Sei sulla pagina 1di 5

DIRITTO PRIVATO (recuperare tutti gli appunti)

Sospensione*

- Tra il creditore e il debitore sono in essere dei particolari rapporti che giustificano il fatto
che il creditore non eserciti il proprio diritto (richiedere di saldare il debito).
Es. debito nei confronti del o della coniuge (che può tornare in atto in qualsiasi momento,
entro 10 anni, per esempio se vi sarà un divorzio.

- La particolare condizione del titolare del diritto (es. creditore) 2 casi: il soggetto titolare è un
minore o un interdetto; nel caso dei soldati in missione si sospende il decorso della
prescrizione.

 La prescrizione presuntiva  il decorso di un certo periodo di tempo fa presumere le


cose (che il credito sia stato pagato) si spiega tenendo conto che il suo meccanismo si
applica per particolari tipi di credito correlati a prestazioni che in genere vengono
pagate subito (in genere si applicano a crediti verso ristoratori, albergatori, dipendenti
pagati mensilmente) in modo da evitare condotte abusive.

La Decadenza

Distinzione con la prescrizioni estintiva : decorso un determinato periodo di tempo senza


esercitare un determinato diritto io decado dalla conservazione di quel diritto, la prescrizione
è generale, la decadenza si applica solo nei casi in cui la legge prevede che un diritto sia
soggetto a prescrizione e a decadenza, condizionata da la mancata esecuzione di determinata
attività in tempi brevi.
Es. caso di garanzia dei vizi della cosa venduta
Io compro un bene e questo non funziona (viziato) e quindi avrò diritto o a sciogliere il
contratto o ad una riduzione del prezzo (questo diritto è soggetto ad un termine, la
denunzia del vizio deve avvenire entro 8 giorni dalla scoperta del vizio).
L’esigenza di esercitare il diritto in tempi rapidi non permette l’applicazione della
sospensione.

I FATTI GIURIDICI

Le situazioni giuridiche soggettive non derivano direttamente dalla legge, ma è la legge che
ricollega ad un fatto umano o naturale il prodursi di effetti giuridici.
La nascita, l’accordo, il mutamento naturale del corso di un fiume producono effetti giuridici,
in quanto è la legge che li determina.
Es. nascita (fatto naturale) è correlata con l’acquisizione di essere un soggetto di diritto.
Es. accordo (fatto umano) che può portare alla nascita di un diritto di proprietà .
Il fiume continua a segnare il confine anche se cambia il suo percorso.

TIPOLOGIE:

- Fatto Naturale: che prescinde da un’attività consapevole dell’uomo e dal suo stato
soggettivo
- Fatto Umano: atti posti in essere da un soggetto di diritto (atti leciti  contratto,
matrimonio, testamento, negozi unilaterali: l’atto di autonomia, basato sulla volontà ;
atti illeciti  in violazione di una regola di diritto e genera responsabilità ) entrambi
producono effetti giuridici:
Atti leciti  effetti giuridici che siano conformi alla volontà dichiarata con quegli atti ;
gli effetti giuridici del contratto sono stabilite dalle parti, per il matrimonio la maggior
parte degli effetti sono vincolati dalla legge.
Atti illeciti  cagionano un danno ad altri,; illecito può essere di tipo contrattuale, dove
l’obblio di risarcire il danno può derivare anche dall’inadempimento di un’obbligazione
contrattuale.

I SOGGETTI: LA PERSONA FISICA

Il soggetto come titolare di diritti e di obblighi


Il soggetto che può compiere validi atti di autonomia (atti di volontà giuridicamente rilevanti)
Possono esistere soggetti che sono titolari di diritti e non possono compiere atti giuridici
(distinzione tra capacità giuridica e la capacità d’agire)
Capacità giuridica: tutti l’acquisiscono alla nascita (la legge talora determina la possibilità che
il concepito possa essere titolare di diritto  destinatario di una donazione; tenuto in conto in
una disposizione testamentaria |eredità al concepito vs eredità alla nascita)

La cessazione della capacità giuridica: la morte estingue la capacità giuridica di un soggetto


- Scomparsa: mera situazione di fatto che legittima atti conservativi da parte di un
curatore (autorizzazione a compiere determinati atti urgenti)
- Assenza: dopo 2 anni da scomparsa (possibile apertura del testamento dell’assente e
possesso temporaneo dei beni da parte degli eredi che ne possono sfruttare i frutti;
questi non possono essere alienati)
- Morte presunta: dopo 10 anni da scomparsa (stesso effetto della morte)
 se ritorna e vedova risposata (vale primo matrimonio, oggi non ha la stessa
portata); per quanto riguarda i rapporti patrimoniali (i beni consumati, es. venduto
casa nulla accade, se i beni residuano in capo ai soggetti eredi il morto presunto ha
diritto ad essere reimmesso nella proprietà del possesso dei beni residui).

Lezione 5 21/02/17

La persona giuridica

 scopo che può essere perseguito:


- di lucro: le società , con diversa graduazione di autonomia dei patrimoni
- non di lucro: assicurazioni e fondazioni. Che godono o meno di autonomia in
dipendenza del riconoscimento: gli enti non profit (no ripartizione dei profitti)

Gli enti non profit:


Corporazioni ed istituzioni:
. Associazioni (riconosciute e non, pluralità di componenti che si associano per perseguire
scopi diversi) es. Sindacati
. Fondazioni e comitati (sempre riconosciute) dove conta il profilo patrimoniale che è
destinato ad un determinato scopo non lucrativo.  patrimonio vincolato alla realizzazione di
un determinato scopo, la componente associativa passa in secondo piano
Associazioni e fondazioni
Criteri distintivi:
- Le persone giocano un ruolo centrale nell’associazione mentre per la fondazione è il
patrimonio che gioca un ruolo primario e quindi il ruolo degli amministratori è il più
importante.
- La volontà degli associati è sempre modificabile
- Nella fondazione si pone una maggiore fedeltà alla manifestazione di autonomia del
fondatore.

L’associazione è composta da un’assemblea, cui sono demandate le scelte che fondano la vita
dell’ente (nomina amministratori, bilancio, ecc.) Amministratori (governo effettivo dell’ente)
però controllati dall’assemblea

La fondazione ha come unico organo gli amministratori, all’origine atto di fondazione dell’ente
e Atto di dotazione del patrimonio (vera donazione se persona vivente o disposizione
testamentaria)

I comitati: più persone (i promotori) si organizzano in comitato per la raccolta fondi da


destinare ad una futura iniziativa senza scopo di lucro: sollecitano oblazioni.
 All’origine fenomeno associativo
Una volta raccolti i fondi i promotori ovvero gli organizzatori li destinano alla finalità prevista:
fondi con vincolo di destinazione.
 se ottiene riconoscimento vi sarà autonomia patrimoniale perfetta
 se non ottiene rispondono tutti i componenti del comitato responsabili di eventuali
obbligazioni sottoscritte dal comitato.

La personalità giuridica
Si acquisisce con un atto di iscrizione se sono a scopo di lucro (sistema normativo)
Con autorizzazione se manca lo scopo di lucro (sistema concessorio)

Persona giuridica ed autonomia patrimoniale


 lo scopo principale della creazione di persone giuridiche è l’autonomia dei rapporti attivi e
passivi della persona giuridica che opera sul mercato dai rapporti attivi e passivi dei singoli
soggetti che si mettono insieme per perseguire un determinato scopo (completa separazione
tra patrimonio del comitato/fondazione e quello degli associati, componenti o promotori).
 con riconoscimento completa separatezza di patrimoni ed autonomia perfetta (controlli
garantiscono la capienza del patrimonio)
 senza riconoscimento no autonomia patrimoniale  art. 38 c.c. per cui gli associati sono
responsabili dei debiti dell’associazione se hanno agito in modo responsabile verso questi
debiti.

Personalità giuridica e soggettività giuridica


- la completa separazione dei patrimoni consegue al riconoscimento, che è atto
attributivo di personalità giuridica (ma innegabile
28/02/17

I DIRITTI REALI
Tipologie:
 Di godimento come:
- Di proprietà
- Diritti reali su cosa altrui (Diritto di Sequela)
 Di garanzia (pegno, ipoteca)

Caratteri:
 Assolutezza (opponibili erga omnes)
 Hanno ad oggetto l’utilizzo di una cosa
 Numerus clausus: non gravare la proprietà di pesi che ne comprimano il godimento
 Diritto di sequela: il peso segue la proprietà a prescindere da chi ne diviene il titolare
(es. diritto di passare attraverso un campo anche quando questo passa ad un'altra
proprietà ).

L’esistenza di diritti reali (solitamente sono a numero chiuso) implicano una limitazione del
diritto di proprietà

LA PROPRIETA’

“Il proprietario ha il diritto di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo,
entro i limiti e con l’osservanza degli obblighi stabiliti dall’ordinamento giuridico.”

Modello di proprietà individuale di beni ”fisici”

- Disposizione: facoltà di trasferimento del diritto


- Godimento: trarre utilità dalla cosa, anche con frutti
- Pienezza ed esclusività : salvo diversi obblighi previsti dalla legge e nei limiti degli atti
emulativi
- Conseguenza della pienezza: non può essere prescritto

Estensione della proprietà

 usque ad sidera et ad inferos (anche se vi sono limiti di sfruttamento del sottosuolo;


nei limiti del traffico aereo)
 limiti nei confronti orizzontali

LIMITI ALLA PROPRIETA’ (tra vicini)

 Divieto di immissioni: riguarda esternalità negative che danneggiano il diritto di


proprietà altrui (pianoforte nella notte, odori sgradevoli, ecc.); se superano la normale
tollerabilità questi possono mobilitarsi per impedirle, dopodiché il giudice deciderà
con discrezionalità , tenendo conto della priorità di determinati luoghi e azioni.
 Distanze tra costruzioni: 3 mt ma decisivo il criterio della prevenzione (se si costruisce
per primi lo si può fare anche sul confine, l’altro rispetterà i 3 mt o costruirà in
appoggio o in aderenza)
 Disciplina delle luci e delle vedute: luci possono essere costruite ovunque anche in
aderenza, le vedute devono invece tenere 1.5mt di distanza dal confine.
 Sanzioni per inosservanza: risarcimento del danno

LA COSTITUZIONE E LA PROPRIETA’ (limiti pubblicistici)

 Funzione sociale della proprietà : prima di costruire avrò bisogno di un’autorizzazione


- Funzionalizzazione della proprietà : norme su standard urbanistici e PRG.
- La concezione edilizia
- L’espropriazione (Cost. prevede possibilità di espropriare una proprietà privata salvo
indennizzo, ad es. per costruire strade, ponti, ecc.); indennizzo problema perché negli
anni 70’ venivano rilasciati indennizzi bassi, quasi a valore simbolico)

I modi di acquisto della proprietà

- A titolo derivativo: contratto e successione


- A titolo originario: occupazione, invenzione, accessione, usucapione (cosa nuova, ma
possono essere anche vecchie che dopo una determinata azione):
Occupazione
Presa di possesso di qualcosa che non è di nessuno e ne diverrò acquirente per occupazione;
una cosa non è di nessuno quando è stata abbandonata. Sono di nessuno anche gli animali di
caccia e di pesca.
Invenzione
Se le cose non sono abbandonate ma sono smarrite, acquisto per invenzione (pero prima
viene portata all’ufficio oggetti smarriti che provvederà alla pubblicizzazione, se dopo un anno
nessuno lo reclama il ritrovatore ne diverrà proprietà , se invece uno lo reclama dovrà dare
premio 10% al ritrovatore).
Accessione
Quando due beni appartenenti a diversi proprietari entrano in relazione e vanno a costituire
un unicum difficilmente separabile, in questo caso il proprietario del bene con valore
maggiore diviene proprietario di entrambi, salvo il diritto di essere reintegrato del valore
perso del soccombente.
 Cosa mobile: costruzione o piantagione che accede al suolo appartiene a proprietario del
suolo.
 Unione e commistione (due cose diverse mobili entrano in relazione)
 Specificazione (si mettono insieme forza lavoro e un bene, ne diverrà proprietario il
titolare del bene più importante)
Accessione invertita
Costruzione sconfinando per errore su suolo altrui: acquisto da parte del costruttore anche
del diritto sul suolo.