Sei sulla pagina 1di 49

Bibbia, Ufo e Alieni: intervista allo studioso Mauro Biglino

Di seguito pubblichiamo l’intervista fatta a Mauro Biglino dal quotidiano online


Newnotizie.

L'Ufologia è costantemente impegnata nella complessa attività di verificare, ogni


giorno, l'attendibilità del materiale relativo ad avvistamenti di presunti UFO che giunge
da ogni parte del globo: fotografie, filmati, testimonianze. Tutti elementi che farebbero
ipotizzare, oggi, l'esistenza di oggetti volanti non identificati di natura aliena, o
quantomeno di origine misteriosa. Tanti indizi, quindi, ma nessuna "prova
inconfutabile" sulla presenza di ET nel nostro mondo, nella nostra epoca.

Ma se allo stato attuale non è ancora dimostrabile una concreta "evidenza aliena", ci
chiediamo se documenti del passato possono invece svelare importanti e clamorose
tracce sull'origine degli UFO.

A tal proposito, abbiamo intervistato lo scrittore Mauro Biglinoche sta riscuotendo un


notevole consenso dalla pubblicazione del suo ultimo lavoro "ll libro che cambierà per
sempre le nostre idee sulla Bibbia". Biglino è infatti curatore di prodotti multimediali di
carattere storico, culturale e didattico per importanti case editrici italiane,
collaboratore di riviste, studioso di storia delle religioni, traduttore di ebraico antico
per conto delle Edizioni San Paolo. Da circa 30 anni si occupa dei cosiddetti testi sacri
e di Massoneria.

Ecco l'intervista, articolata in 10 domande, con cui lo studioso ci aiuterà a capire in


che modo andrebbero riviste importanti figure del passato e gli eventi a loro attinenti.

1) Mauro Biglino, prima di tutto la ringraziamo della disponibilità per


l’intervista che ci accingiamo a pubblicare. Cosa può dirci della sua persona
e della sua professione che non sia già ampiamente diffuso nel web?

MB - Sono io che desidero ringraziare voi per l’attenzione riservatami. Se devo fornire
notizie che già non siano sul web posso dire che il mio interesse per l’ebraico è
accompagnato dallo studio di altre culture mediorientali ed orientali in relazione alle
quali seguo le ricerche di studiosi accademici e ‘alternativi’ di varia estrazione. Sono in
contatto con scrittori, ricercatori, docenti universitari, con i quali scambio
continuamente testi, conoscenze, traduzioni, pareri, ecc…
A questo impegno si è ormai aggiunta la successione di conferenze che faccio in tutta
Italia; non avrei mai immaginato di essere chiamato ovunque a raccontare.
Ciò che mi spinge a dedicare i fine settimana a questa attività è la riposta delle
amiche e degli amici che sono sempre numerosi, interessatissimi e che con affetto
seguono ciò che vado dicendo.
Il tutto in nome della ricerca libera; so bene di non possedere delle verità per cui
metto in gioco ciò che ricavo dallo studio, essendo spesso consapevole di rischiare,
ma io penso che quando si percorrono certe vie non si debba avere timore di
sbagliare: in quel caso vorrà dire che qualche lettore o amico del pubblico mi aiuterà a
liberarmi da un errore.

2) Come si è avvicinato alla traduzione letterale degli antichi testi sacri e


quanto essa si discosta dall’interpretazione degli stessi?

MB - Mi sono avvicinato all’ebraico spinto dalla voglia di saperne di più, di avere


contatto diretto con i testi da cui deriva la tradizione che ha dato origine a tre
importantissime religioni.
L’ho studiato con un insegnante ebreo dalle conoscenze vastissime: uno studioso che
preparava gli specializzandi in vari rami della cultura ebraica, un esperto di kabbalàh,
fondatore di un centro studi ebraico…
Gli sarò sempre grato per la passione che mi ha trasmesso e per la metodologia di
studio che mi ha insegnato.
Ho tradotto 23 libri dell’Antico Testamento, di cui 17 già pubblicati dalle Ed. San Paolo
i cui incarichi prevedevano ‘espressamente’ la traduzione letterale.
Tenendo nel debito conto la polisemia della lingua ebraica, e delle lingue semitiche in
genere, le traduzioni si possono discostare anche di molto e lo stupore che ho iniziato
a raccontare in questo mio libro nasce proprio da anni di abitudine a cercare i
significati originari delle radici consonantiche utilizzando i dizionari di etimologia
ebraica pubblicati in Israele e curati da Rabbini.
Lo stupore nasce nel momento in cui le radici consonantiche vengono liberate dal
condizionamento ideologico e teologico che ha improntato il lavoro dei masoreti: i
custodi della tradizione che hanno definito il significato delle Bibbia mettendo le vocali
tra il VII ed il IX sec d.C.
Ci sono quindi passi in cui le differenze sono notevolissime, come la possibilità di
leggere il primo capitolo del libro della Genesi in una chiave totalmente diversa da
quella rappresentata dalla religione, per scoprire che tutto il racconto potrebbe non
riferirsi alla creazione ma ad un intervento di tipo assolutamente diverso fatto dai
signori venuti dall’alto.
La formazione dell’uomo, nei due passi in cui è decritta, assume una connotazione
chiaramente ‘scientifica’ se la si libera dalle sovrastrutture di cui è stata
artificiosamente caricata nei secoli; le figure dei cosiddetti angeli e dei cherubini non
hanno nulla a che vedere con quanto viene rappresentato dalla tradizione, non
appartengono neppure alla stessa categoria: i primi sono individui in carne ed ossa
mentre i secondi sono chiaramente delle macchine; i dieci comandamenti scritti sulla
pietra non sono quelli che ci sono stati insegnati; alcuni passi dei libri storici ci
rappresentano sistemi di comunicazione radio e parlano di combattenti di alta statura
dotati di sei dita per ogni arto e così via…
Non si tratta di interpretazioni particolari , ma di semplice lettura del testo ebraico
nella sua immediatezza.

3) La lettura e la traduzione dei testi sacri hanno, da sempre, dato maggiore


risalto ai significati ed ai messaggi in chiave metaforica. Lei ritiene sia un
modo inesatto per studiare un documento storico?

MB - Negli anni è maturata in me una convinzione che - pur nell’alea del dubbio che
sempre caratterizza ciò che studio, dico o scrivo - si sta facendo sempre più concreta.
La Bibbia, esattamente come le tavolette sumere, è innanzitutto un testo di cronaca,
scritto con gli strumenti linguistici e culturali di cui disponevano gli autori del tempo.
Ogni volta che si ha la disponibilità, il desiderio e l’umiltà di cercare riscontri in questa
direzione si hanno sorprese che talvolta sono veramente sconvolgenti.
Le chiavi interpretative spiritualiste, allegoriche e/o metaforiche sono il frutto della
non accettazione di questo assunto: in esse si dice che certi racconti o versetti non
possono avere il significato letterale perché, essendo scritti in un testo sacro, non
possono essere veri, devono per forza voler dire altro…
Ma non è così!
Gli autori biblici hanno messo per iscritto proprio ciò che ci volevano raccontare: che ci
piaccia o no! Ed io penso che questa volontà vada rispettata, anche a costo di ribaltare
ciò che crediamo di sapere, ma per fare questi ci vuole una notevole apertura
mentale.
Per questo motivo apro sempre le conferenze chiedendo ai presenti di “fare finta” con
me per un paio d’ore e poi, terminato l’incontro, ciascuno tornerà a pensare ciò che
ritiene giusto.
Lo stesso titolo del libro si inserisce in questo atteggiamento; apparentemente
presuntuoso, sta in realtà ad indicare semplicemente che le nostre idee cambiano già
nel momento in cui cominciamo a porre domande su ciò che prima pensavamo essere
certo e indiscutibile.

4) Nel suo ultimo lavoro “ll libro che cambierà per sempre le nostre idee
sulla Bibbia“ lei propone la traduzione dei passi biblici come un racconto
puramente storico, dal quale emergono eventi clamorosi che si distaccano
enormemente dalle convinzioni religiose. Il riferimento è alle visioni e agli
interventi di Ufo e di entità aliene raccontati nell’Antico Testamento, ce ne
vuole parlare?

MB - Per parlarne in modo compiuto dovrei sintetizzare ciò che ho scritto in questo
libro e in quello nuovo che ho appena terminato, decisamente più voluminoso del
primo.
Il tema è talmente ricco che nelle conferenze dico anche cose che non ho scritto in
nessuno dei due, quindi faccio qui una considerazione di carattere generale.
Io non sono un ufologo e non ho mai visto un UFO in vita mia ma la interpretazione
ufologica è quella che immediatamente si presenta come la più coerente ad una
lettura libera ed incondizionata del Codice masoretico di Leningrado, il codice
completo più antico che possediamo e sul quale lavoro.
Enoch, Ezechiele, Elia, Zaccaria, Davide, Mosè e molti altri, hanno avuto contatto
continuo con questi individui e le loro macchine volanti; le hanno descritte, ci sono
saliti; hanno visto chi le guidava ne hanno descritto i movimenti e le conseguenze
prodotte dalla loro vicinanza.
Nel corso di una conferenza a Firenze ho parlato di ciò che ha visto Mosè e il fisico
Clarbruno Vedruccio è intervenuto per dire che ciò che io ho narrato rappresentava la
descrizione del funzionamento di un motore al plasma con gli effetti tipici che subisce
chiunque gli si trovi vicino.
Ma io ovviamente non sapevo nulla prima di quel momento e mi sono limitato
raccontare ciò che ho tradotto.
I parallelismi tra i testi biblici, il cuneiforme sumerico, i testi di Enoch, i racconti di
popolazioni distribuite sull’intero pianeta producono, in un modo che definirei
automatico ed immediato, un mosaico che appare chiaro a chiunque non voglia
chiudere pregiudizialmente gli occhi e sostenere che gli antichi quando dicevano una
cosa in realtà ne volevano sempre dire un’altra.
Io penso che le cose stiano diversamente.
Se avessimo l’umiltà di accettare gli scritti senza volere introdurre le nostre
convinzioni religiose, o i nostri pregiudizi antropologici, dimostreremmo di avere
rispetto per gli antichi.
Questi individui ‘alieni’ sono presentati nelle loro varianti somatiche, caratteriali,
culturali; se ne parla come di entità fisiche vere e proprie; non vengono loro
risparmiati particolari veramente poco dignitosi che non sarebbero assolutamente
attribuibili ad entità spirituali; ci viene raccontato il modo in cui si spostavano; ce ne
vengono presentati gli obiettivi non sempre eticamente accettabili…
Chi sarebbe così improvvido da inventare divinità simili per poi adorarle con rispetto e
devozione? Nessuno!
Certo non un popolo come quello sumero che è stato il depositario di conoscenze in
ogni ambito del sapere e dunque non poteva divenire improvvisamente sprovveduto
proprio solo nell’ambito religioso.
Non si può dire che una cultura evoluta come quella si dota di una forma di pensiero
religioso tanto infantile quanto inaccettabile: loro raccontavano ciò che vedevano e
sapevano, accettabile o meno che fosse.
Per quanto concerne la Bibbia spesso nelle conferenze documento con immagini
quanto siano storicamente veri alcuni passi che sono sempre interpretati come
allegorici o fantastici.
Voglio dire con una certa tranquillità – e, ripeto, senza essere assolutamente un
ufologo – che la chiave di lettura ufologica rende comprensibili innumerevoli passi
biblici che attualmente rimangono oscuri e che vengono inseriti nella categoria
teologica del ‘mistero insondabile di Dio’, introdotta dalla teologia per rendere
accettabile l’inspiegabile..

5) Figure e concetti di estrema importanza religiosa come Dio, Adamo, Mosè,


Gesù e la Gloria di Dio andrebbero, quindi, integralmente rivisti sulla base
delle traduzioni letterali. Potrebbe spiegarci, ad esempio, una delle figure
suindicate nel nuovo scenario? Chi erano gli Elohìm?

MB - Tra le tante figure proposte dalla domanda scelgo quella di Dio perché è
intrinsecamente connessa con gli Elohìm. Mi scuso in anticipo per la sintesi ma non
possiamo qui fare una disquisizione filologica.
Con il termine Dio si traduce al singolare il vocabolo Elohìm (plurale) il cui significato si
ricava dai parallelismi con le definizioni semitiche e sumero-accadiche di Ilu, Ilanu,
Ellu, Anunnaki: i “Signori”, gli “Splendenti” o ancora “Coloro che sono scesi dal cielo
sulla terra”.
Quindi il termine Dio non è propriamente una traduzione ma una interpretazione di
ordine esclusivamente teologico che non ha nulla a che vedere con il testo.
La persona del Dio del popolo ebraico conosciuto come Yahwèh rappresenta solo uno
dei tanti individui che sono venuti da un mondo diverso e che si sono divisi il controllo
di precisi territori sul pianeta.
Nel nuovo libro riporto anche i passi biblici in cui si documenta quando è avvenuta
questa divisione.
Il popolo sapeva bene che erano molti (probabilmente 600 divisi in una gerarchia
militare precisa) e che ogni volta poteva scegliere quali di essi servire in funzione delle
convenienze del momento.
Lo sapeva bene anche ‘Lui’ tant’è che puniva inesorabilmente con la morte ogni
tentativo di tradimento che metteva in forse il suo potere ed il suo controllo.
Ne “il libro che cambierà per sempre…” documento anche come la Bibbia sapesse
bene che questi erano individui materiali, mangiavano e bevevano, avevano
caratteristiche fisiche ed esigenze personali precise, erano molti, si combattevano tra
di loro, avevano conoscenze tecnologiche elevatissime, si muovevano su macchine
volanti come il ‘kevòd’ che viene tradotto senza alcuna giustificazione con ‘Gloria’
mentre il termine indica chiaramente un qualcosa di pesante e potente!
Dai testi antichi apprendiamo che erano dotati di una vita decisamente più lunga ma
‘non eterna’ perché l’Antico Testamento dice espressamente ciò che pochissimi sanno:
essi ‘morivano come tutti gli altri uomini’. Anche questo faccio vedere nel libro attuale
riportando i versetti ebraici in modo che chiunque possa verificare ciò che dico.
Dal momento che io sono consapevole di non possedere delle verità, e quindi non
voglio mettere in crisi le convinzioni più profonde dei credenti, faccio notare per inciso
che se queste ipotesi dovessero un giorno dimostrarsi fondate, un uomo di fede vera
non avrebbe alcuna difficoltà a fare rientrare questi eventi nell’abito del disegno
provvidenziale di Dio.
Io di Dio non so nulla, non ho le certezze dei credenti ma neppure quelle degli atei e
dunque mi limito a raccontare ciò che leggo nei testi antichi originali.

6) Di recente è scomparso uno tra più grandi scrittori e divulgatori della


cosiddetta “pseudoarcheologia”, Zecharia Sitchin, il quale ha sempre
sostenuto l’origine aliena del genere umano. Gli studi che lei ha condotto
trovano qualche legame con le teorie di Sitchin? Che idea si è fatto sulla
profezia dei Maya in relazione al 2012?

MB - Ovviamente ho letto tutto ciò che ha scritto ma ho letto anche ciò che scrivono i
sumerologi accademici di fama internazionale (Pettinato, Kramer, Botero, Furlani,
Poebel ecc) perché penso che una libera ricerca debba necessariamente spaziare su
ampi orizzonti e conoscere ciò che dice la scienza accademica ufficiale e quella
alternativa.
Ciò che mi sento di dire con tranquillità è che la Bibbia conferma Sitchin molto più di
quanto lui stesso non abbia mai rilevato nei suo libri.
Tralascio il discorso relativo a Nibiru perché la Bibbia non ne parla, anche se in
relazione ai Nephilim (i cosiddetti Giganti) nel nuovo libro formulo una ipotesi sulla loro
probabile provenienza traendo spunto da termini aramaici presenti nel testo biblico.
Ma non posso ovviamente anticipare qui.
In relazione al 2012 dico subito che sono vittima di un viziaccio bruttissimo che mi
deriva dall’avere studiato l’argomento ‘profezie’ per molti anni: tendo a non dare loro
credito.
D’altra parte bisognerebbe fare un attento lavoro di scelta tra tutte le interpretazioni
date per capire che cosa succederà: è stato scritto tutto e il contrario di tutto,
compreso il fatto che la data è sbagliata di molti decenni. Ognuno quindi sceglie ciò
che più gli piace: dalla fine del mondo al positivo rinnovamento spirituale.
Personalmente non ho fatto scelte e rispetto quindi quelle altrui, sapendo che la
possibile sorpresa è sempre dietro l’angolo. Quindi l’importante è non chiudersi mai in
via definitiva nelle proprie convinzioni.

7) Nella pubblicazione dei suoi lavori o nella fase precedente ad essa,


considerata l’argomentazione trattata soprattutto nel suo ultimo libro, ha
ricevuto qualche forma di ostruzione, di boicottaggio? Se sì può dirci da
parte di chi?

MB - Ho ricevuto attacchi ed insulti anche molto violenti: su Yahoo era stato aperto un
blog dedicato solo a questi, ma dopo un mese è stato chiuso.
Dato il lavoro di traduttore di ebraico masoretico, prima della pubblicazione del libro
ero chiamato a parlare di Bibbia in corsi tenuti presso sedi vescovili ed ora tutto si è
naturalmente fermato.
Ciò che è successo è che non ho più avuto incarichi di traduzione da parte delle Ed
San Paolo; si trattava di incarichi che negli anni venivano dati con continuità di volta in
volta e quindi loro liberi di non conferirne più.
Attualmente hanno in mano la traduzione già effettuata dei libri di Giosuè e dei Giudici
ma non so se la pubblicheranno: in ogni caso anche in questo frangente la decisione
spetta a loro che sono assolutamente liberi di pubblicare o meno.
Non posso neppure dire di essere arrabbiato; avevo messo in conto la concreta
possibilità che succedesse e dunque è normale.
Su uno dei volumi già pubblicati il mio nome è affiancato in quarta di copertina a
quello di Mons. Ravasi (Presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura del Vaticano,
uno dei massimi biblisti italiani) e onestamente capisco il fastidio di avere come
traduttore ufficiale uno come me che “dice cose così”.
Quindi non c’è problema: vado avanti con le conferenze e gli scritti, ma soprattutto
con lo studio.

8) Nonostante lei non sia un ufologo, viene spesso invitato quale relatore a
convegni su UFO e tutto quanto è in correlazione alla vita extraterrestre. Le
chiedo:
1. c’è una “teoria comune” che è stata esposta nei diversi incontri a cui lei
ha partecipato e che i lettori dovrebbero sapere?

2. ha mai visionato un filmato o un documento che provasse, in modo


inconfutabile, l’esistenza degli alieni sulla Terra?

3. gli UFO possono essere un’invenzione umana tenuta nascosta?

MB - Vediamo le singole risposte.


1) Esiste una teoria comune che prevede l’intervento degli alieni nella storia sia
evolutiva che culturale dell’uomo ma questa si articola poi n una serie di ipotesi che
devono essere attentamente valiate: un solo intervento, più interventi distribuiti nel
tempo, razze aliene diverse ecc..
La mia scelta metodologica attuale è stata dichiaratamente quella di riportare quasi
esclusivamente ciò che racconta la Bibbia. Una volta pubblicato il secondo libro darò a
me stesso maggiore libertà ed allora ricostruirò su basi più ampie una ipotesi
complessiva.

2) Seguendo i convegni ho conosciuto di persona e sono divenuto amico di vari ufologi


(da Roberto Pinotti a Pablo Ayo ecc..) ed ho imparato a distinguere le varie
metodologie. Posso dire che alcuni di loro operano in modo veramente scientifico e
quindi, non avendo io le competenze necessarie per formulare ipotesi, devo
necessariamente basarmi su ciò che ascolto da loro.
Posso anche dire con una certa tranquillità che ci sono cose che ho visto che mi fanno
pensare che negare l’esistenza degli UFO sia veramente difficile.
D’altra parte lo stesso Mons. Corrado Balducci che studiava la vita aliena su incarico
ufficiale del Vaticano, ebbe a dire: “O chiesa o non chiesa gli UFO esistono e la Bibbia
li conosceva”(sic!).

3) In funzione di ciò che ho detto prima non penso che gli UFO siano una invenzione
umana: mi pare di potere dire che sono realmente esistiti e che forse sono qui anche
ora.
Ma questa è l’impressione di un non esperto e quindi vale poco.

9) Nell’ultimo periodo stiamo assistendo ad una escalation di avvistamenti


UFO in tutto il mondo: da una parte c’è una ferma condanna del fenomeno in
quanto spesso si palesa come “bufala”; dall’altra vi è un’esposizione
mediatica degli anomali eventi senza precedenti: tg, libri, film, talk-show,
documentari, blog, forum. Le domando: secondo lei nel primo caso può
essere in atto una forma di “debunking”, una strategia atta a screditare il
fenomeno ufologico? Viceversa, nel secondo caso potrebbe essere pura
speculazione oppure un modo per “acclimatare” l’opinione pubblica al
fenomeno?

MB - Penso che si tratti di una preparazione anche se il debunking è una delle attività
che i potenti non abbandonano mai.
Lo stesso Vaticano sta intensificando le sue attività in tale direzione con incontri,
conferenze , finanziamento di progetti di studio, per prepararsi a gestire il momento in
cui la possibile verità non potrà più essere nascosta.
Oltre alle parole già citate ricordo che nelle ultime edizioni del “Lexicon recentis
latinitatis” (curato dalla Editrice Vaticana) sono stati inseriti termini come: Navis
sideralis (astronave), Aeria navis (aeronave), Aerius viator (astronauta) e RIV ‘Res
Inexplicatae Volantes”, cioè UFO.
Curioso vero!?

10) Viviamo in un’epoca di grande progresso tecnologico. L’attuale


generazione nasce in un contesto dove l’informatizzazione della vita e la
diffusione di internet permette di acquisire concetti che un tempo erano
tabù. Con tale premessa lei crede che il genere umano, oggi, sia
maggiormente preparato ad un contatto con una vita aliena intelligente?

MB - Sicuramente sì!
Dopo la pubblicazioe del libro sono stato letteralmente e piacevolmente sommerso da
reazioni che provengono da persone appartenenti ai più diversi ceti sociali, da
ambienti culturali di varia estrazione, da ricercatori universitari e studenti di teologia…
Penso proprio che se domani qualcuno facesse la rivelazione definitiva, provandola nei
fatti, l’umanità vedrebbe risolta una delle sue curiosità fondamentali, quella che da
millenni la spinge a guardare verso il cielo alla ricerca del suo ‘creatore’.

Rinnoviamo i ringraziamenti a Mauro Biglino per la piacevole ed interessante


chiacchierata, confermandosi uno studioso dal tono gentile ed estremamente schietto.
Di lui sentiremo ancora parlare.

PASQUALE GALLANO

Fonte: http://www.bibbia-alieni.it/?p=379

http://interferenzealiene.blogspot.com/2011/09/la-luce-e-e-sara-sempre.html

VENERDÌ 23 SETTEMBRE 2011

La luce è e sarà sempre

Trascorsi ormai 10 mesi dal tanto discusso "Colloquio con l'anima di una gnostica"
desidero pubblicare un messaggio recentemente canalizzato dalla stessa Rosalba
Biancini. A seguito del precedente colloquio, le sue capacita' di channeling sono
notevolmente aumentate, evidenziando meglio la figura dello Spirito, Ara Nnar, che
gia' nel primo colloquio si celava dietro la figura dell'Anima.

Buona lettura!
BUONGIORNO AMICI, Fratelli in Spirito,
voi vi chiamate UOMINI, ma non avete nulla dell'UOMO che ha portato la vita in
questo, una volta bellissimo, pianeta
QUEGLI UOMINI NON CREARONO COPIE DI SE STESSI, MA ABITARONO SEMPLICEMENTE
QUESTO PIANETA, CREANDO DEI CORPI SEMI-MATERIALI DOVE ENTRARVI, AIUTATI IN
QUESTO DA UN TIPO DI ANIME ADATTE che convenzionalmente oggi potremmo
definire "BIANCHE".
Questi UOMINI abitarono questo pianeta per millenni. Il corpo di questi UOMINI è
inimmaginabile adesso, essendo che in questi corpi operavano tranquillamente in
UNITA' E PIENA POTENZIALITA' LO SPIRITO, L'ANIMA ACCOMPAGNATRICE, E LA MENTE
CHE, A SUA VOLTA, ACCOMPAGNA OGNI ANIMA "INCARNATA".
Altre ENTITA' MOLTO DIVERSE DALLO SPIRITO DI UOMO, scimiottarono i corpi che
L'UOMO aveva creato per sè, venendosi a creare, in maniera tremendamente
innaturale una diversità tra i nostri corpi originali e quelli scimmiottati, pesanti e
corruttibili.
QUESTE ENTITA' PER ANIMARE I LORO CORPI SI SERVIRONO DI ANIME CHE, PER UNA
DEFEZIONE ALL'INTERNO DELL'UNIVERSO SPIRITUALE ERANO RIMASTE "SBANDATE",
CONVENZIONALMENTE POSSIAMO DEFINIRE QUESTE ANIME COME "NERE".
I corpi degli Spiriti dell'Uomo si accoppiarono con i corpi degli altri Spiriti, portando
così una degenerazione dei corpi "perfetti" dell'Uomo dopo un cataclisma planetario
che voi chiamate il diluvio o la distruzione di atlantide gli UOMINI tornarono tra le
"stelle" abbandonando la loro "creazione".
I corpi degenerarono fino a diventare corruttibilissimi.
Le Anine Bianche rimasero in poche per aiutare i pochi Spiriti di Uomo rimasti, il
Maligno, il Deficiente Universale, incominciò ad imperare in questo mondo, come
ancora, ma per ben poco, continuerà a fare...
RIMASE UNO SPIRITO DI UOMO ORIGINARIO INCARNATO CON LA SUA ANTICHISSIMA E
NOBILE ANIMA BIANCA.
QUESTO SPIRITO RINCHIUDE IN SE' SACERDOZIO E FECONDITA'
SPIRITO LEALE A DIO ALTISSIMO INCONCEPIBILE A QUALSIVOGLIA MENTE INCARNATA.
Questo Spirito ha sopportato per l'umanità migliaia di anni di incarnazioni per evolvere
la sua Mente e per aspettare la sua ANIMA PROCREATRICE, OSSIA UN'ANIMA
PRIMORDIALE VERGINE E SELVAGGIA, IMMUNE DA GIOCHI DI POTERE E DEFEZIONI,
UN'ANIMA GENERATA PER PROCREARE CON QUESTO SPIRITO, CHE E' UNO SPIRITO
DESIGNATO DALL'ORIGINE DELL'UNIVERSO A QUESTO SCOPO, CONVENZIONALMENTE
QUESTA ANIMA POTREMO DEFINIRLA UN'ANIMA "BLU".
Questa Anima fece la sua prima comparsa in terra materiale 800 anni fà circa, per
incominciare a costruire il suo corpo in forma terrestre...
Ora questa Anima è incarnata in forma apparentemente di donna umana a tutti gli
effetti, mentre lo Spirito Patriarcale è occultato in un corpo assolutamente fuori dalla
portata di caccia della merda e degli infami dell'universo...
LE LORO MENTI STANNO INIZIANDO A FONDERSI
Gli infami hanno iniziato a tremare........
Nel tempo materiale di 3-400 anni terrestri i loro corpi incarnati saranno compatibili e
giustamente modificati per creare le due creature che modificheranno, tramuteranno,
il "male" come oggi conoscete e ristabiliranno la creazione originaria in questo
pianeta...
Tanto vi dovevo comunicare
grazie per la lettura
LA LUCE E' E LA LUCE SARA' SEMPRE, vostro servo Ara Nnar

(canalizzato da Rosalba Biancini)

Pubblicato da tapion a 20:08

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Conosci Brian Weiss? attualmente dirige uno studio privato per la terapia regressiva e
la psicoterapia spirituale, quest' uomo ha scritto dei libri che parlano della
reincarnazione, a trascritto in "Molte Vite Molti Maestri", le sedute che ha avuto con
una donna in particolare, Catherine, lei è andata da lui per dei problemi di ansia e
fobie, e ha scoperto sotto ipnosi regressiva, di essersi reincarnata 84 volte, le sue
reincarnazioni partono dalla preistoria, ha raccontato di vedersi brutta sporca,
all'interno di una caverna, dove faceva molto freddo ed erano costretti ad andare a
caccia per mangiare, racconta di essere vissuta anche in Egitto dove la vita non era
più facile che nelle caverne, dice che c'era da avere paura esistevano molti dei cattivi,
non tutti. Chiaramente le sue vite passate sono state vissute sia da uomo che da
donna, a volte moriva giovanissima/o, è morta per malattie, sgozzato, bruciata,
annegata, insomma in molte maniere, e il momento della morte, lo descriveva sempre
nella stessa maniera. Si vedeva fluttuare, osservando il suo corpo dall'alto, vedeva
una luce (energia) e quando era il suo momento la venivano a prendere i guardiani,
molte volte venivano i maestri e lasciavano per il professore dei messaggi, uno di
questi era che Brian è un'insegnate con molta esperienza alle spalle ed era quì in
questa vita per aiutare le persone, facendole aprire, togliendo loro le paure..... loro
dicono anche (perchè ce ne + di uno) che l'uomo attraversa varie dimensioni, la sua
vita è eterna, perchè anima e spirito non muoiono mai, devono imparare le lezioni da
ogni vita fisica, se la si impara nella vita attuale, si progredisce di un livello, altrimenti
ci si ripeteranno le situazioni non risolte nelle prossime vite. Suggeriscono di non
uccidere perchè avremo un vita triste nella prossima reincarnazione, dicono che non
sempre ci reincarniamo in questo pianeta, dipende da noi. Noi scegliamo il momento
giusto per entrare in un corpo e noi decidiamo quando morire, perchè non abbiamo +
niente da apprendere, nella vita attuale, salvo imprevisti. così noi attraversiamo delle
tappe dove + si apprende e si fa la cosa giusta, + si progredisce. Una delle cose
importanti è non aver paura della morte, perchè non c'è motivo. Non bisogna però
neanche togliersela, pensando che nella prossima vita andrà meglio, perchè non è
così, siamo quì per risolvere delle questioni, molte volte i familiari o amici che ci
circondano, sono vecchi compagni in altre vite. suggeriscono di non lasciare debiti alle
spalle, perchè li riscontiamo in futuro.
Insomma quì si fa lunga la questione, il succo è questo, viviamocela tranquilli,
cerchiamo di fare del nostro meglio comportandoci bene con noi stessi e con chi
abbiamo intorno. Non abbiate paura della morte noi siamo "eterni" e ci reincarneremo
fino a quando ne avremo bisogno.
Buona giornata ragazzi/e

25 settembre 2011 12:27

tapion ha detto...

si', grazie per il commento :)

25 settembre 2011 22:12

Anonimo ha detto...

3-400 ANNI?? ma non si possono sbrigare prima? -.-

02 ottobre 2011 07:33

Posta un commento

Colloquio con l'Anima di una gnostica


Giunti a questo punto della ricerca, dopo aver studiato a fondo le interferenze aliene a
noi ostili, e' naturale proseguire le ricerche andando a contestualizzare i precedenti
studi in un quadro piu' ampio e complesso.

Per avere un quadro completo, e' infatti necessario conoscere piu' punti di vista,
ovvero sia quello delle anime da sempre libere da alieni e parassitaggi, che sono in
grado di vedere tutto in modo molto piu' ampio, sia quello delle anime manipolate,
che quello delle anime liberate degli ex-addotti.

Si propone qui di seguito la trascrizione di una visualizzazione guidata effettuata su


Rosalba Biancini, che aderisce al movimento filosofico-religioso gnostico, e quindi
perfettamente a conoscenza delle tematiche che affrontiamo. La visualizzazione
guidata e' stata effettuata a fini di ricerca, per ascoltare il punto di vista di un'anima
libera da alieni e parassitaggi, il cui compito e' quello di risvegliare le altre anime dalla
manipolazione.

Alcune domande e risposte sono state aggregate e sintetizzate per facilitare la lettura
e il lavoro di trascrizione. Al termine della trascrizione sono riportate le note personali
e quelle di Rosalba Biancini.

...Li' all'inizio, dove tutto ha avuto inizio...

Cosa provi ora li'?

Cerco quelli come me.

E tu come sei fatta?

Tutta bianca.

E quelli come te come sono fatti?

Tutti bianchi.

Come puoi definirti?


Niente, non ci sono contorni.

Ce l'hai un nome?

No.

E un corpo lo hai?

No.

Quanti anni hai?

Non lo so.

Come mai esisti?

Perche' dobbiamo fare qualcosa.

Cosa devi fare?

Non lo so, adesso vediamo, dobbiamo stare insieme agli altri.

Da li', puoi vedere nello stesso istante, tutti I tuoi contenitori, compreso
quello attuale... Quanti sono tutti i tuoi contenitori in cui sei stata a fare
esperienza?

Mica li posso contare... Quelli necessari... Sono tanti.

Prova ad osservare il primo contenitore, in cui sei stata in assoluto a fare


esperienza. Lo vedi?

No, non lo vedo, pero' vola... Va in cerca... Questi posti non gli piacciono... Ha paura di
questi posti (citta').

Come vive questo primo contenitore?

Lui va dove vuole e gira... Vola... Va in cerca di un posto, pero' questi non gli
piacciono, non si ferma.

Ci stai bene dentro al primo contenitore?

Si' perche' e' tuttuno con me, io sono lui... Noi parliamo tra noi, io e lui... Siamo uno.

C'e' anche uno Spirito in questo contenitore?

Cosa intendi per Spirito?

Un'altra parte di lui, che fa esperienza insieme a te.

No, siamo noi, siamo un tuttuno, noi ci parliamo... Diciamo qui andiamo via, non ci
conviene fermarci qua.

E poi questo contenitore come e' terminato?

Non lo so, ma non era un contenitore vero e proprio, non e' fisico eh.
Come e' fatto?

Non e' fatto! Siamo io e lui che ragioniamo, ci parliamo e voliamo sopra a questi
posti... Siamo una palla... Una palla che vola piano piano... Pero' non e' fatto di cose,
praticamente e' come se non ci fosse.

Ma la sua forma e' umana?

No no, non c'e' una forma di materia... E' una cosa pensante.

E poi, dopo essere stata li' con lui, sei stata anche in contenitori con una
forma fisica materiale?

Eh si', perche' tutti ce l'hanno.

In questo contenitore attuale hai una forma fisica materiale...

Si', uguale agli altri.

E prima di entrare in questo, qual e' stato il tuo primo contenitore fisico
materiale?

Non lo vedo bene, sta in mezzo alla foresta, ma e' bella perche' ci sono i fiori, tanti
esseri viventi tutti belli... Farfalle, piante.

E questo contenitore materiale come e' fatto?

E' grosso, un po' goffo forse, pero' sta bene li', e' sicuro, non gli fa niente nessuno
proprio, e' tranquillo, non ha pericoli di nessun tipo.

E questo qui ha la forma umana?

Ha due piedi, due braccia, la testa, e' nudo, pero' e' gradevole come aspetto.

Ha qualche altra caratteristica particolare?

A lui piace sentire, toccare le piante, camminare sull'erba, sta bene, magari potesse
star sempre bene cosi'.

E le ali le ha?

No non le ha le ali.

E in questo contenitore hai anche uno Spirito insieme a te?

C'e' una che sta con me e mi vuole bene e mi tiene tranquilla.

Che cosa e' questa cosa?

E' il mio dentro, quello che ho dentro, e' la controparte mia, come il compagno, il mio
compagno che non mi abbandona e sta con me... E' la parte che fa muovere il
contenitore, gli da la vita, se no lui e' una pelle, e' una pelle il contenitore, e noi siamo
dentro il contenitore e lo usiamo perche' tocchiamo con quello, camminiamo, se no
diventiamo aria e non abbiamo piu' niente per toccare.
E tu come mai sei andata in quel contenitore?

Eh perche' era bello cosi', abbiamo creato tutto.

Li avete creati voi?

Eh si', li abbiamo creati e adesso ce li godiamo.

Come avete fatto a crearli?

Con la forza che ci ha dato Dio.

Chi e' questo Dio?

Eh tu non puoi capire chi e' Dio, neanche io lo posso capire adesso chi e' Dio, parlando
con te cosi'... Mica ho le parole per dirtelo... Ma Dio sa tutte queste cose eh... Dio
guarda che tu non lo puoi capire, e' inutile che ti sforzi... Pero' devi stare tranquillo
perche' lui ci vuole bene... Lui ha creato tutto tutto tutto, non c'e' una cosa che non ha
creato lui.

Pero' lui ha creato tramite voi, e' cosi'?

Eh si', mica si puo' muovere lui... Non lo puo' fare da solo, perche' lui e' tutto, anche
noi che lavoriamo per lui siamo un pezzetto... E' semplice pero' non si puo' capire.

E ci sono stati degli intermediari tra Dio e le anime come voi?

No, noi siamo i figli... Dopo qualcuno e' piu' capriccioso magari, qualcuno magari vuol
far di testa sua, pero' tanto alla fine non e' che si fa grandi cose senza di lui... Non si
fanno cose che lui non voglia, che lui non permette... Se ci lascia fare e' perche' ci
sara' motivo... Non puoi capire a questo livello, non possiamo capire noi, noi
contenitori adesso non possiamo capire per quanto ci sforziamo... Dobbiamo avere
fiducia, testardaggine, mettercela tutta... Tu devi pensare a Dio come tuo papa'.

Qualcuno pero' che via ha organizzato per creare le cose c'e' stato?

No, ci siamo organizzati da noi, chi fa una cosa e chi ne fa un'altra... Ognuno gestisce
la cosa sua.

Senza un capo?

Forse c'e' qualcuno che vuol comandare... Forse qualcuno che e' ingordo.

Lo conosci?

Io gli sputo in faccia a quello li'.

Chi e' quello li'?

Non lo so, non lo voglio manco sapere... Alla fine quello che conta e' il volere di Dio,
Dio mica vuole che vada tutto a puttane eh.

Pero' ogni tanto degli imprevisti possono anche esserci?


Allora bisogna mettercela tutta per farli fuori sti imprevisti... Avere coraggio... Mica ci
puo' capitare niente di male a noi... Quando e' la fine non ci puo' capitare
assolutamente niente... Nel mezzo bisogna combattere con coraggio... Se tu ti tiri
indietro, ti avvilisci... Se tu ti dai coraggio invece, aiutati che Dio ti aiuta, no? ...Devi
partire dal te, dal singolo, devi avere la volonta' ferrea... Pero' con calma questo,
senza far del male a nessuno.

E alla fine dove si va tutti?

Si va tutti da papa' (Dio), si torna a casa.

E poi a casa cosa si fa?

Eh dopo vedremo lui cosa dice, cosa fara', e noi facciamo quello che vuole lui, perche'
se no cosa facciamo?

E lui cosa ci ha guadagnato da tutto questo giro che ci ha fatto fare?

Lui ci ha guadagnato piu' amore... Perche' poi alla fine diventa tutto amore.

Cosa e' l'amore?

Non si puo' spiegare... Adesso e' quello che vuoi a quelli come te, ai tuoi familiari...
Mica puoi lasciare qualcuno indietro, dopo come fai senza... Se manca qualcuno, se ti
manca un pezzo di famiglia, non hai la felicita'... Devi stare tutti insieme, come
eravamo, come siamo nati, cosi' torneremo tutti insieme.

E c'e' qualcuno che cerca di impedirci a tornare da lui?

Si', ma tanto alla fine ci devono lasciar passare.

Chi sono questi?

Quelli ingordi... Ma loro non hanno capito un cazzo, scusa la parola... Quelli non hanno
capito come funziona l'universo.

Come mai non vogliono farci tornare da lui?

Perche' dopo rimangono soli.

Sei a conoscenza se questi esseri vengono anche dal tuo contenitore attuale
a cercare di impedirti di fare quel che vorresti?

No, il contenitore poverino cosa centra... Al contenitore non gli fanno niente.

E a te?

Eh a me dopo quando lascero' tutti i contenitori, quelli ci proveranno eh, ma a me non


me ne frega niente.

Non ci vai con loro eh?

Ma che scherzi?

Pero' c'e' qualcuno che ci va?


Eh quello bisogna fare... Come facciamo a dirglielo a questi, che non si devono fidare?

Eh come facciamo?

Ma io sto qui apposta eh, e se no credi che io stavo qua?

Come mai sei qua?

Perche' c'e' questa missione da fare.

Qual e' questa missione?

Questa qui, che tu devi dire come stanno le cose, perche' loro non ci arrivano, non
capiscono, non lo so perche'.

Devi dirglielo agli ingordi o alle persone?

Alle anime.

E quindi in questo contenitore cerchi di risvegliare le anime?

Ognuno fa quello che puo', eh i mezzi sono pochi, ma tanto questi abbiamo, non c'e'
tanta scelta eh.

E questa missione chi te l'ha data di preciso?

Questo e' il continuo, prima c'erano tutti quelli prima.

In tutti i contenitori hai avuto questa funzione?

Eh si', io mi ricordo di si'.

Hai anche avuto un contenitore cataro, in cui proteggevi dei libri?

Tanti ne ho avuti, tutti simili.

Cosa facevi in questi contenitori?

Io cercavo di dire come stanno le cose, pero' bisognava stare attenti, perche' se no ti
facevano fuori e allora non risolvevi niente... Soffriva solo... Soffrivi tutto bruciato...
Non si puo' fare niente qui, ci si e' provato.

Ma si riuscira'?

Eh non lo so...

Come va a finire se non ci riusciamo?

La verita' si sapra' per un'altra via, tanto viene fuori sempre, non c'e' via di scampo...
Pero' e' brutto perche' tanta gente ha sofferto... Tanta gente ce l'ha messa tutta...
Tutto quello che si poteva fare... Molto brutto e' stato.

Ma magari adesso andra' un po' meglio?

Adesso piu' o meno e' uguale... Tanto non ti crede nessuno.


Come mai le altre anime non capiscono?

Eh perche' sono stronze pure quelle... Se ne fregano dei contenitori forse, non lo so
perche', pero' sarebbe molto semplice se tutti d'accordo.

Conosci anche le anime nere?

Si', ce ne sono molto brave di quelle.

C'e' una differenza tra quelle bianche, come voi, e quelle nere?

Una volta si', adesso no... Adesso ci sono pure le bianche stronze.

E una volta che differenza c'era?

Una volta c'era differenza perche' per fare le cose cosi' come sono c'era bisogno di
quelle bianche e di quelle nere.

E come mai c'era bisogno di entrambe?


Non lo so, perche' qui e' fatto cosi'.

E in altri universi?

Boh? Chissa'... E' tutto uguale, pero' e' diverso.

E quello Spirito che rendeva vivo il tuo primo contenitore, ti segue anche nei
contenitori successivi?

Certo! Mica mi ha lasciato... Quello si incazza eh, quello e' tosto, quello ha la forza di
Dio proprio, quello mica si fa fuori cosi' eh!

Cosa puo' fare?

Se vuole puo' fare tutto... Se vuole si incazza da mori' quello!

Ed e' questo che ti aiuta a far risvegliare le altre anime?

Siamo tutti insieme che ci diamo da fare, quello che possiamo, ognuno ha il suo
piccolo filo... Tu segui il tuo filo piano piano...

E' successo che in qualche contenitore questa forza stava in altri contenitori
ed eri separata da lui?

No, pero' puo' darsi che non lo si percepisce ma c'e' sempre... Tu devi solo renderti
conto che c'e'... Se tu pensi che non c'e', non lo vedi, e' come se non ce l'avessi... Se
ad un certo punto ti accorgi che c'e', non ti lascia piu' lui... E' il compagno, ognuno ha
il suo... Questo e' il mio ed e' molto forte... Perche' noi siamo molto forti e testardi... E
noi ci diamo una mano, siamo uniti, se no adesso non c'era tanta forza.

E nel tuo contenitore attuale ci sono altri livelli di spiriti?

No, questo e' il mio... Siamo sempre stati insieme, dall'origine, non ci si puo' separare.

Hai anche una mente in questo contenitore attuale?


Si', ma va per i fatti suoi delle volte.

Come mai?

Non lo so, e' un po' egoista... Ha paura, capisco che si puo' provare paura e
smarrimento anche.

E in questo contenitore, oltre a te, Spirito che ti segue da sempre e mente,


c'e' anche qualche altra componente?

No... Ci puo' provare qualcuno ad avvicinarsi...

E che succede?

Ci possono provare, e calci in culo! Che stiamo a perdere tempo qui?

E' mai venuto qualcuno?

No, solo robette, cose cosi', che si dissolvono poi... Quando mi stufo, faccio piazza
pulita.

Quali sono queste robette?

Quelle che danno fastidio al contenitore, che magari danno malinconia.

Esseri alieni?

No, parassitini cosi', pero' adesso lui (contenitore) si e' fatto furbo perche' ha capito
che se parla con me, se mi chiama, io gli dico stai tranquillo, non ci fa niente nessuno.

Quindi attualmente dentro a questo contenitore non c'e' nessun parassita?

Guarda, ci siamo chiusi bene, a riccio proprio, e non ci entra proprio nessuno... E se ci
provano, calci in culo... E poi che ci vengono a fare qua da noi? Perderebbero tempo,
con me non c'e' niente da fare.

Vogliono impedire il progetto di Dio?

Si' ma fanno pena, compassione... Certo danno fastidio ai contenitori, pero' sono dei
poveretti.

Questi tuoi contenitori chi li ha creati?

Precisamente non lo so, pero' questi bisogna prendere, mica puoi essere diverso dagli
altri.

Ci sono anche dei contenitori piu' belli, dove si sta meglio?

Qui si sta con questi eh... Non qui.

Su un altro pianeta magari?

Ce ne sono milioni, miliardi.

E i contenitori di altri pianeti come sono?


Qualcuno sara' meglio, qualcuno sara' peggio, ma adesso qui noi abbiamo da finire
questo lavoro... E questo lavoro va fatto qui... Quindi e' inutile che noi andiamo a
vedere, a pensare di la, di qua... Se non finiamo qui, cosa si fa? Si va ognuno per i fatti
suoi?

Non si puo' eh?

Lo potrei anche fare, ma poi dopo gli altri? Allora uno dice vado per i fatti miei, torno
da papa', torno da dove sono venuta.

E c'e' qualcuno che lo fa?

Si' si'... Qualche volta anche io vorrei farlo... Pero' ancora non lo so veramente, pero' io
sono sicura che poi dopo mi pento di aver lasciato gli altri qua... Perche' anche la
missione dopo non e' riuscita bene.

Quindi meglio finire la missione prima?

Eh si', almeno uno e' orgoglioso... Avevo da fare questo e l'ho fatto... Potevo far meglio
magari, ma ce l'ho messa tutta.

E anche quando passi da un contenitore all'altro ci provano quegli esseri


ingordi?

Eh e' un trauma grosso li', tocca ricominciare tutto da capo.

Come mai bisogna ricominciare da capo?

Perche' non si ricorda niente quello... Qui e' fatto cosi'... Questi contenitori qui sono
fatti cosi'... Non sono adatti per fare un lavoro fatto bene... Ma questi hai.

Ti ci hanno messa dentro questi?

No.

L'hai scelto tu?

Per fare questo lavoro devi stare dentro questi! Perche' se no dove altro stai?... Qui e'
fatto cosi', non c'e' niente da fare, ormai e' andata cosi'.

Come mai e' andata cosi'?

Eh, per tutta una serie di circostanze e' andata cosi'... E adesso l'hano capito anche I
contenitori come sono andate le cose... Pero' adesso ti voglio dire una cosa... Allora
qui le cose sono andate male... Per cercare che vadano un po' meglio, devi
accontentarti di quello che hai, e quello che hai e' questo, che altro fai? ...Se stai senza
contenitore e' peggio... Allora devi prendere un contenitore, cerchi di prendere quello
migliore, stiamo bene insieme e cerchi di fare quello che puoi... La battaglia la fai con
le armi che hai... Non hai la bacchetta magica che risolve tutto, hai questi mezzi... Hai
un gioco e delle cose per giocare, e con quelle devi giocare... Se no va tutto all'aria e
non giochi piu'.

Ora prova a cercare quel contenitore in cui hai custodito dei libri...
Io ne ho avuti tanti...

Quello del Medioevo lo ricordi?

Guarda ogni volta avevo qualcosa, un segreto.

Li ricordi questi segreti?

Sempre quello, la Bibbia, o manoscritti, sempre quei segreti li' che voi dite della
Genesi... Io ho quel filo li' da seguire, questo tema.

E ad esempio quei libri che hai avuto in quei contenitori passati potresti
rileggerli?

Si' puo' fare tutto, ma bisogna vedere come fare, non e' facile, e poi che te frega?

Quindi non serve andare a rileggerli?

Ma serve per il contenitore piu' che altro... Volendo si puo' far tutto, pero' quelli
servivano quella volta, adesso bisogna inventarsi qualcosa per adesso... Non e' facile,
anche perche' te convinci la gente cosi, ma poi dopo l'anima che sta dietro?

Bisogna convincere le anime...

Eh, e non e' che lo fai con il libro.

Chi riesce a farlo?

Non lo so, perche' qui c'e' un'anarchia.

Ci sono quelli che cercano di risvegliare le anime, ad esempio gli avatar?

Quelli sono un'altra cosa.

Cosa sono gli avatar?

Sono anime speciali... Anime grosse.

Tu sei una di queste?

No, io sono una formichina piccolina... Ognuno fa quello che puo'... Pero' io sono
piccola.

Hai conosciuto degli avatar?


Io conosco solo Cristo... Quello e' il piu' grosso di tutti, il resto sono barzellette... Sono
grandi anime, poi dei gruppi seguono delle grandi anime e altri gruppi seguono altre
grandi anime... Ognuno ha il suo gruppo, il mio e' quello di Cristo, e per me e' il piu'
grande... Poi ognuno ha il suo magari... Pero' lui e' il figlio di Dio.

E' proprio suo figlio?

Tu non capisci, e' nostro fratello, pero' non e' come nostro fratello, non e' uguale a noi
eh... Siamo tutti figli di Dio, pero' lui non e' proprio uguale a noi... Lui e' potente,
potrebbe fare tutto, pero' bisogna che si vada da soli a un certo punto... Non e' che
puoi fare un colpo di mano... Invece sarebbe meglio che ognuno avesse il suo
percorso, il suo filo, e che poi vada a finire bene, non puo' finire altro che bene... Pero'
senza colpo di mano, senza forzature, senza bastonare... Perche' se lui vuole
bastona... Pero' se bastoni, risolvi il problema, ma hai sempre dato una bastonata...
C'e' chi l'ha prese insomma.

E Dio lo fa ogni tanto?

No Dio, che ne sai perche' ci fa fare tutto questo... Ma lui avra' le sue buone ragioni...
Lui lascialo stare dove sta.

Chi e' che ci da le bastonate?

Se Cristo o gli spiriti grossi si mettono in testa di bastonare, perche' le cose non vanno
bene... Se ci vogliamo mettere in testa di agire cosi', si agisce cosi', pero' non e' un
agire bello, perche' e' una forzatura... Magari questi ci arrivano da soli, pero' al tempo
di loro... Se dai la bastonata quelli capiscono per la bastonata, ma manco capiscono ad
un certo punto... Invece meglio far la tua parte piano piano per quel che puoi fare...

Conosci il demiurgo?

Bisogna vedere cosa intendi per demiurgo, perche' li' c'e' un casino, te non ci puoi
capire, manco noi ci capiamo.

Un creatore bianco lo conosci?

Il creatore bianco non ha niente a che fare con Dio padre diciamo, non e' una persona,
e' un gruppo, siamo noi, siamo un gruppo di noi.

Anche tu fai parte del creatore bianco?

Eh, se no stavo qui?... Stavo dove stavo.

E le anime nere fanno parte di un creatore nero?

Le anime nere non lo so, non so cosa hanno fatto loro.

Il creatore bianco ha un corpo?

Non e' una cosa, non e' un'entita' che te la vedi, e' una forza.

Tu sei parte della sua anima?

No io vengo da Dio, come io... Poi dopo, dalla parte di qua, chi gestisce e' logicamente
il gruppo dei bianchi, per quello che riguarda me... Per come stanno andando le cose,
ora e' limitato.

Qual e' la situazione?

C'e' la battaglia in corso.

E attualmente in che stato e' il creatore bianco?

Eh siamo un po' dispersi... Se noi fossimo piu' uniti non ci sarebbe nessun problema...
Il problema uno e' l'unita'... Pero' adesso e' importante che ognuno dia il meglio di se,
quello che puo' fare, senza abbandonare il campo di battaglia.
E quello oscuro?

Quello oscuro non so dove sia andato, ormai quello e' perso.

Come mai e' perso?

Eh perche' e' andato via.

E' andato via da solo?

E' andato via con quelli uguali a lui.

Come mai e' andato via?

Non lo so.

Puo' essere stato costretto in qualche modo, con l'inganno?

No con l'inganno no, se mai con una forza piu' grossa... Ma se fosse con una forza piu'
grossa, io proverei dopo a tornare di qua.

E lui ci prova?

Non lo so, cavoli suoi... E' un altro quello.

Pero' hanno fatto le cose insieme all'inizio?

Puo' darsi, per farle cosi', magari servivano tutti e due... Queste cose qui sono piu'
grandi di me, ad un certo punto non mi interessa come sono andate le cose... Quello
che ha cordinato a noi, teneva il gruppo, e poi dopo ognuno e' andato per i fatti suoi
qua, non c'e' stata piu' organizzazione.

Sei a conoscenza di un evento che dovranno subire i nostri contenitori?

Speriamo che non avvenga.

Chi e' che lo provoca questo evento?

Un po' tutti, pero' speriamo che non venga, perche' sta volta ho paura che la botta sia
grossa...

E tu invece non lo vuoi questo evento?

C'e' troppo male... Si potrebbe fare meglio forse, in un'altra maniera.

E chi e' che l'ha deciso?

Non e' che uno decide un evento... Un evento si decide in tante maniere... Ci si va
verso quell'evento, non e' che si decide... Quello che si puo' decidere e' di non andarci.

E il tuo Spirito cosa ne sa di questo evento?

Noi combattiamo affinche' non avvenga, pero' nello stesso tempo che avvenga
qualcosa, ma non cosi'... Cosi' e' troppo forte... Che avvenga qualcosa che faccia
capire qualcosa, pero' cosi' e' troppo secondo me.
Quindi anche il tuo Spirito vorrebbe un evento meno sconvolgente?

Perche' cosi' dopo molte vanno perse... Non perse del tutto, pero' rallentate...
Qualcuna ne approfitta per tornare via... Pero' secondo me si puo' tentare ancora... E
allora uno abbandona, e dice vabe' ce l'ho messa tutta, pero' mica e' vero che ce l'hai
messa tutta! ...Si puo' fare di meglio secondo me.

E questo evento che dovrebbe avvenire, che cosa e' esattamente?

Una riduzione della popolazione.

Come verra' fatta questa riduzione?

Non ha importanza, in tanti modi, pero' il succo e' quello.

E a quale scopo?

Perche' cosi' e' piu difficile da gestire, troppe no?... Come si dice, troppa carne al
fuoco... Invece con meno casino forse si riesce di piu' a far passare il messaggio...
Pero' e' brutto cosi'.

E chi viene fatto fuori?

Non viene fatto fuori nessuno.

E i contenitori?

Eh i contenitori tanti, chi acchiappa acchiappa.

A caso?

Si' quasi, dove capiti capiti... Non e' che dici: ho scelto di star qui perche' qui mi
salvo... Non e' importante neanche che mi salvo adesso... Perche' nessuno va perduto.

Pero' dopo si ricomincia da capo?

Ecco, pero' si rallenta.

E tu fai in modo che questo contenitore non faccia una brutta fine?

Allora questo contenitore ha la sua missione... Se per adesso questo qui l'ha finita,
possiamo pure prenderne un altro... Io dopo di questo ne ho un altro... Si puo' passare
subito a quell'altro... Se invece lei pensa che debba restare, resta ancora, io la
appoggio eh, non mi tiro indietro.

E dopo questo quanti contenitori hai ancora?

Uno.

E poi avrai finito?

Eh dopo vedremo.

Come mai solo uno, chi l'ha programmato?

Uno perche' in quel momento li' c'e' bisogno ancora di un contenitore cosi'.
Quando l'hai deciso?

Quello c'e' gia' eh.

Gia' sta vivendo?

Si'.

Sempre su questo pianeta?

Si'... Pero' e' ancora brutto, non si e' sistemato un cavolo.

Come e' fatto?

E' fatto come me.

Fra quanto tempo avviene l'evento?

Cosa intendi per tempo, non ha importanza questo... Anche perche' non ti devi
immaginare che succeda in un minuto e poi dopo passa, non e' una cosa cosi' eh.

E' graduale?

Si'... Forse e' pure peggio diciamo.

Che giorno e' oggi, come data del momento in cui stiamo parlando?

Dicembre no?

Gennaio 2011... Puoi vedere la disposizione del pianeta Terra attorno al


Sole?

Si'.

Tra quanti giri della Terra attorno al Sole avvene l'evento maggiore fra
questi eventi?

Uno, forse un po' di piu'.

E cosa succede esattamente tra un giro?

Non funziona piu' niente... Per comunicare, per quelle cose li'.

Per tanto tempo non funziona piu'?

Eh per un bel po'... Ma non e' una cosa bella, non e' che muore subito la gente, pero'
fa un casino.

E per quanti giri della Terra attorno al Sole dura questo insieme di eventi?

Forse 4 o 5, poi dopo pian piano si comincia a risistemare qualcosa, ma non si


risistema come vogliamo noi... Forse su certi aspetti e' anche peggio.

Ad esempio su quali aspetti?

Su quelli che comandano.


Che cosa succede in quel periodo?

Che chi comanda di piu', fa star male i contenitori delle altre persone... C'e' gente che
guarda solo all'aspetto dei contenitori come se contasse solo quello, e allora vogliono
comandare... E' vero che e' importante, pero' non hanno capito niente... E' importante
per fare andare le cose magari, pero' non hanno capito niente.

E tu cosa puoi fare per modificare questi eventi?

Io nel mio piccolo faccio quello che posso, gia' lo sto facendo.

Risvegli?

Eh, non c'e' altra possibilita'... Una voce nel deserto.

E gli alieni cosa faranno?

Solite cose, quelli ci sono sempre stati... Come se facessero un balletto.

Faranno qualcosa di diverso?

No, sempre uguale... Tanto cosa potrebbero fare diversamente?

Ci guadagnano qualcosa da questo evento?

Cosa? Niente... Infatti non capisco qual e' lo scopo... Fanno pena, fanno compassione.

Loro vorrebbero ottenere una cosa come te ad esempio, un'anima?

Ma tanto come fanno scusa? ...E' come, tu sei un individuo, sei te... Come puo' un altro
a prendere te? Cioe' si dovrebbe sostituire a te... Come fa, ti mangia?

Con te hanno mai cercato di far qualcosa?

No.

Ci sono degli individui su questo pianeta, senza un'anima?

Bisogna vedere cosa intendi per anima... Diciamo che ci sono delle persone diverse.

Cosa hanno di diverso?

Adesso se ti dico che sono inferiori tu non mi capisci, pero' sono diversi... Un fiore e'
diverso da un'altra creatura.

E quante persone su questo pianeta sono diverse da quelli come voi?

Tanti.

Sono piu' quelle come il tuo contenitore o come quegli altri?

Noi siamo relativamente pochi... Uno su tre forse... Ma non e' che uno sta li' a
contarsi... Ma questi non so se hai capito pero', non e' che sono animali.

Che scopo hanno questi altri?


Ci sono, sono stati creati... Ognuno ha il suo modo di stare qua.

Sono un errore?

No, non danno fastidio a nessuno... Se le cose fossero ordinate non darebbero
fastidio... Forse danno fastidio perche' le cose non sono ordinate... Se ognuno facesse
quello che deve fare, senza dar fastidio agli altri, non darebbero fastidio, ma non e'
colpa loro che danno fastidio... Loro danno fastidio perche' sono state ordinate male le
cose... Se fossero ordinate bene non darebbero fastidio, a me non danno fastidio.

Ci sono ancora delle cose che vuoi dirmi?

No, ti ringrazio di aver parlato con me.

Grazie a te... Lo sai chi sono io?

Sei uno uguale a me.

E con me ti risulta che quelli cattivi vengono a interferire?

No, a certe persone loro non danno fastidio, perche', che ci provano a fare? Per essere
presi a calci in culo.

Pero' c'e' qualcuno che invece si fa lasciare prendere... Li conosci vero?

Ma perche' non si accorgono, sono distratti, non hanno ben capito perche' stanno
qua... Se uno ha ben capito cosa sta a fare e perche' sta a fare, allora gli altri non
hanno spazio... Se uno ha da fare una cosa, cerca di farla nel migliore dei modi, e altre
cose non hanno spazio dentro a quello che tu devi fare.

E loro bisogna anche svegliarli? E' parte del tuo compito?

Eh... Ma non e' facile... Io posso parlare con te... I contenitori parlano con gli altri
contenitori... Ma i contenitori che capiscono, a un certo punto, e' perche' gia'
capirebbero da soli.

C'e' qualcuno che gia' deve essere risvegliato e qualcuno no?

Si', io sono qui e cerco di risvegliarlo, ma quello si sveglierebbe anche da solo... Sono
quelli che fanno muro, che sono tosti da risvegliare.

E quello che si risveglierebbe da solo, come farebbe ad esempio?

Vivendo la sua vita con coscienza.

E quegli spiriti, come il tuo che ti segue da tanti contenitori, ha un ruolo in


questo?

Forse veniamo tutti dallo stesso... Forse ci ha creati tutti insieme Dio... Ci ha creati per
stare insieme... Io ho il mio, ma perche' sono io che sono fatta cosi'.

E ci sono anche degli alieni buoni che risvegliano?

Non sono alieni quelli.


E cosa sono?

Sono anime.

Con il corpo o senza?

Che ci fanno loro col corpo? ...No il corpo serve per stare qua... Se non stai qua, il
corpo non lo hai, comunichi in un'altra maniera, hai un altro scopo, altre missioni... Ma
il corpo serve per stare qua.

E quelle anime come agiscono?

Ma quelle non sono di questo gruppo qua... Noi qui siamo piccoline, siamo formichine.

E di che gruppi sono?

Sono gruppi piu' ali diciamo... Quelle che sono piu' vicine a Dio, quelle che prendono
ordini proprio da lui... Io ho la mia strada, poi una volta finito qui andra' con loro, ma
adesso sto qua.

E loro sono quelli che noi chiamiamo angeli?

No, qualcuno puo' darsi che sta in contatto con loro, ma e' difficile.

Li chiamiamo in qualche modo, noi contenitori?

No, sono Spiriti di Dio... I contenitori nostri non se li possono immaginare... Questi non
hanno un nome, un'identita', questi sono inimmaginabili.

E sono di un gruppo diverso dall'anima di Gesu' Cristo ad esempio?

Puo' essere che Gesu' faccia parte di uno di questi gruppi... Pero' Gesu' qua si e'
conosciuto come Gesu', e noi lo dobbiamo conoscere come fratello nostro, poi dopo
che lui sia tanto grande da stare anche con quelli la, da stare con Dio, probabilmente
si'... Pero' noi lo conosciamo come uno di noi, perche' Cristo e' venuto per noi qua...
Perche' ci guida a noi, tu lo puoi sempre chiamare, non ti abbandona mai, ci devi
avere fiducia.

Quindi quella parte che e' dentro al suo corpo e' ancora viva?

Cristo mica ha il corpo, ce l'ha avuto il contenitore quando stava qua... Lui e' molto
piu' grande di noi, e' inimmaginabile.

E' una cosa molto piu' grande del creatore bianco o oscuro?

No Cristo e' mandato da Dio... Ti ho detto che il creatore non e' una persona una...
Tutti siamo il creatore, siamo una parte di uno dei due creatori... Noi lo chiamiamo
creatore ma non e' una parola adatta.

E quale sarebbe la parola adatta?

Mica c'e'... Diciamo le due origini, che possiamo concepire... Perche' Dio non lo puoi
concepire te, neanche io lo posso concepire, so che ci vuole bene, che ci ha creati, che
solo lui c'e' alla fine.
Pero' lui non interviene direttamente?

No, lui non sta qua... E Dio ha mandato Cristo... E Cristo e' qua con noi... Pero' lui ha
avuto il suo contenitore e basta... Invece noi ne abbiamo tanti, diciamo avuti... Cristo
e' venuto qui, da di la'... Diciamo un di la e un di qua, come se ci fosse un muro...
Cristo e' venuto da Dio per tirare un po' le fila di quello che stiamo facendo... Pero' noi
lo dobbiamo fare da soli questo... Lui potrebbe fare tutto, pero' in un certo senso ci
puo' solo aiutare, sostenere.

E gli altri che sono venuti prima di lui, li conosci?

No, quelli sono manifestazioni diverse, non sono Cristo... Perche' Cristo si e' preso un
corpo in un determinato periodo storico, pero' dal momento che e' qui e' qui... Vale per
tutte le epoche.

Insomma ha preso un solo corpo e basta.

Si', lui si', per quello che doveva fare si'... Poi in altre, diciamo religioni ti posso dire, ci
arrivano in un'altra maniera, pero' lui e' lui, e noi gruppo di anime facciamo
riferimento a lui.

Tutte le anime bianche?

Chiamiamole bianche si'... Tutte.

E quelle nere?

E quelle nere sono capitate qui per sbaglio diciamo.

Come mai per sbaglio?

Perche' non sapevano dove andare.

Come mai?

Eh se te non sai dove andare, se c'e' un posto dove vedi che puoi andare, ci vai.

Ci sono venute volontariamente?

Si', penso di si'... Io non le conosco bene queste qua.

E gli Arconti cosa centrano in tutto questo?

Cosa intendi per Arconti te?

I nostri manipolatori, quelli che non vogliono che torniamo da Dio.

Se tutti torniamo da Dio, loro rimangono soli... Ma verra' un giorno che sara' cosi'
pero'... C'e' poco da fare.

Pero' adesso cosa stanno cercando di fare?

Ci trattengono il piu' possibile ovvio.

E come fanno?
Facendo andare le cose come stanno andando.

Sai se questi hanno dei collegamenti eterei con i contenitori attuali, ad


esempio il tuo?

A loro dei contenitori non gliene frega niente.

Oppure con te hanno dei collegamenti eterei in qualche modo?

Loro gliene frega delle anime, diciamo, chiamiamoci anime... Pero' non e' che possono
fare qualcosa, anzi noi finche' siamo qua con il corpo, ci possiamo anche informare
meglio su come vanno le cose... Perche' riusciamo a toccare diciamo... Perche' quando
non hai il corpo, dopo e' dura perche' questi sono potenti e sono fetenti e si fanno
passare per buoni.

E senza corpo, cosa possono fare loro?

Questi di dicono che non puoi andare via, e invece noi possiamo andare via... Perche'
se tu gli dici in faccia “guarda che io voglio tornare da dove sono venuta”, ne ho la
facolta' di tornarci... Sai come funziona un piccione viaggiatore, torna da chi l'ha
allevato in sostanza... Porta il messaggio e poi torna, non c'e' niente da fare... Te lo
puoi tenere, lo puoi mettere in una gabbia, ma prima o poi ci torna.

Pero' ci provano all'infinito a mantenerlo nella gabbia.

Ecco, ma prima o poi prende il volo e torna a casa.

Se riesce.

Si' ma prima o poi si torna da dove si e' venuti... Questi ti sbarrano la strada, pero' se
te fai il muso duro, non c'e' un cavolo da fare, si devono mettere da parte... Solo che
certo ti prendi una strizza... Pero' questo quando hai finito di fare quello che devi fare,
perche' se sei qui e' perche' devi fare qualcosa, se no non ci staresti... Se Dio ti ha
mandato qui, e' perche' hai un ruolo comunque.

Tutti hanno un ruolo?

Tutte le anime che sono qui hanno un ruolo, le bianche.

E le nere?

Le nere non lo so, pero' penso che a sto punto anche le nere se vogliono trovare da
fare insieme a noi, non e' che le mandiamo via noi le nere... Dio quando finisce tutto,
perche' verra' quando finisce tutto, non e' che dice “quelle nere non le voglio” e le
manda indietro.

Quelle nere non le ha fatte Dio?

Tutto viene da Dio.

E allora si deve riprendere anche loro.

Eh certo, mica le manda via... Pero' loro devono venire, cioe' tu devi andare da Dio,
poi Dio ti prende e ti riaccoglie... Pero' se tu non ci vai, lui non puo' venirti a prendere,
perche' tu devi scegliere di andare... Come hai scelto di venire, devi scegliere di
tornare... Anche se indirettamente sono diverse, tutto viene da Dio, da quello che
chiamiamo Dio... E allora se loro che non sanno dove andare, che non si riesce a
ristabilire come era l'inizio, ad un certo punto se vogliono tornare anche loro, possono
farlo tranquillamente... E una volta tornati tutti, questi diavoli o Arconti come vuoi
chiamarli, quando rimangono soli, ad un certo punto non hanno altra scelta, o
rimangono soli o bussano a Dio.

Gli Arconti sono anime bianche o anime nere?

Gli Arconti non e' che sono delle anime, sono altre cose... Ma anche quelle cose li',
trovano il loro posto nel disegno di Dio.

E noi tutti cosa potremmo fare per liberarci dagli Arconti nel piu' breve
tempo possibile?

Perche' breve tempo?

Bisogna farlo o no?

Si' bisogna farlo, prima o poi questo avverra'.

E noi cosa dobbiamo fare?

Ognuno ha il suo, nel suo piccolo, piano piano come una formichina che porta il suo
granello sulle spalle al formicaio... Non ti so dire di piu'.

Ci sono ancora cose che vuoi dirmi, oppure possiamo terminare qui?

No, ti ringrazio che abbiamo parlato... Mi piace parlare.

Bene, allora io contero' fino a 6...

Considerazioni personali

A questo punto della ricerca e' sensato confrontare i risultati ottenuti dall'indagine
tramite le nostre tecniche con i dati storici che otteniamo da testi antichi, testi sacri,
bassorilievi, dipinti e raffigurazioni. Le corrispondenze con i dati storici sono evidenti, e
non potrebbe essere diverso, perche' noi non stiamo scoprendo nulla che non fosse
gia' noto nell'antichita'. La fonte da cui giungono percezioni ed ispirazioni e' ed e'
sempre stata per tutti la stessa Coscienza collettiva, e quel che stiamo facendo non e'
altro che rispolverare un po' le antiche conoscenze. Grandi corrispondenze dei nostri
studi si hanno con lo gnosticismo, ed in particolare con alcune correnti gnostiche,
come il catarismo.

Il naturale proseguimento dello studio delle interferenze aliene negative, era quello di
andare a studiare anche il punto di vista positivo, delle anime che hanno invece il
compito di risvegliare le altre.

Se abbiamo scoperto ad esempio che gli Alieni sono gli Dei e i Demoni del passato,
mentre gli Uomini Primi immortali sono gli Arconti di cui si parla nei vangeli gnostici,
allora anche il lato “positivo” della storia deve essere preso in considerazione nei
nostri studi.

Premettendo che non aderisco ad alcuna religione o scuola di pensiero, dai risultati di
questa visualizzazione guidata (e anche altre), si evince che debbano anche essere
considerati nei nostri studi coloro che, come Cristo, hanno la funzione di riportarci alla
luce.

Risulta evidente che in questo universo ci siano due fazioni opposte, mentre noi siamo
solamente pedine di uno scacchiere piu' complesso di quanto si possa pensare.

Dal punto di vista di una pedina, possiamo identificare una fazione a noi ostile (quella
di Alieni e Uomini Primi mutaforma “cattivi”, o se preferite Arconti) e una fazione che
ci guida e ci risveglia (quella dei “buoni”, di cui fanno parte i Super-Spiriti di Uomini
Primi o alieni, o se preferite Spiriti-Guida).

Bisogna sottolineare che i “cattivi” sono una piccola minoranza, ma sono coloro che ci
hanno prodotti e che ci tengono sotto scacco, manipolati e qui intrappolati nel ciclo di
reincarnazioni. Secondo il progetto dei “buoni”, l'umanita' attuale non dovrebbe
nemmeno esistere, e pertanto cercano di risvegliare le nostre anime per liberarle.

E' chiaro che i nomi “buoni” e “cattivi” sono impropri in quanto relativi ad un punto di
vista. In realta' non esistono i buoni e i cattivi, ma solo esseri che fanno i loro interessi.
Cio' pero' non ci vieta di identificare come “buoni” coloro con cui abbiamo interessi in
comune. Poi e' chiaro che per coloro che vivono bene nel loro stato di manipolazione, i
cattivi potrebbero essere visti come buoni e viceversa.

L'interferenza da parte dei “buoni” e' decisamente diversa da quella dei “cattivi”. I
Super-Spiriti di Uomo Primo sono gia' parte integrante di alcuni di noi, mentre quelli
alieni possono essere interni o esterni.

Brevi note sulla trascrizione

• Il primo contenitore che ha percepito Anima non era un contenitore, ma era lo


stato di “anima fisica” che hanno assunto le anime nel pre-universo di cui si
parla anche qui.

• Il primo contenitore materiale e' stato invece un Uomo Primo vissuto qui, in un
piacevole ambiente naturale.

• Nel primo contenitore di UP troviamo lo Spirito, che viene definito come la


controparte, quella che da la vita al contenitore, poi scopriamo che questo
Spirito e' in realta' un Super-Spirito molto potente, che ha seguito Anima in tutti
i suoi contenitori, dandogli la forza di svolgere la sua missione.

• La missione di quest'Anima bianca e' quella di risvegliare le altre anime, con


determinazione ma consapevole dei pochi e limitati mezzi a disposizione.
Questo compito e' stato svolto anche in vite passate tramite contenitori che
custodivano manoscritti e segreti sul tema della Genesi. Come lei, anche altre
anime portano avanti la missione nel loro piccolo, ognuna poco per volta.
• In questo caso il Super-Spirito e' coeso con Anima, tanto che probabilmente
molte risposte sono giunte piu' da lui che da Anima.

• La parola chiave di questa visualizzazione guidata e' stata Dio. Grazie a questo
dialogo infatti possiamo farci un'idea piu' chiara di chi sia, anche se non puo'
che restare inconcepibile. Dio (o Coscienza) e' tutto, e per svolgere la sua
azione creativa ha emanato tante piccole parti di se', le anime, che lavorano per
lui e quindi sono un pezzetto di Dio.

• Le Anime provengono tutte da Dio, ma poi dopo, dalla parte di qua, le anime
sono parte dell'anima di uno dei due Demiurghi o Creatori. Queste due origini
andrebbero quindi viste inizialmente come un condensato di anime, di cui noi
facciamo parte. Probabilmente solo in un successivo momento queste due
origini hanno assunto una forma e uno Spirito, come le Anime che hanno
assunto un corpo (gli Uomini Primi). La situazione attuale e' quella di una
battaglia in corso per la gestione delle anime.

• Gli Uomini Primi immortali, o Arconti, vengono in questo dialogo citati con il
nome “gli ingordi”, che vogliono comandare e trattenerci infinitamente in
questo universo, impedendoci di ritornare da Dio. Caratteristiche di quest'Anima
sono la forte determinazione nel superare questi manipolatori, tenere lontano
da lei i parassiti e la consapevolezza del fatto che in ogni caso tutte le anime
torneranno da Dio (alla fine dei tempi!), senza restare intrappolate qua. Inoltre
non solo le nostre anime, ma anche gli stessi manipolatori si ritroveranno
costretti a rientrare. Tutti infatti hanno una ragion d'essere nel progetto divino,
incluso loro.

• Parlando di grandi anime che svolgono la funzione di risvegliarci, viene citato


Cristo, che deve essere visto come fratello delle nostre anime, perche' anche lui
come noi e' un figlio di Dio, pero' e' un figlio speciale venuto qui con un
contenitore, Gesu', nel tentativo di risvegliare le anime, ma senza forzature,
senza bastonare.

• Le bastonate sembrerebbe che invece cominceranno ad avvenire tra poco piu'


di un anno, con un insieme di eventi che causeranno devastazione e una
riduzione della popolazione. Di questo evento si parla anche in questa
visualizzazione guidata, poi in questa ed in quest'altra. L'evento principale sara'
probabilmente il flare solare di cui parla anche la Nasa.

• Anche le stesse anime (e soprattutto i Super-Spiriti) vogliono che avvenga


qualcosa che faccia capire qualcosa (risvegliare le anime), ma in questo dialogo
viene detto che questa modalita' e' troppo forte e quindi non e' un buon
metodo. Bisogna sottolineare che ogni anima fornisce una versione
leggermente differente tra di loro. Ci sono diverse sfumature, dalle piu'
drastiche (e meno legate al contenitore), a quelle piu' mediatrici, come questa.

Note aggiuntive di Rosalba Biancini

Gnosticismo
Gnosi vuol dire conoscenza che ti "salva", ma non è una conoscenza sapienzale, bensì
una conoscenza di relazione, ossia: lo gnostico legge libri e documenti e sà discernere
le cose vere perchè le ri-conosce, ma il "riconoscimento" di come stanno le cose nella
vera realtà, può avvenire anche dando ascolto alla propria coscienza. Per cui, anche se
di solito l'aspirante gnostico è intelligente e conduce una vita materiale di livello
medio, se messo in condizioni di deficit intellettivo o materialmente indigente, arriva
all'intuizione gnostica con la forza del suo intimo "cuore"...

Gnosticismo cristiano

Lo gnostico è quindi l'uomo che è a conoscenza della dualità dell'universo e di quelli


che vengono chiamati erroneamente i due creatori "originari" ed ha ben chiaro in
mente che nessuno dei due è la sua VERA origine e che l'origine vera, quella che
giustamente chiamiamo DIO è molto al di sopra dell'origine fittizia ed è allo stato
attuale delle cose ben divisa ed irragiungibile.

Lo gnostico cristiano è quell'uomo la cui Anima appartiene ad un certo gruppo


particolare guidato da NS Gesù Cristo. Durante la permanenza terrena, il contenitore
di questo tipo di Anime riconosce immediatamente l'importanza e la figura del Cristo,
assaporandone, nella condizione terrena tutti i livelli perchè Lui è a tutti i livelli!

Ossia, lo gnostico cristiano sa bene che Cristo è super-uomo con gli uomini, super
Anima con le Anime ed ancor di più con le Grandi Anime, fino a salire a TUTTE le
manifestazioni anche quella con il Padre Dio Inconoscibile. Ecco perchè lo gnostico
cristiano, a differenza degli altri gnostici è spesso anche fervente cattolico, biblista,
ecc.

I catari

I catari sono gnostici cristiani "puri". Essi si definiscono veri cristiani ed amici di Dio.

La nostra condizione di càtarismo è innata e si manifesta nella materialità come può


ed a seconda delle epoche in cui si esprime...

Nel càtarismo medievale di stampo occitano, ma anche italiano, c'erano due


espressioni dette mitigato ed assoluto.

Il càtarismo mitigato vedeva un solo creatore, a cui una parte di angeli si ribella. Il
catarismo assoluto vedeva due creatori iniziali di pari dignità, ma prevedeva un solo
Principio Increato, un “Padre Santo degli Spiriti buoni”.

Vedete che sono solo due modi, magari uno (il mitigato) più exoterico e più vicino al
"rivale" cattolicesimo. Per quanto riguarda il cattolicesimo, i càtari ne hanno sempre
condannato la condotta dei suoi ministri e MAI la predicazione evangelica, eccetto il
rigetto assoluto nei libri sacri del vecchio testamento!

Quindi, la divisione netta fra càtarismo e cattolicesimo è stata fatta con la spada ed i
roghi per questioni di interesse che esulano dal sentirsi tutti cristiani e figli di Dio!

Io spero che questo lavoro possa servire e far parte a pieno titolo di tutte quelle
manifestazioni terrene alla cui appendice si può collocare la frase "CHI HA ORECCHIE
PER SENTIRE, INTENDA".
Ora io, amici cari, vi posso salutare con un inchino a voi ed alle vostre Anime e con un
non frainteso: fraternamente in Cristo. Amen.

Pubblicato da tapion a 22:49

39 commenti:

Barabba ha detto...

molto interessante...
Alla luce di ciò faccio fatica ad inserire il concetto di reincarnazione. Ovvero..la
reincarnazione come percorso evolutivo ha ancora senso? oppure si trasforma in una
condizione forzata voluta da terzi per intrappolare le anime ancora qui a lungo per non
raggiungere Dio? Si capovolgerebbe tutto: prima la reincarnzione era il processo di
evoluzione delle anime per raggiungere uno stadio che le portasse poi al
ricongiungimento col Divino, ora invace in questo caso è l'opposto..una ruota che
serve a far si che questo ricongiungimento non avvenga.....
o forse sto facendo una analisi errata??

15 gennaio 2011 01:52

TrunksZ ha detto...

Probabilmente all'inizio le anime si reincarnavano consapevolmente dentro i


contenitori da loro stesse creati, per fare esperienza e riportarla a Dio.
Poi gli Arconti hanno stravolto tutto e ingannato tante anime che sono rimaste
intrappolate nel ciclo di reincarnazione e non possono più tornare a Dio.
Quindi il gruppo di Anime sveglie è obbligato a stare qui per salvare le altre, è la loro
missione.
Si deve tornare tutti insieme alla fine da Dio, se tornano singolarmente è una semi-
sconfitta per loro.
Le Anime non si sanno spiegare il perchè ma magari solo tornando tutte e con l'intero
bagaglio esperienzale si potrà andare tutte insieme da un altra parte..a giocare in un
altro universo. chi lo sa...

15 gennaio 2011 03:47

Vivekavatar ha detto...

@Barabba
In ambito orientale la vita nella carne è sempre stata vista come un male necessario,
tramite l'esperienza reiterata della reincarnazione l'anima/spirito impara a non volersi
incarnare più, a non desiderare più la materialità.
L'evoluzione consiste proprio nel liberarsi dalla constrizione terrena e nel ritrovare
l'unità.
Le anime umane sono forse quelle più scarse e ignoranti dell'universo, necessitano di
queste esperienze per forgiarsi.

Ci servono anime buone, forti e coese con le altre, non anime capricciose che fanno
giochi egoici con i propri contenitori.
La maggior parte di noi sono come bambini viziati, ignoranti ed egoisti.

Non possiamo imparare in altro modo.

Il processo di reincarnazione è una forgiatura, il fabbro battera il ferro finchè esso non
avrà acquisito la forma desiderata.

Un'altra cosa da dire è che le anime e gli spiriti umani meritano in toto la situazione
schifosissima in cui ci ritroviamo.

E' Karma, un concetto che da senso e giustizia alla reincarnazione.

Gli arconti e gli alieni svolgono inconsapevolmente un ruolo importantissimo


nell'evoluzione, creano il conflitto entro il quale noi possiamo specchiarci e riconoscere
le nostre storture, se viviamo in un mondo come il nostro è perchè noi
qualitativamente siamo in risonanza con esso, è un aspetto di noi, l'esterno è uno
specchio dell'interno.
Noi siamo bravi a riconoscere le storture esterne ma non quelle interne, è così che si
gioca questo gioco.

In definitiva il male è il trono del bene.

Il male non costringe, tenta, poi sta a noi cedere o meno alla tentazione.

Spero di averti dato elementi utili per formulare un analisi più precisa sulla
reincarnazione ;)

PS (DoppiaB ero sempre io, ricopio lo stesso commento con il nick corretto)

15 gennaio 2011 14:57

davide.tapion ha detto...

In realta' bisogna distinguere due tipi di reincarnazione: quella vera e propria di


Spirito, e quella di Anima.
Premettiamo che le nostre vite passate sono le somma di quelle di Spirito e di Anima.
In pratica il nostro Spirito ha fatto un suo percorso, che probabilmente si e' incrociato
con quello della nostra Anima solo in certe occasioni. Diversa ancora e' la questione
del Super-Spirito, che, dove presente, e' lo Spirito che segue Anima a partire dalla sua
incarnazione nel corpo di un Uomo Primo.
La reincarnazione di Spirito la vedo piu' come un suo percorso evolutivo, con il
compito di dar la vita, mantenere vivo il suo corpo e farci esperienza (ma vale per
tutto cio che e' vivo, animali e vegetazione inclusi).
La “reincarnazione” di Anima dentro di noi, salvo dove ci sia una missione ben precisa,
come quella di cui si parla in questa ipnosi, e' in genere una forzatura indotta da altri.
Un trucco messo in atto da alieni e uomini primi immortali o piu' in generale dagli
arconti per fare in modo di controllare tutte le anime e quindi l'universo intero. Noi
siamo un loro prodotto, una trappola momentanea per anima.
Se non ci fosse stato questo intervento della fazione ostile, probabilmente noi
saremmo solo Spirito e le nostre anime avrebbbero continuato a fare esperienza negli
uomini primi originari.
...Ma probabilmente era cosi' che doveva andare questo gioco, altrimenti non era
divertente, no?

15 gennaio 2011 17:53

stesepu ha detto...

Sarebbe stato interessante chiedere in che epoca il Cristo ha vissuto la sua esperienza
terrena. Confesso che aspettavo questa domanda fin dal momento in cui è stato
nominato per la prima volta.

15 gennaio 2011 18:59

Vivekavatar ha detto...

@davide.tapion

In effetti per la maggior parte delle anime del nostro universo è andata così, hanno
vissuto e vivono in corpi da uomini primi in piena coscienza ecc...

Il nostro stato riguarda le anime fesse che si son fatte ingannare e tentare, attraverso
la prigionia impareranno, prima o poi tutte, a non caderci più.
E allora saranno veramente libere, libere non perchè nessuno le imprigiona ma libere
perchè nessuno sarà in grado di imprigionarle.

Questa ipnosi dimostra chiaramente che contro le anime consapevoli che non si
vogliono far parassitare o usare non c'è alieno o up ingordo che tenga.

Le forze del male sono ovviamente da combattere e contrastare ma bisogna farlo


tenendo presente che se esistono nella nostra vita ne siamo, in qualche modo occulto,
responsabili.
- È meglio accendere una lampada, che maledire l'oscurità. - (Lao Tzu)

15 gennaio 2011 19:28

davide.tapion ha detto...

@stesepu: per avere risposte precise su questioni legate al tempo bisogna impostare
un dialogo diretto con Spirito, che e' in grado di quantificare bene il tempo. Non era
questa l'occasione... lo chiedero' non appena sara' possibile.

15 gennaio 2011 19:34

davide.tapion ha detto...

@Vivekavatar: concordo.

15 gennaio 2011 19:38

Antonia ha detto...

Esordisco chiedendo scusa per l'ignoranza. Sto avvicinandomi alla tematica da


qualche giorno appena, dopo aver conosciuto una persona che mi ha raccontato di
anima, coscienza, esperienze aliene, annessi e connessi.
Vorrei sapere una cosa: è possibile ( e se lo è, in che modo ) capire se una persona ha
anima, senza dover necessariamente ricorrere all'ipnosi? E' vero che anima, quando si
risveglia, può manifestarsi attraverso fenomeni strani, come i cortocircuiti elettrici? Da
quando mi sono avvicinata all'argomento, ogni volta che sento parlare di certe cose,
scoppio in un pianto disperato, e si verificano episodi strani con le luci di casa.
Perdonate la domanda, forse è un po' stupida, ma vorrei capirci qualcosa.

Un sorriso. Antonia.

15 gennaio 2011 21:39

davide.tapion ha detto...

Non esiste un modo oggettivo per stabilire se hai Anima oppure no, e non e' nemmeno
importante saperlo.
Ognuno e' quello che e', non quello che ha. Prima di tutto siamo Spirito, poi qualcuno
e' anche Anima (termine decisamente improprio per indicare "Energia pura divina").
Chi e' solo Spirito probabilmente vive meglio nella nostra societa' e si puo' considerare
effettivamente terrestre.
Chi e' anche Anima e' in genere piu' creativo e solitario, e tipicamente si sente
estraneo a questo mondo.
I fenomeni diciamo "paranormali" che hai citato sono tipici per le persone animiche,
perche' hanno dentro di loro questa grande energia che ha incredibili potenzialita', ma
che possiamo sfruttare solo in mimima parte, visto che si trova nel posto sbagliato!

15 gennaio 2011 22:52

Antonia ha detto...

Il posto sbagliato sarebbe il contenitore, o il mondo conosciuto?

Grazie mille per aver risposto.

15 gennaio 2011 23:08

davide.tapion ha detto...

Il contenitore ovviamente.
Siamo stati ottenuti da milioni di anni di ibridazioni genetiche condotte dagli alieni allo
scopo di disporre di contenitori per trattenere le anime, ma piu' deboli possibili da non
essere in grado di utilizzare quest'energia.

15 gennaio 2011 23:17

Antonia ha detto...

Se Anima è Energia pura divina, e i contenitori sono stati creati da ibridazioni


genetiche realizzate dagli alieni, vuol dire che c'è un nesso tra Dio e gli alieni. Qual'è?

15 gennaio 2011 23:30

davide.tapion ha detto...
Nel mezzo ci sono gli uomini primi, che sono divini...
Quelli che sono diventati immortali, per ottenere manovalanza, hanno creato gli alieni
tramite ibridazioni genetiche partendo da animali che si stavano formando in giro per
l'universo.
Gli alieni, che non erano divini, volevano diventarlo, e hanno studiato un piano per
diventarlo, in cui un passaggio di mezzo era la creazione di noi, che siamo diventati
mezzi divini.
Peccato che poi gli alieni sono stati fregati dai loro stessi creatori, gli uomini primi
immortali, che utilizzano ora i nostri contenitori per intrappolare le anime.

15 gennaio 2011 23:50

Antonia ha detto...

Per questo gli alieni vogliono rubarci l'anima? Per diventare divini? Ma soprattutto ...
chi sono gli uomini primi?

Lo so che ti sto sommergendo di domande, ma è difficile trattenersi.

16 gennaio 2011 00:02

davide.tapion ha detto...

Gli alieni una volta rimasti fregati portano avanti un loro progetto per inserire le anime
nei loro corpi, ma per far questo, passano tramite la formazione di ibridi alieni-umani.
Ma non ci riusciranno mai perche' gli uomini primi li resettano prima che ci riescano!
Altri alieni hanno altri progetti, alcuni collaborano direttamente con gli uomini primi
immortali (a noi ostili), altri ancora collaborano con la fazione diciamo "buona".

Chi sono gli uomini primi... tutto il blog e' praticamente incentrato su questo! leggi
prima di chiedere!
Qui mi pare di spiegarlo chiaramente...
http://interferenzealiene.blogspot.com/2010/12/alte-gerarchie.html

16 gennaio 2011 00:15

Antonia ha detto...

Lo sto leggendo il tuo blog. Ma leggere tutto, in poche ore, realizzare ciò che leggi,
prenderne coscienza, far quadrare i tasselli, e ammettere che fino ad oggi hai vissuto
in un mondo che non è reale, non è facile.
Grazie per le indicazioni comunque.

16 gennaio 2011 00:37

davide.tapion ha detto...

Benvenuta nel club di chi vuol scoprire quant'è profonda la tana del bianconiglio :)

16 gennaio 2011 00:52

Antonia ha detto...

Perché usate tutti la stessa espressione? Tana del bianconiglio. Io detestavo Alice nel
paese delle meraviglie --.-- :)

16 gennaio 2011 00:59

davide.tapion ha detto...

Chi non ha visto il film Matrix non puo' capire, eheh!

16 gennaio 2011 02:04

Barabba ha detto...

Dice Davide: "La “reincarnazione” di Anima dentro di noi, salvo dove ci sia una
missione ben precisa, come quella di cui si parla in questa ipnosi, e' in genere una
forzatura indotta da altri. Un trucco messo in atto da alieni e uomini primi immortali o
piu' in generale dagli arconti per fare in modo di controllare tutte le anime e quindi
l'universo intero. Noi siamo un loro prodotto, una trappola momentanea per anima" .

Esattamente questo intendevo. Se prendiamo per buona questa idea utomaticamente


dobbiamo vedere con occhio critico gli insegnamenti dei Maestri e degli Avatar
attualmente incarnati sulla terra che parlano della reincarnazione in maniera molto
diversa o comunque questo distinguo non lo fanno. E non è un distinguo che può
essere tralasciato nell'insegnamento della reincarnazione e comuqnue non può certo
tralasciarlo un Avatar.
Insomma , parliamoci chiaro, queste informazioni le ricaviamo da persone sotto ipnosi,
da "Anima" e non le ricaviamo da anime immense come gli Illuminati o gli Avatar,
questo è un dato di fatto. E non sono certo informazioni di poco conto, ma elementi
necessari per la presa di coscienza.
Dobbiamo ancor pensare che gli Avatar non danno queste informazioni perchè "non
siamo ancora pronti"?
E' evidente che qualcosa non torna..

16 gennaio 2011 13:20

Antonia ha detto...

Scherzavo. So che ci si riferisce a Matrix, alla famosa pillola rossa, e al "risveglio", per
così dire.

Un sorriso. Buona domenica.

16 gennaio 2011 14:32

Vivekavatar ha detto...

@Barabba

Torna tutto, le anime di questo pianeta sono ingannate perchè sono ingannabili,
corrotte perchè corruttibili, anche da se stesse.
Con il processo esperenziale in qualche migliaio di anni prenderanno coscienza e
diventeranno iningannabili e unite con le altre sorelle.
La maggioranza delle nostre anime sono ignoranti ed egoiste e questo stile di
coscienza è affine ai comportamenti dei loro contenitori.
La situazione che vivono se la meritano (sia come conseguenza della loro condotta sia
come lezione da imparare), basti pensare cosa fà il genere umano al regno animale.

Gli avatar hanno sempre insegnato che l'ignoranza è l'origine di tutti mali e la
necessità di liberarsi dalla carne.
Poi come facciamo noi a sapere se uno è un avatar vero o un falso?

Per quanto riguarda la tua ultima frase, a me pare evidente che il problema non sta
nel non ricevere informazioni ma nell'essere incapaci di ascoltarle, come dice Rosalba:
"Chi ha orecchie per intendere intenda"

Dobbiamo smettere di pensare che il nostro processo di liberazione debba dipendere


da personaggi esterni, ognuno deve liberare se stesso e nessuno può liberare
qualcun'altro, al massimo gli si da un aiuto.

Se il conflitto di insegnamenti sulla reincarnazione ancora non ti torna potresti


illustrarmi i punti di conflitto tra le due o più tesi?
16 gennaio 2011 20:17

Barabba ha detto...

@Vivekavatar

Il problema invece è proprio ricevere informazioni, senza le quali non c'è nulla da
ascoltare. Se non avessimo avuto da lei o da altri queste informazioni noi non
saremmo ne qui a discuterne ne ad ascoltarle.
Le tue parole sono belle dal punto di vista poetico, se vogliamo anche letterario ma
hanno un non so che di dogmatico.

Dici "Gli avatar hanno sempre insegnato che l'ignoranza è l'origine di tutti mali e la
necessità di liberarsi dalla carne.
Poi come facciamo noi a sapere se uno è un avatar vero o un falso?"

Be, se questo è il dubbio allora è impossibile continuare un confronto. Come se io


dicessi "come possiamo sapere che questa ipnosi sia reale eccc.." non andremmo da
nessuna parte. L'unica cosa certa è che nessun Avatar da Rama a Budda passando per
Lao Tzu Gesù Baba solo per citarne qualcuno anche vivente ha mai fatto cenno o
parlato della reincarnazione in questa chiave :
"La “reincarnazione” di Anima dentro di noi, salvo dove ci sia una missione ben
precisa, come quella di cui si parla in questa ipnosi, e' in genere una forzatura indotta
da altri. Un trucco messo in atto da alieni e uomini primi immortali o piu' in generale
dagli arconti per fare in modo di controllare tutte le anime e quindi l'universo intero.
Noi siamo un loro prodotto, una trappola momentanea per anima"

Chi ha orecchie non può intendere ciò che non è udibile. Si sente e si ascolta solo ciò
che viene detto. Non ciò che si tace.
E non si tratta di essere liberati da qualcuno esterno, ma se un Avatar scende non può
Lui parlare solo d'amore e pace e gli addotti sotto ipnosi dare informazione che una
Grande Anima non si sogna di dare. E' un paradosso anche assai divertente se ci si
sofferma. Sopratutto perchè la dottrina della reincarnazione è centrale in ogni
insegnamento di un Avatara.
Non c'è un conflitto, c'è una totale omissione da parte degli Avatar rispetto
l'insegnamento.
Solo questa può essere la conclusione se prendiamo per veritiere queste rivelazioni.
E' comunque necessario porselo questo quesito per una ricerca onesta.

17 gennaio 2011 00:17

Anonimo ha detto...
Io quello che penso è questo.Il concetto è che non è che uno ha o non ha anima.Ma
uno dovrebbe pensare :sono IO l'ANIMA dentro il corpo?.Quando capisci questo cerchi
di risvegliare anche gli altri a questo.Il corpo e solo il mezzo per percepire in questo
mondo.Anima ha bisogno di un corpo per toccarsi e toccare per capire che esiste,o
attraverso il dolore o il piacere.Quando capisce questo ha fatto esperienza di chi E'
veramente e torna da chi è o era in origine.Spirito ha lo stesso significato di anima
guardate in vichipedia per capire il confronto.
Ciao
Adry

17 gennaio 2011 11:24

davide.tapion ha detto...

... tratto da http://interferenzealiene.blogspot.com/2010/12/parti-di-noi.html


In molte religioni, tradizioni spirituali e filosofie, Anima e' sinonimo di Spirito. La
distinzione e' nata dai ricercatori nell'ambito abductions, e pertanto utilizzero' anche io
in questo blog il termine convenzionale “Anima” per indicare quella “Energia che
proviene da Dio”, e non il sinonimo di Spirito.

17 gennaio 2011 14:08

Vivekavatar ha detto...

@Barabba

Forse scambiamo per avatar personaggi che non lo sono e da qui la discordanza dei
messaggi. Ovviamente in antichità non si parlava di alieni, grigi e abduction ma di
demoni, presenze e possessioni. Confrontando un messaggio di un avatar moderno (se
in questi tempi c'è ne qualcuno, non è detto) con quello di uno antico magari
l'insegnamento cambia moltissimo nella forma.

Riguardo le citazioni non puoi mischiare i miei scritti con quelli di davide.tapion, il mio
punto di vista è un pelo diverso.

Secondo me le nostre anime non sono imprigionate ma imprigionabili (e di


conseguenza imprigionate), quindi fanno esperienza per non esserlo più e migliorare
anche sotto altri aspetti.

Poi io della reincarnazione (quella correttamente intesa) ho sempre letto che è un


meccanismo per far prendere coscienza alle entità per svilupparsi e alla fine liberarsi
dal giogo del mondo materiale.
Nelle filosofie orientali la vita nella carne è sempre stata vista come sostanzialmente
negativa ma necessaria alla presa di coscienza.
Io non vedo questo conflitto nell'insegnamento reincarnativo e non puoi nemmeno dire
che non c'è nulla da udire, stiamo scrivendo su un forum fatto apposta!
Ovviamente le informazioni non ci piovono in testa, bisogna cercarle, se vogliamo
completare il detto "Chi ha orecchie per intendere intenda" possiamo aggiungerci il
famoso: "Chi cerca trova" e così siamo apposto.

17 gennaio 2011 20:10

Barabba ha detto...

Chiaramente per capire chi è Avatar bisogna indagare, studiare, comprendere. E come
direbbe Gesù, li si riconosce dai loro frutti.
Nell'epoca moderna ne abbiamo avuti e ne abbiamo ancora oggi presenti, in india
come in occidente.
Nessuno di essi, lo ripeto, parla della reincarnzione in questi termini che sono
strettamente legati al problema alieno.
E non si tratta di terminologie differenti,ma di concetti e impostazioni.
Poi è chiaro che in qualche modo riusciamo sempre a far entrare le cose... e la nostra
mente è molto brava a farlo.

17 gennaio 2011 22:11

Vivekavatar ha detto...

Capito, concordo sul fatto che l'argomento alieno/demoniaco sia raramente trattato
ma capisco anche che se si vuole insegnare a elevare le coscienze agli esseri umani
(4/5 dei quali senza anima ma con solo spirito) a volte converrebbe tacere certe cose
per non "screditare" tutto l'insegnamento.

Il sistema di crescità passa anche attraverso "verità-punti-di-passaggio", io poi non so


di certo cosa frulla nella testa degli avatar.
So per certo che se anche tutti noi ci mettiamo a raccontare queste cose nelle piazze
veramente pochi ci crederebbero (i pochissimi che ne sanno già qualcosa e i creduloni
cronici), come dice l'anima di Rosalba nell'ipnosi; alla fine quelli che si liberano grazie
all'aiuto e alle informazioni l'avrebbero fatto comuque da soli, magari un pò meno
velocemente.

Quello che volevo dire è che la direzione dei vari insegnamenti (concetti e
impostazioni) dei presunti o veri avatar è la stessa: autocoscienza, amore, conoscenza
e l'obbiettivo unico: liberazione dalla catena delle nascite.

Ti do ragione quando dici che informazioni così chiare in merito al problema alieno
siano rarissime, sarebbe bene tradurre questo blog e le opere principali di malanga in
altre lingue, almeno in inglese.
Non so se dalle altre parti del mondo esistono persone che hanno queste informazioni.
Qualcuno ne sa qualcosa?

18 gennaio 2011 00:24

Barabba ha detto...

Ho letto molto, cercato..ma non mi è mai capitato di aver letto queste informazioni.
Neanche da un uomo come David Icke che ha scritto tomi sul problema alieno anche
forse esagerando.
Per chi non la avesse vista posso consigliare la lunga intervsta a Credo Mutwa che a
mio avviso da molti spunti di riflessione.
http://www.youtube.com/watch?v=MIpbOWGTNTs

18 gennaio 2011 11:42

Vivekavatar ha detto...

Il video che hai linkato (ti ringrazio moltissimo per la condivisione) è un ulteriore
prova, i miti di tutte le culture dicono pressochè le stesse cose, la descrizione che
fanno gli addotti degli alieni in tutto il mondo coincidono.
Sono cose che all'inizio sono difficili da credere, soprattutto a fronte dei nostri
condizionamenti mentali e sociali, ma le consclusioni sono ormai scontate.

Sarebbe interessante approfondire la storia dei primi tempi dell'uomo, quando fu


creato o ibridato dagli alieni. E' una storia che mi interessa molto, tra l'altro quello
raccontato da Mutwa collima moltissimo con le teorie di Sitchin.

Se qualcuno ha ulteriori informazioni o materiale da condividere io sarò contentissimo


di guardare/leggere.

19 gennaio 2011 23:40

Barabba ha detto...

Si coincidono con Sitchin. David Icke grazie a questa intervista a Credo Mutwa ci ha
dato ancora una mole di informazioni spaventosa.

Vi posso dare questo altro link che si trova sul mio canale youtube, l'ennesimo dato
che me ne chiudono unon dopo l'altro:

http://www.youtube.com/user/IOSONOBARABBA#p/u/17/fGkzWNHon8g
Una vecchia è inquetante intervista a Alex Collier del 1994. Troverete poi dell'altro su
Collier nel mio canale, sopratutto la sua ultima conferenza

27 gennaio 2011 15:49

Anonimo ha detto...

Malanga invita a diffidare di David Icke,che a suo parere è legato ad una fazione
massonica,la quale ha fornito all'inglese tutti quei libri e testi segreti in cui è riuscito a
trovare informazioni che poi ha reso pubbliche nei suoi libri allo scopo di ottenere un
preciso risultato.
E' molto probabile che Icke sia parassitato dai lux.In uno dei suoi libri si "tradisce"
affermando di aver ricevuto in una stanza d'albergo la visita di un essere luminoso che
gli ha conferito l'incarico di scrivere dei libri e di screditare esclusivamente la razza
serpente,che è nemica dei lux.
Inoltre,dopo aver criticato pesantemente il sistema economico finanziario ed essersi
erto a paladino nella lotta al sistema signoraggio,si viene a sapere che per le sue
conferenze percepisce decine di migliaia di euro per una manciata di minuti.
Anche Alex Collier non è risparmiato da Malanga,il quale,in buona sostanza,vede nella
maggior parte dei contattisti e nel fenomeno del contattismo e nei movimenti new age
o pseudo new age dei tentativi di dirottare l'attenzione pubblica altrove con la
collaborazione di persone che non a caso hanno anche un passato nei servizi segreti.
Quindi,io procederei con i piedi di piombo riguardo certi argomenti.La stessa questione
degli avatar,al momento,è un campo minato.Meglio predicare prudenza come fa
Malanga,fidandoci solo di risultati accertati e conclamati e concentrarci sugli eventi
dell'immediato futuro che interessano quelli con e senza anima.

31 gennaio 2011 14:32

davide.tapion ha detto...

Ognuno faccia pure le sue considerazioni, ma sinceramente non me ne frega nulla dei
pareri di Malanga. Tra l'altro non mi pare che siano neppure prudenti visto che critica
tutti a parte lui stesso... ci vedo qualcosa di strano in questo. Non bisogna considerare
i pareri altrui come verita' assolute, ma per pareri.
Qui mi sono limitato a proporre la trascrizione di una visualizzazione, in cui vengono
anche riportate delle risposte sugli avatar, e su Cristo in particolare, poi ognuno puo'
farne cosa preferisce di questo documento.
Una delle tante verita' si ottiene unendo tante testimonianze e dando ad ognuna il
peso opportuno.
Personalmente ritengo che in questa ipnosi sia stato dato un peso eccessivo a Cristo,
essendo che a tradurre gli archetipi di anima/spirito e' la mente di un contenitore
gnostico/cataro.
Tuttavia come ho scritto, la questione avatar e' da prendere in considerazione.
31 gennaio 2011 19:52

Anonimo ha detto...

io però non capisco una cosa: Malanga è stato in grado di far venire fuori la verità e ha
dato il cuore per questo. detto questo sono dispiaciuto per il trattamento riservato a
Fererico Bellini che sta impegnandosi nel percorrere la sua via personale.
tu, che sei sopra le parti, aiutami a capire questi screzi che a questo punto mi lasciano
veramente PERPLESSO
ciao

01 febbraio 2011 16:41

davide.tapion ha detto...

Malanga sta divulgando la sua verita', o meglio quella che vuole divulgare. Quegli altri
che espongono la loro verita', a lui sgradita, spera di farli tacere sparando pareri senza
alcun fondamento solo per denigrarli. Forse da Fererico Bellini (e non solo) sta
emergendo una verita' scomoda per Malanga? Forse Malanga teme che venga fuori
che non ha detto proprio tutta la verita'?

02 febbraio 2011 14:42

Anonimo ha detto...

ciao davide, complimenti prima di tutto per questo blog...come chi si imbatte per la
prima volta in certe argomentazioni, la prima piccola domanda che mi sorge
spontanea è riguardo al rapporto anima/mente/spirito/contenitore....
io sono solo un contenitore dentro cui operano le altre 3?(questo nell'utopistica
condizione priva di interferenze ecc)...
l'io di questa vita...o l'io contenitore, con tutto il suo bagaglio di esperienze, affetti,
ricordi...le persone che ho conosciuto, cari scomparsi...tutto termina alla fine di questo
percorso?...quando hai tempo, se puoi, potresti chiarirmi questa "situazione"?
grazie

16 febbraio 2011 16:08

davide.tapion ha detto...

Innanzitutto grazie per i complimenti. Secondo la mia interpretazione, in questi termini


il nostro IO e' l'unione di Anima, Spirito e mente.
Colgo pero' l'occasione per precisare che Spirito e' un'entita' a piu' livelli, come se
fosse un albero con i vari rami. I rami sono gli spiriti materiali, ovvero lo Spirito che si
forma alla nascita di ogni essere vivente, e che si evolve attraverso la propria
esperienza nel corpo materiale, quindi immagazzina tutte le esperienze e ricordi di cui
parlavi nella domanda. Questi spiriti, si uniscono man mano che il ciclo di
reincarnazioni spirituali avanza, formando lo Spirito Ordinario. In questa
rappresentazione nel tronco dell'albero potremmo inoltre collocare il Super-Spirito che
e' uno Spirito antico che si e' evoluto fuori dai canoni ordinari.
Per distinguere Spirito Ordinario da Super-Spirito faccio un esempio: il nostro primo
contenitore di Spirito Ordinario potrebbe essere un animale (mi e' capitato che mi
dicessero un uccello, una lucertola, una scimmia-ominide). Il contenitore da cui ha
avuto origine il Super-Spirito e' invece tipicamente un gigante Uomo Primo (il cui corpo
e' poi terminato). Non mancano pero' i Super-Spiriti derivanti da alieni della fazione
non ostile: a questo proposito pubblichero' del materiale non appena avro' basi piu'
solide.
Tutto questo insieme e' Spirito!

16 febbraio 2011 20:00

davide.tapion ha detto...

Inoltre visto che alcuni ricercatori sostengono il contrario, voglio precisare che
secondo me e' possibile eccome comunicare con Spirito nelle visualizzazioni guidate (e
sara' la chiave di svolta in questo contesto!), sia direttamente (isolando Spirito o
Super-Spirito), che indirettamente come in questa trascrizione, dove hanno interagito
sia Anima che Spirito, visto il tipo di linguaggio utilizzato in alcune parti. Tra l'altro un
linguaggio comune anche a molti altri dialoghi con Spirito (alcuni dei quali li
pubblichero' a partire dal mese prossimo) avuti utilizzando una tecnica di
visualizzazione guidata che sto elaborando.

16 febbraio 2011 20:11