Sei sulla pagina 1di 414

Lezioni del corso di

Elementi di Fisica Nucleare e Subnucleare

Marco Napolitano

a. a. 2012-13
ii
Contents

Note di stesura xxi

I Argomenti introduttivi. Metodi e strumenti. 1


1 Il nucleo atomico e la radioattività 3
1.1 Il nucleo atomico: nozioni introduttive e terminologia . . . . . . 3
1.2 Unità di misura ed ordini di grandezza . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.3 Radioattività naturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.3.1 Legge del decadimento radioattivo . . . . . . . . . . . . . 6
1.3.2 Considerazioni quantomeccaniche . . . . . . . . . . . . . . 10
1.3.3 Tipi di decadimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.3.4 Serie radioattive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.4 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.4.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.4.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

2 Collisioni 17
2.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
2.1.1 Conservazione dell’energia e dell’impulso . . . . . . . . . . 18
2.1.2 Tipi di urto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.2 Sistemi di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
2.3 Concetto di sezione d’urto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.4 Urti elastici: di¤usione -nucleo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.5 Urti anelastici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
2.5.1 Reazioni nucleari. Nuclidi arti…ciali . . . . . . . . . . . . 26
2.5.2 Produzione di pioni e muoni . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.6 Descrizione quantistica dell’urto tra particelle . . . . . . . . . . . 29
2.7 Costante di decadimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2.8 Di¤usione elastica da potenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
2.8.1 Ampiezza di di¤usione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
2.8.2 Caso del potenziale di Yukawa (o coulombiano schermato) 34
2.8.3 Di¤usione particella-particella . . . . . . . . . . . . . . . . 35
2.9 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
2.9.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
2.9.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36

iii
iv CONTENTS

3 Strumenti* 39
3.1 Acceleratori di particelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.1.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.1.2 Acceleratori a caduta di potenziale . . . . . . . . . . . . . 40
3.1.3 Acceleratori lineari (linac) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.1.4 Acceleratori circolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
3.1.5 Anelli a fasci collidenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
3.2 Interazioni delle particelle cariche e dei fotoni con la materia . . 51
3.2.1 Perdite di energia per ionizzazione . . . . . . . . . . . . . 51
3.2.2 Perdite di energia degli elettroni . . . . . . . . . . . . . . 54
3.2.3 Scattering multiplo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
3.2.4 Interazioni dei fotoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
3.3 Rivelatori di particelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
3.3.1 Rivelatori visualizzanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
3.3.2 Rivelatori a gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
3.3.3 Rivelatori a scintillazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
3.3.4 Rivelatori Cerenkov . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
3.3.5 Rivelatori a semiconduttore . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
3.4 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
3.4.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
3.4.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66

II Nuclei 67
4 Dimensioni e masse dei nuclei 69
4.1 Distribuzioni di carica elettrica e di massa dei nuclei . . . . . . . 69
4.1.1 Quant’è grande un nucleo? . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
4.1.2 Di¤usione elastica elettrone-nucleo . . . . . . . . . . . . . 70
4.1.3 Distribuzione della materia nucleare . . . . . . . . . . . . 77
4.2 Massa ed energia di legame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
4.2.1 Misura delle masse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
4.2.2 Abbondanze relative degli elementi e regole empiriche di
stabiltà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
4.2.3 Energia di legame e formula semiempirica delle masse . . 86
4.3 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
4.3.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
4.3.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93

5 Proprietà dei nuclei nello stato fondamentale 95


5.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
5.2 La buca di potenziale nucleare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
5.3 Modello a gas di Fermi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
5.4 Modello a shell a particella singola . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
5.4.1 Potenziale spin-orbita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
5.4.2 Spin degli stati fondamentali nucleari . . . . . . . . . . . 104
5.4.3 Parità degli stati fondamentali nucleari . . . . . . . . . . 105
5.4.4 Momento di dipolo magnetico . . . . . . . . . . . . . . . . 106
5.4.5 Momento di quadrupolo elettrico . . . . . . . . . . . . . . 110
CONTENTS v

5.4.6 Limiti del modello a shell a particella singola. Struttura


collettiva. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
5.5 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
5.5.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
5.5.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117

6 Decadimento e …ssione spontanea 119


6.1 Caratteristiche del decadimento . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
6.2 Teoria del decadimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
6.3 Fissione spontanea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
6.4 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
6.4.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
6.4.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130

7 Decadimento 131
7.1 Nota storica: ipotesi e scoperta del neutrino . . . . . . . . . . . . 131
7.1.1 Scoperta del neutrino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
7.2 Teoria di Fermi del decadimento . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
7.2.1 Costante di decadimento. Determinazione di G . . . . . . 139
7.3 Transizioni tipo Fermi e Gamow-Teller. Regole di selezione . . . 140
7.4 Massa del neutrino* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
7.5 Sezione d’urto p ! ne+ a bassa energia* . . . . . . . . . . . . . 145
7.6 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
7.6.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
7.6.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146

8 Stati eccitati dei nuclei. Decadimento gamma 147


8.1 Stati eccitati nucleari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
8.2 Decadimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
8.2.1 Radiazione elettromagnetica classica . . . . . . . . . . . . 151
8.2.2 Passaggio alla meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . 152
8.2.3 Regole di selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
8.3 Misure di distribuzioni angolari e polarizzazioni . . . . . . . . . . 154
8.4 Conversione interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
8.5 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
8.5.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
8.5.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158

9 Reazioni nucleari 159


9.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
9.1.1 Risonanze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
9.1.2 Reazioni di nucleo composto e reazioni dirette . . . . . . . 161
9.1.3 Allargamento doppler dei picchi risonanti . . . . . . . . . 162
9.2 Reazioni indotte da neutroni di bassa energia . . . . . . . . . . . 163
9.3 La barriera coulombiana nelle reazioni nucleari . . . . . . . . . . 164
9.4 Fissione indotta e reattori nucleari . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
9.4.1 Fissione indotta da neutroni termici . . . . . . . . . . . . 165
9.4.2 Sezioni d’urto neutroniche di 235 U e 238 U . . . . . . . . . 168
9.4.3 Il processo di …ssione di 235 U . . . . . . . . . . . . . . . . 168
9.4.4 La reazione a catena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
vi CONTENTS

9.4.5 Reattori nucleari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172


9.4.6 Produzione ed uso del plutonio. Reattori veloci . . . . . . 176
9.4.7 Scorie radioattive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
9.5 Fusione nucleare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
9.5.1 La fusione nel sole e nelle altre stelle . . . . . . . . . . . . 178
9.5.2 Fusione controllata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
9.6 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
9.6.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
9.6.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184

10 La forza nucleare 185


10.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
10.2 Il deutone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
10.2.1 Energia di legame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
10.2.2 Spin e parità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
10.2.3 Momento di dipolo magnetico . . . . . . . . . . . . . . . . 189
10.2.4 Momento di quadrupolo elettrico . . . . . . . . . . . . . . 189
10.3 Di¤usione nucleone-nucleone a bassa energia . . . . . . . . . . . . 190
10.3.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
10.3.2 Di¤usione neutrone-protone . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
10.3.3 Di¤usione protone-protone e neutrone-neutrone . . . . . . 195
10.4 Proprietà della forza nucleare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
10.5 Isospin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
10.5.1 Il concetto di isospin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
10.5.2 Invarianza di isospin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
10.5.3 Isospin del pione e del sistema di due nucleoni . . . . . . 203
10.6 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
10.6.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
10.6.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205

III Particelle 207


11 Concetti introduttivi 209
11.1 Introduzione. Particelle e forze: il quadro presente . . . . . . . . 209
11.2 Particelle e antiparticelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
11.2.1 Cenni alle equazioni d’onda relativistiche. Stati ad energia
negativa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
11.2.2 Interpretazione degli stati ad energia negativa: antiparticelle214
11.3 Interazioni elettromagnetiche e gra…ci di Feynman . . . . . . . . 216
11.3.1 Interazione a distanza tra due particelle. . . . . . . . . . . 216
11.3.2 Gra…ci di Feynman . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
11.3.3 Interazioni elettromagnetiche . . . . . . . . . . . . . . . . 219
11.3.4 La "costante" che "corre" . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
11.4 Interazioni deboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
11.4.1 Forze a corto raggio: scambi di particelle. . . . . . . . . . 225
11.4.2 Interazioni deboli e uni…cazione elettrodebole . . . . . . . 226
11.5 Interazioni forti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
11.5.1 Forza nucleare forte: scambio di mesoni . . . . . . . . . . 229
11.5.2 Interazioni forti tra quark e gluoni . . . . . . . . . . . . . 230
CONTENTS vii

11.6 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230


11.6.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
11.6.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231

12 Simmetrie e leggi di conservazione 233


12.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
12.2 Una parentesi: fermioni e bosoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
12.3 Grandezze …siche conservate e simmetrie . . . . . . . . . . . . . . 235
12.4 Parità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
12.4.1 Parità di fermioni e antifermioni . . . . . . . . . . . . . . 239
12.4.2 Spin e parità del fotone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
12.4.3 Spin e parità del pione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
12.5 Coniugazione di carica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
12.5.1 C-parità del pione neutro . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
12.6 Inversione temporale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
12.7 Teorema CPT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
12.8 Conservazione dei barioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
12.9 Conservazione dei leptoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
12.9.1 Conservazione di elettroni e muoni: neutrino elettronico
e neutrino muonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
12.9.2 Il leptone tau . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
12.9.3 Elicità dei neutrini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
12.10Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
12.10.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
12.10.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247

13 Adroni. Interazione forte 249


13.1 Barioni e mesoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
13.1.1 Particelle strane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
13.1.2 Formazione di barioni nell’interazione pione-nucleone . . . 253
13.1.3 Produzione di risonanze barioniche . . . . . . . . . . . . . 258
13.1.4 Formazione e produzione di risonanze barioniche strane . 260
13.1.5 Risonanze mesoniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
13.1.6 Adroni dall’annichilazione e+ e . . . . . . . . . . . . . . . 263
13.2 Composizione in quark degli adroni . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
13.2.1 Mesoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
13.2.2 Barioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
13.2.3 Spin e colore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
13.3 Quark e gluoni: l’interazione forte . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
13.3.1 Colore e QCD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
13.3.2 La "costante" s che corre. . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
13.3.3 Getti di adroni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
13.4 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
13.4.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
13.4.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
viii CONTENTS

14 Interazioni deboli 287


14.1 Interazioni deboli dei leptoni e dei quark . . . . . . . . . . . . . . 287
14.1.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287
14.1.2 I bosoni vettoriali intermedi . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
14.1.3 Interazioni deboli di corrente carica . . . . . . . . . . . . 289
14.1.4 Interazioni deboli di corrente neutra e uni…cazione elet-
trodebole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297
14.2 Violazione della parità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
14.2.1 Il problema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
14.2.2 La violazione di P nel decadimento . . . . . . . . . . . . 303
14.2.3 Elicità dei leptoni. Violazione di C. . . . . . . . . . . . . . 305
14.2.4 Misura dell’elicità del neutrino . . . . . . . . . . . . . . . 306
14.3 Il sistema dei K 0 e la violazione di CP . . . . . . . . . . . . . . . 308
14.3.1 Decadimento del K 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
14.3.2 Mescolamento K 0 K 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
14.3.3 Il fenomeno della rigenerazione . . . . . . . . . . . . . . . 312
14.3.4 Oscillazione della stranezza. Di¤erenza di massa K2 K1 313
14.3.5 Violazione di CP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
14.3.6 Oscillazioni di sapore e violazione di CP in altri sistemi
(un cenno) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
14.4 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
14.4.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
14.4.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319

15 Modello Standard e …sica oltre il MS* 321


15.1 Modello standard. Il bosone di Higgs . . . . . . . . . . . . . . . . 321
15.2 Fisica oltre il modello standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
15.2.1 Limiti del modello standard . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
15.2.2 Grande uni…cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
15.2.3 Supersimmetria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
15.2.4 Massa dei neutrini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331
15.3 Quesiti ed esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334
15.3.1 Quesiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334
15.3.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334

A Richiami di meccanica quantistica 335


A.1 Stato di un sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
A.2 Osservabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336
A.2.1 Autostati e autovalori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337
A.3 Equazione di Schroedinger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338
A.3.1 Densità di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339
A.4 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
A.4.1 Buca di potenziale unidimensionale . . . . . . . . . . . . . 340
A.4.2 Buca di potenziale in…nita . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344
A.4.3 Barriera di potenziale unidimensionale . . . . . . . . . . . 346
A.5 Momento angolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
A.5.1 Armoniche sferiche e loro proprietà . . . . . . . . . . . . . 351
A.6 Potenziale centrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352
A.6.1 Atomo idrogenoide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354
A.7 Autostati del momento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356
CONTENTS ix

A.8 Osservabili compatibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357


A.8.1 Principio di indeterminazione . . . . . . . . . . . . . . . . 358
A.9 Addizione dei momenti angolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360

B Unità per misurare le radiazioni 361

C Richiami di relatività 363


C.1 Trasformazioni di Lorentz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363
C.2 Intervallo spazio-temporale e principio di invarianza . . . . . . . 364
C.3 Conseguenze cinematiche delle TL . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
C.3.1 Contrazione della lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
C.3.2 Dilatazione del tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
C.3.3 Trasformazione della velocità . . . . . . . . . . . . . . . . 366
C.4 Quadrivettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
C.5 Cinematica del punto materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
C.5.1 Tempo proprio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
C.5.2 Quadrivelocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
C.5.3 Quadriaccelerazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
C.6 Dinamica del punto materiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
C.6.1 Principio di inerzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
C.6.2 Legge fondamentale della dinamica del punto materiale . 370
C.6.3 Massa di una particella e di un sistema di particelle . . . 372
C.6.4 Legge del moto di una particella materiale . . . . . . . . . 373
C.6.5 Principio di conservazione del quadrimpulso . . . . . . . . 374
C.7 Collisioni binarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
C.7.1 Sistema del laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
C.7.2 Sistema del centro di massa . . . . . . . . . . . . . . . . . 376
C.7.3 Velocità del centro di massa . . . . . . . . . . . . . . . . . 376
C.8 Collisioni binarie anelastiche. Soglia di una reazione . . . . . . . 377

D Regola aurea di Fermi 379

E Di¤usione da potenziale 383


E.1 Ampiezza di di¤usione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 383
E.1.1 Calcolo dell’ampiezza di di¤usione . . . . . . . . . . . . . 386
E.2 Sviluppo in onde parziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
E.3 Di¤usione risonante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 390
x CONTENTS
List of Tables

1.1 Carica elettrica, massa e spin dell’elettrone e dei nucleoni . . . . 5


1.2 Le quattro serie radioattive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.3 Alcuni isotopi radioattivi naturali non compresi nelle serie ra-
dioattive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

2.1 Massa e vita media di pioni e muoni. . . . . . . . . . . . . . . . . 29

4.1 Gli otto principali elementi di cui è costituita la crosta terrestre


(Tratto da N. N. Greenwood e A Earnshaw: Chemistry of the
Elements - Pergamon Press 1985) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
4.2 Parametri della formula semiempirica delle masse risultanti da
un …t di dati sperimentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91

6.1 Energia rilasciata (Q-valore) nell’eventuale decadimento del 238Pu


in alcuni nuclei leggeri. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
6.2 Valori misurati e …ttati del tempo di dimezzamento relativo al
decadimento alfa di alcuni nuclidi della serie dell’uranio. . . . . . 127

9.1 Energia di attivazione e sezione d’urto di …ssione, indotta da neu-


troni termici, per alcuni isotopi dell’uranio e del plutonio. . . . . 167
9.2 Ripartizione dell’energia media rilasciata da un evento di …ssione
del 235U. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171

11.1 Leptoni e quark. Sono tutti fermioni di spin 1/2 e per ciascuno
di essi esiste la corrispondente antiparticella. I leptoni formano
tre diverse coppie costituite dal leptone carico e dal suo neutrino.
Anche i quark si possono associare in tre diverse coppie formate
da un quark di carica 2/3 e da un quark di carica -1/3 . . . . . . 211
11.2 Quanti di campo delle forze fondamentali. Per completezza ab-
biamo incluso anche la forza gravitazionale anche se non esiste
ancora una teoria quantistica della gravitazione. Nella …sica nu-
cleare e subnucleare la forza gravitazionale, essendo di gran lunga
più debole delle altre, non gioca praticamente alcun ruolo. . . . . 211

12.1 Masse dei leptoni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246

xi
xii LIST OF TABLES

13.1 I mesoni K o kaoni costituiscono due doppietti di isospin. I kaoni


neutri di cui si osserva il decadimento sono, autostati dell’interazione
debole, sono due diverse combinazioni di Kµr e Kµr. Su di essi
torneremo nel seguito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
13.2 Barioni strani metastabili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
13.3 Esempi di risonanze pione-nucleone. . . . . . . . . . . . . . . . . 257
13.4 Esempi di risonanze barioniche strane. . . . . . . . . . . . . . . . 261
13.5 Caratteristiche di alcuni mesoni vettoriali. . . . . . . . . . . . . . 263
13.6 Risonanze mesoniche Y. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
13.7 Quarks e loro numeri quantici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
13.8 Antiquarks e loro numeri quantici . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
13.9 Possibili valori dello spin e della parità dei mesoni (…no a l=2). . 268
13.10Esempi di stati mesonici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
13.11Nonetto dei mesoni pseudoscalari. . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
13.12Nonetto dei mesoni vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
13.13Esempi di stati barionici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
13.14Decupletto barionico: contiene un quadrupletto di isopsin (delta),
un tripletto (sigma-star), un doppietto (csi-star) ed un singoletto
(omega-). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
13.15Ottetto barionico: contiene un doppietto di isospin di stranezza
zero (nucleone), un doppietto di stranezza -2 (csi), un tripletto
di stranezza -1 (sigma) ed un singoletto di stranezza -1 (lambda). 272

15.1 Le particelle del MS e i loro super-partners . . . . . . . . . . . . 330

B.1 Fattori di qualità per vari tipi di radiazioni. . . . . . . . . . . . . 362


List of Figures

1.1 Figura di prova da eliminare e rifare. U(t) è A1x2/A0, Th(t) è


A2x3/A0 e R(t) è A2/A1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.2 Distribuzione di probabilità dell’energia di uno stato non stabile
che decade con costante di tempo = =~. . . . . . . . . . . . . 11

2.1 Un ‡usso F di particelle investe un bersaglio molto sottile di


super…cie S e spessore dl. Il ‡usso di particelle uscenti che non
hanno subito alcuna interazione è F-dF. . . . . . . . . . . . . . . 21
2.2 Scattering di una particella positiva da un nucleo puntiforme. . . 25
2.3 Diagramma vettoriale per l’impulso trasferito. . . . . . . . . . . . 34

3.1 Schema di principio di un acceleratore elettrostatico Van de Graaf. 40


3.2 Schema di principio di un acceleratore di tipo Cockroft-Walton. . 42
3.3 Rappresentazione di principio di un linac a tubi di deriva. . . . . 42
3.4 Illustrazione del principio di stabilità di fase. A rappresenta la
particella sincrona, B quella in ritardo e C quella in anticipo. . . 44
3.5 a) Rappresentazione schematica di un sincrotrone. b) Ciclo del
sincrotrone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
3.6 Perdita di energia per ionizzazione in diversi materiali al variare
d .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
3.7 Tipica curva di Bragg che mostra come una particella pesante
perda buona parte della sua energia a …ne percorso . . . . . . . . 53
3.8 Rapporto tra particelle trasmesse e particelle incidenti in fun-
zione dello spessore dell’assorbitore, che illustra il signi…cato del
"percorso residuo" (range), la cui distribuzione è approssimati-
vamente gaussiana. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
3.9 Coe¢ ciente di assorbimento dei fotoni in piombo in funzione
dell’energia del fotone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
3.10 Struttura di principio di una camera a …li proporzionale. . . . . . 62
3.11 Tipica struttura di una camera a drift. . . . . . . . . . . . . . . . 63
3.12 Schema di un fotomoltiplicatore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
3.13 Formazione del fronte d’onda Cerenkov. . . . . . . . . . . . . . . 64

4.1 Sezione d’urto dello scattering di elettroni su 16 O e 12


C. . . . . 71
4.2 Scattering di elettroni su 208 P b. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
4.3 De…nizione dei vettori r e r0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
4.4 Distribuzioni radiali di carica di alcuni nuclei. . . . . . . . . . . . 76
4.5 Forma della distribuzione di carica nucleare. . . . . . . . . . . . . 76

xiii
xiv LIST OF FIGURES

4.6 Densità di nucleoni per tre diversi nuclidi, ottenuta a partire dalla
densità di carica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
4.7 Intensità dello scattering alfa-piombo a 60 gradi in funzione dell’energia
della particella alfa incidente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
4.8 Schema di principio di uno spettrometro di massa. . . . . . . . . 80
4.9 Carta di Segrè dei nuclidi stabili rispetto al decadimento . . . . 84
4.10 Intersezioni della valle di stabilità con piani ad A costante. . . . 85
4.11 Energia di legame media per nucleone in funzione del numero di
massa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
4.12 Contributi a B/A dei vari termini della formula semiempirica
delle masse. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91

5.1 Energia delle particelle emesse da diversi isotopi del radon. . . 96


5.2 Sezione d’urtodi cattura di neutroni da parte di diversi nuclei, in
funzione del numero di neutroni N. . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
5.3 Buca di potenziale ”quadrata” per i neutroni (a) e per i protoni
(b). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
5.4 Livelli di energia per la buca di profondità in…nita e per l’oscillatore
armonico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
5.5 Andamento del potenziale di Saxon-Woods, in funzione della dis-
tanza r dal centro del nucleo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
5.6 Livelli dell’oscillatore armonico (prima colonna), del potenziale
di Saxon-Woods e di quest’ultimo più interazione spin-orbita. . . 102
5.7 Schema dei livelli per 15 17
8 O7 e 8 O9 . Gli stati occupati sono indicati
con un punto pieno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
5.8 Momenti magnetici di nuclei con Z dispari (in alto) e con N dispari
(in basso), in funzione del momento angolare. Le linee continue
rappresentano i limiti di Schmidt. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
5.9 Il momento di quadrupolo elettrico è maggiore di zero per una
distribuzione di carica prolata (a), uguale a zero per una dis-
tribuzione sferica (b) e minore di zero per una distribuzione oblata
(c). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
5.10 Momenti di quadrupolo misurati (punti) di nuclidi con Z dispari
(alto) o N dispari (basso). Le curve rappresentano la previsione
jQj r2 del modello a shell. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115

6.1 Q-valore per decadimento , calcolato per l’isotopo più stabile di


alcuni elementi medio-pesanti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
6.2 Tempo di dimezzamento per decadimento di taluni nuclidi, in
funzione del Q-valore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
6.3 Q-valore del decadimento in funzione di A per sequenze di isotopi.122
6.4 Buca di potenziale per la particella , considerata ”preformata”
alla super…cie del nucleo …glio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
6.5 Fasi della …ssione secondo il modello a goccia. . . . . . . . . . . . 129

7.1 Spettro degli elettroni del decadimento del 64 Cu. . . . . . . . . . 132


7.2 Apparato sperimentale usato da Reines e Cowan per rivelare il
neutrino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
7.3 Disegno schematico di un evento prodotto da un antineutrino. . . 134
LIST OF FIGURES xv

7.4 Distribuzioni in momento ed in energia dell’elettrone di un decadi-


mento , calcolati assumendo Q = 2 M eV . . . . . . . . . . . . . 137
7.5 Spettri in momento e energia degli elettroni e dei positroni emessi
nel decadimento del 64 Cu. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
7.6 Andamento dello spettro beta in prossimità dell’end point nei due
casi m = 0 e m 6= 0. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
7.7 Risultati sperimentali relativi allo studio dello spettro del trizio
all’end point (K.-E. Bergkvist, Nucl. Phys. B39, 317 (1972), a
sinistra; V. A. Lubimov et al., Phys. Lett. B94, 266 (1980), a
destra). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144

8.1 Diagrammi dei momenti per lo scattering protone-nucleo. . . . . 147


8.2 Diagramma dei livelli dei due nuclei speculari 11 11
5 B e 6 C. Sono,
anche, riportate le enrgie di separazione per ambedue i nuclei
e di separazione di un protone per il 11
6 C. . . . . . . . . . . . . . 149
8.3 Diagramma degli stati neutronici e protonici del 115 B. . . . . . . . 149
8.4 B (r) e B ( r) per la radiazione di dipolo elettrico (a) e di dipolo
magnetico(b), rappresentati a un certo istante. . . . . . . . . . . 152

9.1 Sezione d’urto n + 16


8 O. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
9.2 Sezione d’urto totale n + 238 U . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
9.3 Sezione d’urto della reazione + 13 C ! n+ 16 O. . . . . . . . . . 166
9.4 Rappresentazione schematica del ruolo dell’energia di pairing nella
determinazione dei livelli di nucleo composto nel caso della cat-
tura di un neutrone termico da parte di 235 U (a) e di 238 U (b). . 167
9.5 Sezioni d’urto totale e di …ssione del 235 U (alto) e del 238 U (basso),
per energie del neutrone incidente comprese tra 0,01 eV e 10 MeV. 169
9.6 Spettro dei neutroni emessi nella …ssione di 235 U indotta da neu-
troni termici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
9.7 Distribuzione della massa dei frammenti della …ssione di 235 U
indotta da neutroni termici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
9.8 Rappresentazione schematica di un reattore ad acqua pressuriz-
zata (PWR). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
9.9 Rappresentazione schematica di un reattore veloce ra¤reddato a
sodio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
9.10 Rappresentazione schematica delle reazioni che compongono il
ciclo p-p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
9.11 Spettro energetico dei neutrini emessi dalle reazioni del ciclo p-p. 180
9.12 Densità di potenza che si sviluppa in un plasma D-T e un plasma
D-D in funzione della temperatura, avendo assunto una densità
del plasma di 1021 ioni=m3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183

10.1 Potenziale ”alla Van der Waals”della forza tra due nucleoni. Un
potenziale di questo tipo renderebbe conto della saturazione della
forza nucleare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
10.2 Sezione d’urto per la di¤usione elastica n-p, calcolata usando una
buca di potenziale rettangolare di raggio R ' 2f m e altezza
V0 = 35M eV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
10.3 Sezione d’urto neutrone-protone a bassa energia. . . . . . . . . . 193
10.4 Sfasamenti dello scattering np in funzione dell’energia. . . . . . . 198
xvi LIST OF FIGURES

10.5 Polarizzazione nello scattering pp. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199


10.6 Rappresentazione schematica dell’e¤etto polarizzante dell’interazione
spin-orbita. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199

11.1 Un elettrone ad energia negativa che si propaghi all’indietro nel


tempo è visto come un positrone ad energia positiva che si propaga
avanti nel tempo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
11.2 Scambio di un fotone nello scattering elettrone-muone. . . . . . . 217
11.3 Scambio di due fotoni nello scattering elettrone-muone. . . . . . 218
11.4 Annichilazione e+ e ! + . Il positrone entrante è rappresen-
tato con una linea di elettrone uscente (che si muove a ritroso nel
tempo). Analogamente l’antimuone uscente è rappresentato con
una linea di muone entrante (che si muove a ritroso nel tempo). . 219
11.5 Vertice fondamentale dell’interazione elettromagnetica di elet-
troni (e positroni). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
11.6 Alcuni processi elementari dell’interazione elettromagnetica degli
elettroni e dei positroni: a) l’elettrone assorbe il fotone, b) l’elettrone
emette il fotone, d) il positrone assorbe il fotone, e) il fotone crea
una coppia e e+ . Tutti sono rappresentati dallo stesso verice
fondamentale della …gura 11.5. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
11.7 Vertice fondamentale dell’interazione elettromagnetica dei muoni. 220
11.8 Di¤usione elettrone-protone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
11.9 Un elettrone emette e riassorbe un fotone. . . . . . . . . . . . . . 222
11.10Scambio di un fotone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
11.11Il fotone virtuale emesso dall’elettrone crea una coppia virtuale
e+ e , la quale successivamente annichila producendo ancora un
fotone che viene riassorbito dall’elettrone. . . . . . . . . . . . . . 222
11.12Un gra…co di ordine superiore per lo scattering elettrone-elettrone.223
11.13Il meccanismo di continua emissione ed assorbimento non soltanto
di fotoni ma anche di coppie e+ e fa sì che l’elettrone sia cir-
condato da una nuvola di coppie e+ e virtuali. . . . . . . . . . . 223
11.14L’attrazione esercitata sui positroni delle coppie virtuali fa sì che
essi tendano ad essere più vicini all’elettrone degli elettroni delle
rispettive coppie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
11.15La carica di prova sperimenta una carica dell’elettrone crescente
al crescere del momento trasferito. . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
11.16a) il fermionne uscente di¤erisce da quello entrante di una unità
di carica elettrica (corrente carica); b) il fermione uscente ha la
stessa carica elettrica di quello entrante (corrente neutra). . . . . 227
11.17Di¤usione +e ! + e . Il gra…co comprende i due
processi: a) il emette un W + e si trasforma in mentre
l’elettrone assorbe il W + e si trasforma in e ; b) e emette un
W e si trasforma in e mentre assorbe il W e si trasforma
in . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227

13.1 Prima foto in camera a nebbia che mosta una particella neutra
che decade in due particelle cariche. Ora sappiamo che si tratta
del decadimento di un mesone K in due pioni. (G. D. Rochester
e C. C. Butler, Nature 160 (1947) 855) . . . . . . . . . . . . . . 251
LIST OF FIGURES xvii

13.2 Fotogra…a in camera a bolle di un evento + p ! + K 0,


0 +
seguito dai decadimenti ! peK ! . (Da Hughes) . 252
13.3 Sezione d’urto totale pione-nucleone . . . . . . . . . . . . . . . . 254
13.4 Sezione d’urto di¤erenziale + p ! + p. Si vede che per T =
190M eV (picco della risonanza) si ha ( ) / 1 + 3 cos2 : . . . . 256
13.5 Sezione d’urto pione positivo-protone nella zona della prima riso-
nanza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
13.6 Distribuzioni del momento del neutrone (b,d,f) e della massa rel-
ativistica m (p + ) per il processo p + p ! n + p + + a una
energia nel CM di 3GeV nei casi: 1) solo spazio delle fasi (a,b),
2) solo formazione di ++ (c,d), 3) parte e parte spazio delle
fasi (e,f). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
13.7 Massa della coppia e+ e dalla reazione p + Be ! e+ + e + X
(J. J. Aubert et al.). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
13.8 Sezione d’urto e+ e in: a) adroni, b) + , c) e+ e (J. J. Au-
gustin et al.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
13.9 Nonetto dei mesoni pseudoscalari (a) e vettoriali (b). . . . . . . . 270
+
13.10b) Decupletto barionico 23 . a) Quark costituenti dei barioni del
+
decupletto 32 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
1+
13.11a) Ottetto barionico 2 .b) Quark costituenti dei barioni dell’ottetto
1+
2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
13.12Scattering di due quark mediato dallo scambio di un gluone: il
0 0
quark qB emette il gluone gB R trasformandosi nel quark qR ; il
quark qR assorbe il gluone gB R trasformandosi nel quark qB . . . 276
13.13a) Vertice fondamentale QED; b) emissione o assorbimento di un
gluone da parte di un quark; c) emissione o assorbimento di un
gluone da parte di un gluone; d) vertice a quattro gluoni. . . . . 277
13.14Linee di forza del campo elettrico agente tra un elettrone e un
positrone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
13.15Linee di forza del campo di colore agente tra un quark e un an-
tiquark. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
13.16Un quark può emetere e riassorbire un gluone in modo analogo a
quanto fa un elettrone con un fotone. . . . . . . . . . . . . . . . . 279
13.17Con un processo analogo a quello della …gura 11.11, relativa alla
QED, il gluone può formare una coppia qq che, poi, riannichila
in un gluone il quale è successivamente riassorbito. . . . . . . . . 279
13.18Un gluone emesso da un quark può anche creare una coppia di
gluoni, che riannichila in un gluone il quale è successivamente
riassorbito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
13.19Meccanismo di base per la produzione di due jet di adroni nell’annichilazione
e+ e : . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
13.20Distribuzione angolare (nel CM) dei due jet di adroni prodotti
nell’annichilazione e+ e ad alta energia; è l’angolo rispetto alla
direzione delle particelle collidenti. . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
13.21Rapporto R tra (e+ e ! adroni) e (e+ e ! + ). . . . . . 282
13.22e+ e ! + . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
13.23Annichilazione e+ e in tre jet: un quark di alta energia radia un
gluone prima di frammentare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
xviii LIST OF FIGURES

13.24Distribuzione angolare (come de…nita nel testo) del jet più en-
ergetico degli eventi a tre jet. La linea continua rappresenta la
distribuzione aspettata nel caso di gluoni di spin 1 e la linea trat-
teggiata quella corrispondente a gluoni di spin 0. . . . . . . . . . 284

14.1 Esempio di processo di corrente neutra. . . . . . . . . . . . . . . 289


14.2 Vertice fondamentale leptonico di corrente carica. . . . . . . . . . 290
14.3 Esempi di processi elementari deboli leptonici di corrente carica:
a) e emette un W + e si trasforma in e ; b) e assorbe un W
e si trasforma in e ; c) e emette un W e si trasforma in e+ ;
b) un W decade in una coppia e e . . . . . . . . . . . . . . . . 290
14.4 Il decadimento del muone è descritto dal gra…co di scambio di un
W (a meno di termini di ordine superiore). . . . . . . . . . . . . 291
14.5 Scattering +e ! + e all’ordine più basso. . . . . . . . 291
14.6 Vertice fondamentale qqW. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
14.7 Esempi di processi elementari qqw: a) il quark u assorbe un W
e si trasforma in d; b) il quark s emette un W e si trasforma in
u; c) il quark d assorbe un W + e si trasforma in u; d) i quark u e
d fondono in un W ; e) un W decade in una coppia di quark du.293
14.8 Le caratteristiche di un processo debole semileptonico sono spesso
interpretabili in termini di questo gra…co. . . . . . . . . . . . . . 293
14.9 Nel caso dei processi deboli adronici il W è emesso a un vertice
qqW e assorbito ad un altro vertice qqW . . . . . . . . . . . . . . 294
14.10Decadimento del neutrone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294
14.11Nel decadimento del i quark d e u "annichilano" in un W
che, poi, decade in e e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294
14.12Decadimento semileptonico di . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
14.13Decadimento della per trasformazione di un quark s in un quark
u. Il W emesso decade in una coppia q1 q2 di quark leggeri. . . . 295
14.14Vertice fondamentale dell’interazione debole di corrente carica dei
quark. I quark q1 e q2 sono uno dei doppietti ud0 , cs0 e tb0 . . . . . 296
14.15Il vertice ud0 W come somma dei vertici udW , usW e ubW . . . . 296
14.16Vertici leptonici di corrente neutra. . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
14.17Vertice adronico di corrente neutra: q è uno dei quark u, d, s, c,
b, t (o uno degli antiquark corrispondenti). . . . . . . . . . . . . . 298
14.18Il processo K + ! + (b), analogo al processo di corrente carica
K + ! 0 e+ e (a), non può avvenire attraverso lo scambio di una
Z 0 in quanto è un processo di corrente neutra con cambiamento
di sapore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
14.19Lo scambio di Z 0 nel "canale t" (b) e nel "canale s" (c) cura la di-
vergenza della produzione della copppia W + W nell’annichilazione
e+ e in un fotone virtuale (a). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
14.20Annichilazione elettrone-positrone in una coppia fermione-antifermione
attraverso lo scambio di un fotone (a) e lo scambio di Z 0 (b). . . 300
14.21Sezione d’urto totale e+ e ! adroni alle energie nel CM com-
prese tra 20 e 120 GeV . La curva tratteggiata rappresenta la
sezione d’urto che si avrebbe se il processo fosse puramente elet-
tromagnetico (mediato dal solo scambio del fotone). . . . . . . . 301
14.22Due esempi di processi di corrente neutra mediati da e da Z 0 . . 301
LIST OF FIGURES xix

14.23Una distribuzione angolare non simmetrica in J p è una chiara


evidenza della violazione della parità. . . . . . . . . . . . . . . . . 303
14.24Schema del decadimento del 60 Co: . . . . . . . . . . . . . . . . . 304
14.25Schema dell’apparato sperimentale usato da C. S. Wu et al. nello
studio del decadimento del 60 Co e risultato della misura. . . . . . 304
14.26Rappresentazione schematica del decadimento del 152 Eu e del
152
Sm , basata sulla conservazione della quantità di moto e del
momento angolare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
14.27Schema dell’apparato sperimentale usato da Goldhaber et al. per
la misura dell’elicità del neutrino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
14.28Diagramma a "box" per le oscillazioni K 0 $ K 0 . . . . . . . . . . 310
14.29Rigenerazione di un fascio di K1 da un fascio di K2 . . . . . . . . 312
14.30Variazioni, in funzione di t1 , delle intensità delle componenti K 0
e K 0 di un fascio inizialmente di K 0 . Le variazioni sono state
calcolate assumendo 1 m = 0; 5. . . . . . . . . . . . . . . . . . 314
14.31Schema dell’apparato sperimentale usato da Cronin e collabora-
tori per lo studio del decadimento K2 ! + . . . . . . . . . . . 315
14.32Distribuzione angolare della direzione del momento risultante
della coppia di particelle per tre diversi intervalli di massa in-
variante e per angoli tra la coppia e la direzione del K2 molto
piccoli (cos > 0; 9995). Il picco in avanti molto pronunciato,
che si osserva nell’intervallo di massa 494 504 M eV , a cavallo
della massa del K 0 , è dovuto al decadimento K2 ! + . . . . . 316

15.1 Canale di ricerca dell’Higgs a LEP. . . . . . . . . . . . . . . . . . 322


15.2 La fusione di gluoni è il meccanismo dominante per la possibile
produzione del bosone di Higgs al Tevatron o a LHC. . . . . . . . 323
15.3 Produzione di H 0 attraverso il meccanismo di fusione di bosoni
vettoriali (V W o Z). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
15.4 Produzione associata higgs-bosone vettoriale ("higgs-strahlung")
(V W o Z). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
15.5 Contributi al decadimento
p H0 ! . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
15.6 Andamento con Q delle2
ptre costanti di accoppiamento. Mentre
2 e 3 decrescono con Q2 , 1 cresce e questo sembrerebbe
farle convergerepad uno stesso valore ad una determinata scala di
massa (MX = Q2 ). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326
15.7 Possibili meccanismi di decadimento del protone. . . . . . . . . . 327
15.8 Evoluzione dell’inverso delle tre costanti di accoppiamento nel
modello standard fatta a partire dai valori per Q = MZ . . . . . . 329
15.9 Evoluzione dei reciproci delle tre costanti di accoppiamento nel
MSSM. Gli accoppiamenti si uni…cano a MX ' 1016 GeV (da
Kazakov). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330

A.1 Buca di potenziale. . . . . . . . . . . . . . . . q . . . . . . . . . . . 340


2
A.2 Soluzione gra…ca dell’equazione A.24 nel caso 2mV0 a2 =h/ = 7. 343
A.3 Prime tre autofunzioni n (x), rappresentate per autovalori cres-
centi dell’energia: E0 < E1 < E2 . n (x) ha n nodi interni alla
buca. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344
xx LIST OF FIGURES

A.4 Misuriamo l’energia dal fondo della buca (E), invece che dall’alto
(E), per estrapolare al caso della buca in…nita i risultati della
buca di potenziale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
A.5 Barriera di potenziale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346
A.6 Andamento qualitativo delle parti reale e immaginaria della fun-
zione d’onda nel caso della penetrazione della barriera. . . . . . . 348
A.7 Coordinate polari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
A.8 Precessione di l e s attorno a j, che precede intorno all’asse z. . . 355

C.1 I riferimenti K e K’hanno assi paralleli. Il riferimento K’trasla


rispetto a K con velocit̀à costante v, diretta parallelamente all’asse
x. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364
C.2 ”Cono di luce”in uno spazio bidimensionale (a) ed in uno spazio
tridimensionale (b). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368

E.1 Rappresentazione schematica dello scattering in termini di onda


incidente, onda trasmessa e onda di¤usa. . . . . . . . . . . . . . . 386
E.2 Nel caso di una buca di potenziale centrale di raggio r0 , l’addizione
del termine di potenziale centrifugo comporta, per il potenziale
e¤ettivo relativo alla l-esima onda parziale, l’esistenza di una bar-
riera di potenziale per r = r0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 391
E.3 Andamento risonante (Breit-Wigner) per la sezione d’urto nell’onda
parziale l-esima. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
Note di stesura

xxi
xxii PREFACE
Part I

Argomenti introduttivi.
Metodi e strumenti.

1
Chapter 1

Il nucleo atomico e la
radioattività

1.1 Il nucleo atomico: nozioni introduttive e ter-


minologia
Sappiamo che un atomo consiste di un nucleo con carica elettrica positiva e di
elettroni atomici ad esso legati dalla forza coulombiana. Il più semplice nucleo
è quello dell’atomo di idrogeno e consiste di un protone (p), una particella
che ha una carica elettrica (+e) opposta a quella dell’elettrone ( e) ed una
massa pari a circa 2000 volte la massa dell’elettrone. Tutti gli altri nuclei sono
sistemi legati, composti da una combinazione di Z protoni ed N neutroni. Il
neutrone (n) è elettricamente neutro ed ha una massa molto prossima a quella
del protone. Poiché l’atomo è neutro, il numero di protoni è esattamente uguale
al numero di elettroni. Z è dunque sia il numero di protoni che il numero di
elettroni dell’atomo considerato; esso si chiama numero atomico ed identi…ca
univocamente un elemento della tavola periodica. Così, per esempio, l’elemento
con Z=8 è l’ossigeno (O), quello con Z=26 è il ferro (F e), quello con Z=92
è l’uranio (U ). Poichè il protone e il neutrone hanno una massa tre ordini di
grandezza maggiore di quella dell’elettrone, la quasi totalità della massa atomica
è concentrata nel nucleo. La somma Z + N prende, con ovvio signi…cato, il
nome di numero di massa del nucleo considerato ed è indicata con A. Una
determinata specie nucleare o nuclide sarà indicata con la scrittura A Z XN (Es.:
56 238
26 F e ,
30 92 U146 ). Questa scrittura è chiaramente ridontante. Insieme al simbolo
chimico, che individua univocamente il numero atomico Z, basterebbe soltanto
il numero di massa A o quello di neutroni N . Due nuclidi con uguale Z e diverso
numero di massa si chiamano isotopi ; due con uguale N si dicono isotoni . In…ne,
due nuclidi con uguale numero di massa si dicono isobari .
Protoni e neutroni hanno ambedue, al pari dell’elettrone, momento ango-
lare intrinseco (spin) s = 21 e, pertanto, sono dei fermioni 1 . Essi, in quanto
1 Ricordiamo che lo spin è una caratteristica prettamente quantistica di una particella. Esso
è un momento angolare intrinseco e permanente che la particella possiede indipendentemente
dal suo stato di moto e dalle sue dimensioni (anche l’elettrone che, per quanto ne sappiamo,
possiamo considerare puntiforme, ha spin). Il simbolo s indica il numero quantico di spin (o,
semplicemente, spin); esso rappresenta, in unità ~, la massima componente del vettore spin

3
4 CHAPTER 1. IL NUCLEO ATOMICO E LA RADIOATTIVITÀ

costituenti del nucleo, sono anche detti nucleoni .


Per gli elementi esistenti in natura Z varia tra 1 (idrogeno) e 92 (uranio),
mentre A assume valori da 1 …no ad un massimo di 238. Con l’esclusione dei
nuclei più leggeri, il numero di neutroni è più grande del numero di protoni
(N Z cos t A5=3 ). Come vedremo in seguito, i protoni ed i neutroni di
un nucleo sono con…nati in un volume molto piccolo; infatti, se assimiliamo un
nucleo di massa medio-grande ad una sfera, questa ha un raggio di alcuni f m
(1f m = 10 15 m). Si vede così che le dimensioni nucleari sono circa 5 ordini
di grandezza più piccole di quelle atomiche, che sono dell’ordine degli angstrom
(1A• = 10 10 m).
Protoni e neutroni devono essere legati nel nucleo da una forza di tipo diverso
dalle due …nora incontrate, la forza gravitazionale e la forza elettromagnetica.
Considerando, infatti, che i protoni hanno carica positiva tra essi esiste una
forza elettrostatica repulsiva per cui, a¢ nché il nucleo possa esistere come sis-
tema legato, tra i nucleoni deve esistere un’altra forza attrattiva più intensa;
essa non può essere quella gravitazionale di gran lunga più debole di quella
elettrostatica (si veda l’esercizio 1); pertanto tra i nucleoni deve esercitarsi un
nuovo tipo di interazione che possiamo chiamare interazione forte nucleare o
forza forte nucleare. Tale forza, contrariamente alle due già note deve avere un
piccolo raggio d’azione, certamente più piccolo delle distanze atomiche in quanto
sappiamo che essa non svolge alcun ruolo a tali distanze. Vedremo in seguito
che tale raggio di azione è dell’ordine del f m; vedremo anche che la forza forte
nucleare tra due nucleoni è sostanzialmente indipendente dal fatto che si tratti
di due protoni, due neutroni o un protone e un neutrone e questo dà particolare
signi…cato al nome nucleone attribuito a entrambi.

1.2 Unità di misura ed ordini di grandezza


La …sica nucleare e subnucleare studia le proprietà della materia su una scala
di dimensioni lineari estremamente piccole; si va, infatti, dalle dimensioni dei
nuclei, che come abbiamo appena detto sono dell’ordine di 10 15 m …no alla più
piccola distanza …nora esplorata che è dell’ordine di 10 18 m. Su questa scala
il metro è una distanza enorme, per cui generalmente l’unità di lunghezza di
riferimento è il f ermi (o f emtometro): 1f ermi 1f m = 10 15 m.
Le masse delle particelle e dei nuclei, pur variando su diversi ordini di
grandezza, sono estremamente piccole rispetto all’unità di massa del sistema
internazionale di unità di misura, il kg. La massa dell’elettrone e quella del
protone valgono rispettivamente me = 9; 10 10 31 kg e mp = 1; 67 10 27 kg.
Anche le energie in gioco quando si studia un sistema nucleare o una reazione
nucleare o un processo che coinvolga particelle subnucleari, pur variando su
svariati ordini di grandezza, sono estremamente piccole rispetto al joule, unità
di energia del S.I. Così, per esempio: a) l’energia di legame2 media per nucleone
di un nucleo medio-pesante è dell’ordine di 10 12 J; b) la massima energia
cinetica impartita …nora ad un elettrone con un acceleratore è dell’ordine di
10 8 J e quella impartita ad un protone è 10 7 J. Risulta, allora, molto
conveniente (anche in relazione al modo in cui si impartisce energia cinetica a
s lungo un asse; s può assumere soltanto valori interi o seminteri (0, 1/2, 1, 3/2, ...). Le
particelle con spin intero si dicono bosoni e quelle con spin semintero si dicono f ermioni.
2 Si veda il paragrafo 4.2.3 per la de…nizione di energia di legame.
1.3. RADIOATTIVITÀ NATURALE 5

Particella Simbolo Carica elettr. Massa Spin


(M eV =c2 )
elettrone e e 0; 5109989 1=2
protone p +e 938; 2720 1=2
neutrone n 0 939; 5654 1=2
(e = 1; 602176531 10 19 C)
(1 M eV =c2 = 1; 782661811 10 30
kg)

Table 1.1: Carica elettrica, massa e spin dell’elettrone e dei nucleoni

particelle cariche) usare come unità di energia l’elettronvolt (eV ), che è l’energia
cinetica acquisita da un elettrone quando passi, nel vuoto, da un punto ad un
altro il cui potenziale elettrico sia superiore di 1 V a quello del precedente. Si
ha
1eV = 1; 602 10 19 J
Un eV è comunque una quantità piccola di energia su scala nucleare e subnu-
cleare, così molto più spesso si usano i suoi multipli
1keV = 103 eV
1M eV = 106 eV
1GeV = 109 eV
1T eV = 1012 eV
Il M eV (o, anche, il GeV ) diviso per c2 , quadrato della velocità della luce
nel vuoto, è usato come unità di misura della massa, mentre diviso per c è
usato come unità di misura dell’impulso. Così, per quanto riguarda la massa
dell’elettrone, del protone e del neutrone si ha me = 0; 51 M eV =c2 , mp =
938; 3 M eV =c2 , mn = 939; 6 M eV =c2 (v. tabella 1.1). Come si vede la massa
del neutrone è maggiore di quella del protone di 1; 3 M eV =c2 .

1.3 Radioattività naturale


Le proprietà …siche di un nucleo sono determinate dalla con…gurazione di nu-
cleoni che caratterizza il nucleo stesso. Il fatto che in natura esistano poco
più di 300 nuclidi, cioè un numero molto limitato di aggregati possibili di pro-
toni e neutroni, implica che le corrispondenti con…gurazioni di nucleoni abbiano
speci…ci caratteri di stabilità rispetto ad altre concepibili. D’altra parte non
tutti i nuclidi esistenti in natura sono stabili; infatti, circa 60 nuclidi naturali
si trasformano in altre specie nucleari più stabili o cambiando la loro carica
elettrica mantenendo costante il loro numero di massa (decadimento , cattura
elettronica) o cambiando sia la carica elettrica che il numero di massa (decadi-
mento ). Come sistemi quantistici composti da protoni e neutroni, la quasi
totalità dei nuclidi possiede stati eccitati; accade così che molto spesso, a se-
guito di un decadimento o , il nuclide …nale si trovi in uno stato eccitato (non
stabile) dal quale decade verso lo stato fondamentale liberandosi dell’energia in
eccesso per emissione di fotoni (decadimento ). I nuclidi non stabili si dicono
radioattivi e decadimento radioattivo è il nome del processo attraverso il quale
un nuclide si trasforma da una specie in un’altra o passa da uno stato eccitato
ad uno stato di energia minore.
6 CHAPTER 1. IL NUCLEO ATOMICO E LA RADIOATTIVITÀ

1.3.1 Legge del decadimento radioattivo


Consideriano un campione di materiale radioattivo costituito, al tempo t, da un
numero molto grande N (t) di nuclidi uguali; indichiamo con dN (t) il numero
di nuclei che decadono tra t e t + dt. Poiché la probabilità di decadimento di un
nucleo non dipende dall’età del nucleo, possiamo scrivere
dN (t)
dt
= = cost (1.1)
N (t)

La costante prende il nome di costante di decadimento del nuclide considerato.


Integrando la 1.1 si ottiene la legge del decadimento
t
N (t) = N0 e (1.2)

Essa dice che, dato un numero N0 di nuclidi iniziali (N0 = N (t = 0)), il numero
di nuclei che, al tempo t, non hanno ancora subito decadimento decresce con
legge esponenziale. Si de…nisce vita media del campione radioattivo la costante
data da R t=1
tdN (t) 1
= Rt=0t=1 =
t=0
dN (t)
Dopo un tempo t = il numero di nuclei non ancora decaduti è Ne0 . In …sica
nucleare si usa il cosiddetto tempo di dimezzamento, pari al tempo dopo il quale
il numero di nuclei non ancora decaduti è la metà di quelli iniziali

t 12 = lg 2 ' 0; 7

Se indichiamo con D (t) il numero di nuclei decaduti al tempo t


t
D (t) = N0 N (t) = N0 1 e

e con D (t) quelli che decadono nel piccolo intervallo di tempo t, la quantità

D (t) dD (t) t
A (t) = ' = N0 e
t dt
si de…nisce attività del campione radioattivo considerato. L’attività decade nel
tempo con la legge esponenziale
t
A (t) = A0 e

ove
N0
A0 = N0 =

è l’attività iniziale del campione. Nel sistema internazionale l’attività si misura


in bequerel
1decadimento
1 bequerel =
s
Talvolta è anche usata una unità tradizionale chiamata curie
decadimenti
1curie = 3; 7 1010
s
1.3. RADIOATTIVITÀ NATURALE 7

Signi…cato statistico della legge del decadimento


Prima di procedere ulteriormente è opportuno notare esplicitamente che il decadi-
mento radioattivo è un processo a carattere casuale. Pertanto, le relazioni prece-
dentemente scritte hanno un signi…cato probabilistico/statistico. Così, per es-
empio, la relazione 1.2 dice che, nel limite di N0 molto grande, la probabilità
s (t) che un determinato nucleo sia sopravvissuto al tempo t vale s (t) = e t e
N (t) rappresenta il valore di aspettazione del numero di nuclei sopravvissuti al
tempo t. Analogamente, 1 e t = d (t) rappresenta la probabilità che un deter-
minato nucleo decada entro il tempo t e D (t) = N0 N (t) rappresenta il valore
di aspettazione del numero di nuclidi decaduti al tempo t. E’, però, evidente
che il processo di decadimento è soggetto a ‡uttuazioni statistiche quando si
facciano misure ripetute su diversi campioni che contengano un uguale numero
iniziale N (0) degli stessi nuclidi. Così, per esempio, il conteggio del numero di
nuclidi decaduti al tempo t darà, in generale, risultati diversi. Il valore medio di
tali risultati tenderà a D (t) nel limite (di N (0) molto grande e) di un numero
molto grande di misure. Se diciamo il valore di aspettazione del numero di
nuclidi decaduti al tempo t, la probabilità che il numero e¤ettivamente osservato
sia n è data dalla distribuzione di Poisson
n
e
p (n; ) =
n!
Questa distribuzione ha valor medio e varianza . Essa, per non troppo
piccolo, è ben approssimata da una gaussiana con valor medio e deviazione
p
standard . Se non conoscessimo e facessimo
p una misura il cui risultato
fosse n, n rappresenterebbe la stima di e n l’errore sperimentale, stima della
deviazione standard.

Decadimento in canali diversi


Spesso accade che uno stesso nucleo possa decadere in due o più modi, dando
luogo a stati …nali diversi. Consideriamo, ad esempio, il caso in cui un determi-
nato nuclide possa decadere, secondo due canali di decadimento diversi a e b,
nei due nuclidi …nali A e B, rispettivamente con costanti di decadimento

dN (t)
dt
a
a =
N (t)

dN (t)
dt
b
b =
N (t)
Le costanti di decadimento a e b si dicono costanti di decadimento parziali .
Il tasso totale di decadimento, cioè il numero totale di decadimenti per unità di
tempo, è dato da

dN dN dN
= =N( a + b) =N t
dt dt a dt b

ove
t = a + b
8 CHAPTER 1. IL NUCLEO ATOMICO E LA RADIOATTIVITÀ

costituisce la costante di decadimento totale. Essa determina la legge di decadi-


mento per il nucleo considerato
tt
N (t) = N0 e
tt
A (t) = A0 e

È opportuno osservare esplicitamente che non si potrà in nessun modo osservare


un decadimento dell’attività con costante a o b . Queste costanti, infatti,
determinano soltanto la probabilità che il decadimento accada attraverso il modo
a o il modo b, rispettivamente. Una frazione at di nuclei decade secondo il modo
a ed una frazione bt secondo il modo b, cosicché

tt
N (t) = N0 e
a tt
DA = N0 1 e
t
b tt
DB = N0 1 e
t

ove DA e DB rappresentano il numero di decadimenti avvenuti rispettivamente


nei canali a e b dall’istante iniziale all’istante t.
Consideriamo, per esempio, il decadimento del bromo 80 (8035 Br). Esso può
decadere in 80 80
36 Kr e per cattura elettronica (decadimento ) in 34 Se con le
seguenti costanti di decadimento parziali
4 1
= 5; 99 10 s
5 1
= 5; 42 10 s

La costante di decadimento totale è, dunque,


4 1
t = + = 6; 53 10 s

mentre i rapporti (o frazioni) di decadimento sono ( i


t
)
80 80
35 Br 36 Kr 91; 70 %
80
! 80
35 Br ! 34 Se 8; 30 %

Decadimenti in cascata*
Spesso accade che si abbiano decadimenti in cascata: il nucleo B, che si forma
per decadimento radioattivo di un determinato nuclide A, è a sua volta instabile
e decade con una propria costante di decadimento nel nucleo C, il quale può
essere anch’esso instabile e decadere in D e così via.
Per semplicità limitiamoci a considerare il caso di due decadimenti della
cascata. Indichiamo con N1 (t) il numero di nuclei "genitori" presenti all’istante
t in un campione di materiale e con N2 (t) il numero di nuclei "…gli" presenti
allo stesso istante nel medesimo campione. Indichiamo, inoltre, con 1 e 2
le costanti di decadimento del "genitore" e del "…glio" rispettivamente. La
variazione, in un intervallo di tempo dt, del numero di nuclei …gli presenti nel
campione sarà data da

dN2 (t) = dN2d (t) + dN1 (t)


1.3. RADIOATTIVITÀ NATURALE 9

ove dN2d (t) rappresenta il numero di nuclidi …gli che sono decaduti tra t e t + dt
mentre dN1 (t) è il numero di quelli che si sono formati a causa del decadimento
dei nuclei della specie "genitore". Si ha

dN2 (t) = [ 2 N2(t) + 1 N1(t)] dt


1t
= 2 N2 (t) + 1 N1 (0) e dt
2t
Moltiplicando per e otteniamo
d 2t
N2 (t) e = 1 N1 (0) e( 2 1 )t
dt
e, integrando,
2t 1 N1 (0)
N2 (t) e = e( 2 1 )t
+ cost
2 1
Determiniamo la costante supponendo che il campione di materiale radioattivo
contenga al tempo t = 0 soltanto nuclei genitori e che il loro numero sia N0 .
Otteniamo
1
N2 (t) = N0 e 1 t e 2 t (1.3)
2 1
Poiché N2 (t) parte da zero a t = 0 e tende a zero per t ! 1, esisterà un istante,
t = tmax , in cui esso è massimo. Derivando la 1.3 rispetto a t e uguagliando a
zero otteniamo
ln 21
tmax =
1 2

E’ opportuno osservare che l’attività del campione dovuta al decadimento dei


nuclei …gli non è dN2 (t) =dt in quanto i nuclei di tipo …glio che decadono in
un intervallo di tempo dt non sono dN2 (t) ma sono dN2d (t) = 2 N2 (t) dt.
Dunque
2 1t 2t
A2 (t) = 2 N2 (t) = A0 e e
2 1
ove
A0 A1 (0) = 1 N1 (0)
Se la vita media del …glio è molto più lunga di quella del genitore ( 1 2 ), è ev-
idente che, dopo una fase iniziale in cui, partendo da zero, raggiunge il massimo
e poi comincia a decrescere, l’attività dei nuclei …gli decrescerà semplicemente
come
A2 (t) e 2 t
e il numero di nuclei …gli decresce in accordo alla legge esponenziale

1 2t
N2 (t) ' N0 e
1 2

Più interessante è il caso in cui la vita media del genitore è più lunga di quella
del nucleo …glio ( 1 2 ). Dopo un tempo su¢ cientemente lungo da rendere
trascurabile l’esponenziale e 2 t , si raggiunge una situazione di equilibrio (equi-
librio secolare ) nella quale il numero di nuclei genitori, N1 (t), e quello dei nuclei
…gli, N2 (t), decrescono ambedue con la stessa legge esponenziale (determinata
dalla costante 1 )
N1 (t) = N0 e 1 t
10 CHAPTER 1. IL NUCLEO ATOMICO E LA RADIOATTIVITÀ

Figure 1.1: Figura di prova da eliminare e rifare. U(t) è A1x2/A0, Th(t) è


A2x3/A0 e R(t) è A2/A1

1 1t
N2 (t) ' N0 e
2 1
e il rapporto delle due attività è costante
A2 (t) 2 N2(t) 2
= '
A1 (t) N
1 1 (t) 2 1

Un esempio di questo caso è o¤erto dalla catena di decadimento del 234


92 U
230 226
in 90 T h e di quest’ultimo in 88 Ra. Il primo decadimento avviene con una
vita media di 1 = 0; 354 106 anni ed il secondo con 2 = 0; 109 106 anni.
All’equilibrio il rapporto delle due attività è A2 (t) =A1 (t) = 1; 44.

1.3.2 Considerazioni quantomeccaniche


Lo stato stabile di un nucleo può essere descritto da una funzione d’onda (r; t)
del tipo
(r; t) = (r) e iE0 t=~ (1.4)
soluzione di un’appropriata equazione di Schroedinger. Nel caso in cui lo stato
non sia stabile la funzione d’onda deve essere scritta in modo da rendere conto
della dipendenza temporale introdotta dalla legge del decadimento radioattivo.
Poichè la probabilità di trovare il nucleo nello stato iniziale decade nel tempo
con la legge esponenziale 1.2, si deve avere
2 2 t
j (r; t)j = j (r; 0)j e
Questa espressione si può ottenere modi…cando la 1.4 come segue
iE0 t=~ t=2 i(E0 i =2)t=~
(r; t) = (r) e e = (r) e (1.5)
1.3. RADIOATTIVITÀ NATURALE 11

Figure 1.2: Distribuzione di probabilità dell’energia di uno stato non stabile che
decade con costante di tempo = =~.

ove abbiamo posto


=~ (1.6)
L’espressione 1.5 implica che l’energia di uno stato non stabile non sia esatta-
mente de…nita ma possa assumere valori diversi secondo una distribuzione di
ampiezza di probabilità A (E) che possiamo ottenere operando la trasformata
di Fourier della parte dipendente dal tempo della funzione d’onda 1.5. Si ha
Z +1
i(E0 i =2)t=~ iEt=~
A (E) = cost e e dt
tiniziale

ove la costante deve essere determinata normalizzando a uno la probabilità


totale. Misurando il tempo dall’istante in cui inizia l’osservazione dello stato
instabile, possiamo porre tiniziale = 0, per cui

~
A (E) = cost
i (E0 E) + 2

La probabilità di trovare un particolare valore E è data da

2 1
P (E) dE = jA (E)j dE / 2 2 dE
(E E0 ) + 2

La funzione P (E) (lorenziana) ha un andamento a "campana" simmetrica at-


torno al valor medio E0 (…gura 1.2),con una larghezza a metà altezza pari a
. Questo risultato è coerente con il principio di indeterminazione; infatti ad
una incertezza sulla vita dello stato data da t corrisponde una incertezza
sull’energia E tale che (vedi 1.6)

E t =~

ha le dimensioni di una energia e si chiama larghezza dello stato non stabile.


Quando lo stato non stabile può decadere in diversi canali c1 , c2 , c3 ,..., per cias-
cun canale si de…nisce una larghezza parziale ( 1 , 2 , 3 ,...), che è proporzionale
12 CHAPTER 1. IL NUCLEO ATOMICO E LA RADIOATTIVITÀ

alla percentuale di decadimenti nel canale relativo (rapporto di decadimento o


frazione di decadimento). Si ha

i = i~

La larghezza totale è data da


X
= i
i

così come X
= i
i

1.3.3 Tipi di decadimento


I nuclidi radioattivi naturali possono decadere verso specie o stati più stabili
per mezzo dei tre tipi di decadimento , e . Nei primi due casi il nuclide,
attraverso l’emissione della particella o della particella si trasforma in specie
nucleari diverse mentre nel terzo caso, partendo da uno stato eccitato, si porta
nello stato fondamentale o in uno stato più prossimo allo stato fondamentale,
emettendo l’energia in eccesso sotto forma di fotoni. Nel caso di nuclidi prodotti
arti…cialmente possono manifestarsi anche modi di decadimento diversi, in par-
ticolare emissione diretta di nucleoni o …ssione spontanea, di cui parleremo in
seguito.

Decadimento
Con questo processo un nuclide perde quattro unità di massa emettendo una
particella , cioè un nucleo di 4 He:
A A 4 0 4
Z XN ! Z 2 XN 2 + 2 He2

L’energia cinetica tipica della particella è di alcuni MeV. Un esempio di decadi-


mento è il seguente decadimento del radio in radon
226 222
88 Ra138 ! 86 Rn136 +

Il tempo di dimezzamento è di 1600 anni e l’energia della particella è di circa


4,87 MeV.

Decadimento
Con questo decadimento un nucleo trasforma un protone o un neutrone in ec-
cesso, rispettivamente, in un neutrone o un protone; il numero di massa rimane
invariato mentre cambia di una unità la carica elettrica. Il decadimento si
può manifestare in tre modi distinti del tipo:
A A 0
Z XN ! Z+1 XN 1 +e +
A A 0
Z XN ! Z 1 XN +1 + e+ +
A A 0
Z XN +e ! Z 1 XN +1 +
1.3. RADIOATTIVITÀ NATURALE 13

corrispondenti, a livello dei singoli nucleoni, ai processi

n!p+e + decadimento
p ! n + e+ + decadimento +
p+e !n+ cattura elettronica (o dec. )

Nei primi due casi, decadimento e decadimento + , viene emesso un elettrone


negativo o positivo, rispettivamente. Quest’ultimo si chiama positrone e, a parte
la carica elettrica opposta, ha caratteristiche identiche a quelle dell’elettrone.
Come vedremo in seguito costituisce l’antiparticella dell’elettrone. Nel terzo
caso, cattura elettronica, un protone del nucleo cattura un elettrone atomico e
si trasforma in neutrone. Questo processo, apparentemente molto diverso dai
primi due, ha in realtà la stessa natura dei primi (in particolare del decadimento
+
). Per altro, occorre osservare che ogni qual volta un nucleo può decadere
+
è anche presente l’alternativa della cattura elettronica; anzi, quest’ultima
risulta energeticamente favorita rispetto all’emissione di un positrone. In tutti
e tre i casi è coinvolta una particella chiamata neutrino. Si tratta di una parti-
cella neutra, di massa molto prossima a zero, che interagisce pochissimo con la
materia e, pertanto, non viene in generale rivelata quando si osservi sperimen-
talmente un decadimento beta. Nel seguito considereremo nulla la massa del
neutrino a meno che non sia esplicitamente detto diversamente. È opportuno
sottolineare che sia l’elettrone che il neutrino non sono preesistenti nel nucleo
ma vengono creati al momento del decadimento. Si deve anche osservare che,
mentre il decadimento può avvenire, e avviene, anche nel caso di un neu-
trone libero, il decadimento + non è possibile per un protone libero, in quanto
violerebbe il principio di conservazione dell’energia, essendo la massa del neu-
trone maggiore di quella del protone. Il protone è una particella stabile mentre
il neutrone libero decade in protone con una vita media di circa 15 minuti.
Nel decadimento l’energia dell’elettrone è, tipicamente, dell’ordine di 1
MeV o meno. Esempi di decadimento , + e sono:
59 59
26 F e 27 Co (t 12 = 44; 6 g)
!
+
11 11
6 C 5 B (t 12 = 20; 4 m)
54
! 54
25 Mn ! 24 Cr (t 12 = 312 g)

Decadimento
Consiste nell’emissione di un fotone in una transizione tra livelli energetici nu-
cleari e, pertanto, si veri…ca in tutti i nuclei che hanno stati legati eccitati
(A > 5). Usualmente segue un decadimento o , in quanto questi producono
molto spesso il nucleo …glio in uno stato eccitato. Le vite medie sono, in gen-
erale, molto brevi ( < 10 9 s) anche se esistono transizioni, dette transizioni
isomeriche, con vite medie molto più grandi (anche ore o giorni). Queste tran-
sizioni avvengono da stati eccitati che hanno vita media lunga, diciamo > 10 7
s anche se non esiste un criterio de…nito. Questi stati si chiamano stati isomerici
o isomeri o, anche, stati metastabili.3
Spesso accade che una determinata transizione tra livelli nucleari possa
avvenire anche per mezzo di un processo detto conversione interna, che si
3 Nelle tabelle di dati nucleari, questi stati vengono spesso indicati usando un apice m; per

esempio, 117m
49 In o 117 m
49 In .
14 CHAPTER 1. IL NUCLEO ATOMICO E LA RADIOATTIVITÀ

N ome della T ipo della N ucleo f inale Membro con t 12 maggiore


serie serie stabile N ucleo t 12
(anni)
208 232
T orio 4n 82 P b 90 T h 1; 41 1010
209 237
N ettunio 4n + 1 83 Bi 93 N p 2; 14 106
206 238
U ranio 4n + 2 82 P b 92 U 4; 47 109
207 235
Attinio 4n + 3 82 P b 92 U 7; 04 108

Table 1.2: Le quattro serie radioattive

presenta, perciò, in competizione con il decadimento gamma. In questo caso


l’eccesso di energia è trasferito ad un elettrone atomico che viene emesso, cioè il
decadimento avviene con l’emissione di un elettrone orbitale4 . Si badi che non
si tratta dell’emissione di un fotone che a sua volta estrae un elettrone; questo
è un processo in due passi successivi molto poco probabile mentre la conver-
sione interna è un processo diretto. Si vedrà in seguito, quando verrà trattato
il decadimento gamma, che talune transizioni possono avvenire esclusivamente
per conversione interna.

1.3.4 Serie radioattive


Secondo le moderne teorie cosmologiche, l’universo ha avuto origine, con il cosid-
detto Big Bang, circa 15 miliardi di anni orsono. La Terra, invece, ha avuto
origine 4; 5 109 anni fa per aggregazione di materiali ricchi di ferro, carbo-
nio, ossigeno, silicio e altri elementi medio-pesanti formatisi all’interno di stelle,
novae e supernovae, per fusione nucleare a partire da idrogeno ed elio. La mag-
gior parte degli elementi inizialmente prodotti erano radioattivi ed hanno, poi,
subito decadimenti verso forme stabili. Così gli elementi radioattivi originali
ancora presenti sulla Terra sono quelli che hanno una vita media confrontabile
o più grande dell’età della Terra. Essi sono responsabili della maggior parte
della radioattività ambientale e, probabilmente, del riscaldamento interno del
pianeta.
La maggior parte degli elementi radioattivi naturali a lunga vita media,
osservabili oggi, hanno origine da elementi molto pesanti, che non hanno isotopi
stabili. Essi decadono via e , facendo diminuire A e Z …no a che non venga
raggiunto un nucleo stabile. Poiché il decadimento cambia A di quattro unità
e quello non cambia A, si hanno quattro catene di decadimento indipendenti
con numero di massa 4n, 4n+1, 4n+2, 4n+3, con n intero. Tali catene tendono
a concentrare i nuclidi nel membro a vita media più lunga e, se tale vita media
è almeno dell’ordine dell’età della Terra, ne osserviamo l’attività ancora oggi.
Le quattro serie radioattive sono indicate nella tabella 1.2.
Le serie di elementi pesanti non sono l’unica sorgente di isotopi radioattivi
naturali che abbiano una vita media su¢ cientemente lunga da essere ancora
presenti nella materia terrestre. Ne esistono, infatti, altri ed alcuni di essi sono
riportati nella tabella 1.3.
4 Questo processo non deve essere confuso con il decadimento . In questo caso l’elettrone

è preesistente, inoltre, come si vedrà meglio in seguito, mentre la conversione interna è un


processo elettromagnetico, il decadimento beta è espressione di una forza diversa, la forza
debole.
1.4. QUESITI ED ESERCIZI 15

Isotopo t 12
(anni)
40
19 K 1; 3 109
87
37 Rb 4; 8 1010
113
48 Cd 9 1015
115
49 In 4; 4 1014
138
57 La 1; 3 1011
176
71 Lu 3; 6 1010
187
75 Re 5 1010

Table 1.3: Alcuni isotopi radioattivi naturali non compresi nelle serie radioattive

1.4 Quesiti ed esercizi


1.4.1 Quesiti
1. Si ricavi la legge del decadimento radioattivo.
2. Che cosa si intende per attività di una sorgente radioattiva? Come varia
nel tempo? Qual è la sua unità di misura?
3. Qual è il signi…cato della costante di decadimento parziale?
4. Quali sono i diversi tipi di decadimento e quali le loro principali caratter-
istiche?
5. Cosa sono le serie radioattive?

1.4.2 Esercizi
1. Approssimando il protone come una particella puntiforme, si calcoli il
rapporto tra la forza elettrostratica (repulsiva) e la forza gravitazionale
(attrattiva) che si esercitano tra due protoni posti alla distanza di 1f m.
2. Il 218
84 P o decade in 214
82 P b e in 218
83 At con rapporti di decadimento di
99; 98% e 0; 02% rispettivamente. Sapendo che il suo tempo di dimezza-
mento è di 3; 10 min, si calcolino le costanti di decadimento parziali e
.
3. Il 40
19 K è radioattivo con tempo di dimezzamento di 1; 277 109 y. Esso
40 40
decade in 20 Ca e per cattura elettronica in 18 Ar con rapporti di decadi-
mento di 89; 28% e 10; 72% rispettivamente. Supponendo di avere un cam-
pione di 40
19 K con attività di 106 Bq, si valuti la massa del campione.
210
4. Il 84 P o ha una massa atomica di 348; 6618 10 27 Kg e decade in
206
82 P b con un tempo di dimezzamento di 138; 376d. Supponendo di avere
210
inizialmente un campione di 0; 01g di P o, si calcoli la sua attività dopo
2 mesi.
5. Le sonde per i pianeti esterni usano il decadimento del plutonio per pro-
durre energia ( = 128 anni)
238 234
94 P u ! 92 U + + 5; 49M eV
16 CHAPTER 1. IL NUCLEO ATOMICO E LA RADIOATTIVITÀ

Quanto ce ne vuole per produrre un minimo di 1kw (calore) per 50 anni?


Chapter 2

Collisioni

2.1 Introduzione
I nuclei e le particelle subnucleari hanno dimensioni massime dell’ordine dei
fermi per cui non possono essere osservati nel senso letterale della parola. Tutte
le informazioni sperimentali relative alla loro struttura, alle loro proprietà e a
quelle delle forze che esercitano tra loro vengono ottenute dallo studio di:

1. stati legati, nei quali due o più particelle sono unite da campi di forza in
modo da formare sistemi composti dei quali si studiano le proprietà;
2. collisioni, nelle quali una particella (o un nucleo) ne urta un’altra risul-
tando, per esempio, de‡essa rispetto alla sua traiettoria iniziale o nelle
quali vengono prodotte altre particelle;
3. decadimenti, nei quali un sistema composto spontaneamente transisce da
uno stato a un altro o una particella spontaneamente disintegra producen-
done altre.

Le informazioni sperimentali sono utilizzate per cercare di comprendere le


leggi che regolano le interazioni tra le particelle stesse. In generale questo
processo, tutt’altro che semplice, procede attraverso la formulazione di modelli
teorici per i quali fanno da guida principi generali quali quelli della meccanica
quantistica, in quanto si tratta di sistemi microscopici, della relatività e principi
di simmetria che avremo modo di incontrare in seguito.
In questo capitolo ci interesseremo principalmente di collisioni. Infatti, l’urto
tra particelle è il metodo più diretto per studiare la struttura delle particelle
stesse e le forze che esse esercitano tra loro. Vedremo come classi…chiamo i vari
tipi di collisioni e introdurremo alcuni concetti indispensabili per lo studio dei
processi di urto. Appro…tteremo degli esempi che saranno trattati per introdurre
talune nuove particelle, quali pioni e muoni, delle quali avremo modo di parlare
più a lungo in seguito.
Dal punto di vista sperimentale un processo d’urto può essere realizzato
indirizzando un fascio di particelle proiettile su un bersaglio che contiene le par-
ticelle bersaglio (in generale i nuclei). Il fascio è opportunamente prodotto in
modo che tutte le particelle si muovano con buona approssimazione nella stessa
direzione e abbiano lo stesso impulso e, nel caso si tratti di un unico tipo di

17
18 CHAPTER 2. COLLISIONI

particelle, la stessa energia. Il bersaglio può avere natura diversa; può essere
solido, liquido o gassoso ed è opportunamente dimensionato. Tra le particelle
proiettile - indichiamole con a - e le particelle bersaglio - indichiamole con b -
possono avvenire vari tipi di processi (paragrafo 2.1.2), caratterizzati dalla pre-
senza dopo l’urto di particelle che, nel caso più semplice, sono quelle e soltanto
quelle dello stato iniziale (a + b ! a + b) o sono in parte o del tutto diverse da
quelle iniziali (a + b ! a + c; a + b ! c + d + e; :::). Un sistema di rivelatori
rivela le particelle o talune particelle dello stato …nale misurandone le variabili
dinamiche. Questa tipologia di esperimento è detta a bersaglio …sso. I fasci
di particelle usati sono di varia natura. Spesso si tratta di fasci di particelle
cariche ma si usano anche fasci di particelle neutre quali i neutroni. Le energie
dei fasci vanno da frazioni di eV nel caso dei cosiddetti neutroni freddi …no a
molte centinaia di GeV per i protoni. Fasci di particelle cariche stabili quali
elettroni, protoni, ioni sono generati da una sorgente e poi accelerati all’energia
voluta con macchine elettromagnetiche dette acceleratori di particelle (si veda
il capitolo 3) dai quali vengono estratti ed indirizzati sul bersaglio. Altri fasci
sono prodotti raccogliendo ed eventualmente selezionando particelle secondarie
prodotte dall’interazione primaria di un fascio, tipicamente di protoni, con un
bersaglio.
Esiste una seconda tipologia di esperimenti nei quali l’urto avviene tra
due fasci di particelle accelerate, che si muovono l’uno contro l’altro incro-
ciandosi in una zona d’interazione intorno alla quale sono disposti i rivelatori.
Questo tipo di esperimenti viene realizzato utilizzando i cosidetti anelli di col-
lisione (paragrafo 3.1.5). Sono stati costruiti anelli a fasci collidenti per real-
izzare urti elettrone-positrone, protone-antiprotone, elettrone-protone, protone-
protone. La macchina più recente è il Large Hadron Collider (LHC) del CERN
con la quale vengono prodotte collisioni tra due fasci di protoni dell’energia di
7 T eV ciascuno.

2.1.1 Conservazione dell’energia e dell’impulso


Agli urti ed in generale ai processi tra particelle, incluso il decadimento, si ap-
plicano speci…che leggi di conservazione. Il lettore è già familiare con le leggi
di conservazione dell’energia, dell’impulso, del momento angolare e della car-
ica elettrica; altre ne incontreremo in seguito e tutte saranno riprese e discusse
successivamente. Talune di queste leggi si applicano a tutti i processi indipen-
dentemente dal tipo di forza a cui essi sono dovuti; ne sono un esempio proprio le
leggi di conservazione precedentemente elencate. Altre non sono valide univer-
salmente ma si applicano solo a determinati tipi di interazioni; ne è un esempio
la legge di conservazione della parità, che, come vedremo in seguito, è violata
nei processi dovuti all’interazione debole.
Qui ci interessa so¤ermarci un momento sulla conservazione dell’energia e
dell’impulso: in un processo tra particelle, caratterizzato da uno stato iniziale i e
uno stato …nale f , l’energia totale e l’impulso totale iniziali sono rispettivamente
uguali all’energia totale e all’impulso totale …nali.
Così, per esempio, nel caso in cui una particella A decada in tre particelle
a, b, c
A!a+b+c
2.1. INTRODUZIONE 19

si ha

EA = Ea + E b + Ec
pA = pa + pb + pc

oppure, ancora per esempio, nel caso in cui l’urto tra due particelle A e B dia
luogo a n particelle …nali ai (i = 1; :::; n)
n
X
A+B ! ai
i=1

si ha
n
X
EA + E B = Ei
i=1
Xn
pA + pB = pi
i=1

Poichè i processi tra particelle cadono quasi sempre nel dominio della …sica rel-
ativistica, conservazione dell’energia e dell’impulso devono essere intesi in gen-
erale come conservazione dell’energia e dell’impulso relativistici1 . Ricordiamo
che, …ssato un certo sistema di riferimento (inerziale) e data una particella di
massa m che si muova con velocità v, energia e impulso relativistici sono de…niti
da

E = T + mc2 = mc2
p = mv

ove T =( 1) mc2 è l’energia cinetica e è data da


1
=p 2
1
essendo
jvj
=
c
E’facile veri…care che vale la relazione

E 2 = p2 c2 + m2 c4

che lega tra loro energia, impulso e massa della particella.

2.1.2 Tipi di urto


Quando avviene un urto tra particelle possono manifestarsi diversi tipi di processi.
Il più semplice è l’urto elastico, o di¤ usione elastica, cioè una collisione nella
quale le particelle nello stato …nale sono le stesse di quello iniziale: la loro massa
è rimasta invariata ed è cambiato soltanto il loro impulso. Urti elastici sono per
esempio:
n + 238 U ! n + 238 U (2.1)
1 Si veda l’appendice C per alcuni richiami di relatività ristretta.
20 CHAPTER 2. COLLISIONI

e +p !e +p (2.2)
Più in generale l’urto può essere anelastico (di¤ usione anelastica): le particelle
nello stato …nale sono diverse in numero e/o tipo da quelle iniziali. In questo
caso si parla anche, in generale, di reazione. Urti anelastici sono per esempio:
238 238
n+ U !n+ U (2.3)
0
e +p !e +p+ (2.4)
+ + 0
e +e ! + + (2.5)
Nel primo caso nello stato …nale troviamo ancora un neutrone ed un nucleo
di uranio 238, però quest’ultimo si trova in uno stato eccitato e non nello stato
fondamentale come era inizialmente: parte dell’energia cinetica iniziale è andata
in energia di eccitazione dell’uranio. Chiaramente, essendo instabile 238 U dopo
essere stato prodotto andrà incontro ad un processo di decadimento.
Nel secondo caso è stata creata una nuova particella, il pione neutro, di
massa m = 134; 98 M eV =c2 e di cui parleremo spesso in seguito. Nel terzo
caso elettrone e positrone hanno subito un processo di annichilazione2 ; al loro
posto troviamo tre nuove particelle: due pioni carichi (m = 139; 57 M eV =c2 ),
uno positivo e l’altro negativo, ed un pione neutro. In tutti e tre questi processi
si è manifestata un conversione energia-massa in accordo con la ben nota equiv-
alenza relativistica: E = mc2 . Tale conversione è ben evidente nei processi
2.4 e 2.5 mentre lo è, forse, meno per il processo 2.3; in realtà essa è avvenuta
anche in questo caso in quanto la massa di 238 U è maggiore di quella di 238 U
seppure di molto poco. In tutti e tre i processi la somma delle masse delle par-
ticelle nello stato …nale è maggiore di quella delle particelle nello stato iniziale;
questo implica che a¢ nchè il processo possa veri…carsi è necessario che l’energia
cinetica nello stato iniziale sia maggiore o uguale ad un valore minimo, che si
può determinare imponendo la conservazione dell’energia e del momento. Un
esempio di processo in cui, invece, la massa iniziale è maggiore di quella …nale è
+
p+p ! + (2.6)

ove p è l’antiparticella del protone (antiprotone), una particella che ha massa


uguale a quella del protone ma carica elettrica opposta. In questo caso protone
e antiprotone si annichilano creando una coppia + ; la massa in eccesso nello
stato iniziale va in energia cinetica dei due pioni; il processo può avvenire anche
se protone e antiprotone sono a riposo l’uno rispetto all’altro.

2.2 Sistemi di riferimento


Quando si studia l’urto tra particelle vengono comunemente usati due sistemi
di riferimento: il sistema del laboratorio (SL) e il sistema del centro di massa
(SCM). Il primo è de…nito come il sistema nel quale la particella bersaglio è a
riposo prima dell’urto mentre il secondo è de…nito come il sistema nel quale è
nullo il momento totale ( somma dei momenti della particella proiettile e della
particella bersaglio).
2 L’annichilazione è un processo che avviene tra una particella e la rispettiva antiparticella.
2.3. CONCETTO DI SEZIONE D’URTO 21

Figure 2.1: Un ‡usso F di particelle investe un bersaglio molto sottile di super-


…cie S e spessore dl. Il ‡usso di particelle uscenti che non hanno subito alcuna
interazione è F-dF.

Il sistema del centro di massa assume tale nome in quanto nella dinamica
classica esso coincide con il sistema di riferimento nel quale è a riposo il centro di
massa (baricentro) del proiettile e del bersaglio. Detta m la massa del proiettile,
M la massa del bersaglio e v la velocità del proiettile nel SL, il SCM si muove
dunque rispetto al SL con velocità
m
vCM = v (2.7)
m+M
Nella dinamica relativistica il concetto classico di baricentro perde signi…-
cato, rimane tuttavia la de…nizione di sistema del centro di massa come sistema
nel quale è nullo l’impulso relativistico totale. In questo caso si ha per la velocità
del SCM rispetto al SL una relazione analoga alla 2.7 con la sostituzione della
massa propria del proiettile con il prodotto m3 (si veda l’appendice C)
m
vCM = v (2.8)
m+M

2.3 Concetto di sezione d’urto


Consideriamo un fascio collimato e monoenergetico di particelle (di un medesimo
tipo) che urti un bersaglio, che possiamo supporre, per …ssare le idee, costituito
da una lastra rettangolare di spessore dl e super…cie S.Con riferimento alla
…gura 2.1, sia F il ‡usso di particelle incidenti, ovvero il numero di particelle
incidenti per unità di tempo e per unità di super…cie del bersaglio; supponendo
che il fascio incidente abbia una densità f costante anche F è costante ed è
dato da
F = fv
3 Il prodotto m è spesso chiamato massa relativistica. Per evitare confusione preferiamo

non usare questo termine. La massa è una sola ed è l’invariante relativistico m.


22 CHAPTER 2. COLLISIONI

ove v è la velocità delle particelle incidenti. Supponiamo che una parte delle par-
ticelle incidenti interagisca con costituenti (per esempio i nuclei) del bersaglio,
che fungono da ”centri di¤usori”, causando una diminuizione dF del ‡usso a
valle del bersaglio. Il numero di particelle che interagiscono nell’unità di tempo
è SdF e risulta proporzionale al ‡usso incidente e al numero dN di centri dif-
fusori contenuti nel bersaglio:

SdF = F dN = F nSdl (2.9)

avendo indicato con n la densità di centri di¤usori (centri per unità di volume).
In altre parole, la diminuzione di ‡usso è proporzionale al ‡usso incidente F ed
al numero di centri di¤usori per unità di super…cie (ndl)

dF = F ndl (2.10)

La costante di proporzionalità , che ha le dimensioni di una super…cie, si chiama


sezione d’urto totale del particolare processo …sico (tra particelle incidenti e
bersaglio), che causa la diminuzione del ‡usso. La ragione del nome ”sezione
d’urto” sta nel fatto che, se pensiamo di associare ad ogni centro di¤usore un
disco di area , il numero delle particelle che interagiscono è pari al numero
di quelle le cui linee di volo incontrano tali dischi. Così, ndl rappresenta la
frazione di area del bersaglio e¤ettivamente utile ai …ni dell’interazione, donde

dF = F ( ndl)

Nel caso di interazioni nucleari l’unità di misura di , normalmente utilizzata,


è il barn
1 barn = 10 24 cm2
La sezione d’urto dipende, normalmente, non soltanto dal processo considerato
e dal tipo di particelle coinvolte nel processo …sico, ma anche dalle condizioni
dinamiche iniziali (per esempio, dalla velocità delle particelle incidenti). Nel
caso di un bersaglio omogeneo di spessore …nito l, se si può assumere che sia
indipendente da l (per esempio, nel caso = (v), che l sia comunque su¢ -
cientemente piccolo da poter trascurare la variazione di velocità delle particelle
incidenti man mano che penetrano nel bersaglio), la relazione 2.10 può essere
integrata facilmente ottenendo
n l l
F (l) = F (0) e = F (0) e

In questo caso, l’intensità decresce esponenzialmente con l. La grandezza = n


si chiama coe¢ ciente di assorbimento ed ha le dimensioni del reciproco di una
lunghezza. Il rapporto
F (l) l
=e l=e
F (0)
fornisce la probabilità che una determinata particella non subisca interazione nel
percorso l. La sezione d’urto è, dunque, direttamente legata alla probabilità che
una particella subisca una interazione nell’attraversare il bersaglio: più grande
è e più grande è tale probabilità. La quantità
1 1
= =
n
2.3. CONCETTO DI SEZIONE D’URTO 23

si chiama lunghezza di interazione. Come per altri processi con andamento


esponenziale, rappresenta il libero cammino medio. Dopo uno spessore l = ,
l’intensità si riduce a F (0) g
e . Spesso si usa misurare gli spessori in cm2 (invece
che in cm), cioè x = l con densità del bersaglio. In questo caso
0
x
F (x) = F (0) e
ove
0
=

In base alla 2.9 e con riferimento ad una misura sperimentale con la quale venga
contato il numero R di collisioni nell’unità di tempo, possiamo de…nire la sezione
d’urto come segue
R 1
=
F no centri dif f usori
ovvero
no collisioni=unita di tempo 1
=
no part:inc:= (unita di sup: unita di tempo) no centri dif f usori
Il numero R è chiamato tasso di collisioni. Detta F la diminuzione del ‡usso
si ha R = F S e, quindi,
F S 1
=
F n S l
La sezione d’urto totale non è l’unica disponibile, ma si può andare a de…nizioni
più speci…che, selezionando nell’ambito di uno stesso processo (dal punto di vista
del proiettile e del bersaglio) eventi con caratteristiche dinamiche de…nite. Per
esempio, possiamo distinguere tra collisioni elastiche e collisioni anelastiche. Si
parlerà in questo caso di sezione d’urto elastica el e di sezione d’urto anelastica
an

dFel = F el ndl
dFan = F an ndl
dF = dFel + dFan = F ( el + an ) ndl

quindi
= el + an

Possiamo anche considerare, per esempio nel caso dell’urto elastico, in quale
direzione le particelle sono di¤use e de…nire una sezione d’urto di¤ erenziale
di di¤usione elastica nella direzione ( ; ), considerando le particelle di¤use
nell’angolo in…nitesimale d nella direzione ( ; )
d ( ; )
SdFdif f: in d in dir: ( ; ) = F nSdld
d
d no part: dif f: in d =unita di tempo 1
d =
d F no centri dif f usori
La sezione d’urto d =d sarà misurata in barn/sterad. Ovviamente, nota la
sezione d’urto di¤erenziale d =d , la sezione d’urto totale di di¤usione elastica
si ottiene integrando su tutto l’angolo solido
Z
d
= d
4 d
24 CHAPTER 2. COLLISIONI

Finora abbiamo ragionato riferendoci ad un esperimento a bersaglio …sso


ed, implicitamente, al sistema del laboratorio. E’utile, per completezza, richia-
mare la de…nizione di sezione d’urto per adattarla all’urto tra particelle in un
qualunque sistema di riferimento.
Immaginando un solo centro di¤usore …sso ed un fascio, di densità 1 , di
particelle incidenti con velocità v1 , per la de…nizione di sezione d’urto, il tasso
di collisioni è dato da
no collisioni
R= = F = 1 v1 (2.11)
unita di tempo
Il prodotto 1 v1 rappresenta il numero di particelle presenti in un cilindro di
base unitaria e altezza pari a v1 , la velocità delle particelle relativa al bersaglio,
che chiamiamo volume di interazione. Se il bersaglio va incontro ai proiettili
con velocità v2 , antiparallela a v1 , la velocità relativa proiettili-berasaglio è
vrel = v1 + v2 e la 2.11 diventa

R= 1 vrel = 1 (v1 + v2 ) (2.12)

essendo, questa volta, il volume di interazione dato da 1 vrel = 1 (v1 + v2 ).


Nel caso in cui anche il bersaglio sia costituito da un fascio di particelle, aventi
tutte velocità v2 antiparallela a v1 , bisogna tener conto del fatto che nell’unità
di volume di interazione ci sono 2 particelle bersaglio, per cui la 2.12 si modi…ca
in modo ovvio nella
no collisioni
R= = 1 2 vrel = 1 2 (v1 + v2 )
unita di tempo unita di vol: di int:
(2.13)
che fornisce il numero di collisioni (eventi ) nell’unità di tempo e nell’unità di
volume di interazione. Risolvendo in le 2.12 e 2.13 otteniamo la de…nizione di
sezione d’urto nei due rispettivi casi (che si riferiscono a proiettile e bersaglio
ambedue in moto).

2.4 Urti elastici: di¤usione -nucleo


Un processo elastico che ha avuto storicamente un ruolo importantissimo nello
sviluppo della …sica atomica e nucleare è la di¤usione elastica di particelle su
nucleo. La sezione d’urto di questo processo fu calcolata per la prima volta da
Rutherford. Nel seguito faremo innanzitutto il calcolo classico di tale sezione
d’urto. Vedremo, poi, nel prossimo capitolo come possa essere trattato l’urto
elastico in meccanica quantistica non relativistica, richiamando degli elementi
di teoria quantistica della di¤usione da potenziale.
Consideriamo una particella di massa m, carica ze e velocità v0 , che si
avvicini (dall’in…nito) ad un nucleo di massa M e carica Ze lungo una linea
di volo che passi ad una distanza b (parametro d’urto) dal nucleo stesso (…gura
2.2). Tra il nucleo e la particella, che consideriamo entrambi puntiformi, si es-
ercita la forza di Coulomb. Assumiamo che la massa del nucleo sia molto più
grande (al limite in…nita) di quella della particella, in modo da poter considerare
il nucleo …sso. La particella segue una traiettoria piana il cui piano è individuato
dalla sua velocià iniziale v0 e dal nucleo stesso, che scegliamo come origine del
sistema di coordinate (x; y) nel piano della traiettoria (asse x==v0 ). Al tempo
2.4. URTI ELASTICI: DIFFUSIONE -NUCLEO 25

Figure 2.2: Scattering di una particella positiva da un nucleo puntiforme.

t = 1 la particella ha impulso pi = mv0 (mv0 ; 0), mentre al tempo t = +1


essa sarà stata de‡essa di un angolo e il suo impulso (dal modulo invariante)
sarà
pf = mvf (mv0 cos ; mv0 sin )
La componente pfy = mv0 sin nasce dalla azione esercitata, tra t = 1 e
t = +1, dalla forza trasversa Fy (ortogonale a v0 )
y
dpy = Fy dt = F dt = F sin dt
r
ove
1 zZe2
F =
4 0 r2
Per integrazione abbiamo
Z +1
mv0 sin = F sin dt
1

Trattandosi di una forza centrale, il momento angolare è una costante del moto,
per cui
d
mr2 = mv0 b
dt
da cui
r2
dt = d
v0 b
(il segno meno nasce dal fatto che diminuisce lungo la traiettoria: = per
t = 1 e = per t = +1). Dunque,
Z
zZe2 zZe2
mv0 sin = sin d = (1 + cos )
4 0 v0 b 4 0 v0 b
26 CHAPTER 2. COLLISIONI

Da qui ricaviamo
zZe2
tan =
2 4 0 mv02 b
ovvero
zZe2
b( ) = cot
4 0 mv02 2
che possiamo anche scrivere come

b ( ) = R cot (2.14)
2
ove R è il raggio di collisione, ovvero la metà della distanza di massimo avvici-
namento della particella al nucleo in caso di urto centrale, cioè con b = 0. Ora,
le particelle de‡esse in un angolo solido compreso tra e + d e 0 2 ,
sono tutte e solo quelle che incidono con parametro d’urto compreso tra b e
b + db, per cui 2 bdb rappresenta proprio la sezione d’urto per lo scattering tra
e + d . Perciò
d 2 bdb b db
= =
d 2 sin d sin d
Allora, tenendo conto della 2.14,

d R2 cot 2 1 R2
= =
d sin 2 2 2 sin2 2 4 sin4 2

ovvero, esplicitando R,
2
d zZe2 1
= (2.15)
d 8 0 mv02 sin4 2

Possiamo, ora, rilasciare l’ipotesi di nucleo di massa in…nita. In questo caso,


pur con M m, il nucleo assorbe oltre all’impulso q = pi pf , ad esso
trasferito dalla particella, una quantità di energia diversa da zero e rincula. Si
può dimostrare che la sezione d’urto di Rutherford mantiene esattamente la
stessa forma, però con l’angolo che rappresenta, in questo caso, l’angolo di
de‡essione nel sistema del centro di massa delle due particelle e con la massa m
della particella incidente che viene sostituita dalla massa ridotta

mM
=
m+M

2.5 Urti anelastici


Vogliamo, ora, discutere speci…camente alcuni processi anelastici. Questo ci
darà la possibilità di introdurre alcune nozioni ed alcuni concetti che, per lo
più, saranno ripresi e sviluppati ulteriormente in seguito.

2.5.1 Reazioni nucleari. Nuclidi arti…ciali


Sappiamo che i nuclei sono aggregati di protoni e neutroni con dimensioni
dell’ordine dei fermi. Il fatto che i nuclei esistano nonostante la presenza della
2.5. URTI ANELASTICI 27

forza coulombiana repulsiva dei protoni che tenderebbe a disgregarli, ci fa pen-


sare che debba esistere una forza attrattiva, diversa da quella elettromagnetica,
che tiene uniti i nucleoni nel nucleo. Tale forza deve essere verosimilmente più
intensa di quella elettromagnetica e, poichè non se ne osservano e¤etti già su
scala atomica, deve avere un raggio di azione limitato. Chiameremo questa forza
forza forte nucleare; vedremo che e¤ettivamente il suo raggio di azione è piccolo
essendo limitato ad una distanza dell’ordine del fermi.
Una reazione nucleare avviene quando due nuclei o un nucleone ed un nucleo
si avvicinano a su¢ cienza in modo da interagire tramite la forza nucleare forte.
Lo studio delle reazioni è uno dei mezzi per capire le proprietà dei nuclei e della
forza nucleare. Inviando nuclei proiettili, preventivamente accelerati, su nuclei
bersaglio si può realizzare un’ampia varietà di reazioni nucleari, che hanno per-
messo, tra l’altro, di produrre un quantità notevole di nuclidi diversi da quelli
cosiddetti naturali, cioè non presenti in natura (nuclidi arti…ciali). Tali nuclidi
non sono stabili e presentano vite medie che possono variare tra valori estrema-
mente brevi, per esempio, secondi o anche meno, …no a valori dell’ordine delle
decine o centinaia di migliaia di anni. Sono diverse migliaia le specie nucleari
così create. Per esempio, bombardando un bersaglio di 20 N e con deutoni aventi
energia cinetica dell’ordine di 5 MeV si può produrre 18 F secondo la reazione
20 18
d+ 10 N e ! + 9 F

Questa reazione viene anche indicata simbolicamente come 20 N e (d; ) 18 F . Il


18
F è un nuclide instabile, con un tempo di dimezzamento di 110 min, che decade
+
. Bombardando 12 C con deutoni della stessa energia si può produrre, per
+
mezzo della reazione 12 13
6 C (d; n) 7 N , azoto 13 che è anch’esso un emettitore
ed ha un tempo di dimezzamento di 10 min. Ambedue questi nuclidi arti…ciali
sono usati per scopi medicali, in particolare nella diagnostica per immagini
basata sulla cosiddetta P ET ("positron emission tomography")4 . Per mezzo di
reazioni nucleari si possono sintetizzare nuclei di elementi con numero atomico
maggiore di quello dell’uranio (92) non presenti in natura. Sono stati sintetizzati
nuclei di elementi ultrapesanti con Z …no a 118. Per esempio, bombardando un
bersaglio di 243 Am con nuclidi proiettili di 48 Ca accelerati a 248 MeV, è stato
prodotto il nuclide 291 (115) per mezzo della reazione di fusione del proiettile e
del bersaglio
48 243 291
20 Ca + 95 Am ! (115)

2.5.2 Produzione di pioni e muoni


Consideriamo il processo
+
p+p !p+n+ (2.16)
realizzato inviando un fascio di protoni, preventivamente accelerati, su un bersaglio
fermo nel sistema del laboratorio. Con questo processo uno dei due protoni in-
iziali si trasforma in neutrone e contemporaneamente viene creata la particella
+
, il pione positivo, da noi già incontrato in precedenza insieme ai suoi com-
pagni di carica elettrica negativa e neutra, il ed il 0 . I pioni sono bosoni di
spin zero la cui esistenza fu ipotizzata da H. Yukawa nel 1935 quali mediatori
4 Per una brevissima descrizione si può vedere: J. Lilley, "Nuclear Physics - Priciples and

applications", Wiley 2001.


28 CHAPTER 2. COLLISIONI

della forza forte che si esercita tra nucleoni. Essi, come i protoni ed i neutroni,
sono capaci di avere interazioni forti e, pertanto, fanno parte di una classe di
particelle che si chiamano adroni e di cui parleremo in seguito.
A¢ nché il processo 2.16 possa aver luogo i protoni incidenti devono avere
una energia cinetica T superiore ad un valore minimo Ts , detto energia di soglia,
dato da (esercizio 5)
m 2
Ts = m (2 + )c (2.17)
2m
ove m è la massa del pione e m è la massa del nucleone (assumiamo uguali le
masse del protone e del neutrone). Sostituendo m ' 940 M eV =c2 e m ' 140
M eV =c2 , otteniamo Ts ' 285 M eV .
Con processi analoghi al 2.16 possono essere prodotti e 0.

p+n !p+p+
0
p+p !p+p+
I pioni sono particelle instabili. La vita media dei pioni carichi è pari a
2; 6 10 8 s; essi decadono quasi completamente attraverso il processo

! +

con il quale vengono prodotte due nuove particelle: un muone (positivo e neg-
ativo) e un neutrino, che (normalmente) sfugge all’osservazione, in quanto ha
una bassissima probabilità di interazione con la materia. Il primo ha massa pari
a 105; 6 M eV =c2 mentre il secondo ha massa nulla (o, comunque, molto piccola
per cui nel seguito sarà normalmente assunta nulla). Infatti, nel decadimento
a riposo del il ha una energia cinetica …ssa T = 4; 1 M eV (esercizio 13)
compatibile com m = 0 e che dimostra che si tratta di un decadimento in due
corpi. II neutrino è una particella analoga a quella emessa nel decadimento
ma, come vedremo in seguito, non è la stessa5 .
Muone e neutrino, come l’elettrone, non sono capaci di avere interazioni forti
e appartengono ad una classe di particelle che si chiamano leptoni.
Altri canali di decadimento dei pioni carichi sono:

!e+ e b.r. 1; 22 10 4
! + + b.r. 1; 24 10 4
!e+ e+ b.r. 5; 6 10 8
! 0+e+ e b.r. 1; 0 10 8

Anche il muone è una particella instabile; decade con vita media = 2; 2


10 6
s in un elettrone (positrone) e due neutrini, i quali non sono osservati6 :

!e + +

Lo spettro continuo dell’elettrone di decadimento dimostra l’esistenza nello stato


…nale di più di due particelle.
5 Più
precisamente, come vedremo in seguito, + ! + + e ! + . I neu-
trini prodotti si dicono muonici per distinguerli da quelli del decadimento beta che si dicono
elettronici.
6 Come vedremo in seguito, i due neutrini sono uno elettronico e l’altro muonico; più pre-

cisamente, + ! e+ + e + e !e + e+ .
2.6. DESCRIZIONE QUANTISTICA DELL’URTO TRA PARTICELLE 29

Particella Massa Vita media


M eV =c2 (s)
139; 5700 0; 0004 (2; 6033 0; 0005) 10 8
0
134; 9764 0; 0006 (8; 4 0; 6) 10 17
105; 65839 0; 00004 (2; 19703 0; 00004) 106

Table 2.1: Massa e vita media di pioni e muoni.

I decadimenti dei pioni carichi e dei muoni sono dovuti a interazioni de-
boli, allo stesso tipo, cioè, delle interazioni responsabili del decadimento beta
nucleare.
Il più probabile decadimento del pione neutro, consistente con le leggi di
conservazione, è 0 ! . Esso è un decadimento di tipo elettromagnetico ed
avviene con una vita media 0 10 16 s.
Massa e vita media di pioni e muoni sono state ripetutamente misurate. I
loro valori attuali sono riportati nella tabella 2.1.

2.6 Descrizione quantistica dell’urto tra parti-


celle
I processi d’urto di interesse della …sica nucleare e subnucleare avvengono tra
particelle le cui dimensioni massime sono dell’ordine del fermi o di pochi fermi. A
tale scala dimensionale assume notevole importanza il comportamento ondulato-
rio della materia, pertanto per detti processi è necessaria una trattazione di tipo
quantistico. Una trattazione approfondita della teoria quantistica dell’urto è al
di là dello scopo di questo corso, pertanto nel seguito ci limitiamo ad introdurre
alcuni concetti utili per il calcolo di sezioni d’urto e costanti di decadimento
all’ordine più basso dello sviluppo perturbativo.
Abbiamo visto che in un tipico esperimento di di¤usione, un fascio collimato
di particelle di energia ben de…nita incide su un bersaglio e le particelle emer-
genti dalla collisione sono rivelate (tutte o in parte) per mezzo di opportuni
rivelatori. In genere si può assumere che la densità delle particelle nel fascio
incidente sia su¢ cientemente bassa da rendere trascurabile le interazioni delle
particelle del fascio tra loro stesse. Inoltre, si può assumere che il bersaglio sia
su¢ cientemente sottile da poter trascurare le eventuali collisioni multiple di una
particella proiettile con diversi centri di¤usori del bersaglio; questo permette di
trattare il processo di collisione come se fosse coinvolto un proiettile ed una
sola particella bersaglio. Per calcolare la sezione d’urto, che in precedenza ab-
biamo de…nito in termini statistici, possiamo usare la sua de…nizione in termini
probabilistici scrivendo
dPtr
d = (2.18)
Jin
dPtr è la probabilità di transizione per unità di tempo dallo stato iniziale allo
stato …nale del processo di collisione, ovverossia il tasso di reazione per par-
ticella bersaglio e per particella incidente; Jin è il ‡usso nel senso probabilis-
tico ovverossia la probabilità di incidenza per unità di super…cie e per unità
30 CHAPTER 2. COLLISIONI

di tempo7 . Abbiamo scritto d e non per indicare che in prima istanza lo


stato …nale del processo è rappresentato dalle particelle …nali in determinate
condizioni dinamiche; per ottenere la sezione d’urto totale si dovrà, quindi,
integrare sulle variabili dinamiche dalle quali dipende dPtr .
In generale nei casi di nostro interesse il raggio d’azione (range) della forza
agente tra proiettile e bersaglio è molto piccolo rispetto alla distanza tra il
bersaglio e la sorgente delle particelle incidenti e tra il bersaglio ed i contatori
delle particelle di¤use; possiamo, perciò, trattare le particelle prima e dopo l’urto
come libere. Il processo di collisione dà quindi luogo ad una transizione tra uno
stato iniziale i di particelle libere (il bersaglio e il proiettile), che possiamo
indicare con il simbolo di Dirac jii, e uno stato …nale jf i costituito ancora
da particelle libere (le particelle …nali). Il tasso di reazione dipenderà dalle
caratteristiche della forza che dà luogo all’interazione che agisce per un tempo
limitato e può essere descritta per mezzo di un operatore hamiltoniano Hint .
Tale operatore può essere considerato come una perturbazione che si aggiunge
all’operatore H0 che descrive particelle libere. La teoria delle perturbazioni ci
dice che l’ampiezza di probabilità al primo ordine per la transizione i ! f è
data dall’elemento di matrice
Z
Mf i = hf jHint j ii = f Hint i d

ove l’integrale è esteso a tutto il volume. D’altra parte, quando si misura una
sezione d’urto, la transizione provocata dalla collisione non è mai tra uno stato
iniziale ed uno …nale esattamente de…niti ma piuttosto tra uno stato iniziale,
che possiamo considerare esattamente de…nito, ed un gruppo di stati …nali ap-
partenente ad un continuo di stati. Consideriamo per esempio la sezione d’urto
di¤erenziale d =d per la di¤usione elastica di particelle alfa di momento pi ed
energia Ei da parte di un nucleo, che supponiamo fermo prima e dopo l’urto
così come abbiamo fatto in precedenza; la transizione in esame sarà quella della
particella alfa dallo stato iniziale di particella libera di momento pi ed energia
Ei al gruppo di stati …nali di particella libera con energia Ef = Ei e momento
compreso tra pf e pf + dpf giacente nell’angolo solido d . Allora la probabilità
di transizione deve essere sommata su tutti gli stati del gruppo …nale; questo
conduce all’espressione
2 2
dPtr = jhf jHint j iij [d (Ef )]Ef =Ei (2.19)
~
ove d (Ef ) è la densità degli stati …nali, o fattore di spazio delle fasi, espressa
da
d
d (Ef ) = (dnf )
dEf
ove dnf è il numero di stati del gruppo di stati …nali.
7 Consideriamo, infatti, la de…nizione di tipo statistico della sezione d’urto di¤erenziale
dR 1
d =
F no centri dif f usori
Se dividiamo numeratore e denominatore a secondo membro per il numero totale N di particelle
che incidono sul bersaglio per tutta la durata dell’esperimento, otteniamo proprio la 2.21
quando poniamo uguale a uno il numero dei centri di¤usori e assumiamo che N sia molto
grande.
2.7. COSTANTE DI DECADIMENTO 31

La 2.19 è la cosiddetta regola aurea di Fermi ; per la sua derivazione si veda


l’appendice D.
Per calcolare la densità di stati …nali si con…na il sistema in una scatola
di volume arbitrario V ; questo fa passare dal continuo ad un insieme di stati
quantizzati (si veda il paragrafo 2.8). Tale volume non ha alcuna importanza in
quanto nell’espressione …nale di dPtr si elimina.
Per determinare la sezione d’urto non resta che calcolare Jin . Poichè le
particelle iniziali e …nali sono libere, lo stato della particella proiettile è descritto
da una autofunzione del momento8
pi r

i (r) = Cei ~

Immaginando, come abbiamo detto, di con…nare il sistema in un volume arbi-


trario V , la costante C è data da
1
C=p
V
In quanto a Jin , esso non è altro che il modulo della densità di corrente associata
a i (r)
i~
Jin jJin j = ( r i i r i)
2m i
In genere assumeremo un sistema di riferimento con un asse - solitamente l’asse
z - diretto nella direzione e nel verso del moto delle particelle incidenti, per cui
1 pi z

i (r) i (z) = p ei ~
V
e, quindi,
i~ d d vi
Jin = i i i i =
2m dz dz V
ove vi è la velocità della particella incidente. Si ha dunque
V 2 2
d = jhf jHint j iij [d (Ef )]Ef =Ei (2.20)
vi ~

2.7 Costante di decadimento


Osserviamo che la 2.19 non è strettamente riferita ad un processo di collisione tra
particelle ma ha un signi…cato più generale. Essa può essere applicata anche a
un processo di decadimento; in questo caso jii rappresenta lo stato iniziale della
particella instabile (per esempio un nucleo radioattivo) e jf i lo stato associato a
uno dei possibili canali di decadimento. Allora dPtr non è altro che la costante
parziale di decadimento d f
2 2
d f = jhf jHint j iij [d (Ef )]Ef =Ei
~
f si ottiene integrando su tutti i possibili stati dinamici del canale f (si veda
il capitolo 7 per un esempio speci…co).
8 In quanto segue consideriamo implicitamente particelle senza spin. Lo spin, qualora pre-

sente, costituirebbe un ulteriore grado di libertà di cui tener conto.


32 CHAPTER 2. COLLISIONI

2.8 Di¤usione elastica da potenziale


Consideriamo come esempio speci…co di urto tra particelle il caso della di¤usione
elastica di una particella di massa m da parte di un bersaglio di massa M .
Lo stato della particella incidente con momento pi , diretto lungo l’asse z, e
quello particella …nale con momento pf sono rappresentati rispettivamente dalle
autofunzioni del momento i (r) e f (r) date da

1 pi r 1 pi z

i (z) = p ei ~ = p ei ~
V V
1 pf r
(r) = p ei ~
f
V
La sezione d’urto di¤erenziale è espressa da
d dPtr
d = (2.21)
d Jin
ove con dPtr abbiamo indicato la probabilità di transizione per unità di tempo
della particella incidente dallo stato iniziale allo stato …nale di particella di¤usa
nell’angolo solido d .
Se assumiamo che la particella bersaglio abbia una massa M molto maggiore
della massa m della particella proiettile (M m), possiamo considerare la
prima praticamente immobile anche dopo l’urto nel sistema del laboratorio. La
particella di¤usa non trasferisce energia al bersaglio; l’energia E del proiettile è
la stessa prima e dopo l’urto

jpf j = jpi j = p
Ef = Ei = E

Il bersaglio agisce semplicemente come centro del potenziale V (r) che descrive
la forza tra proiettile e bersaglio (di¤ usione da potenziale). Applicando la 2.20
si ha
d V 2 2
d = jhf jV (r)j iij d (E) (2.22)
d vi ~

Densità degli stati Come abbiamo già detto, per particelle in uno spazio
in…nito, gli autostati del momento formano un continuo. Per calcolare facilmente
la densità degli stati, chiudiamo il sistema in una scatola cubica di lato L, grande
a piacere, e imponiamo condizioni periodiche alla funzione d’onda sulle pareti
della scatola. Questo trasforma lo spettro continuo di autovalori dell’impulso in
uno spettro discreto, con autostati
1 p r
(r) = p ei ~
L 3

e autovalori dati da
2 ~
p (nx ; ny ; nz ) nx ; ny ; nz = 0; 1; 2; :::::
L
La lunghezza L non ha importanza perché alla …ne si elimina. Per calcolare la
densità degli stati …nali, dobbiamo contare il numero dnf di stati nel volume
2.8. DIFFUSIONE ELASTICA DA POTENZIALE 33

d3 pf dello spazio degli impulsi e derivare rispetto a Ef . In tale spazio, gli


impulsi permessi costituiscono un reticolo a celle cubiche di lato 2L~ , per cui
3 3
L L
dnf = d3 pf = p2f dpf d
2 ~ 2 ~

D’altra parte, essendo


p2
E=
2m
si ha
pdp
dE =
m
e, perciò,
3
d L
d (Ef ) = (dnf ) = mpf d (2.23)
dEf 2 ~

Sezione d’urto Inserendo la 2.23 nella 2.22 e considerando che pi = pf = p,


otteniamo la sezione d’urto di¤erenziale
2
d mL3 2
= jhf jV (r)j iij
d 2 ~2

È chiaro che sviluppando il modulo quadro dell’elemento di matrice, si ottiene


2
da hf j e da jii il fattore L13 , che permette di eliminare L. In de…nitiva, la
sezione d’urto risulta essere data da
Z p r0
2
d m 2 i f~ 0
p r0
i i~ 3 0
= e V (r ) e d r
d 2 ~2
ovvero Z 2
d m 0
= eiq r V (r0 ) d3 r0 (2.24)
d 2 ~2
con
q = ki kf
avendo indicato con ki e kf i vettori d’onda associati alla particella incidente e
a quella di¤usa, rispettivamente. Il vettore q è, in unità ~, il momento trasferito
dal proiettile al bersaglio (…g. 2.3)

~q = pi pf (2.25)

Osserviamo che
2 2
jqj = jki kf j = ki2 + kf2 2ki kf cos

è l’angolo tra ki e kf (angolo di di¤ usione). Poiché ki = kf = k, si ha

2
jqj q 2 = 2k 2 (1 cos ) = 4k 2 sin2 (2.26)
2
d
In q è contenuta la dipendenza di d dall’energia della particella incidente.
34 CHAPTER 2. COLLISIONI

Figure 2.3: Diagramma vettoriale per l’impulso trasferito.

2.8.1 Ampiezza di di¤usione


La sezione d’urto 2.24 è anche espressa come
d 2
= jf (q)j (2.27)
d
ove f (q) è l’ampiezza di di¤ usione (si veda l’appendice E) che, all’ordine più
basso dello sviluppo perturbativo (approssimazione di Born), risulta data da
Z
m 0
f (q) f (k; ; ) = eiq r V (r0 ) d3 r0 (2.28)
2 ~2
Da questa espressione si vede che, nell’approssimazione di Born, l’ampiezza
di di¤usione è, a meno di una costante, la trasformata di Fourier del potenziale.

Potenziale a simmetria sferica Per potenziali a simmetria sferica, tali cioè


che
V (r) = V (r)
l’ampiezza di di¤usione f non dipende da . Infatti, in questo caso, f (q) si
riduce a f (q) e q, come abbiamo visto (2.26), dipende solo da , oltre che da
k. Questo si può vedere scegliendo l’asse z 0 nella direzione di q e integrando. Si
ottiene
Z
m 0 0
f = 2
eiqr cos V (r0 ) sin 0 d 0 d 0 r02 dr0
2 ~
Z Z
m 1 0 0
= 0 02 0
V (r ) r dr eiqr cos sin 0 d 0
~2 0 0

da cui Z 1
2m sin qr0
f (q) f( )= V (r0 ) r0 dr0 (2.29)
~2 0 q

2.8.2 Caso del potenziale di Yukawa (o coulombiano scher-


mato)
Vogliamo, ora, vedere un esempio speci…co. Non possiamo considerare il poten-
ziale coulombiano (V (r) = K=r), in quanto non permette di considerare libere
le particelle a grande distanza dal centro di¤ondente9 . Usiamo un potenziale
9 A¢ nché sia possibile utilizzare la 2.28, il potenziale deve soddisfare la condizione

limr!1 rV (r) = 0.
2.9. QUESITI ED ESERCIZI 35

nel quale l’andamento 1=r è corretto con un fattore esponenziale, che porti rap-
idamente a zero il potenziale a grandi distanze
r
ge
V (r) = (2.30)
r
g e sono due costanti ( > 0). Questo potenziale è noto come potenziale di
Yukawa o coulombiano schermato. Usando la 2.29, si trova
Z 1 0
iqr 0
2gm eiqr e r0 2gm
f (q) = e dr0 =
~2 q 0 2i ~2 ( 2 + q2 )

e
d 2 4g 2 m2
= jf ( )j = 2 (2.31)
d ~4 2 + 4k 2 sin2 2
2
Se poniamo g = zZe 4 0 , possiamo vedere il problema di di¤usione, che ne deriva,
come lo di¤usione di una particella di carica ze da parte della carica nucleare Ze,
1
schermata dalla carica degli elettroni che la circondano. Per r , quando la
carica incidente è penetrata ben dentro l’atomo, essa sente il campo coulombiano
pieno, generato dalla carica Ze; per r > 1 , la carica incidente vede un nucleo
circondato dagli elettroni e, perciò, risente di un campo debole (quindi, 1 è
dell’ordine del raggio atomico).
Per impulsi trasferiti ”grandi”, possiamo trascurare 2 rispetto a q 2 in f ( )
e la sezione d’urto si ottiene ponendo = 0 nell’espressione 2.31. Ritroviamo,
così, la sezione d’urto di Rutherford10
2
d 1 zZe2 1
=
d 4 4 0 vp sin4 2

2.8.3 Di¤usione particella-particella


Finora abbiamo considerato la di¤usione di particelle da parte di un centro …sso.
In realtà, in generale l’urto avviene tra particelle e la particella bersaglio, in-
izialmente ferma nel sistema del laboratorio, rincula dopo l’urto con una certa
energia cinetica. Si può, però, facilmente dimostrare che la sezione d’urto cal-
colata in precedenza per lo scattering dal potenziale V (r), può essere interpre-
tata come la sezione d’urto, nel sistema del centro di massa, di due particelle
interagenti via il potenziale V (r) = V (r1 r2 ). D’altra parte il formalismo
precedente fa uso di una funzione d’onda che descrive una particella di impulso
~k sia prima che dopo l’urto e questo è quanto avviene per l’urto elastico tra
due particelle nel sistema del loro centro di massa.

2.9 Quesiti ed esercizi


2.9.1 Quesiti
1. Come si de…nisce la sezione d’urto di un processo?
2
g = zZe
1 0 Con
4 0
e = 0, il potenziale è diventato quello coulombiano. D’atra parte, grandi
impulsi trasferiti corrispondono alla penetrazione della particella ben dentro l’atomo.
36 CHAPTER 2. COLLISIONI

2. Si imposti il calcolo (classico) della sezione d’urto di Rutherford.


3. Come dipende dall’angolo di scattering e dall’energia della particella inci-
dente la sezione d’urto Rutherford?
4. Si faccia un esempio di un processo nel quale viene prodotto un pione
carico e di uno nel quale viene prodotto un pione neutro. Quanto valgono
approssimativamente le masse di tali pioni?
5. Qual è il principale canale di decadimento di un pione carico? E quello
del pione neutro?
6. Come decade il ?
7. Quanto vale la massa di un muone? e quella dell’elettrone?
8. Quanto vale (approssimativamente) la vita media del pione carico? E
quella del pione neutro? E quella del muone?
9. Si introduca la regola aurea di Fermi e si illustri il suo uso per il calcolo
della sezione d’urto di un processo di collisione.
10. Si illustri il calcolo della sezione d’urto della di¤usione elastica di una
particella di massa m da parte del potenziale V (r).

2.9.2 Esercizi
1. Si calcoli la velocità di un che ha un impulso pari a 20 M eV =c.
2. Si consideri la di¤usione di fotoni di impulso k su elettroni liberi inizial-
mente fermi nel sistema del laboratorio (di¤usione Compton) e si determini
la relazione che intercorre tra l’energia del fotone di¤uso e l’angolo di dif-
fusione rispetto alla direzione di incidenza. Si calcoli l’energia dei fotoni
di¤usi a 90 nel caso in cui l’energia iniziale dei fotoni sia 5M eV .
Soluzione
p
kc + mc2 = k 0 c + p02 c2 + m2 c4 (conservazione dell’energia)
p0 = k k0 (conservazione dell’impulso)

Dalla seconda ricaviamo


2
p02 = (k k0 ) = k 2 + k 02 2kk 0 cos

e, sostituendo nella prima


kc
k0 c = k
1+ mc (1 cos )
Per = 90 e kc = 5M eV otteniamo
kc 5
k0 c = kc
= 5 = 0; 46M eV
1 + mc 2 1 + 0;51

3. La particella ++ di massa pari a 1232M eV =c2 decade in un protone e


un + . Si calcoli l’energia del pione nel sistema di riposo della ++ .
2.9. QUESITI ED ESERCIZI 37

4. Una particella di massa m ed energia cinetica T collide con una particella


bersaglio di massa M . Si mostri che l’energia disponibile nell’urto per
eccitazioni interne è
M
E= T
m+M
(si faccia un calcolo non relativistico).
+
5. Si calcoli l’energia di soglia del processo p + p ! p + n + .

6. Una particella (A=4) di energia cinetica pari a 4M eV è di¤usa ad un


angolo di = 56 dalla collisione con un nucleo più pesante, il quale
rincula ad un angolo di = 54 rispetto alla direzione di incidenza della
particella . Si calcoli il probabile numero di massa del nucleo bersaglio
(R: A=12).
Soluzione
Osserviamo innanzitutto che l’energia cinetica della particella è molto
piccola rispetto all’energia propria mc2 per cui possiamo imporre la con-
servazione dell’energia e dell’impulso in approssimazione non relativistica.
Indicando con l’angolo di dii¤usione della particella e con quello del
nucleo più pesante, scriviamo

p = p1 cos + p2 cos
p1 sin = p2 sin
p2 p21 p2
= + 2
2m 2m 2M
ovvero

p2 = p21 cos2 + p22 cos2 + 2p1 p2 cos cos


p1 sin
=
p2 sin
m p2 p21
= 2
M p2 p22

ove m è la massa nota e M quella incognita. Da queste ricaviamo


1
M 2 sin cos
= = sin2 + cos2 + cos
m sin
1
cos 2 sin + sin 2 cos sin
= =
sin sin (2 + )

e, quindi, = 3; 07 da cui A = 12.

7. Una particella di energia cinetica T collide elasticamente con un nucleo


pesante di carica Ze risultando di¤usa all’angolo . Si calcoli ( in ap-
prossimazione non relativistica) la minima distanza di avvicinamento tra
e nucleo supponendo ambedue puntiformi.

8. Usando l’espressione
b = R cot
2
38 CHAPTER 2. COLLISIONI

per il parametro d’urto dello scattering alla Rutherford, si calcoli il numero


quantico l del momento angolare orbitale di un protone di 1 M eV rispetto
ad un centro di scattering …sso con Z = 90 per una de‡essione di 90 (R:
l=14).
9. a) Qual è l’energia dei protoni di¤usi elasticamente a 90 nello scattering
coulombiano di protoni di 7; 50 M eV su 7 Li? b) Qual è l’energia dei
protoni di¤usi anelasticamente a 90 quando il 7 Li è lasciato nel suo primo
stato eccitato di energia 0; 477 M eV ?

10. Una fascio di particelle neutre (dello stesso tipo e aventi la stessa direzione
e la stessa energia) produce su idrogeno protoni che rinculano con velocità
…no ad un massimo di 3; 2 109 cm=s. Supponendo che si tratti di fotoni
che subiscono scattering Compton sui nuclei di idrogeno, si mostri che tali
fotoni hanno una energia di circa 52 M eV . Si mostri, inoltre, che gli stessi
fotoni nel caso di scattering Compton su azoto trasferiscono al nucleo di
azoto (che rincula) una energia massima dell’ordine di 400 keV .11
11. Si consideri il processo
4 9 12
He + Be ! C + n

e si calcoli la velocità dei neutroni emessi in avanti assumendo che la


particella abbia una energia di 5 M eV .
12. Si mostri che lo scattering elastico
1 1
n + H !n + H

ove i neutroni hanno l’energia calcolata nell’esercizio precedente, è com-


patibile con l’osservazione di protoni di rinculo con velocità …no ad un
massimo di circa 3; 2 109 cm=s. Si mostri, inoltre, che nel caso
12 12
n + N !n + N

i nuclei di azoto rinculano con energia massima ben superiore a quella


dell’esercizio 6.
13. Si consideri il decadimento + ! + + e si dimostri che nel sistema
+
di riposo del pione l’energia cinetica del vale T = 4; 1 M eV .
14. Un di impulso p = 300M eV =c collide con un protone inizialmente
fermo nel sistema del laboratorio. Qual è l’energia totale della coppia
pione-protone nel sistema del centro di massa?

1 1 Gli esercizi 10, 11 e 12 sono utili per la comprensione dell’articolo di J. Chadwick "Possible

Existence of a Neutron" (Nature 129, 9 (1932)).


Chapter 3

Strumenti*

3.1 Acceleratori di particelle


3.1.1 Introduzione
Gli acceleratori sono macchine elettromagnetiche che servono ad impartire a
particelle cariche energie che, nel caso dei moderni grandi acceleratori di pro-
toni, possono arrivare …no all’ordine di grandezza del TeV. Un protone da 1
T eV (1 T eV = 1012 eV ) è un protone che ha una energia pari a circa mille volte
quella corrispondente alla sua massa (mp c2 = 938; 3 M eV ) e si muove con una
velocità molto prossima alla velocità della luce nel vuoto. Nel caso degli elet-
troni le massime energie …nora raggiunte sono di circa 100 GeV , pari a 200.000
volte la massa dell’elelettrone stesso (me c2 = 0; 51 M eV ). I grandi acceleratori
sono macchine molto complesse e costose per cui viene immediata la domanda:
perché si costruiscono acceleratori? Le ragioni sono essenzialmente due. Una
particella accelerata, in particolare una particella senza struttura, quale per es-
empio l’elettrone (per quanto ne sappiamo), può essere usata come sonda per
studiare la struttura di particelle complesse, come il protone stesso. Questo
viene fatto per mezzo dell’urto tra un fascio di particelle "sonda" preventiva-
mente accelerate ed un bersaglio, costituito dalle particelle più complesse che si
vogliono studiare. Nella descrizione quantistica la particella incidente (il "proi-
ettile"), di impulso p, è descritta come un pacchetto d’onda le cui dimensioni
sono dell’ordine della lunghezza di De Broglie ad essa associata

h
=
p

ovvero, come più spesso si usa, dell’ordine della lunghezza ridotta

~
=
2 p

É chiaro che tanto minore è la lunghezza di De Broglie tanto più piccola è la


dimensione lineare dei dettagli che si possono esplorare. Considerando che ~c =
197; 33 ' 200 M eV f m , si calcola immediatamente che un elettrone con impulso
1 M eV =c ha una lunghezza di De Broglie ridotta pari a 200 f m = 2 10 13 m
mentre uno da 100 GeV =c ha 2 10 18 m. In altre parole usare particelle sonda

39
40 CHAPTER 3. STRUMENTI*

Figure 3.1: Schema di principio di un acceleratore elettrostatico Van de Graaf.

di momento sempre maggiore, e quindi di energia sempre maggiore, signi…ca


capacità di esplorare il mondo microscopico a scale dimensionali sempre minori.
La seconda ragione per usare acceleratori sta, invece, nella relazione massa-
energia di Einstein E = mc2 . L’energia cinetica impressa alla particella proiet-
tile può servire a frammentare una particella bersaglio complessa e/o a creare
nuove particelle. Così, alta energia signi…ca possibilità di rompere sistemi forte-
mente legati e/o generare particelle di grande massa.

3.1.2 Acceleratori a caduta di potenziale


Il principio di funzionamento è molto semplice: lo ione (o la particella) di carica
elettrica q è accelerato dalla di¤erenza di potenziale V esistente tra due elettrodi,
per cui, muovendosi da primo al secondo elettrodo, acquista una energia pari
a qV. E’ questo il metodo con il quale venivano, per esempio, accelerati gli
elettroni nei vecchi televisori a tubo catodico. In questo caso le ddp applicate
erano dell’ordine di alcuni kV per un televisore in bianco e nero e di una decina
di kV per un televisore a colori. Le energie …nali degli elettroni sono, dunque,
dell’ordine dei keV o della decina di keV. Finché le ddp non sono molto elevate
è possibile produrle per mezzo di trasformatori e raddrizzatori; quando, però, si
vogliono realizzare cadute di potenziale molto elevate (ordine dei MV) bisogna
ricorrere a sistemi particolari e bisogna mettere in atto accorgimento tecnologici
atti ad evitare che si manifestino scariche elettriche. E’ proprio l’insorgere di
scariche che pone un limite alla massima ddp che si può realizzare.

Acceleratore Van de Graaf


In questo acceleratore (realizzato nel 1929) la caduta di potenziale è ottenuta
caricando un eletrodo cavo di capacità C per mezzo della induzione elettrostat-
ica. Uno schema di principio è mostrato in …gura 3.1. Una cinghia ruotante di
materiale isolante acquista carica positiva passando in prossimità di una punta
ove esiste un intenso campo elettrico; la carica è quindi ceduta all’elettrodo
3.1. ACCELERATORI DI PARTICELLE 41

cavo distribuendosi sulla super…cie. Gli ioni da accelerare sono prodotti da una
sorgente posta all’interno dell’elettrodo cavo; essi sono accelerati in un tubo a
vuoto lungo il quale è ripartita, per mezzo di un partitore, la ddp V esistente
tra l’elettrodo e la terra. La massima ddp è determinata dalle perdite del dielet-
trico in cui è immerso l’elettrodo. Usualmente si tratta di un gas inerte ad alta
pressione. In questo modo è possibile ottenere ddp …no a 10 12 M V . La
corrente del fascio di ioni accelerato ha valori massimi dell’ordine del centinaio di
microampere e l’energia …nale degli ioni è ben de…nita con incertezze dell’ordine
di 10keV .

Tandem
La massima energia fornita ad uno ione può essere raddoppiata usando due
volte la caduta di potenziale di un Van de Graaf in un acceleratore di tipo
"tandem". In questo caso l’elettrodo cavo è posto al centro di una grande
tanca contenente gas a pressione e attraversata lungo tutta la sua lunghezza dal
tubo a vuoto, nel quale vengono accelerate le particelle cariche. Una sorgente
inietta ioni negativi ad una estremità del tubo. Essi vengono accelerati dal
potenziale iniziale V = 0 …no a quello massimo +V ripartito lungo il percorso
per mezzo di un primo partitore. Al centro dell’acceleratore gli ioni negativi
vengono fatti passare attraverso una sottile lamina ("stripper ") che li spoglia
dei loro elettroni, invertendo la loro carica da q a +q. Vengono, quindi, ancora
accelerati per mezzo di un secondo partitore con potenziale decrescente da +V a
V = 0. L’energia …nale acquisita da uno ione sarà 2qV . Con questo acceleratore
è possibile accelerare, per esempio, protoni …no a 20 30M eV .

Acceleratore Cockroft-Walton
Fu realizzato da J. Cockroft ed E. Walton nel 1930 e fu il primo acceleratore
usato per produrre reazioni nucleari (p+ 7 Li ! + con protoni di 400keV ).
Un generatore alternato alimenta una cascata di raddrizatori, posti alternati-
vamente in conduzione o in interdizione, che caricano una serie di condensatori
a tensioni via via crescenti. L’ultimo stadio è connesso ad un elettrodo cavo
che contiene la sorgente di ioni. Lo schema di principio è illustrato in …gura
3.2. Le tensioni intermedie sono distribuite lungo il tubo a vuoto nel quale sono
accelerate le particelle cariche. Acceleratori di questo tipo realizzano di¤erenze
di potenziale massime dell’ordine di 1M V . Spesso sono usati come iniettori
(correnti dell’ordine di 100 A 1mA) per acceleratori di più alta energia.

3.1.3 Acceleratori lineari (linac)


I problemi di isolamento pongono un limite all’uso degli acceleratori a caduta
di potenziale. Pertanto, l’unica via per accelerare ioni o particelle cariche ad
energie ben oltre una decina di M eV per unità di carica consiste nel riapplicare
molte volte uno stesso campo elettrico accelerante, anche di ampiezza relativa-
mente modesta. Dal punto di vista pratico questo può essere fatto in diversi
modi e utilizzando diversi tipi di strutture acceleranti.
In un acceleratore lineare molte strutture acceleranti si susseguono linear-
mente, le particelle seguono una traiettoria media rettilinea passando una sola
volta attraverso una struttura. Un esempio di acceleratore lineare è l’acceleratore
42 CHAPTER 3. STRUMENTI*

Figure 3.2: Schema di principio di un acceleratore di tipo Cockroft-Walton.

Figure 3.3: Rappresentazione di principio di un linac a tubi di deriva.

a tubi di deriva ("drift tubes") sviluppato da Lawrence e Sloan nel 1930. Esso
è costituito da una successione rettilinea di elettrodi di forma cilindrica, posti
all’interno del tubo a vuoto e separati l’uno dall’altro da una piccola "gap".
Gli elettrodi sono collegati alternativamente ai capi di un generatore di tensione
alternata. All’interno di ciascun tubo il campo elettrico è nullo mentre tra un
tubo e il successivo risulta applicata la di¤erenza di potenziale V = V0 cos !t.
Le particelle che si muovono lungo l’asse comune dei tubi di deriva e attraver-
sano gli spazi tra due successivi elettrodi, mantenendo una giusta relazione di
fase rispetto al campo applicato (particelle sincrone), guadagnano una energia
q V ogni volta che attraversano la gap tra un tubo e il successivo. Natural-
mente a¢ nché si possa mantenere la relazione di fase costante occorre che i
tubi abbiano una lunghezza variabile in funzione della velocità della particella.
In particolare si deve avere (vedi …gura 3.3) Ln = vn T =2 ove T è il periodo
della tensione alternata e vn è la velocità con la quale la particella attraversa il
tubo n-esimo. Nel caso di particelle non relativistiche ( ioni con energia cinetica
molto minore di mc2 ) l’energia cinetica dopo il tubo n-esimo è

1
Tn = mv 2 = nq V
2 n
3.1. ACCELERATORI DI PARTICELLE 43
q
2nq V
da cui vn = m e, quindi,
r r
T 2nq V p 2q V
Ln = = n
2 m 2 mc2
ove = cT è la lunghezza d’onda corrispondente alla propagazione nel vuoto
di un’onda elettromagnetica di periodo T . Si vede da questa relazione che la
lunghezza del linac è proporzionale a (frequenze tipiche sono dell’ordine delle
decine di M Hz). E’ chiaro che, poiché vengono accelerati solo ioni che sono
in fase con V , il fascio non è continuo ma è diviso in pacchetti. Acceleratori
di questo tipo sono usati per accelerare protoni e ioni …no ad alcune decine di
M eV per nucleone.
Qualora un linac a tubi di deriva fosse usato per elettroni, a causa della massa
molto piccola degli elettroni, si entra molto presto in regime relativistico e le
precedenti relazioni devono essere adeguatamente modi…cate. E’, però, evidente
che la lunghezza dei tubi satura rapidamente al valore L = cT =2 = =2. Per
accelerare elettroni in modo che abbiano una energia E mc2 occorre, dunque,
un linac di lunghezza
E
Ltot =
2e V
Pertanto, per avere una lunghezza ridotta sono necessari un alto gradiente di
campo ed una elevata frequenza.

Stabilità di fase
Negli acceleratori ad applicazione ripetuta del campo accelerante vale il cosid-
detto principio di stabilità di fase, enunciato da McMillan e, indipendentemente,
da Veksler negli anni ’40. Questo principio è molto importante perché, per esem-
pio, nel caso del linac a tubi di drift rende meno stringente la condizione di riso-
nanza tra velocità delle particelle accelerate, lunghezza dei tubi e frequenza di
oscillazione del campo elettrico accelerante. Indichiamo con s ( 0 < s < =2,
si veda …g. 3.4) l’angolo di fase rispetto al potenziale accelerante della gener-
ica particella a fase costante (particella sincrona), quella per la quale, cioè,
valgano esattamente le relazioni precedententemente scritte. Questa particella
sperimenta ad ogni gap attraversata lo stesso campo accelerante. Consideriamo,
ora, una particella (C in …gura 3.4) che all’attraversamento della gap i-esima sia
in anticipo rispetto a quella sincrona ( < s ): questa seconda particella speri-
menta un campo accelerante minore e, quindi, subisce una minore accelerazione,
tendendo così a portarsi verso la posizione di fase costante, Analogamente una
particella in ritardo ( > s , B in …g. 3.4) sperimenta un campo maggiore e
subisce una maggiore accelerazione che tende a farla spostare verso il punto a
fase costante. Accade, così, che le particelle comprese in un certo intervallo
intorno alla fase costante s subiscano in media un processo di accelerazione
del tutto simile a quella in fase, oscillando, però, avanti e indietro intorno al
punto di fase costante. La stabilità di fase si ottiene soltanto se la fase costante
è scelta sulla parte in salita dell’onda di tensione. Questo, però, si paga con un
defocheggiamento del fascio proprio a causa del fatto che il campo cresce mentre
la particella attraversa la gap. Per mantenere la stabilità trasversa del fascio è
allora necessario inserire dei quadrupoli magnetici tra i tubi di drift stessi; tali
quadrupoli agiscono sul fascio come lenti convergenti.
44 CHAPTER 3. STRUMENTI*

Figure 3.4: Illustrazione del principio di stabilità di fase. A rappresenta la


particella sincrona, B quella in ritardo e C quella in anticipo.
3.1. ACCELERATORI DI PARTICELLE 45

Linac a cavità risonante


Lo schema di accelerazione …nora illustrato è usato soltanto per accelerare pro-
toni e ioni ad energie relativamente basse (dell’ordine di pochi MeV per i pro-
toni). Per energie degli ioni più elevate si preferisce uno schema a cavità riso-
nante introdotto da Alvarez. L’acceleratore è costituito da una serie di cavità
risonanti successive. Ciascuna cavità è eccitata con un generatore a radiofre-
quenza al suo modo longitudinale più basso in modo che al suo interno si sta-
bilisca un campo elettrico assiale, uniforme su tutta la lunghezza della cavità.
Gli ioni da accelerare attraversano la cavità trovandosi all’interno di un tubo di
drift (e, quindi, schermati dall’azione del campo elettrico) quando il campo è
nella fase decelerante e nella gap tra due tubi di drift quando è nella fase accel-
erante. Questa volta i tubi di drift dividono la cavità in sezioni di lunghezza
Ln = vn T = n

Linac a guida d’onda


In acceleratori di questo tipo la camera a vuoto agisce come una guida d’onda
nella quale venga stabilita un’onda stazionaria con il campo elettrico assiale.
Un’onda stazionare si può pensare come sovrapposizione di due onde progres-
sive che si muovono in verso opposto lungo l’asse della guida. Un pacchetto di
particelle relativistiche, che si muovano lungo l’asse della guida con una velocità
costante uguale alla velocità di fase dell’onda progressiva vede la sua energia
continuamente aumentata dall’azione del campo elettrico. Questo tipo di accel-
eratore è particolarmente indicato per gli elettroni, i quali già a 2 MeV hanno
una velocità che di¤erisce da c per solo del 2%. Poiché in una cavità cilindrica
la velocità di fase dell’onda progressiva è uguale a c, essa viene ridotta inserendo
nella guida una serie di diaframmi a forma di disco.

3.1.4 Acceleratori circolari


Una particella di carica q e impulso p, posta in un campo di induzione magnetica
uniforme e costante e perpendicolare a p, percorre una traiettoria circolare di
raggio1
p
r= (3.1)
qB
Questo fatto è sfrutttato negli acceleratori circolari per far passare le parti-
celle cariche ripetutamente attraverso una zona in cui esiste un campo elettrico
accelerante in modo da far loro guadagnare energia progressivamente con accel-
erazioni che si ripetono con una frequenza legata alla frequenza di rivoluzione.
Naturalmente, se il campo B rimane costante all’aumentare dell’impulso della
particella, aumenta il raggio dell’orbita per cui la particella percorre una trai-
ettoria spiraleggiante con raggio crescente; è questo il caso del ciclotrone. La
particella può essere mantenuta sulla stessa orbita all’aumentare dell’energia se
si aumenta opportunamente B in modo che r sia costante; è questo il caso del
sincrotrone.
1 Nel caso in cui q sia uguale a una carica "e" misurando p in GeV =c, B in tesla e r in

metri, questa relazione assume la forma


pc = 0; 3Br
utile da ricordare.
46 CHAPTER 3. STRUMENTI*

Ciclotrone
Un magnete dipolare produce un campo magnetico B, uniforme e costante, in
una zona circolare di raggio R, posta tra le espansioni polari del magnete. In
questa zona sono posti due elettrodi cavi, a forma di D (vedi …gura 3.1.4), af-
facciati l’uno all’altro ad una distanza molto più piccola di R; ai capi di questi
elettrodi è applicata una di¤erenza di potenziale alternata di frequenza angolare
! RF costante. Una sorgente emette ioni tra le due D al centro della zona mag-
netica; tali ioni vengono accelerati dal campo elettrico esistente tra gli elettrodi,
entrano nella cavità di uno di essi, ove il campo elettrico è nullo, e percorrono
una traiettoria a forma semicircolare, di raggio r = p=qB, con una frequenza
angolare !. Se è realizzata la condizione di risonanza ! = ! RF , gli ioni arrivano
alla gap tra le due D in fase con la di¤erenza di potenziale e sono nuovamente
accelerati. Essi percorrono, dunque, all’interno delle D traiettorie circolari di
raggio crescente al crescere dell’energia, guadagnando E = 2q V ad ogni giro.
Quando giungono alla periferia della zona circolare di campo magnetico escono
seguendo una linea tangente alla traiettoria circolare. Osserviamo che …nché
il moto non è relativistico, la frequenza di rotazione degli ioni all’interno del
campo magnetico B è costante ed è pari a
qB
!=
m
(frequenza di ciclotrone) e, quindi, la condizione di risonanza si ottiene sem-
plicemente mantenendo costante e pari a qB=m la frequenza ! RF della ra-
diofrequenza. Il limite alle energie raggiungibili con questo tipo di acceleratore
è posto innanzitutto dal magnete, ovverossia dai campi massimi realizzabili e
dalle conseguenti dimensioni del magnete stesso. Per esempio, con un raggio
dell’ordine di 1 m e il campo B dell’ordine di 1 tesla, si ha p 300 M eV =c. Per
un protone quest’impulso corrisponde ad una velocità di 0; 3 c. In questo caso
l’approssimazione non relativistica del moto è su¢ cientemente accurata (e, nat-
uralmente, lo è ancora di più se ad essere accelerati sono ioni di massa maggiore
di quella del protone). La frequenza di ciclotrone è dell’ordine di 100 M Hz. Se
si vogliono accelerare protoni ad una energia maggiore l’approssimazione non
relativistica non è più accettabile; la frequenza di rivoluzione non è più costante
ed è data da
qB
!=
m
Quindi al crescere dell’energia dei protoni occorre diminuire la frequenza del
campo a radiofrequenza (sincro-ciclotrone). In ogni caso ciclotrone e sincroci-
3.1. ACCELERATORI DI PARTICELLE 47

clotrone sono adatti ad accelerare protoni …no ad una energia dell’ordine di 500
MeV.

Betatrone
Nel betatrone l’accelerazione di una particella carica avviene ad opera del campo
elettrico generato per induzione elettromagnetica lungo la traiettoria della par-
ticella.
Le particelle da accelerare si muovono in una camera a vuoto circolare di
raggio R, posta tra le espansioni polari di un magnete che genera un campo
magnetico B perpendicolare al piano dell’orbita e dipendente dal tempo. Al
variare di B lungo la traiettoria di raggio R, percorsa dalle particelle cariche, si
genera un campo elettrico E dato da
I
d (B) d hBi
E dl = 2 RE = = R2
dt dt

1 d hBi
E= R
2 dt
ove abbiamo indicato con hBi il valore del campo magnetico mediato su tutta
la super…cie racchiusa dall’orbita della particella. A causa del campo elettrico
indotto, la parrticella di carica q è soggetta alla forza tangenziale data da

dp q d hBi
= qE = R
dt 2 dt
Ora, se indichiamo con B0 il campo magnetico lungo la traiettoria della parti-
cella, a¢ nché il raggio della traiettoria sia costante, tale forza deve anche essere
uguale a (vedi 3.1)
dp dB0
= qR
dt dt
E’, quindi, possibile accelerare una particella di carica q lungo una traiettoria
di raggio costante R se è soddisfatta la condizione di betatrone

d hBi dB0
=2 (3.2)
dt dt
ovvero hBi = 2B0 + cost. Questa condizione si ottiene sagomando opportuna-
mente i poli del magnete.

Sincrotrone
Quqndo si voglia accelerare, per esempio, protoni ad energie oltre 1 GeV diventa
praticamente impossibile usare il ciclotrone (o il sincrociclotrone) in quanto il
magnete diviene proibitivamente grande. Si può, allora, usare un linac; tuttavia,
un linac per protoni da 1 GeV ha una lunghezza dell’ordine delle diverse centi-
naia di metri e, poiché la lunghezza di un linac scala con l’energia …nale, volendo
protoni di decine o centinaia di Gev un linac dovrebbe avere lunghezze di decine
e decine di chilometri, con costi proibitivi. Il sincrotrone (proposto negli anni
’40 da McMillan e, indipendentemente, da Veksler) risolve questo problema in
quanto le particelle sono tenute su un’orbita chiusa da una serie di magneti
48 CHAPTER 3. STRUMENTI*

Figure 3.5: a) Rappresentazione schematica di un sincrotrone. b) Ciclo del


sincrotrone.

disposti ad anello. Ad ogni rivoluzione le particelle da accelerare passano attra-


verso una cavità a radiofrequenza e la loro energia viene incrementata di una
quantità E; nel contempo, poiché il loro momento cresce, viene aumentato
anche il campo magnetico dei magneti curvanti in modo che la traiettoria media
si mantenga stabile. Un moderno sincrotrone ha una struttura i cui elementi
essenziali sono rappresentati in …gura 3.5 a). Il primo elemento è l’iniettore;
questo è un preacceleratore (per esempio un linac) che prepara i pacchetti di
particelle accelerandole ad una determinata energia iniziale Ei . Questi pacchetti
sono inviati tangenzialmente nella camera a vuoto del sincrotrone che è posta
tra le espansioni polari dei magneti curvanti, disposti uno di seguito all’altro
in modo da formare un anello. Un sistema di pompe realizza un vuoto molto
spinto nella camera in cui circolano le particelle. Tra un magnete curvante e
il successivo sono normalmente inseriti dei quadrupoli magnetici che agiscono
sul fascio di particelle come lenti ed hanno il compito di "focalizzarlo". In una
o più sezioni diritte dell’acceleratore sono inserite delle cavità a radiofrequenza
che accelerano le particelle. In assenza di campo accelerante le particelle iniet-
tate all’energia iniziale Ei seguirebbero una traiettoria media circolare di raggio
R con una velocità (media) v. Il periodo dell’orbita sarebbe
2 R 2 REi
T = =
v pi c2
al quale corrisponde la frequenza angolare
2 pi c2
!= =
T REi
Se le particelle iniettate non sono ancora in regime relativistico, cioè tale che
pc = E, sia il campo magnetico curvante sia la frequenza del campo accelerante
devono crescere al crescere dell’energia per mantenere stabile la traiettoria e per
mantenere la giusta fase del campo accelerante rispetto alla particella in transito
nella cavità RF; in particolare ! RF dovrà essere sempre un multiplo intero di !.
Quando la particella raggiunge una energia talmente alta (>> mc2 ) che pc = E,
il periodo di rivoluzione si stabilizza al valore R=c, quindi anche la frequenza
3.1. ACCELERATORI DI PARTICELLE 49

RF dovrà rimanere costante. In de…nitiva, se indichiamo con il raggio di


curvatura della traiettoria nei magneti curvanti2 , la condizione di sincrotrone
tra RF e particelle accelerate e la stabilità della traiettoria richiedono
c pc kc
! RF = k ! (3.3)
RE R
pc
B= (3.4)
jqj
In pratica il sincrotrone funziona a cicli: un ciclo inizia con l’iniezione di un
pacchetto di particelle, segue l’accelerazione …no all’energia voluta quindi le
particelle vengono estratte e il ciclo ricomincia dall’inizio. Durante la fase di
accelerazione il campo magnetico B e ! RF vengono variati in accordo con le 3.3
e 3.4 (…gura 3.5 b).
Il sincrotrone può essere usato per accelerare sia elettroni che ioni, di norma
protoni. In un elettrosincrotrone gli elettroni possono essere iniettati con una
energia iniziale di pochi MeV perché abbiano un praticamente uguale a 1 e,
quindi, sia realizzata sin dall’inizio la condizione di frequenza costante. Questa
condizione in generale non è realizzata in un protosincrotrone; in questo caso,
tuttavia, iniettare protoni con un impulso iniziale abbastanza più grande di mc
permette di ridurre la banda entro la quale deve variare ! RF .

Luce di sincrotrone
Una particella carica accelerata perde energia per irraggiamento. In particolare
la potenza radiata da una particella di carica elettrica q che si muova con velocità
c su una traiettoria curva di raggio R è data da
4 4
2 q2 2 q2 4
P = c 2 ! c 2 (per 1)
34 0 R 34 0 R
E’ evidente che a parità di raggio di curvatura, e quindi di impulso …ssato B,
un elettrone perde una energia di gran lunga maggiore di un protone essendo,
per 1,
el mprot
= t 2 103
prot mel

In pratica in un elettrosincrotrone gli elettroni perdono una notevole quantità


di energia sotto forma di "radiazione di sincrotrone" e, quindi, una parte sig-
ni…cativa della potenza RF è spesa per compensare queste perdite. Ponendo
' R l’enrergia persa ad ogni giro è

4 e2 4
E = PT '
3 4 0 R

3.1.5 Anelli a fasci collidenti


Abbiamo già detto che uno dei motivi per accelerare particelle e quello di realiz-
zare urti nei quali si abbia la possibilità di creare nuove particelle, trasformando
parte dell’energia cinetica disponibile in massa. Indichiamo con a la particella
2 è in generale diverso da R perché nell’acceleratore si alternano tratti curvi con tratti

rettilinei.
50 CHAPTER 3. STRUMENTI*

accelerata che costituisce il proiettile e con b la particella bersaglio, che sup-


poniamo ferma nel laboratorio, e consideriamo un generico processo

a + b ! m1 + m2 + :::::: + mn

nel quale vengano create nello stato …nale n particelle di massa m1 , m2 ,... mn .
La massima massa che può essere prodotta nella reazione si ottiene assumendo
che le particelle n siano prodotte a riposo nel sistema del centro di massa e
imponendo la conservazione dell’impulso e dell’energia. Si ha
n
! q
X 1 2 2
mmax = mi = 2 (Ea + mb c2 ) c2 jpj
i=1
c
max

ove Ea e p sono rispettivamente l’energia totale e l’impulso del proiettile e mb la


massa del bersaglio. Questo signi…ca che soltanto una parte dell’energia disponi-
bile nello stato iniziale può essere convertita in massa. In particolare, nel caso in
cui proiettile e bersaglio
p abbiano la stessa massa m, l’energia utile per produrre
nuove particelle è 2mc2 (E + mc2 ) ove E è l’energia del proiettile. Se, però, le
due particelle hanno ambedue la stessa energia E e collidono frontalmente, tutta
la loro energia, pari a 2E, può essere spesa per la produzione di nuove particelle.
E’questo il concetto di base delle macchine acceleratrici a fasci collidenti. Una
situazione particolarmente favorevole si presenta nel caso in cui si voglia far col-
lidere un fascio di particelle, per esempio elettroni, di impulso p con un fascio di
antiparticelle, positroni, di impulso opposto p. Poiché le due particelle hanno
uguale massa e carica elettrica opposta, i due fasci possono essere fatti circolare
in verso opposto in uno stesso anello ove sono guidati dallo stesso campo mag-
netico curvante e accelerati dallo stesso campo elettrico. Un anello di collisione
di questo tipo funziona tipicamente nel modo seguente: particelle e antiparticelle
sono iniettate in senso opposto ed accumulate nell’anello. L’energia di iniezione
può essere pari ad una determinata energia iniziale o direttamente all’energia
…nale. Raggiunta una determinata corrente di fascio, l’iniezione viene interrotta
e, nel caso l’energia iniziale sia minore di quella …nale, i fasci vengono accelerati
…no all’energia …nale e, poi, lasciati circolare mantenedo costante la loro ener-
gia. Il numero di reazioni al secondo che avvengono tra le particelle dei due
fasci è proporzionale alla sezione d’urto del processo attraverso un parametro
caratteristico ed importante dell’anello di collisione che si chiama luminosità:

N =L

Indicando con N1 e N2 le particelle di ciascun fascio, con f è la frequenza di


incrocio e con S la loro super…cie trasversa di sovrapposizione, si ha
N1 N2
L=f
S
Col passar del tempo, a causa dell’interazione con il gas residuo nella camera a
vuoto in cui circolano i fasci e dell’interazione fascio-fascio, il numero di parti-
celle circolanti diminuisce e con esso la luminosità, per cui un altro parametro
importante dell’anello di collisione è la vita media della luminosità. Tipicamente
essa può essere dell’ordine di alcune ore.
Sono stati costruiti e utilizzati anelli di collisione elettrone-positrone, protone-
antiprotone, protone-protone e elettrone-protone. Nei due ultimi casi i due fasci
3.2. INTERAZIONI DELLE PARTICELLE CARICHE E DEI FOTONI CON LA MATERIA51

circolano in anelli distinti che si incrociano in uno o più punti. Il "large electron-
positron collider" (LEP) del CERN è stato l’anello di collisione nel quale sono
state realizzate le collisioni elettrone-positrone alla più alta energia ( 100+100
GeV ). Con il TEVATRON del Fermilab di Chicago sono state realizzate colli-
sioni protone-antiprotone ad una energia totale di 2 T eV mentre con il Large
Hadron Collider (LHC) del CERN vengono realizzate collisioni protone-protone
all’energia totale di 14 T eV .

3.2 Interazioni delle particelle cariche e dei fo-


toni con la materia
Come vedremo molte volte in seguito, le dimensioni di un nucleo sono dell’ordine
dei fermi mentre protoni ed altre particelle subnucleari hanno dimensioni infe-
riori al fermi. Alcune particelle, quali elettroni e muoni, possono essere con-
siderate puntiformi in quanto se hanno dimensioni diverse da zero esse sono
più piccole del limite minimo della scala dimensionale accessibile agli strumenti
che oggi possediamo. La rivelazione e l’osservazione delle particelle nucleari e
subnucleari non può, quindi, che essere indiretta; esse dipendono in ultima anal-
isi dall’energia che le particelle, direttamente o indirettamente, trasferiscono al
mezzo materiale che attraversano e che va in processi di ionizzazione o ecci-
tazione dei costituenti atomici di tale mezzo. Nei rivelatori di particelle tali
processi vengono normalmente utilizzati per dar luogo a segnali elettrici che
vengono raccolti e analizzati con opportuni apparati elettronici.

3.2.1 Perdite di energia per ionizzazione


La perdita di energia di una particella carica "pesante"3 che attraversi la ma-
teria è quasi unicamente dovuta agli urti anelastici con gli elettroni atomici.
In questi processi, che hanno sezioni d’urto dell’ordine di 10 17 10 16 cm2 ,
enormemente grandi rispetto a quelle dei processi nucleari e subnucleari, viene
trasferita energia dalla particella all’atomo causando ionizzazione o eccitazione
di quest’ultimo. Così, una particella carica di massa M , carica elettrica ze e
velocità v = c, che attraversi un mezzo materiale, perde energia per unità di
percorso secondo la formula (Bethe-Bloch)
2
!
dT 4 nz 2 e2 2mc2 2 2
= ln (3.5)
dl mc2 2 4 0 I 1 2

ove T è l’energia cinetica della particella, m è la massa dell’elettrone, n è la


densità elettronica ed I è il potenziale di eccitazione medio degli degli atomi del
mezzo. Nel caso in cui il mezzo attraversato sia costituito da un unico elemento
di numero atomico Z, densità e peso atomico A, si ha
NZ
n= (3.6)
A
3 Con particella "pesante" intendiamo una particella con massa molto più grande di quella
dell’elettrone. Facciamo questa distinzione perché, come vedremo in seguito, gli elettroni a
causa della loro piccola massa subiscono una signi…cativa perdita di energia per irraggiamento,
mentre per le particelle "pesanti" questo meccanismo gioca un ruolo insigni…cante a meno che
non abbiano energie estremamente alte.
52 CHAPTER 3. STRUMENTI*

ove N è il numero di Avigadro; quindi,


2
!
2
dT 4 Z N z2 e2 2mc2 2
= ln (3.7)
dx mc2 A 2 4 0 I 1 2

avendo indicato con x = l il percorso espresso in g=cm2 (o kg=m2 ). Il potenziale


di eccitazione medio è tipicamente

I = 16eV Z 0;9 (per Z > 1) (3.8)

Come si vede, la perdita di energia per unità di percorso dipende unicamente


dalla carica elettrica e dalla velocità della particella ma non dalla sua massa.
La dipendenza di dT =dx dal mezzo attraversato è piuttosto debole in quanto
Z=A 0; 5 con buona approssimazione per la maggior parte degli elementi
esclusi l’idrogeno e gli elementi più pesanti. dT =dx ha un minimo per T
3M c2 ovvero per = T + M c2 =M c2 4 ovvero ancora per = v=c =
p
1 1= 2 0; 87. Tale minimo è dell’ordine di 1 2 M eV = g=cm2 per
quasi tutti gli elementi con l’esclusione dell’idrogeno per il quale è dell’ordine
di 4 M eV = g=cm2 (vedi …gura 3.6). Per velocità non relativistiche dT =dx
decresce con 1= 2 mentre oltre il minimo cresce con ln . Tale crescita, di per
sé già molto lenta, è ulteriormente mitigata, per grandi valori di , da un e¤etto
non incluso nella formula di Bethe-Bloch. Questo e¤etto, maggiore nei materiali
ad alta densità (e¤ etto densità), è dovuto alla polarizzazione degli atomi del
materiale indotta dal campo elettrico generato dalla particella incidente. La
polarizzazione produce un e¤etto di schermo sugli elettroni posti a distanze dalla
traiettoria della particella dell’ordine o maggiori delle distanze interatomiche.
La curva di dT =dx tende, pertanto, ad appiattirsi per grandi valori di ; per
103 tipicamente dT =dx è dell’ordine di 1; 5 volte il minimo e non cambia
molto a 104 (vedi …gura 3.6).
Il grosso della perdita di energia va nella produzione di coppie di elettroni
e ioni positivi. Tali coppie sono prodotte non soltanto per interazione diretta
della particella carica con gli atomi del mezzo (ionizzazione primaria) ma anche
dagli elettroni primari4 di energia più elevata, detti raggi .
Poiché il processo di perdita di energia per ionizzazione è un processo di
tipo statistico, la formula di Bethe- Bloch fornisce il valor medio di dT =dx.
La perdita di energia per unità di percorso ‡uttua intorno al valor medio; la
sua distribuzione, detta distribuzione di Landau, non è simmetrica ma presenta
una coda piuttosto lunga per valori più elevati del valor medio, dovuta essen-
zialmente al numero relativamente piccolo di urti con parametro d’urto piccolo
e, quindi, con perdita di energia elevata da parte della particella.
Il numero di coppie di ioni prodotte da una particella carica di alta energia
per unità di percorso dipende da dT =dx e dal valor medio dell’energia nec-
essaria per creare una coppia; tale energia è dell’ordine di 30 eV in un gas,
mentre è soltanto qualche eV in un semiconduttore.
Dall’andamento con la velocità di dT =dx, è chiaro che una particella pe-
sante perde energia ad un tasso variabile con il cambiare della sua energia cinet-
ica. Più energia per unità di percorso sarà persa verso …ne percorso piuttosto
che all’inizio. Questo e¤etto è mostrato nella …gura 3.7, nota come curva di
Bragg: la maggior parte dell’energia è depositata verso la …ne della traiettoria.
4 Gli elettroni primari hanno una distribuzione in energia che va grosso modo come dE=E 2 .
3.2. INTERAZIONI DELLE PARTICELLE CARICHE E DEI FOTONI CON LA MATERIA53

Figure 3.6: Perdita di energia per ionizzazione in diversi materiali al variare d


.

Figure 3.7: Tipica curva di Bragg che mostra come una particella pesante perda
buona parte della sua energia a …ne percorso
54 CHAPTER 3. STRUMENTI*

Figure 3.8: Rapporto tra particelle trasmesse e particelle incidenti in funzione


dello spessore dell’assorbitore, che illustra il signi…cato del "percorso residuo"
(range), la cui distribuzione è approssimativamente gaussiana.

Percorso residuo
La perdita di energia fa sì che una particella possa penetrare in un determinato
materiale, di spessore su¢ cientemente grande, soltanto per una certa distanza
detta "percorso residuo" o "range"; esso dipende ovviamente dal tipo di par-
ticella, dal materiale e dall’energia iniziale della particella stessa. Il percorso
residuo può essere determinato sperimentalmente facendo passare un fascio di
particelle uguali e della stessa energia attraverso di¤erenti spessori del materiale
in esame e misurando il rapporto tra il numero delle particelle trasmesse e il
numero di particelle incidenti. Se il range R fosse una lungnhezza ben de…nita,
si dovrebbe trovare che il rapporto è uno …nché lo spessore è minore di R e cala
bruscamente a zero non appena lo spessore diventa uguale a R. In realtà si
ottiene una curva come quella riportata in …gura 3.8. Questo è dovuto al fatto
che, come abbiamo già detto, la perdita di energia è un processo statistico Cias-
cuna particella del fascio subisce in generale un numero diverso di urti, per cui
il risultato della misura mostrerà una distribuzione dei percorsi residui, il cui
valor medio è generalmente assunto come percorso residuo (o range). Da un
punto di vista teorico ci si può aspettare che esso sia dato da
Z 0 1
dT
S (T ) = dT
Tiniziale dx
Questa relazione dà, però, la lunghezza media del percorso seguito dalla parti-
cella, che è in generale diverso dal percorso residuo, de…nito come lo spessore
in linea retta, in quanto a causa dello scattering coulombiano multiplo (vedi
seguito) la particella seguirà un percorso a zig-zag generalmente più lungo di
R. Tuttavia, poiché come vedremo l’e¤etto dello scattering multiplo è piuttosto
piccolo per le particelle pesanti, S (T ) è una buona approssimazione del range

3.2.2 Perdite di energia degli elettroni


Gli elettroni perdono energia per ionizzazione proprio come le particelle cariche
pesanti. Tuttavia, a causa della loro piccola massa, essi subiscono una signi-
3.2. INTERAZIONI DELLE PARTICELLE CARICHE E DEI FOTONI CON LA MATERIA55

…cativa perdita di energia per irraggiamento. Anzi, il meccanismo di perdita


di energia per produzione di radiazione diventa dominante quando l’energia
dell’elettrone è su¢ cientemente elevata. Nel piombo, per esempio, bastano
poche decine di M eV . Si ha emissione di radiazione quando l’elettrone viene dif-
fuso dal campo elettrico di un nucleo. Naturalmente si può avere irraggiamento
anche nell’urto tra l’elettrone (o positrone) incidente con un elettrone atomico;
però, questo processo, specialmente in materiali ad alto Z, contribuisce alla
perdita complessiva di energia per irraggiamento in misura molto minore degli
urti con i nuclei. La perdita di energia degli elettroni è, dunque, composta di
due parti
dT dT dT
= +
dx dx ion dx rad
Lo spettro dei fotoni irraggiati ha approssimativamente la forma dE =E , e,
integrando su E , la perdita totale per irraggiamento per unità di percorso è
data da
dT T
= (3.9)
dx rad X0
ove X0 è una grandezza caratteristica del mezzo attraversato, chiamata lunghezza
di radiazione. Per un elemento di numero atomico Z e peso atomico A, X0 è
data da
1 N 183
= 4 Z (Z + 1) a20 ln (3.10)
X0 A Z 1=3
2
ove a0 = 4 me02~ = 0; 5 10 10 m è il raggio di Bohr e = e2 =(4 0 ~c) = 1=137 è
la cosiddetta costante di struttura …ne.
Poiché per elettroni relativistici ( dT =dx)ion costante mentre ( dT =dx)rad /
T si comprende che ad alta energia domina la perdita per irraggiamento; in par-
ticolare le perdite sono uguali ad un valore dell’energia, detto energia critica,
dato da
600
Ec ' M eV
Z
Integrando la 3.9 rispetto a x si vede che l’energia media di un fascio di
elettroni, di energia iniziale E0 Ec , che abbia attraversato uno spessore x di
materiale è data da
hE (x)i = E0 e x=X0
Da questa relazione si deduce il signi…cato …sico di X0 : è il valore dello spessore
dopo il quale il valor medio dell’energia del fascio di elettroni è un e-esimo
dell’energia iniziale.

3.2.3 Scattering multiplo


Una particella carica "pesante" che attraversi un mezzo materiale ha interazioni
elettromagnetiche sia con gli elettroni che con i nuclei atomici del mezzo. Le
prime, come abbiamo già visto sono responsabili della perdita di energia per
ionizzazione della particella, alla quale, invece, il contributo degli urti con i nuclei
è del tutto trascurabile in quanto dT =dx dipende inversamente dalla massa del
bersaglio (vedi 3.7). L’urto di una particella carica con un nucleo (la cui massa è
in generale molto più grande di quella della particella) si traduce essenzialmente
nella deviazione di questa dalla traiettoria iniziale ed abbiamo già visto che
56 CHAPTER 3. STRUMENTI*

la sezione d’urto è espressa dalla formula di Rutherford (2.15). Tale sezione


d’urto è tanto più grande quanto più piccolo è l’angolo di de‡essione; perciò una
particella carica che attraversi un determinato spessore t di materiale subisce in
generale un numero molto grande di de‡essioni (scattering multiplo) emergendo
in una direzione che forma un angolo con la sua direzione iniziale. Assumendo
che t sia non troppo grande da poter trascurare la perdita di energia della
particella, ha distribuzione grosso modo gaussiana con uno scarto quadratico
medio 2 dato da
q r
2 zEs t
=
pv X0
ove p e v sono l’impulso e la velocità della particella, z è la carica elettrica in
unità e ed Es è una costante data da

Es = 21 M eV

Spesso interessa conoscere l’angolo medio di de‡essione proiettato su un piano


che contenga la traiettoria iniziale. Si mostra facilmente5 che
2
2
pro =
2
e, quindi, r
q
2 z 14M eV t
pro =
pv X0

3.2.4 Interazioni dei fotoni


Le principali interazioni di un fascio di fotoni con la materia che attraversa sono
tre:

1. e¤etto fotoelettrico,

2. di¤usione Compton,

3. creazione di coppie elettrone-positrone.

Altri processi, dovuti ad interazioni dei fotoni con i nuclei, hanno sezioni
d’urto molto più piccole. Ad alta energia (& 10 M eV ) domina la produzione
di coppie, che ha una sezione d’urto essenzialmente indipendente dall’energia
stessa. Con questo processo il fotone sparisce e al suo posto viene creata una
coppia elettrone-positrone. La di¤usione Compton consiste nell’urto del fotone
con un elettrone atomico durante il quale il fotone cede all’elettrone ( in generale,
buona) parte della sua energia ed emerge con minore energia in una direzione
diversa da quella di incidenza; la sezione d’urto del processo va sostanzialmente
come 1=E , per energie del fotone superiori a qualche M eV (vedi …g. 3.9). Nel
caso dell’e¤etto fotoelettrico, il fotone cede tutta la sua energia ad un elettrone
legato ionizzando l’atomo. Si tratta di un processo a soglia: per poter avvenire
il fotone deve avere energia maggiore dell’energia di legame dell’elettrone. La
probabilità che il processo si veri…chi, in funzione dell’energia del fotone, ha un
5 Nell’approssimazione 2 2 2 2 2 2 2
di piccoli angoli = x + y = x + y ma x = y
2 2
quindi =2 pro .
3.2. INTERAZIONI DELLE PARTICELLE CARICHE E DEI FOTONI CON LA MATERIA57

Figure 3.9: Coe¢ ciente di assorbimento dei fotoni in piombo in funzione


dell’energia del fotone.

massimo in corrispondenza dell’energia di legame dell’elettrone e poi diminuisce


rapidamente (circa con 1=E 3 ). E’evidente che l’interazione di un fascio di fo-
toni con la materia ha caratteristiche del tutto diverse da quelle di un fascio
di particelle cariche. L’e¤etto più rilevante subito da un fascio di particelle
pesanti che attraversi la materia è la perdita di energia, mentre il numero di
particelle del fascio si mantiene grosso modo costante man mano che il fascio
stesso penetra nella materia, …nché la velocità non si sia ridotta ad un piccolo
valore. Se si considera, invece, un fascio di fotoni le cose vanno diversamente
in quanto un fotone che subisce una interazione viene rimosso dal fascio o per
scattering (di¤usione Compton) o per assorbimento (processi 1 e 3). I fotoni
che attraversano uno spessore di materia ed emergono nella direzione di inci-
denza sono quelli che non hanno subito alcuna interazione e conservano, perciò,
l’energia iniziale. Considerando un fascio collimato e monoenergetico di fotoni,
l’attenuazione subita da fascio nell’attraversare uno spessore x di materia è de-
scritta dalla legge esponenziale
x
I = I0 e
ove I0 è l’intensità iniziale e è il coe¢ ciente di assorbimento. Nel caso di fotoni
di energia elevata (& 100M eV ) = 1= (9X0 =7) e, quindi,
7x
I = I0 e 9X0
(3.11)
In …gura 3.9 è mostrato l’andamento del coe¢ ciente di assorbimento al variare
dell’energia del fotone.

Cascata elettromagnetica
Sia l’e¤etto Compton che la creazione di coppie e+ e danno origine ad elettroni
aventi energie confrontabili con quelle del fotone incidente. Questi elettroni,
58 CHAPTER 3. STRUMENTI*

proseguendo il loro percorso nella materia possono produrre ulteriori fotoni per
irraggiamento oppure, nel caso del positrone, per annichilazione del positrone
stesso con un elettrone del mezzo. Questi, purchè di energia su¢ ciente, possono
produrre ulteriori elettroni e così via. Si comprende, dunque, che quando un
fotone o un elettrone di alta energia incide su della materia di spessore inde…nito
si sviluppa all’interno del materiale una cascata elettroforonica o sciame elet-
trofotonico o sciame elettromagnetico. La teoria dello sviluppo dello sciame è
molto complicata per cui ci limitiamo a considerazioni di tipo qualitativo e semi-
quantitativo. Osserviamo innanzitutto che ad alta energia gli angoli sotto cui
vengono emessi elettroni e fotoni secondari sono molto piccoli, perciò lo sviluppo
trasversale dello sciame è spazialmente meno rilevante di quello longitudinale,
tanto da poter pensare che lo sciame si sviluppi essenzialmente nella direzione
del fotone o elettrone primario incidente. Qualitativamente si comprende che
quando un fotone o un elettrone di alta energia E0 penetra in uno spessore x
di materiale (omogeneo), in un primo tempo c’è una crescita del numero dei
secondari all’aumentare della profondità, quindi detto numero diminuisce …no
ad annullarsi a causa della perdita di energia dei secondari.
Sviluppiamo un modello semplice ma grossolano dello sviluppo longitudinale
dello sciame facendo le seguenti ipotesi:

1. un elettrone la cui energia sia minore dell’energia critica Ec perda en-


ergia soltanto per ionizzazione e, quindi, non dia luogo a produzione di
secondari;
2. per un fotone di energia minore di Ec non si veri…chino processi molti-
plicativi;
3. un elettrone (con E >> Ec ) perda (in media) in un cammino di radiazione
metà della sua energia cedendola ad un fotone;
4. un fotone in un cammino di radiazione generi (in media) un coppia e+ e
dividendo la sua energia in parti uguali tra l’elettrone e il positrone.

Dopo x lunghezze di radiazione il numero totale di secondari è Nx = 2x


e ciascuno di essi ha energia Ex = E0 =2x ; quindi Nx = E0 =Ex . Il numero
dei secondari cresce esponenzialmente al crescere del percorso e il suo valore
massimo viene raggiunto quando ciascuno di essi ha energia Emax uguale (o
minore) di Ec
E0
Emax = xmax
2
Così il massimo sviluppo dello sciame si ha dopo un percorso (espresso in unità
di lunghezza di radiazione X0 )
1 E0
xmax = lg (3.12)
lg 2 Ec
e ad esso corrisponde il numero massimo di secondari (elettroni/positroni e
fotoni)
E0
Nmax =
Ec
Secondo questo modello semplicistico per x > xmax il numero di secondari si
riduce bruscamente a zero. Naturalmente questo non trova alcun riscontro nella
3.3. RIVELATORI DI PARTICELLE 59

realtà sebbene sia il numero di secondari al massimo dello sviluppo che la lo-
calizzazione di tale massimo corrispondano abbastanza bene alla realtà ed alle
previsioni di una teoria esatta dello sviluppo longitudinale dello sciame. In
particolare occorre notare che la profondità xmax (in unità di lunghezza di ra-
diazione X0 ) dipende dal logaritmo di E0 mentre Nmx varia linearmente con
E0 . A causa della di¤usione coulombiana lo sciame ha, naturalmente, anche
uno sviluppo trasversale la cui dimensione è espressa da cosiddetto raggio di
Molière
21X0
Rm = (3.13)
Ec
con Ec espressa in M eV .

3.3 Rivelatori di particelle


Rivelare una particella signi…ca, nel caso più generale, registrare il tempo di
arrivo, riconoscere la carica elettrica e ricostruire la traiettoria, allo scopo di
identi…carla e misurarne l’impulso (o l’energia). Una particella carica è molto
spesso rivelata attraverso la ionizzazione da essa prodotta nel mezzo che attra-
versa ed esistono vari tipi di rivelatori che si basano su questo meccanismo. Essi
possono essere di tipo "visualizzante", quando permettono di assciare alla trai-
ettoria della particella una traccia che può essere, per esempio, fotografata o
che rimane impressa nel rivelatore stesso (come nel caso delle emulsioni fotogra-
…che), oppure possono essere "elettronici " nel senso che la ionizzazione primaria
prodotta dalla particella può dar luogo, direttamente o dopo un’opportuna am-
pli…cazione di carica, ad un segnale elettrico che è acquisito e registrato da un
sistema elettronico. I materiali che costituiscono i rivelatori che si basano sulla
ionizzazione sono molto spesso gassosi ma possono anche essere liquidi o solidi.
Una particella ionizzante può anche essere rivelata per mezzo della luce di scin-
tillazione che taluni materiali, detti scintillatori, emettono quando la particella
li attraversa. Le particelle neutre sono rivelate per mezzo delle particelle cariche
secondarie da esse prodotte o per decadimento o per interazione con la materia
da parte di loro stesse o dei loro prodotti di decadimento. Così, i neutroni sono
rivelati per mezzo delle loro interazioni nucleari, diverse a seconda dell’energia
del neutrone stesso. La rivelazione dei fotoni si basa su metodi diversi secondo
la loro energia. Fotoni di bassa energia (< 100 keV ) si rivelano per mezzo degli
elettroni che essi producono per e¤etto fotoelettrico; ad energie più elevate (…no
a 1 M eV ) la rivelazione avviene per mezzo dell’e¤etto Compton. Ad energie
ancora più elevate domina il meccanismo di creazione di coppie e+ e e, per
energie molto alte, la rivelazione si basa sugli sciami elettromagnetici a cui essi
danno luogo.

3.3.1 Rivelatori visualizzanti


Camera a nebbia
La camera a nebbia, ideata e costruita da C. T. R. Wilson nel 1912, è stato
il primo rivelatore visualizzante e, pertanto, il suo interesse è essenzialmente
storico. Si tratta di un recipiente contenente un gas (per esempio aria) ed un
vapore (per esempio acqua). Facendo espandere rapidamente il gas si realizza
una espansione essenzialmente adiabatica che provoca il ra¤reddamento del gas
60 CHAPTER 3. STRUMENTI*

e rende il vapore sovrassaturo. Esso tende quindi a condensare e, in presenza di


ioni dovuti al passaggio di una particella ionizzante, goccioline di liquido iniziano
a formarsi proprio intorno a tali ioni, in quanto la pressione del vapore saturo su
una gocciolina carica è minore di quella, per esempio, su una super…cie piana.
Le goccioline intensamente illuminate possono essere fotografate ottenendo una
immagine nitida della traccia lasciata dalla particella ionizzante. La camera a
nebbia funziona a cicli. Dopo l’espansione rimane sensibile per un tempo di circa
0; 1 s, dopodiché viene preparata per una nuova espansione prima eliminando
gli ioni presenti con un opportuno campo elettrico e poi comprimendola.

Camera a bolle

Un dispositivo ben più rilevante della camera a nebbia è la camera a bolle,


sviluppata da Glaser nel 1952. Si tratta di un recipiente contenente un liquido
tenuto compresso ad una temperatura inferiore a quella di ebollizione. Provo-
cando una rapida riduzione della pressione, il punto di ebollizione si abbassa e
il liquido inizia a sviluppare bollicine, che si formano sugli ioni presenti. Sot-
toposte ad intensa illuminazione, le bollicine possono essere fotografate, prima
che crescano eccessivamente, permettendo così di registrare la nitida traccia di
ionizzazione lasciata nella camera da una particella ionizzante. La camera viene
fotografata usualmente con tre macchine fotogra…che disposte opportunamente
in modo da poter e¤ettuare una ricostruzione stereoscopica della traccia. Nor-
malmente la camera a bolle è immersa in un intenso campo magnetico per cui
le tracce risultano curve e la misura della curvatura permette di determinare
il segno della carica elettrica (unitaria, jej) e l’impulso della particella associ-
ata alla traccia. Dalla misura della densità delle bolle, che è proporzionale alla
ionizzazione speci…ca, è generalmente possibile determinare la velocità della par-
ticella. Le misure combinate di impulso e velocità permettono di calcolare la
massa della particella, consentendone l’identi…cazione. Tipicamente occorrono
10 ms per eseguire la decompressione della camera, dopodiché essa resta sen-
sibile per un tempo dello stesso ordine di garndezza. La camera vien quindi
compressa e resa pronta per un altro ciclo. La durata di un ciclo è dell’ordine
di 1s.
Le camere bolle hanno lavorato con vari liquidi quali idrogeno, deuterio,
propano, xenon e sono state costruite camere a bolle anche molto grandi (BEBC
al CERN aveva un volume di 38 m3 e fu usata con idrogeno e deuterio). Nel
complesso esse hanno svolto un ruolo molto importante per lo sviluppo della
…sica subnucleare; tuttavia l’enorme sviluppo dell’elettronica e dei rivelatori
elettronici ha fatto sì che già da molti anni non siano più usate.

3.3.2 Rivelatori a gas


Una particella carica che attraversa un gas lascia lungo la sua traiettoria una
traccia di ionizzazione. Se il gas è posto tra due elettrodi, tra i quali è appli-
cata una di¤erenza di potenziale V , l’azione del campo elettrico fa migrare gli
elettroni verso l’elettrodo positivo (anodo) e gli ioni positivi verso l’elettrodo
negativo (catodo). Secondo l’intensità del campo elettrico e della natura del
gas, possono veri…carsi diversi fenomeni che caratterizzano i vari rivelatori a
gas. Normalmente il gas è una miscela di alcune componenti e, in generale, la
3.3. RIVELATORI DI PARTICELLE 61

componente preponderante è un gas nobile. L’energia necessaria per creare una


coppia elettrone-ione è dell’ordine di 20-30 MeV.
Vediamo ora brevemente il principio di funzionamento di alcuni rivelatori a
gas.

Camera a ionizzazione
Gli elettrodi sono piani e paralleli; il rivelatore ha, cioè, una struttura molto
simile ad un condensatore piano. Il campo elettrico tra gli elettrodi non è molto
intenso in modo che le carica prodotte dalla ionizzazione non acquistino, tra
un urto e l’altro con gli atomi del gas, energia su¢ ciente a creare altre coppie
di ioni. Gli elettroni e gli ioni migrano verso i rispettivi elettrodi con una
velocità costante, detta velocità di deriva ( o di drift) molto diversa per ioni ed
elettroni. Tale migrazione produce una variazione della tensione tra gli elettrodi
V (t), che dà luogo ad un segnale proporzionale alla carica prodotta e, quindi,
all’energia persa dalla particella.

Contatore proporzionale
Supponiamo che il catodo sia un elettrodo cilindrico e l’anodo un …lo teso lungo
il suo asse. Il campo elettrico è radiale; gli elettroni della ionizzazione primaria
migrano verso il …lo sperimentando un campo elettrico crescente (E / 1=r) man
mano che si avvicinano al …lo. In prossimità di questo il campo è su¢ cientemente
intenso da permettere agli elettroni di acquistare, tra un urto e il successivo, una
energia su¢ ciente per creare ionizzazione secondaria. Si innesca così un processo
di moltiplicazione di carica. Al crescere dell’intensità del campo elettrico il
processo di moltiplicazione attraversa vari regimi, cominciando con un regime
proporzionale nel quale la carica totale prodotta è proporzionale alla carica di
ionizzazione primaria e, quindi, all’energia persa dalla particella. Il processo di
moltiplicazione inizia ad una distanza dal …lo dell’ordine del diametro del …lo
stesso e dura un tempo dell’ordine di qualche ns; il fattore di moltiplicazione è
dell’ordine di 104 105 ed il segnale di corrente è tipicamente di qualche A.

Contatore Geiger-Mueller
In questo caso il fattore di moltiplicazione è molto più elevato ma il rivelatore
funziona in regime saturato, cioè il numero di elettroni secondari è sostanzial-
mente indipendento dalla ionizzazione primaria.

Camera a …li proporzionale


La tipica geometria di una camera a …li proporzionale è quella indicata in …gura
3.10. Tra due elettrodi piani catodici paralleli è posto un piano anodico costi-
tuito da …li paralleli il cui diametro è tipicamente di qualche decina di micron.
La spaziatura dei …li può essere anche abbastanza piccola, …no a 0; 5 mm. La
di¤erenza di potenziale tra gli elettrodi è dell’ordine di qualche kV , così che il
campo elettrico, il cui andamento in prossimità del …lo va come 1=r, assuma il
valore massimo di 104 105 V =m. I singoli …li agiscono come se appartenesero
ciascuno ad un contatore proporzionale indipendente, per cui la camera si com-
porta come se fosse composta da un gran numero di contatori proporzionali di
piccolo raggio a¢ ancati, l’uno parallelo all’altro, a formare un piano. In questo
62 CHAPTER 3. STRUMENTI*

Figure 3.10: Struttura di principio di una camera a …li proporzionale.

modo alle caratteristiche tipiche di un contatore proporzionale si aggiunge la ca-


pacità della camera di rivelare con buona risoluzione spaziale (dell’ordine della
spaziatura dei …li) la posizione del punto di attraversamento del piano di …li da
parte di una particella carica. E’allora possibile ricostruire la traccia della par-
ticella utilizzando una serie di camere proporzionali successive con la direzione
dei …li opportunamente alternata.

Camera a deriva

La struttura è abbastanza simile a quella della camera proprzionale. I …li an-


odici sono, però, molto più distanti tra loro (tipicamente qualche cm) e sono
alternati a …li catodici posti sullo stesso piano; i piani catodici possono essere
realizzati anch’essi a …li paralleli (o in altro modo equivalente). La camera si
presenta come una serie di celle uguali a¢ ancate, delimitate dai …li catodici
(…li di campo) e aventi ognuna un …lo anodico (…lo di sense) al centro (…gura
3.11). Nel caso della camera a deriva non soltanto si registra il segnale del …lo
anodico ma anche il ritardo con cui si manifesta tale segnale rispetto all’istante
in cui la particella ionizzante ha attraversato il piano anodico: tale ritardo è
determinato dal tempo di deriva degli elettroni primari verso il …lo di sense
e si chiama tempo di deriva ( o di drift). La misura di tale tempo permette,
nota la velocità di deriva, di ricavare la distanza dal …lo alla quale è passata la
particella. Il tempo di deriva è misurato con un opportuno circuito convertitore
tempo-digitale (TDC) al quale un segnale fornito da un sistema di contatori
veloci (per esempio, contatori a scintillazione) dà lo "start" e il segnale del …lo
anodico dà lo "stop". E’ evidente che, a parità di super…cie dei rivelatori, le
camere a deriva richiedono un minor numero di canali di elettronica rispetto alle
camere proporzionali, anche se il singolo canale presenta una maggiore comp-
lessità. Per altro la risoluzione spaziale, tipicamente 100 200 m, è migliore
di quella di una camera proporzionale.
3.3. RIVELATORI DI PARTICELLE 63

Figure 3.11: Tipica struttura di una camera a drift.

3.3.3 Rivelatori a scintillazione


Abbiamo già detto che una particella ionizzante può anche essere rivelata per
mezzo della luce di scintillazione che taluni materiali, detti scintillatori, emet-
tono quando essa li attraversa. Il meccanismo è in principio relativamente sem-
plice: la particella eccita le molecole del mezzo attraversato e queste si disecc-
itano emettendo luce di ‡uorescenza. Tuttavia, nel dettaglio, le caratteristiche
del meccanismo di scintillazione dipendono dalla natura del materiale scintil-
lante che può essere di vari tipi. Esistono infatti scintillatori costituiti da cristali
inorganici (per esempio NaI), cristalli organici, materiali plastici e liquidi che
emettono luce di scintillazione nel visibile con tempi di decadimento dell’ordine
di 1ns o pochi ns. Tipicamente si ha un fotone emesso ogni 10eV di energia
persa dalla particella ionizzante. A¢ nchè il meccanismo di fuorescenza possa
essere favorevolmente usato per rivelare particelle occorre che la diseccitazione
avvenga per stati intermedi in modo che il mezzo abbia una buona trasparenza
alla luce emessa. I fotoni di fuorescenza vengono convogliati, mediante ri‡es-
sioni multiple in opportune guide di luce sul fotocatodo di un fotomoltiplicatore
(…gura 3.12) dal quale essi estraggono elettroni (fotoelettroni ) per e¤etto fo-
toelettrico, con una e¢ cienza quantica che tipicamente è intorno al 20%. Gli
elettroni vengono accelerati e moltiplicati con un sistema di elettrodi in cascata
(dinodi ) posti a potenziali crescenti. La moltiplicazione di carica avviene per
urto contro i dinodi, dai quali vengono estratti altri elettroni. In questo modo il
numero di fotoelettroni iniziali viene moltiplicato per un fattore (guadagno del
fotomoltiplicatore) dell’ordine di 106 108 . Alla …ne del processo di moltipli-
cazione gli elettroni sono raccolti da un anodo dando luogo a un segnale elettrico.
L’intero processe di moltiplicazione dura pochi ns. La risoluzione temporale di
un contatore a scintillazione è tipicamente 1ns.

3.3.4 Rivelatori Cerenkov


Quando una particella carica attraversa un dielettrico di indice di rifrazione n
con velocità v = c maggiore della velocità della luce nel mezzo c=n, parte
dell’energia persa dalla particella viene riemessa in modo da formare un fronte
d’onda di radiazione coerente (radiazione Cerenkov ) che si propaga ad un un
angolo …ssato rispetto alla direzione della particella incidente, dato da

1 1
cos = > (3.14)
n n
64 CHAPTER 3. STRUMENTI*

Figure 3.12: Schema di un fotomoltiplicatore.

Figure 3.13: Formazione del fronte d’onda Cerenkov.

Tale radiazione nasce dalla polarizzazione locale del dielettrico, indotta dalla
particella, e dalla sua successiva diseccitazione che dà luogo ad un’onda d’urto
elettromagnetica analoga a quella generata da aerei che volano a velocità su-
personica (…gura 3.13).La radiazione Cerencov ha uno spettro continuo. In un
mezzo dispersivo sia n che dipendono dalla frequenza . Il numero di fo-
toni ad una particolare frequenza è proporzionale a d e, quindi, a d = 2 , per
cui la radiazione è dominata dal blu. L’energia persa per e¤etto Cerenkov è
molto piccola rispetto a quella persa per ionizzazione. Per esempio, una parti-
cella di carica q = e e ' 1 in acqua perde per ionizzazione 2M eV =cm ed
emette nel visibile per e¤etto Cerenkov 400eV =cm, corrispondenti a 200
f otoni=cm. L’e¤etto Cerenkov è importante perché può consentire la misura
della velocità della particella attraverso la misura dell’angolo di apertura del
cono di luce Cerenkov; la rivelazione può essere fatta, per esempio, usando fo-
tomoltiplicatori. Esistono vari tipi di rivelatori Cerenkov; il più semplice è di
tipo "a soglia", che dà un segnale soltanto quando la particella che lo attraversa
3.4. QUESITI ED ESERCIZI 65

supera una predeterminata velocità.

3.3.5 Rivelatori a semiconduttore


Un rivelatore a semiconduttore è sostanzialmente una camera a ionizzazione re-
alizzata con una giunzione p-n polarizzata inversamente e completamente svuo-
tata. La particella ionizzante nell’attraversare la giunzione crea coppie elettrone-
lacuna che danno luogo ad una corrente al di sopra del fondo costituito dalla
corrente di polarizzazione inversa. Questo tipo di rivelatore ha avuto ed ha
un largo impiego nella …sica nucleare di bassa energia. Un nucleo di energia
relativamente bassa può essere arrestato nel rivelatore e, quindi, il segnale mis-
urato permette di ricavare direttamente l’energia del nucleo, per altro con una
risoluzione molto buona. Infatti, poiché la gap tra banda di valenza e banda di
conduzione nei semiconduttori è soltanto di 1eV , ocorrono in media 3 4eV
di energia persa dalla particella per produrre una coppia elettrone-lacuna. Così,
a parità di energia persa, la carica primaria prodotta in un rivelatore a semicon-
duttore è molto più grande che in altri rivelatori e, quindi, sono percentualmente
minori le ‡uttuazioni statistiche di tale carica il che fa sì che questi rivelatori
abbiano in genere una ottima risoluzione in energia.
Rivelatori a semiconduttore, opportunamente costruiti, sono oggi ampia-
mente usati anche nella …sica sperimentale delle alte energie come rivelatori
di posizione ad altissima risoluzione spaziale. Questa è determinata dalle di-
mensioni degli elettrodi che, usando le tecnologie dei circuiti integrati, possono
essere moloto ridotte. E’, così, possibile ottenere risoluzioni spaziali dell’ordine
di 10 m. Anche la risoluzione temporale è in genere molto buona risultando di
1ns.

3.4 Quesiti ed esercizi


3.4.1 Quesiti
1. Si illustrino i principali acceleratori elettrostatici e le loro caratteristiche.

2. Si parli degli acceleratori lineari e si illustri il concetto di stabilità di fase.

3. Si decriva il ciclotrone.

4. Che cosa è il betatrone e come si di¤erenzia dal ciclotrone?

5. Si descriva nelle linee essenziali il sincrotrone.

6. Si parli delle perdite di energia per ionizzazione e si introduca il concetto


di percorso residuo.

7. Come si di¤erenziano le perdite di energia degli elettroni da quelle delle


altre particelle cariche? Che cosa è il cammino di radiazione?

8. Si parli delle interazioni dei fotoni con la materia.

9. Si parli della cascata elettromagnetica.

10. Si parli dello scattering multiplo.


66 CHAPTER 3. STRUMENTI*

11. Si illustrino alcuni esempi di rivelatori a gas.


12. Che cosa è un fotomoltiplicatore? Come funziona?

13. Che cosa è l’e¤etto Cerenkov? Quale contributo dà alla rivelazione di


particelle?

3.4.2 Esercizi
Part II

Nuclei

67
Chapter 4

Dimensioni e masse dei


nuclei

4.1 Distribuzioni di carica elettrica e di massa


dei nuclei

4.1.1 Quant’è grande un nucleo?


Poiché il nucleo non è un oggetto puntiforme, come risulta chiaro dalle evidenze
sperimentali anche storicamentte più remote, cerchiamo di farci, innanzitutto,
una idea della sua estensione. Abbiamo già detto che esso possiede una carica
elettrica positiva pari a Ze e che la massa di ciascun nuclide è molto prossima
alla massa atomica e, quindi, a circa A volte la massa dell’atomo di idrogeno.
Dobbiamo, allora, cominciare con chiarire che parlando di ”estensione” del nu-
cleo possiamo sia riferirci alla sua distibuzione di carica elettrica che alla sua
distribuzione di massa. Queste due distribuzioni potrebbero essere in principio
diverse come diversi possono essere gli strumenti di indagine sperimentale volti
ad analizzare l’una o l’altra. Per cominciare, però, adottiamo un modello nu-
cleare estremamente semplice: assimiliamo il nucleo ad una sfera, di raggio R,
uniformemente carica e con densità costante. Assumiamo, inoltre, che la densità
sia la stessa per tutti i nuclei. Questo ci permette di scrivere

1
R = r0 A 3

ove r0 è una costante che può essere determinata sia misurando la distribuzione
della carica elettrica nucleare sia misurando la distribuzione di massa. Nonos-
tante l’estrema sempli…cazione del modello, vedremo in seguito che questa re-
lazione rappresenta una buona approssimazione almeno per i nuclei medio-
pesanti, per i quali si ottiene un valore di r0 ' 1; 2 f m sia considerando la
distribuzione di carica che quella di massa. Questo signi…ca che la densità di
massa nucleare è m ' 0; 14 nucleoni=f m3 ovvero m ' 0; 23 1018 kg=m3 (!) e
un nucleo quale, per esempio, il 56 F e ha un raggio R ' 4; 6 f m mentre il 238 U
ha R ' 7; 4 f m.

69
70 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

4.1.2 Di¤usione elastica elettrone-nucleo


La di¤usione elastica elettrone-nucleo è lo strumento di eccellenza per lo studio
della struttura elettromagnetica del nucleo. Per quanto ne sappiamo …no ad
oggi, l’elettrone è a tutti gli e¤etti una particella puntiforme, per cui la sezione
d’urto ri‡ette soltanto la struttura del nucleo (il bersaglio); inoltre, l’elettrone,
contrariamente a quanto avviene, per esempio, con le particelle alfa, non ha con
il nucleo interazioni di tipo forte ma solo elettromagnetiche.
Cominciamo con delle considerazioni di carattere qualitativo, per capire
quale energia debbano avere gli elettroni per servire allo studio della struttura
del nucleo. Se indichiamo con
h
e =
p
la lunghezza d’onda di De Broglie associata al fascio di elettroni incidenti, e con
D il diametro del nucleo bersaglio, deve chiaramente essere

e <D

se vogliamo poter risolvere la struttura interna del bersaglio. Infatti, se fosse


e D; il nucleo apparirebbe a tutti gli e¤etti puntiforme. Allora, per i nostri
studi di di¤usione dovremo usare fasci di elettroni con
h 2 ~c M eV
p> = 125
D cD c
avendo preso D 10 f m ed essendo

~c = 197; 3 M eV f m ' 200 M eV f m

Se considerassimo il nucleo come un disco ”opaco” ed applicassimo i risultati


noti della di¤razione della luce, ci aspetteremmo una sezione d’urto con un
andamento di tipo di¤rattivo, con il primo minimo a

1; 22 e
= arcsin
D
In taluni casi si ottiene e¤ettivamente un andamento molto simile a quanto
aspettato, come si vede nella …gura 4.1. Rifacendoci alla …gura e usando le
posizioni del primo minimo, calcoliamo
D 16
2; 6 f m per O
2
12
2; 3 f m per C

Naturalmente si tratta di stime rozze, seppure non completamente campate in


aria. In generale, però, le cose sono molto più complicate e le sezioni d’urto,
pur conservando caratteristiche di tipo di¤rattivo, si presentano in modo molto
più complesso e di interpretazione non immediata (…gura 4.2).

Di¤usione da una distribuzione statica di carica.


Cerchiamo, allora, di essere più quantitativi pur facendo delle assunzioni sem-
pli…cative. Trascuriamo per il momento il fatto che l’elettrone abbia spin e, alle
4.1. DISTRIBUZIONI DI CARICA ELETTRICA E DI MASSA DEI NUCLEI71

16 12
Figure 4.1: Sezione d’urto dello scattering di elettroni su Oe C.
72 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

208
Figure 4.2: Scattering di elettroni su P b.
4.1. DISTRIBUZIONI DI CARICA ELETTRICA E DI MASSA DEI NUCLEI73

energie considerate, si muova ad una velocità molto prossima a c e usiamo i


risultati della teoria quantistica non relativistica della di¤usione da potenziale
per descrivere l’urto elastico elettrone-nucleo. La sezione d’urto di¤erenziale dd
è data da (2.27)
d 2
= jf (q)j
d
ove f (q) è, come sappiamo, l’ampiezza di di¤usione (2.28)
Z
m
f (q) = eiq r V (r) d3 r (4.1)
2 ~2
e
~q = pi pf
è l’impulso trasferito al bersaglio. V (r) è il potenziale che descrive la forza che
si esercita tra l’elettrone e il nucleo. Come abbiamo già fatto nel paragrafo 2.8.2,
scriviamo tale potenziale come
r
V (r) = VC (r) e a

ove VC (r) è il potenziale coulombiano del nucleo e a è una costante (con le


dimensioni di una lunghezza) dell’ordine delle dimensioni atomiche. Per r a
il fattore esponenziale vale circa 1 ed il potenziale coincide con il potenziale
coulombiano del nucleo; per r a lo stesso fattore si azzera in quanto la carica
positiva del nucleo risulta completamente schermata dalla carica degli elettroni.
Assumiamo, per sempli…care, che al nucleo corrisponda una distribuzione statica
di carica con densità volumica
Z 1
Ze (r0 ) con (r0 ) d3 r0 = 1
0

Con riferimento alla …gura 4.3 abbiamo


Z
Ze2 (r0 ) d3 r0
VC (r) =
4 0 jr r0 j

e, quindi,
Z jr r0 j
Ze2 e a (r0 ) d3 r0
V (r) =
4 0 jr r0 j
Perciò
Z Z jr r0 j
mZe2 eiq r e a (r0 ) d3 r0 d3 r
f (q) =
8 2 0 ~2 jr r0 j
0
iq r0
ovvero, introducendo il fattore unitario eiq r e ,
Z Z r0 ) jr r0 j
mZe2 0 eiq (r e a d3 r
f (q) = (r0 ) eiq r d3 r0
8 2 0 ~2 jr r0 j

Poniamo r r0 = s; in modo che d3 r = d3 s e jr r0 j = s. Allora


Z Z s
mZe2 0 iq r0 3 0 eiq s e a d3 s
f (q) = (r ) e d r
8 2 0 ~2 s
74 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

Figure 4.3: De…nizione dei vettori r e r0 .

De…niamo il fattore di forma della distribuzione di carica


Z
0
F (q) = (r0 ) eiq r d3 r0 (4.2)

Allora Z Z
mZe2 s
f (q) = F (q) 2 se a ds eiqs cos sin d
8 2 0 ~2 0
da cui
mZe2 F (q)
f (q) =
2 0 ~2 q 2 + a12
Quindi,
2
d 2 mZe2 F 2 (q)
= jf (q)j =
d 2 0 ~2 1 2
q2 + a2

Nella regione di scattering di interesse si ha q >> a1 (a 10 8


cm, ~c
ac ' 2 keV
c ),
per cui
2
d mZe2 F 2 (q)
= 2
(4.3)
d 2 0~ q4
Se assumiamo che la distribuzione di carica (r0 ) abbia simmetria sferica, ab-
biamo Z
4
F (q) = F (q) = sin (qr0 ) (r0 ) r0 dr0
q
e
2
d mZe2 F 2 (q)
=
d 2 0 ~2 q4
Considerando che

p = jpf j = jpi j
2p
q = jqj = sin
~ 2
4.1. DISTRIBUZIONI DI CARICA ELETTRICA E DI MASSA DEI NUCLEI75

ove è l’angolo di scattering, si vede immediatamente che


d d
= F 2 (q) (4.4)
d d Rutherford

Si vede, cioè, che la sezione d’urto 4.3 è, a meno del fattore di forma, proprio la
sezione durto di Rutherford; d’altra parte, per una carica puntiforme possiamo
scrivere (r0 ) = (r0 ) e, quindi, la 4.2 dà F 2 (q) = 1.

Fattore di forma del nucleo


La 4.4 è stata derivata nel limite non relativistico, senza considerare lo spin
dell’elettrone e assumendo che al nucleo corrisponda una distribuzione statica
di carica. Un calcolo più appropriato dà
d d
= F 2 (q)
d d M ott

ove F (q) è il fattore di forma del nucleo e (d =d )M ott è l’equivalente della


sezione d’urto di Rutherford ottenuta, però, considerando che l’elettrone è una
particella relativistica ed ha spin 1=2. Si ha
2
d 4 Ze2 E2 1 2
= 2 4 4 1 sin2
d M ott (4 0 ) (~c) q 2

ove E è l’energia dell’elettrone e c è la sua velocità. Il termine 2 sin2 2 deriva


dall’interazione del momento magnetico dell’elettrone con il campo magnetico
generato dal nucleo in moto rispetto all’elettrone stesso. Tale termine è tanto
più importante quanto più è prossimo a 1. Infatti, nel limite ! 1, forza
elettrica e forza magnetica diventano dello stesso ordine di grandezza. Per
! 0 la forza magnetica è sempre meno rilevante; in questo limite E ! mc2 e
la sezione d’urto si riduce a quella di Rutherford.
Il fattore di forma contiene tutte le informazioni sulla distribuzione di carica
del nucleo bersaglio e, come si vede dalla 4.2, esso è (a meno di costanti e nel
limite statico) la trasformata di Fourier della distribuzione di carica. Allora, si
potrebbe pensare che per determinare sperimentalmente la distribuzione di car-
ica nucleare si possa procedere attraverso i seguenti passi: a) si misura la sezione
d’urto di¤erenziale dello scattering e-nucleo a diverse energie dell’elettrone e a
diversi angoli di scattering (diversi impulsi trasferiti), b) si calcola per punti il
fattore di forma facendo il rapporto tra la sezione d’urto misurata e la sezione
d’urto calcolata per il nucleo puntiforme, c) si determina la distribuzione di car-
ica nucleare calcolando l’antitrasformata di Fourier del fattore di forma. In prat-
ica questa procedura non può essere adottata completamente in quanto i dati
sperimentali che si riesce ad ottenere non consentono di operare l’antitrasformata
di Fourier. Infatti, il fattore di forma può essere misurato con su¢ ciente accu-
ratezza soltanto su un intervallo limitato di impulso trasferito. Questo è dovuto
sia al fatto che l’energia del fascio non può essere variata a piacere (ma dipende
dagli acceleratori disponibili) sia al fatto che la sezione d’urto diminuisce molto
rapidamente al crescere dell’impulso trasferito. Allora, si procede usando oppor-
tune parametrizzazioni della distribuzione di carica, calcolando i corrispondenti
fattori di forma e variando quindi i parametri per ottenere un ”best …t”tra dati
calcolati e dati misurati.
76 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

Figure 4.4: Distribuzioni radiali di carica di alcuni nuclei.

Figure 4.5: Forma della distribuzione di carica nucleare.

Sono state eseguite moltissime misure. Nella …gura 4.4 è riportata la dis-
tribuzione radiale di carica per diversi nuclei. Distribuzioni di questo genere pos-
sono essere descritte con buona approssimazione da una funzione ”alla Fermi”
con due parametri
(0)
(r) = r c (4.5)
1+e a
Questa distribuzione ha la forma indicata in …gura 4.5. I nuclei non sono dunque
delle sfere con super…cie de…nita nettamente: mentre al loro interno la densità
di carica è circa costante, alla super…cie decresce gradualmente su un intervallo
relativamente lungo. La costante c rappresenta il valore del raggio al quale la
densità di carica si è dimezzata. La costante a è, invece, legata al cosiddetto
spessore di pelle t, cioè l’intervallo di r nel quale la densità di carica passa dal
90% al 10% del massimo
t = 2a ln 9
4.1. DISTRIBUZIONI DI CARICA ELETTRICA E DI MASSA DEI NUCLEI77

Empiricamente si trova che, almeno per i nuclei medio-pesanti, c ed a sono dati


da
1
c = 1; 07 A 3 fm
a = 0; 54 fm

Con questi valori si vede che, per i nuclei medio-pesanti, il raggio quadratico
1
medio, che scala come A 3 , è dato da
1 1
r2 2
= r~ A 3 con r~ = 0; 94 f m

mentre lo spessore di pelle è


t ' 2; 4 f m
Se approssimiamo tali nuclei (come abbiamo fatto in precedenza) con una sfera
uniformemente carica di raggio R, otteniamo
1
R = r0 A 3 con r0 = 1; 21 f m

essendo
5 2
R2 = r
3
Alcuni nuclei deviano sensibilmente dalla forma sferica, possedendo piuttosto
delle forme di tipo ellissoidale (nuclei deformati ). Questo vale, in particolare,
per i lantanidi (elementi delle terre rare).
I nuclei leggeri, quali He, Li, Be, costituiscono un caso speciale. Non c’è
plateau di densità al loro interno e la densità di carica è approssimativamente
gaussiana.
In chiusura osserviamo che la di¤usione degli elettroni non è l’unica fonte di
informazione sulla distribuzione di carica dei nuclei ma ne esistono altre. Una
fonte diversa dagli esperimenti di di¤usione è fornità dallo studio della spet-
troscopia atomica. Infatti è evidente che la distribuzione della carica elettrica
nucleare in‡uisce sul valore dell’energia degli stati elettronici (particolarmente
sull’energia degli orbitali più interni) e, quindi, sull’energia delle righe di emis-
sione ed assorbimento. L’in‡uenza della distribuzione di carica nucleare è parti-
colarmente rilevante nel caso dei cosiddetti atomi muonici, nei quali il ruolo degli
elettroni è svolto da muoni negativi legati al nucleo dalla forza coulombiana.
Poichè la massa del muone è circa 200 volte maggiore di quella dell’elettrone, gli
orbitali muonici hanno raggi molto minori di quelli dei corrispondenti orbitali
elettronici1 e sono, pertanto, molto più vicini al nucleo.

4.1.3 Distribuzione della materia nucleare


Ci possiamo formare un’idea della distribuzione di materia nucleare in un nucleo
a partire dalla distribuzione di carica elettrica. Se assumiamo, per semplicità,
che il protone sia una particella puntiforme, la densità di carica (r) (misurata
in unità e) ci dà la densità di protoni p (r). Possiamo, inoltre, assumere che neu-
troni (considerati puntiformi al pari dei protoni) e protoni siano uniformemente
1 Ricordiamo che il raggio di Bohr è inversamente proporzionale alla massa del leptone:

a0 = (4 0 ) =me2 .
78 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

Figure 4.6: Densità di nucleoni per tre diversi nuclidi, ottenuta a partire dalla
densità di carica.

mescolati tra loro e che, quindi, il rapporto tra le densità di neutroni, n (r), e
di protoni, p (r), sia lo stesso in ogni punto del nucleo, così che

n (r) N
=
p (r) Z

Quest’ultima assunzione troverà riscontro, come vedremo in seguito, nelle carat-


teristiche della forza nucleare. La densità di nucleoni, n (r) = p (r) + n (r), può
essere espressa, allora, come

A
n (r) = (r) (4.6)
Z
ottenendo, per esempio, quanto à riportato in …gura 4.6 per i tre nuclidi 16 O,
107
Ag, 208 P b. Queste densità sono, ovviamente, approssimate perché abbiamo
trascurate le dimensioni …nite dei nucleoni e gli e¤etti delle forze coulombiane.
Comunque, si vede che la densità centrale di nucleoni, n (0) = A Z (0), è circa la
stessa per tutti i nuclei. In realtà, essa cresce, seppure leggermente, al crescere
di A e tende al valore limite, noto come densità della materia nucleare,

nucleoni
0 n (0) = 0; 17
f m3
Le distribuzioni di materia nucleare nei nuclei possono anche essere mis-
urate direttamente con esperimenti il cui risultato dipenda dalla forza nucleare
e non soltanto dalla forza elettromagnetica. Un esempio è la di¤usione di parti-
celle alfa da parte, per esempio, di nuclei medio-pesanti. Finché la separazione
tra i due nuclei è maggiore della somma dei due raggi nucleari l’interazione è
semplicemente coulombiana. Però, quando la particella alfa ha energia su¢ cien-
temente elevata ed è in grado, superando la barriera coulombiana, di avvicinarsi
su¢ cientemente al bersaglio, lo scattering non segue più la legge di Rutherford
4.1. DISTRIBUZIONI DI CARICA ELETTRICA E DI MASSA DEI NUCLEI79

Figure 4.7: Intensità dello scattering alfa-piombo a 60 gradi in funzione


dell’energia della particella alfa incidente.

in quanto viene ad agire la forza nucleare forte (…gura 4.7). La distanza tra
i due nuclei alla quale questo avviene può essere considerata come la somma
dei raggi nucleari. La forza nucleare forte, infatti, è, come vedremo meglio in
seguito, una forza a corto raggio di azione. Questo, come abbia accennato in
precedenza, è già evidente dal fatto che essa non giochi alcun ruolo a livello delle
distanze atomiche.

Un altro metodo per determinare il raggio della materia nucleare è quello


di studiare gli spettri X degli atomi mesici. Questo metodo è del tutto simile
a quello degli atomi muonici, usato per la determinazione del raggio di carica.
Soltanto, ora, il posto dell’elettrone è preso da un pione negativoe , la cui
massa è, come abbiamo visto, circa 280 volte la massa dell’elettrone, capace di
interagire con il nucleo non soltanto attraverso la forza coulombiana ma, anche,
attraverso la forza nucleare forte, ben più intensa della precedente.

Il risultato fondamentale è che carica elettrica e materia nucleare hanno


distribuzioni pressoché uguali; i raggi di carica e di materia dei nuclei mostrano
1
ambedue la dipendenza da A 3 e sono uguali entro 0; 1 f m.
80 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

Figure 4.8: Schema di principio di uno spettrometro di massa.

4.2 Massa ed energia di legame


4.2.1 Misura delle masse
La misura delle masse atomiche (e delle masse nucleari) è fatta utilizzando la
tecnica della spettrometria di massa, sviluppata sin dall’inizio del ventesimo
secolo. Questa tecnica permette misure con precisioni dell’ordine di 10 6 o,
anche, migliori. In uno spettrometro di massa la misura della massa di uno ione
si basa sulle de‡essioni indotte sullo ione in movimento dall’azione combinata
di campi elettrici e magnetici. Un campo elettrico E esercita su una carica q la
forza
FE = qE
mentre un campo magnetico B esercita la forza
FB = qv B
Insieme i due campi determinano il moto della particella, per cui, noti E e
B, è possibile determinare due delle tre quantità relative allo ione: velocità v,
impulso p, energia cinetica T . Note due di tali quantità, si risale alla massa.
Così, per esempio, uno spettrometro di massa potrebbe essere costituito
come segue (…gura 4.8).
Una sorgente produce un fascio collimato di ioni. Gli ioni emergono, nor-
malmente, dalla sorgente con un ampio spettro di velocità, per cui la sorgente
è seguita da un selettore di velocità. Questo è costituito da una zona in cui
agiscono un campo elettrico E ed un campo magnetico B perpendicolari tra
loro ed alla direzione nella quale si muovono gli ioni all’uscita dalla sorgente.
Continueranno a muoversi in tale direzione soltanto gli ioni con velocità v tale
che le forze esercitate dal campo elettrico e dal campo magnetico risultino uguali
ed opposte
qE = qvB
4.2. MASSA ED ENERGIA DI LEGAME 81

E
v= (4.7)
B
Saranno soltanto essi ad uscire dal selettore di velocità attraverso la fenditura
…nale. All’uscita dal selettore di velocità, gli ioni attraversano una zona con
campo magnetico perpendicolare alla direzione di moto delle particelle, che cos-
tituisce il ”selettore di impulso”. Ioni con masse diverse percorreranno traiet-
torie circolari con raggio diverso

mv 2
= qvB
r
mv
r= (4.8)
qB
Combinando la 4.7 con la 4.8 otteniamo m

qrB 2
m=
E
Naturalmente questo è soltanto un possibile schema di principio. Normalmente
campi eletrici e magnetici vengono combinati in modi diversi, badando, in par-
ticolare, alle proprietà di focalizzazione del dispositivo, in quanto si vuole far
convergere nello stesso punto ioni entranti nello spettrometro entro un piccolo
angolo solido.
Tutte le masse atomiche sono riferite a quella del 12 C, che è assunta pari
esattamente a 12; 000000 amu, con

1 12 M eV 27
1 amu = m C = 931; 481 = 1; 66043 10 Kg
12 c2
Le masse sono accuratamente tabulate. Per determinare la massa del nucleo
a partire dalla massa atomica occorre apportare una (piccola) correzione per
tener conto della massa degli elettroni e delle loro energie di legame

Z
1 X
mnucleo = matomo Zme + Bi
c2 1

Tipicamente, per atomi di medio Z, la somma delle energie di legame degli


elettroni è dell’ordine delle centinaia di keV. Si vede, così, che la correzione più
signi…cativa è rappresentata dalla massa degli elettroni, pari a 0; 51 Z M eV =c2 .
Si tratta, comunque, di una correzione dell’ordine di 10 3 .
Lo spettrometro di massa può essere usato anche per la separazione isotopica,
cioè per selezionare un determinato isotopo di un dato elemento, e può essere
usato per la misura delle abbondanze isotopiche.
Non tutte le masse dei nuclidi possono essere misurate con uno spettrometro
di massa, specialmente quando si tratti di nuclidi instabili a vita media breve.
In questo caso esse possono essere misurate per mezzo di reazioni nucleari. È
questo, per esempio, il caso del 12 N , che è instabile e decade con un tempo
di dimezzamento di 11 ms; la sua massa può essere determinata misurando il
Q-valore della reazione
p +14 N !12 N +3 H (4.9)
82 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

Il Q-valore è proprio de…nito come la di¤erenza tra l’energia associata alla massa
delle particelle nello stato iniziale e l’energia associata alla massa delle particelle
nello stato …nale
Q = (miniziale mf inale ) c2
Se scriviamo la conservazione dell’energia (relativistica), per esempio per la
reazione
a+b!c+d
ma c2 + Ta + mb c2 + Tb = mc c2 + Tc + md c2 + Td
vediamo che Q altro non è che la di¤erenza tra l’energia cinetica delle particelle
…nali e quella delle particelle iniziali

Q = Tf inale Tiniziale
12
Per la reazione 4.9 si trova Q = 22; 1355 M eV . La massa del N sarà data
da
Q
m 12 N = mp + m 14 N m 3H
c2

4.2.2 Abbondanze relative degli elementi e regole empiriche


di stabiltà
Fino ad oggi sono stati identi…cati nuclidi con Z …no a 1162 (si veda, per esempio,
l’articolo ”La sintesi di nuovi elementi” di P. Armbruster e F. P. Hessberger su
Le Scienze d i novembre 1998) e si conoscono poco più 300 nuclidi naturali, di
cui circa 260 stabili (Zmax = 83), trovati tutti in campioni di materia terrestre.
Inoltre, come risultato di un gran numero di esperimenti su reazioni nucleari,
sono stati prodotti e studiati migliaia di nuovi nuclidi, tutti instabili. Infatti,
nessun nuovo nuclide stabile è mai stato prodotto con una reazione nucleare.
Circa il 60% dei nuclidi naturali stabili hanno Z e N pari e solo il 2% ha Z e N
dispari; gli altri sono circa equamente divisi tra nuclei con Z pari e nuclei con
N pari.
Chiaramente, alla base della distribuzione dell’abbondanza relativa degli el-
ementi devono esserci il meccanismo che ha dato origine agli elementi stessi
e le caratteristiche peculiari delle forze nucleari. I dati sperimentali vengono
principalmente da misure di abbondanze relative degli elementi in meteoriti,
nella crosta terrestre, nell’idrosfera e nell’atmosfera. Ci sono, inoltre, osser-
vazioni astro…siche degli spettri solare e stellari che aggiungono dati e suppor-
tano l’ipotesi che la Terra sia un ragionevole campione della materia cosmica.
Infatti, con l’esclusione di taluni elementi quali i gas nobili e gli elementi leggeri,
che partecipano alle reazioni termonucleari nelle stelle, si trova che materia stel-
lare, materia meteorica e materia terrestre hanno circa la stessa composizione.
E’notevole il fatto che circa l’86% in peso della crosta terrestre è costituito da
nuclidi che hanno Z pari e N pari (si veda la tabella 4.1). Circa il 98% in peso
della massa terrestre è dovuto a soli otto elementi.
La creazione cosmologica degli elementi deve aver dato luogo alla formazione
di ogni aggregato concepibile di neutroni e protoni. La maggior parte di tali ag-
gregati doveva, però, essere instabile ed ha, quindi, subito nel tempo la trasfor-
mazione, per decadimento radioattivo, in forme stabili. I nuclidi che, perciò,
2 E’stato sintetizzato anche il nucleo con Z=118 (Phys. Rev. C74 (2006) 044602).
4.2. MASSA ED ENERGIA DI LEGAME 83

Crosta terrestre Z pari Z dispari


Elemento 8O 14 Si 26 F e 20 Ca 12 M g 13 Al 11 N a 19 K
% in peso 45,5 27,2 6,2 4,7 2,7 8,3 2,8 1,8
Isotopo principale 16 28 56 40 24 27 23 39

Table 4.1: Gli otto principali elementi di cui è costituita la crosta terrestre
(Tratto da N. N. Greenwood e A Earnshaw: Chemistry of the Elements - Perg-
amon Press 1985)

possiamo osservare in natura o sono realmente stabili, cioè non vanno incontro
ad alcuna trasformazione comunque lungo sia il tempo di osservazione, o, pur
essendo instabili, hanno una vita media almeno dello stesso ordine di grandezza
dell’età dell’universo
109 . . 1 anni
Sono, però, presenti in natura anche nuclidi instabili la cui origine non è pri-
mordiale in quanto essi sono continuamente generati con meccanismi naturali.
Due esempi sono il 3 H e il 14 C che si formano per mezzo di reazioni nucleari
prodotte nell’impatto dei raggi cosmici con l’alta atmosfera.
Una rappresentazione gra…ca dei nuclidi naturali è fornita dal cosiddetto
”gra…co di Segré” o ”carta di Segré” (si veda la …gura 4.9), nel quale ciascun
nuclide è un punto di coordinate (Z,N) in un diagramma cartesiano con Z per
ascissa e N per ordinata.Il gra…co mostra che molti nuclidi stabili di massa più
bassa hanno N ' Z ' A2 , mentre i nuclidi medi e pesanti hanno un eccesso di
neutroni. Non è di¢ cile intuire il ruolo di questo eccesso di neutroni. Infatti,
quando Z cresce la forza coulombiana repulsiva tra tutti i protoni potrebbe
impedire la formazione di nuclidi stabili se non intervenisse una forza attrattiva
addizionale a contrastarla. Questa forza addizionale è fornita dai neutroni, il cui
eccesso N Z rispetto ai protoni è crescente al crescere di A con un andamento
empiricamente dato da
5
N Z cos t:A 3
Questa intuizione trova un immediato riscontro qualitativo se si considera l’energia
2
coulombiana distruttiva del nucleo. Essa è proporzionale a ZR ove R è il rag-
1
gio del nucleo. Ora, sappiamo che R è proporzionale a A 3 , per cui, poiché in
prima approssimazione possiamo assumere Z proporzionale ad A, vediamo che
l’energia coulombiana varia con A come
Z2 A2 5
1 = A3
R A 3

cioè, nello stesso modo dell’eccesso di neutroni (nel limite delle approssimazioni
fatte).
Nel tempo sono stati prodotti arti…cialmente e studiati nuclidi radioattivi
che riempiono non soltanto tutti gli spazi vuoti tra i nuclidi stabili e nelle loro
vicinanze ma costituiscono una frangia piuttosto estesa a destra e a sinistra
della regione occupata dai nuclidi stabili. La causa di gran lunga più importante
di instabilità è il decadimento ; però, talvolta, specialmente per gli elementi
radioattivi naturali, accade che un nuclide possa essere -stabile e decadere per
decadimento .
Guardando la carta di Segré per i nuclidi stabili osserviamo che:
84 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

Figure 4.9: Carta di Segrè dei nuclidi stabili rispetto al decadimento .


4.2. MASSA ED ENERGIA DI LEGAME 85

Figure 4.10: Intersezioni della valle di stabilità con piani ad A costante.

1. per A dispari c’è generalmente un solo nuclide stabile;

2. per A pari ci sono spesso due o anche tre nuclidi stabili;

3. le distribuzioni di frequenza di isotopi ed isotoni sono del tutto simili.

Se aggiungiamo al gra…co di Segré, nel quale abbiamo incluso anche i nuclidi


instabili (arti…ciali), un terzo asse, perpendicolare agli altri due, rappresentante
la massa M (A; Z), il diagramma tridimensionale che si ottiene assume la forma
di una super…cie che presenta una valle (valle di stabilità), sul cui fondo si
raccolgono i nuclidi stabili. Intersecando la super…cie M (A; Z) con piani ad A
costante, si intercettano gruppi di isobari che comprendono sia nuclidi stabili
che instabili. I punti rappresentanti tali nuclidi si dispongono, nel piano (M,Z),
lungo linee di tipo parabolico con i nuclidi stabili al vertice e quelli instabili lungo
i …anchi della parabola.La linea parabolica è una sola nel caso A dispari, mentre
se ne individuano due nel caso di A pari: una più bassa corrispondente a nuclidi
con Z pari e N pari ed una più alta corrispondente a nuclidi con Z dispari e N
dispari (si veda la …gura 4.10). I nuclidi instabili lungo i …anchi della parabola
decadono, per decadimento nei nuclidi più in basso. Si comprende, allora,
perché per A dispari c’è generalmente un solo nuclide stabile (quello con massa
minore) mentre per A pari ce ne sono generalmente due. Nel caso A pari, infatti,
il decadimento porta da un nuclide di una parabola a quello immediatamente
più sotto posto sull’altra parabola. Capita, quindi, che quando i due a massa
minore sono posti sulla stessa parabola (ed hanno, perciò, Z diverso di due
unità), il decadimento dell’uno nell’altro, anche se energeticamente permesso,
non può avvenire per mezzo di un semplice decadimento ma occorrerebbe un
”doppio decadimento ”, molto improbabile. Per questo tipo di decadimento
esistono alcuni risultati che danno tempi di dimezzamento dell’ordine di 1018
86 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

1021 anni3 .
Uno studio dettagliato delle distribuzioni di frequenza di isobari, isotopi
ed isotoni stabili ci permette di trarre alcune conclusioni che contribuiscono
a fornire utili indicazioni sulle caratteristiche peculiari delle forze che tengono
insieme gli aggregati nucleari:

1. I nuclidi stabili con Z pari e N pari sono più della metà del totale;
2. I nuclidi con A dispari sono equamente divisi nelle due classi Z pari, N
dispari e Z dispari, N pari;
3. Ci sono solo 4 nuclidi stabili con Z dispari e N dispari. Essi corrispondono
ai quattro elementi a Z dispari più bassi (H, Li, B, N) e contengono un
4
ugual numero di protoni e neutroni (21 H1 ; 63 Li3 ; 10 14
5 B5 ; 7 N7 ) . Per valori
di Z > 7, nuclidi stabili con N = Z hanno sempre N e Z pari (es.: 16 8 O8 ;
20
10 N e 10 );
4. Si osservano isotopi stabili per tutti gli Z compresi tra 1 e 83, con l’eccezione
di Z=43 (Tc) e Z=61 (Pm);
5. Si osservano isotoni stabili per 0 N 126 con l’eccezione di 9 valori
tutti con N dispari;
6. Le distribuzioni di frequenza di isotopi e isotoni sono simili;
7. Si osservano valori massimi di frequenza di isotopi e isotoni per Z o N
uguali a 20, 28, 50, 82.

Da queste osservazioni si possono trarre alcune conclusioni di tipo qualita-


tivo:

1. Protoni e neutroni si comportano nei nuclei in modo simile se non proprio


identico. Essi potrebbero essere visti come due diverse forme di un unico
costituente nucleare fondamentale: il nucleone.
2. Numeri pari di nucleoni identici sono più stabili di numeri dispari degli
stessi.
3. Una particolare stabilità è associata a certi numeri di nucleoni identici
(sempre pari) quali 20, 28, 50, 82. Questi numeri (ai quali, come vedremo,
se ne ggiungono altri: Z,N=2,8 e N=126) sono detti numeri magici.

4.2.3 Energia di legame e formula semiempirica delle masse


Energia di legame
A ciascun nucleo, in quanto sistema legato di Z protoni e N neutroni, deve
corrispondere una energia di legame B (N; Z). Tale energia, secondo la relazione
di Einstein tra massa ed energia, non è altro che

B (Z; N ) = m c2
3 The
Review of Particle Physics, http://pdg.lbl.gov/.
4 In
natura esiste un quinto nuclide dispari-dispari; è il 138
57 La il quale, però, decade beta e
per cattura elettronica con un tempo di dimezzamento t1=2 = 1; 05 1011 anni.
4.2. MASSA ED ENERGIA DI LEGAME 87

ove
m = Zmp + N mn mnuc (Z; N )
è la di¤erenza tra la somma delle masse dei Z protoni e N neutroni e la massa
del nucleo (difetto di massa). Nell’uso comune, poiché le masse tabulate sono
le masse atomiche, l’energia di legame nucleare è espressa come

B = c2 (ZmH + N mn matom )

trascurando l’energia di legame dell’idrogeno (13 eV) e l’energia di legame


dell’atomo a cui il nucleo appartiene (dell’ordine di 100 keV per un atomo di
medio Z). Infatti, più correttamente bisognerebbe scrivere
Z
!
X
2 2
B (Z; N ) = c (Zmp + N mn ) (matom Zme ) c + Bi =
1
Z
X
= c2 (ZmH + N mn matom ) + ZBH Bi
1

La tabella seguente fornisce l’energia di legame di alcuni dei nuclei più leggeri
e la corrispondente energia di legame media per nucleone B (Z; N ) =A.
.
Energia Energia Energia
N ucleo di legame di legame di legame
dell0 ultimo nucleone per nucleone
(M eV ) (M eV ) (M eV )
2
H 2; 22 2; 2 1; 1
3
H 8; 48 6; 3 2; 8
4
He 28; 30 19; 8 7; 1
5
He 27; 34 1; 0 5; 5
6
Li 31; 99 4; 7 5; 3
7
Li 39; 25 7; 3 5; 6
8
Be 56; 50 17; 3 7; 1
9
Be 58; 16 1; 7 6; 5
10
B 64; 75 6; 6 6; 5
11
B 76; 21 11; 5 6; 9
12
C 92; 16 16; 0 7; 7
14
C 97; 11 5; 0 7; 5
14
N 104; 66 7; 6 7; 5
15
N 115; 49 10; 8 7; 7
16
O 127; 62 12; 1 8; 0
17
O 131; 76 4; 1 7; 8
.
Si vede che l’energia di legame media cresce verso un valore di circa 8
M eV =nucleone che poi si mantiene entro 10% per i nuclei più pesanti, come
si vede dalla …gura 4.11.La crescita avviene, però, con delle ‡uttuazioni, come
si può vedere dalla tabella. In particolare, l’energia di legame media presenta
dei picchi in corrispondenza di 4 He; 8 Be; 12 C; 16 O cioè quando A è multiplo di
quattro, Z e N sono pari (e, in questo caso uguali tra loro). Le ‡uttuazioni sono
ancora più evidenti se si considera la di¤erenza tra l’energia di legame di uno dei
nuclei in tabella e quella del nucleo che lo precede. Questa energia può essere
88 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

Figure 4.11: Energia di legame media per nucleone in funzione del numero di
massa.

interpretata come l’energia di legame dell’ultimo nucleone aggiunto al nucleo


nella sequenza data. Per i quattro nuclei precedenti questa energia presenta
dei picchi ancora più evidenti. Essa, infatti, è nel loro caso particolarmente
grande, mentre è particolarmente piccola per i nuclei immediatamente seguenti,
crescendo di nuovo …no a raggiungere un nuovo picco quando, avendo aggiunti
altri tre nucleoni, si raggiunge il successivo nucleo pari-pari. Chiaramente la
possibilità di creare coppie protone-protone e neutrone-neutrone fa guadagnare
in energia di legame (vedremo in seguito che questo è legato all’accoppiamento
dei momenti angolari dei due nucleoni). Un caso particolare è quello dello 5 He.
Il fatto che l’energia di legame dell’ultimo nucleone sia negativa signi…ca che
esso non è stabile ma, appena formato, decade rapidamente in una particella
(4 He). Si vede, poi, che quest’ultima costituisce un sistema che, tra quelli a
bassa massa e bassa carica, risulta particolarmente stabile.
Dalla …gura 4.11 si vede che B=A assume i valori più elevati nella zona di
massa del ferro. Questo rende conto dell’abbondanza del ferro in natura. Ci
dice, anche, che se consideriamo un nucleo di massa più elevata del ferro si
potrebbe guadagnare in energia di legame se esso si dividesse in due frammenti
più leggeri, in particolare, per esempio, con un decadimento . Dato il nucleo
(A; Z) il decadimento sarebbe energeticamente possibile purché

B (A; Z) < B (A 4; Z 2) + 28; 3 M eV

Per nuclei -stabili questa condizione è veri…cata per A & 165, però, come ve-
dremo, il meccanismo del decadimento fa sì che la probabilità del decadimento
sia così bassa che tali nuclei possano considerarsi anche -stabili …no al 209
83 Bi.
Nel caso di nuclei con massa molto più grande di quella del ferro, un mecca-
nismo di trasmutazione energeticamente conveniente è quello della f issione,
per mezzo del quale un nucleo massivo si suddivide in due frammenti di masse
confrontabili. La …ssione spontanea, come vedremo, può avvenire per nuclei di
4.2. MASSA ED ENERGIA DI LEGAME 89

massa A dell’ordine di 250 o più. In taluni nuclei più leggeri (per es. 235 U e
239
P u) essa può essere indotta facilmente per assorbimento di neutroni di ener-
gia molto piccola (neutroni termici ). Il processo di …ssione indotta è alla base
della produzione di energia con impianti nucleari. E’chiaro, comunque, che la
…ne della tavola periodica, nella parte delle alte masse, è proprio determinata
dal decadimento e dalla …ssione. Dalla …gura 4.11 risulta anche chiaro che si
potrebbe guadagnare energia se due nuclidi leggeri potessero essere fusi in uno
più pesante con un processo di f usione nucleare. Vedremo che la fusione è il
processo alla base della produzione di energia nel Sole e nelle stelle.

Saturazione della forza nucleare


Il fatto che l’energia di legame per nucleone B=A sia sostanzialmente indipen-
dente da A (B=A cost) ci dice qualcosa di importante riguardo alla forza
agente tra nucleoni. Infatti, se in un nucleo ciascun nucleone interagisse in
modo equivalente con tutti gli altri, ci sarebbero A (A 1) =2 legami attrattivi.
Allora, per A >> 1, B dovrebbe crescere come A2 , ovvero B=A dovrebbe
crescere come A. Invece B=A cost. La situazione è analoga a quella rela-
tiva all’energia di legame chimico tra gli atomi di un liquido. In una goccia di
idrogeno liquido, per esempio, troviamo un forte legame omopolare tra coppie
di atomi con formazione di H2 . Un terzo atomo non è attratto così fortemente
e la molecola di H2 si dice saturata. L’energia di legame totale della goccia è
circa uguale alla somma delle energie delle singole coppie di atomi di idrogeno
ed è, perciò, proporzionale al numero di atomi presenti. Essa è soltanto legger-
mente aumentata dalle forze tra molecole. La descrizione del legame omopolare
è quella delle forze di scambio, che, …sicamente, possono essere descritte come
un processo continuato di scambio di elettroni di un atomo con quelli dell’altro
atomo nella molecola. Poiché anche la forza tra nucleoni esibisce saturazione,
essa deve poter essere descritta con un meccanismo analogo. Anche il fatto che
la densità della materia nucleare sia circa costante può essere ricondotta alla
suddetta analogia. La densità costante implica, infatti, che la forza tra nucle-
oni si trasformi da attrattiva a repulsiva quando la distanza tra essi diventa
molto piccola. Se così non fosse tutti i nuclei dovrebbero collassare a dimensioni
dell’ordine delle dimensioni del un nucleone. Anche nel caso di una molecola,
se si cerca di avvicinare troppo gli atomi, la sovrapposizione degli orbitali elet-
tronici pieni causa una forte forza repulsiva.

Formula semiempirica delle masse


L’analogia tra il nucleo ed una goccia di liquido ("modello a goccia" del nucleo)
può essere utilizzata per sviluppare una formula per M (Z; A), detta formula
semiempirica delle masse (Von Weizsacker, 1935)
B (Z; A)
M (Z; A) = ZmH + N mn
c2
scrivendo l’energia di legame B come somma di una serie di termini nel modo
seguente.
1. Termine di volume. E’ proporzionale ad A, con una costante di pro-
porzionalità il cui ordine di grandezza aspettato è della decina di MeV
av A
90 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

2. Termine di super…cie. Tiene conto del fatto che i nucleoni di super…cie


2
sono meno legati; è proporzionale a R2 e, quindi, ad A 3
2
as A 3

3. Termine coulombiano. Tiene conto della repulsione coulombiana tra i


protoni ed è, pertanto, negativo. Considerando il nucleo come una sfera
uniformemente carica, l’energia coulombiana è data da

3 e2 Z 2 Z2
/ 1
54 0 R A3
1
Un calcolo più appropriato fornisce / Z (Z 1) A 3 , per cui
1
ac Z (Z 1) A 3

4. Termine di simmetria p-n. La formula …nale deve ri‡ettere la tendenza dei


nuclei stabili ad avere approssimativamente un uguale numero di protoni
e neutroni. Infatti, se ci fermassimo a
2 1
B = av A as A 3 ac Z (Z 1) A 3

…ssato A, il nucleo con Z = 0 avrebbe la più grande energia di legame.


Allora, un nucleo con Z 6= 0 evolverebbe verso Z = 0 con successivi decadi-
menti . Chiaramente, ci aspettiamo un termine negativo che dipenda in
qualche modo da jN Zj ma abbia anche una qualche dipendenza da 1=A
in modo che la sua rilevanza diminuisca all’aumentare di A. Una forma
adeguata è
2 2
(N Z) (A 2Z)
asim = asim
A A
5. Termine di ”pairing”(”appaiamento”). Abbiamo visto che nucleoni della
stessa specie tendono ad aggregarsi in coppie per formare con…gurazioni
particolarmente stabili. Per tener conto di ciò si introduce il termine
tale che

= 0 per A dispari
3
= +ap A 4 per Z e N pari
3
= ap A 4 per Z e N dispari

In conclusione
2
2 1 (A 2Z)
B (Z; A) = av A as A 3 ac Z (Z 1) A 3 asim + (4.10)
A
e
B (Z; A)
M (Z; A) = ZmH + N mn (4.11)
c2 !
2
1 2 1 (A 2Z)
= ZmH + N mn av A as A 3 ac Z (Z 1) A 3 asim +
c2 A
4.2. MASSA ED ENERGIA DI LEGAME 91

P arametri della f ormula semiempirica delle masse (M eV )


av as ac asim ap
15; 5 16; 8 0; 72 23 34

Table 4.2: Parametri della formula semiempirica delle masse risultanti da un …t


di dati sperimentali

Figure 4.12: Contributi a B/A dei vari termini della formula semiempirica delle
masse.
92 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI

E’questa la formula semiempirica delle masse. I parametri si determinano con


un …t dei dati sperimentali. I valori riportati intabella 4.2 rappresentano il
risultato di uno di tali …t e ci danno una idea del valore di ciascun parametro.
I diversi contributi all’energia di legame sono illustrati nella …gura 4.12.Per
A costante, la massa ha l’andamento parabolico, in funzione di Z, che avevamo
notato in precedenza. La doppia parabola per A pari è determinata dal valore
di positivo per Z e N pari (parabola più bassa) e negativo per Z e N dispari
(parabola più alta). Ponendo

@M
=0
@Z A=cost

otteniamo il valore Zmin al quale corrisponde, per un determinato A, la maggiore


energia di legame. Il nuclide più stabile è quello con Z intero più prossimo a
Zmin .
1
[mn mH ] + ac A 3 + 4asim
Zmin = 1
2ac A 3 + 8asim A 1
Usando ac = 0; 72 M eV e asim = 23 M eV , si vede che possiamo trascurare i
primi due termini del numeratore, per cui

A 1
Zmin ' (4.12)
2 1 + 14 A 23 aac
sim

Per piccoli A si ha, dunque


A
Zmin '
2
mentre per grandi A
A
Zmin <
2
Z
Per i nuclei pesanti A 0; 4.

4.3 Quesiti ed esercizi


4.3.1 Quesiti
1. Si scriva la relazione che dà il raggio medio dei nuclei che possono essere
considerati sferici con buona approssimazione. Quanto vale il raggio medio
del 56 F e?

2. Qual è la funzione che descrive con buona approssimazione la distribuzione


di carica elettrica dei nuclei “sferici”?

3. Si valuti, con considerazioni qualitative, quale energia debba avere un fas-


cio di elettroni per servire allo studio della distribuzione di carica elettrica
del nucleo.

4. Cosa è il fattore di forma nucleare?

5. In cosa di¤erisce la sezione d’urto di Mott dalla sezione d’urto di Ruther-


ford?
4.3. QUESITI ED ESERCIZI 93

6. Si faccia una stima della densità di materia nucleare.


7. Cosa è la valle di stabilità?

8. Perché per A pari si ha una doppia parabola delle masse? Perché per un
A pari si può avere più di un nuclide beta-stabile?
9. Cosa si intende con “saturazione della forza nucleare”? Da quale o quali
fatti sperimentali essa si deduce?

10. La forza nucleare è repulsiva a brevissime distanze: da cosa si deduce?


11. Che cosa è il termine di simmetria p-n della formula semiempirica delle
masse?
12. Che cosa è il termine di “pairing”della formula semiempirica delle masse?
Di cosa tiene conto?

13. Come varia l’energia di legame in funzione del numero di massa? Quali
considerazioni sulla forza nucleare si possono fare in base a ciò?

4.3.2 Esercizi
1. Lo scattering a 60 di particelle su Pb si discosta nettamente dall’andamento
coulombiano a partire da T = 27 M eV . Si stimi in base a questo il raggio
del nucleo di piombo.
2. Si calcoli lo spostamento del livello 1S dell’atomo di idrogeno dovuto alle
dimensioni …nite del nucleo, assumendo che il protone abbia raggio R =
0; 6 f m (si usi la teoria teoria delle perturbazioni al primo ordine).
3. Si calcoli il fattore di forma di un nucleo sferico di raggio R e densità di
carica costante.
94 CHAPTER 4. DIMENSIONI E MASSE DEI NUCLEI
Chapter 5

Proprietà dei nuclei nello


stato fondamentale

5.1 Introduzione
Abbiamo già visto che esistono alcuni numeri di neutroni e di protoni, chia-
mati numeri magici, in corrispondenza dei quali i nuclei presentano particolari
caratteristiche di stabilità, che ricordano, a livello atomico, quelle dei gas nobili.
Tali numeri sono 2; 8; 20; 28; 50; 82; 126. Così, per esempio, in corrispondenza
dei numeri magici esistono discontinuità nell’energia di separazione1 di singoli
nucleoni e nel raggio nucleare, che ricordano le stesse discontinuità che si osser-
vano per l’energia di ionizzazione e per il raggio atomico in corrispondenza di
gas nobili. Nel caso atomico, è la chiusura di una shell elettronica (K; L; M::::::
per 2; 10; 18:::: elettroni) che conferisce ai gas nobili le loro peculiari proprietà.
Così, è naturale pensare che i numeri magici corrispondano alla chiusura di shell
nucleari analoghe a quelle atomiche. A favore di questa ipotesi esistono altre
evidenze sperimentali. Consideriamo, per esempio, l’energia delle particelle
emesse da diversi isotopi del radon, riportata in …gura 5.1 in funzione del nu-
mero di neutroni di ciascun isotopo. Si noti la rapida crescita di E quando il
nucleo …glio ha N = 126; infatti, è chiaro che se il nucleo …glio è in uno stato
con energia di legame elevata, la particella porta via una maggiore quantità di
energia. Un altro esempio è dato in …gura 5.2, nella quale è riportata la sezione
d’urto di cattura di neutroni da parte di diversi nuclei, in funzione del numero
di neutroni del nucleo stesso. Si vede che essa subisce una diminuzione di circa
due ordini di grandezza quando N = 50; 82 e 126.
L’esistenza di ”shell” di nucleoni suggerisce l’ipotesi che si possa sviluppare
un modello nucleare analogo a quello atomico, nel quale i nucleoni occupino stati
di energia de…nita, riempendoli, man mano che il numero di nucleoni cresce, a
partire da quello di energia più bassa. Sviluppare questo modello richiede, in-
nanzitutto, l’individuazione di un ben determinato potenziale, nel quale i nucle-
oni si muovano in modo pressoché indipendente, analogamente a quanto fanno
gli elettroni atomici. In quest’ultimo caso esiste una ben precisa sorgente del
potenziale coulombiano, il nucleo stesso, separata dagli elettroni. Nel caso del
1 L’energia di separazione di un neutrone (protone) è la minima quantità di energia da

trasferire al nucleo per separare un neutrone (protone) dal nucleo stesso.

95
96CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

Figure 5.1: Energia delle particelle emesse da diversi isotopi del radon.

Figure 5.2: Sezione d’urtodi cattura di neutroni da parte di diversi nuclei, in


funzione del numero di neutroni N.
5.2. LA BUCA DI POTENZIALE NUCLEARE 97

nucleo si assume che ciascun nucleone si muova in un potenziale medio generato


da tutti gli altri. Nella forma più semplice del modello, il cosiddetto modello a
shell a particella singola, ogni interazione tra nucleoni viene trascurata e lo stato
nucleare è la semplice combinazione di tanti stati di particella singola quanti
sono i nucleoni. Questo modello, come nel caso atomico, implica l’esistenza di
orbite spaziali indipendenti di ciascun nucleone. A prima vista sembra di¢ cile
accettare che, in una materia densa quale quella nucleare, i nucleoni possano
muoversi percorrendo orbite indipendenti senza collidere. Poiché i nucleoni sono
fermioni, viene in aiuto il principio di Pauli. Consideriamo, infatti, in un nu-
cleo pesante una eventuale collisione di due nucleoni in stati ”profondi”, cioè
prossimi al fondo della buca di potenziale. La collisione implica, in generale,
un trasferimento di energia da un nucleone all’altro, ma se tutti i livelli sono
occupati, …no al livello del nucleone più esterno, non c’è modo per uno dei due
nucleoni di guadagnare energia se non saltando al primo livello esterno libero.
Tale salto richiede, però, più energia di quanta un nucleone possa, in generale,
trasferire. Così, la collisione non può avvenire ed i nucleoni possono orbitare
come se fossero l’uno trasparente all’altro.
Il modello a shell a particella singola risulta appropriato specialmente nel
caso di nuclei con uno o pochi nucleoni esterni ad una shell completamente
piena (o nel caso di una lacuna o poche lacune in una shell esterna quasi tutta
piena). In altri casi, l’e¤etto dell’interazione tra più nucleoni, visibile in talune
proprietà nucleari, può essere descritta fenomenologicamente da altri modelli,
detti modelli collettivi.

5.2 La buca di potenziale nucleare


Considerando che la forza nucleare è a corto raggio, la più semplice approssi-
mazione è quella di assumere che il potenziale nucleare medio sia una buca di
potenziale centrale, le cui dimensioni siano pari alle dimensioni nucleari. Pos-
siamo presumere che tale potenziale medio ri‡etta la distribuzione di densità
nucleare. In particolare, esso sarà uniforme nella parte centrale e crescerà
rapidamente nella regione super…ciale del nucleo. In prima approssimazione
potremmo assumere che tale crescita sia talmente rapida che il potenziale possa
essere ragionevolmente rappresentato da una ”buca quadrata”. Protoni e neu-
troni, essendo distinti, riempiono separatamente i livelli di due buche simili,
anche se non completamente uguali, perché, nel caso dei protoni, al potenziale
nucleare attrattivo bisogna almeno aggiungere il potenziale coulombiano repul-
sivo. Tale potenziale fa salire il fondo della buca dei protoni rispetto a quella
dei neutroni e dà un contributo positivo a distanze superiori al raggio nucleare
(…gura 5.3). In realtà, poiché l’interazione nucleone-nucleone è dipendente dallo
stato in cui essi sono, ci sono altri fattori che incidono sulle profondità relative
delle buche per neutroni e per protoni.

5.3 Modello a gas di Fermi


Consideriamo semplicemente due buche quadrate identiche per protoni e neu-
troni e consideriamo nuclei con un numero N di neutroni ed un numero Z di
protoni molto maggiori di 1. Assumendo che nello stato fondamentale i nuclei
98CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

Figure 5.3: Buca di potenziale ”quadrata”per i neutroni (a) e per i protoni (b).

abbiano una ”temperatura nucleare”così bassa che i nucleoni occupino soltanto


gli stati della buca più bassi ad essi accessibili, il nucleo è assimilabile ad un
gas degenere di Fermi. I nucleoni occupano tutti gli stati …no ad una energia
cinetica massima EF , detta energia di Fermi, o, corrispondentemente, …no ad
un impulso massimo pF , detto impulso di Fermi. Considerando che la densità
di stati accessibili nel volume nucleare V (pari al volume della buca) è
dn V 4 p2
= 3
dp (2 ~)
il numero di stati occupati può essere trovato per integrazione …no a pF . Si ha
V p3F
n=
6 2 ~3
Dato che ogni stato può contenere al più due protoni o due neutroni, avremo
3
V (pnF )
N =
3 2 ~3
3
V (ppF )
Z =
3 2 ~3
Da queste relazioni, sostituendo
4 3 4 3
V = R = r A
3 3 0
possiamo determinare pnF e ppF per un nucleo (N; Z). Nel caso N = Z = A
2,
ponendo r0 = 1; 21 f m, otteniamo
M eV
pF = pnF = ppF ' 250
c
Vediamo, dunque, che i nucleoni si possono muovere all’interno del nucleo con
un impulso abbastanza elevato. Questo risultato è in accordo con quanto si può
ottenere sperimentalmente, per esempio, dallo scattering elettrone-nucleo.
L’energia di Fermi è, dunque,
p2F
EF = ' 33 M eV
2m
5.4. MODELLO A SHELL A PARTICELLA SINGOLA 99

Possiamo utilizare questo risultato per valutare la profondità della buca di


potenziale. Basta aggiungere l’energia di legame media di un nucleone per
trovare detta profondità. Però. poiché in questo semplice modello non c’è al-
cuna considerazione né di e¤etti di super…cie, né del contributo coulombiano, né
di termini di asimmetria n-p, come energia di legame media per nucleone è bene
prendere il coe¢ ciente av della formula semiempirica delle masse. Ricordando
che av ' 16 M eV , troviamo

V0 ' 50 M eV

in buon accordo con gli esperimenti. Osserviamo che all’energia di Fermi i


nucleoni si muovono con una velocità
pc
F = ' 0; 26
Etot
Questo può, almeno in parte, giusti…care l’uso della meccanica quantistica non
relativistica nello sviluppo di modelli nucleari. Osserviamo, ancora, che la ve-
locità di un nucleone all’energia di Fermi e il raggio nucleare R ci permettono
di stabilire una scala di tempi nucleari tipici tnucl , utile per considerazioni suc-
cessive
2R 1
tnucl = ' 2; 7 10 23 A 3 s (5.1)
vF

5.4 Modello a shell a particella singola


Una volta …ssato il potenziale nucleare, per ottenere precise informazioni sui
livelli nucleari dobbiamo (trascurando ogni e¤etto legato allo spin del nucleone)
risolvere l’equazione di Schroedinger

~2 2
r +V =E (5.2)
2m
A¢ nché V risulti un potenziale accettabile, la prima condizione che deve essere
soddisfatta è che il modello sia capace di rendere conto dell’esistenza dei numeri
magici. In altre parole, i livelli energetici calcolati si devono raggruppare in modo
da mostrare evidenti ”gap” in corrispondenza di numeri di occupazione pari ai
numeri magici. Inoltre, a¢ nché il modello abbia un certo valore, una volta
stabilita una certa sequenza di livelli, dobbiamo trovare che il loro riempimento
sequenziale e regolare riesca a rendere conto almeno di parte delle proprietà
dei nuclei nello stato fondamentale, viste nei capitoli precedenti. Assumendo
come approssimazione zero un potenziale centrale, rappresentato da una buca
”quadrata” con pareti di altezza in…nita, e misurando l’energia a partire dal
fondo della buca, l’equazione 5.2 diventa semplicemente

~2 2
r =E
2m
e deve essere risolta con la condizione che il nucleone sia completamente con…-
nato entro la buca, cioè con la condizione che (r) sia nulla per r = R, ove R è
il raggio della buca di potenziale. Si ottengono i livelli di energia rappresentati
nella prima colonna della …gura 5.4. Ciascuno di essi è indicato con il simbolo
nl, ove l è il numero quantico orbitale e n è un numero intero positivo, che
100CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

Figure 5.4: Livelli di energia per la buca di profondità in…nita e per l’oscillatore
armonico.
5.4. MODELLO A SHELL A PARTICELLA SINGOLA 101

Figure 5.5: Andamento del potenziale di Saxon-Woods, in funzione della dis-


tanza r dal centro del nucleo.

conta i livelli aventi un determinato l, a partire dal più basso, al quale è at-
tribuito n = 1. I diversi valori di l vengono rappresentati usando la tradizionale
notazione spettroscopica, cioè con una lettera che per l = 0; 1; 2; 3; 4; 5 è, rispet-
tivamente s; p; d; f; g; h. A ciascun livello è, anche, attribuito un numero di
occupazione pari a 2 (2l + 1), che è il numero di protoni o di neutroni che può
occupare tale livello, in accordo con il principio di esclusione di Pauli. In …gura
è anche riportato, inserito tra di¤erenti livelli, il numero di occupazione cumula-
tivo, ottenuto per somma a partire dal basso. Grandi ”gap’tra livelli potrebbero
essere associate alla chiusura di shell di nucleoni e dovrebbero far emergere nu-
meri di occupazione cumulativi pari ai numeri magici. Si vede che con questo
potenziale compaiono 2, 8 e 20 ma nessuno degli altri numeri. Lo stesso accade
se si usa il potenziale dell’oscillatore armonico, i cui livelli (equispaziati) sono
riportati nella seconda colonna della …gura 5.4.
In realtà sia l’uno che l’altro potenziale non sono accettabili. Per altro, abbi-
amo già detto che, in base alla caratteristica a corto raggio della forza nucleare,
ci aspettiamo che il potenziale debba avere una forma simile alla distribuzione
della densità nucleare. Pertanto, un potenziale realistico è il cosiddetto poten-
ziale di Saxon-Woods, dato da
V0
V (r) = (r c)
1+e a

e rappresentato in …gura 5.5.I parametri c ed a sono dati da


1
c ' 1; 2 A 3 f m
a ' 0; 52 f m
mentre V0 viene scelto per ottenere le appropriate separazioni di energia e risulta
dell’ordine di 50 M eV , in accordo a quanto visto nel paragrafo precedente.
Questo potenziale, rispetto a quello dell’oscillatore armonico, rimuove la degen-
erazione in l delle shell maggiori (vedi prima colonna della …gura 5.6). All’andar
su dell’energia, diventa sempre maggiore la separazione di livelli con uguale l,
diventando larga quanto la spaziatura dei livelli stessi dell’oscillatore armonico.
Non compaiono ancora i numeri magici superiori a 20.
102CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

Figure 5.6: Livelli dell’oscillatore armonico (prima colonna), del potenziale di


Saxon-Woods e di quest’ultimo più interazione spin-orbita.
5.4. MODELLO A SHELL A PARTICELLA SINGOLA 103

5.4.1 Potenziale spin-orbita


Per ottenere i numeri magici superiori a 20, al potenziale di Saxon-Woods deve
essere aggiunto un termine di interazione spin-orbita

V (r) ) V (r) + Vso (r) l s

Come nella …sica atomica, in presenza dell’interazione spin-orbita gli stati de-
vono essere etichettati in base al momento angolare totale j = l + s; ciascun
livello di energia viene, così, indicato con il simbolo nlj .I buoni numeri quantici
non sono più l, m, s e sz ma j, mj , l e s. Poiché un singolo nucleone ha s = 12 ,
i valori possibili di j sono
1 1
j = l+ e j=l per l 6= 0
2 2
1
j = per l = 0
2
1
L’interazione spin-orbita comporta uno separazione dei due livelli j = l + 2 e
j = l 21 . Infatti, da
2
j2 = (l + s) = l2 + s2 + 2l s

calcoliamo
1 2 1
hl si = j l2 s2 = (j (j + 1) l (l + 1) s (s + 1)) ~2
2 2
ovvero
1 2 1
hl si = l~ per j = l + (5.3)
2 2
1 1
hl si = (l + 1) ~2 per j = l
2 2
Così, il potenziale è
1 1
V (r) + l~2 Vso (r) per j = l+
2 2
1 1
V (r) (l + 1) ~2 Vso (r) per j = l
2 2
La degenerazione di un libello è 2j + 1. Per ottenere l’accordo con i risultati
sperimentali è necessario assumere Vso < 0 (interazione spin-orbita invertita).
In questo modo, il livello corrispondente a l + 12 ha una energia inferiore al livello
l 21 .
Con l’introduzione dell’interazione spin-orbita, il raggruppamento dei livelli
cambia e compaiono nuove gap quando parte degli stati di alto j sono spostati
verso il basso di una quantità proporzionale a j 12 = l (vedi 5.3) mentre gli
altri sono spostati verso l’alto di una quantità proporzionale a j + 12 = l + 1.
Questo è nella …gura 5.6 ove si vede che:

il livello 1f 27 appare, ora, nella gap tra la seconda e la terza shell, perme-
ttendo di ritrovare il numero magico 28;
104CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

il livello 1g 92 si sposta in basso nella shell maggiore più prossima, facendo


comparire il numero magico 50;
i livelli 1g 72 e 1h 11
2
si collocano in modo da far comparire il numero magico
82;
i livelli 1h 92 e 1i 13
2
si collocano in modo da far comparire il numero magico
126.

Al crescere del numero di massa, cresce il raggio della buca di potenziale


e l’ordine tra i livelli non si mantiene costante. Tuttavia, i cambiamenti che
si manifestano non sono tali da far perdere signi…cato ai numeri magici; cioè,
comunque permangono larghe gap associabili ai numeri magici.

5.4.2 Spin degli stati fondamentali nucleari


Il maggiore successo del modello a shell sta nella sua capacità di predire lo spin
e la parità dei nuclei nello stato fondamentale. Lo spin di un nucleo è la somma
vettoriale dei momenti angolari di tutti i nucleoni
A
X
I= ji
i=1

Un livello nlj pieno non contribuisce a I poiché jtot dei nucleoni occupanti è nullo.
I nuclei per i quali protoni e neutroni riempiano (separatamente) un insieme di
livelli nlj , che sono nuclei pari-pari, hanno dunque I = 0. Da ciò segue che,
nel caso ci sia un solo nucleone dispari all’infuori di livelli completamente pieni,
lo spin del nucleo è semplicemente il momento angolare del nucleone dispari.
Analogamente, se un nucleo ha soltanto livelli pieni con l’eccezione di una sola
lacuna, lo spin del nucleo è il momento angolare della lacuna. La lacuna agisce,
infatti, come se fosse un singolo nucleone, con carica opposta e jz invertito,
aggiunto al nucleo con livelli completamente pieni.
C’è, però, di più. Abbiamo già visto in precedenza che per i nuclei risulta
energeticamente favorevole contenere un numero pari di protoni e un numero
pari di neutroni. La conoscenza degli spin nucleari permette di spiegare l’origine
di ciò. Infatti, le indicazioni sperimentali sono a favore del fatto che due protoni
o due neutroni che vadano ad occupare uno stesso nlj si accoppiano in modo
da dare contributo nullo allo spin nucleare. Se questo fosse e¤ettivamente vero
sempre, si dovrebbe avere che:

1. lo spin dello stato fondamentale di tutti i nuclei pari-pari è nullo;


2. lo spin dello stato fondamentale di ogni nucleo con A dispari è quello del
nucleone non accoppiato.

Nella …gura 5.7 è riportato lo schema dei livelli per 15 17


8 O7 e 8 O9 , previsto
dal modello a shell. Nel primo caso il neutrone dispari occupa un livello p 12 ;
nel secondo caso il neutrone dispari occupa un livello d 52 . Ne segue che 15
8 O7
17 1 5
e 8 O9 dovrebbero avere, rispettivamente spin 2 e 2 ed è quanto si veri…ca
sperimentalmente.
La proprietà 1 risulta veri…cata sempre, mentre la 2 presenta alcune ec-
cezioni. Queste, però, potrebbero anche essere dovute ad una non adeguata
5.4. MODELLO A SHELL A PARTICELLA SINGOLA 105

15 17
Figure 5.7: Schema dei livelli per 8 O7 e 8 O9 . Gli stati occupati sono indicati
con un punto pieno.

conoscenza dello stato fondamentale dei nuclei interessati. In ogni caso, le ec-
cezioni sono abbastanza poche da non in…ciare più di tanto l’e¢ cacia di una
regola così semplice.
Nel caso di nuclei dispari-dispari il modello a shell prevede
jj1 j2 j I jj1 + j2 j
ove 1 e 2 si riferiscono al protone e al neutrone dispari. Non c’è un modo
sistematico in cui protone e neutrone dispari combinano i loro spin né una
chiara regola empirica. In ogni caso, sappiamo dallo studio delle masse che i
nuclei dispari-dispari sono energeticamente sfavoriti. Ce ne sono solo quattro
stabili; gli altri decadono :

5.4.3 Parità degli stati fondamentali nucleari


La parità nucleare2 è il prodotto delle parità di tutte le funzioni d’onda dei
singoli nucleoni
YA
l
= ( 1) i
i=1
Ne segue che:
1. la parità dello stato fondamentale di un nucleo pari-pari è pari;
2. la parità dello stato fondamentale di un nucleo con A dispari è quella della
funzione d’onda del nucleone non accoppiato.
2 Il concetto di parità di uno stato quantomeccanico è assunto già noto. Esso sarà tuttavia

ripreso nel paragrafo 12.4.


106CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

Così, nel caso dell’esempio precedente, 15 17


8 O7 ha parità dispari e 8 O9 ha
parità pari, in accordo con i risultati sperimentali.
A queste due predizioni del modello a shell si applicano le stesse conclusione
riportate per le corrispondenti predizioni relative allo spin.

5.4.4 Momento di dipolo magnetico


Il magnetismo nucleare è originato dai momenti magnetici intrinseci dei singoli
nucleoni e dai momenti magnetici associati ai loro moti orbitali. Il momento
magnetico intrinseco di un nucleone è dato da

= gs N s=~

ove s è il momento angolare di spin (in unita ~), N è una costante analoga al
magnetone di Bohr, detta ”magnetone nucleare”

e~ 8 eV
N = = 3; 15 10
2mp T

e gs è il fattore giromagetico intriseco, dato da

gs = 5; 586 per il protone

gs = 3; 826 per il neutrone


Il protone ha, dunque, un momento magnetico p = 2; 793 N mentre il neutrone
ha un momento magnetico n = 1; 913 N . Si osservi che i momenti magnetici
del protone e del neutrone sono tre ordini di grandezza piu piccoli del momento
magnetico dell’elettrone perché tale è il magnetone nucleare rispetto al magne-
tone di Bohr, nel quale a denominatore c’è la massa dell’elettrone invece della
e~ 5 eV
massa del protone B = 2me = 5; 79 10 T , ge = 2; 002 . Si osservi, anche,
come il neutrone abbia un momento magnetico diverso da zero pur essendo
neutro.
Tenendo conto del contributo del moto orbitale dei protoni e dei contributi
intrinseci di protoni e neutroni, si vede che il momento magnetico è il valore di
aspettazione sullo stato (fondamentale) nucleare dell’operatore
( Z
" Z A
#)
X X X
= N Lk + N gp sk + gn sk =~ (5.4)
k=1 k=1 k=Z+1

ove Lk è l’operatore momento angolare orbitale associato al k-esimo protone


e sk è l’operatore momento angolare intrinseco associato al k-esimo nucleone.
L’operatore è simile a
XA XA
I= Lk + sk
k=1 k=1

con la di¤erenza che, nel caso di , Lk e sk sono moltiplicati per fattori diversi
e la somma su k di Lk è estesa solo ai protoni, perciò il momento magnetico
non è parallelo allo spin nucleare I. Così, mentre I è una costante del moto,
non lo è e il suo valore signi…cativo è la sua media nel tempo.
5.4. MODELLO A SHELL A PARTICELLA SINGOLA 107

Ai …ni del calcolo del valore di aspettazione di possiamo sostituire l’operatore


con ef f dato da
I
ef f = 2 I (5.5)
jIj
ef f ha tutte le proprietà di un vettore nella direzione di I. C’è, dunque, una
precisa relazione tra i valori di aspettazione di ef f z sui 2I + 1 substati di un
dato stato nucleare di spin I. Si ha
m
z = cost cos = cost p (5.6)
I (I + 1)
ove è l’angolo tra I e l’asse z. z ha il suo massimo valore nel sottostato
(m = I). Questo massimo valore è comunemente chiamato momento mag-
netico del nucleo
Z
= (m = I) ef f z (m = I) d

Si de…nisce il rapporto giromagnetico g del nucleo per mezzo di


e~
=g NI =g I (5.7)
2mp
Si osservi come il momento risulti nullo quando I = 0. In generale, i mo-
menti magnetici nucleari non eccedono 6 N . La forza di ”pairing” favorisce
l’accoppiamento due a due dei nucleoni in modo che i loro momenti si sommino
per dare risultato nullo.
Il modello a shell permette anche una comprensione qualitativa del momento
magnetico nucleare. È chiaro, infatti, che il momento magnetico di nucleoni
accoppiati si cancelli esattamente come il loro momento angolare. Così, i nuclei
pari-pari hanno I = 0 e = 0. Nel caso dei nuclei dispari-dispari l’incertezza
sull’accoppiamento dei momenti angolari si traduce nell’incapacità di fare una
predizione del momento magnetico. Invece, nel caso dei nuclei con A dispari, il
semplice modello a shell a particella singola predice che il momento magnetico
sia determinato unicamente dal nucleone dispari.
Consideriamo un nucleo con A dispari. Sia j il momento angolare del nu-
cleone dispari e, quindi, lo spin del nucleo, I = j. In base alla 5.4 e alla 5.5,
possiamo scrivere che il momento magnetico è dato dal valore di aspettazione
sullo stato nucleare (m = I = j) dell’operatore

= N (gl l + gs s) =~

ove l e s sono, rispettivamente, gli operatori corrispondenti al momento an-


golare orbitale ed allo spin del nucleone dispari, mentre gl e gs sono fattori
giromagnetici, che assumono i valori

p n
gl = 1 0
gs = gp gn

Poniamo l = j s per cui

= N (gl j + (gs gl )s) =~


108CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

e, quindi,
= hm = j j j m = ji = N (gl j + (gs gl ) hsi =~)
Ora
hsi = hsj i
ove sj è la proiezione di s lungo j

s j j j (s j)
sj = = 2
jjj jjj jjj

per cui

hji hs ji j
hsi = D E = (j(j + 1) l (l + 1) + s (s + 1))~
jjj
2 2j (j + 1)

Allora
j(j + 1) + l (l + 1) s (s + 1) j(j + 1) l (l + 1) + s (s + 1)
= gl + gs j N
2j (j + 1) 2j (j + 1)
ovvero
= gj j N

avendo introdotto il rapporto giromagnetico gj , de…nito da

j(j + 1) + l (l + 1) s (s + 1) j(j + 1) l (l + 1) + s (s + 1)
gj = gl + gs
2j (j + 1) 2j (j + 1)
1
Sostituendo una volta l = j 2 e un’altra volta l = j + 12 , otteniamo

1 1 1
= gl j + gs N per j = l + (5.8)
2 2 2
3 1 j 1
= gl j+ gs N per j = l
2 2 j+1 2

La 5.8 fornisce i cosiddetti limiti di Schmidt per i momenti magnetici dei nuclei
con A dispari. Tali limiti sono rappresentati con linee continue nella …gura
5.8, in funzione del momento angolare. Nella parte superiore della …gura sono
rappresentati i momenti magnetici di nuclei con Z dispari e nella parte inferiore
quelli di nuclei con N dispari.L’accordo tra previsioni del modello e risultati
sperimentali non è molto buono. Tuttavia, i risultati sperimentale si collocano
entro i limiti di Schmidt, riproducendone il ”trend”. Il confronto con i momenti
magnetici si presta, dunque, ben più di quello con gli spin, ad evidenziare i
limiti del semplice modello a shell a particella singola. Le ragioni per l’accordo
solo grossolano potrebbero essere almeno due: 1) i momenti magnetici intrinseci
dei nucleoni legati potrebbero non essere uguali a quelli dei nucleoni liberi3 ; 2)
eventuali e¤etti cooperativi, non considerati dal modello, si fanno sentire sul
momento magnetico anche se non incidono sul momento angolare nucleare.
3 Per esempio, ponendo g
s ' 0; 6gs libero , l’accordo migliora anche se permane lo
sparpagliamento.
5.4. MODELLO A SHELL A PARTICELLA SINGOLA 109

Figure 5.8: Momenti magnetici di nuclei con Z dispari (in alto) e con N dispari
(in basso), in funzione del momento angolare. Le linee continue rappresentano
i limiti di Schmidt.
110CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

Risonanza magnetica nucleare


Se poniamo un nucleo di spin j e momento magnetico in un campo magnetico
esterno B, la cui direzione de…nisce l’asse z del sistema di riferimento (B
(0; 0; B)), l’energia potenziale magnetica corrispondente ad un dato jz è
jz
E (jz ) = B
j
Ci sono, così, 2j + 1 livelli equispaziati, corrispondenti a jz = j; j + 1; ::::; j
1; j. Un campo a radiofrequenza di frequenza opportuna può indurre transizioni
tra questi livelli e si osserva un assorbimento di risonanza quando la frequenza
del campo e. m. è tale che
B
h =j j
j
Questo è il fenomeno della risonanza magnetica nucleare che ha moltissime
applicazioni anche in campi diversi dalla …sica, quale la chimica, la biologia e
la medicina4 . La misura della frequenza dell’assorbimento di risonanza in
un campo magnetico noto permette la determinazione del momento magnetico
nucleare.

5.4.5 Momento di quadrupolo elettrico


Normalmente i nuclei con spin I 1 hanno un piccolo momento di quadrupolo
elettrico, la cui entità dà un’indicazione su quanto la distribuzione di carica
nucleare devii dalla forma sferica. Riferiamoci, innanzitutto, al nucleo come ad
una distribuzione classica di cariche e (x; y; z) e (r) con…nata in un piccolo
volume e prendiamo l’origine del sistema di coordinate nel centro di carica della
distribuzione. La distribuzione di carica, accoppiandosi con il campo elettrico
generato dalle cariche atomiche circostanti5 , possiede una energia data da
Z
U =e (r) (r) d3 r

ove (r) è il potenziale del campo. L’integrale è esteso al piccolo volume del
nucleo e, pertanto, possiamo approssimare il potenziale con i primi termini del
suo sviluppo in serie
3
X 3
@ 1 X @2
(r) = (0) + xi + xi xj
i=1
@xi 0 2 i;j=1 @xi @xj 0
3
X
1
= (0) r E (0) + xi xj ij (0)
2 i;j=1

avendo posto x; y; z x1 ; x2 ; x3 . Allora


3 Z
1 X
U = eZ (0) d E (0) + e ij (0) (r) xi xj d3 r
2 i;j=1
4 La diagnostica per immagini con il metodo della risonanza nucleare è una metodologia

largamente applicata in medicina. Per una sua descrizione si può vedere: J. Lilley, "Nuclear
Physics - Priciples and applications", Wiley 2001.
5 Poiché il moto degli elettroni atomici è caratterizzato da frequenze (~! eV ) molto
a
minori di quelle tipiche del moto dei nucleoni (~! n M eV ) posssiamo assumere il campo
elettrico stazionario.
5.4. MODELLO A SHELL A PARTICELLA SINGOLA 111

ove Z
d=e (r) rd3 r

è il momento di dipolo elettrico della distribuzione. Il primo termine rappre-


senta l’energia associata ad una carica puntiforme Ze posta nell’origine, mentre
il secondo termine è l’energia del dipolo elettrico. Poiché il nucleo si può con-
siderare in uno stato a parità de…nita e le interazioni elettromagnetiche sono
invarianti per trasformazioni di parità, il momento di dipolo elettrico è nullo
(la distribuzione di carica è invariante per ri‡essione spaziale (r) = ( r))6 .
Allora, il contributo ad U dovuto alla estensione della distribuzione di carica
del nucleo appare nel termine
3 Z
1 X
U= e ij (0) (r) xi xj d3 r (5.9)
2 i;j=1

Considerando l’asse z nella direzione del momento angolare atomico, possiamo


assumere che il campo elettrico abbia simmetria cilindrica intorno all’asse z.
Inoltre, se trascuriamo la piccola densità di carica degli elettroni atomici sul
volume del nucleo, il campo elettrico generato dal potenziale è solenoidale
nello spazio occupato dal nucleo. La simmetria cilindrica comporta che Ez non
dipenda da x e y e, quindi, al primo ordine

@Ez
Ez = Ez (0) + z
@z 0

Per semplicità possiamo porre Ez (0) = 0, tanto un termine costante non ha


e¤etto essendo nullo il momento di dipolo elettrico. Dunque

@Ez
Ez = z= 33 (0) z
@z 0

6 Sia, infatti
(r1 ; r2 ; :::::::; rZ ; rZ+1 ; rZ+2 ; :::::::; rA )
la funzione d’onda che descrive il sistema di Z protoni e N = A Z neutroni che costituisce
il nucleo nel suo stato fondamentale, allora
Z
X
(r) = ePi (r)
i=1

ove Z
2
Pi (r) = j (r1 ; :::; ri 1 ; r; ri+1 ; :::; rA )j d3 r1 ; :::; d3 ri 3 3
1 ; d ri+1 ; ::::; d rA

e Pi (r) d3 r rappresenta la probabilità di trovare il protone i-esimo nel volumetto d3 r. Allora


possiamo scrivere il momento di dipolo elettrico come
Z Z
X
d= eri j (r1 ; :::::; rA )j2 d
i=1

ove d sta ad indicare l’integrazione su tutte le coordinate. Ora, essendo

j (r1 ; :::::; rA )j2 = j ( r1 ; :::::; rA )j2

j (r1 ; :::::; rA )j2 è una funzione pari mentre ri è una funzione dispari per cui l’integrale è
nullo. Si vede, così, che i sistemi quantomeccanici in uno stato di parità de…nita non hanno
un momento di dipolo elettrico permanente.
112CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

La solenoidaletà del campo a sua volta dice che


@Ex @Ey @Ez
+ + =0
@x @y @z
da cui
@Ex @Ey
+ = 33 (0)
@x @y
e, quindi, considerando ancora la simmetria cilindrica e ponendo Ex (0) =
Ey (0) = 0,
1 1
Ex = 33 (0) x Ey = (0) y
2 2 33
ossia
1 1
11 (0) = (0) 22 (0) = (0)
2 33 2 33
mentre
ij = 0 per i 6= j
Allora
Z
1 1 1
U= e (r) 33 (0) x2 33 (0) y 2 + 33 (0) z 2 d3 r
2 2 2
ossia Z
1 1
U == e 33 (0) (r) 3z 2 r2 d3 r = e 33 (0) Q (5.10)
4 4
La quantità Z
Q= (r) 3z 2 r2 d3 r (5.11)

è de…nita momento di quadruplo elettrico della distribuzione di carica (r). Q


ha le dimensioni di una super…cie.
Se la distribuzione di carica ha forma sferoidale con simmetria cilindrica
intorno all’asse z, semiasse c nella direzione di z e semiasse a nella direzione
perpendicolare, si ha
2 2 4 2
Q= c a2 Z = R Z
5 5
ove Z è il valore massimo di z 0 , mentre
c2 a2
=
c2 + a2
è detta eccentricità e R2 è il raggio quadratico medio
c2 + a2
R2 =
2
Q è uguale a zero quando la distribuzione è sferica (c = a); Q > 0 se c > a
(distribuzione prolata) e Q < 0 se c < a (distribuzione oblata) (vedi …g. 5.9).
Passando alla meccanica quantistica, Q viene de…nito come valore di aspet-
tazione sullo stato nucleare dell’operatore
Z
X
^=
Q (3zk2 r2k ) (5.12)
K=1
5.4. MODELLO A SHELL A PARTICELLA SINGOLA 113

Figure 5.9: Il momento di quadrupolo elettrico è maggiore di zero per una


distribuzione di carica prolata (a), uguale a zero per una distribuzione sferica
(b) e minore di zero per una distribuzione oblata (c).

ove ora zk e rk sono riferite alle coordinate del k-esimo protone. Q può as-
sumere 2I + 1 valori, tanti quante sono le possibili proiezioni m di I sull’asse
z. Si de…nisce allora momento di quadrupolo elettrico del nucleo il valore di
aspettazione dell’operatore Q^ 33 sullo stato nel quale è massima la componente
dello spin nucleare lungo l’asse z:
Z Z
!
X
Q= (mI = I) (3zk2 r2k ) (mI = I) d3 r1 ::::d3 rZ
K=1

Osserviamo che un nucleo può avere momento di quadrupolo elettrico Q 6= 0


solo se il suo spin I 17 .
Il modello a shell prevede che nel caso di nuclei (con I 1) che abbiano
tutti i livelli nlj pieni ed un solo nucleone nel livello nlj più esterno, il momento
di quadrupolo elettrico sia determinato unicamente da quest’ultimo nucleone,
che orbita intorno ad un nocciolo a simmetria sferica. Così, se il nucleone è un
7 Infatti
Z Z
(r1 ; ::; rA ) 3zi2 ri2 (r1 ; ::; rA ) d (r1 ; ::; rA ) F (r1 ; ::; rA ) d

Poiché 3z 2 r 2 corrisponde ad una funzione d’onda con momento angolare orbitale l = 2


(3z 2 r 2 = r 2 3 cos2 1 / r 2 Y20 ) e (r1 ; :::::; rA ) è la funzione d’onda del nucleo con spin
I, F si può scrivere come
I+2
X
F = FJ
J=jI 2j

e, poiché due funzioni d’onda con momento angolare diverso sono ortogonali, si ha
R
(r1 ; :::::; rA ) F (r1 ; :::::; rA ) d = Q 6= 0 soltanto se esiste un valore di J = I. Questo
è chiaramente impossibile se I = 0; 21 .
114CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

neutrone ci aspettiamo un momento di quadrupolo nullo, mentre se è un protone


ci aspettiamo un momento di quadrupolo (momento di quadrupolo elettrico di
particella singola) dato da
Z
Qp:s: = (m = I = j) 3z 2 r2 (m = I = j) d3 r ' r2 (5.13)

ove (m = I = j) è lo stato nucleare con la massima proiezione del momento


angolare lungo l’asse di quantizzazione e r2 è il raggio quadratico medio
dell’orbita del protone esterno. Detto R il raggio del nucleo, abbiamo, così,
2
Q Qp:s: R2 = r02 A 3
e da qui
Q 0; 06 b per nuclei leggeri
Q 0; 5 b per nuclei pesanti
Un calcolo più ri…nito fornisce
2j 1
Qp:s: = r2
2 (j + 1)
Usando
3 2 3 2
R = r02 A 3
r2 =
5 5
calcoliamo i valori riportati nella tabella seguente e li confrontiamo con i valori
misurati dei momenti di quadrupolo elettrico di alcuni nuclidi con un unico
protone o con un unico neutrone esterno a sub-shell nlj completamente piene.
.
ESEMPI
Singolo p Singolo n
2
j Q=A 3 N ucl: Qcalcolato Qmisurato N ucl: Qmisurato
(barn) (barn) (barn) (barn)
3 7
2 0; 0035 3 Li 1p 32 0; 013 0; 037
5 19 17
2 0; 0049 9 F 1d 52 0; 035 0; 12 8 O 1d 52 0; 026
7 43 41
2 0; 0058 21 Sc 1f 72 0; 071 0; 26 20 Ca 1f 72 0; 08
9
2 0; 0063 9341 N b 1g 92 0; 129 0; 32 73
32 Ge 1g 92 0; 17
.
Il segno è giusto ma i valori calcolati risultano di un fattore 2 3 più piccoli
di quelli misurati. Inoltre risulta Q 6= 0 anche nel caso di un neutrone dispari
(seppure più piccolo, in valore assoluto, del corrispondente caso con protone).
Un confronto più completo tra le previsioni del modello e i risultati speri-
mentali per nuclidi con Z o N dispari è riportato nella …gura 5.10, ove le linee
continue rappresentano i valori teorici, jQj r2 , ed i punti i valori sperimen-
tali. Il modello non riesce assolutamente a prevedere i momenti di quadrupolo
molto grandi (anche diversi barn) di taluni nuclidi pesanti. In particolare, fa
previsioni errate anche di ordini di grandezza, nelle regioni 60 < Z < 80, Z > 90,
90 < N < 120, N > 140. Questi numeri si riferiscono a nuclidi piuttosto pe-
santi e si collocano nel mezzo dell’intervallo tra i due numeri magici 50 e 82, 82
e 126 e oltre 126. Essi rispecchiano situazioni corrispondenti alla shell esterna
semipiena.
5.4. MODELLO A SHELL A PARTICELLA SINGOLA 115

Figure 5.10: Momenti di quadrupolo misurati (punti) di nuclidi con Z dispari


(alto) o N dispari (basso). Le curve rappresentano la previsione jQj r2 del
modello a shell.
116CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

5.4.6 Limiti del modello a shell a particella singola. Strut-


tura collettiva.
Il modello a shell a particella singola è un modello nucleare che tende a sempli-
…care notevolmente la struttura del nucleo, in particolare nella sua concezione
estrema, nella quale si assume che tutti i nucleoni siano accoppiati eccetto l’unico
nucleone dispari, per cui tutte le proprietà nucleari dovrebbero dipendere dallo
stato di tale nucleone. Il maggiore successo di questo modello è la spiegazione
dello spin e della parità degli stati fondamentali nucleari. Con i momenti mag-
netici il successo è più limitato. La cosa migliore è che i nuclei pari-pari abbiano
e¤ettivamente = 0, conformemente con I = 0, come previsto dal modello.
Per i nuclidi con A dispari, risulta signi…cativamente diverso da quanto pre-
visto dal modello e questo, verosimilmente, signi…ca che i momenti magnetici
di nucleoni appaiati nel nocciolo non si compensano esattamente. La situazione
è ancora meno soddisfacente per i momenti di quadrupolo elettrico, per i quali
si riscontrano discrepanze anche di ordini di grandezza, in particolare quando il
numero di nucleoni si colloca grosso modo a metà tra due shell chiuse. Quando,
poi, si passi a considerare gli stati eccitati di un nucleo, anche relativamente
semplice (quali si possono considerare, per esempio, 17 19
8 O9 e 9 F8 , i quali hanno,
nello stato fondamentale, un unico neutrone e un unico protone esterno ad una
shell (magica) completamente piena), viene meno anche la capacità del modello
di prevedere una corretta succesione (almeno iniziale) degli stati.
Un miglioramento del modello si può ottenere introducendo il concetto di
nucleoni di valenza, cioè il fatto che le proprietà di un nuclide siano determinate
non dal solo nucleone dispari ma da tutti i nucleoni contenuti nella shell esterna
non piena. Tuttavia, ci sono proprietà, quale il momento di quadrupolo, che non
si possono spiegare nemmeno considerando il moto di alcuni nucleoni di valenza.
Bisogna, allora, considerare moti collettivi, per mezzo dei quali molti nucleoni
contribuiscono cooperativamente alle proprietà nucleari. Proprietà collettive si
manifestano particolarmente nei cosiddetti nuclei di transizione (150 < A <
190, A > 220); nel loro caso l’e¤etto di appaiamento (pairing) diviene incapace
di mantenere la simmetria della shell parzialmente piena, la quale si deforma
diventando uno sferoide o un ellissoide di rotazione. In questo caso si parla di
nuclei deformati. Entrano in gioco moti rotazionali e vibrazionali collettivi, dei
quali si trova manifestazione negli spettri nucleari.

5.5 Quesiti ed esercizi


5.5.1 Quesiti
1. Quali sono i numeri magici e quali fatti sperimentali li caratterizzano?

2. Si indichino dei fatti sperimentali che suggeriscono l’esistenza di “shells”


nucleari.

3. Il modello a shell del nucleo necessita della introduzione di un potenziale


nucleare. Come si descrive qualitativamente tale potenziale, per il quale
non esiste una sorgente “esterna”analoga a quella che determina il poten-
ziale in cui si muovono gli elettroni atomici?
5.5. QUESITI ED ESERCIZI 117

4. Usando il modello a gas di Fermi si stimi il minimo valore della profondità


della buca di tale potenziale

5. Si stimi l’energia di Fermi dei nucleoni.

6. Un buon potenziale per il modello a shell di particella singola è il poten-


ziale di Saxon-Woods. Si scriva la relazione che fornisce tale potenziale.
Quale termine è assolutamente necessario aggiungere al potenziale sferico
di Saxon-Woods per poter giusti…care l’esistenza dei numeri magici più
elevati? Come si scrive tale termine aggiuntivo?

7. Quali risultati fornisce il modello a shell per lo spin-parità dei nuclei?

8. Si de…nisca il momento di dipolo magnetico di un nucleo.

9. Quali risultati fornisce il modello a shell per il momento magnetico dei


nuclei?

10. Si spieghi perché i nuclei non hanno momento di dipolo elettrico?

11. Come si de…nisce (quantisticamente) il momento di quadrupolo elettrico


di un nucleo? Si stimi l’ordine di grandezza dei momenti di quadrupolo
aspettati in base al modello a shell a particella singola.

12. Quali risultati fornisce il modello a shell per il momento di quadrupolo


elettrico dei nuclei?

5.5.2 Esercizi
1. Usando il modello statistico di Fermi, si stimi l’energia cinetica media dei
protoni del 56 Fe .

2. Si veda quali sono, in base al modello a shell, i valori aspettati dello spin
e della parità dei seguenti nuclidi
31 67 115
15 P ; 30 Zn; 49 In

3. Per i seguenti nuclidi lo spin, la parità ed il momento magnetico assumono


i valori indicati a lato di ciascuno

43 7
20 Ca : , 1; 32 N
2
+
93 9
41 N b : , + 6; 17 N
2
137 3+
56 Ba : , + 0; 93 N
2
Si confrontino tali valori con le previsioni del modello a shell.

4. Si calcoli la frequenza angolare ! corrispondente alla risonanza magnetica


del 43
20 Ca e del protone in un campo1di induzione magnetica B di 1 T .

71
5. Si calcoli la frequenza della risonanza magnetica del 31 Ga, assumendo
B = 1; 5T .
118CHAPTER 5. PROPRIETÀ DEI NUCLEI NELLO STATO FONDAMENTALE

6. Si consideri un nucleo con spin I = 1 con A e Z dispari. Si assuma che esso


possa essere considerato come un nocciolo sferico intorno al quale orbiti il
protone dispari. Il momento di quadrupolo elettrico del nucleo sarà dato
dal valore di aspettazione dell’operatore 3z 2 r2 , ove r e z sono riferiti al
protone dispari, sullo stato nucleare per il quale è massima la componente
di I lungo l’asse z. Si mostri che vale la 5.13.
Chapter 6

Decadimento e …ssione
spontanea

Abbiamo visto che l’energia di legame per nucleone presenta un massimo nella
regione del ferro; questo signi…ca che gli elementi più pesanti potrebbero risultare
instabili ed, eventualmente, disintegrarsi spontaneamente in parti più stabili. Il
principale tipo di disintegrazione osservato è l’emissione di una particella e si
manifesta per nuclei piuttosto pesanti.
A A 4 0 4
Z XN ! Z 2 XN 2 + 2 He2

Con l’emissione della particella il nucleo riduce di quattro unità il suo numero
di massa e di due unità, ciascuno, il numero di neutroni e di protoni; si riduce,
così, la repulsione coulombiana, la cui importanza è crescente al crescere del
numero di protoni. Viene emessa proprio una particella e non, per esempio,
un altro nucleo leggero per due distinti motivi. La particella è un sistema con
energia di legame alta in confronto ad altri nuclei leggeri, così, mentre al decadi-
mento corrisponde un Q-valore positivo, lo stesso non avviene per l’emissione
di singoli nucleoni o altri nuclei leggeri, nei quali, quindi, il decadimento non è
energeticamente possibile. Lo si vede, per esempio, dalla tabella 6.1 nella quale
è riportato il Q-valore calcolato per il decadimento del 238 94 P u in alcuni nuclei
leggeri.
Il Q-valore, però, può anche risultare positivo per l’emissione di nuclei un
poco più pesanti, come avviene nel caso del 238 94 P u per l’emissione, per esempio,

P articella Q valore
emessa (M eV )
p 6; 0
2
H 10; 3
3
He 9; 7
4
He +5; 6
6
Li 3; 8

Table 6.1: Energia rilasciata (Q-valore) nell’eventuale decadimento del 238Pu


in alcuni nuclei leggeri.

119
120 CHAPTER 6. DECADIMENTO E FISSIONE SPONTANEA

Figure 6.1: Q-valore per decadimento , calcolato per l’isotopo più stabile di
alcuni elementi medio-pesanti.

di 11 B (11; 0 M eV ) e 12 C (22; 5 M eV ). Tuttavia, il meccanismo alla base del


decadimento, che implica, come vedremo tra poco la penetrazione di una barri-
era di potenziale, rende questi decadimenti ordini di grandezza meno probabili
del decadimento , per cui risultano non osservabili praticamente. Anche un
possibile decadimento per essere osservabile deve avere una vita media non
troppo lunga (grosso modo < 1016 anni). Inoltre, talvolta un decadimento
non risulta osservabile in quanto ”mascherato” da un decadimento molto più
probabile ( ).
Nella …gura 6.1 è riportato in funzione di A il Q-valore calcolato per l’isotopo
più stabile di alcuni elementi medio-pesanti. È chiaramente visibile un anda-
mento crescente di Q al crescere di A. Si vede che Q diventa positivo intorno
ad A 150. La maggior parte dei nuclei con A > 150 risulta, infatti, energeti-
camente -instabile, tuttavia, soltanto la metà circa soddisfa gli altri criteri in
base ai quali un decadimento risulta osservabile in pratica.

6.1 Caratteristiche del decadimento


La grandezza tipica del Q-valore del decadimento è Q 5 M eV . Es-
sendo la particella molto più leggera del nucleo …glio, ritroviamo quasi tutta
quest’energia sotto forma di energia cinetica della particella stessa (T 0; 98
Q) e soltanto una piccola parte, dell’ordine del percento, va in energia cinetica
del nucleo …glio che rincula (TX 0 0; 02 Q 100 keV ).
Sperimentalmente si osserva che maggiore è il Q-valore e minore è la vita
media del nucleo. Anzi, la dipendenza di da Q è estremamente rapida, come
si può vedere in …gura 6.2, ove è riportato in funzione di Q, il tempo di dimezza-
6.2. TEORIA DEL DECADIMENTO 121

Figure 6.2: Tempo di dimezzamento per decadimento di taluni nuclidi, in


funzione del Q-valore.

mento per decadimento per taluni nuclidi. Il tempo di dimezzamento ha un


andamento grosso modo logaritmico con Q. Si vede, per esempio, che passando
dal 232 T h, al quale corrisponde Q = 4; 1 M eV , al 218 T h, che ha Q = 9; 8 M eV ,
il tempo di dimezzamento passa da 1; 4 1010 anni a 1; 0 10 7 s; cioè, mentre
Q cresce di un fattore 2, t 21 diminuisce di un fattore 1024 . Il Q di una
sequenza di isotopi ha, in funzione del numero di massa, l’andamento caratter-
istico illustrato in …gura 6.3. A parte il ”dip” per 209 < A < 216, si vede che,
scelta una sequenza di isotopi (per esempio, quella del torio), Q diminuisce ogni
volta che si aggiunge un neutrone e questo, per la proprietà precedente, aumenta
la stabiltà del nucleo, in quanto aumenta considerevolmente . Il ”dip”è dovuto
all’e¤etto della chiusura della shell N = 126. La chiusura della shell Z = 82 si
fa vedere nella maggiore spaziatura media tra le sequenze corrispondenti al P o,
al Bi ed al P b.

6.2 Teoria del decadimento


Le caratteristiche del decadimento sono spiegate da una teoria che si basa
sul meccanismo quantistico della penetrazione di una barriera di potenziale e
fu sviluppata da Gamow e coll. nel 1928, appena dopo l’introduzione della
meccanica quantistica.
Assumendo che la particella sia ”preformata” alla super…cie del nucleo
genitore, essa si muoverà nella buca di potenziale, che possiamo assumere sferica,
del nucleo …glio. Tale buca ha approssimativamente la forma indicata in …gura
6.4 e risulta dalla somma del potenziale nucleare attrattivo e del potenziale
122 CHAPTER 6. DECADIMENTO E FISSIONE SPONTANEA

Figure 6.3: Q-valore del decadimento in funzione di A per sequenze di isotopi.

coulombiano repulsivo

1 zZ 0 e2
Vc = per r > a
4 0 r

ove a è la distanza alla quale non agisce più la forza nucleare. Possiamo ra-
gionevolmente assumere che tale distanza sia la somma dei raggi del nucleo
…glio e della particella emessa. La particella possiede all’interno della buca
una energia cinetica data da
E = V0 + Q
L’altezza massima della barriera è
1 zZ 0 e2 zZ 0
B= = 1; 44 M eV (con a in fm)
4 0 a a

La particella per liberarsi deve penetrare la barriera di potenziale per il tratto


b a, ove
1 zZ 0 e2 zZ 0
b= = 1; 44 fm (con Q in MeV )
4 0 Q Q
(b, nel caso dello scattering -nucleo, è la distanza di minimo avvicinamento
della particella al nucleo …glio nell’urto centrale). Per calcolare la costante di
decadimento possiamo usare un approccio semiclassico, scrivendo

= fP (6.1)
6.2. TEORIA DEL DECADIMENTO 123

Figure 6.4: Buca di potenziale per la particella , considerata ”preformata”alla


super…cie del nucleo …glio.
124 CHAPTER 6. DECADIMENTO E FISSIONE SPONTANEA

ove P è la probabilità che la particella penetri la barriera quando la urti e f è


la frequenza con la quale la particella urta la barriera, data da
r r
v 1 2E 1 2 (V0 + Q)
f = = (6.2)
a a m a m
m è la massa della particella. Possiamo fare subito un calcolo molto rozzo di
, approssimando la barriera di potenziale con una barriera (unidimensionale)
rettangolare di spessore e altezza dati rispettivamente da
b a
w
2
B Q B+Q
V~ Q+ =
2 2
La probabilità di penetrazione è fornita dal coe¢ ciente di trasmissione attra-
verso la barriera di potenziale unidimensionale rettangolare, il quale, detto w lo
spessore della barriera e de…nito
v
u
u 2m V~ Q
t
k=
~2

è dato da
2kw
T e (6.3)
nell’ipotesi che risulti
kw >> 1 (6.4)
232
Facciamo un esempio speci…co. Consideriamo il decadimento del 92 U in
228
90 T h, che avviene con t1=2 = 72 y e Q = 5; 4 M eV . Poniamo
p p
3
a = 1; 07( 3 AT h + 4) (6.5)

scegliendo (in modo abbastanza arbitrario) di usare come raggio nucleare il il


raggio a metà altezza della distribuzione di carica nucleare. Poniamo, inoltre,
V0 ' 35M eV (ancora piuttosto arbitrariamente). Otteniamo

a = 8; 23 f m
f 5; 4 1021 s 1

B = 31; 5 M eV
b = 48 f m
V~ = 18; 3 M eV
w ' 19; 9 f m
k ' 1; 6 f m 1

Vediamo subito che kw = 32 >> 1, conformemente alla 6.4. Perciò, usando la


6.3, abbiamo
P = T ' 6; 8 10 28
e, per la 6.1,
6 1
' 3; 7 10 s
6.2. TEORIA DEL DECADIMENTO 125

ovvero
0; 7
t1=2 = ' 2; 2 d

Questo valore risulta diverso dal valore misurato di quattro ordini di grandezza,
a causa delle approsimazioni piuttosto rozze che sono state fatte. Tuttavia, ripe-
tendo i conti per valori diversi di Q, si può vedere, anche con queste approssi-
mazioni, come cambiamenti piccoli di Q possano comportare, e¤ettivamente,
variazioni di ordini di grandezza per t1=2 .
Il calcolo può essere migliorato, scomponendo la barriera coulombiana in
tante barriere rettangolari di larghezza r molto piccola e altezza

1 zZ 0 e2
V (r) =
4 0 r
per ognuna delle quali la probabilità di penetrazione è data da
q
2m(V (r) Q)
2 r
P =e ~2

La probabilità di penetrazione della barriera coulombiana è, allora, data da


q P p
2 2m~2
r V (r) Q
P =e

e, passando al limite di spessore in…nitesimo, otteniamo


q Rb p
G 2 2m~2
dr V (r) Q
P =e =e a
(6.6)

ove abbiamo introdotto il cosiddetto fattore di Gamow G, de…nito da


r Z
2m b p
G=2 dr V (r) Q (6.7)
~2 a

Eseguendo l’integrale si trova


r
2m zZ 0 e2 p p
G=2 2
arccos x x (1 x)
~ Q 4 0

dove
a Q
= x=
b B
Per x 1, come accade per la maggior parte dei decadimenti, si ha
p p p p p
arccos x x (1 x) ' x x= 2 x
2 2
Allora, ricordando la 6.2, otteniamo
r q pQ
1 2 (V0 + Q) 2m zZ 0 e2
2 ~2 Q 4 0 2 2 B
= fP = e (6.8)
a m
ovvero r q pQ
0; 7 m 2m zZ 0 e2
2 ~2 Q 4 0 2 2 B
t1=2 = = 0; 7a e (6.9)
2 (V0 + Q)
126 CHAPTER 6. DECADIMENTO E FISSIONE SPONTANEA

Possiamo elaborare una espressione di log t1=2 in funzione di Q, che renda conto
in modo più immediato dell’andamento sperimentale di …gura 6.2. Essendo
V0 Q, possiamo fare l’approssimazione
r r
m m
0; 7a ' 0; 7a
2 (V0 + Q) 2V0

per cui
r r r !
m 2m zZ 0 e2 Q
log t1=2 = log 0; 7a +2 2
2V0 ~2 Q 4 0 2 B
r r r
m 2mB 2m 1
= log 0; 7a 4a + aB p
2V0 ~2 ~2 Q
1
Poiché B dipende semplicemente da a e a / A 3 , per una serie di isotopi B ed a
sono circa costanti, per cui log t1=2 è approssimativamente una funzione lineare
di p1Q
C2
log t1=2 ' C1 + p
Q
Questa relazione riproduce qualitativamente l’andamento dei dati sperimentali
in …gura 6.2.
La semplice teoria di Gamow mostra, dunque, un rimarchevole accordo qual-
itativo con i risultati sperimentali, anche se, da un punto di vista quantitativo,
non è la stessa cosa, come si può vedere, per esempio, dalla tabella 6.2, nella
quale sono riportati i risultati relativi ai decadimenti di alcuni nuclidi della se-
rie dell’uranio. I valori calcolati sono stati ottenuti facendo un …t dei risultati
sperimentali per mezzo della relazione

t1=2 = t0 eG

Il …t è stato fatto usando per a il valore dato dalla 6.5 e facendo variare t0 .
Questo permette di ignorare la profondità V0 della buca di potenziale al ”costo”
dell’assunzione che t0 possa essere considerato su¢ cientemente indipendente dal
nuclide considerato. Questo equivale ad assumere che il ”tasso” di formazione
di particelle alfa all’interno di un nucleo sia una proprietà nucleare che non vari
molto da nucleo a nucleo. Dal …t si ottiene t0 ' 10 22 s, che risulta essere un
valore piuttosto ragionevole quando lo si confronti con la scala di tempi nucleari
espressa dalla 5.1.
La maggiore discrepanza (due ordini di grandezza) si osserva nel caso del
decadimento del 210 206
84 P o ! 82 P b. Essa può essere associata alla chiusura della
shell N = 126 del 210 P o. Discrepanze di 1 2 ordini di grandezza si trovano
anche in altri casi. D’altra parte, il modello, già di per sé semplice, è stato
ulteriormente sempli…cato:

è stato fatto un calcolo semiclassico;


è stata usata la soluzione dell’equazione di Schroedinger per la barriera
unidimensionale, limitando, quindi, il calcolo agli urti in onda S contro la
barriera. La particella ha spin-parità 0+ . Se Ii ed If sono, rispettiva-
mente, lo spin del nucleo iniziale e del nucleo …nale, la conservazione del
6.3. FISSIONE SPONTANEA 127

Decadimento Q (M eV ) t1=2 (s)


M isurato Calcolato
238 234
92 U ! 90 T h 4; 27 1; 4 1017 4; 2 1017
234 230
92 U ! 90 T h 4; 86 0; 77 1013 1; 2 1013
230 226
90 T h ! 88 Ra 4; 77 2; 45 1012 4; 1 1012
226 222
88 Ra ! 86 Rn 4; 87 5; 18 1010 6; 3 1010
222 218
86 Rn ! 84 P o 5; 59 3; 36 105 2; 7 105
218 214
84 P o ! 82 P b 6; 11 1; 82 102 0; 8 102
214 210
84 P o ! 82 P b 7; 84 1; 61 10 4 0; 4 10 4
210 206
84 P o ! 82 P b 5; 41 1; 19 107 3; 7 105

Table 6.2: Valori misurati e …ttati del tempo di dimezzamento relativo al decadi-
mento alfa di alcuni nuclidi della serie dell’uranio.

momento angolare impone che essa venga emessa con un momento ango-
lare orbitale l tale che jIi If j l Ii +If ; inoltre, la conservazione della
parità impone che l sia pari quando le parità dei nuclei iniziale e …nale sono
uguali e dispari quando sono diverse. Nel caso tridimensionale dobbiamo,
perciò, tener conto del momento angolare, considerando nell’equazione di
2
Schroedinger il termine di potenziale centrifugo ~ 2mrl(l+1)
2 ;

1
abbiamo considerato il nucleo sferico (con raggio c = 1:07A 3 f m) mentre
in nuclei di grande massa (A maggiore di 230) possono essere anche
molto deformati.

L’ultimo punto può risultare abbastanza importante; basti pensare che, cam-
biando anche di qualche percento il raggio del nucleo, il tempo di dimezzamento
può cambiare di fattori pari a diverse unità. La barriera centrifuga, in confronto,
dà e¤etti molto minori.
Spesso il decadimento lascia il nucleo …glio in uno stato eccitato. Nel caso
di nuclei genitore pari-pari questo avviene con minore probabilità perchè il Q-
valore risulta più ridotto. La situazione è più complicata per i nuclei pari-dispari
e dispari-dispari. È più di¢ cile che il nucleone dispari partecipi alla formazione
della particella e il suo stato può essere parte di una con…guarazione eccitata
del nucleo …glio. In queso caso, il nucleo …glio si troverà con elevata probabilità
in tale stato eccitato dopo l’emmissione della particella .
La teoria di Gamow, pur molto semplice, ci permette anche di capire per-
ché non si osservino decadimenti in altre particelle leggere, anche quando siano
energeticamente permessi. Questo è dovuto al fatto che la probabilità di pene-
trazione della barriera coulombiana è talmente piccola da rendere inosservabile
l’eventuale decadimento, in presenza di un decadimento ordini di grandezza
più probabile.

6.3 Fissione spontanea


Nel decadimento un nucleo pesante si divide in due parti in modo molto
dissimetrico, in quanto una delle due è ancora un nucleo pesante mentre l’altra,
la particella , è un nucleo di elio. La …ssione, invece, è il processo con il
quale un nucleo pesante si divide in due frammenti, detti appunto frammenti
128 CHAPTER 6. DECADIMENTO E FISSIONE SPONTANEA

di …ssione, di masse più o meno confrontabili. Vogliamo, ora, fare un bilancio


energetico della …ssione spontanea, considerando il semplice caso di un nucleo
pari-pari che si divida in due metà uguali, assumendo per di più che i nuclei
…nali, contrariamente a quanto avviene in pratica, siano prodotti nel loro stato
fondamentale. Usiamo la formula semiempirica delle masse, scrivendo l’energia
di legame come (4.10)
2
2 1 (A 2Z)
B (Z; A) = av A as A 3 ac Z (Z 1) A 3 asim +
A

Trascurando l’energia di pairing e ponendo Z (Z 1) ' Z 2 , calcoliamo la


seguente di¤erenza di energia di legame tra dopo e prima della …ssione

B = Bf inale Biniziale
2 1 1 2
' as A 3 1 2 3 + ac Z 2 A 3 1 2 3

A¢ nché la …ssione risulti energeticamente favorevole, occorre che B > 0,


ovvero
2
Z2 as 2 2 3
> ' 17
A ac 2 23 1

avendo usato as ' 17 M eV e ac ' 0; 7 M eV . Questa condizione è soddisfatta


da tutti i nuclei più pesanti di 90 40 Zr, ed è tanto più soddisfatta quanto più
pesante è il nucleo considerato. Infatti, l’energia rilasciata dagli elementi più
pesanti in una eventuale …ssione simmetrica è molto grande. Per esempio, la
…ssione di 238 119
92 U in due 46 P d libererebbe 200 M eV , come si può vedere us-
ando la formula semiempirica delle masse. Tuttavia, nonostante questo grande
rilascio di energia, la …ssione spontanea è fortemente inibita dal fattore di ”tun-
neling”. Pertanto, essa è osservabile soltanto in elementi estremamente pesanti
(per esempio, 248 252
98 Cf e 100 F m).
Abbiamo potuto dare una descrizione accettabile del decadimento , immag-
inando una particella preformata alla super…cie del nucleo genitore e legata
nella buca di potenziale generata dal nucleo …glio, e abbiamo potuto calcolare,
con risultati ragionevoli, il fattore di tunneling. Nel caso della …ssione non è
altrettanto facile. Non c’è una giusti…cazione accettabile per pensare al nucleo
iniziale come un sistema composto da due frammenti preformati, l’uno legato
nella buca di potenziale generata dall’altro. Per descrivere la …ssione si può
usare il modello a goccia del nucleo, cioè lo stesso modello che ci ha guidati
nello scrivere la formula semiempirica delle masse.
Partendo da un nucleo sferico, è ragionevole pensare che il primo passo della
…ssione sia la deformazione del nucleo in un ellissoide di rotazione. Questa
deformazione comporta una variazione dell’energia di super…cie e dell’energia
coulombiana. Queste variazioni possono indurre una deformazione crescente del
nucleo …no a comportarne la separazione in due frammenti, in modo analogo
alla divisione di una goccia di liquido in due parti (…gura 6.5). Si può far vedere
con un semplice calcolo che questo avviene per

Z2 2as
> ' 49
A ac
6.3. FISSIONE SPONTANEA 129

Figure 6.5: Fasi della …ssione secondo il modello a goccia.

Z2
Se sostituiamo A = 49 nella (4.12)

A 1
Zmin '
2 1 + 4 A 23 aac
1
sim

che fornisce la stima del valore di stabilità di Z per la parabola delle masse
corrispondente ad A, e usiamo ac ' 0; 7 M eV e asim ' 23 M eV , troviamo
Z ' 140, che rappresenta una stima del limite massimo assoluto per il numero
atomico di un elemento chimico. Per gli elementi con Z più piccolo, la …ssione
spontanea può avvenire soltanto attraverso la penetrazione di una barriera di
potenziale. Una stima grossolana dell’altezza di tale barriera fornisce per 238
92 U
un valore di alcuni M eV .
La barriera di …ssione può essere misurata determinando, per esempio, la
soglia alla quale si induce la …ssione con un fotone o con un neutrone incidente.
Nel caso di 238 U la barriera è di 5; 8 M eV .
2
Come abbiamo visto, ZA compare nelle due condizioni per la …ssione spon-
tanea da noi elaborate. Esiste una relazione empirica circa lineare tra il logar-
2 2
itmo della vita media per …ssione spontanea e ZA : maggiore è ZA e minore è la
vita media.
In quanto ai frammenti di …ssione, nonostante la formula semiempirica delle
masse predica il massimo rilascio di energia quando essi sono uguali, normal-
mente le masse non risultano a¤atto simili tra loro ma distribuite in modo
asimmetrico, per cui c’è, usualmente, un frammento leggero e un frammento
pesante. Questo, naturalmente, è un segno dei limiti del modello a goccia. La
maggiore limitazione è quella di ignorare completamente la struttura a shell
del nucleo, alla quale l’asimmetria della distribuzione di massa dei frammenti è
quasi certamente dovuta.
Una volta prodotti, i frammenti di …ssione si allontanano rapidamente a
causa della repulsione coulombiana. Essi hanno normalmente un eccesso di
neutroni, del quale si liberano con tempi dell’ordine di 10 16 s (neutroni pronti ).
Anche con l’emissione di tali neutroni, i nuclidi che restano sono normalmente
in stati eccitati e lontano dal fondo della valle di stabilità. Essi prima decadono
rapidamente verso lo stato fondamentale per emissione gamma e, poi, con tempi
più o meno lunghi, verso nuclei stabili, per emissione . Nel procedere attraverso
i successivi decadimenti verso stati stabili, i frammenti di emissione emettono,
occasionalmente, anche neutroni con tempi relativamente lunghi (tipicamente
decine di secondi o minuti). Questi neutroni ritardati (per distinguerli da quelli
pronti) sono fondamentali, come vedremo, per il controllo dei reattori nucleari.
130 CHAPTER 6. DECADIMENTO E FISSIONE SPONTANEA

6.4 Quesiti ed esercizi


6.4.1 Quesiti
1. Qual è un tipico Q-valore di un decadimento alfa? Come si ripartisce tale
energia tra la particella alfa ed il nucleo …glio?
2. Il decadimento alfa è energeticamente possibile per numeri di massa su-
periori a circa 160. Perché si veri…ca e¤ettivamente solo per nuclei con
numero di massa ben più elevato di 160?
3. Qual è il ruolo della barriera centrifuga nel decadimento alfa? Come sono
correlati il momento angolare orbitale con cui è emessa la particella alfa e
le parità degli stati nucleari?

4. Come varia la costante di decadimento del decadimento alfa al variare del


Q-valore?
5. Si imposti il calcolo della costante di decadimento per il decadimento alfa.
6. Usando i parametri della formula semiempirica delle masse riportati nel
capitolo 4, si stimi per quali valori del rapporto Z 2 =A la …ssione spontanea
è energeticamente possibile.

6.4.2 Esercizi
80 176
1. Si analizzi la stabilità per decadimento dei due nuclidi Kr e Hf .
2. Quanto vale l’energia cinetica della particella emessa nel decadimento
del 214 P o, il cui Q-valore vale 7,83 MeV?
234
3. 92 U decade in 232 90 T h con un Q-valore di 4; 86 M eV ed un tempo di
dimezzamento di 0:77 1013 s. Si stimi il valore aspettato di t1=2 nel caso
in cui il Q-valore fosse la metà.
4. Il 200 200
81 T l decade per cattura elettronica in 80 Hg con un tempo di dimezza-
mento di 26; 1h. Un altro decadimento energeticamente possibile, che non
è mai stato osservato, è 200 196
81 T l ! 79 Au + + 1; 9M eV . Si stimi il tempo
di dimezzamento per questo decadimento.
Chapter 7

Decadimento

7.1 Nota storica: ipotesi e scoperta del neutrino


Le caratteristiche principali del decadimento furono studiate …n dalle prime
decadi del 1900 per mezzo di esperimenti con nuclidi naturali. Una caratteristica
fondamentale è che gli elettroni (o i positroni), emessi da un determinato nuclide,
hanno uno spettro di energia continuo, che si estende da zero …no ad una energia
cinetica massima pari al Q-valore del processo. Un esempio è mostrato in …gura
7.1. L’osservazione di uno spettro continuo in un decadimento (apparentemente)
in due corpi creava un problema con la conservazione del momento e dell’energia.
Infatti, volendo che siano conservati sia l’uno che l’altro, per ottenere uno spettro
continuo sono necessarie almeno tre particelle nello stato …nale. Per di più, la
”testa”dello spettro dell’elettrone pari al Q-valore (entro gli errori sperimentali)
implica che una eventuale terza particella abbia massa nulla o molto prossima
a zero. Taluni decadimenti creavano, inoltre, problemi con la conservazione
del momento angolare e con le regole della statistica dei sistemi composti. Per
esempio, il decadimento 3 H ! 3 He + e non conserva il momento angolare.
Infatti, lo spin del trizio vale 21 e non c’è alcun modo di ottenerlo combinando
gli spin, ugualmente 21 , delle particelle …nali. Anche la statistica viene violata,
in quanto si hanno un fermione nello stato iniziale ed un sistema bosonico (spin
pari) nello stato …nale.
Tutti questi problemi venivano risolti nel 1930 con l’ipotesi, avanzata da
Pauli, che insieme all’elettrone venisse emessa una particella neutra del tutto
nuova e di massa nulla. Tale particella doveva avere una interazione con la ma-
teria estremamente debole, in quanto non se ne osservava alcuna traccia. Fermi
diede a tale particella il nome di neutrino. Per poter rendere conto di tutti i
risultati sperimentali osservati, il neutrino doveva avere le seguenti caratteris-
tiche:

doveva essere neutro,

doveva avere un momento magnetico molto piccolo,

doveva avere massa nulla o molto prossima a zero,

doveva essere un fermione di spin 21 .

131
132 CHAPTER 7. DECADIMENTO

64
Figure 7.1: Spettro degli elettroni del decadimento del Cu.

Nel decadimento l’energia massima dell’elettrone è tipicamente dell’ordine


di 1 M eV . Poiché la massa del nucleo …glio è estremamente maggiore non
solo di quella del neutrino ma, anche, di quella dell’elettrone, il nucleo …glio
rincula con una energia cinetica trascurabile e, per questo, la testa dello spettro
beta coincide con il Q-valore del processo. Per esempio, il decadimento 210 Bi
210
P o ha un Q-valore di 1,163 MeV mentre l’energia cinetica del polonio è
!
dell’ordine di pochi eV .
Vedremo meglio nel seguito che nel decadimento beta sono coinvolti due
diversi neutrini:
+
il neutrino ( ), il quale accompagna e+ nel decadimento ,

l’antineutrino ( ), il quale accompagna e nel decadimento ed è emesso


nella cattura elettronica.

Vedremo, anche, che esistono diverse specie di neutrini. Questi del decadi-
mento beta sono il neutrino e l’antineutrino elettronici. Vedremo, inoltre, che,
nel limite in cui hanno massa zero, il neutrino e l’antineutrino hanno lo spin con
orientazione …ssa ripetto alla direzione del moto: il neutrino lo ha sempre diretto
nel verso opposto al moto (neutrino sinistrorso) e l’antineutrino lo ha sempre
nel verso del moto (antineutrino destrorso). Per essere vera per qualunque os-
servatore, questa caratteristica richiede che il neutrino si muova alla velocità
della luce ed abbia, quindi, massa nulla.

7.1.1 Scoperta del neutrino


+
L’esistenza del decadimento e implica che siano possibili processi del tipo

+n!p+e (7.1)
7.1. NOTA STORICA: IPOTESI E SCOPERTA DEL NEUTRINO 133

Figure 7.2: Apparato sperimentale usato da Reines e Cowan per rivelare il


neutrino.

e
+ p ! n + e+ (7.2)

La prima evidenza sperimentale diretta del neutrino fu ottenuta nel 1950 da


Reines e Cowan, osservando proprio eventi del tipo 7.2, ottenuti esponendo al
‡usso di neutrini uscente dal reattore nucleare di Savannah River l’apparato
sperimentale schematicamente rappresentato in …gura 7.2. Esso consiste di vari
recipienti, contenti ognuno 1400 litri di scintillatore liquido, alternati a recip-
ienti contenenti una soluzione di cloruro di cadmio. Un evento del tipo 7.2
generato dall’interazione di un e con il bersaglio costituito dalla soluzione di
cloruro di cadmio, ha una segnatura sperimentale caratteristica (…gura 7.3). Il
positrone, una volta prodotto, annichila con un elettrone del mezzo ed i fotoni
di annichilazione generano un segnale nello scintillatore liquido, che si manifesta
con ritardi dell’ordine di 10 9 s ripetto all’istante in cui è avvenuta l’interazione
dell’antineutrino. Il neutrone, invece, migra nella soluzione acquosa, subendo
diversi eventi di scattering con i nuclei leggeri che lo rallentano, …no a che non
viene catturato da un nucleo di cadmio, il quale ha una elevata sezione d’urto
di cattura di neutroni. La cattura avviene dopo un tempo dell’ordine di 10 5 s
e dà luogo all’emissione di fotoni; questi generano un impulso di luce nello scin-
tillatore. L’evento indotto dall’antineutrino è, dunque, caratterizzato da due
impulsi dello scintillatore che si susseguono con un ritardo dell’ordine di 10 5
s. La sezione d’urto di eventi del tipo 7.2, all’energia tipica dei neutrini da
decadimento, è molto piccola: vale 10 43 cm2 = 10 19 barn; questa sezione
d’urto corrisponde ad un cammino libero medio dell’antineutrino in acqua di
1020 cm, pari a 100 anni luce. Reines e Cowan ebbero la possibilità di
134 CHAPTER 7. DECADIMENTO

Figure 7.3: Disegno schematico di un evento prodotto da un antineutrino.

osservare eventi di neutrini solo grazie al ‡usso molto elevato di antineutrini:


1013 cm 2 s 1 .

7.2 Teoria di Fermi del decadimento


Una semplice teoria del decadimento fu elaborata da Fermi nel 1934. Tale
teoria è incompleta; non comprende aspetti molto rilevanti quale la violazione
della parità. Tuttavia, essa si dimostrò in grado di rendere conto, almeno in
modo qualitativo, dei valori delle vite medie osservate ed, in particolare, dello
spettro di energia dell’elettrone di decadimento. Una trattazione della teoria di
Fermi richiede l’uso della meccanica quantistica relativistica. Qui possiamo, per
semplicità, assumere di poter trattare tutte le particelle coinvolte in modo non
relativistico, ignorare ogni problema che derivi dallo spin e usare la semplice
regola aurea di Fermi per fare una valutazione della vita media del decadi-
mento e per determinare lo spettro di energia dell’elettrone (e del neutrino).
Chiaramente, la trattazione non relativistica è particolarmente non corretta per
l’elettrone e il neutrino.
Fermi, per sviluppare la sua teoria, prese a modello le interazioni elettro-
magnetiche e procedette in modo analogo a quello relativo alla trattazione del
decadimento gamma. Egli assunse che l’elettrone e il neutrino fossero creati ed
emessi nel momento della transizione del nucleo dallo stato iniziale allo stato
…nale, così come avviene per una emissione gamma. Se consideriamo per es-
empio il decadimento , nella transizione un neutrone del nucleo genitore si
trasforma in protone. Così, lo stato iniziale è descritto dalla funzione d’onda
nucleare i , mentre lo stato …nale lo possiamo rappresentare come il prodotto
della funzione d’onda del nucleo …nale f (contente un protone in più ed un
neutrone in meno) per le funzioni d’onda dell’elettrone, e , e del neutrino .
La transizione è causata da una interazione debole, rispetto a quella che dà luogo
agli stati stazionari nucleari, e può essere considerata come una perturbazione.
La costante di decadimento è data, al primo ordine, dalla regola aurea di Fermi

2 2
= jHf i j (Ef ) (7.3)
~
7.2. TEORIA DI FERMI DEL DECADIMENTO 135

ove Hf i è l’elemento di matrice della transizione dallo stato iniziale i allo


stato …nale f e i e (Ef ) è la densità degli stati …nali. Nel caso di un nu-
cleo complesso, che contiene molti neutroni, più neutroni o tutti potrebbero
concorrere al decadimento del nucleo stesso, per cui occorrerebbe sommare
l’elemento di matrice su tutti i neutroni che possono dar luogo al decadimento.
Per i nostri scopi possiamo, però, ignorare questo problema. Possiamo pensare,
per esempio, di stare trattando il decadimento di un nucleo, che abbia un solo
neutrone esterno ad una shell doppiamente chiusa e che, perciò, il decadimento
di un neutrone interno sia impedito dal principio di Pauli. In questo caso le fun-
zioni d’onda nucleari diventano semplicemente una funzione d’onda di singolo
neutrone i i (rn ) e una funzione d’onda di singolo protone f p (rp ).
L’elemento di matrice è dato da
Z
Hf i = f (::rp ::) e (re ) (r ) Hw i (::rn ::) d3 rn d3 rp d3 re d3 r

Hw è l’operatore hamiltoniano debole che dà luogo alla transizione1 . Fermi


assunse che l’interazione fosse una interazione di contatto, limitata cioè a un
punto, per cui l’elemento di matrice è semplicemente
Z
Hf i = G f (r) e (r) (r) i (r) d3 r (7.4)

ove G è una costante, detta costante di Fermi. Possiamo assumere che l’elettrone
ed il neutrino, una volta generati, si possano considerare come particelle libere.
La loro funzione d’onda è un’onda piana

1 ip re
e =p e ~
V

1 iq r
=p e ~
V
V è un arbitrario volume di normalizzazione, che poi sparisce. Dalla 7.4 si vede
che, poiché Hf i è un’energia, G ha le dimensioni di una energia per un volume.
Usando onde piane trascuriamo le interazioni di stato …nale dell’elettrone e del
neutrino. Questa approssimazione va molto bene per il neutrino, il quale è
capace solo di interazioni deboli, ma non altrettanto per l’elettrone, il quale
subisce sensibili interazioni elettromagnetiche con il nucleo. Abbiamo indicato
con p e q l’impulso dell’elettrone e del neutrino, rispettivamente. La 7.4 diventa
Z
G i(p+q) r
Hf i = f ie
~ d3 r (7.5)
V

Abbiamo detto che l’energia massima tipica dell’elettrone (e del neutrino) è


dell’ordine di 1 M eV ; questo signi…ca p 1; 4 MceV e ~p 0; 007 f m 1 , per
cui
(p + q) r
1
~
1 Si comprende facilmente che H
w non può essere un operatore hamiltoniano come quelli
incontrati …nora. Infatti, esso deve essere capace di operare sullo stato iniziale distruggendo
un neutrone e creando un protone, un elettrone e un antineutrino.
136 CHAPTER 7. DECADIMENTO

sul volume nucleare, che costituisce il volume di integrazione. Possiamo, allora,


sviluppare in serie l’esponenziale, sostituire nell’elemento di matrice 7.5
Z Z
G 3 G i(p + q) 3
Hf i = f id r f i rd r + ::::
V V ~

e arrestarci all’ordine più basso, che dà un contributo diverso da zero. Quando ci


si arresta al primo termine dello sviluppo, che equivale a sostituire l’esponenziale
con la costante V1 , si parla di approssimazione permessa ed il decadimento si
dice permesso. Il decadimento si dice, invece, primo proibito quando il primo
termine diverso da zero è quello al primo ordine, secondo proibito quando è
quello al secondo ordine e così via. Per il momento consideriamo soltanto i
decadimenti permessi, per i quali l’elemento di matrice è semplicemente

G
Hf i = Mf i
V
ove Mf i è l’elemento di matrice nucleare
Z
3
Mf i = f id r

In taluni casi, questo elemento di matrice può essere estremamente semplice. Per
esempio, nel caso citato in precedenza di un nucleo che abbia un unico neutrone
esterno ad una shell doppiamente chiusa e questo neutrone si trasformi in un
protone, che vada ad occupare lo stesso stato del neutrone, Mf i = 1, a meno di
correzioni elettromagnetiche. La costante di decadimento è data, allora, da

2 G2 2
= jMf i j (Ef ) (7.6)
~ V2
Per calcolare la densità degli stati …nali possiamo trattare l’elettrone e il neutrino
come particelle indipendenti, considerando che p e q possono variare, entro i
rispettivi limiti in maniera indipendente, in quanto il nucleo …glio prenderà il
momento risultante P = (p + q), garantendo la conservazione dell’impulso.
Così, gli unici due fattori che contribuiscono allo spazio delle fasi sono

V 4 p2 dp
dne =
h3
V 4 q 2 dq
dn =
h3
Allora
dne dn 16 2 V 2 p2 q 2 dpdq
(Ef ) = = 6 (7.7)
dEf h dEf
L’energia …nale Ef è la somma delle energie cinetiche dell’elettrone Te e del
neutrino T . Trascurando la piccola energia di rinculo del nucleo …glio, Ef
coincide con il Q-valore del decadimento. Assumendo che il neutrino abbia
e¤ettivamente massa nulla, si ha

Ef = Te + qc ' Q
7.2. TEORIA DI FERMI DEL DECADIMENTO 137

Figure 7.4: Distribuzioni in momento ed in energia dell’elettrone di un decadi-


mento , calcolati assumendo Q = 2 M eV .

Possiamo eliminare q dalla 7.7 usando


Q Te
q =
c
dq 1
=
dEf c

Abbiamo, allora,
16 2 2 2 2
(Ef ) = V p (Q Te ) dp
c3 h6
e, sostituendo in 7.6, otteniamo
1 2 2
d = 3 c3 ~7
G2 jMf i j p2 (Q Te ) dp (7.8)
2
d è proporzionale alla probabilità che nel decadimento venga emesso un elet-
trone con impulso compreso tra p e p + dp. Lo spettro di impulso dell’elettrone
è dunque

d 2
p
N (p) = = Cp2 (Q Te ) = Cp2 Q p2 c2 + m2e c4 + me c2 (7.9)
dp
2
C è una costante che include jMf i j . Lo spettro in energia si trova semplicemente
esprimendo p in funzione di Te .
2
p
N (Te ) = C (Q Te ) Te + me c2 Te2 + 2Te me c2 (7.10)

In …gura 7.4 sono riportati gli spettri calcolati assumendo Q = 2 M eV .Si pos-
sono confrontare con gli spettri misurati relativi al decadimento del 64 Cu ri-
portati in …gura 7.5. Pur ritrovando l’andamento generale, sono evidenti sis-
tematiche di¤erenze. Esse sono da attribuirsi all’interazione coulombiana tra
l’elettrone o il positrone e il nucleo …glio. Infatti, ragionando in termini di
elettromagnetismo classico, si comprende che, nel caso del decadimento + , la
repulsione tra il positrone ed il nucleo …glio fa trovare meno positroni di bassa
energia rispetto a quelli aspettati senza considerare l’interazione coulombiana.
Analogamente, l’attrazione fra l’elettrone ed il nucleo …glio fa trovare più elet-
troni di bassa energia. Per tener conto di ciò occorre introdurre nello spettro
calcolato, oltre al fattore statistico p2 Q Te2 , un altro fattore, descritto da
138 CHAPTER 7. DECADIMENTO

Figure 7.5: Spettri in momento e energia degli elettroni e dei positroni emessi
nel decadimento del 64 Cu.
7.2. TEORIA DI FERMI DEL DECADIMENTO 139

una funzione F (Z 0 ; p)2 o F (Z 0 ; Te ), detta funzione di Fermi, nella quale Z 0 è il


numero atomico del nucleo …glio3 . Così la 7.8 diventa
1 2 2
d = 3 c3 ~7
G2 jMf i j F (Z 0 ; p) p2 (Q Te ) dp (7.11)
2
e lo spettro dell’elettrone è espresso da
2
N (p) = Cp2 (Q Te ) F (Z 0 ; p) (7.12)

7.2.1 Costante di decadimento. Determinazione di G


Integrando la 7.11 su tutti i possibili valori di p si ottiene la costante di decadi-
mento per i decadimenti permessi
Z pmax
1 2 2 2
= G jMf i j F (Z 0 ; p) p2 (Q Te ) dp
2 3 c3 ~7 0

L’integrale dipende da Z 0 e dall’energia massima, E0 , dell’elettrone


p
E0 = c2 p2max + c4 m2e ' Q

Normalmente, per esprimere , si usa la funzione adimensionale


Z pmax
1 2
f (Z 0 ; E0 ) = 3 2 F (Z 0 ; p) (E0 Te ) p2 dp (7.13)
(me c) (me c2 ) 0

detta integrale di Fermi, tabulata per valori diversi di E0 e Z 0 . Si ha


2
G2 m5e c4 jMf i j
= f (Z 0 ; E0 ) (7.14)
2 3 ~7
A volte, invece di usare (o t1=2 ) si usa il cosiddetto periodo di dimezzamento
ridotto o valore ft
3 7
2 ~
f t1=2 = 0; 693 2 (7.15)
G2 m5e c4 jMf i j
Esso permette di confrontare le probabilità di decadimento di nuclei diversi
per mettere in evidenza le di¤erenze dovute al solo elemento di matrice nucleare.
Il valore può variare in un intervallo estremamente ampio

103 . f t . 1020
2 Una semplice approssimazione non relativistica per F (Z 0 ; p) è data da
2
F Z0; p ' 2
1 e
con
Ze2
=
4 0 ~ve
ove il segno + si applica al decadimento ed il segno al decadimento + ; ve è la velocità
dell’elettrone.
3 Nel caso di decadimenti primi proibiti, secondi proibiti ecc., l’uso di termini superiori

all’ordine zero dello sviluppo dell’esponenziale introduce nell’elemento di matrice nucleare una
dipendenza dall’impulso dell’elettrone e del neutrino, della quale si tiene conto introducendo
nello spettro un ulteriore fattore S (p; q), noto come ”shape factor”.
140 CHAPTER 7. DECADIMENTO

per cui, normalmente, si fa riferimento a log10 f t, con t in s. I decadimenti con


log10 f t 3 4, cioè con vite medie molto brevi, sono anche detti superpermessi.
Alcuni di essi hanno gli stati nucleari iniziale e …nale ambedue con spin-parità
p
0+ . In questo caso, l’elemento di matrice nucleare è semplicemente Mf i = 2,
per cui tali decadimenti hanno tutti lo stesso tempo di dimezzamento ridotto.
Nella tabella seguente sono riportati i valori f t misurati di alcuni di questi
decadimenti; essi risultano, e¤ettivamente, uguali entro gli errori di misura.
.
Decadimento f t (s)
10
C ! 10 B 3100 31
14
O ! 14 N 3092 4
22
M g ! 22 N a 3014 78
26
Al ! 26 M g 3081 4
30
S ! 30 P 3120 82
34
Ar ! 34 Cl 3101 20
38
Ca ! 38 K 3145 138
46
V ! 46 T i 3082 13
50
M n ! 50 Cr 3086 8
.
Queste transizioni beta 0+ ! 0+ permettono una immediata determinazione
della costante di Fermi
5
G = 8:962 10 M eV f m3 (7.16)

7.3 Transizioni tipo Fermi e Gamow-Teller. Re-


gole di selezione
Finora non abbiamo tenuto in alcun conto sia lo spin dell’elettrone e del neutrino,
i quali sono fermioni di spin 21 , sia lo spin del nucleo, il quale nella transizione ,
come in altre transizioni, può cambiare o non cambiare, essendo l’eventuale cam-
biamento determinato dalla conservazione del momento angolare. Nelle tran-
sizioni permesse la coppia elettrone-neutrino (creata a r = 0) non possiede
momento angolare orbitale rispetto al nucleo, però, per i decadimenti proibiti la
coppia possiede un momento angolare orbitale diverso da zero ed, in particolare,
si ha4
l=1 per i decadimenti primi proibiti
l=2 per i decadimenti secondi proibiti
l = ::: ::::::::::::::::::::::
Questo fatto ci permette di spiegare l’origine del nome di decadimenti proibiti.
Essi non sono, in realtà, proibiti da qualche legge di conservazione ma risultano
semplicemente meno probabili di quelli permessi e tanto meno probabili quanto
più elevato è il ”grado di proibizione”. Nel decadimento beta l’energia massima
dell’elettrone è dell’ordine di 1M eV e l’impulso dell’ordine di 1; 4 MceV . Assunto
un raggio nucleare R 6 f m, classicamente il massimo momento angolare or-
bitale, in unità ~, è dell’ordine di pR
~ = 0; 04. Si comprende, così, come sia poco
probabile che possano formarsi coppie elettrone-neutrino con momento angolare
i(p+q) r
4 Inuno sviluppo in multipoli dell’esponenziale e ~ , il termine di ordine zero cor-
risponde a l = 0, quello del primo ordine a l = 1 e così via.
7.3. TRANSIZIONI TIPO FERMI E GAMOW-TELLER. REGOLE DI SELEZIONE141

orbitale l, rispetto al nucleo, maggiore di zero. Così, se risulta poco probabile


trovare l = 1 risulta assai meno probabile trovare l > 1. I decadimenti, per esem-
pio, terzi e quarti proibiti sono estremamente rari. Quando per un nucleo sono
possibili decadimenti permessi o primi proibiti, essi risultano assolutamente fa-
voriti rispetto agli eventuali decadimenti con grado di proibizione più elevato. È
proprio la di¢ coltà di creare una coppia e con alto l che è alla base dell’enorme
intervallo di vite medie osservate per il decadimento (ricordiamo che si va da
10 3 s a 1016 anni).
Per ogni tipo di decadimento gli spin dell’elettrone e del neutrino possono
essere antiallineati o allineati, dando luogo ad uno spin totale S della coppia
che vale 0 nel primo caso e 1 nel secondo. Si parla, nel primo caso, di transizioni
tipo Fermi e, nel secondo caso, di transizioni tipo Gamow-Teller. La parità dello
stato nucleare può rimanere la stessa o cambiare nella transizione. Nostante,
come vedremo in seguito, il decadimento non conservi la parità, questo si
applica soltanto alle particelle leggere e le osservazioni sperimentali dimostrano
che l’eventuale cambiamento di parità dello stato nucleare è determinato, come
aspettato, dal momento angolare orbitale l, risultando
l
Pf = Pi ( 1)

Detta, allora, I = If Ii la variazione dello spin nucleare, possiamo scrivere


le seguenti regole di transizione

decadimenti permessi (l = 0, parità nucleare invariata)

I=0 transizioni tipo Fermi


I = 0; 1 transizioni tipo Gamow-Teller (escluso If = Ii = 0)

Esempi:
14
O ! 14 N (0+ ! 0+ ) pura transizione F
6
He ! 6 Li (0+ ! 1+ ) pura transizione GT
+ +
n!p ( 21 ! 12 ) F + GT

decadimenti primi proibiti (l = 1, parità nucleare variata)

I = 0; 1 transizioni tipo Fermi (escluso If = Ii = 0)


I = 0; 1; 2 transizioni tipo Gamow-Teller

Esempi:
+
17
N! 17
O ( 12 ! 25 ) GT
76 76
Br ! Se (1 ! 0+ ) F + GT
ecc. ecc.

Tali regole sono state ottenute combinando quantisticamente i momenti an-


golari, ponendo cioè
J = jl Sj ; :::::; l + S

e, quindi,
If = jIi Jj ; ::::; Ii + J
142 CHAPTER 7. DECADIMENTO

Le transizioni tipo Fermi e tipo Gamow-Teller potrebbero, in linea di prin-


cipio, implicare interazioni diverse. In e¤etti, la semplice teoria di Fermi non
comprendeva i decadimenti tipo Gamow-Teller. Allora, nelle transizioni che
sono una sovrapposizione dei due tipi, è conveniente introdurre il rapporto y tra
l’ampiezza di transizione tipo F e l’ampiezza di transizione tipo GT . Per con-
sentire la possibilità che i due tipi di transizione abbiano eventualmente costanti
di accoppiamento diverse, scriviamo tale rapporto nella forma
G F MF
y=
GGT MGT
ove MF è l’elemento di matrice nucleare per la transizione tipo Fermi e MGT è
quello per la transizione tipo Gamow-Teller. La proporzione tra le due ampiezze
F e GT è determinata dalle funzioni d’onda nucleari iniziale e …nale. Per tener
conto di tutto questo, riscriviamo la costante di decadimento , operando la
sostituzione
2 2 2
G2 jMf i j ! G2F jMF j + G2GT jMGT j
Poiché le transizioni permesse 0+ ! 0+ sono solo tipo Fermi, possiamo assumere
che la costante GF coincida con la costante G, determinata proprio per mezzo
di tali transizioni
5
GF = G = 8:962 10 M eV f m3

Se consideriamo, per esempio, il decadimento del neutrone e scriviamo

/ G2F MF2 1 + y 2

poiché jMF j = 1, troviamo y = 0; 467, la qual cosa implica che tale decadimento
è 82% GT e 18% F .

7.4 Massa del neutrino*


La teoria di Fermi assume che il neutrino abbia massa nulla. Questa assunzione
è compatibile con la quasi totalità dei risultati sperimentali …nora acquisiti,
tuttavia alcuni risultati molto recenti sono interpretabili come evidenza del fatto
che il neutrino possa avere una massa diversa da zero, seppure molto piccola. In
e¤etti, la misura dell’eventuale massa del neutrino è un problema tuttora aperto
e di notevole interesse, in particolare per la …sica subnucleare. Ad un primo
sguardo super…ciale potrebbe sembrare piuttosto semplice misurare la massa
del neutrino. Infatti, considerato un certo decadimento , si potrebbe pensare
che per determinare la massa del neutrino basti calcolare il Q-valore aspettato in
funzione di m , misurare l’energia massima E0 dell’elettrone emesso e, quindi,
determinare m per mezzo di

Q = E0 + m c2

In realtà, tenuto conto degli errori di misura, con un metodo di questo genere
si potrebbe determinare m soltanto se non fosse più piccola di 1 keV c2 e non
è così. Si può usare, invece, un metodo basato sullo studio della forma dello
spettro beta vicino alla ”testa” (end point) dello spettro stesso. Vediamo di
capire su cosa si basa tale metodo considerando un decadimento permesso e
7.4. MASSA DEL NEUTRINO* 143

trascurando, per il momento, il contributo dell’interazione coulombiana. Se m


fosse diversa da zero, la relazione
p
Q Te Q p2 c2 + m2e c4 + me c2
q= =
c c
usata in precedenza, non sarebbe più valida. Però, se m c2 Q potremmo,
con buona approssimazione, usare
p
Q Te Q p2 c2 + m2e c4 + me c2
q= = per E m c2
c c
e
q 2 = 2m T = 2m (Q Te ) per E . m c2
Avremmo, allora,
p 2
N (p) / p2 Q p2 c2 + m2e c4 + me c2 (7.17)

su quasi tutto lo spettro e


p 1
2
N (p) / p2 Q p2 c2 + m2e c4 + me c2 (7.18)

vicino allo ”end point”. Derivando rispetto a p la 7.17 e la 7.18 otteniamo


dN
! 0 per m = 0
dp
dN
! 1 per m 6= 0
dp
Vediamo, così, che l’andamento dello spettro all’end point è diverso secondo che
sia m = 0 o m piccola ma diversa da zero (…gura 7.6). La misura di m
viene, allora, condotta facendo una accurata (e di¢ cile) misura dello spettro di
decadimento in prossimità dell’end point ed eseguendo, quindi, un best …t del
medesimo. Per fare questo è conveniente scegliere decadimenti che abbiano un
Q piccolo (in modo da rendere più marcata la di¤erenza di andamento nei due
casi massa nulla e massa diversa da zero) e per i quali sia ben calcolabile la
funzione di Fermi F (Z 0 ; p). Il decadimento del trizio
3 3
H! He + e + (Q = 18; 6 keV )
soddisfa bene questi criteri. Nella …gura 7.7 sono mostrati dei risultati sper-
imentali ottenuti con questo metodo. Lo spettro viene usualmente posto in
una forma nota come Fermi-Kurie plot, nel quale viene gra…cata, in funzione
dell’energia dell’elettrone, la quantità
s
N (p)
/ (Q Te )
p2 F (Z 0 ; p)
Il gra…co aspettato nel caso m = 0 è una retta che interseca l’asse delle ascisse
per Te = Q. I risultati sperimentali migliori ottenuti …nora con questo metodo
sono compatibili con m = 0 e pongono il limite
eV
m <2
c2
144 CHAPTER 7. DECADIMENTO

Figure 7.6: Andamento dello spettro beta in prossimità dell’end point nei due
casi m = 0 e m 6= 0.

Figure 7.7: Risultati sperimentali relativi allo studio dello spettro del trizio
all’end point (K.-E. Bergkvist, Nucl. Phys. B39, 317 (1972), a sinistra; V. A.
Lubimov et al., Phys. Lett. B94, 266 (1980), a destra).
7.5. SEZIONE D’URTO P ! N E + A BASSA ENERGIA* 145

7.5 Sezione d’urto p ! ne+ a bassa energia*


Vogliamo, ora, fare una stima della sezione d’urto del processo

+ p ! n + e+

alle energie tipiche del decadimento . Abbiamo

prob. di reaz. per protone e per secondo R


= =
‡usso di
ove
2 2
R = G2 jMf i j (E)
~
con
dn 4 p2 dp
(E) = = 3
dE h dE
p
E = p2 c2 + m2e c4
dp E
= 2
dE c p
Abbiamo trascurato il rinculo del neutrone, abbiamo indicato con p ed E l’impulso
e l’energia dell’elettrone ed abbiamo normalizzato tutto in un volume unitario.
Considerando un’onda piana incidente (e il volume unitario) si ha = c e,
quindi,
2 2 4 pE
= G2 jMf i j 2 3
~c c h
In base ai risultati della sezione precedente si ha
2
G2 jMf i j = G2F 1 + y 2
= 5; 6G2F

con GF = 8:962 10 5 M eV f m3 . Ponendo E = 2; 5 M eV (leggermente


maggiore della soglia E ' 1; 8 M eV ), troviamo E = 1; 21 M eV e, quindi,
19 43
' 1; 2 10 barn = 1; 2 10 cm2

Vediamo, così, come tale sezione d’urto risulti estremamente piccola, rendendo
conto della trascurabile interazione tra neutrini e materia.

7.6 Quesiti ed esercizi


7.6.1 Quesiti
1. In base a quali considerazioni di carattere sperimentale, relative al decadi-
mento beta, fu introdotta l’ipotesi del neutrino?

2. In cosa consiste l’approssimazione permessa nel calcolo della costante di


decadimento del decadimento beta e come si giusti…ca?

3. Si scriva il fattore densità degli stati per il decadimento beta nucleare e si


determini il fattore statistico dello spettro beta.
146 CHAPTER 7. DECADIMENTO

4. Di cosa tiene conto la “funzione di Fermi” nell’espressione dello spettro


dell’elettrone di decadimento nel decadimento beta?

5. In che modo l’interazione elettromagnetica di stato …nale modi…ca lo spet-


tro e lo spettro + ?
6. Qual è la di¤erenza tra le transizioni tipo “Fermi”e quelle tipo “Gamow-
Teller” nel decadimento beta?
7. Un determinato tipo di transizione beta nucleare si presta bene ad essere
usato per la determinazione sperimentale della costante di Fermi. Qual è
e perché?

7.6.2 Esercizi
1. Si consideri il processo + p ! n + e+ con neutrini incidenti di energia
pari a 2; 5 M eV . Assumendo che la sezione d’urto valga 1; 2 10 19 b si
calcoli la lunghezza di interazione in acqua.
2. Si consideri un recipiente cubico di volume pari a 1m3 , con pareti di spes-
sore trascurabile, che contenga acqua. Tale recipiente sia investito da un
‡usso di di impulso p = 2; 5M eV =c pari a 1013 cm 2 s 1 . Si calcoli il
tasso di eventi + p ! n + e+ assumendo = 1; 2 10 19 b.
3. Facendo l’approssimazione che l’elettrone emesso sia ultrarelativistico (tanto
più buona quanto più il Q-valore è maggiore di me ) si mostri che la costante
di decadimento del decadimento beta dipende dalla quinta potenza dell’energia
della testa dello spettro dell’elettrone (regola di Sargent).
4. Il 34 Cl decade per cattura elettronica con un tempo di dimezzamento di
1,57 s. La massima energia del positrone è 4,47 MeV ed il fattore di
Fermi F (Z; p) è uguale a 0,71 sulla maggior parte dello spettro. Si valuti
l’integrale di Fermi f (Z; p0 ) e il tempo di dimezzamento ridotto f t1=2 .
2
Assumendo, inoltre, che l’elemento di matrice nucleare valga jM j = 2 si
determini la costante di Fermi G.
Chapter 8

Stati eccitati dei nuclei.


Decadimento gamma

8.1 Stati eccitati nucleari


Quasi tutti i nuclei posseggono stati eccitati ed esistono diversi modi per mis-
urare le energie e i numeri quantici di tali stati. Consideriamo, per esempio, lo
scattering di protoni da parte di un nucleo. Siano (…gura 8.1) pi l’impulso in-
iziale del protone, pf il suo impulso …nale, l’angolo di scattering e q = pi pf
l’impulso trasferito al nucleo. L’energia di eccitazione E del nucleo si ottiene sot-
traendo all’energia cinetica iniziale del protone la sua energia …nale e l’energia
cinetica del nucleo che rincula. Assumendo un regime non relativistico, E è data
da
p2 p2f p2i + p2f 2pi pf cos
E= i
2mp 2mp 2mN
Abbiamo messo un asterisco alla massa del nucleo per indicare che si tratta della
massa corrispondente al nucleo nello stato eccitato
E
mN = mN +
c2
In generale mN può essere sostituita da mN , commettendo soltanto un piccolo
errore. In un tipico esperimento, condotto inviando un fascio di protoni di im-
pulso de…nito contro un bersaglio sottile, i protoni di¤usi ad un certo angolo

Figure 8.1: Diagrammi dei momenti per lo scattering protone-nucleo.

147
148CHAPTER 8. STATI ECCITATI DEI NUCLEI. DECADIMENTO GAMMA

avranno energia diversa a seconda del diverso stato eccitato in cui viene lasciato
il nucleo che rincula. Ad un determinato angolo si trova, perciò, uno spettro
di energia del protone di¤uso costituito da righe: quella ad energia più elevata
corrisponderà allo scattering elastico (il nucleo rimane nel suo stato fondamen-
tale) mentre ad energie decrescenti si troveranno le righe corrispondenti alla
eccitazione di stati nucleari sempre più alti. La larghezza di ciascuna riga è
determinata dalla larghezza dello stato eccitato ma ancor più dalla risoluzione
sperimentale. L’area di ciascuna riga è proporzionale alla probabilità di eccitare
lo stato corrispondente. Essa dipende sia dall’energia del protone incidente sia
dall’angolo di scattering. Dalla dipendenza angolare di tale probabilità si pos-
sono ottenere informazioni sullo spin e la parità dello stato nucleare eccitato.
Ulteriori informazioni si possono ottenere misurando le energie e le distibuzioni
angolari dei fotoni di decadimento, come vedremo più avanti.
Questa tecnica, citata a titolo di esempio, non è sempre utilizzabile. Per
esempio, non lo è quando, come nel caso di nuclei radioattivi, non è possibile
realizzare un opportuno bersaglio sul quale indirizzare i protoni. È, però, facil-
mente intuibile che è possibile ricorrere ad altri tipi di reazioni. Per esempio,
una reazione adatta per studiare i livelli eccitati di taluni nuclei -instabili è la
reazione di ”stripping” del deutone, che è una reazione del tipo
2 A A+1
1H + ZX ! Z X +p
ottenuta inviando un fascio di deutoni sul bersaglio costituito dai nuclei A Z X.
Nell’urto un nucleo bersaglio cattura un neutrone strappandolo al deutone in-
cidente; ne risulta nello stato …nale un nucleo A+1
Z X ed un protone. Il nucleo
A+1
Z X è, usualmente, prodotto in uno stato eccitato. L’energia di eccitazione è
data da
p
mD mp mp mD Ei Ef
E = Ei 1 Ef 1 + +2 cos + E0
mA+1 mA+1 mA+1

ove, Ei e Ef sono le energie iniziale e …nale della particella leggera (il deutone
iniziale ed il protone …nale), è l’angolo al quale emerge il protone rispetto alla
direzione del deutone incidente e
E0 = (mA + mD mA+1 mp ) c2
In generale, un nucleo più è pesante e più stati eccitati ha. I nuclei più leggeri
ne hanno pochi (in particolare, il deutone non ne ha a¤atto), dopodiché il nu-
mero di stati eccitati cresce rapidamente con A. La …gura 8.2 mostra uno schema
dei livelli di energia (…no ad una decina di M eV ) di due nuclei speculari, 11 5 B e
11 1
6 C . Il fatto che i livelli siano quasi uguali è prova della cosiddetta indipendenza
dalla carica delle interazioni nucleari, della quale si parlerà in seguito. Il modello
a shell, anche nella sua veste più semplice, fornisce uno strumento per compren-
dere, almeno qualitativamente, i due diagrammi di livelli. Consideriamo il 11 5 B.
Nello stato fondamentale si hanno due neutroni nello stato 1s1=2 , quattro neu-
troni in 1p3=2 , due protoni in 1s1=2 e tre protoni in 1p3=2 (…gura 8.3). Due dei
protoni nel livello p3=2 si appaiano dando contributo zero allo spin nucleare, per
cui è il protone dispari a determinare la spin-parità 23 dello stato fondamen-
1
tale del 11
5 B. Il primo stato eccitato ( 2 ) corrisponde all’eccitazione del protone
1 Sono nuclei con uguale A e con N e Z scambiati.
8.1. STATI ECCITATI NUCLEARI 149

Figure 8.2: Diagramma dei livelli dei due nuclei speculari 11 11


5 B e 6 C. Sono,
anche, riportate le enrgie di separazione per ambedue i nuclei e di separazione
di un protone per il 11
6 C.

11
Figure 8.3: Diagramma degli stati neutronici e protonici del 5 B.
150CHAPTER 8. STATI ECCITATI DEI NUCLEI. DECADIMENTO GAMMA

dispari da 1p3=2 a 1p1=2 . Molti degli altri stati corrispondono all’eccitazione di


diversi nucleoni.
Se si confrontano i diagrammi dei livelli di due nuclei di diversa massa, si
nota che, ad una determinata energia di eccitazione, la densità di stati è più
alta per il nucleo di massa maggiore. Si vede, inoltre, che la densità degli stati,
per un determinato diagramma di livelli, aumenta al crescere dell’energia di
eccitazione. Il semplice modello a gas di Fermi ci permette di capire questo
facilmente. Ricordiamo, infatti, che la densità di stati in una scatola di volume
V è data da
dn 4 V p2
= 3
dp (2 ~)
p
per cui, ponendo p = 2mE e moltiplicando per un fattore 2 per tener conto del
fatto che il nucleone può stare in due stati di spin, la densità di stati nucleonici,
in funzione dell’energia, viene ad essere
3
dn V 2m 2 p
= E
dE 2 2 ~2
p
e, quindi, cresce come E al crescere di E. D’altra parte V è proporzionale ad
A e, perciò, a parità di energia, la densità cresce al crescere di A.
Nel modello a shell gli stati eccitati più bassi sono in generale associabili,
come abbiamo già visto nell’esempio del 11 5 B, ad eccitazioni di singola parti-
cella. Ad energie più elevate, diversi nucleoni sono simultaneamente eccitati e
la cresciuta densità di stati ri‡ette il fatto che cresce il numero di con…gurazioni
possibili, relative a molti nucleoni eccitati.
Gli stati eccitati nucleari non sono, naturalmente, stabili e decadono, più o
meno rapidamente, verso lo stato fondamentale, che è quello nel quale si trovano
normalmente i nuclei in natura. Infatti, poiché le energie di eccitazione sono
dell’ordine dei MeV per i nuclei leggeri e dell’ordine dei keV per i nuclei pesanti,
una loro eccitazione per e¤etti termici è praticamente esclusa. Il decadimento da
uno stato eccitato avviene generalmente per emissione gamma; però, quando i
livelli di eccitazione sono piuttosto alti, possono essere superate soglie relative a
decadimenti di tipo diverso, quale il decadimento o l’emissione di un nucleone.

8.2 Decadimento
Nel decadimento gamma un nucleo in uno stato eccitato transisce allo stato
fondamentale o ad uno stato ancora eccitato ma di energia più bassa, emettendo
un fotone e trasformando, così, la di¤erenza di energia E tra lo stato iniziale
e quello …nale in enegia del fotone E e, per una parte molto piccola, in energia
di rinculo del nucleo. L’energia del fotone è data da
r !
2 2 E
E = Mc 1+ 1+
M c2

ove M è la massa del nucleo …nale. Essendo E << M c2 si ha


!!
E 1 E2 E2
E ' M c2 1+ 1+ = E
M c2 2 (M c2 )2 2M c2
8.2. DECADIMENTO 151

L’energia dei fotoni di decadimento può assumere valori variabili su circa due
ordini di grandezza, a partire da 100 keV
E 100 keV 10 M eV
Si vede così che e¤ettivamente
E ' E
e, l’energia di rinculo del nucleo, TR , è molto piccola
TR 1 eV 100 eV
Si osservi, per inciso, che energie di rinculo dell’ordine di 100 eV possono, co-
munque, avere e¤etti importanti, in quanto in un cristallo, per esempio, possono
strappare l’atomo dalla sua posizione nel reticolo provocando un danno da ra-
diazione.

8.2.1 Radiazione elettromagnetica classica


Sappiamo che il campo elettrostatico o magnetostatico può essere scritto come
somma di campi multipolari, generati dai momenti di multipolo nei quali si
possono sviluppare in serie le sorgenti. Analogamente il campo di radiazione,
generato da distribuzioni di carica e di correnti variabili nel tempo (in parti-
colare, per esempio, con legge sinusoidale di frequenza angolare !), può essere
analizzato in termini di componenti multipolari, le cui sorgenti sono i momenti
di multipolo variabili nel tempo. Così, per esempio, un dipolo elettrico oscil-
lante, (t) = 0 cos !t, è sorgente di un campo di radiazione di dipolo elettrico.
Trattandosi di campi variabili nel tempo, si ha sia il campo elettrico E che il
campo magnetico B. Se assumiamo che il dipolo oscilli lungo l’asse z, le linee
di forza di B sono circonferenze perpendicolari all’asse z stesso, mentre le li-
nee di forza di E sono tali che il vettore di Poynting I = 1 E B sia sempre
radiale. Analogamente, un dipolo magnetico oscillante (t) = 0 cos !t (gen-
erato, per esempio, da una piccola spira percorsa da una corrente sinusoidale
i (t) = i0 cos !t) genera un campo di radiazione di dipolo magnetico. In questo
caso, i ruoli di B ed E sono invertiti. Assumendo che anche 0 sia diretto
lungo l’asse z, questa volta sono le linee di forza di E ad essere circonferenze
perpendicolari all’asse z.
Vediamo quali sono le caratteristiche più importanti che si riscontrano nelle
componenti multipolari di un campo di radiazione elettromagnetica. Innanzi-
tutto, indichiamo con L l’ordine del multipolo, in modo che il multipolo di ordine
L è un 2L -polo, cioè
L=1 dipolo
L=2 quadrupolo
L=3 ottupolo
::::::: :::::::::
Indichiamo con EL i multipoli elettrici di ordine L e con M L quelli magnetici
(per esempio: E1 dipolo elettrico, M 2 quadrupolo magnetico). Valgono le
seguenti proprietà.
La dipendendenza angolare dei campi elettrico e magnetico di un determi-
nato multipolo di ordine L è determinata dall’armonica sferica vettoriale
LYlm ( ; ).
152CHAPTER 8. STATI ECCITATI DEI NUCLEI. DECADIMENTO GAMMA

Figure 8.4: B (r) e B ( r) per la radiazione di dipolo elettrico (a) e di dipolo


magnetico(b), rappresentati a un certo istante.

La distribuzione angolare della radiazione di 2L -polo, essendo determinata


dal quadrato della corrispondente armonica sferica, è caratteristica di tale
2L -polo e la potenza di cos più elevata che vi compare è cos2L .
La potenza media irradiata è
2
P (xL) / ! 2L+2 (m (xL))
ove x sta per E o M e m (xL) è l’ampiezza del momento di multipolo.
La parità del campo di radiazione è
L+1
(M L) = ( 1) (8.1)
L
(EL) = ( 1)
Essa coincide con la parità del campo magnetico della radiazione2 . Per
esempio, con riferimento alla …gura 8.4, si vede facilmente che i campi di
dipolo eletrico e di dipolo magnetico hanno parità opposte. Infatti, si ha
B ( r) = B (r) nel caso del dipolo elettrico e B ( r) = B (r) nel caso di
quello magnetico.

8.2.2 Passaggio alla meccanica quantistica


Per trattare in modo quantistico il decadimento , bisogna introdurre gli oppor-
tuni operatori di multipolo m
^ (xL), che cambiano il nucleo dal suo stato iniziale
i allo stato …nale f . La probabilità di transizione è governata dall’elemento
di matrice Z
mf i (xL) = ^ (xL) i d3 r
fm
vol:nucleo
2 Infatti,l’interazione tra una particella carica e il campo elettromagnetico è proporzionale
a v A, essendo v la velocità della particella e A il potenziale vettore. In una transizione, la
parità dello stato …nale è
f = i (v A)
Ora, v è un vettore e, quindi, (v) = 1; inoltre, B = r A per cui (A) = (B), in
quanto l’operazione rotore cambia la parità. Allora,
f = i (B)
8.2. DECADIMENTO 153

Nella transizione da i a f viene creato un fotone di appropriata energia,


parità e ordine multipolare. La probabilità di transizione nell’unità di tempo,
cioè la costante di decadimento, la possiamo scrivere come

P (xL) 2
(xL) = / ! 2L+1 jmf i (xL)j
~!
2
/ E 2L+1 jmf i (xL)j

Si può ottenere una semplice stima di assumendo che:

la transizione sia dovuta ad un singolo protone, che passi da uno stato ad


un altro del modello a shell;

la funzione d’onda radiale sia

costante per r R
nulla per r > R

ove R è il raggio del nucleo.

Si trovano i valori di (in s 1 ) riportati nella seguente tabella, ove E è


espresso in M eV .
.
Costante di decadimento s 1
L EL ML
2
1 1; 0 1014 A 3 E 3 5; 6 1013 E 3
4 2
2 7; 3 107 A 3 E 5 3; 5 107 A 3 E 5
4
3 34 A2 E 7 16 A 3 E 7
8
4 1; 1 10 5 A 3 E 9 4; 5 10 6 A2 E 9
.
Si ha, cioè,

(EL) / R2L E 2L+1


(M L) / R2(L 1)
E 2L+1

In base a queste stime, dette stime di Weisskopf, possiamo concludere che:

1. Le polarità più basse sono dominanti. Passando da L a L + 1, si riduce


di un fattore di 10 5 .

2. Per un determinato L, la transizione elettrica è più probabile di quella


magnetica di circa due ordini di grandezza nei nuclei medi e pesanti3 .

8.2.3 Regole di selezione


L’operatore di multipolo m (xL) contiene l’armonica sferica Ylm ( ; ), pertanto
esso trasferisce al fotone della transizione corrispondente un momento angolare
l~. Se Ii è lo spin dello stato nucleare iniziale e If quello dello stato …nale,
3 Le due transizioni, però, come vedremo tra poco, non sono in competizione in quanto

l’una esclude l’altra.


154CHAPTER 8. STATI ECCITATI DEI NUCLEI. DECADIMENTO GAMMA

la conservazione del momento angolare restringe i valori possibili del momento


angolare l del fotone all’intervallo

jIi If j l Ii + If

Così, per esempio, se Ii = 23 e If = 25 , si ha l = 1; 2; 3; 4 e la radiazione gamma


sarà una sovrapposizione di radiazioni di dipolo, quadrupolo, ottupolo ed esade-
cupolo. Il carattere elettrico o magnetico delle singole componenti multipolari
è determinato dalla conservazione della parità. Poiché f = i radiazione , se
la parità dello stato nucleare …nale è uguale a quella dello stato iniziale, la
parità della radiazione deve essere pari altrimenti deve essere dispari. Allora,
ricordando la 8.1, si vede che vale la seguente regola

f = i ! EL con L pari + M L con L dispari


f 6= i ! M L con L pari + EL con L dispari

Per esempio, nel caso Ii = 32 , If = 52 e f = i , le transizioni possibili sono


M 1, E2, M 3 e E4. Nel caso Ii = 0 oppure If = 0 si ha una transizione di
puro multipolo. Per esempio, il primo stato eccitato I = 2+ dei nuclei pari-
pari decade nello stato fondamentale 0+ con una pura transizione E2. Per
Ii = If = 0 non c’è transizione radiativa: in questo caso dovrebbe essere l = 0
e, poiché non esiste monopolo magnetico, l’unica possibilità è E0 che, però, è
una distribuzione statica di carica. Taluni nuclei pari-pari hanno il primo stato
eccitato 0+ e, pertanto, non possono decadere verso lo stato fondamentale,
anch’esso 0+ ; essi, pertanto, decadono solo per conversione interna.
Possiamo usare le stime di Weisskopf per valutare i pesi relativi dei diversi
contributi multipolari ad una determinata transizione gamma. Per esempio, nel
+ +
caso di una transizione da Ii = 23 a If = 25 , i multipoli possibili sono, come
abbiamo già visto, M 1, E2, M 3 e E4. Assumendo A = 125 e E = 1 M eV , si
ha
3 10 13
(M 1) : (E2) : (M 3) : (E4) = 1 : 1; 4 10 : 2; 1 10 : 1; 3 10

In pratica, la transizione è M 1 con un piccolo contributo E2. Nel caso di una


+
transizione da Ii = 23 a If = 52 , i multipoli possibili sono E1, M 2, E3, M 4
e, con le stesse assunzioni per A ed E , si ottiene
7 10 17
(E1) : (M 2) : (E3) : (:M 4) = 1 : 2; 3 10 : 2; 1 10 : 2; 1 10

In pratica, la transizione è soltanto E1. Infatti, M 2 compete con E1 molto


meno di quanto faccia E2 con M 1.
Attenzione, però! Le stime di Weisskopf sono piuttosto rozze. Le proprietà
degli speci…ci stati nucleari possono modi…carle anche di ordini di grandezza.

8.3 Misure di distribuzioni angolari e polariz-


zazioni
Nel decadimento l’ordine multipolare determina la distribuzione angolare dei
fotoni emessi, mentre la loro polarizzazione è determinata dal carattere elettrico
o magnetico della radiazione. Consideriamo, a titolo di esempio, una transizione
8.3. MISURE DI DISTRIBUZIONI ANGOLARI E POLARIZZAZIONI 155

di dipolo da Ii = 1 a If = 0. Lo stato iniziale comprende i tre livelli corrispon-


denti ai valori mi = +1; 0; 1 della terza componente dello spin nucleare. La
distribuzione angolare dei fotoni di decadimento, W ( ), è data da

W ( ) / sin2 per j1; 0i ! j0; 0i


W ( ) / 12 1 + cos2 per j1; 1i ! j0; 0i

I tre livelli iniziali sono degeneri. Un campo magnetico esterno, B, rimuove


la degenerazione, introducendo uno spostamento in energia del valore E =
B per i livelli corrispondenti a mi = 1. Tuttavia la struttura …ne della
transizione rimane indistinguibile perché E risulta molto più piccolo della
risoluzione sperimentale di un tipico rivelatore di fotoni ( 1 2 keV ). Infatti,
anche con un campo molto intenso, per esempio B = 10 T , si ha E 10 6 eV
essendo 1 N . La distribuzione angolare dei fotoni è allora data da
+1
X
W( )= p (mi ) Wmi !mf ( )
mi = 1

ove p (mi ) è il peso relativo della transizione mi ! mf . Normalmente i livelli


sono equipopolati, per cui
1
p (+1) = p (0) = p ( 1) =
3
e, perciò,

1 1 1 1 1
W( )/ 1 + cos2 + sin2 + 1 + cos2 = cost
3 2 3 3 2

La distribuzione angolare risulta isotropa. Per poter osservare una distribuzione


angolare non piatta bisogna fare in modo che i livelli non abbiano la stessa
popolazione. Questo può essere ottenuto con uno dei seguenti metodi.

Metodo della sorgente fredda. La sorgente è posta in un campo magnetico


molto intenso e ra¤reddata a temperatura molto bassa. I livelli si popolano
secondo la statistica di Boltzman
E
mi
p (mi ) / e kT

e le popolazioni risultano sensibilmente diverse se E è dell’ordine di kT .


A temperatura molto bassa, per esempio T 0; 01 K, kT risulta proprio
dell’ordine di E ( 10 6 eV ). La distribuzione angolare non è più
isotropa, però non è, comunque, possibile isolare una speci…ca transizione.

Metodo delle correlazioni angolari. Questo metodo consiste nel di¤eren-


ziare le popolazioni p (mi ) attraverso l’osservazione di un fotone emesso im-
mediatamente prima della transizione in studio. Con riferimento all’esempio
precedente, supponiamo che il livello iniziale di spin Ii sia popolato per
transizione ( 1 ) da uno stato più alto di spin I0 = 0. De…niamo la di-
rezione di 1 come asse z e misuriamo ripetto a tale asse l’angolo di
emissione del fotone 2 della transizione i ! f . Questo signi…ca che 1
è osservato sempre a 1 = 0 e, pertanto, la transizione corrispondente
156CHAPTER 8. STATI ECCITATI DEI NUCLEI. DECADIMENTO GAMMA

non popola lo stato jIi ; mi i = j1; 0i, poiché la distribuzione angolare della
transizione j0; 0i ! j1; 0i va come sin2 . Allora, la distribuzione angolare
di 2 rispetto a 1 è data da

1 1 1 1
W( ) / 1 + cos2 + 0 sin2 + 1 + cos2
2 2 2 2
= 1 + cos2

La distribuzione non è più isotropa ma, ancora una volta, non osserviamo
una componente speci…ca di 1 ma ci limitiamo a popolare diversamente
i sottostati mi .

Quanto detto per la transizione da Ii = 1 a If = 0, trattata in precedenza,


vale in generale indipendentemente dai valori di Ii e If . Se i sottostati sono
uniformemente popolati la riga è isotropa.
Quando la popolazione p (m) dipende da m, l’insieme di nuclei si dice a
spin orientati. Il caso p (m) = p ( m) de…nisce un sistema allineato, mentre il
sistema di nuclei si dice polarizzato quando p (m) 6= p ( m). L’intensità della
riga di un sistema orientato sarà, in generale, anisotropa. Un …t della dis-
tribuzione angolare permette di determinare i contributi multipolari ma non il
carattere elettrico o magnetico della transizione (cioè, la parità). Per questo
bisogna ricorrere a misure di polarizzazione della radiazione emessa. Consid-
eriamo, per esempio, una radiazione di dipolo. Se il piano di polarizzazione
(cioè, il piano determinato dalla direzione del campo elettrico e dalla direzione
di propagazione) è parallelo al momento di dipolo, si tratta di E1, se, invece,
non lo è si tratta di M 1. Queste misure sono usualmente fatte servendosi della
dipendenza dell’e¤etto Compton dalla polarizzazione del fotone.

8.4 Conversione interna


È il decadimento da uno stato eccitato nucleare con emissione di un elettrone or-
bitale e non di un fotone. È opportuno sottolineare che, contrariamente a quello
che avviene nel caso del decadimento beta, l’elettrone non viene creato al mo-
mento del decadimento ma è preesistente, trattandosi di un elettrone orbitale.
Conversione interna e decadimento beta sono due processi completamente di-
versi; il primo è un processo elettromagnetico mentre il secondo è dovuto ad un
altro tipo di forza, la forza debole. È, anche, opportuno sottolineare che non si
tratta di un processo in due passi, cioè non c’è prima l’emissione di un fotone
e, poi, il successivo assorbimento del fotone da parte di un elettrone orbitale;
questo processo, infatti, ha una probabilità di veri…carsi estremamente piccola.
Gli elettroni emessi per conversione interna si manifestano con uno spettro a
righe. Infatti, detta E l’energia della transizione nucleare, l’energia cinetica
dell’elettrone è data da
Te = E B e
ove Be è l’energia di legame dell’elettrone. La conversione interna è un processo
a soglia: E deve essere maggiore di Be . Naturalmente Be dipende dalla shell
elettronica interessata: K, L, M ,... (n = 1; 2; 3; :::). Misurando l’energia ci-
netica Te degli elettroni di conversione con su¢ ciente risoluzione si possono
evidenziare i contributi degli orbitali atomici di una stessa shell. Per esempio,
8.5. QUESITI ED ESERCIZI 157

gli elettroni della shell L (n = 2) danno luogo a tre righe di elettroni di conver-
sione - LI , LII , LIII - corrispondenti ai tre orbitali 2s1=2 , 2p1=2 , e 2p3=2 , che
costituiscono la shell.
La conversione interna è, talvolta, favorita rispetto all’emissione , mentre
in altri casi può essere completamente trascurabile. In generale, la costante di
decadimento di un nucleo da uno stato eccitato è somma delle costanti parziali
per decadimento e conversione interna

t = + e = (1 + )

ove
e
=

è detto coe¢ ciente di conversione interna. Poiché

e = eK + eL + eM + :::

il coe¢ ciente di conversione interna è somma dei coe¢ cienti parziali relativi alle
diverse shell
= K + L + M + :::
o, più precisamente, ai coe¢ cienti parziali relativi a ciascun orbitale delle diverse
shell
= K + LI + LII + LIII + MI + :::
I coe¢ cienti di conversione interna si possono calcolare determinando la prob-
abilità di transizione per il processo usando, per esempio, la regola aurea.
Bisogna, innanzitutto, valutare l’elemento di matrice Mif , il quale è abbas-
tanza simile a quello della transizione anche se con importanti di¤erenze:
nello stato iniziale, oltre al nucleo, bisogna includere un elettrone legato e nella
funzione d’onda dello stato …nale bisogna includere il contributo dell’elettrone
libero. Lo stesso operatore di multipolo, però, governa sia la transizione che
la conversione interna e le informazioni sullo stato nucleare sono contenute nelle
stesse funzioni d’onda nucleari iN e f N .
La diversa intensità delle righe di conversione interna dipende dal carattere
multipolare della transizione. La misura delle probabilità relative degli elettroni
di conversione permette, cosi, di determinare tale carattere.

8.5 Quesiti ed esercizi


8.5.1 Quesiti
1. Come si possono misurare le energie dei livelli eccitati di un nucleo? Si
faccia un esempio.
2. Si mostri che la densità degli stati eccitati di un nucleo aumenta al crescere
dell’energia.
3. Si mostri che, a parità di energia di eccitazione, la spaziatura tra i livelli
eccitati di due nuclei è minore nel nucleo di massa maggiore.
4. Si riassumano le aspettative generali per il decadimento gamma basate
sulle “stime di Weisskopf”.
158CHAPTER 8. STATI ECCITATI DEI NUCLEI. DECADIMENTO GAMMA

5. Quali sono le possibili componenti multipolari di una transizione gamma


+
dallo stato iniziale J P = 23 allo stato …nale J P = 25 ? In che rapporto
stanno, grosso modo, tra loro le intensità relative?

6. In che cosa consiste il metodo “della sorgente fredda” per la misura della
distribuzione angolare del decadimento gamma e perché viene usato?
7. In cosa consiste il decadimento nucleare per conversione interna? Com’è
lo spettro degli elettroni di conversione interna? Che cosa è il coe¢ ciente
di conversione interna?

8. In quale caso una transizione tra due livelli nucleari può avvenire solo per
conversione interna e non per emissione gamma e perché?

8.5.2 Esercizi
1. Lo stato fondamentale e i primi tre livelli eccitati del 65 29 Cu hanno spin-
parità 3=2 , 1=2 , 5=2 , e 7=2 rispettivamente. Si determini la com-
posizione multipolare delle transizioni gamma che terminano nello stato
fondamentale. Si calcoli il momento di dipolo magnetico previsto dal mod-
ello a shell a particella singola e lo si confronti con il valore misurato pari
a +2; 38 N .
Chapter 9

Reazioni nucleari

9.1 Generalità
Vogliamo introdurre alcuni semplici concetti relativi alle reazioni nucleari (a
bassa energia) e vedere in particolare due tipi di reazioni, la …ssione indotta
e la fusione, molto importanti in ambito applicativo e, per quanto riguarda la
fusione, anche in ambito astro…sico.
Una reazione nucleare avviene quando due nuclei o un nucleone ed un nu-
cleo si avvicinano a su¢ cienza in modo da interagire tramite la forza nucleare
forte. Una reazione può essere esotermica o endotermica, secondo che l’energia
cinetica nello stato …nale sia, rispettivamente, maggiore o minore di quella nello
stato iniziale. La di¤erenza tra energia cinetica nello stato …nale (Tf ) ed en-
ergia cinetica iniziale (Ti ) costituisce il Q-valore (Q) della reazione, da noi già
incontrato in precedenza
Q = Tf Ti
Come abbiamo già visto nel paragrafo 3.3, Q è, anche la di¤erenza tra l’energia
associata alla massa delle particelle nello stato iniziale meno quella delle parti-
celle nello stato …nale
Q = (mi mf ) c2
Una reazione endotermica per poter avvenire richiede sempre che venga spesa
una certa quantità di energia. Per esempio, la reazione
59 59
p + Co ! n + Ni (Q = 2; 40 M eV )

è endotermica, il suo Q-valore è, perciò, negativo. Supponendo che la reazione


venga provocata dal protone che incide su un nucleo di cobalto fermo nel sistema
del laboratorio, a¢ nché la reazione possa e¤ettivamente avvenire il protone deve
avere una energia cinetica minima Ts = 3:0 M eV . Tale energia costituisce la
soglia della reazione.

9.1.1 Risonanze
Spesso una sezione d’urto di una determinata reazione presenta picchi dovuti
all’eccitazione di risonanze. Per esempio, in …gura 9.1 è mostrata la sezione
d’urto totale n + 168 O. I picchi sono dovuti alla formazione di stati eccitati di

159
160 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

16
Figure 9.1: Sezione d’urto n + 8 O.

17
O.Infatti, quando l’energia del neutrone incidente è tale che l’energia totale
del sistema n + 16 8 O sia molto prossima all’energia di uno stato eccitato del
17
O, diventa molto alta la probabilità che il neutrone venga assorbito dal nucleo
bersaglio 16 O per formare 17 O nello stato predetto. L’energia di eccitazione
sarà la somma dell’energia cinetica disponibile nel centro di massa del sistema
n + 16 8 O e dell’energia di legame del neutrone nello stato fondameneale del
nucleo 17 O. Ciò implica che in questa reazione potranno manifestarsi soltanto
gli stati eccitati la cui energia sia superiore all’energia di legame dell’ultimo
neutrone ( 4; 1 M eV ).
Si può far vedere1 che la sezione d’urto in prossimità di una risonanza ha
approssimativamente la forma della Breit-Wigner (la stessa della …gura 1.2),
cioé é del tipo
2
4 2
(E) = 2 w 2 2
k (E ER ) + 4

ove ~k è l’impulso del neutrone incidente nel sistema del centro di massa, ER
è l’energia corrispondente al picco della risonanza e è la larghezza a metà
altezza della Breit-Wigner. w è un fattore statistico di cui parliamo tra poco.
è legata alla vita media della risonanza da

~
=

In generale, quando una risonanza può decadere in diversi canali c1 , c2 ,


c3 ,..., si de…nisce una larghezza parziale per ciascun canale 1 , 2 , 3 ,..., che
è proporzionale alla percentuale di decadimenti nel canale relativo (rapporto di
decadimento). Si ha
i = i~

1 Si veda l’appendice E, ove la sezione d’urto risonante è ricavata nel caso della di¤usione

elastica.
9.1. GENERALITÀ 161

La larghezza totale della risonanza è data da


X
= i
i

così come X
= i
i

La forma Breit-Wigner di una sezione d’urto totale risonante si scrive, allora,


più in generale come
i
4 2 2
(E) = w 2 2
(9.1)
k 2 (E ER ) + 4

ove i è la larghezza parziale relativa al decadimento della risonanza nel canale


di ingresso. Quando la sezione d’urto è misurata (come avviene generalmente)
sommando su tutti gli stati di spin …nali e mediando su quelli iniziale, il fattore
statistico w è dato da
2J + 1
w= (9.2)
(2sa + 1) (2sb + 1)
ove è J è il momento angolare della risonanza, sa è lo spin del proiettile e sb
quello del bersaglio.

9.1.2 Reazioni di nucleo composto e reazioni dirette


Il processo
16 17
n + O ! O ! canale di decadimento
è un tipico processo che procede attraverso la formazione di un nucleo composto.
La reazione avviene in due distinti passi: prima si forma lo stato intermedio di
nucleo composto, poi esso decade. Lo stato intermedio può decadere in diversi
canali e la probabilità di decadimento in ciascun canale è indipendente dal modo
in cui il nucleo composto è stato formato. In altri, termini il nucleo composto
”dimentica” attraverso quale processo esso sia stato formato. Questo meccan-
ismo di reazione è tipico delle basse energie, quando il proiettile ha una bassa
probabilità di sfuggire al nucleo con la sua identità e buona parte della sua ener-
gia. È un meccanismo abbastanza comune anche per nuclei di massa medio-alta.
L’energia del proiettile è divisa tra molti nucleoni del sistema composto. Questo
si traduce in una vita media dello stato risonante relativamente elevata (rispetto
ai tipici tempi nucleari), in quanto la probabilità che, per esempio, un singolo
nucleone possa guadagnare l’energia su¢ ciente per sfuggire al nucleo è relati-
vamente bassa. Con riferimento al nostro esempio può accadere che lo stato di
nucleo composto si disecciti per emissione gamma decadendo allo stato fonda-
mentale (o ad uno stato al di sotto dell’energia di separazione del neutrone più
esterno). In questo caso il neutrone non può più lasciare il nucleo composto e
rimane catturato. Questo tipo di proceso si chiama cattura radiativa.
La formazione di picchi risonanti si osserva in tutte le sezioni d’urto di neu-
troni di bassa energia (…no a pochi MeV) su nuclei con A 4. Al crescere del
numero di massa aumenta la densità dei picchi risonanti in quanto aumenta la
densità degli stati. Nello stesso tempo i picchi tendono a diventare più stretti
e, quindi, lo stato di nucleo composto corrispondente tende ad avere una vita
162 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

238
Figure 9.2: Sezione d’urto totale n + U.

media più lunga. Infatti, poiché l’energia del neutrone si divide tra un numero
sempre maggiore di nucleoni dimininuisce la probabilità che un singolo neutrone
acquisti l’energia su¢ ciente a lasciare il nucleo. Corrispondentemente diventa
più probabile il processo di cattura radiativa del neutrone incidente. In …gura
9.2 è mostrata la sezione d’urto totale di neutroni su 238 U ad energie sotto i 200
eV. I picchi risonanti, corrispondenti alla formazione di 239 U , sono molto alti e
stretti e la cattura radiativa avviene in circa il 50% dei casi. Al di fuori dei picchi
risonanti la sezione d’urto è dominata dallo scattering elastico; tuttavia, anche
se con minore probabilità, si possono veri…care reazioni quale, per esempio,
238 4 235
n + 92 U ! 2 He + 90 T h

Questa è un tipico esempio di un altro tipo di reazione, la reazione nucleare


diretta. In questo caso non c’è formazione di nucleo composto, ma il neutrone
estrae dalla super…cie del nucleo un neutrone e due protoni per formare una
particella alfa.

9.1.3 Allargamento doppler dei picchi risonanti


La larghezza dei picchi risonanti osservata sperimentalmente è più larga di quella
naturale perché essa dipende anche dalla risoluzione della misura dell’energia,
dalla dispersione dell’energia dei neutroni incidenti e dall’agitazione termica
dei nuclei bersaglio. Quest’ultima dà luogo al cosiddetto allargamento doppler
della risonanza. Questo fenomeno gioca, per esempio, un ruolo importante nel
controllo delle escursioni termiche del nocciolo di un reattore nucleare.
Consideriamo una reazione indotta da un neutrone. Sia v1 la velocità del
neutrone nel sistema del laboratorio e v2 la velocità del nucleo bersaglio, dovuta
all’agitazione termica. L’energia nel CM è data da
1 2 1 2 1 2
E= (v1 v2 ) = v + v v1 v2 cos
2 2 1 2 2
mM
ove = m+M è la massa ridotta. Se indichiamo con E1 = 12 v12 l’energia
nel CM, quando venga trascurata l’energia di agitazione termica del nucleo
9.2. REAZIONI INDOTTE DA NEUTRONI DI BASSA ENERGIA 163

bersaglio, e con E2 l’energia di agitazione termica del nucleo, abbiamo


r
E = E1 + E2 2 E1 E2 cos
M M

Il termine M E2 può essere trascurato se l’energia del neutrone è molto maggiore


di quella termica o se il nucleo bersaglio è molto pesante. Così, il valor medio di
E è sostanzialmente invariato mentre il termine dovuto al prodotto misto, nel
quale E2 ' KT , introduce una dispersione in energia e, quindi, una larghezza
aggiuntiva alla risonanza, data da
r
2 E1 KT
M

9.2 Reazioni indotte da neutroni di bassa ener-


gia
Un neutrone può penetrare in un nucleo ed interagire con esso anche ad energie
estremamente basse, non essendo impedito da alcuna barriera coulombiana come
avviene nel caso di particelle cariche. Naturalmente, nel limite E ! 0, sono
possibili solo reazioni esotermiche e lo scattering elastico. Ad energie molto
basse ci aspettiamo che una reazione nucleare possibile avvenga con un tasso di
reazione che non dipenda da E ma sia semplicemente proporzionale alla densità
di neutroni in vicinanza del bersaglio. Allora, in base alla de…nizione di sezione
d’urto, abbiamo

tasso di reazione per nucleo tasso di reazione per nucleo


= =
f lusso di neutroni incidenti v n

Troviamo
costante
= (9.3)
v
cioè, ad energie su¢ cientemente basse, la sezione d’urto va come 1=v, ove v
è la velocità del neutrone. Se la regione di bassa energia è nella ”coda” di
una risonanza in prossimità della soglia di reazione, l’andamento è comunque
consistente con la Breit-Wigner. Infatti, per E ' 0 la Breit-Wigner dà

n
' g 2
k2 2
ER + 4

Ora, mentre può essere assunta costante, n ha una dipendenza dall’energia (e,
quindi, dalla velocità del neutrone) di cui bisogna tener conto. è costante per-
ché, una volta che il neutrone sia stato catturato, il meccanismo di decadimento
principale del nucleo composto diventa l’emissione gamma, la cui probabilità è
virtualmente indipendente da ogni piccola variazione sia dell’energia della riso-
nanza sia dell’energia del neutrone incidente. Invece, n , che rappresenta la
probabilità di decadimento nel canale di ingresso, dipende dalla densità di stati
…nali n-nucleo e risulta proporzionale a p = ~k. Infatti, essendo

4 V p2 dp
dn =
h3
164 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

si ha

dn dn
p k
dE d (p2 )

Dunque

1 1 1
/ 2 + 2 /
k ER 4
v

Lo scattering elastico n nucleo, invece, tende ad una seziomne d’urto


costante nel limite E ! 0 (questo, per esempio, è il caso n p, come vedremo
nel seguito). Il valore della costante dipende sensibilmente dalla presenza di
risonanze vicine alla soglia. Inoltre, nel caso che il nucleo bersaglio abbia spin
diverso da zero, la sezione d’urto dipende anche dall’orientazione relativa degli
spin del nucleo e del neutrone.

9.3 La barriera coulombiana nelle reazioni nu-


cleari

Nel caso di reazioni p nucleo o nucleo nucleo, la sezione d’urto di bassa


energia risente fortemente dell’esistenza della barriera coulombiana. Quando
l’energia è inferiore all’altezza della barriera, il proiettile deve penetrare, per
e¤etto tunnel, la barriera stessa a¢ nché la reazione possa avvenire. La prob-
abilità di penetrazione della barriera riduce la sezione d’urto di bassa energia.
Usualmente tale sezione d’urto viene espressa nel modo seguente

1 G(E)
(E) = S (E) e (9.4)
E

ove G (E) è il fattore di Gamow, analogo a quello calcolato per il decadimento


. S (E) è una funzione dell’energia. Per esempio, nella …gura 9.3 è riportata
la sezione d’urto della reazione + 13 C ! n+ 16 O. La reazione è esotermica
con Q = 2; 2 M eV . La barriera è alta 4 M eV , per cui la sezione d’urto di bassa
energia risulta molto soppressa. I picchi corrispondono a stati eccitati di 17 O.
La curva, che descrive abbastanza bene il fondo sotto le risonanze, è ottenuta
con la 9.4, nella quale è stato posto S (E) = cost = 0; 3 bM eV . Infatti, si
può dimostrare che nel limite di E che tende a zero S (E) tende ad una costante
S (0), che dipende dalla reazione considerata ed è molto sensibile alla prossimità
9.4. FISSIONE INDOTTA E REATTORI NUCLEARI 165

di risonanze2 . Ricordando l’espressione di G (Q) trovata per il decadimento


r r !
2m zZ 0 e2 Q
2 2
2
~ Q 4 0 2 B

otteniamo G (E) sostituendo Q con E e introducendo la massa ridotta . Con-


siderando, inoltre, che siamo a bassa energia, possiamo trascurare il secondo
termine in parentesi, e scrivere, quindi,
r r
Z1 Z2 e2 2 c2 EG
G (E) ' =
~c 4 0 E E

ove Z1 e Z2 sono i numeri atomici del proiettile e del bersaglio e


2
2 Z1 Z2 e2
EG = 2 c (9.5)
~c4 0

Si ha, perciò,
1 p
(E) ' S (0) e EG =E (9.6)
E

9.4 Fissione indotta e reattori nucleari


9.4.1 Fissione indotta da neutroni termici
Per nuclei con A 240 la barriera coulombiana che contrasta la …ssione spon-
tanea è di 5 6 M eV . L’altezza di questa barriera rappresenta l’energia
di eccitazione minima (o energia di attivazione) che bisogna fornire al nucleo
a¢ nché possa avvenire la …ssione, che in questo caso è una …ssione indotta. La
…ssione può essere indotta per assorbimento di neutroni anche di energia zero o,
meglio, di neutroni termici ovvero neutroni la cui energia cinetica corrisponde
2 L’a¤ermazione che lim
E!0 S (E) = cost può essere qualitativamente dimostrata nel caso
in cui la regione di bassa energia giaccia nella coda di una risonanza vicina. Possiamo scrivere
i i
4 2 2 ~3 ~
= g 2
= g 2
k2 (E Er )2 + 2 E (E Er )2 +
2 2

ove è la massa ridotta delle particelle interagenti e ~i = i è la costante di decadimento


parziale nel canale di ingresso. Ricordando quanto abbiamo già visto per il decadimento ,
scriviamo
i 1
= i= e G(E)
~ t0
ove t0 è un ”tempo nucleare” costante. Allora, per E 0, abbiamo

~3 g e G(E)
(E) ' 2
2 t0 Er2 + E
4

e, quindi, confrontando con la 9.4,


~3 g
S (E) = 2 = S (0) = cost
2 t0 Er2 +
4
166 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

13 16
Figure 9.3: Sezione d’urto della reazione + C ! n+ O.

all’energia di agitazione termica. Così, per esempio, un nucleo di 235 U che as-
sorbe un neutrone termico, subisce immediatamente …ssione. Questo signi…ca
che il nucleo composto 236 U che si forma viene a trovarsi in uno stato eccitato
al quale corrisponde una energia di eccitazione E maggiore o uguale a quella
di attivazione B. Come 235 U anche, per esempio, 233 U , 239 P u e 241 P u possono
subire …ssione indotta da neutroni termici con sezione d’urto molto alta. Al
contrario 238 U , per esempio, richiede un neutrone di energia minima di oltre 1
MeV perché sia raggiunta l’energia di attivazione della …ssione del nucleo com-
posto 239 U . Occorrono ugualmente neutroni veloci per indurre …ssione in altri
isotopi a numero di massa pari dell’uranio e del plutonio, nonostante le energie
di attivazione dei corrispondenti nuclei composti A + 1 siano simili.

Questa di¤erenza può essere capita quando si consideri l’energia di ”pairing”


della formula semiempirica delle masse. Nel caso dell’uranio (238 U ), in base a
quanto abbiamo visto in precedenza, abbiamo ' 0; 56 M eV . Come si vede
dallo schema in …gura 9.4, nel caso del 235 U l’energia di pairing, che entra in
gioco alla cattura del neutrone termico, comporta una crescita di ' 0; 56 M eV
dell’energia di eccitazione Eecc . Nel caso del 238 U l’energia di pairing comporta
un abbassamento di dello stato fondamentale del 238 U e, quindi, alla cattura
del neutrone, una diminuzione di dell’energia di eccitazione del 239 U . La
di¤erenza tra l’energia di eccitazione di 235 U + n e 238 U + n è, perciò, circa 2
cioè 1; 1 M eV , in accordo con quanto osservato.

Questo discorso si trasporta, ovviamente, anche ad altre coppie di isotopi


con N dispari e N pari.
9.4. FISSIONE INDOTTA E REATTORI NUCLEARI 167

N uclide En: di attivazione (A + 1) f iss(n termici)


(M eV ) (b)
233
U 6; 5 530 5
234
U 6; 5 < 0; 005
235
U 6; 2 584 1
238
U 6; 6 (2; 7 0; 3) 10 6

239
Pu 6; 0 742 3
240
Pu 6; 3 < 0; 08
241
Pu 6; 0 1010 10
242
Pu 6; 2 0; 2

Table 9.1: Energia di attivazione e sezione d’urto di …ssione, indotta da neutroni


termici, per alcuni isotopi dell’uranio e del plutonio.

Figure 9.4: Rappresentazione schematica del ruolo dell’energia di pairing nella


determinazione dei livelli di nucleo composto nel caso della cattura di un neu-
trone termico da parte di 235 U (a) e di 238 U (b).
168 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

235 238
9.4.2 Sezioni d’urto neutroniche di U e U
I principali isotopi naturali dell’uranio sono 235 U (0,72%) e 238 U (99,27%). La
…gura 9.5 mostra la sezione d’urto totale e di …ssione per ambedue i nuclei
indotta da neutroni incidenti di energia compresa tra 0,01 eV e 10 MeV.
Nella regione corrispondente ad energie minori di 0,1 eV le sezioni d’urto del
235
U hanno il classico andamento con 1=vneutrone e sono grandi (c’è uno stato
eccitato di 236 U giusto sotto En = 0). La …ssione domina e corrisponde a circa
84% della sezione d’urto totale; il restante 16% è per lo più cattura radiativa.
A confronto, la sezione d’urto di 238 U è dominata dallo scattering elastico ed è
piccola e con andamento praticamente costante.
La regione tra 1 eV e 1 keV è dominata da risonanze sia nel caso di 235 U
che di 238 U . Si tratta di risonanze strette; la cattura radiativa contribuisce
in modo importante alle larghezze totali. Questo è particolarmente vero per
238
U in quanto le risonanze sono sotto la soglia della …ssione. Per esempio, il
decadimento rende conto del 96% dei decadimenti della risonanza a 6,68 eV
(esercizio 1).
Tra 1 keV e qualche MeV le risonanze non sono risolte. Gli stati di nucleo
composto sono più densi e più larghi; così, la probabilità di cattura radiativa
è in media più piccola che ad energie più basse. A 1 MeV la sezione d’urto di
…ssione di 238 U è ancora sotto 0; 02 b, però comincia a salire rapidamente …no
ad un plateau di 0; 6 b che si estende tra 2 e 6 MeV. In questa regione f di
238
U è circa la metà di quella di 235 U . Comunque, per ambedue i nuclei domina
lo scattering sia elastico che anelastico. In quest’ultimo caso il neutrone lascia
al nucleo parte della sua energia come energia di eccitazione; le soglie di questo
processo sono 14 keV e 44 keV, rispettivamente per 235 U e 238 U , e corrispondono
alle energie dei primi stati eccitati dei due nuclei.
Intorno a 2 3 M eV le due sezioni d’urto totali diventano simili con un
valore di 7 b.

235
9.4.3 Il processo di …ssione di U
Il nucleo composto 236 U , una volta formato per assorbimento del neutrone
termico da parte di 235 U , subisce …ssione in un tempo di 10 14 s. Infatti, le
larghezze misurate delle risonanze di bassa energia sono dell’ordine di 0; 1 eV .
A tali energie il nucleo composto decade prevalentemente per …ssione, così
~ 14
f = ' 10 s
f

Vengono prodotti, in generale, due frammenti altamente eccitati dai quali evap-
orano immediatamente un paio di neutroni (neutroni pronti). Per esempio,
235 236 93 141
n + U ! U ! Rb + Cs + 2n

Il numero medio di neutroni pronti emessi per evento di …ssione di 235 U è


' 2; 53 . Oltre ai neutroni pronti vengono emessi in media anche ' 0; 02
neutroni ritardati (0; 65% dei neutroni emessi). Essi, come abbiamo visto in
precedenza, sono emessi da nuclidi che si producono nella catena di decadimenti
dei prodotti di …ssione. Il ritardo medio è 13 s.
3 Il valore di dipende un poco dall’energia del neutrone incidente.
9.4. FISSIONE INDOTTA E REATTORI NUCLEARI 169

Figure 9.5: Sezioni d’urto totale e di …ssione del 235 U (alto) e del 238 U (basso),
per energie del neutrone incidente comprese tra 0,01 eV e 10 MeV.
170 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

Figure 9.6: Spettro dei neutroni emessi nella …ssione di 235 U indotta da neutroni
termici.

I neutroni emessi nella …ssione del 235 U hanno una energia media di 2
M eV . La loro distribuzione di energia si estende, tuttavia, …no ad una decina
di MeV (…gura 9.6).
La distribuzione di massa dei frammenti di …ssione è asimmetrica (…gura
9.7). Le masse più probabili sono A1 95 e A2 140. Il caso A1 ' A2 è il
meno probabile ( 600 volte meno). Questa distribuzione è tipica dei processi
di …ssione di bassa energia4 .
L’energia media rilasciata per ogni evento di …ssione è 205 M eV e si ripartisce
come indicato tabella 9.2.
Con riferimento ad un reattore, l’energia immediata è quella convertita in
calore nel tempo in cui il combustibile nucleare rimane nel reattore. L’energia
ritardata è quella convertita in calore fuori dal reattore, cioè quando il com-
bustibile è stato scaricato e posto o nelle piscine di ra¤reddamento o (successi-
vamente) in altri depositi. Vedremo tra poco che, in un reattore in condizioni
stazionarie, in media uno solo dei neutroni prodotti da un evento di …ssione
dà luogo ad un successivo evento di …ssione mentre gli altri o subiscono cattura
radiativa o si perdono in altro modo. La cattura radiativa fornisce ancora 3 12
M eV di energia, in forma di , utile per produrre calore nel reattore. L’energia
dei neutrini è persa.

9.4.4 La reazione a catena


Poiché la …ssione comporta una moltiplicazione di neutroni, in un insieme di
atomi di uranio si può sviluppare una reazione a catena. Consideriamo una
4 Nella …ssione indotta da particelle di energia molto più alta è favorita la formazione di

frammenti di massa circa uguale.


9.4. FISSIONE INDOTTA E REATTORI NUCLEARI 171

Figure 9.7: Distribuzione della massa dei frammenti della …ssione di 235 U indotta
da neutroni termici.

(MeV)
Energia cinetica dei frammenti 167
Energia cinetica dei neutroni 5
Energia dei gamma pronti 6
Sottototale ”energia immediata” 178
Energia elettroni decadimenti 8
Energia dei che seguono i dec. 7
Sottototale ”energia ritardata” 15
Energia dei neutrini (”energia persa”) 12
TOTALE 205

Table 9.2: Ripartizione dell’energia media rilasciata da un evento di …ssione del


235U.
172 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

mistura 235 U 238 U nella proporzione c : (1 c). La densità nucleare dell’uranio


metallico è nucl = 4; 8 1028 nuclei=m3 . La sezione d’urto totale media e la
lunghezza d’interazione valgono
235 238
tot =c tot + (1 c) tot

1
=
nucl tot

A 2 MeV, energia cinetica media dei neutroni pronti, poiché 235 238
tot ' tot ' 7 b,
troviamo ' 3 cm, una distanza che il neutrone percorre in 1; 5 10 9 s. Con-
sideriamo per semplicità il caso c = 1, cioè tutto 235 U 5 , e neutroni di 2 M eV . A
questa energia possiamo trascurare la cattura radiativa che ha piccola probabil-
ità, per cui un neutrone che incontra un nucleo di 235 U o subisce scattering o dà
luogo a …ssione; quest’ultima avviene nel 18% dei casi. Se il neutrone non sfugge
dalla massa di uranio, il numero medio di collisioni prima di indurre …ssione è
circa 6. Assumendo che il neutrone seguapun percorso casuale, la distanza netta
percorsa nel tempo delle 6 collisioni è 6 3 ' 7 cm e il tempo medio per
indurre una …ssione ed essere sostituito da altri ' 2; 5 neutroni di 2 MeV è
' 10 8 s. Poiché non tutti i neutroni indurranno …ssione (alcuni sfuggiranno
dalla massa di uranio, altri subiranno cattura radiativa), diciamo q la probabil-
ità che un neutrone appena creato …nisca con il provocare un evento di …ssione.
Allora, nel tempo , ogni neutrone condurrà alla creazione di q 1 neutroni
addizionali (trascuriamo la piccola frazione di neutroni ritardati). Così, se n (t)
sono i neutroni presenti al generico tempo t, al tempo t + t si avranno n (t + t)
neutroni, con
t
n (t + t) = n (t) + ( q 1) n (t)

Per piccoli t
n (t + t) n (t) dn q 1
! = n (t)
t dt
quindi
n (t) = n (0) e( q 1)t=

Si vede che n (t) cresce o decresce esponenzialmente secondo che q sia maggiore
o minore di 1. Nel caso di un blocco di 235 U , n (t) cresce esponenzialmente se
q > 1 ' 0; 4. Per ottenere questo valore è necessario che la massa di uranio
sia su¢ cientemente grande per evitare che un gran numero di neutroni sfugga
attraverso la sua super…cie. Si trova che per una sf era di 235 U il raggio critico
al quale corrisponde q = 1 è 8; 7 cm e ad esso corrisponde la massa critica
di 52 kg. Poiché 10 8 s, si comprende che appena superate le dimensioni
critiche si sviluppa in tempi brevissimi una devastante quantità di energia.

9.4.5 Reattori nucleari


Consideriamo, ora, una massa di uranio naturale: 0,72% 235 U e 99,28% 238 U .
In questo caso, anche se la massa fosse in…nita, è impossibile che si sviluppi
la reazione a catena. Consideriamo, infatti, cosa avviene di un neutrone di 2
MeV. Poiché tot è circa la stessa per 235 U e 238 U e poiché 238 U rappresenta la
5 È praticamente il caso di una bomba atomica, nella quale è usato uranio altamente arri-

chito nella componente isotopica 235 U .


9.4. FISSIONE INDOTTA E REATTORI NUCLEARI 173

quasi totalità dei nuclei presenti, il neutrone interagirà con altissima probabilità
con 238 U e l’interazione sarà con elevata probabilità uno scattering in quanto,
come abbiamo visto, a 2 MeV la sezione d’urto di …ssione f di 238 U è 0; 6 b,
cioè meno del 10% di tot . Se lo scattering è elastico il neutrone perde soltanto
l’energia di rinculo del nucleo di 238 U , che è molto piccola avendo il nucleo
una grande massa. Tuttavia, è abbastanza probabile che 238 U venga lasciato
in uno stato eccitato, cosicché dopo uno o due scattering anelastici il neutrone
verrà a trovarsi ad energie alle quali la probabiltà di indurre …ssione di 238 U è
praticamente trascurabile. Resta comunque la possibilità di indurre …ssione di
235
U , però la probabilità è comunque piccola almeno …no a che il neutrone si sia
ra¤reddato …no ad energie dell’ordine o sotto 0,1 eV, alle quali la sezione d’urto
di 235 U è diventata molto più grande di quella di 238 U . Però, per raggiungere
energie così basse, il neutrone deve attraversare la zona delle risonanze, per cui il
suo destino è con elevata probabilità quello di subire cattura radiativa da parte
di 238 U .
Questa di¢ coltà deve essere aggirata se si vuole costruire un reattore nu-
cleare, se si vuole cioè mantenere un tasso di produzione di eventi di …ssione
costante nel tempo. La tecnologia dei reattori si basa essenzialmente su due
metodi per aggirare tali di¢ coltà.
Il primo metodo è quello dei reattori termici e consiste nel fare in modo che i
neutroni veloci prodotti dalla …ssione, vengano prevalentemente rallentati in un
mezzo diverso dall’uranio per ritrovarsi in presenza dell’uranio quando la loro
energia è scesa sotto quella corrispondente alla zona delle risonanze. Tale mezzo
si chiama moderatore. Le sue caratteristiche sono basso numero di massa (per far
sì che occorrano pochi urti per termalizzare il neutrone) e bassa sezione d’urto
di cattura dei neutroni. I reattori termici sono quelli la cui tecnologia è stata
maggiormente sviluppata e sui quali si basa la produzione nucleare dell’energia.
Il secondo metodo, alternativo a quello dei reattori termici, è quello usato dai
cosiddetti reattori veloci. Essi basano la loro produzione di energia sulla …ssione
indotta da neutroni veloci, cioè da neutroni aventi energie tipiche dei neutroni
di …ssione. In questo caso non c’è alcun moderatore e la probabilità di …ssione
all’interno del combustibile è aumentata semplicemente aumentando (rispetto
a quella dell’uranio naturale) la proporzione dei nuclei …ssili …no a 20%. In
questi reattori il combustibile …ssile usato è 239 P u piuttosto che 235 U . Questi
reattori sono assai meno sviluppati di quelli termici. Sono stati costruiti per
scopi particolari e per sperimentazione.

Reattori termici
In un reattore termico l’uranio metallico, o molto più comunemente il biossido
di uranio, è contenuto in una matrice di elementi a forma di barre lunghe e
relativamente sottili, che costituiscono il nocciolo del reattore. Molto spesso si
tratta di uranio arricchito invece di uranio naturale, ossia di uranio nel quale la
percentuale di 235 U è dell’ordine di qualche percento (tipicamente 3%) invece
del valore naturale (0,72%). I neutroni di …ssione possono sfuggire dalle barre
e entrare nel volume circostante che contiene il moderatore. Nel moderatore
perdono la loro energia per urti elastici; il volume del moderatore è tale che
una elevata percentuale di neutroni raggiunge energie termiche, corrispondenti
alla temperatura ambiente del reattore (diverse centinaia di gradi - ricordiamo
che 0; 1eV 1160 0 K ). Questi neutroni termici, se rientrano nelle barre di
174 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

combustibile, sono catturati prevalentemente da 235 U , la cui grande sezione


d’urto alle energie termiche compensa la sua bassa percentuale rispetto a 238 U .
Poiché i neutroni sono rallentati nel moderatore piuttosto che nelle barre di
combustibile, è largamente evitata la cattura radiativa da parte di 238 U . A
energie termiche la cattura da parte di 235 U porta alla …ssione in 84% dei
casi e, in questo modo, la reazione a catena può essere sostenuta.
In un reattore un parametro importante è il fattore di riproduzione neutron-
ica K. Esso è sostanzialmente il numero medio di neutroni termici, risultanti
da un evento di …ssione, che darà luogo a un nuovo evento di …ssione. Secondo
il valore di K si parla di reattore sottocritico, critico o supercritico

K < 1 reattore sottocritico


K = 1 reattore critico
K > 1 reattore supercritico

Diciamo tempo di generazione neutronica, , il tempo medio che intercorre


tra un evento di …ssione ed il successivo evento di …ssione indotto da un neutrone
prodotto dal primo. In questo tempo ciascun evento di …ssione contribuisce
K 1 neutroni termici addizionali. Così, in un breve intervallo di tempo dt, la
variazione del numero di neutroni termici dN presenti nel reattore è
dt
dN = (K 1) N

da cui
1) t
N (t) = N (0) e(K
In un reattore in condizioni stazionarie, che produca cioè una potenza costante,
il numero di neutroni termici deve rimanere costante, così che rimanga costante
il tasso di reazioni. Deve, allora, essere soddisfatta la condizione di criticità
K 1 = 0. Se K dovesse diventare minore di 1 (reattore sottocritico) si veri…ca
una decrescita esponenziale di N (t) e il reattore tende a spegnersi; se, invece,
K dovesse diventare maggiore di 1 (reattore supercritico), N (t) cresce esponen-
zialmente e con esso cresce nello stesso modo la potenza prodotta dal reattore.
In entrambi i casi occorre l’intervento di un sistema di controllo che stabilizzi la
potenza.
I reattori sono controllati inserendo, più o meno, all’interno del nocciolo delle
barre di controllo che contengono materiali, quali il boro e il cadmio, che hanno
una grande sezione d’urto di cattura di neutroni termici. Inserendo o estraendo
tali barre si provoca una diminuzione o un aumento, rispettivamente, della prob-
abilità che un neutrone …nisca con l’indurre un processo di …ssione, in‡uendo
così sul tasso di reazione. Il controllo del reattore per mezzo delle barre sarebbe
impossibile se il suo funzionamento dipendesse unicamente dai neutroni pronti.
In tale caso, infatti, il tempo di generazione sarebbe determinato unicamente
dal tempo di moderazione e dal tempo di di¤ usione dei neutroni prima del des-
tino …nale. L’ordine di grandezza del primo è 10 6 s mentre il secondo può
3
arrivare …no a 10 s. Questo signi…ca che, per un reattore termico, sarebbe
lungo …no ad un massimo dell’ordine di 10 3 s, assolutamente troppo breve
per ogni controllo meccanico. Con ' 10 3 s, se il reattore divenisse legger-
mente supercritico, per esempio tale che K = 1; 01, il numero di neutroni e la
potenza crescerebbero di un fattore e10 ' 22000 in un solo secondo, provocando
9.4. FISSIONE INDOTTA E REATTORI NUCLEARI 175

Figure 9.8: Rappresentazione schematica di un reattore ad acqua pressurizzata


(PWR).

conseguenze disastrose. Considerando non soltanto i neutroni pronti ma anche i


neutroni ritardati, la scala dei tempi può essere notevolmente dilatata, in quanto
il tempo di generazione viene determinato dal loro ritardo medio, e il controllo
meccanico diviene possibile. Così, il reattore è progettato in modo da risultare
leggermente sottocritico per i neutroni pronti e poter essere critico soltanto gra-
zie all’apporto dei neutroni ritardati. Il tempo di generazione diventa di almeno
una decina di secondi e consente il controllo meccanico.
Il calore prodotto dal reattore viene rimosso da un ‡uido di ra¤reddamento,
che circola nel nocciolo del reattore, e trasportato all’esterno da uno scambiatore
di calore per la produzione di vapore d’acqua, con il quale si produce elettricità
per mezzo di turbine ed alternatori. Fluido di ra¤reddamento e moderatore pos-
sono essere la stessa sostanza o due sostanze diverse. Le loro proprietà nucleari
e termiche devono essere tenute in debita considerazione nella progettazione di
un reattore. Esistono reattori termici ra¤reddati a gas o ad acqua (normale o
pesante). Nel caso del gas si usa comunemente anidride carbonica sotto pres-
sione. La …liera dei reattori termici più avanzata è quella dei reattori ad acqua
pressurizzata (PWR), nei quali l’acqua, che è moderatore e ‡uido di ra¤red-
damento, è tenuta in pressione per evitare che vada in ebollizione. L’acqua
pressurizzata scambia calore con un secondo circuito ad acqua, nel quale viene
prodotto il vapore per pilotare le turbine (…g. 9.8). Per garantire la stabilità
termica del reattore è di vitale importanza che il coe¢ ciente di moltiplicazione
neutronica K soddis… la condizione
dK
<0
dt
in modo che un aumento della temperatura comporti una riduzione del tasso
di reazione e viceversa. dK=dt dipende da vari fattori legati alle variazioni
della distribuzione di velocità dei neutroni termici, all’espansione termica di
varie componenti del reattore ed all’allargamento Doppler delle risonanze. Nei
176 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

reattori termici l’allargamento Doppler delle risonanze del 238 U dà un contributo


negativo signi…cativo a dK=dt.

9.4.6 Produzione ed uso del plutonio. Reattori veloci


235
U non è il solo materiale …ssile che contribuisce al bilancio energetico di un
reattore. A partire dal 238 U (materiale fertile) si produce, per cattura neu-
tronica e decadimento , una signi…cativa quantità di 239 P u, che è un nucleo
altamente …ssile per neutroni termici con proprietà molto simili a quelle di 235 U
239 239
92 U ! 93 N p + e + ( t1=2 = 23 min )
239 239
93 N p ! 94 P u + e + ( t1=2 = 2; 3 g )

Il 239 P u ha t1=2 = 24000 anni e, quindi, non esiste in natura ma è prodotto ar-
ti…cialmente proprio all’interno di un reattore nucleare. In un reattore termico
una parte del 239 P u viene ”bruciata” direttamente mentre una parte rimane
nel combustibile ”spento” (combustibile ”esaurito” estratto dal reattore). Da
questo può essere estratto ed usato come materiale …ssile nella costruzione di
combustibile nucleare per reattori (o per ordigni bellici). Il numero medio di
neutroni prodotto dalla …ssione di 239 P u è = 2; 96. Questo valore, relativa-
mente elevato, fa sì che il plutonio sia il materiale …ssile di elezione per reattori
veloci. Il combustibile di questi ultimi, infatti, è costituito tipicamente da 20%
di 239 P u e 80% di 238 U . Un reattore veloce può essere progettato in modo da
produrre - da 238 U - più 239 P u di quanto ne bruci (fast breeder o reattore veloce
autofertilizzante). Per i reattori veloci l’assenza del moderatore comporta la
realizzazione di noccioli più compatti, il cui ra¤reddamento richiede un ‡uido
ad alta capacità termica e alta conducibilità termica e, quindi, tipicamente un
metallo. Tali caratteristiche, unite ad una bassa sezione d’urto di cattura neu-
tronica, hanno condotto all’uso di sodio come ‡uido di ra¤reddamento dei pochi
reattori veloci realizzati a scopo di studio o come prototipi. Lo schema di un
reattore veloce è riportato in …gura 9.9. Motivi di sicurezza, legati al fatto che
il sodio può dar luogo a reazioni esplosive con l’acqua, impongono l’uso di un
doppio circuito di sodio.
Il controllo di un reattore veloce è, in generale, più delicato di quello di
un reattore termico. I neutroni ritardati prodotti dalla …ssione del 239 P u sono
0; 26% del totale (contro 0; 65% di 235 U ), inoltre, per esempio, gli e¤etti
dell’allargamento Doppler sono più complicati, perché l’allargamento incide an-
che sulle risonanze di …ssione del 239 P u, aumentandone il tasso di reazione.
Così, è molto importante per la sicurezza dei reattori veloci curare con partico-
lare attenzione tutti gli e¤etti che incidono su dK=dt, in modo che esso risulti
sempre complesivamente negativo.

9.4.7 Scorie radioattive


La produzione nucleare di energia genera scorie radioattive. Il contributo di gran
lunga più importante a tali scorie è dato dal combustibile spento. Tale com-
bustibile contiene, oltre a tutto l’uranio non utilizzato, le seguenti due categorie
di prodotti ad alta radioattività:

frammenti di …ssione;
9.5. FUSIONE NUCLEARE 177

Figure 9.9: Rappresentazione schematica di un reattore veloce ra¤reddato a


sodio.

elementi transuranici.

I secondi ( -emettitori) sono prodotti, in modo analogo a quanto avviene


per il 239 P u, per mezzo di successivi processi di assorbimento di neutroni e
decadimento . Oltre al plutonio si formano elementi pesanti quali N p, Am,
Cm (attinidi minori ).
Gli elementi transuranici (ed alcuni frammenti di …ssione a lunga vita) con-
tribuiscono alla radioattività a lunghissimo termine (centinaia di migliaia di
anni) del combustibile spento. La radioattività a breve termine (sino ad poche
centinaia di anni) è, invece, determinata dai frammenti di …ssione, che, essendo
ricchi di neutroni, sono -emettitori nonché -emettitori, in quanto spesso il
nucleo …glio è lasciato in uno stato eccitato.

9.5 Fusione nucleare


Poiché l’energia di legame per nucleone, B=A, cresce al crescere del numero di
massa …no ad A 60, è possibile ottenere energia fondendo due nuclei leggeri
in un nucleo più pesante con A . 60. Per esempio, la fusione di due nuclei di
20
N e in 40 Ca rilascerebbe una energia di 21 M eV:
Il processo di fusione si realizza quando i due nuclei leggeri iniziali sono
in grado di avvicinarsi ad una distanza tale da permettere alla forza nucleare
forte di agire, ad una distanza, cioè, alla quale la materia nucleare dell’uno in-
izi, sostanzialmente, a sovrapporsi con quella dell’altro. Poiché tra i due nuclei
esiste una barriera coulombiana, a¢ nché ciò avvenga è necessario che essi ab-
biano energia iniziale superiore alla barriera o che penetrino la stessa per e¤etto
tunnel. L’altezza della barriera è, naturalmente, tanto maggiore quanto più el-
evate sono le cariche elettriche dei due nuclei. Nell’esempio precedente l’altezza
della barriera quando i due nuclei ”si s…orano” è circa uguale al Q-valore della
178 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

reazione. Perciò, per quanto concerne la barriera, il caso più favorevole è la


fusione di due isotopi dell’idrogeno.
Il processo di fusione è alla base della produzione di energia nelle stelle. Esso
potrebbe essere usato per la produzione di energia per usi civili con almeno due
vantaggi importanti rispetto alla …ssione: la presenza di combustibile abbon-
dante in natura e la assai minore produzione di residui radioattivi. Il motivo
che non ha permesso sinora l’uso civile della fusione è determinato dalla ne-
cessità di fornire, con un costo economicamente conveniente, una certa energia
iniziale ai nuclei da fondere per consentire loro la penetrazione della barriera
coulombiana con adeguata probabilità.
Una possibile soluzione consiste nel fornire tale energia per agitazione ter-
mica, scaldando, cioè, il combustibile nucleare (fusione termonucleare). Con-
siderando che KT = 1keV implica T = 11; 6 106 0 K e tenendo presente che
l’altezza della barriera coulombiana è dell’ordine del MeV già nel caso dei nuclei
più leggeri, si intuisce quanto alte debbano essere le temperature (T > 107 0 K)
necessarie per realizzare in un insieme, anche molto denso, di nuclei tassi di
fusione utili per la produzione delle alte potenze necessarie per le applicazioni
civili.

9.5.1 La fusione nel sole e nelle altre stelle


Il meccanismo basilare di produzione dell’energia nel sole (e nella maggior parte
delle altre stelle) consiste nella fusione di idrogeno in elio6 . Tale fusione avviene
per mezzo di una serie di processi che costituiscono il cosiddetto ciclo p-p, il cui
risultato …nale è la fusione di quattro protoni in 4 He. Il primo processo del ciclo
è la fusione di due protoni in un deutone. Questo processo è reso possibile dalla
alta temperatura centrale del sole, che è di 15 106 K e corrisponde ad una
energia media dei protoni di poco più di 1 keV . Si tratta di un processo debole
con una sezione d’urto molto piccola (dell’ordine di 10 33 b a energie dell’ordine
di 1keV e dell’ordine di 10 23 b a energie dell’ordine dei M eV ). L’intero ciclo
si sviluppa nel modo seguente
2
p+p ! H + e+ + (+1,44 MeV) (9.7)
2 3
H +p ! He + (+5,49 MeV) (9.8)
3
He +3 He ! 4
He + 2p (+12,86 MeV) (9.9)

Un processo possibile, in competizione con 9.8, potrebbe essere 2 H + 2 H !


4
He + ; esso, però, è circa 1018 volte meno probabile del 9.8, a causa del
numero notevolmente minore di deutoni presenti (appunto 1 ogni 1018 protoni
circa). Il risultato netto del ciclo è
4
4p ! He + 2e+ + 2 (+26,7 MeV)

Questa energia va quasi tutta in riscaldamento del sole, con esclusione della
piccola parte portata via dai neutrini, i quali sfuggono.
I processi di fusione che stiamo considerando sono tipiche reazioni di bassa
energia tra particelle cariche, per cui possiamo scrivere la sezione d’urto nella
6 Circa il 90% degli atomi della materia dell’universo sono atomi di idrogeno e circa 9%

sono atomi di elio. Questi ultimi, però, si sono formati durante i primi stadi dell’evoluzione
dell’universo e non come risultato di processi stellari successivi.
9.5. FUSIONE NUCLEARE 179

forma 9.6 q
1 EG
(E) = S (0) e E
E
ove (9.5)
2
Z1 Z2 e2
EG = 2 c2
4 0 ~c
e è la massa ridotta delle particelle interagenti. Per le reazioni 9.8 e 9.9 i
valori di S (0) possono essere ottenuti estrapolando a bassa energia le misure
e¤ettuate ad energia più alta (che si estendono …no a valori minimi dell’ordine
della decina di keV). Si ha
7
Spd (0) ' 2; 5 10 M eV b

e
Shh (0) ' 4; 7 M eV b
rispettivamente per la reazione 9.8 e la reazione 9.9. Per la reazione protone-
protone, Spp (0) può essere calcolato usando la teoria delle interazioni deboli,
ottenendo
Spp (0) ' 3; 88 10 25 M eV b
Dal confronto di questi tre valori emerge chiaramente il carattere diverso dei
tre processi. La reazione 9.7, quale processo dovuto all’interazione debole, è
il ”collo di bottiglia” del ciclo. La reazione 9.8, pur essendo 1018 volte più
probabile della 9.7, ha una sezione d’urto più piccola della 9.9 perché implica
una transizione gamma.
Il ciclo protone-protone può chiudersi, in modo alternativo al processo 9.9,
anche come segue
3
He + 4 He ! 7
4 Be +
7 7
4 Be + e ! 3 Li +
7
Li + p ! 2 42 He

oppure come segue


3
He + 4 He ! 74 Be +
p + 7 Be ! 85 B +
8
5B ! 8 Be + e+ +
8
Be ! 2 4 He

Il complesso delle reazioni del ciclo è riassunto schematicamente nella …gura


9.10, mentre nella …gura 9.11 è riportato lo spettro dei neutrini prodotti nel
ciclo. Dal sole arrivano sulla Terra 1; 4 103 W=m2 . Questo signi…ca che la
potenza totale del sole è 4 1026 W . Poiché ogni ciclo fonde 4p e dà 25
M eV , ci sono 10 cicli al secondo, cioè si consumano 4 1038 protoni/sec.
38

Il sole potrà bruciare ancora per 1010 anni.


Se oltre all’idrogeno ed all’elio sono presenti all’interno delle stelle elementi
più pesanti, si possono avere di¤erenti serie di reazioni. Una di queste è il ciclo
180 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

Figure 9.10: Rappresentazione schematica delle reazioni che compongono il ciclo


p-p.

Figure 9.11: Spettro energetico dei neutrini emessi dalle reazioni del ciclo p-p.
9.5. FUSIONE NUCLEARE 181

del carbonio o ciclo CNO


12 13
6 C +p ! 7 N + (9.10)
13 13
N ! C + e+ + (9.11)
13 14
C +p ! N+ (9.12)
14 15
N +p ! O+ (9.13)
15 15
O ! N + e+ + (9.14)
15 12
N +p ! C +4 He (9.15)

Il processo netto è ancora lo stesso, 4p ! 4 He + 2e+ + 2 , con lo stesso Q. Il


ciclo CNO non ha il ”collo di bottiglia” della formazione del deutone ma ha la
barriera coulombiana 6-7 volte maggiore di p-p; domina perciò a temperature
più elevate.

9.5.2 Fusione controllata


La produzione controllata di energia per mezzo di reazioni di fusione è un obi-
ettivo non ancora raggiunto. Il problema, di carattere tecnologico, sta nello
scaldare il combustibile nucleare a temperature dell’ordine di 108 0 K (ener-
gia cinetica media pari a 10 keV ), tenerlo ad una densità molto elevata, in
modo che la frequenza delle reazioni di fusione sia su¢ ciente a dare la potenza
desiderata, e mantenerlo in tali condizioni.
Le reazioni più favoreli dal punto di vista della barriera coulombiana sono i
processi di fusione deutone-deutone (D-D)
2 2 4
H + H ! He + (+23,8 MeV) (9.16)
2 2 3
H + H ! He + n (+ 3,3 MeV) (9.17)
2 2 3
H + H ! H +p (+ 4,0 MeV) (9.18)

e la reazione deutone-trizio (D-T)


2 3 4
H + H! He + n (+17,6 MeV) (9.19)

La reazione 9.16 è poco probabile perché il Q-valore è più grande dell’energia


di separazione di un neutrone o di un protone, per cui i processi utili deutone-
deutone sono il 9.17 e il 9.18. Il processo più interessante ai …ni di applicazioni
pratiche è, però, la reazione di fusione deutone-trizio 9.19; la barriera di poten-
ziale è del tutto simile a quella dei processi D-D mentre l’energia rilasciata è
molto più elevata. Per contro, il trizio è un elemento arti…ciale che decade per
decadimento beta con una emivita di 12,3 anni (3 H ! 3 He + e + ) e deve,
perciò, essere appositamente prodotto. Inoltre, rappresenta comunque una di¢ -
coltà ”estrarre”l’energia cinetica del neutrone (14 MeV), che è l’80% del totale.
Alle temperature elevatissime utili per la fusione gli atomi sono completa-
mente ionizzati e gli ioni ed elettroni formano una sorta di ”gas” neutro detto
plasma. Poiché ciascun contenitore che venisse in contatto con il plasma vapor-
izzerebbe immediatamente, una tecnica usata negli attuali progetti per lo studio
e la realizzazione di un reattore controllato a fusione si basa sull’uso di campi
magnetici per con…nare (con…namento magnetico) e comprimere il plasma e di
campi elettromagnetici per riscaldarlo. Gli apparati sperimentali (quale il JET
- Joint European Torus- in Inghilterra) sono costituiti da dispositivi impulsati
182 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

che contengono e scaldano il plasma per brevi intervalli di tempo. Tali apparati
usano in generale uno scambiatore di calore nel quale è contenuto litio, in modo
da poter produrre anche il trizio necessario, attraverso le reazioni7
7 3
Li + n + 2; 46 M eV ! H + 4 He + n
6 3
Li + n ! H + 4 He + 4; 8 M eV

indotte dal neutrone prodotto dalla fusione D-T8 . Il con…namento del plasma
realizzato con queste macchine è ovviamente non assoluto. Ci sono vari modi at-
traverso i quali il plasma può perdere energia. Il più importante è l’irraggiamento.
Esso è subito principalmente dagli elettroni; però, poiché elettroni e ioni sono
approssimativamente in equilibrio termico, gli ioni risentono delle perdite di
energia degli elettroni.
Un reattore a fusione deve operare a temperature alle quali l’energia ottenuta
dalla fusione superi quella persa per irraggiamento (trascurando le altre perdite)
più quella spesa per riscaldare il plasma. Nella …gura 9.12 è mostrata la densità
di potenza che si sviluppa in un plasma D-T e un plasma D-D in funzione
della temperatura, avendo assunto una densità del plasma di 1021 ioni=m3 .
Dalla …gura si vede che, nel caso deuterio-trizio, l’energia di fusione supera le
perdite per irraggiamento quando T diventa maggiore di 4 keV ; nel caso D-D,
ciò avviene a temperature ben più elevate (T & 40 keV ).

Criterio di Lawson
Supponiamo di avere un plasma D-T a temperatura su¢ cientemente alta da
poter trascurare le perdite. Supponiamo, inoltre, che le densità di deutoni e di
tritoni siano uguali
n
D = T = (nuclei=m3 )
2
La densità degli elettroni sarà

ne = n (elettroni=m3 )

Per scaldare il plasma alla temperatura T spendiamo l’energia per unità di


volume
3 3
ET = nKT + ne KT = 3nKT
2 2
Supponiamo che il plasma resti con…nato per un tempo di con…namento tc ;
l’energia per unità di volume prodotta per fusione sarà

n2
Ef = D T hv DT i Qtc = hv DT i Qtc
4
7 Le abbondanze naturali di 6 Li e 7 Li sono 7,4% e 92,6%. Come si vede la prima reazione è

endotermica; comunque, il neutrone della fusione D-T ha energia più che su¢ ciente in quanto,
come abbiamo visto, prende 14 MeV dei 17,6 prodotti.
8 Una tecnica alternativa al con…namento magnetico è il cosiddetto con…namento inerziale.

Le alte densità ed alte temperature di plasma necesarie per la fusione D-T dovrebbero es-
sere ottenute per implosione di minuscole ”pallottoline” contenenti D-T (pochi milligrammi),
colpite con intensi impulsi di luce laser. La vaporizzazione istantanea della super…cie gen-
era l’onda d’urto che dovrebbe far implodere la pallottolina conducendo ad una minuscola
”esplosione” termonucleare.
9.6. QUESITI ED ESERCIZI 183

Figure 9.12: Densità di potenza che si sviluppa in un plasma D-T e un plasma


D-D in funzione della temperatura, avendo assunto una densità del plasma di
1021 ioni=m3 .

ove Q è il Q-valore della reazione e hv DT i è la velocità di reazione, cioè il


prodotto tra la sezione d’urto e la velocità relativa, mediato sulla distribuzione
di velocità. Il reattore permette di guadagnare energia a condizione che sia
n2
Ef > E T =) hv DT i Qtc > 3nKT
4
ovvero (criterio di Lawson)
12KT
ntc > (9.20)
hv DT i Q
Nel caso ipotizzato, ponendo KT = 10 keV , si ha hv DT i ' 10 22 m3 s 1
e, quindi, ntc > 1020 ms3 . Naturalmente il riscaldamento del plasma ha comp-
lessivamente una e¢ cienza abbastanza minore di uno così come minore di uno
è l’e¢ cienza di conversione dell’energia della fusione in energia elettrica. Tutto
questo agisce sulla ”ampiezza”della disuguaglianza espressa dal criterio di Law-
son, il quale, perciò, serve giusto per stimare quanto un particolare progetto sia
vicino ad ottenere risultati di interesse pratico.

9.6 Quesiti ed esercizi


9.6.1 Quesiti
1. Cosa è il Q-valore di una reazione? Cosa si intende per soglia di una
reazione?
2. Cosa è una risonanza in un processo di scattering o in una reazione? Come
si esprime la sezione d’urto in prossimità di una risonanza?
184 CHAPTER 9. REAZIONI NUCLEARI

3. Cosa è una reazione di nucleo composto? Si faccia un esempio.


4. In cosa consiste la cattura radiativa di un neutrone da parte di un nucleo
e come si può spiegare qualitativamente?
238
5. Si stimi l’allargamento Doppler di una risonanza n U quando il bersaglio
è a temperatura T .
235
6. Perché con neutroni termici è possibile indurre …ssione di U e non di
238
U?
7. Qual è l’energia media rilasciata da un evento di …ssione di 235 U (indotto
da un neutrone termico)? Come si ripartisce tra i vari prodotti …nali?
8. Qual è il numero medio di neutroni pronti nella …ssione di 235 U ? Qual è la
loro energia media? Cosa sono i neutroni ritardati e quanti sono (rispetto
a quelli pronti) sempre nella …ssione di 235 U ?
9. Si spieghi il ruolo dei neutroni ritardati nel controllo di un reattore nu-
cleare.
10. Qual è il processo iniziale del ciclo p p della fusione dell’idrogeno nelle
stelle? Perché è considerato il “collo di bottiglia” del ciclo?
11. Qual è il risultato netto del ciclo p p della fusione dell’idrogeno nelle
stelle? Quali particelle e quanta energia produce?
12. Quali sono, e perché, i principali processi considerati per la fusione ter-
monucleare controllata?

9.6.2 Esercizi
1. La sezione d’urto totale n+ 238 U ! 239 U presenta una risonanza all’energia
cinetica del neutrone nel CM, Tn , pari a 6; 7eV in corrispondenza della
quale assume il valore di 9 103 b. La larghezza della risonanza è =
0; 015eV . Tale risonanza decade o radiativamente o per emissione di un
neutrone (239 U ! 238 U + n). Si stimino le larghezze parziali e n dei
due decadimenti.
2. La combustione del metano
CH4 + 2O2 ! CO2 + 2H2 O
libera 9 eV/molecola di metano. Si calcoli l’energia rilasciata per unità di
massa coinvolta nel processo di combustione e la si confronti con l’analogo
valore relativo alla …ssione dell’uranio 235 indotta da neutroni termici.
3. Si stimi quanto 235 U o altro combustibile nucleare "brucia" ogni giorno in
un reattore nucleare che produca una potenza termica di 3 GW .
4. Si assuma che un neutrone induca …ssione con probabilità p mentre tutte
le altre collisioni sono elastiche. Si mostri che il numero medio di collisioni
che subisce prima di indurre …ssione è 1=p.
5. Si faccia una stima dell’altezza della barriera di potenziale che si oppone
alla fusione di due nuclei di 20 N e.
Chapter 10

La forza nucleare

10.1 Introduzione
Lo studio dei nuclei …n qui condotto è stato caratterizzato, sin dall’inizio,
dall’idea dell’esistenza di una forza nucleare che agisce su protoni e neutroni, in
particolare legandoli tra loro per formare nuclei. Si tratta di una forza nuova,
diversa dalle forza coulombiana e da quella gravitazionale. Ad essa abbiamo
attribuito l’aggettivo "forte" per sottolineare il fatto di come essa sia capace
di tenere legati i nucleoni in un nucleo, nonostante la repulsione elettrostatica
agente tra i protoni.
Vediamo brevemente cosa abbiamo imparato sul tale forza dall’analisi della
struttura dei nuclei.

1. Poiché i nuclei esistono, la forza deve essere attrattiva e, a brevi distanze


(dell’ordine delle dimensioni nucleari), deve essere su¢ cientemente intensa
da vincere la repulsione coulombiana esistente tra gli Z protoni contenuti
nel volume nucleare.

2. E’a corto raggio d’azione. Infatti, su distanze interatomiche l’interazione


tra nuclei è soltanto coulombiana. (Una indicazione sul ”range” è data,
per esempio, dalla di¤usione di particelle : si ha una deviazione dal puro
andamento coulombiano per distanze di avvicinamento dell’ordine delle
dimensioni nucleari).

3. Non può essere sempre e solo attrattiva ma, a cortissimo range, deve
diventare repulsiva. In questo modo si giusti…ca il fatto che i nuclei ab-
biano una densità approssimativamente costante e, quindi, un raggio pro-
1
porzionale ad A 3 . Se così non fosse, tutti i nuclei dovrebbero collassare a
piccoli raggi dell’ordine del range della forza nucleone-nucleone ( 1 2
f m).

4. Non distingue tra protone e neutrone. Infatti, si può giungere a tale ipotesi
da un confronto dettagliato delle regole di stabilità per isotopi e isotoni.

5. Esibisce saturazione. Infatti, poiché l’energia di legame cresce circa come


A ( e non come A2 ), ciascun nucleone appare interagire fortemente soltanto
con i primi vicini.

185
186 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

Figure 10.1: Potenziale ”alla Van der Waals” della forza tra due nucleoni. Un
potenziale di questo tipo renderebbe conto della saturazione della forza nucleare.

Un modo per ottenere la saturazione è assumere che l’energia potenziale di


una coppia di nucleoni abbia l’andamento mostrato in …gura 10.1 (analogo a
quello delle forze di Van der Waals). Tale potenziale indica una forza F = @V @r ,
attrattiva a distanze grandi e repulsiva alle brevissime distanze. Se indichiamo
con r~ la distanza tra le due particelle al minimo del potenziale, V = V0 ,
allora, in accordo con il principio di indeterminazione, le particelle devono avere
un impulso dell’ordine di ~=~ r. La corrispondente energia cinetica del sistema
(assumendo che il moto non sia relativistico) è

p2 1 ~2
T = =
2 2 r~2

ove = mm11+m m2
2
è la massa ridotta del sistema. Per poter avere stati legati (cioè,
livelli discreti ad energia negativa) occorre che

1 ~2
V0 >
2 r~2
Per un sistema di due nucleoni, prendendo r~ 1; 5f m, questo signi…ca
2
1 (~c) 1 2002
V0 > 20M eV
2 c2 r~2 2 500 1; 52
Questo è un numero assolutamente indicativo e serve semplicemente a dare
un’idea del possibile ordine di grandezza di V0 . Se vogliamo imparare di più sulla
forza nucleare il primo passo logico da fare è quello di andare a studiare come
essa si manifesti nell’interazione di due soli nucleoni, sia quando tale interazione
dà luogo a un sistema legato sia nel caso di urto. Considerando le tre possibili
combinazioni np, pp e nn, avremmo a priori ben sei possibilità: tre sistemi
legati e tre processi di di¤usione. In realtà esiste un solo nucleo composto da
due nucleoni ed è il deutone, che è un sistema legato neutrone-protone; non esiste
10.2. IL DEUTONE 187

uno stato legato protone-protone né uno neutrone-neutrone. Considerando la


proprietà 4, questo è chiaramente un indizio di una qualche ulteriore proprietà
della forza nucleare che …nora non è apparsa. Per quanto riguarda, poi, i processi
di di¤usione, mentre è possibile uno studio diretto dell’urto np e pp, per ragioni
sperimentali la di¤usione nn può essere studiata soltanto indirettamente.
Nel seguito faremo, dunque, un’indagine più diretta della forza tra nucleoni,
andando a studiare il sistema nucleonico più semplice, cioè il sistema a due
nucleoni. Vedremo le caratteristiche fondamentali sia del sistema legato a due
nucleoni sia della di¤usione (di bassa energia) nucleone-nucleone.
L’uso di un potenziale con un nocciolo repulsivo rende più di¢ cile i calcoli,
perciò, usualmente, almeno nei casi di piccoli impulsi trasferiti (grandi distanze),
il potenziale vien approssimato con andamenti più semplici, quale, per esempio
il potenziale di Yukawa o , ancora più semplicemente, una buca sferica di pro-
fondità costante.

10.2 Il deutone
10.2.1 Energia di legame
Il deutone è l’unico nucleo costituito da due nucleoni: un protone e un neutrone.
La sua energia di legame è
2
B = (mp + mn m H )c2 = 2; 225M eV

Essa può essere determinata direttamente attraverso la reazione


1 2
n+ H! H+
o, ancora, la reazione inversa (fotodissociazione del deutone)
2 1
+ H! H +n

Il deutone, con circa 1 M eV di energia di legame per nucleone, è un nucleo


poco legato. Esiste solo nello stato fondamentale, non presentando alcuno stato
eccitato.
Assumiamo di poter approssimare il potenziale dell’interazione nucleone-
nucleone con una semplice buca sferica, de…nita da

V (r) = V0 per r R
V (r) = 0 per r > R

ove R "raggio" del deutone. La funzione d’onda (r; ; ) che descrive il moto
relativo del neutrone e del protone può essere separata nella parte radiale R (r)
e nella parte angolare Y ( ; ). Assumiamo, inoltre, che lo stato fondamentale
sia, come per l’atomo di idrogeno, uno stato S (l = 0); tale stato ha simmetria
sferica per cui la parte angolare della funzione d’onda è costante. La funzione
d’onda radiale ridotta u (r), de…nita come

u (r) = rR (r)

soddisfa l’equazione
d2 u 2
+ 2 (E V )u = 0 (10.1)
dr2 ~
188 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

con le condizioni al contorno1

u (r) = 0 per r = 0 e r ! 1
mp
è la massa ridotta del sistema neutrone-protone ( ' 2 ). Risolvendo la 10.1,
otteniamo per r R

u (r) = A sin k1 r + B cos k1 r


r
2 (E + V0 )
k1 =
~2
e per r > R
k2 r
u (r) = Ce + Dek2 r
r
2 E
k2 =
~2
Usando le condizioni al contorno troviamo D = 0 e B = 0. Inoltre, imponendo
la continuità di u e della sua derivata prima alla separazione tra la buca di
potenziale e la regione esterna
1 du 1 du
=
u dr r=R u dr r=R+

perveniamo alla relazione


k1 cot k1 R = k2 (10.2)
Tale relazione lega la profondità e il raggio della buca di potenziale, essendo
nota l’energia di legame E. Usando come raggio della buca la radice del raggio
quadratico medio di carica misurato con la di¤usione di elettroni, R ' 2; 1f m,
otteniamo V0 ' 35 M eV , che costituisce una ragionevole stima della profondità
della buca di potenziale nucleone-nucleone.

10.2.2 Spin e parità


Lo spin del deutone è dato dalla somma di quelli dei due nucleoni e del loro
momento angolare orbitale
I = sp + sn + l
Lo spin misurato risulta essere I = 1, pertanto, indicando con S lo spin totale
dei due nucleoni, sono possibili le seguenti combinazioni

a) l=0 S =1
b) l=1 S =0
c) l=1 S =1
d) l=2 S =1
l
La parità misurata del deutone è pari, pertanto deve essere ( 1) = +1, cioè
l pari. Perciò, le uniche due possibilità sono

l = 0 stato S
l = 2 stato D
1 u (r) u(r)
deve essere nulla per r ! 0 al …ne di mantenere …nita R (r) = r
.
10.2. IL DEUTONE 189

Dunque, la parità è consistente con la scelta precedente l = 0 ma non si può


ancora escludere la possibilità l = 2.
E’bene, ora, riprendere la conclusione del paragrafo precedente e osservare
esplicitamente che la stima ivi fatta del potenziale debba intendersi riferita allo
stato di tripletto del sistema di due nucleoni, lo stato, cioè, con spin I = 1. A
priori la forza nucleare potrebbe essere dipendente dallo spin, anzi il fatto che
neutrone e protone si leghino solo nello stato di tripletto costituisce un chiaro
indizio che sia proprio così. Infatti, se la forza nucleare fosse la stessa sia per lo
stato di tripletto che per quello di singoletto, dovrebbe esistere un "deutone" in
uno stato legato S = 0, che avrebbe la stessa energia dello stato S = 1. Poiché
tale "deutone" con S = 0 non esiste, si può concludere che, contrariamente a
quanto avviene per lo stato di tripletto, la forza tra protone e neutrone nello
stato di singoletto non è in grado di legarli l’uno all’altro. La dipendenza dallo
spin della forza tra nucleoni trova ampia conferma, come vedremo tra breve,
nello studio della di¤usione neutrone-protone.

10.2.3 Momento di dipolo magnetico


Se i due nucleoni del deutone fossero e¤ettivamente in uno stato di momento
angolare orbitale l = 0, non ci sarebbe contributo orbitale al momento di dipolo
magnetico del deutone e si avrebbe
1
= n + p = (gn + gp ) N = 0; 880 N
2
essendo gp = 5; 5857 e gn = 3; 8261.
Il valore misurato risulta leggermente diverso

mis = 0; 8574 N

Se la di¤erenza fosse dovuta al fatto che lo stato del deutone non sia un puro
stato S ma una sovrapposizione S D, scrivendo la funzione d’onda come

= aS (l = 0) + aD (l = 2) (10.3)

si avrebbe
= a2S (l = 0) + a2D (l = 2)
e, per rendere conto del valore misurato, i coe¢ cienti dovrebbe valere

a2S = 0; 96
a2D = 0; 04

Il deutone sarebbe, dunque, per il 96% nello stato 3 S1 e per il 4% nello stato 3 D1 .
Questo risultato, però, non è conlcusivo perchè altri motivi potrebbero spiegare
la di¤erenza tra valore calcolato e valore misurato. Per esempio, il momento
magnetico di un nucleone legato potrebbe essere diverso da quello dello stesso
nucleone libero.

10.2.4 Momento di quadrupolo elettrico


Il momento di quadrupolo elettrico permette di dare una risposta più conclusiva
in merito allo stato del deutone. Infatti, si trova sperimentalmente che il deutone
190 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

ha un momento di quadrupolo diverso da zero

Q2 H = 0; 0029 b

Esso non può che essere dovuto al moto orbitale dei due nucleoni, in quanto essi
non hanno momento di quadrupolo intrinseco. Lo stato del deutone non può,
perciò, essere uno stato di pura onda S, che avendo simmetria sferica avrebbe
Q = 0. Assumendo che esso sia invece descritto dalla 10.3, si avrebbe
p
2 1 2 2
Q= aS aD r2 SD a r DD
10 20 D
ove, r2 SD
è de…nito da
Z
r2 SD
= r2 RS (r) RD (r) r2 dr

e r2 DD da una relazione analoga. Con un potenziale realistico si calcola D e,


quindi, la percentuale di onda D, che risulta essere 4% e, perciò, compatibile
con quanto visto analizzando il momento magnetico. Questo risultato è confer-
mato da esperimenti di di¤usione. Esso è molto importante perchè ci dice che
la forza n p non è del tutto centrale ma contiene una componente tensoriale,
che mescola gli stati S e D.

10.3 Di¤usione nucleone-nucleone a bassa ener-


gia
10.3.1 Introduzione
Lo studio del deutone dà poche informazioni sulla dinamica dell’interazione
nucleone-nucleone. Informazioni ulteriori e per diverse con…gurazioni dinamiche
si ottengono studiando la di¤usione elastica nucleone-nucleone. Da un punto di
vista sperimentale si tratta di far incidere un fascio di nucleoni di determinata
energia su un bersaglio di nucleoni e misurare la sezione d’urto. Poiché non
è possibile realizzare un bersaglio di neutroni liberi, il bersaglio sarà normal-
mente idrogeno, mentre il fascio potrà essere di protoni o di neutroni2 . Natu-
ralmente, con questo tipo di scelta sono realizzabili due dei tre possibili processi
di di¤usione elastica nucleone-nucleone. Le informazioni relative alla di¤usione
neutrone-neutrone di bassa energia possono essere estratte dai risultati relativi
allo studio di particolari reazioni nucleari.
Nel seguito ci limiteremo allo studio della di¤usione nucleone-nucleone ad
energie molto basse. A tali energie sarà su¢ ciente considerare soltanto la di¤u-
sione in onda S cioè relativa allo stato di momento angolare orbitale l = 0 dei
due nucleoni. Assumeremo un potenziale molto semplice costituito da una buca
di potenziale sferica di raggio R e profondità costante V0 , ove R è dell’ordine
del f m.
2 Questo discorso è certamente valido a bassa energia. Ad alta energia, quando le di-

mensioni del pacchetto d’onda associato al nucleone incidente sono molto più piccole delle
dimensioni nucleari, la di¤usione protone-neutrone può essere studiata facendo incidere un
fascio di protoni su un bersaglio di deuterio.
10.3. DIFFUSIONE NUCLEONE-NUCLEONE A BASSA ENERGIA 191

Si può vedere con semplici considerazioni semiclassiche che, per avere con
elevata probabiltà solo onda S, è su¢ ciente che il nucleone incidente abbia una
energia cinetica E << 20 M eV . Infatti, se l’urto avviene con un parametro
d’urto b, il momento angolare classico è mvb e, essendo R il raggio della buca di
potenziale, (mvb)max ' mvR. Il momento angolare classico corrisponde a quello
quantistico l~; perciò, a¢ nché l’urto possa avvenire, essenzialmente, soltanto in
onda S, deve essere veri…cata la relazione

mvR ~

ovvero
1 ~2 ~2 c2
T = mv 2 << 2
= ' 20 M eV
2 2mR 2mc2 R2
se R 1 f m e m è la massa del nucleone.

10.3.2 Di¤usione neutrone-protone


L’andamento della sezione d’urto totale n p a bassa energia, risultante da un
gran numero di misure, è riportato schematicamente in …gura 10.3 in funzione
dell’energia del neutrone incidente nel sistema del laboratorio. Tale andamento è
determinato essenzialmente dalla di¤usione elastica e soltanto ad energia molto
bassa c’è un piccolo contributo della reazione di cattura radiativa del neutrone
2
1
H (n; ) H che possiamo trascurare3 . Si vede che ad energie minori di 10
keV la sezione d’urto è praticamente costante e pari al valore limite di 20; 4
barn che assume per E ! 0.
Possiamo esprimere la sezione d’urto in termini dell’ampiezza di di¤usione
elastica in onda S data da (appendice E; in particolare, si vedano la E.18 e la
E.23)
ei 0 sin 0
f0 fl=0 ( ; k) =
k
ove 0 (k) è lo sfasamento dell’onda S. Si ha
Z
2 sin2 0
= jf0 j d = 4 (10.4)
k2
Essendo la sezione d’urto …nita nel limite di energia zero, lo sfasamento 0 (k)
tende a zero per k ! 0 e ei 0 ! 1, per cui
0
f0 ! = cost = a
k
La costante a si chiama lunghezza di scattering; il suo signi…cato …sico risulta
evidente quando si osservi che

k!0 = 0 = 4 a2

cioè, la sezione d’urto nel limite di energia zero coincide con quella classica di
una sfera impenetrabile di raggio a. Osserviamo che, poiché
ei 0 sin 0 1
f0 = =
k k cot 0 ik
3 Tale contributo è di 0; 05b per E = 1eV e, poi, decresce come 1=v al crescere della
velocità v del neutrone.
192 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

a può anche essere de…nita per mezzo di


1
lim k cot 0 = (10.5)
k!0 a
Lo sfasamento 0 (k) può essere determinato conoscendo il potenziale della
forza agente tra protone e neutrone. A questo proposito possiamo provare ad
usare la buca rettangolare vista nel caso del deutone. La funzione d’onda radiale
del nostro problema di di¤usione soddisfa una equazione del tutto analoga alla
10.1, con la di¤erenza che ora E assume valori positivi.
Per r R si ha V = V0 e, quindi,
d2 u
+ k12 u = 0
dr2
con
2 (E + V0 )
k12 =
~2
La soluzione generale di questa equazione è

u (r) = B sin k1 r + C cos k1 r

Imponendo che la funzione d’onda R = u(r)r sia …nita per r = 0, si ha C = 0 e,


quindi,
u (r) = B sin k1 r
Per r > R si ha V = 0 e la soluzione è ancora un’onda piana ma sfasata di 0

u (r) = A sin (kr + 0)

ove, questa volta,


2 E
k2 =
~2
Imponendo la condizione di continuità della funzione d’onda e della sua derivata
sul bordo della buca di potenziale
1 du 1 du
=
u dr r=R u dr r=R+

troviamo la relazione

k cot (kR + 0) = k1 cot k1 R (10.6)

dalla quale è possibile estrarre 0 (noti E, V0 e R) e calcolare, quindi, la sezione


d’urto di di¤usione in onda S. Se poniamo

= k1 cot k1 R

dalla 10.6 otteniamo


2
2 cos kR + k sin kR
sin 0 = 2
1+ k2

per cui (vedi 10.4)


4 2
= cos kR + sin kR
k2 + 2 k
10.3. DIFFUSIONE NUCLEONE-NUCLEONE A BASSA ENERGIA 193

Figure 10.2: Sezione d’urto per la di¤usione elastica n-p, calcolata usando una
buca di potenziale rettangolare di raggio R ' 2f m e altezza V0 = 35M eV .

Figure 10.3: Sezione d’urto neutrone-protone a bassa energia.


194 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

In …gura 10.2 è gra…cato l’andamento di questa sezione d’urto per E 10M eV


ottenuto usando per R e V0 gli stessi valori del deutone. Si vede che esso è molto
simile a quello misurato (…gura 10.3), però, nel limite di bassa energia, si trova
il valore = 4; 6 b molto diverso da quello sperimentale ' 20; 4 b. Questo ci
dice che il calcolo precedente è quantomeno incompleto. In realtà, il calcolo è
stato eccessivamente semplicistico. Dovremmo almeno tener conto del fatto che
protone e neutrone sono ambedue fermioni di spin 12 , per cui la collisione può
avvenire in distinti stati di spin ai quali può corrispondere una diversa forza. I
due nucleoni possono essere in uno stato di singoletto (spin totale S = 0) o in
uno stato di tripletto (spin totale S = 1). Se a questi due stati corrispondessero
diverse sezioni d’urto, chiamiamole s per lo sato di singoletto e t per quelo di
tripletto, la sezione d’urto totale sarebbe
3 1
= t + s (10.7)
4 4
Poiché per il calcolo precedente abbiamo usato i risultati per la buca di poten-
ziale trovati nel caso del deutone, possiamo assumere che la sezione d’urto di 4; 6
b corrisponda a t , in quanto n e p nel deutone sono in uno stato di tripletto.
Allora, nota la sezione d’urto sperimentale, possiamo ricavare s usando la 10.7
3 1
20:4 = 4; 6 + s ) s = 67; 8 b
4 4
Poiché troviamo s molto diversa da t , dobbiamo concludere che la forza nu-
cleare dipende sensibilmente dallo spin. A questa conclusione saremmo potuti
giungere anche notando l’assenza di uno stato legato con S = 0 del deutone, che
avrebbe circa la stessa energia dello stato S = 1 se la forza nucleare non fosse
sensibilmente dipendente dallo spin. Una veri…ca di questo risultato è fornita
dalla di¤usione di neutroni subtermici su idrogeno molecolare. Questo esiste
in due diversi stati di spin dei due protoni: lo stato a spin paralleli, detto or-
toidrogeno, e lo stato a spin antiparalleli, detto paraidrogeno. Si usano neutroni
incidenti molto lenti (Tn < 0; 01 eV ). In questo caso, la lunghezza d’onda di De
Broglie, ad essi associata, è molto più grande della distanza tra i due atomi di
idrogeno della molecola di H2 (' 0; 05 nm) e, quindi, la di¤usione è coerente,
cioè la sezione d’urto (nH2 ) non è semplicemente la somma delle sezioni d’urto
su ciascun protone
(nH2 ) 6= 2 (np)
in quanto bisogna sommare le due ampiezze e, poi, fare il quadrato. Le due
sezioni d’urto su para- ( para ) e orto-idrogeno ( orto ) possono essere scritte in
funzione delle lunghezze di scattering np relative allo stato di tripletto (at ) e di
singoletto (as ), per cui, misurando para e orto , si ricavano as e at . Si trova
as = 23; 55 0; 12 f m
at = +5; 35 0; 06 f m
per cui le sezioni d’urto nel limite di bassa energia risultano

s = 4 a2s = 70 b
t = 4 a2t = 3; 6 b
Questi valori sono consistenti con quelli precedentemente visti, s = 67; 8 b e
t = 4; 6 b. Bisogna osservare che per calcolare questi ultimi abbiamo assunto
10.3. DIFFUSIONE NUCLEONE-NUCLEONE A BASSA ENERGIA 195

che la di¤usione avvenisse per E < 20 M eV mentre per i precedenti E 1


eV . Al salire dell’energia, l’uguaglianza = 4 a2 , che è il valore nel limite
di energia zero, è violata ben prima che si raggiungano energie dell’ordine dei
MeV. In questo caso la di¤usione di bassa energia è più correttamente trattata
nella cosiddetta approssimazione di range e¢ cace, scrivendo
1 1
k cot 0 = + r0 k 2
a 2
ove a è ancora la lunghezza di scattering (si veda la 10.5) mentre r0 è detto
range e¢ cace. La caratterizzazione del potenziale con a e r0 è indipendente
dalla forma del potenziale stesso. Da una varietà di esperimenti di di¤usione np
si deducono i seguenti valori

as = 23; 71 0; 02 f m at = 5; 42 0; 01 f m
(10.8)
r0s = 2; 73 0; 03 f m r0t = 1; 75 0; 01 f m

Si potrebbe dimostrare che il valore positivo di at e quello negativo di as sono


coerenti, rispettivamente, con l’esistenza dello stato legato np di tripletto (deu-
tone) e l’assenza di un anologo stato legato di singoletto.

10.3.3 Di¤usione protone-protone e neutrone-neutrone


Finora abbiamo considerato la di¤usione np. Quando l’urto, invece, avviene tra
due protoni o due neutroni, dobbiamo tener conto del fatto che essi sono due
fermioni identici, per cui la funzione d’onda complessiva deve essere antisim-
metrica per lo scambio dei due nucleoni (si veda il paragrafo 12.2)

= spazio spin ! antisimmetrica


A bassa energia, quando l’urto avviene in onda S (l = 0), la parte spaziale
della funzione d’onda è simmetrica per cui la parte di spin deve essere antisim-
metrica. Questo implica che possono contribuire alla di¤usione di bassa energia
(onda S, l = 0) solo stati di singoletto di spin (S = 0). Nel caso pp c’è, poi,
da considerare il contributo dello scattering coulombiano, che diventa prepon-
derante ai piccoli angoli di di¤usione. L’ampiezza di di¤usione coulombiana e
quella nucleare si sommano, per cui l’ampiezza complessiva per lo scattering pp
sarà del tipo

fpp = fnucl + fcoulomb


e la sezione d’urto di¤erenziale conterrà un termine di interferenza coulombiano-
nucleare. Occorrerà, quindi, una accurata analisi per poter estrarre la lunghezza
di scattering pp dai risultati sperimentali.
Nel caso dello scattering nn, trattandosi di particelle neutre, non c’è il prob-
lema della sovrapposizione dello scattering coulombiano. In questo caso, le
di¢ coltà sono dovute principalmente all’impossibiltà di realizzare bersagli di
neutroni liberi. La misura della sezione d’urto può essere e¤ettuata creando,
per mezzo di opportune reazioni nucleari, una coppia di neutroni in moto rel-
ativo entro il raggio d’azione della forza nucleare ed osservando gli e¤etti dello
scattering sui due neutroni che si allontanano. Purtroppo, quando i due neu-
troni vengono creati, essi non sono mai soli ma sono in presenza di almeno una
196 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

terza particella, la quale può interagire con essi singolarmente o in modo collet-
tivo. I risultati sperimentali devono, perciò, essere corretti per tener conto di
tale interazione.
Esempi delle dette reazioni sono:

+2 H ! 2n +
n +2 H ! 2n + p

I parametri dello scattering nn possono anche essere ricavati per altre vie:
per esempio, dal confronto dei risultati di reazioni ”speculari ” quali:

3
He +2 H ! 3
H + 2p
3
H +2 H ! 3
He + 2n

L’analisi di vari risultati sperimentali dà per le lunghezze di scattering pp e


nn i seguenti risultati:

a = 17; 1 0; 2 f m per pp (10.9)


a = 16; 6 0; 5 f m per nn

Le due lunghezze di scattering risultano uguali tra loro entro gli errori di
misura. Si potrebbe mostrare (si veda ....) che il fatto che risultino ambedue
negative dimostri che non esiste né uno stato legato pp né uno nn.
Si osservi, dunque, che uno stato legato pp non esiste non perché impedito
dalla repulsione coulombiana ma per lo stesso motivo per il quale non esiste un
stato legato di due neutroni, che pure sono elettricamente neutri. La ragione
sta nella dipendenza dallo spin della forza nucleare. Infatti, con il deutone
abbiamo visto che uno stato legato nucleone-nucleone si ha soltanto in uno
stato di tripletto e due nucleoni identici non possono stare in uno stato di spin
simmetrico (S = 1) se l = 0.
L’uguaglianza delle lunghezze di scattering protone-protone e neutrone-neutrone
prova che pp e nn interagiscono nello stesso modo: la forza nucleare è simmetrica
rispetto alla ”carica nucleare” cioè al carattere del nucleone.

10.4 Proprietà della forza nucleare


Vogliamo ora riassumere brevemente le proprietà della forza nucleare, cioè della
forza ”forte” che agisce tra due nucleoni. Lo facciamo schematicamente enun-
ciando la proprietà e citando, essenzialmente a titolo di esempio, almeno una
giusti…cazione sperimentale per tale proprietà.

È attrattiva, a corto ”range” e può essere descritta, in prima approssi-


mazione, da un potenziale centrale. Che la forza nucleare sia (in predomi-
nanza) attrattiva è ovvio altrimenti i nuclei non esisterebbero. Il fatto che
non giochi alcun ruolo a livello delle distanze atomiche è già indice che il
suo raggio di azione debba essere breve. Ci sono, poi, numerosi risultati
sperimentali provenienti sia da esperimenti di scattering sia dallo studio
10.4. PROPRIETÀ DELLA FORZA NUCLEARE 197

degli stati legati nucleari che portano alla conclusione che essa debba avere
un raggio di azione dell’ordine del fermi. Anche se non è una forza cen-
trale (vedi seguito), in prima approssimazione si può descrivere come tale.
Infatti, già la semplice buca sferica di potenziale permette una ragionevole
descrizione di numerosi risultati sperimentali. Noi l’abbiamo visto con il
deutone.

Esibisce saturazione. Lo dice il fatto che l’energia di legame per nucleone,


B B
A , sia sostanzialmente indipendente da A ( A costante)

Dipende fortemente dallo spin. Esiste solo lo stato legato np di tripletto e


non quello di singoletto. La sezione d’urto t (np) è diversa dalla s (np).

Contiene un termine non centrale (tensoriale). È l’unica spiegazione pos-


sibile per l’esistenza di un momento di quadrupolo del deutone diverso da
zero.

Presenta simmetria di carica, cioè l’interazione pp è uguale all’interazione


nn. Lo si può vedere dallo scattering pp e nn. Per esempio, a bassa energia
le lunghezze di scattering (10.9) e il range e¢ cace risultano uguali entro
gli errori.

Si può considerare (quasi) indipendente dalla carica, cioè le interazioni pp,


nn e np, in analoghi stati di spin, risultano (quasi) uguali. Per esempio,
a basse energie la lunghezza di scattering np, nello stato di singoletto
(10.8), non è molto diversa da quelle pp e nn (10.9). Si tenga presente che
la lunghezza di scattering è molto sensibile all’andamento della funzione
d’onda a r = R, ove R è il raggio del potenziale; la di¤erenza tra as (np) =
23; 71 f m e a (pp) = 17; 1 f m (' a (nn)) può corrispondere ad una
di¤erenza molto piccola dei potenziali ( 1%).

Diventa repulsiva a piccole distanze. Un indizio qualitativo è fornito dal


fatto che la densità nucleare è circa costante al variare di A. Indicazioni
quantitative sono fornite dallo scattering nucleone-nucleone ad energie
crescenti. Si trova, per esempio, che lo sfasamento dell’onda S dello scat-
tering np diventa negativo a circa 300 MeV (…gura 10.4), il che corrisponde
al cambiamento della forza da attrattiva a repulsiva. Se si descrive il poten-
ziale, in modo approssimato, usando una buca sferica con un ”nocciolo”
repulsivo, avente le seguenti caratteristiche

V (r) = +1 r < Rnocciolo


V (r) = V0 Rnocciolo r R
V (r) = 0 r>R

si ottiene un accordo abastanza soddisfacente con i valori misurati degli


sfasamenti, ponendo Rnocciolo ' 0; 5 f m.

Dipende dallo stato di moto relativo dei due nucleoni, in particolare pre-
senta una componente analoga all’interazione spin-orbita atomica. Speri-
mentalmente essa emerge dall’osservazione che, nello scattering nucleone-
nucleone, i nucleoni …nali tendono ad essere polarizzati, tendono cioè ad
198 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

Figure 10.4: Sfasamenti dello scattering np in funzione dell’energia.

avere lo spin diretto lungo una direzione preferenziale. La polarizzazione


P dei nucleoni in un fascio (o in un bersaglio) è de…nita da

N (") N (#)
P = ( 1 P +1)
N (") + N (#)

jP j = 1 signi…ca che gli spin sono tutti allineati nella medesima direzione
(100% di polarizzazione) mentre P = 0 signi…ca che i nucleoni sono equa-
mente suddivisi nelle due possibili classi determinate dalla direzione dello
spin (fascio o bersaglio non polarizzato). La …gura 10.5 mostra la polar-
izzazione misurata nello scattering pp. Essa è una funzione dell’angolo
di scattering e dell’energia e cresce al crescere di quest’ultima. La polar-
izzazione è determinata dalla presenza nel potenziale nucleone-nucleone
di un termine di interazione spin-orbita, analogo a quello atomico ma di
natura completamente diversa, in quanto l’interarzione spin-orbita atom-
ica è un e¤etto puramente elettromagnetico, dovuto all’accoppiamento
del momento di dipolo magnetico dell’elettrone con il campo magnetico
che l’elettrone sperimenta nel sistema del suo centro di massa, a causa
del suo moto nel campo coulombiano. Nel caso della forza tra nucleoni,
un’interazione puramente magnetica sarebbe troppo debole per rendere
conto degli e¤etti osservati. Possiamo capire molto semplicemente come
l’interazione spin-orbita possa indurre polarizzazione. Consideriamo, per
esempio, lo scattering di protoni da parte di un bersaglio nucleare, avente,
per semplicità, spin nullo. Assumiamo che il potenziale di interazione
contenga un temine del tipo

Vls (r) l s (Vls < 0) (10.10a)

ove s è lo spin del protone, l il suo momento angolare relativo al bersaglio e


Vls è minore di zero. Anzi assumiamo, per il momento, che il potenziale sia
solo 10.10a. Facciamo riferimento alla …gura e consideriamo due protoni
con spin sù (uscente dal foglio) che incidono uno a ”destra” (protone 1)
e l’altro a ”sinistra” (protone 2) del bersaglio. Il protone 1 sperimenta
10.4. PROPRIETÀ DELLA FORZA NUCLEARE 199

Figure 10.5: Polarizzazione nello scattering pp.

Figure 10.6: Rappresentazione schematica dell’e¤etto polarizzante


dell’interazione spin-orbita.
200 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

una forza repulsiva perché, nel suo caso, l = r p è ”giù”, l s < 0


e, quindi, V = Vls (r) l s > 0: il protone 1 è deviato a ”sinistra”. Il
protone 2, invece, sperimenta una forza attrattiva perché, nel suo caso,
l = r p è ”sù”, l s > 0 e, quindi, V = Vls (r) l s < 0: anche il protone
2 è deviato a ”sinistra”. Se i due protoni avessero ”spin giù” sarebbero,
naturalmente, deviati a ”destra”. Il tipo di interazione ipotizzata, dunque,
induce polarizzazione nello stato …nale, in quanto, partendo da un fascio
non polarizzato, separa nello stato …nale i protoni ”spin sù”da quelli ”spin
giù”, mandando i primi a ”sinistra” ed i secondi a ”destra”. Tale e¤etto
sarebbe osservabile anche se il potenziale non fosse dato semplicemente da
10.10a ma fosse del tipo

V (r) = Vc (r) + Vls (r) l s

In questo caso non si avrebbe una separazione netta tra protoni ”spin giù”
e protoni ”spin sù” ma si osserverebbe un eccesso di protoni ”spin giù” a
destra ed un equivalente eccesso di protoni ”spin sù” a sinistra. Capiamo
perché in …gura 10.5 la polarizzazione cresca al crescere dell’energia. A
bassa energia domina lo scattering in onda S (l = 0) e non ci aspettiamo
polarizzazione. Al crescere dell’energia c’è un contributo crescente di onda
P e, quindi, ci aspettiamo una crescente polarizzazione.

10.5 Isospin
10.5.1 Il concetto di isospin
La simmetria di carica e la indipendenza dalla carica delle interazioni forti nu-
cleari, unite alla quasi uguaglianza delle masse del neutrone e del protone, sug-
gerirono l’ipotesi che protone e neutrone costituiscano per le interazioni forti
un doppietto di stati degenere in energia di una entità che abbiamo già chiam-
ato nucleone. La caratterizzazione del nucleone in protone e neutrone, cioè la
rimozione della degenerazione, è semplicemente opera dell’interazione elettro-
magnetica. Questa situazione è analoga a quella che si osserva per una par-
ticella di spin 1/2 in assenza di campo magnetico. Gli stati con sz = 1=2
sono degeneri; l’applicazione di un campo magnetico, rompendo la simmetria
del sistema, rimuove la degenerazione.
Per analogia con lo spin, attribuiamo al nucleone una nuova proprietà che
chiamiamo spin isotopico o isospin. Indichiamo questa quantità con il vettore
I e diamo ad I il valore 1=2. I non è un vettore nello spazio ordinario, sia
ben chiaro, ma è un vettore nello spazio dello spin isotopico; tuttavia I ha,
nello spazio dello spin isotopico, tutte le proprietà che ha un vettore momento
angolare nello spazio ordinario ed ubbidisce alla stessa algebra dei momenti
angolari. I ha 2I + 1 possibili orientazioni rispetto ad un asse di quantizzazione.
Così, nel caso del nucleone, essendo I = 1=2, tali possibili orientazioni sono 2 e
corrispondono ai due stati degeneri del nucleone: il protone e il neutrone.
Lo spin isotopico di un sistema di due o più nucleoni si ottiene componendo
gli spin isotopici dei singoli nucleoni con le stesse regole di addizione dei mo-
menti angolari. Indichiamo con I1 , I2 e I3 le tre componenti di I nello spazio
dell’isospin. Poiché, analogamente a quanto avviene per le componenti dello
spin, i tre operatori corrispondenti alle tre componenti dello spin isotopico non
10.5. ISOSPIN 201

commutano tra loro, una sola alla volta di tali componenti può assumere un
valore de…nito, che sarà uno dei 2I + 1 valori

I; I + 1; :::::; I 1; I (10.11)

Ogni componente commuta con l’operatore I2 e, quindi, uno speci…co stato


di spin isotopico è caratterizzato dall’autovalore di I2 , cioè I (I + 1), e da un
autovalore di una delle tre componenti di I. Per de…nizione usiamo I3 come
componente a valore de…nito; perciò, un generico stato di isospin è etichettato
dai valori di I e I3 . Usando la notazione di Dirac tale stato sarà indicato con il
ket
jI; I3 i
Nel caso del nucleone attribuiamo I3 = +1=2 al protone e I3 = 1=2 al neutrone;
così, abbiamo
1 1
protone ! ; +
2 2

1 1
neutrone ! ;
2 2
Chiaramente il valore di I3 è direttamente legato alla carica elettrica del nucle-
one. Infatti, la carica dello stato jI; I3 i, espressa in unità e, è data da

1
Q = I3 + (10.12)
2
e vale, quindi, +e per il protone e 0 per il neutrone.
Per un sistema di due nucleoni, indicando con Ia lo isotopico di uno e con Ib
quello dell’altro, lo spin isotopico totale può assumere uno dei valori compresi
tra
jIa Ib j I Ia + Ib
ovvero
I = 0; 1
Per un determinato valore di I, I3 può assumere uno dei valori dati dalla 10.11.
In un sistema di nucleoni I3 è semplicemente la somma algebrica della terza
componente dello spin isotopico di ciascun nucleone
n
X
I3 = (I3 )i
1

Così, per un nucleo composto da N neutroni e Z protoni si ha

1 1 1
I3 = Z + +N =Z A
2 2 2

Ma Ze è la carica elettrica Qe del nucleo, per cui possiamo scrivere

A
Q = I3 + (10.13)
2
202 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

10.5.2 Invarianza di isospin


L’isospin è un utile concetto nel limite in cui esso può essere considerato un
numero quantico conservato nelle interazioni forti nucleari ed, in generale, in
tutte
p le interazioni forti. Pensando ad I come ad un vettore di lunghezza
I (I + 1) nello spazio cartesiano I1 ; I2 ; I3 , la conservazione di I equivale
all’invarianza della lunghezza del vettore per rotazione degli assi, ovvero, con al-
tre parole, l’isospin I di un sistema rimane invariato sotto una rotazione intorno
a qualunque direzione nello spazio dell’isospin. Come per una rotazione nello
spazio ordinario, l’operatore unitario per una rotazione nello spazio dell’isospin
di un angolo intorno alla direzione d^ è4
d^ I
U = ei

ove I è il generatore hermitiano associato all’operatore unitario U . L’invarianza


delle interazioni forti per rotazione nello spazio dell’isospin implica che l’hamiltoniano
forte Hs sia invariante sotto la trasformazione unitaria prodotta da U

U y Hs U = H s

e, quindi, che Hs commuti con I

[Hs ; I] = 0

Questa relazione signi…ca che tutte e tre le componenti di I commutano con


Hs e, perciò, i loro autovalori sono costanti del moto. Tuttavia, poichè come
abbiamo già osservato, le tre componenti non commutano tra loro soltanto una
alla volta di esse - e noi assumiamo convenzionalmente che sia I3 - può assumere
un valore de…nito, che nell’evoluzione del sistema sarà una costante del moto
insieme al valore di I.
I e I3 sono numeri quantici conservati dalle interazioni forti. Le interazioni
elettromagnetiche conservano I3 in quanto esso si identi…ca con la carica elet-
trica, che è sempre conservata. Le stesse interazioni elettromagnetiche, però,
non conservano I, in quanto accoppiandosi alla carica elettrica privilegiano I3
e, quindi, non sono invarianti per rotazioni nello spazio dell’isospin.
L’invarianza di isospin delle interazioni forti implica che queste dipendano
unicamente da I e non da I3 . Sperimentalmente si osserva che questa invarianza
non è esatta; essa, tuttavia, è veri…cata con ottima approssimazione. Nel seguito
capiremo cosa ne sia all’origine.
Il concetto di isospin - ed invarianza di isospin - fu sviluppato nell’ambito
dei nuclei e poi esteso in generale alle interazioni forti di tutti gli adroni. I livelli
di energia dei nuclei sono caratterizzati da autovalori simultanei di I2 e I3 . Si
hanno 2I + 1 stati degeneri per un dato I; tali stati sono isobari (stesso A).
Valori successivi crescenti di I3 corrispondono al cambiamento di un neutrone
in un protone. Nel limite di indipendenza dalla carica delle interazioni nucleari,
i nuclei appartenenti allo stesso multipletto avranno gli stessi livelli di energia
(una volta corretti per tener conto degli e¤etti elettromagnetici). Si osservano,
infatti, multipletti di spin isotopico corrispondenti, oltre a I = 12 (doppietti),
a I = 1 (tripletti), I = 32 (quadrupletti) ecc.. È importante osservare che gli
4 Si veda il paragrafo 12.3 per una introduzione generale su grandezze conservate e simme-
trie.
10.5. ISOSPIN 203

stati di uno stesso multipletto di spin isotopico hanno stesso spin e stessa parità;
infatti, poiché la forza nucleare forte dipende dai gradi di libertà spaziali e di
spin dei nucleoni, essa potrà essere la stessa tra di¤erenti nucleoni soltanto se
la parte spaziale e di spin della funzione d’onda è la stessa.

10.5.3 Isospin del pione e del sistema di due nucleoni


Abbiamo già detto in precedenza che il pione è una particella capace di inter-
azioni forti; ad esso, che ha tre diversi stati di carica, viene assegnato isospin
I = 1, cosicché
+
! jI; I3 i = j1; 1i
0
! jI; I3 i = j1; 0i
! jI; I3 i = j1; 1i

Diversamente dalla 10.12, questa volta abbiamo Q = I3 . Tuttavia, possiamo


scrivere un’unica relazione che leghi I3 con la carica Q, e che valga sia per i
nucleoni e i nuclei che per i pioni, se usiamo il cosiddetto numero barionico
B, che verrà introdotto nel paragrafo 12.8. Si tratta di un numero quantico
additivo che vale 1 per i nucleoni (e, quindi A per i nuclei) e 0 per i pioni. In
termini di B si ha
B
Q = I3 + (10.14)
2
Facciamo un esempio di applicazione del concetto di isospin: consideriamo il
sistema di due nucleoni. Gli stati di isospin possono essere scritti, in analogia
con le combinazioni di due oggetti di spin 1=2, come segue:

(1; 1) = ""= p (1) p (2)


1 1
(1; 0) = p ("# + #") = p (p (1) n (2) + n (1) p (2))
2 2
(1; 1) = ##= n (1) n (2)
1 1
(0; 0) = p ("# #") = p (p (1) n (2) n (1) p (2))
2 2
I primi tre stati, aventi I = 1, hanno funzione d’onda di isospin simmetrica per
scambio dei due nucleoni e costituiscono un tripletto di isospin. Il quarto stato,
avente I = 0, è un singoletto di isospin e la sua funzione d’onda è antisimmetrica.
Nell’approssimazione non relativistica, la funzione d’onda del sistema di due
nucleoni sarà data dal prodotto

(totale) = (spazio) (spin) (isospin)

Poichè, per le interazioni forti, neutrone e protone sono due fermioni identici,
generalizzando il principio di esclusione di Pauli, la funzione d’onda totale del sis-
tema di due nucleoni deve essere antisimmetrica. Questo signi…ca che il tripletto
simmetrico si accompagnerà ad un prodotto (spazio) (spin) antisimmetrico,
mentre il singoletto richiederà che il prodotto (spazio) (spin) sia simmetrico.
La simmetria di isospin delle interazioni forti implica che il tripletto di stati sia
degenere in quanto essa assume che la forza tra due nucleoni dipenda soltanto
da I e non da I3 . Naturalmente la stessa simmetria non richiede che la forza
204 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE

tra due nucleoni nello stato di singoletto con I = 0 sia la stessa di uno stato
I = 1. Anzi, poiché, come abbiamo visto, la forza nucleare dipende dallo spin,
ci aspettiamo una forza nello stato I = 0 diversa da quella dello stato I = 1 a
causa delle di¤erenti funzioni d’onda di spin.
Applicando questi concetti al deutone, il quale ha una (spazio) simmetrica
(96% l = 0; 4% l = 2) e una (spin) anch’essa simmetrica (S = 1), deduciamo

deutone ! antisimmetrica

e, quindi,
Ideutone = 0
L’aver attribuito un determinato isospin al pione e al deutone ci consente di
fare un esempio di come possa essere applicato ad un caso pratico il concetto di
conservazione dell’isospin da parte delle interazioni forti. Consideriamo, infatti,
le reazioni

p+p ! d+ +
1 ! 0+1

p+n ! d+ 0
0 o 1 ! 0+1

ove sono esplicitamente indicati i valori dell’isospin negli stati iniziale e …nale.
Si vede che in entrambi i casi l’isospin dello stato …nale è I = 1. Così, poiché
l’isospin deve conservarsi, la seconda reazione può avvenire soltanto nel 50%
degli stati iniziali. Ci aspettiamo, allora,
0
p+n!d+ 1
+)
=
(p + p ! d + 2

e questo è quanto si trova sperimentalmente.

10.6 Quesiti ed esercizi


10.6.1 Quesiti
1. Si stimi il valore minimo della profondità della buca di potenziale nucleone-
nucleone

2. Quanto vale l’energia di legame del deutone? Come si potrebbe misurare?

3. Si giusti…chi la presenza di una piccola percentuale di onda D nello stato


del deutone.

4. Si assuma per il deutone una semplice buca di potenziale sferica. Qual


è approssimativamente la sua profondità? Si delinei il procedimento per
calcolarla.

5. Perché non esiste un nucleo composto da due protoni o da due neutroni?


10.6. QUESITI ED ESERCIZI 205

6. Cosa si impara e perché dallo scattering di neutroni “freddi” su orto e


para idrogeno? Come viene scelta l’energia dei neutroni incidenti?

7. Si elenchino almeno quattro proprietà della forza nucleare forte e si fornisca


una breve giusti…cazione per ognuna di esse.
8. Si introduca il concetto di spin isotopico e si discuta la sua utilità, anche
con un esempio.

10.6.2 Esercizi
206 CHAPTER 10. LA FORZA NUCLEARE
Part III

Particelle

207
Chapter 11

Concetti introduttivi

11.1 Introduzione. Particelle e forze: il quadro


presente
Finora ci siamo occupati di …sica nucleare e, più precisamente, di struttura
nucleare. Abbiamo studiato la costituzione del nucleo e parlato della forza che
tiene uniti i nucleoni, una forza non osservabile nel mondo macroscopico e che
va ad aggiungersi alla forza gravitazionale e alle forze elettromagnetiche, che
erano già state studiate nei corsi di …sica generale.
In e¤etti, dopo la scoperta che i nuclei atomici sono costituiti da protoni
e neutroni, la composizione della materia poté essere capita in termini di un
piccolo numero di particelle cosidette ”elementari” (anche se tutte elementari
non sono, come vedremo): il protone, il neutrone, l’elettrone, il neutrino e il
fotone. Tuttavia, questo semplice quadro del mondo non sopravvisse a lungo; ci
furono subito precise indicazioni che la situazione fosse molto più complicata.
Intanto, già alcuni anni prima che il neutrone fosse scoperto, precisamente
nel 1928, P. A. M. Dirac pubblicando la sua teoria quantistica relativistica
dell’elettrone (P. A. Dirac, Proc. Roy. Soc. A117, 610 (1928)) poneva le basi
per la nascita del concetto di antiparticelle. Infatti, dalla teoria di Dirac dis-
cendeva l’ipotesi che accanto all’elettrone dovesse esistere un’altra particella ad
esso del tutto simile ma avente carica elettrica opposta, una sorta di immag-
ine in negativo dell’elettrone che fu successivamente chiamata antielettrone o
positrone. La conferma sperimentale dell’esistenza del positrone (C. D. Ander-
son, Phys. Rev. 43, 491 (1933)) si ebbe alcuni anni dopo la pubblicazione della
teoria di Dirac, precisamente nel 1933, quando C. D. Anderson, esponendo
una camera a nebbia ai raggi cosmici, scoprì una particella mai osservata in
precedenza che aveva la stessa massa dell’elettrone ma carica opposta.
Gli studi dei raggi cosmici rivelarono successivamente l’esistenza di nuove
particelle a vita media breve, chiamate barioni (quelle più pesanti) e mesoni
(quelle a massa intermedia), che non si inquadravano nel semplice schema prece-
dente. Inoltre, fu presto chiaro che il possedere una antiparticella non fosse una
prerogativa del solo elettrone ma dovesse essere una proprietà più generale e non
soltanto delle particelle cariche ma anche di particelle neutre, quale il neutrone.
La stessa interazione tra protoni e neutroni - la forza nucleare - non appariva,
come abbiamo avuto modo di constatare, semplice e fondamentale come la forza

209
210 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

elettromagnetica tra cariche elettriche o tra dipoli magnetici. Infatti, come ab-
biamo visto, essendo repulsiva a corto raggio di azione ed attrattiva a raggio
d’azione più lungo, la forza nucleare somiglia più alla forza chimica tra atomi.
Ora, noi sappiamo che la forza chimica tra atomi è realmente dovuta alle forze
elettriche tra i costituenti atomici e la sua complessità è una manifestazione
della struttura interna degli atomi. L’analogia con la forza chimica suggerisce,
così, che la forza nucleare sia anch’essa una manifestazione relativamente com-
plicata di forze più fondamentali che agiscono all’interno del nucleone (tra i suoi
costituenti) e sono connesse con la sua struttura interna.
Con l’avvento degli acceleratori di particelle, la nozione del nucleone come
particella elementare, già traballante sulla base delle precedenti considerazioni,
ricevette il colpo …nale con la scoperta di uno stato eccitato a breve vita me-
dia del protone e del neutrone, la cosiddetta risonanza . Inoltre, indicazioni
di struttura interna venivano dallo scattering elastico di elettroni su nucleoni.
Come nel caso dello scattering e-nucleo, anche per lo scattering e-nucleone la
distribuzione angolare degli elettroni di¤usi è direttamente connessa alla dis-
tribuzione spaziale della carica del bersaglio. Misure di questo tipo rivelarono
che i nucleoni hanno un raggio di carica di 0; 8 f m, una dimensione che è
molto simile a quella che si deriva studiando le collisioni pione- nucleone e da
modelli dettagliati degli spettri adronici (cioè di particelle a vita media breve
capaci di interazioni forti, che venivano man mano scoperte).
Il nucleone, dunque, non essendo elementare deve avere una sua struttura
interna.
Costruendo acceleratori di particelle sempre più perfezionati e di energia
sempre più elevata, cominciò e si sviluppò un’era di scoperte che fece conoscere
nuovi fenomeni che si manifestano quando i costituenti cosiddetti elementari
della materia, che elementari non sono, sono soggetti ad energie dell’ordine di
qualche centinaia di MeV o più. Centinaia di particelle ( e antiparticelle) sono
create e trasformate l’una nell’altra in una grande varietà di di¤erenti collisioni
e processi di decadimento.
Nonostante tutto questo, alla …ne è emerso un quadro relativamente sem-
plice. Le particelle cadono in tre distinte famiglie:

1. LEPTONI. Ne sono esempio l’elettrone e il neutrino incontrati nella …sica


nucleare. Oltre all’elettrone esistono altri due leptoni carichi e sono il
e il . Per quanto ne sappiamo oggi, i nuovi leptoni carichi sono
repliche più pesanti dell’elettrone e ciascuno ha il suo proprio neutrino.
Pertanto i leptoni sono in tutto sei e ad ognuno di essi è associato il
rispettivo antileptone. Tutti sono f ermioni di spin1=2. Esistono evidenze
sperimentali recenti dalle quali risulta che i neutrini hanno massa diversa
da zero seppure molto prossima a zero; nella tabella 11.1 sono indicati i
limiti sperimentali. Nel seguito assumeremo che la loro massa sia nulla.

2. QUARKS. Anch’essi sono fermioni di spin 1/2. Ne esistono sei diversi


e sono u (up), d (down), s (strange), c (charm), b (bottom o beauty),
t (top o truth);u ,c e t hanno carica elettrica pari a +2e=3 mentre d, s
e b hanno carica e=3 (si veda la tabella 11.1). Ad ognuno di essi è
associato il rispettivo antiquark. Quark e antiquark si combinano insieme
in vari aggregati, chiamati adroni, un nome di origine greca che indica
particelle capaci di interazioni forti. Gli adroni più familiari sono il protone
11.1. INTRODUZIONE. PARTICELLE E FORZE: IL QUADRO PRESENTE211

Leptoni Quark
P articella M assa Q=e P articella M assa Q=e
(M eV =c2 ) (GeV =c2 )
e < 2 10 6 0 u 1; 5 3 10 3 2=3
e 0; 511 1 d 3 7 10 3 1=3

< 0; 19 0 c 1; 25 0; 1 2=3
3
105; 66 1 s 95 25 10 1=3

< 18; 2 0 t 174; 2 3; 3 2=3


1777 1 b 4; 2 4; 7 1=3

Table 11.1: Leptoni e quark. Sono tutti fermioni di spin 1/2 e per ciascuno
di essi esiste la corrispondente antiparticella. I leptoni formano tre diverse
coppie costituite dal leptone carico e dal suo neutrino. Anche i quark si possono
associare in tre diverse coppie formate da un quark di carica 2/3 e da un quark
di carica -1/3

Elettrodebole
F orza Gravitazionale Debole Elettromagnetica F orte
Quanto(i) gravitone W ; Z0 gluone (8)
spin 2 1 1 1
massa 0 80 90GeV =c2 0 0

Table 11.2: Quanti di campo delle forze fondamentali. Per completezza abbi-
amo incluso anche la forza gravitazionale anche se non esiste ancora una teoria
quantistica della gravitazione. Nella …sica nucleare e subnucleare la forza grav-
itazionale, essendo di gran lunga più debole delle altre, non gioca praticamente
alcun ruolo.

e il neutrone. Questi hanno tutto uno spettro di stati eccitati, tutti a


spin semintero, dei quali la risonanza è lo stato ad energia più bassa.
Nucleoni e relativi stati eccitati costituiscono i barioni. In aggiunta ad
essi, c’è tutto un altro insieme di adroni a spin intero chiamati mesoni
(dei quali il pione è quello di massa minore).

3. QUANTI DI CAMPO. Di questi il fotone, il quanto delle interazioni elet-


tromagnetiche, è il più familiare. Anche le altre interazioni fondamen-
tali sono mediate da campi. I quanti del campo forte che lega i quarks
per formare adroni, sono chiamati gluoni. Quelli del campo debole (il
campo di forze, per intenderci, responsabile del decadimento beta) si chia-
mano W + ; W ; Z 0 . Questi sono particelle massive mentre fotoni e gluoni
hanno massa nulla. Tutti questi quanti di campo sono bosoni di spin 1,
cioè, i campi sono campi vettoriali (il quanto del campo gravitazionale, il
gravitone, non ha massa ed è un bosone di spin 2; non lo considereremo).

In de…nitiva i costituenti della materia, quarks e leptoni, sono fermioni di spin


1/2. Essi interagiscono per mezzo dello scambio di bosoni, che sono particelle
di spin intero. Le interazioni fondamentali sono di quattro tipi (in ordine di
212 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

intensità crescente): a) gravitazionale, b) debole, c) elettromagnetica, d) f orte.


Nel quadro, che abbiamo appena accennato, esistono molti aspetti non usu-
ali. Intanto i quark hanno carica elettrica frazionaria e, nonostante le numerose
ricerche, essi non sono mai stati osservati come particelle libere, risultando, così,
permanentemente con…nati negli adroni. Esistono sei diverse varietà di quark,
ognuna contraddistinta da un determinato sapore. Anche i leptoni esistono in
sei diverse varietà (tre leptoni carichi e tre neutri). L’universo, tuttavia, ap-
pare costituito soltanto da due tipi di quark (u; d) e da un leptone carico e
uno neutro (e; e ) e non abbiamo una spiegazione per l’esistenza di sei sapori.
Alla molteplicità di sapori di quark e leptoni si a¢ anca, sul lato delle forze,
l’esistenza dei quattro tipi di interazioni fondamentali, precedentemente elen-
cati. Qui abbiamo, però, fatto dei progressi. Infatti, sappiamo che due e, forse,
tutte le interazioni sono uni…cate; sono, cioè, di¤erenti aspetti di una singola
interazione. È così per l’interazione debole e quella elettromagnetica che sono
due aspetti della stessa interazione elettrodebole; esse hanno lo stesso accop-
piamento intrinseco dei costituenti fermionici ai rispettivi mediatori bosonici.
Confrontata con l’elettromagnetismo, il quale è mediato da un campo fotonico
privo di massa ed ha, quindi, un range in…nito, la relativa debolezza delle in-
terazioni deboli è dovuta alla loro natura a corto raggio. Esse sono mediate
dai bosoni massivi W + ; W ; Z 0 , le cui masse sono dell’ordine di 100 masse
protoniche. A energie e momenti trasferiti su¢ cientemente alti, ben sopra tale
scala di massa, le interazioni e. m. e deboli dovrebbero avere la stessa intensità.
Perché la simmetria di alta energia sia, poi, rotta a basse energie e i rispet-
tivi bosoni abbiano tali di¤erenti masse, è un problema non ancora risolto. Il
punto importante, tuttavia, è che le intensità delle diverse interazioni non sono
…ssate una volta per tutte ma dipendono dalla scala di energia. Ad alte en-
ergie l’interazione forte sembra crescere più debolmente e le interazioni forte ed
elettrodebole potrebbero anche uni…carsi alla colossale energia di 1015 GeV.
Lo studio della …sica delle particelle è intimamente connesso con lo studio
dell’evoluzione dell’universo. Si pensa che l’universo abbia avuto origine da un
"big bang" con conseguente espansione di una bolla di energia dalla quale tutti
i tipi di particelle - quarks, leptoni e quanti - furono creati. Oggi rimangono i
resti espansi e freddi di tale evento originale. Così la nostra esplorazione verso
energie più alte è anche un’occhiata indietro nel tempo verso i primissimi stadi
della creazione, che determinarono le caratteristiche dell’universo così come oggi
lo osserviamo.
Lo studio della …sica delle particelle è, però, complicato. Richiede degli
strumenti teorici che vanno al di là di questo corso. Nel seguito, perciò, cercher-
emo di formarci un quadro della …sica subnucleare limitandoci agli aspetti più
semplici ed essenziali e con una presentazione essenzialmente "discorsiva".

11.2 Particelle e antiparticelle


11.2.1 Cenni alle equazioni d’onda relativistiche. Stati ad
energia negativa.
In meccanica quantistica lo stato di una particella libera di impulso p ed energia
E è descritto dall’onda piana
(x; t) = N ei(p x Et)=~
(11.1)
11.2. PARTICELLE E ANTIPARTICELLE 213

soluzione dell’equazione di Schroedinger


@ (x; t) ~2 2
i~ = r (x; t)
@t 2m
che si ottiene operando la sostituzione
@
E ! i~ p! i~r
@t
nella relazione classica
p2
E=
2m
Per ottenere una equazione delle onde relativistica possiamo sostituire gli stessi
operatori E e p nella relazione relativistica
E 2 = c2 p2 + c4 m2
L’equazione che si ottiene
@ 2 (x; t)
~2 = ~2 c2 r2 (x; t) + c4 m2 (x; t)
@t2
detta equazione di Klein-Gordon, ammette ancora una soluzione di onda piana
analoga a 11.1, dove questa volta
p
E= c2 p2 + c4 m2
L’equazione di K-G ammette, perciò, oltre alla soluzione con energia positiva
jEj anche quella con energia negativa jEj. Per altro, l’equazione di K-G
oltre a densità di probabilità giustamente positive comporta densità di proba-
bilità negative, che non hanno alcun signi…cato. La ragione per queste densità
di probabilità negative sta nel fatto che l’equazione di K-G contiene termini
in @ 2 =@t2 . Per eliminare questo problema Dirac sviluppò una equazione delle
onde relativistica che fosse lineare in @=@t e relativisticamente covariante; tale
equazione, pertanto, doveva essere lineare anche nelle derivate rispetto alle coor-
dinate spaziali. L’equazione di Dirac per la particella libera ammette soluzioni
di onda piana del tipo
(x; t) = u (p) ei(p x Et)=~

ove u (p) è una matrice colonna di quattro elementi (spinore di Dirac). Svilup-
pando la teoria di Dirac per trattare l’interazione di una particella di carica
elettrica q con un campo elettromagnetico, si vede che la particella descritta
dall’equazione di Dirac ha spin 1=2 e momento di dipolo magnetico intrinseco
q~
=
2m
e, quindi, un rapporto giromagnetico g = 2. L’equazione di Dirac, pertanto,
descrive bene l’elettrone. Tuttavia, mentre supera il problema delle densità
di probabilità negative, anch’essa presenta soluzioni con energia negativa. Per
esempio, nel caso della particella libera, due delle quattro componenti di (x; t)
corrispondono al valore positivo dell’energia
p
E=+ c2 p2 + c4 m2
214 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

e due al valore negativo


p
E= c2 p2 + c4 m2

La molteplicità 2 degli stati sia con energia positiva che negativa è dovuta al
fatto che il fermione di Dirac può esistere in uno stato con spin nella direzione
di p ed un altro con spin nella direzione opposta a p. I due stati possono essere
distinti per mezzo degli autovalori di una osservabile , detta elicità, che assume
il valore = +1 nel caso di spin "parallelo" a p ed il valore = 1 nel caso
opposto.

11.2.2 Interpretazione degli stati ad energia negativa: an-


tiparticelle
L’esistenza di soluzioni ad energia negativa, sia nel caso dell’equazione di K-G
che in quella di Dirac, ha origine nella relazione relativistica E 2 = c2 p2 + c4 m2 ,
che nasce quadratica e, quindi, fornisce inevitabilmente valori negativi di E
quando si estrae la radice. La presenza di stati ad energia negativa indusse
Dirac ad avanzare l’interpretazione di tali stati che condusse alla nascita del
concetto di antiparticella.
Per una particella libera di Dirac, i livelli ad energia positiva e negativa si
dispongono simmetricamente attorno a zero, con il livello ad energia positiva
più bassa corrispondente ad E = mc2 e quello ad energia negativa più alta
corrispondente ad E = mc2 . La presenza di stati ad energia negativa vuoti
dovrebbe comportare la transizione di tutte le particelle ad energia positiva in
stati ad energia negativa sempre più bassa. Per evitare tale ”catastrofe”, Dirac
postulò che lo stato di vuoto, cioè lo stato nel quale non è presente alcuna
particella ad energia positiva, corrisponda a tutti gli in…niti stati ad energia
negativa occupati. Il principio di esclusione di Pauli impedisce la transizione
verso stati ad energia negativa di qualunque particella ad energia positiva. In
questo modo allo stato di vuoto corrisponde una carica in…nita ed una energia
in…nita. Tuttavia questo non crea alcun problema in quanto i fenomeni osserv-
abili corrispondono soltanto a ‡uttuazioni …nite di carica e di energia rispetto
allo stato di vuoto. Se forniamo una energia su¢ ciente (> 2mc2 ) al ”vuoto”,
una particella può transire da uno stato ad energia negativa ad uno ad energia
positiva; in questo caso diventano osservabili sia la particella ad energia posi-
tiva che la lacuna che si è venuta a creare nel mare di stati ad energia negativa.
Supponiamo, infatti, che le particelle in questione siano elettroni, il passaggio
di un elettrone da uno stato ad energia negativa jEi j ad uno stato ad energia
positiva + jEf j comporta:

1. la diminuzione dell’energia del ”mare” di ( jEi j), cioè un aumento


dell’energia positiva di jEi j,
2. la diminuzione della carica del ”mare”di ( jej), cioè un aumento della
carica di + jej.

L’assenza di un elettrone ad energia negativa (la lacuna) ha, dunque, le carat-


teristiche della presenza di una particella di carica opposta a quella dell’elettrone
ed energia positiva. Dirac pensò inizialmente che questa particella potesse
essere identi…cata nel protone, però R. Oppenheimer e altri mostrarono che
11.2. PARTICELLE E ANTIPARTICELLE 215

Figure 11.1: Un elettrone ad energia negativa che si propaghi all’indietro nel


tempo è visto come un positrone ad energia positiva che si propaga avanti nel
tempo.

tale particella doveva avere la stessa massa dell’elettrone, doveva essere, cioè,
una ”immagine” con carica positiva dell’elettrone: il positrone. Il positrone
è l’antiparticella dell’elettrone, l’antielettrone. Il processo illustrato consiste,
dunque, nella produzione di una coppia particella-antiparticella. Una ”lacuna”
può essere riempita da un elettrone che transisca da uno stato ad energia
positiva + jEi j allo stato di lacuna ad energia negativa jEf j. Questo è il
processo dell’annichilazione particella-antiparticella: particella ed antiparticella
spariscono e la loro energia, jEi j + jEf j, viene emessa, per esempio, sotto forma
di fotoni. La predizione dell’esistenza delle antiparticelle è uno dei risultati
più rilevanti della …sica teorica del ventesimo secolo. La conferma sperimentale
dell’esistenza del positrone (C. D. Anderson, Phys. Rev. 43, 491 (1933)) si
ebbe alcuni anni dopo la pubblicazione della teoria di Dirac (P. A. Dirac, Proc.
Roy. Soc. A117, 610 (1928)).
L’interpretazione di Dirac degli stati ad energia negativa va bene, però, per
i fermioni, per i quali è valido il principio di Pauli, ma non per i bosoni. Essa,
quindi, non può essere estesa all’interpretazione degli stati ad energia negativa
dell’equazione di K-G, che è adatta a descrivere un bosone di spin 0.
Esiste una interpretazione più moderna degli stati ad energia negativa dovuta
a Feynman, che ha il pregio di poter essere usata sia per i fermioni che per i
bosoni e non ha alcun bisogno di introdurre un concetto di vuoto come un
mare di stati ad energia negativa tutti occupati. Tale interpretazione è utile
per costruire una meccanica quantistica relativistica, in analogia a quella non
relativistica, che consenta una comprensione a livello elementare della …sica
delle particelle senza bisogno di ricorrere al formalismo più avanzato della teoria
quantistica dei campi. La prescrizione fondamentale è la seguente: una soluzione
ad energia negativa descrive una particella che si propaga indietro nel tempo o,
equivalentemente, un’antiparticella ad energia positiva che si propaga avanti nel
tempo.
Consideriamo, per esempio, il seguente processo: un elettrone ad energia
negativa è creato nel punto A dello spazio e si muove a ritroso nel tempo …no
al punto B nel quale viene distrutto (…g. 11.1).
Un osservatore che, per natura viaggia avanti nel tempo, legge il processo
nel modo seguente:

1. t < tB ! nulla accade;


216 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

2. t = tB ! viene distrutta una carica jej ed una energia jEj; rispetto al


passato, l’energia del mondo cresce di + jEj e la carica aumenta di + jej:
è nato un positrone!

3. tB < t < tA ! il positrone viaggia verso A (avanti nel tempo);

4. t = tA ! viene creata una carica jej ed una energia jEj; rispetto al


passato, l’energia del mondo diminuisce di + jEj e la carica diminuisce di
+ jej: il positrone è distrutto!

L’assunto di Feynman è, dunque, plausibile. Non lo approfondiamo ulteri-


ormente in quanto dell’interpretaione di Feynman si parlerà in un corso succes-
sivo. Al momento quello che interessa è sapere che ad ogni particella, anche
non elementare, è associata la rispettiva antiparticella, con proprietà del tutto
analoghe, che ha lo stesso spin, la stessa massa ma carica elettrica opposta. Op-
poste sono anche altre "cariche" che incontreremo in seguito, quali, per esempio,
il numero barionico, il numero leptonico e la stranezza. Anche nel caso di parti-
celle neutre, particella ed antiparticella sono in generale distinte e sono proprio
queste "cariche" ulteriori a distinguerle. Tuttavia in qualche caso particella ed
antiparticella sono la stessa entità1 . Di tutto questo ci renderemo conto meglio
nel seguito.

11.3 Interazioni elettromagnetiche e gra…ci di


Feynman
11.3.1 Interazione a distanza tra due particelle.
Sappiamo che, classicamente, l’interazione a distanza è descritta in termini
di un potenziale o campo dovuto ad una delle particelle ed agente sull’altra.
Così, per esempio, l’interazione elettromagnetica a distanza tra due particelle
cariche, quali due elettroni, è descritta dall’elettromagnetismo classico per mezzo
dell’azione esercitata su ciascuna di esse dal campo elettromagnetico generato
dall’altra. Nella teoria quantistica dei campi l’interazione a distanza è vista in
termini dello scambio di speci…ci quanti di campo, associati con il particolare
tipo di interazione. Tali quanti di campo sono visti a tutti gli e¤etti come par-
ticelle e, come tali, caratterizzati con un determinato insieme di proprietà, tra
le quali anche una massa, che può essere nulla in taluni casi e diversa da zero in
altri. In particolare i quanti di campo hanno spin intero e pertanto sono bosoni.
Nel caso delle interazioni elettromagnetiche il quanto che media l’interazione è
il fotone. Il processo di base per l’interazione a distanza, per esempio tra un
elettrone e un muone, è il seguente (…gura 11.2): l’elettrone emette un fotone
nel punto A e all’istante tA e subisce un certo rinculo a causa di tale emis-
sione; il muone assorbe il fotone nel punto B all’istante tB e con esso l’impulso
trasportato dal fotone. Il risultato netto di questi due processi elementari di
emissione e assorbimento si manifesta come una forza repulsiva a distanza tra
le due particelle e, quindi, con uno scambio di momento a distanza tra loro.
Chiaramente i ruoli dell’elettrone e del muone possono essere invertiti; cioè, può
essere il muone ad emettere il fotone e l’elettrone ad assorbirlo. Il risultato,
1 Un esempio è il pione neutro.
11.3. INTERAZIONI ELETTROMAGNETICHE E GRAFICI DI FEYNMAN217

Figure 11.2: Scambio di un fotone nello scattering elettrone-muone.

però, e del tutto equivalente al caso precedente. Si osservi che il fotone emesso
ed assorbito non è, però, un "normale" fotone, cioè un fotone osservabile, in
quanto nel processo elementare che avviene nel punto A non è possibile conser-
vare oltre all’impulso anche l’energia. Per convincersene immediatamente basta
considerare il processo nel sistema di riposo dell’elettrone iniziale; si vede, così,
che l’emissione da parte dell’elettrone di un fotone di energia k implica una vi-
olazione della conservazione dell’energia per una quantità E & k. Il principio
di conservazione dell’energia non è tuttavia in…ciato dal "veri…carsi" di questo
processo purché il fotone "viva" un tempo t limitato dal principio di inde-
terminazione, cioè un tempo t tale che E t . ~. In questo caso, infatti,
la violazione di energia (e, quindi, il fotone) non è osservabile. Un fotone di
questo tipo si dice virtuale. La violazione dell’energia in A è esattamente com-
pensata da quella in B che è uguale ed opposta, cosicché l’impulso e l’energia
sono ambedue regolarmente conservati nel processo …sicamente osservabile che,
nel nostro esempio, è la di¤usione elastica elettrone-muone.
Su scala macroscopica la descrizione dell’interazione a distanza in termini di
campo o di scambio di quanti virtuali risultano essere equivalenti. D’altra parte,
il concetto quantistico di emissione ed assorbimento di quanti virtuali non è né
più né meno arti…cioso del concetto classico del campo che circonda la sorgente:
solo la forza è una quantità misurata, né il campo né i quanti virtuali sono di-
rettamente osservabili. Tuttavia, poiché si osserva che, per esempio, il campo
elettromagnetico che si propaga é quantizzato in forma di fotoni liberi, la de-
scrizione quantistica dello scambio di fotoni è più appropriata per la descrizione
dell’interazione tra cariche elettriche su scala microscopica.

11.3.2 Gra…ci di Feynman


La …gura 11.2 non esaurisce assolutamente la descrizione dei possibili scambi
di momento a distanza tra muone ed elettrone. Per esempio, lo scattering può
avvenire anche attraverso lo scambio di più fotoni, come è mostrato in …gura
11.3, nella quale le particelle si scambiano due fotoni
Le …gure 11.2 e 11.3 non sono semplicemente una rappresentazione pittorica
del processo di scattering ma costituiscono un esempio dei cosiddetti gra…ci di
218 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

Figure 11.3: Scambio di due fotoni nello scattering elettrone-muone.

Feynman, che hanno una importanza centrale nell’analisi dell’interazione tra


particelle elementari. Un gra…co di Feynman è un diagramma bidimension-
ale tracciato in un piano, nel quale un asse descrive l’evoluzione temporale del
processo (l’asse delle ascisse) e l’altro l’evoluzione spaziale (l’asse delle ordinate).
Usualmente quest’ultimo è diretto dal basso in alto mentre il primo da sinistra a
destra. Un gra…co di Feynman si compone di vertici e linee; a loro volta le linee
possono entrare (linee entranti ) o uscire (linee uscenti ) da un solo vertice o con-
nettere due vertici. Le particelle reali entranti o uscenti sono rappresentate da
linee entranti o uscenti; le particelle virtuali sono rappresentate dalle linee che
congiungono due vertici. Coerentemente con l’interpretazione di Feynman degli
stati ad energia negativa delle equazione d’onda relativistiche, le antiparticelle
sono rappresentate come particelle ad energia negativa che si muovono a ritroso
nel tempo ovvero, più semplicemente, come particelle che abbiano quadrim-
pulso opposto a quello della antiparticella "…sica" (cioè, con energia maggiore
di zero) corrispondente. Così, per esempio, un positrone di momento p ed en-
ergia E entrante in un vertice è rappresentato da un elettrone di momento p
ed energia E uscente dallo stesso vertice. Questo è illustrato nella …gura 11.4
che rappresenta un gra…co di Feynman per l’annichilazione di un elettrone e
+
un positrone in una coppia muone-antimuone ( ). Le particelle entranti ed
uscenti da un vertice sono sempre tali da conservare la carica elettrica o altri
numeri quantici, che incontreremo nel seguito, sempre conservati o conservati
dal tipo interazione alla quale il gra…co si riferisce; inoltre si assume che a ogni
vertice si conservino il momento e il momento angolare. Un gra…co di Feynman
rappresenta un termine dello sviluppo perturbativo dell’ampiezza di transizione
Mf i (relativisticamente appropriata) dallo stato iniziale allo stato …nale del
processo considerato. Dato il gra…co, quest’ultima si scrive applicando delle re-
gole (regole di Feynman) per mezzo delle quali si associa ad ogni elemento del
gra…co un fattore dell’ampiezza di transizione. Alle linee entranti ed uscenti si
associano dei fattori legati allo stato delle particelle entranti e uscenti. Ad una
linea di particella virtuale - che congiunge due vertici - si associa un fattore detto
propagatore. A ciascun vertice è associato un fattore di vertice che caratterizza
l’intensità del tipo di interazione responsabile del processo. Quando uno stesso
processo viene descritto con più di un gra…co, l’ampiezza di transizione è data
dalla somma dei diversi contributi. Una volta scritta Mf i si potrà calcolare la
11.3. INTERAZIONI ELETTROMAGNETICHE E GRAFICI DI FEYNMAN219

Figure 11.4: Annichilazione e+ e ! + . Il positrone entrante è rappre-


sentato con una linea di elettrone uscente (che si muove a ritroso nel tempo).
Analogamente l’antimuone uscente è rappresentato con una linea di muone en-
trante (che si muove a ritroso nel tempo).

Figure 11.5: Vertice fondamentale dell’interazione elettromagnetica di elettroni


(e positroni).

sezione d’urto, determinata essenzialmente dal modulo quadro dell’ampiezza di


transizione e da un fattore di spazio delle fasi.

11.3.3 Interazioni elettromagnetiche


Consideriamo come esempio l’interazione elettromagnetica degli elettroni (e dei
positroni). Esiste un solo vertice fondamentale ed è quello indicato nella …gura
11.5. Secondo quali delle linee indicate siano entranti e quali uscenti, il vertice
descrive diversi possibili processi elementari, alcuni dei quali sono indicati in
…gura 11.6: a) l’elettrone assorbe il fotone, b) l’elettrone emette il fotone, c)
il positrone assorbe il fotone, d) il fotone crea una coppia e e+ . Nessuno di
questi gra…ci elementari può rappresentare da solo un processo reale, poiché
non è possibile conservare insieme al momento anche l’energia. Un gra…co di
Feynman che descriva un processo elettromagnetico di elettroni e positroni deve,
pertanto, avere almeno due vertici e, perciò, tale gra…co rappresenta l’ampiezza
di transizione del processo reale al quale si riferisce all’ordine più basso dello
sviluppo perturbativo. Il fattore di vertice è proporzionale alla radice quadrata
della costante di struttura …ne , che costituisce la costante di accoppiamento
delle interazioni elettromagnetiche. Poiché = e2 = (4 0 ~c), il fattore di vertice
è, in ultima analisi, proporzionale al modulo della carica elettrica. Questo è vero
220 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

Figure 11.6: Alcuni processi elementari dell’interazione elettromagnetica degli


elettroni e dei positroni: a) l’elettrone assorbe il fotone, b) l’elettrone emette il
fotone, d) il positrone assorbe il fotone, e) il fotone crea una coppia e e+ . Tutti
sono rappresentati dallo stesso verice fondamentale della …gura 11.5.

Figure 11.7: Vertice fondamentale dell’interazione elettromagnetica dei muoni.

per le interazioni elettromagnetiche di tutti i fermioni elementari (puntiformi)


carichi. Come abbiamo già visto tali fermioni sono i leptoni, di cui l’elettrone
ed il muone sono due esempi, e i quark.
Così, per esempio, analogamente a quanto rappresentato in …gura 11.5, esiste
il vertice fondamentale per il muone (…gura 11.7), dal quale derivano processi
elementari del tutto analoghi a quelli della …gura 11.6.
Un processo reale che coinvolga elettroni e muoni sarà costruito combinando
almeno due vertici, uno per l’elettrone e l’altro per il muone. E’ il caso del
gra…co relativo alla di¤usione elastica elettrone-muone in …gura 11.2, al quale
corrisponde un’ampiezza di transizione proporzionale ad .
E’opportuno sottolineare ancora una volta che questo si applica all’elettrodinamica
dei fermioni fondamentali. Per esempio, se consideriamo il gra…co in …gura
11.8, che rappresenta il contributo dello scambio di un fotone alla di¤usione
elettrone-protone, non possiamo considerare il vertice del protone allo stesso
modo di quello dell’elettrone. La struttura interna del protone fa si che il suo
accoppiamento al campo elettromagnetico sia molto più complicato; esso può
11.3. INTERAZIONI ELETTROMAGNETICHE E GRAFICI DI FEYNMAN221

Figure 11.8: Di¤usione elettrone-protone.

essere scritto introducendo degli opportuni fattori dipforma, determinabili speri-


mentalmente. Tale accoppiamento si può ridurre a soltanto nel limite in cui
il protone può essere considerato come una carica puntiforme, ossia per piccoli
impulsi trasferiti (grandi parametri d’urto).
Il numero di vertici presenti in un gra…co determina l’ordine del gra…co
stesso. Così, per esempio, il gra…co dello scambio di un fotone è un gra…co
di ordine 2 ; più in generale un gra…co con n vertici è un gra…co di ordine n.
La probabilità che il processo descritto dal gra…co si veri…chi (proporzionale al
modulo quadro dell’ampiezza di transizione) risulterà proporzionale a n , nel
caso delle interazioni elettromagnetiche. Poiché ' 1=137 si comprende che
tanto maggiore è l’ordine del gra…co tanto minore è il suo contributo al processo
considerato. Nell’esempio precedente dello scattering elettrone-muone il gra…co
dello scambio di un fotone dà un contributo alla sezione d’urto proporzionale a
2
, mentre quello dello scambio di due fotoni dà un contributo proporzionale
a 4 e, più in generale, lo scambio di n fotoni dà un contributo proporzionale
a 2n . É quindi evidente che gli scambi di due o più fotoni possono essere,
in generale, trascurati rispetto allo scambio di un fotone, rappresentando una
piccola correzione all’ampiezza di scattering determinata dal primo.

11.3.4 La "costante" che "corre"


Abbiamo visto che possiamo descrivere l’interazione elettromagnetica tra due
cariche puntiformi, per esempio due elettroni, per mezzo di un meccanismo di
scambio di fotoni, i quanti del campo elettromagnetico. Un elettrone emette
un fotone virtuale, l’altro elettrone lo assorbe ed in questo modo si realizza
tra i due uno scambio di momento a distanza. Chiaramente l’emissione del
fotone da parte del primo elettrone non può avvenire soltanto quando esso ”si
accorge”della presenza dell’altro, perché proprio l’accorgersi l’uno della presenza
dell’altro non può che avvenire tramite uno scambio di fotoni. La descrizione
dell’interazione deve, quindi, essere intesa nei termini seguenti: un elettrone
emette e riassorbe continuamente fotoni virtuali (…gura 11.9) indipendentemente
dalla presenza o meno di un’altra carica; quando è presente un secondo elettrone,
222 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

Figure 11.9: Un elettrone emette e riassorbe un fotone.

Figure 11.10: Scambio di un fotone.

capiterà che questo assorba talvolta uno dei fotoni emesso dal primo, prima
che questi lo riassorba, realizzadosi così il processo di scambio di un fotone,
descritto dall’usuale gra…co di Feynman della …gura 11.10.Può anche accadere,
per esempio, che il fotone virtuale emesso dall’elettrone crei una coppia virtuale
e+ e 2 , la quale successivamente annichili, producendo ancora un fotone che
viene riassorbito dall’elettrone (…gura 11.11).Processi virtuali di questo tipo, per
mezzo dei quali una particella dà luogo ad uno stato a più particelle si chiamano
‡uttuazioni quantistiche. In presenza di un secondo elettrone può accadere che il
fotone di annichilazione della coppia virtuale e+ e venga assorbito dal secondo
2 O, in generale, una coppia fermione-antifermione carichi.

Figure 11.11: Il fotone virtuale emesso dall’elettrone crea una coppia virtuale
e+ e , la quale successivamente annichila producendo ancora un fotone che viene
riassorbito dall’elettrone.
11.3. INTERAZIONI ELETTROMAGNETICHE E GRAFICI DI FEYNMAN223

Figure 11.12: Un gra…co di ordine superiore per lo scattering elettrone-elettrone.

Figure 11.13: Il meccanismo di continua emissione ed assorbimento non soltanto


di fotoni ma anche di coppie e+ e fa sì che l’elettrone sia circondato da una
nuvola di coppie e+ e virtuali.

elettrone, prima che possa essere riassorbito dall’elettrone originario. Questa


volta il processo di scambio tra i due elettroni è un pò più complicato; il gra…co
di Feynman che lo descrive (…gura 11.12) non è più un gra…co all’ordine più
basso e contiene quattro vertici.
Il meccanismo di continua emissione ed assorbimento non soltanto di fotoni
ma anche di coppie e+ e fa sì che l’elettrone sia circondato da una nuvola di cop-
pie e+ e virtuali (…gura 11.13), che sono causa di e¤etti, detti di polarizzazione
del vuoto, che seppure piccoli sono misurabili.Il nome polarizzazione del vuoto
deriva dall’analogia con la polarizzazione di un dielettrico nel quale sia posta
una carica elettrica. Infatti, l’attrazione esercitata dall’elettrone sui positroni
delle coppie virtuali fa sì che essi tendano ad essere più vicini all’elettrone degli
elettroni delle rispettive coppie (…g. 11.14). Questo si traduce in un e¤etto di
schermo della carica dell’elettrone da parte della nuvola di coppie virtuali. Se
immaginiamo di voler misurare la carica dell’elettrone per mezzo dello scatter-
ing con una carica di prova, il risultato dipenderà da quanto la carica di prova
riuscirà a penetrare la nuvola di coppie virtuali: più vicino riuscirà ad arrivare
all’elettrone in esame maggiore sarà la carica e¢ cace che sentirà. In altri termini
per momenti trasferiti grandi la carica di prova ”vedrà”un elettrone poco scher-
mato mentre per piccoli momenti trasferiti ”vedrà”un elettrone più schermato;
cioè, la carica di prova sperimenta una carica dell’elettrone crescente al crescere
224 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

Figure 11.14: L’attrazione esercitata sui positroni delle coppie virtuali fa sì


che essi tendano ad essere più vicini all’elettrone degli elettroni delle rispettive
coppie.

Figure 11.15: La carica di prova sperimenta una carica dell’elettrone crescente


al crescere del momento trasferito.

del momento trasferito (…g. 11.15). In elettrodinamica quantistica (QED) la


variazione della carica è calcolabile considerando tutte le possibili con…gurazioni
della nuvola di carica dell’elettrone. Questo fa sì che la "costante" non sia
realmente costante ma dipenda dal (quadri)momento trasferito nel processo.
Più esattamente è una funzione di Q2 = q 2 , ove q 2 è il quadrato del quadri-
momento trasferito. L’usuale valore di 1=137 ( 1 = 137; 03599968) è quello
relativo a processi nei quali il (quadri)momento trasferito è molto piccolo (al
limite zero). Al crescere del (quadri)momento trasferito aumenta seppure
p
lentamente; essa, infatti, aumenta p di 6% quando si passi da processi a Q2
praticamente nullo a processi con Q2 pari a 90GeV =c. A causa della sua
dipendenza da q, si dice che è una "costante che corre".3

3 Il fatto che la costante di accoppiamento delle interazioni elettromagnetiche sia una

"costante che corre", ossia dipendente da q, non è una sua peculiarità ma è una caratteristica
che riguarda anche le costanti di accoppiamento delle interazioni deboli e delle interazioni
forti, di cui parleremo in seguito.
11.4. INTERAZIONI DEBOLI 225

11.4 Interazioni deboli


11.4.1 Forze a corto raggio: scambi di particelle.
Si osservi che, se la forza è descritta dallo scambio di un quanto di massa non
nulla, il range della forza non può essere in…nito; anzi, sarà tanto più corto
quanto maggiore è la massa del quanto. Infatti, supponiamo che il quanto scam-
biato abbia massa m, il principio di indeterminazione restringe la sua esistenza
ad un tempo t tale che
~
t.
mc2
e, ammesso che il quanto si muova alla massima velocità possibile (c)

~
R c t. (11.2)
mc
Cioè, il raggio di azione della forza è determinato dalla lunghezza d’onda Comp-
~
ton del quanto ( mc ).
Si può rendere questa a¤ermazione più quantitativa assumendo che l’equazione
d’onda appropriata per il quanto scambiato sia l’equazione di Klein-Gordon

@ 2 (x; t)
~2 = ~2 c2 r2 (x; t) + c4 m2 (x; t) (11.3)
@t2
Questo richiede che si trascuri lo spin del quanto considerandolo come un bosone
di spin zero. Limitandosi a considerare solo la soluzione statica questa equazione
si riduce a
c2 m2
r2 (x) = (x) (11.4)
~2
Per m = 0 essa è la stessa equazione a cui obbedisce il potenziale elettrostatico
e, nel caso del potenziale generato da una carica +e posta nell’origine e agente
su una carica e posta a distanza r, ha come soluzione

e2 1
Ve (r) = (11.5)
4 0r

Per m 6= 0 la corrispondente soluzione è

g 2 e r=R
VY (r) = (11.6)
4 r
con
~
R=
mc
e con g che assume lo stesso ruolo di e per l’interazione elettrostatica tra due
cariche elettriche. Il potenziale 11.6 prende il nome di potenziale di Yukawa, dal
nome del …sico giapponese H. Yukawa che per primo, negli anni ’30, propose di
interpretare le forze a corto raggio per mezzo di un campo quantizzato analogo
al campo elettromagnetico ma il cui quanto fosse, contrariamente al fotone,
dotato di massa. Naturalmente per m ! 0 tale potenziale si riduce al potenziale
elettrostatico.
226 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

Il potenziale elettrostatico 11.5 può anche essere espresso in termini della


costante di struttura …ne (adimensionale)

e2
=
4 0 ~c

Si ha
~c
Ve (r) = (11.7)
r
In modo analogo possiamo introdurre una costante adimensionale Y per il
potenziale di Yukawa
g2
Y = (11.8)
4 ~c
e scrivere il potenziale di Yukawa come
r=R
e
VY (r) = Y ~c (11.9)
r
All’ordine più basso dello sviluppo perturbativo, l’ampiezza di di¤usione dal
potenziale V (r) di una particella è (vedi 2.29) proporzionale a
Z
M (q) = eiq r V (r) d3 r

ove ~q = pi pf è l’impulso trasferito. Sostituendo il potenziale di Yukawa e


integrando si trova
g2
M (q) = 2 (11.10)
q 2 + mc~
Nel caso in cui m sia particolarmente grande, il range è molto piccolo e, se
risulta molto più piccolo delle lunghezze d’onda di De Broglie delle particelle
coinvolte nello scattering, l’interazione è essenzialmente a zero range ovvero è
2
una interazione di contatto. In questo caso si può trascurare q 2 rispetto a mc
~
per cui l’ampiezza di scattering diventa costante

M (q) = G

dove la costante
2
g~
G= (11.11)
mc
ha le dimensioni di una energia per un volume. In altre parole l’interazione,
invece di essere caratterizzata da g ed m separatamente, è caratterizzata da una
sola costante dimensionata.

11.4.2 Interazioni deboli e uni…cazione elettrodebole


La forza debole è, come abbiamo già detto in precedenza, una forza a corto
raggio d’azione, tant’è vero che, in molti casi, caratteristiche salienti del decadi-
mento beta sono ben riprodotte dalla semplice teoria di Fermi, che assume che
l’interazione sia di contatto ("range" zero). Nel modello standard delle inter-
azioni fondamentali, la forza debole è mediata dallo scambio di bosoni di spin 1
con massa dell’ordine di 100 GeV : due carichi, W + e W , ed uno neutro, Z 0 .
11.4. INTERAZIONI DEBOLI 227

Figure 11.16: a) il fermionne uscente di¤erisce da quello entrante di una unità


di carica elettrica (corrente carica); b) il fermione uscente ha la stessa carica
elettrica di quello entrante (corrente neutra).

Figure 11.17: Di¤usione +e ! + e . Il gra…co comprende i due


processi: a) il emette un W + e si trasforma in mentre l’elettrone assorbe
il W + e si trasforma in e ; b) e emette un W e si trasforma in e mentre
assorbe il W e si trasforma in .

I fermioni fondamentali interagiscono tra loro per mezzo dello scambio di tali
bosoni in modo analogo a quanto fanno, quelli tra loro dotati di carica elettrica,
scambiandosi fotoni nell’interazione elettromagnetica. Poichè il bosone scambi-
ato può essere o carico o neutro, i vertici fondamentali sono essenzialmente di
due tipi e sono rappresentati in …gura 11.16: a) il fermione uscente di¤erisce
da quello entrante di una unità di carica elettrica (si parla di interazione di
corrente carica); b) il fermione uscente ha la stessa carica elettrica di quello
entrante (si parla di interazione di corrente neutra). Vedremo in seguito che
il fermione entrante ed il fermione uscente o sono ambedue leptoni o ambedue
quark (conservazione del numero leptonico e del numero barionico; si veda capi-
tolo 12); vedremo anche che, nel caso delle interazioni deboli di corrente neutra,
fi e fu non soltanto debbono avere la stessa carica elettrica ma devono avere lo
stesso sapore. Consideriamo, invece, uno speci…co processo di corrente carica:
la di¤usione
+e ! + e
All’ordine più basso dello sviluppo perturbativo, tale processo è rappresentato
dal gra…co di Feynman in …gura 11.17
A ciascuno dei due vertici è associato un fattore di vertice che è essenzial-
228 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

p
mente w , ove w è, come illustrato dalla 11.8, la costante di accoppiamento
debole adimensionale analoga alla costante di struttura …ne delle interazioni
elettromagnetiche. Nel limite in cui le interazioni deboli possono essere trat-
tate come interazioni di contatto, per quanto detto nel paragrafo precedente,
l’ampiezza di transizione si riduce ad una costante che, per la 11.11, possiamo
scrivere come
2
gw ~
GF =
mc
ovvero, tenendo conto della 11.8, come
3
4 w (~c)
GF = 2 4
(11.12)
m c
ove m è la massa del bosone intermedio. GF non è altro che la costante di Fermi
il cui valore è (7.16)
8
GF = 8; 962 10 GeV f m3

Inserendo questo valore nella 11.12 e ponendo m 100 GeV =c2 , possiamo fare
una stima di w . Troviamo

GF m2 c4 2
w = 3 10
4 (~c)

Questo è un risultato che merita molta attenzione. Infatti la costante di accoppi-


amento adimensionale delle interazioni deboli sembra risulti dello stesso ordine
di grandezza di quella elettromagnetica nonostante le osservazioni sperimentali
indichino una minore intensità delle interazioni deboli rispetto a quelle elet-
tromagnetiche. Infatti le vite medie di particelle che decadono per interazione
debole risultano molto più lunghe dei decadimenti di tipo elettromagnetico e così
anche le sezioni d’urto di processi deboli risultano in generale molto più piccole
di quelle di processi elettromagnetici. D’altra parte, possiamo farci un’idea
dell’intensità delle interazioni deboli relativamente a quelle elettromagnetiche
confrontando direttamente le ampiezze di scattering ad una medesima scala di
momenti trasferiti. Dalla 11.10 abbiamo infatti

Me (q) /
q2
e
w
Mw (q) /
mc 2
q2 + ~
per cui, assumendo w = , il rapporto delle due ampiezza vale
2 2
Me (q) q 2 + mc~ mc2
= ' 1
Mw (q) q2 ~qc

per q (mc=~). Considerando che mc2 100 GeV si vede, per esempio,
che il rapporto vale 108 a un momento trasferito di 1 M eV =c e 104 a un mo-
mento trasferito di 1 GeV =c. Sembra, allora, che il fatto che le interazioni deboli
risultino molto meno intense di quelle elettromagnetiche sia dovuto semplice-
mente alla presenza del termine in m2 nel denominatore di 11.10 e al fatto che
11.5. INTERAZIONI FORTI 229

m è molto grande. Tutto questo trova conferma nei risultati sperimentali, tant’è
vero che interazioni deboli ed interazioni elettromagnetiche risultano uni…cate in
un unico tipo di interazione: l’interazione elettrodebole. L’uni…cazione elettrode-
bole è, in un certo senso, analoga all’uni…cazione delle forze elettriche e mag-
netiche operata alla …ne dell’ottocento principalmente da Faraday e Maxwell.
La "scala di uni…cazione" è determinata dalla velocità della luce; infatti quando
si ha a che fare con cariche elettriche che si muovano con velocità prossime a
c forze elettriche e forze magnetiche hanno intensità confrontabili. Così inter-
azioni elettromagnetiche ed interazioni deboli diventano di intensità simile per
momenti trasferiti molto elevati e, quindi, ad energie molto alte.

11.5 Interazioni forti


11.5.1 Forza nucleare forte: scambio di mesoni
Quando Heisenberg avanzò l’idea che la forza tra nucleoni fosse una forza di
scambio, non era ancora chiaro quale fosse il quanto scambiato.
Yukawa riprese il concetto di forza di scambio e sviluppò tale idea in un
suo famoso lavoro del 1935. Egli notò, innanzitutto, che un quanto di massa
nulla, quale il fotone, non può dare una forza di corto ”range”qual è la la forza
nucleare e che, detta m la massa del quanto, il valore del range era limitato alla
lunghezza d’onda Compton del quanto 11.2. Poiché sappiamo che il range della
forza nucleare è dell’ordine di 1 2 f m, vediamo che m 100 200M eV =c2 .
Il quanto dell’interazione nucleare deve avere, oltre alla massa diversa da
zero, caratteristiche appropriate. Poiché i nucleoni sono entrambi fermioni di
spin 21 , il quanto scambiato deve avere spin intero (in particolare 0 o 1). Inoltre,
la conservazione della carica elettrica e l’indipendenza dalla carica delle inter-
azioni tra nucleoni (cioè, la sostanziale uguaglianza delle interazioni nucleari tra
pp, nn e pn) richiedono che il quanto esista in tre diversi stati di carica elettrica:
+e, e, 0.
Così come al fotone virtuale corrisponde il fotone reale, che è una particella
osservabile, ci aspettiamo che ai quanti virtuali del campo di forza nucleare cor-
rispondano particelle osservabili con caratteristiche, quale per esempio la carica
elettrica, del tutto uguali a quelle delle particelle virtuali. Allora, se la forza
nucleare è e¤ettivamente mediata da simili quanti, deve accadere che, per esem-
pio, nell’interazione nucleare tra nucleoni, quando l’energia in gioco lo consenta,
debbano essere prodotte particelle reali, corrispondenti ai quanti virtuali della
forza, che siano osservabili con le tecniche tipiche della …sica nucleare e subnu-
cleare.
Il quanto di Yukawa fu identi…cato nel mesone , o pione, scoperto da Powell
e collaboratori nei raggi cosmici nel 1947, dodici anni dopo la pubblicazione del
lavoro di Yukawa.
Con l’avvento degli acceleratori il pione poté essere prodotto in abbondanza
nei suoi tre stati di carica e, quindi, studiato in dettaglio.
Lo scambio di un pione non è su¢ ciente per rendere conto di tutte le pro-
prietà della forza che si esercita tra due nucleoni. Intanto esso dà luogo ad un
potenziale del tipo 11.6 adatto a descrivere la parte più a lungo raggio ( attrat-
tiva) della forza nucleare; il nocciolo repulsivo della forza nucleare deve essere
descritto in altro modo. Poiché, però, di mesoni, quale è il pione, ne sono stati
230 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI

osservati altri, quali, per esempio, il mesone e il mesone ! (si veda il capitolo
13), si può considerare anche lo scambio di tali mesoni per migliorare il mod-
ello. Tuttavia, la descrizione della forza nucleare forte per mezzo dello scambio
di mesoni, pur avendo dei meriti, conserva delle caratteristiche che la rendono
fondamentalmente diversa da quella della forza elettromagnetica o da quella
della forza debole. La costante g che compare nella 11.8 non ha assolutamente
le caratteristiche di universalità che ha la carica elettrica fondamentale e; inoltre
è, in generale, troppo grande perchè sia possibile una trattazione perturbativa
che è il punto di forza della teoria elettrodebole. Di più, non solo i nucleoni ma
anche i mesoni sono particelle che hanno struttura e, quindi, sia gli uni che gli
altri possono essere pensati come sistemi composti di costituenti più piccoli: i
quark. Questi, come abbiamo già accennato nelle considerazioni introduttive,
sono fermioni di spin 1=2, che, per quanto ne sappiamo, possiamo considerare
puntiformi. Sono i quark che possiedono una "carica forte", sorgente della forza
forte, mentre i nucleoni sono "neutri " e, quindi, la forza forte tra nucleoni ( o,
come vedremo in seguito, tra adroni) è simile alla forza elettromagnetica che si
esercita tra atomi, ossia tra particelle composite neutre per quanto attiene alla
carica elettrica.

11.5.2 Interazioni forti tra quark e gluoni


A livello fondamentale la forza forte è quella che si esercita tra quark. Essi
interagiscono fra loro per mezzo di scambio di gluoni, che sono bosoni di massa
nulla e spin 1. Vedremo in seguito che sia i quark che i gluoni possiedono
una caratteristica detta colore che rappresenta per la forza forte ciò che la
carica elettrica rappresenta per la forza elettromagnetica. L’analogia, però,
…nisce qui in quanto forza forte e forza elettromagnetica hanno caratteristiche
peculiarmente diverse. Intanto mentre la carica elettrica è unica e si manifesta
nelle due possibilità, positiva e negativa, esistone tre diversi colori, ciascuno
con il rispettivo anticolore. Il gluone, contrariamente a quanto avviene per il
fotone, che non ha carica elettrica, possiede carica di colore, anzi è "bicolorato"
in quanto porta un colore e un anticolore e, per questo, esistono otto di¤erenti
gluoni. Dunque tra gluoni si può esercitare la forza forte così come essa si
esercita tra quark. Come vedremo meglio nel paragrafo 13.3, tutto questo fa sì
che la forza forte sia, in generale, molto diversa da quella elettromagnetica.

11.6 Quesiti ed esercizi


11.6.1 Quesiti
1. In quante e quali famiglie si raggruppano i fermioni fondamentali? Cosa
caratterizza tali famiglie? Quanti e quali sono i membri di ciascuna
famiglia?

2. Quali sono le forze fondamentali?

3. Cosa sono gli adroni? Come si dividono?

4. Si discuta l’interpretazione di Dirac delle soluzioni con energia negativa


dell’equazione di Dirac
11.6. QUESITI ED ESERCIZI 231

5. Si discuta l’interazione a distanza tra particelle per mezzo dello scambio


di quanti di campo.

6. Si stimi la massa del quanto di Yukawa.


7. Come si confrontano tra loro le forze fondamentali?
8. Si tracci il vertice fondamentale dell’interazione elettromagnetica e si mostri
come si interpreta a seconda di quali sono le linee entranti e quali quelle
uscenti.

11.6.2 Esercizi
1. Si disegnino i gra…ci di Feynman (all’ordine più basso elettromagnetico)
per i seguenti processi: a) e+ + e ! e+ + e ; b) + + ! + +.

2. Si veri…chi che il potenziale di Yukawa 11.6 è soluzione dell’equazione


statica di Klein-Gordon 11.4 con R uguale alla lunghezza d’onda Compton
del quanto di campo.
3. Si stimi la massa del pione a partire dal "range" della forza nucleare forte.
232 CHAPTER 11. CONCETTI INTRODUTTIVI
Chapter 12

Simmetrie e leggi di
conservazione

12.1 Introduzione
Simmetrie e leggi di conservazione, e la loro intima connessione, giocano un
ruolo importantissimo nell’esplorazione e nella comprensione dei fenomeni …sici
e delle leggi che li governano. Questo ruolo si è manifestato e si manifesta in
modo particolarmente evidente nello studio della …sica subnucleare, un campo
alle frontiere della conoscenza le cui leggi non si possono ancora dire ferma-
mente stabilite, anche se negli ultimi decenni con lo sviluppo del cosiddetto
modello standard delle interazioni fondamentali è stato elaborato un quadro
teorico di riferimento relativamente semplice e soddisfacente. L’elaborazione di
tale quadro è stata in buona parte resa possibile dall’osservazione e dallo stu-
dio di leggi di conservazione che si manifestano nei processi che interessano le
particelle subatomiche e che devono trovare riscontro in altrettante proprietà
di simmetria delle equazioni che descrivono la …sica di tali processi. Sappiamo,
infatti, dalla meccanica quantistica che ogni qual volta una legge …sica sia invari-
ante sotto una certa operazione di simmetria esiste usualmente un corrispon-
dente principio di conservazione e viceversa. Così, per esempio, l’invarianza
per traslazioni nello spazio e nel tempo porta alla conservazione dell’impulso e
dell’energia, l’invarianza per rotazione nello spazio comporta la conservazione
del momento angolare, l’invarianza per trasformazioni di gauge delle equazioni
dell’elettromagnetismo implica la conservazione della carica elettrica. In questo
capitolo non faremo una discussione sistematica di simmetrie e leggi di con-
servazioni - alcune, quali quelle appena citate, sono già note al lettore - ma ci
limeteremo a discuterne talune peculiari del mondo delle particelle, dopo un
breve richiamo di concetti generali.

12.2 Una parentesi: fermioni e bosoni


Consideriamo un sistema costituito da due particelle identiche. È chiaro che
non esiste alcun metodo per distinguere tale sistema da quello che si ottiene
scambiando le due particelle. Scriviamo il vettore di stato del sistema in con-

233
234 CHAPTER 12. SIMMETRIE E LEGGI DI CONSERVAZIONE

siderazione come
j 1; 2i

indicando collettivamente con i tutte le grandezze …siche che descrivono lo


stato della particella i. Lo scambio delle due particelle trasforma tale vettore di
stato nel vettore j 2 ; 1 i, il quale può di¤erire dal precedente al più di un fattore
di fase, che mai alcuna misura potrà rilevare
j 2; 1i = ei j 1 ; 2i

Poiché un secondo scambio implica


j 1; 2i = ei2 j 1 ; 2i = j 1; 2i

deve essere
ei = 1
e, quindi,
j 2; 1i = j 1; 2i

Il sistema si dice simmetrico se lo scambio 1 $ 2 non cambia il segno del


vettore di stato e antisimmetrico se lo cambia. Lo stato delle due particelle può
essere scritto in termini dei vettori di stato di ciascuna in modo da risultare o
simmetrico o antisimmetrico; si ha
1
j 1; 2i = p (j 1 i j 2 i + j 2 i j 1 i) (12.1)
2
per lo stato simmetrico e
1
j 1; 2i = p (j 1 i j 2 i j 2 i j 1 i) (12.2)
2
per lo stato antisimmetrico.
Ricordiamo che le particelle con spin semintero si chiamano fermioni e obbe-
discono al principio di esclusione di Pauli secondo il quale due fermioni identici
non possono occupare contemporaneamente lo stesso stato quantistico. Questo
fatto implica che il vettore di stato di due fermioni identici debba essere antisim-
metrico; infatti, in questo caso il vettore 12.2 si annulla identicamente quando
j 1 i = j 2 i. Le particelle con spin intero si chiamano, invece, bosoni. Ad esse
non si applica il principio di esclusione di Pauli e bosoni identici sono descritti
da funzioni di stato simmetriche.
Questi concetti, da noi richiamati con riferimento a sistemi di due particelle
si estendono in modo identico al caso di sistemi di più particelle.
Osserviamo esplicitamente che la simmetria o l’antisimmetria si applica alla
funzione di stato completa del sistema di particelle. Consideriamo, per esempio,
ancora una coppia di particelle. La funzione d’onda che le descrive, , può essere
fattorizzata in una parte, (spazio), dipendente dalle variabili spaziali, ed una
parte, (spin), dipendente dalle variabili di spin. La parte spaziale potrebbe
descrivere il moto orbitale di una particella rispetto all’altra ed essere del tipo
(r; ; ) = Rl (r) Ylm ( ; ). Lo scambio delle coordinate spaziali 1 $ 2 lascia
invariata R (r) mentre è equivalente ad operare le sostituzioni
!
! +
12.3. GRANDEZZE FISICHE CONSERVATE E SIMMETRIE 235

nell’armonica sferica e comporta, perciò,


l
! ( 1)

Si ha così
l pari ! simmetrica per 1 $ 2
l dispari ! antisimmetrica per 1 $ 2
La funzione (spin) può essere, a sua volta, simmetrica o antisimmetrica. Per-
ciò, secondo che le due particelle siano due bosoni o due fermioni identici, si
avranno le seguenti possibilità

Bosoni identici ( simm:)


! e ambedue simmetriche
! e ambedue antisimmetriche

F ermioni identici ( antisimm:)


! simmetrica e antisimmetrica
! antisimmetrica e simmetrica

12.3 Grandezze …siche conservate e simmetrie


Consideriamo un sistema la cui evoluzione è determinata dall’hamiltoniano
H. Lo stato del sistema sia descritto dalla funzione d’onda (x; t), soluzione
dell’equazione di Schroedinger
@
H (x; t) = i~ (x; t)
@t
ovvero, usando il simbolismo dei vettori di stato di Dirac,
@
H j i = i~ j i
@t
Consideriamo, inoltre, una grandezza osservabile rappresentata dall’operatore
hermitiano F . Il valore di F relativo allo stato j i è dato dal valore di aspet-
tazione Z
hF i h jF j i = (x; t) F (x; t) d3 x

Questo valore risulta indipendente dal tempo - è, cioè, una costante del moto -
se F commuta con H
[F; H] = 0
Infatti, osservando che l’equazione
@
h jH = i~ h j
@t
è la complessa coniugata dell’equazione di Schroedinger, si ha

d 1 @F 1
h jF j i = h jHF j i + + h jF Hj i
dt i~ @t i~
@F 1
= + [F; H]
@t i~
236 CHAPTER 12. SIMMETRIE E LEGGI DI CONSERVAZIONE

e, quindi,
d
hF i = 0
dt
se l’operatore è indipendente dal tempo, come assumeremo in generale, e se
[F; H] = 0. In questo caso gli autostati di H sono anche autostati di F

Hj ni = En j n i
Fj n i = fn j n i

Le grandezze …siche conservate sono strettamente legate a proprietà di simmetria


- cioè, invarianza per determinate trasformazioni - del sistema.
Consideriamo una trasformazione, descritta dall’operatore U , che trasformi
la funzione d’onda (x; t) in un’altra che indichiamo con 0 (x; t)
0
Uj i=j i

La trasformazione è ammissibile se non cambia la normalizzazione dello stato


(conservazione della probabilità), ovvero se
0 0
h j i= U yU =h j i

e, quindi, U deve essere un operatore unitario

U y U = I ovvero U 1
= Uy

In accordo all’unitarietà di U la trasformazione si dice unitaria.


Nel caso in cui U j i soddis… la stessa equazione di j i, U è un operatore di
simmetria del sistema e si vede facilmente che

[U; H] = 0

cioè U commuta con H.


Possono, allora, veri…carsi due casi:

1. U è non solo unitario ma anche hermitiano;


2. U non è hermitiano.

Nel primo caso è un operatore associato ad un’osservabile conservata. E’il


caso di trasformazioni discrete quale, per esempio, la trasformazione di parità
di cui tratteremo tra breve.
Nel secondo caso si tratta, in generale, di trasformazioni continue, cioè
trasformazioni che possono essere connesse con continuità alla trasformazione
identità. In questo caso U è esprimibile come
" #
2
i G (i ) 2
U =e = 1+i G+ G + ::::
2!

ove è una costante o, più in generale, una funzione reale e G è un opera-


tore, detto generatore della trasformazione. L’unitarietà di U impone che G sia
hermitiano
Gy = G
12.4. PARITÀ 237

Infatti
(G Gy )
U y U = ei = I se G Gy = 0
Inoltre, poiché U commuta con H, anche G deve commutare con H

[G; H] = 0

per cui esso rappresenta un’osservabile che si conserva. Alla trasformazione


…nita è associata la trasformazione in…nitesima

U =I +i G

ove è un parametro in…nitesimo.


Esempi di trasformazioni continue sono le traslazioni e le rotazioni. Il
generatore di una traslazione nello spazio è l’operatore impulso, cosicché una
traslazione …nita r è espressa dall’operatore unitario
i
rp
U ( x; y; z) = e ~

L’invarianza per traslazione di un sistema isolato di n particelle implica che si


conservi l’impulso totale del sistema.
Analogamente, il generatore di una rotazione nello spazio è l’operatore mo-
mento angolare, per cui una rotazione di un angolo intorno alla direzione n ^è
espressa dall’operatore unitario
1
n
^ L
U ( ) = e~

L’invarianza per rotazione di un sistema isolato di n particelle implica che si


conservi il momento angolare totale del sistema.

12.4 Parità
La trasformazione di parità, o inversione spaziale, è de…nita da

x ! x0 = x cioè xi ! x0i = xi (i = 1; 2; 3)

La trasformazione di parità cambia segno a ogni ”vero” vettore o vettore polare


mentre lascia invariati gli pseudovettori o vettori assiali. Così, per esempio, se
p è il momento di una particella e J il suo momento angolare (J = r p), la
trasformazione di parità comporta

p ! p0 = p J ! J0 ! J

Consideriamo, inizialmente, uno stato di particella singola, che indichiamo con


(x; t), e de…niamo l’operatore di parità P come

P (x; t) = ( x; t) (12.3)

ove è un fattore di fase costante. Poiché applicando due volte la trasformazione


di parità il sistema resta invariato

P 2 (x; t) = (x; t)
238 CHAPTER 12. SIMMETRIE E LEGGI DI CONSERVAZIONE

si ha
P 2 = ^1
ove ^
1 è l’operatore identità. P è anche unitario (deve essere preservata la nor-
malizzazione degli stati)
P y P = ^1
e, quindi, hermitiano
Py = P
Gli autovalori di P sono osservabili.
Una particella a riposo è un autostato di P . Descriviamo, infatti, una gener-
ica particella a con un’autofunzione del momento

(x; t) = ei(p x Et)=~

abbiamo
P p (x; t) = a p ( x; t) = a p (x; t)
e, dunque, per p = 0 questa relazione assume la forma di un’equazione agli
autovalori con
a = 1
che costituisce la ”parità intriseca” della particella.
Una particella in uno stato di momento angolare de…nito è anche autostato
di P . In questo caso, indicando con ja; li lo stato della particella, si ha
l
P ja; li = a l ja; li = a ( 1) ja; li

e la parità dello stato risulta essere il prodotto della parità intrinseca a per l .
Per un sistema di molte particelle la generalizzazione appropriata della 12.3
è
P (x1 ; x2 ; :::::) = 1 2 :::: ( x1 ; x2 ; ::::)
con un fattore di parità intrinseca per ogni particella. La parità è un numero
quantico moltiplicativo.
Un sistema è invariante per trasformazione di parità se

H (x01 ; x02 ; ::::) = H ( x1 ; x2 ; ::::) = H (x1 ; x2 ; ::::)

cioè se
[H; P ] = 0
In questo caso:

in una reazione i ! f si ha i = f;

per uno stato legato è un buon numero quantico.

L’invarianza per trasformazione di parità non è universalmente valida (come,


per esempio, l’invarianza per traslazione). La parità è conservata nelle inter-
azioni elettromagnetiche e forti mentre, come vedremo, P è violata dalle inter-
azioni deboli. In particolare è stato dimostrato con grande precisione, cercando
transizioni che violino P , che gli stati atomici e nucleari sono autostati di P:
12.4. PARITÀ 239

12.4.1 Parità di fermioni e antifermioni


La teoria di Dirac predice parità opposte per fermioni e antifermioni

(f ) = f

Poiché l’equazione di Dirac ci dice che fermioni e antifermioni possono essere


creati o distrutti soltanto a coppie f f , non esiste alcun processo che permetta
la determinazione assoluta della parità intrinseca di un fermione. Allora, per
convenzione, si assegna ai fermioni parità +1 e agli antifermioni parità 1.
Abbiamo, così,

e = = = +1
e+ = + = + = 1

Anche al protone e al neutrone si assegna parità positiva. Protone e neutrone,


diversamente dai leptoni, non sono puntiformi, ma come vedremo meglio in
seguito sono composti da quark, i quali, invece, sono fermioni puntiformi. La
scelta p = n = +1 risulterà coerente con

q = +1
q = 1

12.4.2 Spin e parità del fotone


Lo spin del fotone è 1; tuttavia esso può presentarsi soltanto nei due stati di
elicità 1, ovverossia con spin in direzione concorde o opposta al moto. Per
quanto riguarda la parità essa può essere dedotta rifacendosi al principio di
corrispondenza.
In meccanica quantistica il potenziale vettore è interpretato come funzione
d’onda del fotone. Allora, la parità del fotone è de…nita da

P A (t; x) = A (t; x)

la quale dà
P E (t; x) = E (t; x)
quando si tenga conto del fatto che, nello spazio libero, possiamo scrivere

@A @A
E= r =
@t @t
poiché, non essendoci cariche libere, possiamo assumere = 0.
Per il principio di corrispondenza, la parità , così de…nita, deve essere
consistente con la parità di E che si deduce nel limite classico. In tale limite,
poichè
(t; x)
r E (t; x) =
0
e

(t; x) !
P (t; x)
r ! P r
240 CHAPTER 12. SIMMETRIE E LEGGI DI CONSERVAZIONE

occorre che
E (t; x) !
P E (t; x)
per lasciare invariata l’equazione di Poisson. La parità del fotone è, dunque,
negativa
= 1

12.4.3 Spin e parità del pione


Il pione ha spin zero e parità negativa. La parità del è dimostrata, per
esempio, dall’assorbimento di in deuterio, attraverso la reazione

+d!n+n
l
Il deutone ha parità positiva ( d = p n ( 1) = +1) e spin 1. La cat-
tura avviene dallo stato S, come è dimostrato dallo studio delle transizioni
X dell’atomo mesico, per cui la parità dello stato iniziale è uguale alla parità
del pione
i = d =

Poiché la parità si conserva, si ha


l l
= f = n n ( 1) = ( 1)

Vediamo quanto vale l, ragionando in base alla conservazione del momento an-
golare ed al principio di Pauli. La prima dice che il momento angolare dello
stato …nale deve essere uguale a quello dello stato iniziale; esso è, perciò, pari
allo spin del deutone (J = 1) in quanto la cattura avviene in onda S e lo spin
del pione è nullo. Il principio di Pauli, a sua volta, impone che lo stato …nale sia
antisimmetrico, ovvero

nn = spazio spin ! antisimmetrica

La funzione di spin è simmetrica se lo spin totale è S = 1 e antisimmetrica


se S = 0 e, quindi, deve essere antisimmetrica (l dispari) nel primo caso
e simmetrica (l pari) nel secondo caso. Allora, essendo J = 1, l’unico stato
possibile è quello che ha S = 1 e l = 1, per cui

= 1

12.5 Coniugazione di carica


La coniugazione di carica è l’operazione che sostituisce le particelle con le rispet-
tive antiparticelle nello stesso stato dinamico e viceversa. Cambiando una par-
ticella nella rispettiva antiparticella, C inverte non soltanto la carica elettrica
ma tutti i numeri quantici additivi - quali numero barionico, numero leptonico,
stranezza - che incontreremo nel seguito.
Poiché la carica elettrica e il momento magnetico risultano invertiti, le inter-
azioni elettromagnetiche rimangono invariate, cioè l’operatore C commuta con
l’hamiltoniano elettromagnetico, [C; Hem ] = 0. C è anche una simmetria delle
interazioni forti mentre, come vedremo in seguito, è violata dalle interazioni
deboli.
12.5. CONIUGAZIONE DI CARICA 241

Indichiamo il generico stato di particella singola distinguendo esplicitamente


la parte su cui opera C dalla parte relativa alle variabili dinamiche (impulso,
posizione, spin) sulla quale C non opera; rappresentiamo la prima con il simbolo
della particella e rappresentiamo globalmente la seconda con . Sia a una
generica particella tale che a 6= a (per es. p, n, K+ ecc.) e una generica
particella tale che = (per es. ; 0 ). Poniamo

C ja; i = ja; i

ponendo uguale a 1 una fase arbitraria. Poiché applicando ancora C si deve


tornare allo stato iniziale, si ha
C2 = 1
Nel caso di una particella tipo abbiamo

Cj ; i= j ; i

con
= 1
essendo
2
C (C j ; i) = C j ; i = j ; i=j ; i
La particella è autostato di C con autovalore +1 o 1 (C-parità).
Nel caso di sistemi di più particelle abbiamo (conglobando in le variabili
dinamiche di tutte)

Cj 1; 2 ; ::; a1 ; a2 ; ::; i= 1 2 ::: j 1 ; 2 ; ::; a1 ; a2 ; ::; i

La C-parità è un numero quantico moltiplicativo.


Autostati di C si possono costruire con coppie particella-antiparticella

C ja; 1 ; a; 2i = ja; 1 ; a; 2i = ja; 1 ; a; 2i

secondo che lo stato sia simmetrico o antisimmetrico rispetto allo scambio a $ a.


Esempio:
L
C + ; ; L = ( 1) +
; ;L
Nel caso di una coppia di fermioni di spin 21 , f f , intervengono i due fattori
L L+1 S+1
f f ( 1) = ( 1) ; ( 1)

Il primo è dovuto alla trasformazione di parità che si opera scambiando le coor-


dinate di f e f ; il secondo dipende dallo scambio f $ f nella funzione d’onda
di spin. Così
L+S
C f; f ; J; L; S = ( 1) f; f ; J; L; S

12.5.1 C-parità del pione neutro


Abbiamo visto che 0 è autostato di C; vediamo qual è la sua C-parità. Esso
decade in e, quindi, la sua C-parità è quella dello stato …nale a due fotoni, in
quanto le interazioni elettromagnetiche conservano la C-parità. Poiché il campo
elettromagnetico è prodotto da correnti che cambiano segno per C, si ha

Cj i= j i
242 CHAPTER 12. SIMMETRIE E LEGGI DI CONSERVAZIONE

Allora
Cj i = +j i
e, quindi,
0 0
C =+
0
Il decadimento ! 3 è proibito dalla conservazione di C. Sperimentalmente
si trova
0
Br !3 8
0
< 3; 1 10
Br ( !2 )
0
Br ( !3 )
Se C non fosse conservato si avrebbe Br( 0 !2 ) O ( ), ove è la costante di
struttura …ne.

12.6 Inversione temporale


L’inversione temporale è la trasformazione che sostituisce t con t

t ! t0 = t

lasciando invariati i vettori posizione. La meccanica e l’elettromagnetismo


classico sono certamente invarianti per inversione temporale in quanto le loro
equazioni dipendono dalle derivate seconde rispetto al tempo. Così, per esempio,
se consideriamo l’urto di due punti materiali e operiamo l’inversione temporale,
l’urto traformato è ancora regolato dalla legge di Newton e le traiettorie sono le
stesse.
Alla luce delle conoscenze presenti risulta che le interazioni forti ed elettro-
magnetiche sono invarianti per inversione temporale, cosi come lo sono per le
trasformazioni di parità e coniugazione di carica, mentre le interazioni deboli
non lo sono. C’è però una fondamentale di¤erenza tra l’inversione temporale e
P e C. Mentre sia a P che a C è associato un numero quantico conservato dalle
interazioni forti ed elettromagnetiche, all’inversione temporale non è associato
alcun numero quantico, in quanto all’operatore di inversione temporale non cor-
risponde un osservabile non essendo un operatore lineare hermitiano. Sia U un
operatore unitario (U y U = 1) che cambia t in t. Un sistema è invariante per
la trasformazione operata da U se commuta con l’hamiltoniano H del sistema,
cioè se
U y HU = H
Consideriamo uno stato j i del sistema e la sua evoluzione temporale sia de-
scritta dall’equazione di Schroedinger
@
H j i = i~ j i
@t
Operando da sinistra con U otteniamo
@ @
U H j i = U i~ j i= i~ Uj i
@t @t
e, poiché U H = HU ,
@
HU j i = i~ Uj i
@t
12.7. TEOREMA CPT 243

0
ovvero, ponendo U j i = ,

0 @ 0
H = i~
@t
0
Vediamo, così, che lo stato trasformato non obbedisce all’equazione di
Schroedinger. Per ottenere la simmetria dobbiamo de…nire l’operatore di in-
versione temporale T come
T = UK
ove K è un operatore che esegue l’operazione di coniugazione complessa su
quanto trova alla sua destra. Infatti, considerando che H è reale, abbiamo
@ @
T H j i = HT j i = iT ~ j i = i~ T j i
@t @t
cioè, T j i j ( t)i è soluzione dell’equazione di Schroedinger come j (t)i.
L’operatore T è antilineare

T( 1 j 1i + 2 j 2 i) = 1T j 1i + 2T j 2i

e antiunitario
D E
0 0 y y
1j 2 = 1 jT Tj 2 = 1 (U K) (U K) 2 =h 1j 2i =h 2j 1i

So¤ermiamoci sul signi…cato di T considerando a titolo di esempio una par-


ticella libera, descritta dall’onda piana (t; x) = ei(p x Et)=~ ; operando con T
otteniamo
i(p x+Et)=~
T (t; x) = ( t; x) = e = ei( p x Et)=~

La funzione d’onda invertita descrive una particella di impulso p. Non è,


quindi, necessario dire che T descrive una particella che si muove indietro
nel tempo, bensì l’interpretazione più …sica è l’inversione del moto: T inverte
momento e momento angolare

T jp; Ji = j p; Ji

12.7 Teorema CPT


Il teorema CP T è uno dei più importanti principi della teoria quantistica dei
campi. Esso si basa su assunzioni molto generali ed a¤erma che qualunque
hamiltoniano che sia invariante per trasformazioni di Lorentz è anche invariante
sotto l’applicazione successiva, in qualunque ordine, di C, P e T , anche se non
lo fosse sotto C, P o T separatamente. Questo signi…ca che se una o due di
queste simmetrie sono violate, lo deve essere anche l’altra al …ne di ripristinare
la simmetria per CT P . Le interazioni deboli, per esempio, violano P . Allora, se
esse fossero invarianti per inversione temporale, dovrebbero comunque violare
C come, infatti, avviene. Le interazioni deboli, però, violano anche il prodotto
CP , seppure di poco, come vedremo in seguito. Quindi anche T deve essere
violata a¢ nché CP T rimanga valida. Una importante conseguenza di CP T è
che la massa e la vita media di una particella debbano essere esattamente uguali
244 CHAPTER 12. SIMMETRIE E LEGGI DI CONSERVAZIONE

a quelle della sua antiparticella. Fino ad oggi non esistono risultati sperimentali
che indichino una possibile violazione di CP T . Il miglior limite sperimentale
deriva dal confronto delle masse dei due mesoni K 0 e K 0 , che risultano essere
uguali entro 1 parte su 1018 . Il confronto più preciso che segue riguarda e ed
e+ , le cui masse risultano uguali entro un errore di 1 parte su 107 .

12.8 Conservazione dei barioni


Barione è il nome generico di tutti gli adroni che sono fermioni ed hanno massa
uguale o maggiore di quella del protone. Essi possono essere considerati come
stati eccitati del nucleone. Sperimentalmente si osserva che in ogni processo si
conserva la di¤erenza tra il numero di barioni ed il numero di antibarioni. Si
assegna, allora, a barioni ed antibarioni un numero quantico B, detto numero
barionico, che vale

B = +1 per i barioni,

B= 1 per gli antibarioni,

B = 0 per le altre particelle,

così, dalle osservazioni sperimentali deriva che: in ogni processo si conserva


la somma algebrica dei numeri barionici. Un processo nel quale non si conservi il
numero barionico non può avvenire e si dice proibito dalla legge di conservazione
del numero barionico. Per esempio, il seguente processo
+ +
p+p!p+p+ +

è proibito perché il numero barionico è 2 nello stato iniziale e 0 nello stato …nale.
Sono invece processi permessi

p+p ! p+p+ ++
p+p ! p+p+p+p
p+n ! p+p+

La legge di conservazione del numero barionico è una legge esatta e vale per
tutti i tipi di interazioni.

12.9 Conservazione dei leptoni


Leptone è il nome generico di tutti i fermioni, carichi o neutri, che non risentono
dell’interazione forte. Come per i barioni è sperimentalmente osservato che la
di¤erenza tra numero di leptoni e numero di antileptoni è conservata in ogni
processo. Se introduciamo, allora, il numero leptonico L, tale che

L = +1 per i leptoni,

L= 1 per gli antileptoni,

L = 0 per le altre particelle,


12.9. CONSERVAZIONE DEI LEPTONI 245

la somma algebrica di L si conserva in ogni processo (legge di conservazione


del numero leptonico).
L e B sono numeri quantici intrinseci additivi al pari della carica elettrica. La
loro conservazione è veri…cata con alto grado di precisione. Essa è espressione
del fatto che, coerentemente con la teoria di Dirac, i fermioni possono esere
creati soltanto a coppie fermione-antifermione.

12.9.1 Conservazione di elettroni e muoni: neutrino elet-


tronico e neutrino muonico
È sperimentalmente provato che la conservazione del numero leptonico si ap-
plica separatamente a elettroni e muoni e rispettivi neutrini. Infatti, a elettrone
e muone sono associati neutrini diversi tra loro. Così, invece di parlare semplice-
mente di numero leptonico, occorre introdurre il numero leptonico elettronico
Le ed il numero leptonico muonico L , de…niti come segue

e e+ e e
Le +1 1 +1 1
+

L +1 1 +1 1
In ogni processo si conserva separatamente la somma algebrica dei numeri
leptonici elettronici e muonici. Un processo nel quale questo non si veri…chi non
può avvenire e si dice proibito dalla legge di conservazione del numero leptonico.
Per esempio, il processo
!e +
è proibito dalla conservazione del numero leptonico (elettronico). Sono invece
permessi, per esempio, i seguenti processi nei quali Le e L sono correttamente
conservati

n ! p+e + e
+ +
! +
! e + e+

La di¤erenza tra neutrino elettronico e neutrino muonico fu stabilita in modo


conclusivo, per la prima volta, con un esperimento e¤ettuato a Brookhaven
(USA) nel 1962 (G. Danby et al., Phys. Rev. Lett. 9, 36 (1962)). Si produceva
un intenso fascio di neutrini dal decadimento di pioni

! +( = )

Si facevano interagire i neutrini con un bersaglio e si cercavano eventi del tipo

+p ! n+ +
+n ! p+
+p ! n + e+
+n ! p+e

Furono osservati soltanto eventi con produzione di muoni.


246 CHAPTER 12. SIMMETRIE E LEGGI DI CONSERVAZIONE

Masse dei leptoni (M eV =c2 )


F amiglia F amiglia F amiglia
(e; e ) ( ; ) ( ; )
Leptone carico 0; 511 105; 7 1777
Leptone neutro < 3 10 6 < 0; 17 M eV =c2 < 18; 2

Table 12.1: Masse dei leptoni.

12.9.2 Il leptone tau


Nel 1975 Perl e collaboratori (M. L. Perl et al., Phys. Rev. Lett. 35, 1489
(1975)), analizzando l’annichilazione e+ e presso il collider SPEAR del labora-
torio SLAC (USA), osservarono, al di sopra della soglia di 3,56 GeV di energia
nel centro di massa, una chiara produzione di eventi del tipo
e+ + e ! e+( )
+ (+)
+ energia e momento mancanti
successivamente attribuiti alla produzione e decadimento di coppie leptone-
antileptone, di un nuovo tipo di leptone, chiamato leptone , di massa m ( ) =
1; 78 GeV =c2 . Tali eventi erano prodotti attraverso un processo del tipo
e+ + e ! +
+
seguito dal decadimento
! + +
o
!e+ e +
Il leptone tau ha una vita media di 2; 9 10 13 s. A causa della sua massa
elevata ha canali di decadimento in adroni, per es.1
! + (Br 11; 3 %)
0
! + ! + + (Br 25; 2 %)
oltre a canali puramente leptonici
! + + (Br 17; 3 %)
! e + e+ (Br 17; 8 %)
Il leptone e il suo neutrino costituiscono la terza famiglia di leptoni su cui
è costruito il modello standard delle particelle elementari. Ciascuna famiglia
comprende una coppia leptone carico e neutrino associato (nonché, la coppia
delle corrispondenti antiparticelle) e tutti sono fermioni di spin 21 . Assumeremo
in generale che i neutrini abbiano tutti massa nulla anche se recenti risultati
sperimentali depongono a favore di una massa diversa da zero, seppure molto
piccola. I limiti sperimentali sulle masse dei neutrini sono risportati nella tabella
12.1.
A ciascuna famiglia di leptoni è associato un numero leptonico conservato;
così, oltre Le e L , esiste il numero leptonico tauonico L , assegnato in analogia
a quanto abbiamo visto per elettrone e muone.
+

L +1 1 +1 1
1 Come vedremo nel prossimo capitolo, è un mesone di massa 771M eV =c2 .
12.10. QUESITI ED ESERCIZI 247

12.9.3 Elicità dei neutrini


Come ad ogni leptone carico è associato il rispettivo antileptone, ad ogni neu-
trino è associato il rispettivo antineutrino. Ora poichè i neutrini non hanno
carica elettrica ci chiediamo in che cosa di¤erisca un neutrino dal rispettivo
antineutrino. Il carattere distintivo è o¤erto dall’elicità: è sperimentalmente os-
servato che il neutrino ha sempre elicità negativa, ovvero lo spin diretto in verso
opposto al moto (neutrino sinistrorso), mentre l’antineutrino ha sempre elicità
positiva, ovvero lo spin diretto nel verso del moto (neutrino destrorso). Se scriv-
iamo l’equazione di Dirac per un fermione di massa nulla vediamo che essa dà
luogo a due equazioni disaccoppiate le cui soluzioni sono autostati dell’elicità,
una, appunto, con elicità negativa e l’altra con elicità positiva. D’altra parte,
come si vedrà successivamennte, l’interazione debole favorisce leptoni sinistrorsi
e antileptoni destrorsi. Nel caso dei leptoni carichi, essendo la massa diversa da
zero, l’elicità non può però assumere un valore …sso.

12.10 Quesiti ed esercizi


12.10.1 Quesiti
1. Si discuta la trasformazione di parità e si introduca il concetto di parità
intrinseca.
2. Si deduca la parità del pione negativo.
3. Si deduca la parità del fotone.
4. Si de…nisca l’operazione coniugazione di carica e si discuta l’applicazione
dell’operatore C a stati particella-antiparticella.
5. Si de…nisca l’operazione inversione temporale ed il relativo operatore e si
discuta il signi…cato …sico di tale operazione
6. Si introduca la conservazione dei barioni e dei leptoni. Quanti e quali sono
i leptoni?

12.10.2 Esercizi
1. Usando la conservazione del momento angolare e della parità si dica quali
stati di momento angolare sono possibili per il processo pp ! + . Si
esprima la risposta nella notazione spettroscopica. L’invarianza per coni-
ugazione di carica impone altre restizioni agli stati di momento angolare
permessi?
+
2. Si mostri che un mesone che abbia spin J e decada in per interazione
forte deve avere C = P = ( 1)J .
+
3. Quali dei seguenti processi sono proibiti e perché: a) + p ! p + + +;
b) + p ! p + + + ; c) + p ! p + e+ + ; d) e + p ! + p; e)
p+p!p+p+p+n+ +
248 CHAPTER 12. SIMMETRIE E LEGGI DI CONSERVAZIONE
Chapter 13

Adroni. Interazione forte

13.1 Barioni e mesoni


Svariati decenni di attività sperimentale, iniziata con l’osservazione dei raggi
cosmici e delle loro interazioni con la materia e continuata con lo studio di
una grande varietà di reazioni prodotte da fasci di particelle accelerate, hanno
portato alla scoperta di alcune centinaia di particelle, chiamate adroni, che,
come i nucleoni, sono capaci di interazione forte. Tali stati decadono o per
interazione forte o interazione elettromagnetica o interazione debole; al primo
caso corrispondono le vite medie più brevi e all’ultimo quelle più lunghe. Nei
decadimenti degli adroni sono state osservate, in aggiunta a quelle che abbiamo
già discusso, ulteriori leggi di conservazione rispettate dalle interazioni forti ed
elettromagnetiche ma non da quelle deboli; ne è un esempio la conservazione
della stranezza, che vedremo in seguito.
Gli adroni che decadono per interazione debole hanno vite medie tipicamente
dell’ordine di grandezza di 10 10 s. La distanza tra il punto in cui vengono
prodotti e quello in cui decadono nonché il tempo che intercorre tra produzione
e decadimento possono essere direttamente misurati, inoltre, nel caso siano par-
ticelle cariche, sono in grado di lasciare una traccia misurabile in un rivelatore.
Si tratta in sostanza di stati metastabili per i quali è possibile l’osservazione
diretta. I pioni carichi sono un esempio di questi stati metastabili, anzi essi
sono gli adroni di questo tipo che hanno la massa più piccola.
Tuttavia, se non c’è qualche legge di conservazione che lo proibisca, un adrone
decade innanzitutto per interazione forte; in questo caso la sua vita media è
estremamente breve, dell’ordine di 10 23 s. Questo è ciò che avviene in generale
per gli adroni di massa elevata, per i quali è possibile decadere in adroni di
massa minore conservando tutti i numeri quantici. Questi stati sono, pertanto,
non osservabili direttamente ma si possono manifestare in processi di collisione
tra particelle in due modi distinti:

1. come stati risonanti tra il proiettile e il bersaglio e, in questo caso, si parla


di processo di formazione dell’adrone;

2. come stati risonanti tra due o più dei prodotti di una reazione e si parla
di produzione dell’adrone.

249
250 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Un processo del primo tipo è analogo a una reazione di nucleo composto che
abbiamo visto nel capitolo 9.
Gli adroni si dividono in due distinte famiglie:

i barioni, che sono fermioni e dei quali il protone e il neutrone costituiscono


gli stati di massa più piccola;
i mesoni, che sono bosoni e dei quali i tre pioni costituiscono gli stati di
massa più piccola.

La conservazione del numero barionico fa sì che nella catena di decadimento


di un barione alla …ne ci sia sempre un protone. La catena di decadimento di
un mesone, invece, ha per prodotti …nali soltanto leptoni o fotoni.
Barioni e mesoni costituiscono due spettri di stati accuratamente catalogati
in base alla loro massa e ai numeri quantici che li distinguono1 . La messe di
dati sperimentali che li riguarda è enorme; non è possibile, né sarebbe utile,
neppure tentare di riassumerla. Nel seguito, infatti, introdurremo il modello
a quark degli adroni, che spiega la struttura di queste particelle in termini di
pochi costituenti fondamentali. Tuttavia, al …ne di dare almeno una idea di
come siano stati osservati gli stati dei due spettri, nel seguito saranno riportati
alcuni esempi scelti con lo scopo di: a) introdurre, come esempi di particelle
metastabili, le cosiddette particelle strane, che hanno avuto un ruolo importan-
tissimo nello sviluppo del Modello Standard delle interazioni fondamentali; b)
mostrare, prendendo ad esempio proprio la stranezza, l’origine puramente em-
pirica di una legge di conservazione; c) fornire almeno qualche esempio di stati
barionici e mesonici e del loro modo di osservazione per mezzo di processi di
formazione o produzione di risonanze.

13.1.1 Particelle strane


Nel 1947 Rochester e Butler scoprirono (G. D. Rochester e C. C. Butler, Na-
ture 160, 855 (1947)), in una camera a nebbia esposta ai raggi cosmici, due
eventi in cui le tracce avevano la con…gurazione di una V (si veda la …gura
13.1).Un’accurata analisi indicò che le tracce erano state originate dal decadi-
mento di due particelle di nuova specie, ora chiamate K e . Altre nuove parti-
celle apparvero successivamente in eventi indotti dai raggi cosmici. Quando gli
acceleratori raggiunsero energie su¢ cienti a produrre queste nuove particelle in
laboratorio, si vide che esse si comportavano in modo strano: avevano sezioni
d’urto di produzione relativamente elevate e vite medie relativamente lunghe
(ordine 10 10 s). Cioè, erano chiaramente prodotte per interazione forte ma
decadevano per interazione debole.
Le particele strane di massa più bassa si dividono in due gruppi:

1. barioni (B = 1), che sono, in ordine di massa crescente, le particelle


(chiamate iperoni )

; e , fermioni di spin 21 , e
; che ha spin 32 ;
1 Il Particle Data Group pubblica una Review of Particle Physics aggiornata annualmente

che include una compilazione completa di tutti i dati relativi alle proprietà delle particelle,
che si può trovare accedendo al sito internet "http://pdg.lbl.gov/".
13.1. BARIONI E MESONI 251

Figure 13.1: Prima foto in camera a nebbia che mosta una particella neutra che
decade in due particelle cariche. Ora sappiamo che si tratta del decadimento di
un mesone K in due pioni. (G. D. Rochester e C. C. Butler, Nature 160 (1947)
855)

2. mesoni K, che sono bosoni a spin 0.


A queste particelle corrispondono, poi, stati di massa più grande e spin più
elevati, che possono essere considerati come loro stati eccitati.
La produzione (forte) di particelle strane, per esempio nell’interazione pione-
nucleone, avviene a coppie (produzione associata; un esempio in …g. 13.2).Per
esempio:
+p ! + K0
! + K+
Nel 1954, contemporaneamente ma indipendentemente, Gell-Mann ( M. Gell-
Mann e M. Pais, Proc. of the Glasgow Conf. on Nuclear and Meson Physics,
342 (1954)) e Nishijma (K. Nishijima, Prog. Theor. Phys. 13, 285 (1954))
tentarono una spiegazione della produzione associata introducendo un nuovo
numero quantico additivo, detto stranezza e postulando che esso si conservi
nelle interazioni forti ed elettromagnetiche ma non in quelle deboli. Viene da
sé, allora, che nelle interazioni forti le particelle strane debbano formarsi a cop-
pie con stranezza opposta. Nel successivo decadimento, la stranezza non può
conservarsi (salvo, come vedremo tra breve, in un caso) per cui le particelle
strane devono decadere per interazione debole. La stranezza di una particella è
de…nita attraverso la relazione (relazione di Gell-Mann e Nishijima)
B S
Q = I3 + +
2 2
ove Q è la carica elettrica della particella in unità e, B è il numero barionico e
S è la stranezza. Questa relazione è anche scritta come
Q Y
= I3 +
e 2
252 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Figure 13.2: Fotogra…a in camera a bolle di un evento +p ! + K 0 , seguito


dai decadimenti ! p e K0 ! +
. (Da Hughes)

ove

Y =B+S (13.1)
è un nuovo numero quantico detto ipercarica.
L’iperone (1116) non ha partners carichi, gli viene, quindi, attribuito uno
spin isotopico I = 0 (singoletto di isospin). Poiché decade in protone-pione

!p+

la conservazione del numero barionico richiede B ( ) = 1. La sua stranezza è,


dunque, S ( ) = 1. Si può notare come S non si conservi nel decadimento di
:
Il mesone K 0 è prodotto nel processo

+p! + K0

Poiché si tratta di un processo forte, la stranezza deve essere conservata e,


quindi, S K 0 = +1.
I mesoni K carichi hanno stranezze diverse. Infatti, mentre si osserva il
processo
+p! + K+
non si osserva il processo
+
+p! +K
13.1. BARIONI E MESONI 253

Q=e I I3 S m P rincipali decadimenti


(M eV =c2 ) (ps) (%)
1
K+ +1 2 + 12 +1 494 12 +
(63; 5) ; + 0 (20; 7) ;
+ +
(5; 6%)
1 1
K0 0 2 2 +1 498 -

1
K0 0 2 + 12 1 498 -
1 1 0
K 1 2 2 1 497 12 (63; 5) ; (20; 7) ;
+
(5; 6%)

Table 13.1: I mesoni K o kaoni costituiscono due doppietti di isospin. I kaoni


neutri di cui si osserva il decadimento sono, autostati dell’interazione debole,
sono due diverse combinazioni di Kµr e Kµr. Su di essi torneremo nel seguito.

mentre è noto che + , 0 , formano un tripletto di isospin con B = 1 e


S = 1. Allora, si ha S (K + ) = +1 e S (K ) = 1. Questa situazione viene
interpretata con due doppietti di isospin K + ; K 0 e K ; K 0 (tabella 13.1).2
K + è l’antiparticella di K . Osserviamo esplicitamente che K 0 6= K 0 (l’uno
ha stranezza +1 e l’altro 1) mentre, per esempio, 0 = 0 . Il modello a quark
rende conto del perché.
Il barione esiste nei due stati di carica e 0 ; pertanto, è un doppietto
1
di isospin (I = 2 ). Ha stranezza S = 2 e non decade direttamente in nucleoni
ma attraverso

! +
0 0
! +

Il barione (1672), in…ne, è un singoletto di spin isotopico (I = 0), ha


3+
S = 3 e JP = 2 . I suoi principali modi di decadimento sono

! +K
0
! +

Nella tabella 13.2 sono riassunti i numeri quantici dei barioni strani metasta-
bili sopra elencati, le loro masse e vite medie ed i principali modi di decadimento.
Si osservi come 0 abbia una vita media molto più breve degli altri iperoni. In-
fatti, poiché 0 ha la stessa stranezza di ma massa maggiore di circa 70 MeV,
può decade in per interazione elettromagnetica.

13.1.2 Formazione di barioni nell’interazione pione-nucleone


La risonanza (1232)
Il più classico esempio di formazione di una risonanza barionica è o¤erto dallo
studio dell’andamento della sezione d’urto pione-nucleone in funzione dell’energia.
Sia nel caso di + che , nella sezione d’urto totale (…g. 13.3) si osserva,
per energie cinetiche del pione incidente minori di 400M eV , un andamento
risonante con un picco molto pronunciato a T ' 195M eV . Esso è dovuto alla
2 I kaoni neutri di cui si osserva il decadimento, autostati dell’interazione debole, sono due

diverse combinazioni di K 0 e K 0 . Su di essi torneremo nel paragrafo 14.3.


254 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Q=e I I3 S m P rincipali decadimenti


1 M eV =c2 (ps) (%)
1 0 0 1 1:116 263 p (63; 9) ; n 0 (35; 8)
+
+1 1 +1 1 1:189 80 p 0 (51; 6) ; n + (48; 3)
0 8
0 1 0 1 1:193 7; 4 10 (100)
1 1 1 1 1:189 148 n (99; 8)
0 0
0 1=2 +1=2 2 1:315 290 (99; 5)
1 1=2 1=2 2 1:322 164 (99; 9)
1 0 0 3 1:672 82 (67; 8) ; 0 (23; 6) ;
0
(8; 6)

Table 13.2: Barioni strani metastabili.

Figure 13.3: Sezione d’urto totale pione-nucleone


13.1. BARIONI E MESONI 255

formazione e successivo decadimento della risonanza barionica (1232) secondo


il processo
+
+ p ! ++ ! + + p
ovvero, nel caso del ,
0
+p ! ! +p
0 0
! ! +n

La risonanaza è formata da pione e nucleone nello stato di momento angolare


orbitale l = 1 (onda p) ed ha le seguenti caratteristiche:

numero barionico +1, come si deriva imponendo la conservazione del nu-


mero barionico;

massa m ( ) = 1232M eV =c2 , corrispondente all’energia nel centro di


massa pione-nucleone al picco della risonanza;
23
larghezza = 120M eV che corrisponde alla vita media ' 0; 5 10 s;
l
parità +1, in base alla conservazione della parità (P = ( 1) P Pp =
+1);
spin J = 3=2;
isospin I = 3=2.

Spin e momento angolare orbitale si deducono (si veda l’esercizio 11) dall’andamento
della sezione d’urto di¤erenziale + p ! + p che nella zona della risonanza è
del tipo (…gura 13.4)
( ) / 1 + 3 cos2
ove è l’angolo di emissione del pione di¤uso rispetto alla direzione del pione
incidente nel sistema del centro di massa pione-nucleone. Il valore dello spin
J si può dedurre anche dall’andamento della sezione d’urto totale nella regione
della risonanza. Infatti, nel caso della (1232) l’ampiezza di di¤usione è quasi
totalmente risonante per cui la forma della sezione d’urto è ben descritta da un
andamento tipo Breit-Wigner che, per la formazione ed il decadimento succesivo
di una risonanza di momento angolare J nell’urto di particelle di spin sa e sb ,
si esprime come

i f
4 2J + 1 2 2
i!f = 2 2 2
k (2sa + 1) (2sb + 1) (E Er ) + 2

essendo inteso che la sezione d’urto è sommata sugli stati di spin …nali e mediata
sugli stati di spin iniziali. In questa relazione, i è la larghezza pertinente al
canale di ingresso i (formazione della risonanza) e f è la larghezza pertinente
al canale di uscita f (decadimento della risonanza). Nel caso presente l’urto è
elastico per cui i = f . Inoltre, come abbiamo già detto, l’ampiezza è quasi
puramente elastica in quanto la massa della risonanza relativamente piccola
rende molto improbabile il decadimento in un nucleone e due pioni; pertanto si
ha i = f = . Perciò in assenza di contributi signi…cativi da parte di code di
256 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Figure 13.4: Sezione d’urto di¤erenziale + p ! + p. Si vede che per T =


190M eV (picco della risonanza) si ha ( ) / 1 + 3 cos2 :

risonanze di massa più alta, essendo sa = s = 0 e sb = sp = 12 , ci aspettiamo


che la sezione d’urto al picco della risonanza sia data da
2
= (2J + 1) (13.2)
k2
ove k è il momento, in unità ~, delle particelle nel sistema del centro di massa
pione-nucleone. Così è, come si vede dalla …gura 13.5, nella quale alla sezione
d’urto totale + p è sovrapposta la curva corrispondente alla 13.2 con J = 32 .
Il fatto che la abbia isospin 3=2 si può dedurre confrontando tra loro le
sezioni d’urto totali + p e p nella zona della risonanza alla luce della con-
servazione dell’isospin. Considerando che il sistema pione-nucleone può avere
isospin 1=2 o 3=2, l’ampiezza di transizione dallo stato iniziale pione-nucleone
allo stato …nale pione-nucleone è, a priori, somma di due parti distinte: una cor-
rispondente alla transizione tra due stati di isospin 1=2, che possiamo chiamare
M1 , e l’altra tra due stati di isospin 3=2, M3 . Qualora M1 fosse nulla o, co-
munque, trascurabile rispetto a M3 , si avrebbe ( + p) = ( p) = 3 (esercizio
10) e questo è quanto e¤ettivamente si osserva.

Altre risonanze
Si osservano altre risonanze nello scattering N , alcune delle quali sono riportate
nella tabella 13.3.
In generale, a ciascuna regione della massa invariante N contribuiscono
diverse ampiezze per cui, diversamente dalla (1232), non tutte le risonanze
corrispondono ad un picco chiaramente individuabile nella sezione d’urto totale
ma emergono da un’analisi in onde parziali del processo (si veda appendice E).
13.1. BARIONI E MESONI 257

Figure 13.5: Sezione d’urto pione positivo-protone nella zona della prima riso-
nanza.

I L JP M
M eV =c2 (M eV )
1 1+
N (1440) P11 2 1 2 1440 350
1 3
N (1520) D13 2 2 2 1520 120
1 1
N (1535) S11 2 0 2 1535 150
3 3+
(1232) P33 2 1 2 1236 120
3 3+
(1600) P33 2 1 2 1600 350
3 1
(1620) S31 2 0 2 1620 150

Table 13.3: Esempi di risonanze pione-nucleone.


258 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Come si vede dalla tabella, tutte le risonanze pione-nucleone decadono con vite
medie estremamente brevi ( = ~= 10 24 s), tipiche delle interazioni forti.
Le risonanze barioniche non si incontrano soltanto nel canale N ma ne
esistono decine e decine anche in canali diversi.

13.1.3 Produzione di risonanze barioniche


++
Produzione di
Consideriamo il processo
+
p+p!n+p+ (13.3)
all’energia E nel centro di massa. La probabilità di transizione può essere scritta
come
2 dn
Pf i / jMf i j
dE
ove Mf i è l’opportuna ampiezza di transizione dallo stato iniziale p + p allo
stato …nale (n + p + + ) e dn=dE è il fattore di spazio delle fasi. Trattandosi
di uno stato …nale a tre corpi, i momenti delle particelle …nali non sono de…niti
ma possono variare, per ciascuna di esse, tra un valore minimo e uno massimo,
determinati dalla conservazione dell’energia e dell’impulso. Se Mf i non è fun-
zione dei singoli momenti delle particelle …nali, la distribuzione di probabilità
del momento di ciascuna di loro è determinata dal fattore di spazio delle fasi.
D’altra parte se per certi valori dei momenti c’è una interazione forte tra due
di loro questo deve trovare riscontro in Mf i che dovrà, quindi, avere una forte
dipendenza dai momenti delle singole particelle. Supponiamo, infatti, che il
processo 13.3 proceda esclusivamente attraverso il canale
++
p+p!n+ (13.4)
con successivo decadimento ++ ! p + + . Lo stato …nale di 13.4 è uno stato a
due corpi, così, nel limite in cui possiamo considerare la massa della delta esat-
tamente de…nita, il momento del neutrone pn risulta …ssato invece di variare
tra i valori minimo e massimo previsti dallo spazio delle fasi a tre corpi (si veda
l’esempio in …g. 13.6b). Naturalmente, poiché ++ è una risonanza, anche piut-
tosto larga, tale momento non sarà …sso ma presenterà un andamento con picco
molto pronunciato in corrispondenza del valore che gli compete al picco della
massa della (si veda la …gura 13.6d).Ovviamente se l’ampiezza del processo
13.4 è in parte risonante, secondo 13.4, e in parte no, la distribuzione del mo-
mento del neutrone risulterà dall’appropriata combinazione di quella risonante e
di quella corrispondente al puro spazio delle fasi. E’evidente, allora, che la pro-
duzione della risonanza ++ sarà evidenziata nella distribuzione sperimentale
da un picco più o meno pronunciato che si innalza al di sopra dell’andamento
aspettato in base al puro spazio delle fasi ( …g. 13.6f). Fittando la distribuzione
sperimentale con una combinazione di spazio delle fasi e andamento risonante
si potrà determinare il contributo del processo 13.4 al processo 13.3.
Lo stesso ragionamento si può applicare in modo ancora più e¢ cace con-
siderando la distribuzione della massa del sistema (p + + ), ricordando che la
massa mef f di un sistema di n particelle non interagenti è data dalla relazione
relativistica v
u n !2 !2
1u X Xn
mef f = 2 t Ei pi c2
c i=1 i=1
13.1. BARIONI E MESONI 259

Figure 13.6: Distribuzioni del momento del neutrone (b,d,f) e della massa rela-
tivistica m (p + ) per il processo p + p ! n + p + + a una energia nel CM di
3GeV nei casi: 1) solo spazio delle fasi (a,b), 2) solo formazione di ++ (c,d),
3) parte e parte spazio delle fasi (e,f).
260 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

La produzione di una risonanza che decade nelle n particelle darà luogo ad una
deviazione della distribuzione di mef f dall’andamento di puro spazio delle fasi,
che nei casi più chiari potrà essere un picco evidente ( …g. 13.6e).
E’tuttavia opportuno sottolineare che l’osservazione di un picco non è abbas-
tanza per stabilire incontestabilmente l’esistenza di una risonanza, bensì sono
necessari studi più estesi che portino ad un quadro sperimentale coerente con
l’esistenza della risonanza stessa.
Procedure di questo tipo hanno chiaramente messo in evidenza la produzione
della risonanza nel processo 13.3. La stessa risonanza è poi stata identi…cata
tra i prodotti di altri processi, per esempio

K+ + p ! K0 + p + +
(13.5)

Questo è molto importante; infatti, l’osservazione della risonanza sia in for-


mazione che produzione ra¤orza l’idea che questi stati, pur avendo una vita
media brevissima e, pertanto, non essendo direttamente osservabili, sono a tutti
gli e¤ etti delle particelle.

13.1.4 Formazione e produzione di risonanze barioniche


strane
La è soltanto il primo esempio di risonanza barionica. Come è già stato detto
di tali risonanze ne sono state osservate decine e decine.
Consideriamo, ad esempio il sistema KN ove N è il nucleone e K è un
kaone con stranezza 1 (K o K 0 ). Il sistema ha stranezza 1 ed isospin I =
0; 1, come si deriva considerando che sia il kaone che il protone hanno isospin 1=2.
Ci aspettiamo, allora, che risonanze con tali numeri quantici possano formarsi
o decadere nel sistema KN , purché (esistano ed) abbiano massa appropriata.
Esse potranno essere considerate a tutti gli e¤etti quali stati eccitati di (per
I = 0) e di (per I = 1). Questo può essere visto sperimentalmente studiando,
per esempio, i processi forti che si producono facendo interagire un fascio di
K con un bersaglio di idrogeno. Ad alta energia potranno essere prodotte
anche risonanze con stranezza diversa da 1, purché in associazione con altre
particelle strane in modo che la stranezza totale sia conservata.
Sono stati osservati e studiati processi quali, per esempio,

K +p! (1520) ! K + p
+ +
K +p! (1385) + ! + +

0
K +p ! (1530) + K 0 ! + +
+ K0
0
! (1530) + K 0 ! 0
+ 0
+ K0

ove (1520), (1385) e (1530) costituiscono esempi di risonanze barioniche


strane, le cui caratteristiche sono riassunte nella tabella 13.4.

13.1.5 Risonanze mesoniche


La discussione del sistema N , ci ha o¤erto l’occasione per introdurre la riso-
nanza e alcune altre risonanze che si osservano nel sistema pione-nucleone.
13.1. BARIONI E MESONI 261

I S JP m P rincipali decadimenti
M eV =c2 (M eV ) (%)
(1520) 0 1 1=2+ 1:520 15; 6 KN (45) ; (42) ; (10)
(1385) 1 1 3=2+ 1:385 37 (87) ; (11; 7)
(1530) 1=2 2 3=2+ 1:533 9 (100)

Table 13.4: Esempi di risonanze barioniche strane.

Abbiamo detto che tali risonanze costituiscono esempi di risonanze barioniche


o, semplicemente, barioni dei quali si osservano un gran numero in una grande
varietà di processi che coinvolgono adroni.
Al pari delle risonanze barioniche, si osservano un gran numero di risonanze
mesoniche o, semplicemente, mesoni. Come abbiamo già detto questi adroni
sono bosoni e il loro rappresentante di massa più bassa è il pione. Si osservano
mesoni che hanno la stessa spin-parità 0 del pione (mesoni pseudoscalari ) come
pure stati mesonici di spin più elevato, quali, per esempio, J P = 1 (mesoni
vettoriali ) e 2+ (mesoni tensoriali ). Vediamo alcuni esempi.

Il mesone Un esempio di mesone pseudoscalare è il mesone . Fu osservato


per la prima volta in una camera a bolle a deuterio esposta ad un fascio di +
di 1; 23 GeV =c. Il mesone fu individuato come un picco nella distribuzione di
massa invariante del sistema di tre pioni prodotto nella reazione
+ + 0
+d!p+p+ + +

Tale distribuzione di massa invariante presenta un picco anche a un massa più


elevata che è dovuto, invece, alla produzione del mesone !, del quale parleremo
tra breve.
Il mesone ha una massa di 547; 5 M eV =c2 . I suoi principali modi di decadi-
mento sono
+ 0
23; 6%
0 0 0
31; 9%
38; 9%
+
4; 9%

La larghezza totale del mesone è = 1; 30 keV ; ad essa corrisponde una vita


media 10 18 s, che è più lunga di diversi ordini di grandezza della vita media
di un tipico decadimento forte. D’altra parte il decadimento in due gamma è
chiaramente elettromagnetico, per cui, poiché gli altri canali hanno un rapporto
di decadimento confrontabile, si potrebbe pensare che anche il decadimento
in tre pioni sia elettromagnetico. Tuttavia, è stato mostrato che il rapporto
di decadimento è inconsistente con questa ipotesi e che il decadimento in tre
pioni deve essere un decadimento forte; la sua larghezza relativamente piccola è
dovuta al fatto che esso viola la conservazione dell’isospin (J. Bijnens, J. Gasser:
"Eta DEcay at and beyond p4 in Chiral Perturbation Theory", Phisica Scripta
T99,34 (2002)). Il decadimento in due gamma ci dice che ha C-parità +1
analogamente al 0 .
262 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Il mesone ! Il mesone ! (J P = 1 ) ha una massa di 782 M eV =c2 . Fu


anch’esso osservato per la prima volta in un esperimento di camera a bolle, con
il quale si studiava il processo di annichilazione protone-antiprotone
+ + 0
p+p! + + + +

Fu visto come un picco nella massa invariante del sistema di tre pioni + 0
,
picco che, invece, non risultava a¤atto nella massa delle combinazioni a tre pioni
con carica complessiva diversa da zero. I principali decadimenti del mesone !
sono

+ 0
88; 8%
0
8; 5%
+
2; 2%
+ 0
Come si vede ! decade prevalentemente in . La larghezza totale dell’!
è = 8; 5 M eV (decadimento forte). Sia che ! sono singoletti di isospin
(I = 0).

Il mesone Un altro mesone vettoriale, il mesone J P = 1 , è, invece, un


tripletto di isospin (I = 1), presentandosi in tre stati di carica , 0 . Il mesone
ha una massa di 775; 5 M eV =c2 . Decade in due pioni con un rapporto di
decadimento che è 100%. La sua larghezza = 149; 4 M eV è molto grande;
ad essa corrisponde una vita media estremamente breve e questo signi…ca che il
decade in 2 attraverso un decadimento forte
+ + 0
!
0 +
!
0
!

Il 0 non decade in 0 0 . Tale decadimento non conserva l’isospin; infatti, il


sistema 0 0 può essere solo in uno stato di isospin I = 0 o 2. Il decadimento
! 0 0 , però, non può avvenire non soltanto per interazione forte ma per
qualunque tipo di interazione (si veda l’esercizio 1).

Il mesone Un ulteriore mesone vettoriale è il mesone J P = 1 . Ha


massa pari a 1020 M eV =c2 e larghezza = 4; 3 M eV . Come l’! è un
singoletto di isospin e decade prevalentemente in coppie K K e solo per circa
15% in pioni

! K +K 49%
! K 0K 0 34%
+ 0
! 15%

Le carateristiche dei mesoni , ! e sono riassunte in tabella 13.5 insieme


a quelle di un altro mesone vettoriale, J= , del quale parleremo nel prossimo
paragrafo.
13.1. BARIONI E MESONI 263

I JP m P rincipali decadimenti
M eV =c2 (M eV ) (%)
1 1 775; 5 149; 4 ( 100)
+ 0
! 0 1 782; 7 8; 5 (89) ; 0 (8; 9) ; + (1; 5)
0 1 1:019; 5 4; 3 K K (49) ; KL0 KS0 (34) ; +
+ 0
(15) ; (1; 3)
J= 0 1 3097 0; 093 adroni (87; 7) ; e e (5; 9) ; + (5; 9)
+

Table 13.5: Caratteristiche di alcuni mesoni vettoriali.

13.1.6 Adroni dall’annichilazione e+ e


Finora ci siamo limitati a considerare esempi di processi forti ai …ni della for-
mazione o produzione di adroni. Però questo non deve indurre all’errata con-
vinzione che poiché gli adroni sono particelle capaci di interazione forte essi
possano essere osservati soltanto in processi nei quali proiettile e bersaglio in-
teragiscano fortemente. Infatti si possono produrre adroni anche in processi
puramente deboli, quale l’interazione neutrino-nucleone, o nell’urto tra parti-
celle capaci solo di interazioni elettromagnetiche e deboli. In questo ambito di
grandissima importanza è l’annichilazione elettrone-positrone, in particolare per
la possibilità di realizzare anelli di collisione e+ e …no ad energie molto alte (si
veda il paragrafo 3.1.5) e con intensità dei fasci molto elevate.

Formazione di mesoni vettoriali


Nell’annichilazione e+ e possono essere formati mesoni3 quali , !, , che abbi-
amo già visto e J= e Y , di cui parleremo tra breve. Questi mesoni hanno tutti
numeri spin-parità J P C = 1 (mesoni vettoriali). Essi sono formati secondo
il processo
e+ + e ! R ! stato f inale
ove R è il generico mesone e "stato …nale" è uno dei possibili stati derivanti dal
decadimento del mesone. Essi si manifestano, per esempio, come picchi nella
sezione d’urto totale di e+ e ! adroni in funzione dell’energia nel CM (…gura
13.8) o, anche, nella sezione d’urto del processo e+ e ! e+ e o del processo
e+ e ! + .
La …gura 13.8 mostra i picchi in queste tre sezioni d’urto corrispondenti
alla formazione del mesone J= (3100). Questo mesone, di isospin zero, ha una
massa di 3097M eV =c2 ed una larghezza di soli 0:087M eV , molto piccola rispetto
a quella di altri mesoni vettoriali, pur decadendo in adroni per interazione forte4 .
Il mesone J= fu osservato nel 1974 contemporaneamente da due diversi
esperimenti. Il primo (J. J. Aubert et al., Phys. Rev. Lett. 33,1404 (1974)),
condotto a BNL (Brookheaven National Laboratory), studiava la produzione
inclusiva di coppie e+ e nell’interazione di un fascio di protoni di 28 GeV con
un bersaglio di berillio
p + Be ! e+ + e + X
3 E’evidente che la conservazione del numero barionico impedisce che possano essere formati
barioni. Infatti, nell’interazione elettrone-positrone i barioni possono essere soltanto prodotti
e, per di più, in coppie barione-antibarione.
4 Per le ragioni di ciò si può vedere, per esempio, D. H. Perkins, Introduction to High

Energy Physics, Cambridge Univ. Press, 4th ed., pag. 100.


264 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Figure 13.7: Massa della coppia e+ e dalla reazione p + Be ! e+ + e + X (J.


J. Aubert et al.).

La particella J= si manifestò come un chiaro picco risonante nella dis-


tribuzione della massa invariante della coppia e+ e (…gura 13.7).
Il secondo esperimento (J. J. Augustin et al., Phys. Rev. Lett. 33,1404
(1974)), condotto a SLAC, studiava l’annichilazioe e+ e presso l’acceleratore
a fasci incrociati di elettroni e positroni SPEAR. La J= fu osservata nei tre
canali ( …gura 13.8)

e+ e ! J= ! adroni
e+ e ! J= ! e+ e
e+ e ! J= ! +

I due esperimenti erano molto diversi. L’esperimento di BNL era stato con-
cepito proprio al …ne della ricerca di risonanze nel canale leptone-antileptone ed
era caratterizzato da una ampia accettanza in massa del sistema e+ e , seppure
con una risoluzione relativamente limitata. Il secondo era un tipico esperimento
ad un anello di accumulazione di elettroni e positroni, capace di una elevata
risoluzione in energia del sistema delle due particelle collidenti (e, quindi, della
massa della risonanza prodotta), nonché in grado di fare uno studio accurato
dei decadimenti dell’eventuale risonanza prodotta.
Le larghezze dei picchi risonanti, che si osservano nelle …gure 13.7 e 13.8,
sono dominate dalla risoluzione sperimentale nella misura dell’impulso degli
elettroni di decadimento, nel caso dell’esperimento a BNL, e dell’energia degli
elettroni collidenti, nel caso dell’esperimento a SLAC. La larghezza propria della
risonanza è, come abbiamo già detto, molto più piccola. La J= ha avuto un
ruolo molto importante; ad essa è legata la scoperta del quark c.
Un ruolo simile hanno avuto le risonanze mesoniche Y , scoperte nel 1977 al
Fermilab da L. Lederman e collaboratori studiando la produzione inclusiva di
13.1. BARIONI E MESONI 265

Figure 13.8: Sezione d’urto e+ e in: a) adroni, b) +


, c) e+ e (J. J. Augustin
et al.)
266 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Y 13 S Y 0 23 S Y 00 33 S Y 000 43 S
M (GeV ) 9; 46 10; 02 10; 35 10; 86
tot (M eV ) 0; 05 0; 04 0; 03 110
e+ e (KeV ) 1; 32 0; 52 0; 44 0; 31

Table 13.6: Risonanze mesoniche Y.

coppie di muoni per mezzo del processo


+
p + Be (Cu; P t) ! +X

ottenuto inviando un fascio di protoni di 400 GeV su bersagli di Be, Cu e Pt.


Lederman e collaboratori osservarono risonanze strette nel canale + nella
regione di massa invariante intorno a 10 GeV (S. W. Herb et al.,Phys. Rev. Lett.
39, 252 (1977); W. R. Innes et al., Phys. Rev. Lett. 39, 1240 (1977)). Misure
successive con anelli di accumulazione e+ e , fatte con le macchine DORIS di
DESY (Amburgo) e CESR di Cornell, permisero di identi…care quattro distinti
stati Y , Y 0 , Y 00 e Y 000 , le cui caratteristiche sono riportate nella tabella 13.6.
Alle risonanze Y è legata la scoperta del quark b.

Produzione di adroni
Nell’annichilazione e+ e adroni possono essere prodotti non soltanto con un
meccanismo risonante
e+ + e ! R ! adroni
ma anche attraverso il processo non risonante

e+ + e ! adroni

che non dà luogo ad alcun picco nella sezione d’urto totale. Di questo processo,
particolarmente rilevante ad alta energia, parleremo nel paragrafo 13.3.3.

13.2 Composizione in quark degli adroni


Oggi sappiamo che gli adroni sono costituiti da particelle più piccole dette quark,
che, al pari degli elettroni e dei leptoni in genere, possono essere considerate
puntiformi e sono fermioni di spin 1=2. Come accade per i leptoni, ad ogni quark
corrisponde un antiquark, che ha la stessa massa del quark ma ha carica elettrica
opposta come opposta è qualunque altro tipo di "carica". Leptoni e quark sono,
come abbiamo già accennato in precedenza, i costituenti fondamentali della
materia.
I quark (e gli antiquark) sono capaci di interagire tra loro per mezzo di tutti
i tipi di forza conosciuti e, in particolare, sono le uniche particelle fondamentali
che possono interagire tra loro per mezzo dell’interazione forte. Si badi che
la forza forte tra quark non è la stessa che si esercita, per esempio, tra due
nucleoni (o in generale due adroni) pur essendone all’origine; infatti, la forza
nucleare forte tra due nucleoni (tra due adroni) confrontata alla forza forte
tra due quark presenta delle analogie con la forza di Van der Waal quando
questa venga confrontata con la forza coulombiana che si esercita tra due cariche
elettriche puntiformi.
13.2. COMPOSIZIONE IN QUARK DEGLI ADRONI 267

Nome Simb. Q=e B Spin I I3 S~ C~ ~


B T Massa
(GeV =c2 )
1 1 1 1 1
down d 3 3 2 2 2 0 0 0 0 (3 7) 10 3
up u + 23 1
3
1
2
1
2
1
2 0 0 0 0 (1; 5 3) 10 3
1 1 1
strange s 3 3 2 0 0 1 0 0 0 95 10 3
charm c + 23 1
3
1
2 0 0 0 +1 0 0 1; 25
1 1 1
bottom b 3 3 2 0 0 0 0 1 0 4; 2 4; 7
top t + 23 1
3
1
2 0 0 0 0 0 +1 174

Table 13.7: Quarks e loro numeri quantici

Simb. Q=e B Spin I I3 S~ C~ ~


B T Massa
(GeV =c2 )
d + 13 1
3
1
2
1
2 + 12 0 0 0 0 (3 7) 10 3
2 1 1 1
u 3 3 2 2 - 12 0 0 0 0 (1; 5 3) 10 3
s + 13 1
3
1
2 0 0 +1 0 0 0 95 10 3
2 1 1
c 3 3 2 0 0 0 1 0 0 1; 25
b + 13 1
3
1
2 0 0 0 0 +1 0 4; 2 4; 7
2 1 1
t 3 3 2 0 0 0 0 0 1 174

Table 13.8: Antiquarks e loro numeri quantici

La forza forte tra quark ha caratteristiche del tutto peculiari ed è descritta


da una teoria dei campi quantistica, detta QCD, piuttosto complicata e della
quale anche una descrizione sommaria va al di là di questo corso. Tuttavia,
si può rendere conto degli stati adronici con un modello a quark concettual-
mente semplice (modello a quark statico). In base a tale modello i barioni sono
stati a tre quark (tre antiquark per gli antibarioni ) mentre i mesoni sono stati
costituiti da un quark e un antiquark, non neccessariamente dello stesso tipo.
Dato un barione costituito dai quark qa qb qc , l’insieme dei tre antiquark qa qb qc
costituisce l’antibarione del dato barione. Analogamente, dato un mesone cos-
tituito dai quark qa qb , il mesone costituito dai quark qa qb dello stesso tipo, è
l’antiparticella del dato mesone. E’ evidente che mentre un barione è sempre
diverso dal corrispondente antibarione, un mesone può essere identico al cor-
rispondente antimesone; è questo il caso di mesoni formati da un quark e da un
antiquark della stessa specie.
I quark sono in tutto sei e le loro caratteristiche sono riassunte nella tabella
13.7.
Ad essi corrispondono altrettanti antiquark i cui numeri quantici sono ripor-
tati nella tabella 13.8.
Il carattere distintivo che dà il nome ai quark si chiama sapore (f lavour)
ed è giu (down), su (up), strano (strange) , charm, bottom o beauty e top o
thruth rispettivamente per d, u, s, c, b e t. Come già detto, sono tutti fermioni
di spin 12 ed hanno tutti numero barionico 13 . Tre hanno carica elettrica + 23 e
e tre 13 e. Due di essi, i quark u e d, costituiscono un doppietto di isospin.
Gli altri portano un numero quantico additivo, caratteristico di ciascuno di essi,
conservato dalle interazioni forti ed elettromagnetiche; tale numero quantico
disapore è chiamato: stranezza per il quark s, charm per il quark c, beauty o
268 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

l "# (S = 0) "" (S = 1)
0 0 1
1 1+ 0+ ; 1+ ; 2+
2 2 1 ;2 ;3

Table 13.9: Possibili valori dello spin e della parità dei mesoni (…no a l=2).

bottom per il quark b e thruth o top per il quark t. Si noti che l’assegnazione del
numero quantico di sapore è fatta in modo che esso abbia lo stesso segno della
carica elettrica del quark. Gli antiquark (d, u, s, c, b, t) sono caratterizzati da
~ C,
valori opposti di B, I3 , S, ~ B, T . Vale la regola di Gell-Mann e Nishijima

Q Y
= I3 +
e 2
dove Y è l’ipercarica generalizzata de…nita da

Y = B + S~ + C~ + B
~ +T

Gli adroni che contengono il quark s si dicono strani ; analogamente quelli


che contengono c o b si dicono con charm o con beauty. Un adrone che abbia,
per esempio, S~ (o C~ o B o T ) diverso da zero può decadere per interazione forte
o elettromagnetica solo se esistono adroni con S~ 6= 0 e massa più piccola che,
comparendo tra i prodotti di decadimento, permettano di conservare S~ (o C~ o
B o T ). In caso contrario il decadimento non può che essere debole.
Con quali regole si combinano tre quark per formare un barione oppure un
quark e un antiquark per formare un mesone?
Un vincolo assoluto che tali combinazioni debbono soddisfare è fornito dal
fatto sperimentale che la carica elettrica di una particella o è nulla o è un
numero intero di e. Inoltre, il numero barionico è nullo per i mesoni e vale
1 per i barioni. Secondo il sapore dei quark che costituiscono l’adrone, questi
potrà avere uno spin isotopico nullo o diverso da zero e potrà avere diverso da
zero uno o più di uno dei numeri quantici additivi S, ~ C,
~ B, T .
Vediamo allora in dettaglio almeno alcune delle possibili combinazioni e ve-
diamo quali proprietà hanno le particelle a cui tali combinazioni corrispondono.

13.2.1 Mesoni
Poiché i quark sono fermioni di spin 1=2, la coppia qa qb , che costitisce un mesone,
può avere uno spin totale S = 0; 1; inoltre, qa e qb possono orbitare l’uno rispetto
all’altro con un momento angolare l = 0; 1; 2; :::. Gli stati mesonici, pertanto,
avranno un momento angolare totale J = l + S con J = 0; 1; 2::: e parità data
l l+1
da P (qa qb ) = P (qa ) P (qb ) ( 1) = ( 1) . Nella tabella 13.9 sono riportati i
valori di J P per gli stati corrispondenti ai valori più piccoli di l.
Fissato il sapore di qa e qb , l’energia totale dello stato, ovvero la massa del
mesone, dipende da l e cresce al crescere di l. La massa però dipende anche
da S, in quanto la forza forte tra quark dipende dallo spin. I mesoni di massa
più bassa hanno l = 0 e S = 0; essi hanno J P = 0 e sono detti mesoni
pseudoscalari (quelli con J P = 1 si chiaman mesoni vettoriali ).
I mesoni del tipo qa qa hanno carica elettrica e tutti gli altri numeri quantici
additivi nulli; essi sono, pertanto, autostati della C parita con autovalori dati
13.2. COMPOSIZIONE IN QUARK DEGLI ADRONI 269

M esone M assa l S JP I I3 S~ C~ ~
B T
(M eV =c2 )
+
ud 139 0 0 0 1 +1 0 0 0 0
+
ud 771 0 1 1 1 +1 0 0 0 0
ud b+
1 1230 1 0 1+ 1 +1 0 0 0 0
us K+ 494 0 0 0 1=2 +1=2 0 +1 0 0
ds K0 498 0 0 0 1=2 1=2 +1 0 0 0
us K + 892 0 1 1 1=2 +1=2 0 +1 0 0
cd D+ 1869 0 0 0 1=2 +1=2 0 +1 0 0
cs Ds+ 1968 0 0 0 0 0 1 +1 0 0
ub B+ 5279 0 0 0 1=2 +1=2 0 0 +1 0
db B0 5279 0 0 0 1=2 1=2 0 0 +1 0

Table 13.10: Esempi di stati mesonici

da
l+S
( 1)
Tenuto conto del fatto che quark di sapore diverso hanno masse anche molto
diverse, è evidente che oltre alla scala di massa determinata dal momento ango-
lare esiste una gerarchia di massa dei mesoni legata al diverso sapore dei quark
costituenti. Storicamente i quark u, d, s sono detti quark leggeri mentre c, b, t
sono detti quark pesanti ; a parità di altre condizioni, i mesoni che contengono
questi ultimi sono molto più pesanti di quelli fatti dei soli quark leggeri.
Il mesone che in assoluto ha la massa più bassa è il pione; esso è un mesone
pseudoscalare composto di quark u e d. In particolare + ud e ud;
p
0
0
invece è una sovrapposizione con uguale peso di uu e dd ( = uu dd = 2).
Queste combinazioni di quark sono coerenti con il fatto, da noi già visto, che il
pione sia un tripletto di isospin.
Sono stati …nora identi…cati più di cento diversi stati mesonici che coprono
uno spettro di massa che va dalla massa del pione …no a diversi GeV =c2 . Nella
tabella 13.10 riportiamo alcuni esempi.

Mesoni "leggeri"
Limitandosi ai mesoni "leggeri", cioè quelli che non contengono quark pesanti,
tra i mesoni con massa più bassa se ne individuano 18 che si possono raggruppare
in due famiglie di nove membri ciascuna. La prima contiene i mesoni che hanno
spin-parità J P = 0 ed è perciò detta "nonetto pseudoscalare"; la seconda,
detta "nonetto vettoriale", contiene i mesoni che hanno J P = 1 . I due nonetti
sono convenientemente rappresentati in un diagramma bidimensionale nel quale
viene riportata sull’asse delle ascisse la terza componente dello spin isotopico
e sull’asse delle ordinate la stranezza o, in modo equivalente, l’ipercarica (vedi
13.1)de…nita come Y = B + S (…gura 13.9). Si osserva che i membri corrispon-
denti di ciascun nonetto hanno gli stessi numeri quantici interni; infatti, ogni
nonetto contiene un tripletto di isospin di stranezza nulla (S~ = 0), due doppi-
etti di isospin di stranezza S~ = +1 e S~ = 1 rispettivamente e due singoletti di
isospin di stranezza S~ = 0. Si tratta di ; 0 , K 0; K + , K ; K 0 , e 0,
nel caso del nonetto pseudoscalare, e di ; 0 , K 0; K + , K ; K 0 , ! e
, nel caso del nonetto vettoriale.
270 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Figure 13.9: Nonetto dei mesoni pseudoscalari (a) e vettoriali (b).

I I3 S M esone Quarks P rinc: M assa


decad: (M eV =c2 )
+
1 +1 0 ud 139:6
1 1 0 du 139; 6
0 (uup dd)
1 0 0 2
135; 0
1
2 + 12 +1 K+ us 493; 7
1 1
2 2 +1 K0 ds 497; 7
1
2 + 12 1 K0 sd 497; 7
1 1
2 2 1 K su 493; 7
(uu+dpd 2ss)
0 0 0 ' 6
548
0 (uu+dd+ss)
0 0 0 ' p
3
958

Table 13.11: Nonetto dei mesoni pseudoscalari.

I mesoni dei due nonetti sono elencati nelle tabelle 13.11 e 13.12.

13.2.2 Barioni
I tre quark qa qb qc di uno stato barionico possono avere uno spin totale S = 21 ; 32 .
Se ora diciamo l1 il momento angolare del primo quark rispetto al secondo ed l2
del terzo quark rispetto alla coppia dei primi due, il momento angolare orbitale
totale del sistema di tre quark è l = l1 + l2 ed il momento angolare totale
dello stato, cioè lo spin del barione, è J = l + S. Come per i mesoni, a parità
di altre condizioni, gli stati barionici a massa più bassa sono quelli ai quali
corrispondono momenti angolari orbitali l1 e l2 nulli; tali stati hanno, dunque,
spin 1=2 o 3=2 e hanno massa diversa in quanto, come abbiamo già detto per i
mesoni, la forza forte tra i quark è dipendente dallo spin. La parità di questi
stati è positiva essendo semplicemente il prodotto delle parità intrinseche dei
tre quark. Anche per i barioni come per i mesoni si osserva ovviamente una
13.2. COMPOSIZIONE IN QUARK DEGLI ADRONI 271

I I3 S Mesone Quarks Princ. Massa


decad. ( M eV =c2 )
+
1 +1 0 ud 770
1 1 0 du 770
0 (uup dd)
1 0 0 2
770
1
2 + 12 +1 K +
us 892
1 1 0
2 2 +1 K ds 896
1 1 0
2 +2 1 K sd 896
1 1
2 2 1 K su 892
0 0 0 ! ' uu+d
p d
2
+ 0
782
0 0 0 ' ss KK 1020

Table 13.12: Nonetto dei mesoni vettoriali

Barione M assa l S JP I I3 S~ C~ ~
B T
(M eV =c2 )
1 1+ 1
uud p 938 0 2 2 2 + 12 0 0 0 0
1 1+ 1 1
udd n 939 0 2 2 2 2 0 0 0 0
3 3+ 3
uud +
1232 0 2 2 2 + 12 0 0 0 0
+ 1 1+
uus 1189 0 2 2 1 +1 1 0 0 0
1 1+ 1
uss 0
1315 0 2 2 2 + 12 2 0 0 0
3 3+ 1
uss 0
1532 0 2 2 2 + 12 2 0 0 0
+ 1 1+
udc c 2286 0 2 2 0 0 0 +1 0 0
++ 1 1+
uuc c 2455 0 2 2 1 +1 0 +1 0 0
1 1+ 1
usc +
c 2468 0 2 2 2 + 12 1 +1 0 0
0 1 1+
udb b 5624 0 2 2 0 0 0 0 1 0

Table 13.13: Esempi di stati barionici.

gerarchia di massa in funzione del sapore dei quark costituenti. Nella tabella
13.13 sono riportate, a titolo di esempio, alcune combinazioni possibili di tre
quark e i barioni corrispondenti.

Barioni "leggeri"
Limitandosi ai barioni "leggeri", cioè quelli che non contengono quark pesanti,
tra i barioni con massa più bassa se ne individuano dieci con spin-parità J P =
3+ +
2 e otto con spin-parità J P = 12 , Se, analogamente a quanto abbiamo già
fatto per i mesoni, consideriamo i barioni con lo stesso numero barionico, lo
stesso spin e la stessa parità, come i membri di un supermultipletto composto da
+
diversi multipletti di isospin, i barioni con J P = 32 costituiscono un decupletto
+
(tabella 13.14), mentre quelli con J P = 12 costituiscono un ottetto (tabella
5
13.15) .
5 I multipletti di barioni e di mesoni, dei quali si parla con riferimento agli "adroni leg-

geri", sono riferiti ad una simmetria approssimata che si chiama SU (3) di sapore, la cui
rappresentazione fondamentale è il tripletto di stati (u; d; s).
272 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

I I3 m (M eV =c2 )
3 1
2 1 2 0 + 21 +1 + 32
3 0 + ++
2 1232
0 +
1 1385
1 0
2 1530
0 1672

Table 13.14: Decupletto barionico: contiene un quadrupletto di isopsin (delta),


un tripletto (sigma-star), un doppietto (csi-star) ed un singoletto (omega-).

I I3 m M eV =c2
1
1 2 0 + 12 +1
1
2 n p 939
0 1116
0 +
1 1193
1 0
2 1320

Table 13.15: Ottetto barionico: contiene un doppietto di isospin di stranezza


zero (nucleone), un doppietto di stranezza -2 (csi), un tripletto di stranezza -1
(sigma) ed un singoletto di stranezza -1 (lambda).

Come per i mesoni, i membri di un supermultipletto sono convenientemente


rappresentati nel piano (I3 ; S). Il decupletto barionico è mostrato nella …gura
13.10b. Esso risulta composto da un quadrupletto di spin isotopico ( ), un
tripletto ( ), un doppietto ( ) e un singoletto ( )
Tenendo conto dell’isospin, della carica elettrica e della stranezza, è facile
vedere che ogni membro del decupletto ha come quark costituenti quelli in-
dicati in …gura 13.10a. Se la simmetria di isospin delle interazioni forti fosse
esatta, i membri di un multipletto di isospin dovrebbero avere tutti la stessa
massa a meno di piccole di¤erenze attribuibili all’interazione elettromagnetica
che rimuove eventualmente la degenerazione e causa una di¤erenziazione delle
masse dei componenti del multipletto. In e¤etti le di¤erenze, per esempio, tra
le masse dei componenti del quadrupletto di isospin sono dell’ordine di un paio
di MeV e risultano sostanzialmente compatibili con lo "splitting" elettromag-
netico. Poiché le composizioni in quark dei diversi stati di carica del barione
di¤eriscono per il diverso contenuto di quark u e d, possiamo ragionevol-
mente aspettarci che tali quark abbiano la stessa massa o, comunque, che la
loro eventuale di¤erenza di massa sia al più dello stesso ordine dello ”splitting”
elettromagnetico. La di¤erenza di massa6 , che si osserva per ciascun incremento
di stranezza, risulta a sua volta quasi costante e dell’ordine di 150 M eV =c2 . Si
ha infatti

(1385) (1232) ' (1530) (1385) ' (1672) (1533)

(153 145 142 M eV =c2 ). Essa si potrebbe, pertanto, attribuire alla dif-
6 La massa dei quark è un concetto delicato in quanto, non esistendo quark liberi, non è

possibile misurarla. La massa alla quale si fa riferimento in questo paragrafo deve essere intesa
come "massa e¢ cace" cioè quella che il modello attribuisce ai quark quando rende conto delle
masse degli adroni. Essa è cosa diversa da quella riportata nella tabella dei quark.
13.2. COMPOSIZIONE IN QUARK DEGLI ADRONI 273

3+
Figure 13.10: b) Decupletto barionico 2 . a) Quark costituenti dei barioni del
+
decupletto 32 .

1+
Figure 13.11: a) Ottetto barionico 2 . b) Quark costituenti dei barioni
+
dell’ottetto 12 .

ferenza tra la massa del quark s e quella dei quark u e d

ms mu;d 150 M eV =c2

(l’esistenza di fu predetta con il modello a quark tre anni prima della sua
osservazione sperimentale; la sua massa fu stimata con argomenti di questo
genere).
+
L’ottetto barionico con J P = 12 è rappresentato nella …gura 13.11. Esso
è costituito da due doppietti di isospin (nucleone e ), un tripletto ( ) ed un
singoletto ( ).
Nel caso del decupletto ipotizzammo che le masse dei diversi multipletti di
isospin di¤erissero per il contenuto di quark s. Per l’ottetto la stessa ipotesi
dovrebbe dare
M = M ! 1193 1116 M eV =c2
non molto ben veri…cata, e

M MN = M M 150 M eV =c2
274 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

che risulta, invece, abbastanza poco veri…cata in quanto M MN = 177


M eV =c2 e M M = 203 M eV =c2 . E’ chiaro che anche se la di¤erenza
ms mu;d rappresenta il contributo principale alla di¤erenza di massa tra mul-
tipletti di isospin, essa non è da sola su¢ ciente. Tuttavia il modello a quark è
in grado di rendere ragione, in un modo meno semplice ma certo più e¢ cace,
delle masse degli adroni.
Oltre al decupletto ed all’ottetto precedenti si osservano multipletti barionici
di spin più elevato; anch’essi possono essere spiegati in termini di quark u, d
e s, combinandoli tre alla volta e introducendo un momento angolare orbitale
relativo l, per rendere conto dei valori di J osservati.

13.2.3 Spin e colore


Consideriamo i tre membri "d’angolo" del decupletto barionico: ddd, uuu, sss.
Poiché i tre quark degli stati del decupletto hanno spin totale S = 32 ("spin
allineati"), i tre stati considerati sono simmetrici per scambio dello spin o del
sapore dei quark di una qualunque delle tre possibili coppie. Se scriviamo, allora,
la funzione d’onda complessiva dello stato come

= (x) (sapore) (spin)

poiché anche la parte spaziale è simmetrica, essendo l = 0, risulta essere


simmetrica mentre dovrebbe essere antisimmetrica, riferendosi ad uno stato di
tre fermioni identici. Questo problema è stato risolto introducendo un ulte-
riore grado di libertà detto colore e assumendo che ciascun quark di un de-
terminato sapore esista in tre diversi stati di colore: rosso (R) ; verde (G) ;
blu(B). Analogamente ciascun antiquark esiste nei tre stati coniugati di col-
ore: antirosso R ; antiverde G ; antiblu(B). Il colore è un attributo dei
quark analogo alla carica elettrica, anzi, nella teoria di campo che descrive le
interazioni forti, la cromodinamica quantistica o QCD, il colore gioca per le
interazioni forti un ruolo equivalente a quello della carica elettrica per le inter-
azioni elettromagnetiche, così i tre colori sono caratteri distintivi delle cariche
forti. Poichè, a livello di adroni il colore non dà luogo ad alcuna proprietà mis-
urabile, si postula che barioni e mesoni abbiano colore netto nullo (non colorati).
Questo si esprime, in modo più tecnico, dicendo che essi sono singoletti di colore
del gruppo di simmetria dell’interazione di colore. Ciò implica che la funzione
d’onda di un adrone sia antisimmetrica per scambi di colore. Tale funzione
d’onda si scrive come

= (x) (sapore) (spin) (colore)

ove (colore) è antisimmetrica per lo scambio di una qualunque coppia di colori.


L’antisimmetria complessiva di richiede allora che il prodotto (x) (sapore) (spin)
sia simmetrico. Nel caso del decupletto e dell’ottetto barionici di massa più
bassa, (x) è simmetrica perché l = 0; allora, deve essere simmetrico il prodotto
(sapore) (spin). I due multipletti sono, così, simmetrici per lo scambio con-
temporaneo di sapore e spin di una qualunque coppia di quark.
Le evidenze sperimentali in favore dell’esistenza del colore sono innumerevoli
(la QCD, fa parte del cosiddetto delle particelle elementari, che, al momento,
ha trovato solo conferme in tutti i risultati sperimentali acquisiti).
13.3. QUARK E GLUONI: L’INTERAZIONE FORTE 275

13.3 Quark e gluoni: l’interazione forte


13.3.1 Colore e QCD
Abbiamo visto che per risolvere l’apparente violazione del teorema spin statistica
da parte del modello a quark è stato necessario introdurre, oltre al sapore dei
quark, un ulteriore grado di libertà: il colore (O. W. Greenberg, Phys. Rev.
Lett. 13, 598 (1964)). Così, ciascun quark può esistere in tre diversi stati
di colore, che abbiamo indicato convenzionalmente con rosso (R), verde (G) e
blu (B). Poiché a livello di adroni il colore non dà luogo ad alcuna proprietà
misurabile, si può postulare che barioni e mesoni abbiano colore netto nullo,
siano cioè non colorati o bianchi. In altre parole, postuliamo che i quark si
combinino tra loro per formare adroni soltanto in modo che il colore netto
dell’adrone sia nullo.
Naturalmente, il colore di cui parliamo non ha nulla a che vedere con l’ordinario
colore ma è soltanto un modo convenzionale per indicare una caratteristica dei
quark. Esso può essere, piuttosto, pensato come una proprietà analoga alla car-
ica elettrica delle particelle cariche; soltanto che le cariche di colore sono di tre
diversi tipi invece che di un solo tipo come accade per la carica elettrica.
Così come nel caso della carica elettrica (+) esiste l’anticarica (-), che com-
binata con la prima dà una carica netta nulla, anche per i tre colori dobbiamo
ipotizzare l’esistenza dei rispettivi anticolori: R̄, Ḡ, B̄.
I tre colori costituiscono il tripletto fondamentale della simmetria di colore7
e gli adroni, essendo non colorati, sono singoletti di colore.
Tali singoletti possono essere costituiti con:

1. una combinazione antisimmetrica di tre colori che dà luogo ai barioni,

2. una combinazione antisimmetrica di tre anticolori che dà luogo agli an-


tibarioni,

3. una combinazione colore-anticolore che dà luogo ai mesoni.

La necessità di costruire una teoria delle interazioni tra quark portò a ri-
considerare il colore in termini dinamici, attribuendogli un ruolo fondamentale
nell’interazione tra quark anologo al ruolo della carica elettrica nell’interazione
elettromagnetica tra particelle cariche.
La teoria di campo che descrive le interazioni elettromagnetiche è l’elettrodinamica
quantistica (QED): le interazioni sono mediate da bosoni di massa nulla e spin
1, i fotoni, che si accoppiano alla carica elettrica, la quale è conservata sia glob-
almente che localmente. In analogia alla QED è stata sviluppata la teoria di
campo che descrive le interazioni forti tra quark, la cromodinamica quantistica
(QCD): le interazioni tra quark sono mediate anch’esse da bosoni di massa nulla
e spin 1, detti gluoni. I gluoni, che hanno carica elettrica nulla come i fotoni, si
accoppiano alle cariche di colore dei quark con una costante di accoppiamento
forte s analoga alla costante di accoppiamento vista per le interazioni elet-
tromagnetiche. Le cariche di colore hanno, quindi, e¤ettivamente in QCD un
7 Si tratta del gruppo di simmetria SU (3)
C di colore da non confondere con il gruppo
SU (3)S di sapore. Si assume che SU (3)C sia una simmetria esatta delle interazioni forti.
276 CHAPTER 13. ADRONI. INTERAZIONE FORTE

Figure 13.12: Scattering di due quark mediato dallo scambio di un gluone: il


0 0
quark qB emette il gluone gB R trasformandosi nel quark qR ; il quark qR assorbe
il gluone gB R trasformandosi nel quark qB .

ruolo analogo a quello della carica elettrica in QED8 . Questo fatto ci fa intuire
immediatamente che le interazioni forti tra quark devono essere indipendenti
dal sapore, in quanto quark di sapore diverso esistono negli stessi tre stati di
carica di colore. Eventuali di¤erenze devono essere attribuite alle diverse masse
dei quark. La simmetria di isospin degli adroni leggeri è la manifestazione più
evidente di questa indipendenza dal sapore, in quanto le masse dei quark u e d
sono praticamente uguali.
Esiste una di¤erenza fondamentale tra QED e QCD: mentre i fotoni non
hanno carica elettrica, i gluoni sono colorati, hanno cioè carica di colore diversa
da zero. Quando due quark (colorati) interagiscono tra loro scambiandosi un
gluone c’è, dunque, un ‡usso di colore tra di loro. La carica di colore è conservata
in QCD come la carica elettrica lo è in QED: questo implica che i gluoni siano
bicolorati. Per comprenderlo consideriamo lo scattering quark-quark mediato
dallo scambio di un gluone, come indicato nel gra…co in …gura 13.12. Il quark
0 0
qB emette il gluone gB R trasformandosi nel quark qR ; il quark qR assorbe il
gluone gB R trasformandosi nel quark qB . I due quark si scambiano il colore.
I gluoni, pertanto, portano delle combinazioni colore-anticolore ed esistono
otto diversi gluoni. Quindi, a di¤erenza della QED, nella quale c’è un solo tipo
di quanto di campo (il fotone), in QCD ci sono otto diversi quanti di campo. La
di¤erenza, però, è ancora più profonda. Infatti, mentre il fotone non ha carica
elettrica, i quanti della QCD, i gluoni, portano carica di colore e, perciò, possono
accoppiarsi non soltanto ai quark ma anche tra di loro. Se consideriamo i gra…ci
di Feynman, in QED esiste il solo vertice fondamentale mostrato dalla parte a)
della …gura 13.13; esso rappresenta, secondo i casi, o l’assorbimento di un fotone
da parte di una particella carica o l’emissione di un fotone o l’annichilazione in
un fotone di una coppia particella-antiparticella. Il fatto che i gluoni abbiano
carica di colore fa sì che in QCD esistano i tre vertici fondamentali rappresentati
dalle parti b), c) e d) della …gura 13.13. Oltre al vertice b), analogo a quello
QED, esiste infatti il vertice a tre gluoni c) e il vertice a quattro gluoni d), che
rappresenta uno scattering gluone-gluone per mezzo di una inter