Sei sulla pagina 1di 7

_"T UL Ll6A\O

C
VALE-R\O CfftlJLLO

F3· AOL _
."'..fu Orf\ _exn..~

iZ-&_\J \ \f\. i:
... kl~e. 0- \J~ ch~ ~\#a..~ ~
- ...._.,....
._ ~ ~ S \ ~S:.'c.. ~ ~ e . FbfTAf tJolfl
._ Qe , ~ oOO..a. 9-:o. -t~o_ d '~H., 8-\{UQ..

.,
- do.:lc..~tarne. S\M\o... : ~ \ Ql-c/\'\O lN\ t\'Si.a.. M-,~~(:_ -
:;;I '--~-

i
r ~ ~~ ~e>l
~ oou.o
~-~ ~~ . .~~~~..._.... _- - ------ ---!

d i5½CSMI do99r i»?R¥£i tscmww, S8%ff ~ s:.c... - - - - - - -----


- - -~ - -

-. S ~v~ ~ ~ ( f\;§§)? $)St)RA%5t:?fl\"~\-=m:ro\C'(r~~ ~ 7


::I ~rmeti:eAfOMc L"" h ~B-\1\_~e. - ~ - i iu5--\·,_ - -- --------1

:i -• Co._~~ , Go.:i._o t€.vi.o C~!'OCS'O., \ J ~ o- ~ , Vw~ AmC.L[',\O /:xs:.Qioiicil.\uo


:fl _ (_(lllA ~\U-\ ¼§(L ClRC-oLo ;)= _ __ __ _ _____
\s~'-~ oQSta__~-ft:£-\'-c_-f\ i\~S.Si\K::.~~.u~ " =~_..i O"'\-C'R uss·L OM:i\CM.i~~ i:_ ___
ii fu htro, ,-re' \ - 6-@ frp§ {IHft F.
- V U~

t, - tioW-mia ees1 : iJ s c &,or 9 _ - - - -~ ~ IOOA(Q


- h f I 8rh ii aW :at:
Et II r Pi? 125 bF f\ - ss. a-ti.se>-«l '"" f1Y'Qrn,elta _.J:,,,o.:lo.._ _ _ -- _

.-i!---------.----------~~------.
-t
. J:!<it?a~\J.~
--- ;ws\Q. &we:~(\'<'{). f&%\f>- -------- - - - - -

. -n--~
l
---'\1-.-\ --~~~--·C\____
f\. iv--.rs\("\ ' 1 1 '\ M.1>. ,C o e._ r--....-_\ 0 .--~c: ti. r, \
"'-.Jli::
__ __~_l:l_
,-=o;:. ,"...
' 'i!!!'Ua
~N
:_1It~t-e:
i:Pll \,1 0:. ~ " ~ \( . . ; , , , . . . I ! ~
~ - -: G,li"He,,:, -~....f2-o--vr-~-
6.P11"fi Ll\ll to::~;) A•u..,1 _ n -
E C:- IP!:.
-

,•• '-

• - · · £fi~, ~ ~io._,-~ i'e€l~ ~ t ~mo_


•• :-__t'c,\.iio 1 ~ , --\~
-- -6:wuc{_~ M H~~ i-ca..
- - - - - - - ---
- ----- - -
1111 1
p
~8j E·h p\ \rsets: n
,- . Q ) \ ~ s k ~ e
l - -

Ii _ _ _ _._ _ - ~
-- l~c.o~ c\-,Q_ ~ \ .sh-\C>).f~ \?o. v·,to.. ::. If'<\~ U>'V'- (_e . - --- ---m
p
e
--
l --
n

. ---- ------------------- -
:-• l.a~\o..._-~ go. l.£s6 \·6&:,_ di L~ - - -- - -- - -- - !--1
e- ~ ~ s . i . . ~
1 -,- -
Q. ~ ) COO£ J

- -.. . - .__
um
__ _
.J.i.
OCl2.o-..
--:: L -:-:-
"3-0"'m~
i I
- - - - - - - - - -- - - - ---t-~ Z-<oT~ ~ _± I
lLJtASo"•
$ t di.ell °"' COnlJ0<~c
-fu~~ o:li,hcil\0-
,. , . ,.'UQ,(_:-7io~n-e. a,Q 1-l~O -
: I
- l ITA- JI
-t}, .r -ero~':)~uf\
.,m G-l'Clt.c.i~ e,sis.,e.vu

------- - - - - - - -_-_-,~ ~Q}:(Q_di


_.. --_-- i:_ :- :

--·------- - -L~ vtl~ cQcd.io, l tSBlA LI


,- - ~- - - -- - - - - - - - - -- - - -- ~
'.J ..fXRa:mann&5tL$:via_e.._wR@WP ~
1
-{_C ~ ·, -r~Dl~N1\ -\{m - LI
~ _ im urro. _~\<l. - ~ -- !1
~ -s~ {a. tP I ft ::tiGJ:L ._ _ ~ p ~-te){o ea. ~a.. (I
- - -~-fcles lo-{{'U).o l~ ) _ - - .- II
•- - - - .. 4s d· s4 >: •
__ L____~
Lk\:i·1u. &i Kwp ,m
feskk)
_
§ff';)
_
1

fl

tefijfiJ ___Q § '¾o~ - .e',m{'~u~~,l.i""o.. e. 1·


~\f CAOP- ~ - -- €Adian220:!-c - _ _ _ Q(o.. f,~ e_~ i\:~L~'iic (
II
iai J?°iss mx'9i ____4,:>ta4r:t?lc& elt _____ _
lI
g,\pjE --- d ~Wlfrn»»; ~t aj)±p_ -- -- - - - -
,I
~1-t , - " •• -+ J _ r L- . , \

"""°-- frv(Y,A. ~ ~cti. ~ e.


- - . ~ - -- --
ii
i
I
r
• .-,t ,,e.t.l\ GAh1taiGko M
f (olw.OO_o dQ..QrM~

(
Lb1@6E sOt: d: Cotu:99c
dcPOs f®RS;e '®
sev t 19+9: dePDs 1ti s/ j iF@B
§W)§fW,tl,a J.
il - ""°""' 6:Ml, ~\\o cJ..:S" ¥ ~ous~ J..a.
1-- ..., ~\:uh-Qi~ ~ {o .s.-\\u.ui~o do. Qiu: c.o~' CCt1N2_Li i ~ u t c _ _
li -

I (9KQ»Y3Zais SSCmxh -· C009l:tti 'lacf: 0oo·, 'smspwioze22ii)> i1f>c.AB~

Ii ,~,~~"'''
i
Ii
i
_, CA~J"\E :ii: :: d~o.00..' omic.o a~u µ~ :Jd,\ b2~ 1 ,S:'_-~ -
I • e d~:C\.rn\-k '~ci>.ts''= pl'.a.(Q>.{oea, '6pit0-.-\o~ ,Q_ '"'CrxcA1oi> mucV"o _
I
I . A een9 mF}R cowe ~l i&9 tsr-f-f,m#s sd de~ - - -
I i - -- -
I -: dif??rn±:de sim9?o 92ntzH 1SS'ls,tse /- drswe1 =?nfo PoRSio :ess&SA -
I
I

I
• (i) fu??e:o b , ie+
no.~ _,,_.; 1
cl.u.. 'Jt::lo. :' I m 9 t aC
~·· t6 Ille mi par esse deo videtur (carme 51)
Audio
Per esprimere il proprio turbamento amoroso Catullo chiede aiuto a Saffo, ispirandosi a una

J
delle piu celebri odi della poetessa di Lesbo (fr. 31 Voigt) che presentiamo nella traduzione di
~vatore Quasimodo:
A me pare uguale agli <lei si perde sulla lingua inerte.
chi a te vicino cosi dolce Un fuoco sottile affiora rapido alla pelle,
suono ascolta mentre tu parli e ho buio negli occhi e il rombo
1O del sangue alle orecchie.
e ridi amorosamente. Subito a me E tutta in sudore e tremante
5 il cuore si agita nel petto come erba patita scoloro:
solo che appena ti veda, e la voce e morte non pare lontana
a me rapita di mente.
II carme 51 di Catullo none una semplice traduzione, ma una traduzione-rifacimento, che tal-
volta si allontana anche notevolmente dal testo di Saffo, perche diversi sono i sentimenti espressi.
Se infatti la situazione di partenza appare simile in entrambe le liriche (descrizione del proprio
turbamento alla vista della fanciulla amata che parla e sorride a un uomo «simile a un dio» ),

UNITA 3 Catullo 137


r
dJv€rst sono
cisamente le modalita
nuova appare con cut. vengono descritti i sentiment! e divers! I sentimenti stessi. De-
I
Saffo, al punto che num:r~u~t~ s_t~ofe, che propone una riflessione del tutto estranea allode di
carme SI e fossero t t' . st ~nttct, hanno ritenuto che quest! versi non facessero parte de~1
che proprio tal' s_ ~.1 aggmntt dallerrore di un copista. Quasi tutti gli studiosi riteogono ogg
. ento d ' 1 ve~t iano la misura dell'innovazione di Catullo rispetto al modello, coli l'inse-
nm
ambito 1 un motivo
cultural · a se stesso a uscire dall'otium) che porta tutto il discorso in un
. (I''mvtto
tull e schtettamente romano. Come gia si e detto ( Profilo letterario, p. 112), C;a-
alla~:sa soIt~t~ ~ue_ volte la strofe saffica, una volta per descrivere il suo turbamento di fronte
orm . nna cut SI e mnamorato (carme SI) e un'altra per esprimere l'amarezza di un distacco
. . aI defimtivo (carme 11: TI4): tutto fa pensare che egli abbia affidato proprio al metro

f __
tipico della poetessa di Lesbo ii compito di aprire e chiudere il "romanzo d'amore':
I
,;;-J c•»--~" Ille mi par Jsse II de6 vidJtiir,
, 1 G>ff'9Ct:l,c metro:stroesa ca ille, si fas Jst II supedre divos,
. ,u u{v-J2a S ' ,1..A ( e ) u ~ _
qui sedJns advJrsus II idJntidJm te
/~''''.ff ~ m ar esse _eo)videtur,
ill et Is1 spJctat ~t ahdit
vv- 0 r/f:,
est,l l:-15uperare divas,
as@'li.~
qui sedens advers~
'
5 d~~e ridentem: ~ is-~q,)quod omnis \c:J:\f'l'i:')lc.Wt~I
enp1t sens us mih~ ~ sim~ e,
cusativo avverbiale. - misero ... mihi:
iperbolica, appena temperata dall'inciso
1-6. Catullo vede Lesbia seduta di anche quest'annotazione non ha corri·
si fas est, "se e lecito''. - adversus: e agget·
fronte a un uomo, la vede parlare e sorri- spettivo in Saffo, che dice letteralmente
tivo con funzione di complemento pre·
dere e avverte crescere in se un grande «guesto veramente mi ha turbato il cuo·
dicativo e regge l'accusativo te: "stando
turbamento. - rue ... videtur: traduce re nel petto»; non si tratta di un partico•
seduto di fronte a te''. - identidem: eav-
esattamente il primo verso dellbde di ,;;-di poca importanza: Saffo descrive
verbio e significa "ripetutamente': "con-
Saffo: Catullo probabilmente non si rife· lemozione che sta provando, Catullo
tinuamente"; anche quest'annotazione e
risce alfaspetto dell'uomo ("bello come prima ancora d'incominciare una de-
assente in Saffo. - duke ridentem: il
un dio"), ma sottolinea che la vi~za scrizione analitica dei sentiment! ne an-
participio corn.:orda con te, che, oltre a
di Leshia proietta su di lui una luce di ticipa il risultato; quella visione lo svuota
essere retto cfa t!clversus, e oggetto di
felicita che lo rend~ entre il po- di ogni senso e lo rende miser. Quod: il
spectat et audit (si ha una figura retorica pronome neutro puo essere riferito solo
eta, stando lontano, ~ (v. 5). Mil
detta, con espressione greca, ap6 koinu,
equivale a mihi. - ille ... divos: questa a te ... dulce ridentem o a tutta la scena
"in comune"). Si osservi che-'.CttullO,,a prima descritta; omnis (= omnes) ... sen·
precisazione e del tutto assente in Saffo:
Ldifferenza di_.Saffo, fa convergere tutta
probabilmente nasce dal desiderio di sus e accusativo plurale retto da eripit.
la scena sul sorriso di Lesbia; dulce e ac-
"variare" il modello con un'immagine

traduzione d'autore
qu~ mi se esembr~
. . a. un ~. 01 ~ ~- ... "1~
1Uii:..><1z::>a. ~ JJ
"\(J la lingua s'intorpidisce, una sottile fiamma
ehe ~e tto t lo, mt sembra superare gli dei, O s'insinua nelle mie membra, un fonzio

I ,.
-t ,
u~1?0. ;anti ate puo spesso/p.,. o,:k.Jc..~
ertreascolt~ 1

5 ,!Ilentre dolcemente sorridi: felicita ch 3


, · e
interno ottunde ii mio udito, una duplice
tenebra offusca i miei occhi.

I
sventurato rapisce l'uso di tutti i . . e ~e L'ozio, o Catullo, ti tormenta;
come infatti r d mtei sensi: nellozio ti esalti e in eccesso follegoi !
I ve o, o Leshia, non mi resta p 01. o·
neanche un filo di voce, 15 L'ozio in passato perdette !1fiChe re
e fiorenti citta.
(trad. L. Canali)
111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111I111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111 I I
111111111111111111 ......

Leshia, asfexi~hil est super mi _ L \--- . \ l _.. { . . 1. u .


t:" <vocisin ore>;-f 4,£SY'o- S,~().JO. o.~ ~ \)N\ "- ~ or-u
¥£.t. c;)..,;.
T

©,ingua sed torpet~nuis sub artu!I@ \ d~


1o flamin~ deman~~ onitu suopte S:}\\()
, tintinant'aures efuin teguntur
lumina nocte.
--..._,___ o: ;v--::.cJ£,
-,,.-

Otium, Catulle, tibi molestum est:


otio exultas nimiumque gestis.
15 Otium et reges prius et beatas
perdidit urbes.

6-12. Vengono 'tnumerati i segni fi- loro proprio suono"; il suffisso -pte raf- dell'otium e un invito, rivolto a se stesso.
sici del turbamento: la descrizione di forza il pronome possessivo. - gemina a uscire da tale condizione. - Otiwn ...
eatullo e piu sobria di quella di Saffo, ... nocte: tentraltlbi gli occhi si coprono otio ... Otium: la parola, ripetuta all'i-
che indugia su questo tema per ben due di tenebre"; in Saffo: «econ gli occhi nul- nizio di ciascun endecasillabo, acquista
strofe, ridotte qui a una soltanto. - shnul la vedo». Gemina concorda grammati- il sapore di un martellante richiamo a
... aspexi: proposizione temporale; il calmente con nocte, ma si c -~~,ouna dimensione "etica" della vita, cen-
perfetto aspexi esprime l'anteriorita ri- rarlo riferito a lumi ;"irocte trata sui doveri che non vanno abban-
spetto al presente superest; altri lo consi- emetonimia per "buio~ "tene ra': Si os- ·donati in nome della fantasticheria amo-
derano un perfetto iterativo "ogni volta servi la raffinata elaborazione stilistica; rosa. - otio •.. gestis: exultare comporta
che ti guardo': - nihil ... <VOCis in ore>: evidente sia nelle figure retoriche appe- l'immagine, in genere riferita ad animali,
vocis in ore, come segnalano le parentesi na citate sia nella struttura dell'intera di balzi scomposti, di corse irrefrenabili;
uncinate, e una delle tante congetture strof~ . in cui il parallelismo. s'intreccia exulto, accostato a gestio, suscita l'idea di
proposte dai filologi per integrare il testo con il chiasmo: al parallelismo della pri- una persona che si muove fuor di misura,
mutilo; est super= superest (tmesi e ana- ma coppia di enunciati lingua ... torpet I senza controllo. - Otium ... urbes: l' o-
strofe), •m1 rimane': - lingua sed (= sed Jlamma demanat si oppone, chiastica- tium che mando in rovina re e cit.ta non
lingua. anastrofe) torpet: in Saffo la lin- mente, il parallelismo di una seconda puo certo essere lo stesso di cui si ·parlava
gua «si spezza». - tenuls .. ; demi.oat: coppia tintinant aures I tegunt-.ir lumina. ai versi precedenti: si deve quindi pensa-
•un fuoco sottile scorre giu per le mem- t~• 'Caru.!Io elimina la quarta stro- re a un progressivo allargamento della
bra"; in Saffo: «sotto la pelle» . .:.. sonitu fe dellode di Saffo, che prosegue nella riflessione di Catullo dall'ambito privato
... aura: l'immagine di Saffo («e romba- des..rrizione dettagliata delle manifesta- (otium inteso come abbandono all'amo-
no le orecchie») viene ampliata dal nesso zioni fisiche del turbamento, e introduce re) a quello pubblico (otium come disim-
onomatopeico sonitu suopte, "per un invece una riflessione sugli effetti deleteri pegno civile e politico).

d:eS:to = C::'it\ te5 Ad s+www ttiitf 1Mf Ii'· '1 ii W:JPSikitF t

Presentiamo un'analisi del carme di Franca.C.a)li- iniziale rivela tutte Je p_ropJje potenzialita espres-
91@1 che chiarisce e puntualizza molti dei proble- sive, la propria incidenza ideologica: ~ ~quel pro-
mi a cui abbiamo accennato nelle note. nome Catullo costruisce l'anafora: assente •in Saf-
fo, e - attraverso tale procedimento - l'ignoto
La prima strofe: dalla traduzione rivale, il privilegiato interlocutore di Lesbia, diven-
all' emulazione del modello ta il protagonista assoluto della strofe, isolate nel-
«L.:awio dell'ode e precisa traduzione, quasi se- la sua invidiata ed enfatizzata beatitudine [...]».
gno d'intesa alla cerchia degli ascoltatori, dichia- Leshia: da presenza dominante, _
razione d'intenti: il poeta si vuol misurare con Saf- ma indistinta, pro~agonista in primo piano
fo, ed esordisce con un omaggio di fedelta. Ma
l'aemulatio non tarda: gia al v. 2 Catullo cerca nuo- «In questa prima strafe la donna e una presenza
ve soluzioni, autonome scelte. L.:ille in posizione dominante ma indistinta, assotuta ma quasi ine-

1. Catullo, Poesie, a cura di F. Caviglia, Laterza, Roma-Bari 1983, pp. 214 55.
111 11 11 11 1111111 1111 11 1IIII II IIII III III III III I II II IIII 1111 1111 11 111 11111 1II II111 1I 1111 1111 IIJI 11111 11 111 111 11 111 IIIIJJJ11111111 11 11111 11 1111 111111 I II I 111 111 I II IIII IIJI II IIIIIIIIIIIIIJI
11111111
• f lililiii

I
j
spressa : e un pronome in posizione enclitica alla
fi_ne del v. 3: protagonisti sono ille e il poeta; all'ini-
z10 della seconda strofe -la donna e dolcezza di
s?rriso ch~ immediat~ risalta; l'accusativo dulce
continua a muoversi con felice liberta. Cosi, neUa
rappresentazione dei sintomi, notiamo:
a) Saffo aveva descritto primaJ'oftenebrarsi del-
la vista e poi ii venir meno dell'udito; ii poeta ro:
1 ndentem v1ene ad agg1ungersi con determinante mano inverte r ordine di queste sensazioni in tal
rilievo alla serie degli elementi che strutturano il modo le dispone come in una gradazione, una
carme: ille spectat et audit te dulce ridentem. E climax che trova il proprio esito nello svanire della
questo l'evento decisivo , di cui le rimanenti strofe Luce (emblema di morte) suggellato dal netto
narreranno le ripercussioni nell'animo di Catulto. oxymoron dell'adonio lumina nocte, cui accresco-
La donna emerge in primo piano a poco a poco, no forza l'enjambement e l'ipallage.
come evocata mediante una climax: te, dulce ri- bl La s trofe di Saffo (vv. 13-16) dominata da sen-
dentem, Lesbia. ll vocativo del nome di persona, sazioni e da connotazioni di morte (ii sudore fred-
mentre rappresenta il momento di maggiore "li- do, il tremore, ii livore), e omessa da Catu!!o; ri-
berta·· del carme nei confronti di Saffo - che non prenderla avrebbe comportato uno sqµilibrio,
faceva nomi - individua il senso e lo scopo del car- un·inutile ri pe tizione: i contenuti di questa strofe
me: Catulto vuole comporre per Lesbia un altissi- sono gia sL1~ i ,iassunti e anticipati da Catullo ai w.
mo omaggio cantando per lei con gli stessi accen- 5-6 miser,; quod omnis eripit sensus mihi. Non si
t i che Saffo - la poetessa di Lesbo - aveva trovati tratta di ,mr:, spostamento irrilevante o arbitrario:
per il suo sconosciuto amore; non e neppure im- in contrasto immediato con la beatitudine dell'il/e
probabile che proprio questo carme renda in qual- delta prima strofe e col sorriso di Leshia, che illu-
che modo ragione delta scelta, per Clodia, del mina l'inizio delta seconda, Catulto ha individilato
nome immortale: omaggio d'amore, scelta di una il tema della propria infelicita, delta propria roise-
gloriosa tradizione poetica. . ria e gli ha conferito una posizione di assoluto:,i·
Della fanciulta amata Saffo descnveva la parola e lievo anticipandone subito l'esito finale, annullan·
ii sorriso; dell'altra persona ricordava soltanto do la climax costruita da Saffo, delineando - prima
ratteggiamento d'ascolto; con ben calcolata "eco- dei sintomi - la situazione di smarrimento finale,
nomia" di corrispondenze e di variazioni Catulto situazione che in Saffo dominava nella · quarta
accentua con piu forza la felicita dell'"altro", la strofe».
moltiplica estendendola a sensazioni diverse:
spectat et audit, mentre, per contrapposto, sem- La quarta strofe: il tema dell'otium
bra sfumare la presenza di Lesbia : soltanto del e l'apostrofe a se stesso
suo sorriso egli parla e non - come Saffo - anche «Nella quarta strofe di Catullo appare improvvi~f
della sua parola ... ii tema dell'otium;.e muta il destinatario: non piu
[. ..] t.:interlocutore di Lesbia gode la presenza Lesbia, ma Catullo stesso, in una di quelle autoa·
della donna attraverso la vista e l'udito; ebbene, postrofi esortatorie c:he gli sono consuete. -Ej i~Je
sono proprio la vista e l'udito - oltre alta parola - peraltro la possibilita che questi quattro versi ci
che in Catulto, come in Saffo, si confondono e si siano giunti annessi al carme 51 per un erro5e
annebbiano nella dolorosa esperienza dell'esclu- della tradizione manoscritta, che essi altro non
sione da una felicita divina che appartiene ad al- siano, dunque, se non il frammento di un_:ltro
tri». carme perduto; esiste la possibilita che ess1 t~·
ducano" una strafe di Saffo non piu conser:vata'. in
La descrizione delta patologia d'amore: Saffo, deila-quinta strofe, conserviamo, in cattive
fedelta nei particolari, liberta di struttura condizioni, solo ii primo verso: l'intonazione pare·
«Nella descrizione dei sintomi di questo "venir netica che sembra di pater ricostruire: "ma tutto
meno", di questa patologia d'amore, che costitui- bisogna sopportare ... • e comunque Lontanissima
sce rirripetibile grandezza dell"ode di Saffo, Ca- dai contenuti della strofe catulliana; anche am·
tullo si Limita a riecheggiare fedelmente l'origina- messo che Catullo abbia ripreso un suggerimen·
Le, oppure a tentare variazioni ricercate e un po· to, uno spunto della poetessa greca, la temati_ca
troppo preziose, come sonitu suopte tintinant au- di questa strofe, imperniata sul problema dell_o·
res [. .. ]. Queste annotazioni, pero, valgono solo a tium, riguarda comunque un dibattito not~ria·
proposito di alcuni particolari, mentre per quel mente motto esteso nella cultura romana de1 se·
che riguarda la struttura complessiva Catullo coli repubblicani>_>.

Potrebbero piacerti anche