Sei sulla pagina 1di 1

l'Adige Primo Piano sabato 23 aprile 2011 19

I RICORDI
Carbonari e Pellizzari rilevano «Ha messo a disposizione
le doti da grande dirigente intelligenza e competenza
che hanno contribuito per far lievitare in Italia
alle glorie del Mezzocorona l’interesse per il Trentino
e del suo settore giovanile Dobbiamo proseguire il lavoro
anche con gli scudetti Allievi nel solco del suo operato»

«Amava il calcio come pochi»


I vertici federali sgomenti per la scomparsa di Tonetti
IL DIRETTORE SPORTIVO BASKET
Con Tonetti creò il «miracolo» Mezzocorona Il direttore dell’Aquila

Luca Piazzi: «Viveva il calcio come pochi Trainotti: «Era


ricordo la sua corsa sfrenata di gioia a Belluno» un passo avanti»
TRENTO - «Sono sconvolto, la notizia della morte di Salvatore Trainotti, gm
Claudio Tonetti mi ha completamente preso alla dell’Aquila Basket,
sprovvista». Luca Piazzi, attuale ds del Südtirol, ma ricorda così Tonetti:
soprattutto il ds dei miracoli del Mezzocorona, ancora «Eravamo legati da una
non si capacità di quello che è successo. «Faccio fatica a grande passione per lo
trovare le parole per descrivere un uomo come Tonetti. sport. Negli ultimi
Ho un bellissimo ricordo di lui e gli ero molto legato tempi ci vedevamo
avendo lavorato insieme con lui otto anni e vivendo spesso e lui mi
esperienze anche al di fuori del calcio. Oltre alle raccontava di questo
capacità aveva anche una passione e un entusiasmo nuovo progetto di
fuori dal comune. Mi ricordo - continua Piazzi - di come unire Trento e
vivesse il calcio in modo viscerale: passava da stati di Mezzocorona. Ma il
che tempo fa l’ho invitato a Mo- co e anche se a volte era spi- incazzatura totale in caso di sconfitta a slanci d’euforia vero orgoglio per
FRANCESCO TONINI naco allo stadio per la semifi- goloso, non potevi non apprez- per le vittorie. Ho ancora negli occhi la sua corsa Claudio - continua
nale Bayern - Inter ma per col- zarne la grinta quando lo vede- intorno al campo di Belluno quando il Mezzocorona Trainotti - era il settore
TRENTO - La notizia della mor- pa mia non siamo entrati e ab- vi all’opera. Non è vero che vinse il campionato di serie D e venne promosso in C2. É giovanile del Mezzo:
te del vice presidente del Mez- biamo dovuto seguirla in un pensava solo in grande perchè una grande perdita per tutto il calcio trentino, Claudio - quando ne parlava, i
zocorona Claudio Tonetti co- bar di Monaco. Nonostante tut- quando, insieme ad altre per- spiega Piazzi - era una persona sempre piene di idee su suoi occhi brillavano. A
glie, come accade in questi ca- to, Claudio non si arrabbiò an- sone, fondai il Mezzolombar- come sviluppare al meglio la società e potenziare il livello personale mi
si, totalmente impreparati e zi, si fece una risata». do, mi telefonò lodando la no- settore giovanile cui teneva molto. Spero che all’interno mancherà molto, lui
sgomenti i vertici del calcio Chiude Alessio Kaisermann, stra iniziativa. Il Mezzocorona del panorama calcistico ci sia qualcun altro in grado di era uno che dava la
provinciale e regionale. giornalista e dirigente sporti- in primis, ma tutto il calcio raccogliere l’eredità di Tonetti, un’eredita certamente carica ed era un passo
Il presidente regionale della vo: «Ho collaborato con lui per trentino perdono una grande non facile». Fr.To. avanti a tutti». Fr. To.
Figc Osvaldo Carbonari ricorda vari progetti a livello calcisti- persona».
Tonetti con queste parole:
«Nessuno si aspettava una
scomparsa così repentina. È
stato un grande personaggio
che ha interpretato in manie- LO RICORDANO COSÌ
ra piena il suo amore per il cal-
cio mettendo a disposizione la
sua forza, la sua intelligenza e
la sua competenza. Con Tonet-
ti e Veronesi il Mezzocorona ha
lasciato un segno, portando
una ventata nuova nel mondo
del calcio non solo trentino ma
facendosi luce anche in ambi-
to nazionale». Carbonari sotto-
linea il lavoro svolto da Tonet-
ti con il settore giovanile gial- GLI ARBITRI ROBERTO PATRASSI GIORGIO FRACALOSSI NELLO SANTIN
loverde: «Tonetti ha creduto Mariano Varesco, presidente della Il dirigente del Milan consulente del Il presidente della Cassa rurale di Trento L’ex giocatore del Milan e il Torino
nel settore giovanile e l’ha por- Sezione Aia di Trento esprime Mezzocorona, che è anche membro e padre di Gregorio, portiere del che a Mezzocorona ha allenato per
tato a grandi livelli vincendo «profondo cordoglio per l’improvvisa della commissione tecnica della D a Mezzocorona, è stato raggiunto dalla tre stagioni le giovanili ieri mattina
per due volte le finali naziona- e prematura scomparsa del vice Roma, era un grande amico di Claudio ferale notizia in Romania: «Una persona era nel paese rotaliano: «Claudio
li con gli Allievi e facendolo di-
ventare una grande risorsa per presidente del Mezzocorona, Claudio Tonetti: «Ci è mancata una persona straordinaria. Un burbero di una mi aveva chiamato perché voleva
tutto il calcio trentino. Infine Tonetti. Un uomo di sport che ha giusta per il calcio. Avevamo parlato di competenza assoluta in un mondo parlarmi di alcuni suoi progetti. Ci
lancia una frase che è quasi un dato molto all’intero movimento questa nuova società, il “Trentino” si difficile e in difficoltà come il calcio, ma eravamo dati appuntamento per
monito: «È nostro compito ri- calcistico trentino e ha sempre poteva chiamarla, e lo avevo dove lui trovava sempre idee da oggi (ieri ndr) e invece di parlare di
cordare Claudio e portare dimostrato attenzione anche alle introdotto alle regolamentazioni trasformare in progetti. Anche a costo di calcio mi tocca piangere l’amico a
avanti il suo e il nostro lavoro esigenze e alle problematiche federali. Mi mancherà tanto il suo fare il don Chisciotte. Generoso e con un cui mi legava una profonda
nel suo ricordo». dell’Aia». entusiasmo». cuore sconfinato. Ci mancherà». stima».
Anche il presidente provincia-
le della Figc Ettore Pellizzari si
lascia andare ad un pensiero
per Tonetti: «Sono molto scon-
volto, conoscevo bene Claudio L’EX PRESIDENTE Franco Veronesi ha condiviso con Tonetti una lunga storia sportiva
anche perchè suo figlio Mattia
è stato un mio alunno quindi
ho potuto apprezzare Tonetti
non solo come dirigente ma an-
che come genitore. Da parte
mia, ma parlo a nome di tutti i
«Un uomo vero e generoso»
presidenti, allenatori e gioca-
tori che in qualche modo rap- TRENTO - Franco Veronesi e Claudio To- lore e sconforto. Il mio primo pensiero va po come presidente ed era giusto che con-
presento, sono vicino alla fa- netti: un binomio vincente in grado di ele- alla famiglia di Claudio e, in particolare, ai tinuassero altri a portare avanti la socie-
miglia. Tonetti ha dato tanto al vare una piccola realtà di paese come il suoi figli». tà. Anche se non ci si vedeva più molto
calcio trentino con la sua pro- Mezzocorona, ad un club efficiente e or- I ricordi di Veronesi poi si focalizzano su spesso avevamo mantenuto un buon rap-
fessionalità e le sue idee al- ganizzato capace di ritagliarsi uno spazio quello che lui e Tonetti hanno costruito in porto di cordialità».
l’avanguardia per migliorare la nel panorama calcistico nazionale. questi ultimi anni in ambito calcistico con Veronesi ci tiene a ricordare che l’appor-
qualità del panorama calcisti- Per l’ex presidente gialloverde Franco Ve- il progetto vincente del Mezzocorona: «In- to di Tonetti non era solo di tipo sportivo
co della provincia. Mi auguro ronesi, la scomparsa di Claudio Tonetti è sieme abbiamo lavorato molto bene, por- ma anche sociale: «Claudio si merita un
che il suo contributo non ven- stata un fulmine a ciel sereno. «Ancora non tando il Mezzocorona dove nessuno se plauso per quello che ha fatto anche al di
ga disperso». riesco a spiegarmi perché sia accaduta l’aspettava e creando una realtà solida». fuori del Mezzocorona. Era una persona
Molto legato a Tonetti l’allena- una cosa del genere. Però purtroppo ac- Nonostante Veronesi non sia più presiden- generosa che si spendeva per gli altri dan-
tore del San Giorgio Patrizio Mo- cadono e bisogna farsene una ragione an- te del sodalizio gialloverde e abbia preso do una mano. A livello sociale, è sempre
rini: «Per me è stato un grande che se non è facile. In questi casi le paro- un po’ le distanze dal Mezzocorona, i rap- stato uno che si è dato da fare senza chie-
e continuerà ad esserlo. Lo le servono davvero a poco per descrive- porti con Claudio Tonetti non si erano in- dere nulla in cambio. La sua perdita è una
consideravo un fratello. Qual- Franco Veronesi re momenti di questo genere, pieni di do- terrotti e racconta: «Avevo fatto il mio tem- vera e propria mazzata». Fr. To.