Sei sulla pagina 1di 3

PROVA

 D’ORCHESTRA  
Primo  convegno  nazionale  sulle  big  band  
Bologna,  10-­‐11  ottobre  2020  
 
 
Il   10   e   l’11   ottobre   2020,   presso   la   Sala   Eventi   del   Museo   internazionale   e   biblioteca   della   musica   di  
Bologna,  si  è  tenuto  il  primo  convegno  nazionale  sulle  orchestre  di  jazz.  
Organizzato   dall’associazione   culturale   Jazz   Network   di   Ravenna,   in   collaborazione   con   JIP-­‐Jazz   Italian  
Platform,  Bologna  Jazz  Festival  e  Jazz  Club  Ferrara,  e  con  il  contributo  del  MiBACT  -­‐  Bando  “Progetti  mirati  
alla  diffusione  della  musica  jazzistica  italiana”,  “Prova  d’Orchestra”  ha  riunito  attorno  al  tavolo  di  lavoro  una  
trentina   di   direttori   d’orchestra   italiani,   oltre   ad   alcuni   promoter   in   rappresentanza   dei   soggetti  
organizzatori:   Sandra   Costantini   (Jazz   Network/JIP),   Federico   Mutti   (Bologna   Jazz   Festival/JIP),   Francesco  
Bettini  (Jazz  Club  Ferrara/JIP),  Giancarlo  Di  Napoli  (Ancona  Jazz),  Pompeo  Benincasa  (Catania  Jazz/JIP).    
Tema  del  convegno,  l’analisi  dello  status  quo  e  lo  sviluppo  di  proposte  per  la  valorizzazione  di  un  settore  
che,   spesso   in   assenza   di   qualsiasi   sostegno   pubblico,   garantisce   più   ampie   possibilità   espressive   e   ricadute  
occupazionali.  
Riservato   agli   invitati,   il   convegno   si   è   svolto   nel   pomeriggio   di   sabato   10   ottobre   e   nella   mattinata   di  
domenica   11   ottobre.   La   sera   del   10,   si   è   esibita   in   concerto,   anch’esso   riservato   ai   convegnisti,   la  
Unscientific  Italians  Play  the  Music  of  Bill  Frisell,  orchestra  di  11  elementi  diretta  da  Alfonso  Santimone.  
Questo  l’elenco  in  ordine  alfabetico  dei  26  direttori  partecipanti:  Cristiano  Arcelli,  Dino  Betti  van  der  Noot,  
Piero   Bittolo   Bon,   Silvia   Bolognesi,   Riccardo   Brazzale,   Paolo   Damiani,   Cettina   Donato,   Franco   Emaldi,  
Ferdinando   Faraò,   Riccardo   Fassi,   Marco   Ferri,   Maurizio   Giammarco,   Cristiano   Giardini,   Nico   Gori,   Pasquale  
Innarella,   Pino   Jodice,   Ettore   Martin,   Massimo   Morganti,   Massimo   Nunzi,   Piero   Odorici,   Mauro   Ottolini,  
Fabio  Petretti,  Nicola  Pisani,  Maurizio  Rolli,  Alfonso  Santimone,  Tommaso  Ussardi.  
 
Quel   che   segue   è   un   sunto   delle   idee   e   delle   proposte   uscite   dai   due   giorni   di   confronto,   primo   passo   di   un  
percorso   che   continuerà   il   suo   cammino.   L’intenzione   è   di   diffondere   e   sottoporre   questo   documento   a  
tutti   i   direttori   d’orchestra   interessati,   allargando   la   platea   il   più   possibile,   sotto   il   segno   dell’inclusività,  
nell’ottica  di  un’azione  corale  per  raggiungere  obiettivi  comuni.  Si  auspica  in  questo  senso  la  costituzione  di  
una   rete   nazionale   di   direttori   d’orchestra,   che   elegga   al   proprio   interno   un   nucleo   rappresentativo,   con  
funzioni   di   coordinamento,   che   si   faccia   portavoce   delle   istanze   condivise,   nei   modi   e   nelle   sedi   opportune,  
presso  il  mondo  del  jazz,  le  istituzioni,  la  politica,  l’amministrazione  pubblica,  gli  operatori,  la  stampa.  
 
Premessa  
Il   tema   specifico   che   il   convegno   vuole   affrontare   è   il   sostegno   e   lo   sviluppo   delle   orchestre   di   jazz,   un  
tessuto  diffuso  in  tutto  il  paese,  non  solo  luogo  fondamentale  di  produzione  musicale,  ma  anche  strumento  
di   esperienza,   crescita   professionale,   aggregazione   sociale.   Accade   però   che   queste   strutture   siano   oggetto  
di  discriminazione,  e  l’obiettivo  è  quello  di  modificare  tale  situazione,  a  cominciare  dalla  normativa  vigente,  
in  cui  si  sono  individuate  alcune  strettoie  e  incongruenze.    
Lo   Stato   incoraggia   e   premia   la   pratica   orchestrale   in   ogni   modo   possibile.   Per   chiarire   questo   concetto,  
occorre  analizzare  i  numeri.  Nel  2020  il  FUS  somma  complessivamente  circa  348  milioni  di  euro.  Di  questa  
cifra,  oltre  il  52%  va  alle  fondazioni  lirico-­‐sinfoniche  per  un  importo  di  oltre  180  milioni  di  euro.  Di  questa  
cifra   ovviamente   una   buona   parte   va   a   sostenere   quelle   che   una   volta   si   definivano   "masse   orchestrali   e  
corali".   Il   resto   del   settore   musicale   è   finanziato   per   il   18%   del   FUS,   equivalente   all'incirca   alla   somma   di   62  
milioni  e  500.000  euro.    
In  questa  cifra,  15  milioni  e  650.000  euro  vanno  alle  ICO  (Istituzioni  Concertistico-­‐Orchestrali),  che  sono  le  
orchestre  stabili  delle  Regioni,  ma  c'è  anche  1  milione  e  100.000  euro  per  i  complessi  strumentali  e  circa  
987.000  euro  per  la  lirica  ordinaria  che  pure  si  avvale  di  formazioni  orchestrali.    
Sempre  all'interno  del  FUS,  le  orchestre  giovanili  avevano  un  budget  di  700.000  euro  che  è  poi  stato  ridotto  
a  350.000.  Ora  per  queste  formazioni  sono  in  corso  anche  progetti  speciali  triennali:  ad  esempio  in  Emilia  
Romagna  ce  ne  sono  ben  due,  l'Orchestra  Giovanile  Cherubini  di  Riccardo  Muti  (con  sede  a  Piacenza)  che  
riceve   un   contributo   di   500.000   euro,   e   la   EUYO   European   Union   Youth   Orchestra   di   Ferrara   che   è  
sovvenzionata  per  300.000.    
Da  qualche  anno  inoltre  non  viene  più  finanziata  nel  FUS  la  ANBIMA  Associazione  delle  Bande  (Associazione  
Nazionale   delle   Bande   Italiane   Musicali   Autonome),   che   è   però   sostenuta   attraverso   altre   forme   di  
finanziamento.  
Per  dare  un'idea  delle  proporzioni,  l'intero  ammontare  dei  fondi  destinati  alla  concertistica  (dove  sta  gran  
parte   dell'attività)   è   di   14   milioni   600.000   euro,   cioè   meno   di   quanto   va   alle   ICO   (che   sono   14,   mentre   i  
soggetti  della  concertistica  sono  centinaia).    
Tutto   ciò   dimostra   l'assunto   iniziale,   cioè   che   lo   Stato   incoraggia   massicciamente   la   pratica   orchestrale.  
Accade   però   che   a   questo   imponente   monte   risorse   le   orchestre   di   jazz   non   possono   accedere   perché   la  
legislazione  è  stata  a  suo  tempo  modellata  sulle  orchestre  sinfoniche,  quindi  le  orchestre  jazz  non  hanno  i  
requisiti   di   organico,   giornate   lavorative,   contributi   previdenziali   etc.   che   consentono   di   accedere   ai  
finanziamenti.   Spesso   inoltre   le   orchestre   jazz   non   sono   costituite,   non   hanno   una   ragione   sociale   (altro  
requisito  richiesto).    
L'implicazione  però  è  che  una  norma  amministrativa  finisce  per  essere  una  censura  di  tipo  culturale,  ciò  che  
certamente  non  è  nelle  intenzioni  dello  Stato.  
Tale   incongruenza,   ancor   più   ingiustificata   oggi   di   fronte   a   un   fiorire   massiccio   di   orchestre   jazz   in   tutta  
Italia,   va   segnalata   al   Ministero,   affinché   ponga   fine   alla   discriminazione   di   trattamento   modificando   la  
legislazione  vigente.  
Lo  Stato  sostiene  le  orchestre  perché  la  dimensione  delle  strutture  in  un  mercato  privato  non  starebbe  in  
piedi,   sarebbe   anti-­‐economico.   L'aspetto   occupazionale,   il   sostegno   del   lavoro,   è   altro   scopo   esplicito.  
Questo   vale   per   gli   organici   di   50-­‐100   elementi   delle   orchestre   sinfoniche,   ma   vale   su   scala   più   ridotta  
anche  per  il  jazz.    
 
 
Proposte  operative  
 
-­‐ richiedere  la  parità  di  genere  musicale,  e  di  conseguenza  l’adeguamento  del  monte  risorse  per  il  
settore,  è  la  prima  battaglia  da  intraprendere;  il  jazz  rappresenta  l’1,13%  del  FUS;  una  sola  
associazione  classica  oggi  riceve  a  livello  di  contributi  quanto  tutto  il  jazz  messo  assieme;  il  jazz  è  
una  musica  diffusa,  questo  è  un  concetto  da  comunicare;  
 
-­‐ far  adeguare  la  normativa  FUS  per  permettere  l’accesso  alle  domande  da  parte  delle  orchestre  di  
jazz,  ora  escluse  da  requisiti  modellati  sulle  orchestre  classiche;  
 
-­‐ osservare  e  studiare  le  esperienze  straniere,  le  molte  orchestre  estere  (specie  nel  Nord  Europa)  
finanziate  dagli  Stati  e  dalle  istituzioni,  per  trovare  spunti  e  indicazioni  da  seguire;  
 
-­‐ creazione  di  una  rete  di  orchestre  nazionale,  organizzata  in  gruppi  di  lavoro  collettivi  (magari  su  
basi  regionali)  e  un  nucleo  di  coordinamento,  che  rilanci  il  concetto  di  “cultura  orchestrale”,  si  
adoperi  per  il  raggiungimento  di  una  propria  “identità”,  porti  avanti  le  istanze  dell’intero  settore;  
 
-­‐ creazione  di  orchestre  regionali,  opportunità  per  i  giovani  musicisti  di  fare  esperienze  formative,  
imparare,  crescere;  l’orchestra  come  laboratorio  permanente,  vivaio  di  nuovi  talenti;    
 
-­‐ creazione  di  un  rapporto  stretto  con  i  festival  e  i  promoter,  che  parta  da  un  confronto  per  meglio  
comprendere  le  esigenze  reciproche  ed  arrivi  a  un  sostegno  vicendevole:  i  festival  potrebbero  
aprire  i  loro  calendari  alle  orchestre  (magari  attraverso  l’istituzione  di  orchestre  “residenti”,  con  cui  
si  possa  mettere  in  piedi  un  lavoro  di  lungo  respiro;  slogan  “adotta  una  big  band”),  aiutando  da  un  
lato  la  diffusione  della  “cultura  orchestrale”,  educando  il  pubblico,  e  dall’altro  sostenendo  le  
strutture  dando  loro  opportunità  di  lavoro  e  di  visibilità;  le  orchestre,  se  si  organizzano  e  si  
strutturano,  a  cominciare  dal  costituirsi  in  una  qualche  forma  associativa,  potrebbero  accedere  a  
finanziamenti  e  sovvenzioni  e  di  conseguenza  alleggerire  il  carico  economico  che  grava  sui  
promoter  che  le  ingaggiano;  
 
-­‐ rafforzare  e  valorizzare  il  rapporto  con  il  territorio,  i  suoi  luoghi  e  le  sue  realtà:  al  di  là  dei  festival,  le  
scuole,  i  conservatori,  gli  operatori  culturali,  le  amministrazioni  locali…  
 
-­‐ snellimento  della  burocrazia  (aiuterebbe  sia  le  orchestre  che  chi  le  ingaggia),  ad  esempio  attraverso  
l’istituzione  di  voucher,  che  allevierebbero  il  peso  di  un’eccessiva  fiscalità,  ricarichi  di  tasse  ed  ex-­‐
Enpals  insostenibili  per  organici  elevati;  abolizione  del  certificato  di  agibilità:  viste  le  difficoltà  di  
aprire  agibilità  adeguate,  si  finisce  per  ricorrere  al  versamento  del  minimo  Enpals,  e  ad  essere  
penalizzati  sono  i  musicisti;  
 
-­‐ per  quei  pochi  soggetti  orchestrali  che  riescono  ad  accedere  al  FUS,  il  fatto  che  sia  basato  in  
prevalenza  su  aspetti  quantitativi  costringe  ad  aumentare  sempre  più  il  numero  dei  concerti  
riducendo  però  gli  organici;  l’aspetto  qualitativo  andrebbe  maggiormente  valutato;  così  come  
andrebbero  accelerati  i  tempi  di  erogazione  dei  contributi,  altrimenti  la  gestione  diventa  
insostenibile  e  i  soggetti  rischiano  di  chiudere  l’attività;    
 
-­‐ necessità  di  allargare  la  base  e  aiutare  dal  basso  questo  movimento,  è  fondamentale  per  dare  un  
contributo  educativo  e  culturale;  il  lavoro  nelle  e  con  le  scuole  è  fondamentale;  c’è  una  mancanza  
di  raccordo  in  tutta  la  struttura  educativa  che  riguarda  la  musica,  mancano  i  licei  musicali,  gli  snodi  
intermedi  tra  scuola  primaria  e  conservatorio,  manca  un  piano  educativo  dedicato  alla  crescita  di  
artisti;  necessario  lavorare  coi  minori,  con  alunni  e  studenti,  per  diffondere  la  cultura  jazzistica  ed  
allargare  la  platea  di  domani;  
 
-­‐ “professionalizzare”  le  orchestre;  strutturandosi  ed  entrando  in  un’ottica  di  accesso  al  sostegno  
pubblico  (FUS,  bandi  nazionali  e  regionali…),  saranno  in  grado  di  uscire  dalla  prassi  del  volontariato  
(autotassazione,  musicisti  che  lavorano  gratis…)  e  avere  un  minimo  di  progettualità,  programmare  
guardando  avanti  e  concentrarsi  sulla  creazione  di  nuove  musiche  e  nuovi  arrangiamenti,  sulla  
produzione,  sull’attività;    
 
-­‐ lanciare  una  campagna  pubblicitaria  “a  messaggio”  (sorta  di  “pubblicità  progresso”,  ad  esempio  
tramite  spot  sui  social)  che  ridia  lustro  e  vigore  all’orchestra  jazz,  veicolando  le  sue  meraviglie,  la  
sua  capacità  di  impatto  sonoro,  di    grande  coinvolgimento  emotivo;  nonché  i  suoi  messaggi:  è  un  
lavoro  collettivo,  non  si  basa  sull’idolatria  di  singoli,  si  lavora  assieme  su  idee,  la  diversità  significa  
ricchezza,  la  socialità  contrapposta  all’individualismo;  l’orchestra  è  un  bene  pubblico,  il  cui  valore  va  
sottolineato  e  riconosciuto;  va  riconosciuto  il  valore  culturale,  sociale  e  artistico  dell’orchestra  jazz,  
occorre  dichiararlo  e  il  messaggio  va  fatto  circolare;  
 
-­‐ realizzare  un  festival  nazionale  di  big  band;  lanciare  una  campagna  100  orchestre  per  100  città;  
stabilire  un  giorno  l’anno  prossimo  in  cui  in  tutte  le  città  italiane  suona  un’orchestra…  
 
-­‐ creare  un  sito,  con  un  database  condiviso  con  la  mappatura/censimento  delle  orchestre  di  jazz  
italiane  esistenti;  
 
-­‐ creare  una  mailing  list  e  una  chat  su  whatsapp  di  tutti  i  direttori  per  una  comunicazione  in  tempo  
reale,  per  far  circuitare  idee  e  condividere  iniziative  e  azioni  comuni,  a  cominciare  da  questo  
documento;    
 
-­‐ in  prospettiva,  organizzare  corsi  di  formazione  e  corsi  di  aggiornamento  e  quant’altro  possa  
risultare  utile  all’intero  settore.  
 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche