Sei sulla pagina 1di 4

l criterio della massima distorsione (in campo tecnico chiamato comunemente

criterio di von Mises, anche se la radice è incerta) è un criterio di resistenza


relativo a materiali duttili (è quindi un criterio di snervamento), isotropi, con
uguale resistenza a trazione e a compressione.

Nello spazio tridimensionale delle tensioni principali {\displaystyle (\sigma


_{I},\sigma _{II},\sigma _{III})}(\sigma_{I},\sigma_{II},\sigma_{III}), tale
dominio corrisponde ad un cilindro a sezione circolare con asse posto nella
trisettrice dell'ottante positivo. Questo cilindro circoscrive il prisma retto a
base esagonale associato al criterio del massimo sforzo tangenziale.

Il criterio di von Mises assume che lo snervamento del materiale venga raggiunto
quando l'energia di distorsione raggiunge un valore limite, dove la distorsione è
la componente della deformazione che provoca una variazione nella forma, ma non nel
volume, di un elemento di volume.

{\displaystyle \sigma _{id,VM}={\sqrt {\sigma _{x}^{2}-\sigma _{x}\sigma _{y}


+\sigma _{y}^{2}+3\tau _{xy}^{2}}}}{\displaystyle \sigma _{id,VM}={\sqrt {\sigma
_{x}^{2}-\sigma _{x}\sigma _{y}+\sigma _{y}^{2}+3\tau _{xy}^{2}}}}

Il criterio può essere attribuito originariamente a Maxwell (1856), che lo propose


sulla base di considerazioni puramente matematico-formali.

In un contesto più propriamente meccanico, il criterio è stato successivamente


proposto da Richard von Mises (1913) e, pressoché indipendentemente e in base a
considerazioni diverse, anche da Huber (1904) ed Hencky (1924). A tali autori il
criterio è oggi più comunemente riferito.

Indice
1 Formalizzazione del criterio
2 Ellisse di Von Mises
3 Altre interpretazioni del criterio di von Mises
4 Bibliografia
5 Voci correlate
6 Altri progetti
Formalizzazione del criterio
Alcune definizioni:

Parte deviatorica della deformazione e della tensione


{\displaystyle {\boldsymbol {\varepsilon }}^{dev}={\boldsymbol {\varepsilon }}-
{\bar {\varepsilon }}\,{\boldsymbol {\delta }}\;\;,\;\;{\boldsymbol
{\sigma }}^{dev}={\boldsymbol {\sigma }}-{\bar {\sigma }}\,{\boldsymbol
{\delta }}\;\;,\;\;{\boldsymbol
{\delta }}\;}\boldsymbol{\varepsilon}^{dev}=\boldsymbol{\varepsilon}-
\bar{\varepsilon} \,\boldsymbol{\delta}
\;\;,\;\;
\boldsymbol{\sigma}^{dev}=\boldsymbol{\sigma}- \bar{\sigma}
\,\boldsymbol{\delta}\;\;,\;\;
\boldsymbol{\delta}\;: tensore identità
{\displaystyle {\bar {\varepsilon }}={\frac {1}{3}}{\mbox{tr}}\left({\boldsymbol
{\varepsilon }}\right)={\frac {1}{3}}(\varepsilon _{11}+\varepsilon
_{22}+\varepsilon _{33})\;\;,\;\;{\bar {\sigma }}={\frac {1}{3}}{\mbox{tr}}{\bigl
(}{\boldsymbol {\sigma }}{\bigr )}={\frac {1}{3}}(\sigma _{11}+\sigma _{22}+\sigma
_{33})}
\bar{\varepsilon}=\frac{1}
{3}\mbox{tr}\left(\boldsymbol{\varepsilon}\right)=\frac{1}{3}
(\varepsilon_{11}+\varepsilon_{22}+\varepsilon_{33})
\;\;,\;\;
\bar{\sigma}=\frac{1}{3}\mbox{tr}\bigl(\boldsymbol{\sigma}\bigr)=\frac{1}{3}
(\sigma_{11}+\sigma_{22}+\sigma_{33})
La parte deviatorica della deformazione è associata ad una variazione di forma del
corpo ma non di volume: corrisponde all'aliquota distorcente della deformazione.
Relazioni costitutive di materiali elastico-lineari e isotropi in termini dei
coefficienti {\displaystyle (\lambda ,\mu \!)}(\lambda,\mu\!) di Lamé
{\displaystyle {\boldsymbol {\sigma }}=\lambda \,{\mbox{tr}}\left({\boldsymbol
{\varepsilon }}\right)\,{\boldsymbol {\delta }}+2\mu \,{\boldsymbol
{\varepsilon }}}
\boldsymbol{\sigma}= \lambda \,\mbox{tr}\left( \boldsymbol{\varepsilon}
\right)\,\boldsymbol{\delta}+2\mu \,\boldsymbol{\varepsilon}
{\displaystyle {\boldsymbol {\sigma }}^{dev}=2\mu \,{\boldsymbol
{\varepsilon }}^{dev}\;\;,\;\;{\bar {\sigma }}=(3\lambda +2\mu )\,{\bar
{\varepsilon }}}
\boldsymbol{\sigma}^{dev}= 2\mu
\,\boldsymbol{\varepsilon}^{dev}\;\;,\;\;\bar{\sigma}=(3
\lambda+2\mu)\,\bar{\varepsilon}
Densità di energia di deformazione per materiali elastico-lineari e isotropi
{\displaystyle \Phi ={\frac {1}{2}}\,{\boldsymbol {\sigma }}\cdot {\boldsymbol
{\varepsilon }}={\frac {1}{2}}\,\left({\frac {{\boldsymbol {\sigma }}^{dev}\cdot
{\boldsymbol {\sigma }}^{dev}}{2\mu }}+{\frac {{\bar {\sigma }}^{2}}{3\lambda +2\mu
}}\right)}
\Phi =\frac{1}{2}\,\boldsymbol{\sigma}\cdot\boldsymbol{\varepsilon}
=\frac{1}{2} \,
\left(\frac{\boldsymbol{\sigma}^{dev}\cdot\boldsymbol{\sigma}^{dev}}{2\mu}
+\frac{\bar{\sigma}^2}{3\lambda+2\mu} \right)
Aliquota distorcente della densità di energia di deformazione per materiali
elastico-lineari e isotropi
{\displaystyle \Phi ^{dev}={\frac {1}{4\mu }}\,{\boldsymbol {\sigma }}^{dev}\cdot
{\boldsymbol {\sigma }}^{dev}={\frac {1}{4\mu }}\,\left({\boldsymbol
{\sigma }}\cdot {\boldsymbol {\sigma }}-3{\bar {\sigma }}^{2}\right)}
\Phi^{dev}=\frac{1}{4\mu} \,
\boldsymbol{\sigma}^{dev}\cdot\boldsymbol{\sigma}^{dev}
=\frac{1}{4\mu} \,\left( \boldsymbol{\sigma}\cdot\boldsymbol{\sigma}- 3
\bar{\sigma}^2\right)
In termini delle generiche componenti {\displaystyle \sigma _{ij}}\sigma_{ij} del
tensore delle tensioni:
{\displaystyle \Phi ^{dev}={\frac {1}{4\mu }}\,\left({\frac {1}{3}}(\sigma
_{11}-\sigma _{22})^{2}+{\frac {1}{3}}(\sigma _{11}-\sigma _{33})^{2}+{\frac {1}
{3}}(\sigma _{22}-\sigma _{33})^{2}+2(\sigma _{12}^{2}+\sigma _{13}^{2}+\sigma
_{23}^{2})\right)}
\Phi^{dev}=\frac{1}{4 \mu}\,\left(
\frac{1}{3} (\sigma_{11}-\sigma_{22})^2+\frac{1}{3}
(\sigma_{11}-\sigma_{33})^2+\frac{1}{3}(\sigma_{22}-\sigma_{33})^2 + 2
(\sigma_{12}^2+\sigma_{13}^2+\sigma_{23}^2)
\right)
In termini delle tensioni principali:
{\displaystyle \Phi ^{dev}={\frac {1}{12\mu }}\,\left((\sigma _{I}-\sigma
_{II})^{2}+(\sigma _{I}-\sigma _{III})^{2}+(\sigma _{II}-\sigma _{III})^{2}\right)}
\Phi^{dev}=\frac{1}{12 \mu}\,\left(
(\sigma_{I}-\sigma_{II})^2+(\sigma_{I}-\sigma_{III})^2+
(\sigma_{II}-\sigma_{III})^2
\right)
Ellisse di Von Mises
Secondo il criterio di von Mises, la superficie limite del dominio elastico è
definita dalla condizione

{\displaystyle \Phi ^{dev}={\frac {1}{4\mu }}\,\left({\boldsymbol {\sigma }}\cdot


{\boldsymbol {\sigma }}-3{\bar {\sigma }}^{2}\right)=k^{lim}}\Phi^{dev}
=\frac{1}{4 \mu}\,\left( \boldsymbol{\sigma}\cdot\boldsymbol{\sigma}-3
\bar{\sigma}^2 \right)=k^{lim}
che particolarizzata al caso limite di tensioni monoassiale ({\displaystyle \sigma
_{y}}\sigma_y è la tensione di snervamento)

{\displaystyle \Phi ^{dev}={\frac {1}{6\mu }}\,\sigma _{y}^{2}=k^{lim}}


{\displaystyle \Phi ^{dev}={\frac {1}{6\mu }}\,\sigma _{y}^{2}=k^{lim}}
permette di tarare il parametro {\displaystyle k^{lim}}k^{lim} e di completare la
costruzione del dominio elastico. Sulla base del criterio di von Mises, la
condizione di snervamento può essere rappresentata mediante la

{\displaystyle f({\boldsymbol {\sigma }})={\frac {3}{2}}\,{\bigl (}{\boldsymbol


{\sigma }}\cdot {\boldsymbol {\sigma }}-3{\bar {\sigma }}^{2}{\bigr )}-\sigma
_{y}^{2}=0}
f(\boldsymbol{\sigma})=\frac{3}{2}\,\bigl(
\boldsymbol{\sigma}\cdot\boldsymbol{\sigma}-3 \bar{\sigma}^2 \bigr)-\sigma_y^2=0
espressa in componenti generiche dalla

{\displaystyle f(\sigma _{ij})={\frac {1}{2}}(\sigma _{11}-\sigma _{22})^{2}+{\frac


{1}{2}}(\sigma _{11}-\sigma _{33})^{2}+{\frac {1}{2}}(\sigma _{22}-\sigma
_{33})^{2}+3(\sigma _{12}^{2}+\sigma _{13}^{2}+\sigma _{23}^{2})-\sigma _{y}^{2}=0}
f(\sigma_{ij})=
\frac{1}{2} (\sigma_{11}-\sigma_{22})^2+\frac{1}{2}
(\sigma_{11}-\sigma_{33})^2+\frac{1}{2}(\sigma_{22}-\sigma_{33})^2 + 3
(\sigma_{12}^2+\sigma_{13}^2+\sigma_{23}^2)
-\sigma_y^2=0
ed in termini delle tensioni principali dalla

{\displaystyle f(\sigma _{I},\sigma _{II},\sigma _{III})={\frac {1}{2}}(\sigma


_{I}-\sigma _{II})^{2}+{\frac {1}{2}}(\sigma _{I}-\sigma _{III})^{2}+{\frac {1}{2}}
(\sigma _{II}-\sigma _{III})^{2}-\sigma _{y}^{2}=0}
f(\sigma_{I},\sigma_{II},\sigma_{III})
= \frac{1}{2} (\sigma_{I}-\sigma_{II})^2+\frac{1}{2}
(\sigma_{I}-\sigma_{III})^2+\frac{1}{2}(\sigma_{II}-\sigma_{III})^2
-\sigma_y^2=0
Nello spazio tridimensionale delle tensioni principali {\displaystyle (\sigma
_{I},\sigma _{II},\sigma _{III})}(\sigma_{I},\sigma_{II},\sigma_{III}), tale
dominio corrisponde ad un cilindro a sezione circolare con asse posto nella
bisettrice dell'ottante positivo. Tale cilindro circoscrive il prisma retto a base
esagonale associato al criterio di Tresca.

L'intersezione del dominio di von Mises con il piano {\displaystyle \sigma


_{III}=0}\sigma_{III}=0 descrive una curva di ellisse con centro nell'origine degli
assi {\displaystyle (\sigma _{I},\sigma _{II})}(\sigma_{I},\sigma_{II})

{\displaystyle f(\sigma _{I},\sigma _{II},\sigma _{III}=0)=\sigma _{I}^{2}+\sigma


_{II}^{2}-\sigma _{I}\,\sigma _{II}-\sigma _{y}^{2}=0}
f(\sigma_{I},\sigma_{II},\sigma_{III}=0)
= \sigma_{I}^2+\sigma_{II}^2-\sigma_{I}\,\sigma_{II} -\sigma_y^2=0
Tale ellisse circoscrive l'analoga rappresentazione del dominio elastico associato
al criterio di Tresca (un poligono esagonale). Ne deriva che il criterio di Tresca
risulta più restrittivo. Tuttavia gli scarti non sono eccessivi ed entrambi i
criteri, e specialmente il criterio di von Mises, forniscono risultati che hanno un
ottimo accordo con i risultati sperimentali. La maggiore semplicità di
rappresentazione del dominio elastico fornito dal criterio di von Mises ne
favorisce il suo maggiore uso nella pratica, soprattutto in contesti computazionali
di analisi.
Rappresentazione del criterio di von Mises nello spazio 3D delle tensioni
principali

Rappresentazione del criterio di von Mises nel piano (σI, σII) delle tensioni
principali
Altre interpretazioni del criterio di von Mises
La interpretazione data del criterio di von Mises, come massimo dell'energia
deviatorica, non è l'unica possibile: il criterio può avere interpretazioni
diverse, ma equivalenti, nel senso che conducono alle stesse relazioni formali
prima riportate. In particolare: la condizione di snervamento è raggiunta quando il
secondo invariante {\displaystyle \ J_{2}}\ J_2 della parte deviatorica del tensore
delle tensioni

{\displaystyle J_{2}({\boldsymbol {\sigma }}^{dev})\equiv {\frac {1}


{2}}\left(tr({\boldsymbol {\sigma }}^{dev}{\boldsymbol {\sigma }}^{dev})-(tr\,
{\boldsymbol {\sigma }}^{dev})^{2}\right)={\frac {1}{2}}\left(tr({\boldsymbol
{\sigma }}^{dev}{\boldsymbol {\sigma }}^{dev})\right)}
J_2(\boldsymbol{\sigma}^{dev}) \equiv \frac{1}{2}
\left( tr(\boldsymbol{\sigma}^{dev}\boldsymbol{\sigma}^{dev}) -(tr
\,\boldsymbol{\sigma}^{dev})^2\right) = \frac{1}{2}
\left( tr(\boldsymbol{\sigma}^{dev}\boldsymbol{\sigma}^{dev}) \right)
raggiunge un valore limite

{\displaystyle \ f(J_{2})=J_{2}-k^{2}=0}\ f(J_2) = J_2 - k^2 = 0


Questa interpretazione è possibile in vista della relazione esistente tra
{\displaystyle \ J_{2}}\ J_2 e la densità di energia di distorsione
{\displaystyle \ \Phi ^{dev}}\
\Phi^{dev}:

{\displaystyle \ \Phi ^{dev}={\frac {J_{2}}{2\mu }}}\


\Phi^{dev} = \frac{J_2}{2\mu}
In questa accezione, lo sviluppo della teoria incrementale della plasticità sulla
base della condizione di snervamento fornita dal criterio di von Mises è spesso
riferito come {\displaystyle \ J_{2}}\ J_2-plasticità o {\displaystyle \ J_{2}}\
J_2- flow theory.

Il criterio di von Mises è anche noto come della massima tensione tangenziale
ottaedrale, in quanto la relativa condizione di snervamento può essere interpretata
come raggiungimento di un valore limite della tensione tangenziale ottaedrale
{\displaystyle \ \tau _{oct}}\ \tau_{oct}, cioè la componente tangenziale della
tensione sul piano ottaedrale, piano equiorientato rispetto alle tre direzioni
principali. Tale interpretazione è possibile in vista della relazione esistente tra
questa grandezza {\displaystyle \ \tau _{oct}}\ \tau_{oct} e l'invariante
{\displaystyle \ J_{2}}\ J_2

{\displaystyle \tau _{oct}={\sqrt {{\frac {2}{3}}J_{2}}}}\tau_{oct} =


\sqrt{\frac{2}{3}J_2}