Sei sulla pagina 1di 3

il munizionamento del cannone da 65/17 http://www.guerrabianca.org/html/artiglieria2.

htm

Il munizionamento del cannone da 65/17 - di Andrea Bianchi

Con questo mio breve e piuttosto generico scritto, voglio


descrivere schematicamente la munizione del cannone da
65/17; fu durante la Grande Guerra un pezzo molto
apprezzato data la semplicità del funzionamento, la
possibilità di essere portato in batteria agevolmente e
trasportato su posizioni anche a notevole quota. Gli effetti
distruttivi del cannone potevano dare valido sostegno al
momento degli assalti; la possibilità di eseguire tiri diretti
(cioè mirando con tiro teso sull'obiettivo), fu fondamentale
nei momenti della difesa.
Ancora oggi, sui campi di battaglia si rinvengono i bicchieri
degli shrapnel, spolette graduate e a volte granate dirompenti
ancora inesplose, testimonianze tangibili di quella Grande
Guerra.
Passando alla descrizione delle munizioni, per prima cosa Appunto per la colorazione degli shrapnel da 65,
esaminiamo quella dirompente; qualche accenno sarà poi scritto all'Ombretta (Marmolada).
dato al cartoccio a shrapnel e a quelli da esercitazione (a L'azzurro è ottenuto con 150 gr di tinta oltremare
salve ed istruzione). scura; l'arancione con 150 gr di giallo bicromato.
Segue l'indicazione della ditta Max - Mayer e i
I pezzi per fanteria impiegano uno speciale cartoccio relativi prezzi al Kg.
granata del peso complessivo di kg.4,942, il quale si
compone di: COFANO PER MUNIZIONI
Per il trasporto delle munizioni si adoperano appositi cofani per
BOSSOLO
GRANATA DA 65/17 con SPOLETTA A PERCUSSIONE MOD. munizioni. Essi sono di legno verniciato di grigio o grigio-verde
910 e recano scritte sull'apertura "per granate da 65/17" e ai lati i
CARICA DI LANCIO.
numeri di registro. I cofani sono muniti di maniglie per il
trasporto a mano, e di catenelle per poter essere sospesi ai ganci
del basto. Ciaschedun cofano ha nell'interno 10 alloggiamenti
per cartocci granate e due scatole per inneschi. Ogni mulo porta
munizioni può trasportare due cofani (20 colpi). Il cofano pieno
pesa circa kg. 66.

Prelevare e riporre le munizioni: l'istruttore fa vedere il modo di


aprire i cofani, come vi sono disposte le munizioni e dove si
depongono i cofani durante il tiro. Per prelevare le munizioni
dai cofani il porgitore prende con la mano sinistra il fondello di
un cartoccio, adoperando all'occorrenza lo scalpello d'ottone, e
lo estrae sostenendolo colla mano destra a metà circa del
proietto, toglie il tappo dalla spoletta e vi applica l'innesco.
Quando la carica viene eseguita a solo scopo di istruzione si
impiegano i cartocci proietto da esercitazioni.
Quando il fuoco cessa il porgitore ricolloca a posto le munizioni
rimaste, togliendo eventualmente gli inneschi ed avvertendo di
ripartirle ugualmente fra i due cofani; durante le pause del tiro i
bossoli vanno collocati al posto dei proietti sparati.

IL BOSSOLO (1) è di ottone ed è formato da una parte


cilindrica (2) e da un fondello (3) con orlo d'appoggio (4).
Sul fondello è avvitato l'innesco mod. 913 per bossoli e sono
incisi i punzoni dell'arsenale e del capotecnico artificiere,
oltre la data.

LA GRANATA (5) è fissata al bossolo con punzonatura.

1 di 3 08/03/2012 14:49
il munizionamento del cannone da 65/17 http://www.guerrabianca.org/html/artiglieria2.htm

Pesa kg.4,150. È colorata esternamente con vernice grigia.


Essa è di acciaio ed è formata da una parte cilindrica (6), una
parte ogivale (7), ed un fondello (8).
Sulla parte cilindrica si notano la corona di forzamento (9) e
la fascia di centramento (10). Nella parte ogivale è avvitato il
tappo ogiva (11) fissato con vite di ritegno (12). Nel tappo
ogiva viene avvitata la SPOLETTA A PERCUSSIONE MOD.
910 (13).
La spoletta è normalmente priva dell'innesco al posto del
quale è avvitato un tappetto di zinco (15). Solo quando il
cartoccio granata deve essere caricato si provvederà a
sostituire detto tappetto con un innesco mod. 910 per
spolette (14). Tali inneschi sono contenuti nei cofani in
apposite scatole di protezione di latta. Ogni scatola contiene
12 inneschi.

INNESCARE LE GRANATE
Le spolette delle granate sono munite di un tappetto di zinco che
occorre togliere per applicare l'innesco, il quale dovrà essere
serrato molto fortemente. Tale operazione è fatta dal porgitore.
È da avvertire che l'avvitatura è a passo sinistro e che occorre
quindi girare in senso inverso che colle ordinarie viti.

NORME PER L'IMPIEGO DELLE MUNIZIONI


Far vedere il cartoccio granata ed insegnare che prima di
impiegarlo occorre assicurarsi che la corona di forzamento non
presenti deformazioni; che la granata sia pulita e leggermente
ingrassata e che l'innesco del bossolo sia ben avvitato e non
sporga dal fondello del bossolo, né presenti tracce di ossidazione
e deterioramento.
Insistere sulla necessità di non dimenticare mai di innescare la
granata prima di adoperarla e di serrare bene l'innesco.
SPOLETTA A PERCUSSIONE MOD. 910. Si compone di Una granata sparata senza innesco o che perdesse l'innesco
un corpo di bronzo (13) che ha: esternamente una filettatura lungo la traiettoria (perché malamente avvitato), arrivando sul
per l'unione alla granata e due incavi per la chiave; bersaglio non avrebbe alcun effetto perché non scoppierebbe.
superiormente un foro a chiocciola per l'unione dell'innesco,
inferiormente una appendice (16) che contiene un cilindretto RIFORNIMENTO DELLE MUNIZIONI
di polvere nera (17). Il nucleo munizioni del pezzo provvede al rifornimento delle
Internamente è cava e contiene: munizioni al pezzo secondo gli ordini ricevuti dal capo pezzo.
- un percuotino con spillo d'acciaio (18); Il comandante dei muli scarichi si serve di tutto il personale che
- una ghiera del percuotino (19) con molla a crociera (20); ha disposizione per il trasporto delle munizioni. Il rifornimento
- una valvola conica (21) con molla ad alette (22) avvitata al potrà essere effettuato con cofani portati a spalla oppure con
percuotino. mezzi di ripiego a seconda delle circostanze. Condizione
essenziale è che non manchino mai le munizioni al pezzo. A tale
In condizioni normali il percuotino non può avanzare perché scopo gli organi di rifornimento debbono essere sempre collegati
trattenuto sia dalla sua molla a crociera, che contrasta contro dall'indietro all'avanti con guide di collegamento. Venendo a
la ghiera, sia dalla valvola che non può avanzare perché mancare i collegamenti ogni comandante di nucleo munizioni
contrastata, con la sua molla ad alette contro un risalto del provvede d'iniziativa per assicurarsi il rifornimento.
vano interno della spoletta. Spetta al comandante della sezione, durante le pause di fuoco, di
Inoltre la valvola chiude la comunicazione fra spoletta e far rifornire le carrette per munizioni e di assicurarsi che i pezzi
l'interno del proietto in modo che anche una prematura isolati non manchino mai di munizioni.
detonazione della capsula non potrebbe propagarsi alla
carica di scoppio (la chiusura è resa ermetica con NORME PER LA CONSERVAZIONE DELLE
l'interposizione di un foglietto di stagno tra valvola e la sua MUNIZIONI
sede). Le munizioni sono depositate solitamente in depositi presidiari,
Queste sistemazioni contribuiscono a garantire la sicurezza per i quali vigono speciali prescrizioni. Qualora però per
di maneggio della granata anche quando sia stato ad essa esigenze di guerra, sono depositate in riservette appositamente
avvitato l'innesco. costruite nei pressi dei pezzi. Comunque dovranno essere
All'atto dello sparo la ghiera, per inerzia, si investe sul osservate le seguenti norme:
percuotino schiacciando la molla a crociera; in tal modo la le munizioni vanno tenute entro i propri imballaggi o nei cofani;
le granate avranno al posto dell'innesco, l'apposito tappetto che

2 di 3 08/03/2012 14:49
il munizionamento del cannone da 65/17 http://www.guerrabianca.org/html/artiglieria2.htm

massa battente rimane trattenuta solo dalla molla ad alette dovrà essere tolto in batteria, solo al momento dell'impiego, per
della valvola. All'urto del proietto sul terreno la massa applicarvi l'innesco. In caso di insufficienza d'imballaggi e
battente, per effetto della sua inerzia, deforma la molla ad cofani, i cartocci proietto verranno disposti in cataste, e si
alette e va a percuotere la capsula producendone la eviterà di metterli a diretto contatto del terreno disponendo
detonazione; contemporaneamente la valvola si apre e la sotto essi listelli o ramaglie.
fiammata prodottasi può così propagarsi al cilindretto di Sempre che sia possibile, le munizioni saranno collocate in locali
polvere nera della spoletta e da questo alla carica interna coperti o sotto tettoie, ed all'asciutto; dovendo disporle
della granata. all'aperto si provvederà a ripararle dai raggi solari e dalle
Nella granata sono contenute: una carica di rinforzo (23); intemperie mediante coperture di circostanza (tettucci di legno
una carica d'infiammazione (24); una carica di scoppio (25) o di lamiera, preferibilmente a doppio spiovente, copertoni
di kg. 0,223 di trotyl fuso. impermeabili; teli da tenda, ecc.). In tal caso la copertura sarà
lasciata alquanto discosta dai proiettili in modo da non
LA CARICA DI LANCIO è composta di g.65 di balistite in ostacolare la libera circolazione dell'aria.
piastrelle delle dimensioni di mm. 0,5x5x5. Le munizioni vanno sempre maneggiate e posate delicatamente,
e senza urti; prima dell'uso bisognerà accertarsi che i proiettili
Cartocci granata a shrapnell: il cannone da 65/17
impiega granate a shrapnell con spoletta graduata mod. 912; ed i bossoli non presentino deformazioni (ammaccature della
corona o dei bossoli, inneschi di bossoli non completamente
il loro funzionamento è uguale in tutto e per tutto a quelle del
cannone da 75/27; gli shrapnel solitamente erano colorati in avvitati e sporgenti dal fondello, ecc.) che possono produrre

azzurro con una striscia arancione. l'inceppamento nel caricamento. Sarà in ogni modo opportuno
che essi siano puliti ed ingrassati prima dell'impiego.
Cartocci granata da 65/17 per istruzione: nella forma
esterna sono uguali a quelli ordinari, ma privi delle materie
esplosive e degli organi interni. La granata è unita al bossolo
con punzonatura e con una chiavarda che con la sua testa
occupa l'alloggiamento per l'innesco del bossolo.
I cartocci granata per istruzione di distinguono per aver
l'ogiva dipinta con vernice verde chiara. Inoltre sulle spolette
sono incise due o più croci.

Cartoccio a salve da 65/17: ha il bossolo uguale a quello


delle munizioni ordinarie: una carica di lancio speciale da
salve; un rocchetto di legno ed un proietto di legno dolce.

3 di 3 08/03/2012 14:49

Potrebbero piacerti anche