Sei sulla pagina 1di 1

PIL prodotto interno lordo

Il valore della produzione di beni e servizi che ogni paese effettua in un dato periodo di
tempo.

SETTORE PRIMARIO Settore economico che raggruppa tutte le attività legate allo
sfruttamento delle risorse naturali o materie prime.
L'attività di raccolta delle materie della terra e cioè l’attività
agricola, allevamento, la pesca, l’attività estrattive e la selvicoltura.

COMMERCIO appartiene al settore terziario

DEMOGRAFIA lo studio quantitativo dei fenomeni concernenti la popolazione considerata sia


in un determinato momento che le variazioni che intervengono in conseguenza
delle nascite e delle morti.
Lo Stato e lo sviluppo della popolazione da un punto di vista statistico.

C.E.C.A Comunità europea del carbone e dell'acciaio, fu creata col Trattato di Parigi del 18
aprile 1951 su iniziativa dei politici francesi Jean Monnet e Robert Schuman con lo
scopo di mettere in comune le produzioni di queste due materie prime in un'Europa di
sei paesi: Belgio, Francia, Germania Occidentale, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi.
Gli stati firmatari furono 6.

SME Il sistema monetario europeo, entrato in vigore il 13 marzo 1979, sottoscritto dai
paesi membri dell'allora Comunità economica europea (ad eccezione del Regno Unito,
entrato nel 1990) e cessato di esistere il 31 dicembre 1998 con la creazione
dell'Unione economica e monetaria dell'Unione europea.
Acronimo di sistema monetario europeo.

PARLAMENTO EUROPEO È un'istituzione di tipo parlamentare che rappresenta i popoli


dell'Unione europea, ed è l'unica istituzione europea ad essere eletta
direttamente dai cittadini dell'Unione. Esercita la funzione legislativa
dell'Unione europea assieme al Consiglio dell'Unione europea e in alcuni
casi stabiliti dai trattati ha il potere di iniziativa legislativa, che
generalmente spetta alla Commissione europea.
Le sedute del parlamento europeo avvengono a Bruxelles e
Strasburgo.

UE Nata come Comunità economica europea con il trattato di Roma del 25 marzo 1957,
attualmente comprende 27 Stati membri d'Europa. Fra i suoi scopi formalmente dichiarati vi
è l'incremento del benessere socio-economico e l'attenuazione delle differenze
socio-economiche tra i vari stati membri attraverso l'integrazione economica, la crescita
economica e il progresso scientifico e tecnologico, promuovendo la pace, i valori sociali e il