gliaia di etichette presentate da imprenditori di ogni dove,
re “globalizzato”, “piacione” (leggi banale e poco intrigante)
ecc., in realtà si conferma – in linea con le statistiche mon-
diali – il vitigno più amato, anche in Italia e pure nell’era de-
dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, di ogni tipo, perché quest’uva gli autoctoni.
si presta a tutti gli stili, dai frizzanti (del Lazio, ad esempio) E non finisce qui: in 12 mesi abbiamo tenuto da parte al-
ai vini toscani che sbaragliano concorsi e critica. cune notizie curiose sul Merlot, e oltre a scoprire che la mi-
Comunque lo sforzo a qualcosa è servito e alla fine abbia- glior grappa del mondo, all’Ultimate Spirits Challenge di
mo focalizzato l’attenzione su un centinaio di etichette parti- New York, è risultata “il Merlot Nonino”, abbiamo anche ap-
colarmente rappresentative preso che stanno per debut-
proposte da aziende piccole, tare alcuni super Merlot pro-
medie o grandi ma tutte pre- posti da grandi nomi del pa-
stigiose. Praticamente una norama enologico italiano.
azienda su quattro, in Italia, Da qui l’idea di presentare
produce un Merlot. Di cia- quattro “giovani” Merlot
scun vino ora sappiamo qua- d’autore nell’ambito di
si tutto e ne è uscito un mo- MondoMerlot a Trento (vedi
saico interessante. box). Tutti grandi vini, di fa-
Però, ironia della sorte, il scia altissima.
dato più curioso è scaturito Insomma, il Merlot non è
da un’indagine “parallela” piacione, piace punto e ba-
che la nostra redazione stava sta. Certo, essendo un viti-
conducendo su un panel di gno versatile, può essere ba-
100 Cantine leader alle qua- nale o unico, come Petrus o
li abbiamo proposto un que- Masseto, per restare in Ita-
stionario per scandagliare lia.
diversi aspetti della loro atti- Tornando al nostro “moni-
vità, dagli investimenti in tor”, vi presentiamo una sin-
vigna, cantina o in altri set- tesi estrema delle cifre e dei
tori, sino alle novità lanciate commenti “macinati” da un
sul mercato (vedi pag. 17 su vorace foglio di Excel.
questo stesso numero della Innanzitutto, data di im-
rivista). missione sul mercato: il più
Alla domanda: “Con quali “anziano” del gruppo ha de-
uve avete prodotto i vostri buttato nel 1957 ed è Veneto,
nuovi vini?”, il vitigno più anche se una Cantina alto-
gettonato è risultato il Mer- atesina dichiara che lo si
lot. vendeva sfuso già dall’Otto-
È stata la dimostrazione cento. I più recenti, invece,
che, nonostante le sentenze hanno visto la luce nel 2008
dei connaisseurs, i quali in e si rileva una pausa (forse

Foto VCR
Undicesima
edizione
dal 22 al 24
ottobre

La targa conferita
ai vincitori
del Concorso
Miglior Merlot d’Italia

MONDOMERLOT
riserva molte sorprese
irata la boa delle 10 edizioni, MondoMerlot, la mani- 24 ottobre, infatti, tra la piccola Aldeno e la città di Trento
G festazione dedicata a uno dei più grandi vitigni del
mondo, riserva nuove sorprese agli appassionati e ai pro-
sono in programma tasting, presentazioni, seminari all’inse-
gna del Merlot nelle sue varianti, comprese quelle interna-
fessionisti che desiderano approfondire il tema. Dal 22 al zionali con la partecipazione della Svizzera quale nazione

Il Premio alla Carriera 2010 sarà conferito a Giannola Nonino,


ambasciatrice del made in Italy, la cui Grappa il Merlot è stata eletta
la migliore del mondo all’Ultimate Spirits Challenge di New York

- Settembre-Ottobre ’10 / 41
Sabato 23 ottobre,
al Castello del
Buonconsiglio di Trento,
avrà luogo l’evento
“New Merlot -
La rivincita
del piacere”: quattro
produttori vinicoli
presentano
la loro nuova avventura
con questo vitigno

Da destra in senso questo straordinario succes-


orario: Jacopo Biondi so.
Santi (Castello 3. l’evento speciale New
di Montepò), Paolo Merlot - La rivincita del
Marzotto (Baglio piacere, sabato 23 ottobre
di Pianetto), Roberto nella sala Grande del Castel-
Cristoforetti (Urlari) lo del Buonconsiglio, il gio-
e Silvia Maestrelli iello storico di Trento, alle
(Villa Petriolo) ore 11. Il Merlot si conferma
il vitigno più amato al mon-
do, capace di raggiungere
con i suoi vini apici di eccel-
lenza.
Il Merlot continua a stimo-
ospite. Al centro delle lare piccoli e grandi produttori vinicoli,
iniziative c’è natural- che hanno raccolto il guanto della sfida
mente la Mostra, nel per realizzare capolavori ambiti dai più
Teatro Comunale di Al- esigenti consumatori del mercato mon-
deno con circa 100 eti- diale. Il Comune di Aldeno è orgoglioso
chette in assaggio, cor- di annunciare che quattro grandi produt-
redate di dettagliate in- tori hanno scelto il palcoscenico di Mon-
formazioni per con- doMerlot per presentare la nascita delle
frontare al meglio le loro quattro nuove interpretazioni: due
differenze in una gam- in anteprima assoluta mondiale e due
ma che spazia dall’Alto che hanno debuttato recentemente.
Adige alla Sicilia. In È la conferma della stima e della con-
programma, però, al- siderazione che l’evento trentino è riu-
meno tre eventi da non perdere (anche se i posti sono limita- scito a conquistare nel sempre più raffinato universo del

1. la degustazione dei vini vincitori del Concorso Miglior


ti, per info www.mondomerlot.it): vino Merlot.
Ecco i protagonisti di questo tasting davvero speciale,
Merlot d’Italia, nel pomeriggio di venerdì 22 ottobre nel cin- condotto dal giornalista Cesare Pillon: Villa Petriolo -
quecentesco Palazzo Geremia di Trento, uno dei più belli Serberto, Merlot Igt Toscana 2008 di Silvia Maestrelli;
della città. Si assaggeranno i 13 vini trionfatori in diverse ca- Urlari, Merlot Igt Toscana 2008 (in uscita a ottobre
tegorie (più o meno invecchiati, Doc o Igt...) commentati da- 2010) di Roberto Cristoforetti; Castello di Montepò -
gli stessi produttori. Morione, Merlot Igt Toscana 2006 (in uscita a ottobre
2. a seguire, nello stesso luogo, momento di emozione per 2010) di Jacopo Biondi Santi; Baglio di Pianetto - Sali-
il conferimento del Premio alla Carriera 2010 a Giannola ci, Merlot Igt Sicilia 2006 di Paolo Marzotto.
Nonino, distillatrice, cavaliere del lavoro, un vulcano che Tornando ad Aldeno, tra gli appuntamenti collaterali,
con il proprio entusiasmo ha saputo avvicinare alla grappa da non perdere – sabato pomeriggio nella Cantina di Al-
milioni di estimatori. Le Distillerie Nonino, quest’anno, han- deno – la scuola di cucina dello chef stellato Claudio
no conquistato l’oro all’Ultimate Spirits Challenge di New Melis che, la sera, preparerà una cena “etica”, con pro-
York con “il Merlot Nonino” quale miglior grappa del mon- dotti a “km zero”.
do. È il momento giusto di salutare con un tributo pubblico 쮿

42 / Settembre-Ottobre ’10 -
dettata dalla crisi) nel 2009. Quest’anno, come scritto, stan-
no per essere presentati altri fuoriclasse. Il picco di popolari-
tà per il Merlot è stato tra il 1999 e il 2001: ne sono usciti
davvero tanti, proposti dalle principali griffes.
Se non si esprime da solo, il Merlot può essere anche un
grande compagno di vita e si sposa particolarmente bene,
com’è noto, con il Cabernet, ma molti enologi in Italia lo
preferiscono col Sangiovese, il Nero d’Avola e il Petit Ver-
dot.
Che si tratti di vini quasi “quotidiani” di fascia bassa (il
più economico del nostro panel costa 3,50 euro) oppure di
capolavori da 80 euro, i viticoltori riservano al Merlot, va-
rietà precoce che necessita di tanto sole, i vigneti migliori
con esposizione prevalentemente a sud, con varianti a sud-
est o sud-ovest. I suoli più amati sono composti di marne e
argilla.
La vinificazione del Merlot italiano, stando al nostro cam-
pione d’indagine, avviene in vasche d’acciaio, con rari casi,
per vini di fascia molto alta, di macerazioni in tini di legno.
La carta
L’affinamento, invece, avviene prevalentemente in barrique,
per un periodo che oscilla tra i 12 e i 24 mesi.
Parlando di quantità, vi sono produzioni mini, da 1.300
dei Merlot
bottiglie, e maxi, da 150 mila.
I mercati di riferimento sono per lo più domestici, o me- n grande vitigno si
glio regionali, con alcuni casi di aziende che esauriscono le
vendite nella propria area, come accade a una media realtà
U esprime con un ampio
ventaglio di possibilità:
dei Colli Berici (Vicenza). Altre, invece, come un produttore dal vino quotidiano da 3,50
di Montalcino (Siena), riservano alla propria zona solo il 5% euro, piacevole e immediato,
della produzione. fino al capolavoro da 80 euro.
L’export di Merlot è abbastanza forte e qualcuno fa volare
fuori Italia addirittura il 90% delle bottiglie; è il caso di una fogliando queste pagine
Casa vinicola veneziana e una del Chianti. Entrando nel det-
taglio dei Paesi si nota che le vendite sono concentrate in al-
S troverete una nutrita
e qualificata “carta
cune piazze (Germania e Stati Uniti) e, al massimo, la stessa dei Merlot” e potrete
etichetta di Merlot si trova in 13 Paesi, mentre alcune nostre confrontare 38 etichette
aziende esportano nel complesso anche in 40 Paesi. di prestigiosi produttori,
Tornando in Italia, è molto forte l’attitudine a utilizzare i molte delle quali saranno
canali di vendita della Grande distribuzione organizzata, con in assaggio anche
il picco di una Cantina toscana che riserva a questo canale il a MondoMerlot
95% del prodotto. Alcuni vini, però, particolarmente prezio- (Aldeno, 22-24 ottobre).
si e costosi viaggiano solo nella ristorazione.
Infine, abbiamo analizzato anche alcuni parametri tecnici, iascuna scheda è
l’acidità totale, il pH e l’estratto secco dei vini, che secondo
gli enologi possono fornirci una buona indicazione del livel-
C corredata di informazioni
anche tecniche, per reperire
lo qualitativo del vino. Ad esempio, un Merlot che voglia il tipo di prodotto più utile
ambire all’Olimpo dei capolavori, probabilmente presenterà alle proprie esigenze:
acidità totale superiore a 5 g/l, pH medio (più importante dai vini più semplici, con pH
dell’acidità totale) tra i 3,50 e 3,80 e l’estratto secco superio- ed estratti secchi contenuti,
re a 33 g/l, ma meno di 40. ai più impegnativi;
Ora il nostro panel di Merlot italiani risponde mediamente dai più giovani, senza
ai parametri dei “grandi”? Ecco gli estremi minimi e massi- invecchiamento in legno,
mi rilevati dalla statistica: le acidità vanno da 3 a 7,50, il pH ai più longevi con lunghi
medio da 3,20 a 3,92 e l’estratto da 22 a 38. affinamenti in barrique.
Onestamente, ma è logico, il “Merlot italiano medio” è un
vino di prezzo contenuto e con caratteri di immediatezza che
soddisfano molti palati e che si abbinano facilmente ai piatti
della cucina moderna. I fuoriclasse non sono molti e riesco-
no a spuntare prezzi importanti.
Nel futuro, però, sulla base dei dati raccolti per questo
“monitor”, si preannuncia un innalzamento qualitativo note-
vole, con l’abbandono di prodotti troppo semplici, i quali sa-
ranno probabilmente sostituiti dai vitigni autoctoni, che nel-
la fascia medio bassa si differenziano più facilmente. Ma
quando si vogliono toccare i vertici del piacere, beh, l’ogget-
to del desiderio è ancora firmato Merlot.
A.T.

- Settembre-Ottobre ’10 / 43
2008
TOSCANA
Indicazione Geografica Tipica

Merlot

IMBOTTIGLIATO ALL’ORIGINE DA
AZIENDA AGRICOLA

CERRETO GUIDI . ITALIA

Piccola partita selezionata di 1600 bottiglie e 50 magnums

ITALIA - CONTIENE SOLFITI - CONTAINS SULPHITES