Sei sulla pagina 1di 139

Comune di San Nicandro Garganico

Piano Urbanistico Generale (PUG)

RELAZIONE GENERALE

Ufficio di piano:
Arch. Adelmo Marrocchella
Geom. Donato Soccio

Consulenza Tecnico-Scientifica:

PROGESIT s.r.l. – Spin off dell’Università di Bari


Via Amendola, 165/A – 70126 BARI

Sindaco:
Avv. Piero Paolo Gualano

Assessore all’Urbanistica:
Dott. Domenico Fallucchi

Data:
Dicembre 2014
1 PREMESSA ................................................................................................................................................... 1

2 IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA ................................................................................................. 4

2.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE DI AREA VASTA ........................................................................... 4

2.1.1 SISTEMA AMBIENTALE E PAESAGGISTICO ..................................................................................... 6

2.1.2 STRUTTURA IDROGEOMORFOLOGICA .......................................................................................... 7

2.1.3 USO DEL SUOLO ........................................................................................................................... 12

2.1.4 SISTEMA FORESTALE.................................................................................................................... 12

2.1.5 ASSETTO INFRASTRUTTURALE ..................................................................................................... 13

2.1.6 ASSETTO INSEDIATIVO ................................................................................................................. 15

2.1.7 SISTEMA TURISTICO ..................................................................................................................... 16

2.2 PIANIFICAZIONE SOVRAORDINATA DI AREA VASTA ........................................................................ 17

2.2.1 PIANO DEL PARCO DEL GARGANO .............................................................................................. 17

2.2.2 POR PUGLIA 2014-2020 ............................................................................................................... 17

2.2.3 PIANO DI SVILUPPO RURALE FEASR 2014-2020 .......................................................................... 19

2.2.4 PROGRAMMA REGIONALE PER LA TUTELA DELL'AMBIENTE ...................................................... 20

2.2.5 PIANO REGIONALE DELLE COSTE – PRC ....................................................................................... 21

2.2.6 PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE – PEAR ............................................................... 23

2.2.7 PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITA' ESTRATTIVE – PRAE ........................................................... 24

2.2.8 PIANO REGIONALE DEI TRASPORTI – PRT.................................................................................... 24

2.2.9 PIANO URBANISTICO TERRITORIALE TEMATICO DEL PAESAGGIO - PUTT/P ............................... 26

2.2.10 PIANO PAESAGGISTICO TERRITORIALE REGIONALE – PPTR ........................................................ 28

2.2.11 PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE – PTCP ............................................ 32

2.2.12 PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI AREA VASTA "CAPITANATA 2020" .......................................... 35

2.2.13 PIANO URBANO DELLA MOBILITA' – PUMAV .............................................................................. 36

3 IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE ............................................................................................................ 39


3.1 RISORSE AMBIENTALI ...................................................................................................................... 39

3.1.1 QUALITA' DELL'ARIA .................................................................................................................... 39

3.1.2 QUALITA' DELL'ACQUA ................................................................................................................ 44

3.1.3 LA GESTIONE DEI RIFIUTI ............................................................................................................. 48

3.1.4 AZIENDE A RISCHIO DI INCIDENTE ELEVATO (DIRETTIVA SEVESO) ............................................. 50

3.1.5 INQUINAMENTO ACUSTICO ........................................................................................................ 51

3.1.6 INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO ...................................................................................... 52

3.2 RISORSE PAESAGGISTICHE ............................................................................................................... 53

3.3 RISORSE RURALI ............................................................................................................................... 58

3.4 RISORSE INSEDIATIVE ...................................................................................................................... 62

3.4.1 IL TERRITORIO COMUNALE DI SAN NICANDRO GARGANICO ...................................................... 62

3.4.2 ORIGINI ED EVOLUZIONE STORICA DELL’ABITATO ...................................................................... 63

3.5 SISTEMA SOCIO ECONOMICO.......................................................................................................... 67

3.5.1 DINAMICA DEMOGRAFICA .......................................................................................................... 67

3.5.2 EDILIZIA ABITATIVA...................................................................................................................... 69

3.5.3 DINAMICA DEI SETTORI PRODUTTIVI .......................................................................................... 71

3.5.4 ATTIVITÀ COMMERCIALI ED URBANIZZAZIONI............................................................................ 73

3.5.5 ATTREZZATURE PER IL TURISMO ................................................................................................. 75

3.6 RISORSE INFRASTRUTTURALI........................................................................................................... 76

4 BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE .............................................................................................. 78

4.1 VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE ......................................................................................... 78

4.2 IL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE ............................................................................................... 81

4.2.1 ZONIZZAZIONE DEL PF VIGENTE .................................................................................................. 85

5 IL PROGETTO DI PUG DI SAN NICANDRO GARGANICO ............................................................................. 95

5.1 REQUISITI ESSENZIALI DEL PUG ....................................................................................................... 95


5.2 ARTICOLAZIONE E CONTENUTI DEL PIANO ..................................................................................... 96

5.3 GLI ORIZZONTI TEMPORALI DEL PUG ............................................................................................ 100

6 VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG ........................................................................ 101

6.1 GLI OBIETTIVI DELL'ATTO DI INDIRIZZO ......................................................................................... 101

6.2 I PRINCIPI ORDINATORI DEL DPP ................................................................................................... 103

6.3 STRATEGIE E OBIETTIVI DEL PUG ................................................................................................... 105

6.3.1 STRATEGIE DI SVILUPPO ............................................................................................................ 106

7 COMPONENTI DEL PUG ........................................................................................................................... 114

7.1 LA COMPONENTE STRUTTURALE .................................................................................................. 114

7.1.1 LE INVARIANTI STRUTTURALI .................................................................................................... 114

7.1.2 CONTESTI TERRITORIALI: URBANI E RURALI .............................................................................. 117

7.2 LA COMPONENTE PROGRAMMATICA ........................................................................................... 119

7.2.1 CONTESTI URBANI E RURALI ...................................................................................................... 119

7.2.2 PEREQUAZIONE URBANISTICA E DISTRETTI PEREQUATIVI ........................................................ 121

8 DIMENSIONAMENTO DEL PIANO ............................................................................................................ 123

8.1 CRITERI E RIFERIMENTI PER IL DIMENSIONAMENTO DEL PUG ..................................................... 123

8.2 VERIFICA DEL FABBISOGNO RESIDENZIALE E SUO DIMENSIONAMENTO ..................................... 125

8.2.1 DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO RESIDENZIALE: IPOTESI DI SVILUPPO DEMOGRAFICO... 125

8.2.2 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEL SETTORE RESIDENZIALE................................................. 126

8.3 BILANCIO ATTUALE E DIMENSIONAMENTO ATTIVITA' PRODUTTIVE............................................ 126

8.3.1 PROIEZIONE DELLA POPOLAZIONE ATTIVA NEL 2029 ............................................................... 127

8.3.2 FABBISOGNO DI SUPERFICI PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE NEL 2029...................................... 128

8.4 BILANCIO ATTUALE E DIMENSIONAMENTO: STANDARD E ATTREZZATURE PUBBLICHE .............. 128

8.4.1 IL DIMENSIONAMENTO DEGLI STANDARD E ATTREZZATURE PUBBLICHE ................................ 128


9 ELABORATI TRASVERSALI ........................................................................................................................ 131

9.1 PROGRAMMA PARTECIPATIVO E CONCERTATIVO ........................................................................ 131


ELENCO ELABORATI:

SISTEMA DELLE CONOSCENZE

SISTEMA DI AREA VASTA

AV/1.1 - Pianificazione sovraordinata - PPTR

AV/1.2 - Pianificazione sovraordinata - PRT

AV/1.3 - Pianificazione sovraordinata - PRC

AV/1.4 - Pianificazione sovraordinata - PTCP

AV/2.1 - Carta dei vincoli ambientali

AV/2.2 - Carta dei vincoli paesaggistici

AV/2.3 - Carta dei vincoli idrogeologici e delle aree a pericolosità idrogeologica

AV/2.4 – Carta delle risorse infrastrutturali di rango sovralocale

SISTEMA LOCALE

L/1 - Carta dell'uso del suolo per categorie prevalenti

L/2 - Carta idrogeomorfologica

L/3 - Carta delle pendenze

L/4.1 - Carta delle risorse paesaggistico-ambientali / Assetto idrogeomorfologico

L/4.2 - Carta delle risorse paesaggistico-ambientali / Assetto botanico-vegetazionale e faunistico

L/4.3 - Carta delle risorse paesaggistico-ambientali / Assetto storico-culturale

L/5 - Carta delle risorse rurali

L/6.1 - Carta delle risorse insediative / Morfotipologie insediative

L/6.2 - Carta delle risorse insediative / Evoluzione del sistema insediativo

L/6.3 - Carta delle risorse insediative / Spazi pubblici ed attrezzature

L/7 - Carta delle risorse infrastrutturali

STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE

SUV/1.1 – Programma di Fabbricazione – Territorio Comunale


SUV/1.2 – Programma di Fabbricazione – Centro Urbano

PUG STRUTTURALE

INVARIANTI STRUTTURALI

S/1.1 - Invarianti ambientali

S/1.2 - Invarianti paesaggistiche

S/1.3 - Invarianti infrastrutturali

AMBITI TERRITORIALI

S/2.1 – Quadro d’unione

S/2.2 - Ambito di San Nazario

S/2.3 - Ambito della Piana Produttiva

S/2.4 - Ambito di Monte Delio

S/2.5 - Ambito Carsico

S/2.6 - Ambito dei Boschi

S/2.7 - Ambito Urbano

CONTESTI TERRITORIALI

S/3.1 - Contesti rurali

S/3.2 - Contesti urbani

ADEGUAMENTO

AD/1.1 - Adeguamento al PUTT/P - Ambiti distinti - Assetto idrogeomorfologico

AD/1.2 - Adeguamento al PUTT/P - Ambiti distinti - Assetto botanico-vegetazionale e faunistico

AD/1.3 - Adeguamento al PUTT/P - Ambiti distinti - Assetto storico-culturale

AD/1.4 - Adeguamento al PUTT/P- Vincoli ricognitivi

AD/1.5 - Adeguamento al PUTT/P - Ambiti Territoriali Estesi

AD/1.6 - Adeguamento al PUTT/P - Territori Costruiti

AD/2.1 - Adeguamento al PAI – Territorio Comunale

AD/2.1 - Adeguamento al PAI – Centro Urbano


PUG PROGRAMMATICO

P/1.1 - Contesti rurali

P/1.2 - Contesti urbani

P/2 - Distretti perequativi


Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
PREMESSA

1 PREMESSA

La presente relazione generale descrive l’impostazione ed i contenuti del Piano Urbanistico Generale (PUG)

del Comune di San Nicandro Garganico.

Il Documento Programmatico Preliminare (DPP) è stato approvato dal Consiglio Comunale di San Nicandro

in data 17.11.2009 con delibera n. 1/2010. Allo stesso DPP non sono state formulate osservazioni. Si è

quindi proceduto alla stesura del PUG e in data 8.11.2010 si è tenuta la seconda Conferenza di

Copianificazione nella sede dell’Assessorato al Territorio della Regione Puglia in cui sono stati illustrati gli

elaborati del PUG. Sulla base del DPP e dei verbali delle Conferenze di Copianificazione si è redatta la bozza

definitiva del PUG di San Nicandro.

Da allora si sono succedute due amministrazioni comunali, è stata approvata la legge regionale sulla VAS, è

stato adottato il nuovo Piano Paesistico Territoriale Regionale (PPTR), il PAI è stato aggiornato per l’intero

territorio comunale e il Comune è stato ricompreso tra quelli “dissestati” economicamente.

Tutti questi eventi hanno richiesto una revisione di molte parti del Piano presentato all’Amministrazione

nel 2009. In particolare:

• Nel 2012 per tentare di affrontare il pericolo imminente del dissesto l’Amministrazione dell’epoca

chiese di verificare la possibilità di “recuperare” la ZOT C04-Papaglione, area di proprietà comunale

su cui risulta approvato un PEEP negli anni ’70 e soppressa nelle previsioni del DPP, al fine di poter

commercializzare i singoli lotti edificabili. Dalle verifiche effettuate si è rilevata la presenza di una

dolina di discreta dimensione proprio in coincidenza delle maggiori previsioni di trasformazioni

edilizie. Si sono applicate le misure di tutela previste dal PUTT/P escludendo dalle previsioni sia

l’area interessata dalla dolina sia l’area annessa prescritta dalle NTA per la tutela del bene. Si è

quindi potuto costatare che una porzione delle volumetrie, poste a cornice della Zona C4, potevano

essere riproposte senza interferire con elementi paesaggistici di pregio. Fu effettuata anche una

valutazione delle possibilità di vendita dei singoli lotti al fine di quantificare le potenzialità

1
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
PREMESSA

finanziarie del Comune. Si colse altresì l’occasione per scansionare il PEEP che era in formato

cartaceo riportandolo su CD consegnato al Comune in data 18.10.2012.

• Nella Primavera del 2014 la nuova Amministrazione comunale ha ripreso l’attività

precedentemente interrotta a seguito delle crisi amministrative. Ci si è immediatamente attivati

per definire lo stato dell’arte con l’Autorità di bacino, a seguito delle importanti modifiche nel

frattempo intervenute coinvolgenti il territorio comunale. Si sono tenuti diversi incontri presso la

sede dell’AdB con il Commissario e i funzionari addetti alla zona, a cui hanno partecipato anche

alcuni amministratori. Si è anche affrontato il problema del “recupero” di porzione del Papaglione

con l’Assessorato regionale al Territorio, sia con l’assessore sia con i funzionai preposti. Inoltre

l’adozione del PPTR ha trasformato, esteso e rafforzato molti vincoli rispetto al PUTT/P, pertanto

alcune delle previsioni turistiche lungo la costa, previste dal PF vigente e riconfermate dal PUG,

sono state di fatto soppresse.

• Nell’Ottobre del 2014 sulla base di quanto innanzi riportato l’Amministrazione comunale ha

comunicato le modifiche che si intendono apportare al PUG presentato il 29.07.2011 La nota, a

firma dell’assessore all’urbanistica, riporta le seguenti precisazioni e richieste: (vedi allegato). Il

lungo iter che ha fatto seguito all’approvazione del DPP ha comportato modifiche sostanziali agli

elaborati al PUG presentato nel 2011. In particolare per prendere atto delle interferenze del

reticolo idrogeomorfologico e delle aree a pericolosità idraulica e geomorfologica con porzioni

dell’abitato consolidato e con le aree di espansione del PF vigente. Interferenze rilevate dopo la

pubblicazione definitiva della carta del Reticolo idrogeomorfologico (2012) e delle modifiche alla

cartografia del PAI (2011 -2014)

Non è stata alterata l’impostazione generale del Piano incentrata sull’esclusione di nuova edificazione ed il

recupero dell’edilizia esistente, con l’obiettivo di perseguire la riqualificazione e la rigenerazione delle aree

degradate, e la valorizzazione delle risorse endogene attraverso collegamenti a mobilità lenta (greenway).

Gli argomenti esposti nelle pagine seguenti confermano e descrivono gli obiettivi di Piano approvati con il

DPP e, insieme, ripropongono una sintesi delle principali questioni urbanistiche, inerenti lo stato e

2
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
PREMESSA

l'organizzazione urbana del Comune di, emerse nel corso delle indagini preliminari finalizzate alla lettura e

alla conoscenza del territorio.

Come previsto dalla L.R. 20/2001, i contenuti del PUG sono strettamente connessi alle informazioni

desumibili dal quadro conoscitivo che diventa parte integrante dello stesso PUG in quanto consente di

verificare la congruenza degli obiettivi, dei criteri di impostazione e delle scelte di piano.

La presente relazione è quindi articolata secondo quanto prescritto dal DRAG:

• Inquadramento del sistema territoriale e del quadro programmatico di Area Vasta;

• Inquadramento del sistema locale con analisi delle risorse ambientali, paesaggistiche, rurali,

insediative ed infrastrutturali;

• Bilancio della pianificazione vigente (Programma di Fabbricazione approvato nel 1973);

• Progetto del PUG: articolazione e contenuti, componenti (PUG/S e PUG/P) e dimensionamento del

piano.

3
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

2 IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

2.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE DI AREA VASTA

L’ambito territoriale preso come riferimento per lo studio del PUG di San Nicandro Garganico comprende la

costa settentrionale del Gargano, da Lesina a Cagnano Varano e, a Sud, i Comuni di Apricena, Poggio

Imperiale e San Marco in Lamis.

L’ambito è stato scelto in funzione sia dell’appartenenza del Comune di San Nicandro Garganico ai Comuni

con territori costieri del Nord Gargano sia in base alle principali relazioni che sussistono con i paesi del

Tavoliere, Apricena, San Severo e con il promontorio garganico, San Marco in Lamis e San Giovanni

Rotondo.

Figura 1 - San Nicandro Garganico tra i due laghi (Archivio prof. Dal Sasso)

4
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

L’ambito si configura come un sistema articolato tra la pianura, estensione nord orientale del tavoliere di

Puglia, i Laghi di Lesina e Varano, le pendici del promontorio e la porzione occidentale del Gargano con San

Marco in Lamis e San Giovanni Rotondo con il santuario di Padre Pio. A detto sistema, appartenente al

territorio garganico, si affianca quello della parte orientale estrema dei Monti Dauni, Serracapriola e

Chieuti, che è caratterizzata da paesaggi diversi rispetto a quello garganico, di bassa collina, con la pianura

del Fortore che definisce il confine reale tra Gargano e resto della penisola.

Il PTCP individua nell’intera provincia 16 ambiti paesaggistici, porzioni di territorio caratterizzate da una

riconoscibile fisiografia e identità geografica; da una specifica struttura e composizione del mosaico di

ecosistemi naturali, agricoli, urbani e delle strutture fondiarie; da una ben definita tendenza delle

dinamiche d’uso delle terre nel corso dell’ultimo quarantennio. Il territorio comunale di San Nicandro

Garganico e l’intero sistema intercomunale preso in considerazione risultano compresi negli ambiti 12

“Laghi Costieri del Gargano” e 14 ”Altopiani carsici del Gargano”.

Il territorio comunale di San Nicandro Garganico confina con i Comuni di Lesina, Poggio Imperiale, Apricena,

San Marco in Lamis e Cagnano Varano. Lesina ha un territorio quasi completamente pianeggiante ed

ampio, circa 15.974 ettari anche se circa un terzo dell’estensione coincide con l’omonima laguna (circa

4.700 ha). Poggio Imperiale, circa 5.237 ettari, è dislocato in prossimità di molte cave di pietra di Apricena,

dove la pianura del tavoliere si fa più aspra per proseguire poco oltre, in località San Nazario, sul

promontorio del Gargano con quote più elevate, con i segni degli adduttori di acqua dalla collina verso il

lago. Apricena, con un territorio esteso per 17.149 ettari costituisce il territorio di congiunzione tra il

promontorio del Gargano e il Tavoliere e, come è noto, è famosa per l’estrazione della pietra da taglio che

viene esportata in tutto il mondo. San Marco in Lamis ha un paesaggio tipico del Gargano interno, ricco di

boschi; è famosa per la presenza dei Santuari di San Matteo e della Madonna di Stignano, importanti

monumenti, risalenti all’anno 1000, dislocati sulla via sacra Longobardorum.

A livello di servizi di rango sovra comunale, per quanto riguarda la sanità si fa riferimento agli ospedali di

San Giovanni Rotondo e di San Severo e, a volte, a quello di San Marco in Lamis, mentre per quanto

riguarda l’istruzione superiore all’obbligo, in parte è soddisfatta a livello locale ed in parte si fa riferimento

5
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

ai comuni limitrofi. Per l’istruzione universitaria si fa capo all’Università degli Studi di Foggia, di Bari o di

Pescara.

Commercialmente San Nicandro gravita prevalentemente su San Severo o Termoli e solo parzialmente su

Foggia e Bari.

La presenza della sorgente di acqua termale ad elevata temperatura in località San Nazario ma ricadente

nel territorio comunale di Poggio Imperiale, in cui, anche per la presenza dell’omonima chiesa e l’elevata

presenza di malati e di pellegrini, può far ipotizzare un’utilizzazione per terme stabili di un luogo che, al

limite comunale con San Nicandro, potrebbe portare ad uno sviluppo complessivo dell’intera area e dei

Comuni coinvolti, San Nicandro, Poggio Imperiale, Lesina ed Apricena.

2.1.1 SISTEMA AMBIENTALE E PAESAGGISTICO

Gran parte del sistema territoriale di riferimento ricade nel Parco Nazionale del Gargano e, per la presenza

dei laghi di Lesina e Varano, è definita anche zona umida. Aree SIC e ZPS interessano porzioni di territorio

anche esterne al Parco Nazionale. Il Piano paesistico regionale vigente individua numerosi beni da tutelare

e per la maggior parte il territorio di riferimento per il PUTT/P ha caratteristiche di vulnerabilità medio alte

(ATE A, B e C).

La variabilità orografica, da 0 a oltre 700 metri s.l.m., la presenza di vaste pianure, di aree boscate, di laghi,

di campi coltivati a seminativo e ortaggi e uliveti estesi nelle parti interne, il mare e le isole Tremiti

all’orizzonte, rendono l’intero sistema di grande suggestione.

Le aree a Parco nazionale coinvolgono oltre alle alture boscate dei Comuni di Cagnano Varano e San Marco

in Lamis, a confine orientale e meridionale di San Nicandro, anche il vicino Comune di Lesina, ad occidente,

con l’intera laguna e l’“isola”, stretta fetta di territorio che divide il lago dal mare. Sempre in territorio di

Lesina l’area a Parco Nazionale prosegue con la propaggine della penisola in località Torre Mileto, oltre ad

una piccola fascia costiera in prossimità di Torre Fortore e delle “pietre nere”.

Un’ampia porzione della confinante laguna di Lesina è Riserva Naturale statale – denominata “Lago di

Lesina”, istituita con LQ. n. 394 del 06.12.1991.

6
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

In corrispondenza delle stesse aree sono state individuate aree SIC e ZPS rispettivamente identificate con

IT9110015 “Duna e Lago di Lesina – Foce del Fortore” e con IT9110037 “Laghi di Lesina e Varano”. Altra

area SIC, IT9110002 “Valle Fortore – Lago di Occhito”, è collocata in prossimità del fiume Fortore.

Oltre a tali aree sono individuate zone di ripopolamento e cattura, a gestione sociale e bandite di caccia ai

sensi delle vigenti leggi sull’attività venatoria (L. n° 157 del 11/02/92), riprese dal PUTT/P.

Il vincolo paesaggistico ai sensi dell’ex legge n.1497/1939 interessa gran parte del territorio in esame pur

concentrato prevalentemente lungo la fascia costiera.

A parte il vincolo idrogeologico (R.D.L. n° 3267 del 30/12/23) che interessa tutte le parti scoscese del

territorio oltre all’isola del lago di Lesina, il PAI (delibera C.I. n° 39 del 30/11/05) individua aree ad alta,

media e bassa pericolosità d’inondazione intorno alla laguna di Lesina e in corrispondenza del centro

abitato di San Nicandro mentre per la pericolosità da frane perimetra l’intera area occupata da Lesina

marina oltre ad una piccola area in San Nicandro e aree di limitate dimensioni negli altri Comuni montani.

Il Comune di San Nicandro Garganico appartenente al Gargano, di cui costituisce la propaggine occidentale

che collega il promontorio al Tavoliere di Puglia, è caratterizzato da paesaggi molto diversificati: si passa

dalla costa marina, tra Torre Mileto e foce Capoiale, al Monte Delio, circa 200 metri s.l.m., interposto tra i

due laghi di Lesina e Varano, ai boschi della foresta Umbra a quote più elevate, circa 700 metri s.l.m..

Porzioni di territorio, pianura di Lauro e di Santannea a Nord Ovest si differenziano in quanto dislocate a

quote più basse, a diretto contatto con il lago di Lesina e sono intensamente coltivate.

2.1.2 STRUTTURA IDROGEOMORFOLOGICA

Il promontorio del Gargano è un compatto massiccio calcareo, che si eleva fin oltre i 1000 metri (monte

Calvo 1055 m) sulla piana del Tavoliere. Dal punto di vista geostrutturale il rilievo appartiene al cosiddetto

“avampaese apulo”, che, come è noto, più a sud, comprende anche le Murge e la penisola salentina.

La costituzione geologica del massiccio va comunque inquadrata nell’ambito delle condizioni paleografiche,

che, nel corso del Mesozoico, caratterizzarono questa parte dell’Italia meridionale.

7
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

Tra il Giurassico ed il Cretaceo, infatti, in queste zone si originò un’ampia piattaforma calcarea, definita

“piattaforma apula”, che si estendeva all’incirca da Nord a Sud ed era fiancheggiata da due bacini marini, il

più orientale dei quali era il bacino ionico (Borsellini et all,1993).

Questa situazione paleogeografica ha condizionato la costituzione geologica del rilievo, di modo che, nelle

parti occidentale e centrale dello stesso, affiorano calcari giurassico-cretacei appartenenti alla piattaforma,

mentre, in quella orientale sono presenti deposito di mare più profondo, tipo “scaglia e maiolica”,

sedimentatesi durante il cretaceo nel bacino ionico.

Figura 2 - schema geomorfologico del Gargano (Il Gargano l'uomo e l'ambiente geologico estratto dalla rivista "L'universo.
Geografia, cartografia, studi urbani, territoriali e ambientali" - Boenzi F., Caldara M.)

Dal punto di vista morfologico il Gargano può essere diviso in quattro zone principali (Morsilli, M., Il

Promontorio del Gargano dal punto di vista geologico, Dipartimento di Scienze della Terra – Università di

Ferrara):

• area nord-orientale: quest'area del Gargano è caratterizzata dalla presenza di un esteso reticolo

idrografico superficiale che rende la morfologia alquanto accidentata. Strette valli si alternano a

dossi collinari ristretti ricoperti da un’estesa vegetazione (Foresta Umbra). La disposizione dei solchi

vallivi principali tende a disporsi a raggiera rispetto all'andamento dell'antico margine della

8
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

piattaforma Apula (Morsilli, 1994, 1998), con direzioni variabili da NE-SO a NO-SE. Alcuni dei

principali torrenti (T. Romondato, T. Correntino, V. La Porta) seguono un andamento differente

(circa E-O) probabilmente controllato dalla tettonica (Morsilli, 1994), al pari di pochi altri (T.

Calinella, T. Chianara, T. Macchio). Nelle aree prossime alla costa tra Peschici e Vieste,

l'affioramento di terreni facilmente erodibili (Marne a Fucoidi) ha permesso la formazione di ampi

pianori alluvionali spesso terrazzati (Piano Grande, Piano Piccolo, Le Mezzane).

• area centro-occidentale (in cui ricade San Nicandro Garganico): nella parte occidentale (area

compresa tra i comuni di San Marco in Lamis, Sannicandro e S. Giovanni Rotondo), al cui interno

sono presenti i maggiori rilievi garganici (Monte Calvo, Montenero), sono presenti degli estesi

pianori in cui l'idrografia superficiale risulta del tutto assente, sostituita da un'elevatissima

concentrazione di morfologie carsiche (fino a 80 doline per kmq). Di notevole interesse è la Dolina

Pozzatina, una delle maggiori depressioni carsiche italiane (Bissanti, 1966).

• area meridionale: un primo ampio terrazzo di forma triangolare, che raggiunge la quota di circa 200

m s.l.m., è delimitato a sud-ovest dal Torrente Candelaro mentre verso nord termina in prossimità

dei primi rilievi garganici orientati in senso E-O. I limiti di quest'area corrisponderebbero secondo

vari autori a superfici di origine tettonica (Cotecchia & Magri, 1966; Bertotti et al., 1999).

L'idrografia superficiale risulta quasi del tutto assente, con valli cieche, qualche rara dolina e campi

solcati sulle aree rocciose affioranti. In quest'area affiorano ad Ovest la Formazione di Sannicandro

e ad Est la Formazione di Monte Spigno.

• area costiera marina e lagunare: all'interno di quest'area si possono distinguere varie zone con

caratteristiche differenti. Le aree costiere settentrionali comprese tra Punta delle Pietre Nere fino a

S. Menaio sono prevalentemente sabbiose, con ampie spiagge e dune eoliche (Simeoni et al.,

1999). Lo sviluppo di questi cordoni sabbiosi sono responsabili della formazione dei laghi costieri di

Lesina e Varano (Cremonini et al., 1971; Morsilli & Scirocco, 2000). Ad est del Lago di Varano la

morfologia è dominata dalla presenza di conoidi alluvionali plurichilometriche (Morsilli, 1994). La

costa bassa è interrotta nel tratto compreso tra Torre Mileto e Foce di Capoiale, dove sono presenti

9
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

alcune falesie di modesta elevazione intervallate a piccole spiagge, e in prossimità dell'abitato di

Rodi Garganico. Le coste alte sono sviluppate prevalentemente tra S. Menaio e Mattinata, anche in

questo caso intervallate a piccole baie con spiagge sabbiose e ghiaiose. In particolare lungo il tratto

di costa compreso tra Testa del Gargano e Mattinata, si osservano delle imponenti falesie di diverse

decine di metri di altezza soggette a frequenti crolli (Cherubini & Zezza, 1982).

Dal punto di vista idrogeologico i caratteri di permeabilità mista per fratturazione e carsismo delle rocce

garganiche hanno permesso l'instaurarsi di una falda acquifera "principale" occupante l'intero promontorio

garganico (Cotecchia & Magri, 1966). Esclusivamente nell'area tra Vico del Gargano e Ischitella, l'instaurarsi

di condizioni stratigrafiche particolari, e cioè la sovrapposizione di terreni permeabili (Formazione di Monte

S. Angelo e Formazione di M. Acuto) al di sopra di un terreno praticamente impermeabile (Marne a

Fucoidi), ha permesso lo sviluppo di una falda "secondaria", completamente isolata da quella principale. La

falda principale risulta isolata dagli adiacenti acquiferi del Tavoliere delle Puglie, tramite la Faglia del T.

Candelaro, che divide il Promontorio dalla pianura, sia dal punto di vista idrogeologico che da quello

morfologico (Cotecchia & Magri, 1966).

Questa falda principale risulta sostenuta dall'acqua marina, a causa della differente densità esistente tra le

due acque. Il livello piezometrico della falda principale si trova poco al di sopra del livello medio del mare in

prossimità della costa e del perimetro del Lago di Varano, mentre sale a diverse decine di metri nella parte

interna del promontorio (Grassi & Tadolini, 1992).

La falda secondaria, di ridotte dimensioni rispetto a quella principale, ha un livello di base (formato dalle

Marne a Fucoidi) posto sempre a quote maggiori di 100 m. Il deflusso complessivo di questa piccola falda

risulta di circa 150 litri al secondo (Cotecchia & Magri, 1966).

Naturalmente, il drenaggio delle due falde viene esplicato da numerose sorgenti. Molte sorgenti alimentate

dalla falda principale affiorano lungo il bordo del Lago di Lesina e di Varano, ed in alcuni casi all'interno di

esso, sotto forma di sorgenti subacquee ascendenti chiamate "polle".

10
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

Altre sorgenti sono presenti lungo tutto il bordo orientale del Gargano. La falda secondaria viene drenata

da numerose sorgenti di versamento con una portata modesta che non eccede i pochi litri al secondo.

Recenti studi (Degiovanni, 2004) ribadiscono il condizionamento tettonico del flusso idrico sotterraneo.

Secondo questo autore è possibile suddividere il Gargano in cinque zone a differente idrogeologia in

relazione all’andamento delle principali faglie trascorrenti.

L’Unità di Sannicandro Garganico-Lesina è costituita da depositi sciolti quaternari su formazioni calcaree

con falda in pressione e con una salinità di circa 3,5 g/l.

I depositi stessi sono sede di acquiferi superficiali posti su livelli differenti con spessore che va riducendosi

verso Sannicandro. In pratica le acque della falda principale, defluiscono verso il lago di Lesina, ove si

formano sorgenti con portata media complessiva stimata intorno ai 550 l/sec.

Lungo la fascia lacustre sono stati terebrati numerosi pozzi le cui acque presentano valori di contenuto

salino che dai circa 2 g/l possono talora raggiungere anche i 18 g/l ( P.T.C.P. – Analisi fisica integrata,

Provincia di Foggia, 2008).

Figura 3 - unità idrogeologiche e caratteri di permeabilità del Gargano (da Degiovanni A., 2004)

11
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

2.1.3 USO DEL SUOLO

L’area intercomunale è costituita dai territori di sei comuni, compreso quello di San Nicandro. Sviluppa una

superficie totale di circa 94.000,00 ha con circa il 47 % (circa 50.000,00 ha) della superficie territoriale

interessata ad attività agricole (superficie agricola utilizzata- SAU). Relativamente all’uso del suolo

prevalgono i seminativi, che interessano circa il 60% della SAU totale (Censimento dell’Agricoltura 2000).

Significative appaiono (15% della SAU), altresì, le coltivazioni legnose agrarie rappresentate

prevalentemente da uliveti.

In riferimento alla distribuzione geografica dei vari comparti agricoli si evidenzia una forte concentrazione

sul versante sud-est dell’area di studio della coltivazioni a seminativi. In particolare tali colture interessano i

comprensori comunali di, Apricena, Poggio Imperiale, e San Marco in Lamis. Per quanto concerne le

coltivazioni legnose, queste risultano concentrate nelle zone a ridosso delle aree forestali. I comuni

maggiormente occupati da uliveti sono Cagnano Varano e San Nicandro Garganico.

In relazione, invece, alle superfici boscate, queste risultano prevalentemente distribuite nella fascia più ad

ovest del comprensorio, interessando i comuni di San Nicandro Garganico e San Marco in Lamis.

In riferimento all’evoluzione storica dell’uso del suolo, relativa al trentennio 1970 - 2000 (Censimenti

dell’Agricoltura Anni 1970, 1980, 1990, 2000) si evidenzia un decremento pari a circa il 25% della SAU totale

(grafico 4.12), attribuibile alla contrazione dei prati pascoli (da 26.000 ha a 16.000 ha) e dei seminativi (da

35.000 ha a 31.000 ha).

2.1.4 SISTEMA FORESTALE

Il comprensorio intercomunale oggetto di studio si trova alle propaggini nord della Regione Puglia e per

buona parte ricade nel Parco Nazionale del Gargano (Zona 2, ed in parte Zona 1).

Per quanto riguarda gli aspetti ambientali e naturalistici, la zona in esame ospita boschi di varia origine e

composizione, i due laghi costieri di Lesina e Varano, le doline (in particolare la dolina Pozzatina in agro di

San Nicandro Garganico), le pinete costiere di pino d’Aleppo, le grandi formazioni a macchia mediterranea

12
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

e gli uliveti. Il comprensorio ricade inoltre a ridosso della Foresta Umbra, riserva biogenetica di notevole

importanza situata al centro del promontorio del Gargano.

All’interno dell’area rivestono notevole importanza le aree boscate estese nei territori di San Nicandro

Garganico, Cagnano Varano e San Marco in Lamis. Si tratta principalmente di boschi di latifoglie in cui le

specie predominanti sono il cerro ed il carpino. Molto presenti e notevolmente sviluppate sono, inoltre, le

pinete di pino d’Aleppo, alle propaggini orientali del territorio e nelle zone costiere. Le pinete costituiscono

uno degli elementi di qualificazione paesaggistica tipico del Gargano nord e spesso derivano dai

rimboschimenti effettuati a scopi produttivi (resina e legname).

Non si può, inoltre, prescindere dal richiamare le grandi formazioni a macchia mediterranea che

costituiscono un ecosistema complesso e importante dal punto di vista ambientale. Composte da lentisco,

ginepro, erica arborea, ginestra, fillirea, cisto, pruno, perastro, biancospino, e tantissime altre, adornano i

litorali, le grotte, le pareti rocciose ed il sottobosco di boschi ecologicamente maturi. Una caratteristica

formazione di questo tipo si trova proprio a San Nicandro Garganico, nei pressi di Torre Mileto dove una

associazione di olivastro, lentisco e fillirea costituisce l’espressione più termofila della macchia stessa.

Infine di notevole importanza e diffusione sono, nel territorio in esame, gli esemplari arborei monumentali.

Oltre agli ulivi, di dimensioni e forme spettacolari, troviamo fra gli altri gli olivastri di Torre Mileto e Monte

d’Elio ed i cerri colonnari del bosco di Spina Pulci.

2.1.5 ASSETTO INFRASTRUTTURALE

Per l’analisi delle infrastrutture per la mobilità si fa riferimento alla relazione sul sistema della mobilità,

facente parte del PTCP della Provincia di Foggia.

Il territorio provinciale viene suddiviso in tre macroambiti (Tavoliere, Subappennino e Gargano), per

ognuno dei quali viene effettuata un’analisi del sistema della viabilità e del trasporto stradale.

Il Tavoliere presenta una struttura della rete stradale che, fatta eccezione per Lucera, è organizzata tutta a

ridosso del corridoio multimodale San Severo – Foggia – Cerignola lungo il quale corre la strada statale 16

“Adriatica”, l’autostrada A14 e la linea ferroviaria Bologna – Bari. Le radiali principali sono inframezzate da

13
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

una serie di strade secondarie di discrete caratteristiche e collegate tra loro da una fitta trama di trasversali

minori.

Al contrario, le reti stradali del Subappennino e del Gargano risentono pesantemente dei vincoli orografici e

presentano, quasi ovunque, caratteristiche geometrico-funzionali scadenti. Fanno eccezione la Strada a

Scorrimento Veloce del Gargano tra Poggio Imperiale e Vico, che ha sezione ed andamento plano-

altimetrico propri di una strada del tipo C1, e la variante alla statale 89 tra Manfredonia e Masseria

Mattinatella, anch’essa parzialmente adeguata al tipo C.

Lo stato di manutenzione della rete stradale provinciale è generalmente scadente sia nella segnaletica che

nell’arredo funzionale. Sono in sostanza assenti interventi di mitigazione della velocità e messa in sicurezza

della viabilità.

La rete ferroviaria è centrata su Foggia con l’eccezione della linea elettrificata delle ferrovie del Gargano,

che collega San Severo a Peschici-Calenella lungo la costa settentrionale del Gargano. Sulla linea Adriatica

sono in corso importanti lavori di ammodernamento che porteranno al completamento del raddoppio del

binario tra Termoli e San Severo e all’entrata in funzione a pieno regime di un sistema centralizzato di

controllo del traffico che consentirà importanti miglioramenti della linea.

Sono in fase di esecuzione i lavori di rettifica del tracciato sulla linea esistente tra San Severo e San

Nicandro che, oltre a consentire velocità di percorrenza più elevate, avvicineranno la ferrovia al popoloso

centro di Apricena.

Il sistema portuale negli ultimi anni ha subito un notevole degrado: dei tre porti del promontorio garganico

solo Manfredonia mantiene, oltre all’importante flotta peschereccia (la prima dell’Adriatico) seppure a

fatica, la dignità di porto commerciale, mentre gli approdi di Vieste e Peschici presentano sintomi di

progressivo abbandono accentuati da fenomeni di insabbiamento che ne limitano il pieno utilizzo per il

traffico turistico.

Questa situazione ha riflessi pesanti anche sull’accessibilità alle Isole Tremiti destinate a gravitare sempre

più sul porto molisano di Termoli. L’entrata in funzione del porto di Rodi ha già migliorato i collegamenti

diretti dal Gargano verso le isole Tremiti a partire dal Gargano. La creazione dei subsistemi portuali pugliesi,

14
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

nel caso specifico l’Autorità portuale del Levante, può costituire infine per il porto industriale di

Manfredonia l’occasione di un rilancio nell’ottica della specializzazione funzionale dei porti pugliesi in base

alle rispettive caratteristiche e potenzialità.

2.1.6 ASSETTO INSEDIATIVO

I centri abitati, tutti di origine antica, dei Comuni dell’area del Gargano sono cresciuti dagli anni ’70 in poi in

maniera disomogenea a causa della crescente richiesta di abitazioni e dell’aumento del turismo, portando

alla nascita di nuove aree insediative con la conseguente alterazione dei contesti naturali ed agricoli.

La comparsa di piccoli agglomerati di edificato sparso lungo le strade ha portato ad una crescita urbana

spesso spontanea e non pianificata con conseguente scarsa qualità del patrimonio edilizio e delle

attrezzature per servizi.

Tuttavia il sistema rurale, rimasto quasi inalterato, ha risentito meno dei flussi turistici (concentrati sulle

aree costiere), per il quale le masserie rimangono il centro focale dell’organizzazione agraria.

I sistemi fondativi dell’identità locale e dei modelli di interrelazione del territorio garganico sono quello dei

centri storici, dei centri e delle attività religiose, quello costiero delle torri e dei porti e quello rurale delle

masserie.

Le fasi principali della formazione del sistema garganico mostrano il sistema di permanenze fisiche e

culturali che legano i 18 comuni tra loro e con il sistema degli altopiani, dei boschi e dei pascoli. I singoli

beni architettonici sono in buono stato di conservazione e di integrità con caratteristiche di elevata qualità

ambientale e paesistica dei contesti in cui sono inseriti.

Le aree di Rodi e Vico sono contraddistinte dalla presenza di “casini” per la coltura degli agrumeti; le aree di

Cagnano e Carpino sono caratterizzate prevalentemente da fabbricati rurali di piccole e medie dimensioni;

le aree di Manfredonia, Monte Sant’Angelo e Mattinata sono caratterizzate da densità di masserie di

qualità architettonica significativa.

15
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

2.1.7 SISTEMA TURISTICO

Per l’analisi del sistema turistico si fa riferimento alla relazione sulla struttura socioeconomica, facente

parte del PTCP della Provincia di Foggia.

Il sistema turistico della provincia di Foggia era nel 2006 il primo per presenze turistiche in Puglia (circa 4,5

milioni). Il turismo è da ricondursi in via pressoché esclusiva con la destinazione Gargano e San Giovanni

Rotondo. I flussi turistici del capoluogo sono caratterizzati da un elevato grado di omogeneità in tutti i

periodi dell’anno in ragione della vocazione affaristica. Le principali destinazioni del Gargano (Vieste, Rodi,

Peschici, Mattinata) evidenziano nel periodo 2000-2006 un trend di crescita positivo.

L’analisi del modello di ricettività turistica della provincia di Foggia evidenzia una prevalenza di ricettività

extra-alberghiera rispetto alla ricettività alberghiera, dato che appare in linea con il dettaglio regionale. Con

riferimento alla ricettività alberghiera si segnala la netta prevalenza di alberghi a 3 stelle, mentre in

riferimento a quella extra-alberghiera si registra la netta prevalenza di campeggi, villaggi turistici ed alloggi

in affitto. L’analisi della distribuzione delle presenza nelle differenti tipologie di strutture ricettive evidenzia

la rilevanza di campeggi e villaggi turistici nel modello di accoglienza turistica della provincia.

16
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

2.2 PIANIFICAZIONE SOVRAORDINATA DI AREA VASTA

2.2.1 PIANO DEL PARCO DEL GARGANO

Il parco nazionale del Gargano, istituito ai sensi della Legge 394 del 6 dicembre 1991, è un’area naturale

protetta di cui fanno parte anche le Isole Tremiti (riserva marina), la Foresta Umbra e le due lagune situate

nella parte nord-occidentale, il lago di Lesina ed il Lago di Varano.

Secondo quanto riportato nel decreto istitutivo dell’Ente Parco Nazionale del Gargano (D.P.R. 5 giugno

1995, approvato con D.M.13.09.1998, integrato con D.M. 16.10.2013), l'area del Parco (con una superficie

di 121.118 ha) è suddivisa nelle seguenti zone:

• zona 1: di rilevante interesse naturalistico, paesaggistico e culturale con limitato o inesistente grado

di antropizzazione;

• zona 2: di valore naturalistico, paesaggistico e culturale con maggior grado di antropizzazione.

Gli strumenti di gestione dell’Ente Parco del Gargano, tra cui il Piano ed il Regolamento, sono attualmente

in avanzata fase di redazione.

Il Piano antincendio è invece stato approvato con nota 0003752/PNM del 25/02/2014 dal Ministero

dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare -Direzione Generale per la Protezione della Natura e

del Mare (in attesa dell’intesa con la Regione Puglia).

2.2.2 POR PUGLIA 2014-2020

Il POR (Programma Operativo Regionale) è il documento di programmazione per l'utilizzo dei Fondi

Strutturali Europei integrati da quelli del Ministero dell'Economia e delle Finanze e da quelli della Regione

Puglia.

La Puglia è una regione EuroMediterranea sempre più aperta al contesto esterno: è questa la dimensione in

cui la regione si riconosce ed è in questo scenario che sono state pensate e realizzate le politiche regionali

17
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

degli ultimi anni. Le politiche rivolte al sistema delle imprese, all’innovazione, ai distretti produttivi e

tecnologici, all’investimento sulla scuola e sull’università, alla lotta contro la dispersione scolastica, alla

maggiore qualità ambientale, si collocano nel contesto più ampio del rilancio della strategia europea di

sviluppo denominata Europa 2020 incentrata su tre specifiche priorità:

• crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione, puntando

su innovazione, istruzione, formazione, formazione continua e società digitale;

• crescita sostenibile: promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e

più competitiva, agendo su competitività, lotta al cambiamento climatico, energia pulita ed

efficiente;

• crescita inclusiva: promuovere un'economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la

coesione sociale e territoriale, puntando su occupazione, competenze, lotta alla povertà.

Il punto di partenza per la definizione della strategia regionale è stato la valutazione dei progressi compiuti

verso il conseguimento degli obiettivi di Europa 2020 e dei risultati della programmazione 2007-2013 che

determinano il posizionamento della Puglia nel più ampio scenario nazionale e comunitario.

Il POR 2014-2020 ha individuato i seguenti assi prioritari e obiettivi tematici:

1. Rafforzare la ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione;

2. Migliorare l’accesso alle TIC, nonché l’impiego e la qualità delle medesime;

3. Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese, il settore agricolo e il settore della

pesca e dell'acquacoltura;

4. Energia sostenibile e qualità della vita;

5. Promuovere l'adattamento al cambiamento climatico, prevenzione e gestione dei rischi;

6. Preservare e tutelare l’ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse;

7. Promuovere sistemi di trasporto sostenibili ed eliminare le strozzature nelle principali infrastrutture

di rete;

8. Promuovere l'occupazione sostenibile e di qualità e sostenere la mobilità dei lavoratori;

18
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

9. Promuovere l’inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione;

10. Investire nell'istruzione, formazione e formazione professionale, per le competenze e

l'apprendimento permanente;

11. Rafforzare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate;

12. Rafforzare la capacità istituzionale delle autorità.

2.2.3 PIANO DI SVILUPPO RURALE FEASR 2014-2020

Il FEASR (REG. CE n. 473/2009/2009) rappresenta uno strumento di finanziamento della politica agricola

comune (PAC) e contribuisce a migliorare: la competitività del settore agricolo e forestale, l'ambiente e il

paesaggio e la qualità della vita nelle zone rurali e la diversificazione dell'economia rurale.

ll Programma di sviluppo rurale della Puglia (approvato con DGR n. 2249 del 28/10/2014) per il periodo di

programmazione 2014-20 presenta tre obiettivi trasversali:

• Innovazione: la promozione e la diffusione delle innovazioni;

• Ambiente: la tutela dell’ambiente;

• Cambiamenti climatici: la mitigazione dei cambiamenti climatici e loro adattamento.

La programmazione regionale individua le seguenti priorità:

1. Promuovere il trasferimento di conoscenze e l’innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle

zone rurali;

2. Potenziare in tutte le regioni la redditività delle aziende agricole e la competitività dell'agricoltura in

tutte le sue forme e promuovere tecnologie innovative per le aziende agricole e la gestione

sostenibile delle foreste;

3. Promuovere l'organizzazione della filiera alimentare, comprese la trasformazione e la

commercializzazione dei prodotti agricoli, il benessere degli animali e la gestione dei rischi nel

settore agricolo;

4. Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all'agricoltura e alla silvicoltura;

19
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

5. Incentivare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio e

resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale;

6. Adoperarsi per l’inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone

rurali.

Con riferimento all'area interessata, il Programma di sviluppo rurale della Puglia ha classificato il territorio

comunale di San Nicandro Garganico in area rurale ad agricoltura intensiva specializzata (zone B).

2.2.4 PROGRAMMA REGIONALE PER LA TUTELA DELL'AMBIENTE

Il Programma di azioni per l'ambiente (approvato con Del. G.R. n. 1641/2007, aggiornato con Del. G.R. n.

1038 del 26 aprile 2010) risulta articolato nei seguenti dieci Assi:

• Asse 1: Normative regionali in materia di tutela ambientale;

• Asse 2: Aree naturali protette, natura e biodiversità;

• Asse 3: Sostegno per le Autorità per la gestione rifiuti urbani nei diversi bacini di utenza;

• Asse 4: Tutela e pulizia delle aree costiere;

• Asse 5: Tutela della qualità dei suoli e bonifica dei siti inquinati;

• Asse 6: Sviluppo dell'attività di monitoraggio e controllo ambientale;

• Asse 7: Definizione di piani regionali di qualità ambientale, e potenziamento dell'operatività

regionale in materia di tutela delle acque;

• Asse 8: Sviluppo delle politiche energetiche ambientali finalizzate alla riduzione delle emissioni

nocive;

• Asse 9: Adeguamento della struttura regionale, della comunicazione istituzionale e della

formazione in campo ambientale;

• Asse 10: Aggiornamento dei piani di attuazione provinciali.

Il Programma si sviluppa attraverso le tre seguenti tipologie di azione:

20
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

• azioni a titolarità regionale: curate e gestite direttamente dalla Regione;

• azioni a regia regionale: sviluppate attraverso il finanziamento di piani proposti ed attuati dalle

Province;

• finanziamento leggi regionali per l'ambiente: in particolare L.R. n. 3/2002 sull'inquinamento

acustico.

2.2.5 PIANO REGIONALE DELLE COSTE – PRC

La Regione Puglia ha approvato con L.R. n.17 del 2006 “Disciplina della tutela e dell’uso della costa” di cui il

PRC è strumento attuativo.

Il PRC prevede di:

• effettuare studi, indagini e rilievi sulle dinamiche naturali del sistema geomorfologico e meteo

marino, nonché stabilire le linee guida per la progettazione delle opere d’ingegneria costiera;

• disciplinare le attività e gli interventi per garantire la valorizzazione e la conservazione dell’integrità

fisica e patrimoniale dell’area costiera;

• garantire il corretto utilizzo delle aree demaniali marittime per finalità turistico- ricreative ed

evitarne l’utilizzo per scopi industriali.

La costa regionale è stata suddivisa in Unità Fisiografiche. Queste individuano tratti di costa in cui il

trasporto solido, dovuto al moto ondoso e alle correnti litoranee, è confinato. In genere, le unità

fisiografiche sono delimitate da promontori le cui conformazioni non consentono l’ingresso e/o l’uscita di

sedimenti dal tratto di costa. Insieme alle “unità fisiografiche naturali” sono state considerate anche le

“unità fisiografiche antropiche”, ossia quei tratti di costa compresi tra un promontorio e un’opera a mare,

portuale o di difesa, le cui estremità sono realizzate su fondali con profondità superiore a 10 metri. Dette

opere a tutti gli effetti sono degli sbarramenti del trasporto solido longitudinale.

Per un’analisi di maggior dettaglio, all’interno di ogni Unità Fisiografica sono state individuate delle Sub-

Unità delimitate o da piccoli promontori o da opere a mare le cui estremità sono realizzate su fondali con

21
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

profondità inferiore a 10 metri. La costa pugliese, ad esclusione delle Isole Tremiti, si estende per circa 940

km ed è costituita per il 33% da spiagge sabbiose, per il 33% da coste rocciose basse, per il 21% da alte

falesie, e per il 5% da tratti antropizzati.

Il Comune di San Nicandro Garganico rientra nell’unità fisiografica U.F.1 e nella sub-unità fisiografica

S.U.F.1.1 “Chieuti – Peschici).

Il PRC individua sulla fascia demaniale della costa diversi livelli di criticità all’erosione dei litorali sabbiosi

(indicati con la lettera C, con valori elevato, medio, basso), e diversi livelli di sensibilità ambientale associata

alle caratteristiche del territorio(indicati con la lettera S, con valori elevato, medio, basso). Le classi di

criticità condizionano il rilascio delle concessioni demaniali; mentre le classi di sensibilità ambientale

condizionano i tipi di concessioni demaniali e le modalità di contenimento dei relativi impatti.

La costa di San Nicandro Garganico ha una lunghezza pari a 4.430 ml di cui:

• il 14% è caratterizzato da media criticità e sensibilità (C2S2);

• il 33% è caratterizzato da bassa criticità e media sensibilità (C3S2);

• il 53% è caratterizzato da bassa criticità e sensibilità (C3S3).

Le Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regionale delle Coste, prevedono che, in generale, deve essere

evitato il rilascio di concessioni demaniali nelle zone caratterizzate da criticità elevata e comunque, salvo

impossibilità di poter disporre – nel territorio comunale – di zone caratterizzate da bassa e/o media

criticità, esso deve essere differito nel tempo per consentire processi di stabilizzazione dei fenomeni erosivi.

Nelle zone caratterizzate da media criticità il rilascio delle concessioni demaniali, salvo impossibilità di poter

disporre – nel territorio comunale – di zone caratterizzate da bassa criticità, deve essere subordinato

all’accertamento che i fenomeni erosivi si siano stabilizzati. Il rilascio delle concessioni demaniali è, invece,

di norma consentito nelle zone caratterizzate da bassa criticità.

Nelle zone caratterizzate da elevata sensibilità ambientale è di norma vietato il rilascio di concessioni

demaniali e comunque, salvo impossibilità di poter disporre – nel territorio comunale – di zone

caratterizzate da bassa e/o media sensibilità, possono essere previste in via prioritaria Spiagge Libere con

22
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

Servizi (SLS) e, in via subordinata, Stabilimenti Balneari (SB). In entrambi i casi, i servizi minimi di spiaggia

devono essere molto contenuti ed essenzialmente limitati al chiosco bar-direzione e ai servizi

igienicosanitari, da definirsi comunque attraverso metodologie di verifiche di tipo ambientale.

2.2.6 PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE – PEAR

Il Piano, teso ad illustrare le linee di indirizzo che la Regione Puglia intende porre per definire una politica di

governo sul tema dell’energia conforme a quella nazionale ed internazionale, sia per quanto riguarda la

domanda sia per quanto concerne l’offerta, è stato adottato con Delibera di Giunta Regionale n° 827 del

08/06/2007.

L'incarico affidato prevede anche la redazione di una specifica relazione di Valutazione Ambientale

Strategica (VAS) che accompagnerà la redazione del Piano ed un'attività di supporto tecnico

all'Amministrazione Regionale nella fase di consultazione con gli enti locali, le realtà socio-economiche e le

associazioni.

Il PEAR contiene indicazioni circa i "punti caldi" della politica energetica come il carbone, l'eolico, le

emissioni di CO2, il solare, i rigassificatori, il nucleare e l'idrogeno. L'analisi riportata nel PEAR è volta a

identificare le linee caratterizzanti la pianificazione energetica regionale, articolandosi in considerazioni

riguardanti sia l'aspetto della domanda che dell'offerta di energia. Particolare attenzione è posta al rispetto

degli impegni di Kyoto richiamando il concetto di un proficuo ricorso alla elevata differenziazione delle

risorse energetiche privilegiando le fonti rinnovabili ed a basso impatto ambientale.

Il Piano è strutturato in tre parti:

• il contesto energetico regionale e la sua evoluzione, in cui si riporta l’analisi del sistema energetico

della Regione Puglia, basata sulla ricostruzione, per il periodo 1990-2004, dei bilanci energetici

regionali;

23
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

• gli obiettivi e gli strumenti, in cui si delineano le linee di indirizzo che la Regione intende porre per

definire una politica di governo sul tema dell’energia, sia per quanto riguarda la domanda sia per

quanto riguarda l’offerta;

• la valutazione ambientale strategica, con l’obiettivo di verificare il livello di protezione

dell’ambiente a questo, integrando considerazioni di carattere ambientale nelle varie fasi di

elaborazione e di adozione.

2.2.7 PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITA' ESTRATTIVE – PRAE

Il Piano Regionale delle Attività Estrattive, approvato con Del. G.R. n. 580 del 15 maggio 2007, persegue le

seguenti finalità:

• pianificare e programmare l’attività estrattiva in coerenza con gli altri strumenti di pianificazione

territoriale, al fine di contemperare l’interesse pubblico allo sfruttamento delle risorse del

sottosuolo con l’esigenza prioritaria di salvaguardia e difesa del suolo e della tutela e valorizzazione

del paesaggio e della biodiversità;

• promuovere lo sviluppo sostenibile nell’industria estrattiva, in particolare contenendo il prelievo

delle risorse non rinnovabili e privilegiando, ove possibile, l’ampliamento delle attività estrattive in

corso rispetto all’apertura di nuove cave;

• programmare e favorire il recupero ambientale e paesaggistico delle aree di escavazione

abbandonate o dismesse;

• incentivare il reimpiego, il riutilizzo ed il recupero dei materiali derivanti dall’attività estrattiva.

2.2.8 PIANO REGIONALE DEI TRASPORTI – PRT

Il Piano Regionale dei Trasporti (PRT) è stato istituito con la legge n. 151 del 10 aprile 1981 “legge quadro

per l’ordinamento, la ristrutturazione ed il potenziamento dei trasporti pubblici locali”, introdotta al fine di

24
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

fissare “i principi fondamentali cui le regioni a statuto ordinario devono attenersi nell’esercizio delle

potestà legislative e di programmazione, in materia di trasporti pubblici locali (art. 1)”.

Nel 2001 con il Piano Generale dei Trasporti e della Logistica (PGT) sono state definite le Linee Guida per la

redazione e la gestione dei PRT. Il documento ha voluto promuovere un effettivo rinnovamento nelle

modalità di predisposizione dei PRT, assicurare il massimo coordinamento con le scelte del PGT e

consentire un facile confronto tra le proposte dei vari PRT.

Il PGT, infatti, indicando obiettivi, vincoli, metodologie e strategie per la pianificazione dei trasporti a livello

regionale, ha fatto si che i PRT non vengano più intesi come mera sommatoria di interventi infrastrutturali,

ma si configurino come progetti di sistema con il fine di assicurare una rete di trasporto che privilegi le

integrazioni tra le varie modalità, favorendo quelle a minor impatto sotto il profilo ambientale.

Anche la Puglia, in ossequio ai principi normativi fissati a livello europeo e nazionale ha redatto il Piano

Attuativo del PRT 2009-2013. Gli obiettivi che il Piano si pone di raggiungere nei prossimi anni sono quelli di

ampliare la mobilità interna, potenziare i collegamenti del sistema regionale nell’ambito delle reti nazionali

e internazionali e, rendere competitivo il sistema economico pugliese nell’ambito del settore trasportistico.

Il Piano Attuativo del PRT è stato elaborato dall'Assessorato alla Mobilità della Regione secondo i principi

fissati dall’art. 7 della L.R. 18/2002, che contiene il “Testo unico sulla disciplina del trasporto pubblico

locale” come modificato dalla L.R. 32/2007, e sulla base dei contenuti approvati dal Consiglio regionale con

la L.R. 16 del 23 giugno 2008 concernente i “Principi, indirizzi e linee di intervento in materia di Piano

Regionale dei Trasporti”.

Con la Delibera di Giunta Regionale n. 2063 del 9 ottobre 2014, la Regione Puglia ha approvato gli indirizzi

strategici del Piano Attuativo del Piano Regionale dei Trasporti e del Piano Triennale dei Servizi ed ha

predisposto l’avvio degli aggiornamenti ai sensi della L.R. 44/2012 “Disciplina regionale in materia di VAS”.

In attuazione della citata Legge regionale è stato emanato il Regolamento Regionale 9 ottobre 2013, n. 18,

che disciplina i procedimenti di valutazione ambientale strategica e verifica di assoggettabilità a VAS di piani

e programmi.

25
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

Facendo seguito all’avvio del processo di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Regionale Trasporti –

Piano Attuativo 2015-2019 e Piano Triennale dei Servizi, è stato redatto il Rapporto Preliminare di

Orientamento con la finalità di definire i profili d’integrazione della dimensione ambientale nei Piani e di

individuarne gli ambiti d’influenza, ossia i contesti territoriali e programmatici in cui esso si inserisce. Le

informazioni contenute nel documento costituiscono la base per la consultazione preliminare con i soggetti

competenti in materia ambientale e gli enti territoriali interessati come individuati nella succitata D.G.R..

2.2.9 PIANO URBANISTICO TERRITORIALE TEMATICO DEL PAESAGGIO - PUTT/P

Attualmente nella Regione Puglia è vigente il Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio

(P.U.T.T./P.) approvato con delibera Giunta Regionale n°1748 del 15 Dicembre 2000, in adempimento di

quanto disposto dalla L. n°431 del 8 Agosto 1985 e disciplinato dalla L.R. n°56 del 31 Maggio 1980.

Il Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio (P.U.T.T./P.) disciplina i processi di trasformazione

fisica e l'uso del territorio allo scopo di tutelarne l'identità storica e culturale, rendere compatibili la qualità

del paesaggio, delle sue componenti strutturanti, e il suo uso sociale, promuovere la salvaguardia e

valorizzazione delle risorse territoriali.

Il PUTT/P sotto l'aspetto normativo si configura come un piano urbanistico territoriale con specifica

considerazione dei valori paesistici ed ambientali, come previsto dall'art.149del D.Lgs. n°490 del 29/10/99,

e risponde ai requisiti di contenuto di cui alle lettere c) e d)dell'art.4 della L.R. n.56/80 e di procedura di cui

all'art.8 della stessa legge regionale.

Il Campo di applicazione del PUTT/P riguarda le categorie dei beni paesistici di cui al Titolo II del D.L.

n.490/29.10.99, al comma 5° dell'art.82 del D.P.R. 24.07.77 n.616 (così come integrato dalla legge

n.431/85), con le ulteriori articolazioni e specificazioni (relazionate alle caratteristiche del territorio

regionale) individuate nel PUTT/P stesso.

Il PUTT/P interessa l'intero territorio regionale e le norme ne regolano l'attuazione e la disciplina. Il Piano si

articola con riferimento a elementi rappresentativi dei caratteri strutturanti la forma del territorio e dei

26
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

suoi contenuti paesistici e storico-culturali, al fine di verificare la compatibilità delle trasformazioni

proposte.

L’articolazione corrisponde a specifiche elaborazioni di Piano che si basano su:

• la suddivisione e perimetrazione del territorio regionale nei sistemi delle aree omogenee per i

caratteri costitutivi fondamentali delle strutture paesistiche quali:

a) sistema delle aree omogenee per l'assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico;

b) sistema delle aree omogenee per la copertura botanico/vegetazionale e colturale e del contesto

faunistico attuale e potenziale che queste determinano;

c) sistema delle aree omogenee per i caratteri della stratificazione storica dell'organizzazione

insediativa;

• l’ individuazione e classificazione degli ordinamenti vincolistici vigenti;

d) l’individuazione e classificazione delle componenti paesistiche costitutive della struttura territoriale

con riguardo alla specificità del contesto regionale, e ordinate in riferimento ai sottosistemi di cui

sopra;

e) la definizione e regolamentazione degli interventi e opere aventi carattere di rilevante

trasformazione territoriale interessanti una o più aree;

Il contenuto normativo del Piano si articola nella determinazione di:

• “Obiettivi” generali e specifici di salvaguardia e valorizzazione paesistica;

• ”Indirizzi” di orientamento per la specificazione e contestualizzazione degli obiettivi di Piano e per

la definizione delle metodologie e modalità di intervento a livello degli strumenti di pianificazione

sottordinati negli ambiti territoriali estesi;

• “Direttive” di regolamentazione per le procedure e modalità di intervento da adottare a livello degli

strumenti di pianificazione sottordinati di ogni specie e livello e di esercizio di funzioni

amministrative attinenti la gestione del territorio;

27
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

• “Prescrizioni” di base direttamente vincolanti e applicabili distintamente a livello di salvaguardia

provvisoria e/o definitiva nel processo di adeguamento, revisione o nuova formazione degli

strumenti di pianificazione sottordinati, e di rilascio di autorizzazione per interventi diretti;

• “Criteri”di definizione dei requisiti tecnico-procedurali di controllo e di specificazione e/o

sostituzione delle prescrizioni di base di cui al punto che precede e delle individuazioni degli ambiti

territoriali di cui ai titoli II e III.

Le “prescrizioni” di base sono direttamente e immediatamente vincolanti, prevalgono rispetto a tutti gli

strumenti di pianificazione vigenti e in corso di formazione, e vanno osservate dagli operatori privati e

pubblici come livello minimo di tutela.

Eventuali norme più restrittive previste da strumenti di pianificazione vigenti o in corso di formazione,

da leggi statali e regionali, prevalgono sulle norme di attuazione.

Il Piano perimetra ambiti territoriali, con riferimento al livello dei valori paesaggistici, di:

• Valore eccezionale ("A"), laddove sussistano condizioni di rappresentatività di almeno un bene

costitutivo di riconosciuta unicità e/o singolarità, con o senza prescrizioni vincolistiche preesistenti;

• Valore rilevante ("B"), laddove sussistano condizioni di compresenza di più beni costitutivi con o

senza prescrizioni vincolistiche preesistenti;

• Valore distinguibile ("C"), laddove sussistano condizioni di presenza di un bene costitutivo con o

senza prescrizioni vincolistiche preesistenti;

• Valore relativo ("D"), laddove pur non sussistendo la presenza di un bene costitutivo, sussista la

presenza di vincoli (diffusi) che ne individui una significatività;

• Valore normale ("E"), laddove non è direttamente dichiarabile un significativo valore paesaggistico.

2.2.10 PIANO PAESAGGISTICO TERRITORIALE REGIONALE – PPTR

Il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio), unitamente alla

Legge regionale n. 20 del 7 ottobre 2009, “Norme per la pianificazione paesaggistica”, hanno innovato la

28
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

materia paesaggistica, con riferimento tanto ai contenuti, alla forma e all’iter di approvazione del piano

paesaggistico, quanto al procedimento di rilascio dell’autorizzazione paesaggistica.

Nel corso del 2007 l’Amministrazione Regionale ha avviato la redazione di un nuovo Piano Paesaggistico,

coerente con le recenti innovazioni legislative, con l’obiettivo di realizzare uno strumento capace di

riconoscere i principali valori del territorio della Regione, di definirne le regole d’uso e di trasformazione e

di stabilire le condizioni normative e progettuali per la costruzione del paesaggio.

Il Piano Paesaggistico Territoriale Regionale (PPTR), adottato con D.G.R. n. 1435 del 02/08/2013, èun piano

paesaggistico ai sensi degli artt. 135 e 143 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, con specifiche

funzioni di piano territoriale ai sensi dell'art. 1 della L.r. 7 ottobre 2009, n. 20 “Norme per la pianificazione

paesaggistica”.

Esso è rivolto a tutti i soggetti, pubblici e privati, e, in particolare, agli enti competenti in materia di

programmazione, pianificazione e gestione del territorio e del paesaggio.

Il PPTR persegue le finalità di tutela e valorizzazione, nonché di recupero e riqualificazione dei paesaggi di

Puglia, in attuazione dell'art. 1 della L.R. 7 ottobre 2009, n. 20 “Norme per la pianificazione paesaggistica” e

del D.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 “Codice dei beni culturali e del Paesaggio” e successive modifiche e

integrazioni, nonché in coerenza con le attribuzioni di cui all'articolo 117 della Costituzione, e

conformemente ai principi di cui all'articolo 9 della Costituzione ed alla Convenzione Europea sul Paesaggio

adottata a Firenze il 20 ottobre 2000, ratificata con L. 9 gennaio 2006, n. 14.

Il PPTR persegue, in particolare, la promozione e la realizzazione di uno sviluppo socioeconomico

autosostenibile e durevole e di un uso consapevole del territorio regionale, anche attraverso la

conservazione ed il recupero degli aspetti e dei caratteri peculiari dell’identità sociale, culturale e

ambientale, la tutela della biodiversità, la realizzazione di nuovi valori paesaggistici integrati, coerenti e

rispondenti a criteri di qualità e sostenibilità.

Le finalità perseguite dal PPTR sono ulteriormente declinate negli obiettivi generali e specifici delineati dallo

“Scenario strategico”.

Obiettivi dello “Scenario Strategico”:

29
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

• Potenziamento attività produttive per la valorizzazione del territorio;

• Valorizzazione delle risorse umane, produttive, istituzionali;

• Sviluppo di un’autosufficienza energetica locale, nel rispetto della qualità ecologico ambientale;

• Incremento delle infrastrutture per la valorizzazione del territorio;

• Sviluppo del turismo.

Nell’ambito dello scenario strategico vengono introdotti i “Cinque progetti territoriali per il paesaggio

regionale”:

• La Rete Ecologica Regionale;

• Il patto città-campagna;

• Il sistema infrastrutturale per la mobilità dolce;

• La valorizzazione e riqualificazione integrata dei paesaggi costieri;

• I sistemi territoriali per la fruizione dei beni patrimoniali.

La definizione della rete ecologica regionale si impernia, nell’ambito del territorio intercomunale analizzato,

sulla Laguna di Lesina, intesa come principale elemento di naturalità. La costa, di natura prevalentemente

sabbiosa, garantisce la connessione con i due adiacenti sistemi di naturalità, la foce del Fiume Fortore, ad

Ovest, e l’area boscata di San Nicandro Garganico che dal Promontorio del Gargano degrada verso Monte

Delio. Attraverso connessioni ecologiche di tipo terrestre il Piano prevede la ricucitura della Laguna all’altra

rete ecologica costituita dal Fiume Fortore e dalle sue principali diramazioni.

Lo scenario della mobilità dolce individua, inoltre, dei circuiti multimodali che collegano i paesaggi costieri

più conosciuti e pubblicizzati a quelli interni, meno conosciuti ma comunque di grande valore paesaggistico

e storico culturale, al fine di: valorizzare sinergicamente il patrimonio costiero e quello dell’entroterra,

integrare il turismo balneare con gli altri segmenti del turismo storico-culturale, naturalistico, rurale ed

enogastronomico, destagionalizzare i flussi turistici e decomprimere il sistema ambientale costiero.

Il Circuito della Capitanata è un percorso circolare di connessione tra il Sub-Appennino e il Gargano; è

costituito dal collegamento ferro-tramviario Lucera-Manfredonia, dal collegamento marittimo (di

30
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

circumnavigazione del Gargano) Manfredonia-Rodi Garganico e dal collegamento ferroviario Rodi

Garganico-San Severo-Foggia. I nodi d’interconnessione e accesso principali sono situati rispettivamente

nelle stazioni di Lucera, Foggia, Manfredonia, Rodi Garganico e San Severo. Lungo il percorso sono situati

una serie di nodi secondari di interconnessione e accesso ai percorsi ciclo-pedonali, agli assi multimodali

interno-costa e alle penetranti naturalistiche, situati nelle stazioni minori e negli approdi.

Il Piano si propone di trattare i beni culturali (puntuali e areali) in quanto sistemi territoriali integrati nelle

figure territoriali e paesistiche di appartenenza per la loro valorizzazione complessiva. La metodologia di

costruzione della Carta dei Beni Culturali prevede un percorso multiscalare di territorializzazione dei singoli

beni: dall’unità topografica (bene areale, puntuale o lineare), alla definizione del sito comprensivo di singoli

beni, alla definizione del contesto topografico stratificato (CTS) come insieme di siti, fino alla definizione del

Comprensorio come insieme territoriale di CTS di cui si definiscono le relazioni coevolutive.

Questa metodologia permette di superare una visione dei Beni culturali e paesaggistici come punti isolati,

interpretandoli e normandone l’uso in quanto sistemi territoriali complessi. La metodologia si intreccia con

quella dello studio dei processi di territorializzazione di lunga durata che permetterà di integrare i

Comprensori della Carta dei Beni Culturali nelle carte delle persistenze territoriali delle diverse civilizzazioni

storiche; permetterà inoltre di inserire i Comprensori come elementi caratterizzanti le figure territoriali del

PPTR, realizzando una unitarietà del sistema normativo e progettuale.

Nella tavola di progetto sono rappresentati:

• i CTS (Contesti Topografici Stratificati) fino ad ora individuati dalla Carta dei Beni culturali;

• gli areali che presentano una particolare densità di beni culturali tematici(masserie, trulli, ville,

oliveti monumentali, ecc.) individuati dallo studio della Sovrintendenza.

Le azioni da intraprendere sono:

• il recupero e la valorizzazione dei beni culturali;

• il recupero e la valorizzazione dei beni paesaggistici;

• la catalogazione informatizzata della Carta dei beni culturali;

31
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

• la perimetrazione delle città storiche;

• la fruizione dei contesti topografici stratificati.

Di particolare interesse all’interno del territorio preso in esame è il CTS (CTS_000010) “San Nicandro

Garganico – Sant’Annea”.

2.2.11 PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE – PTCP

Il PTCP della Provincia di Foggia, adottato dal Consiglio Provinciale in data 11.12.2008, individua e disciplina

le potenzialità e le criticità del territorio sotto il profilo paesaggistico, ambientale, culturale, della mobilità e

dei trasporti (come definito dalla lr 20/2001).

Dalla relazione di piano, si evince che il Piano Territoriale si configura come uno strumento che disegna una

cornice definita all’interno della quale incardinare le politiche di sviluppo provinciale; e si sviluppa a partire

dalle tre aree di stretta competenza provinciale: la tutela delle risorse territoriali, la localizzazione degli

elementi del sistema insediativo, le scelte d’uso del territorio.

Per quanto attiene ai PUG comunale, dal paragrafo 6.1 della Relazione sintetica del piano “l’attuazione del

piano – il PTCP e la pianificazione comunale”, si riporta: “al PTCP spetta un fondamentale compito di

raccordo tra gli strumenti della pianificazione regionale e specialistica e i piani comunali”.

Nell’ambito del PTCP il territorio comunale di San Nicandro Garganico ricade in due distinti ambiti

paesaggistici e viene incluso in un Piano Operativo Integrato oltre ad essere interessato dall’assetto

complessivo del territorio provinciale come viene di seguito descritto.

Il Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Foggia ha suddiviso l’intero territorio provinciale in

16 ambiti di paesaggio intesi come porzioni di territorio caratterizzati da una riconoscibile fisiografia e

identità geografica, da una specifica struttura e composizione del mosaico di ecosistemi naturali, agricoli,

urbani e delle strutture fondiarie, nonché da una ben definita tendenza delle dinamiche di uso dei suoli nel

corso dell’ultimo quarantennio.

32
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

Il territorio comunale di San Nicandro Garganico ricade in due distinti ambiti di paesaggio: la parte a valle

della SS 89 nell’ambito paesaggistico “12 Laghi costieri del Gargano” e la parte a monte nell’ambito

paesaggistico “14 Altopiani carsici del Gargano”, e per ciascuno di essi dal piano sono definite diverse

strategie e politiche di ambito.

L’ambito dei Laghi costieri del Gargano rappresenta un elemento significativo del sistema paesaggistico e

ambientale provinciale per la presenza dei due grandi specchi d’acqua separati dal mare da cordoni dunari,

gli istmi, che costituiscono habitat naturalistici di grande valore, contornati da lembi di pianura irrigua e da

colline a mosaico di vegetazione mediterranea e oliveti.

Per questo ambito il PTCP si prefigge obiettivi di tutela dell’integrità fisica degli habitat costieri, dunari e

lacustri, dei paesaggi rurali e degli spazi agricoli oltre all’integrità fisica ed estetico percettiva dei rilievi

collinari e prevede la salvaguardia della qualità degli ecosistemi lacustri (qualità delle acque e biodiversità)

ed il restauro paesaggistico delle aree costiere deturpate dagli insediamenti spontanei.

L’ambito degli Altopiani carsici del Gargano comprende il sistema di altopiani carsici che, dopo i

disboscamenti settecenteschi e ottocenteschi, vedono attualmente una espansione delle formazioni

arbustive e boschive di ricolonizzazione, favorite dall’abbandono colturale che ha contraddistinto l’ultimo

cinquantennio.

La strategia di piano per questo ambito prevede di guidare il processo di rimboschimento al fine di evitare

la progressiva chiusura con la conseguente semplificazione del mosaico ecologico e del paesaggio. Al fine di

preservare gli equilibri ecologici, l’assetto paesaggistico e la biodiversità, in questo ambito il piano

suggerisce di mantenere i presidi agricoli utilizzando le misure del Piano di sviluppo rurale per incentivare la

zootecnia montana e la gestione multifunzionale delle praterie delle conche e delle valli carsiche.

Con riferimento all’assetto del territorio provinciale il PTCP individua il Comune di San Nicandro Garganico

come “centro ordinatore”, inteso come centro che - per dimensione e presenza di servizi di scala

sovracomunale – può costituire il punto di riferimento per un gruppo di comuni, con specificità per quanto

riguarda la Produzione agricola e per il Turismo.

Per i centri ordinatori il PTCP ha previsto le seguenti direttive per la redazione dei PUG comunali:

33
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

a) nella definizione del dimensionamento urbano e residenziale del PUG deve essere assunto come

riferimento il fabbisogno derivante dai trend demografici degli ultimi 15 anni e dallo scenario

sociale auspicato;

b) nella definizione dell’offerta di servizi di livello sovracomunale afferenti alla pubblica

amministrazione, i piani comunali possono prevedere il rafforzamento delle strutture, sia mediante

razionalizzazione e ampliamento, sia mediante il trasferimento in strutture maggiormente idonee,

assicurando una efficiente connessione con la rete di trasporto pubblico prefigurata nel presente

piano; a tal fine, l’ampliamento e il trasferimento di servizi di livello sovracomunale sono

subordinati ad una specifica verifica di coerenza della localizzazione rispetto alle linee di trasporto

pubblico, esistenti e previste;

c) nella definizione dell’offerta di servizi di livello sovracomunale afferenti al settore terziario, è

ammesso l’insediamento di nuove di attività di rango sovracomunale (commercio, direzionale,

ricreativo) solamente ove legate alle specificità del territorio (che per il territorio di San Nicandro

Garganico sono la Produzione agricola e per il Turismo);

d) il consolidamento e la razionalizzazione delle funzioni esistenti sono ammessi secondo quanto

indicato al punto precedente;

e) l’insediamento di strutture per la grande distribuzione non è ammesso;

f) nella definizione dell’offerta di nuove aree produttive di carattere locale deve essere assunto lo

scenario del rafforzamento e miglioramento del livello occupazionale, del trend evolutivo delle

imprese locali, della quota di offerta potenziale già presente negli strumenti urbanistici vigenti e

nell’offerta pianificata nei Poli specializzati produttivi di livello sovracomunale.

I Piani Operativi Integrati costituiscono una modalità di attuazione del PTCP, finalizzata alla realizzazione di

interventi sul territorio, che richiede una progettazione interdisciplinare ed il ricorso a piani settoriali, oltre

all’azione coordinata ed integrata della Provincia, di uno o più Comuni o di altri Enti pubblici interessati

dalla pianificazione di settore.

34
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

Il territorio del Comune di San Nicandro Garganico ricade in parte nel “POI 2 Laghi costieri di Lesina e

Varano” per il quale, secondo le modalità di attuazione definite dal PTCP sono previsti i seguenti interventi:

a) Riqualificazione della parte della duna costiera interessata da insediamenti, con demolizioni di

parte delle strutture abusive e realizzazione delle reti tecnologiche indispensabili;

b) Moderazione del traffico lungo la strada costiera, da attrezzare come strada-parco;

c) Inserimento di strutture complementari quali esercizi di vicinato, pubblici esercizi e simili, in

prossimità degli addensamenti urbani;

d) Attivazione dei servizi di navigazione interna e realizzazione delle strutture di approdo;

e) Recupero dell’insediamento aeronavale dismesso di San Nicola;

f) Realizzazione di una “Porta delle Tremiti” intesa come approdo specializzato a servizio della

domanda proveniente dall’autostrada, onde offrire un collegamento con le isole in grado di

competere come tempi complessivi di viaggio con Termoli. Tale ipotesi, subordinata a Studio di

fattibilità, richiede l’adeguamento della viabilità di connessione con il casello di Poggio Imperiale e

la realizzazione di un parcheggio per la sosta lunga e relativi servizi in adiacenza al nuovo approdo.

Tra gli interventi previsti nel POI la realizzazione di strutture di approdo e la realizzazione di una “Porta

delle Tremiti” interessano direttamente il Comune di San Nicandro Garganico.

2.2.12 PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI AREA VASTA "CAPITANATA 2020"

Il Piano Strategico di Area Vasta “Capitanata 2020” ha come obiettivo l'identificazione di un progetto

comune ("vision") per il territorio coinvolto, la ricerca dei punti di coerenza nelle azioni di tutti i soggetti

coinvolti nel progetto comune e l’identificazione delle strategie, delle politiche e delle azioni per realizzare

il progetto comune.

L'area vasta è un’area che si caratterizza per un’interdipendenza economica, sociale e territoriale. Essa

nasce per la necessità di definire priorità e obiettivi che superano il livello provinciale, soprattutto in

35
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

riferimento alla specificazione e alla localizzazione di servizi particolari. Tali servizi sono connessi alle

strategie, politiche e azioni per realizzare la "vision" del Piano strategico.

La Regione Puglia ha scelto di co-pianificare con i territori la spesa del ciclo di programmazione dei fondi

comunitari 2007-2013. Tale co-pianificazione avviene con il metodo della pianificazione strategica.

La pianificazione strategica, nata essenzialmente per rispondere alle esigenze di pianificazione delle città, è

stata estesa a includere porzioni omogenee e interdipendenti di territorio, anche considerando le

specificità degli obiettivi della Strategia di Lisbona. I diversi enti locali pugliesi hanno scelto volontariamente

di associarsi, riconoscendo alcuni fattori di interdipendenza economica, sociale e territoriale, costituendo

così 10 aree vaste.

L'area vasta che interessa il Piano strategico "Capitanata 2020 - Innovare e Connettere" si estende

all'interno della provincia di Foggia, su 4.691,45 chilometri quadrati di superficie e coinvolge una

popolazione di 541.925 abitanti. Per il Piano strategico di area vasta "Capitanata 2020 - Innovare e

Connettere" sono associati i Comuni di Apricena, Cagnano Varano, Carapelle, Carpino, Cerignola, Chieuti,

Foggia, Ischitella, Isole Tremiti, Lesina, Manfredonia, Mattinata, Monte Sant'Angelo, Ordona, Orta Nova,

Peschici, Poggio Imperiale, Rignano Garganico, Rodi Garganico, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis,

San Paolo di Civitate, San Nicandro Garganico, San Severo, Serracapriola, Stornara, Stornarella,

Torremaggiore, Vico del Gargano, Vieste e Zapponeta, l’Ente Parco Nazionale del Gargano, la Comunità

montana del Gargano e la Provincia di Foggia.

San Nicandro rientra nel Piano strategico Capitanata 2020 e ad esso viene attribuito ruolo rilevante sia per

le risorse ambientali presenti nel suo territorio, sia per la posizione geografica che lo vede come primo

Comune del promontorio garganico per chi proviene dal Nord.

2.2.13 PIANO URBANO DELLA MOBILITA' – PUMAV

Il processo di redazione del Piano Urbano della Mobilità di Area Vasta (PUMAV) dell’aggregazione

Capitanata 2020, in fase di impostazione metodologica ha dovuto affrontare una contraddizione in termini

insita nella denominazione stessa dello strumento di pianificazione/programmazione.

36
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

Preso atto dello scenario infrastrutturale e funzionale delineato in campo extraurbano dalle “dorsali reti e

mobilità” del Piano Strategico in armonia con il PTCP, il PUMAV ha circoscritto la sua azione specifica a

livello del comune capoluogo preoccupandosi di sostanziare lo scenario infrastrutturale e le politiche-azioni

di accompagnamento necessarie ad attuare a livello locale il disegno complessivo proposto dal PTCP e dai

Piani Strategici. A questo scopo è stata effettuata una organica e puntuale ricostruzione del quadro

programmatico progettuale in modo da evidenziare vincoli, propedeuticità, interrelazioni e potenzialità

degli interventi e delle azioni immateriali proposti ai differenti livelli di pianificazione/programmazione.

I principali obiettivi del PUMAV vengono di seguito delineati:

a) collegare la città di Foggia con l’intero territorio provinciale declinando e dilatando l’obiettivo già

posto dal DPP comunale di rinnovato impulso all’”apertura all’esterno” della città;

b) garantire, nel comune capoluogo, adeguate standard di accessibilità alla rete multimodale di lunga

percorrenza a favore dell’intera comunità provinciale;

c) realizzare una rete portante di trasporto pubblico urbano fondata su una piena integrazione con la

rete del TPL extraurbano sfruttando il capitale infrastrutturale ed impiantistico del sistema

ferroviario convergente sulla città di Foggia;

d) individuare un assetto della rete stradale urbana principale in grado di migliorare l’accessibilità ai

principali poli di rango sovracomunale esistenti, di ordinare lo sviluppo urbanistico futuro e di

integrarsi con la rete di trasporto pubblico locale sia migliorando l’accesso ai nodi scambio

intermodale sia offrendo capacità sostitutiva rispetto ad assi impegnati dal trasporto pubblico.

e) realizzare un sistema di parcheggi in grado di migliorare la qualità urbana ed ambientale nelle aree

centrali e in corrispondenza delle polarità principali, con tipologie di soluzione calibrate rispetto alle

differenti componenti di domanda da servire: parcheggi di interscambio per sosta lunga, di

relazione per sosta breve, pertinenziali per residenti.

f) promuovere la logistica e l’intermodalità nella distribuzione delle merci nell’area centrale della città

nel quadro del complessivo scenario della dorsale strategica sulla logistica in Capitanata.

g) elaborare un progetto sviluppabile per fasi funzionalmente compiute.

37
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE DI AREA VASTA

In linea generale il PUMAV punta infine a configurare una rete del sistema della mobilità in gra- do di

costituire l’elemento ordinatore dello sviluppo urbano dei prossimi decenni istituendo il virtuoso

meccanismo di sussidiarietà degli insediamenti rispetto alle infrastrutture e ai servizi di trasporto.

38
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

3 IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

3.1 RISORSE AMBIENTALI

3.1.1 QUALITA' DELL'ARIA

L’esame e l’analisi integrate delle caratteristiche demografiche, orografiche e meteoclimatiche regionali,

nonché della distribuzione dei carichi emissivi consente di effettuare una valutazione di sintesi dei fattori

predominanti nella formazione dei livelli di inquinamento in aria del territorio regionale ai sensi del D. Lgs.

155/2010.

Il territorio regionale risulta suddiviso nelle seguenti quattro zone omogenee:

• ZONA IT1611: zona collinare, comprendente le aree meteoclimatiche I, II e III;

• ZONA IT1612: zona di pianura, comprendente le aree meteoclimatiche IV e V;

• ZONA IT1613: zona industriale, comprendente le aree dei Comuni di Brindisi, Taranto e dei Comuni

di Statte, Massafra, Cellino S. Marco, S. Pietro Vernotico, Torchiarolo;

• ZONA IT1614: agglomerato di Bari, comprendente l’area del Comune di Bari e dei Comuni limitrofi

di Modugno, Bitritto, Valenzano, Capurso, Triggiano.

Figura 4 - zonizzazione del territorio regionale in base a caratteristiche demografiche, orografiche e meteo-climatiche

39
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Il Comune di San Nicandro Garganico ricade in zona IT611– Zona collinare.

Nel 2013 la Regione Puglia ha adeguato la propria rete di monitoraggio al D. Lgs. 155/10. Il nuovo sistema di

monitoraggio prevede 55 stazioni fisse (di cui 43 di proprietà pubblica e 12 privata), oltre a 3 laboratori

mobili. Le stazioni da traffico e industriali più prossime al comune di studio sono quelle di Foggia (via

Rosati) e di San Severo (Posta del Principe ed Azienda Russo); la stazione di fondo (stazione situata in

un’area non direttamente influenzata dalle sorgenti di traffico quali strade e autostrade o da sorgenti di

tipo industriale ed utilizzata per la misura di tutti gli inquinanti con particolare attenzione rivolta alla

determinazione della concentrazione di ozono) più prossima è invece quella di Monte Sant’Angelo.

La normativa di riferimento è il D. Lgs. 155/2010 (recepimento della direttiva comunitaria 2008/50/CE)

entrato in vigore il 13 agosto 2010 e modificato dal D. Lgs. 250 del 24 dicembre 2012.

Figura 5 - limiti di legge ai sensi del D. Lgs. 155/2010

40
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

PM10

Il PM10 è l’insieme di particelle con diametro aerodinamico inferiore a 10 mm (10-6 m). Queste particelle,

originate da sorgenti sia antropiche che naturali, hanno la caratteristica di rimanere “aerodisperse”: il loro

tempo di sedimentazione è infatti sufficientemente lungo da considerarle come componenti “durevoli”

dell’atmosfera stessa. Per via delle ridotte dimensioni, il PM10 può penetrare nell’apparato respiratorio,

generando così impatti sanitari la cui gravità dipende, oltre che dalla quantità, dalla tipologia delle

particelle. Il PM10 si distingue in primario, generato direttamente da una fonte emissiva (antropica o

naturale), e secondario, derivante cioè da altri inquinanti presenti in atmosfera attraverso reazioni

chimiche.

Per il PM10, il D. Lgs 155/2010 fissa due valori limite: la media annua di 40 mg/m3 e la media giornaliera di

50mg/m3 da non superare più di 35 volte nel corso dell’anno solare. Nel 2013 il limite sulla media annuale

è stato rispettato in tutti i siti di monitoraggio. I livelli medi annui di PM10 risultano abbastanza omogenei

sull’intero territorio regionale mentre i valori delle stazioni di fondo sono, come atteso, più bassi rispetto

alle stazioni di tipo traffico e industriale. È opportuno sottolineare l’omogeneità dei livelli di PM10 in questi

siti non esposti a fonti dirette di emissioni, nei quali la concentrazione media annua è pari a circa 20 mg/m3.

Questo valore si conferma essere il fondo regionale di PM10, ovvero la concentrazione media sotto la quale

non si scende in nessuna delle aree monitorate. L’analisi degli andamenti temporali delle medie annue,

infine, indica valori in aumento rispetto al 2012, ma comunque in calo rispetto agli anni precedenti.

Figura 6 - andamenti temporali delle medie annue dei valori di PM10 dal 2002 al 2013

41
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

PM2.5

Il PM2.5 è l’insieme di particelle con diametro aerodinamico inferiore a 2,5 mm (10-6 m). Analogamente al

PM10, il PM2.5 può penetrare nell’apparato respiratorio raggiungendone il tratto inferiore (trachea e

polmoni). Il D.Lgs. 155/10 fissava per tale inquinante un valore obiettivo di 25 mg/m3 da raggiungere entro

il 1 gennaio 2010 e un obbligo di concentrazione dell’esposizione di 20 mg/m3 da rispettare entro il 2015.

Nel 2013 i limiti su indicati non sono stati superati in nessuna stazione di monitoraggio.

NO2

Gli ossidi di azoto, indicati con il simbolo NO2 si formano soprattutto nei processi di combustione ad alta

temperatura e rappresentano un tipico sottoprodotto dei processi industriali e degli scarichi dei motori a

combustione interna. Le stazioni di monitoraggio di qualità dell’aria monitorano il biossido di azoto

(NO2),molecola più tossica dell’ossido di azoto (NO) e che, in processi catalizzati dalla radiazione solare,

porta alla formazione di ozono troposferico, inquinante estremamente dannoso tanto per la salute umana

quanto per gli ecosistemi.

I limiti previsti dal D. Lgs 155/2010 (media oraria di 200 mg/m3 da non superare più di 18 volte nel corso

dell’anno e media annua di 40 mg/m3) nel 2013 non sono stati superati in nessun sito.

L’analisi degli andamenti temporali delle medie annue, infine, indica valori in calo rispetto al 2012.

Figura 7 - andamento temporale delle medie annue dei valori NO2 dal 2002 al 2013

42
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Ozono

L’ozono è un inquinante secondario: esso cioè non viene generato da alcuna fonte, ma si forma in

atmosfera attraverso reazioni fotochimiche tra altre sostanze (tra cui gli ossidi di azoto e i composti organici

volatili). Dal momento che il processo di formazione dell’ozono è catalizzato dalla radiazione solare, le

concentrazioni più elevate si registrano nelle aree soggette a forte irraggiamento e nei mesi più caldi

dell’anno. La Puglia, per collocazione geografica, si presta alla formazione di alti livelli di questo inquinante.

Il D.Lgs. 155/10 fissa un valore bersaglio per la protezione della salute umana pari a 120 mg/m3 sulla media

mobile delle 8 ore, da non superare più di 25 volte l’anno. Lo stesso decreto fissa una soglia di informazione

a 180 mg/m3 e una soglia di allarme a 240 mg/m3 sulla media oraria.

Come già nel 2012, anche nel 2013 il valore bersaglio per la protezione della salute umana è stato superato

nelle province di Lecce, Brindisi e Taranto e Foggia.

Figura 8 - superamenti del valore limite di ozono

Idrocarburi policiclici aromatici

Gli IPA (idrocarburi policiclici aromatici) sono una classe di composti generati dalla combustione incompleta

di sostanze organiche durante processi industriali e civili, e sono tra i microinquinanti organici più diffusi

nell’ambiente. Le principali sorgenti degli IPA sono i processi industriali (trasformazione di combustibili

43
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

fossili, processi siderurgici, processi di incenerimento, produzione di energia termoelettrica, ecc.), il traffico

autoveicolare e navale, i sistemi di riscaldamento domestico. Il marker di questa classe di inquinanti è il

benzo(a)pirene, classificato come cancerogeno per l’uomo (classe 1) dall’Agenzia per la Ricerca sul Cancro

(IARC).

Metalli pesanti

I metalli pesanti per i quali la legislazione prescrive il monitoraggio in aria ambiente sono l’arsenico, il

cadmio, il nichel ed il piombo.

Per questi inquinanti nel 2013 non è stato registrato alcun superamento dei rispettivi limiti di legge.

Benzene

Il benzene è un idrocarburo aromatico che, a temperatura ambiente, si presenta come un liquido incolore,

dall’odore dolciastro. È una sostanza dall’accertato potere cancerogeno. Il benzene ha trovato impiego,

perle sue caratteristiche antidetonanti, nella benzina verde, ma è stato successivamente sottoposto a

restrizione d’uso; attualmente il contenuto di benzene nelle benzine deve essere inferiore all’1% in volume.

In seguito a questi interventi restrittivi, le concentrazioni di benzene in atmosfera, che fino a solo un

decennio fa raggiungevano livelli superiori a 10 mg/m3, si sono ridotte di circa 10 volte, tanto da non

rappresentare più una criticità per la qualità dell’aria.

Il D.Lgs 155/2010 fissa un valore limite di concentrazione annuo di 5 mg/m3 che nel 2013 non è stato

superato in nessun sito. I trend di concentrazione indicano una sostanziale stabilità dei livelli di benzene

negli ultimi anni. Questo dato sembra indicare il raggiungimento di un livello di plateau sotto il quale, con

gli odierni carichi emissivi presenti in regione, non appare possibile scendere.

3.1.2 QUALITA' DELL'ACQUA

I problemi legati all’utilizzo delle risorse idriche non possono fermarsi allo studio dei corpi idrici superficiali

ed agli eventi calamitosi legati direttamente od indirettamente alla presenza dell’acqua.

Le analisi condotte nell’ambito degli Studi per la Realizzazione dei Piani di Bacino dal CNR-IRSA (Istituto per

la Ricerca Sulle Acque) di Bari consentono di fornire alcuni dati riguardanti i pozzi e quindi la falda.

44
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Nel territorio provinciale sono stati censiti:

• 4.665 pozzi autorizzati (CO.T.R.I e/o Uffici del Genio Civile);

• 25.284 pozzi autodenunciati (sanatoria di cui all’Art. 10 del D.L. 275/93);

• 126 scarichi autorizzati in falda.

in totale, quindi, 26.648 pozzi, a cui vanno aggiunti un numero imprecisato di pozzi del tutto sconosciuti

all’Autorità di Bacino.

Il PTCP della Provincia di Foggia nel definire il livello di vulnerabilità all’inquinamento degli acquiferi ha

preso in considerazione i seguenti fattori le cui iniziali compongono l’acronimo del metodo valutativo

utilizzato (SINTACS):

• Soggiacenza: profondità del livello superiore della falda idrica stimata attraverso i punti d'acqua;

• Infiltrazione efficace: parametro dipendente sia dalla natura della roccia madre sia dalla potenza

della copertura umica. Nella pratica operativa il parametro è ricavato dalla piovosità efficace

moltiplicata con l'indice dì infiltrazione che a sua volta è funzione delle condizioni idrogeologiche

generali dell'acquifero;

• Non-saturo: Con il termine non-saturo si attribuisce un significato non tanto allo spessore di

sottosuolo compreso fra la base del suolo e la zona profonda satura, quanto piuttosto al suo potere

auto depurante;

• Tipologia della copertura: fondamentale per la tutela della falda, in quanto essa svolge la più

importante azione filtrante delle acque d'infiltrazione. In definitiva il suolo è sede di notevoli

processi che nel loro insieme costituiscono un fattore fondamentale di attenuazione del rischio

d'inquinamento;

• Acquifero (caratteristiche idrogeologiche): . Le caratteristiche idrogeologiche dell'acquifero, ossia

della zona satura, costituiscono un ulteriore momento d'abbattimento di un inquinante

ídroveicolato. La diluizione, la dispersione, la reattività chimica sono solo alcuni dei processi che

consentono la depurazione delle acque;

45
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

• Conducibilità idraulica dell’acquifero;

• Superficie topografica (acclività): della superficie topografica influisce in modo basilare nella

determinazione della salute chimico-fisica dell'acquifero. In generale si può affermare che

pendenze elevate consentono, a parità d'altre condizioni (precipitazioni, litologia, ecc.), un maggior

ruscellamento e di conseguenza una minore intrusione nel sottosuolo di acque e d'eventuali

inquinanti da queste trasportati.

In rapporto a questi 7 parametri il PTCP individua e descrive tre diversi scenari a differente impatto:

normale, rilevante, elevato. Gli stessi sono stati, inoltre, ulteriormente articolati su tre diversi gradienti,

ottenendo, in definitiva, 9 classi di rischio ciascuna contraddistinta da un colore ed una sigla alfanumerica.

Sono stati distinti alcuni ambiti omogenei, nei quali la vulnerabilità della falda è legata ad uno o pochi

parametri preponderanti sugli altri.

Il territorio comunale di San Nicandro Garganico ricade nei tre ambiti omogenei: “Costa settentrionale del

Gargano”, “Pianori garganici a doline” e “Sommità del Gargano”.

• Costa settentrionale del Gargano: lungo la fascia nord-garganica sussistono condizioni di

vulnerabilità elevata. I laghi costieri si avviano ad un rapido insabbiamento. Quel che resta dei corpi

idrici lacustri è ormai fortemente eutrofizzato. Gli scarichi urbani, spesso poco e mal depurati, sono

indirizzati nei numerosi piccoli torrenti che scendono dalla superficie sommi-tale del Gargano verso

i due laghi e verso il mare. L'elevata pressione antropica nel semestre estivo (villaggi vacanze,

doppie case, camping) fa ulteriormente lievitare il rischio. Classe di rischio E1 (Elevata 1);

• Pianori garganici a doline: si tratta di due distinte aree: la prima è posta tutto intorno a Monte La

Serra fino a Monte Calvo escluso, la seconda a Nord-Est di Monte Spigno. Le caratteristiche

geologiche sono date da terreni carbonatici con permeabilità medio bassa procurata soprattutto da

una serie di piccole dislocazioni (faglie e fratture) al cui incrocio generalmente s’è formata una

dolina con relativo inghiottitoio. Le due aree, poste all’interno dell’isoipsa 400 che racchiude la

zona garganica a più elevata concentrazione di piogge, sono disseminate di depressioni carsiche di

46
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

piccole, medie e grandi dimensioni ben visibili anche in foto area. A bilanciare gli effetti della

tettonica e dell’infiltrazione efficace vi sono la copertura umica e vegetale, l’elevata soggiacenza

della falda, il consistente effetto autodepurativo del non-saturo, il debole impatto antropico. Classe

di rischio S2 (Significativa 2);

• Sommità del Gargano: è costituita da calcari e dolomie ad elevata permeabilità per fessurazione e

carsismo. Scarseggiano i fenomeni epigei ma in compenso, anche in considerazione della limitata

acclività dei luoghi, gran parte delle acque meteoriche ristagnano ove non possono ed in seguito

sono catturate verso il sottosuolo. Un’azione detergente è operata dalla copertura e dal non-

saturo. In generale è scarsa la densità di popolazione, essendo questa concentrata soprattutto

lungo il margine meridionale (San Giovanni Rotondo e San Marco in Lamis). Classe di rischio S1

(Significativa 1).

Figura 9 - vulnerabilità della falda - distretti omogenei

47
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Il Piano di Tutela delle Acque (PTA) regolamenta la gestione della risorsa idrica e pertanto prevede che tutte

le concessioni di prelievo delle acque di falda siano riviste alla luce delle perimetrazioni riportate nella

tavola B del detto Piano.

In particolare, per l’ambito di competenza del Comune di San Nicandro Garganico (“Acquifero carsico del

Gargano”) limitatamente alle zone costiere interessate da contaminazione salina si ritiene opportuno

sospendere il rilascio di nuove concessioni per il prelievo di acque dolci di falda da utilizzare a fini irrigui o

industriali ad eccezione di quelle da utilizzare per usi pubblici o domestici (art. 8 c.1, L.R. 18/99) e,

limitatamente alle zone limitrofe ai laghi di Lesina e di Varano, da utilizzare per itticoltura.

In tali aree potrebbero essere consentiti prelievi di acque marine di invasione continentale per tutti gli usi

produttivi, impianti di scambio termico e dissalazione, a condizione che le opere di captazione siano

realizzate in maniera tale da assicurare il perfetto isolamento del perforo nel tratto di acquifero interessato

dalla circolazione di acque dolci e di transizione. Dovrà inoltre essere preventivamente indicato il recapito

finale delle acque usate, nel rispetto della normativa vigente.

3.1.3 LA GESTIONE DEI RIFIUTI

La produzione di rifiuti è direttamente collegata allo sviluppo demografico ed economico e all’aumento dei

consumi. I rifiuti sono divisi in due grandi categorie - i rifiuti urbani e i rifiuti speciali – che a loro volta si

suddividono in rifiuti pericolosi e non pericolosi. La gestione dei rifiuti è un processo caratterizzato da

molteplici aspetti di natura tecnica, economica, amministrativa, legale ed ambientale.

Il quadro normativo nazionale e comunitario in materia di rifiuti è in continua evoluzione; la strategia

individuata dal decreto legislativo n. 22 del 5 febbraio 1997, noto come decreto Ronchi, favorisce, tra le

forme di gestione, il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero energetico, destinando allo smaltimento in discarica

solo i rifiuti che non possono essere trattati in altro modo.

L’attuazione di una tale strategia basata su i principi della gestione integrata permetterebbe di affrontare in

modo sostenibile il problema rifiuti, coinvolgendo l’intero ciclo di vita dei beni (dalla produzione,

distribuzione, utilizzo e consumo fino allo smaltimento) e la consapevolezza del consumatore in merito.

48
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

La maggior parte dei rifiuti urbani consiste di materiali con una frazione riciclabile (carta, metallo, plastica,

vetro, frazione organica) ed una parte soltanto smaltibile, composta soprattutto da rifiuti pericolosi

(batterie, medicinali, etc.). A tale proposito, nel caso dei rifiuti urbani, il decreto Ronchi definisce importanti

disposizioni in materia di raccolta differenziata: questa, intesa all’art. 6 comma 1 lettera f come “la raccolta

idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee, compresa la frazione organica

umida, destinate al riutilizzo al riciclaggio e al recupero di materia prima”, permette sia la diminuzione della

quantità dei rifiuti da avviare ad uno smaltimento indifferenziato, sia il recupero di risorse, di materiali e di

energia.

La pianificazione regionale in materia di gestione dei rifiuti solidi urbani suddivide il territorio regionale, in

15 bacini di utenza che corrispondono agli Ato (Ambiti territoriali ottimali).

La suddivisione in Ato è principalmente finalizzata a conseguire adeguate dimensioni gestionali, definite

sulla base di parametri fisici, demografici e tecnici, per il superamento della frammentazione delle gestioni

del servizio di gestione integrata dei rifiuti.

I rifiuti raccolti in modo differenziato sono avviati a recupero di materia, mentre i rifiuti indifferenziati

residuali dalle operazioni di raccolta differenziata sono avviati a smaltimento negli impianti di bacino.

Nell’anno 2012 il panorama legislativo relativo allo smaltimento dei rifiuti nella Regione Puglia è totalmente

cambiato a causa della pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 123 del 24 agosto 2012,

della Legge Regionale n. 24 del 20 agosto 2012, recante: “Rafforzamento delle pubbliche funzioni

nell’organizzazione e nel governo dei Servizi pubblici locali”.

La presente legge regolamenta e organizza, in conformità con i principi definiti dalla disciplina dell’Unione

europea e in attuazione della disciplina statale, tra gli altri, lo svolgimento dei servizi di raccolta e

smaltimento dei rifiuti.

La Legge Regionale n. 24 del 2012 nel confermare nell’A.T.O. (Ambiti Territoriali Ottimali) l’unità minima di

organizzazione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica per la realizzazione di obiettivi di efficienza,

efficacia, economicità, trasparenza e sostenibilità ambientale ha previsto all’art.8 la possibilità, in sede di

49
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

pianificazione regionale, di definire perimetri di rilievo sub provinciale per l’erogazione dei soli servizi di

spazzamento, raccolta e trasporto, denominati Ambiti di Raccolta Ottimale (A.R.O.).

Il Comune di San Nicandro Garganico secondo la proposta di perimetrazione degli Ambiti di Raccolta

Ottimale (A.R.O.), approvata con Deliberazione della Giunta Regionale n. 2147 del 23 ottobre 2012, fa parte

dell’A.R.O. n.5, insieme ai seguenti Comuni: Cagnano Varano, Carpino, Ischitella, Isole Tremiti, Peschici,

Rodi Garganico, San Marco in Lamis e Vico del Gargano.

Al momento l'ATO risulta sprovvisto di un impianto e/o discarica in quanto a seguito di un incendio

avvenuto nel mese di luglio 2011, si è dovuto procedere alla chiusura della discarica di Vieste.

La Pianificazione previgente (Decreto CD 187/2005 e successivi decreti di modifica/integrazione specifici

per il sistema impiantistico a servizio dell'ex ATO FG1) prevedeva la realizzazione di un Impianto complesso

(TMB con annessa discarica di servizio/soccorso) nel Comune di Sannicandro Garganico, a seguito della

Delibera di Consiglio del Comune n. 10 del 1° Aprile 2009.

A novembre 2013 la procedura di realizzazione di tale impianto risultava sospesa, a seguito della revoca da

parte del Comune della delibera di localizzazione sopra citata, che ha ingenerato un contenzioso tra

Comune stesso e Regione Puglia. La gestione dei rifiuti dei Comuni dell'ex ATO FG1 avviene in forza di

provvedimenti emergenziali, secondo i quali i flussi di rifiuti prodotti dai Comuni sono delocalizzati presso

gli impianti di Cerignola e Deliceto.

3.1.4 AZIENDE A RISCHIO DI INCIDENTE ELEVATO (DIRETTIVA SEVESO)

Il Decreto Legislativo 17 agosto 1999, n. 334 "Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei

pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose" detta disposizioni finalizzate a

prevenire incidenti rilevanti connessi a determinate sostanze pericolose e a limitarne le conseguenze per

l'uomo e per l'ambiente.

Tali disposizioni si applicano agli stabilimenti in cui sono presenti sostanze pericolose in quantità uguali o

superiori a quelle indicate nell'allegato I.

50
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

All’interno del territorio comunale è presente un unico stabilimento soggetto a tale normativa, il deposito

di gas liquefatti appartenente alla Garganogas S.r.l. in località Contrada Sagri. L'attività svolta da

Garganogas S.r.l. e di tipo commerciale e consiste in stoccaggio e movimentazione del GPL sfuso ed in

bombole.

Considerate la tipologia d'attività e dei prodotti stoccati non sono richieste autorizzazioni particolari in

campo ambientale (scarico in atmosfera, scarichi idrici di tipo industriale stoccaggio rifiuti, ecc.). Il centro

abitato di San Nicandro Garganico dista circa 3.5 km dal deposito Garganogas. Il deposito Garganogas è,

quindi, soggetto agli obblighi degli articoli 6 e 7 del D.Lgs.334/99e s.m.i. (D.Lgs238/05).

3.1.5 INQUINAMENTO ACUSTICO

Per assicurare la tutela dell’ambiente e la salvaguardia della popolazione dall’inquinamento acustico, la

Legge Quadro n. 447/95 detta Norme di indirizzo finalizzate a ridurre eventuali alterazioni provenienti da

sorgenti sonore, fisse e mobili.

ARPA Puglia, nell’esercizio delle sue funzioni e compiti istituzionali, garantisce costantemente la propria

presenza con attività di controllo su tutto il territorio regionale: esegue indagini di misura sulle varie

sorgenti sonore (infrastrutture stradali, infrastrutture aeroportuali, ecc), procede all’analisi dei dati raccolti

e alla valutazione del disturbo, con lo scopo di individuare la tipologia e l’entità dei rumori presenti sul

territorio.

Il Rapporto sullo stato dell’ambiente del 2011, redatto dall’ARPA Puglia, segnala in provincia di Foggia 15

sorgenti controllate, delle quali 3 attività produttive e 8 attività di servizio o commerciali.

L’attuazione della classificazione acustica è una delle competenze che l’art. 6 della Legge Quadro n. 447/95

assegna ai Comuni. Tale strumento ha rilevanza urbanistica e vincola l’uso e le modalità di sviluppo del

territorio comunale.

La classificazione viene eseguita coordinando la metodologia operativa prevista nell’allegato della L.R. n.

03/02 con i piani urbanistici già adottati dagli stessi Comuni.

51
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

La classificazione acustica consiste nella ripartizione del territorio comunale in zone omogenee, classificate

secondo quanto disposto dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1° marzo 1991: essa

garantisce l’individuazione di zone soggette a inquinamento acustico e la successiva elaborazione dei piani

di risanamento e/o di idonei regolamenti comunali, utili ad una migliore gestione del territorio comunale.

Le classi di rumorosità sono le seguenti:

• Classe I: Aree particolarmente protette;

• Classe II: Aree destinate ad uso prevalentemente residenziale;

• Classe III: Aree di tipo misto;

• Classe IV: Aree di intensa attività umana;

• Classe V: Aree prevalentemente industriali;

• Classe VI: Aree esclusivamente industriali.

3.1.6 INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

Il Sistema integrato di monitoraggio continuo e controllo dell’inquinamento elettromagnetico, attivato dalla

Regione Puglia, è riferito alle stazioni di rilevamento, gestite dall’ARPA Puglia, che si trovano nei pressi delle

fonti elencate nel Catasto Regionale delle sorgenti di campo elettromagnetico.

L’ARPA rende disponibili i dati online, segnalando, per ciascuna stazione, i valori dei monitoraggi che

eccedono i valori limite. I dati relativi al comune di San Nicandro Garganico, aggiornati al novembre 2010,

sono i seguenti:

Monitoraggi-CEM

Max Campo Valore di Superamento Data inizio Data fine Provi Sito di misura
Elettrico [V/m] Riferimento [SI/NO] monitoraggio monitoraggio ncia

0.66 6.00 NO 11.11.2010 23.11.2010 FG Scuola materna ed elementare


Matteotti

1.11 20.00 NO 11.11.2010 23.11.2010 FG Istituto scolastico Mons. Dott.


Aristide D'Alessandro

52
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

3.2 RISORSE PAESAGGISTICHE

Le risorse ambientali sono costituite prevalentemente dai boschi di latifoglie, conifere e misti, che

occupano poco meno della metà del territorio comunale ubicati in quota elevata rispetto al centro abitato e

alla costa marina. Anche Monte Delio, in prossimità della costa, è interessato da superfici a bosco di

latifoglie. L’alternanza di vaste aree boscate a radure a pascolo o con cespugli e macchia e i panorami che si

possono ammirare dalle posizioni più elevate dei laghi di Lesina e Varano e delle isole Tremiti costituiscono

una delle principali risorse del territorio di San Nicandro. Infatti, su di una estensione comunale di circa

17.000 ha si rilevano quasi 3.500 ha di superfici boschive, per la massima parte di latifoglie, che

costituiscono un importante fonte di reddito sia in termini di prodotto (legna), sia in termini di impiego di

manodopera (operai forestali).

Le formazioni boschive più interessanti sono rappresentate dai boschi di Spina Pulci (Bosco De Pilla) e di

Monte Lo Sfrizzo, segnalati anche dal PUTT/P come ‘Biotopi o Siti di interesse naturalistico’, che coprono

circa 1/3 del totale delle superfici comunali a bosco. Propaggini nord della Foresta Umbra, costituiscono

una eccezionale risorsa per il territorio a causa delle dimensioni, molto vaste per il nostro territorio

regionale, e per le interessantissime associazioni vegetali.

Il Bosco di Spina Pulci, esteso per circa 900 ha, è costituito da una fustaia di cerro (Quercus cerris L.) a cui si

associano, con estrema variabilità, esemplari di acero opale (Acer opalus Mill.), acero campestre (Acer

campestre L.), carpinella (Ostrya carpinifolia Scop.) e carpino bianco (Carpinus betulus L.). Di particolare

suggestione alcuni cerri di grandi dimensioni e vetusti aceri coperti di muschi verso le parti più alte del

bosco. Il sottobosco, a causa dell’intensa attività di pascolo è privo di specie arbustive ed è caratterizzato

dalla presenza di asfodelo e ferula, specie non gradite dal bestiame. Una parte di questo bosco, circa 36 ha,

è stata interessata da taglio di conversione, nella zona a ridosso del Parco del Gargano.

53
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Figura 10 - il bosco di Spina Pulci

Il Bosco di Monte Lo Sfrizzo ricade nel territorio di San Nicandro Garganico solo parzialmente. Al pari del

Bosco di Spina Pulci costituisce una cerreta ad alto fusto pur essendo situato a quota inferiore.

Un’altra zona boschiva interessante è quella situata a sud ovest, nella zona di Monte Castello. In quest’area,

per la massima parte di proprietà privata, è presente una lecceta in discrete condizioni fitosanitarie e

vegetazionali nella parte ad ovest, verso il territorio di Apricena, mentre nella zona a sud ed a est verso San

Marco in Lamis è predominante il cerro e sono presenti alcuni castagni. In questa zona si assiste

frequentemente a tagli abusivi per l’utilizzazione della legna.

La scarsa presenza dell’uomo, la vastità dei boschi ancora presenti e un ambiente ancora abbastanza

integro consentono la presenza, in questi boschi, di una fauna degna di attenzione, seppure meno ricca di

quella riscontrabile nella Foresta Umbra. Tra gli uccelli si citano le sei specie di picchi presenti nel Gargano

(tra cui il raro picchio ‘dorso bianco’) e numerose specie di rapaci, diurni e notturni. Inoltre sono presenti in

gran numero cinghiali e tassi mentre non sono segnalati lupi. Alle superfici boschive si affiancano le

formazioni a macchia mediterranea e a gariga (forma di degrado della stessa della stessa macchia), presenti

soprattutto nella fascia costiera e verso l’interno alle quote altimetriche più basse, che occupano circa 1/9

54
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

del territorio sannicandrese. Le superfici a macchia sono concentrate prevalentemente nella fascia collinare

più interna, che si estende per circa la metà del territorio comunale, da 300 a 500 ml s.l.m. circa, e sulla

costa. Le forme degradate sono prevalentemente presenti lungo i versanti esposti a sud dove la frequenza

degli incendi è maggiore.

Figura 11 - formazioni a macchia

Figura 12 - macchia alta nella zona di Monte D'Elio

Nella zona di Monte d’Elio è presente una macchia alta in buone condizioni vegetazionali, costituita dalle

principali specie arbustive mediterranee: leccio, lentisco, olivastro, orniello, spina cristi. Nelle zone più

55
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

assolate è diffuso il terebinto mentre nelle aree più intensamente pascolate la macchia lascia il posto alla

gariga ed alla pseudosteppa, con la presenza soprattutto di asfodelo e ferula.

Particolare rilevanza assume il carsismo, tipico di una vasta area del Gargano occidentale, per la presenza di

una delle più grandi doline italiane, della Pozzatina, che con le dimensioni di 600 m per 400 m ed una

profondità di oltre 100 m in un contesto boschivo particolarmente suggestivo e in cui si ritrovano numerose

doline e grotte e fenomeni carsici differenti, rappresenta senza dubbio una risorsa vera e propria.

Sotto il profilo paesaggistico vi è da rilevare come in un territorio caratterizzato da rocce calcaree e, in

minima parte, in pianura, da depositi sciolti a componente sabbiosa, il reticolo idrografico risulta denso e

tutto orientato verso il lago di Lesina formando, nel collegamento tra la pianura e la collina, un sistema di

canali, compluvi, canaletti, ecc, che segnando il terreno scosceso con incisioni più o meno accentuate,

formano un paesaggio decisamente particolare esaltato dall’ampia pianura intensamente coltivata.

Figura 13 - la dolina Pozzatina

56
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Figura 14 - vista dall'alto del territorio extraurbano

Per quanto attiene ai beni culturali appare rilevante la presenza di una breve porzione del tratturello

Foggia – San Nicandro, ricalcante un’antica viabilità di epoca romana, al confine Sud – Ovest. Inoltre

l’insediamento archeologico di Monte Delio, peraltro già in gran parte valorizzato attraverso la realizzazione

di un parco archeologico e naturalistico costituisce una vera e propria risorsa culturale e paesaggistica per il

sito in cui è ubicato da cui si possono osservare paesaggi di enorme suggestione.

Altri insediamenti e segnalazioni archeologiche sono collocati a San Nazario in cui, tra l’altro, è presente un

esempio di archeologia produttiva, e, in parte in pianura, nelle vicinanze del lago di Lesina.

Alcune masserie, per lo più dislocate nella parte pianeggiante del territorio comunale, risultano vincolate o

segnalate e, comunque, costituiscono un patrimonio storico architettonico e sociale di notevole rilevanza;

purtroppo quasi tutte versano in stato di abbandono e rischiano la fatiscenza e la scomparsa. Altra edilizia

rurale minore, torri e casoni, punteggia il territorio, diminuendo, in densità, man mano che si sale di quota.

57
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Figura 15 - la masseria San Nazario

Si segnalano, altresì, ipotesi, riprese dal PTCP, di percorsi alternativi alla via sacra Longobardorum, una

proveniente da San Nazario e da Apricena e un’altra dalla costa in prossimità della Torre Mileto. Tali

percorsi non sono riscontrabili nella realtà, né risulta agevole una loro riproposizione su tracciati esistenti.

Il sistema dei beni culturali contribuisce a rafforzare la valenza paesaggistica del territorio già favorevole

sotto il profilo ambientale. Infatti la presenza di beni architettonici (torri, masserie, casoni e complessi civili

e religiosi) e archeologici (Monte Delio), di un centro storico di qualità ambientale elevata, della posta di

San Nazario, nella vicina campagna e la possibile presenza di tracce di percorsi della viabilità romana sul

versante occidentale del territorio, rende di notevole interesse, anche sotto il profilo culturale e storico, il

territorio in esame.

3.3 RISORSE RURALI

Il sistema delle risorse rurali è connotato dalle intense coltivazioni (principalmente orticole e seminativi)

nella pianura in cui ricadono gli insediamenti della bonifica fondiaria, da un impianto di itticoltura a San

Nazario e dagli insediamenti zootecnici e, in parte produttivi (piccoli caseifici), dislocati in collina.

58
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

La rete della viabilità secondaria è sufficientemente articolata in modo da servire quasi l’intero territorio; le

condizioni d’uso appaiono buone per l’assenza di tratti con pendenze elevate e con una buona base in

genere su roccia affiorante. Non esistono acquedotti rurali né elettrodotti rurali. L’approvvigionamento di

acqua per gli allevamenti zootecnici, in collina, avviene con le “piscine” di accumulo delle acque piovane

ovvero, in caso di necessità, con autobotti. Il territorio extraurbano è fortemente connesso alla attività

agro-forestale. L’agricoltura, ancora oggi, costituisce il comparto produttivo più significativo nell’ambito

dell’economia comunale e comprensoriale. La variabilità delle produzioni agricole e forestali è stata da

sempre influenzata dal naturale andamento orografico dei suoli e dalla distanza dalla costa marina. Dal

mare verso l’entroterra, si susseguono tre fasce altimetriche prevalenti che si innalzano progressivamente

di quota.

La prima fascia, pianeggiante, si estende dal mare sino ai primi innalzamenti orografici rappresentando

circa ¼ della superficie totale. Denominata “Valle di Sagri”, è caratterizzata da terreni, irrigui, con buone

caratteristiche chimico-fisiche, normalmente destinati a coltivazione orticole intensive.

Figura 16 - la piana orticola - Valle di Sagri

La seconda fascia, pedo-collinare, si estende sino a circa 300 ml s.l.m. ed è occupata, prevalentemente da

uliveti, in parte produttivi ed in parte in stato di abbandono.

59
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Figura 17 - la fascia orticola a ridosso dei primi lembi della zona pedocollinare

La fascia più interna si estende, per circa la metà del territorio comunale, da 300 a 500 ml s.l.m. circa. E’

caratterizzata da un andamento orografico omogeneamente ondulato, che tende a crescere in altitudine in

maniera graduale verso l’interno. L’uso del suolo prevalente è rappresentato dall’alternanza di boschi, prati

e pascoli.

Figura 18 - la fascia pedocollinare

60
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

L’attività zootecnica ha da sempre rappresentato un comparto basilare per l’economia e il tessuto sociale,

interessa esclusivamente la fascia collinare (terza fascia altimetrica) ed è tradizionalmente incentrata

sull’allevamento della razza “Podolica”.

Figura 19 - vacca podolica al pascolo

L’allevamento della razza podolica è rappresentato da circa 50 aziende con una consistenza media

dell’allevamento pari a 60 capi ed un’ampiezza media aziendale di circa 100 ettari.

Nel trentennio 1970 – 2000, sia la dimensione zootecnica aziendale sia il numero complessivo di capi è

aumentato a differenza del numero delle aziende che risultano diminuite.

L’attività aziendale è incentrata sui pascoli e sulle produzioni foraggere. Si tratta di allevamenti di tipo

estensivo che non richiedono strutture fisse di stabulazione. Anche la mungitura viene, ancora oggi,

effettuata a mano, in locali precari.

Nel medesimo periodo di osservazione, le altre tipologie di allevamenti (ad eccezione degli ovini) si sono

contratte sia in termini di numero di aziende che in relazione al numero di capi si sono ridotti.

61
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Figura 20 - cavalli al pascolo nella zona di Spina Pulci

Il comparto agroindustriale sannicandrese risulta scarsamente sviluppato soprattutto se lo si relaziona alle

potenzialità produttive del comparto agricolo-zootecnico. E’ rappresentato da numerosi opifici

agroindustriali, distribuiti sul territorio in relazione alla viabilità principale ed alle aree urbanizzate. Si

registrano due oleifici privati, un caseificio, un macello comunale e circa 8 centrali ortofrutticole.

3.4 RISORSE INSEDIATIVE

3.4.1 IL TERRITORIO COMUNALE DI SAN NICANDRO GARGANICO

Il Comune di San Nicandro Garganico, appartenente al Gargano di cui costituisce la propaggine occidentale

che collega il promontorio al Tavoliere di Puglia, è caratterizzato da paesaggi molto diversificati: Si passa

dalla costa marina, tra Torre Mileto e foce Capoiale, al Monte Delio, circa 200 metri s.l.m., interposto tra i

due laghi di Lesina e Varano, ai boschi della foresta Umbra a quote più elevate, circa 700 metri s.l.m..

62
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Porzioni di territorio, pianura di Lauro e di Santannea a Nord Ovest si differenziano in quanto dislocate a

quote più basse, a diretto contatto con il lago di Lesina e sono intensamente coltivate.

Il Comune di San Nicandro confina con i Comuni di Lesina, Poggio Imperiale Apricena, San Marco in Lamis e

Cagnano Varano. Il Comune di San Nicandro, condivide con quello di Lesina la torre Mileto sulla costa e,

indirettamente, l’insediamento abusivo adiacente che si sviluppa nel territorio di Lesina.

Inoltre svolge un ruolo rilevante la posta di San Nazario, a confine tra San Nicandro e Poggio Imperiale, a

breve distanza dal lago di Lesina, per la presenza di acque termali che tradizionalmente attraggono le

popolazioni locali per bagni curativi oltre che per devozione.

Nella pianificazione urbanistica di Lesina non rientrano previsioni di sviluppo al confine o a breve distanza

dal confine con San Nicandro, così pure per San Marco in Lamis, Poggio Imperiale e Apricena, mentre a

breve distanza dal confine con Cagnano Varano sussistono previsioni di insediamenti artigianali e turistici in

località San Nicola Imbuti sul lago di Varano.

3.4.2 ORIGINI ED EVOLUZIONE STORICA DELL’ABITATO

Le testimonianze storiche e archeologiche rinvenute nel territorio di San Nicandro Garganico e dei comuni

limitrofi documentano sulle antichissime origini con attestazioni che dal Paleolitico attraversano tutta la

preistoria sino all’età del Bronzo.

Nel secondo millennio a.C. sul promontorio di Torre Mileto s’insediò un villaggio testimonianza di uno dei

rari siti stabili dell’età del Bronzo in Daunia. In epoca romana il territorio era privo di abitati di tipo urbano,

il territorio invece era connotato da una trama insediativa costituita da un sistema di ville situate sia sulla

costa che nelle zone più interne, alcune delle quali furono abitate fino ad età tarda antica.

Sempre di età romana, in prossimità sull’altura di Sant’Annea sono ancora ben conservate le strutture di

una grande villa, forse ubicata all’interno di una proprietà imperiale. Nel Parco archeologico di Devia o di

Santa Maria di Monte Delio si conservano oggi ruderi di abitazioni e tracce delle fortificazioni realizzate

nell’XI sec. (Medioevo) epoca in cui risale l’insediamento di Devia sul monte Delio.

63
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

L’impianto urbano di San Nicandro garganico presenta analogie con altri comuni limitrofi in quanto

caratterizzati dalla presenza di opere di fortificazione situate in posizione tangente rispetto a quella che si

caratterizzerà come forma urbana planimetrica sinuosa tipica dei centri urbani sorti in epoca medioevale.

Ai castelli posti ai margini delle “Terre Vecchie “ si contrappongono i santuari posti al di fuori della cinta

muraria.

Il borgo, di origine medievale, appartenne in epoca normanna all'abbazia di Pulsano. Il centro conserva

ancora un aspetto molto suggestivo, specialmente il quartiere di Terravecchia, sul quale si affaccia la

suggestiva Corte di San Giorgio con le case imbiancate a calce, costruite su vari livelli e collegate da ripide

scalinate.

L'abitato è sovrastato dal Castello, una costruzione quattrocentesca sorta su una preesistente fortificazione

normanna più volte rimaneggiata, che appartenne in epoche successive ai Della Marra, ai Picciolo, ai Del

Sangro, ai Caroprese e, infine, ai Cattaneo che lo ebbero in feudo fino al 1808.

La prima attestazione documentaria di un Castrum Sancti Nicandri si ha in un documento di donazione al

conte Henricus di Monte Sant’Angelo, datato 1095.

Poche sono le notizie pervenute riguardo ai primi secoli, ma sembra piuttosto plausibile l'ipotesi di una

fondazione normanna, se non bizantina, del primo castrum.

Il primo nucleo abitativo sembra fosse costituito da un casale, detto Difesa di San Nicandro, che doveva

sorgere presso la via che conduce alla città federiciana di Apricena, nei pressi di una ben più antica chiesa

dedicata a San Nicandro vescovo di Mira, forse una grangia di qualche monastero. A pochi chilometri, su

un'altura costeggiata da un profondo canale detto "Vallone", sorgeva una torre di avvistamento e difesa.

Nei secoli successivi al primo millennio, tuttavia, il centro abitato si sviluppò proprio nei dintorni di quella

torre, a cui fu addossata la costruzione di un castello già in epoca normanna. Probabilmente, la crescita

demografica fu dovuta anche alla progressiva immigrazione di abitanti di casali costieri o, comunque,

insufficientemente difesi, come Devia, Maletta e Sant’Annea.

64
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Tuttavia anche San Nicandro, nonostante la sua posizione nascosta soprattutto ad Oriente, conobbe alcune

incursioni nemiche fino agli inizi del XVI secolo, che tuttavia non furono mai decisive per la permanenza e la

crescita dell'abitato.

Divenuto feudo già con i Normanni, quando fu oggetto di rivendicazioni tra le contee di Lesina e di Devia,

lo troviamo sotto l' imperium di Guglielmo di Manero negli anni circostanti il 1174.

Nel lungo corso di una serie di travagliati passaggi di proprietà tra vari patroni, è feudo di Robert de Clary

(1269-1270), noto cronista della cosiddetta IV crociata e ultimo relatore medievale della Sindone; da questi

passa ai Colant, ai Lagonessa, ai de Sus, per essere poi acquistato dai della Marra che lo detennero intorno

al 1446-1490.

Nei decenni intorno al 1520-1560 passa ai Picciolo e, dopo la breve parentesi dei Carrafa di Maddaloni,

passa ai Caroprese (fine '500 - primi '600) e infine ai Cattaneo, che lo detengono dal primo ventennio del

Seicento sino al 1806, quando i feudatari sopperiscono al regno di Gioacchino Murat.

Fu proprio sotto i Cattaneo che San Nicandro conobbe la sua prima fase di stabilità politica e sociale,

sebbene continuò ad essere un centro a prevalente vocazione agricola e silvo-pastorale, le cui terre erano

spartite tra il feudatario e il Clero locale. In questo periodo, infatti, si rileva una pur tenue introduzione del

barocco soprattutto in alcuni edifici religiosi della città, grazie ai frequenti suffragi dei feudatari.

Verso la fine del Settecento, ebbe inizio la crescita economica di alcune famiglie borghesi che, occupando

terre demaniali, già alla metà dell'Ottocento si trovarono a possedere vastissimi latifondi che gli

consentirono una rapida ascesa sociale e politica.

Di queste famiglie, che divennero il bersaglio prediletto, per tutto l'Ottocento, delle più impietose scorrerie

di briganti, la più potente fu la famiglia Zaccagnino, che offrì anche una lunga serie di sindaci e deputati sino

agli inizi del Novecento. Proprio all'apice del dominio socio-politico di questa aristocrazia terriera, che

intesseva stretti legami con l'alta società della capitale del Regno di Napoli, San Nicandro conobbe un

rapido sviluppo economico, politico e culturale, divenendo in breve tempo il centro maggiore del Gargano:

si incrementò la produzione agricola, con esportazione di prodotti (grano, olio e uva da tavola) in tutta Italia

e, soprattutto intorno agli anni '30 del Novecento, crebbe notevolmente l'artigianato.

65
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Figura 21 - evoluzione storica dell'abitato

Nello stesso periodo la compagine politica e culturale conobbe una fervente attività di movimenti carbonari

e massonici, inseriti appieno nelle vicende nazionali. Successivamente, tra la fine dell'800 e i primi decenni

del Novecento, San Nicandro divenne uno dei più aspri teatri della lotta politica di classe sotto la guida di

personaggi eminenti, come Giuseppe e Domenico Fioritto, con esiti spesso tragici, menzionati nelle

cronache e mitizzati nella letteratura del tempo, com'è il caso de "Il cafone all'inferno" di Tommaso Fiore,

che trasse spunto da storie quotidiane dei contadini sannicandresi. Quest'anelito di riscatto, che risuona

tuttora nella vasta tradizione di musica e coralità popolari, trovò il suo sfogo nell'ultimo dopoguerra,

66
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

quando, estinte le grandi famiglie di latifondisti, le sinistre conquistarono il potere cittadino, creando un

vasto fenomeno di occupazione di terre demaniali, tuttora oggetto di discussione socio-politica. Sempre

durante il secondo conflitto mondiale, un altro fenomeno, darà a San Nicandro una certa rilevanza socio-

antropologica: la conversione di un numeroso gruppo di contadini alla fede giudaica, sotto la guida

illuminante di Donato Manduzio.

A partire dalla fine degli anni '80 del Novecento, la fama di San Nicandro crebbe in Europa per essere la

maggior esportatrice di fiori secchi ornamentali, di cui identificò per lungo tempo il 70% della produzione

nazionale.

3.5 SISTEMA SOCIO ECONOMICO

3.5.1 DINAMICA DEMOGRAFICA

Nella dinamica demografica dal 1861 al dicembre 2013 si verifica una costante crescita fino al 1991, con un

tasso di variazione pari a circa il 4% dal 1971 al 1991. A partire da tale anno si assiste ad una inversione di

tendenza che si manifesta con un tasso di decremento pari al 18,4% nel ventennio tra il 1991 ed il 2011 e

pari al 0.3% tra il 2011 ed il 2013.

Grafico: Evoluzione demografica

67
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

La densità territoriale è variata da 104 ab/kmq al 1971 a 91,87 ab/kmq al 2011.

La popolazione residente è così distribuita sul territorio (dati 2008):

Località abitate Altitudine Maschi Femmine Totale Numero Abitazioni

Gargano blu 5 5 3 8 5 82

San Nicandro Garganico 224 8.666 9.117 17.783 6.435 8.520

Case sparse - 146 137 283 102 144

TOTALE 0 - 724 8.817 9.257 18.074 6.542 8.746

Tabella della distribuzione della popolazione sul territorio

La struttura della popolazione articolata per classi di età mostra tra il 1971 e il 2001 un decremento delle

nascite, evidenziato dalla riduzione della classe di popolazione residente avente meno di 5 anni che è

passata dal 9,7% al 5% nel periodo tra il 1971 e il 2001. Le classi di età intermedia dai 10 ai 24 anni

presentano, in percentuale, un comune andamento che tende inizialmente a crescere e poi a decrescere,

mentre la fascia di età tra i 25 e i 74 anni presenta un andamento inverso a quello precedentemente

descritto. Dal grafico successivo, rappresentante le classi d’età, si nota inoltre il tendenziale invecchiamento

della popolazione testimoniato dalla crescita del numero di residenti aventi più di 75 anni.

DA 75 E PIU'

DA 65 A 74

DA 55 A 64

DA 45 A 54

1971
DA 35 A 44
1981
1991
DA 25 A 34
2001

DA 15 A 24

DA 10 A 14

DA 5 A 9

MENO DI 5

0,0 2,0 4,0 6,0 8,0 10,0 12,0 14,0 16,0 18,0 20,0 %

Grafico: popolazione residente per classi di età

68
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

La variazione del saldo naturale (natalità, mortalità) e del saldo migratorio (iscritti, cancellati) nel

quindicennio 1994 – 2008 mostra un decremento medio annuo di -217,9 abitanti.

Va notato infine che anche il numero delle famiglie, analogamente a quanto avviene per il numero totale

dei residenti, cresce fino al 1991 e poi subisce una lieve diminuzione nel 2001, passando da 5.285 nel 1971

a 6.542 nel 2001. Il numero medio di componenti per famiglia si riduce nell’arco del trentennio esaminato

da 3,38 a 2,76. Si nota un aumento della percentuale di analfabeti nel decennio 2001-2011 (inversione della

tendenza di diminuzione osservata fino al 2001), che contrasta con l’aumento della percentuale dei

residenti in possesso di diploma e laurea (grafico successivo).

Grafico: Grado d’istruzione

3.5.2 EDILIZIA ABITATIVA

Le abitazioni occupate sono calate dal 89,9% al 74,3% dal 1971 al 2001 a fronte di un aumento complessivo

delle abitazioni ed in particolare di quelle non occupate che sono passate dal 10,1% al 25,6% nel trentennio

considerato.

Nei due grafici successivi viene rappresentato il raffronto tra la popolazione residente e le stanze occupate

nel periodo tra il 1971 e il 2001 ed i dati della popolazione residente e del numero complessivo di stanze.

69
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

24.000

23.000
STANZE OCCUPATE
22.000

21.000

20.000

19.000

18.000

17.000

16.000

15.000

14.000

13.000

12.000

11.000

10.000
1971 1981 1991 2001

Grafico: confronto popolazione residente – stanze occupate

30.000

29.653 29.192
28.000

26.000

24.000

22.577
22.000

20.000

19.525
18.000
18.759
17.939 18.074

16.000

14.000
13.823
12.000

10.000
1971 1981 1991 2001

Grafico: confronto popolazione residente – stanze totali

Dall’analisi dei due grafici si nota che il numero medio di occupanti per stanza scende da 1,4 a 0,8 mentre,

considerando il numero totale delle stanze, per ogni abitante risultano disponibili 0,77 stanze nel 1971 e

1,62 stanze nel 2001.

Nel grafico successivo viene invece rappresentato il raffronto tra le stanze occupate e quelle non occupate

nel periodo tra il 1971 e il 2001.

70
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

24.000

22.000

20.000

18.000

16.000

14.000

12.000

10.000

8.000

6.000

4.000

2.000

0
1971 1981 1991 2001

Grafico: confronto stanze occupate e non

L’aumento delle stanze non occupate si comprende meglio se si analizzano in particolare i motivi della non

occupazione delle abitazioni (riferite all’anno 1991) che nel 43% dei casi sono utilizzate per vacanze.

Per quanto riguarda il titolo di godimento la tendenza è quella di avere abitazioni in proprietà mentre il

numero medio di stanze per abitazione è passato da 2,4 a 3,34 e gli occupanti delle stesse cambia da 3,4 a

2,8.

Dall’analisi del numero di abitazioni occupate in relazione al numero di stanze presenti in esse si nota che,

solo dal confronto tra il 1991 e il 2001, esclusivamente le abitazioni aventi 3 e 6 stanze risultano in calo.

3.5.3 DINAMICA DEI SETTORI PRODUTTIVI

La dinamica della popolazione attiva e non attiva mostra, in percentuale, un aumento di quella attiva

nell’ultimo decennio e in particolare si nota la variazione degli attivi in cerca di prima occupazione dal

25,7% al 24%. La popolazione non attiva risulta diminuita nello stesso periodo dal 67,7% al 62%.

SETTORE SECONDARIO

La popolazione attiva nel settore industriale ha un andamento fluttuante nell’arco del tentennio di

riferimento, pur mostrando complessivamente un calo dal 31,53% nel 1971 al 25,47% nel 2001.

71
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Questo decremento è da ascrivere specificamente al settore estrattivo che, in particolare, dal 1971 al 1981

passa dal 51% degli addetti al 5,6% e all’incremento costante dei vari settori del terziario come si nota dai

grafici 4.8 e 4.9.

In questo settore prevale il lavoro dipendente e impiegatizio, con una percentuale del 20%, seguito dal

lavoro in proprio pari al 4,33% circa della popolazione attiva totale.

Dall’ultimo censimento dell’industria e commercio del 2001 si rilevano 206 unità locali a cui corrispondono

516 addetti.

CREDITO, ASS.
PUBBL. AMMIN.
3%
TRASPORTI 7%
1%

COMMERCIO
7%
AGRICOLTURA
50%

INDUSTRIA
32%

Grafico: popolazione residente attiva per ramo di attività economica al 1971

AGRICOLTURA
PUBBL. AMMIN. 19%
34%

INDUSTRIA
CREDITO, ASS. 25%
5%

TRASPORTI COMMERCIO
2% 15%

Grafico: popolazione residente attiva per ramo di attività economica al 2001

SETTORE TERZIARIO

Questo settore comprende vari rami (commercio, trasporti, credito e assicurazione e pubblica

amministrazione). In particolare, come si nota dal confronto dei grafici precedenti, in tutti i rami suddetti è

72
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

avvenuto un incremento del numero di addetti nell’arco del trentennio considerato, e su tutti predomina il

numero di addetti in un ramo della pubblica amministrazione che è variato dal 7% al 34%.

E’ da sottolineare invece il calo dei pubblici esercizi, che passa dal 78% al 24% all’interno del ramo

commerciale che, tuttavia, risulta in crescita a causa del numero crescente di attività di riparazione.

Anche in questo settore predomina la tipologia di lavoro dipendente e impiegatizio. Nel grafico successivo

viene sintetizzata la composizione del tipo di posizione professionale all’interno dei vari settori produttivi.

45,0

40,0

35,0

30,0
agricoltura
25,0
% industria
20,0
atre attività
15,0

10,0

5,0

0,0
Impr./Libero Prof. Lavoro in proprio Coadiuvanti Lavoro Dipend., dirig. e
impieg.

Grafico: posizioni professionali in vari anni e nei diversi settori produttivi.

3.5.4 ATTIVITÀ COMMERCIALI ED URBANIZZAZIONI

La tabelle successive riportano l’elenco delle attività commerciali presenti al 31 dicembre 2006 ed il

numero di scuole pubbliche e private di competenza comunale e provinciale.

ATTIVITA' COMMERCIALI (al 31/12/2006)

TIPI DI ATTIVITA' n.ro

AMBULANTI IMMIGRANTI 60

AMBULANTI AREE MERCATARI (mercato quindicinale) 310

COMMERCIO POSTO FISSO 329

PUBBLICI ESERCIZI (bar, pizzerie, ristoranti, alberghi, rosticcerie, sale giochi) 53

73
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

CAMPEGGI 3

ATTIVITA' ARTIGIANALI 180

SITUAZIONE DELL'EDILIZIA SCOLASTICA PUBBLICA AL 2007-'08

SCUOLE DELL’OBBLIGO EDIFICIO

MATERNE PUBBLICHE

Direzione didattica 2

Istituto Comprensivo "M. Vocino" 2

Istituto Comprensivo "Mons. Dott. Don A. D'Alessandro" 2

MATERNE PRIVATE

Istituto "Mario Zaccagnino" 1

Istituto "Donato Del Castello" 1

SCUOLE ELEMENTARI PRIVATE

Istituto "Mario Zaccagnino" 1

Istituto "Valente Zaccagnino" 1

SCUOLE SUPERIORI ALL'OBBLIGO PRIVATE

Istituto Tecnico Commerciale "Manzoni" 1

SCUOLE ELEMENTARI

Direzione didattica 2

Istituto Comprensivo "M. Vocino" 2

Istituto Comprensivo "Mons. Dott. Don A. D'Alessandro" 2

SCUOLE MEDIE SUPERIORI

Istituto Comprensivo "M. Vocino" 2

Istituto Comprensivo "Mons. Dott. Don A. D'Alessandro" 2

74
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

SCUOLE SUPERIORI ALL'OBBLIGO

Liceo Pedagogico Statale "G. De Rogatis" 1

Liceo Ginnasio Statale "G. De Rogatis" 1

Liceo Scientifico Statale "G. De Rogatis" 1

I.T.C. "D. Fioritto" 1

I.P.S.I.A. "D. Fioritto" indirizzo moda - elettronica - elettrico 1

I.T. per il turismo "D. Fioritto" 1

Istituto d'Arte "Andrea Pazienza" 1

3.5.5 ATTREZZATURE PER IL TURISMO

Nella tabella successiva sono riportati i dati ufficiali Istat sulla capacità ricettiva nel Comune di San Nicandro

Garganico dal 2003 al 2010.

NUMERO ESERCIZI LETTI


CATEGORIA

2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010

2 Stelle 2 2 2 2 1 1 1 1 40 40 40 40 22 22 22 22

Alberghiere 2 2 2 2 1 1 1 1 40 40 40 40 22 22 22 22

Bed & Breakfast 0 0 0 0 1 1 1 1 0 0 0 0 10 10 10 10

Campeggi e Villaggi 3 3 3 3 3 3 3 3 766 766 766 766 766 651 606 606

Complementari 3 3 3 3 4 4 4 4 766 766 766 766 776 661 616 606

Capacità ricettiva negli esercizi alberghieri e complementari

Si rileva, quindi, che dal 2007 al 2010 è rimasto un unico esercizio alberghiero (2 stelle) con una

diminuzione dei posti letto da 40 a 22, mentre gli esercizi complementari sono aumentati con la comparsa

75
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

di un Bed & Breakfast a fronte di una diminuzione di posti letto dei Campeggi e Villaggi turistici da 766 a

606.

3.6 RISORSE INFRASTRUTTURALI

Il centro abitato di San Nicandro dista poco più di 70 Km dal capoluogo provinciale e quasi 200 km da Bari;

si trova a circa 50 Km dal Molise e a 120 Km da Pescara.

Le infrastrutture aeroportuali sono dislocate nei capoluoghi di regione Bari e Pescara; a Foggia è in fase di

avvio un potenziamento dell’aeroporto attualmente scarsamente usato.

Il porto più vicino è a Termoli, a circa 50 Km; da questo, tra l’altro, si possono raggiungere le isole Tremiti

che distano solo 20 Km dalla costa sannicandrese, in località Torre Mileto che costituisce il sito più vicino

delle isole alla terraferma.

E’ servito dall’autostrada A14 e dalla SS 16 bis, ed è raggiungibile dalle stesse, in circa 20 km, attraverso la

Strada a Scorrimento Veloce del Gargano. San Nicandro Garganico con il resto del Gargano nord è collegato

quasi esclusivamente dalla SSV, mentre con Apricena e il resto del tavoliere utilizza la SS89, ormai in quasi

totalmente in disuso nel tratto verso Cagnano, Carpino, ecc.

La ferrovia dello stato, linea adriatica, è distante e non attraversa il territorio comunale, mentre la Ferrovia

dl Gargano lambisce il centro abitato, a Sud, ove c’è una stazione. I collegamenti con San Severo e il resto

del Gargano Nord, fino al terminale di Peschici, sono frequenti. L’utenza, una volta formata

prevalentemente da studenti, è profondamente mutata in quanto le scuole ormai sono presenti in quasi

tutti i Comuni garganici.

I collegamenti principali nell’ambito territoriale di appartenenza sono, in ordine di frequentazione, Apricena

- San Severo, San Marco in Lamis – San Giovanni Rotondo, Lesina, Poggio Imperiale, Cagnano.

Vi è anche un flusso, per lo più estivo, da San Marco in Lamis e, in parte, San Giovanni Rotondo, che

attraversando San Nicandro si riversa sull’arenile di Torre Mileto, all’estremità orientale del territorio

comunale di Lesina.

76
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL SISTEMA TERRITORIALE LOCALE

Il territorio comunale di San Nicandro è attraversato dall’itinerario 6 della rete ciclabile Cy.Ro.N.Med. per

un tratto di 13,41 km, che passa in prossimità del lago di Lesina, innestandosi su tracciati esistenti anche

all’interno dei possedimenti della fondazione Zaccagnino.

77
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

4 BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

4.1 VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE

Il Comune di San Nicandro Garganico è dotato di un Programma di Fabbricazione approvato nel 1973

(Decreto Regionale n° 324 del 28/02/1973).

Il Programma di Fabbricazione è stato oggetto di successive Varianti: la prima approvata con DPGR n° 1197

del 20/05/1977; la seconda approvata con DGR n° 2692 del 30/03/1981 che costituisce lo strumento di

pianificazione vigente.

Parte integrante del Programma di Fabbricazione è il Regolamento Edilizio comunale che contiene le

norme per il controllo dell'attività edificatoria ai sensi degli articoli 33 e 34 della Legge 17 agosto 1942

n°1150 modificata ed integrata dalla Legge 6 agosto 1967 n°765.

Il Regolamento è integrato dalle Norme di Attuazione del P.d.F. che regolamentano l'utilizzo a qualsiasi

titolo di tutto il territorio comunale e vanno pertanto applicate a tutte le sue parti.

Successivamente alla seconda variante generale sono intervenute due ulteriori varianti tematiche attinenti

una al Piano di Zona per l’Edilizia Economica e Popolare (PEEP) approvata con Decreto Regionale n°510

del 02/03/1977, l’altra al Piano per gli Insediamenti Produttivi (PIP) approvata con Delibera CC n°17 del

09/08/2002.

Le zone PEEP all’interno del territorio comunale coincidono la zona C5 (PdL insula C5 PEEP adottato con

DCC n° 159 del 24/07/1975) e la zona C9 (PdL insula C9 PEEP adottato con DCC n° 135 del 07/03/1983).

Si riporta di seguito l’elenco delle maglie urbanistiche incluse in strumento urbanistico esecutivo adottato:

ZOT DENOMINAZIONE ADOZIONE


C1A PdL insula C1A DCC n° 46 del 22/07/2003
PdL insula C1B comparto 1 DCC n° 27 del 25/03/1991
PdL insula C1B comparto 2 DCC n° 415 del 11/05/1983
C1B
PdL insula C1B compartI 3 e 4 DCC n° 50 del 28/09/2001
PdL insula C1B comparti 5 e 6 DCC n° 50 del 05/04/2002
C4 PdL insula C4 ed F20 DCC n° 183 del 12/09/1985

78
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

C5 PdL insula C5 PEEP DCC n° 159 del 24/07/1975


C6 PdL insula C6 DCC n° 44 del 17/09/2001
C7 PdL insula C7 DCC n° 45 del 17/09/2001
PdL insula C8 comparto 04 DCC n° 49 del 21/05/1991
PdL insula C8 comparto 05 DCC n° 37 del 29/02/1984
PdL insula C8 comparto 06 DCC n° 309 del 24/09/1984
PdL insula C8 comparto 07 DCC n° 143 del 11/10/1990
PdL insula C8 comparto 08 DCC n° 83 del 22/03/1984
PdL insula C8 comparto 09 DCC n° 108 del 18/04/1984
PdL insula C8 comparto 10 DCC n° 82 del 22/03/1984
PdL insula C8 comparto 11 DCC n° 94 del 14/12/1998
PdL insula C8 comparto 12 DCC n° 80 del 22/03/1984
PdL insula C8 comparto 13 DCC n° 78 del 22/03/1984
PdL insula C8 comparto 14 DCC n° 18 del 09/08/2002
PdL insula C8 comparto 15 DCC n° 123 del 04/03/1985
PdL insula C8 comparto 16 DCC n° 123 del 16/09/1987
PdL insula C8 comparto 17 DCC n° 58 del 21/05/1987
PdL insula C8 comparto 18 DCC n° 11 del 30/01/1985
C8
PdL insula C8 comparto 19 DCC n° 60 del 21/05/1987
PdL insula C8 comparto 20 DCC n° 81 del 22/03/1984
PdL insula C8 comparto 21 DCC n° 15 del 25/07/1995
PdL insula C8 comparto 22 DCC n° 216 del 22/11/1986
PdL insula C8 comparto 23 DCC n° 30 del 25/11/1985
PdL insula C8 comparto 24 DCC n° 320 del 09/12/1985
PdL insula C8 comparto 25 DCC n° 84 del 22/03/1984
PdL insula C8 comparto 26 DCC n° 73 del 22/03/1984
PdL insula C8 comparto 27 DCC n° 23 del 30/01/1983
PdL insula C8 comparto 28 -
PdL insula C8 comparto 29 DCC n° 294 del 27/08/1984
PdL insula C8 comparto 30 DCC n° 163 del 18/05/1984
PdL insula C8 comparto 31 DCC n° 30 del 25/03/1991
PdL insula C8 comparto 32 DCC n° 67 del 25/11/1997
PdL insula C8 comparto 33 -
C9 PdL insula C9 PEEP DCC n° 135 del 07/03/1983
C10 PdL insula C10 DCC n° 42 del 30/04/1996
C11 PdL insula C11 DCC n° 29 del 25/03/1991
PdL insula C12 lotti 1 - 5 DCC n° 46 del 14/07/1997
C12
PdL insula C12 lotto 6 DCC n° 23 del 26/03/1999
C13 PdL insula C13 DCC n° 28 del 25/03/1991
CR6/11 PdL insula CR6/11 -

79
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

CR6/12 Pdl insula CR6/12 DCC n° 34 del 31/01/2002


CR6/13 PdL insula CR6/13 -
PdL insula CR6/14 comparto 1 DCC n° 32 del 06/09/1990
CR6/14
PdL insula CR6/14 comparto 2 DCC n° 87 del 25/10/1999
PdL insula CR6/15 comparto 1 -
CR6/15
PdL insula CR6/15 comparto 2 -
PdL insula CR6/16 comparto 1 -
PdL insula CR6/16 comparto 2 -
CR6/16
PdL insula CR6/16 comparto 3 -
PdL insula CR6/16 comparto 4 -
PdL insula DI2 comparto 1 -
PdL insula DI2 comparto 2 -
PdL insula DI2 comparto 3 DCC n° 188 del 21/12/1987
PdL insula DI2 comparto 4 -
PdL insula DI2 comparto 5 -
PdL insula DI2 comparto 6 -
PdL insula DI2 comparto 7 -
PdL insula DI2 comparto 8 -
DI2
PdL insula DI2 comparto 9 -
PdL insula DI2 comparto 10 -
PdL insula DI2 comparto 11 -
PdL insula DI2 comparto 12 -
PdL insula DI2 comparto 13 -
PdL insula DI2 comparto 14 -
PdL insula DI2 comparto 15 -
PdL insula DI2 comparto 16 -
DI3 PdL insula DI3 -
PdL insula DI4 comparto 1 DCC n° 26 del 25/03/1991
PdL insula DI4 comparto 2 DCC n° 122 del 16/09/1987
PdL insula DI4 comparto 3 DCC n° 37 del 30/04/1996
PdL insula DI4 comparto 4 -
PdL insula DI4 comparto 5 -
PdL insula DI4 comparto 6 DCC n° 57 del 21/05/1987
DI4 PdL insula DI4 comparto 7 DCC n° 40 del 30/04/1986
PdL insula DI4 comparto 8 DCC n° 39 del 30/04/1986
PdL insula DI4 comparto 9 DCC n° 56 del 21/05/1987
PdL insula DI4 comparto 10 -
PdL insula DI4 comparto 11 DCC n° 42 del 29/02/1984
PdL insula DI4 comparto 12 DCC n° 85 del 05/04/2002
PdL insula DI4 comparto 13 DCC n° 85 del 05/04/2002

80
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

PdL insula DI4 comparto 14 DCC n° 109 del 18/04/1984


PdL insula DI4 comparto 15 DCC n° 85 del 05/04/2002
PdL insula DI4 comparto 16 DCC n° 85 del 05/04/2002
PdL insula DI4 comparto 17 DCC n° 38 del 30/04/1996
PdL insula DI4 comparto 18 -
PdL insula DI4 comparto 19 -
PdL insula DI4 comparto 20 -
PdL insula DI4 comparto 21 -
PdL insula DI4 comparto 22 -
PdL insula DI4 comparto 23 -
PdL insula DI4 comparto 24 -
PdL insula DI5 comparto 1 -
PdL insula DI5 comparto 2 -
PdL insula DI5 comparto 3 -
PdL insula DI5 comparto 4 DCC n° 169 del 05/07/1985
PdL insula DI5 comparto 5 -
PdL insula DI5 comparto 6 DCC n° 85 del 22/03/1984
PdL insula DI5 comparto 7 -
PdL insula DI5 comparto 8 -
PdL insula DI5 comparto 9 -
DI5
PdL insula DI5 comparto 10 -
PdL insula DI5 comparto 11 -
PdL insula DI5 comparto 12 DCC n° 96 del 30/04/1996
PdL insula DI5 comparto 13 DCC n° 55 del 21/05/1987
PdL insula DI5 comparto 14 DCC n° 41 del 30/04/1996
PdL insula DI5 comparto 15 -
PdL insula DI5 comparto 16 -
PdL insula DI5 comparto 17 -
PdL insula DI5 comparto 18 DCC n° 217 del 22/11/1986
Risultano altresì approvate varianti specifiche, attraverso l’istituto del SUAP – DPR n° 447/99 – riguardanti

tutte ampliamenti, in deroga alle NTA, di capannoni per la trasformazione di prodotti agricoli.

4.2 IL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE

Il territorio del Comune di San Nicandro Garganico è suddiviso in zone territoriali omogenee, che verranno

esaminate con maggior dettaglio nel capitolo successivo, ai sensi e per gli effetti della cosiddetta “Legge

Ponte” L. 06/08/1967 n°765.

81
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

Figura 22 - zone omogenee territoriali del Programma di Fabbricazione

Il Programma di Fabbricazione individua in ambito urbano una zona A, “Zona Storica”; una zona B0, “Zona

a carattere ambientale da tutelare”; le zone B1 e B2, “Zona residenziale edificata”; le zone B3, B4 e B5,

“Zone di completamento”.

Il Programma di Fabbricazione prevede inoltre in ambito urbano n°13 zone C di espansione urbana, tutte

dotate di Piani attuativi, ad esclusione della C3. In particolare 6 ZOT (C01A, C05 –a,b,c,, C06, C07,C09,C10)

con Piani convenzionati con la PA, 4 ZOT (C04, C08, C12, C13) approvati ma non ancora convenzionati e 3

(C04, C08 e C13) solo adottati dal CC.

Le previsioni del Programma di Fabbricazione riguardano, per quanto attiene al territorio comunale

extraurbano, sei zone turistiche CR6, “di espansione territoriale”, due a monte, in località “Spina Pulci” e

“San Giuseppe”, e quattro in prossimità della costa, in località “Monte Delio”, “Favaro” e “Torre Mileto”.

Delle sei zone turistiche solo la CR6/13, a ridosso del confine comunale di Lesina, risulta parzialmente

attuata a seguito della edificazione del Villaggio turistico “Gargano Blu”. Per le zone CR6/14, CR6/15 e

CR6/16 risulta presentato un Piano di Lottizzazione. Un campeggio - villaggio turistico risulta poi attuato in

82
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

zona FS3 “a carattere territoriale”, in località Torre Mileto. Per quanto riguarda le due zone turistiche CR6

a monte (CR6/11 e CR6/12), situate in territori quasi interamente boscati, non è mai stato presentato alcun

piano.

Il Programma di Fabbricazione vigente prevede n°5 zone D “industriali, artigianali e/o commerciali”: Di1,

Di2, Di3, Di4 e Di5. La zona Di1 “industriale” è localizzata oltre la superstrada e a confine con essa verso

Torre Mileto sul lato sinistro. Delle zone Di2, Di3, Di4 e Di5 “piccola industria, artigianale e/o

commerciale”, solo la Di3, situata lungo la SS89 in direzione Apricena, in località “Piano dei Cerri” risulta

totalmente inattuata e non dotata di Piano Particolareggiato. La zona Di5 situata lungo il prolungamento di

via Lauro in direzione esterna all’abitato, su entrambi i lati della strada stessa, dotata di Piano

Particolareggiato, risulta attuata al 20%. Le zone Di2 e Di4 infine si collocano lungo la SP 41 in direzione

Torre Mileto rispettivamente ad est e ad ovest della strada stessa. Anch’esse sono dotate di singoli Piani di

Lottizzazione e risultano rispettivamente attuate al 15% ed al 20%.

Con variante ad hoc approvata con Delibera CC n°16 del 09/08/2002 è stata inoltre perimetrata una Zona

PIP, situata in località “San Nazario”, a monte della SS693, tra Masseria San Nazario e Masseria Zaccagnino,

ad oggi totalmente inattuata. Le relative procedure di esproprio non risultano neppure avviate.

Per quanto riguarda le parti di territorio destinate ad attrezzature e impianti di interesse generale il

Programma di Fabbricazione vigente distingue zone F “a carattere urbano” e zone F “a carattere

territoriale”.

Nel centro urbano si concentrano n°24 zone F “a carattere urbano”, attuate per la quasi totalità, per

quanto attiene alle aree più interne al centro urbano consolidato. In particolare risultano totalmente o

parzialmente attuate le zone F01B, F02, F03, F04, F05, F06, F09, F10, F11 (cimitero), F13, F16, F22. Le

restanti aree (F01A, F07, F8, F09A, F12, F14, F15, F17, F18, F19, F20, F21, F23, F24) risultano totalmente

inattuate. La zona F09A, tuttavia, in quanto classificata come “zona di rispetto cimiteriale” può

considerarsi attuata.

Le zone F “a carattere territoriale” sono invece concentrate in prossimità della costa ed a servizio delle

zone “di espansione territoriale” di tipo turistico CR6. Si tratta delle zone FS3 situate sia a valle che a monte

83
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

della strada litoranea SP41 e separate dalla “fascia di rispetto” della costa, perimetrata e dunque normata

dal Programma di Fabbricazione vigente. Tali zone non risultano attuate ad eccezione dell’intervento di tipo

turistico adiacente alla Torre Mileto di cui si è detto innanzi.

L’ampio territorio rurale è suddiviso in tre zone omogenee: EA2, EA3 ed EA4. La zona EA2, situata a nord,

nella fascia compresa tra la SS693 e Torre Mileto, è destinata a colture specializzate ad alta produttività; la

zona EA3 compresa tra la SS693 e la SS89 individua terreno agricolo ad alta e media produttività; la zona

EA4 infine coincide con quella parte del territorio comunale compresa tra la SS89 e, verso Sud, fino all'

estremo limite di confine con il territorio di San Marco in Lamis, ed ha caratteristiche di coltivazioni a scarsa

produttività.

Il centro abitato, in sintesi, è costituito da un centro storico, zona A – “Zona Storica”, da una zona di prima

espansione di valore storico, zona B0 – “Zona a carattere ambientale da tutelare”, da un ulteriore zona di

espansione novecentesca, zona B1 – “Zona residenziale edificata”, particolarmente estesa, caratterizzata da

un edificato consolidato e compatto che si estende con una maglia piuttosto ordinata dal campo sportivo, a

nord-ovest, al quartiere “Stazione” a sud-est, con delle “ramificazioni” a nord-est verso la “Vora di

Papaglione”, ad est verso il quartiere “Boschetto” e a sud-ovest, al di là del Torrente Vallone. Le zone B3, B4

e B5 – “Zone di completamento”, di edificazione più recente, completano l’edificato compatto,

sviluppandosi per lo più in zone con evidenti problemi legati all’orografia del territorio e pertanto

caratterizzate da difficoltà legate alla viabilità.

Delle 13 “Zone di espansione urbana” concentrate a nord, a sud-ovest e in piccola parte ad est, solo 4

hanno visto la quasi totale attuazione (C01A, C05, C06 e C08) accentuando dunque l’evoluzione del centro

abitato lungo la via Lauro e lungo la via per Apricena, al di là del Torrente Vallone. Un’ulteriore propaggine

prevista dal Programma, questa volta in direzione nord-est, è costituita dalla zona di espansione urbana

C04 in corrispondenza della collina denominata “Vora di Papaglione” ma non ancora edificata. Le ulteriori

aree non ancora edificate ma previste dal Programma di Fabbricazione sono in gran parte segnate da

problemi legati alla particolare orografia del territorio di San Nicandro Garganico e più in particolare da

interferenze con il reticolo idrogeomorfologico.

84
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

Le parti di territorio destinate ad attrezzature e impianti di interesse generale comprese tra l’edificato

compatto e la viabilità di circonvallazione ad est, ed in misura minore a nord, vanno a completare il disegno

del centro abitato previsto dal Programma di Fabbricazione. A nord dell’abitato, lungo via Lauro e lungo la

SP41 in direzione Torre Mileto, si estendono poi le zone produttive (Di2, Di4 e Di5) parzialmente sviluppate.

Le previsioni turistiche infine sono quasi totalmente inespresse anche a causa della difficoltà nel

trasformare zone del territorio di particolare pregio per la presenza di numerosi beni paesaggistici. L’unico

insediamento ricettivo-turistico, realizzato da oltre un ventennio, nella zona di espansione territoriale

CR6/13, la più prossima alla costa, è il “Gargano Blu”. Un campeggio - villaggio turistico risulta poi attuato in

zona FS3 “a carattere territoriale”, in località Torre Mileto.

4.2.1 ZONIZZAZIONE DEL PF VIGENTE

Il PF suddivide il territorio comunale nelle seguenti zone omogenee:

ZONA A – “ZONA STORICA”

La zona omogenea territoriale A “Zona storica” comprende il nucleo urbano denominato “Terravecchia”

che riveste interesse storico-ambientale.

Si affaccia sul Torrente Vallone e si estende per circa 5,4 Ha. Il costone del Torrente Vallone in parte

coltivato costituisce una cornice di naturalità di grande valenza e fascino paesaggistico.

L’originario nucleo insediativo, situato a nord ovest della ZOT A, è delimitato da mura medievali in parte

ancora oggi leggibili.

Il cuore del nucleo originario è il castello di San Nicandro Garganico situato su quella che anticamente

doveva essere un'altura (224 m s.l.m.) decisamente strategica dal punto di vista logistico-militare. A quanto

desumibile dalle fonti storiche, il primo edificio doveva costituirsi di una torre di avvistamento e difesa,

presso cui era stanziata una guarnigione di soldati già in epoca normanna.

Nel periodo aragonese, probabilmente sotto i feudatari Della Marra, alla torre fu addossata la costruzione

del castello nell'attuale perimetrazione, e fu attuata un'opera di "incastellamento" del primo nucleo

85
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

abitativo che vi sorse nei dintorni: di tale poderoso intervento ci pervengono le torri circolari del versante

Sud e quelle superstiti della muraglia occidentale.

Al XVI secolo, invece, è attestabile l'abbellimento della porta di accesso Est con la costruzione di una

loggetta che collegava il castello con un grande palazzo innalzato tra la porta e le mura Est del castellum;

nello stesso periodo fu costruito, come pertinenza, un palazzo ("Palazzo Fioritto") addossato alle mura

Ovest, attualmente sede della Biblioteca Comunale "A. Petrucci" e del Museo Etnografico della Civiltà

Contadina.

Altri interventi, probabilmente a scopo difensivo o dovuti all'adeguamento a nuove esigenze logistiche, si

ebbero nel periodo Barocco e infine verso la metà del Novecento, quando venne ristrutturato

internamente al fine di divenire residenza privata: fu creato il nuovo ingresso sul lato Est del castello e, di

conseguenza il ponte levatoio che sovrastava l'attuale piano stradale fu chiuso definitivamente.

Si presenta a base trapezoidale, con i lati disposti pressappoco secondo i punti cardinali: sul lato Nord vi

sono due torri a base quadrangolare, di cui una è quella originaria del primo periodo; sul lato sud le due

torri aragonesi a base circolare che danno le spalle alla chiesa madre.

La Chiesa Madre Santa Maria del Borgo è la chiesa madre della città, impropriamente identificata come

cattedrale, nonostante non sia mai stata residenza episcopale. Costruita probabilmente tra il 1573 e il 1580,

assunse presto le funzioni parrocchiali, trasferite dalla più antica chiesa di San Giorgio, sita nella

Terravecchia.

Successivamente, grazie all'acquisizione di particolari diritti e onorificenze in seno alla diocesi di Lucera, è

fregiata del titolo di collegiata, retta da un arciprete e da un collegio di dodici canonici regolari.

L'edificio attuale è il risultato di vari rimaneggiamenti, il più incisivo dei quali avvenuto intorno al 1693, per

ordine del vescovo di Lucera Domenico Morelli e a spese delle confraternite, a seguito del terremoto del

1688. Si presenta oggi a pianta basilicale, con tre navate scandite da dodici pilastri e la volta (costruita nella

seconda metà dell'Ottocento) a botte con lunette.

La facciata, di forma rettangolare ad abbracciare l'estensione delle tre navate, è interamente costituita di

blocchi di pietra squadrati. Ad interrompere questa austerità, il sobrio portale centrale in stile tardo-

86
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

rinascimentale, sovrastato da un frontone arcuato aperto che accoglie, sulla sommità, le insegne del

vescovo Morelli e la lapide della ricostruzione del 1693.

Il campanile, un paio di metri a nord-est del corpo della chiesa, è a torre quadrata, dello stesso stile della

facciata, diviso in tre sezioni da due cornicioni marcapiano. L'ultima ospita l'aula campanaria. La torre

termina con una cuspide ottagonale, che sul versante principale reca una meridiana.

Sul lato ovest, parallele alla chiesa e unite ad essa da tre archi che si aprono nella navata destra, tre

cappelle: quella dei Misteri della Passione, dell'Immacolata e del SS. Sacramento. La cappella dei Santi

Patroni, invece, è sita parallelamente alla navata sinistra, nella parte anteriore.

Da ammirare, la nutrita statuaria lignea di scuola napoletana, risalente al tardo barocco, come testimoniano

le preziose ed espressive forme della statua dell'Immacolata, di San Michele, di San Nicandro, San Marciano

e Santa Daria. Di un certo rilievo storico e artistico, la tela dell'Annunciazione, attestata al tardo

Cinquecento, gli altari barocchi di San Michele e dei Santi Nicandro, Marciano e Daria, patroni della città.

Altro elemento di interesse è la Chiesa di San Giorgio in Terravecchia. Questa piccola chiesa è la più antica,

sorge all'interno delle mura medioevali (la Chiesa Madre invece ne è appena all'esterno), è ad aula unica

con tre campate, oggi coperte con tetto piano, ha un altare in marmo intarsiato con il retro provvisto di una

piccola sacrestia in piano con la chiesa stessa. Tramite una scala pioli si accede a un soppalco che permette

di portare doni e fiori alla Madonna di Costantinopoli.

Si ricordano in proposito i festeggiamenti, l'8 settembre, con funzione religiosa e processione. Lungo i muri

si trovano ancora le nicchie con statue di santi, tra i quali San Giorgio, a cui è dedicata la chiesa,

Sant'Antonio Abate e San Leonardo.

La facciata è semplice, con portale in pietra e cornicione culminante con campanile a vela (a doppia

campana), raccordato al prospetto da due lunette. Al centro della facciata è un prezioso quadro della

Madonna con Bambino che copre un affresco molto più antico della Madonna Nera di Costantinopoli, del

quale però il restauro è pressoché impossibile.

Il centro storico, come detto, più elevato rispetto al resto del centro abitato, si collega alla SS89,che

penetra l’abitato stesso da sud-ovest, attraverso un sistema di “strade a scalinate” a raggiera

87
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

(corrispondenti a via I Campagna, via II Campagna, via Arco Cavour, via Pozzi, calata Aspromonte, ecc.) che

si diramano da via Vittorio Emanuele, uno degli assi principali del centro storico.

Valgono le norme allegate al P.D.F. approvato dalla Regione Puglia con decreto n. 324 del 28.02.1973 e

dell'allegata relazione dell'Ufficio Urbanistico Regionale n. 143/bis del 27.12.1972.

Sono consentiti soltanto interventi di consolidamento restauro e risanamento (senza alterazione di volume

e con rispetto dell'estetica esistente) secondo quanto fissato dagli artt. 7, 8, e 9 del D.M. del 02.04.1968 n.

1444.

La zona omogenea territoriale A non ha un piano esecutivo, né Piano Particolareggiato, né Piano di

Recupero del Centro Storico.

In quanto tipizzata come zona omogenea A, va considerata, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.1 delle NTA del

PUTT/P, come “Territorio Costruito”.

ZONA B0 – “ZONA A CARATTERE AMBIENTALE DA TUTELARE”

La zona B0 “Zona a carattere ambientale da tutelare” rappresenta la prima espansione del nucleo storico

verso est. L’abitato consolidato , che occupa una superficie di 7,8 Ha, sviluppatosi in maniera non troppo

ordinata lungo l’asse principale di Corso Umberto I di impianto ottocentesco appare alquanto compatto pur

riscontrando la presenza di slarghi, piazze e cortili interni agli isolati.

Vi sono state negli anni numerose sostituzioni edilizie che ne hanno modificato il “volto” ottocentesco. Le

strade, ad eccezione del già citato Corso Umberto I, hanno sezioni molto ridotte e la superficie non è

asfaltata ma rivestita in basole di pietra. Alcune di esse tra l’altro si concludono con scalinate, necessarie a

superare i dislivelli dovuti alla particolare conformazione del centro urbano, che condizionano un agevole

transito veicolare.

Si rileva inoltre al suo interno la presenza di ben 6 chiese di un teatro e di un cinema.

Il Programma di Fabbricazione prevede per gli edifici di particolare pregio ambientale solo operazioni di

consolidamento e/o restauro, senza alterazione dei volumi preesistenti (che verranno computati senza le

sovrastrutture recentemente aggiunte), nonché senza superare l'altezza degli edifici preesistenti.

88
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

Per tutti gli altri edifici sono consentite operazioni di sostituzione edilizia rispettando le altezze medie ed i

volumi preesistenti, nonché distanza fra i fabbricati non inferiori a quelli intercorrenti fra i volumi edificati

preesistenti. In ogni caso il rilascio della Concessione Edilizia è subordinato al preventivo nulla osta

dell'Ufficio Urbanistico Regionale, fatta eccezione per gli allargamenti e/o aperture di porte e finestre

esterne, sostituzione di stipiti ecc.

E’ inoltre possibile superare i volumi e le altezze medie preesistenti e raggiungere l’indice di fabbricabilità

fondiario medio delle costruzioni circostanti solo ricorrendo a lottizzazioni convenzionate con previsioni

planovolumetriche estese a settori di interventi ad individuarsi in funzione dello stato dei luoghi. Come tipo

edilizio sono ammesse solo case continue.

La zona omogenea B0 non dispone di un Piano Esecutivo, ovvero di un Piano Particolareggiato.

In quanto tipizzata come zona omogenea B, va considerata, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.1 delle NTA del

PUTT/P, come “Territorio Costruito”.

ZONA B1 – ZONA RESIDENZIALE EDIFICATA

La zona B1 “Zona residenziale edificata” rappresenta la zona omogenea territoriale più estesa (76 Ha) del

centro urbano di San Nicandro Garganico, rinveniente dall’accorpamento delle zone delle zone B1 e B2

previste dall’originario Programma di Fabbricazione del 1973.

La zona a nord-ovest ripropone le stesse caratteristiche morfologiche della adiacente zona B0 senza

tuttavia presentare quegli stessi aspetti che la rendono meritevole di tutela, eccettuati alcuni edifici che si

affacciano su Corso Garibaldi afferenti alla Fondazione Zaccagnino.

La zona a nord della B0 presenta una maglia più ordinata, con un tessuto edilizio risalente agli anni ’60-’70

costituito da isolati rettangolari in cui trovano collocazione prevalentemente case uni-bifamiliari a due o tre

piani. Lo stato di conservazione è mediamente buono. Si rileva la quasi totale assenza di spazi pubblici e di

arredo urbano. Le sezioni stradali sono notevolmente contenute non consentendo un’agevole circolazione.

La zona a nord ovest di via Francesco D’Assisi attorno al Campo Sportivo, di più recente impianto mantiene

l’orditura regolare con edifici uni-bifamiliari a due o tre piani disposti in maniera parallela alla viabilità.

89
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

In quanto tipizzate come zona omogenea B, vanno considerate, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.1 delle NTA

del PUTT/P, come “Territori Costruiti”.

ZONA B3-B4 – ZONA DI COMPLETAMENTO

Le zona B3-B4 “Zone di completamento” si estendono in quelle parti di territorio comunale dove esiste una

struttura urbana definita. Le destinazioni d’uso previste dall’originario Programma di Fabbricazione del

1973 sono le seguenti: abitazioni, uffici ed attrezzature di interesse collettivo.

La tipologia edilizia presente è costituita da case continue o isolate, distribuite per lo più in zone con

particolari condizioni orografiche e caratterizzate da difficoltà legate alla viabilità, per le quali il PF

prevedeva particolari varianti legati al numero di piani fuori terra e seminterrati tenendo conto di un

decorso livellamento delle altezze degli edifici appartenenti alla maglia edilizia interessata.

In quanto tipizzate come zona omogenea B, vanno considerate, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.1 delle NTA

del PUTT/P, come “Territori Costruiti”.

ZONA B5 – ZONA DI COMPLETAMENTO

La zona B5 “Zona di completamento” è situata a sud del centro urbano di San Nicandro Garganico, lungo la

strada statale 89 “Garganica”. Le destinazioni d’uso previste dall’originario Programma di Fabbricazione del

1973 sono le seguenti: attrezzature per il traffico, costruzione di albergo, ristorante e similari.

L'indice di fabbricabilità fondiaria massimo è pari a 5.00 mc / mq, con un’altezza massimo di m 17.50.

In quanto tipizzata come zona omogenea B, va considerata, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.1 delle NTA del

PUTT/P, come “Territorio Costruito”.

ZONA C – ZONA DI ESPANSIONE URBANA (Simbolo di Zona Omogenea territoriale: R5)

Le 13 zone C di espansione urbana, previste dal PF, sono tutte dotate di Piani attuativi, ad esclusione della

C3. In particolare 6 ZOT (C01A, C05 – a,b,c,, C06, C07,C09,C10) con Piani convenzionati con la PA, 4 ZOT

(C04, C08, C12, C13) approvati ma non ancora convenzionati e 3 (C04, C08 e C13) solo adottati dal CC.

La zona C1 è localizzata a Sud-Ovest del centro urbano consolidato, lungo la strada statale 89 verso

Apricena sul lato sinistro, ed è suddivisa in due sottozone: C1A e C1B. La tipologia edilizia prevista è

costituita da case isolate o continue.

90
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

La zona C4 è situata a Nord del centro urbano, nella zona denominata "Papaglione", ed era indicata dal PF

come zona dove individuare un Piano di Zona per case economiche e popolari per Il 50% ed edilizia libera

per il rimanente 50%. La zona è attualmente inedificata.

La zona C5 è localizzata a Nord-Ovest del centro urbano, sviluppata lungo via S. Cristoforo, ed è provvista di

piano di zona regolarmente approvato e vigente. La zona C6, dotata di piano di zona regolarmente

approvato e vigente e parzialmente dotata di lottizzazione convenzionata approvata e vigente, e la zona C7,

provvista di piano di lottizzazione approvato, sono situate a Nord-Ovest del centro urbano in una zona

adiacente alla C5.

La zona C8 è localizzata a Nord del centro urbano e si sviluppa lungo via Lauro, a diretto contatto con la

zona B dell'abitato; la destinazione d'uso prevista dal PF è quella di edilizia residenziale e attrezzature di

interesse collettivo. La zona C9 è situata a Nord del centro urbano, suddivisa dalla zona C8 da via delle

Rose, ed è provvista di piano di zona adottato.

Le zone C10, C11, C12 e C13 sono distribuite ad est del centro abitato e risultano parzialmente inedificate.

Esclusivamente le zone C1B (comparto 2), C4, C5, C8 (comparti 5-8-9-10-12-13-15-16-17-18-19-20-22-23-

24-25-26-27-29-30) e C9 possono essere considerate “Territori Costruiti” in quanto sono zone C con

strumento urbanistico esecutivo regolarmente presentato in data precedente al 06/06/90, ai sensi

dell’art. 1.03 comma 5.2 delle NTA del PUTT/P. I rimanenti comparti e le altre zone C possono essere

considerate “Territori Costruiti” in quanto sono stati inclusi in Programmi Pluriennali di Attuazione

approvati dall’Amministrazione Comunale in data antecedente al 06/06/1990, ai sensi dell’art. 1.03

comma 5.2 delle NTA del PUTT/P.

ZONA C – ZONA DI ESPANSIONE TERRITORIALE (Simbolo di Zona Omogenea territoriale: R6)

Il territorio comunale extraurbano è suddiviso in sei zone turistiche CR6 dalle previsioni del Programma di

Fabbricazione.

La zona CR6/11 è localizzata in zona "Boscoso" sul lato Sud-Est del territorio comunale a confine con il

comprensorio comunale di San Marco in Lamis. Le destinazioni d'uso previste dal PF sono le seguenti:

91
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

alberghi, motel, villaggi turistici ed attrezzature complementari e/o residenziali con tipologia edilizia a

cellule singole o raggruppate.

La zona CR6/12, situata in località S. Giuseppe a sud del centro abitato, è destinata dal PF ad abitazioni

unifamiliari e plurifamiliari, attrezzature complementari e infrastrutture sociali, attrezzature per il tempo

libero e la cultura, alberghi, motel, villaggi turistici e attrezzature complementari.

Entrambe le zone risultano ancora inattuate, anche in relazione alla particolare condizione dei suoli su cui

sono state individuate che presentano ampie superfici boscate.

La zona CR6/13, situata a nord del centro abitato lungo la costa a ridosso del territorio comunale di Lesina,

è caratterizzata dall’edificazione del Villaggio turistico “Gargano Blu”, fornita di lottizzazione convenzionata

approvata e vigente.

Le zone CR6/14 (adiacente alla CR6/13) e CR6/15 sono situate a nord del centro urbano in località Torre

Mileto, per le quali il PF individuava le seguenti destinazioni d’uso: abitazioni unifamiliari e plurifamiliari,

attrezzature complementari e infrastrutture sociali, attrezzature per il tempo libero e la cultura, alberghi,

motel, villaggi turistici e attrezzature complementari.

La zona CR6/16 è situata in località "Favaro" a Nord-est del territorio, quasi adiacente al confine di Cagnano

Varano, per la quale il PF individuava come destinazioni d'uso le seguenti: alberghi, motel, villaggi turistici e

attrezzature complementari, abitazioni unifamiliari e plurifamiliari.

Le zone CR6/13, CR6/14, CR6/15 e CR6/16 possono essere considerate “Territori Costruiti” in quanto sono

zone C con strumento urbanistico esecutivo regolarmente presentato in data precedente al 06/06/90, ai

sensi dell’art 1.03 comma 5.2 delle NTA del PUTT/P, ed in quanto tali sono state perimetrate nelle tavole

dei Primi Adempimenti, a cura dell’arch. M. Pignatelli e dell’ing. A. Pacilli.

Le zone CR6/11 e CR6/12 possono essere considerate “Territori Costruiti” in quanto sono stati incluse in

Programmi Pluriennali di Attuazione approvati dall’Amministrazione Comunale in data antecedente al

06/06/1990, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.2 delle NTA del PUTT/P.

ZONA D – ZONE INDUSTRIALI, ARTIGIANALI E/O COMMERCIALI

92
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

La zona Di1 “industriale” è localizzata a Nord-Ovest del centro abitato, oltre la superstrada e a confine con

essa verso Torre Mileto sul lato sinistro. Per tale zona è stata presentata una Variante al PF adottata con

delibera C.C. n.16 del 9.08.2002. La destinazioni d’uso autorizzata è quella industriale con edifici isolati o

raggruppati, anche di piccole dimensioni per incentivare il settore della conservazione, trasformazione e

distribuzione dei prodotti dell'agricoltura.

Le zone per “piccole industrie, artigianali e/o commerciali” sono: la zona Di2, localizzata lungo la strada

provinciale Sannicandro-Torre Mileto e parallela ad essa sul lato destro, la zona Di3, localizzata verso

Apricena in zona denominata "Piano dei Cerri" e totalmente inattuata in mancanza di Piano

Particolareggiato, la zona Di4, localizzata verso Torre Mileto, fronteggiante la Di2 per una profondità di m

200 dalla strada provinciale Sannicandro-Torre Mileto e parallela ad essa, e la zona Di5, localizzata lungo via

Lauro con destinazione d’uso per piccole industrie artigianali e/o commerciali preferenzialmente di tipo

agricolo.

Le zone Di2 (comparto 3), Di4 (comparti 2-6-7-8-9-11-14) e Di5 (comparti 4-6-13-18), in quanto tipizzate

come zona omogenea D ed inserite in uno strumento urbanistico esecutivo approvato presentato prima

del 06/06/1990, vanno considerate, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.2 delle NTA del PUTT/P, “Territori

Costruiti”. I rimanenti comparti e le altre zone D possono essere considerate “Territori Costruiti” in

quanto sono stati inclusi in Programmi Pluriennali di Attuazione approvati dall’Amministrazione

Comunale in data antecedente al 06/06/1990, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.2 delle NTA del PUTT/P.

ZONA E – ZONE AGRICOLE

La zona EA2, situata a nord, nella fascia compresa tra la SS693 e Torre Mileto, è destinata a colture

specializzate ad alta produttività; le tipologie edilizie previste dal PF sono residenze rurali, complessi ed

attrezzature produttive – terziarie e socio - economiche, comprese le attrezzature a servizio del traffico.

La zona EA3 è localizzata tra la SS693 e la SS89 ed individua terreni agricoli ad alta e media produttività,

mentre la zona EA4, situata a nord del centro abitato tra la SS89 e, verso Sud, fino all' estremo limite di

confine con il territorio di San Marco in Lamis, individua terreni agricoli a scarsa produttività.

ZONA F – A CARATTERE TERRITORIALE

93
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
BILANCIO DELLA PIANIFICAZIONE VIGENTE

Le zone F “a carattere territoriale”, situate lungo la costa a nord del centro abitato, sono zone a servizio

della zona CR6. Nello specifico le zone FA1, FS1 e FS2 sono destinate a riserva naturale e di ripopolamento,

parco archeologico e riconversione silvo-pastorale, mentre la zona FS3 è destinata ad attrezzature balneari

mobili e semifisse, attrezzature portuali e simili, dove è collocato un campeggio - villaggio turistico in

località Torre Mileto.

Le suddette zone F possono essere considerate “Territori Costruiti” in quanto sono stati inclusi in

Programmi Pluriennali di Attuazione approvati dall’Amministrazione Comunale in data antecedente al

06/06/1990, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.2 delle NTA del PUTT/P.

ZONA F – A CARATTERE URBANO

Le zone F “a carattere urbano”, situate nel centro urbano ed attuate per la quasi totalità, sono destinate a:

verde, attrezzature per il gioco, impianti sportivi e ricreativi di interesse pubblico, attrezzature sociali,

amministrative, culturali, commerciali, religiose, sanitarie e scolastiche. Fanno eccezione la zona F11 e la

zona F09A, che sono destinate ad area cimiteriale e relativa zona di rispetto.

Le suddette zone F possono essere considerate “Territori Costruiti” in quanto sono stati inclusi in

Programmi Pluriennali di Attuazione approvati dall’Amministrazione Comunale in data antecedente al

06/06/1990, ai sensi dell’art. 1.03 comma 5.2 delle NTA del PUTT/P.

94
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL PROGETTO DI PUG DI SAN NICANDRO GARGANICO

5 IL PROGETTO DI PUG DI SAN NICANDRO GARGANICO

5.1 REQUISITI ESSENZIALI DEL PUG

Il PUG di San Nicandro Garganico risponde all'intenzione dell'Amministrazione Comunale di procedere alla

redazione di un Piano che si misuri pienamente con le innovazioni introdotte dalla LR 20/2001 "Norme

generali di governo e uso del territorio" e dal relativo "DRAG Documento Regionale di Assetto Generale". Il

Piano è stato impostato ed articolato mediante una forma espositiva più comprensibile, comprendendo

tutte le tematiche del governo della città e indirizzando gli altri atti con coerenza reciproca. Ulteriore

requisito essenziale del Piano è la capacità di controllo della qualità delle trasformazioni, in quanto il PUG

indica, per ciascuna area di trasformazione, anche delle prestazioni spaziali ed organizzative ritenute

indispensabili per il loro corretto inserimento nel contesto urbano e nel paesaggio. Tali prestazioni

diverranno parte integrante dei PUE e nel disegno architettonico.

In Puglia, la LR 20/2001 prevede un unico strumento articolato al suo interno in "previsioni strutturali" e

"previsioni programmatiche". Mentre le previsioni strutturali identificano le linee fondamentali dell'assetto

dell'intero territorio comunale, derivanti dalla ricognizione della realtà socio-economica, dell'identità

ambientale, storica e culturale dell'insediamento, e ne determinano le direttrici di sviluppo e

infrastrutturazione, le previsioni programmatiche definiscono la localizzazione e le trasformazioni fisiche e

funzionali ammissibili nelle aree sottoposte a PUE e la disciplina delle aree non sottoposte a PUE.

Il PUG di San Nicandro Garganico è stato redatto attraverso la convergenza e sintesi sia degli elementi

preesistenti, sia degli studi e ricerche redatti in fase di redazione per i Quadri Conoscitivi, sviluppandoli. Il

PUG specifica le regole e le azioni che ne sostanzieranno l'attuazione, le prime prevalentemente contenute

nel PUG/S, le seconde nel PUG/P.

La parte strutturale definisce:

• Le invarianti strutturali;

• I contesti territoriali urbani e rurali;

95
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL PROGETTO DI PUG DI SAN NICANDRO GARGANICO

• Le risorse del territorio e le regole di gestione;

• Indirizzi e criteri per la pianificazione di settore;

• Indirizzi e criteri per l'applicazione della perequazione urbanistica;

• Indirizzi e criteri per il dimensionamento del PUG.

La componente strutturale avrà come oggetto quindi le risorse esistenti, ed espliciterà le condizioni di uso

coerenti con la loro conservazione/tutela e con il loro uso. La componente strutturale fissa pertanto le

condizioni che la componente programmatica deve rispettare al fine di perseguire le politiche di Piano in

una logica di sostenibilità.

Le previsioni programmatiche del PUG:

• Definiscono, in coerenza con il dimensionamento dei fabbisogni nei settori residenziale, produttivo

e infrastrutturale, le localizzazioni delle aree da ricomprendere in PUE, stabilendo quali siano le

trasformazioni fisiche e funzionali ammissibili;

• Disciplinano le trasformazioni fisiche e funzionali consentite nelle aree non sottoposte alla previa

redazione di PUE.

5.2 ARTICOLAZIONE E CONTENUTI DEL PIANO

Sulla base delle indagini e delle analisi svolte si sono potuti formare i quadri interpretativi del territorio di

San Nicandro Garganico su cui si sono tracciate le prime indicazioni sulle possibili direttrici di sviluppo

praticabili in una visione a medio-lungo termine (previsioni strutturali) e a breve-medio termine (previsioni

programmatiche).

Tenuto conto dell’atto di indirizzo dell’Amministrazione lo sviluppo sostenibile prenderà avvio, oltre che

nelle opportunità indicate nella SWOT, soprattutto da una riqualificazione dell’abitato e da azioni che

possano favorire la coesione sociale.

Alla luce della visione emersa dagli studi del Quadro delle conoscenze, il DPP di San Nicandro Garganico ha

assunto i seguenti tre macro‐obiettivi come orientamenti per lo sviluppo e il progetto del nuovo PUG.

96
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL PROGETTO DI PUG DI SAN NICANDRO GARGANICO

• Riqualificare i beni paesaggistici, ambientali e culturali del territorio in modo unitario, in particolare

attraverso politiche di sostegno alle attività agricole, artigianali e di servizio al turismo

eco‐compatibile e protagonisti della loro conservazione attiva;

• Incrementare in parallelo la coesione sociale e la qualità insediativa;

• Elevare il capitale di risorse naturali, ricercando equilibri duraturi tra le attività antropiche e le

dinamiche ambientali.

Dopo aver preso atto:

• del trend di decremento della popolazione, che nel periodo 1991-2011 ha visto scendere il numero

di abitanti da circa 20.000 abitanti nel ’91 a circa 15.000 nel 2011,

• delle interferenze di previsioni di espansioni turistiche in località “Boscoso” (bosco di Spina Pulci)

ed in località “San Giuseppe” con aree boscate di pregio,

• delle interferenze di previsione di espansione turistica in località Favaro con il sistema di tutele

introdotto dal PPTR,

• delle interferenze di previsioni industriali derivanti da specifica Variante al PF in località San Nazario

con aree rurali ad elevata produttività e di valenza ambientale e paesaggistica,

• delle interferenze di previsioni di espansione residenziale C04 (PEEP) con una dolina carsica in

località Papaglione,

sono state

• soppresse le predette previsioni di espansione turistica CR6/11 e CR6/12 di superficie complessiva

di oltre 4.000.000 di metri quadrati su cui era previsto una volumetria di oltre 1.000.000 di metri

cubi,

• soppressa la predetta previsione di espansione turistica CR6/15 di superficie complessiva di circa

135.000 metri quadrati,

• soppressa la previsione dell’area industriale PIP nella pianura sottostante alla masseria San Nazario,

• soppressa la zona Di3 (Piccole industrie, artigianale e/o commerciale) localizzata verso Apricena in

zona denominata “Piano dei Cerri”,

97
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL PROGETTO DI PUG DI SAN NICANDRO GARGANICO

• ridimensionata la superficie tipizzata della zona C04 e ridotta di circa l’80% la volumetria prevista da

specifico Piano Particolareggiato, destinata ad ERP in località Papaglione.

Il PUG, pertanto, non ha previsto ulteriori nuove espansioni residenziali, limitandosi a confermare le

potenzialità residue delle zone del PF con Piani Esecutivi approvati e convenzionati, anche se parzialmente

completati, per una volumetria potenziale di circa 600.000 metri cubi, corrispondenti a circa 6.000 abitanti.

L’unica previsione di espansione prevista risulta, quindi, quella di tipo misto a completamento dell’area

compresa tra via Ottaviano Augusto ed il cimitero, con una quinta di fabbricati a destinazione mista,

comprensiva di negozi e botteghe artigiane, che potrebbe comportare un incremento residenziale non

superiore ai 30 abitanti.

Lo sviluppo socio economico si è quindi concentrato su tre assi portanti:

1) valorizzazione delle risorse endogene attraverso la realizzazione di reti infrastrutturali per mobilità

dolce (greenway o sentieri verdi) aventi la funzione di:

• connessione tra le componenti ambientali e storico-culturali dei diversi ambiti territoriali;

• penetrazione dalla costa verso i boschi all’interno del territorio comunale;

• collegamento tra il centro abitato e la fascia costiera.

2) recupero edilizio a livello urbano ed incentivi per il recupero dell’edilizia rurale;

3) riqualificazione dell’abitato attreverso processi di Rigenerazione Urbana ed azioni che possano favorire

la coesione sociale in modo da abbattere le forme devianti che favoriscono attività criminose.

In particolare, la possibilità di riconnettere parti di città con il territorio attraverso una rete di greenway,

intesa come percorso per la mobilità dolce, costituisce l’elemento essenziale delle scelte di Piano in quanto

favorisce la conoscenza di luoghi finora poco frequentati (centro antico e boschi interni) per difficoltà e

problematiche di accesso e sosta ed, al contempo, mette in contatto la popolazione locale con I visitatori

esterni, promuovendo un’integrazione effettiva fisica che può variare dal mero incontro cultura di culture

diverse all’acquisto di prodotti locali (soprattutto prodotti caseari) direttamente dai produttori. Il contatto e

98
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL PROGETTO DI PUG DI SAN NICANDRO GARGANICO

la frequentazione tra abitanti e visitatori sono elementi per un recupero virtuoso di località poco

frequentabili, peraltro già testati in altre esperienze urbane.

Sono previsti incentivi per il recupero edilizio sia a livello urbano sia a livello rurale, attraverso l’applicazione

di premialità che andranno a favorire lo sviluppo di determinate destinazioni d’uso così come riportato

nella seguente tabella ed all’art. 132 delle NTA del PUG.

CONTESTI DESTINAZIONI D'USO DA INCENTIVARE


CU1.1 - Contesto Urbano storico da conservare recupero e rigenerazione dei urbani degradati
CU1.2 - Contesto Urbano di valore ambientale e storico
miglioramento della dotazione di servizi
documentale
strutture di supporto connesse alle attività escursionistiche delle
greenway
CU1.3 - Contesto Urbano di tutela paesaggistica attività di promozione e vendita dei prodotti
attività con finalità didattiche e di sperimentazione nel settore agrario
ed ambientale
artigianato di servizio
depositi e magazzini
CU2.1 - Contesto Urbano da manutenere e qualificare
esercizi di vicinato
ristoranti, trattorie, bar, pub, laboratori catering
strutture di supporto connesse alle attività escursionistiche delle
greenway
CR1 - Contesto Rurale periurbano da riqualificare
attività con finalità didattiche e di sperimentazione nel settore agrario
ed ambientale
strutture ricettive extralberghiere
strutture di supporto connesse alle attività escursionistiche delle
CR2 - Contesto Rurale multifunzionale da tutelare
greenway
agriturismo
strutture di supporto connesse alle attività escursionistiche delle
greenway
impianti ed attrezzature per la produzione agricola e l'allevamento
CR3 - Contesto Rurale a prevalente funzione agricola da
tutelare e rafforzare impianti produttivi agro-alimentari
attività di promozione e vendita dei prodotti
attività vivaistiche
strutture ricettive extralberghiere
strutture di supporto connesse alle attività escursionistiche delle
CR4.1 - Contesto Rurale a valore ambientale e paesaggistico greenway
agriturismo
attività di promozione e vendita dei prodotti
strutture di supporto connesse alle attività escursionistiche delle
greenway
CR4.2 - Contesto Rurale archeologico naturalistico agriturismo
attività di promozione e vendita dei prodotti

Tabella 1 – Destinazioni d’uso da incentivare attraverso l’applicazione di premialità

99
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
IL PROGETTO DI PUG DI SAN NICANDRO GARGANICO

Si sottolinea la possibilità di applicare la Rigenerazione Urbana, di cui alle leggi regionali n. 21/2008 e n.

14/2009, a diverse porzioni del centro urbano, indicando un asse privilegiato, la “Spina della

Rigenerazione”, che collega la periferia con il centro antico, le scalinate caratteristiche ed il polo scolastico

su via Apricena.

Il recupero ecologico e la tutela e salvaguardia delle componenti territoriali funzionali allo svolgimento

dell’attività agricola, forestale e zootecnica saranno perseguiti attraverso:

• la valorizzazione delle componenti paesaggistiche e forestali per il consolidamento del valore

naturalistico del territorio,

• il potenziamento delle attività ricettive, ricreative e sportivo-culturali da svolgersi all’aria aperta,

anche attraverso il supporto funzionale del sistema di mobilità di area vasta,

• l’incremento dell’attività pascolativa, in modo che l’attività zootecnica possa svolgersi in equilibrio

con la potenzialità trofica dei pascoli e delle superfici boschive,

• la riduzione del consumo di suolo.

5.3 GLI ORIZZONTI TEMPORALI DEL PUG

Nella redazione del PUG di San Nicandro Garganico, si è scelto di adottare due orizzonti temporali di

riferimento:

• Il PUG/S ha validità a tempo indeterminato;

• Il PUG/P ha validità temporale non superiore a quindici anni, avendo privilegiato il ricorso a

pratiche perequative che consentano di evitare o attenuare il ricorso a vincoli di esproprio.

100
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

6 VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

6.1 GLI OBIETTIVI DELL'ATTO DI INDIRIZZO

In coerenza con la normativa regionale, la Giunta Comunale con Delibera n. 39 del 13/03/2009 ha

approvato l’Atto di Indirizzo per la redazione del PUG. L'Atto di Indirizzo delinea gli obiettivi politici, il

programma della partecipazione civica alla formazione del PUG e della concertazione mediante le

Conferenze di Copianificazione, la dotazione strumentale necessaria per elaborare e gestire il Piano.

Qui di seguito si riporta la sintesi degli obiettivi individuati nell'Atto di Indirizzo:

OBIETTIVI
- Piano di recupero con previsioni di restauro e valorizzazione dei principali edifici di
valore storico culturale
- Acquisizione da parte del Comune di ruderi ed abitazioni abbandonate (fatiscenti e
Centro Storico
non)
(Zona A e B0)
- Creazione ove possibile di Piazze, Verde pubblico e un percorso, anche solo pedonale,
fuori le mura, (sul Canale Vallone). Recupero delle Piazze, piazzette, e Larghi esistenti
(es. Largo Gelso)
Contesti intensamente
- Piani di recupero con creazione di spazi aperti, piazze e verde pubblico
edificati (Zone B)
- Escluso ogni ulteriore espansione urbanistica della città, salvo che per singoli
interventi finalizzati alla ricomposizione qualitativa di parti di città
- Escludere la C4
Aree di espansione (Zone C) - Sono da far salve, e confermare nella nuova pianificazione, le lottizzazioni in atto o
approvate. Possibilità di incidere sulla dotazione di spazi e attrezzature pubbliche con
interventi sulle aree di
proprietà comunale.
- Modificare la normativa delle zone D verso Torre Mileto
- Rivedere i raccordi con la Superstrada e prevedere, in sintonia con le previsioni del
Piano Strategico (Capitanata 2020 – Area Vasta), un eventuale raccordo di una
Zone artigianali - industriali
circonvallazione (Ovest-Sud-Est)
(Zone D)
- Piano di recupero per la Zona DI5 (Strada per Lauri), ove insistono soprattutto artigiani
dei “Fiori
secchi”, con molti casi di abusi ed insediamenti urbanisticamente pessimi e caotici
Zona PIP Da eliminare
Contesti rurali (Zone - Evitare Nuove Urbanizzazioni selvagge
Agricole) - Salvaguardia della matrice rurale della popolazione
- Valorizzazione e Tutela della Zona Costiera
- Integrazione di questa con il sito Architettonico/Archeologico di Monte D’Elio e
comunque di connessione ed integrazione con il resto del territorio comunale
(collinare/montuoso), da e verso i Laghi di Lesina e Varano
Zone turistiche (Zone CR) - Conferma delle zone turistiche poste ad oltre 200 metri dalla costa con possibilità di
adeguamenti allo stato dei luoghi
- Da eliminare qualche CR localizzata in montagna, da definire eventualmente con la
trasformazione a Parco o altro
- Modifica previsione della zona in località San Giuseppe, incentrata sulla valorizzazione

101
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

della Dolina di Pozzatina, e, in continuità, di Castel Pagano


- Effettuare uno Studio di Valorizzazione e/o Fruizione dei Beni Architettonici ed
Ambientali. In particolare sono da citare:
- in generale la valorizzazione e tutela del patrimonio naturalistico e boschivo;
- La Masseria di San Nazario (con la prospettiva Terme);
- Recupero della vecchia Stazione Forestale;
- Recupero delle Piscine (o Puscine);
- Recupero della Torre del Principe e degli Ulivi secolari ivi presenti;
- Recupero delle Masserie e dei Casali, da integrare in un percorso/i sia a scala
comunale che
intercomunale;
- Piano di recupero di percorsi naturalistici (tratturi ed altro), greenway, con finalità
miste
Ambientale, Turistico/Architettonico, Turistico/Archeologico;
- Piano di Studio di Recupero e Valorizzazione del patrimonio di Grotte e di
Insediamenti
archeologici (anche preistorici)
- favorire la realizzazione delle terme in località San Nazario, in corrispondenza delle
sorgenti di acqua termale. Tale intervento potrà costituire, nel medio termine, il
presupposto per uno sviluppo duraturo della città di San Nicandro
A livello territoriale e - Raccordo strada provinciale per S. Marco in Lamis con la Strada a Scorrimento Veloce
infrastrutturale del Gargano
- Raccordo Via Marconi (ex SS89) – Centro Urbano – Passante sotto Costa
- Ponti sui canali Scalza Calzati e Costa dell’arena
- Riqualificazione urbanistica dei quattro ingressi alla città

Tabella 2 - Obiettivi dell'Atto di Indirizzo approvato nel 2009 dall'Amministrazione Comunale

In data 14/10/2014, l'Amministrazione Comunale ha comunicato la necessità di apportare delle modifiche

all'Atto di Indirizzo, dovute ad esigenze della collettività e di pubblico interesse.

In particolare è stato richiesto di:

• Modificare il tracciato della circonvallazione al fine di prendere atto di un progetto già approvato

dalla pubblica amministrazione;

• Ridurre la striscia edificabile denominata contesto di nuovo impianto "misto" limitandola alla sola

porzione fronteggiante la piazza alberata su via Ottaviano Augusto, in modo da poter lasciar a

disposizione di eventuali necessità della struttura sanitaria esistente in prossimità;

• Eliminare la striscia edificabile denominata "contesto di nuovo impianto" sulla via per Apricena;

• Ripristinare la ex zona C4 - Papaglione, ridefinendone il perimetro in modo da stralciare le aree

interessate dalla fascia di rispetto dalla dolina presente ad Est dell'area;

• RItipizzare a "contesto di riconversione terziaria" la zona D2 del PF, sul lato destro della strada per

Torre Mileto;

102
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

• Tipizzare ad "orti urbani" della zona ad Ovest del centro antico e in stretta relazione visiva con esso

al fine di tutelare un'area importante sia sotto il profilo paesaggistico sia perchè funzionale

all'integrazione delle zone di espansione periferiche con il centro cittadino e il nucleo storico,

attraverso la realizzazione di un percorso ciclo pedonale che porti fino alla via per Apricena e al

polo scolastico;

• Riperimetrare i contesti consolidati ex zone A e B;

• Ridefinire e rimodulare la disciplina delle modalità di intervento di privati all'interno delle zone per

attrezzature pubbliche e l'articolazione dei contesti rurali affinché risultino più coerenti con le

esigenze del settore primario locale.

6.2 I PRINCIPI ORDINATORI DEL DPP

Per sintetizzare le analisi svolte durante la fase di redazione del DPP, si è proceduto ad effettuare un’analisi

SWOT, valutando i punti di forza (Strenghts), di debolezza (Weakness), le opportunità (Opportunities) e le

minacce (Threats), con riferimento sia al territorio extraurbano sia a quello urbano.

TERRITORIO
PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA
- Variabilità orografica da 0 m s.l.m. a 700 m s.l.m
- Territorio sul mare con una costa gradevole e fruibile
- Variabilità dal mare ai boschi delle alture del promontorio
- Scarsa dotazione di infrastrutture viarie
- Vasta Pianura agricola irrigua
- SSV costituisce una Barriera all’interno del Comune
- Boschi di elevata qualità vegetazionale e paesaggistica
dividendo lo stesso in due parti distinte
- Emergenze architettoniche rurali di media ed elevata rilevanza
- Prossimità all’insediamento abusivo di Torre Mileto in
storica: S. Nazario, Palmieri,ecc.
territorio comunale di Lesina
- Presenza di Beni culturali propriamente detti: Torre Mileto;
- Scarsa dotazione di infrastrutture per il turismo
Insediamento di Monte Delio, ecc.
- Scarsa dotazione di strutture ricettive
- Primo paesaggio garganico per chi proviene dal Nord
- Patrimonio edilizio rurale prevalentemente vetusto, non
- Sorgenti di acque termali ai confini con Poggio Imperiale
manutenuto e non adeguato alle mutate esigenze di
- Fenomeni geologici di rilevanza nazionale: dolina della Pozzatina
produzione zootecnica e casearia
- Vicinanza alle Isole Tremiti. Torre Mileto è infatti il punto più
estremo proteso dalla terra ferma verso levante, Tremiti e Isole
Croate
OPPORTUNITA' MINACCE
- Potenziamento dei collegamenti con le Isole Tremiti e con la costa - Uso confuso della fascia costiera prossima a Torre Mileto
dalmata - Abbandono della zootecnia e delle relative strutture di
- Valorizzazione delle acque termali di San Nazario ricovero e di allevamento per inadeguatezza alle normative
- Valorizzazione del bosco di Spina Pulci e della Pozzatina con il europee
sistema Carsico delle doline - Abbandono di suoli agricoli prossimi al centro abitato e
- Valorizzazione dell’area del parco archeologico di Monte Delio all’interno dei boschi con ripercussioni sulla regimazione
- Valorizzazione turistica del monte Delio con i due laghi, il mare e le delle acque meteoriche, stabilità dei versanti e sul
Tremiti paesaggio in generale

103
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

- Portualità diportistica collegata allo sviluppo turistico dell’area - Sovraffollamento estivo per l’attraversamento del centro
- Rafforzamento della rete di allevamenti zootecnici per generare abitato da parte dei bagnanti provenienti da San Marco in
produzioni certificate Lamis
- Miglioramento delle produzioni irrigue della pianura e - Perdita di monumenti della civiltà contadina, masserie,
organizzazione di centri di stoccaggio e prima trasformazione per le poste, iazzi, ecc.
produzioni del Gargano Nord
- Formazione di un asse che dalle Isole Tremiti, attraversando Torre
Mileto e San Nicandro porti alla via sacra dei Longobardi e, quindi, a
San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo e Monte S.Angelo
- Utilizzazione multifunzioni della ferrovia garganica e dei tracciati
abbandonati
CENTRO ABITATO
PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA
- Viabilità interna con sezioni estremamente ridotte
- Edilizia ripetitiva senza soluzioni di continuità e assenza di
spazi pubblici
- Per molte delle ZOT programmate dal PF vigente
impossibilità di edificazione corretta sia per la particolare
orografia e assenza di una rete viaria sia per la presenza di
profonde incisioni carsiche rilevate peraltro anche dal PAI
- Assenza di un disegno della viabilità per le zone di nuova
- Posizione elevata e non distante dalla costa marina e dal lago di
espansione
Lesina, ai piedi dei boschi del Gargano orientale e centrale
- Assenza di spazi e attrezzature pubbliche
appartenenti alla Foresta Umbra – Clima gradevole
- Assenza di forme di incentivazione di collegamenti tra le
- Centro storico non alterato nelle linee essenziali e caratteristico per
varie parti della città
la posizione prospiciente il torrente Vallone che corre per l’intero suo
- Per alcune delle nuove zone di espansione non si è tenuto
fianco occidentale
conto dei costi urbanizzativi e dell’orografia dei luoghi
- Disponibilità di aree di proprietà comunale
- Assenza di gerarchia stradale e di arredo urbano
- Scarsa correlazione tra la città e il centro storico in
particolare con il resto del territorio
- Paesaggio urbano monotono e, a volte, in contrasto con i
contesti ambientali
- Troppe case per una popolazione in continua elevata
decrescita
- Scarsa dotazione di attivita’ commerciali
OPPORTUNITA' MINACCE
- Porta del Gargano per chi proviene da Nord
- Realizzazione di costruzioni e infrastrutture urbane
- Variante “marina” della via sacra dei Longobardi
coerenti con il PF ma in netto contrasto con la realtà dei
- Gemellaggio con le Isole Tremiti e isole croate per il collegamento
luoghi con rischi per la pubblica incolumità
concettuale tra le isole, il Gargano e la sacralità del promontorio
- Esclusione di intere porzioni di città dallo sviluppo urbano
- Facilità di riorganizzazione dell’intero versante occidentale
dei nuclei centrali
dell’abitato in continuità con il centro storico: Municipio, corso
- Assenza di attrezzature pubbliche per gran parte della città
Vittorio, case fondazione Zaccagnino, percorso pedonale che porta
- Emarginazione sociale per gli abitanti del centro antico
dal convento fino al centro storico, sul costone del torrente Vallone

Tabella 3- Punti di forza e di debolezza, opportunità e minacce del territorio extraurbano ed urbano (fonte: DPP)

Per il territorio agro-forestale, alla luce della visione emersa dagli studi del Quadro delle Conoscenze, il DPP

di San Nicandro Garganico ha assunto i seguenti obiettivi come orientamento per lo sviluppo del PUG:

• recupero ecologico, tutela e salvaguardia delle componenti territoriali funzionali per lo svolgimento

dell’attività agricola, forestale e zootecnica;

• valorizzazione delle componenti paesaggistiche e forestali per il consolidamento del valore

naturalistico del territorio;

104
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

• potenziamento delle attività ricettive, ricreative e sportivo-culturali da svolgersi all’area aperta

anche attraverso il supporto funzionale del sistema di mobilità di area vasta.

Per il centro abitato, il DPP di San Nicandro Garganico ha assunto i seguenti obiettivi:

• rigenerazione urbana che prevede la valorizzazione del versante Ovest dell’abitato - dal Municipio

al centro antico, di una greenway che porta dalla zona del Municipio, al di sotto del centro antico,

al ponte sulla SS89 dal quale si potrà proseguire per raggiungere il plesso scolastico su Via Apricena

lungo il lato destro della stessa strada che dovrà essere sistemata per realizzare un percorso sicuro

per gli studenti che si recano a scuola dal centro abitato;

• ridimensionamento di alcune previsioni di espansione residenziale e l’eliminazione o spostamento

di altre per cause di carattere idrogeologico (C12) ovvero orografiche (Papaglione);

• ridimensionamento delle previsioni di ERP e di espansioni residenziali

• soluzioni al problema degli attraversamenti cittadini per chi proviene da S. Marco in Lamis diretto al

mare di Torre Mileto mediante la realizzazione di una circonvallazione;

• riuso dell’area comunale, in località Papaglione, che si renderà libera a seguito dello spostamento

delle previsioni.

6.3 STRATEGIE E OBIETTIVI DEL PUG

Sulla scorta delle conoscenze acquisite nella fase di redazione del DPP, e dei quadri interpretativi elaborati,

sono stati individuati sei Ambiti territoriali omogenei (per caratteristiche idrogeologiche, ambientali e

paesaggistiche), a diversa valenza, su cui poter incentrare lo sviluppo di San Nicandro:

• Ambito di San Nazario;

• Ambito della pianura produttiva;

• Ambito di Monte Delio;

• Ambito Carsico;

105
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

• Ambito dei Boschi;

• Ambito urbano.

Per ciascuno di essi, sono state individuate le strategie di sviluppo imperniate sui caratteri peculiari e

dominanti dell'Ambito stesso.

6.3.1 STRATEGIE DI SVILUPPO

Per l'Ambito di San Nazario:

• riutilizzare alcuni degli edifici della fondazione per finalità connesse alle terme, che oggi, con circa

2.000 ha di terreno e qualche migliaio di mc di fabbricati rurali, continua a sostenersi solo con

l'attività agricola che, come rilevato nella fase di analisi delle risorse rurali, diviene sempre meno

redditizia;

• attivare la Greenway "San Nazario" al fine di connettere tale ambito al centro urbano e all’itinerario

6 della rete ciclabile Cy.Ro.N.Med., che passa in prossimità del lago di Lesina, innestandosi su

tracciati esistenti anche all’interno dei possedimenti della fondazione Zaccagnino;

• favorire l'attività agricola in connessione con gli obiettivi di recupero e di mantenimento della

biodiversità, della qualità paesaggistica, degli assetti idraulico-agrari;

• contrastare le condizioni di degrado rafforzando la permanenza degli insediamenti rurali esistenti e

consentendo l'inserimento di attività economiche integrate a sostegno del reddito agricolo, legate

all'offerta dei servizi turistici, ricreativi, culturali e per il tempo libero;

• manutenere e conservare le sorgenti attive e riattivare quelle abbandonate;

• tutelare le aree di ricarica della falda acquifera, attraverso il controllo del pascolo, dell’immissione

di inquinanti agricoli o di quelli derivanti da irregolare smaltimento dei reflui fognari;

• valorizzare la tradizione agricola sul piano didattico-museale;

• valorizzare il sito di interesse archeologico Santannea-Turchio;

106
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

• recuperare il patrimonio edilizio rurale sparso per la valorizzazione del territorio ed in particolare

per l'attrattività turistica rurale.

Per l'Ambito della Piana Produttiva:

• sostenere e incentivare l’attività produttiva agricola come elemento fondamentale dell’economia,

dell’ambiente e del paesaggio, attraverso politiche di settore e in connessione con la disciplina degli

assetti idrogeologici, l’adozione di pratiche colturali pienamente compatibili con l’ambiente e con la

conservazione funzionale dei presidi idraulici e della vegetazione arborea caratteristica

dell’organizzazione degli spazi agricoli;

• promuovere la permanenza delle attività agricole e mantenimento di una comunità rurale vitale,

specie nelle aree marginali, quale presidio del territorio indispensabile per la sua manutenzione e

salvaguardia, incentivando lo sviluppo nelle aziende agricole di attività complementari quali

turismo ecocompatibile;

107
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

• promuovere il recupero del patrimonio rurale esistente, con particolare riguardo a quello di valore

storico/architettonico/ambientale, e limitare la nuova edificazione a quella strettamente funzionale

allo sviluppo dell'attività produttiva;

• attivare la Greenway "Piana Produttiva" individuata su percorsi esistenti che collega l'asse

principale della rete di greenway di progetto al Lago di Lesina, attraversando il caratteristico

paesaggio scaturito dalle bonifiche e dalla riforma agraria, al fine di favorire la conoscenza e la

valorizzazione del territorio rurale e dei suoi prodotti;

• favorire la diffusione ed il potenziamento dell’azienda agricola produttiva specializzata, strutturata

e competitiva, orientata al prodotto, con metodiche e tecnologie ad elevata compatibilità

ambientale e con pratiche colturali rivolte al miglioramento della qualità merceologica, della

salubrità e della sicurezza alimentare dei prodotti;

• recuperare il patrimonio edilizio rurale sparso per la valorizzazione del territorio ed in particolare

per l'attrattività turistica rurale.

Per l'Ambito di Monte Delio:

• realizzare un approdo turistico in prossimità della località Torre Mileto (punto della terra ferma più

vicino alle Isole Tremiti), in coerenza con le previsioni del PTCP, che può costituire un nodo di

108
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

scambio con il trasporto pubblico su gomma e ciclopedonale di collegamento tra costa ed

entroterra;

• dare attuazione alle aree turistiche di previsione in maniera compatibile con il particolare

ecosistema (Lago di Lesina - costa - Monte Delio) nel quale vanno ad inserirsi;

• integrare il turismo costiero creando sinergie con l'entroterra mediante l'attivazione della

Greenway "Monte Delio" che riconnette il centro urbano alla costa nonché al Lago di Varano, in

territorio di Cagnano Varano, attraverso l'asse principale della rete di greenway di progetto,

innestandosi in parte su percorsi storici (Via Sacra Longobardorum);

• assicurare la conservazione o la ricostituzione del paesaggio rurale e del relativo patrimonio di

biodiversità, delle singole specie animali o vegetali, dei relativi habitat e delle associazioni vegetali e

forestali;

• salvaguardare le attività agro-silvo-pastorali ambientalmente sostenibili e dei valori antropologici,

archeologici, storici e architettonici presenti sul territorio;

• salvaguardare o ricostruire i processi naturali, degli equilibri idraulici e idrogeologici e degli equilibri

ecologici;

• recuperare il patrimonio edilizio rurale sparso per la valorizzazione del territorio ed in particolare

per l'attrattività turistica (storico-archeologica, naturalistica e speleologica).

109
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

Per l'Ambito Carsico:

• valorizzare le singole doline consentendo l'apertura a nuove forme di turismo didattico-culturale;

• attivare la Greenway "Carsico" che riconnette la Stazione ferroviaria, in territorio di Apricena, al

centro abitato e al campo di doline situato a sud dello stesso, innestandosi in parte sul tratto

ferroviario dismesso della Ferrovia Garganica, in parte sul tratturello Foggia - San Nicandro, in parte

sulle linee di adduzione dell'Acquedotto e sulla viabilità minore rurale;

• recuperare il patrimonio edilizio rurale sparso per la valorizzazione del territorio e dei suoi prodotti

ed in particolare per l'attrattività turistica rurale.

110
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

Per l'Ambito dei Boschi:

• attivare la Greenway "Boschi" riconnettendo Bosco San Michele e Bosco di Spinapulci al centro

urbano, attraverso l'asse principale della rete di greenway di progetto, innestandosi su viabilità

minore esistente, al fine di favorire la conoscenza e la valorizzazione del territorio rurale e dei suoi

prodotti;

• recuperare il patrimonio edilizio rurale sparso per la valorizzazione del territorio ed in particolare

per l'attrattività turistica (storico-archeologica, naturalistica e speleologica);

• conservare e incrementare gli elementi che accrescono l’eterogeneità del mosaico ambientale;

• armonizzare la fruizione pubblica della foresta e le attività ricreative ed educative che in essa si

svolgono con la sua conservazione;

111
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

• incoraggiare, in particolare nelle aree rurali poste all’interno di ambiti di grande attrattività

turistica, il recupero a fini ricettivi di complessi edilizi rurali, con la promozione delle aziende

agrituristiche e delle masserie.

Per l'Ambito urbano:

• Favorire il recupero del Centro storico incoraggiandone – nei limiti imposti dal rispetto dei caratteri

architettonici originali - standard adeguati all’utilizzo abitativo da parte degli abitanti stabili;

• Contenere il consumo di territorio nell’area periurbana, anche attraverso il recupero e la

densificazione delle aree di previsione del PF non ancora completamente attuate;

• Assicurare la soddisfazione della domanda di alloggi per i residenti privilegiando il recupero e il

completamento delle aree già urbanizzate;

• Prevedere finalità multiple nelle operazioni di trasformazione urbana, assicurandone la qualità

urbanistica, ambientale, paesaggistica ed architettonica;

112
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
VISION E MISSION NELL'ITER DI FORMAZIONE DEL PUG

• Incrementare la qualità ambientale degli insediamenti e la loro dotazione di luoghi pubblici, di

verde urbano e di servizi di base per i residenti, in particolare di complessi sportivi e ricreativi;

• Adeguare e qualificare le dotazioni di infrastrutture a rete e di servizi;

• Riorganizzare il sistema degli accessi turistici al centro storico, in una logica di integrazione con i

percorsi pedonali ed evitando la sovrapposizione tra le aree di sosta necessarie ai residenti e quelle

utilizzate dai turisti;

• Incentivare l'integrazione tra vari tipi di mobilità mediante parcheggi di scambio;

• Attivare la Greenway "Urbano" che riconnette la periferia nord al polo scolastico, situato lungo la

SS89, tangendo il centro storico e innestandosi in parte su un percorso campestre (già elaborato in

fase di PIRP) di mezzacosta che si affaccia Torrente Vallone e in parte sulla citata SS89, al fine di

alleggerire il traffico veicolare nel centro abitato;

• Ridurre e mitigare il rischio geomorfologico e/o idraulico che interferisce con le previsioni del PF

vigente;

• Garantire la coerenza delle trasformazioni urbanistiche ed edilizie con le caratteristiche di stabilità

dei suoli e con il rischio sismico;

• Tutelare le risorse naturali (aria, acqua, suolo, ecc.), assicurandone in particolare il risparmio, anche

grazie al recupero e riciclaggio dei rifiuti, alla riduzione dei consumi energetici e al ricorso a fonti

energetiche rinnovabili.

113
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
COMPONENTI DEL PUG

7 COMPONENTI DEL PUG

7.1 LA COMPONENTE STRUTTURALE

7.1.1 LE INVARIANTI STRUTTURALI

Le invarianti strutturali costituiscono un particolare modo di essere del territorio - ossia di risorse, beni e

regole di uso degli stessi connesse con i livelli di qualità e le relative prestazioni minime - che si ritiene

garantisca irrinunciabili equilibri ambientali ed insediativi non negoziabili nel processo di trasformazione del

territorio stesso, ed in quanto tale la loro tutela e salvaguardia risulta indispensabile al mantenimento dei

caratteri fondamentali e delle risorse essenziali del territorio.

Si rileva una inevitabile contiguità tra il concetto di risorsa e quello di invariante; l'invariante non è tuttavia

soltanto una risorsa delicata da tutelare, bensì una configurazione territoriale che per motivi diversi assume

una rilevanza tale da poter essere considerata perno della identità collettiva della comunità insediata e/o

un elemento che garantisce la persistenza, od il recupero, di irrinunciabili equilibri ambientali ed insediativi.

La individuazione nel PUG di una invariante non è dunque da interpretare come una prevaricazione nei

confronti dell'uso di un dato territorio, quanto un impegno della Amministrazione Comunale nel gestire una

risorsa con modalità tali da trarne il beneficio più ampio possibile, ovvero quello costitutivo l'identità

collettiva, che di volta in volta si alimenta di oggetti e spazi urbani, di storia, di paesaggio, di qualità degli

equilibri ambientali.

Coerentemente con quanto sopra esposto, e ai sensi del DRAG e della LR n. 20/2001, le invarianti

individuate sono:

a) Invarianti strutturali di tipo ambientale (costituite da elementi o parti di territorio dotati di caratteristiche

ambientali intrinseche che richiedono specifiche limitazioni d'uso e di trasformazione come disposto dai vincoli

ricognitivi ad esse associati e dalle relative leggi di riferimento; tali vincoli non sono soggetti ad indennizzo né a

decadenza):

114
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
COMPONENTI DEL PUG

• Area SIC (cod. IT9110015) – Duna e Lago di Lesina e Foce del Fortore;

• Area SIC (cod. IT0110027) – Bosco Jancuglia e Monte Castello;

• Area ZPS (cod. IT9110037) – Laghi di Lesina e Varano;

• Parco Nazionale del Gargano;

• Aree ad alta pericolosità idraulica (AP);

• Aree a media pericolosità idraulica (MP);

• Aree a bassa pericolosità idraulica (BP);

• Aree a molto elevata pericolosità geomorfologica (PG3);

• Aree a elevata pericolosità geomorfologica (PG2);

• Aree a media e moderata pericolosità geomorfologica (PG1);

• Reticolo idrografico;

• Alveo fluviale in modellamento attivo ed aree golenali.

b) Invarianti strutturali di tipo paesaggistico (suddivise nei tre sistemi “idrogeomorfologico”, “ecosistemico ed

ambientale” e “antropico e storico culturale”, costituite da elementi o parti di territorio dotati di caratteristiche

intrinseche che richiedono specifiche limitazioni d'uso e di trasformazione come disposto dai vincoli ricognitivi ad

esse associati e dalle relative leggi di riferimento; tali vincoli non sono soggetti ad indennizzo né a decadenza):

1) sistema idrogeomorfologico:

• Fiumi, torrenti, corsi d'acqua iscritti negli elenchi delle acque pubbliche – Area di pertinenza e area annessa

(150 m);

• Sorgenti – Area di pertinenza e area annessa (25 m);

• Versanti – Area di pertinenza;

• Campi di doline – Area di pertinenza e area annessa (100 m);

• Grotte – Area di pertinenza e area annessa (100 m);

• Cave;

2) sistema ecosistemico ed ambientale:

• Boschi e macchie – Area di pertinenza e area annessa (100 m);

• Ulivi monumentali;

115
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
COMPONENTI DEL PUG

3) sistema antropico e storico culturale:

• Centro storico di San Nicandro Garganico;

• Zone di interesse archeologico – Area di pertinenza e area di rispetto (100m);

• Siti storico culturali – Area di pertinenza e area di rispetto (100m);

• Tratturo non reintegrato – Area di pertinenza e area di rispetto (30m);

• Edilizia rurale sparsa;

• Punti panoramici.

c) Invarianti strutturali di tipo infrastrutturale (consistenti negli elementi costitutivi dell'armatura infrastrutturale

di interesse sovralocale ovvero nelle principali infrastrutture lineari e puntuali per la mobilità, gli impianti

necessari per garantire la qualità igienico sanitaria e l’efficienza degli insediamenti, definiti come invarianti

strutturali nei quadri interpretativi e integrati dalle previsioni progettuali):

• Rete mobilità;

o SS693 dei Laghi di Lesina e Varano (SSV) e fascia di rispetto (30m);

o SS89 Garganica e fascia di rispetto (30m);

o SP41 San Nicandro Garganico - Torre Mileto - Stazione di Ischitella e fascia di rispetto

(30m);

o SP48 San Marco in Lamis - San Nicandro Garganico e fascia di rispetto (30m);

o Ferrovia del Gargano (San Severo - Calenella Peschici), fascia di rispetto (30m) e stazioni;

o Viabilità di progetto e circonvallazione;

o Rete delle Greenway.

• Reti tecnologiche e nodi funzionali:

o Linea elettrica e fascia di rispetto in funzione della potenza della linea (cfr. Errore. L'origine

riferimento non è stata trovata. delle presenti NTA);

o Centrale elettrica;

o Linea acquedotto;

o Rete fognaria;

116
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
COMPONENTI DEL PUG

o Depuratore;

o Rete gas;

o Impianto GarganoGas srl (D. Lgs. 334/99 e ss.mm.ii.);

o Rete delle telecomunicazioni;

o Area cimiteriale e fascia di rispetto (50m);

o Approdo turistico.

7.1.2 CONTESTI TERRITORIALI: URBANI E RURALI

Coerentemente con quanto elaborato nel sistema delle conoscenze, i contesti territoriali verranno articolati

in "contesti urbani" e "contesti rurali", ciascuno dei quali è caratterizzato da differenti requisiti ambientali,

culturali e socioeconomici e quindi da assoggettarsi a diversi contenuti progettuali e politiche territoriali,

anche in attuazione delle direttive e degli indirizzi del PUTT/P, del PPTR adottato, del PTCP e di altri Piani e

norme a rilevanza territoriale.

a) Contesti Urbani

I Contesti Urbani rappresentano le porzioni del territorio ove dominano gli insediamenti, e sono articolati in

base a considerazioni integrate sulle caratteristiche fisiche e funzionali delle risorse insediative classificate

nell’ambito del sistema delle conoscenze, sul grado di compiutezza e il valore storico-culturale

dell’insediamento, sulle tendenze di trasformazione e le relative problematiche.

Per ciascuno dei Contesti Urbani, caratterizzati da differenti condizioni di assetto fisico, insediativo e

funzionale e da diverse tendenze di trasformazione edilizia e condizione socioeconomica, le previsioni

strutturali del PUG hanno individuato il perimetro e stabilito indirizzi e direttive strutturali, volti a definire

specifiche politiche urbanistiche, ovvero gli obiettivi di tutela, uso e valorizzazione delle risorse, e le

caratteristiche prestazionali sotto il profilo ambientale, morfologico, funzionale e procedurale delle

trasformazioni compatibili con detti obiettivi.

117
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
COMPONENTI DEL PUG

Nelle NTA e nelle tavole del PUG/S i Contesti Urbani sono definiti, disciplinati e cartografati con la seguente

classificazione:

• contesti urbani da tutelare;

• contesti urbani consolidati e da consolidare, manutenere e qualificare;

• contesti urbani periferici e marginali da riqualificare;

• contesti urbani in formazione da completare e consolidare;

• contesti urbani della trasformazione;

• contesti urbani dei servizi.

b) Contesti Rurali

I Contesti Rurali sono le parti del territorio prevalentemente non “urbanizzate”, caratterizzate da differenti

rapporti tra le componenti agricole/produttive, ambientali, ecologiche, paesaggistiche ed insediative.

Per ciascuno dei Contesti Rurali, il PUG/S definisce il perimetro e individua specifiche azioni di uso, tutela,

recupero e valorizzazione finalizzate ad assicurare la salvaguardia dei valori antropologici, archeologici,

storici e architettonici presenti sul territorio. Le azioni di trasformazione fisica dei contesti rurali dovranno

essere orientati alla salvaguardia e valorizzazione del paesaggio rurale nella sua connotazione economica e

strutturale tradizionale, alla valorizzazione della funzione dello spazio rurale di riequilibrio ambientale e di

mitigazione degli impatti negativi degli insediamenti, alla promozione della permanenza delle attività

agricole e mantenimento di una comunità rurale vitale, al mantenimento e sviluppo delle funzioni

economiche, ecologiche e sociali della silvicoltura, alla promozione del recupero del patrimonio rurale

esistente.

Nelle NTA e nelle tavole del PUG/S i Contesti Rurali sono definiti, disciplinati e cartografati con la seguente

classificazione:

• contesto rurale periurbano da riqualificare;

• contesto rurale multifunzionale da tutelare;

• contesto rurale a prevalente funzione agricola da tutelare e rafforzare;

118
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
COMPONENTI DEL PUG

• contesto rurale a prevalente valore ambientale e paesaggistico;

• contesto costiero.

7.2 LA COMPONENTE PROGRAMMATICA

7.2.1 CONTESTI URBANI E RURALI

Nell NTA e nelle tavole del PUG/P i contesti urbani sono definiti, disciplinati e cartografati con la seguente

classificazione:

• Contesti Urbani da tutelare:

• CU1.1: Contesto Urbano storico antico da conservare;

• CU1.2: Contesto urbano di valore ambientale e storico documentale;

• CU1.3: Contesto Urbano di tutela paesaggistica;

• Contesti Urbani consolidati e da consolidare, manutenere e qualificare:

• CU2.1: Contesto Urbano consolidato da manutenere e qualificare;

• CU2.2: Contesto Urbano di espansione attuato (rinveniente da PF vigente);

• CU2.3: Contesto Turistico consolidato da manutenere e qualificare;

• Contesti Urbani periferici e marginali da riqualificare:

• CU3.1: Contesto Urbano consolidato di riqualificazione urbanistica;

• CU3.2: Contesto Urbano consolidato a rischio idrogeomorfologico;

• Contesti Urbani in formazione da completare e consolidare:

• CU4.1: Contesto Urbano di espansione da completare (rinveniente da PF vigente);

• CU4.2: Contesto Urbano di espansione da completare a trasformabilità vincolata (rinveniente

da PF vigente);

• CU4.3: Contesto Produttivo-industriale-artigianale da completare;

• CU4.4: Contesto della riconversione in attività terziarie e per il turismo;

119
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
COMPONENTI DEL PUG

• CU4.5: Contesto urbano del PIRP.

• Contesti Urbani della trasformazione:

• CU5.1: Contesto Urbano di espansione da attuare (rinveniente da PF vigente);

• CU5.DPM: Distretto Perequativo Misto;

• CU5.2: Contesto turistico da attuare a trasformabilità vincolata (rinveniente da PF vigente);

• CU5.DPT: Distretto Perequativo Turistico;

• Contesti urbani per servizi:

• CU6.1: Contesto Urbano per servizi attuato;

• CU6.2: Contesto Urbano per servizi da attuare;

• CU6.DPS: Distretto Perequativo per Servizi;

• CU6.3: Contesto Urbano per servizi tecnologici;

Nell NTA e nelle tavole del PUG/P i contesti rurali sono definiti, disciplinati e cartografati con la seguente

classificazione:

• Contesto Rurale periurbano da riqualificare:

• CR1: Contesto Rurale periurbano da riqualificare;

• Contesto Rurale multifunzionale da tutelare:

• CR2: Contesto Rurale multifunzionale da tutelare;

• Contesto Rurale a prevalente funzione agricola da tutelare e rafforzare:

• CR3: Contesto Rurale a prevalente funzione agricola da tutelare e rafforzare;

• Contesto Rurale a prevalente valore ambientale e paesaggistico:

• CR4.1: Contesto rurale a valore ambientale e paesaggistico;

• CR4.2: Contesto rurale archeologico naturalistico;

• Contesto costiero:

• CR5: Contesto costiero.

120
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
COMPONENTI DEL PUG

7.2.2 PEREQUAZIONE URBANISTICA E DISTRETTI PEREQUATIVI

Il PUG/P suddivide i contesti della trasformazione in distretti perequativi individuati in base allo stato di

fatto ed allo stato di diritto, indipendentemente dalla destinazione specifica, pubblica o privata, assegnata

loro dal disegno del PUG; per ciascun distretto il PUG/P attribuisce un IT diverso, a partire da dette

differenti condizioni.

La Compensazione urbanistica o Perequazione è il principio fondamentale su cui si basa l'attuazione delle

previsioni del PUG/S, come disciplinate dalle prescrizioni del PUG/P. Per compensazione urbanistica si

intende l'assegnazione di edificabilità (diritti edificatori) a fronte della cessione di aree necessarie per la

collettività, di interventi complessi di riqualificazione urbana e della realizzazione di attrezzature e opere

pubbliche.

La compensazione riguarda gli interventi di trasformazione urbanistica, come classificati dal PUG/S e in

particolare dal PUG/P, nei quali, di norma, è finalizzata alla cessione delle aree necessarie per le

attrezzature pubbliche.

L'Amministrazione Comunale può comunque prevedere, con apposito provvedimento, altri interventi di

compensazione finalizzati alla realizzazione di attrezzature e opere pubbliche a fronte dell'assegnazione di

ulteriori quote di edificabilità, utilizzando uno dei "Programmi Regionali per la Riqualificazione e

Rigenerazione Urbana“.

L'edificabilità è assegnata secondo i principi di equità e di uniformità, tenendo conto dell'eventuale

edificazione esistente, della sua legittimità e del perseguimento di obiettivi di interesse pubblico generale.

In applicazione dei suddetti principi, il PUG/P individua la disciplina per l'attuazione dell'applicazione della

perequazione urbanistica (attraverso PUE, eventuale trasferimento dei diritti edificatori, ...).

Il comparto o distretto perequativo, secondo quanto prescritto dalla L. n. 1150/1942 e in particolare

dall'art. 15 della LR n. 6/1979 e ss. mm. e ii., costituisce una unità di intervento e/o di ristrutturazione

urbanistica e edilizia; esso può comprendere immobili da trasformare e/o aree libere da utilizzare secondo

le prescrizioni dello strumento urbanistico generale. Ha come finalità quella di conseguire tra i proprietari o

121
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
COMPONENTI DEL PUG

gli aventi titolo interessati la ripartizione percentuale degli oneri e degli utili connessi all’attuazione dei

piani urbanistici. Le zone di nuova espansione del PUG sono tutte inserite in comparti chiamati Distretti

Perequativi (DP) che possono comprendere zone a diversa destinazione.

La perequazione urbanistica trova quindi applicazione nei seguenti contesti:

• Distretto Perequativo Misto (DPM);

• Distretto Perequativo per Servizi (DPS);

• Distretto Perequativo Turistico (DPT).

I DP si attuano tramite Intervento urbanistico indiretto (IU) e precisamente tramite Piani Urbanistici

Esecutivi (PUE).

122
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
DIMENSIONAMENTO DEL PIANO

8 DIMENSIONAMENTO DEL PIANO

Il PUG di San Nicandro Garganico sulla base delle indagini e delle analisi svolte nonché dei quadri

interpretativi del territorio e dell’atto di indirizzo dell’Amministrazione di cui al DPP adottato è orientato

allo sviluppo sostenibile del territorio, concentrato su tre assi portanti:

a) valorizzazione delle risorse endogene attraverso la realizzazione di “reti” infrastrutturali per la mobilità dolce

(greenway o sentieri verdi) aventi la funzione di:

• di connessione tra le componenti ambientali e storico - culturali;

• di “penetrazione” dalla costa verso i boschi all’interno del territorio comunale;

• di collegamento tra il centro abitato e la fascia costiera;

b) recupero edilizio a livello urbano e incentivi per il recupero dell’edilizia rurale;

c) riqualificazione dell’abitato attraverso processi di Rigenerazione Urbana e azioni che possano favorire la

coesione sociale in modo da abbattere le forme devianti che favoriscono attività criminose.

8.1 CRITERI E RIFERIMENTI PER IL DIMENSIONAMENTO DEL PUG

L'art. 51 della LR n. 56/80 "Tutela ed uso del territorio", definisce il periodo di riferimento per le previsioni

insediative rispetto alle quali rapportare la dimensione degli interventi nella pianificazione di livello

comunale, fissandolo in 15 anni alla data di formazione dei piani.

Il calcolo del fabbisogno e il conseguente dimensionamento del Piano non dovrebbero costituire più di fatto

le operazioni tecniche fondative del Piano, in quanto sono mutati sostanzialmente gli obiettivi assunti dai

piani, orientati non più unicamente all'espansione urbana, ma alla riqualificazione dell'esistente, al

risparmio del suolo, alla tutela e valorizzazione dell'ambiente, del paesaggio, dei beni culturali, allo sviluppo

sostenibile.

Il dimensionamento del Piano si configura pertanto come il frutto di una valutazione attenta ed integrata

considerando sia i diversi bisogni espressi dalla comunità locale, sia la capacità di carico dell'ecosistema,

123
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
DIMENSIONAMENTO DEL PIANO

ossia la capacità del sistema territoriale locale di sostenere dal punto di vista ecologico insediamenti e

funzioni.

L'attenzione quindi viene rivolta alla ricognizione della realtà socioeconomica, alla capacità del patrimonio

edilizio esistente, alla domanda degli spazi per le attività produttive e alle relative esigenze localizzative. In

linea generale, la "capacità insediativa" complessiva del Piano, si configura come l'esito della ricognizione

dello stato delle risorse (ambientali, paesaggistiche, insediative, infrastrutturali) e delle pressioni insediative

cui possono essere sottoposte senza compromettere la qualità e la funzionalità. Le capacità insediative

derivano quindi dalla sommatoria dei singoli possibili interventi di completamento, sostituzione,

ristrutturazione e di riqualificazione nell'ambito dei contesti urbani consolidati e di quelli da consolidare e

riqualificare, nonché dalle previsioni insediative per i contesti suscettibili di nuovo insediamento.

Nel PUG strutturale sono definiti quali contesti rurali:

CONTESTI RURALI CONTESTI [n.] SUPERFICIE [mq]


periurbano da riqualificare 1 4.407.032,15
multifunzionale da tutelare 1 45.405.550,87
a prevalente funzione agricola da tutelare e rafforzare 1 33.093.520,79
a prevalente valore ambientale e paesaggistico 2 83.007.413,12
contesto costiero 1 714.832,06

Tabella 4 - Contesti rurali nel PUG/S

Rispetto alla superficie complessiva dei contesti rurali (pari a circa 16.663 ha), significativo è il dato relativo

a contesti rurali sottoposti a tutela, a prevalente valore ambientale e paesaggistico, pari a circa il 50%.

Nel PUG strutturale, sono definiti quali contesti urbani:

CONTESTI URBANI CONTESTI [n.] SUPERFICIE [mq]


da tutelare 3 784.352,99
consolidati e da consolidare, manutenere e qualificare 3 697.515,83
periferici e marginali da riqualificare 2 490.684,80
in formazione da completare e consolidare 5 1.946.827,20
della trasformazione 4 1.346.639,51
per servizi 4 629.099,21

Tabella 5 - Contesti urbani nel PUG/S

124
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
DIMENSIONAMENTO DEL PIANO

Rispetto alla superficie complessiva dei contesti urbani e periurbani, il 13,31% sono quelli da tutelare,

l'11,83% quelli consolidati da consolidare, manutenere e qualificare, l'8,32% quelli periferici e marginali da

qualificare, il 33,02% quelli in formazione da completare e consolidare, il 22,84% quelli della

trasformazione, il 10,67% quelli per servizi.

8.2 VERIFICA DEL FABBISOGNO RESIDENZIALE E SUO DIMENSIONAMENTO

8.2.1 DETERMINAZIONE DEL FABBISOGNO RESIDENZIALE: IPOTESI DI SVILUPPO DEMOGRAFICO

Le previsioni programmatiche per il quindicennio futuro (2014-2029) si concretano con:

• il dimensionamento quantitativo dei fabbisogni nei settori residenziale, produttivo e dei servizi;

• la definizione dei loro standard di qualità (NTA, Regolamento Edilizio);

• la localizzazione territoriale dei loro soddisfacimenti.

Nella definizione delle previsioni programmatiche si sono applicati in modo critico sia i dati delle

progressioni storiche sia i "Criteri per formazione degli strumenti urbanistici e per il calcolo del fabbisogno

residenziale e produttivo" di cui alla Delibera di Giunta Regionale n. 6320 del 13/11/1989.

Il dispositivo dei "Criteri DGR 6320" prevede che la stima della proiezione al quindicennio futuro si

determini applicando la media tra:

• La media delle modificazioni nel decennio pregresso 2013-2003;

• La media del periodo intercensuario 2011-2001;

• La media del periodo 2013-2011 trascorso dall'ultimo censimento.

La dinamica della popolazione residente nel decennio pregresso 2003-2013 ha registrato la diminuzione di

1.502 abitanti (17.387/2003-15.885/2013) con la media annua di 150 unità.

La variazione nel periodo intercensuario dal 2001 al 2011 ha registrato la diminuzione di 2.132 abitanti

(18.022/2001-15.890/2011) con la media annua di 213 unità.

125
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
DIMENSIONAMENTO DEL PIANO

La variazione dall'ultimo censimento del 2011 (15.890) al 31/12/2013 (15.885, ultimo dato certificato) è

consistita nell'aumento del numero di residente di 5 unità (15.890-15.885).

La media delle medie degli aumenti/decrementi del numero degli abitanti è pertanto negativo per cui la

proiezione al quindicennio 2029 si conferma, in applicazione dei "Criteri DGR", la popolazione già residente

nel 2013 pari a 15.885 unità.

8.2.2 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEL SETTORE RESIDENZIALE

Volume
Sup. totale IT Sup. US Sup. aree di
CONTESTI residenziale Abitanti [n.]
[mq] [mc/mq] [mq] cessione [mq]
[mc]
CU5.1 Contesto Urbano di espansione da attuare
78.379,44 0,9 71.300 713 12.834,00 -
(rinveniente da PF vigente)
CU5.2 Contesto Turistico da attuare a
trasformabilità vincolata (rinveniente da PF 584.558,26 0,2 116.911,65 1.169 21.044,10 -
vigente)
CU5.DPM Distretto Perequativo Misto 11.110,18 0,90 9.999,16 100 1.799,85 4.444,07
CU5.DPT Distretto Perequativo Turistico 672.591,62 0,04 - - - 571.702,88
CU6.DPS Distretto Perequativo per Servizi 116.885,38 0,30 - - - 81.819,77
TOTALE 1.982 35.677,95 657.966,72

(*) Ad ogni abitante insediabile corrispondono 100 mc di volume abitabile


(**) Le superfici totali sono riferite alla somma delle superfici dei singoli contesti

In riferimento al numero di abitanti insediabili derivanti dal PUG programmatico, si evidenzia che su 1.982

abitanti insediabili, circa il 95% (pari a 1.882 abitanti) deriva da quanto già previsto dal PF vigente, ed il

rimanente 5% deriva dall'applicazione del principio perequativo. Dall'attuazione delle previsioni del PUG

programmatico, deriverà una cessione di aree per urbanizzazione secondaria pari a circa 3,6 ettari, a cui

vanno ad aggiungersi circa 66 ettari di aree di cessione per complessivi 69 ettari di superficie "pubblica"

(acquisita gratuitamente dall'AC).

8.3 BILANCIO ATTUALE E DIMENSIONAMENTO ATTIVITA' PRODUTTIVE

La vigente DGR n. 6320/1989, in coerenza con il DI n. 1444/68, nella definizione degli insediamenti

produttivi ha compreso quelli di carattere industriale, di carattere commerciale e di carattere direzionale,

126
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
DIMENSIONAMENTO DEL PIANO

stabilendo altresì per ciascuna tipologia la dimensione delle superfici da destinare agli spazi pubblici ed alle

attività collettive.

Negli insediamenti di carattere industriale sono compresi, in quanto "assimilati", quelli del settore ricettivo

(strutture alberghiere e turistico-ricettive), del settore commerciale, e quelli definiti da normative statali e

regionali come "direzionali" e "terziarie", comprensivi dei relativi spazi pubblici e collettivi.

Gli insediamenti produttivi possono essere individuati in specifiche localizzazioni per distinte tipologie

merceologiche oppure in localizzazioni per tipologie miste e, per specifici insediamenti compatibili, anche

nelle zone residenziali.

Le attività di artigianato di servizio e del commercio al dettaglio (esercizi di vicinato e medie strutture)

possono essere insediate anche nelle zone residenziali.

8.3.1 PROIEZIONE DELLA POPOLAZIONE ATTIVA NEL 2029

La popolazione attiva nel 2001 è stata di 4.343 unità pari a circa il 24% di quella residente.

Stimando che tale percentuale rimanga invariata, sulla popolazione residente nel 2029 di 15.885 abitanti, la

popolazione attiva sarà pari a (0,24*15.885) 3.812,4 unità.

Articolata per settore, la popolazione attiva sarà per circa 692 unità impegnate (18,14%) in agricoltura, per

14 unità impegnate nella pesca e pescicoltura (0,37%), per 7 unità impegnate nell'estrazione dei materiali,

per 496 unità impegnate (13,01%) in attività manifatturiere, per 28 unità (0,74%) in produzione e

distribuzione energia gas e acqua, per 440 unità (11,54%) nel settore delle costruzioni, per 446 unità

(11,70%) nel commercio, per 139 unità (3,64%) negli alberghi e ristoranti, per 90 unità (2,35%) nel settore

dei trasporti, magazzinaggio e comunicazioni, per 55 unità (1,45%) nella intermediazione monetaria e

finanziaria, per 130 unità (3,41%) nell'immobiliare, noleggio, informatica, attività professionali e

imprenditoriali, per 352 unità (9,23%) nella pubblica amministrazione e difesa, per 592 unità (15,61%)

nell'istruzione, per 202 unità (5,30%) nella sanità e servizi sociali, per 102 unità (2,67%) negli altri servizi

pubblici, sociali e personali, per 25 unità (0,67%) nei servizi domestici presso famiglie e convivenze, per un

totale di 3.812 unità.

127
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
DIMENSIONAMENTO DEL PIANO

8.3.2 FABBISOGNO DI SUPERFICI PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE NEL 2029

Nel PUG di San Nicandro Garganico non sono previsti nuovi contesti produttivi; i contesti produttivi CU4.3 e

CU4.4 derivano dallo stato giuridico definito dal PF vigente.

8.4 BILANCIO ATTUALE E DIMENSIONAMENTO: STANDARD E ATTREZZATURE PUBBLICHE

8.4.1 IL DIMENSIONAMENTO DEGLI STANDARD E ATTREZZATURE PUBBLICHE

I servizi alla popolazione sono definiti dal DI n. 1444/1968 (urbanizzazioni secondarie) nella misura di 18 mq

per abitante, e sono articolati in aree per:

• l'istruzione, quali le scuole per l'infanzia e le scuole dell'obbligo (4,5 mq per abitante);

• le attrezzature civili, sociali, religiose (2,0 mq per abitante);

• il verde attrezzato di vicinato, di quartiere, urbano (9,0 mq per abitante);

• il parcheggio di uso pubblico (2,5 mq per abitante).

Le attrezzature di interesse generale (definite "zona F" nel DI 1444/68), nella misura minima di 17,5 mq per

abitante, sono articolate in:

• aree per l'istruzione superiore (1,5 mq per abitante);

• aree per le attrezzature sanitarie/ospedaliere (1,0 mq per abitante);

• superfici per parchi urbani (15 mq per abitante).

I servizi infrastrutturali primari con riferimenti sul territorio comunale sono raggruppabili in quelli per: la

mobilità (stradale, ferroviaria, ...), la distribuzione idrica, la distribuzione di energia, le comunicazioni

telefoniche e radiofoniche, la raccolta, il trattamento ed il conferimento finale dei rifiuti.

Per la verifica del soddisfacimento di dotazione di attrezzature pubbliche si fa riferimento alla popolazione

al 31.12.2013 pari a 15.885 abitanti.

128
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
DIMENSIONAMENTO DEL PIANO

I predetti abitanti sono distribuiti tra l’abitato “storico” (centro antico e zone di prima espansione) e le

nuove zone di espansione che si sono attuate coerentemente con le previsioni di PF.

In ossequio al DI n.1444/1968, artt. 3 e 4, nelle nuove aree di espansione (ex ZOT C del PF), la dotazione di

standard viene risolta prevedendo le aree da cedere gratuitamente al Comune, in relazione al numero di

abitanti da insediare, nella misura minima inderogabile di mq. 18 per spazi pubblici, riservati alle attività

collettive, a verde pubblico o a parcheggio (convenzione tra Comune e privati).

Per la popolazione residente, invece, nel centro abitato consolidato (ex ZOT A e B) ciò non è avvenuto in

quanto si tratta di edificazioni anteriori al 1968 (anno di entrata in vigore del DI n. 1444).

Per la verifica della dotazione di standards si è così operato: si è determinata la volumetria complessiva

realizzata nelle predette ZOT, corrispondente a 1.222.733,00 mc e successivamente, assegnando

100mc/ab., si ricavato un totale di 12.227 abitanti.

Per questi circa 12.227 abitanti le dotazioni minime di standards, di 18 mq/ab., sono assicurate dalle

rispettive convenzioni collegate ai diversi Piani di Lottizzazione approvati dal Consiglio Comunale.

volumetria [mc] abitanti [n.] Standard [mc/mq]


ex ZOT C
1.222.733,00 12.227 220.091,94

Nelle ex ZOT A e B, la popolazione residente è pari a 15.885 ab. – 12.227 ab. = 3.658 abitanti; per tali aree è

necessario disporre di 3.658 ab. X 18 mq/ab. = 65.838 mq di superfici per attrezzature pubbliche.

Si è proceduto al conteggio delle superfici delle ZOT F già attuate per verificare se siano sufficienti al

soddisfacimento dei fabbisogni pregressi.

Con riferimento alla superficie totale dei contesti urbani per servizi individuati dal presente PUG, la

quantità pari al 43% delle aree è stata già attuata; la rimanente parte è data dalle aree rinveniente da PF

vigente (pari al 39%) e dalle aree individuate dal presente PUG (pari al 19%).

CONTESTI URBANI PER SERVIZI già realizzato da realizzare


CU6.1 Contesto urbano per servizi attuato 183.111
CU6.2 Contesto urbano per servizi da attuare 243.311
CU6.3 Contesto Urbano per servizi tecnologici 85.792
CU6.DPS Distretto Perequativo per Servizi 116.885
TOTALE 268.903 360.196

129
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
DIMENSIONAMENTO DEL PIANO

Tabella 6 - Bilancio contesti urbani per servizi

Per la verifica della dotazione di standards si sono considerate le dotazioni esistenti e quelle necessarie:

STANDARD (18mq/ab)
superfici esistenti [mq] superfici necessarie [mq] esubero a farsi da PUG
99.506,38 65.838,06 +33.668,32 +60.762

Per San Nicandro Garganico, come innanzi evidenziato, la dotazione di standard a livello di quartiere è

verificata.

Con riferimento al citato DI n.1444/1968 gli Standard o aree per attrezzature pubbliche (scolastiche, di

interesse generale, parcheggi pubblici e verde pubblico) devono essere previste per tutte le ZOT dei Piani

generali – Attrezzature a livello di quartiere e, in situazioni specifiche possono prevedersi ulteriori

attrezzature – di livello urbano e territoriale – non previste in quelle di quartiere e destinate a: parco

urbano, scolastiche superiori all’obbligo e strutture sanitarie.

Per le attrezzature a livello urbano e di interesse generale si sono presi in considerazione l'ospedale, la

scuola superiore all'obbligo e il Parco Urbano realizzato in località S. Giuseppe.

Per la verifica della dotazione di attrezzature di interesse generale si sono considerate quelle esistenti e

quelle individuate:

ATTREZZATURE DI INTERESSE GENERALE (17,5 mq/ab)


superfici esistenti [mq] superfici necessarie [mq] esubero a farsi da PUG
83.604,77 277.987,50 -194.382,73 182.548,62

130
Comune di San Nicandro Garganico (Fg) Relazione Generale
Piano urbanistico Generale (PUG) (ai sensi della L. R. 20/2001) Dicembre 2014
ELABORATI TRASVERSALI

9 ELABORATI TRASVERSALI

9.1 PROGRAMMA PARTECIPATIVO E CONCERTATIVO

Di seguito si riporta un elenco degli incontri ufficiali più rilevanti che si sono svolti a San Nicandro Garganico

durante il percorso per la formazione del quadro delle conoscenze e per la presentazione dei risultati delle

indagini svolte.

Gli incontri sono serviti altresì a individuare in maniera condivisa le strategie di sviluppo.

03.12.2008 – Sede municipale – incontro con Amministrazione comunale

11.02.2009 – Sede municipale – incontro con Amministrazione comunale

20.02.2009 – Sede municipale – incontro con Amministrazione comunale

28.04.2009 – Palazzo Fioritto – Forum pubblico

05.05.2009 – Regione Puglia – 1° conferenza di copianificazione

19.08.2009 – Palazzo Fioritto – Forum pubblico

22.08.2009 – Festa democratica – conferenza

28.09.2009 – Palazzo Fioritto – Forum pubblico “Verso il PUG”

08.11.2010 – Regione Puglia – 2° conferenza di copianificazione (conclusa in data 15.04.2011)

Anno 2012 – incontro inerente la località "Papaglione"

Anno 2013 – incontro inerente la località "Torre Mileto" (PIRT)

131