Sei sulla pagina 1di 4

CONCERTO STABELLO

23/06/2018

Signore e Signori, buonasera, e benvenuti al primo concerto dell’anno della Premiata Banda Musicale di
Zogno. Tutti i musicanti, il Maestro Pierluigi Brignoli ed il Presidente con il Consiglio Direttivo vi porgono i
loro più calorosi saluti e vi ringraziamento per la vostra presenza in questa serata di musica insieme.

Un ringraziamento speciale all’Amministrazione Comunale di Zogno, ed in particolare all’assessore Barbara


Carminati, che è sempre attenta ed interessata all’attività della nostra Banda ed anche quest’anno ha
deciso di patrocinare e organizzare insieme a noi questo concerto che usualmente si tiene nelle frazioni di
Zogno: quest’anno ci troviamo qui, a Stabello. Un ringraziamento anche e a don Luca e a tutta la Comunità
di Stabello per l’accoglienza e la concessione dell’utilizzo degli spazi.

La nostra Banda, che ricordiamo è stata fondata nel lontano 1852, questa sera, sotto la direzione del
Maestro Pierluigi Brignoli, presenterà un repertorio completamente rinnovato composto da sette pezzi.

Sono lieta di essere qui con voi per presentarvi i brani che verranno eseguiti dalla nostra Banda: lasciamo
quindi subito spazio alla musica!

Il filo conduttore di questo concerto sarà l’AMORE: lo ritroveremo dalle composizioni di Rossini (di cui
quest’anno ricorrono i centocinquant’anni dalla morte) alle più moderne colonne sonore dei film. Apriamo
dunque il concerto!
SINFONIA DA LA CAMBIALE DI MATRIMONIO

La cambiale di matrimonio è una farsa musicata da Gioachino Rossini, di cui quest’anno ricorre il 150°
anniversario di morte. Rossini compose questo brano quando aveva soltanto diciotto anni. Non è la prima
opera che il compositore pesarese scrisse ma fu la prima ad essere messa in scena.

La vicenda si svolge nel salotto, "semplicemente elegante", della casa del ricco mercante Tobia Mill.
Sua figlia, la giovane Fanny, è stata promessa in sposa suo malgrado firma di una "cambiale di matrimonio",
al maturo corrispondente americano Mr. Slook. Fanny è invece INNAMORATA, corrisposta, di Edoardo
Milfort amico di famiglie, quando Slook giunge entusiasta dall'America per "ritirare la sposa" i nodi non
possono che venire al pettine.

Il lieto fine è comunque garantito: Slook girerà la cambiale a beneficio del giovane Edoardo.

OBLIVION

Oblivion è una musica di Astor Piazzolla, un Tango Nuevo complesso, introspettivo e struggente (Oblivion
significa oblio). La ricerca ritmica e melodica di Astor Piazzolla si esprime in queste composizioni dove
l’anima del Tango Argentino, ballo intimo e che sottintende un’intesa SENTIMENTALE, si riscopre nelle
contaminazioni con altri ritmi, nella ricerca melodica con l’utilizzo di strumenti non legati alla tradizione
Argentina.

Dopottutto la musica del Tango Argentino è nata e si è evoluta proprio così: con le combinazioni di ritmi di
diverse provenienze e con la ricerca dei primi compositori e musicisti, in una nazione che riceveva migliaia
di immigranti da diverse culture anche molto lontane tra loro.
SUITE ON GREEK LOVE SONGS

Suite on Greek Love Songs, dell’olandese Henk van Lijnschooten, è basata su canzoni folcloriche greche. Nel
testo delle canzoni la donna si prende gioco continuamente delle dichiarazioni d'AMORE dell'uomo. 

Avevo un amato che mi prendeva in giro senza cuore.  Ma per me rimarrà sempre l'unica al mondo. Il
carattere ironico del primo pezzo si riflette nella musica dal ritmo veloce ed irregolare

Il secondo movimento ha una natura più espressiva. Quando ero un ragazzino, mi sono innamorato di una
pastorella.  Mi ha baciato e ha detto: sei troppo giovane per amare. Il ragazzo cresce per diventare un uomo
ma nel frattempo deve continuare la sua vita con il pensiero di quel bacio indimenticabile.

Terzo movimento: I tuoi occhi sono neri come le olive e quando ti bacio mi stringo sulle gambe e mi sento
debole e nervoso.  Il guiro riflette i brividi, mentre la melodia veloce e soffocante simboleggia chiaramente il
nervosismo.

L'allegra parte finale illustra una strana storia dal carattere dispettoso. Quando entro nel giardino del
monastero vedo un melo in cui è seduta una suora.  Le chiedo se possiamo costruire un nido
insieme.  Tuttavia, mi spinge fuori dal giardino e lascia cadere una pioggia di mele su di me.

LOVE STORY

Love Story è un film drammatico del 1970 diretto da Arthur Hiller. Il film ricevette 7 nomination (tra cui
Miglior Film) e vinse un Oscar per la musica di Francis Lai.

Il giovane Oliver Barrett, ricco studente di Harvard incontra in una biblioteca l'italoamericana Jennifer
Cavalleri, una semplice studentessa di musica. Nonostante le differenze sociali i due si AMANO
profondamente e decidono di sposarsi. Per coronare il loro sogno d'amore entrambi sono costretti a
rinunciare a qualcosa. Queste scelte li costringono a vivere in severe ristrettezze economiche.

Quando finalmente Oliver viene assunto da un prestigioso studio legale di New York e Jennifer può
smettere di lavorare, la coppia decide di mettere su famiglia, ma non riescono ad avere figli. Entrambi si
sottopongono ad accertamenti clinici dai quali si scopre che Jennifer è affetta da una forma di leucemia
fulminante e che le resta poco da vivere.

[INTERVALLO: interventi Comune, Prete, Michele, …]


WEST SIDE STORY

West Side Story è un musical composto dal celebre direttore d’orchestra americano Leonard Bernstein di
cui quest’anno ricorre il centenario dalla nascita. La vicenda è liberamente tratta dalla TRAGEDIA DI
WILLIAM SHAKESPEARE ROMEO E GIULIETTA ma ambientato nell'Upper West Side della New York della
metà degli anni 50. West Side Story racconta delle rivalità tra due bande di adolescenti: gli Sharks,
composta da immigrati portoricani, e i Jets, una gang di ragazzi bianchi. In questo clima di odio e
intolleranza, Tony, un ex Jets si innamora di Maria, la sorella del leader degli Sharks. Con le sue tematiche
complesse, la colonna sonora sofisticata, l'interesse per tematiche sociali e razziali e le lunghe sequenze
danzate, West Side Story segnò un punto di svolta nel teatro musicale. La colonna sonora, firmata da
Leonard Bernstein è qui presentata in un accattivante arrangiamento del giapponese Naohiro Iwai e
raccoglie alcuni grandi capolavori come Tonight, America e Mambo.

OUT OF AFRICA

La mia Africa (Out of Africa) è un film del 1985 diretto da Sydney Pollack, ispirato all'omonimo romanzo
autobiografico di Karen Blixen. Meryl Streep interpreta Blixen, mentre Robert Redford impersona Denys
Finch-Hatton, un cacciatore con cui Karen Blixen vive una romantica storia d'AMORE ai tempi della prima
guerra mondiale.

La composizione della colonna sonora fu affidata a John Barry, compositore americano noto per aver scritto
il tema musicale di James Bond e le musiche per il film Balla coi Lupi. Per la colonna sonora di Out of Africa
John Barry si guadagnò il quarto oscar della sua carriera.

OVERTURE DA L’ITALIANA IN ALGERI

L'Italiana in Algeri è un'opera lirica in due atti di Gioachino Rossini. Il testo dell’opera si ispirava vagamente
ad un fatto di cronaca realmente accaduto: la vicenda di una signora milanese rapita dai corsari nel 1805,
portata nell'harem del Bey di Algeri Mustafà-ibn-Ibrahim e poi ritornata in Italia. Per la perfetta
commistione fra SENTIMENTALE, buffo e serio, l'opera è stata definita da Stendhal come "la perfezione del
genere buffo". Per l’opera Rossini un’overture strettamente legata alle vicende del melodramma. Grazie
all’esuberanza della musica turca creata da Rossini, che contrasta con i più intimi passaggi da camera,
veniamo trasportati immediatamente nelle atmosfere dell’impero ottomano.

Con questo brano concludiamo il concerto, salutandovi e ringraziandovi per la presenza e per l’ascolto.
Nella speranza di avervi coinvolto ed emozionato vi auguriamo una buona serata e vi invitiamo al nostro
prossimo concerto, mercoledì 25 luglio a Zogno in occasione del patrono S. Lorenzo.

Diretta dal maestro Pierluigi Brignoli, ecco a voi “Overture da l’italiana in Algeri”.