Sei sulla pagina 1di 6

Le biomolecole:

I LIPIDI

Vittorio Napolitano 5X
I lipidi

I lipidi sono un gruppo eterogeneo di sostanze che hanno in comune la


caratteristica di essere insolubili in acqua e solubili in solventi organici apolari.
I lipidi svolgono importanti funzioni nel modo vivente. Le più importanti sono la
funzione di riserva energetica e quella strutturale.
Gli acidi grassi

Tra i precursori lipidici più importanti vi sono gli acidi grassi, acidi carbossilici che possiedono
quattro o più atomi di carbonio.
Gli acidi grassi più diffusi in natura sono provvisti di una lunga catena costituita da almeno
dodici atomi di carbonio (acidi grassi a catena lunga) con formula generale R-COOH.
Gli acidi grassi si dividono in: acidi grassi saturi e acidi grassi insaturi.
Gli acidi grassi saturi sono provvisti di una catena in cui gli atomi di carbonio si legano fra loro
mediante legami singoli. Le catene degli acidi grassi insaturi contengono uno o più doppi
legami.

acido grasso saturo

acida grasso insaturo


I trigliceridi

I trigliceridi sono la principale riserva energetica degli organismi viventi (grassi negli animali, oli nelle piante).

I trigliceridi sono formati da una molecola di glicerolo che lega tre molecole di acido grasso attraverso
reazioni di esterificazione.

I grassi animali si trovano allo stato solido a


temperatura ambiente e sono ricchi di acidi
grassi saturi.

Gli oli vegetali si trovano allo stato liquido a


temperatura ambiente e sono ricchi di acidi
grassi insaturi.
I fosfogliceridi

I lipidi svolgono all'interno dell'organismo anche un importante ruolo strutturale e sono i


principali costituenti delle membrane cellulari.
I fosfogliceridi contengono uno scheletro di base di glicerolo con due molecole di acido
grasso esterificate sui primi due atomi di carbonio. Nei fosfogliceridi in terza posizione il
glicerolo esterifica un gruppo fosfato a cui è legato a sua volta un gruppo X di natura spesso
ionica o polare.

e
I fosfogliceridi sono molecole anfipatiche in quanto presentano una "testa" idrofila (polare), il gruppo
fosfato e del gruppo X e due "code" idrofobiche (apolari), gli acidi grassi.

Quando entrano in contatto con l'acqua tendono quindi a formare un doppio strato di fosfolipidi in cui le
code sono rivolte verso l'interno e le teste esposte a contatto con l'acqua.

Questa proprietà fa dei fosfogliceridi i principali costituenti delle membrane cellulari.

All'interno delle membrane cellulari sono presenti


anche altri lipidi tra cui il colesterolo, che ne
regola la fluidità.

Il colesterolo è un composto a 27 atomi di


carbonio della classe di lipidi degli steroidi, lipidi
non saponificabili caratterizzati da una struttura
di base di ciclopentanoperidrofenantrene (una
molecola con quattro anelli a sei e cinque atomi
di carbonio).