Sei sulla pagina 1di 2

CELLULITE_ CENTELLA (tint.+ e.t.

) – ANANAS- FUCUS

Bentornati ai nostri appuntamenti col benessere naturale.

Oggi parliamo di un vero e proprio incubo per moltissime donne, e parleremo della cellulite, di che cos’è, di
quali sono le cause che la provocano e di come possiamo combatterla.

Il termine cellulite viene usato per descrivere un’alterazione del tessuto sottocutaneo che interessa
soprattutto le donne e causa sintomi come tensione e pesantezza nelle aree interessate e fragilità della
cute che si può mettere in evidenza comprimendola o pizzicandola. In altre parole, quindi la cellulite è un
accumulo di tessuto adiposo eccessivo nello strato sottocutaneo che causa la comparsa di fossette
irregolari, ossia la cosiddetta pelle a buccia d’arancia e colpisce soprattutto fianchi, glutei, gambe,
ginocchia, addome e in casi più rari anche le braccia, e si verifica soprattutto nelle donne.

La cellulite può essere classificata in 4 stadi:

stadio 0: si ha quando la cute a livello di cosce e glutei è liscia mentre si è in piedi o sdraiati. Pizzicando la
cute, questa si piega o si solca ma non diventa a buccia d’arancia, né si deforma. Questo è lo stadio normale
della cute.

Stadio 1: si ha quando la cute è liscia mentre si è in piedi o sdraiati, ma pizzicandola si verifica il fenomeno
della buccia d’arancia; questo stadio è presente – purtroppo- in molte donne.

Stadio 2: la cute è liscia se si è sdraiati, ma quando ci si mette in piedi questa diventa a buccia d’arancia,
cioè sporgente e deformata con le tipiche fossette irregolari. Questo stadio è comune in donne di età tra i
30 e 40 anni, più generalmente obese ma è comune anche nelle donne di corporatura magra.

Stadio 3: in questo stadio il famoso fenomeno del materasso, cioè la pelle sporgente con affossamenti e
gonfiori ben visibili ad occhio nudo, è presente sia in piedi che da seduti o sdraiati. In questo caso la cellulite
viene detta a materasso proprio a causa di questo aspetto deforme e che rende la zona interessata dura,
dolorosa e fredda.

Ma che cos’è che causa la comparsa della cellulite?

Dunque, le cause che provocano la comparsa della cellulite sono varie come ad esempio, alterazioni
ormonali, vascolari (cioè di capillari), del sistema linfatico, una ritenzione idrica molto accentuata, oppure
cattiva alimentazione, sedentarietà, e anche fattori genetici e obesità. Ma non solo: la cellulite, può essere
anche presente in soggetti che praticano sport e che sono molto attenti alla dieta e ad uno stile di vita sano
e corretto in generale, e questo può esser dovuto ad una scarsa circolazione sanguigna, del drenaggio
linfatico o all’azione degli estrogeni, che sono gli ormoni femminili.

Possiamo dire che la cellulite non è solo un’alterazione della cute, ma è anche un vero e proprio
inestetismo che molto spesso causa grande disagio e imbarazzo alle donne, specie quando ci si deve
mettere in costume al mare o in piscina.

Per combattere quindi questa alterazione che ci provoca tanto fastidio, esistono delle erbe come la centella
asiatica, il fucus e l’ananas che hanno effetti comprovati nel trattamento della cellulite.

L’estratto di centella ha dato dei risultati clinici impressionanti nel trattamento della cellulite,
dell’insufficienza venosa degli arti inferiori e delle varici. L’assunzione della pianta ha infatti dimostrato la
capacità di preservare la struttura e la tonicità delle pareti vasali, favorendo così la corretta circolazione
periferica. Questo effetto porta una riduzione dell’indurimento della cute, contrastando quindi gli
inestetismi della cellulite, mentre l’azione sull’insufficienza venosa e sulle varici è data da una combinazione
degli effetti sul connettivo e della capacità di migliorare il flusso sanguigno. Questi studi hanno dimostrato
che gli estratti della pianta agiscono sulla sensazione di pesantezza alle gambe diminuendola, grazie alla
capacità della centella di stimolare la sintesi di collagene a livello delle pareti delle vene.

Il fucus, è un’alga utilizzata fin dal 17° secolo nel trattamento dell’obesità: si ritiene infatti che il suo alto
contenuto di iodina stimoli la funzione della tiroide, quindi del metabolismo, favorendo l’equilibrio del peso
corporeo e stimolando il metabolismo dei lipidi. Un’altra applicazione del fucus è nel trattamento della
cellulite grazie agli effetti ammorbidenti, tonificanti e leviganti utili a contrastare la pelle a buccia d’arancia.
Il fucus, noto anche come quercia marina, è ricco di sostanze come vitamine (soprattutto B1, C ed E),
polifenoli, tannini, mucopolisaccaridi, pigmenti vegetali e Sali minerali, tra cui, come detto prima, spicca lo
iodio, e poi il bromo, potassio, sodio, magnesio e ferro. Grazie alla presenza di queste sostanze, è perciò un
ottimo starter nelle diete per ridurre il sovrappeso, e risulta un ottimo alleato per un metabolismo lento e
per la stitichezza in quanto ha anche un’azione lassativa.

Infine, l’ananas, uno dei frutti tropicali più conosciuti al mondo, è particolarmente ricco di Sali minerali
(come potassio e manganese) e vitamine (tra cui Vitamina A, vitamina C, complesso B e carotenoidi). Il
gambo inoltre, che è la parte più utilizzata in fitoterapia, contiene il componente più importante e che è la
bromelina, che dà al frutto un’azione decongestionante, migliora la circolazione e stimola il drenaggio dei
liquidi corporei e delle infiammazioni localizzate dei tessuti molli in presenza di cellulite. Questa infatti,
come già detto prima è un’alterazione o meglio ancora un’infiammazione del sistema linfatico e
circolatorio, e per queste caratteristiche che abbiamo appena detto, l’impiego dell’ananas risulta utile per
contrastare gli inestetismi della cellulite e la sensazione di pesantezza alle gambe.

Spero questo video sia stato utile e ci vediamo presto con altre proposte per il benessere naturale.

Potrebbero piacerti anche