Sei sulla pagina 1di 14

By Gabryk Pagina 1 21/01/2002

Orion & family

Il Grande Tomo Degli Indovinelli


Versione 1.0

Indovinelli
1.1 Insegnante, apre il suo libro.
1.2 Le mie punte sono lunghe.
Le mie punte sono corte.
Le mie punte finiscono qui.
Il mio primo rapporto.
1.3 Ci giri sulla schiena
e apri i nostri stomaci
diverrai il più saggio degli uomini
ma quando hai iniziato eri stupido
1.4 Il cane affamato ulula
per una crosta di pane.
Il suo grido non va udito
E va lontano lassù.
1.5 Seppellisci profondo,
Ammucchi pietre,
ancora
dissotterri le ossa.
1.6 Una stoffa poveramente tinta
e un albeggiante cielo mattiniero
sono la stessa cosa?
1.7 Accade una volta in ogni minuto
Due volte in ogni momento
E ancora mai in centomila anni.
1.8 Il mio primo indossa il mio secondo, potrebbe essere il mio terzo
Quello che acquisterebbe il mio primo se fosse andato al mare
Metti insieme il mio primo, secondo e terzo
E la bella del regno è la ragazza per me
1.9 Mai davanti, mai dietro,
volo ancora rapidamente al passato;
per un bambino duro per sempre,
per i maggiorenni sono andato troppo veloce
1.10 Due cavalli, i più veloci
sono imbrigliati insieme, e
non pascolano mai
in luoghi distanti da loro
2.1 Si può dire:
By Gabryk Pagina 2 21/01/2002
Orion & family
Essere oro è essere buono;
Essere pietra è essere nulla;
Essere vetro è essere fragile;
Essere freddo è essere crudele.
Non metaforicamente, cosa sono io?
2.2 Essa è rotonda,
ancora piatta come un asse
altare del Dio lupino
perla su velluto nero
gioiello nel mare
immutata, mai cambia
eternamente.
2.3 Due volte quattro e venti merli
seduta nella pioggia
Io sparo e uccido un quarto di essi
Quanti ne rimangono?
2.4 Il primo sarà l’ultimo
l’ultimo sarà il primo
e tutto in mezzo sarà anche maledetto
apri la porta e la cosa sarà là
così stai attento e guardati da lei!
2.5 Ha una testa dorata.
Ha una coda dorata.
Ma non ha ottenuto un corpo.
2.6 Un serpente coriaceo,
Con un morso pungente
Starò avvolto a spirale,
A meno che non debba lottare.
2.7 La mia vita può essere misurata in ore,
Servo per essere divorato.
Sottile, sono rapido
Grasso, sono lento
Il vento è il mio nemico.
2.8 Quello ha radici come nessuno vede,
è più alto degli alberi,
su, lui va su,
e ancora non cresce mai?
2.9 Senza voce piange.
Senza ali svolazza.
Senza denti morde.
Senza bocca brontola.
2.10 Un occhio in una faccia blu
vede un occhio in una faccia verde.
"Quello è come questo occhio"
By Gabryk Pagina 3 21/01/2002
Orion & family
disse il primo occhio,
"Ma in un luogo basso,
non in alto."
3.1 Non può essere visto, non può essere provato,
non può essere sentito, non può essere odorato.
Mente dietro alle stelle e sotto le colline,
e buchi vuoti che riempie.
Viene per primo e segue dopo,
ferma la vita, uccide risata.
3.2 Una scatola senza cardini, chiave, o coperchio,
ancora un tesoro vi è nascosto.
3.3 Questa cosa divora ogni cosa:
uccelli, bestie, alberi, fiori;
morde ferro, morde acciaio;
macina pietre dure a pranzo;
uccide re, rovina città,
e abbatte alte montagne.
3.4 Puoi provarlo, ma non potrai mai vederlo.
3.5 Devi tenerlo dopo che l’ hai dato.
3.6 Tanto luminoso quanto una penna, ma non puoi tenerlo per dieci minuti.
3.7 Ha una bocca ma non parla, ha un letto ma non dorme.
3.8 Corre più veloce di ogni rima, ama cadere ma non può scalare!
3.9 Lo rompi se lo nomini
3.10 Passa davanti al sole e non fa ombra.
4.1 Tu l’alimenti, vive, gli dai qualcosa da bere, muore.
4.2 Un tamburo rosso che suona
senza essere toccato,
e cresce zitto,
quando è toccato.
4.3 Se mi rompi
Non smetto di lavorare,
Se mi tocchi
Posso essere intrappolato,
Se mi perdi
Nulla importerà.
4.4 E' tutto intorno, ma non può essere visto,
Può essere catturato, non può essere tenuto
Non ha gola, ma può essere sentito.
4.5 Vado intorno in cerchio,
ma sempre diritto avanti,
non mi lagno mai,
non mi importa dove mi portano.
4.6 Più leggero di quello
che sono fatto,
By Gabryk Pagina 4 21/01/2002
Orion & family
la maggior parte di me è più nascosta
che visibile.
4.7 Se un uomo portasse il mio carico,
si romperebbe la schiena.
Non sono ricco,
ma lascio argento sulla mia strada.
4.8 Peso nel mio ventre,
alberi sulla mia schiena,
unghie nelle mie costole,
piedi di cui sono priva.
4.9 Non puoi vedere nient'altro
quando guardi la mia faccia,
io ti guarderò negli occhi
e non mentirò mai.
4.10 Sono sempre affamato,
devo essere alimentato sempre,
il dito che lecco
diventerà presto rosso.
5.1 Ho tre vite.
sono abbastanza gentile da calmare la pelle,
abbastanza luminoso da carezzare il cielo
duro abbastanza da rompere la roccia.
5.2 Punta brillante
che cade verso il basso,
lance scintillanti
che non arrugginiscono mai.
5.3 Ciascuna mattina appaio
per mentire ai tuoi piedi,
tutto il giorno ti seguo
corro veloce come te,
io quasi perisco
nel sole del mezzogiorno.
5.4 Chiavi senza serrature
eppure apro l'anima.
5.5 Qualche cosa completamente irreale, tuttavia mi sembra vero
pensa al mio amico, dimmi: dove mente?
5.6 Sono così semplice,
che posso solo indicare
eppure guido uomini
in tutto il mondo.
5.7 Il fratello di un mendicante è uscito a mare e è affogato.
ma l'uomo che è affogato non aveva fratello.
qual'è la relazione tra l'uomo che è affogato ed il mendicante?
5.8 Per la nostra ambrosia siamo state benedette
By Gabryk Pagina 5 21/01/2002
Orion & family
da Giove con un aculeo di morte.
sebbene la nostra forza, qualcuno si burla di noi,
abbiamo represso il fiato del dragone.
Chi siamo?
5.9 Uno magro, uno ardito,
uno malato, uno freddo.
attraversiamo la Terra,
per predare l’uomo.
Chi siamo?
5.10 Uno dove nessuno dovrebbe essere,
o forse dove due dovrebbero essere,
cercando purezza esterna,
negli alberi dei re.
Cosa sono?
6.1 Colui che lo fa non lo tiene.
Colui che lo prende non lo conosce.
Colui che sa di non volerlo.
Colui che lo raggruppa deve distruggerlo.
Chi è costui?
6.2 Un dente per mordere,
è il nemico delle foreste.
Un dente per lottare,
come tutto il nord sa.
Cos'è?
6.3 Questa creatura, parte uomo e parte albero,
odia la termite come la pulce.
Le sue orme non si assomigliano,
e il suo arto si può staccare,
ma non è una creatura strana da vedere.
Cos'è?
6.4 La parte dell'uccello
che non è nel cielo,
che può nuotare nell'oceano
ed è sempre asciutta.
Qual'è?
6.5 Morto e limita
quello che una volta era libero.
Non ha fatto nessun suono,
ora canta con allegria.
Cos'è?
6.6 La radice supera il tronco
su questa cosa a ritroso
cresce nell'inverno
e muore nella primavera.
By Gabryk Pagina 6 21/01/2002
Orion & family
Cos'è?
6.7 L'uomo che l' ha fatta non ne ha avuto bisogno.
L'uomo che l' ha comprata non l' ha usata.
L'uomo che l' ha usata non l' ha voluta.
6.8 Una statua con l'iscrizione: tutta la gente che è venuta qui, ha pianto, per
la mia Storia, è un racconto infelice.
6.9 L'uomo saggio e bene informato è sicuro di sé.
Anche lo sciocco lo sa.
L'uomo ricco lo vuole.
Il più grande degli eroi lo teme.
Tuttavia il più umile dei codardi morrebbe per lui.
Di chi sto parlando?
6.10 Sono eppure posso non essere
è una Idea,ma mi posso decomporre
è due ma nessuno
è su terra, ma su mare.
Cosa sono?
7.1 Tutta in bianco
fossile, neve fresca, un prestito, il cielo,
Allora, cosa sono?
7.2 Cos'è è più grande di Dio,
peggiore del Diavolo,
un uomo morto lo mangia,
se lo mangi morirai.
7.3 Sono un aiuto meraviglioso per le donne,
la speranza che arrivi qualcosa.
Non danneggio i cittadini a parte i miei assassini.
Sono radicato in piedi su un letto alto.
Sono peloso sotto. Qualche volta la bella figlia di un contadino,
una impaziente, donna orgogliosa afferra il mio corpo,
taglia la mia rossa pelle, mi tiene stretta,
vuole la mia testa. La donna dai capelli a riccioli
che mi prese velocemente sentirà la nostra unione.
Il suo occhio lacrimerà per me.
7.4 Camminavo per strada,
ho incontrato un uomo con sette mogli;
ogni moglie aveva sette sacchi,
ogni sacco aveva sette gatti,
ogni gatto aveva sette gattini:
gattini, gatti, sacchi, e mogli,
Quante persone ho incontrato?
7.5 L'alba muore,
il giorno è divenuto grigio,
e devo viaggiare lontano.
By Gabryk Pagina 7 21/01/2002
Orion & family
ma tornerò indietro,
e allora seguiremo le tracce
della luce di un altro giorno ancora.
7.6 Profondo, scuro, sottosuolo,
quello è il luogo dove sarò trovato.
Portato di nuovo nella luce del giorno,
spruzzo luce solare da ogni dove.
Sebbene sarò coperto quando sarò trovato,
sono la cosa migliore e suono attraverso la mia seconda pelle.
Tagliami rapidamente e vedrai,
che immediatamente avrò una lucentezza meravigliosa.
7.7 Gambe lunghe, cosce piegate,
piccola testa, e nessun occhio.
7.8 Cos' ha sei occhi,
sei braccia,
sei gambe,
tre teste,
e una vita molto corta?
7.9 Chi è che parla senza parole?
E può essere rumoroso, e chiaramente udito?
Vai lontano amico, e lo stesso il tuo nemico.
Ed è abbastanza per illuminare il volto di un uomo imperturbabile?
7.10 Cosa può esserci nel forno che non può essere cotto?
Cresce nel calore eppure evita la luce del giorno?
Cosa si scioglie nell'acqua ma cresce con l'aria?
Somiglia alla pelle, ma è bello come i capelli?
8.1 Due gambe sedute su tre gambe con una gamba sul suo grembo.
Arrivano quattro gambe, afferrano una gamba, e corrono via con essa.
Due gambe si alzano, afferrano tre gambe, le tirano a quattro gambe,
e fanno che esse portino indietro una gamba.
Chi sono essi?
8.2 Sono molti ed uno,
ondeggiano e tamburellano,
nascondono un sguardo fisso,
vanno con te dappertutto.
8.3 Una risata,
un grido,
un lamento,
un sospiro.
8.4 A cos'è che devi rispondere?
Se per rispondere devi domandare?
E per domandare devi parlare?
E per parlare devi conoscere la risposta?
8.5 Posso colpirti nell'occhio,
By Gabryk Pagina 8 21/01/2002
Orion & family
Eppure brillo nel cielo,
Mi espando quando muoio,
Che cosa pensi che sia?
8.6 Desideri che mi lavi,
averla nei capelli,
non mi farà apparire troppo bello.
8.7 Questa cosa è la cosa più sorprendente.
Può essere tanto affilata quanto un coltello,
o tanto piatta quanto un pavimento.
E ancora, per tutto quello che può essere,
è tanto naturale quanto un'ape.
8.8 Loro vanno in profondità, in profondità.
Sono radicate da dove vengono.
Non hanno mai bisogno d'aria.
A volte sono intrecciate come i capelli.
8.9 Oh Dio! Non sono degno!
Curvo i miei lembi al terreno.
Piango, ma senza far rumore.
Lasciami bere acque profonde.
E in silenzio piangerò.
8.10 Mutamento, Mutamento, va alla deriva profondamente.
Sotto me città grandi e possenti dormono.
Turbinio, tempesta tutto intorno.
Sono solo dove nessuna acqua sarà trovata.
9.1 Formo bolle, rido
e ti sputo acqua in faccia.
Non sono una signora,
non porto merletto.
9.2 Ha le ali,
ma non può volare.
è delimitato,
ma fuori può anche mentire.
può aprire sé stesso,
o chiudersi.
E' il luogo di re e regine,
e teatro di ogni mezzi.
Cos'è quello su cui sto in piedi?
Che può condurci a terre diverse.
9.3 Per lui è il fato di ogni uomo.
Eppure è temuto,
e evitato in molte terre.
Causa problemi, e qualche volta diversità,
zoppichi più forte, e crea vuoti di memoria.
Quale è questo pericolo che accade a chiunque,
By Gabryk Pagina 9 21/01/2002
Orion & family
Perchè è parte della razza umana?
9.4 I suoi occhi erano furiosi,

Quella bestia pelosa.


le sue labbra erano gonfie,
con file di denti adirati.
Sul suo dorso è posto un rasoio,
e nei suoi pensieri la mia morte abbonda.
era una battaglia terribile che abbiamo lottato,
la mia vita o la sua, uno se ne sarebbe andato.
E quando eravamo stanchi, e la morte ha raffreddato l'aria,
ho tagliato il suo cuore, e l' ho mangiato con gusto.
Cos’era?
9.5 Viaggio guardingo,
su quel cuore dove nessun altro ha errato.
Dove solo gli uccelli ed animali trovano ospitalità.
Dove il pixie vola con un aspetto udibile,
e aggroviglia ramoscelli che lascia fra i miei capelli.
Ah. Amo questo luogo, questo paradiso,
dove tutto è così bello,
così tranquillo, e così bello.
Dove sono andato?
9.6 Di queste cose ne ho due.
Uno per me ed uno per te.
E quando chiedi il prezzo,
semplicemente sorrido ed accenno col capo due volte.
9.7 Sono una creatura strana,
sospesa in aria,
mi muovo da qui a là,
con un lampo brillante.
qualcuno dice che canto,
ma altri dicono che non ho voce.
Ronzo solamente.
Cosa sono?
9.8 Dormo durante il giorno,
mi nascondo lontano.
Attento durante la notte,
mi schiudo alla luce dell'alba.
Ma solo per il tempo più breve,
splendo.
E allora mi nascondo lontano,
e dormo per tutto il giorno.
9.9 Somiglio all'acqua,
ma sono caldo.
By Gabryk Pagina 10 21/01/2002
Orion & family
siedo sulla sabbia,
Sdraiato sul cemento.
Le persone lo sanno,
mi seguono ovunque.
Ma arrivano in nessun luogo,
e tutto quel che possono fare è fissarmi.
9.10 E' una parte di cielo,
Sebbene tocchi la terra.
Qualcuno dice che è prezioso,
altri che non ha valore.
10.1 Sto in piedi,
e guarda attraverso il mare,
con le sue onde, creste e valli.
Accelero l'andatura,
attraverso quest'acqua, il mio cavallo mi segue,
e sebbene bevva contro il suo avvizzimento,
e si strofini contro le mie cosce,
riempio il vuoto con una risata.
E lui coi suoi sospiri.
Come facciamo a proseguire?
Proseguiamo e basta?
O noi passeremo semplicemente a guado,
verso il prossimo porto?
Dove il mare finisce,
dove l'argilla posa compatta sotto i miei piedi,
e posso montare il mio destriero di nuovo,
e continua sino al prossimo incontro.
Di cos' ho parlato realmente?
10.2 Ruggisce la sua sfida,
e rispondo.
vuole abusare di me,
e eccede.
Ripieno di liquido,
nella mia alacrità affrettata
maneggio il mio bastone,
in questa corsa turgida.
ma una volta ho vinto,
il nemico possente,
sto a galla come un cardo,
sebbene non mi fossi mai mosso così lento.
Di cosa parlo realmente?
10.3 Ah! Il mio fiato non vibra,
i miei lembi sono sottili,
la mia pancia duole.
By Gabryk Pagina 11 21/01/2002
Orion & family
Patina bianca incorona la mia testa,
e le piste che lascio,
è malfermo dove è andato.
Guardo fuori attraverso i miei reumatici occhi,
e sembro dire il mio ultimo saluto.
l'oscurità mi opprime,
Mi piego attraverso essa per udire meglio.
10.4 Un indovinello da due persone ad una terza:
(1^ persona, 2^ persona)
Questo non è, questo è.
Questo è buono, questo è cattivo.
Questo è sinistro, questo è destro.
Questo è giorno, questa è notte.
10.5 Più contadini, più arnesi
sulla porta della cucina della Re.
Tutti i cavalli del Re,
e tutti gli uomini dei Re,
non potevano ottenere più contadini, o più arnesi
Via la porta della cucina del Re.
10.6 E' un rintocco della notte.
Quando tutto era silenzioso.
E il vento bisbigliava vicino il mulino.
Urlò dodici volte!
E la sua voce squillò lì fuori!
E poi, si fermò di colpo.
10.7 Quali misteri ci sono nella sua creazione?
Quale mano piega le sue lingue?
Da dove proviene la sua conoscenza?
E poteva aver fatto di più?
Giace sul suo dito,
ancora la maggior parte della sua anima.
Per il fuoco porterebbe,
Faccia del suo cuore un anello,
E la morte, verrebbe a bussare alla sua porta.
10.8 E' stato domandato di me quello di cui posso essere fatto,
e così la gente è stata alimentata da me.
E' stato domandato di me quello di cui posso essere fatto,
e così sono state costruite case.
E' stato domandato di me quello di cui posso essere fatto,
e così sono state scritte cose.
E' stato domandato di me quello di cui posso essere fatto,
e così ho fertilizzato il terreno.
Ma quando hanno domandato più di quello di cui posso essere fatto,
Non c'era nulla da trovare.
By Gabryk Pagina 12 21/01/2002
Orion & family
10.9 Con questo puoi fare cose meravigliose.
Guardi le cose chiudersi, o andare via,
Puoi vedere cose grandi,
o piccole.
O forse non puoi vedere le cose interamente.
Vengo in molti colori e sfumature,
Qualche volta verde e qualche volta blu.
E quando sono rosso non è di vergogna,
Ma di qualche cosa con un nome diverso.
10.10 Oh come amo i miei piedi danzanti!
Stanno insieme oh così puliti.
E quando voglio camminare su una linea,
loro stanno sempre insieme e fanno doppio tempo.
Li conto, dieci tempi o più,
E corro avanti indietro, sul pavimento.

Risposte
1.1 Una farfalla
1.2 Lampo
Fulmine
1.3 Un libro
1.4 Un cane che ulula alla luna
1.5 Le memorie
1.6 I loro colori cambiano facilmente
1.7 La lettera "M"
1.8 Sconosciuto
1.9 L'infanzia
1.10 I tuoi occhi
Il sole e la luna
2.1 Un cuore
2.2 La luna
2.3 Dunque, dopo aver sparato ad 1/4 degli uccelli il resto volerà via, la
risposta può essere (2*(4+20))/4=12 o ((2*4)+20)/4=7
2.4 Sconosciuto
2.5 Una moneta d'oro
2.6 Una frusta
2.7 Una candela
2.8 Una montagna
2.9 Il vento
2.10 Una margherita in un prato, il grande occhio è il sole
3.1 L'oscurità
3.2 Un uovo
By Gabryk Pagina 13 21/01/2002
Orion & family
3.3 Il tempo
3.4 Il tuo cuore
3.5 La tua parola
3.6 Il tuo respiro
3.7 Un fiume
3.8 L'acqua
3.9 Il silenzio
3.10 L'aria
4.1 Il fuoco
4.2 Il tuo cuore
4.3 La speranza
4.4 Un rumore
4.5 Una ruota
4.6 Un iceberg
4.7 Una lumaca
4.8 Una barca
Una grotta
4.9 Uno specchio
4.10 Un fuoco
5.1 Acqua
5.2 Stalattiti di ghiaccio
5.3 Un'ombra
5.4 Un pianoforte
Un'arpa
5.5 Nella mente
5.6 Una bussola
5.7 Il mendicante era la sorella
5.8 Api
5.9 I quattro cavalieri dell'Apocalisse
5.10 Un unicorno
6.1 Chi odia le monete
6.2 Un'ascia
6.3 Un uomo con una gamba di legno
6.4 Un'ombra
6.5 Uno strumento di legno, a corda.
6.6 Un ghiacciolo
6.7 Una bara
6.8 Piangere
6.9 Niente.
"Qualcosa" è meglio di "Niente"
6.10 Un paradosso
7.1 Una sposa(alcune vecchie, alcune nuove, qualcuna che ha preso una
cosa blu in prestito)
7.2 Niente
By Gabryk Pagina 14 21/01/2002
Orion & family
7.3 Una cipolla
7.4 Una
7.5 Il sole
Un'ombra
7.6 Un diamante
Una gemma
7.7 Un paio di molle
7.8 Tre contadini quasi mangiati da un drago.
Un monaco quasi mangiato da un drago.
7.9 Un gas volatile
7.10 Lievito
8.1 Una è una coscia di montone
Due sono le gambe di una persona
Tre sono le gambe di uno sgabello
Quattro sono le gambe di un cane
8.2 Le tue mani
8.3 Emozioni
8.4 Un indovinello
8.5 Una stella
8.6 Polvere
8.7 La musica
8.8 Le origini o le cause
8.9 Un salice piangente
8.10 Il deserto
9.1 Una fontana
9.2 Un palcoscenico
9.3 La vecchiaia
9.4 Un cinghiale selvatico
9.5 Il cuore della foresta
9.6 Spartizione in due
9.7 Un colibrì
9.8 Una gloria mattutina
9.9 Un miraggio
9.10 Un arcobaleno
10.1 La radura
10.2 Scendere un fiume con le rapide su una barca
10.3 Vecchiaia
10.4 Opposti
10.5 La luce del sole
10.6 Una campana che suona a mezzanotte
10.7 Un anello di fuoco
10.8 Un albero (Un po' oscuro!)
10.9 I tuoi occhi
10.10 Un millepiedi